Una modernizzazione mancata? L IRI e i piani economici (dal dopoguerra al miracolo economico )

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una modernizzazione mancata? L IRI e i piani economici (dal dopoguerra al miracolo economico )"

Transcript

1 Storie in corso Workshop nazionale dottorandi in Storia contemporanea Napoli, febbraio 2006 Una modernizzazione mancata? L IRI e i piani economici (dal dopoguerra al miracolo economico ) Ferruccio Ricciardi Università degli studi di Milano/Ehess Paris La storiografia economica sull Italia contemporanea ha attinto a piene mani a figure retoriche che potremmo ascrivere alla categoria dell eccezionale. Ciò nell intento di descrivere la traiettoria di un capitalismo considerato eclettico, vale a dire difficilmente assimilabile agli altri capitalismi del mondo occidentale. Si è soliti parlare di approdo mancato, di slancio frenato, di compromesso straordinario, di nodi non sciolti, ecc. L idea di una occasione mancata si è via via imposta nelle analisi relative al modello italiano di sviluppo realizzatosi nel dopoguerra 1. Di qui il ricorso a termini speculari come miracolo e declino, che disegnano efficacemente la parabola di una configurazione economico-istituzionale in fibrillazione permanente 2. Se il periodo di crescita dei primi due decenni del dopoguerra ha rappresentato uno choc positivo, che oggi viene quasi esaltato, le difficoltà in cui versa ultimamente il nostro sistema economico hanno spinto gli storici e, più in generale, i commentatori e i ricercatori sociali verso una sorta di spirale della retorica del declino, quest ultima caratterizzata da un pessimismo acuto, in particolare per quanto riguarda le prospettive future dell apparato industriale nazionale 3. I dibattiti così come le iniziative editoriali consacrate a questo tema (il declino dell Italia industriale, ma non solo ) 4 non hanno fatto che rafforzare l interpretazione di un evoluzione malata del nostro capitalismo, secondo cui i problemi strutturali non sarebbero stati affrontati e i rimedi sarebbero stati appena abbozzati. Così, i difetti di oggi rinvierebbero a una lunga teoria di riforme mancate, che a loro volta avrebbero le proprie radici in uno sforzo di modernizzazione mai portato a termine 5. Si è così imposta la tesi di una specificità assoluta della modernizzazione italiana (e non solo in campo storiografico!), eludendo la questione del modello (economico, sociale, 1 Cfr. tra gli altri : F. Barca (a cura di), Storia del capitalismo italiano dal dopoguerra a oggi, Roma, Donzelli, 1997 ; F. Amatori, A. Colli, Impresa e industria in Italia dall Unità a oggi, Venezia, Marsilio, 1999 ; P. Bianchi, La rincorsa frenata. L industria italiana dall unità nazionale all unificazione europea, Bologna, Il Mulino, G. Nardozzi, Miracolo e declino. L Italia tra concorrenza e protezione, Roma-Bari, Laterza, G. Berta, Declino o metamorfosi dell industria italiana, in Il Mulino, n 1, 2004, pp L esempio più fortunato dal punto di vista editoriale è senza dubbio L. Gallino, La scomparsa dell Italia industriale, Torino, Einaudi, G. Toniolo, V. Visco (a cura di), Il declino economico dell Italia, Milano, Bruno Mondadori,

2 politico, e via dicendo) che, per opposizione, dovrebbe aiutarci a mettere in evidenza i caratteri costitutivi di questa specificità. E certamente il paradosso più acuto che attiene a questo paradigma eccezionalista, il quale non si è affatto sforzato di indicare i termini di una comparazione del tutto auspicabile 6. Soprattutto qualora si consideri il modo, a volte confuso, con cui gli storici italiani hanno utilizzato le nozioni di moderno, modernità e modernizzazione, mescolando per esempio la coscienza di un ritardo strutturale (in particolar modo dal punto di vista economico e tecnologico) rispetto agli altri paesi occidentali e il tentativo di interpretare ogni processo di cambiamento nell ottica del giudizio di valore, adottando così un punto di vista politico e morale, e dunque essenzialmente normativo 7. Questo tipo di contraddizioni, per esempio, le ritroviamo tutte nei dibattiti circa la natura (moderna o antimoderna?) del regime fascista, dibattiti che per lungo tempo hanno alimentato interpretazioni storiografiche divergenti 8. E grazie agli studi internazionali sulle società europee del dopoguerra che l alone di indeterminatezza attorno al concetto di modernizzazione è stato, almeno in parte, ridotto. E ciò è avvenuto focalizzando l attenzione su tutta una serie di tematiche (dal ruolo degli Statinazione alle forme d integrazione politico-economica a livello europeo, dall impatto del piano Marshall sui sistemi socioeconomici dei paesi beneficiari alle forme di governance politica delle singole realtà nazionali) che la rottura della seconda guerra mondiale, e la conseguente riconfigurazione degli assetti politici ed economici, avevano fatto emergere 9. Così, modernizzazione ha spesso e volentieri coinciso con americanizzazione (senza peraltro mettere in discussione, anzi, semmai rafforzandoli, alcuni caratteri giudicati fondativi della modernizzazione delle società occidentali: industrializzazione, democratizzazione, espansione dei consumi, ecc.) 10. Un binomio declinato in diverse coppie concettuali, che hanno a loro volta rappresentato dei punti di partenza per nuove piste di ricerca. Basti pensare a temi come il rapporto Stato/mercati nella formazione di economie miste ; il rapporto nazione/integrazione di fronte all emergere dei regionalismi europei; il ruolo e i limiti della potenza egemonica, gli Stati Uniti, nella definizione dell interdipendenza internazionale; il peso delle innovazioni (istituzionali, tecnologiche, culturali, ecc.) esportate dagli americani e le persistenze nazionali che ad esse si opponevano; le forme diverse di neocorporativismo e di conflitto sociale sviluppate in un contesto sociopolitico segnato, a vario titolo, dalle logiche della guerra fredda 11. Il tema della modernizzazione ne racchiude almeno un altro, che del primo è un po speculare. Si tratta del ruolo delle élites dirigenti che del processo di modernizzazione furono, più o meno consapevolmente, parte in causa. Nelle pagine che seguono si intende affrontare questa problematica da un angolatura particolare, esaminando cioè il ruolo e l azione delle élites non rappresentative 12, vale a dire delle tecnocrazie pubbliche 13. Di coloro, in altre 6 Si veda a questo proposito le considerazioni di F. Romero, L Europa come strumento di nation-building :storia e storici dell Italia repubblicana, in Passato e presente, XIII, 1995, n. 36, pp T. Mason, Moderno, modernità, modernizzazione : un montaggio, in Movimento operaio e socialista, X, 1987, n. 1-2, pp A. De Bernardi, Una dittatura moderna. Il fascismo come problema storico, Milano, Bruno Mondadori, Cfr. in generale gli studi che, a vario titolo, hanno trattato dell impatto del piano Marshall in Europa. Per una riflessione in chiave di storia comparata si rinvia a C.S. Maier, I fondamenti politici del dopoguerra, in Storia d Europa, Torino, Einaudi, 1993, vol. I, pp A. Martinelli, La modernizzazione, Roma-Bari, Laterza, Per una descrizione dei caratteri fondamentali veicolati dai processi di americanizzazione nel dopoguerra, ed essenzialmente legati all esperienza riformista del New Deal, si veda O. Zunz, Perché il secolo americano?, Bologna, Il Mulino, F. Romero, Il mito americano tra modellli di crescita economica e strategie politiche, in Passato e presente, IX, 1990, n. 33, pp Per questa concettualizzazione si veda il numero monografico Les élites de la République sur la sellette, in Esprit, ottobre 1997, n

3 parole, che, rivendicando la neutralità dell expertise tecnica, si ponevano a cavallo tra potere politico e potere economico 14, operando in quelle istituzioni pubbliche che, meglio di altre, consentivano l esercizio di una cultura tecnico-scientifica specializzata (in Italia gli enti parastatali e le imprese pubbliche). Fare la storia dei tecnici, in questo senso, significa tentare di ricostruire il profilo delle classi dirigenti alla luce dei meriti effettivi delle loro capacità riformatrici, rivalutando il ruolo del sapere (delle competenze, mutuando il linguaggio di questi esperti) nel processo di formazione della nazione 15. Quale fu, dunque, l azione di questi tecnici nell orientare i processi di riforma che interi settori della società italiana (dall economia all amministrazione pubblica) reclamavano all indomani della fine del secondo conflitto mondiale? In che misura essi riuscirono a vestire i panni di soggetti non più passivi della mediazione politica, assumendo così un ruolo positivo all interno della classe dirigente italiana? Come si combinarono le culture e le prassi amministrative ereditate dal periodo precedente la guerra con il nuovo dato politico internazionale (l egemonia statunitense, la guerra fredda, le spinte verso l integrazione europea, ecc.) emerso dopo il 1945? Quali furono i meccanismi di legittimazione a cui questi tecnici fecero ricorso per affermare la propria visione sui problemi che via via erano chiamati a risolvere? Sono tutti interrogativi che rinviano alla questione tutta gramsciana della funzione dirigente, ovvero della direzione politica del paese, che emerge nella sua centralità anche qualora ci si occupi di affari apparentemente neutri. Tali interrogativi saranno qui proiettati su un materiale storico peraltro limitato, che riguarda esclusivamente l attività dei tecnici dell Istituto per la Ricostruzione Industriale (IRI), il grande conglomerato pubblico nato durante il fascismo per sanare gli effetti disastrosi della crisi finanziaria degli anni trenta sul sistema creditizio e industriale nostrani, e divenuto poi attore economico-industriale di primo piano nonché think tank al servizio delle politiche industriali del paese. In particolare, l attenzione sarà indirizzata ai tentativi effettuati da questi tenici, nel periodo compreso tra il primo dopoguerra e le soglie del miracolo economico, di elaborare e mettere a punto delle politiche di sviluppo attraverso lo strumento del piano economico. Uno strumento di razionalizzazione dell intervento pubblico la cui matrice newdealistica, tra le tante possibili, pone il modello americano come uno degli orizzonti di comparazione a cui far riferimento. 1. Tra guerra e dopoguerra: i piani di ricostruzione economica e il paradigma della scarsità Dai piani autarchici ai piani di orientamento dell IRI A partire dalla seconda metà degli anni trenta, in Italia lo sforzo di mobilitazione di alcuni settori strategici si concretizzò nell elaborazione di diverse decine di piani economici articolati per singolo settore. Lungi dal voler raggiungere l obiettivo dell autosufficienza, il progetto autarchico del regime fascista mirava piuttosto a garantire il coordinamento 13 In questa sede si utilizzerà in maniera indifferenziata i termini tecnico, tecnocrate, manager, esperto per fare riferimento a coloro che, a diverso titolo, operavano in seno all IRI con funzioni dirigenziali o di expertise tecnica. 14 Cfr. per esempio V. Dubois, E. Dulong (a cura di), La question technocratique. De l invention d une figure aux transformations de l action publique, Strasburgo, Presses universitaires de Strasbourg, Cfr. M. Salvati, Gli Enti pubblici nel contesto dell Italia fascista. Appunti su storiografia e nuovi indirizzi di ricerca, in Le carte e la storia, 2002, n. 2, pp

4 intersettoriale delle iniziative, e ciò al fine di focalizzare l attenzione su una gamma ristretta di attività (attività minerarie, metallurgia, estrazione e trattamento dei combustibili, energia elettrica, prodotti chimici, ecc.). I beni di consumo e i beni d investimento ad alto valore aggiunto, così come la politica del commercio estero e quella del credito, non rientravano nelle preoccupazioni dei pianificatori del regime 16. Il sistema corporativo costituiva la struttura organizzativa naturale nella quale questi piani economici dovevano essere prodotti, quanto meno per il fatto che l articolazione in settori su cui esso si fondava (attraverso la rete dei vari consigli di corporazione) avrebbe favorito la raccolta e l elaborazione dei dati. Ma questi piani rimasero quasi sempre dei documenti isolati che non davano luogo ad alcuna programmazione a livello nazionale. Soprattutto, essi non avevano carattere coercitivo, fornivano delle indicazioni (ovvero delle approssimazioni) su come orientare la produzione a seconda del comparto considerato, e le imprese chiamate a rispettare queste indicazioni lo facevano solamente a seguito di pressioni informali, in genere di tipo politico o associativo 17, oppure per via di un ampia, collaterale produzione legislativa (in tema di controlli sugli scambi commerciali con l estero, di controllo dei prezzi, di adozione di misure fiscali o doganali favorevoli alle imprese). In questo modo, l influenza delle istituzioni corporative appariva ridimensionata. I piani autarchici venivano infatti redatti in seguito a aspre negoziazioni con le varie associazioni padronali, che tendevano a trasferire il momento della discussione negli uffici decentralizzati delle corporazioni (dove il loro peso era maggiore), della burocrazia ministeriale o del partito fascista 18. Come ben dimostra l episodio dell approvazione della legge per l autorizzazione all apertura di nuovi siti industriali nel 1933, che di fatto divenne il pretesto per negoziare le modalità di ingresso nei vari segmenti del mercato manifatturiero, la pianificazione autarchica veniva utilizzata dai gruppi industriali più potenti come mezzo per mantenersi al di fuori del gioco della concorrrenza. Così, l organizzazione degli interessi che esprimeva si avvicinava piuttosto al modello dello State-corporatism, in cui la convergenza su alcune decisioni era funzione della salvaguardia di interessi di gruppi ben precisi 19, lontana cioè modello di corporativismo centralizzatore sotto l egida delle autorità statali, come invece voleva far credere la propaganda fascista. Questa tradizione dei piani di orientamento, inaugurata con i piani autarchici per la riallocazione selettiva delle risorse per le industrie di base sul finire degli anni trenta, proseguì a cavallo della guerra grazie allo sforzo dei tecnici dell IRI, che si fecero carico della redazione di diversi piani finalizzati alla gestione della scarsità sotto la pressione dell emergenza bellica. Si trattava, in genere, di studi e relazioni dedicati alle previsioni circa la situazione economica italiana all indomani del conflitto, e alle modalità con cui l IRI avrebbe dovuto contribuire alla ripresa delle attività produttive. Essi si caratterizzavano per gli accenti estremamente prudenti circa la misure da intraprendere per favorire la ripresa: il finanziamento della ricostruzione, per esempio, doveva poggiarsi sulle scorte liquide, ovvero sulla ricostituzione delle riserve, sul risparmio, sull autofinanziamento. Di qui la propensione a una tipologia di provvedimenti capaci di contenere l inflazione e l espansione 16 Tutte le informazioni di cui si rende conto qui di seguito, dove non meglio specificato, sono state ricavate da R. Petri, Storia economica d Italia. Dalla Grande guerra al miracolo economico ( ), Bologna, Il Mulino, 2002, pp. 125 ss. 17 Ad eccezione delle imprese pubbliche, la cui adesione ai piani autarchici s inquadrava nello sforzo di ricondure alcune attività produttive giudicate strategiche nell ambito di una politica industriale comune in vista della preparazione della guerra. 18 Il processo di «cartellizzazione concordata» all interno del comparto chimico fu, a questo riguardo, emblematico. 19 G. Sapelli, Lo Stato italiano come «imprenditore politico», in «Storia contemporanea, 1990, n. 2, pp

5 della domanda che lo sforzo di ricostruzione avrebbe con tutta probabilità alimentato 20. Analogamente, in un altro documento interno, si indicavano alcuni parametri fondamentali a partire dai quali si sarebbe dovuto calibrare gli interventi di pianificazione: mantenere una struttura equilibrata della bilancia dei pagamenti, garantire la stabilità monetaria, contenere i consumi interni e stimolare le esportazioni, ecc. 21 Se l aspirazione alla pianificazione economica in taluni ambienti fascisti assumeva toni a volte rivoluzionari (ben incarnati da figure come Ugo Spirito o Paolo Fortunati) 22, alla fine la realtà appariva ben diversa. Non solo le corporazioni, che in teoria avrebbero dovuto essere l arma principale al servizio del progetto di una economia programmatica, vennero svuotate per via delle pressioni incrociate dei vari interessi che esse accoglievano al loro interno (industriali privati, proprietari terrieri, lavoratori, ecc.) 23 ; ma la capacità progettuale nel definire gli sviluppi futuri dell economia italiana rimase appannaggio dei tecnici legati alle forme dell intervento pubblico di origine liberale, a partire proprio dall IRI. Questi elaborarono sì dei piani, che però i vincoli dell economia della scarsità, tipica degli effetti del conflitto, contribuirono a foggiare secondo le logiche operative fin lì adottate dallo Statoimprenditore di Beneduce e Menichella (selezione degli investimenti strategici e razionalizzazione delle attività produttive, sistema di gestioni separate dal bilancio dello Stato, responsabilità dei manager, ecc.) 24. I piani di primo aiuto per far fronte alla penuria del dopoguerra Fu Pasquale Saraceno a riconoscere l importanza della guerra (e del sistema economico ad essa sotteso) come esperienza fondamentale nel legittimare tutta una serie di principi di politica economica che vennero poi ripresi, e riattualizzati, all indomani del conflitto 25. Le condizioni vincolanti legate alla guerra (la scarsità delle risorse, l inflazione, la disoccupazione, ecc.) erano parte integrante della sua riflessione e, soprattutto, dell azione da egli condotta in qualità di esperto al servizio di varie tecnostrutture statali. Di qui la sua prudenza nella redazione dei primi piani d importazione e di distribuzione di prodotti industriali e di materie prime tra il 1944 e il Si trattava, inizialmente, di un tentativo di pianificazione degli approvvigionamenti per l industria e l agricoltura del centro-sud che 20 Acs (Archivio centrale dello stato), Iri (Istituto per la ricostruzione industriale), Serie nera, b. 83, Prime note sulla situazione economica dell Italia nell immediato dopoguerra, 30 agosto Acs, Iri, Serie nera, b. 81, Appunti e relazioni varie , Appunto per un piano di ricostruzione economica dell Italia, 8 agosto 1944, ampiamente citato e commentato in R. Petri, Dalla Ricostruzione al miracolo economico, in G. Sabbatucci, V. Vidotto (a cura di), Storia d Italia, 5, La Repubblica , Roma-Bari, Laterza, 1997, pp. 339 ss. Da notare che questi due documenti furono redatti nello stesso mese (agosto 1944) rispettivamente dall Ufficio studi dell IRI Milano, ovvero dall appendice dell istituto che in quel momento operava sotto l egida della Repubblica di Salò, e dai tecnici dell IRI di Roma, che invece cominciavano a collaborare con le istituzioni militari degli Alleati anglo-americani. Più in generale, sulla produzione di «piani di ricostruzione economica» all IRI nel periodo a cavallo tra guerra e dopoguerra si rinvia a F. Ricciardi, Il management del governo della scarsità. L IRI e i piani di ricostruzione economica ( ), in Studi storici, 2005, n. 1, pp Il primo, come è noto, filosofo, fascista di sinistra, tra i principali ideatori del progetto corporativista ; il secondo, esperto statistico, sostenitore di un piano generale avente come scopo ultimo l auto-governo dell economia. Cfr. rispettivamente S. Lanaro, Appunti sul fascismo di sinistra. La dottrina corporativa di Ugo Spirito, in Belfagor, XXVI, 1971, pp ; G. Melis (a cura di), Fascismo e pianificazione : il convegno sul piano economico ( ), Roma, Fondazione Ugo Spirto, S. Cassese, Corporazioni e intervento pubblico nell economia, in A. Aquarone, M. Vernassa (a cura di), Il regime fascista, Bologna, Il Mulino, 1974, pp Cfr. C. Spagnolo, Tecnici e politici in Italia. Riflessioni sulla storia dello Stato imprenditore dagli anni trenta agli anni cinquanta, Milano, Ciriec-Angeli, P. Saraceno, Intervista sulla Ricostruzione , a cura di P. Villari, Roma-Bari, Laterza, 1977, p

6 sfruttava i crediti in divisa estera messi a disposizione dagli Alleati anglo-americani, una volta liberata Roma nel luglio del Altri piani della stessa fattura furono elaborati in seguito, al fine di rivedere le prime stime sulle necessità dei materiali necessari in vista della riunificazione politica e amministrativa del paese. In particolare, 2 piani supplementari furono redatti nei mesi immediatamente seguenti con la collaborazione degli esperti economici dell amministrazione militare alleata e della Commissione Centrale Economica (CCE) del Comitato Nazionale di Liberazione Alta Italia (CNLAI) (rispettivamente il piano di transizione 1945 e il piano di ripresa per il 1946 ) 27. Questi studi miravano a fornire alle autorità governative un piano ragionato delle misure necessarie a gestire la situazione di scarsità durante i primi mesi del dopoguerra. Ufficialmente, non rivendicavano lo status di veri e propri piani economici nazionali, poiché mantenevano il carattere di semplici giustificativi delle richieste di aiuto rivolte alle autorità americane installate sul territorio italiano 28. Ciò non di meno, dietro la lista di materie e prodotti di vario genere, è possibile cogliere alcuni elementi che rimandano a una certa visione della politica economica. Per esempio: lo sfruttamento massimo della capacità produttiva nazionale allora disponibile, e ciò per ragioni a un tempo tecniche (promuovere la produzione di beni strumentali, considerati più adatti alla configurazione produttiva italiana uscita dal conflitto) e politico-sociali (riassorbire l eccesso di manodopera) ; l esportazione di prodotti industriali allo scopo di disporre di una maggior quantità di divise straniere e così comprimere i costi legati all importazione di materie prime; la sostituzione, dove possibile, dei prodotti industriali importati con prodotti autoctoni ; l inserimento dell Italia in un sistema di economia aperta dove le interdipendenze di carattere commerciale dovevano favorire gli effetti di complementarietà (economica e politica) del processo di ricostruzione su scala europea 29. L Italia, in una tale prospettiva, avrebbe dovuto assicurare un contributo importante per via del fatto che disponeva di un potenziale industriale non completamente sfruttato, di una manodopera abbondante e a costo relativamente basso, e di un livello di sviluppo tecnico giudicato discreto in particolare nel settore meccanico. Queste caratteristiche, secondo Saraceno e gli altri esperti dell IRI, sarebbero state valorizzate dagli aiuti economici e tecnici legati al piano Marshall che proprio in quegli anni stava per essere avviato 30. Insomma, al di là dell attendibilità delle cifre quantificate in questi documenti, cifre che erano provvisorie e approssimative secondo l opinione degli stessi redattori, questi piani offrivano delle indicazioni circa i principali assi attorno ai quali si intendeva fondare la ricostruzione del paese. Essi furono forgiati in un clima di emergenza pregno di quello che potremmo definire il paradigma della scarsità, ovvero di un quadro cognitivo largamente influenzato dalle condizioni materiali (e pure psicologiche) estremamente difficili del primo dopoguerra. Si spiegano in questo senso la particolare attenzione indirizzata alla ricostituzione 26 Comitato Interministeriale per la Ricostruzione (CIR), Piano di primo aiuto all economia italiana (31 gennaio 1945), Roma, Istituto poligrafico dello stato, Pubblicato a distanza di pochi mesi l uno dall altro: Piano di massima per le importazioni industriali dell anno 1946, a cura del Ministero dell industria e del commercio, Milan, ottobre 1945 e Piano di massima per le importazioni e le esportazioni industriali dell anno finanziario , a cura del Ministero dell industria e del commercio, Milano, giugno P. Saraceno, Intervista sulla Ricostruzione cit., p As Iri (Archivio storico Iri, presso Fondazione IRI, Roma), Archivio II (Numerazione Nera), Serie Ufficio Tecnico Centrale (IRI Roma), b. ID/608, f. 3, Ministero della ricostruzione, Nota di presentazione ai documenti e tabella riassuntiva provvisoria delle quantità e dei valori previsti nel piano di importazione per il 1946, Roma, 14 settembre Centro Studi e Piani Tecnico-economici, L economia italiana e l economia europea di fronte al «Piano Marshall», Roma, 15 luglio 1947, pp. 9 ss. 6

7 del capitale tecnico domestico nella quasi completa assenza di risorse naturali interne e, più in generale, gli accenti quasi autarchici che caratterizzavano il linguaggio di questi piani. Pasquale Saraceno e il planismo di ispirazione cattolica Nel 1948 l OECE, l Organizazione Europea per la Cooperazione Economica incaricata del coordinamento e della distribuzione degli aiuti del piano Marshall, invitò i paesi che intendevano beneficiare di tali aiuti a definire gli obiettivi di politica economica, e i criteri secondo i quali i trasferimenti monetari dovevano avvenire, attraverso l elaborazione di un piano economico. Nella situazione assai critica che caratterizzava l amministrazione ministeriale italiana all uscita del conflitto, non stupisce che fosse ancora il gruppo di esperti operante in seno all IRI ad accollarsi tale compito. Essi, a partire dall economista Pasquale Saraceno, responsabile del Ufficio studi dell ente pubblico, potevano infatti vantare una certa tradizione di expertise in materia di eleborazione delle politiche economiche e industriali a livello nazionale, e soprattutto disponevano dei mezzi tecnici e intellettuali indispensabili alla raccolta e al trattamento pertinente delle informazioni richieste. La figura di Saraceno è, ovviamente, cruciale per comprendere la storia del planismo economico in Italia, quanto meno per la frequenza con cui lo ritroviamo negli episodi qui esaminati. Egli partecipò infatti alla maggior parte delle iniziative che tentarono di rendere possibile l adozione delle politiche di piano. Alla guida della Segreteria tecnica del Ministero dell industria, operante presso il uffici dell IRI di Roma, tra il 1944 e il 1945 Saraceno redasse i piani di primo aiuto ; in seguito fece parte della commissione istituita dagli Alleati che, dopo l aprile 1945, salì a Milano per aggiornare i dati raccolti, integrandoli con quelli dell Italia del nord. Fu in particolare membro della sotto-commissione industriale per le regioni settentrionali (emanazione della CCE del CLNAI) che collaborò alla redazione dei piani successivi, almeno fino al Bisogna poi ricordare uno studio supplementare, sempre del 1947 e ufficialmente edito dal Centro di studi e piani tecnico-economici dell IRI, che egli stesso presiedeva, studio che sarà in seguito utilizzato per l elaborazione del piano di lungo termine destinato all OECE nel A queste prime esperienze, bisogna poi aggiungere il suo impegno presso l associazione di studi economici SVIMEZ durante tutti gli anni cinquanta e oltre, in particolare in occasione della redazione dello schema Vanoni, e il suo contributo presso la Commissione nazionale per la programmazione economica tra il 1961 e il 1964, durante la stagione dei governi di centro-sinistra 31. Alcuni elementi chiarificatori delle idee di Saraceno attorno alla questione del planismo economico sono a questo punto indispensabili. La pianificazione, secondo l economista cattolico, altro non era che l organizzazione delle risorse disponibili nel quadro istituzionale dato, vale a dire uno strumento di orientamento delle attività industriali sia pubbliche sia private, finalizzata al soddisfacimento di tutta una gamma di obiettivi prestabiliti. Si trattava di una visione affatto neutra, che mirava anzi a coniugare la tradizione dell interventismo liberale con l opzione della terza via sollecitata dal movimento dei giovani laureati dell Università cattolica di Milano, all interno del quale Saraceno ebbe un ruolo di primo piano. Questi ultimi, a partire dall analisi delle varie esperienze di regolamentazione dell economia intervenute (o quantomeno dibattute) nel corso degli anni trenta (dal corporativismo fascista al New Deal, dal planismo francese alle varie forme di keynesismo), individuarono nelle politiche di intervento pubblico il prerequisito di tutte le 31 M. Cavazza Rossi, Stato e giustizia sociale nell esperienza di Pasquale Saraceno, Società e storia, XV, 1992, n 57, pp

8 proposte riformatrici in materia economica 32. La riflessione di Saraceno tentava altresì di conciliare le teorie di sviluppo delle regioni meno avanzate alle istanze di giustizia sociale derivanti dalla dottrina sociale della chiesa, e di cui il gruppo di intellettuali ed economisti riuniti a Camaldoli (animati, tra gli altri, dallo stesso Saraceno) si era fatto portatore sul finire della guerra 33. L IRI, in una tale prospettiva, doveva recuperare l interpretazione sociale del suo ruolo, secondo quanto indicato all indomani della trasformazione dell ente pubblico in organismo permanente, nel 1937, dal maestro di Saraceno, Sergio Paronetto, 34. Intellettuale cattolico assai critico nei confronti delle patologie del capitalismo occidentale (di cui la crisi degli anni trenta ne era un esempio clamoroso), Paronetto era attento a tutte le forme di organizzazione economica e della produzione alternative ai modelli liberale e socialista, in linea con la valorizzazione dell esperienza del corporativismo che alcuni economisti cattolici avevano sostenuto tra le due guerre 35. Di qui il suo interesse verso la formula dell azionariato di Stato o, più genericamente, della socializzazione delle imprese, quest ultima intesa come l eliminazione del capitale privato nei settori strategici. Benché egli cercasse di integrare nelle sue proposte elementi tipici del modello liberale di gestione delle imprese pubbliche (economicità della gestione corrente, condizioni di lavoro simili a quelle applicate nelle imprese private, ricorso al mercato finanziario attraverso lo strumento obbligazionario, ecc.), lo strumento del piano gli appariva come una via obbligata al fine di dare coerenza alla politica industriale nazionale 36. Un orientamento condiviso da altri dirigenti dell IRI quali Giovanni Malvezzi, direttore generale durante la fase assai tribolata compresa tra il 1943, allorché l IRI si trovava spezzato in due tronconi, uno al nord e un altro al centro-sud per gli effetti del dopo 8 settembre, e la vigilia dell approvazione del nuovo statuto nel 1948 (con una pausa tra settmbre 1944 e primavera 1946). Malvezzi, cattolico di formazione, antifascista con simpatie per il socialismo riformista, stretto collaboratore di Paronetto, frequentatore dei circoli di cattolici democratici che proprio Paronetto organizzava nei primi anni quaranta 37, si fece portatore di un progetto di riforma dell IRI che, mescolando dirigismo economico ed echi dell esperienza corporativista, puntava a rafforzare ed estendere le prerogative dell ente pubblico. Prerogative che andavano dall attività di raccolta ed elaborazione dati per conto del governo all assunzione di funzioni tradizionalmente appannaggio del Ministero dell industria (in particolare l autorizzazione per l apertura di nuovi impianti, la ripartizione di materie prime, l assegnazione di commesse industriali riguardanti l amministrazione pubblica, la concessione di licenze per l importazione e l esportazione di prodotti vari, ecc.). Scopo ultimo era quello di formulare direttive e di adottare provvedimenti secondo piani armonicamente elaborati e particolarmente disciplinati 38. Piani la cui realizzazione doveva essere perseguita sulla base del principio della collegialità trasversale, vale a dire istituzionalizzando la partecipazione alle principali decisioni in campo economico di rappresentanti dell industria 32 Si veda M. Parigi, P. Barucci, Cultura e programmi economico-sociali nel movimento cattolico, in Dizionario storico del movimento cattolico in Italia , Casale Monferrato, Masietti, 1981, vol. I/1, pp. 237 ss ; A. Gigliobianco, Pasquale Saraceno e la via italiana all intervento pubblico, in Rivista di storia economica, XII, 1995, n. 2, pp M. Cavazza Rossi, Stato e giustizia sociale cit. 34 Acs, Iri, Serie Nera, b. 24, S. Paronetto, Note sull attività e compiti dell IRI nel momento attuale in rapporto alla sua struttura e alla sua organizzazione, gennaio Si veda per esempio F. Vito, L essenza dell economia corporativa, in Economia corporativa. Contributi dell Istituto di scienze economiche. Pubblicazioni dell Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano, Vita e Pensiero, 1935, pp Acs, Iri, Serie Nera, b. 25, Il problema della socializzazione e l IRI, firmato da S. Paronetto, febbraio Per le informazioni biografiche si veda A. Zussini, Giovanni Malvezzi dal meridionalismo al vertice dell Iri, in Archivi e imprese, luglio-dicembre 1996, n. 14, pp As Iri, Archivio II (Numerazione Nera), Serie Gestioni commissariali, b. SD/1387, fasc. 5, Note per una nuova organizzazione dell Istituto per la ricostruzione industriale, 1947, pp

9 sia pubblica sia privata 39. Così facendo, l IRI avrebbe agito come un grande, unico organo coordinatore e assieme gestore delle più salienti attività nazionali, il quale, ereditando l opera dei comitati industriali nati durante il periodo della Repubblica sociale, si sarebbe dovuto trasformare in una sorta di dicastero della pianificazione 40. Questo progetto non ebbe seguito, anche per via dei numerosi ostacoli che Malvezzi si trovò a fronteggiare in un periodo caratterizzato da una scarsa chiarezza, in sede politicoistituzionale, su cosa fare dell IRI. Alla fine, come è noto, fu l opzione della continuità, sostenuta, tra gli altri, da Donato Menichella, a prevalere, vale a dire l idea di salvaguardare l autonomia dell ente pubblico (attraverso la formula della holding finanziaria e il mantenimento della gestione privatistica delle sue attività) 41, scongiurando così l ipotesi di trasformarlo in strumento al servizio delle politiche di piano, che via via scomparirono pure dall agenda del dibattito politico 42. Il piano di lungo termine per l OECE e la tradizione neomercantilista Se l episodio del progetto di Malvezzi appare marginale nell economia degli eventi relativi alla (mancata) riforma dell IRI nel primo dopoguerra, esso è tuttavia interessante perché mostra che l omogeneità culturale delle tecnocrazie pubbliche non era poi veramente tale. Vi erano diversi orientamenti, diverse correnti di pensiero che tentavano di tradurre sul piano operativo elementi a volte difficilmente conciliabili (liberalismo vs. corporativismo, nazionalismo economico vs. planismo cattolico, keynesismo vs. neomercantilismo, ecc.). Rendere conto delle modalità con cui questi elementi si combinarono (o non si combinarono affatto) può aiutare a comprendere le successive scelte adottate in campo industriale. A partire da quel piano di lungo termine redatto da Pasquale Saraceno e dai suoi collaboratori dell IRI su richiesta dell OECE nel , che, dietro il pretesto di definire la strategia di gestione dei fondi americani del piano Marshall, costituì un opportunità per dare coerenza alla politica economica italiana attraverso l adozione di un piano più vincolante rispetto alle liste di beni e prodotti necessari alla ripresa economica stilate negli anni immediatamente precedenti. Tuttavia il documento frutto dell expertise dei tecnici dell IRI non si discostava granché, dal punto di vista operativo, dai piani precedenti di matrice autarchica (rimanendo preminente il carattere orientativo, senza che ciò implicasse un reale coinvolgimento degli attori collettivi del mondo della produzione), e soprattutto reiterava le scelte di fondo propugnate dalle élites tecnocratiche nei decenni precedenti: rafforzamento dell apparato 39 Ibid. p Acs, Iri, Serie Nera, b. 81, Caratteristiche dell azione dell IRI, s.d. [ ], pp. 93 ss. 41 G. La Bella, L Iri nel dopoguerra, Roma, Edizioni Studium, 1983, pp Rispondendo, nel febbraio del 1947, al consigliere dell IRI Oscar Sinigaglia circa la possibilità che fosse il governo a indicare i settori in cui l ente pubblico avrebbe dovuto intervenire in via prioritaria, Menichella rispose esprimendo tutto il suo scetticismo verso qualsiasi ipotesi di economia regolata da meccanismi dirigistici : Pretendere di fare un piano nazionale per ogni settore è un sogno [ ]. Cfr. As Iri, Archivio II (Numerazione Nera), Serie Gestioni commissariali, Ufficio di presidenza : verbali. Sedute e documentazione relativa, b. Cassaforte 4, fasc. 14, Appunti dell Ufficio di presidenza, 28 febbraio 1947, p Cfr. S. Bartolozzi Batignani, La programmazione, in G. Mori (a cura di), La cultura economica nel periodo della ricostruzione, Bologna, Il Mulino, 1980, pp Cfr. P. Saraceno, Elementi per un piano economico , Roma, Centro studi e piani tecnico-economici, 1948, che di fatto costituisce la base a partire dalla quale verrà redatto il documento ufficiale consegnato agli esperti dell Oece. 9

10 industriale di base sostanzialmente attraverso l intervento pubblico 44, compressione dei consumi e impulso alle esportazioni, riequilibrio della bilancia dei pagamenti. L obiettivo sostanziale consisteva nell indirizzare gli investimenti verso la produzione di energia e di beni di investimento, e ciò al fine di aumentare la produttività delle imprese coinvolte, riacquistare competitività sul piano delle esportazioni (soprattutto nel settore meccanico) e così contribuire al riassetto della bilancia dei pagamenti 45. Benché la redazione del piano fosse avvenuta all interno di uno dei luoghi concepiti per favorire la promozione di politiche coordinate di pianificazione economica, vale a dire il Centro studi e piani tecnico-economici dell IRI fortemente voluto da Malvezzi 46, gli accenti neomercantilisti del documento in questione la risoluzione del problema della sovrappopolazione, per esempio, era affidata alla combinazione di emigrazione, investimenti esteri e importazione di materie prime grazie alla stabilità delle correnti commerciali 47 -, erano ben lungi dall accogliere le istanze di dirigismo economico promosse dalle frange della tecnocrazia italiana proprio da Malvezzi incarnata, di fatto minoritarie. E men che meno erano disposte a promuovere le ricette keynesiane di sostegno alla domanda che in quel periodo, sotto l impulso degli americani, si stavano diffondendo anche in Europa. Di contro, fu la visione neomercantilista dello sviluppo ad avere la meglio, la quale traeva fondamento dal privilegio accordato ai meccanismi dell offerta rispetto a quelli della domanda al fine di incentivare il risparmio e lo sviluppo tecnico in un regime di scarsità. Ciò attraverso la selettività degli investimenti in funzione di obiettivi generali (recupero della competitività, autonomia produttiva, allocazione guidata delle risorse, equilibrio della moneta e della bilancia dei pagamenti) che sottendevano la presenza di una strategia coerente e di lungo periodo. Una visione che abbracciava i principi del nazionalismo economico risalenti al banchiere centrale Bonaldo Stringher e, più tardi, a Francesco Saverio Nitti 48, Ora, qualche nota in più merita la nozione di neomercantilismo rispetto alla tradizione della tecnocrazia italiana. Ispirandosi alle idee del protezionista liberale Friedrich List, l indirizzo neomercantilista in Italia non si esprimeva attraverso una compiuta elaborazione teorica, a differenza delle correnti neoclassiche e keynesiane che, soprattutto nel dopoguerra, dominavano il dibattito accademico. Il neomercantilismo trovò così una sponda nell elaborazione istituzionale di alcuni importanti tecnocrati, Nitti in primis, che fondavano la propria ricetta economica su una politica di risparmio, di accumulazione e sviluppo tecnologico per un regime di risorse naturali scarse 49. Il carattere pragmatico delle soluzioni che esso proponeva, a differenza delle correnti ortodosse della teoria economica, faceva sì che 44 Gli investimenti più importanti, infatti, ricadevano, o direttamente, o tramite azioni consorziali con i gruppi privati più importanti, sull industria di Stato, che avrebbe poi maggiormente beneficiato degli aiuti ERP (basti pensare alla FINSIDER e alla sua alleanza strategica con la FIAT) 45 Per una discussione sul contenuto del piano di lungo termine si veda V. Zamagni, Una scommessa sul futuro: l industria italiana nella ricostruzione ( ), in di E. Di Nolfo, R.H. Rainero e B. Vigezzi (a cura di), L Italia e la politica di potenza in Europa ( ), Milano, Marzorati, 1988, pp. 484 ss. 46 Istituito nel 1947 a seguito di una convenzione tra l IRI e il Consiglio nazionale delle ricerche con funzioni di consulenza tecnico-scientifica al servizio del Comitato interministeriale per la ricostruzione. Cfr. As Iri, Archivio II (Numerazione Nera), Serie Gestioni commissariali, b. SD/1387, fasc. 5, Note per una nuova organizzazione dell Istituto cit., p. 3. A questo proposito si rinvia a F. Ricciardi, Il management del governo della scarsità cit., pp. 140 ss. 47 Acs, Presidenza del consiglio dei ministri (Pcm), Comitato interministeriale per la ricostruzione (Cir), b. 58, Memoriale italiano sul programma a lungo termine, 30 settembre Cfr. F. Bonelli (a cura di), La Banca d Italia dal 1894 al Momenti della formazione di una banca centrale, Roma-Bari, Laterza, 1991, pp Più in generale, sulle origini del nazionalismo economico in Italia si veda F. Gaeta, Il nazionalismo italiano, Roma-Bari, Laterza, 1981, pp ; L. Michelini (a cura di), Liberalismo, nazionalismo, fascismo: stato e mercato, corporativismo e liberismo nel pensiero economico del nazionalismo italiano, , Milano, M&B Publishing, R. Petri, Storia economica d Italia cit., pp

11 potesse trovare accoglienza presso orientamenti politici diversi (dai liberali ai fascisti, dai socialisti ai democristiani), tenendo insieme personaggi diversi come Einaudi, Menichella, Saraceno. Tuttavia, come si è fin qui cercato di dimostrare, esistevano delle correnti alternative, anche all interno di un istituzione come l IRI che, dal periodo autarchico in poi, fece del paradigma della scarsità la chiave della sua politica industriale (in termini di selettività strategica degli investimenti) 50. Queste correnti poggiavano sulla medesima coscienza dei vincoli che il regime di scarsità postbellico imponeva allo sviluppo italiano, ma prospettavano soluzioni differenti quali la pianificazione delle risorse sotto l egida delle tecnostrutture dello Stato che, altrove, all estero, poteva contare su un intesa politica più ampia tra i partiti così come tra i vari gruppi di interesse, dal sindacato alle associazioni padronali 51. In un tale contesto, il tentativo di Saraceno di conciliare la tradizione liberale di interventismo pubblico nell economia con l ideale di economia sociale dei giovani laureati cattolici, non trovò sbocchi concreti. Soprattutto venne a mancare quella saldatura tra le esperienze di dirigismo economico del primo dopoguerra, promosse in particolare dal Ministero dell industria, retto in una prima fase, fino al 1947, da esponenti del riformismo di colore politico diverso quali Morandi, Gronchi e Tremelloni 52, e le attribuzioni del nuovo IRI, che dopo un periodo di incertezza istituzionale venne ricondotto al ruolo di holding finanziaria. Di qui i toni estremamente prudenti caratterizzanti il piano di lungo termine, soprattutto nella definizione di obiettivi quali la crescita dei consumi e la lotta alla disoccupazione (il cui raggiungimento sarà, di fatto, rimandato). Tale prudenza sarà di lì a poco aspramente rimproverata dai sostenitori delle ricette keynesiane per lo sviluppo economico. Tab. 1. Quadro sinottico dei piani per la ricostruzione economica, Denominazione Periodo Redattori Obiettivi Piano di primo aiuto 1944 Min. industria/iri Quantificazione dei bisogni di materie prime e prodotti industriali per la ripresa economica dell Italia del centro-sud Piano di transizione del CCE+Saraceno Ibidem, per l Italia unita Piano di ripresa economica per il 1946 CCE+Saraceno Ibidem, in vista della riattivazione 1946 Piano di lungo termine (o Piano Saraceno) Fonti : infra dell insieme del comparto industriale 1948 IRI/Saraceno Definizione dei criteri di utilizzo dei fondi ERP nel quadro di una politica economica pertinente 50 Si veda per esempio la campagna di ristrutturazioni industriali avviata dall IRI negli anni trenta. Cfr. G. Piluso, Deflazionare le imprese. Politica industriale, razionalizzazione della produzione e corporate governance all Iri negli anni Trenta, in Imprese e storia, luglio-dicembre 2002, n. 26, pp L esperienza francese è, in questo senso, significativa. Cfr. R.F. Kuisel, Capitalism and the State in modern France. Renovation and economic management in the twentieth century, Cambridge (Mass.), Cambridge University Press, 1981 ; B. Cazès, P. Mioche (a cura di), Modernisation ou décadence. Contribution à l histoire du Plan Monnet et de la planification en France, Aix-en-Provence, Publications de l Université de Provence, Si fa in particolare riferimento all attività del Consiglio industriale alta Italia, il quale, istituito subito dopo la Liberazione, subentrò al governo alleato nella gestione del piano per il controllo delle fabbriche e la vendita dei prodotti industriali nell Italia settentrionale, e ai comitati industriali ereditati dall esperienza dirigista della Repubblica sociale per pianificare la produzione industriale a seconda dei rami produttivi. Si trattava, in particolare, del tentativo di creare all interno del Ministero dell industria una nuova tecnocrazia sfruttando gli istituti vincolistici ereditati dalla Repubblica sociale e un nuovo personale proveniente in larga parte dal mondo aziendale. Su questi temi cfr. L. Ganapini, I pianificatori liberisti, in M. Flores et al. (a cura di), Gli anni della Costituente. Strategie dei governi e delle classi sociali, Milano, Feltrinelli, 1983, pp ; G. Maione, Tecnocrati e mercanti. L industria italiana tra dirigismo e concorrenza internazionale ( ), Milano, Sugarco,

12 12

13 2. Gli anni cinquanta: i piani nazionali di sviluppo e il paradigma della crescita Piano Marshall e svolta produttivistica Negli anni della Ricostruzione, le modalità di utilizzo degli aiuti americani legati al piano Marshall furono oggetto di aspre polemiche, non solo in ambito politico. L OECE esigeva dai paesi intenzionati a beneficiare di tali aiuti il varo di piani nazionali capaci di indicare gli obiettivi generali di politica economica e i criteri secondo cui i trasferimenti dagli Stati Uniti avrebbero dovuto essere impiegati. Come si è visto in precendenza, il piano di lungo termine redatto da Saraceno nel 1948 a un tale scopo solo in parte soddisfaceva le richieste dell organizzazione economica europea (in particolare per quanto concerneva il riequilibrio della bilancia dei pagamenti), mentre altre (come la pianificazione degli investimenti produttivi) venivano completamente trascurate. Di qui le critiche formulate da quella frangia di esperti e tecnici americani che operavano presso l Economic Cooperation Administration (ECA) di Roma. Questi, incaricati di seguire la corretta gestione dei fondi statunitensi, non esitarono a dare un giudizio negativo sulla base delle loro convinzioni esplicitamente keynesiane. Il famoso Country Study, il documento redatto nel 1949 dall agenzia americana che metteva alla berlina l uso dei fondi di contropartita al fine di ridurre il deficit corrente del bilancio statale, era un po la summa delle critiche che i funzionari vicini all amministrazione Truman indirizzavano in quegli anni alla politica economica italiana 53. In seguito, le pressioni americane sui governi centristi, nel quadro di una strategia di integrazione internazionale che faceva perno sullo strumento della produttività piuttosto che sulla costruzione del multilateralismo economico promosso dagli accordi di Bretton Woods, cominciarono ad avere qualche effetto 54. La svolta produttivistica nella gestione degli aiuti del piano Marshall, di cui la campagna per la produttività era uno degli effetti più vistosi (benché incidesse essenzialmente a livello microeconomico) 55, contribuì infatti a scuotere gli equilibri di governo, facendo riemergere nel dibattito politico le tematiche dello sviluppo del Mezzogiorno, dell ammodernamento dell apparato industriale e di maggiori investimenti pubblici. La terza fase dei governi degasperiani, caratterizzata da tutta una serie di riforme e iniziative in campo economico e sociale (riforma agraria, riforma fiscale, piano FINSIDER, ecc.), non fu unicamente il frutto dello scontro politico interno alla maggioranza governativa, ma dipese anche dal peso del cosiddetto vincolo esterno, che concretamente si configurò nella minaccia americana di ritorsioni sui fondi ERP già stanziati 56. Risultato emblematico di questo rinnovato impegno dei dirigenti nazionali nei confronti dei temi dello sviluppo fu l istituzione della Cassa per il Mezzogiorno, tecnostruttura dalla natura ambigua, a metà strada tra il modello newdealistico della Tennessee Valley Authority e la tradizione dell interventismo nittiano 57. Resta da capire, a questo punto, in che misura la svolta 53 C. Esposito, Il Piano Marshall. Sconfitte e successi dell amministrazione Truman in Italia, in Studi storici, 37, 1996, n. 1, pp ; C. Spagnolo, La polemica sul Country Study. Il fondo lire e la dimensione internazionale del Piano Marshall, in Studi storici, 37, 1996, n. 1, pp P.P. D Attorre, Il Piano Marshall : politica, economia, relazioni internazionali nella ricostruzione italiana, in E. Di Nolfo, R.H. Rainero, B. Vigezzi (a cura di), L Italia e la politica di potenza in Europa ( ), Milano, Marzorati, 1990, pp L. Segreto, Americanizzare o modernizzare l economia? Progetti americani e risposte italiane negli anni Cinquanta e Sessanta, in Passato e Presente, XIV, 1996, n. 37, pp C. Spagnolo, La stabilizzazione incompiuta. Il piano Marshall in Italia ( ), Roma, Carocci, 2001, in particolare il capitolo C. Spagnolo, L integrazione europea e le origini della Cassa per il Mezzogiorno, in S. Pons (a cura di), Novecento italiano. Studi in ricordo di Franco De Felice, Roma, Carocci, 2000, pp

14 produttivistica, e il keynesismo ad esso correlato, avesse fatto breccia nelle tecnocrazie pubbliche così come cominciava a farlo in alcuni ambienti politico-sindacali vicini alla DC 58. L expertise economica al servizio dello sviluppo: il piano Vanoni Tra il 1953 e il 1954 un gruppo di studiosi, consulenti ed esperti economici riuniti dalla SVIMEZ sotto la direzione di Pasquale Saraceno, predispose lo Schema decennale di sviluppo dell occupazione e del reddito , meglio noto come Schema Vanoni, dal nome dell allora ministro del bilancio, tra i principali sostenitori dell iniziativa. Al lavoro di riflessione che portò alla stesura del piano parteciparono, a vario titolo, diversi intellettuali ed economisti, italiani e non, in generale accomunati dalla convinzione della necessità di intraprendere una svolta sviluppista nella politica economica nazionale: oltre a Saraceno e ai suoi più stretti collaboratori dell Ufficio studi dell IRI, furono della partita esponenti del mondo cattolico come Nino Novacco, cattolici eterodossi vicini al Partito comunista come Giorgio Ceriani Sebregondi e Claudio Napoleoni, olivettiani della prima ora come l ingegner Gino Martinoli, economisti di fama internazionale, esponenti dell allora emergente scuola dell economia dello sviluppo, quali Hollis B. Chenery, Jan Tinbergen e Paul N. Rosenstein-Rodan 59. Il risultato fu un documento che combinava elementi di laburismo cattolico con la teoria economica post-keynesiana 60. Lo schema rappresentava un tentativo di configurare un nuovo modello di intervento pubblico nel sistema economico italiano e mirava al perseguimento di obiettivi macroeconomici (il pieno impiego, la riduzione del gap socioeconomico tra Nord e Sud, il riequilibrio della bilancia dei pagamenti) attraverso strumenti di programmazione degli investimenti giudicati strategici 61. Esso, per raggiungere l ambizioso obiettivo della creazione di 4 milioni di posti di lavoro, puntava sull effetto moltiplicativo del reddito nazionale per via della realizzazione di investimenti mirati, capaci cioè di creare delle economie esterne a loro volta utilizzabili dall apparato produttivo nel suo insieme 62. Si trattava, in altri termini, di stimolare adeguatamente quei settori considerati propulsivi per lo sviluppo dell economia italiana, e ciò attraverso un imponente programma di investimenti infrastrutturali destinati essenzialmente all agricoltura, alle imprese di utilità pubblica (energia, ferrovie, telefonia, acquedotti), ai lavori pubblici (lavori idrogelogici, strade, scuole, ospedali, porti, aeroporti, ecc.), alla costruzione di alloggi In particolare in occasione del convegno nazionale della DC a Napoli nel V. Vitale, L attività della SVIMEZ dal 1946 al 1991, in Rivista economica del Mezzogiorno, XIV, 2000, n. 2, pp. 587 ss. ; P. Baffi, Via Nazionale e gli economisti stranieri, , in Rivista di storia economica, II, 1985, n. 1, pp ; N. Novacco, Politiche per lo sviluppo. Alcuni ricordi sugli anni 50 tra cronaca e storia, Bologna, Il Mulino, 1995, p Sotto il profilo strettamente tecnico, le novità correlate al piano Vanoni risiedevano nell utilizzazione di parametri macroeconomici derivanti dalla teoria keynesiana (il reddito, il risparmio, gli investimeni, i consumi, le esportazioni, ecc.), facendo parallelamente un ampio uso degli strumenti della statistica. Cfr. V. Zamagni, M. Sanfilippo, Introduzione, in Id. (a cura di), Nuovo meridionalismo e intervento straordinario. La Svimez dal 1946 al 1950, Bologna, Il Mulino, 1988, pp Si veda Acs, Mic (Ministero dell industria e del commercio), Gabinetto, Segreteria Campilli, b. 4, f. 1, Piano decennale di sviluppo economico (schema Vanoni), Le radici di questa strategia si trovano in un lavoro collettivo a cui parteciparono Saraceno e i suoi più stretti collaboratori all IRI, in particolare Ajmone Marsan e Franco Pilloton, e nel quale si definirono i termini di un ampio programma di lavori pubblici tenendo conto degli effetti positivi del «moltiplicatore keynesiano», ovvero dell impatto espansivo degli investimenti pubblici sui redditi e sui consumi nazionali. Cfr. SVIMEZ, Gli effetti economici di un programma di investimento nel Mezzogiorno, Roma, Svimez, La somma degli investimenti lordi previsti dal «piano» per i dieci anni successivi era di miliardi di lire, pari cioé a più di tre volte il reddito nazionale del Cfr. E. Vanoni, La politica economica degli anni degasperiani. Scritti e discorsi politici et economici, scritti raccolti e commentati da P. Barucci, Firenze, Le Monnier, 1977, pp L articolazione degli investimenti emerge chiaramente dalla tabella sottostante : 14

15 Il piano Vanoni è stato visto come un episodio precursore delle politiche di pianificazione inaugurate dai governi di centro-sinistra nei primi anni sessanta 64. Tuttavia, ad un esame più approfondito esso rivela diversi punti in comune con le politiche economiche centriste. La stabilità monetaria, l equilibrio della bilancia dei pagamenti, il raffreddamento della dinamica dei salari e dei consumi erano tutti elementi attribuibili, senza troppe forzature, alla strategia messa in campo nei primi anni cinquanta dal ministro del tesoro Pella e dal governatore della banca centrale Menichella 65. Lo stesso Saraceno non ebbe difficoltà a sottolineare le divergenze (ideali e operative) tra le iniziative pianificatrici del 1954 e del D altra parte, le misure prescritte all epoca dall OECE al fine di favorire il processo di integrazione economica dei paesi europei si fondavano su una filosofia di rigore condivisa indistintamente da tutti i partners continentali, come dimostrarono le reazioni positive di questi alla presentazione del piano a Parigi nel gennaio I ministri economici europei sembrarono infatti apprezzare maggiormente la battaglia condotta dal governo italiano al deficit della bilancia dei pagamenti, che si accompagnava a una politica di segno liberista in materia di scambi commerciali, piuttosto che al programma di spese destinato agli investimenti produttivi prospettato dal piano 67. Se a tutto ciò aggiungiamo l atteggiamento eccessivamente prudente di Vanoni, il quale, schiacciato dal gioco delle correnti democristiane (allora dominato dall ala neo-centrista di Fanfani), non esitò a definire lo schema semplicemente come un esercizio teorico, astratto (al punto che il primo atto di pianificazione, secondo l economista cattolico, altro non era che la redazione del bilancio dello Stato!) 68, abbiamo la misura delle condizioni, estremamente difficili, di applicazione del programma elaborato dagli esperti della SVIMEZ. Non è un caso che, dalla sua presentazione ufficiale in occasione del congresso della Democrazia cristiana a Napoli nel giugno 1954, esso restò praticamente lettera morta. Ciò nonostante che la sua filosofia fosse presentata all opinione pubblica come la fonte primaria della politica governativa in materia economica, Investimeni netti previsti dal «piano Vanoni» (miliardi di lire correnti), Anni Settori Industria e Alloggi Totale propulsivi* servizi Fonte : L. Vandone, Il modello di sviluppo economico italiano cit., p. 216, tab. 32. * Senza gli investimenti destinati agli alloggi. 64 Si veda per esempio P. Barucci, Ricostruzione, pianificazione, Mezzogiorno. La politica economica in Italia dal 1943 al 1955, Bologna, Il Mulino, B. Bottiglieri, La politica economica dell Italia centrista cit., pp. 254 ss. 66 P. Saraceno, Esperienze di programmazione : , in G. Orlando (a cura di), Programmazione economica e programmazione della spesa, Napoli, Cooperativa editrice economia e commercio, 1976, pp Acs, Mic, Gabinetto, Segreteria Campilli, b. 4, f. 1, Piano decennale di sviluppo economico. Interventi in seguito al discorso di S.E. Ezio Vanoni dinanzi al Consiglio dei Ministri dell OECE, 14 gennaio E. Vanoni, La politica economica degli anni degasperiani cit., p

16 e nonostante la panoplia di commissioni create appositamene dalla burocrazia italiana e internazionale allo scopo di renderlo operativo 69. Compromesso sociale (mancato) e neocorporativismo politico Si trattò, dunque, dell ennesima occasione mancata per dare un impulso coerente alle politiche di sviluppo del paese? Se di occasione mancata si deve parlare, essa riguardava anzitutto la possibilità, lasciata quasi subito cadere, di utilizzare il piano Vanoni come strumento di negoziazione tra le varie parti sociali degli obiettivi da perseguire congiuntamente nel medio-lungo termine; come spazio, in altri termini, capace di costruire le condizioni idonee alla definizione di un compromesso sociale istituzionalizzato fra i vari attori del mondo del lavoro e della produzione. Una pratica di dialogo sociale che altrove, per esempio in Francia, aveva individuato proprio nell istituto del piano economico (e nelle sue tecnostrutture) lo strumento per comporre interessi a volte divergenti 70. In questo senso, la pianificazione assumeva una funzione socializzatrice, che mirava essenzialmente alla definizione di criteri a partire dai quali i differenti attori sociali orientavano le proprie scelte, nonché alla riduzione del grado di incompatibilità dei progetti di cui essi si facevano portatori 71. In Italia, invece, a nulla valse l entusiasmo con cui il piano Vanoni venne accolto da attori come la CISL, la quale vedeva in esso l opportunità di far partecipare in maniera sistematica i lavoratori ai processi decisionali che li riguardavano, in linea con l approccio istituzionalista alle relazioni industriali che contraddistingueva la sua strategia sindacale 72. Giovanni Gronchi, esponente di primo piano della sinistra sindacalista all interno della DC, fu il primo a indicare che il punto debole del piano stava proprio nel fatto che esso non prevedeva alcun ruolo attivo per i sindacati e le associazioni padronali 73. Ciò d altra parte, sottolineavano i detrattori, era in linea con il fatto che il piano non indicava alcun strumento capace di vincolare, quanto meno orientandoli in un senso piuttosto che nell altro, gli investimenti privati, in particolare quelli di natura industriale 74. Questo fallimento sul piano della definizione di meccanismi di negoziazione collettiva miranti all elaborazione di politiche condivise di sviluppo e, soprattutto, di redistribuzione del reddito nazionale chiama in causa il rapporto tra la politica, con particolare riferimento al partito di maggioranza relativa, e l economia. E proprio di quegli anni l inaugurazione, da parte della DC, di una strategia rivendicante una maggior capacità di presa sui milieaux 69 Durante il 1955 vennnero istituiti ben 10 comitati ministeriali incaricati di raccogliere i dati sui programmi di investimento prospettati dal piano Vanoni, e di studiarne le modalità di realizzazione negli anni immediamente successivi ( ). L anno dopo fu la volta del Comitato dei ministri per la coordinazione delle disposizioni esecutive relative al piano. Questa struttura fu subito affiancata dal Comitato per lo sviluppo dell occupazione e del reddito, alla guida del quale fu nominato Saraceno. Esso doveva sostanzialmente fare una selezione dei problemi legati alla messa in opera del piano, per poi sottoporli all attenzione del Presidente del consiglio. Anche gli esperti della SVIMEZ furono sollecitati al fine di offrire il proprio contributo per rendere conto degli strumenti operativi connessi al piano presso le istanze della burocrazia internazionale, in particolare il gruppo n. 9 dell OECE, interamente dedicato allo studio dell evoluzione dell economia italiana. Cfr. V. Vitale, L attività della SVIMEZ cit., pp. 594 ss. 70 A. Desrosières, La commission et l équation. Une comparaison des plans français et néerlandais entre 1945 et 1980, in Genèses, 1999, n. 34, pp Si veda a questo proposito L. Nizard (a cura di), Planification et société, Grenoble, Presse universitaire de Grenoble, As Cisl (Archivio storico Cisl, presso Fondazione Pastore, Roma), b. 47, f. 1, Memorandum della CISL sul Piano Vanoni, 4 gennaio V. Vitale, L attività della SVIMEZ cit., pp. 594 ss. 74 L. Vandone, Il modello di sviluppo economico italiano negli anni 50, in F. Peschiera (a cura di), Sindacato, industria e stato negli anni del Centrismo. Storia delle relazioni industriali in Italia dal 1948 al 1958, Firenze, Le Monnier, 1979, vol. II, p

17 economici del paese. Tale strategia, che verrà poi etichettata dai suoi detrattori come neocapitalista 75, faceva perno sull accresciuto dinamismo delle imprese di Stato e sulla mobilitazione dei molteplici interessi legati alle loro attività, nell intento ultimo di creare consenso politico promuovendo forme di negoziazione diretta tra gli enti pubblici e le forze sociali 76, in particolare i cosiddetti ceti medi produttivi 77. In questo modo si portava la mediazione politica degli interessi fuori dal Parlamento, secondo un accezione neocorporativa dei rapporti tra politica e società che non prevedeva momenti di confronto istituzionalizzato tra i vari attori sociali 78. Di qui l interpretazione restrittiva di tutte le ipotesi di pianificazione economica a partire proprio dallo schema Vanoni. Così, le attività delle imprese pubbliche non vennero inquadrate in alcun piano economico nazionale che potesse coordinarne gli indirizzi fondamentali, nemmeno dopo la creazione del Ministero delle partecipazioni statali nel 1956, rimasto privo per lungo tempo della capacità di incidere significativamente sulla politica industriale nazionale 79. Non stupisce a questo proposito il fatto che lo schema Vanoni non assegnasse alle imprese pubbliche compiti particolari 80, limitandosi a indicare gli investimenti diretti che lo Stato avrebbe dovuto compiere nei settori propulsivi. Tra questi, non figuravano i comparti dell industria di base (siderurgico e meccanico), che pure proprio a partire dal 1954, insieme ai trasporti aerei e marittimi, beneficiarono degli sforzi più cospicui compiuti dall IRI in termini sia finanziari sia progettuali, contribuendo a spingere la dinamica degli investimenti dell intero gruppo su livelli d eccezione (tra il 1954 e il 1958, l incremento degli investimenti produttivi fu pari al 10%) 81. Semmai, il rinnovato impegno dell ente pubblico in tali settori (soprattutto in quello meccanico) veniva sussunto dalla prevista crescita della domanda di beni strumentali e del reddito pro-capite 82. Ciò non di meno, visto che 5 dei settori riconducibili alle categorie propulsive codificate dallo schema (elettricità, telefonia, settore radiotelevisivo, trasporti aerei e marittimi) investivano buona parte delle attività del gruppo IRI, il sistema delle imprese pubbliche rappresentava uno strumento imprenscindibile alla realizzazione degli ambiziosi obiettivi indicati dal piano. L assenza, nel documento in questione, di un esplicito riferimento a tale nesso va probabilmente ascritta non solo al carattere eminentemente macroeconomico delle ricette prospettate (in cui gli echi keynesiani erano evidenti), ma anche al rapporto, affatto risolto, tra tecnici e politici, e, nello specifico, tra IRI e partiti di governo. 75 In particolare da parte di esponenti del sindacalismo di sinistra come Bruno Trentin e Vittorio Foa. Cfr. G. Berta, L Italia delle fabbriche. Genealogie ed esperienze dell industrialismo nel Novecento, Bologna, Il Mulino, 2001, pp M. Maraffi, Politica ed economia in Italia. La vicenda dell impresa pubblica dagli anni trenta agli anni cinquanta, Bologna, Il Mulino, 1999, capitolo Ancora attuali, ci sembrano, le considerazioni contenute in A. Pizzorno, I ceti medi nei meccanismi del consenso, in A. Pizzorno, I soggetti del pluralismo. Classi, partiti, sindacati, Bologna, Il Mulino, 1980, pp Condividono sostanzialmente questa tesi anche F. Cassano, Il teorema democristiano. La mediazione della Dc nella società e nel sistema politico italiani, Bari, De Donato, 1976 ; M. Salvati, Stato e industria nella Ricostruzione: alle origini del potere democristiano, , Milano, Feltrinelli, Per il semplice fatto che non disponeva di adeguati strumenti di controllo e sanzione da utilizzare nei confronti delle imprese pubbliche. Cfr. F. Barca, S. Trento, La parabola delle partecipazioni statali : una missione tradita, in F. Barca (a cura di), Storia del capitalismo italiano dal dopoguerra a oggi, Roma, Donzelli, 1999, p D. Fausto, L intervento pubblico in Italia ( ), in F. Cotula (a cura di), Stabilità e sviluppo negli anni Cinquanta. 2. Problemi strutturali e politiche economiche, Roma-Bari, Laterza, 1998, p As Iri, Archivio II (Numerazione Nera), Serie Servizio coordinamento e segreteria del direttore generale, b. IE/1316, fasc. 6, Carattere della politica degli investimenti dell Iri, s.d. [1958]. 82 Ministero dell industria e del commercio, L Istituto per la Ricostruzione Industriale. III. Origini, ordinamenti e attività svolta (rapporto del prof. Pasquale Saraceno), Torino, Utet, 1956, pp

18 Dualismo economico e industrializzazione: i piani quadriennali d investimento dell IRI Il vero legame tra il piano Vanoni e la missione istituzionale dell IRI, in realtà, consisteva nell obiettivo dello sviluppo e dell industrializzazione del Mezzogiorno 83, così come la leadership nazionale della tecnocrazia meridionalista (da cui in parte derivava la SVIMEZ), dal 1943 in poi, aveva a più riprese indicato tra le priorità da inserire stabilmente nell agenda dell interventismo pubblico. La questione del persistente dualismo economico nord-sud andava risolta ricorrendo all opzione dell ammodernamento delle infrastrutture (creando cioè l ambiente idoneo agli insediamenti industriali) e puntando sui conseguenti effetti moltiplicativi nei confronti della domanda aggregata 84. Di fatto, l elaborazione del piano Vanoni e il rafforzarsi della congiuntura a livello mondiale nella seconda metà degli anni cinquanta, costituirono l occasione per riconsiderare, per la prima volta in modo organico, le prospettive di lungo periodo del gruppo pubblico. La politica degli investimenti dell IRI, una volta conclusa la fase dei grandi programmi di ristrutturazione postbellica, entrava così in una nuova fase, caratterizzata da uno sforzo di maggior coordinamento con le politiche economiche nazionali, non più regolate unicamente attraverso lo strumento del governo della moneta. Di qui la stesura di programmi coordinati di gruppo. Si trattava di piani pluriennali di investimento (4-5 anni) che, da un lato, dovevano tenere conto delle linee di sviluppo economico prevedibili sul piano nazionale, e dall altro delle modalità di partecipazione a tali sviluppi da parte dei vari settori in cui l IRI operava 85. L orizzonte sancito dal perseguimento di grandi obiettivi di sviluppo, e dunque al servizio della politica economica nazionale, era evidente in tutti i documenti eplicativi che accompagnavano questi piani di gruppo : aumento dell occupazione nelle imprese del gruppo di ben unità, consolidamento del tasso di esportazione dei beni prodotti (che coprivano più del 25% del totale degli utili), promozione di iniziative di industrializzazione nelle regioni del sud Italia, ecc. 86 Il primo piano quadriennale per il periodo prevedeva un impegno finanziario pari a circa 800/850 miliardi di lire correnti (poi rivisto al rialzo, attorno ai miliardi, per via dell acquisizione dell intero settore telefonico nazionale e dell ampliamento del programma per la realizzazione dell Autostrada del sole) 87 e, secondo gli esperti dell ufficio studi dell istituto romano, doveva rispondere a quattro ordini di esigenze: i) introdurre all interno del gruppo un metodo di lavoro che consentisse di precisare meglio le responsabilità ai diversi livelli (IRI, finanziarie di settore e singole aziende); ii) stabilire direttive a lunga scadenza; iii) individuare gli elementi capaci di favorire l armonizzazione dei singoli programmi; iv) definire i fabbisogni finanziari dei vari settori 88, così da rimodulare il rapporto tra il (crescente) ricorso al Tesoro (per aumentare il fondo di dotazione) e l utilizzo dei tradizionali strumenti offerti dal mercato finanziario (emissioni obbligazionarie e ricapitalizzazioni) As Iri, Archivio II (Numerazione Nera), Serie Ufficio studi, Libro bianco, b. SD/1416, IRI e Piano Vanoni, L. D Antone, L «interesse straordinario«per il Mezzogiorno ( ), in Meridiana, 1995, n. 24, pp As Iri, Archivio II (Numerazione Nera), Serie Ufficio studi, Piani quadriennali, b. ID/491, fasc. 2, Nota preliminare su un programma del gruppo IRI per il quadriennio , 9 maggio As Iri, Archivio II (Numerazione Nera), Serie Ufficio studi, Piani quadriennali, b. ID/491, fasc. 2, Sunto del piano quadriennale , s.d. [1956]. 87 As Iri, Archivio II (Numerazione Nera), Serie Ufficio Studi, Piani quadriennali, b. ID/492, fasc. 10, Il programma di investimenti IRI, ottobre As Iri, Archivio II (Numerazione Nera), Serie Ufficio Studi, Piani quadriennali, b. ID/491, fasc. 2, IRI. Sunto del piano quadriennale cit. 89 Questo problema si presentava ogni qualvolta veniva aggiornato il piano quadriennale di investimenti del gruppo. Cfr. As Iri, Archivio II (Numerazione Nera), Serie Ufficio Studi, Piani quadriennali, b. ID/492, fasc. 10, 18

19 Dietro questa gamma di esigenze microeconomiche, più che altro legate a preoccupazioni di redifinizione degli assetti organizzativi e finanziari del gruppo, ve ne erano però altre che miravano a fare dell IRI un attore fondamentale dello sviluppo economico nazionale. Questo primo piano puntava infatti a soddisfare la crescente domanda di modernizzazione che la società italiana reclamava sotto diversi punti di vista: in termini di allineamento dei servizi pubblici agli standard europei di efficienza e qualità (soprattutto per quanto riguardava le reti dei trasporti, delle telecomunicazioni e il servizio radiotelevisivo) e in termini di aumento della produzione di energia e di beni strumentali 90. Il dettaglio del contenuto del programma quadriennale di investimenti dell IRI a partire dal 1959, in seguito agli aggiustamenti effettuati in corso d opera dopo la prima approvazione nel 1957, dà conto dell ampiezza degli obiettivi che esso si prefiggeva (tab. 1): Tab. 2. Piano quadriennale d investimenti dell IRI (milliardi di lire correnti), Settori Previsioni Previsioni 1959 Telefonia Energia elettrica Radiotelevisione 30 8 Trasporti marittimi Trasporti aerei 55 8 Siderurgia Meccanica Imprese diverse 5 3 Autostrada del Sole Totale Fonte : As Iri, Archivio II (Numerazione Nera), Serie Ufficio Studi, Piani quadriennali, b. ID/492, f. 11, Programma finanziario di massima dell IRI per il quadriennio , Lo sforzo finanziario, organizzativo e progettuale era considerevole, e configurava la volontà di eliminare alcune strozzature che in Italia ancora persistevano sul piano infrastrutturale. Nella telefonia, per esempio, attraverso la riunificazione sotto il controllo pubblico di tutte le società concessionarie che allora si spartivano il mercato nazionale, si mirava a creare, sotto l egida del monopolio statale, una rete telefonica unica capace di rendere accessibile ovunque i servizi da essa offerta, e di accrescere il numero degli abbonati in media del 38% (60% per le regioni meridionali). Allo stesso modo, gli investimenti negli impianti radiotelevisivi puntavano ad affiliare un maggior numero di abbonati. Nel settore dell energia elettrica, si puntava a accrescere sensibilmente le capacità produttive degli impianti idroeletttrici (da Gwh a Gwh per la fine del 1962), di quelli termoelettrici, e a costruire la prima centrale termonucleare. La costituzione della compagnia aerea di bandiera, l ALITALIA, e l allargamento della sua flotta, che doveva raggiungere le 58 unità alla fine del 1958, andava di pari passo all aumento del traffico che i principali aeroporti italiani avevano registrato nel corso di quegli anni. L idea di accompagnare la crescita economica nell ambito di una congiuntura particolarmente favorevole, che domandava un surplus di sforzi al fine di dotare il paese delle infrastrutture necessarie alla sua industrializzazione, era ugualmente presente nel progetto per la realizzazione dell autostrada Milano-Napoli, meglio nota come Autostrada del Sole, che sarebbe divenuta la seconda rete stradale europea in termini di chilometri disponibili. Anche gli altri investimenti previsti Aumento del fondo di dotazione dell Iri in relazione al finanziamento del piano quadriennale , s.d. [ ]. 90 As Iri, Archivio II (Numerazione Nera), Serie Ufficio studi, Piani quadriennali, b. ID/491, fasc. 2, IRI. Sunto del piano quadriennale cit. 19

20 erano complementari a un progetto dagli accenti chiaramente sviluppisti, che si trattasse di accrescere la produzione di ghisa e acciaio per meglio servire le esigenze del mercato nazionale (passando da 4 a 5 millioni di tonnellate annue) o di rilanciare i settori più promettenti dell industria meccanica (l industria automobilistica, l elettromeccanica, la meccanica di precisione, ecc.) 91. Ora, sarebbe assai utile comparare la proporzione degli investimenti destinati dall IRI ai cosidetti settori propulsivi con le previsioni contenute nel piano Vanoni. Tuttavia le differenti modalità di aggregazione dei dati complicano tale compito (bisognerebbe poter scomporre i dati secondo i diversi sotto-settori). A titolo di esempio, se si prendono in considerazione gli investimenti per il 1959, al momento dell avvio del primo piano quadriennale, si nota che l impegno finanziario dell IRI nei settori propulsivi raggiungeva il 14,6% del totale degli investimeni previsti a livello nazionale dal piano Vanoni (e la percentuale sarebbe ben più elevata si si prendessero in considerazione solamente i sottosettori in cui l IRI promosse i suoi investimenti, vale a dire l energia, la telefonia, la radiotelevisione, le autostrade, i cantieri navali, ecc.) 92. Il compito per l IRI era dunque non indifferente. A ciò non bisogna dimenticare l impegno a destinare una parte dei propri investimenti produttivi (almeno il 40%) nelle regioni del sud d Italia, in applicazione della legge n. 634 del 30 giugno La quota della capacità produttiva delle imprese siderurgiche del gruppo pubblico localizzate nel Mezzogiorno, per esempio, sarebbe passata dal 30 al 51% già nel corso dei primi anni sessanta 93. Questo vincolo, a seconda dei settori, a volte permise di destinare più di un terzo delle risorse del piano quadriennale d investimenti alle regioni meridionali (vedi tab. 2). In generale, però, il tetto del 40% indicato dalla legge non fu quasi mai raggiunto. Tab. 3. Ripartizione degli investimenti del gruppo IRI (miliardi di lire correnti), Settori Totale investimenti Investimenti nel Mezzogiorno % Mezzogiorno Telefonia ,1 Energia elettrica ,8 Siderurgia , Meccanica ,6 Diverse e RAI ,1 Autostrada del sole ,6 Trasporti marittimi * 36,0 Trasporti aerei 55 21* 38,0 Totali ,2 Fonte : As Iri, Archivio II (Numerazione Nera), Serie Ufficio Studi, Piani quadriennali, b. ID/492, f. 8, Relazione della Comissione Demaria sui problemi degli investimenti e dei finanziamenti dell IRI e dell ENI per i quadrienni e , 1958, parte III, p. 3. * Stime In mancanza di un iniziativa politica sufficientemente convinta, la quale scontava le numerose divisioni interne alla DC e la tradizionale prudenza delle coalizioni governative in materia economica, il management dell IRI raccolse dunque il testimone dei programmi 91 Per una sintesi del primo piano quadriennale si rinvia a As Iri, Archivio II (Numerazione Nera), Segreteria organi deliberanti, Consiglio di amministrazione (materiale in preparazione), b. 112/D, IRI. Grado di avanzamento a fine 1958 del programma Linee sommarie del programma , 23 ottobre Come si è visto in precedenza, gran parte degli investimenti propulsivi previsti dal piano Vanoni erano destinati al settore agricolo e ai lavori pubblici, attività in cui le imprese dell IRI non erano direttamente coinvolte. 93 As Iri, Archivio II (Numerazione Nera), Segreteria organi deliberanti, Consiglio di amministrazione (materiale per la preparazione), b. 116/D, IRI. Elementi per la relazione programmatica per l esercizio 1961, 15 dicembre

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione consiliare

Dettagli

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem Relazione del Presidente Dino Piacentini Assemblea Generale Aniem 26 giugno 2015 Cari amici e colleghi, anzitutto grazie. Per aver condiviso un percorso in un periodo non certo facile per le nostre imprese,

Dettagli

CAPITOLO 5 PP. 229-281

CAPITOLO 5 PP. 229-281 CAPITOLO 5 PP. 229-281 Il Secondo dopoguerra L Italia esce sconfitta dalla 2ª G.M. ma profondamente rinnovata: Passa da una strategia di sviluppo c.d. ISI, ISI = Industrializzazione Sostitutiva di Importazioni;

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1]

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.2: Il ruolo del settore pubblico in un'economia mista [1:cap.1] Docente: Antonio

Dettagli

Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE"

Convegno LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE" Alcune riflessioni sul tema della diffusione dell'ict nelle imprese Guido Mario Rey Facoltà di Economia

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Il diritto per tutti a fare turismo non dovrebbe più essere solo una prescrizione di legge da far osservare, imponendo l abbattimento

Il diritto per tutti a fare turismo non dovrebbe più essere solo una prescrizione di legge da far osservare, imponendo l abbattimento Milano, 15 febbraio 2013 Il Libro Bianco sul Turismo per Tutti in Italia è il risultato di un processo di lunga deriva, che ha presupposti, basi e svolgimento, attualità e certamente anche futuro. Perché

Dettagli

Partecipazione e processi decisionali.

Partecipazione e processi decisionali. Partecipazione e processi decisionali. La legge regionale della Toscana sulla partecipazione: principi, finalità, contenuti. Antonio Floridia Responsabile del settore Politiche per la partecipazione Giunta

Dettagli

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte La Agenda Seoul, obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte è uno dei maggiori

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro

Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro Banca d'italia Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro Saluto di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 ottobre 2011 Do il benvenuto

Dettagli

AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI

AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI PROPOSTE PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PREMESSA Con l approvazione del Decreto legislativo n. 23 del 15 febbraio 2010 è stata varata

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA

INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA corso di Storia economica lezione 09.05.2014 gli altri casi nazionali INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA (1896-1920...) LA MINORITA DELLA BORGHESIA INDUSTRIALE: - il liberoscambismo dominante - la faticosa

Dettagli

INTERVENTO DI LAURA AROSIO

INTERVENTO DI LAURA AROSIO INTERVENTO DI LAURA AROSIO Ricercatrice in Sociologia presso l Università di Milano Bicocca L aumento delle separazioni legali e dei divorzi in Italia BIOGRAFIA Laura Arosio è ricercatrice in Sociologia

Dettagli

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Formazione Permanente Milano, 24 ottobre - 29 novembre 2012 In collaborazione con: Finalità

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

LA QUESTIONE MERIDIONALE

LA QUESTIONE MERIDIONALE ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI Centro Linceo Interdisciplinare Beniamino Segre I LINCEI PER LA SCUOLA Lezioni Lincee di Economia Roma, 9 febbraio 2011 LA QUESTIONE MERIDIONALE Anna Giunta agiunta@uniroma3.it

Dettagli

Anna Monterubbianesi - Ufficio stampa Forum Nazionale del Terzo Settore

Anna Monterubbianesi - Ufficio stampa Forum Nazionale del Terzo Settore Ruolo, caratteristiche, criticità 1 La definizione Terzo Settore nasce per identificare tutto ciò che non appartiene né al Primo settore, ossia alla sfera pubblica (stato, regioni, enti locali, altri enti)

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

Notizie dall Unione europea

Notizie dall Unione europea Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione Notizie dall Unione europea 20 novembre 2006 La Commissione europea propone un divieto totale del commercio

Dettagli

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale In collaborazione con E con il patrocinio di: Iniziativa realizzata

Dettagli

di Franco Bassanini (Presidente della Cassa Depositi e Prestiti)

di Franco Bassanini (Presidente della Cassa Depositi e Prestiti) La nuova missione della Cassa Depositi e Prestiti (D.L. 31 marzo 2011, n. 34) e la definizione delle sue regole di ingaggio : primi elementi di valutazione di Franco Bassanini (Presidente della Cassa Depositi

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese?

Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese? Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese? Torino, 14 aprile 2006 Indice Considerazioni iniziali...p.3 La non crescita...p.5 In concreto, cosa si può fare?...p.6 Considerazioni

Dettagli

2) PARTENARIATO LOCALE

2) PARTENARIATO LOCALE 2) PARTENARIATO LOCALE Introduzione Questo documento è una analisi basata sulle presentazioni e sugli scambi di materiale raccolto durante il lavoro del gruppo tematico che è stato condotto all interno

Dettagli

Sarà perché la popolarità delle

Sarà perché la popolarità delle Banca etica Adulta a 15 anni Nata nel 1999, è ormai una struttura consolidata, che finanzia 7.500 progetti coniugando solidarietà e mercato di Nerina Trettel Sarà perché la popolarità delle banche continua

Dettagli

Regole e istituzioni, o discrezionalità?

Regole e istituzioni, o discrezionalità? Regole e istituzioni, o discrezionalità? Alberto Franco Pozzolo Università degli Studi del Molise La riforma del bilancio dello Stato, Campobasso 30 gennaio 2016 Sommario I motivi della riforma I vincoli

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

1. C è spazio, e quanto, per l adozione locale di linee-guida e raccomandazioni

1. C è spazio, e quanto, per l adozione locale di linee-guida e raccomandazioni VII PRESENTAZIONE Le linee-guida e le raccomandazioni scientifiche nella vita vera del Servizio Sanitario Nazionale, ovvero come creare un clima che ne favorisca l adozione sul campo Qualche mese fa sono

Dettagli

AVIS NAZIONALE CONVEGNO AVIS NEL TERZO SETTORE

AVIS NAZIONALE CONVEGNO AVIS NEL TERZO SETTORE AVIS NAZIONALE CONVEGNO AVIS NEL TERZO SETTORE RELAZIONE AVIS E I LUOGHI DI RAPPRESENTANZA DEL TERZO SETTORE Felice Majori 1 La individuazione dei luoghi di rappresentanza del Terzo Settore interessanti

Dettagli

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Politiche, programmi, bandi Dovrebbe essere innanzitutto chiaro che le risorse finanziarie messe a disposizione dal bilancio europeo attraverso i bandi servono

Dettagli

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 29 30 APRILE FINANZA PUBBLICA TEORIE ECONOMICHE Sergio Zucchetti 1 Una parentesi: le teorie economiche Quando in Italia si parla di politiche

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA SCENARI STRATEGIE POLITICHE PROGETTI PER LA PROVINCIA DI MACERATA Questo studio fa parte di un itinerario di

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un INTRODUZIONE Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un continuo aumento d importanza, in termini qualitativi e quantitativi, del settore dei servizi,

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI PROTOCOLLO D INTESA Tra la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e l Agenzia Nazionale per i Giovani in relazione alle attività e

Dettagli

Giornata di studio. Gli investimenti nel servizio idrico integrato Criticità e prospettive nelle regioni a obiettivo uno

Giornata di studio. Gli investimenti nel servizio idrico integrato Criticità e prospettive nelle regioni a obiettivo uno Giornata di studio Gli investimenti nel servizio idrico integrato Criticità e prospettive nelle regioni a obiettivo uno Enna, 19 novembre 2010 Intervento di Luciano Baggiani, Presidente ANEA Pagina 1 di

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori Confi ndustria Modena Gruppo Giovani Imprenditori Il Gruppo Giovani Imprenditori Modena CHI SIAMO Il Gruppo Giovani Imprenditori di Modena è elemento integrante della vita associativa di Confi ndustria

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute CODICE ETICO Al fine di favorire la qualità e il prestigio dell attività svolta dalla Società Italiana delle scienze

Dettagli

Schema 11 La Privatizzazione

Schema 11 La Privatizzazione Schema 11 La Privatizzazione La fornitura di beni e servizi da parte del settore pubblico può assumere la forma di diversi mix di finanziamento (pubblico/pri vato) e produzione (pubblica/privata) cfr.

Dettagli

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità Intervento di Mariaelena Romanini 1 Nell ambito del seminario: L apprendistato

Dettagli

ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI

ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI COMUNE DI NOVARA CODICE15.3.1.5 Cabina di Regia: funzioni di rango urbano e gateway Scheda azioni Immateriali Cabina di Regia: funzioni di rango urbano

Dettagli

Sede legale: via Umberto I, 9 10088 VOLPIANO Sede operativa: via Pascoli 7/c - 10070 Caselle T.se (TO) tel. 011.99.68.133 cell. 335.711.64.

Sede legale: via Umberto I, 9 10088 VOLPIANO Sede operativa: via Pascoli 7/c - 10070 Caselle T.se (TO) tel. 011.99.68.133 cell. 335.711.64. 1 PROPOSTA PROGETTUALE.. CORSO di RISPARMIO ENERGETICO PREMESSA Il presente progetto rappresenta una proposta formativa il cui obiettivo è sensibilizzare i bambini verso una nuova consapevolezza di rispetto

Dettagli

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004 Il diritto comunitario del lavoro 27 gennaio 2004 Di Seri 1 Nozione Con il termine diritto comunitario si fa riferimento al complesso normativo costituito dai trattati istitutivi delle tre Comunità Europee

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA

PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA OBBLIGO DI PARTECIPAZIONE DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI AL SERVIZIO DI CENTRALIZZAZIONE DEI RISCHI GESTITO DALLA BANCA D ITALIA Documento per la consultazione e analisi

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO

ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO PREMESSA L Associazione "ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE o più brevemente ANTICRISI.NET, ha scelto di dotarsi di un Codice Etico. Adottare un Codice

Dettagli

Il risultato atteso è quello di attivare forme di virtuosa cooperazione e sinergia tra le diverse anime scientifiche del Paese per mettere a punto

Il risultato atteso è quello di attivare forme di virtuosa cooperazione e sinergia tra le diverse anime scientifiche del Paese per mettere a punto Documento d intesa tra SIMLII, SItI e AIDII per l'elaborazione di strumenti scientifici, normativi e applicativi per la tutela e la promozione della salute e la sicurezza e qualità negli ambienti di lavoro

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) 1 1. LA NASCITA DELLA SCUOLA Durante la 1^ guerra mondiale Gino Toso figlio di Angelo Toso, aveva un cuore grande e generoso, per questo

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione Quali sono i Diritti di Proprietà

Dettagli

Economia reale e finanza. un analisi territoriale

Economia reale e finanza. un analisi territoriale Economia reale e finanza alla luce della crisi: un analisi territoriale Giuseppe Garofalo Facoltà di Economia Dipartimento di Studi Aziendali Tecnologici e Quantitativi LOCAL Uno schema interpretativo

Dettagli

Corporate Social Responsibility

Corporate Social Responsibility Corporate Social Responsibility Prof. Gianluca Colombo Professore Ordinario di Economia aziendale, all Università Svizzera Italiana e all Università degli Studi dell Insubria. MBCF. Il panorama delle imprese

Dettagli

VADEMECUM UFFICIO PACE

VADEMECUM UFFICIO PACE VADEMECUM UFFICIO PACE In questi ultimi anni, in molti comuni italiani, si è andata diffondendo la pratica dell istituzione di un ufficio pace. Ma che cosa sono questi uffici? E di cosa si occupano? Attraverso

Dettagli

MBO - Management by objectives

MBO - Management by objectives DAL 1946, CONSULENTI DI DIREZIONE 10133 TORINO CORSO FIUME 2 - Tel.(011) 6604346 6603826 (fax) Email: consulenti@studiobarale.it MBO - Management by objectives Una breve guida all introduzione in azienda

Dettagli

Sezione di Bergamo. Prot.n.10575. Egr.sig. SINDACO. Comune di RANICA 24121 BERGAMO. Fax 035 511214. AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE di RANICA

Sezione di Bergamo. Prot.n.10575. Egr.sig. SINDACO. Comune di RANICA 24121 BERGAMO. Fax 035 511214. AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE di RANICA Prot.n.10575 Sezione di Bergamo Egr.sig. SINDACO Comune di RANICA. 24121 BERGAMO Fax 035 511214 AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE di RANICA A TUTTI I CONSIGLIERI COMUNALI DEL COMUNE DI RANICA E, p.c

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE Non c è mai una seconda occasione per dare una prima impressione 1. Lo scenario Oggi mantenere le proprie posizioni o aumentare le quote di mercato

Dettagli

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE All attenzione del Dirigente Scolastico del Liceo Classico Adolfo Pansini, prof. Salvatore Pace Oggetto: Progetto Scriviamo... CAMBIAMO Introduzione Il sottoscritto, Salvatore Salzano, Presidente Nazionale

Dettagli

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO ACCORDO QUADRO tra Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (di seguito denominato CNR), C.F. 80054330586, con sede in Roma, Piazzale Aldo Moro n. 7, rappresentato dal Prof. Luigi Nicolais, in qualità di

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

ORDINANZA NUMERO 39 DELLA COALTION PROVISIONAL AUTHORITY (AUTORITÀ PROVVISORIA DELLA COALIZIONE) INVESTIMENTI ESTERI*

ORDINANZA NUMERO 39 DELLA COALTION PROVISIONAL AUTHORITY (AUTORITÀ PROVVISORIA DELLA COALIZIONE) INVESTIMENTI ESTERI* N.B.: La traduzione della presente legge, curata dall Istituto nazionale per il Commercio Estero, ha fini esclusivamente divulgativi e non è da intendersi come traduzione ufficiale. Si esclude ogni forma

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale In questa periodo sono un fase di sottoscrizione gli Accordi di Programma nei diversi ambiti territoriali nella Provincia di Cuneo. La ricerca

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Simone Tosi, Tommaso Vitale To cite this version: Simone Tosi, Tommaso Vitale. Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro. Piccolo

Dettagli