Tav, Pedemontana e Teem tra rischi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tav, Pedemontana e Teem tra rischi"

Transcript

1 qgb00inkareigjksjkbnf0qlzsn+tcisbae/yiue0py6j4x4mhm2uw== y(7hb9h2*npskkk( +#!z!"!z!: (in) Europa Anno III - Numero 8 21 Febbraio Euro 0,10 A pagina 5 LOMBARDIA Inauguraa la nuova sede della Regione, cosaa 400 milioni di euro. Riunii in un solo luogo ui gli assessorai A pagina 7 RIFIUTI Al Nord la raccola differenziaa funziona bene, lo conferma il presidene del Conai, Piero Perron Per il Nord-Oves quese e alre infrasruure sono divenae indispensabili Tav, Pedemonana e Teem ra rischi di blocchi e soldi che mancano Non facciamo scherzi! Chi per un moivo e chi per un alro, nei giorni scorsi sono sai lanciai preoccupani segnali di allarme: la realizzazione di indispensabili infrasruure per il Nord-Oves corrono il rischio di essere bloccae. Il pericolo maggiore sembra riguardare la Pedemonana lombarda: è Roma a meere in discussione il Piano finanziario dell opera. Al puno che l assessore alle Infrasruure della Lombardia, Raffaele Caaneo ( nella foo menre presena il racciao in un caniere ) èsboao: «Se Roma non sbloccherà l ier della Pedemonana mi incaenerò ai cancelli del Minisero dell Economia». Sempre in Lombardia sembra avviaa sul binario giuso la realizzazione della Tangenziale Es Eserna di Milano: nei giorni scorsi èsao presenao il progeo definiivo. Ma non mancano anche qui delle criicià: il presidene della Provincia di Monza, Dario Allevi, ha evidenziaocome con la nuovaangenziale sia previso il prolungameno delle linee 2 e 3 della meropoliana. Solo che i soldi di Roma non sisono ancora visi. A Torino, invece, si cerca di accelerare i empi per chiudere la paria della Tav. I due mesi di proroga concessi dalla Commissione europea non sono moli. Nel fraempo Regione e sindacai hanno sooscrio due proocolli che aiueranno ad accelerarne la realizzazione. Alle pagg. 2-3 Bresciani: «Il paziene va curao a casa sua» L inervisa (grf) «Si vive sempre più a lungo e ci sono sempre più anziani. La nosra sfida del fuuro quindi è la cronicià»: parola di Luciano Bresciani ( nella foo ), assessore allasanià di Regione Lombardia e carchiochirurgo (è il medico di Umbero Bossi). «L'ospedale deve essere il luogo di cure complesse, quando non esisono alernaive per curare quella specifica paologia», insise l assessore che puna all associazionismo ra medici, pediariespecialisi ambulaoriali per meere il paziene al cenro di una ree. Per quano riguarda il «caso Pezzano» dice: «Io sono un garanisa. Pezzano non è indagao. Ai mafiosi non ineressano le persone soo i rifleori, ma chi agisce nell ombra, gli insospeabili, coloro che sanno infilrarsi addiando alri». A pag. 4 Piemone, il Piano per l Occupazione procede bene, ma si può fare di più Il Piano sraordinario per l Occupazione, varao oo mesi fa dalla Regione Piemone con uno sanziameno complessivo di circa 400 milioni di euro, funziona; ma si può fare di più. L ha deo il governaore Robero Coa che ha racciao un primo bilancio dell iniziaiva che si è rivelaa di fondamenale imporanza in quesa crisi economica. Ecco alcuni numeri. Sono sae presenae domande per inserire disoccupai e sabilizzare chi ha un conrao emporaneo o di apprendisao, 466 per la creazione di nuove imprese (di cui 35 già ammesse ai fondi), 867 (di cui 116 da under 35) per lo sviluppo di microimprese innovaive e 273 per l innovazione nella pmi. A pag. 6 (IN) Franco Buzzi Il vicepresidene della Buzzi-Unicem, colosso del cemeno, s èspeno acasale Monferrao. Per mesoelioma, il male della polvere d amiano che ha colpio ani in quella cià. Eanche lui che, ironia della sore, aveva dao via a una Fondazione proprio per la ricerca sul mesoelioma. )OUT( Domenico Di Virgilio Poveri i nosri depuai cosrei a passare ore sedui sugli scranni di Moneciorio a voare leggi... Così queso medico e depuao del Pdl ha proposo di meere i pedali di una cyclee soo i banchi, per fare moo menre si voa. Eper chi sa ore in piedi alla caena di monaggio cosa propone? Direore responsabile: Giancarlo Ferrario - Auorizzazione ribunale di Milano n. 655 del 5 novembre Sampa: Tipografia Liosud - Pessano con Bornago - Milano - Via Aldo Moro, 2

2 Infrasruure (2 ) LA TANGENZIALE DI ALESSANDRIA E' sao inaugurao nei giorni scorsi ( nella foo ) l ulimo rao della angenziale di (in) Europa - 21 Febbraio 2011 Alessandria. L opera, finanziaa dalla Regione, èsaa realizzaa dalla socieà di commienza regionale e consene di rafforzare il collegameno con le srade saali 10 (Torona) e 35 bis (Novi) e soprauo con la saale 30 della Valle Bormida. I CANTIERI Da sinisra, la collina di Morazzone, con l assessore Raffaele Caaneo che indica i lavori, la provinciale a Gazzada (Va) su cui si inneserà la angenziale, e il campo base di Turae (Co) ( MARCO GIBELLI) (gmc) Menre gli operai sono al lavoro, i burocrai del miniserocercano di fermarele ruspe. Menre agazzada, Turae e negli alri canieri della Pedemonana lombarda si sa già cosruendo l auosrada aesa da olre 40anni, a Roma dei funzionari del dicasero dell Economia vogliono cambiare il piano economico finanziario dell opera, dopo che è sao approvao dal Comiao inerminiseriale per la programmazione economica (Cipe), per ben due vole, e dalla Core dei Coni. Con la conseguenza di perdere ipresii bancari necessari per proseguire i lavori. Torino Raffaele Caaneo: «Se Roma non sbloccherà l ier mi incaenerò ai cancelli del Minisero dell Economia» Visia ai canieri di Gazzada Schianno (Va) e Turae (Co) Pedemonana, i lavori vanno ma Roma frena Il problema finanziario Il problema èsao sollevao e spiegao dall assessore lombardo alle Infrasruure, Raffaele Caaneo, durane la visia dei canieri di Gazzada Schianno (Va) e Turae (Co). L inera opera coserà circa 5 miliardi di euro, di cui uno a carico dello Sao, 3 da finanziameni privai e l ulimo resane come debio residuo da coprire alla fine della prima concessione di 30 anni, nel 2044, acarico di chi subenrerà nella gesione dell auosrada. Senza dimenicare che l auosrada produce guadagno, con un pedaggio più alo della media nazionale, 12 cenesimi a chilomero conro 6. E ceramene ra30 anni ci saranno ancora auo che la percorreranno. Ma qualche burocrae «con il mal di pancia», come li ha definii Caaneo, chiede che si rovi subio la coperura per il debio residuo, e queso vorrebbe dire un pedaggio ancora più alo, poiché le casse saali non se lo possono permeere. Si aende l inerveno del minisro Giulio Tremoni ed enro una seimana dovrebbe arrivare la risposa. «Confido che uo si risolva - ha aggiuno l assessore regionale - ma se la risposa sarà negaiva sarò il primo a incaenarmi ai cancelli del Minisero. Alrimeni chi lo spiegherà ai lombardi infuriai, che aspeano ques opera da olre 40 anni? Siamo pazieni, ma non sciocchi». Anche Guido Podesà, presidene della Provincia di Milano,che èragli azionisidi maggioranza della socieà che gesisce l opera, ha soolineao che «non si possono cambiare le regole del gioco a meà paria», e si è deo cero che uo si sisemerà, sperando «che anche Roma impari qualcosa dai lombardi e dalla Lombardia circa il rispeo degli impegni già assuni». Alrimeni, ha concluso, «sarà il Minisero ad essere incaenao». Gli espropri Un ema caldo è quello degli espropri, su cui è inervenuo l amminisraore delegao di Auosrada Pedemonana Lombarda, Salvaore Lombardo: «Su espropri di aree e di edifici eseguii sulla raa A (dacassano Magnago a Lomazzo, ndr) ne abbiamo noificai il 100%. Per quano riguarda gli edifici, in paricolare, quasi ue le raaive sono sae risole in forma volonaria garanendo agli espropriai empo e risorse uili a reperire una nuova sede di residenza o d impresa e si confida di risolvere in ale modo anche quelle ancora in sospeso». Siglai due proocolli che aiueranno ad accelerarne la realizzazione Regione e sindacai, unii per la Tav (mrn) La Tav in Piemone corre sul filo del rasoio. Corre è una parola grossa, viso che quano a velocià sembra più una araruga che una gazzella. Ma sul filo del rasoio è cero, perché le conesazioni in Val di Susa e il rischio di non avere i soldi dall Europa per realizzarla sono molo reali. Per aiuare a far sì che queso rischio non si concreizzi, nei giorni scorsi sono sai siglai due imporani proocolli ra la Regione Piemone ecgil, Cisl, Uil e Ugl sulla comunicazione dell Ala Velocià Torino-Lione e sulle relazioni ra la Giuna regionale e le organizzazioni sindacali rispeo al rasporo pubblico, logisica e infrasruure. Il primo documeno, quello sulla Tav, prevede che i sindacai siano coinvoli nella valuazione del piano di comunicazione che la Regione avvierà enro l aperura del caniere de La Maddalena per informare la popolazione, non solo della Valsusa, sulle ricadue dell opera per il erriorio. L alro proocollo, invece, prevede la cosiuzione di un avolo permanene che una vola l anno esamini i progei delle opere da realizzare, e che ogni sei mesi,alla presenzadei sindacai, valui lo sao di avanzameno dei lavori. «Il conribuo dei sindacai - Aperi finora 7 canieri, 5 operaivi e i due campi base di Turae e Lozza; enro quaro mesi saranno in oale 20 I canieri Per ora, comunque, uo procede come da programma, e, se non ci saranno inoppi, per la fine del 2014 l auosrada sarà apera, collegando cinque province (Bergamo, Monzae Brianza, Milano,Como e Varese) e 94 Comuni con quaro milioni di resideni e olre imprese. In piena aivià i lavori nei cinque canieri aperi e nei due campi base in realizzazione. Nella visia di venerdì 11 febbraio abbiamo pouo verificare i lavori nel primo loo della Tangenziale di Varese, comprensivi della galleria di Morazzone, lunga 2 km, che collegherà Gazzada Schianno a Lozza, e del più grande campo base della raa A di Pedemonana, che prevede nel Comune di Turae (Co) la realizzazione degli uffici per 200 impiegai, degli alloggi per i 600 operai e per il ricovero di arezzaure e macchinari. ha chiario Barbara Bonino, assessore regionale ai Traspori-al piano di comunicazione sulla Tav è di imporanza sraegica perché amplia il frone isiuzionale favorevole all opera. I sindacai pareciperanno aivamene allaprogrammazione della campagna e saranno coinvoli nelle diverse fasi di auazione. In secondo luogo, con un assunzione di grande responsabilià, hanno messo nero su bianco l imporanza della realizzazione della nuova linea Torino-Lione, riconoscendo le grandi opporunià che l opera offre al erriorio piemonese, a cominciare dalla Valsusa, in ermini di sviluppo e di occupazione».

3 (in) Europa - 21 Febbraio 2011 LA COMPENSAZIONE AMBIENTALE La Tangenziale Es Eserna di Milano, 32 km ra Melegnano e Agrae Brianza, prevede anche 38 km di srade locali, 30 km di pise ciclabili, 16 km di barriere anirumore, 200 eari di aree verdi, 60 earidi aree desinae ariserva nauralisica e 120opereperlaricomposizionedellareeirrigua. Per un coso oale di quasi milioni di euro, di cui il 10% per la sola miigazione ambienale. Infrasruure (3 ) (gmc) Si feseggia un imporane passo avani della fuura Tangenziale Es Eserna di Milano, ma ci si lamena della mancanza di soldi per realizzare i prolungameni della meropoliana promessi. E si assise al solio gioco: di chi è la colpa? Fao sa che, se Roma non crea problemi con i solii riardi nell approvazione del progeo, enro la fine di ques anno si porebbero avviare i lavori dellanuova angenziale che collegherà la A1 a Melegnano con la A4 ad Agrae Brianza, in modo da realizzare la raa ra Melzo eagrae, necessaria per l arrivo della Brebemi, lanuova auosrada Brescia-Milano, per il 2013, e erminare l inera opera per il Di queso erano ui coneni all ulimo piano di Palazzo Pirelli maredì 15 febbraio, alla presenazione del progeo definiivo della Teem. Ma la soddisfazione per i numerosi vanaggi che la nuova auosrada porerà, meno raffico e meno inquinameno su ui, non ha cancellao qualche preoccupazione. Uno dei problemi principali è il prolungameno delle meropoliane milanesi, la linea 2 fino a Presenao il progeo definiivo della Tangenziale Es Eserna di Milano Enro l anno la prima piera, ma per le merò niene soldi Ambienalisi conro Caaneo e Terragni: «Vogliono fare erra bruciaa del Parco Sud» (gmc) Menre al 31 piano del graacielo Pirelli si feseggiava il progeo definiivo della Tangenziale Es Eserna di Milano, al pianerreno, davani all ingresso, c era chi proesava. L accusa: un opera inuile, anzi addiriura pericolosa per il Parco agricolo Sud Milano e il raffico della meropoli. Secondo Legambiene «con milioni di euro invece che cosruire 32 km di auosrada in mezzo a un parco regionale si possono comprare 350 nuovi reni per i pendolari». Gli ambienalisi denunciano anche il rischio di vedere svanire le opere di compensazione ambienale per far frone alla mancanza di risorse. Rischio più vole smenio dall assessore regionale Raffaele Caaneo e dall amminisraore di Tangenziale Eserna, Fabio Terragni,accusai dai conesaori di voler «asfalare il fuuro». A sinisra, la proesa conro la Tangenziale Es Eserna di Milano. In alo, Dario Allevi parla alla presenazione della Teem e come sarà lo svincolo della nuova Tangenziale sulla A4 ad Agrae Vimercae ela linea 3 fino a Paullo. L assessore lombardo alle Infrasruure, Raffaele Caaneo,ha anicipaolapolemica. Poiché lo Sao -che per la nuova angenziale non sborsa un euro,in quano realizzaa ua in finanza di progeo, ovvero con fondi privai - non può sosenere ua la spesa, si era concordao che da Roma arrivassero risorse percoprire il 60%del coso,e il reso fosse a carico degli eni locali. Ma quesi ulimi non sono sai capaci di reperire le risorse necessarie, pari a circa 490 milioni di euro. A prendersi la colpa, però, non ci sa il presidene della Provincia di Monza e Brianza, Dario Allevi: «La Provincia si candida adessere lasazione appalane di quesa imporane opera (il prolungameno della M2 fino a Vimercae, ndr) e abbiamo inserio nel nosro bilancio 2011 un primo capiolo dedicao al suo finanziameno. Eal momeno siamo gli unici. Ma il vero problema dello sop da pare della Core dei Coniriguarda l incerezza sul 60% a carico dello Sao». Tui, però, vogliono rovare una soluzione, così il presidene della Provincia di Milano, Guido Podesà, che ricorda come la crisi finanziaria abbia colpio sia il governo cenrale che quello locale, propone di «inrodurre a medio ermine un pedaggio minimale di scopo sulle Tangenziali esiseni da riservare unicamene ai prolungameni delle Meropoliane all eserno del capoluogo. Faccio presene che Teem, realizzaa in projec-financing, dovrà essere obbligaoriamene sooposa a pedaggio. Ecosa succederebbe se l anello aualmene esisene non fosse pedaggiao? Che il raffico coninuerebbe a scaricarsi su es, oves e nord, già congesionae, incremenando le emissioni in amosfera di micidiali inquinani». La nuova Milano-Brescia sarà prona per l aprile 2013 La Brebemi è inuile senza la Teem Brescia (pgu) Senza la realizzazione della Tangenziale Es Eserna di Milano, la Brebemi rischia di essereinuile. Non hausaogiridi parole Bruno Boiglieri, direore generale di Brebemi Spa, all inconro con la sampa indeo per fare il puno dei lavori. La conclusione della nuova direissima Brescia-Milano è, infai, previsa per l aprile 2013: per quella daa, ha assicurao Boiglieri, sarà prono anche l arco di 5 chilomeri Tangenziale Es Eserna (il cui compleameno - 32 chilomeri in oale -avverrà solo nel 2015) che unirà la Cassanese, il casello Brebemi di Melzo e larivolana. Per quano riguarda più direamene la Brebemi, è ormai sao eseguio il 9,5% dei lavori: sono avviai canieri lungo ui i 50 chilomeri della nuova auosrada e ra primavera ed esae apriranno anche quelli che dovranno realizzare srade e svincoli annessi. Boiglieri ha pure rassicurao sulfrone finanziameni:«abbiamo le risorse finanziare per porare a ermine le acquisizioni delle aree necessarie», ha dichiarao. Ma proprio sul frone degli espropri non sono saenascose delle difficolà. Innanziuo perché alcuni pagameni, come riconosciuo dalla sessa Brebemi Spa, per cause burocraiche hanno subio dei riardi. Dall alra pare perché sembra che ci fossero delle aese superiori da pare degli espropriai: ma Brebemi ha assicurao che viene riconosciuo il dovuo per legge, al valore di mercao più una sora di indennià legaa al danneggiameno della pare residua dell espropriazione. Infine, perché i erreni dei bergamaschi sono sai valuai di più di quelli bresciani e milanesi. Con rammarico, chiaramene, di quesi ulimi.

4 Isiuzioni (4 ) GLI STUDENTI SCELGONO IL LICEO Dei 93mila alunni lombardi che frequenano la erza media, il 42% si è orienao sui licei, il 29% sugli isiui ecnici, l'11% sui professionali, il 17% sui percorsi regionali di isruzione e formazione professionale; circa (in) Europa - 21 Febbraio alunni hanno scelole scuole saali, le scuole pariarie e icenridi formazione professionale regionali. L assessore Bresciani: «Ci sono sempre più anziani e la sanià deve cambiare, la sfida del fuuro è dare risposa alla cronicià» «BISOGNA CURA ( F RANCA G EROSA) (grf) «Si vive sempre più a lungo eci sono sempre più anziani. La nosra sfida del fuuro quindi èlacronicià; dobbiamo moniorare il suo percorso nel fuuro, non possiamo aspeare il suo esio nelle acuzie, anzi dobbiamo prevederlo prima che avvenga, né possiamo aenderla e curarla come ora solo negli ospedali perché i cosi sarebbero elevaissimi, e non è Ci sono posi leo per chi, dimesso dagli ospedali, non può ancora fare rienro a casa sua il modo correo. Mi spiego: roppo spesso in sanià si fa riferimeno solo ai proocolli non personalizzai: ma ogni paziene ha caraerisiche diverse (legae alle paologie di base, alla fisiologia, all eà, al sesso, ecc.) e per queso richiede raameni personalizzai. Prendiamo un uomo con problemi di pressione areriosa. Gli prescrivo la erapia sandard, poi lui liiga con la moglie, ha un periodo di sress e il raameno iniziale non è più efficace: se viene aumenao il dosaggio in modo non correo lo rirovo in ospedale collassao; se il dosaggio è, invece, insufficiene lo posso rirovare in ospedale, colpio da un icus. Ecco la necessià del monioraggio delle paologie croniche, e le nuove ecnologie, come ad esempio la elerasmissione dei dai, risulano essere molo uili e fondamenali in queso ambio. Possono infai allerare lo specialisa che qualcosa sa cambiando e che la erapia va rivisa. Il paziene non solo sa a casa sua, ma viene curao meglio. Parlo di e- Chi è lemedicina: ci siamo lavorando, prevedendo quale sarà il reale fabbisogno dei prossimi cinque anni». Luciano Bresciani (Lega Nord), assessore alla Sanià di Regione Lombardia, la medicina la praica da sempre. Cardiochirurgo di fama, iene nel suo ufficio, al secondo piano del nuovo Pirellone, una giganografia di Chrisian Barnard e un pallone da rugby. Dice che dal luminare con cui ha ha lavorao in Sudafrica negli anni Seana e dallo spor ha imparao a meersi sempre in gioco («Bisogna sapersi sempre innovare per baere il sè sesso del giorno prima e per dare la risposa giusa al momeno giuso») e fare gioco di squadra nella comunià («Perché la medicina èun gioco di squadra con speaore il paziene»). Che cosa sa cambiando nella sanià lombarda? Regione Lombardia sa adeguandosi coninuamene ai muameni del fabbisogno saniario, modificando radicalmene il modo di inendere l'assisenza saniaria, sruurando un sisema in cui al cenro ci siano davvero la persona eil suo benessere. Quesa azione è saa deagliaa nelle nuove regole, che declinano operaivamene per il 2011 gli indirizzi indicai nel Piano Socio Saniario Regionale (che è valido per il quinquennio ). Adesso sembra che uo il sisema giri inorno agli ospedali: se una persona ha qualcosa si precipia al Prono soccorso... Invece l'ospedale deve essere il luogo di cure complesse, quando non esisono alernaive per curare quella specifica paologia. Se i rivolgi al medico di medicina generale o al pediara di libera scela non sempre hai risposa. Per queso ho parlao di gioco di squadra. L obieivo è sraificare ilivelli Sono sai prorogai a fine 2012 i ermini dei Pg e inano... Cavalli deve avere ancora la scora Consiglio (grf) Troppi Comuni sono in riardo con la redazione del Piano di governo del erriorio (Pg). E così scaaa una nuova proroga. Maredì 15 il Consiglio regionale ha approvao con 40 voi favorevoli e 29 conrari il «Collegao Ordinamenale» (relaore il consiglieredella LegaNord, Ugo Parolo), una legge che modifica o inegrale disposizioni legislaive regionali. Tra quesa c è, appuno, l allungameno dei empi per i Pg: i Comuni avranno empo fino al31 dicembre2012 perdoarsi definiivamene del Piano di governo del erriorio. Ci sono anche deroghe eccezionali ai limii (grf) Luciano Bresciani, nao nel 1940 a Carbonara di Po (Manova), risiede a Milano ed ècardiochirurgo (è il medico del leader della Lega Nord, Umbero Bossi). Ha eserciao la professione in Sudafrica, con il famoso Chrisian Barnard, nei primi anni Seana, poi negli Sai Unii (a Los Angeles ea New York) e quindi in Olanda, presso l'universià Reale di Urech. Negli anni Novana è sao assessore alla salue per la Provincia di Como. In qualià di espero di programmazione saniaria, è in Regione Lombardia dal 2003 ed è sao direore generale vicario dell'assessorao alla Sanià dal giugno del Il 17 marzo 2007 è sao nominao assessore regionale alla Sanià. di cura con la conversione all aivià errioriale di alcune sruure, di raccordo ra le sruure ospedaliere e i medici di medicina generale, a cure inermedie a bassa complessià e basso livello di inensià. Sruure dedicae a quei pazieni che abbiano erminao la fase acua, ma non siano ancora dimissibili e necessiano il ricovero in una sruura di caraere saniario. Con un passaggio ra il curare e il prendersi cura. Nel 2011 saranno rasformai in al senso circa posi leo per sull inquinameno acusico nel caso dovessero meere a repenaglio lo svolgimeno di eveni di rilievo inernazionale, come ad esempio i grandi conceri. Il «Collegao» equipara inolre icenri culurali a caraere religiosoagli edificidiculo, prevedendo perla loro realizzazione uno specifico percorso di programmazione nei piani regolaori. Via libera anche alla norma che dà la possibilià ai Comuni di negare l auorizzazione ad aprire aivià commerciali nei cenri sorici se in conraso con il «decoro pubblico» e le «radizioni locali». Il «Collegao» recepisce inolre la direiva europea Bolkesein sul commercio e inroduce norme di semplificazione burocraica nell edilizia e per lo svolgimeno di alcune aivià, come ad esempio la cerificazione energeica. Il Consiglio regionale ha anche approvao una mozione presenaa da Giorgio Puricelli (Pdl) affinchè si coninui agaranire lascora alconsigliere regionale di Ialiadei Valori Giulio Cavalli ( nella foo ), soo proezione dal 2008 per la sua aivià earale di denuncia conro la criminalià organizzaa. Il servizio è in scadenza e il prefeo di Lodi, compeene erriorialmene, non la riiene più necessaria. Cavalli ha ringraziao «ui i parii che, in maniera rasversale, hanno sooscrio quesa mozione superando gli seccai poliici. Inolre è doveroso riconoscere come, fino ad oggi, io e la mia famiglia siamo sai ben uelai». Ci ha enuo però a precisare che «quesa mozione non apre alcun credio poliico nei confroni di nessuno». Concludendo: «Coninuo ad avere fiducia nelle isiuzioni, ma mi arrogo il dirio di poer dire che la mia fiducia nei confroni del Prefeo di Lodi è esauria».

5 (in) Europa - 21 Febbraio 2011 TORNA LA COPPA DELLE ALPI Su spina dell assessorao regionale dello Spor guidao da Monica Rizzi, orna sulle monagne lombarde la Coppa delle Alpi, miica compeizione auomobilisica. Il 4 e il 5 marzo 121 auoveure soriche si sfideranno su un percorso lungo 570 chilomeri che parirà da Darfo Boario Terme (Bs) e araverserà passi e valichi alpini lombardi. Isiuzioni (5 ) RE IL PAZIENTE A CASA SUA» subacui (posi leo ecnici) ubicai prevalenemene nei piccoli ospedali, che già adesso non rienrano nella ree dell'emergenza-urgenza. Già ora in quese sruure vengono sponaneamene ricoverai il 35 % dei curai cronici. Qui l assisenza al paziene richiede, rispeo alla fase delle cure acue, una minor complessià di assisenza medica, ma comunque una significaiva e indispensabile assisenza infermierisica, che consenirà la sabilizzazione dei pazieni prima della complea dimissione al loro domicilio. Cosa accadrà quando il paziene lascerà quese sruure? Il Piano prevede anche l associazionismo dei medici di medicina generale, dei pediari di libera scela e degli specialisi ambulaoriali per una cura corale del paziene. L'obieivo è delineare un percorso nuovo esinergico dell'assisenza pos-ospedaliera avendo ben presene che le persone devono essere messe nelle condizioni di sare meglio e, nel caso di cronicià, l'impegno è garanire il conraso alla progressione verso nuovi episodi di acuzie e Pirellone bis Medici, pediari e specialisi insieme «per una cura corale del paziene» conseguenemene un allonanameno dei empi della limiazione funzionale fino alla non auosufficienza. Siamo parlando di una svola errioriale della sanià. Assoluamene sì. Ed èper queso che abbiamo scelo con mola aenzione i nuovi direori generali di ospedali e Asl. Si è avua più l impressione di una loizzazione della sanià. Lei sesso poco prima delle nomine aveva dichiarao che la Lega preendeva almeno 19 direori. E sao accusao di aver riproposo in sanià le regole del mai dimenicao Manuale Cencelli. In precedenza sceglievamo ra imanager con imigliori curricula quelli che secondo noi meglio avrebbero sapuo rispondere agli obieivi dei Piani e del Sisema Saniario in generale. Adesso devono saper anche declinare nel locale gli obieivi, individuando gli specifici fabbisogni errioriali per soddisfarli. E un valore aggiuno al precedene. Di più, devono saper dare rispose rapide, cere e specifiche alle esigenze del erriorio in cui sanno operando. E sao così naurale mandare, per esempio, all Asl della Valcamonica il door Renao Pedrini, già ripeuamene sindaco di Bormio e presidene di Ussl, un uomo di monagna per la monagna, e mandare il door Giuseppe Tuccio, generale di brigaa della Guardia di Finanza, andao in pensione da appena sei mesi, a guidare l Azienda saniaria di Pavia, viso che lo scorso luglio il suo direore saniario era sao arresao nell ambio di una maxi operazione conro l infilrazione della ndranghea in Lombardia. Però avee nominao Pierogino Pezzano direore generale dell'asl Milano 1 (ineressaa agli invesimeni Expo), dopo che era sao foografao dai carabinieri in compagnia di uomini della ndranghea... I direori godono della fiducia del presidene Robero Formigoni, della mia e dell assessore alla Famiglia Giulio Boscagli. Siamo solo noi ad averli sceli. Il nome di Pezzano è saa espressione fiduciaria degli alleai di governo regionale che non ha avuo opposizione, per il rispeo del dirio che chiede la presunzione di innocenza fino a quando non sia provao il Pezzano? «Ai mafiosi non ineressano le persone soo i rifleori, ma chi agisce nell ombra» Uffici concenrai nel nuovo complesso da 400 milioni Tui a Palazzo Lombardia (grf) Da lunedì 14 febbraio ui gli uffici della Giuna regionale sono operaivi a Palazzo Lombardia: un grande complesso edilizio pubblico con edifici curvilinei di 9 piani e una orre cenrale ala 161,30 meri (è il graacielo più alo d'ialia) per un coso di 400 milioni di euro. Vi sono concenrae le sruure prima sparse in 31 diversi luoghi di Milano. Con l'occasione il presidenedella Regione Lombardia Robero Formigoni - affiancao dal vicepresidene Andrea Gibelli e da diversi assessori e alla presenza del sindaco di Milano Leizia Morai - ha scopero la arga con l'iniolazione conrario. Poi io sono un garanisa: Pezzano non è indagao. Sopprimere il dirio significa sopprimere la democrazia che lo ha generao e promuovere la irannide. Pericoloso. Un amico carabiniere mi disse che se sa che un uomo porebbe essere un pedofilo lui il figlio non glielo affiderebbe. Posso risponderle anch io con una baua? Ai mafiosi non ineressano le persone soo irifleori, ma chi agisce nell ombra, gli insospeabili, coloro che sanno infilrarsi addiando alri. Avee nominao 45 direori generali. Che a loro vola hanno nominao direori amminisraivi, saniari, sociali, di presidio, primari... A ui i dg sono sai indicai parameri e requisii ecnici precisi per la scela della loro squadra, ma proprio perché è la loro squadra, essi devono essere liberi di sceglierla. Senza pressioni? La Regione non le fa, spea loro non subirle da alri. I conrolli comunque sono serrai: ra 18 mesi c è una prima valuazione. ufficiale della piazza copera di Palazzo Lombardia, che si chiama «PiazzaCià di Lombardia». «Siamo gli unici - ha sosenuo con orgoglio il governaore -ad aver riunio ue le funzioni di governo in ununico palazzo. Queso pora ad una maggiore rapidià dei collegameni ra gli uffici e soprauo una grande comodià per i ciadini e le imprese, che poranno sbrigare ue le praiche in un solo luogo». Nei corpi bassi del Palazzo rovano poso circa persone; nellaorre circa 500. LeDirezioni Generali e gli uffici degli Assessori sono collocai nei corpi bassi dell'edificio dal secondo al seso piano, ranne la Semplificazione e Digializzazione all'oavo piano. La Presidenza occupa gli ulimi due piani dei corpi bassieparedella orre. Trovano spazio nella orre gli uffici del presidene (al 35 piano con visa su meropoli e vicino Pirellone), del vicepresidene, dei soosegreari e dell'assessore al Bilancio. Con l'insediameno a Palazzo Lombardia NEWS Concorso Le Faorie Didaiche spengono dieci candeline e feseggiano con un concorso foografico con il parocinio dell'assessorao all'agricolura di Regione Lombardia, guidao da Giulio De Capiani (Lega Nord) per rovare l'immagine più bella e significaiva legaa all'agricolura e alla didaica rurale dalle Alpi al Po. Iscrizioni (sul sio inerne enro enon olre il 15 marzo. Videosorveglianza Enro i prossimi due anni ui gli impiani di disribuzione dei carburani della Lombardia dovranno doarsi di impiani di videosorveglianza acircuio chiuso, aivi anche fuori dall orario di servizio assisio. Lo prevede una risoluzione approvaa all unanimià dalla Commissione consiliare Affari isiuzionali. E una misura caldeggiaa anche dalle associazioni di caegoria, dopo la ragica rapina del 22 febbraio 2010 a Gorla Minore che cosò la via al gesore dell impiano, Angelo Canavesi. La norma servirà ad aumenare la sicurezza olreché dei gesori degli ueni. cessano i conrai di affio degli immobili finora occupai dalla Regione e parono i lavori di sisemazione delle due sedi di proprieà, Palazzo Pirelli e il complesso di via Pola/via Taramelli, dove verranno collocai, rispeivamene, gli uffici del Consiglio Regionale e degli Eni del Sisema regionale.

6 Aualià (6 ) TORINO, ADDIO TGV PER PARIGI Sembra che il divorzio ra Sncf e Trenialia che garaniscono i nourni Parigi-Firenze-Roma e (in) Europa - 21 Febbraio 2011 Parigi-Milano-Venezia, più il Tgv Milano-Torino-Parigi sia ormai cosa faa. Su quelle sesse rae daseembre Trenialia e lamulinazionale dei raspori francese Veolia gesiranno i collegameni nourni Parigi-Firenze-Roma e Parigi-Milano-Roma, ma senza fermarsi a Torino. (mrn) «Siamo sulla buona srada, ma non possiamo canare vioria» ha esordio così il governaore della Regione Piemone Robero Coa ( nella foo ) alla presenazione dei primi dai del Piano sraordinario per l Occupazione, varao oo mesi fa, nel giugno 2010, con uno sanziameno complessivo di circa 400 milioni di euro. Nel corso della conferenza sampa alla quale hanno parecipao anche l assessore allo Sviluppo economico, Massimo Giordano, e il presidene di Finpiemone, Massimo Feira il presidene Coa ha confermao quindi l efficacia delle misure adoae dalla Giuna per dare impulso al sisema produivo piemonese. Cifre alla mano, risula infai che sono sae presenae domande per inserire disoccupai e sabilizzare chi ha un conrao emporaneo o di apprendisao, 466 per la creazione di nuove imprese (di cui 35 già ammesse ai fondi), 867 (di cui 116 da under 35) per lo sviluppo di microimprese innovaive, 50 per il rafforzameno del sisema produivo, 273 per l innovazione nella pmi, 261 per i presii parecipaivi, 431 per la promozione all esero, 18 per l efficienza energeica, 154 per il Il presidene del Piemone, Robero Coa, ha presenao i primi dai Ok il piano per l occupazione Però si porebbe migliorare risparmio energeico. Inolre, sono sai avviai 7 maser che hanno coinvolo 29 imprese con l assunzione di 104 apprendisi e sono sai assuni 428 precari nella scuola. «Avevamo promesso - ha concluso Coa -che nei primi ceno giorni avremmo predisposo un piano per sosenere il lavoro. Lo abbiamo fao in cinquana, proprio per assicurare un azione che fosse incisiva eveloce, anche se ci rendiamo cono che la crisi non è ancora del uo sconfia». Dello sesso parere anche Massimo Giordano, che ha anche aggiuno: «Da quesi primi dai si vede che le misure che vanno meglio sono quelle più comprensibili. Emerge che i nosri imprendiori hanno voglia di lavorare con la pubblica amminisrazione che semplifica e che non complica. I pochi progei L uscia dalla crisi economica è ancora lonana Una giovane donna su re è in cerca di lavoro L indagine che non hanno raggiuno il successo sperao erano roppo complicai. In see, oo mesi siamo riuscii a fare passi da gigane in maeria di (mrn) L uscia dalla crisi è ancora lonana. Lo dice l indagine presenaa lo scorso 14 febbraio, durane il convegno organizzao da Confindusria Piemone, e realizzaa in collaborazione ra gli uffici sudi di Inesa Sanpaolo, di Unicredi e dell Unione Indusriale di Torino. Va male l edilizia, che nei primi nove mesi del 2010 ha perso novemila addei, va peggio il commercio con un calo di venicinquemila dipendeni (quasi il 10%). L unica cosa a salire è purroppo la disoccupazione, soprauo giovanile (+25%) e femminile (+30%). Malgrado quindi una relaiva e recene ripresa dell expor i problemi resano. «In effei - ha chiario Mauro Zangola, responsabile dell ufficio sudi dell Unione Indusriale di Torino - l expor sosiene la ripresa, ma favorisce prevalenemene le imprese che hanno la capacià di aggredire i semplificazione, anche se non ancora a cambiare il mondo della burocrazia come avremmo voluo. Ma uno dei progei in campo si chiama Bilancio posiivo per il 2010: il numero di aziende cresce di 72mila unià Dalla crisi si esce con nuove imprese Sanià, la Regione Piemone ranquillizza la Cgil: agli sì, ma senza compromeere il servizio (pgu) E la voglia di fare impresa che spinge a guardare alla crisi con meno preoccupazione. Nel 2010, infai, il bilancio anagrafico ra le aziende nae e quelle che hanno cessao l aivià ha fao regisrare un aumeno di unià, in crescia dell 1,2% rispeo all anno precedene: il miglior risulao dal Un bilancio posiivo oenuo grazie sia al maggior numero di nuove imprese iscrie (ben unià, il miglior risulao degli ulimi re anni) sia al conemporaneo rallenameno del flusso delle cessazioni, pari a unià (il valore più conenuo degli ulimi quaro anni). Due le endenze di fondo che hanno deerminao il risulao del Da un lao la fore crescia delle socieà di capiali e delle alre forme sociearie (cooperaive e consorzi) che insieme, con unià, hanno inciso (mrn) L assessore alla Tuele della Salue e Sanià, Caerina Ferrero, ha rassicurao la Cgil piemonese: agli sì, ma senza compromeere il funzionameno dei servizi. Il piano di rienro di 400 milioni di euro che la Regione Piemone dovrà affronare nell ambio della sanià è sao oggeo di confrono con i sindacai. Nei giorni scorsi l assessore ha inconrao una delegazione della Cgil, guidaa dal segreario generale Albero Tommaso, per chiarire le preoccupazioni del sindacao, soprauo rispeo ai agli all assisenza e al personale. La Cigl non conesa la poliica di conenimeno della spesa, perché condivide la necessià di inerveni di riordino e risparmio, ma chiede di «approfondire con serieà esaggezza ue le quesioni, con il coinvolgimeno delle pari sociali. I agli previsi, di circa 400 milioni di euro, colpiscono duramene ue le persone con problemi di auosufficienza, fasce deboli e giovani colpii da handicap. Siamo inolre anche preoccupai per il funzionameno delle sruure e dei servizi a causa del blocco delle assunzioni per il personale». L assessore Ferrero dal cano suo ha assicurao che «non è inenzione della Giuna procedere conro la realà operaiva». mercai in via di sviluppo. Le rasformazioni degli ulimi decenni non hanno rilanciao il Piemone, che è ancora alla ricerca di una sua idenià vincene». E proprio per queso le leve per la crescia, secondo Gregorio De Felice, capo economisa di Impresa Sanpaolo, sono «innovazione, anche organizzaiva e poenziameno della fase commerciale. Nel 2009 l aumeno di faurao è sao più frequene nelle imprese che si sono risruurae rivedendo le proprie sraegie produive e commerciali. E comunque solo nel 2012 le imprese poranno recuperare il 75% della perdia di faurao soffera ra il 2008 e il 2009, all inizio della crisi globale». Vero è anche, però, che nei primi re rimesri del 2010 le esporazioni della regione sono cresciue lievemene di più di quelle del Nord Oves e dell Ialia. ask force ani-burocrazia. Ha il compio di darci suggerimeni di semplificazione, che coniamo di presenare nelle prossime seimane». per più dei re quari (76,4%) sul saldo complessivo. Dall alra, la enua delle die individuali che, dopo un riennio di progressiva riduzione dello sock, lo scorso anno sono ornae a crescere realizzando un saldo posiivo per olre 13mila unià, pari al 18,4% dell inero saldo annuale. La crescia del 2010 si è localizzaa in modo più accenuao nel Cenro (+1,62%) e nel Sud (+1,24%). Il Nord-Oves, invece, ha ricalcao il dao medio nazionale (+1,2%). In ermini assolui la regione che ha viso aumenare di più il numero delle sue imprese è saa la Lombardia ( , pari a +1,49%). Il Piemone si è fermao a +0,82%, laliguria a+ 0,67% e la Valle d Aosa +0,23%. A livello seoriale, a irare di più sono i compari del commercio e del urismo, con una crescia di circa 30mila imprese, menre coninua a mosrare un po di difficolà il seore arigiano che ha viso chiudere l anno con 5mila imprese in meno.

7 (in) Europa - 21 Febbraio 2011 AOSTA, MISURE ANTICRISI Saranno desinae alle famiglie meno abbieni valdosane le esenzioni ariffarie dalla assa per irifiuiedalle bolleedell'acqua.invigoredal 2009, il Consiglio permanene degli eni locali le ha confermao oggi anche per il L'iniziaiva, associaa albonus energia, rienrain un paccheo ani crisi promosso dalla Regione e sarà operaiva a parire dal prossimo marzo. Aualià (7 ) Inervisa al presidene del Consorzio Nazionale Imballaggi, Piero Perron «La raccola differenziaa? Al Nord funziona bene» (gmc) Quando si parla di rifiui viene subio in mene l abiudine, ormaiconsolidaa per moli, di dividere la plasica, il vero, la cara ecosì via. Ma poi cosa accade a quesi maeriali dopo la nosra buona volonà e pazienza nel differenziarli? Qui inervengono i Comuni e il Conai, il Consorzio Nazionale Imballaggi, a cui aderiscono imprese che si occupano del recupero e del riciclo di quesi maeriali. Il Conai opera araverso sei consorzi: acciaio (Cna), alluminio (Cial), cellulosa (Comieco), legno (Rilegno), plasica (Corepla) e vero (Coreve). Un lavoro efficace, poiché nel 2009 ben onnellae di imballaggi sono sae recuperae, pari al 74% del oale immessoal consumo. Percapire meglio come funziona queso sisema, abbiamo inervisao il presidene del Conai, Piero Perron ( nella foo ). Quano pesano i rifiui da imballaggio nellaproduzione oale in un Paese come il nosro? I rifiui da imballaggi sono quelli di cui il ciadino ha una maggiore percezione, anche se in realà rappresenano solamene il 25% dei rifiui urbani prodoi in un anno e solo il 6-7% del oale dei rifiui oali prodoi (130 milioni di onnellae). Il sisema di recupero degli imballaggi funziona, il vero problema in Ialia sono irifiui speciali, di cui si parla poco, e che sono più Tra il serio difficili da smalire. e il faceo Mulaa l auo blu del minisro Brambilla L Audi A6 blu sfreccia lungo l ex Saale 36, ra Olginae e Merae, in provincia di Lecco, compie un paio di sorpassi azzardai, ma, quesa vola, acalco, si imbae in una pauglia della Polizia locale e all auisa del minisro Michela Vioria Brambilla viene comminaa una mula di 234 euro e 14 puni spariscono dalla sua paene di guida. Il faaccio risale a poco prima di Naale, ma la noizia è uscia solo nei giorni Perché è necessario ridurli? Tra i compii specifici assegnaidallalegge alconaic è quello di favorire la riduzione dell impao ambienale dell imballaggio, spingendo le imprese versol eco-progeazione del packaging. Il modo più ovvio è ridurne la quanià, cercando di non usarlo dove si può. Ma l imballaggio ha spesso unasua funzione specifica, di cuinon sipuò farea meno. Tra le alre le azioni che si possono auare c è la possibilià di uilizzare maeriale riciclao oppure passare da un imballaggio mulimaeriale ad uno monomaeriale. Che ruolo giocano i ciadini araverso la raccola differenziaa? Nel processo di riciclo sono re gli aori fondamenali: il ciadino che separa i rifiui domesici, l amminisrazione comunale che raccoglie, il Conai che avvia a riciclo. Nella maggior pare dei casi, l anello debole non èil ciadino ma il Comune, poiché il ciadino ha una discrea propensione a differenziare, ma è necessario che anche il Comune spinga di più araverso meodi di raccola semplici e chiari, conrolli e sanzioni per assicurare una maggiore efficacia del servizio. In Ialia ormai milioni di ialiani differenziano i propri rifiui domesici, e pure il Sud inizia a fare la sua pare anche se è ancora parecchio indiero rispeo al Nord. Bisogna fare di più: come? In moli cenri di piccole e medie dimensioni del Sud la raccola è paria e funziona, il problema in Ialia sono i grandi cenri, Roma, Napoli, Bari e Palermo, dove la raccola non raggiunge grandi risulai e le amminisrazioni comunali non riescono ad auare un sisema efficace. Come sicomporano le Regioni del Nord del Paese? L eccellenza è raggiuna dal Trenino Alo Adige, anche Lombardia, scorsi perchè la Presidenza del Consiglio dei Minisri ha fao ricorso al Prefeo di Lecco per annullare la conravvenzione e scongiurare il rischio di riiro della paene al suo auisa («Giornale di Lecco» del 14/02/11). Arriva il monascale per disabili, ma è piccolo Lidia Lazzari di Binasco (Mi) loa da re anni perché sia realizzao un monascale nel condominio degli anziani geniori cosrei sulla carrozzina. Quando alza la voce e fa Veneo e Piemone producono oimi risulai, menre la Liguria è più allineaa ai risulai del Cenro Ialia. In generale, al Nord bisogna migliorare ciò che già si fa, invece al Sud bisogna avviare e sviluppare un sisema che sa ancora decollando. E il ruolo delle aziende produricidi imballaggi:che cosa devono fare e fanno? Come già deo, l impegno è quello di produrre degli imballaggi ecososenibili, con un minor impao ambienale sia come rifiuo in se sesso sia come prodoo più facile da riciclare. In queso caso è imporane l abolizione del saccheo di plasica dai supermercai? Ceramene è un fao imporane, in quano si useranno sacchei biodegradabili da eliminare con lafrazione umida e organica, poiché si decompongono. Ma si pone un problema: se non c è la raccola dell umido? Il ciadino porebbe conferirlo come un normale saccheo insieme ad alra plasica, ma inuovi sacchei porebbero inquinare il riciclo della plasica sessa. Per queso abbiamo isiuio un gruppo di lavoro per valuare l effeo sul riciclo. Redazione: Merae (Lc), via Campi, 29/L - el sio: Queso numero è sao chiuso venerdì 18 febbraio alle ore 12 Pubblicià: el sapere a ui che si sene abbandonaa dalle isiuzioni, il monascale arriva. Ma mancano dei pezzi, che devono essere realizzai e riirai a Pisa. Quando arrivano, l incredibile beffa: l ampiezza della piaaforma consene di sarci sopra solamene in piedi («Seegiorni Sud Milano» del 18/02/11). Il Comune vende ombe usae I pareni dei defuni non si rovano eil Comune di Rho (Mi) decide di Vediamo il ruolo del Conai e dei suoi consorzi dei maeriali: qual è il loro obieivo principale? E come viene perseguio? Il Conai è un inermediario ra i Comuni e i riciclaori. Non si occupa direamene della raccola differenziaa, che spea ai Comuni, ma come Consorzio ha sviluppao un grosso know how che mee a disposizione delle amminisrazioni che lo richiedono, come è sao nel caso del Comune di Salerno, esempio di una collaborazione di successo. Il Conai riira uo il differenziao purché di qualià acceabile, per avviarlo a riciclo. I due erzi del nosro budge servono per remunerare i Comuni in modo da compensare i cosi aggiunivi che sosengono per effeuare la raccola differenziaa. I maeriali selezionai vengono poi messi adisposizione, ovvero vendui ai riciclaori veri e propri. Un sisema che assicura risulai eccelleni a cosi che sono ra i più bassi d Europa. Un alro faore essenziale è la comunicazione, faa soprauo dai Comuni. Per queso avee apero un bando in collaborazione con l Anci. Di che si raa? La comunicazione di servizio rivola dai Comuni ai ciadini èmolo imporane, per spiegare cosafare con i rifiui,ed ha un coso noevole. Noi conribuiamo fino ad un massimo del 35% oale Araverso un accordo quadro con l Anci abbiamo messo in campo un bando, con un impegno economico di un euro all anno per cinque anni, per sosenere i migliori progei di comunicazione sulla raccola differenziaa. indire un bando per meere all asa le ombe di famiglia e le cappellee dove i mori riposano. Dopo le esumazioni delle salme, ovviamene. La decisione riguarda 9 ombe di famiglia e 4 cappelle genilizie a Rho e una a Mazzo, che sono pericolani. «Come prevede il regolameno - spiega Scr, la socieà che gesisce il cimiero di Rho - abbiamo cercao i pareni delle persone sepole nelle ombe e nelle cappelle pericolani. Ma nessuno si èfao vivo...» («Seegiorni Rho» del 18/02/11).

8 (8 ) (in) Europa - 21 Febbraio 2011 La lavarice si èroa! Ho bisogno di un IDRAULICO... DOVE LO POSSO CERCARE? lotrova! è un sio di facile e immediaa consulazione, compleamene GRATUITO e uile, sudiao perreperire conunclickinformazionierecapiidiaiviàeprofessionisi(più di suddivisi per caegorie),che offrono servizi ai ciadini sul erriorio locale. Se anche latua AZIENDA vuole essere TROVATA meila OFFERTAPREMIUM Online12mesiasoli 150 -Insegnaeragionesociale -Logoefoo -Indirizzo -Numeridielefono efax -Descrizione dell aivià -Una caegoria e due keywords -Link -Conao (IN)EVIDENZA CON ineweek Il Primo Circuio di Media Locali Tel

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia.

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia. Risparmio Energeico Risparmio Energeico per Scale e Tappei Mobili La riduzione dei consumi di energia proveniene dalle foni fossili non rinnovabili (perolio, carbone) è una delle priorià assolue, insieme

Dettagli

MANIAGO 9 APRILE 2014 IDEA PROGETTU ALE E RISULTATI Affitta?sì

MANIAGO 9 APRILE 2014 IDEA PROGETTU ALE E RISULTATI Affitta?sì hp://www.affiasi-dolomii.i/ MANIAGO 9 APRILE 2014 IDEA PROGETTU ALE E RISULTATI Affia?sì Comunià Monana del FRIULI OCCIDENTALE 1 hp://www.affiasi-dolomii.i/ o «Affi a?sì! ENTI FINANZIATORI Regione Friuli

Dettagli

FEARS Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013

FEARS Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 FEARS Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Programma di Sviluppo Rurale della Regione Lombardia 2007-2013 in applicazione del Regolameno Comunià Europea n. 1698 del 2005, aricolo 43 1. DEFINIZIONE 2.

Dettagli

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico COMUNE DI PECEO DI VALENZA Prov. (AL) CONO DI BILANCIO GESIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico COMUNE DI PECEO DI VALENZA Prov. (AL) Residui (A) allo Residui (B) Residui (C) Residui (D=B+C) (E=A-D) Competenza

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà La Teoria Generale 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Il ragionameno svolo fino a queso puno è valido per un livello dao del salario nominale e dei prezzi. Le grandezze preseni nel modello, per

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità Economia e gesione delle imprese - 07 Obieivi: Descrivere i processi operaivi della gesione finanziaria nel coneso aziendale. Analizzare le decisioni di invesimeno. Analizzare le decisioni di finanziameno.

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 01

Economia e gestione delle imprese - 01 Economia e gesione delle imprese - 01 L impresa come organizzazione che crea valore Leve di creazione di ricchezza e responsabilià sociale Prima pare : L impresa che crea valore 1. L impresa 2. L evoluzione

Dettagli

Provincia di Treviso

Provincia di Treviso Treviso, 21 dicembre 2004 OGGETTO: Gesione rifiui urbani e assimilai Servizio pubblico inegraivo di gesione rifiui speciali Adempimeni relaivi alla compilazione di formulari di idenificazione, regisri

Dettagli

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO Lo sudio delle poliiche economiche con il modello IS-LM permee di analizzare gli effei di breve periodo delle decisioni di poliica fiscale e monearia del governo.

Dettagli

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere DIPRTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Modello di Solow (1) 1 a. a. 2015-2016 ppuni dalle lezioni. Uso riservao Maurizio Zenezini Consideriamo un economia (chiusa e senza inerveno dello sao) in cui viene prodoo

Dettagli

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI A.A. 2013/14 Eserciazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepio, nel corso dell anno correne, i segueni reddii: - Reddii da lavoro dipendene

Dettagli

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo)

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo) V A = AMPIEZZA = lunghezza di V A ALTERNATA Proiezione di V X ISTANTE = velocià angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un inervallo di empo) DEVE ESSERE COSTANTE Angolo

Dettagli

enerbuild Costruzioni civili ed industriali Sistemi di copertura tetti gruppo ANAFGROUP

enerbuild Costruzioni civili ed industriali Sistemi di copertura tetti gruppo ANAFGROUP La casa è il bene rifugio per eccellenza, la sicurezza, l eredià da lasciare ai figli. Cosruzioni civili ed indusriali La casa, nuova da cosruire o vecchia da risruurare... La sruura indusriale, prefabbricaa

Dettagli

Città di Palermo SETTORE BILANCIO E TRIBUTI

Città di Palermo SETTORE BILANCIO E TRIBUTI ALLEGAO B ESO EMENDAO Città di Palermo SEORE BILANCIO E RIBUI BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE 201-2016 Elaborato dalla SISPI S.p.a. - Sistema Palermo informatica BILANCIO PLURIENNALE 201-2016 PAGINA

Dettagli

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti:

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti: Analisi degli Invesimeni Obieivo: Sviluppare una meodologia di analisi per valuare la convenienza economica di un nuovo invesimeno, enendo cono di alcuni faori rilevani: 1. Dimensione emporale. 2. Grado

Dettagli

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100.

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100. Soluzione dell Esercizio 1: Assicurazioni a) In un mercao perfeamene concorrenziale, deve valere la condizione di profii aesi nulli: E(P)=0. E possibile mosrare che ale condizione implica che l impresa

Dettagli

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management La vischiosià dei deposii a visa durane la recene crisi finanziaria: implicazioni in una prospeiva di risk managemen Igor Gianfrancesco Camillo Gilibero 31/01/1999 31/07/1999 31/01/2000 31/07/2000 31/01/2001

Dettagli

Apertura nei Mercati Finanziari

Apertura nei Mercati Finanziari Lezione 20 (BAG cap. 6.2, 6.4-6.5 e 18.5-18.6) La poliica economica in economia apera Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Aperura nei Mercai Finanziari 1) Gli invesiori possono

Dettagli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli FOCUS TECNICO IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMIANTI IDROSANITARI asi d espansione e accumuli RODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA Due sono i sisemi normalmene uilizzai per produrre acqua calda saniaria: quello

Dettagli

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES 1. Irpef 1) Dopo avere definio il conceo di progressivià delle impose, si indichino le modalià per la realizzazione di un sisema di impose progressivo. 2) Il signor

Dettagli

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE)

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE) Analisi degli invesimeni Il bilancio è una sinesi a poseriori della siuazione di un'azienda. La valuazione degli invesimeni è un enaivo di valuare a priori la validià delle scele dell'azienda. L'invesimeno

Dettagli

Agricoltura Biologica. IL BIOLOGICO IN ITALIA Come funzionano i controlli e la coversione

Agricoltura Biologica. IL BIOLOGICO IN ITALIA Come funzionano i controlli e la coversione Agricolura Biologica IL BIOLOGICO IN ITALIA Come funzionano i conrolli e la coversione IL SISTEMA DEI CONTROLLI Reg. CE 834/2007 D.Lgs.220/95 Organismi di Conrollo (auorizzai dal MiPAF) Minisero Regioni

Dettagli

6.1 VALUTAZIONI GENERALI

6.1 VALUTAZIONI GENERALI Piano di risanameno e uela della qualià dell aria e per la riduzione dei gas serra 6 SCENARI DI PIANO 6.1 VALUTAZIONI GENERALI Le azioni di risanameno dovranno garanire il rispeo dei limii in ue le zone

Dettagli

BANDO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI DELLA PROVINCIA DI PISA IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO

BANDO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI DELLA PROVINCIA DI PISA IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO BANDO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI DELLA PROVINCIA DI PISA IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO Aricolo 1 Scela del conraene La Provincia di Pisa inende procedere all espleameno

Dettagli

Bilancio di Sostenibilità

Bilancio di Sostenibilità Bilancio di Sosenibilià 2002 NOTA PER IL LETTORE Con la pubblicazione del suo primo Bilancio di Sosenibilià, che viene denominao Numero zero a chiarire il caraere di prima elaborazione che non coniene

Dettagli

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valuazione degli invesimeni 9 1-2 Argomeni raai Coso del capiale aziendale e di progeo Misura del bea Coso del capiale e imprese diversificae Rischio e flusso di

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.i; prospeiva europea, DEM Universià Il Mulino di 2011 Brescia Capiolo I. Un Viaggio inorno al mondo Corso di Economia Poliica

Dettagli

La volatilità delle attività finanziarie

La volatilità delle attività finanziarie 4.30 4.5 4.0 4.5 4.0 4.05 4.00 3.95 3.90 3.85 3.80 3.75 3.70 3.65 3.60 3.55 3.50 3.45 3.40 3.35 3.30 3.5 3.0 3.5 3.0 3.05 3.00.95.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00.95.90.85.80.75.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00

Dettagli

Roma, 7 febbraio 2014: il neoeletto Presidente della Repubblica Sergio Mattarella incontra Marco Pannella al Quirinale.

Roma, 7 febbraio 2014: il neoeletto Presidente della Repubblica Sergio Mattarella incontra Marco Pannella al Quirinale. Lavi adeldi r i operi ldi r i oal l avi a Coor di na or enews l e er :Ma eoangi ol i@matteo_ ANGI OLI Numero #57 Roma, 7 febbraio 2014: il neoeleo Presidene della Repubblica Sergio Maarella inconra Marco

Dettagli

4 La riserva matematica

4 La riserva matematica 4 La riserva maemaica 4.1 Inroduzione La polizza, come si è viso, viene cosruia in modo da essere in equilibrio auariale alla daa di sipula = 0 e rispeo alla base ecnica del I ordine: se X è il flusso

Dettagli

Preparare l ambiente di posa in opera

Preparare l ambiente di posa in opera Preparare l ambiene di posa in opera Prima della posa in opera, il parque deve essere conservao in ambieni asciui, con imballo inegro e chiuso, proeo da evenuali influenze dell'ambiene eserno che porebbero

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoli Parenope Facolà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Elerice docene: Prof. Vio Pascazio a Lezione: 7/04/003 Sommario Caraerizzazione energeica di processi aleaori Processi aleaori nel

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà Macroeconomia neoclassica 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Disponiamo ora di ui gli elemeni necessari a rappresenare il modello compleo e l equilibrio. I dai del modello sono: 1. numero degli

Dettagli

Telecontrollo via internet del processo SBR con tecniche di intelligenza artificiale

Telecontrollo via internet del processo SBR con tecniche di intelligenza artificiale Universià degli Sudi di Firenze Facolà di Ingegneria Tesi di laurea magisrale in Ingegneria per l'ambiene e il Terriorio 20 Aprile 2006 Teleconrollo via inerne del processo SBR con ecniche di inelligenza

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta I mercai dei beni e i mercai finanziari in economia apera Economia apera Mercai dei beni: l opporunià per i consumaori e le imprese di scegliere ra beni nazionali e beni eseri. Mercai delle aivià finanziarie:

Dettagli

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2012 Analitico

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2012 Analitico COMUNE DI PIARIO Prov. (BG) CONO DI BILANCIO GESIONE DELLE SPESE - Anno 2012 Analitico Residui (A) allo Residui (B) Residui (C) Residui (D=B+C) (E=A-D) Competenza (F) otale (M) otale (N) Res. al 31/12

Dettagli

Questioni di Economia e Finanza

Questioni di Economia e Finanza Quesioni di Economia e Finanza (Occasional Papers) La grande disribuzione organizzaa e l indusria alimenare in Ialia di Eliana Viviano (coordinaore), Luciana Aimone Gigio, Emanuela Ciapanna, Daniele Coin,

Dettagli

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico UNIONE DI COMUNI VALDARNO e VALDISIEVE Prov. (FI) CONO DI BILANCIO GESIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico otale (M) otale (N) Res. al 31/12 (O=C+H) Imp. al 31/12 (P=D+I) Pagina 2 itolo I - SPESE CORRENI

Dettagli

Ottobre 2009. ING ClearFuture

Ottobre 2009. ING ClearFuture Oobre 2009 ING ClearFuure Una crescia cosane. Con una solida proezione nel empo. ING ClearFuure è la soluzione assicuraiva Uni Linked di dirio lussemburghese, realizzaa apposiamene da ING Life Luxembourg

Dettagli

Diamoilviaalla rivoluzione delwelfare

Diamoilviaalla rivoluzione delwelfare MAGGIO 2014 FONDAZIONE CARIPLO n Inervisa al presidene Giuseppe Guzzei Diamoilviaalla rivoluzione delwelfare Fondazione Cariplo pensa ad un nuovo welfare, realizzao insieme alle comunià, araverso l innovazione

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

Teramo, 20 febbraio 2015: l'università di Teramo conferisce a Marco Pannella la Laurea Honoris Causa in Scienze della Comunicazione

Teramo, 20 febbraio 2015: l'università di Teramo conferisce a Marco Pannella la Laurea Honoris Causa in Scienze della Comunicazione Lavi adeldi r i operi ldi r i oal l avi a Coor di na or enews l e er :Ma eoangi ol i@matteo_ ANGI OLI Numero #59 Teramo, 20 febbraio 2015: l'universià di Teramo conferisce a Marco Pannella la Laurea Honoris

Dettagli

Osservabilità (1 parte)

Osservabilità (1 parte) eoria dei sisemi - Capiolo 9 sservabilià ( pare) Inroduzione al problema della osservabilià: osservazione e ricosruzione. Sai indisinguibili e sai non osservabili...3 Soospazi di osservabilià e non osservabilià

Dettagli

Analisi di Mercato. Facoltà di Economia. La pubblicità. Creare la conoscenza di un prodotto. Creare l'immagine di marca. Influenzare gli atteggiamenti

Analisi di Mercato. Facoltà di Economia. La pubblicità. Creare la conoscenza di un prodotto. Creare l'immagine di marca. Influenzare gli atteggiamenti Obieivi della pubblicià Creare la conoscenza di un prodoo Analisi di Mercao Facolà di Economia francesco mola La pubblicià Creare l'immagine di marca Influenzare gli aeggiameni Rafforzare la fedelà alla

Dettagli

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice Eserciazione 7: Modelli di crescia: arimeica, geomerica, esponenziale. Calcolo del asso di crescia e del empo di raddoppio. Popolazione sabile e sazionaria. Viviana Amai 03/06/200 Modelli di crescia Nella

Dettagli

OGGETTO. CIRCOSCRIZIONE 1 Autorimesse - Gestione Automezzi - Via Perrone, 3 e 5 Magazzini - Gestione Verde - Via Valfrè, 8

OGGETTO. CIRCOSCRIZIONE 1 Autorimesse - Gestione Automezzi - Via Perrone, 3 e 5 Magazzini - Gestione Verde - Via Valfrè, 8 OGGETTO Cosiuiscono oggeo della presene relazione descriiva i lavori di manuenzione ordinaria da eseguirsi negli edifici di compeenza del Seore Gesione Auomezzi - Magazzini ed Auorimesse. Gli immobili

Dettagli

TECNICA DELLE ASSICURAZIONI

TECNICA DELLE ASSICURAZIONI TECNICA DELLE ASSICURAZIONI E DELLE FORME PENSIONISTICHE Prof. Annamaria Olivieri a.a. 25/26 Esercizi: eso. Una socieà di calcio si impegna a risarcire con 5 euro il proprio allenaore, in caso di licenziameno

Dettagli

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1 La programmazione aggregaa nella supply chain La programmazione aggregaa nella supply chain 1 Linea guida Il ruolo della programmazione aggregaa nella supply chain Il problema della programmazione aggregaa

Dettagli

Lezione n.12. Gerarchia di memoria

Lezione n.12. Gerarchia di memoria Lezione n.2 Gerarchia di memoria Sommario: Conceo di gerarchia Principio di localià Definizione di hi raio e miss raio La gerarchia di memoria Il sisema di memoria è molo criico per le presazioni del calcolaore.

Dettagli

COMUNE DI BOSA AREA AFFARI GENERALI E ISTITUZIONALI

COMUNE DI BOSA AREA AFFARI GENERALI E ISTITUZIONALI COMUNE DI BOSA AREA AFFARI GENERALI E ISTITUZIONALI Ufficio Affari Generali Procedimeno/iniziaiva Accesso documeni amminisraivi di compeenza Traameno della corrispondenza in ingresso e uscia Pubblicazione

Dettagli

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14 Universià di isa - olo della Logisica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sisemi Logisici Anno Accademico: 03/4 CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Docene: Marino Lupi

Dettagli

CRESCERE NELLA REGIONE PIEMONTE

CRESCERE NELLA REGIONE PIEMONTE CRESCERE NELLA REGIONE PIEMONTE Caraerisiche ecniche dell iniziaiva iniziaiva Sede legale e operaiva Inizio aivià Forma ecnica Finalià Plafond Imporo Duraa Tipologia garanzia Piemone Micro, piccole e medie

Dettagli

RELAZIONI ISTITUZIONALI EVENTI ENTI FORMAZIONE

RELAZIONI ISTITUZIONALI EVENTI ENTI FORMAZIONE ION idee in azione PROGETTI TI RELAZIONI ISTITUZIONALI EVENTI ENTI FORMAZIONE PERCHÉ SCEGLIERCI Progei Un ampio nework e la profonda conoscenza nza del mercao ci permeono di individuare la sraegia migliore

Dettagli

Analisi e valutazione degli investimenti

Analisi e valutazione degli investimenti Analisi e valuazione degli invesimeni Indice del modulo L analisi degli invesimeni e conceo di invesimeno Il valore finanziario del empo e aualizzazione Capializzazione e aualizzazione Il coso opporunià

Dettagli

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo 1 Raddrizzaore - Generalià I circuii raddrizzaori uilizzano componeni come i Diodi che presenano la caraerisica di unidirezionalià, cioè permeono il passaggio della correne solo in un verso. In figura

Dettagli

2. Politiche di gestione delle scorte

2. Politiche di gestione delle scorte deerminisica variabile nel empo Quando la domanda viaria nel empo, il problema della gesione dell invenario divena preamene dinamico. e viene deo di lo-sizing. Consideriamo il caso in cui la domanda pur

Dettagli

Finanza pubblica in Italia

Finanza pubblica in Italia Finanza pubblica in Ialia Aggregazioni di eni pubblici Nelle saisiche e nei documeni ufficiali di poliica economica si fa riferimeno a deerminae aggregazioni di eni pubblici. Tali aggregazioni possono

Dettagli

del segnale elettrico trifase

del segnale elettrico trifase Rappresenazione del segnale elerico rifase Gli analizzaori di poenza e di energia Qualisar+ consenono di visualizzare isananeamene le caraerisiche di una ree elerica rifase. Rappresenazione emporale I

Dettagli

In questi ultimi tre anni le società di assicurazione europee hanno. Polizze vita l Approfondimenti

In questi ultimi tre anni le società di assicurazione europee hanno. Polizze vita l Approfondimenti Polizze via l Approfondimeni Incorporare le aese dell assicurao nell ALM In quesi ulimi anni le socieà di assicurazione europee hanno affinao l uilizzo dell ALM nel ramo via. I loro sforzi, uavia, si sono

Dettagli

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2013 Analitico

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2013 Analitico COMUNE DI LUCERA Prov. (FG) CONO DI BILANCIO GESIONE DELLE SPESE - Anno 2013 Analitico Pagina 2 Residui (A) allo Residui (B) Residui (C) Residui (D=B+C) (E=A-D) Competenza (F) otale (M) otale (N) Res.

Dettagli

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche LEZIONE 3 INDICATORI DELLE RINCIALI VARIABILI MACROECONOMICHE Argomeni raai: definizione e misurazione delle segueni variabili macroecomiche Livello generale dei prezzi, Tasso d inflazione, π IL nominale,

Dettagli

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato OSSERVATORIO collegameno ferroviario Torino-Lione Collegameno ferroviario Torino-Lione I possibili schemi di Parenariao Pubblico Privao Torino, 30 Oobre 2007 Unià Tecnica Finanza di Progeo 1 PPP: analisi

Dettagli

Ma nel dettaglio, come si svolge una seduta di allenamento con la metodica SPLIT SYSTEM?

Ma nel dettaglio, come si svolge una seduta di allenamento con la metodica SPLIT SYSTEM? LO SPLIT SYSTEM Di Fabio Zonin Volee oenere oimi guadagni di forza e massa e enere conemporaneamene soo conrollo la percenuale di grasso corporeo e farlo allenandovi solo per un ora re vole la seimana?

Dettagli

Le polizze rivalutabili

Le polizze rivalutabili Capiolo 6 Le polizze rivaluabili 6.1 Inroduzione Le polizze via rivaluabili sono sae inrodoe nel mercao ialiano negli anni di ala inflazione e oggi, con l eccezione delle polizze TCM, hanno compleamene

Dettagli

La previsione della domanda nella supply chain

La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda 1 Linea guida Il ruolo della prerevisione nella supply chain Le caraerisiche della previsione Le componeni della previsione ed

Dettagli

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione Economia del Seore Pubblico Laura Vici laura.vici@unibo.i www2.dse.unibo.i/lvici/edsp_ii.hm Modalià dell inerveno pubblico Regolamenazione Finanziameno: parziale o inegrale? Produzione: pubblica o privaa?

Dettagli

La valutazione d azienda: conciliazione tra metodo diretto ed indiretto

La valutazione d azienda: conciliazione tra metodo diretto ed indiretto Valuazione d azienda La valuazione d azienda: conciliazione ra meodo direo ed indireo di Maeo Versiglioni (*) e Filippo Riccardi (**) La meodologia maggiormene uilizzaa per la valuazione d azienda, è quella

Dettagli

ALLEGATO 2 LA PIANIFICAZIONE NAZIONALE

ALLEGATO 2 LA PIANIFICAZIONE NAZIONALE Piano di risanameno e uela della qualià dell aria e per la riduzione dei gas serra ALLEGATO 2 LA PIANIFICAZIONE NAZIONALE 1. Il Piano Nazionale per la riduzione delle emissioni di gas ad effeo serra Nell'ambio

Dettagli

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico COMUNE DI MOGORO Prov. (OR) CONO DI BILANCIO GESIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico Residui (A) allo Residui (B) Residui (C) Residui (D=B+C) (E=A-D) Competenza (F) otale (M) otale (N) Res. al 31/12

Dettagli

SERVIZIO SEGRETERIA E AFFARI GENERALI

SERVIZIO SEGRETERIA E AFFARI GENERALI COMUNE DI ORISTANO Comuni de Arisanis SETTORE AFFARI GENERALI SERVIZIO SEGRETERIA E AFFARI GENERALI Procedime Accesso documeni amminisraivi Decrei e ordinanze sindacali Unià organizzaiva responsabile dell

Dettagli

AVVISO PROVINCIALE DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AVVISO PROVINCIALE DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE DELL EMILIA-ROMAGNA AVVISO PROVINCIALE DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE DELL EMILIA-ROMAGNA Sulla base di quano previso dalla Legge Regionale n. 20/2003 e successive modifiche,

Dettagli

Università degli Studi di Padova

Università degli Studi di Padova Universià degli Sudi di Padova FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE Corso di Laurea Specialisica in Scienze Saisiche, Economiche, Finanziarie e Aziendali VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DELLA PUBBLICITÀ NEL MERCATO

Dettagli

La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009

La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009 La marice di conabilià sociale (SAM): uno srumeno per la valuazione IPI, 2009 Sono vieae le riproduzioni del eso, dei dai e dei conenui informaici dei CD allegai non auorizzai dall IPI con qualsiasi mezzo

Dettagli

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478 REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZNAR INTERBANCA 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR 250.000.000 Ar. 1 - TITOLI Il presio obbligazionario Inerbanca 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR

Dettagli

Sommario. Numero #32 19/08/2014

Sommario. Numero #32 19/08/2014 Lavi adeldi r i operi ldi r i oal l avi a Coor di na or enews l e er :Ma eoangi ol i@matteo_ ANGI OLI Numero #32 Roma, 15 agoso 2014: una delegazione radicale guidaa da Marco Pannella, assieme a Ria Bernardini

Dettagli

REGIONE LIGURIA Piano di risanamento e tutela della qualità dell aria e per la riduzione dei gas serra

REGIONE LIGURIA Piano di risanamento e tutela della qualità dell aria e per la riduzione dei gas serra Piano di risanameno e uela della qualià dell aria e per la riduzione dei gas serra REGIONE LIGURIA Piano di risanameno e uela della qualià dell aria e per la riduzione dei gas serra 1 Piano di risanameno

Dettagli

MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI

MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI Al ecnico si presenano moli casi in cui non è sufficiene la deerminazione delle massime porae ramie i crieri di similiudine idrologica, precedenemene esposi. Si ciano, a iolo

Dettagli

Terminologia relativa agli aggregati

Terminologia relativa agli aggregati N. 17 I/10 Terminologia relaiva agli aggregai Schede ecniche Edilizia Genio civile 1 Presupposi Con l'inroduzione delle Norme europee (EN) riguardani gli aggregai, la erminologia finora uilizzaa è saa

Dettagli

LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO. Sergio Rech

LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO. Sergio Rech LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO Sergio Rech Diparimeno di Ingegneria Indusriale Universià di Padova Mercai energeici e meodi quaniaivi: un pone ra Universià

Dettagli

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie Operazioni finanziarie Una operazione finanziaria è uno scambio di flussi finanziari disponibili in isani di empo differeni. Disinguiamo ra: operazioni finanziarie in condizioni di cerezza, quando ui gli

Dettagli

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendie mensili di shampoo Mese y 1 266,0 2 145,9 3 183,1 4 119,3 5 180,3 6 168,5 7 231,8 8 224,5 9 192,8 10 122,9 11 336,5 12 185,9 1 194,3 2 149,5 3 210,1

Dettagli

Nel precedente numero dei Quaderni di Telèma abbiamo affrontato il tema del Registro

Nel precedente numero dei Quaderni di Telèma abbiamo affrontato il tema del Registro IQUADERNIDI L op-ou nel elemarkeing è sempre più realà: dal elefono alla posa, con uno sguardo verso Inerne A cura di Ania Maslova Nel precedene numero dei Quaderni di Telèma abbiamo affronao il ema del

Dettagli

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2013 Analitico

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2013 Analitico COMUNE DI PIANA DI MONE VERNA Prov. (CE) CONO DI BILANCIO GESIONE DELLE SPESE - Anno 2013 Analitico COMUNE DI PIANA DI MONE VERNA Prov. (CE) Residui (A) allo Residui (B) Residui (C) Residui (D=B+C) (E=A-D)

Dettagli

La Finanza di Progetto per la realizzazione e gestione di un parco Eolico

La Finanza di Progetto per la realizzazione e gestione di un parco Eolico SUSTAINABLE ENERGY FORUM - Le nuove froniere della produzione di energia pulia La Finanza di Progeo per la realizzazione e gesione di un parco Eolico Roma, 6 Giugno 2007 Gabriele FERRANTE Unià ecnica Finanza

Dettagli

39 4 La tutela della salute

39 4 La tutela della salute Sommario 4 Sosenibilià, un valore e un impegno 39 4 La uela della salue di Diana Bracco 6 Inroduzione 9 1 Il Gruppo Bracco 1.1 La soria del Gruppo 17 2 L impegno Ambienale del Gruppo Bracco 2.1 Il programma

Dettagli

Sommario. Numero #40 14/10/2014

Sommario. Numero #40 14/10/2014 Lavi adeldi r i operi ldi r i oal l avi a Coor di na or enews l e er :Ma eoangi ol i@matteo_ ANGI OLI Numero #40 Parigi, 11 oobre 2014: il Pario Radicale e Radicali Ialiani parecipano con Marco Pannella

Dettagli

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico

CONTO DI BILANCIO GESTIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico Comune di Donori Prov. (CA) CONO DI BILANCIO GESIONE DELLE SPESE - Anno 2014 Analitico Residui (A) allo Residui (B) Residui (C) Residui (D=B+C) (E=A-D) Competenza (F) otale (M) otale (N) Res. al 31/12

Dettagli

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI TEPUS PECUNIA EST COLLANA DI ATEATICA PER LE SCIENZE ECONOICHE FINANZIARIE E AZIENDALI 3 Direore Bearice VENTURI Universià degli Sudi di Cagliari Comiao scienifico Umbero NERI Universiy of aryland Russel

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

La Legge 40 è crollata

La Legge 40 è crollata Lavi adeldi r i operi ldi r i oal l avi a Coor di na or enews l e er :Ma eoangi ol i@matteo_ ANGI OLI Numero #14 Monaco di Baviera, 13 aprile 2014: danze e cani radizionali hanno apero la Conferenza del

Dettagli

Modulo. Muri di sostegno

Modulo. Muri di sostegno odulo uri di sosegno. - Generalià sui muri di sosegno pag.. Azioni saice sul muro pag. 5. Azioni provocae dal sisma pag. 7.4 - Verifice pag..4. - Verifice del complesso muro + fondazione pag. 4.4. - Verifica

Dettagli

RIDUTTORI EPICICLOIDALI A GIOCO RIDOTTO Accoppiamento a motori brushless, cc e standard IEC/NEMA

RIDUTTORI EPICICLOIDALI A GIOCO RIDOTTO Accoppiamento a motori brushless, cc e standard IEC/NEMA RG RIDUTTORI EPICICLOIDALI A GIOCO RIDOTTO Accoppiameno a moori brushless, cc e sandard IEC/NEMA Riduori epicicloidali RG Descrizione Carcassa monoliica in acciaio bonificao con predisposizione modulare

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Universià degli Sudi di Parma Diparimeno di Economia Obieivi della lezione Capire i profili di analisi di un invesimeno in beni srumenali Saper scegliere correamene

Dettagli

A. Quantità edificatorie e densità territoriale...1

A. Quantità edificatorie e densità territoriale...1 Cara di Urbanisica I Pro.ssa Arch. Fabiola Fraini Cara di Urbanisica I --- a.a. 2003/2004 PROGETTO PER UN AMBITO URBANO NEL QUARTIERE DI CENTOCELLE Laboraorio progeuale annuale INDICAZIONI RIGUARDO LE

Dettagli

( n i c e t o m e t a ) www.metaformazione.it

( n i c e t o m e t a ) www.metaformazione.it ( n i c e o m e a ) www.meaformazione.i www.meaformazione.i ( n i c e o m e a ) Le aziende sono sisemi con specificià e paricolarià che le rendono uniche. Come accerarsi della compaibilià ra formazione

Dettagli

l M DA 03/09/07 Termonovela in 17 puntate

l M DA 03/09/07 Termonovela in 17 puntate a e i a d l a c e n e l o i a z a M s n? e o d n n a o s c n e d n o c e s ì S 1 ermonovela in 17 puntate DAI ERMODINAMICI RELAIVI ALLA CONDENSAZIONE BRUCIANDO 1 m3 DI GAS SI OIENE: 8127 Kcal + 1,55 Kg

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

Salvataggi (dal questionario sui gruppi)

Salvataggi (dal questionario sui gruppi) PAOLO BECHERUCCI www.raid.i Salvaaggi (dal quesionario sui gruppi) Ricordiamoci delle norme sulla Privacy!!! Vengono eseguii dei backup dei dai? regolarmene in modo manuale 46% non regolarmene 3% regolarmene

Dettagli

Londra, 16 agosto 2014: la vignetta di Morten Morland (@mortenmorland) pubblicata dal Times

Londra, 16 agosto 2014: la vignetta di Morten Morland (@mortenmorland) pubblicata dal Times Lavi adeldi r i operi ldi r i oal l avi a Coor di na or enews l e er :Ma eoangi ol i@matteo_ ANGI OLI Numero #33 Londra, 16 agoso 2014: la vignea di Moren Morland (@morenmorland) pubblicaa dal Times Sommario

Dettagli

Il ricorso alla Finanza di Progetto nei progetti di generazione da fonti rinnovabili

Il ricorso alla Finanza di Progetto nei progetti di generazione da fonti rinnovabili I disrei produivi ialiani : Energia e sicurezza Il ricorso alla Finanza di Progeo nei progei di generazione da foni rinnovabili Pisa, 21-22 22 Novembre 2007 Gabriele FERRANTE Unià Tecnica Finanza di Progeo

Dettagli