Sviluppo. della leadership Guida per l avvio di un programma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sviluppo. della leadership Guida per l avvio di un programma"

Transcript

1 Sviluppo della leadership Guida per l avvio di un programma

2 Questa guida è stata preparata dalla Leadership Education and Training Division del Rotary International. Eventuali domande e commenti si possono inviare a: Leadership Education and Training Division Rotary International One Rotary Center 1560 Sherman Avenue Evanston, IL USA Telefono: Fax: T ra i compiti di un leader c è anche quello di individuare e sviluppare il talento latente di quei soci che, per motivi diversi, non hanno mai avuto una vera occasione di dimostrare le loro capacità. Clem Renouf Presidente del RI

3 Inizio Il programma di sviluppo della leadership a livello di club è stato istituito per rendere i Rotariani più efficienti, nelle attività professionali e di club, stimolando le loro capacità di leadership. Può rivelarsi particolarmente utile per i soci che non svolgono regolarmente incarichi di supervisione e non partecipano a programmi di formazione per lavoratori dipendenti. Il programma è facoltativo. Si può strutturare come seminario di mezza giornata o in una serie di incontri più brevi nell arco dell anno, e può essere svolto in presenza, online o con una combinazione delle due modalità. Sarà cura dei club e dei distretti che usano il programma scegliere il formato più adatto alle esigenze dei partecipanti. Questo opuscolo fornisce una panoramica delle dieci materie consigliate per il programma. Capacità di comunicazione Stili di leadership Guida e motivazione di volontari Mentorato Gestione del tempo Definizione degli obiettivi e responsabilizzazione Pianificazione strategica Etica e la Prova delle quattro domande Creazione del consenso Lavoro di squadra Per ogni argomento propone una breve introduzione, domande e spunti di discussione, e suggerimenti per le attività da svolgere, per facilitare lo svolgimento delle singole sessioni. Gli istruttori dovranno effettuare ricerche approfondite sui vari argomenti in modo da integrare questi elementi di base e adattare i contenuti alle esigenze dei partecipanti. Risorse Sono molte le risorse disponibili per realizzare un programma di sviluppo della leadership a livello di club. Il Manuale dell istruttore distrettuale, per esempio, fornisce informazioni sulla pianificazione e lo svolgimento degli incontri formativi. Inoltre, è possibile adottare come modello uno dei programmi già delineati da altri istruttori rotariani (l elenco è contenuto nel database delle migliori prassi di formazione, Training Best Practices Database, disponibile, solo in inglese, sul sito Per personalizzare i programmi si possono utilizzare anche le numerose risorse reperibili su Internet o in formato cartaceo. L importante è che siano culturalmente adatte ai soci del proprio club. Accertamento delle esigenze formative Prima di realizzare un programma di sviluppo della leadership è bene considerare gli scopi perseguiti dal club e le aspettative dei soci. L accertamento delle esigenze formative serve a individuare le competenze su cui i partecipanti desiderano concentrarsi e a stabilire gli obiettivi del programma. Nel Manuale dell istruttore distrettuale (246-IT) sono disponibili delle linee guida e un esempio di questionario. È importante delineare un programma di formazione rispondente alle aspettative dei partecipanti, per garantire il buon esito dell iniziativa. Guida per l avvio di un programma 1

4 Azioni successive Per incentivare l applicazione pratica delle nozioni apprese durante il seminario, bisogna esortare i partecipanti a elaborare un piano di azione alla fine del percorso formativo e quindi mantenere i contatti con loro per vedere se stanno sfruttando le competenze acquisite, in ambito rotariano e professionale. Segue un elenco di azioni utili per consolidare tali competenze. Istituire un programma di mentorato per i partecipanti. Prevedere dei colloqui più o meno formali con i partecipanti ogni due mesi circa, per valutare i progressi compiuti. Organizzare un incontro di verifica a distanza di sei mesi e di un anno dalla fine del programma per valutare in che misura i partecipanti stanno applicando i concetti appresi. Valutazione Chiedete ai partecipanti di compilare una valutazione alla fine del programma. Questi dati saranno utili per pianificare le riunioni successive. Si consiglia di ripetere la valutazione a distanza di sei e dodici mesi dal seminario, per individuare ciò che i partecipanti hanno appreso, quali nuove competenze stanno utilizzando e quali argomenti dovrebbero essere approfonditi. Questi sono solo dei suggerimenti, ma ci sono tante altre possibilità. Come lo stesso programma formativo, anche le azioni successive si possono adattare alle esigenze e alla cultura dei vari club. N ell organizzazione ideale, il livello più alto, quello della leadership, dovrebbe stare vicino alla base. Robert Barth Presidente del RI Sviluppo della leadership

5 Capacità di comunicazione La capacità di comunicare uno scopo e una visione a singoli individui e gruppi aiuterà i Rotariani a ottenere sostegno e a raggiungere gli obiettivi, sia all interno del Rotary che nella loro attività professionale. I Rotariani creano rapporti di amicizia e di fiducia attraverso l ascolto, la comprensione e la manifestazione delle loro impressioni. Punti da toccare negli interventi Spiegare come i dirigenti di club devono assolvere il compito di organizzare e condividere le informazioni con i soci, i dirigenti di altri club e la comunità. Discutere i diversi stili di comunicazione:* diretto: discorso risoluto, affermazione vigorosa delle proprie opinioni, approccio diretto al nocciolo della questione; animato: espressione pronta delle proprie opinioni, concentrazione sul quadro generale, capacità di persuasione; sistematico: concentrazione su dettagli specifici, uso attento del linguaggio, enfasi sui fatti anziché sulle emozioni; riguardoso: forte propensione all ascolto, uso di un linguaggio evocativo di intimità e sostegno personale. Analizzare le caratteristiche di una comunicazione efficace, tra cui l ascolto attivo, il feedback e il riconoscimento degli ostacoli alla comprensione. Descrivere e discutere il significato dei metodi di comunicazione non verbali, tra cui le espressioni facciali, i gesti, i silenzi, lo sguardo e l uso dello spazio. Domande di discussione Come descrivereste il vostro stile di comunicazione? Come verificate l efficacia del vostro modo di comunicare? Come potete accertarvi che tutti i soci del vostro club siano informati? Cosa succede quando la comunicazione è inefficace? Come si può ristabilirne l efficacia? Guida per l avvio di un programma 3

6 Attività consigliate Giochi di ruolo. Chiedete ai partecipanti, divisi in gruppi di tre, di analizzare il processo di comunicazione. Uno di loro parla, un altro ascolta e il terzo osserva. Mentre i due comunicano, l osservatore deve annotare le caratteristiche della comunicazione e quindi fornire il suo parere a entrambi i partecipanti. Gli aspetti da considerare sono: la chiarezza del messaggio, l uso di un determinato stile di comunicazione e l evidenza delle caratteristiche di una comunicazione efficace. Lavoro di gruppo. Chiedete ai partecipanti, divisi in coppie, di scambiare idee sugli ostacoli più comuni alla comunicazione che possono presentarsi durante un progetto di servizio. Quando tutte le coppie hanno compilato un elenco, invitate i partecipanti a discutere possibili soluzioni ai problemi individuati. * mutuati da una ricerca estratta da Human Resource Development Quarterly. È possibile sostituire questi esempi con gli stili di comunicazione comunemente usati nella cultura dei partecipanti. 4 Sviluppo della leadership

7 Stili di leadership Lo stile di leadership dipende dal modo in cui un individuo dà l orientamento, realizza un piano o motiva gli altri. Per raggiungere i propri obiettivi, i leader capaci spesso adottano stili diversi a seconda della situazione. Punti da toccare negli interventi Descrivere gli stili di leadership* e le rispettive caratteristiche: partecipativo: punta al coinvolgimento delle altre persone; situazionale: cambia stile di leadership in base alle situazioni; transazionale: opera attraverso strutture gerarchiche e sistemi di premio e punizione; trasformazionale: guida gli altri con l ispirazione, condividendo energia ed entusiasmo; asservito: serve gli altri anziché essere servito. Spiegare i vantaggi di una leadership forte nei club e nei distretti rotariani. Domande di discussione Che tipo di ruoli di leadership avete svolto nella vostra vita professionale e personale? Quali competenze si sono rivelate importanti in questi ruoli? In che modo cambia il vostro stile di leadership tra l ambito professionale e quello personale? Quali stili di leadership utilizzate? Si può imparare ad essere un leader? Si può cambiare il proprio stile di leadership? Attività consigliate Lavoro di gruppo. Invitate i partecipanti, divisi in coppie, a descrivere un leader eccezionale con cui hanno lavorato e a elencare le tre caratteristiche di leadership più importanti di questa persona. Riunite il gruppo e fategli stilare un elenco generale degli elementi di una leadership efficace. Lavoro individuale. Chiedete ai partecipanti di compilare una valutazione del loro stile di leadership (è possibile elaborare un proprio strumento di valutazione o acquistare uno di quelli usati per le imprese). * mutuati dalla ricerca di Kurt Lewin e Rensis Likert. È possibile sostituire questi esempi con gli stili di leadership comunemente usati nella cultura dei partecipanti. Guida per l avvio di un programma 5

8 Guida e motivazione di volontari La motivazione e l entusiasmo dei volontari sono fondamentali per il successo delle attività dei club e dei distretti. La capacità di ispirare i soci è essenziale per stimolare la partecipazione ai progetti e ai programmi rotariani. Punti da toccare negli interventi Discutere i fattori motivanti comuni per i volontari, tra cui le opportunità di servire, la fratellanza, la possibilità di creare legami e i riconoscimenti. Elencare le sfide da affrontare quando si guidano amici e colleghi. Analizzare alcune caratteristiche di leader e motivatori di successo, come la capacità di conquistare la fiducia, creare relazioni solide, offrire ispirazione e visione, e guidare con l esempio. Domande di discussione Esiste una differenza tra guidare e motivare? Cosa vi motiva? Cosa ostacola il vostro desiderio di dedicare tempo al Rotary? In che modo motivare i dipendenti è diverso dal motivare dei volontari? Quali difficoltà avete incontrato nel motivare altri Rotariani? Attività consigliate Casi di studio. Esporre ai partecipanti il caso seguente. Avete appena assunto il ruolo di presidente di club. Una delle vostre priorità è avviare una serie di progetti ambientali nella comunità locale. Anche se molti soci del vostro club apprezzano il clima di fratellanza del Rotary, hanno sempre dimostrato una certa riluttanza a dedicare tempo alle attività di servizio. Come pensate di motivarli a partecipare attivamente a questa iniziativa? Giochi di ruolo. Chiedete ai partecipanti, divisi in coppie, di recitare una scena in cui uno di loro è un socio poco entusiasta e l altro cerca di motivarlo a partecipare a un attività o a un progetto di club. 6 Sviluppo della leadership

9 Mentorato Nel processo di mentorato, una persona esperta guida un altro individuo nel percorso di apprendimento e sviluppo delle idee. Questa prassi offre al mentore e all allievo la possibilità di consolidare le proprie competenze, creare rapporti personali e fare progressi a livello professionale. Il programma di mentorato può essere utile per l orientamento dei nuovi soci, la creazione del team di una commissione di club e la pianificazione dell avvicendamento dei dirigenti. Punti da toccare negli interventi Discutere lo scopo del mentorato e la sua utilità all interno del Rotary. Definire il rapporto fra il mentore e l allievo. Analizzare le responsabilità di entrambi. Spiegare i motivi per cui è doveroso condividere la propria esperienza e competenza con altri soci. Alcuni esempi sono: il contributo al reclutamento e alla conservazione dell effettivo, l impatto positivo sul morale, l impulso allo sviluppo della leadership, l incentivazione del lavoro di gruppo e l avanzamento della conoscenza del Rotary. Domande di discussione In che modo la partecipazione a un programma di mentorato può migliorare la vostra crescita personale? Qual è la differenza tra fare da mentore e svolgere ruoli direttivi? In che modo si potrebbe usare un programma di mentorato nel vostro club? Attività consigliate Lavoro di gruppo. Innanzitutto, chiedete ai partecipanti, divisi in piccoli gruppi, di descrivere le situazioni personali o professionali in cui hanno svolto il ruolo di mentore o di allievo, e i benefici tratti da questa esperienza. Successivamente incoraggiate uno scambio di idee su situazioni, in ambito rotariano o professionale, in cui sarebbe utile avere un mentore. Lavoro individuale. Chiedete ai partecipanti di scrivere una lettera a una persona che vorrebbero avere come mentore o della quale vorrebbero essere mentori, delineando i propri obiettivi e le modalità di collaborazione auspicate. Guida per l avvio di un programma 7

10 Gestione del tempo La gestione del tempo implica l applicazione di una serie di criteri, prassi e strumenti per usare il tempo in modo accorto, al fine di migliorare la qualità della vita. Per essere un Rotariano attivo, avere successo a livello professionale e partecipare alla vita familiare, una gestione efficace del tempo è fondamentale. Punti da toccare negli interventi Discutere le caratteristiche di una gestione efficace del tempo, tra cui l individuazione delle priorità, la definizione di confini e l identificazione delle abitudini attuali di gestione del tempo. Spiegare i vantaggi della gestione efficace del tempo sia in ambito rotariano sia in ambito professionale. Domande di discussione Quali strategie di gestione del tempo adottate già? Quali sono alcuni modi per verificare se state facendo ciò che volete e di cui avete bisogno al lavoro, a casa e nel Rotary? In che modo stabilite le priorità nella vostra giornata? Attività consigliate Lavoro di gruppo. Chiedete ai partecipanti, divisi in piccoli gruppi, di condividere tre consigli utili per la gestione del tempo. Lavoro individuale. Date ai partecipanti delle schede su cui annotare i compiti che devono svolgere nel mese in corso, elencati in ordine di priorità e pensando al motivo per cui hanno stabilito tale ordine. Il compito in cima alla lista è più importante degli altri o è più facile da portare a termine? Dopo questa domanda, chiedete ai partecipanti di rivedere l ordine se lo ritengono necessario. 8 Sviluppo della leadership

11 Definizione degli obiettivi e responsabilizzazione Definire gli obiettivi favorisce un uso strategico del tempo, delle energie e delle risorse per il raggiungimento di ciò che è importante per un individuo o per un Rotary club. È sempre auspicabile che le persone interessate dagli obiettivi contribuiscano alla loro definizione. La responsabilizzazione consiste nel fare in modo che tutti i singoli perseguano lo stesso obiettivo. Punti da toccare negli interventi Spiegare i vantaggi della definizione degli obiettivi. Descrivere il processo di: accertamento dei punti di forza e di debolezza degli obiettivi; definizione degli obiettivi; elaborazione di un piano di azione; messa in atto, verifica e valutazione. Descrivere le caratteristiche degli obiettivi efficaci: condivisi: le persone che delineano ed elaborano le strategie per il raggiungimento degli obiettivi devono impegnarsi a metterle in pratica; misurabili: l obiettivo deve essere un traguardo concreto da perseguire; ambiziosi: ogni obiettivo deve essere sufficientemente ambizioso da superare i risultati conseguiti in passato dal club; conseguibili: i Rotariani devono essere in grado di conseguire l obiettivo con le risorse disponibili; limitati nel tempo: ogni obiettivo deve avere una scadenza precisa. Descrivere come elaborare un piano di azione per il conseguimento di un obiettivo. Parlare del modo in cui i leader possono ritenere se stessi e altri responsabili degli obiettivi definiti. Domande di discussione Quali procedure seguite, voi o il vostro club, nella definizione degli obiettivi annuali? Il vostro club ha mai fissato un obiettivo poco realistico? Cosa è successo, e cosa ha imparato il vostro club da quella esperienza? In che modo potete ritenere voi stessi e gli altri soci responsabili del conseguimento di un obiettivo difficile? Con quale frequenza riesaminate i vostri obiettivi, in qualità di leader? Guida per l avvio di un programma 9

12 Attività consigliate Casi di studio. Chiedete ai partecipanti, divisi in piccoli gruppi, di discutere il modo in cui affronterebbero un socio che non ha portato a termine la parte di un piano di azione a lui assegnata. Lavoro di gruppo. Invitate i partecipanti, divisi in piccoli gruppi, a elaborare un esempio di obiettivo di club e ad analizzarne l efficacia. Chiedete loro di delineare le fasi dell azione, decidere chi sarà responsabile di ciascuna fase e discutere le modalità di perseguimento dell obiettivo. 10 Sviluppo della leadership

13 Pianificazione strategica La pianificazione strategica è uno strumento utile ai singoli individui o ai club, per definire la direzione a lungo termine e creare un sistema di riferimento all interno del quale inserire gli obiettivi. Gli obiettivi strategici devono essere riesaminati annualmente e aggiornati ogni tre-cinque anni. Punti da toccare negli interventi Definire la pianificazione strategica. Descrivere i vantaggi della pianificazione strategica: la creazione di una visione condivisa da tutte le persone coinvolte, la definizione di un sistema di riferimento per gli obiettivi annuali, una migliore distribuzione delle risorse, maggiore continuità da un anno all altro. Delineare il processo di pianificazione strategica: 1. scambio di idee sulle qualità principali che caratterizzeranno l individuo o il club fra cinque anni; 2. formulazione di una frase che, in base a quelle caratteristiche, riassuma la visione comune; 3. elenco di ciò che l individuo o il club sa fare meglio; 4. discussione sulle strategie chiave per la realizzazione della visione; 5. classificazione di tali strategie in ordine di priorità; 6. definizione delle tappe cruciali per le principali priorità; 7. elaborazione di obiettivi annuali corrispondenti a queste tappe; 8. definizione di un piano per raggiungere gli obiettivi, con i dettagli sulle scadenze, i responsabili e le risorse necessarie. Analizzare in che modo un piano strategico influisce sulle attività quotidiane, spiegando che tutte le decisioni vengono prese a sostegno del piano stesso, la cui realizzazione richiederà delle risorse. Domande di discussione In che modo un piano strategico può portare dei vantaggi a voi o al vostro club? Chi dovrebbe partecipare alla definizione di un piano strategico per il vostro club? Come potete garantire la continuità e l avanzamento nella realizzazione del piano strategico? Attività consigliate Lavoro individuale. Chiedete ai partecipanti di definire un piano strategico per se stessi o per il loro club. Lavoro di gruppo. Invitate i partecipanti, divisi in coppie, a discutere le modalità di motivazione degli altri soci dei loro club a sostegno della pianificazione strategica. Guida per l avvio di un programma 11

14 Etica e la Prova delle quattro domande L etica, ossia il sistema di valori condivisi da un gruppo, ha sempre svolto un ruolo importante sia nella gestione dei Rotary club, sia nel comportamento professionale dei singoli soci. Punti da toccare negli interventi Definire il concetto di etica. Mettere in evidenza l importanza dell etica per i Rotariani in ambito professionale, citando la Prova delle quattro domande, lo Scopo del Rotary e la Dichiarazione dei Rotariani imprenditori e professionisti. Spiegare che l etica si dimostra attraverso le azioni. Fare un esempio concreto per affermare questo punto. Domande di discussione Quali sono i vantaggi del prendere decisioni etiche nella propria professione? E nel proprio Rotary club? In che modo una persona può incoraggiare un comportamento etico da parte degli altri? In che modo gli elevati standard etici del Rotary possono influenzare la comunità? In che modo gli elevati standard etici del Rotary possono influire sulla nostra immagine pubblica? Come gestite situazioni in cui è stata compiuta una scelta contraria all etica? Attività consigliate Caso di studio. Sottoponete a gruppi di due o tre partecipanti un ipotetica situazione contraria all etica che si verifica in un club o in un contesto professionale. Chiedete ai gruppi di discutere sul modo in cui la affronterebbero. Lavoro di gruppo. Dividete i partecipanti in piccoli gruppi e invitateli a discutere sul possibile utilizzo della Dichiarazione dei Rotariani imprenditori e professionisti nell ambiente professionale di ciascuno. La Prova delle quattro domande Ciò che pensiamo, diciamo o facciamo: 1. Risponde a VERITÀ? 2. è giusto per tutti gli interessati? Darà vita a BUONA VOLONTÀ e MIGLIORI RAPPORTI DI AMICIZIA? Sarà VANTAGGIOSO per tutti gli interessati? 12 Sviluppo della leadership

15 Scopo del Rotary Lo Scopo del Rotary è incoraggiare e promuovere l ideale di servizio come base di iniziative benefiche e, in particolare, incoraggiare e promuovere: PRIMO: lo sviluppo di rapporti interpersonali intesi come opportunità di servizio; SECONDO: elevati principi morali nello svolgimento delle attività professionali e nei rapporti di lavoro; il riconoscimento dell importanza e del valore di tutte le attività utili; il significato dell occupazione di ogni Rotariano come opportunità di servire la società; TERZO: l applicazione dell ideale rotariano in ambito personale, professionale e sociale; QUARTO: la comprensione, la buona volontà e la pace tra i popoli mediante una rete internazionale di professionisti e imprenditori di entrambi i sessi, accomunati dall ideale del servire. Dichiarazione dei Rotariani imprenditori e professionisti Come Rotariano impegnato in un attività imprenditoriale o professionale, ho l obbligo morale di: considerare la mia professione un altra opportunità per servire; essere fedele alla lettera e allo spirito dei codici etici della mia professione, alle leggi del mio Paese e agli standard morali della mia comunità; fare tutto ciò che è in mio potere per nobilitare la mia professione e promuovere i più elevati standard etici in tale ambito professionale; comportarmi in modo equo nei confronti dei miei datori di lavoro, dipendenti, colleghi, concorrenti e clienti, e in generale di tutte le persone con le quali intrattengo rapporti professionali o d affari; riconoscere e rispettare il valore di tutte le occupazioni utili alla società; offrire le mie competenze professionali per creare opportunità per i giovani, soddisfare esigenze particolari degli altri e migliorare la qualità della vita nella mia comunità; adottare la massima onestà nella promozione del mio lavoro e in tutte le dichiarazioni al pubblico relative alla mia attività economica o professionale; non chiedere né concedere ai Rotariani privilegi o vantaggi normalmente non accessibili ad altri, in un rapporto professionale o d affari. Guida per l avvio di un programma 13

16 Creazione del consenso La creazione del consenso consiste nel trovare una soluzione che soddisfi le esigenze di tutti, soprattutto nel caso di persone con punti di vista diversi; non è sinonimo di compromesso o di resa. Guidare gli altri verso il consenso porta a una decisione realizzabile e sostenibile. Punti da toccare negli interventi Definire il consenso, anche facendo un esempio concreto di una situazione in cui ci si è trovati a unire punti di vista diversi. Spiegare i vantaggi di un disaccordo palese, che può portare a una migliore analisi di un problema consentendo a tutte le parti di esprimere le proprie opinioni. Descrivere i vantaggi della costruzione del consenso, ad esempio la percezione condivisa da tutti di aver contribuito al progetto e alla scoperta di nuove soluzioni. Delineare il processo di costruzione del consenso: 1. elenco di ciò che ogni parte coinvolta desidera ottenere dalla situazione; 2. analisi di ciò che è essenziale per ognuno e di ciò che non lo è; 3. scambio di proposte di nuove soluzioni; 4. analisi degli esiti di tali soluzioni; 5. rielaborazione delle soluzioni e altre decisioni per affrontare le esigenze cruciali. Domande di discussione Perché il consenso è importante nella vostra professione? E nel vostro Rotary club? Come vi assicurate che il consenso non diventi un compromesso? Come fate a soddisfare tutte le persone coinvolte? Attività consigliate Lavoro di gruppo. Chiedete ai partecipanti, divisi in piccoli gruppi, di lavorare a un caso di studio. Assegnate ai componenti di ogni gruppo punti di vista diversi, con un partecipante nel ruolo di moderatore incaricato di costruire il consenso. Lavoro individuale. Pensate a un occasione in cui avete dovuto partecipare alla costruzione del consenso; descrivete il processo adottato e il vostro grado di soddisfazione rispetto al risultato. 14 Sviluppo della leadership

17 Lavoro di squadra Per portare a termine un incarico, in ambito rotariano o professionale, quasi sempre è necessario lavorare in squadra. Quando si lavora bene insieme è possibile raggiungere traguardi molto più ambiziosi di quelli conseguibili individualmente. Punti da toccare negli interventi Parlare dei tipi di squadre: pseudo squadre: gruppi di individui incaricati di lavorare insieme, ma senza alcun impegno al perseguimento di un obiettivo comune; tradizionale: gruppo di individui che concordano di lavorare insieme, pur riconoscendo i vantaggi limitati di questa strategia; ad alte prestazioni: questo è un gruppo efficiente, in grado di andare oltre ogni aspettativa ragionevole. Analizzare le fasi di sviluppo di una squadra* delineate dal Dr. Bruce Tuckman, in un modello che spiega lo creazione e il comportamento dei team: formazione: i componenti del gruppo scoprono i reciproci comportamenti e cominciano a stabilire regole e linee guida; confronto: la squadra si impegna per stabilire come intende perseguire i propri obiettivi; normalizzazione: i componenti della squadra acquisiscono fiducia, cominciano a prendere decisioni e ad assumersi la responsabilità delle loro azioni; operatività: il gruppo si trasforma da un insieme di individui in una vera squadra. Descrivere le strategie di creazione della squadra: interazione: proposta di attività strutturate per aiutare il gruppo ad acquisire familiarità e comunicazione positiva; riunioni efficaci: coinvolgimento attivo di tutti i componenti del gruppo nella pianificazione e nei processi decisionali; intervento sui conflitti: promozione di una comunicazione costruttiva, in luogo di critiche distruttive. Domande di discussione Il vostro club promuove il lavoro di squadra? Quali stili di leadership favoriscono questo tipo di lavoro? Di quali squadre avete fatto parte in ambito lavorativo? E nel Rotary? Come definireste una squadra efficiente? Come potete contribuire a creare una squadra ad alte prestazioni? Quali sono le difficoltà comuni per una squadra? Come si possono evitare? Guida per l avvio di un programma 15

18 Attività consigliate Per rompere il ghiaccio. Per introdurre questo argomento, iniziate con un esercizio che dimostra il valore del lavoro di squadra. Consegnate a ogni partecipante un elenco di dieci cose di cui si può avere bisogno in vista di un viaggio. Chiedete ai partecipanti di organizzare questi oggetti in ordine di importanza. Quindi, dopo aver diviso i partecipanti in piccoli gruppi, fateli lavorare in squadra alla ricerca di un consenso su cosa portare in viaggio. Lavoro di gruppo. Chiedete ai partecipanti, divisi in gruppi di tre o quattro, di stilare insieme un elenco degli ostacoli a un lavoro di squadra efficace, e quindi un elenco di trucchi e consigli utili per affrontare queste difficoltà. * Tratte dalla ricerca di Bruce Tuckman. È possibile sostituirle con le fasi comunemente seguite nella cultura dei partecipanti per la creazione di team. I l fatto che un organizzazione già così vigorosa e vitale possa continuare a rafforzarsi di anno in anno, man mano che emergono nuovi leader, è un elemento di grande valore per il Rotary. Edward F. Cadman Presidente del RI Sviluppo della leadership

19

20 U n programma di sviluppo della leadership può stimolare la crescita personale dei Rotariani e contribuire a rafforzare le loro capacità innate, consentendo loro di agire in modo più efficace all interno della comunità, e in ambito familiare e professionale. È un ottima strategia di conservazione dell effettivo. Irving Sonny Brown Presidente della commissione per lo sviluppo della leadership e già vicepresidente del RI La pubblicazione Sviluppo della leadership. Guida per l avvio di un programma contiene linee guida e spunti per le sessioni formative sugli argomenti seguenti: Capacità di comunicazione Stili di leadership Guida e motivazione di volontari Mentorato Gestione del tempo Definizione degli obiettivi e responsabilizzazione Pianificazione strategica Etica e la Prova delle quattro domande Creazione del consenso Lavoro di squadra Per ogni argomento, viene descritto il modo in cui le capacità di leadership si possono mettere a frutto all interno dei Rotary club e in ambito professionale. Prendete in considerazione l avvio immediato di un programma per il vostro club, per contribuire a far emergere il leader nascosto in ogni Rotariano. One Rotary Center 1560 Sherman Avenue Evanston, IL USA 250-IT (308)

Guida ai Circoli professionali del Rotary

Guida ai Circoli professionali del Rotary Guida ai Circoli professionali del Rotary Rotary International Rotary Service Department One Rotary Center 1560 Sherman Avenue Evanston, IL 60201-3698 USA www.rotary.org/it 729-IT (412) Introduzione ai

Dettagli

Manuale del presidente di club

Manuale del presidente di club Manuale del presidente di club Parte della Cartella per dirigenti di club 222-IT (312) FATTURA DI CLUB: NUOVA PROCEDURA Che cosa è cambiato A decorrere da gennaio 2015, la fattura di club sarà contenuta

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

FARE IN MODO EHE SI REALIZZI. Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club

FARE IN MODO EHE SI REALIZZI. Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club FARE IN MODO EHE SI REALIZZI Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club FARLO ACCADERE! I Lions clubs che organizzano progetti di servizio utili alla comunità hanno un impatto considerevole sulle persone

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

GUIDARE GLI ALTRI VITA I LEO CLUB

GUIDARE GLI ALTRI VITA I LEO CLUB GUIDARE GLI ALTRI PER LA VITA I LEO CLUB PREPARANO I GIOVANI AD UNA VITA DA LEADER FATE LA DIFFERENZA... CAMBIATE IL MONDO... SPONSORIZZATE UN LEO CLUB Quando si crea un Leo club locale, i giovani della

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

LAST SIPE. Appunti Livorno 21 giugno 2014

LAST SIPE. Appunti Livorno 21 giugno 2014 LAST SIPE Appunti Livorno 21 giugno 2014 SAPERE, FARE, FAR SAPERE Ho sentito questo slogan per la prima volta da Gianni Bassi, grande Governatore del Distretto 2070, appassionato rotariano, con una visione

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Il vostro Consiglio dei Governatori

Il vostro Consiglio dei Governatori Il vostro Consiglio dei Governatori Il Consiglio dei governatori è l'organo preposto alla guida del distretto e, come di seguito indicato, fornisce supporto di carattere amministrativo al multidistretto,

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente Scheda di valutazione individuale area dirigenza Sessione di valutazione Nome e Cognome Valutatore Competenze e comportamenti Leggenda:,=molto indoddisfacente =insoddisfacente anno Incarico: PESATURA:

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

Manuale della commissione di club per l effettivo

Manuale della commissione di club per l effettivo Manuale della commissione di club per l effettivo Parte della Cartella dei dirigenti di club 226B-IT (512) Indice Introduzione 1 Ruolo e responsabilità della commissione...3 Sviluppo dell effettivo...4

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

che gli spunti visivi possano modificare ogni prospettiva andando a toccare profonde connessioni emotive.

che gli spunti visivi possano modificare ogni prospettiva andando a toccare profonde connessioni emotive. Crediamo... che gli spunti visivi possano modificare ogni prospettiva andando a toccare profonde connessioni emotive. Collaborazione di ampi gruppi, problem-solving e progettazione di soluzioni Conferenze,

Dettagli

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI 1 OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI QUESITO (posto in data 31 luglio 2013) pongo un quesito relativo alla organizzazione gerarchica delle strutture operative semplici e semplici

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI TE I I European Agency for Development in Special Needs Education La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi.

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. la forza di un idea una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. una forza creativa Comer Group, da gruppo di aziende operanti nel settore della trasmissione di potenza,

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

APPRENDERE DAI MIGLIORI

APPRENDERE DAI MIGLIORI APPRENDERE DAI MIGLIORI QUADERNI MANAGERIALI 2008 - NO. 2 Apprendere dai migliori QUADERNI MANAGERIALI 2008 - NO. 2 Indice AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDI 2007 Capitolo I pag. 6 Capitolo II pag.10

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli