leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it"

Transcript

1 leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri

2 SCAFFALE APERTO

3 Dedico questo libro allo Spirito del Signore che mi ha fatto incontrare mentre camminavo lungo il mare Kari e Ole Martin, gli amici norvegesi che ricordo per la loro generosità e la loro fi ducia nella presenza di Dio

4 Gianni Manzone IL VOLTO UMANO DEL MARKETING Un approccio etico-antropologico ARMANDO EDITORE

5 MANZONE, Gianni Il volto umano del marketing. Un approccio etico-antropologico ; Roma : Armando, p. ; 20 cm. (Scaffale aperto) ISBN: Dimensione etica del marketing 2. Evoluzione socio-economica e marketing integrato 3. Funzione del marketing nella società CDD 658 Il presente volume è stato stampato con il contributo di Kari e Ole Martin Pedersen 2013 Armando Armando s.r.l. Viale Trastevere, Roma Direzione - Ufficio Stampa 06/ Direzione editoriale e Redazione 06/ Amministrazione - Ufficio Abbonamenti 06/ Fax 06/ Internet: ; I diritti di traduzione, di riproduzione e di adattamento, totale o parziale, con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e le copie fotostatiche), in lingua italiana, sono riservati per tutti i Paesi. Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, comma 4, della legge 22 aprile 1941 n. 633 ovvero dall accordo stipulato tra SIAE, SNS e CNA, CONFARTIGIANATO, CASA, CLAAI, CONFCOM- MERCIO, CONFESERCENTI il 18 dicembre Le riproduzioni a uso differente da quello personale potranno avvenire, per un numero di pagine non superiore al 15% del presente volume/fascicolo, solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO, Via delle Erbe, n. 2, Milano, telefax ,

6 Sommario Introduzione generale 7 Capitolo 1: L etica come parte integrale del marketing Oltre la Business Ethics: il marketing integrato Il marketing come attività pratica 25 Osservazioni conclusive 53 Capitolo 2: La relazione di fiducia quale condizione del marketing integrato L approccio dell orientamento al consumatore Il marketing relazionale Per un etica della fiducia Il problema della corruzione 75 Osservazioni conclusive 80 Capitolo 3: La ricerca di mercato La ricerca di mercato come dialogo con il consumatore Quali informazioni e come ottenerle? Le imprese come oggetto della ricerca di mercato Il processo di segmentazione e targeting 96 Osservazioni conclusive 106 Capitolo 4: La politica del prodotto Lo sviluppo del prodotto Confezionamento ed etichettatura I prezzi giusti 139

7 Capitolo 5: Il sistema della distribuzione La frammentazione della distribuzione Le sottili pressioni dei centri commerciali e supermercati La distribuzione online: inversione di potere? Implicazioni sociali del sistema di distribuzione Criteri etici dei canali di distribuzione 165 Capitolo 6: Il peso dell informazione commerciale La verità degli annunci pubblicitari Il processo di persuasione Manipolazione e autonomia 203 Osservazioni conclusive 210 Capitolo 7: Il valore del marketing per la società L espansione del marketing nella società Un potere senza responsabilità sociale? Strategie di riforma del marketing Marketing e religione La formazione etica degli operatori commerciali 242 Osservazioni conclusive 247 Bibliografia generale 250

8 Introduzione generale 1. Il problema dell eticità del marketing si pone con particolare urgenza anche alla luce delle nuove problematiche che coinvolgono l impresa: i processi di globalizzazione, il precipitare del degrado ambientale, l attenzione sulle fonti di energia rinnovabili, la consapevolezza dell impatto delle attività produttive su tutti gli altri sottosistemi, le nuove responsabilità sociali, la presa in carico delle relazioni con un articolato sistema di stakeholders. Come esperienza il marketing è il modo con cui noi acquistiamo i cibi, i vestiti e i beni di tutti i giorni. Esso influenza e riflette il modo con cui noi pensiamo il mondo, benché non sia la sola influenza a cui siamo soggetti. Dovunque uno si volga si trova dentro l ambiente del marketing, che influenza promuovendo, informando, persuadendo e vendendo a noi qualcosa. A sua volta il marketing è influenzato da ciò che le persone vogliono. Come questa attività così persuasiva e importante ha acquisito tale significato nella vita delle persone? Perché le persone vestono abiti firmati, cercano prodotti di marca e pensano di avere una vita migliore in proporzione all acquisto di un maggior numero di prodotti? Da una parte il marketing si è esteso a comunità e nazioni in tutto il mondo precedentemente da esso non toccate. Dall altra esso in ogni società si è esteso ad aree nuove rispetto a quelle tradizionali. L estensione del marketing ha impattato tutte le aree della nostra vita. L evoluzione stessa del marketing è intrecciata con i cambiamenti socio-economici. La forte competitività sui mercati, la mondializzazione, l impetuosa evoluzione delle tecnologie (in particolare della microelettronica), le trasformazioni sul fronte della domanda unite 7

9 all affinamento delle tecniche di gestione manageriale non potevano non avere un incisivo impatto sul marketing 1. Il marketing a sua volta è venuto ad occupare un ruolo chiave nella società anche a motivo dello sviluppo prodigioso delle comunicazioni e del conseguente potere di influsso sul costume. In una società contemporanea sviluppata, il marketing si confronta con un uomo sensibile a idee e sentimenti che hanno più libero gioco quando la fame è soddisfatta, sentimenti di ciò che la vita appropriata per lui dovrebbe essere. È nell aiutarlo a determinare ciò che la vita appropriata per lui dovrebbe essere creando prodotti che si adattano al sogno e alle aspirazioni e guidandolo ad esprimere questa visione in modelli di consumo che la funzione del marketing gioca un ruolo chiave nei cambiamenti della nostra società 2. In questo processo culturale la funzione del marketing è cambiata: dal vendere ciò che può essere prodotto si passa al progettare prodotti e ambienti che si adattano alle aspirazioni degli uomini e delle donne. In altre parole si tratta del cambiamento da una società di produzione ad una società di marketing orientato al consumatore. In un sistema di produzione il prodotto esiste ed il marketing ha da trovare un mercato adatto ad esso; in un approccio orientato al consumatore, il marketing trova il mercato e poi progetta il prodotto che si adatta a questo. La nuova versatilità della produzione, legata all alta capitalizzazione richiesta da processi complessi, esige mercati più larghi di prima. I metodi complessi di manifattura implicano un elemento più grande di rischio. Il contributo critico del marketing è di ridurre l elemento di rischio facendo incontrare in modo accurato le risorse con il mercato conosciuto e predisposto. Quello che è rimarchevole è la velocità dei cambiamenti sociali che ne risulta. Ancora più rimarchevole è l incoscienza di questi 1 «Dal marketing di massa si passa, in tempi recenti in funzione anche di una maggiore esigenza di saturare più compiutamente le esigenze dei consumatori, a un marketing segmentato, ipersegmentato, di nicchia, sino alla personalizzazione di massa grazie alle nuove tecnologie flessibili e all avvento dell informatica» (G. Fabris, Societing. Il marketing nella società postmoderna, Egea, Milano, 2008, p. 205). Un intelligente camaleontismo caratterizzerebbe cioè il marketing: la capacità di adeguarsi e adattarsi spontaneamente ai cambiamenti di contesto. 2 R. Glasser, The New High Priesthood, Macmillan, London, 1967, p. 12 e sgg. 8

10 cambiamenti per la società come un tutto. Quale impatto gli operatori commerciali hanno sullo sviluppo economico, sociale e politico dei Paesi in cui operano? Come giustificarlo non solo di fronte ai membri di quel Paese, ma anche di fronte agli altri stakeholders della società globale? 2. Quali passi deve intraprendere il marketing verso una chiara responsabilità sociale? Cambiamenti di mentalità da parte degli operatori, codici etici e impegno nelle associazioni professionali e nelle varie istituzioni giuridiche e politiche? Certo, tutti i soggetti hanno da lavorare insieme per risolvere problemi che i loro comportamenti creano. Gli operatori commerciali sono nello stesso tempo cittadini e compagni di esseri umani. Nella nostra ricerca fa da sfondo alla problematica etica l approccio antropologico al marketing. Il marketing parla dei conflitti tra serie diverse di valori e norme, quelli in relazione al ruolo della competizione, dell identità, del desiderio, dell avarizia e paura, e quelli che implicano trasparenza, qualità e servizio al consumatore, fiducia e prodotti a buon prezzo. Le dicotomie e la tensione dialettica che strutturano l esperienza del marketing evidenziano anche un aspetto che ci porta più vicino alla dimensione specificamente umana di questa esperienza, una tensione tra un confronto immediato con i beni particolari oggetto di aspirazione e di consumo, e l apertura ad un orizzonte di significato e di totalità, che emerge dal desiderio, che anima il consumo ma da esso non è mai soddisfatto 3. È possibile integrare i beni particolari con la totalità del bene umano o felicità, a cui alludono in modo simbolico e promettente le esperienze di consumo? Non sembra il marketing incrementare le possibilità di inganno, consentendo l illusione di essere più felici consumando di più, quasi che i beni a portata di mano siano il tutto (è l alienazione)? Perché il desiderio di essere e di vivere possa compiersi e trovare compimento ultimamente non nel procurarsi le cose e nel consumar- 3 È in questa tensione che prende posto il dialogo interdisciplinare tra i filosofi, i teologi e gli specialisti di etica da una parte e dall altra i tecnici, gli economisti e gli imprenditori che hanno familiarità con le situazioni e spesso le sperimentano come reti di costrizioni. 9

11 le, quanto piuttosto nell attesa di un senso e di una verità a cui anche le cose alludono senza poterli determinare, occorre ripensare tutto il processo sociale attuale, laddove appunto il problema dell identità è ridotto a un fatto privato. È realistico nell ambiente del marketing pretendere di essere capaci di assumere per un verso il limite dello scambio e del consumo e, per altro verso, di vederne la correlazione feconda con l orizzonte antropologico di totalità che lo ricomprende? La difficoltà ad elaborare una propria identità spinge la persona a cercare negli oggetti la realizzazione di tale identità. Soprattutto è l operazione del consumare l oggetto che permette di identificarsi mediante esso; solo così infatti si può apparire di fronte agli altri secondo una certa figura che identifica assimilando e differenziando nello stesso tempo. Le discussioni sulla protezione del consumatore sono superficiali come tentativo di individuare istanze immediatamente tracciabili di danni sociali, come per esempio nel caso di certe medicine o annunci ingannatori di pubblicità. Tale istanze sono vere, ma la concentrazione su di esse porta via l attenzione dai problemi più seri come gli effetti sistemici, che plasmano certi atteggiamenti come desiderabili: il che viene realizzato ad un livello emozionale, dove i nuovi atteggiamenti prendono radici e quelli esistenti vengono accentuati prima che le conseguenze a lungo termine siano messe in questione 4. Il marketing non vende un prodotto ma un sogno di bellezza, di salute, di successo, di potere. Un rossetto non è promosso come un materiale colorato, ma come l adempimento di un desiderio di bellezza, di attrazione sensuale La domanda di beni è la risultante di desideri latenti, sogni e aspirazioni che possono essere nutriti o no e che sono oggetto del simbolismo poetico e religioso. L abilità del marketing sta nel collocare il prodotto nelle aspirazioni ad esso appropriate e nel propagandare i desideri che porteranno a comprare i prodotti. È giusto che il ricco simbolismo dell umanità sviluppato da poeti, 4 Il marketing cerca di convincere per esempio a comprare una determinata marca di alcool per avere forza fisica. E cerca di convincere le persone in primo luogo delle premesse emotive e poi del messaggio di vendita. Se il valore umano deve essere ridotto alle virtù fisiche per vendere un prodotto e se gli elementi più deboli della società sono portati a credere a questo criterio di umanità, allora non si è stupiti se la violenza e il disprezzo per le altre virtù più sottili vengono accettati. 10

12 religioni e culture sia usato e significativamente distorto dagli interessi commerciali, che, essendo commerciali, non stanno nella stessa relazione responsabile alla società come i leader politici e religiosi? Da questa prospettiva la funzione del marketing non è più solo di oliare le ruote dell offerta e della domanda, ma di influenzare la cultura della società 5. Ne deriva che le attività commerciali del marketing contengono elementi che esigono una più grande coscienza sociale e politica, e maggior controllo puntuale. Non è più giusto che la creazione di standards, personali e di gruppo, di comportamento sia sotto una guida umana responsabile che non lasciare materie etiche vitali alle considerazioni delle strategie di marketing? Il marketing, per la sua espansione e invasività, chiama in causa il profilo del destino dell uomo; tale destino deve essere considerato in particolare con riguardo alle risorse che il marketing offre al singolo per vivere la propria esperienza come esperienza di senso e di valore. 3. Si tratta di integrare il marketing in una teoria antropologica senza perdere lo spazio concettuale aperto dalla ricerca sociale, ma senza restringersi allo studio di problemi strategici così da privare la questione del marketing del suo significato più profondo e umano. Ci sono forze che, se articolate e sviluppate in un contesto socio-culturale adeguato, possono accrescere il potenziale umano degli scambi commerciali. Il marketing è inevitabilmente intrecciato con dei principi morali su cui l attività economica è basata, e, in ultimo, con la considerazione del significato e fine dell esistenza umana 6. Questi principi morali non sono chiari dall inizio e pronti per l applicazione. Ma devono essere scoperti nell esperienza di marketing. Per questo non iniziamo con una visione normativa pienamente articolata per poi applicarla alle varie situazioni. Piuttosto, analizzando i vari momenti dell attività di marketing e le loro implicanze antropologiche, determiniamo le forme più specifiche e utili di questi valori e norme, e in un modo da articolare più pienamente una visione della vita buona alla luce della quale gli operatori possono intraprendere le 5 R. Paltrinieri, Consumi e globalizzazione, Carocci, Roma, 2004, p. 35 e sgg. 6 P. Ulrich, T. Maak, Integrative business ethics: a critical approach in St. Gallen, in AA.VV., The European Difference, Business Ethics in the Community of European Management Schools, Kluwer, London, 1998, pp

13 loro attività. Questo approccio è compatibile con la convinzione che c è ancora molto da scoprire sugli umani e sulla moralità. Il metodo del nostro lavoro, oltre ad essere fenomenologico, è anche ermeneutico. Il marketing può essere visto come un testo che deve essere interpretato all interno dei suoi contesti storici, culturali, politici, economici. Il pensiero morale, che ciò richiede, implica immaginazione, visione e giudizio. Non impone meccanicamente dei principi alle situazioni o calcoli di costi e benefici 7. L approccio fenomenologico ed ermeneutico mostra una visione della dimensione etica in termini intrinseci all attività di marketing in quanto attività umana che si caratterizza come pratica, ragionevole e non puramente strumentale, anche se rimane un rapporto di scambio (cap. 1). Si tratta del concetto di marketing integrato che ha come sua condizione una relazione di fiducia (cap. 2). L approccio centrato sul concetto di marketing integrato va attualizzato nelle aree cruciali del marketing tenendo conto che le correnti relazioni competitive definiscono le circostanze in cui gli operatori commerciali lavorano: ci sono limiti a ciò che essi possono fare individualmente e collettivamente. Il bisogno di coordinate etiche riguardanti il marketing si articola in modo differenziato nei diversi momenti dell attività di marketing: nella ricerca di mercato e relativi processi di segmentazione e targeting (cap. 3), nello sviluppo del prodotto che comprende la curabilità del valore, la sua sicurezza e impatto sull ambiente, il confezionamento e il prezzo giusto (cap. 4), nel sistema della distribuzione (cap. 5). Un area particolarmente rilevante è quella della comunicazione, dove emergono i problemi della verità degli annunci pubblicitari, il processo di persuasione e forme di manipolazione (cap. 6). La dimensione etica del marketing richiede infine un approfondimento antropologico dal punto di vista della sua verità e del suo senso per l uomo. Da questa prospettiva va valutata la creazione di valore del marketing in rapporto alla responsabilità sociale e al destino dell uomo stesso. A questo livello di analisi si richiede un dialogo franco e non competitivo con la religione (cap. 7). 7 J. Levy, W. Rook, Ed., Brands consumes and research on marketing, Sage, London,

14 Capitolo 1 L etica come parte integrale del marketing Il marketing viene generalmente criticato per accrescere il materialismo e rendere il consumo un fine in se stesso, per essere uno spreco di denaro per persuadere le persone a comprare prodotti di cui non hanno bisogno, ignorando il ruolo attivo del consumatore. È accusato di essere la causa della commercializzazione delle relazioni umane, di alimentare le condizioni mediante le quali le persone mettono la loro identità nelle marche che comprano e vestono invece di sviluppare la loro propria identità non commerciale. Il corrente problema dell obesità è attribuito in parte alle pratiche di marketing e di pubblicità 1. Un importante parte delle proteste antiglobalizzazione è in relazione al marketing. Parlare di eticità del marketing è come parlare della corda in casa dell impiccato, perché proprio il marketing è stato tradizionalmente messo in prima fila sul banco degli accusati 2. L alternativa portata avanti da coloro che ne valorizzano gli aspetti positivi è che il marketing serve la società con i benefici che realizza tramite i prodotti. Le marche provvedono una garanzia di qualità e un livello di fiducia e sicurezza nella volatilità del mercato. Aiutano i fornitori a migliorare gli standards di qualità. Attraverso la competizione, che il marketing promuove, più persone sono provviste di beni 1 Il marketing viene incolpato di un ipocrita discrasia tra la sua missione istituzionale e la pratica quotidiana, dove sarebbe reo dell indiscriminata proliferazione dei consumi, della trasformazione del consumo in consumismo, di manipolazione e inganno nei confronti del consumatore, di promuovere prodotti o comportamenti ecologicamente scorretti, di creare extra profitti sulla pelle del consumatore. 2 G. Fabris, Societing. Il marketing nella società postmoderna, cit., p. 263 e sgg. 13

15 di maggior qualità. Esso rende disponibili più informazioni per le decisioni del consumatore rispetto al passato. Anche la paura che viene usata negli annunci pubblicitari può spingere le persone a proteggersi. Molte informazioni che sono raccolte non sono di specifiche persone e quindi non violano la privacy. Alcuni sostengono poi che il marketing internazionale abbia contribuito a migliorare l etica delle nazioni. Inoltre le tecniche di marketing hanno affrontato problemi sociali come la lebbra, l AIDS, il fumo con grandi benefici. Tuttavia non si può negare che non tutti i mercati sono competitivi e che non tutti i consumatori sono ben informati. Inoltre le pratiche di marketing come la pubblicità riflettono la società e contribuiscono alla socializzazione con conseguenze anche avverse. Per esempio il marketing dei cosmetici può creare un interesse eccessivo sull apparenza esteriore, conducendo all infelicità o all anoressia. Pressioni competitive sui managers portano ad errori e danni. Questi argomenti sono sufficienti a contrastare l accusa che il marketing non è etico in se stesso 3. Non è plausibile pensare il marketing come un attività neutra. Si apre così la porta ad una struttura morale che può essere da guida per i problemi etici. Una completa visione dell etica del marketing lo considera in tutta la rete delle sue interrelazioni tra operatori e consumatori, cittadini e governo. ll marketing rivela qualcosa della società: le persone pagano per vestire una marca che è pubblicizzata da varie imprese 4. Ma esse anche criticano e rigettano molte decisioni delle imprese. Come queste critiche e apprezzamenti debbano essere gestiti e essere visti eticamente è l oggetto della nostra ricerca. Partendo da una visione integrale di etica, che si differenzia 3 C. Smith, Marketing Ethics, in J. Baker, Ed., Companion Enciclopedia of Marketing, Routledge, London, 1995, pp Il marketing viene definito da Di Nallo «come quella disciplina che si occupa della relazione di scambio definibile come mercato fra un soggetto produttore di beni e/o erogatore di servizi (azienda, ente, associazione, ecc.) ed un consumatore, all interno di un contesto sociale», in E. Di Nallo, Quale marketing per la società complessa?, FrancoAngeli, Milano, 1998, p. 76. Definizione quanto mai generica, ma che ci presenta tutti i soggetti che fanno parte della scena che il marketing osserva, un po come spettatore, un po con aspirazioni di regia, ed anche come attore. 14

16 dall approccio della Business Ethics e si avvicina molto alla teoria degli stakeholders (1.), ci soffermeremo sulle caratteristiche di base della comprensione del marketing come azione pratica. Di queste caratteristiche metteremo in luce l ambiguità e l apertura all istanza etica che richiama al coinvolgimento del bene dell uomo e del suo destino nell attività commerciale (2.). 1. Oltre la Business Ethics: il marketing integrato 1.1. Una prima interpretazione dell etica del marketing è stata data dalla Business Ethics, un area di studio che ha avuto uno sviluppo particolarmente intenso a partire dalla seconda metà degli anni Ottanta. L etica del marketing viene intesa dalla Business Ethics in una prospettiva esclusivamente normativa, ossia nei termini di «applicazione delle teorie etiche normative alle istituzioni e alle pratiche economiche» 5. I presupposti più comuni e significativi alle diverse scuole della Business Ethics sono l individualismo e la concezione procedurale delle regole morali 6. L individualismo consiste, in sintesi, nelle due idee correlate secondo le quali le azioni e le istituzioni sociali (politiche ed economiche) possono essere comprese solo a partire dal comportamento e dalle preferenze degli individui, e queste preferenze sono autointeressate. La proceduralità delle regole morali è una conseguenza dell individualismo: poiché le scelte e gli interessi degli individui non possono essere sindacati, né è possibile definire degli obiettivi morali da essi indipendenti, la riflessione etica consiste essenzialmente nella individuazione di regole attraverso le quali comporre diritti, interessi e prerogative individuali, cioè di vincoli che regolino il perseguimento degli obiettivi individuali e che siano rea- 5 G. Fabris, Societing. Il marketing nella società postmoderna, cit., p. 408 e sgg. 6 Per un ampia informazione sulle tematiche dell etica degli affari e sulla relativa bibliografia soprattutto nell area anglosassone rimandiamo a J. Mahoney, Teaching Business Ethics in the UK, Europe and the USA. A Comparative Study, Athlone Press, London, 1990; F.O. McHugh, Keyguide to information Sources in Business Ethics, Mansell, London, 1988; L. Sacconi, Etica degli affari. Individui, imprese e mercati nella prospettiva di un etica razionale, Il Saggiatore, Milano, 1991; P. Di Toro, L etica nella gestione dell impresa, Cedam, Padova,

17 listicamente capaci di farsi rispettare senza presupporre disposizioni personali all altruismo o all abnegazione. Non si può, in altri termini, valutare il risultato delle relazioni tra individui, ma solo le regole che hanno reso possibile quel risultato: se le regole sono eque, deve essere considerato tale anche il risultato 7. Alcuni principi di natura procedurale dicono come il gioco winwin (le relazioni commerciali) debba essere svolto: il principio di onestà che implica di operare in buona fede, il principio di giustizia o di non tradimento della fiducia ricevuta, il principio di reciprocità, che implica di evitare il free riding o opportunismo verso gli sforzi di qualcun altro. Tali principi evitano costi di transazione non necessari e sono la base della moralità del mercato: l autointeresse razionale, il rispetto per le pretese e gli interessi degli altri, le transazioni di scambio e uno specifico tipo di moralità coincidono. Si inclina propriamente a non negare l importanza del riferimento etico del marketing, né ad appiattirlo sul giuridico, ma a ridurlo alla protezione negativa dei diritti individuali, lasciando tendenzialmente scoperti altri momenti non riconducibili a quella protezione 8. Da qui la necessità di scorporare la giustizia sociale o distributiva (che sarebbe un ingiustizia) dalla giustizia stessa. Ne consegue una vistosa difficoltà a guidare in modo convincente il cambiamento e i conflitti delle transazioni commerciali. Da questa difficoltà riaffiora l urgenza di incorporare nel marketing e nei diversi settori della vita economica uno o più codici etici, costituiti da regole di comportamento sostenute da sentimenti di lealtà e onestà. L aspetto di pertinenza delle etiche laiche degli affari è quello di segnalare in qualche modo il rilievo imprescindibile che assume di nuovo nelle società definite dal consumo la questione della libertà, della persona e della dignità del soggetto. Non basta dare cibo, casa perché la società sia giusta. La giustizia esige che siano disposte le condizioni sociali che consentono al singolo di realizzare la propria 7 Per una sintesi dei singoli modelli argomentativi, cfr. G. Manzone, Libertà cristiana e istituzioni, Mursia, Roma, 1997, pp M. Nozick, Anarchia, stato e utopia, Le Monnier, Firenze, 1981; R. Dworkin, I diritti presi sul serio, Il Mulino, Bologna, 1982; F. Hayek, La società libera, Vallecchi, Firenze,

18 qualità di soggetto. Tali garanzie non possono essere prestate unicamente attraverso le risorse dell economia. Neppure possono essere prestate questa è la nostra critica verso le etiche laiche del marketing attraverso le risorse delle norme procedurali e del diritto. Tali condizioni sociali, che consentono al soggetto di realizzare la sua libertà, hanno infatti alla fine a che fare con le forme stesse della coscienza. E la coscienza non è un attributo naturale del singolo realizzato a monte rispetto alle forme dei suoi rapporti socio-economici 9. Un etica integrale del marketing si cura del bene del soggetto che agisce, visto nella molteplicità delle sue relazioni e motivazioni, e del tipo di bene prodotto e scambiato 10. Si tratta di un approccio che sottolinea costantemente la radice etica delle istituzioni economiche, superando l antropologia individualista di matrice liberale che riduce i rapporti sociali ad anonimo e funzionale vivere civile (questo è l aspetto principale dell attuale crisi dell etica) e che ricerca i possibili fondamenti del consenso sociale in criteri di carattere formale e procedurale, suscettibili di essere enunciati senza bisogno di far riferimento ad alcuna forma obiettiva della appartenenza sociale del soggetto (le nuove teorie della giustizia) 11. La metodologia individualistica tipica della Business Ethics, come è stato osservato, limita inevitabilmente la capacità critica verso comportamenti e istituzioni economiche 12. La complessa analisi del marketing finisce spesso per condurre la Business Ethics a correttivi piut- 9 Il singolo viene alla coscienza di sé attraverso la mediazione decisiva dei suoi rapporti sociali (familiari e macrosociali). Un economia umana esige di riferirsi alle forme del costume e alla loro ragione di congruenza con la causa della formazione della coscienza del soggetto. 10 Tale approccio non può fermarsi ad un efficienza soddisfacente, ma include i bisogni umani e le motivazioni differenziate; evita di ridurre la relazione di scambio alla massimizzazione soggettiva dell utilità e non separa il bene dal giusto (Cfr. G. Manzone, Il mercato. Teorie economiche e Dottrina sociale della Chiesa, Queriniana, Brescia, 2001, p. 228 e sgg.). 11 M. Toso, Welfare Society. L apporto dei pontefici da Leone XIII a Giovanni Paolo II, Las, Roma 1995, pp Il venir meno delle forme dell appartenenza sociale e la crescente solitudine dell individuo nella società tardo capitalista si riflettono sulla debolezza del soggetto, e di conseguenza sul consenso sociale sempre più problematico. 12 A. Tirabassi, Etica economica: principi e prospettive, in «Aggiornamenti Sociali», 2 (1993), pp

19 tosto modesti, senza giungere ad una discussione davvero radicale di temi come i diritti di proprietà, la destinazione dei beni, gli obiettivi complessi dello sviluppo economico. Si deve riconoscere che la Business Ethics, a motivo delle sue matrici filosofiche, spinge la domanda etica solo fino all interrogazione circa la qualità giusta del rapporto socio-economico, senza giungere a riflettere sulla qualità giusta del volere in quanto tale. Gli strumenti dell istituzionalizzazione etica (codici, strutture partecipative ) non garantiscono né la permanenza né l intensità di una preoccupazione etica: essi devono essere assunti dagli uomini per essere efficaci. A monte e a valle è la convinzione degli uomini che conta. Ma se le convinzioni morali e religiose sono semplicemente una materia di opinione personale senza un significato più grande, non sono valori o ideali che le società hanno sviluppato esprimendo esperienze comuni 13. Restringendo il dibattito sull etica del marketing ad una prospettiva che non permette di appoggiarsi sulle convinzioni morali e religiose, si nega una significativa risorsa per venire a conoscere che cosa è vero, e ingiustamente si impedisce ad una persona di articolare ciò che la muove interiormente. Il confronto con approcci diversi può stimolare il chiarimento e l approfondimento di tali presupposti antropologici. Il riferimento all antropologia ispirata dal cristianesimo non conduce necessariamente ad un discorso etico che disconosca altri modi di esprimere le tensioni morali dell universale esperienza umana. Il riferimento a tale antropologia propria del nostro approccio, portatrice di valori universali e storicamente aperta a cogliere la dimensione globale dei problemi economici in generale, consente di partecipare al comune sforzo di individuazione di un etica del marketing e offre alcuni agganci per approfondimenti comuni. Non si tratta infatti di scoprire una sorta di prontuario di regole del gioco, ma, in prima istanza, di cogliere più in profondità il senso dell attività di marketing e il valore etico delle transazioni commerciali. 13 Mentre la moralità consiste nei valori, ideali, norme che le persone vivono, l etica è lo studio riflessivo della moralità in un senso critico e valutativo. L etica va vista come una riflessione critica o teorica sulla moralità che deve aiutarci a risolvere i problemi morali particolari che sorgono dal marketing. La moralità è irrilevante se pone standards così alti che nessuno possa seguirla. Ma che molti non seguano la moralità non significa che sia irrilevante. 18

20 Una istruzione fenomenologica, che consenta di scorgere i modi determinati secondo i quali l esperienza del marketing rimanda per sua natura anche alle questioni fondamentali intorno al senso del destino umano e alla verità dell uomo, può allargare l orizzonte della riflessione etica La proposta di una visione integrata è quella di una struttura etica del marketing radicata nel marketing stesso. Si parte da una visione del marketing come parte integrante del contesto sociale, economico e politico in cui è inserito: la sua attività incide sul sistema sociale tanto quanto questo incide sul marketing (la cosiddetta visione olistica ) 14. La struttura etica non è composta di semplici regole o linee guida che possono essere offerte per risolvere i problemi. Dall esperienza del marketing emergono alcune evidenze etiche o valori come centrali: autonomia, libertà, giustizia, fiducia, verità e benessere. Soggiacente a queste evidenze etiche sta la visione antropologica secondo la quale le persone, nel loro contesto di relazioni socio-economiche, sono responsabili delle proprie azioni 15. I precedenti valori aiutano a determinare la natura e l estensione di questa responsabilità, che si articola in forme e livelli diversi. Questi valori, comuni ad altri contesti di vita, sono costitutivi dell etica del marketing, e in essa assumono una fisionomia specifica 16, fisionomia che va ulteriormente determinata nei contesti particolari, rappresentati dalle diverse attività di marketing, che noi affronteremo e che riguardano lo sviluppo del prodotto, le forme della 14 È sbagliato dire che un etica è irrealistica se le sue prescrizioni non diventano realtà, così come non è corretto dire che un etica è realistica se le sue raccomandazioni possono solo essere adottate attraverso radicali cambiamenti della natura psicologica degli umani: tra questi estremi l etica può essere una guida realistica. 15 «L uomo è il protagonista dell attività dell impresa, è il soggetto morale, e di conseguenza l unico vero responsabile in termini etici nell utilizzo dello strumento marketing» (Cfr. U. Collesei, Marketing, Cedam, Padova, 2000, p. 23). 16 M. Berlin and C.W. Emory, The Faltering Marketing Concept, in «Journal of Marketing», 35 (1971), pp ; S. Wolf, Two Levels of Pluralism, in «Ethics», 102 (July 1992), pp Secondo questi autori, tali valori non sono riducibili ad un singolo principio, anche se qualche volta sono caratterizzati come principi intermedi in contrasto con i principi di base dell utilitarismo e del kantismo. Quindi, secondo questi autori, tale etica sarà pluralistica. 19

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute.

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute. Lo Schema BIAS FREE Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute di Mary Anne Burke Global Forum for Health Research Ginevra, Svizzera e Margrit

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Identità, scelta e non-dominio: una prospettiva normativa a partire da Sen e Pettit

Identità, scelta e non-dominio: una prospettiva normativa a partire da Sen e Pettit Identità, scelta e non-dominio: una prospettiva normativa a partire da Sen e Pettit Danielle Zwarthoed Come possono coesistere nella sfera pubblica identità differenti, in particolare religiose? Per rispondere

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

MEDIA: A CIASCUNO IL SUO

MEDIA: A CIASCUNO IL SUO Gianpiero Gamaleri Ester Gandini Gamaleri MEDIA: A CIASCUNO IL SUO Le mail di Obama. Il blog di Grillo. I tweet di Renzi. La tv di Berlusconi ARMANDO EDITORE GAMALERI, Gianpiero GANDINI GAMALERI, Ester

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli