Rivista di cultura tra le due sponde 2/2007. Fondazione Ernesto Giammarco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rivista di cultura tra le due sponde 2/2007. Fondazione Ernesto Giammarco"

Transcript

1

2

3 Rivista di cultura tra le due sponde 2/2007 Fondazione Ernesto Giammarco

4 Composizione ed impaginazione: Monica De Rosa Stampa e allestimento: Lit. Brandolini - Sambuceto In copertina: Disegno originale di Srečko Jurišić Elaborazione grafica di Monica De Rosa e Alfonso Rendinella Traduzioni e abstracts, dove non diversamente indicato, sono a cura di Srećko Jurišić

5 ADRIATICO/JADRAN Rivista di cultura tra le due sponde 2/2007 Semestrale della Fondazione Ernesto Giammarco patrocinato dal Comune di Pescara Direzione: Luciano D Alfonso, Sindaco di Pescara Josip Milat, Preside della Facoltà di Filosofia dell Università di Split Direttore editoriale: Marco Presutti Direttore responsabile: Achille D Alessandri Comitato scientifico: Gian Mario Anselmi, Gabriele-Aldo Bertozzi, Joško Božanić, Vincenzo De Caprio, Giuseppe De Matteis, Alfonso De Petris, Irene Fosi, Marilena Giammarco, Francesco Marroni, Alessandro Masi, Predrag Matvejević, Marco Nobili, Gianni Oliva, Aleksandar Palavestra, Giovanna Scianatico, Ljerka Šimunković, Antonio Sorella, Stefano Trinchese Comitato di redazione: Francesco Caccamo, Brigida Di Leo, Marilena Giammarco, Ljerka Šimunković, Stevka Šmitran, Antonio Sorella Segreteria di redazione: Monica De Rosa, Snježana Bralić, Claudio Di Felice, Srećko Jurišić, Maja Kezić, Chiara Magni, Ileana Malatesta, Pierluigi Ortolano Redazione italiana: Fondazione Ernesto Giammarco, viale Riviera, 195, Pescara, tel ; sito web: Redazione croata: Filozofski Fakultet Sveučilišta u Splitu, Sinjska, 2, Split; Tel: ; sito web: Sede amministrativa: Comune di Pescara, sede distaccata Giovanni Di Fonzo, Via del Santuario, 41/A Pescara Tutti i diritti sono riservati Si collabora alla rivista su invito della Direzione e del Comitato di redazione Per richiedere i numeri della rivista consultare il sito della Fondazione Ernesto Giammarco ISSN Autorizzazione n. 5/2006 del Tribunale di Pescara

6

7 Atti del IV Congresso Internazionale della Cultura Adriatica (nuova serie) a cura di Marilena Giammarco e Antonio Sorella Pescara - Split 4-7 settembre 2007

8

9 Sommario/Sadržaj ATTI DEL IV CONGRESSO INTERNAZIONALE DELLA CULTURA ADRIATICA (NUOVA SERIE) ADRIATICO DELLE IDENTITÀ/JADRAN IDENTITETA Pescara 4 settembre 2007 Split 6-7 settembre 2007 Saluti delle Autorità/ Pozdravni govori Bernardo Razzotti, Adriatico delle identità/ Jadran identiteta 15 Stefano Trinchese, Nuove identità per la nuova Europa/ Novi identiteti za novu Europu 17 Gaetano Bonetta, L integrazione universitaria/ Sveučilišna integracija 19 Alessandro Masi, Adriatico: due sponde diverse avvicinate da un unica lingua/ Jadran: dvije različite obale zbližene jedinim jezikom 23 Prolusione/ Uvodna riječ Francesco Tateo, Il versante adriatico del Regno di Napoli/ Jadranska strana Napuljskog kraljevstva 29 Relazioni/ Referati Giovanna Scianatico, Paesaggio adriatico. Una Lettera campestre del Bertola/ Jadranski pejzaž. Jedna Bertolina Lettera campestre Brigida Di Leo, Le nuove tendenze dell arte contemporanea croata/ Nove tendencije u hrvatskoj suvremenoj umjetnosti Anna Maria Ioannoni Fiore, «Lo nero periglio che vien da lo mare»: echi di storia nella tradizione musicale adriatica in età moderna/ «Lo nero periglio che vien da lo mare»: odjeci povijesti u jadranskoj muzičkoj tradiciji modernog doba

10 Luisa Curinga, Alaleona, Liviabella, Dallapiccola: tra nuovi linguaggi e tradizioni musicali popolari/ Alaleona, Liviabella, Dallapiccola: između novog izražaja i narodnih muzičkih tradicija Ljerka Šimunković - Ivania Petrin, La terminologia riguardante gli attrezzi da pesca di origine romanza nelle parlate della regione di Spalato/ Nazivlje ribolovnog alata romanskog podrijetla u govorima splitske regije Gabriele Cavezzi, La rete da pesca nell identità adriatica/ Ribarska mreža u jadranskom identitetu Nataša Bajić-Žarko, Utjecaj venecijanske mode na odijevanje Splićanki i Zadranki u 18. st./ L influenza della moda veneziana sul vestire delle Spalatine e delle Zaratine del sec. XVIII Gerardo Massimi, Bacini occupazionali e sistemi locali del lavoro. Concordanze e discordanze nelle regioni medioadriatiche/ Lokalni sistemi i polovi zapošljavanja. Sklad i nesklad u srednjejadranskim regijama Marijana Alujević, Il carattere mediterraneo della vita quotidiana di Spalato presente nelle operette di Ivo Tijardović/ Mediteranski karakter svakodnevnog života Splita u operettama Ive Tijardovića Vincenzo De Caprio, Identità adriatiche in Gente di mare di Giovanni Comisso/ Jadranski identiteti u Gente di mare Giovannija Comissa Gian Mario Anselmi, Una sponda adriatica dell Umanesimo: la Romagna delle Corti/ Jadranska obala Humanizma: dvorovi Romagne Domenico Defilippis, Il mito umanistico di due città adriatiche: Ancona e Ragusa/ Humanistički mit dvaju jadranskih gradova: Ancona i Dubrovnik Claudio Giovanardi - Antonio Sorella, Aldo Duro lessicografo/ Aldo Duro, leksikograf Diego Poli, Vocalismo romanzo interadriatico/ Romanski međujadranski vokalizam Sniežana Bralić - Maja Kezić, Alla ricerca di un vecchio prefisso: da eurouniti a eurostressati / U potrazi za starim prefiksom: od euroujedinjenih do euroopterećenih

11 Claudio Di Felice - Marijana Kvesić, Alcune interferenze morfologiche e sintattiche dall italiano e dal molisano nel croato di Montemitro/ Neke morfološke i sintatičke interferencije talijanskog jezika i dijalekta Molisea u hrvatskom jezika Montemitra Pierluigi Ortolano, Analisi linguistica di tipologie di errori in elaborati scritti da studenti croati/ Jezična analiza tipologije grešaka u radovima hrvatskih učenika Pietro Trifone, Le voci del mare. Intrecci di lingue e di culture nel Mediterraneo/ Glasovi mora. Isprepletanja jezika i kultura na Mediteranu Nedjeljka Balić-Nižić, Un «romano de Roma» oltre l Adriatico: versi romaneschi sulla Dalmazia di Igino D Anversa/ «Rimljanin iz Rima» s druge strane Jadrana stihovi u dijalektu Igina d Anverse o Dalmaciji Marina Marasović-Alujević, «Quod slavice dicitur» Seguendo le traduzioni romanzo-slave nella Spalato medievale/«quod slavice dicitur», romansko-slavenski prijevodi u srednjovjekovnom Splitu Carla Buonomi, Navigando verso Est/ Navigacija prema Istoku 309 Živko Nižić, Antonio Brazzanovich, contadino autodidatta dell isola di Morter e gli scrittori Niccolò Tommaseo e Luigi Fichert/ Antonio Brazzanovich, samouki seljak s Murtera i pisci Nikola Tommaseo i Luigi Fichert Monica De Rosa, L identità dispersa di uno scrittore adriatico: i resoconti di viaggio di Romualdo Pàntini/ Izgubljeni identitet jednog jadranskog pisca: putopisi Romualda Pantinija Srećko Jurišić, La Schiavonia magica nelle opere teatrali di Gabriele D Annunzio: Il sogno d un tramonto d autunno/ Schiavonia magica u djelima Gabriela D Annunzija: Il sogno d un tramonto d autunno Antonela Pivac, La componente stilistica nella traduzione della Cronaca del nostro piccolo paese di Miljenko Smoje/Stilistička komponenta kao bitan element u prijevodu Kronike o našem malom mistu Miljenka Smoje Katarina Dalmatin, Critica archetipica dell Isola di G. Mascioni/ Arhetipska kritika Isole G. Mascionija

12 Recensioni/ Recenzije Le lingue minoritarie negli stati romanzi d Europa (L. Šimunković); Sintomatologia di una condizione adriatica. La malinconia di D Annunzio (M. Giammarco); Ricerca letteraria e turismo per lo sviluppo dell area adriatica (L. Salini); The Stones of Venice: ricerca estetica e parola visionaria tra le pietre del tempo (M. De Rosa) 397 Notiziario adriatico/ Jadranski vijesnik 415 Libri ricevuti/ Knjige 421

13 Saluti delle Autorità/Pozdravni govori

14

15 Adriatico delle identità/ Jadran identiteta Bernardo Razzotti Preside della Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Università degli Studi G. d Annunzio di Chieti-Pescara È un momento fortemente significativo quello di poter certificare la presenza attiva della Facoltà di Lingue e Letterature Straniere della Università degli Studi G. d Annunzio di Chieti-Pescara in un Convegno di Cultura Adriatica (il IV della serie) se è vero ed è vero che esso può considerarsi un fatto che costituisce una tradizione intesa a riflettere, anno dopo anno, sulla realtà del nostro mare Adriatico. Il tema di questo Convegno internazionale nel suo titolo svela chiaramente la ragione del suo essere allorché si prefigge di affrontare le ragioni delle identità. Un ringraziamento a chi, con passione, ha creduto e crede nel valore del confronto e dell incontro su questioni che riguardano la nostra storia passata e presente: mi riferisco a Marilena Giammarco la quale, fedele ad una intuizione degna di ogni considerazione avuta dal Padre, Prof. Ernesto, continua a rendere quella intuizione una realtà culturale. In questi giorni, nei due momenti organizzativi del Convegno che vede impegnati alla riflessione nella sede di Pescara e in quella di Spalato, studiosi qualificati affronteranno sotto diverse angolazioni il tema dell Adriatico delle identità sul piano della indagine, della informazione o del resoconto in cui i fatti umani testimoniano un percorso comune fra popoli diversi nel corso dei secoli. La storia ha come elemento distintivo, necessario ma non sufficiente, il tempo; e la percezione del tempo, la comprensione di esso come intuizione (in senso kantiano) condiziona largamente la comprensione della storia come insieme di fatti temporalmente considerati. Ma sappiamo che quando si racconta un fatto, il quale per la ragione stessa che è un fatto raccontabile appartiene al passato, non ci si limita alla sua esposizione, ma in tale esposizione viene esercitata quella che viene chiamata, in sede particolarmente estetica, una facoltà di interpretazione. Attraverso tale interpretazione si «comprende» o, come diceva Dilthey, «ich verstehe», il fatto storico, vale a dire lo si vede non come singolo evento, ma come evento connesso ad eventi precedenti e conseguenti. L essenza distintiva della storia sta appunto in questa connessione. Cosicché potremmo dire che la storia come scienza è la interpretazione dei fatti del passato considerati come processi temporali. La storia, afferma Marrou, è la conoscenza del passato umano. E aggiungiamo:

16 Bernardo Razzotti perché, attraverso la conoscenza, si affermi la possibilità di incontro, di dialogo, di arricchimento di civiltà. La presenza di studiosi delle due sponde interessati a proporre le ragioni della storia sotto le molteplici letture culturali proprie delle diverse discipline di cui essi sono cultori costituisce di per sé un motivo di interessata curiosità e di confidente arricchimento culturale. Un grazie, anche per questo, a quanti hanno collaborato con la collega Marilena per la organizzazione di queste giornate di studio. * * * Dekan Razzotti pozdravlja sve sudionike ovog važnog kongresa i zahvaljuje Prof. Marileni Giammarco koja nastavlja tradiciju Ernesta Giammarca i međunarodnim kongresima svake godine sve više zbližuje institucije i sveučilišta dvaju obala. Tema ovog kongresa, identitet, je filozofski vrlo složena i kompleksna tema čija složenost, na neki način, predstavlja složenost odnosa među narodima dvaju jadranskih obala. 16

17 Nuove identità per la nuova Europa/ Novi identiteti za novu Europu Stefano Trinchese Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi G. d Annunzio di Chieti-Pescara I rivolgimenti e le profonde modifiche da cui è caratterizzato l ingresso nel XXI secolo ci hanno abituato a parlare di una nuova Europa da porre a fianco, quasi a completamento di una vecchia. Il termine risulta per lo meno ambiguo, se non privo di sostanza: la cosiddetta nuova Europa è europea da sempre, animata addirittura da una solidarietà culturale profonda con le vicende storiche del continente, in maniera più marcata del nostro tiepido se non talora forzato europeismo, costantemente venato di presunzioni nazionaliste. Dunque un altra Europa che i flutti spesso vorticosi della storia hanno lasciato emergere o hanno violentemente sommerso, separando se non spezzando in maniera persino brutale i percorsi di un Est europeo quasi predestinato da secoli a sentirsi baluardo esterno dell Occidente di fronte a invasioni e a drammatiche scelte politiche. Il termine nuova Europa ci serve però a designare una parte del continente che torna o si approssima a intersecare nuovamente i suoi destini coi nostri. Un etichetta insomma assai utile per sottolineare quello che in effetti nuovo è, ossia quella nebulosa collocata al di là della cortina di ferro, a prescindere dalla sua antica e nobile appartenenza europea. Un etichetta che serve a mascherare la nostra pochezza ovvero il conformismo della nostra informazione; un etichetta grazie alla quale tentiamo di recuperare, annullandola, la distanza tra un Europa chiusa su se stessa e un altra Europa, né vecchia né nuova, ansiosa di proclamarsi europea: da tutto questo deriva l uso e abuso del sintagma oggi così abusato, di vecchia e nuova Europa. Tuttavia tra queste due Europe, vecchie o nuove che siano, se ne insinua già un altra, non del tutto conforme alla seconda e ormai distante dalla prima, a noi più nota per le conseguenze negative suscitate o evocate dal fantasma della sua presenza: quell Europa danubiano-balcanica, dunque un Europa per noi nuova, un mondo affascinante che segue il corso del Danubio fino al mar Nero, mondo di più etnie da sempre intersecate e conviventi, mescolate in un insieme inseparabile di usi e tradizioni, di microcosmi culturali sfolgoranti nella loro composita unicità. Su questi temi tornati di stringente e talvolta drammatica attualità in ragione delle cronache del nostro tempo, il gruppo di lavoro dell Università G. D Annunzio delle sedi di Chieti e Pescara da me coordinato sta esercitandosi

18 Stefano Trinchese da circa due anni per verificare la sussistenza di plurime identità adriatiche, talora in contrasto, sempre conviventi, che abbiamo ereditato dai secoli passati per vederle andare in conflitto fra loro negli ultimi cento anni. Un grande convegno interadriatico si annuncia per il Maggio 2008 per discutere con i più affermati specialisti delle due sponde il tema di un Europa Adriatica, delle rotte e delle percezioni che ne hanno segnato la storia nel Novecento. * * * Previranja koja su tokom posljednja dva i pol desetljeća potresla Europu nas, na neki način, prisiljavaju da napravimo, barem mentalno, razliku između stare i nove Europe. Takve se definicije vrlo često rabe s prezirom koji je plod zastarjelog zapadnoeuropskog geokonformizma. Ipak, one su ponekad i korisne pri najbanalnijem definiranju novijih teritorija s kojim se sve češće suočavamo. 18

19 L integrazione universitaria/ Sveučilišna integracija Gaetano Bonetta Preside della Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi G. d Annunzio di Chieti-Pescara Questo è un giorno particolarmente importante per l Università G. d Annunzio di Chieti-Pescara poiché si sta finalmente concretizzando un importante progetto di collaborazione tra il nostro Ateneo e quello di Spalato. Si tratta di un iniziativa che, oltre a rafforzare il rapporto di collaborazione scientifica tra le nostre due Università, si inserisce in un contesto istituzionale e culturale ben più ampio, che riguarda la crescita stessa dell Europa e il suo consolidamento non solo politico, ma anche scientifico, economico e sociale. L area adriatica, com è noto, ha storicamente svolto un notevole ruolo di mediazione in quanto luogo di creazione e diffusione di esperienze culturali e politiche nate dai grandi centri di elaborazione intellettuale dell Europa centrale. Si tratta, infatti, di un area geografica con una sua tipicità, divenuta oggi un obiettivo strategico nel più generale contesto dell Unione Europea le cui azioni politiche hanno individuato in questa zona un luogo di particolare interesse. Lo dimostra, ad esempio, la costituzione della cosiddetta Euroregione Adriatica avvenuta a Pola il 30 giugno del 2006 e della quale fanno parte sia la regione Abruzzo che alcune regioni croate, tra le quali quella di Spalato e della Dalmazia. L Euroregione Adriatica, nata sulla base della Convenzione quadro europea sulla cooperazione transfrontaliera delle collettività o autorità territoriali firmata a Madrid nel 1980, è un nuovo soggetto internazionale creato allo scopo di coordinare i rapporti di collaborazione tra le regioni che vi fanno parte e i loro enti locali, al fine di ottimizzarne lo sviluppo economico, sociale e culturale. I suoi obiettivi prioritari sono la costruzione di uno stretto rapporto di collaborazione istituzionale tra le comunità che si affacciano sull Adriatico al fine di realizzare un armonico sviluppo economico e sociale dell intera regione e il consolidamento del processo di stabilizzazione democratica del Balcani. I suoi membri, infatti, si sono impegnati a favorire e realizzare lo sviluppo dei loro territori e a creare una prospettiva di crescita della qualità e del tenore di vita delle relative popolazioni progettando, come si legge nello Statuto dell Euroregione Adriatica, una serie di azioni volte a instaurare e sviluppare rapporti reciproci fra gli abitanti e le istituzioni di quest area geografica, realizzare condizioni che supportino lo sviluppo economico, pianificare programmi di scambi culturali coerenti con le politiche formative europee. In

20 Gaetano Bonetta questo contesto il settore turistico è stato individuato come fondamentale. Esso, infatti, è una delle attività economiche più importanti, nonché notevole fonte di occupazione, delle regioni adriatiche e si basa sulla grandezza dei mercati e sullo scambio con il resto del mondo. D altro canto, anche la costruzione di uno spazio europeo dell istruzione e della formazione rappresenta un obiettivo strategico all interno delle più generali politiche europee. Sono queste le importanti sollecitazioni che fanno da sfondo alla nostra proposta di istituire un Master in turismo culturale di I livello che coinvolga le Università di Chieti-Pescara e di Spalato e che sia in grado di fornire un approfondita conoscenza delle dinamiche della gestione del turismo nell area adriatica. L idea è quella di articolare un percorso formativo che privilegi un approccio didattico interdisciplinare al cui interno possano trovare adeguata collocazione discipline storiche, socio-psicologiche, geografiche, linguistiche, giuridiche, economiche e di marketing e management aziendale e le cui attività formative siano in grado di offrire ai partecipanti una vasta conoscenza delle dinamiche e delle potenzialità culturali ed economiche del turismo nel bacino adriatico, consentendo loro di conseguire una specializzazione originale e fortemente innovativa spendibile in funzione professionale e in grado di attuare interventi a sostegno dell innovazione tecnologica degli uffici di informazione e di accoglienza ai turisti, della riqualificazione delle imprese turistiche e della promozione del marketing telematico di questi sistemi. L intento, quindi, è quello di dare a questo Master un taglio altamente professionalizzante che trovi nel turismo culturale il suo naturale ambito di valorizzazione. Il turismo, infatti, è, come ho già detto, una risorsa economica comune alle nostre regioni, legata sia alla valorizzazione del patrimonio culturale che al potenziamento delle infrastrutture di trasporto e di interventi economici mirati. Tale iniziativa, a mio avviso, andrebbe oltre i confini del semplice rapporto di studio e di ricerca fra docenti e studenti poiché, privilegiando percorsi di cooperazione turistica e culturale e puntando ad approfondire conoscenze di tipo socio-politico ed economico relative all area adriatica, potrebbe rappresentare uno strumento di crescita economica, oltre che scientifica e culturale. Sono convinto, infatti, che per costruire un area europea della formazione e dell istruzione sia necessario promuovere e rafforzare i legami con gli altri Paesi membri, quelli del bacino adriatico in questo caso, in un ottica di stabilità politica, sociale ed economica, e progettare interventi formativi che si 20

21 L integrazione universitaria armonizzino con le attività in corso a livello internazionale, finalizzate allo sviluppo di un educazione transfrontaliera di qualità. In questo contesto, le Università e, in genere, le istituzioni di istruzione superiore, luoghi situati al punto di intersezione tra ricerca, formazione e innovazione nonché storicamente deputati alla libera ricerca e al progresso della scienza, portatori, dunque, di istanze democratiche e liberali, devono contribuire anche alla tutela e alla valorizzazione di un patrimonio storico, politico e sociale, in parte comune ai Paesi del bacino adriatico, promuovendo, in uno sforzo di cooperazione transnazionale nonché nel rispetto delle reciproche diversità e dei valori propri di una formazione interculturale, programmi condivisi di didattica e di ricerca che contribuiscano alla costruzione di una società del sapere fondata sul trasferimento di conoscenze, sullo sviluppo delle innovazioni tecnologiche e sulla disseminazione dell informazione attraverso una rete efficace che colleghi le istituzioni di ricerca. D altro canto, la cooperazione e la pianificazione transnazionale e transfrontaliera vanno, a nostro avviso, intese come l esito di un processo di democratizzazione continentale e mondiale. I contatti e la cooperazione a livello regionale e transfrontaliero che la nostra iniziativa intende promuovere possono produrre una reazione e avere un impatto forte anche sulle politiche nazionali ed europee, offrendo garanzie di stabilità e sicurezza. Se è vero, infatti, che il movimento di uomini è anche e sempre movimento di idee, lo studio e l analisi proposti in questo Master, del turismo visto come fenomeno politico, storico, sociologico, economico e psicologico, possono offrire un contributo importante alla realizzazione della nuova Europa. Quest ultima è, oggi, impegnata in un processo di unificazione e allargamento verso le regioni dell Est che non può, tuttavia, trascurare le pressanti domande di autonomia regionale e di difesa delle specificità culturali delle minoranze etniche. Tutto ciò chiede anche a noi, in quanto cittadini, docenti e ricercatori, di impegnarci a sostenere e promuovere un processo di integrazione che non escluda il rispetto delle minoranze e delle loro culture. Lo studio della storia ci ricorda, d altra parte, il debito che abbiamo nei confronti delle grandi culture che hanno attraversato il nostro mare, quella romana, bizantina, ottomana, veneziana e austro-ungarica, imponendoci un impegno collettivo in loro difesa, un impegno intellettuale che sia in grado di riportare a una matrice comune la diversità culturale, sociale ed economica. L identità europea, inoltre, non può essere costruita solo attraverso la ricerca di elementi di uniformità etnica, politica e culturale in genere ma, anche, rintracciando e valorizzando la specificità dei singoli patrimoni storici i quali, comunque, vanno ripensati e collocati in un orizzonte europeista. 21

22 Gaetano Bonetta La nostra idea, dunque, è motivata dall esigenza di rafforzare il dialogo su temi di reciproco interesse, come lo è il turismo nel momento in cui sia inteso come evento sociale e come simbolo di emancipazione, per tutte le regioni che si affacciano sul Mare Adriatico, e di individuare regioni partner con cui intensificare lo scambio di idee e di esperienze. Infine, vorrei sottolineare che tale proposta, che vede coinvolte l Università di Spalato e quella di Chieti-Pescara, si fonda su una visione sovranazionale dell area adriatica, per la cui complessa identificazione è necessario avviare processi formativi caratterizzati da un impostazione interdisciplinare in grado di garantire una forte impronta intellettuale non limitata a singole aree disciplinari e che tenga conto dell importanza, testimoniata dalle recenti trasformazioni dell Unione Europea, dell area slava e orientale del bacino adriatico. L istituzione di questo Master, dunque, potrebbe costituire un importante tappa del processo di costruzione di un rapporto privilegiato di cooperazione tra la nostra Regione (e la nostra Università) e quella croata in quanto considera particolarmente rilevanti la cultura dello sviluppo locale e l impegno a coordinare attività che, pur appartenendo a diverse esperienze storiche, possano produrre, se sviluppate insieme, un notevole valore aggiunto. Ritengo, e concludo, che le nostre regioni adriatiche debbano misurarsi sul terreno della capacità di fare sistema e di creare un contesto lavorativo comune. * * * Pozdravni govor dekana Bonette ističe važnost konkretne suradnje dvaju sveučilišta (Chieti-Pescara i Split) koja se tako uklapaju u evropsku mrežu međunarodne suradnje među učilištima. Jadranska regija je kroz povijest pokazala da je regija međunarodne suradnje (to je dokazala napr. stvaranjem tzv. Euroregione Adriatica u Puli 30. lipnja godine čiji je cilj stvaranje i učvršćenje odnosa unutar regije). Na toj čvrstoj bazi suradnje počiva i Master in turismo culturale (I livello) koji će zajedno osnovati Università di Chieti-Pescara Sveučillište u Splitu. Master će kao obrazovni proces biti strukturiran kao multidisciplinarni studij koji će sadržati povijesne, socijalne, pedagoške, geografske, pravne, ekonomske i jezične predmete. Bit će to jedna međunarodna inicijativa koja će pripremati buduće generacije na svjestan i odgovoran suživot u jadranskoj regiji. 22

23 Adriatico: due sponde diverse avvicinate da un unica lingua/ Jadran: dvije različite obale zbližene jedinim jezikom Alessandro Masi Segretario Generale della Società Dante Alighieri Premessa Il pronipote di Dante, Nicolò Alighieri, nipote di Pietro, figlio primogenito del poeta, portò notizie dirette sul suo illustre antenato a Zagabria, ove, come farmacista, visse con la moglie nel Si leggono queste parole su una targa posta nel 1989 dalla municipalità sulla fiancata di una farmacia di Zagabria e partirei proprio da questo atto simbolico e profondamente emblematico per affrontare un viaggio ideale attraverso i rapporti tra le due sponde del Mare Adriatico; rapporti intensi, a volte conflittuali, caratterizzati da incomprensioni e distanze apparentemente incolmabili ma anche e direi soprattutto da esperienze comuni, intese e continui scambi su qualsiasi livello. La stessa Società Dante Alighieri ha da sempre attribuito alla Regione adriatica un ruolo straordinario ed insostituibile, e ne sono concreta testimonianza da un lato l organizzazione di Convegni ed incontri dedicati al relazionarsi di tradizioni e di storie, dall altro la presenza capillare di Comitati impegnati per rivitalizzare in questi luoghi, come del resto in altri 60 Paesi, un legame culturale ed umano dal quale non si può assolutamente prescindere, soprattutto in un momento storico in cui le sinergie internazionali sono messe a dura prova da dissidi di natura religiosa, politica, economica e il più delle volte ideologica. Roma, Trieste, Zara, Spalato, Fiume, Zagabria. Città dal punto di vista geografico indubbiamente distanti tra loro e in apparenza prive di affinità specifiche ma con un unico intento: far sì che il mare, capace a volte di separare con la sua irruenza terre, popoli e nazioni, torni a rivestire il ruolo ad esso più congeniale, per il quale è stato creato: un immensa distesa azzurra attenta osservatrice di scambi, intese, condivisioni e legami, affinché ogni onda partita da una riva possa giungere all altra riva con una storia da raccontare. Solo così il mondo potrà riappropriarsi di un autentica interculturalità che sappia oltrepassare le barriere grammaticali della lingua e dall altro di un rispetto reciproco per tradizioni ed ideologie che possa riportare l Umanità sulla giusta via da seguire.

24 Alessandro Masi Da un punto di vista storico, la presenza italiana è radicata in Dalmazia da secoli e secoli attraverso consistenti nuclei di nostri connazionali stabilitisi soprattutto nelle città costiere e nelle cittadine delle isole maggiori. Già allora i rapporti e gli interscambi economici e culturali tra le due sponde dell Adriatico erano molto stretti ed anche dal punto di vista linguistico una buona parte della popolazione usava preferibilmente l italiano. Chiusa la parentesi negativa del periodo post-bellico, l interesse per la lingua e la cultura italiane si rinnovò presto e l afflusso degli studenti di Italianistica aumentò notevolmente, vuoi per l intensificarsi delle relazioni turistiche tra le due sponde, vuoi per la diffusione in Dalmazia della televisione italiana, che portò canzoni, film e romanzi nelle case di ogni quartiere. La lingua di Dante, dunque, viaggiava a gonfie vele ed il vento soffiò ancora più forte in seguito alla costituzione delle rappresentanze diplomatiche italiane, degli Istituti Italiani di Cultura, delle Comunità degli Italiani e dei Comitati della Società Dante Alighieri. Oggi la Dante conta in Croazia ben sette sedi: Albona, Fiume, Parenzo, Pola, Spalato, Zagabria e Zara. La presenza della Dante sulla costa croata dell Adriatico Risale addirittura al 1919 la costituzione dei Comitati nelle città di Fiume e di Parenzo. Già nel primo ventennio del nuovo millennio, dunque, furono confermate e rinvigorite le passioni dalmate nei confronti della nostra lingua e della nostra cultura. A Fiume l inaugurazione della Dante avvenne in un gremito Teatro Verdi e lo stesso Gabriele D Annunzio, poeta soldato, rivolse una richiesta di aiuti per la città croata a tutti i Comitati, concludendo il suo appello con queste parole: «Dovunque sono italiani palpita il gran cuore dell Italia!» Il messaggio dell allora Presidente della Dante, Paolo Boselli, ai fratelli fiumani per l annessione di Fiume ha commosso intere generazioni. Proprio in quella città si tenne, nel settembre del 1924, il Congresso della Società Dante Alighieri. Dopo lo scioglimento del Comitato dovuto ai tristemente noti fatti bellici, nel 1992 la Dante Alighieri tornò a Fiume sotto la reggenza della prof.ssa Melita Sciucca, pronta alla realizzazione di numerosi incontri e manifestazioni, tra cui mostre e corsi di lingua e cultura. Stessa data di nascita per il Comitato di Parenzo, all epoca costituito da oltre 500 soci. Anche in questo caso i fatti bellici provocarono lo scioglimento della Dante, che fu ricostituita nel Spostandoci a Zara, la Dante Alighieri nacque nel 1922 e si sciolse nel 1945 per poi rinascere di nuovo nel L importanza di questa presenza è testimoniata dallo svolgimento nella città croata del 27 Congresso 24

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Cristina E. Papakosta Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Fin dal XIII secolo, Venezia per tutelare i propri interessi, innanzi tutto, commerciali e, in secondo luogo, politici aveva designato dei

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima Boccasile e altri 110 L ANONImA GrANDINE NEGLI ANNI trenta Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: manifesto con disegno di Ballerio (1935); calendario murale e manifesto con illustrazione di

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli