Lo stile e i feedback dell allenatore:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo stile e i feedback dell allenatore:"

Transcript

1 Lo stile e i feedback dell allenatore: effetti sulla motivazione e sul benessere degli atleti Dott.ssa Marika Maganzini Abstract - IT Con il presente lavoro si vuole illustrare, riferendosi alla Teoria dell Autodeterminazione ( Ryan & Deci, 1985, 2002) e alla Teoria dei bisogni di base ( Ryan & Deci, 2002), quali sono gli effetti dello stile comportamentale dell allenatore sull atleta. L analisi condotta conferma il fatto che l allenatore ha un ruolo importante rispetto alla motivazione e al benessere dell atleta. L allenatore con i suoi comportamenti e con il suo stile di allenamento crea un contesto ambientale in cui gli atleti possono soddisfare o meno i loro bisogni fondamentali ( competenza, relazione ed autonomia) e che ciò si riflette sul loro benessere e sulla loro motivazione. Dalla letteratura scientifica emerge che un buon allenatore debba essere autorevole e capace di supportare e di favorire l autonomia dell atleta. E importante che il coach presti attenzione alla qualità dei feedback che fornisce al fine di non minare la competenza percepita dall atleta, nonché non direzioni la motivazione verso fattori esterni gratificando con premi materiali minando così la motivazione intrinseca. Da non sottovalutare anche il ruolo dell amotivazione come predittore di malessere e depressione, aspetto che va tenuto sotto controllo in un ottica preventiva del burn out dell atleta. Risulta importante che l allenatore consideri l atleta non solo come sportivo ma come persona e che quindi tenga conto dei suoi bisogni, delle sue opinioni, del suo temperamento, del suo benessere e della sua crescita; nonché è necessario che il coach intraprenda la sua professione curando non solo gli aspetti tecnici della disciplina, ma anche la sua crescita personale e le sue competenze relazionali e pedagogiche. Abstract - EN This study intends to illustrate the effects of the coach s behaviour ( Ryan & Deci, 1985, 2002) based on attachment theory and basic needs theory ( Ryan & Deci, 2002). Results of analysis confirm the fact that the coach has an important role on the athlete s motivation and wellbeing. The coach, with his conduct and training style creates an ambience wherein athletes can satisfy or not their basic needs (competence, relationship and autonomy) which is then reflected on their wellbeing and motivation. The review of literature shows that a good coach is one who is authoritative, supportive and who encourages autonomy of the athlete. It is important that the coach gives attention to the quality of the feedback he gives to athletes so as not to threaten their perceived sense of competence and redirect their motivation to extrinsic factors through material reinforcements, that may in turn compromise the intrinsic motivation. On the other hand, the role of motivation as an indicator of the athlete s distress and depression, should not be underestimated to prevent burnout. It is important that the coach considers the athlete, not only as a sportsman but most of all as a person, thus, bearing in mind his needs, opinions, temperament, wellbeing and growth. Likewise, it is necessary that he exercises his profession not only on the technical aspects of the discipline, but also on his personal growth and relational and pedagogical competencies. Abstract - ES El presente trabajo pretende mostrar, con referencia a la Teoría de la Autodeterminación (Ryan & Deci, 1985, 2002) y a la Teoría de las necesidades básicas (Ryan & Deci, 2002), qué efectos produce sobre el atleta el estilo de comportamiento del entrenador. El análisis seguido confirma el hecho de que el entrenador tiene una función importante en lo que se refiere a la motivación y al bienestar del atleta. Con sus maneras de comportarse y con su estilo de entrenamiento, el entrenador crea un contexto ambiental en el que los atletas pueden satisfacer o no sus necesidades fundamentales (competencia, relación y autonomía), que se refleja en su bienestar y en su motivación. La literatura científica resalta que un entrenador debe ser autoritario y capaz de soportar y de favorecer la autonomía del atleta. Es importante que el coach preste atención a la calidad de los feedback que usa a fin de no minar la competencia captada por el atleta, así como a no dirigir la motivación hacia factores externos, gratificando con premios materiales y minando así la motivación intrínseca. No se debe minusvalorar la función de la motivación como anunciador de malestar y de depresión, aspecto que es controlado desde la óptica preventiva del burn out del atleta. Es importante que el entrenador considere al atleta no sólo como deportista sino como persona, y que, por tanto, tenga en cuenta sus necesidades, sus opiniones, su temperamento, su bienestar y su crecimiento; es igualmente necesario que el coach realice su profesión cuidando no sólo los aspectos técnicos de la disciplina, sino también su crecimiento personal y sus competencias relacionales y pedagógicas. Abstract - PR

2 Com o presente trabalho se pretende ilustrar, tendo como referência a Teoria da Autodeterminação (Ryan & Deci. 2002) e a Teoria das necessidades básicas (Ryan & Deci, 2002), quais são os efeitos do estilo comportamental do treinador sobre o atleta. A análise seguida confirma o fato de que o treinador desempenha um papel importante sobre a motivação e o bem-estar do atleta. Com suas maneiras de comportar-se e com seu estilo de treinamento, o treinador cria um contexto ambiental em que os atletas podem satisfazer ou não as suas necessidades fundamentais (competência, relação e autonomia), que se reflete em seu bem-estar e em sua motivação. Da literatura científica emerge que um bom treinador deve ser dotado de autoridade, capaz de suportar e de favorecer a autonomia do atleta. É importante que o coach preste atenção à qualidade do feedback que usa a fim de não minar a competência captada do atleta, assim como não direcione a motivação para fatores externos, gratificando-o com prêmios materiais, prejudicando desta forma a motivação intrínseca. Não subestime também a função da motivação como sintoma do mal-estar e da depressão, aspecto este que deve estar sob controle em uma ótica preventiva de burn out do atleta. É importante que o treinador considere o atleta não só como desportista, mas como pessoa e, portanto, leve em conta suas necessidades, suas opiniões, seu temperamento, seu bem-estar e seu crescimento, assim como se faz mister que o coach exerça sua profissão cuidando não só dos aspectos técnicos, mas também do seu crescimento pessoal e de suas competências relacionais e pedagógicas.

3 Introduzione Nel contesto sportivo l atleta, sia in ambito agonistico che in ambito amatoriale, si trova a fronteggiare i compiti inerenti la propria disciplina ( esercizi, allenamenti, gare, ecc) sotto la guida dell allenatore, figura importante sia da un punto di vista tecnico che relazionale. Con il presente lavoro ho voluto indagare quali sono gli effetti dello stile comportamentale dell allenatore sull atleta, supponendo che esso influisca sulla motivazione dell atleta e anche sul benessere sperimentato svolgendo la propria attività sportiva. Ho indagato alcuni degli studi eseguiti sull argomento che hanno riguardato principalmente gli effetti sulla motivazione e sul benessere. La motivazione La motivazione la possiamo definire ( Pintrich,1996) come il processo tramite il quale un attività diretto verso un obiettivo è stimolata e sostenuta, i cui indicatori sono rintracciabili nella scelta di fare alcune cose piuttosto che altre, nel grado di impegno impiegato, nella persistenza dello stesso. Gli sportivi si differenziano sia da quanto sono motivati ma anche rispetto alla qualità della loro motivazione. Questi tipi di differenze sono state studiate ed approfondite nell ambito della Self Determination Theory ( SDT) di Deci & Ryan ( 1985, 1991, 2000). L autodeterminazione è legata alla percezione che una persona ha dell origine del proprio comportamento ovvero delle cause primarie che lo attivano. Si parla pertanto di locus of causality interno ed esterno. Il locus of causality interno esprime il vedere se stessi come origine di un certo comportamento. ( es. gioco a calcio perché mi piace farlo ). Il locus of causalità esterno indica che il motivo dell azione è esterno al comportamento. ( es. gioco a calcio perché così miglioro nella corsa ). La qualità della motivazione si differenzia lungo un continuum che va da un estremo in cui non c è autodeterminazione ( quindi locus assente) all estremo opposto in cui l autodeterminazione è massima( e il locus of causality è interno). La motivazione può pertanto essere : -assente e quindi si parla di Amotivazione ( non so perché faccio questa azione ); -Estrinseca quando il locus è esterno. Rispetto a questo tipo di motivazione c è da precisare che la regolazione del comportamento può essere di varia natura : esterna, introiettata, identificata. La regolazione esterna prevede che il mio comportamento è determinato da un fattore esterno contingente, che può ad esempio essere un premio o l evitare una conseguenza negativa ( punizione). Secondo la SDT i comportamenti regolati in questo modo hanno una bassa persistenza una volta che la contingenza non esiste più e le contingenze sono controllare dall esterno.

4 La regolazione introiettata riguarda anch essa comportamenti che sono dettati da una contingenza esterna che però in questo caso è dettata dall individuo verso se stesso. Usualmente in questi casi la motivazione è caratterizzata da senso di colpa, ansia e bisogno di mantenimento della propria autostima. Infine la regolazione identificata prevede una consapevole attribuzione di valore all obiettivo del comportamento. Pur essendo quest ultima una motivazione estrinseca è quella che può predire un maggior coinvolgimento della persona e il mantenimento nel tempo del comportamento rispetto alle altre. Deci e Ryan ( 1985, 2000) la indicano anche come motivazione estrinseca autodeterminata. -Intrinseca è la motivazione in cui il grado di autodeterminazione è massimo in quanto il comportamento è regolato da fattori che sono legati precipuamente all attività in sé e al piacere di agire quel comportamento. Le ricerche hanno dimostrato che le motivazioni estrinseche di tipo autodeterminato e quelle intrinseche sono predittori per la persistenza, per una maggiore concentrazione nel compito, per un impegno e sforzo maggiore e per una migliore performance. Molti fattori possono impattare su questi tipi di motivazione, la relazione tra allenatore e atleta è uno dei più importanti. Il benessere In accordo con la Teoria dell Autodeterminazione possiamo citare la Teoria dei bisogni di base ( Ryan & Deci, 2002) secondo la quale esistono tre bisogni che soddisfatti assicurano la crescita e il nutrimento della psiche umana. Essi sono dei bisogni psicologici riguardanti l autonomia, la competenza e la relazione. La soddisfazione del bisogno di autonomia riguarda l esperienza di scegliere e sentire che si è i protagonisti delle proprio scelte; la soddisfazione del bisogno di competenza consiste nell esperire di aver portato a termine dei risultati con i propri strumenti; la soddisfazione del bisogno di relazione è inserente al sentirsi connessi con gli altri e capiti. Secondo tale teoria le variazioni nella soddisfazione di questi bisogni predice differenze per il benessere fisico e psicologico delle persone nonché predicono, secondo la SDT, una motivazione intrinseca. Sul benessere esistono due orientamenti: edonico ed eudemonico. Il primo vede il benessere come il raggiungimento del piacere e l evitamento del dolore; mentre il secondo considera il benessere come il grado in cui una persona è completamente coinvolta e partecipe in ciò che sta facendo. La teoria dell autodeterminazione abbraccia l approccio eudemonico e utilizza come indici per misurare il benessere la vitalità,l interesse e la soddisfazione che si prova nell attività. Per misurare il malessere vengono considerati i sintomi fisici negativi riportati dalle persone.

5 La relazione allenatore-atleta : un modello motivazionale Nello studio di Mageau e Vallerand ( 2003) si è cercato di strutturare un modello motivazionale riguardo la relazione tra atleta e allenatore con l ottica di presentare come gli allenatori possono influenzare la motivazione intrinseca e quella estrinseca autodeterminata. Il modello è illustrato in figura 1. Esso propone una sequenza motivazionale in cui il comportamento dell allenatore è influenzato dalle convinzioni dell allenatore sullo stile dell allenamento, dal contesto in cui allena e dalla percezione che ha delle motivazioni e del comportamento dei suoi atleti. Questi tre elementi influenzerebbero lo stile del comportamento dell allenatore: supportivo rispetto l autonomia vs controllante. Uno stile che promuove l autonomia insieme ad una struttura fornita dall allenatore e ad un suo coinvolgimento garantirebbero la soddisfazione dei tre bisogni che supportano una motivazione intrinseca ed estrinseca autodeterminata : il bisogno di competenza, il bisogno di autonomia e il bisogno di relazione.

6 Struttura creata dall allenatore Comportamento allenatore Competenza percepita dall atleta Contesto allenamento Comportamenti dell allenatore che supportano l autonomia conpo Autonomia percepita dall atleta Motivazione intrinseca e motivazione estrinseca autodeterminata Comportamento e motivazione percepiti Coinvolgimento dell allenatore Relazione percepita dall atleta Fig.1 Modello Motivazionale della relazione atleta-allenatore Tale modello estende quello precedentemente presentato da Vallerand and Pelletiers( 1985) e nei prossimi paragrafi lo illustreremo meglio. Rispetto a cosa si intende per motivazione intrinseca ed estrinseca abbiamo già precedentemente descritto le loro caratteristiche. Riguardo all influenza dei comportamenti dell allenatore che influenzano sulla motivazione presentiamo qui di seguito il ruolo dell autonomia, della struttura fornita e del coinvolgimento. Il supporto dell autonomia Secondo la teoria della valutazione cognitiva ( Deci e Ryan, 1980,1985) supportare l autonomia da parte di chi occupa una posizione di autorità ( es. l allenatore) vuol dire tenere in considerazione le prospettive degli altri, conoscere le loro opinioni e sentimenti, fornendo loro opportunità di scelta evitando pressioni e comandi. Ciò si traduce in pratica in una serie di comportamenti quali : o dare più scelte possibili entro specifiche regole e limiti o fornire delle ragioni valide per i limiti e le regole ( se non ne viene compreso il senso sarà più difficile farli accettare e rispettare) o indagare sui sentimenti e le opinioni degli altri o permettere opportunità per iniziative personali

7 o fornire feedback sulle competenze che non siano controllanti. I feedback positivi hanno un influenza positiva se promuovono la percezione della propria autonomia, se riguardano comportamenti che sono sotto il controllo dell atleta, se riguardano aspettative anche alte ma realistiche. Ad esempio sono da evitare frasi del tipo Hai fatto bene, come avresti dovuto, Continua così. Vorrei che tu facessi ancora meglio la prossima volta. o evitare di esercitare il controllo, di indurre il senso di colpa e di fornire premi materiali. Ottenere risultati promettendo premi induce l atleta, soprattutto se giovane, a non considerare il compito interessante e piacevole in se. o prevenire la competizione fine a se stessa ovvero evitare che l unico obiettivo dell atleta sia quello di superare gli altri e di valutare la sua performance solo rispetto ad un confronto interindividuale ma promuovere invece una valutazione che tenga conto dei proprio standard personali. La relazione, la competenza e l autonomia percepite In linea con i precedenti modelli ( Deci e Ryan, 1985, 2000; Vallerand, 1997, 2000, 2001) la soddisfazione dei bisogni di relazione, di competenza e di autonomia inducono una maggiore motivazione autodeterminata e ciò viene maggiormente enfatizzato in presenta di un stile dell allenatore che supporta l autonomia. E evidente che comportamenti di questo genere da parte del coach favoriscono il senso di autonomia dell atleta rispetto alla competenza e alla relazione. Possiamo evidenziare che un atteggiamento che favorisce l autonomia prevede dei comportamenti quali l ascolto e la considerazione dei sentimenti ed opinioni altrui ( relazione) e dei comportamenti quali il fornire possibilità di scelta e di libera iniziativa ( competenza). Nel modello presentato non vengono poi dimenticati la struttura ( indicazioni, regole, istruzioni) che l allenatore fornisce e il suo coinvolgimento, i quali impattano rispettivamente sul bisogno di competenza e di relazione. Personalità, influenze sociali e contestuali sul comportamento dell allenatore Rispetto alla personalità vengono distinti due stili quello controllante e quello autorevole (che favorisce l autonomia). Molto spesso è anche la cultura e gli stereotipi che inducono a favorire degli atteggiamenti autoritari e di controllo rispetto a quelli di ascolto e di autorevolezza.

8 Per esempio nella cultura occidentale c è la credenza, anche nel contesto sportivo, che un comportamento autoritario abbia maggiori risultati. Sul comportamento dell allenatore influiscono anche delle variabili di contesto quali ad esempio la pressione esercitata dai genitori degli atleti o dal club sportivo. Ciò induce a stress e a esercitare maggiore controllo e direttività. Infine non va dimenticato che la relazione tra atleta e allenatore è reciproca, con influenze che si esercitano in entrambi i sensi. Pertanto il comportamento degli atleti, il loro temperamento, la loro motivazione influiscono sui comportamenti dell allenatore che nel percepirli difficili da gestire o non motivati potrebbe più facilmente esercitare controllo e comportamenti direttivi. Il comportamento dell allenatore, la soddisfazione dei bisogni e il benessere fisico psicofisico dei giovani atleti Uno studio di Reinboth, Duda e Ntoumanis ( 2004), compiuto su ragazzi adolescenti, calciatori e giocatori di cricket, ha voluto indagare quale legame ci fosse tra gli aspetti dell ambiente sociale in cui gli atleti svolgono le loro attività e gli indici del benessere psicologico e fisico. Come sopraesposto come indici del benessere sono stati considerati : la vitalità, la soddisfazione intrinseca nel compiere l attività e i sintomi fisici. Per ciò che riguarda l ambiente sociale sono stati studiati le caratteristiche dell allenatore in termini di supporto all autonomia fornito, di feedback sulle competenze e di comportamenti socio relazionali. L ipotesi della ricerca era che questi tre aspetti predicessero rispettivamente i tre bisogni fondamentali della Teoria dei bisogni fondamentali, ovvero il bisogno di competenza, di relazione e di autonomia. Il modello derivante da questa ricerca (Fig 2) propone inoltre che la soddisfazione di tali bisogni sia correlata positivamente con gli indicatori del benessere e negativamente con quelli del malessere. Supporto autonomia Bisogno autonomia vitalità feedback Bisogno competenza Soddisfazio ne intrinseca Supporto sociale Bisogno relazione Sintomi fisici

9 Fig 2 La metodologia utilizzata per la ricerca è consistita nella compilazione da parte degli atleti di questionari. I risultati della ricerca hanno confermato la relazione positiva tra ambiente sociale e soddisfazione dei bisogni fondamentali. Rispetto invece agli indici del benessere è emerso che il bisogno di autonomia, seppur in modo debole, è un predittore di benessere mentre non emerge nessuna relazione con gli indici del malessere. Il bisogno di competenza sembra essere un forte predittore degli indici di benessere ed esiste un legame anche con quello di malessere. Indagando quale rilevanza abbia il bisogno di relazione, contrariamente alle aspettative, non sembra costituire un predittore degli aspetti negativi o positivi del benessere. I ricercatori hanno supposto che tali risultati siano da riverificare tramite altre ricerche in quanto vanno considerati i fattori situazionali collegati all attività sportiva che possono influire sulla maggiore o minore significatività della relazione e dell autonomia ( si pensi ad uno sport individuale vs gioco di squadra), nonché va tenuto in considerazione che questa ricerca è stata condotta con un campione di adolescenti e con questionari self report in cui è alto il rischio di effetti di desiderabilità sociale. In conclusione tale studio ha voluto evidenziare quanto sia importante il ruolo dell allenatore come costruttore di un contesto sociale che può migliorare le condizioni in cui lavorano gli atleti in un ottica di favorire il loro benessere. Il ruolo dei feedback positivi sulla motivazione Una ricerca di Mouratidis, Vansteenkiste, Lens e Sideris ( 2008) ha indagato sul ruolo dei feedback positivi sulla motivazione, approfondendo gli effetti che essi potevano avere anche sul benessere, sulla performance e sulla persistenza a continuare nel tempo un attività sportiva. Tale studio ha avuto la caratteristica di indagare su questo ambito comparando due domini diversi ( attività fisica di tipo scolastico vs sport agonistico), due tipologie di sportivi ( amatoriali vs agonisti) e due modalità di ricerca ( sperimentale e correlazionale). Sono stati infatti eseguite due ricerche a seconda degli ambiti. La prima ha riguardato ragazzi di scuola impegnati in una attività sportiva appartenente al programma di educazione fisica, mentre nella seconda ricerca sono stati proposti agli atleti dei questionari su differenti dimensioni. Nel primo studio ( Fig 3) veniva manipolato il feedback positivo che veniva fornito allo studente dopo la sua performance, in quanto si voleva studiare come la qualità di un feedback predicesse

10 aspetti inerenti il benessere dell individuo, la sua attitudine a proseguire nell attività e la sua performance I feedback positivi erano di due tipi: forte vs moderato. Persistenza Vitalità Motivazione autonoma Feedback Soddisfazione competenza Stato affettivo positivo Amotivazione Performance Stato affettico negativo Depressione Fig 3 modello studio 1 I dati della ricerca hanno evidenziato che la qualità del feedback influisce sulla soddisfazione del bisogno di competenza e sulla motivazione. E stato infatti riscontrato che un feedback forte induce un aumento della propria soddisfazione relativamente alla propria competenza rinforzando le aspettative rispetto alla propria possibilità di successo. Un feedback moderato può invece minare l aspettativa di chi si ritiene competente. E stato rilevato pertanto un collegamento tra tipologia di feedback e competenza percepita, la quale influisce anche sulla motivazione autonoma in maniera positiva. ( più ci si sente competenti e più si è motivati intrinsecamente). A sua volta la motivazione autonoma predice la persistenza nell attività, la sensazione di vitalità e uno stato emotivo positivo. Non è stata invece trovato un collegamento significativo tra la motivazione autonoma e la qualità della performance. Risultato che è stato imputato al tipo di compito proposto nell esperimento che non permetteva, data la semplicità, di evidenziare miglioramenti nelle strategie o la modalità di padronanza dell atleta.

11 . Vitalità Stato affettivo positivo Motivazion e autonoma Feedback percepiti Soddisfazione competenza Stato affettico negativo Amotivazione Depressione Progressi intraindividuali Progressi interindividuali Fig Studio 2 Nel secondo studio, a differenza del primo, sono state introdotte come variabili da misurare anche dati sul malessere ( stato affettivo negativo e depressione) e sui risultati delle performance degli atleti a livello individuale e intraindividuale. Inoltre rispetto alla motivazione si è indagato anche sul ruolo della motivazione. Rispetto al primo studio gli atleti non sono stati sottoposti a prove, ma è stato richiesto loro di compilare questionari che misuravano le variabili indagate I dati emersi hanno confermato quanto trovato nel primo studio: i feedback positivi, in questo caso percepiti, predicono in modo positivo su vitalità e stato affettivo positivo tramite l effetto che essi hanno sulla competenza percepita e sulla motivazione autonoma. A differenza del primo studio è stato riscontrato un collegamento diretto tra competenza percepita e misure relative al benessere. Inoltre la motivazione è risultata essere collegata con l insorgere di aspetti depressivi e di stato d animo negativo e di avere valore predittivo anche sulla performance. Come nel primo studio la motivazione autonoma non ha un ruolo significativo rispetto alla performance.

12 In conclusione questi due studi suggeriscono che la qualità del feedback soddisfacendo il bisogno di competenza favorisce una motivazione autonoma che rispettivamente predice positivamente sul benessere e sulla continuità dell impegno nell attività sportiva. Di contro feedback che non incontrano i bisogni di competenza dell atleta inducono la motivazione che sembra avere un valore predittivo sull insorgenza di aspetti depressivi e su basse performance. Conclusioni L analisi condotta conferma il fatto che l allenatore abbia un ruolo importante rispetto alla motivazione e al benessere dell atleta. L allenatore con i suoi comportamenti e con il suo stile di allenamento crea un contesto ambientale in cui gli atleti possono soddisfare o meno i loro bisogni fondamentali ( competenza, relazione ed autonomia) e che ciò si riflette sul loro benessere e sulla loro motivazione. Le ricerche sopraesposte suggeriscono che un buon allenatore debba essere autorevole e capace di supportare e di favorire l autonomia dell atleta. E importante che il coach presti attenzione alla qualità dei feedback che fornisce al fine di non minare la competenza percepita dall atleta, nonché non direzioni la motivazione verso fattori esterni gratificando con premi materiali minando così la motivazione intrinseca. E emerso anche il ruolo della motivazione come predittore di malessere e depressione, aspetto che a volte viene sottovalutato e che invece va tenuto sotto controllo in un ottica preventiva del burn out dell atleta. Le ricerche non sembrano attribuire all aspetto socio- relazionale un ruolo predittivo sugli aspetti del benessere. E ipotizzabile che l attenzione verso il soddisfacimento dei bisogni socio-relazionali abbia un effetto sulla coesione e sul senso di gruppo, che probabilmente ha poi un influenza sul benessere e anche sulla motivazione. Considerazioni che si potrebbero approfondire in altre ricerche. Contrariamente alle aspettative non è emerso un ruolo della motivazione sulla performance. E risultata invece un influenza significativa dei feedback percepiti su questo aspetto. In conclusione risulta importante che l allenatore consideri l atleta non solo come sportivo ma come persona e che quindi tenga conto dei suoi bisogni, delle sue opinioni, del suo temperamento, del suo benessere e della sua crescita; nonché è necessario che il coach intraprenda la sua professione curando non solo gli aspetti tecnici della disciplina, ma anche la sua crescita personale e le sue competenze relazionali e pedagogiche. Bibliografia

13 Mageau G., Vallerand R., The coach-athlete relationship: a motivational model Journal of Sports Sciences,2003,21, Mouratidis A.,Vansteenkiste M., Lens W.,Sideridis G. The Motivating Role of Positive Feedback in Sport and Physical Education: Evidence for a Motivational Model Journal of Sport & Exercise Psychology,2008,30, Reinboth M., Duda J.L., Ntoumanis N.(2004) Dimension of coaching behavior,need Satisfaction, and the Psychological and Physical Welfare of Young Athletes Motivation and Emotion, Vol.28, No.3 September 2004

TEORIA DELL AUTODETERMINAZIONE. Il Modello di Deci & Ryan Marzio Zanato

TEORIA DELL AUTODETERMINAZIONE. Il Modello di Deci & Ryan Marzio Zanato 1 Il Modello di Deci & Ryan DECI & RYAN 2 Deci e Ryan (1985) propongono la teoria dell autodeterminazione. L essere umano è visto come un organismo attivo che tende a realizzare le proprie capacità e a

Dettagli

L impegno e l abbandono dei giovani nello sport. Il progetto europeo PAPA e l Empowering Coaching TM

L impegno e l abbandono dei giovani nello sport. Il progetto europeo PAPA e l Empowering Coaching TM L impegno e l abbandono dei giovani nello sport. Il progetto europeo PAPA e l Empowering Coaching TM Tenero, 25-26.01.2013 Prof. Philippe Sarrazin Laboratorio sport e ambiente sociale Università J. Fourier,

Dettagli

Apprendimenti motori e sviluppo psicofisico. Prevenire l abbandono. Francesca Vitali. CeRiSM - Università degli Studi di Verona

Apprendimenti motori e sviluppo psicofisico. Prevenire l abbandono. Francesca Vitali. CeRiSM - Università degli Studi di Verona Apprendimenti motori e sviluppo psicofisico Prevenire l abbandono Francesca Vitali CeRiSM - Università degli Studi di Verona DROPOUT Abbandono prematuro della carriera sportiva (prima che un atleta abbia

Dettagli

La motivazione del personale 2013

La motivazione del personale 2013 La motivazione del personale 2013 Federica Bandini Concetto fondamentale Necessario garantire continua compatibilità tra: Esigenze del sistema organizzativo (ente) Esigenze di individui e gruppi Assicurare

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Autostima Amica-Nemica

Autostima Amica-Nemica Autostima Amica-Nemica come influenza le nostre scelte Dott.ssa Gioia Negri Psicologa, Psicoterapeuta Dottore di Ricerca in Neuroscienze Cognitive cos è l Autostima? Definizione «psicologica» «il processo

Dettagli

L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale

L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale A cura di Luca Stanchieri, Scuola Italiana di Life & Corporate Coaching Roma, 16 e 17 maggio 5/23/2013 GLI AUTORI Equipe di Ricerca: Scuola

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO Corso Nordic Walking Torino 04-10-2014 METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO CANALI DELLA COMUNICAZIONE METODI DI INSEGNAMENTO STILI DI INSEGNAMENTO ORGANIZZARE UNA SEDUTA I CANALI DELLA COMUNICAZIONE VERBALE

Dettagli

Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti. Dott.ssa Claudia Fiorini, psicologa

Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti. Dott.ssa Claudia Fiorini, psicologa Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti Un po di teoria: cos è la motivazione L allenatore quale costruttore di un ambiente motivante Motivare la squadra e l atleta PER QUALE MOTIVO, QUESTA SERA,

Dettagli

In Ascolto del Futuro

In Ascolto del Futuro In Ascolto del Futuro Descrizione del progetto di sistema di student coaching per la scuola secondaria di II grado Liceo Ginnasio Statale Dante Alighieri INDICE IL COACHING...2 OBIETTIVI DEL PROGETTO...3

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

LE POSSIBILITA DELL ASSERTIVITA Dott.ssa Monica Monaco e-mail : menteviva.eu@libero.it siti web: www.menteviva-eu.com

LE POSSIBILITA DELL ASSERTIVITA Dott.ssa Monica Monaco e-mail : menteviva.eu@libero.it siti web: www.menteviva-eu.com LE POSSIBILITA DELL ASSERTIVITA Dott.ssa Monica Monaco e-mail : menteviva.eu@libero.it siti web: www.menteviva-eu.com www.centroaspen.it www.titania.ct.it www.benessere.com L assertività: dalle origini

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Università degli Studi di Messina RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO CORSO di FORMAZIONE RELAZIONI CON IL PUBBLICO Edizioni del 22-23 ottobre e del 24 25 ottobre 2012 Settore Sviluppo e Formazione Risorse

Dettagli

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE Dr.ssa Arianna Pomero Aspetto centrale dell essere essere

Dettagli

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Schirone Maria Giovanna 2011 La psicologia positiva la Psicologia Positiva non è niente

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio.

Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio. Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio. Fossati Emanuela astrid8@tiscali.it - M. Martinelli Lo scopo di

Dettagli

MODULO 2 LEZIONE 19 IL GRUPPO SPORTIVO (SECONDA PARTE)

MODULO 2 LEZIONE 19 IL GRUPPO SPORTIVO (SECONDA PARTE) MODULO 2 LEZIONE 19 IL GRUPPO SPORTIVO (SECONDA PARTE) CONTENUTI Leadership Scale for Sports 5 dimensioni del comportamento del leader Soddisfazione dei membri Significatività della leadership 4. Coesione:

Dettagli

57 CONGRESSO NAZIONALE SIGM VENERDI 10 MAGGIO 2013 GENOVA AC HOTEL (SALA B)

57 CONGRESSO NAZIONALE SIGM VENERDI 10 MAGGIO 2013 GENOVA AC HOTEL (SALA B) 57 CONGRESSO NAZIONALE SIGM VENERDI 10 MAGGIO 2013 GENOVA AC HOTEL (SALA B) UPDATING E PROGETTI DEL CONI LIGURIA Processi motivazionali e prevenzione dell abbandono sportivo giovanile Francesca Vitali

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione Firenze 4/5 febbraio 2011 In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione L EDUCAZIONE PROSOCIALE IN ITALIA: INTERVENTI E PROSPETTIVE W W W. P R O S O C I A L I T A. I T I S T

Dettagli

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis - Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis Il Tennis e la preparazione mentale Progetto per la Stagione sportiva 2011/2012 Agosto 2011 Project Leader: Chiara Valdata Obiettivi del Progetto: Il progetto

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li Il Coaching nei Giochi Sportivi Perché un atleta si allena? Per far in modo che nell organismo avvengano dei cambiamenti tali da determinare un miglioramento della prestazione. Dr. Fabrizio Perroni, Ph.D.

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

Diversamente uguali nello Sport

Diversamente uguali nello Sport Diversamente uguali nello Sport di Silvia Cabano e Furio Dioguardi COMPETENZE PEDAGOGICHE E RELAZIONALI NELLO SPORT FEMMINILE di furio dioguardi - furio.dioguardi@gmail.com "Casa dello Sport Viale Italia

Dettagli

DOTT.SSA MANUELA ZORZI. Convegno di Psicologia Positiva Padova 26 ottobre 2013

DOTT.SSA MANUELA ZORZI. Convegno di Psicologia Positiva Padova 26 ottobre 2013 DOTT.SSA MANUELA ZORZI Convegno di Psicologia Positiva Padova 26 ottobre 2013 Amare se stessi Sento Mi accetto Mi voglio bene. Mi piaccio Sono orgoglioso/a di me Penso Io valgo Sono bravo/a Sono in grado

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Emotional Intelligence Stress Audit

Emotional Intelligence Stress Audit Emotional Intelligence Stress Audit Valutazione del rischio stress lavoro correlato per il benessere delle persone e dell organizzazione Lo STRESS AUDIT è una metodologia che consente di valutare il rischio

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI

COMUNE DI MONTESPERTOLI OGGETTO: Questionario sul benessere organizzativo 2012 - Report Il presente documento è finalizzato all analisi dei dati scaturiti dalla compilazione dei questionari in oggetto, da parte dei dipendenti

Dettagli

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte)

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) 1 QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) (ALLEGATO N 2) Sono pervenuti 90 questionari compilati ma non tutti completi. Non è stata prevista una differenziazione per categorie

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

Filippo Ferrari, Aleph Zero Formazione e Ricerca

Filippo Ferrari, Aleph Zero Formazione e Ricerca MOTIVAZIONE AL LAVORO, TEORIA DEL GOAL SETTING E PROGETTI DI INSERIMENTO ORGANIZZATIVO (PIO) Un ipotesi di applicazione della riforma Biagi applicata ai contratti di inserimento nelle organizzazioni. Filippo

Dettagli

Programmi regionali per la prevenzione dipendenze: LifeSkills Training Program e Unplugged

Programmi regionali per la prevenzione dipendenze: LifeSkills Training Program e Unplugged Programmi regionali per la prevenzione dipendenze: LifeSkills Training Program e Unplugged Regole 2011 - Dipendenze Attuare, nel territorio di ciascuna ASL, i Programmi Preventivi Regionali con particolare

Dettagli

IL COACHING. MOTIVAZIONE E POTENZIALITA.

IL COACHING. MOTIVAZIONE E POTENZIALITA. IL COACHING. MOTIVAZIONE E POTENZIALITA. INDICE a cura di: Domenico Nigro Direttore Didattico e Trainer della Scuola IN Counseling Consulente aziendale - Life e Business Coach Cap.1: Coaching & Counseling.

Dettagli

LE ABILITÀ DI BASE DEL COUNSELING: ACCRESCERE L AUTOSTIMA E L AUTOEFFICACIA

LE ABILITÀ DI BASE DEL COUNSELING: ACCRESCERE L AUTOSTIMA E L AUTOEFFICACIA ALIMENTAZIONE E COUNSELING LE ABILITÀ DI BASE DEL COUNSELING: ACCRESCERE L AUTOSTIMA E L AUTOEFFICACIA PAOLA DELLA ROVERE Psicologa Metodologia fondata sul concedo di: COUNSELING ASCOLTO ATTIVO e ATTENZIONE

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile Anna Fallco P sico lo g ia e B a sk et Presentazione La dottoressa Anna Falco è entrata a far parte dello staff della Squadra Nazionale A maschile nel

Dettagli

COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE.

COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE. COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE. A cura di: Domenico Nigro. Direttore didattico e trainer della Scuola IN Counseling. Consulente aziendale. Life e Business Coach. INDICE Cap.1: Coaching &

Dettagli

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola Documento di approfondimento Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO E BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA SCUOLA Il Decreto

Dettagli

L orientamento in classe incontro 4

L orientamento in classe incontro 4 L orientamento in classe L orientamento in classe incontro 4 Patrizia Neerman UST Verona Sezione Orientamento 23 marzo 2011 L orientamento in classe Riprendiamo il filo il questionario iniziale Che tipo

Dettagli

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA Autostima = giudizio che ognuno dà del proprio valore ( dipende sia da fattori interni che esterni ) EricKson: la stima di sé deve venire da dentro, dal nocciolo di

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

Syllabus. Corso On-Line. POSitivitiES. Learning. Applied Positive Psychology for European Schools

Syllabus. Corso On-Line. POSitivitiES. Learning. Applied Positive Psychology for European Schools PositivitiES Applied Positive Psychology for European Schools POSitivitiES Positive European Schools Corso On-Line Learning This project has been funded with support from the European Commission.This publication

Dettagli

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo Le relazioni della Giornata Tecnica ANTIM di Parma La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo di Lorenzo Morandi - L.M.Consulting La motivazione non è una caratteristica intrinseca

Dettagli

L autoregolazione. Patrizia Neerman UST Verona Sezione Orientamento. Azioni orientative in aula dell apprendimento

L autoregolazione. Patrizia Neerman UST Verona Sezione Orientamento. Azioni orientative in aula dell apprendimento MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA L autoregolazione Azioni orientative in aula dell apprendimento Patrizia Neerman UST Verona Sezione Orientamento IL QUADRO DI RIFERIMENTO La nostra

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Dallo stress lavoro correlato allo sviluppo delle persone

Dallo stress lavoro correlato allo sviluppo delle persone Dallo stress lavoro correlato allo sviluppo delle persone A cura di: Prof.ssa Laura Borgogni Ordinario di Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni Facoltà di Medicina e Psicologia 15 luglio 2011 COSA

Dettagli

IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO MEMORIA. storia e storie. riflessione critica e interazione tra passato presente e futuro CITTADINANZA CONSAPEVOLE

IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO MEMORIA. storia e storie. riflessione critica e interazione tra passato presente e futuro CITTADINANZA CONSAPEVOLE IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO LEGALITÀ riflessione critica sull importanza e la motivazione delle regole; scelta consapevole di rispettarle MEMORIA storia e storie riflessione critica e interazione tra

Dettagli

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA LE DINAMICHE DELLA CRESCITA 1. Viviamo in una situazione di disequilibrio educativo, a causa di: a) fattori strutturali, quali - ritmi di cambiamento sociale, - esposizione ripetuta e prolungata di immagini

Dettagli

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 Marisa Muzio Via Bronzetti 11, 20129 Milano, Italia Mobile: +39 3395070433 Phone: 02 78621901 Fax: +39

Dettagli

PRIMA DOPO. Quando si rompe

PRIMA DOPO. Quando si rompe AUTOSTIMA PRIMA DOPO Quando si rompe I segni rimangono Cos è l AUTOSTIMA AUTOSTIMA VALUTAZIONE DI SE SENTIMENTI Cos è l AUTOSTIMA Sé PERCEPITO FEEDBACK dalla realtà Abilità Caratteristiche Qualità Presenti

Dettagli

IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO MULTIDISCIPLINARE

IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO MULTIDISCIPLINARE I Bambini con DSA nella scuola: dalla Legge 170 alle pratiche didattiche quotidiane IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO NELL OTTICA DI UN INTERVENTO MULTIDISCIPLINARE

Dettagli

Fase 2 Analisi Strumenti di lavoro

Fase 2 Analisi Strumenti di lavoro Fase 2 Analisi Strumenti di lavoro COMPETENZE ATTITUDINALE La mia storia di vita Nome.Cognome.. Data. LA MIA STORIA SCHEDA 2 Questa scheda ha l intento di farla riflettere sugli avvenimenti fondamentali

Dettagli

Problematiche psicologiche connesse al disagio scolastico

Problematiche psicologiche connesse al disagio scolastico Problematiche psicologiche connesse al disagio scolastico di Maria Anna Formisano 1 Introduzione Il termine insuccesso scolastico generalmente interpreta il mancato risultato positivo dell istruzione e,

Dettagli

Prima applicazione della metodologia relazionale

Prima applicazione della metodologia relazionale Prima applicazione della metodologia relazionale Ricerca Associazione per la Ricerca e l Intervento Sociale Nel 1984 è stata realizzata la prima ricerca che utilizzava la metodologia relazionale. L obiettivo

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva

VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva Problemi internalizzanti Tratti salienti: 1. Sintomi di ipercontrollo 2. Sviluppo e manifestazione

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

Insegnante Donatella Dellerba - Circolo Didattico di Saluzzo IL TOTAL PHYSICAL RESPONSE NELLA DIDATTICA DI L2

Insegnante Donatella Dellerba - Circolo Didattico di Saluzzo IL TOTAL PHYSICAL RESPONSE NELLA DIDATTICA DI L2 Insegnante Donatella Dellerba - Circolo Didattico di Saluzzo IL TOTAL PHYSICAL RESPONSE NELLA DIDATTICA DI L2 Il metodo Total Physical Response (T.P.R.) è stato creata dallo psicologo americano James Asher

Dettagli

E TU, CHE DRAGO SEI? Formazione & Coach-Counselling PER BAMBINI, RAGAZZI, GIOVANI E GENITORI PRESENTA IL PROGETTO

E TU, CHE DRAGO SEI? Formazione & Coach-Counselling PER BAMBINI, RAGAZZI, GIOVANI E GENITORI PRESENTA IL PROGETTO Formazione & Coach-Counselling di Fabio Preti - Savignano sul Panaro (MO) Cell. 339 2822359 E mail: fabio.preti60@gmail.com Website: www.formazioneecoachcounselling.it PRESENTA IL PROGETTO E TU, CHE DRAGO

Dettagli

Il valore della diversità. La performance non codificata

Il valore della diversità. La performance non codificata I Il valore della diversità La performance non codificata Sono salito sulla cattedra per ricordare a me stesso che dobbiamo guardare le cose sempre da angolazioni diverse" Robin Williams in "L'attimo fuggente"

Dettagli

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Firenze, 11 dicembre 2013 Nessuno può farvi sentire inferiore senza il vostro consenso. Eleanor Roosevelt Inversione di paradigma da persone

Dettagli

LA LIBERTA DI ESSERE SE STESSI: Conoscere il Giudice Interiore

LA LIBERTA DI ESSERE SE STESSI: Conoscere il Giudice Interiore CORSO FAD LA LIBERTA DI ESSERE SE STESSI: Conoscere il Giudice Interiore ID ECM 4252-146136 CREDITI 10 CREDITI ECM DESTINATARI Psicologi e Psicoterapeuti - Medicina e chirurgia (Tutte le discipline) -

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

Fate che i bambini si istruiscano giocando: potrete così conoscere le inclinazioni di ciascuno. PLATONE (Repubblica VII,537)

Fate che i bambini si istruiscano giocando: potrete così conoscere le inclinazioni di ciascuno. PLATONE (Repubblica VII,537) I GIOVANI E LO SPORT DELLA MONTAGNA 3^ edizione Imparare a fare sport: dall alfabeto alfabeto motorio al campo di gara Predazzo (TN) 5 maggio 2011 DAL GIOCO ALLO SPORT: LA TRACCIA PROFONDA DI UN PERCORSO

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

Dipartimento Dipendenze. Progetto regionale di prevenzione LIFE SKILLS TRAINING

Dipartimento Dipendenze. Progetto regionale di prevenzione LIFE SKILLS TRAINING Dipartimento Dipendenze Progetto regionale di prevenzione LIFE SKILLS TRAINING Perché un intervento preventivo dell uso ed abuso di sostanze nella classe prima media? Le ricerche dimostrano che si sta

Dettagli

PREVENZIONE e LIFE SKILLS (abilità per la vita) Carlo Pellegrini Lecco, 25/02/2013

PREVENZIONE e LIFE SKILLS (abilità per la vita) Carlo Pellegrini Lecco, 25/02/2013 PREVENZIONE e LIFE SKILLS (abilità per la vita) Carlo Pellegrini Lecco, 25/02/2013 Premessa Le linee guida della prevenzione delle dipendenze raccomandano di aumentare i fattori di protezione e di diminuire

Dettagli

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del Comitato Regionale

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE 0. Premessa La violenza sulle donne è un fenomeno sempre più drammaticamente presente nel nostro

Dettagli

COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE.

COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE. COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE. A cura di: Domenico Nigro. Direttore didattico e trainer della Scuola IN Counseling. Consulente aziendale. Life e Business Coach. INDICE Cap.1: Coaching &

Dettagli

Il Teatro d Impresa in Novartis Vaccines & Diagnostics: la leadership on stage. di Roberta Pinzauti

Il Teatro d Impresa in Novartis Vaccines & Diagnostics: la leadership on stage. di Roberta Pinzauti Il Teatro d Impresa in Novartis Vaccines & Diagnostics: la leadership on stage di Roberta Pinzauti Premessa Novartis Vaccines & Diagnostics ha introdotto all interno del proprio sistema aziendale un processo

Dettagli

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA) SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI EDUCAZIONE ALL'AFFETTIVITA' ALL'AFFETTIVITÀ ED ALLA SESSUALITA' SESSUALITÀ Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA

ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI TERZO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B TERZO INCONTRO Istituto: ITC

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO Anno di indagine 2014 A cura dei RLS Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Università degli Studi di Bergamo Elaborazione conclusa a Giugno 2015 1 INDICE

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

Codice di Comportamento 2015

Codice di Comportamento 2015 Codice di Comportamento 2015 Raccolta di modi di agire ai quali tendere, frutto di una ricerca e del confronto con altre società sportive, non solo nel settore pallavolo. Polisportiva D. Borgo Virgilio

Dettagli

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività VIII CONGRESSO NAZIONALE AIDAI AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Pescara 16/17 settembre 2011 Difficoltà comportamentali e relazioni sociali in adolescenza

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dottor. ssa Valentina Cerri Psicologa e Psicoterapeuta PREMESSA L adolescenza e la preadolescenza costituiscono fasi

Dettagli

Laboratorio di Pedagogia Sperimentale. Indice

Laboratorio di Pedagogia Sperimentale. Indice INSEGNAMENTO DI LABORATORIO DI PEDAGOGIA SPERIMENTALE LEZIONE III INTRODUZIONE ALLA RICERCA SPERIMENTALE (PARTE III) PROF. VINCENZO BONAZZA Indice 1 L ipotesi -----------------------------------------------------------

Dettagli

CONTESTO EDUCATIVO E BENESSERE PSICOLOGICO

CONTESTO EDUCATIVO E BENESSERE PSICOLOGICO CONTESTO EDUCATIVO E BENESSERE PSICOLOGICO Prima rilevazione nell istituto comprensivo Virgilio di Roma a cura di Pietro Lucisano Università degli studi di Roma La Sapienza, con la collaborazione di Emiliane

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

FORMAZIONE UMANA GLOBALE

FORMAZIONE UMANA GLOBALE FORMAZIONE UMANA GLOBALE Effetti di un breve ciclo di sessioni di Meditazione Vigile sulla qualità di vita, la riduzione del livello di stress e il miglioramento di alcune abilità cognitive di un campione

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli