Lo stile e i feedback dell allenatore:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo stile e i feedback dell allenatore:"

Transcript

1 Lo stile e i feedback dell allenatore: effetti sulla motivazione e sul benessere degli atleti Dott.ssa Marika Maganzini Abstract - IT Con il presente lavoro si vuole illustrare, riferendosi alla Teoria dell Autodeterminazione ( Ryan & Deci, 1985, 2002) e alla Teoria dei bisogni di base ( Ryan & Deci, 2002), quali sono gli effetti dello stile comportamentale dell allenatore sull atleta. L analisi condotta conferma il fatto che l allenatore ha un ruolo importante rispetto alla motivazione e al benessere dell atleta. L allenatore con i suoi comportamenti e con il suo stile di allenamento crea un contesto ambientale in cui gli atleti possono soddisfare o meno i loro bisogni fondamentali ( competenza, relazione ed autonomia) e che ciò si riflette sul loro benessere e sulla loro motivazione. Dalla letteratura scientifica emerge che un buon allenatore debba essere autorevole e capace di supportare e di favorire l autonomia dell atleta. E importante che il coach presti attenzione alla qualità dei feedback che fornisce al fine di non minare la competenza percepita dall atleta, nonché non direzioni la motivazione verso fattori esterni gratificando con premi materiali minando così la motivazione intrinseca. Da non sottovalutare anche il ruolo dell amotivazione come predittore di malessere e depressione, aspetto che va tenuto sotto controllo in un ottica preventiva del burn out dell atleta. Risulta importante che l allenatore consideri l atleta non solo come sportivo ma come persona e che quindi tenga conto dei suoi bisogni, delle sue opinioni, del suo temperamento, del suo benessere e della sua crescita; nonché è necessario che il coach intraprenda la sua professione curando non solo gli aspetti tecnici della disciplina, ma anche la sua crescita personale e le sue competenze relazionali e pedagogiche. Abstract - EN This study intends to illustrate the effects of the coach s behaviour ( Ryan & Deci, 1985, 2002) based on attachment theory and basic needs theory ( Ryan & Deci, 2002). Results of analysis confirm the fact that the coach has an important role on the athlete s motivation and wellbeing. The coach, with his conduct and training style creates an ambience wherein athletes can satisfy or not their basic needs (competence, relationship and autonomy) which is then reflected on their wellbeing and motivation. The review of literature shows that a good coach is one who is authoritative, supportive and who encourages autonomy of the athlete. It is important that the coach gives attention to the quality of the feedback he gives to athletes so as not to threaten their perceived sense of competence and redirect their motivation to extrinsic factors through material reinforcements, that may in turn compromise the intrinsic motivation. On the other hand, the role of motivation as an indicator of the athlete s distress and depression, should not be underestimated to prevent burnout. It is important that the coach considers the athlete, not only as a sportsman but most of all as a person, thus, bearing in mind his needs, opinions, temperament, wellbeing and growth. Likewise, it is necessary that he exercises his profession not only on the technical aspects of the discipline, but also on his personal growth and relational and pedagogical competencies. Abstract - ES El presente trabajo pretende mostrar, con referencia a la Teoría de la Autodeterminación (Ryan & Deci, 1985, 2002) y a la Teoría de las necesidades básicas (Ryan & Deci, 2002), qué efectos produce sobre el atleta el estilo de comportamiento del entrenador. El análisis seguido confirma el hecho de que el entrenador tiene una función importante en lo que se refiere a la motivación y al bienestar del atleta. Con sus maneras de comportarse y con su estilo de entrenamiento, el entrenador crea un contexto ambiental en el que los atletas pueden satisfacer o no sus necesidades fundamentales (competencia, relación y autonomía), que se refleja en su bienestar y en su motivación. La literatura científica resalta que un entrenador debe ser autoritario y capaz de soportar y de favorecer la autonomía del atleta. Es importante que el coach preste atención a la calidad de los feedback que usa a fin de no minar la competencia captada por el atleta, así como a no dirigir la motivación hacia factores externos, gratificando con premios materiales y minando así la motivación intrínseca. No se debe minusvalorar la función de la motivación como anunciador de malestar y de depresión, aspecto que es controlado desde la óptica preventiva del burn out del atleta. Es importante que el entrenador considere al atleta no sólo como deportista sino como persona, y que, por tanto, tenga en cuenta sus necesidades, sus opiniones, su temperamento, su bienestar y su crecimiento; es igualmente necesario que el coach realice su profesión cuidando no sólo los aspectos técnicos de la disciplina, sino también su crecimiento personal y sus competencias relacionales y pedagógicas. Abstract - PR

2 Com o presente trabalho se pretende ilustrar, tendo como referência a Teoria da Autodeterminação (Ryan & Deci. 2002) e a Teoria das necessidades básicas (Ryan & Deci, 2002), quais são os efeitos do estilo comportamental do treinador sobre o atleta. A análise seguida confirma o fato de que o treinador desempenha um papel importante sobre a motivação e o bem-estar do atleta. Com suas maneiras de comportar-se e com seu estilo de treinamento, o treinador cria um contexto ambiental em que os atletas podem satisfazer ou não as suas necessidades fundamentais (competência, relação e autonomia), que se reflete em seu bem-estar e em sua motivação. Da literatura científica emerge que um bom treinador deve ser dotado de autoridade, capaz de suportar e de favorecer a autonomia do atleta. É importante que o coach preste atenção à qualidade do feedback que usa a fim de não minar a competência captada do atleta, assim como não direcione a motivação para fatores externos, gratificando-o com prêmios materiais, prejudicando desta forma a motivação intrínseca. Não subestime também a função da motivação como sintoma do mal-estar e da depressão, aspecto este que deve estar sob controle em uma ótica preventiva de burn out do atleta. É importante que o treinador considere o atleta não só como desportista, mas como pessoa e, portanto, leve em conta suas necessidades, suas opiniões, seu temperamento, seu bem-estar e seu crescimento, assim como se faz mister que o coach exerça sua profissão cuidando não só dos aspectos técnicos, mas também do seu crescimento pessoal e de suas competências relacionais e pedagógicas.

3 Introduzione Nel contesto sportivo l atleta, sia in ambito agonistico che in ambito amatoriale, si trova a fronteggiare i compiti inerenti la propria disciplina ( esercizi, allenamenti, gare, ecc) sotto la guida dell allenatore, figura importante sia da un punto di vista tecnico che relazionale. Con il presente lavoro ho voluto indagare quali sono gli effetti dello stile comportamentale dell allenatore sull atleta, supponendo che esso influisca sulla motivazione dell atleta e anche sul benessere sperimentato svolgendo la propria attività sportiva. Ho indagato alcuni degli studi eseguiti sull argomento che hanno riguardato principalmente gli effetti sulla motivazione e sul benessere. La motivazione La motivazione la possiamo definire ( Pintrich,1996) come il processo tramite il quale un attività diretto verso un obiettivo è stimolata e sostenuta, i cui indicatori sono rintracciabili nella scelta di fare alcune cose piuttosto che altre, nel grado di impegno impiegato, nella persistenza dello stesso. Gli sportivi si differenziano sia da quanto sono motivati ma anche rispetto alla qualità della loro motivazione. Questi tipi di differenze sono state studiate ed approfondite nell ambito della Self Determination Theory ( SDT) di Deci & Ryan ( 1985, 1991, 2000). L autodeterminazione è legata alla percezione che una persona ha dell origine del proprio comportamento ovvero delle cause primarie che lo attivano. Si parla pertanto di locus of causality interno ed esterno. Il locus of causality interno esprime il vedere se stessi come origine di un certo comportamento. ( es. gioco a calcio perché mi piace farlo ). Il locus of causalità esterno indica che il motivo dell azione è esterno al comportamento. ( es. gioco a calcio perché così miglioro nella corsa ). La qualità della motivazione si differenzia lungo un continuum che va da un estremo in cui non c è autodeterminazione ( quindi locus assente) all estremo opposto in cui l autodeterminazione è massima( e il locus of causality è interno). La motivazione può pertanto essere : -assente e quindi si parla di Amotivazione ( non so perché faccio questa azione ); -Estrinseca quando il locus è esterno. Rispetto a questo tipo di motivazione c è da precisare che la regolazione del comportamento può essere di varia natura : esterna, introiettata, identificata. La regolazione esterna prevede che il mio comportamento è determinato da un fattore esterno contingente, che può ad esempio essere un premio o l evitare una conseguenza negativa ( punizione). Secondo la SDT i comportamenti regolati in questo modo hanno una bassa persistenza una volta che la contingenza non esiste più e le contingenze sono controllare dall esterno.

4 La regolazione introiettata riguarda anch essa comportamenti che sono dettati da una contingenza esterna che però in questo caso è dettata dall individuo verso se stesso. Usualmente in questi casi la motivazione è caratterizzata da senso di colpa, ansia e bisogno di mantenimento della propria autostima. Infine la regolazione identificata prevede una consapevole attribuzione di valore all obiettivo del comportamento. Pur essendo quest ultima una motivazione estrinseca è quella che può predire un maggior coinvolgimento della persona e il mantenimento nel tempo del comportamento rispetto alle altre. Deci e Ryan ( 1985, 2000) la indicano anche come motivazione estrinseca autodeterminata. -Intrinseca è la motivazione in cui il grado di autodeterminazione è massimo in quanto il comportamento è regolato da fattori che sono legati precipuamente all attività in sé e al piacere di agire quel comportamento. Le ricerche hanno dimostrato che le motivazioni estrinseche di tipo autodeterminato e quelle intrinseche sono predittori per la persistenza, per una maggiore concentrazione nel compito, per un impegno e sforzo maggiore e per una migliore performance. Molti fattori possono impattare su questi tipi di motivazione, la relazione tra allenatore e atleta è uno dei più importanti. Il benessere In accordo con la Teoria dell Autodeterminazione possiamo citare la Teoria dei bisogni di base ( Ryan & Deci, 2002) secondo la quale esistono tre bisogni che soddisfatti assicurano la crescita e il nutrimento della psiche umana. Essi sono dei bisogni psicologici riguardanti l autonomia, la competenza e la relazione. La soddisfazione del bisogno di autonomia riguarda l esperienza di scegliere e sentire che si è i protagonisti delle proprio scelte; la soddisfazione del bisogno di competenza consiste nell esperire di aver portato a termine dei risultati con i propri strumenti; la soddisfazione del bisogno di relazione è inserente al sentirsi connessi con gli altri e capiti. Secondo tale teoria le variazioni nella soddisfazione di questi bisogni predice differenze per il benessere fisico e psicologico delle persone nonché predicono, secondo la SDT, una motivazione intrinseca. Sul benessere esistono due orientamenti: edonico ed eudemonico. Il primo vede il benessere come il raggiungimento del piacere e l evitamento del dolore; mentre il secondo considera il benessere come il grado in cui una persona è completamente coinvolta e partecipe in ciò che sta facendo. La teoria dell autodeterminazione abbraccia l approccio eudemonico e utilizza come indici per misurare il benessere la vitalità,l interesse e la soddisfazione che si prova nell attività. Per misurare il malessere vengono considerati i sintomi fisici negativi riportati dalle persone.

5 La relazione allenatore-atleta : un modello motivazionale Nello studio di Mageau e Vallerand ( 2003) si è cercato di strutturare un modello motivazionale riguardo la relazione tra atleta e allenatore con l ottica di presentare come gli allenatori possono influenzare la motivazione intrinseca e quella estrinseca autodeterminata. Il modello è illustrato in figura 1. Esso propone una sequenza motivazionale in cui il comportamento dell allenatore è influenzato dalle convinzioni dell allenatore sullo stile dell allenamento, dal contesto in cui allena e dalla percezione che ha delle motivazioni e del comportamento dei suoi atleti. Questi tre elementi influenzerebbero lo stile del comportamento dell allenatore: supportivo rispetto l autonomia vs controllante. Uno stile che promuove l autonomia insieme ad una struttura fornita dall allenatore e ad un suo coinvolgimento garantirebbero la soddisfazione dei tre bisogni che supportano una motivazione intrinseca ed estrinseca autodeterminata : il bisogno di competenza, il bisogno di autonomia e il bisogno di relazione.

6 Struttura creata dall allenatore Comportamento allenatore Competenza percepita dall atleta Contesto allenamento Comportamenti dell allenatore che supportano l autonomia conpo Autonomia percepita dall atleta Motivazione intrinseca e motivazione estrinseca autodeterminata Comportamento e motivazione percepiti Coinvolgimento dell allenatore Relazione percepita dall atleta Fig.1 Modello Motivazionale della relazione atleta-allenatore Tale modello estende quello precedentemente presentato da Vallerand and Pelletiers( 1985) e nei prossimi paragrafi lo illustreremo meglio. Rispetto a cosa si intende per motivazione intrinseca ed estrinseca abbiamo già precedentemente descritto le loro caratteristiche. Riguardo all influenza dei comportamenti dell allenatore che influenzano sulla motivazione presentiamo qui di seguito il ruolo dell autonomia, della struttura fornita e del coinvolgimento. Il supporto dell autonomia Secondo la teoria della valutazione cognitiva ( Deci e Ryan, 1980,1985) supportare l autonomia da parte di chi occupa una posizione di autorità ( es. l allenatore) vuol dire tenere in considerazione le prospettive degli altri, conoscere le loro opinioni e sentimenti, fornendo loro opportunità di scelta evitando pressioni e comandi. Ciò si traduce in pratica in una serie di comportamenti quali : o dare più scelte possibili entro specifiche regole e limiti o fornire delle ragioni valide per i limiti e le regole ( se non ne viene compreso il senso sarà più difficile farli accettare e rispettare) o indagare sui sentimenti e le opinioni degli altri o permettere opportunità per iniziative personali

7 o fornire feedback sulle competenze che non siano controllanti. I feedback positivi hanno un influenza positiva se promuovono la percezione della propria autonomia, se riguardano comportamenti che sono sotto il controllo dell atleta, se riguardano aspettative anche alte ma realistiche. Ad esempio sono da evitare frasi del tipo Hai fatto bene, come avresti dovuto, Continua così. Vorrei che tu facessi ancora meglio la prossima volta. o evitare di esercitare il controllo, di indurre il senso di colpa e di fornire premi materiali. Ottenere risultati promettendo premi induce l atleta, soprattutto se giovane, a non considerare il compito interessante e piacevole in se. o prevenire la competizione fine a se stessa ovvero evitare che l unico obiettivo dell atleta sia quello di superare gli altri e di valutare la sua performance solo rispetto ad un confronto interindividuale ma promuovere invece una valutazione che tenga conto dei proprio standard personali. La relazione, la competenza e l autonomia percepite In linea con i precedenti modelli ( Deci e Ryan, 1985, 2000; Vallerand, 1997, 2000, 2001) la soddisfazione dei bisogni di relazione, di competenza e di autonomia inducono una maggiore motivazione autodeterminata e ciò viene maggiormente enfatizzato in presenta di un stile dell allenatore che supporta l autonomia. E evidente che comportamenti di questo genere da parte del coach favoriscono il senso di autonomia dell atleta rispetto alla competenza e alla relazione. Possiamo evidenziare che un atteggiamento che favorisce l autonomia prevede dei comportamenti quali l ascolto e la considerazione dei sentimenti ed opinioni altrui ( relazione) e dei comportamenti quali il fornire possibilità di scelta e di libera iniziativa ( competenza). Nel modello presentato non vengono poi dimenticati la struttura ( indicazioni, regole, istruzioni) che l allenatore fornisce e il suo coinvolgimento, i quali impattano rispettivamente sul bisogno di competenza e di relazione. Personalità, influenze sociali e contestuali sul comportamento dell allenatore Rispetto alla personalità vengono distinti due stili quello controllante e quello autorevole (che favorisce l autonomia). Molto spesso è anche la cultura e gli stereotipi che inducono a favorire degli atteggiamenti autoritari e di controllo rispetto a quelli di ascolto e di autorevolezza.

8 Per esempio nella cultura occidentale c è la credenza, anche nel contesto sportivo, che un comportamento autoritario abbia maggiori risultati. Sul comportamento dell allenatore influiscono anche delle variabili di contesto quali ad esempio la pressione esercitata dai genitori degli atleti o dal club sportivo. Ciò induce a stress e a esercitare maggiore controllo e direttività. Infine non va dimenticato che la relazione tra atleta e allenatore è reciproca, con influenze che si esercitano in entrambi i sensi. Pertanto il comportamento degli atleti, il loro temperamento, la loro motivazione influiscono sui comportamenti dell allenatore che nel percepirli difficili da gestire o non motivati potrebbe più facilmente esercitare controllo e comportamenti direttivi. Il comportamento dell allenatore, la soddisfazione dei bisogni e il benessere fisico psicofisico dei giovani atleti Uno studio di Reinboth, Duda e Ntoumanis ( 2004), compiuto su ragazzi adolescenti, calciatori e giocatori di cricket, ha voluto indagare quale legame ci fosse tra gli aspetti dell ambiente sociale in cui gli atleti svolgono le loro attività e gli indici del benessere psicologico e fisico. Come sopraesposto come indici del benessere sono stati considerati : la vitalità, la soddisfazione intrinseca nel compiere l attività e i sintomi fisici. Per ciò che riguarda l ambiente sociale sono stati studiati le caratteristiche dell allenatore in termini di supporto all autonomia fornito, di feedback sulle competenze e di comportamenti socio relazionali. L ipotesi della ricerca era che questi tre aspetti predicessero rispettivamente i tre bisogni fondamentali della Teoria dei bisogni fondamentali, ovvero il bisogno di competenza, di relazione e di autonomia. Il modello derivante da questa ricerca (Fig 2) propone inoltre che la soddisfazione di tali bisogni sia correlata positivamente con gli indicatori del benessere e negativamente con quelli del malessere. Supporto autonomia Bisogno autonomia vitalità feedback Bisogno competenza Soddisfazio ne intrinseca Supporto sociale Bisogno relazione Sintomi fisici

9 Fig 2 La metodologia utilizzata per la ricerca è consistita nella compilazione da parte degli atleti di questionari. I risultati della ricerca hanno confermato la relazione positiva tra ambiente sociale e soddisfazione dei bisogni fondamentali. Rispetto invece agli indici del benessere è emerso che il bisogno di autonomia, seppur in modo debole, è un predittore di benessere mentre non emerge nessuna relazione con gli indici del malessere. Il bisogno di competenza sembra essere un forte predittore degli indici di benessere ed esiste un legame anche con quello di malessere. Indagando quale rilevanza abbia il bisogno di relazione, contrariamente alle aspettative, non sembra costituire un predittore degli aspetti negativi o positivi del benessere. I ricercatori hanno supposto che tali risultati siano da riverificare tramite altre ricerche in quanto vanno considerati i fattori situazionali collegati all attività sportiva che possono influire sulla maggiore o minore significatività della relazione e dell autonomia ( si pensi ad uno sport individuale vs gioco di squadra), nonché va tenuto in considerazione che questa ricerca è stata condotta con un campione di adolescenti e con questionari self report in cui è alto il rischio di effetti di desiderabilità sociale. In conclusione tale studio ha voluto evidenziare quanto sia importante il ruolo dell allenatore come costruttore di un contesto sociale che può migliorare le condizioni in cui lavorano gli atleti in un ottica di favorire il loro benessere. Il ruolo dei feedback positivi sulla motivazione Una ricerca di Mouratidis, Vansteenkiste, Lens e Sideris ( 2008) ha indagato sul ruolo dei feedback positivi sulla motivazione, approfondendo gli effetti che essi potevano avere anche sul benessere, sulla performance e sulla persistenza a continuare nel tempo un attività sportiva. Tale studio ha avuto la caratteristica di indagare su questo ambito comparando due domini diversi ( attività fisica di tipo scolastico vs sport agonistico), due tipologie di sportivi ( amatoriali vs agonisti) e due modalità di ricerca ( sperimentale e correlazionale). Sono stati infatti eseguite due ricerche a seconda degli ambiti. La prima ha riguardato ragazzi di scuola impegnati in una attività sportiva appartenente al programma di educazione fisica, mentre nella seconda ricerca sono stati proposti agli atleti dei questionari su differenti dimensioni. Nel primo studio ( Fig 3) veniva manipolato il feedback positivo che veniva fornito allo studente dopo la sua performance, in quanto si voleva studiare come la qualità di un feedback predicesse

10 aspetti inerenti il benessere dell individuo, la sua attitudine a proseguire nell attività e la sua performance I feedback positivi erano di due tipi: forte vs moderato. Persistenza Vitalità Motivazione autonoma Feedback Soddisfazione competenza Stato affettivo positivo Amotivazione Performance Stato affettico negativo Depressione Fig 3 modello studio 1 I dati della ricerca hanno evidenziato che la qualità del feedback influisce sulla soddisfazione del bisogno di competenza e sulla motivazione. E stato infatti riscontrato che un feedback forte induce un aumento della propria soddisfazione relativamente alla propria competenza rinforzando le aspettative rispetto alla propria possibilità di successo. Un feedback moderato può invece minare l aspettativa di chi si ritiene competente. E stato rilevato pertanto un collegamento tra tipologia di feedback e competenza percepita, la quale influisce anche sulla motivazione autonoma in maniera positiva. ( più ci si sente competenti e più si è motivati intrinsecamente). A sua volta la motivazione autonoma predice la persistenza nell attività, la sensazione di vitalità e uno stato emotivo positivo. Non è stata invece trovato un collegamento significativo tra la motivazione autonoma e la qualità della performance. Risultato che è stato imputato al tipo di compito proposto nell esperimento che non permetteva, data la semplicità, di evidenziare miglioramenti nelle strategie o la modalità di padronanza dell atleta.

11 . Vitalità Stato affettivo positivo Motivazion e autonoma Feedback percepiti Soddisfazione competenza Stato affettico negativo Amotivazione Depressione Progressi intraindividuali Progressi interindividuali Fig Studio 2 Nel secondo studio, a differenza del primo, sono state introdotte come variabili da misurare anche dati sul malessere ( stato affettivo negativo e depressione) e sui risultati delle performance degli atleti a livello individuale e intraindividuale. Inoltre rispetto alla motivazione si è indagato anche sul ruolo della motivazione. Rispetto al primo studio gli atleti non sono stati sottoposti a prove, ma è stato richiesto loro di compilare questionari che misuravano le variabili indagate I dati emersi hanno confermato quanto trovato nel primo studio: i feedback positivi, in questo caso percepiti, predicono in modo positivo su vitalità e stato affettivo positivo tramite l effetto che essi hanno sulla competenza percepita e sulla motivazione autonoma. A differenza del primo studio è stato riscontrato un collegamento diretto tra competenza percepita e misure relative al benessere. Inoltre la motivazione è risultata essere collegata con l insorgere di aspetti depressivi e di stato d animo negativo e di avere valore predittivo anche sulla performance. Come nel primo studio la motivazione autonoma non ha un ruolo significativo rispetto alla performance.

12 In conclusione questi due studi suggeriscono che la qualità del feedback soddisfacendo il bisogno di competenza favorisce una motivazione autonoma che rispettivamente predice positivamente sul benessere e sulla continuità dell impegno nell attività sportiva. Di contro feedback che non incontrano i bisogni di competenza dell atleta inducono la motivazione che sembra avere un valore predittivo sull insorgenza di aspetti depressivi e su basse performance. Conclusioni L analisi condotta conferma il fatto che l allenatore abbia un ruolo importante rispetto alla motivazione e al benessere dell atleta. L allenatore con i suoi comportamenti e con il suo stile di allenamento crea un contesto ambientale in cui gli atleti possono soddisfare o meno i loro bisogni fondamentali ( competenza, relazione ed autonomia) e che ciò si riflette sul loro benessere e sulla loro motivazione. Le ricerche sopraesposte suggeriscono che un buon allenatore debba essere autorevole e capace di supportare e di favorire l autonomia dell atleta. E importante che il coach presti attenzione alla qualità dei feedback che fornisce al fine di non minare la competenza percepita dall atleta, nonché non direzioni la motivazione verso fattori esterni gratificando con premi materiali minando così la motivazione intrinseca. E emerso anche il ruolo della motivazione come predittore di malessere e depressione, aspetto che a volte viene sottovalutato e che invece va tenuto sotto controllo in un ottica preventiva del burn out dell atleta. Le ricerche non sembrano attribuire all aspetto socio- relazionale un ruolo predittivo sugli aspetti del benessere. E ipotizzabile che l attenzione verso il soddisfacimento dei bisogni socio-relazionali abbia un effetto sulla coesione e sul senso di gruppo, che probabilmente ha poi un influenza sul benessere e anche sulla motivazione. Considerazioni che si potrebbero approfondire in altre ricerche. Contrariamente alle aspettative non è emerso un ruolo della motivazione sulla performance. E risultata invece un influenza significativa dei feedback percepiti su questo aspetto. In conclusione risulta importante che l allenatore consideri l atleta non solo come sportivo ma come persona e che quindi tenga conto dei suoi bisogni, delle sue opinioni, del suo temperamento, del suo benessere e della sua crescita; nonché è necessario che il coach intraprenda la sua professione curando non solo gli aspetti tecnici della disciplina, ma anche la sua crescita personale e le sue competenze relazionali e pedagogiche. Bibliografia

13 Mageau G., Vallerand R., The coach-athlete relationship: a motivational model Journal of Sports Sciences,2003,21, Mouratidis A.,Vansteenkiste M., Lens W.,Sideridis G. The Motivating Role of Positive Feedback in Sport and Physical Education: Evidence for a Motivational Model Journal of Sport & Exercise Psychology,2008,30, Reinboth M., Duda J.L., Ntoumanis N.(2004) Dimension of coaching behavior,need Satisfaction, and the Psychological and Physical Welfare of Young Athletes Motivation and Emotion, Vol.28, No.3 September 2004

L impegno e l abbandono dei giovani nello sport. Il progetto europeo PAPA e l Empowering Coaching TM

L impegno e l abbandono dei giovani nello sport. Il progetto europeo PAPA e l Empowering Coaching TM L impegno e l abbandono dei giovani nello sport. Il progetto europeo PAPA e l Empowering Coaching TM Tenero, 25-26.01.2013 Prof. Philippe Sarrazin Laboratorio sport e ambiente sociale Università J. Fourier,

Dettagli

La motivazione del personale 2013

La motivazione del personale 2013 La motivazione del personale 2013 Federica Bandini Concetto fondamentale Necessario garantire continua compatibilità tra: Esigenze del sistema organizzativo (ente) Esigenze di individui e gruppi Assicurare

Dettagli

CAPITOLO 1. PRESUPPOSTI TEORICI:

CAPITOLO 1. PRESUPPOSTI TEORICI: CAPITOLO 1. PRESUPPOSTI TEORICI: ESPERIENZA OTTIMALE E QUALITÀ DELL ESPERIENZA SOGGETTIVA 1.1 IL BENESSERE Dal disagio all agio La percezione soggettiva del benessere La prospettiva eudaimonica: il benessere

Dettagli

Dott.ssa Marina Gerin Birsa La promozione del ruolo e della professione dello psicologo dello sport PERFORMANCE PROFILE

Dott.ssa Marina Gerin Birsa La promozione del ruolo e della professione dello psicologo dello sport PERFORMANCE PROFILE Torino, 6/7 giugno 2015 Dott.ssa Marina Gerin Birsa Abstract dell intervento La promozione del ruolo e della professione dello psicologo dello sport Iniziamo con la definizione dell identità dello psicologo

Dettagli

L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale

L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale A cura di Luca Stanchieri, Scuola Italiana di Life & Corporate Coaching Roma, 16 e 17 maggio 5/23/2013 GLI AUTORI Equipe di Ricerca: Scuola

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Conversazioni sulla comunicazione didattica

Conversazioni sulla comunicazione didattica Conversazioni sulla comunicazione didattica 1. La comunicazione didattica Un approccio ragionato sulla questione dell autostima e dell autoefficacia L uso dei rinforzi per il miglioramento dell autoefficacia

Dettagli

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li Il Coaching nei Giochi Sportivi Perché un atleta si allena? Per far in modo che nell organismo avvengano dei cambiamenti tali da determinare un miglioramento della prestazione. Dr. Fabrizio Perroni, Ph.D.

Dettagli

PSICOLOGIA E SPORT. DR MIRCO TURCO Psicologo Specializzato in Ipnosi Master Prepar. Atletica Sport Combattimento Tecnico Difesa Personale

PSICOLOGIA E SPORT. DR MIRCO TURCO Psicologo Specializzato in Ipnosi Master Prepar. Atletica Sport Combattimento Tecnico Difesa Personale PSICOLOGIA E SPORT DR MIRCO TURCO Psicologo Specializzato in Ipnosi Master Prepar. Atletica Sport Combattimento Tecnico Difesa Personale Psicologia e SPORT Fin dai primi giochi olimpici ateniesi era ben

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Diversamente uguali nello Sport

Diversamente uguali nello Sport Diversamente uguali nello Sport di Silvia Cabano e Furio Dioguardi COMPETENZE PEDAGOGICHE E RELAZIONALI NELLO SPORT FEMMINILE di furio dioguardi - furio.dioguardi@gmail.com "Casa dello Sport Viale Italia

Dettagli

La valutazione degli aspetti percettivi e mentali. Ansia e resilienza

La valutazione degli aspetti percettivi e mentali. Ansia e resilienza Convegno Giovani, sport e montagna - V Edizione La valutazione negli sport della montagna: tra prassi consolidate e nuove frontiere La valutazione degli aspetti percettivi e mentali. Ansia e resilienza

Dettagli

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione Firenze 4/5 febbraio 2011 In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione L EDUCAZIONE PROSOCIALE IN ITALIA: INTERVENTI E PROSPETTIVE W W W. P R O S O C I A L I T A. I T I S T

Dettagli

Emotional Intelligence Stress Audit

Emotional Intelligence Stress Audit Emotional Intelligence Stress Audit Valutazione del rischio stress lavoro correlato per il benessere delle persone e dell organizzazione Lo STRESS AUDIT è una metodologia che consente di valutare il rischio

Dettagli

L AUTOSTIMA DEI NOSTRI FIGLI

L AUTOSTIMA DEI NOSTRI FIGLI L AUTOSTIMA DEI NOSTRI FIGLI Il ruolo della famiglia e della scuola nello sviluppo della sicurezza dei ragazzi. Centro AP - Psicologia e Psicosomatica Piazza Trasimeno, 2-00198 Roma - Tel: 06 841.41.42

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Schirone Maria Giovanna 2011 La psicologia positiva la Psicologia Positiva non è niente

Dettagli

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 Marisa Muzio Via Bronzetti 11, 20129 Milano, Italia Mobile: +39 3395070433 Phone: 02 78621901 Fax: +39

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola Documento di approfondimento Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO E BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA SCUOLA Il Decreto

Dettagli

Stili attentivi e prestazione sportiva

Stili attentivi e prestazione sportiva Stili attentivi e prestazione sportiva Mario Lipoma 1, Donatella Di Corrado 2, Santo Di Nuovo 3, Vincenzo Perciavalle 4 1 Ricercatore di Psicologia generale, Facoltà di Scienze della Formazione, Università

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva PSICOLOGIA COGNITIVA L attribuzione causale Attribuzione causale Nel processo di formazione di impressioni siamo altresì interessati a cogliere le cause, le determinanti di un comportamento ATTRIBUZIONE

Dettagli

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari CENTRO MEDICO H. BERGER AVERSA Convenzionato con il S.S.N. Regione Campania - I.N.P.S. NEUROLOGIA-PSICHIATRIA-PSICOLOGIA-PSICOTERAPIE Sede Legale :Via Orabona n 33 Sede Operativa: Via Vito di Jasi n 16

Dettagli

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10

Indice. Tecniche e metodologie di coaching. 2 di 10 LEZIONE DI TECNICHE E METODOLOGIE DI COACHING PROF.SSA ROBERTA TEMPONE Indice 1 Prerequisiti per attivare un team working --------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Tra il dire e il fare. Fabio Lucidi Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione

Tra il dire e il fare. Fabio Lucidi Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione Tra il dire e il fare Fabio Lucidi Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione Cominciamo con un esempio: prevenire l Obesità è un obiettivo strategico di molte istituzioni e

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF Manuale Azzurro allegato D FEDERAZIONE ITALIANA GOLF Modello per la creazione e gestione di un Club dei Giovani Il modello, tratto dall esperienza maturata nei Circoli che hanno svolto con successo l Attività

Dettagli

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte)

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) 1 QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) (ALLEGATO N 2) Sono pervenuti 90 questionari compilati ma non tutti completi. Non è stata prevista una differenziazione per categorie

Dettagli

La cultura della sicurezza nell industria di processo

La cultura della sicurezza nell industria di processo La cultura della sicurezza Corsi avanzati Human Factor Root Cause Analysis Progetto Human Factor per l industria l di La valorizzazione della risorse umane come strumento di miglioramento delle prestazioni

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE STRESS LAVORO CORRELATO, BURN OUT E MOBBING. Roma, 04 febbraio 2015

OSSERVATORIO NAZIONALE STRESS LAVORO CORRELATO, BURN OUT E MOBBING. Roma, 04 febbraio 2015 IL SINDACATO DEGLI INFERMIERI ITALIANI Indirizzi internet: www.nursingup.it (con accesso ai siti regionali) E/Mail info@nursingup.it - Numero Verde gratuito : 800959529 ( da telefono fisso) OSSERVATORIO

Dettagli

Il manuale è concentrato su questi articoli:

Il manuale è concentrato su questi articoli: Questo manuale è stato creato per aiutare i team leader e gli assistenti nel loro lavoro, dandoli una dritta specifica su alcuni dei loro doveri principali nel dirigere i propri gruppi di lavoro. La dirigenza

Dettagli

Dalla fidelizzazione...

Dalla fidelizzazione... Dalla fidelizzazione... Roma 5 marzo 2012 Daniele Pacini FIDELIZZAZIONE fonte WIKIPEDIA La fidelizzazione è l'insieme delle azioni di marketing volte al mantenimento della clientela già esistente e si

Dettagli

PRESENTARSI E PRESENTARE

PRESENTARSI E PRESENTARE Network management Sviluppare le competenze attraverso il network: laboratorio di self-assessment PRESENTARSI E PRESENTARE 15 febbraio 2010 Barbara Parmeggiani Executive Consultant & Coach Il filo rosso

Dettagli

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento Nei rapporti con le persone che ami, nell essere genitore, nella comunicazione, nel lavoro, nel business e nella vendita devi avere comportamenti eccezionali, saperti distinguere e usare una comunicazione

Dettagli

DINAMICHE DI GRUPPO: LA LEADERSHIP E LA FIGURA DELL ALLENATORE. di Gabriella Ciampi

DINAMICHE DI GRUPPO: LA LEADERSHIP E LA FIGURA DELL ALLENATORE. di Gabriella Ciampi DINAMICHE DI GRUPPO: LA LEADERSHIP E LA FIGURA DELL ALLENATORE di Gabriella Ciampi Premessa Una squadra sportiva si può considerare un gruppo secondo la definizione di K. LEWIN (1935) ossia come un sistema

Dettagli

EVOLUTION4COACHES: LO STRUMENTO

EVOLUTION4COACHES: LO STRUMENTO EVOLUTION4COACHES: LO STRUMENTO Dopo uno studio e una sperimentazione sul campo durata più di 4 anni, abbiamo realizzato un applicazione per tablet (inizialmente per ipad, ma con progetti futuri di sviluppo

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

Ora parleremo di: PDV sulla giftedness. Modello dei 3 anelli. Modello di Monaco. Modello differenziato plusdotazione-talento

Ora parleremo di: PDV sulla giftedness. Modello dei 3 anelli. Modello di Monaco. Modello differenziato plusdotazione-talento M. A. Zanetti Laboratorio Italiano per lo Sviluppo del Potenziale, del Talento e della Plusdotazione Dipartimento di Studi Umanistici -sezione Psicologia- Università di Pavia PDV sulla giftedness Ora parleremo

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT Che cos è la psicologia dello sport? È una branca della psicologia che si occupa di studiare il comportamento umano legato all attività sportiva, intervenendo sugli aspetti psicologici,

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA IN. Scienze dello sport, dell esercizio fisico e dell ergonomia. Le motivazioni alla pratica sportiva in atleti italiani

DOTTORATO DI RICERCA IN. Scienze dello sport, dell esercizio fisico e dell ergonomia. Le motivazioni alla pratica sportiva in atleti italiani DOTTORATO DI RICERCA IN Scienze dello sport, dell esercizio fisico e dell ergonomia XXIV CICLO TITOLO TESI DI DOTTORATO Le motivazioni alla pratica sportiva in atleti italiani Tutore Prof. Laura Capranica

Dettagli

e pratica sportiva: una ricerca su giovani i atleti

e pratica sportiva: una ricerca su giovani i atleti Comportamento alimentare e pratica sportiva: una ricerca su giovani i atleti ti Francesca Vitali, Daniela Senarega e Guido Amoretti Università degli Studi di Genova ASSOCIAZIONE ITALIANA DI PSICOLOGIA

Dettagli

COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE.

COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE. COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE. INDICE A cura di: Domenico Nigro. Direttore didattico e trainer della Scuola IN Counseling. Consulente aziendale. Life e Business Coach. Cap. 1: Coaching &

Dettagli

Co-evoluzione positiva della relazione genitori-bambini: come fronteggiare lo stress competitivo. Vincent Kenny

Co-evoluzione positiva della relazione genitori-bambini: come fronteggiare lo stress competitivo. Vincent Kenny Co-evoluzione positiva della relazione genitori-bambini: come fronteggiare lo stress competitivo Vincent Kenny GENITORE DEL TENNISTA: UN MESTIERE CHE SI IMPARA Conferenza organizzata nell ambito del torneo

Dettagli

LE COMPETENZE NON TECNICHE ovvero NON TECHNICAL SKILLS

LE COMPETENZE NON TECNICHE ovvero NON TECHNICAL SKILLS LE COMPETENZE NON TECNICHE ovvero NON TECHNICAL SKILLS Le competenze non tecniche sono competenze che usiamo ogni giorno nella vita quotidiana. Comprendono la chiarezza nella comunicazione, il senso pratico

Dettagli

chi siamo SPORT GUIDELINES: PSICOLOGIA E COACHING AL SERVIZIO DELLO SPORT E DELLE AZIENDE

chi siamo SPORT GUIDELINES: PSICOLOGIA E COACHING AL SERVIZIO DELLO SPORT E DELLE AZIENDE chi siamo SPORT GUIDELINES: PSICOLOGIA E COACHING AL SERVIZIO DELLO SPORT E DELLE AZIENDE La psicologia ed il coaching si incontrano per assistere a 360 atleti, società sportive e aziende. SPORT GUIDELINES

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE: L ETICA DEL PRENDERSI CURA

CORSO DI FORMAZIONE: L ETICA DEL PRENDERSI CURA CORSO DI FORMAZIONE: L ETICA DEL PRENDERSI CURA 3 MODULO: Gli sguardi si incontrano Tavola Rotonda La giusta vicinanza nella relazione di aiuto Bosisio Parini (LC), 19 marzo 2010 Relatore: Antonella DELLE

Dettagli

Reportistica In equilibrio sopra l euforia. A scuola di IN-DIPENDENZA. Reportistica

Reportistica In equilibrio sopra l euforia. A scuola di IN-DIPENDENZA. Reportistica Reportistica In equilibrio sopra l euforia. A scuola di IN-DIPENDENZA!! "# 1 In equilibrio sopra l euforia. A scuola di IN-DIPENDENZA Nel presente report verranno presentati i principali risultati relativi

Dettagli

Kurt Lewin (1890-1947)

Kurt Lewin (1890-1947) Kurt Lewin (1890-1947) Famiglia ebraica. Nasce in Prussia nella odierna Polonia. Partecipa alla I guerra mondiale. Si laurea e inizia a insegnare all università di Berlino. 1933 emigra negli USA. Sviluppa

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI

COMUNE DI MONTESPERTOLI OGGETTO: Questionario sul benessere organizzativo 2012 - Report Il presente documento è finalizzato all analisi dei dati scaturiti dalla compilazione dei questionari in oggetto, da parte dei dipendenti

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

Comprendere come sfruttare le differenze individuali per attirare, motivare e trattenere collaboratori di talento Topics

Comprendere come sfruttare le differenze individuali per attirare, motivare e trattenere collaboratori di talento Topics Comportamento manageriale A.A. 2012/2013 Dott.ssa Monia La Verghetta Obiettivo Comprendere come sfruttare le differenze individuali per attirare, motivare e trattenere collaboratori di talento Topics Valori

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

Lola Fabbri. persolog italy Emme Delta Group. Stress management. Managing Director

Lola Fabbri. persolog italy Emme Delta Group. Stress management. Managing Director Stress management Lola Fabbri Managing Director persolog italy Emme Delta Group Lo Stress: da nemico ad alleato Torino, 19 giugno 2014 www.persolog.it Modelli e strumenti di Stress Management Stress: definizione,

Dettagli

LEADER E MANAGER Destinatari: Obiettivi: Contenuti

LEADER E MANAGER Destinatari: Obiettivi: Contenuti RIEPILOGO CORSI Leader e manager Costruire le abilità manageriali Introduzione alla teoria del vincolo La costruzione di una direzione strategica: identità, visione, business model Tangram Leadership:

Dettagli

L ATTRIBUZIONE spiegano informazioni conseguenze

L ATTRIBUZIONE spiegano informazioni conseguenze L ATTRIBUZIONE La ricerca sull attribuzione ha come scopo quello di capire come le persone spiegano (attribuiscono le cause) il proprio comportamento e il comportamento di altre persone. La teoria sull

Dettagli

IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta. Valeria Aquaro

IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta. Valeria Aquaro IL COUNSELING NELLA SCUOLA: un esperienza diretta Valeria Aquaro E essenzialmente un attività di AIUTO, con proprie e specifiche caratteristiche. Si è sviluppata a partire dagli anni 60 come fenomeno sociale

Dettagli

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca PANORAMICA Scopi e obiettivi del trattamento Ridurre i sintomi dell ADHD Ridurre i sintomi in comorbidità Ridurre il

Dettagli

L analisi della domanda di e-learning in un contesto universitario italiano

L analisi della domanda di e-learning in un contesto universitario italiano Applications L analisi della domanda di e-learning in un contesto universitario italiano Veronica Mattana Dipartimento di Psicologia e Antropologia culturale. Università degli studi di Verona veronica.mattana@formazione.univr.it

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

- I risultati della ricerca - Maria Borcsa

- I risultati della ricerca - Maria Borcsa - I risultati della ricerca - Maria Borcsa Quadro generale 1. Storia della ricerca sul burn-out 2. Definizione del costrutto: Cos è il burn-out? 3. Aspetti diagnostici 4. Quando sopraggiunge il burn-out?

Dettagli

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo Le relazioni della Giornata Tecnica ANTIM di Parma La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo di Lorenzo Morandi - L.M.Consulting La motivazione non è una caratteristica intrinseca

Dettagli

Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio.

Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio. Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio. Fossati Emanuela astrid8@tiscali.it - M. Martinelli Lo scopo di

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD)

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) In una classe di circa 20 alunni, si può ipotizzare che ci sia un bambino con DDAI ma aver più di due casi per classe è davvero

Dettagli

Dallo stress lavoro correlato allo sviluppo delle persone

Dallo stress lavoro correlato allo sviluppo delle persone Dallo stress lavoro correlato allo sviluppo delle persone A cura di: Prof.ssa Laura Borgogni Ordinario di Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni Facoltà di Medicina e Psicologia 15 luglio 2011 COSA

Dettagli

Società Sportiva Ideale Report di ricerca

Società Sportiva Ideale Report di ricerca Società Sportiva Ideale Report di ricerca Prof. Antonio Borgogni Dott. Simone Digennaro Ass. Il Corpo va in città Università degli studi di Cassino Pesaro, 16-18 aprile 2010 Il progetto di ricerca Il progetto

Dettagli

Differenze di genere e Assertività

Differenze di genere e Assertività Differenze di genere e Assertività 24 gennaio 2015, Portogruaro Maura Di Mauro Differenze di Genere e Assertività 2 Differenze di Genere e Assertività 3 Genere, o sesso? Differenze sessuali = differenze

Dettagli

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola,

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Franco Angeli, Milano TEORIA GENERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

ALLENATRICE e ALLENATORE SPORTIVO

ALLENATRICE e ALLENATORE SPORTIVO Aggiornato il 18 febbraio 2009 ALLENATRICE e ALLENATORE SPORTIVO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie...

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Alterazione dei processi cognitivi emozionali nel giocatore

Alterazione dei processi cognitivi emozionali nel giocatore Alterazione dei processi cognitivi emozionali nel giocatore Il Trattamento Secondo gli studi l approccio che ha dato migliori risultati è quello cognitivo comportamentale 18/04/2015 Formazione MMG Ciro

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Autorità Scienze della comunicazione Corso di Organizzazione aziendale dott.ssa Francesca Chiara

Autorità Scienze della comunicazione Corso di Organizzazione aziendale dott.ssa Francesca Chiara Scienze della comunicazione Corso di Organizzazione aziendale dott.ssa Francesca Chiara Autorità Definizione Fra due attori si instaura una relazione di autorità quando una delle parti esercita il diritto

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

IAMA Consulting. Costruiamo insieme a te percorsi di crescita per i tuoi Manager e i tuoi Collaboratori People Empowerment. Via Hugo, 4 20123 Milano

IAMA Consulting. Costruiamo insieme a te percorsi di crescita per i tuoi Manager e i tuoi Collaboratori People Empowerment. Via Hugo, 4 20123 Milano Costruiamo insieme a te percorsi di crescita per i tuoi Manager e i tuoi Collaboratori People Empowerment IAMA Consulting Via Hugo, 4 20123 Milano tel +39 02 72.25.31 Fax +39 02 86.46.38.09 info@iama.it

Dettagli

Il valore della diversità. La performance non codificata

Il valore della diversità. La performance non codificata I Il valore della diversità La performance non codificata Sono salito sulla cattedra per ricordare a me stesso che dobbiamo guardare le cose sempre da angolazioni diverse" Robin Williams in "L'attimo fuggente"

Dettagli

DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 7 LEZIONE. Prof. Marta Ghini

DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 7 LEZIONE. Prof. Marta Ghini DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 7 LEZIONE Prof. Marta Ghini ESERCITAZIONE Ripasso dell altra volta non condotto dal docente. UNA DISTINZIONE DI TERMINI STEREOTIPO: rappresentazione cognitiva o impressione

Dettagli

Paola Pasqualino. Corso di Direzione d Impresa

Paola Pasqualino. Corso di Direzione d Impresa Paola Pasqualino Corso di Direzione d Impresa Esiste un processo creativo? C è differenza tra la creatività artistica, quella scientifica e quella legata all impresa? Creatività individuale o creatività

Dettagli

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI Definizione e funzioni Processi decisionali di gruppo Leadership Cos è un gruppo? Lewin (1951, Field Theory in Social Science) Il gruppo non è la somma dei suoi

Dettagli

Per la gestione e lo sviluppo di una rete di vendita

Per la gestione e lo sviluppo di una rete di vendita Formazione professionale manageriale 1 Per la gestione e lo sviluppo di una rete di vendita Il ruolo del team manager Acquisire la consapevolezza delle relazioni (verso i suoi capi, verso i suoi collaboratori,

Dettagli

Puoi ottenere tutto quello che vuoi nella vita a patto che tu voglia investire. energia e l impegno necessari

Puoi ottenere tutto quello che vuoi nella vita a patto che tu voglia investire. energia e l impegno necessari Psicologia dello sport Comitato Ragionale Judo Lazio 1 Puoi ottenere tutto quello che vuoi nella vita a patto che tu voglia investire tempo energia e l impegno necessari 2 Carta dei diritti del bambino

Dettagli

PROGETTO. A scuola di parità. Finanziato da: per conoscere, prevenire e fermare la violenza sulle donne

PROGETTO. A scuola di parità. Finanziato da: per conoscere, prevenire e fermare la violenza sulle donne PROGETTO A scuola di parità per conoscere, prevenire e fermare la violenza sulle donne Finanziato da: Premessa. Il Progetto A scuola di parità si rivolge ai bambini, alle bambine, ai ragazzi e alle ragazze

Dettagli

Strumenti di valutazione

Strumenti di valutazione Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo Direzione Generale Progetto Scuola in Movimento Strumenti di valutazione Claudio Robazza Domenica,

Dettagli

RTECIPAZIONEPARTECIPAZIONE

RTECIPAZIONEPARTECIPAZIONE FORME IN TRASFORMAZIONE DELLA PARTECIPAZIONE Rapporto di ricerca sui processi partecipativi dei giovani e sui loro effetti Liliana Leone RTECIPAZIONEPARTECIPAZIONE settembre 2011 SOMMARIO Leone L., FTP

Dettagli

Percorso Benessere Organizzativo

Percorso Benessere Organizzativo Proposta di progetto Percorso Benessere Organizzativo Revisione 00 del 15/04/2014 Redatto dal Gruppo di Lavoro Approvato dal Comitato di Direzione Pagina 1 di 11 Sommario 1 Premessa...3 2 Obiettivi...4

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

Leadership 17-2. Leadership Influenzare i collaboratori a perseguire volontariamente i traguardi organizzativi.

Leadership 17-2. Leadership Influenzare i collaboratori a perseguire volontariamente i traguardi organizzativi. Leadership Leadership 17-2 Leadership Influenzare i collaboratori a perseguire volontariamente i traguardi organizzativi. 2 Leadership 17-2 Teorie dei tratti sulle differenze personali tra leader e follower

Dettagli

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis - Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis Il Tennis e la preparazione mentale Progetto per la Stagione sportiva 2011/2012 Agosto 2011 Project Leader: Chiara Valdata Obiettivi del Progetto: Il progetto

Dettagli

professionisti riconosciuti da:

professionisti riconosciuti da: professionisti riconosciuti da: riceve su appuntamento Tel: Dott.ssa Daniela Macrì: 347.5242433 Dott. Luca Oppici: 347.7176128 Dott.ssa Materdomine D Ancona: 347.6453538 Dott.ssa Michelle Mazzotti: 347.4139495

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Università degli Studi di Messina RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO CORSO di FORMAZIONE RELAZIONI CON IL PUBBLICO Edizioni del 22-23 ottobre e del 24 25 ottobre 2012 Settore Sviluppo e Formazione Risorse

Dettagli