Lo stile e i feedback dell allenatore:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo stile e i feedback dell allenatore:"

Transcript

1 Lo stile e i feedback dell allenatore: effetti sulla motivazione e sul benessere degli atleti Dott.ssa Marika Maganzini Abstract - IT Con il presente lavoro si vuole illustrare, riferendosi alla Teoria dell Autodeterminazione ( Ryan & Deci, 1985, 2002) e alla Teoria dei bisogni di base ( Ryan & Deci, 2002), quali sono gli effetti dello stile comportamentale dell allenatore sull atleta. L analisi condotta conferma il fatto che l allenatore ha un ruolo importante rispetto alla motivazione e al benessere dell atleta. L allenatore con i suoi comportamenti e con il suo stile di allenamento crea un contesto ambientale in cui gli atleti possono soddisfare o meno i loro bisogni fondamentali ( competenza, relazione ed autonomia) e che ciò si riflette sul loro benessere e sulla loro motivazione. Dalla letteratura scientifica emerge che un buon allenatore debba essere autorevole e capace di supportare e di favorire l autonomia dell atleta. E importante che il coach presti attenzione alla qualità dei feedback che fornisce al fine di non minare la competenza percepita dall atleta, nonché non direzioni la motivazione verso fattori esterni gratificando con premi materiali minando così la motivazione intrinseca. Da non sottovalutare anche il ruolo dell amotivazione come predittore di malessere e depressione, aspetto che va tenuto sotto controllo in un ottica preventiva del burn out dell atleta. Risulta importante che l allenatore consideri l atleta non solo come sportivo ma come persona e che quindi tenga conto dei suoi bisogni, delle sue opinioni, del suo temperamento, del suo benessere e della sua crescita; nonché è necessario che il coach intraprenda la sua professione curando non solo gli aspetti tecnici della disciplina, ma anche la sua crescita personale e le sue competenze relazionali e pedagogiche. Abstract - EN This study intends to illustrate the effects of the coach s behaviour ( Ryan & Deci, 1985, 2002) based on attachment theory and basic needs theory ( Ryan & Deci, 2002). Results of analysis confirm the fact that the coach has an important role on the athlete s motivation and wellbeing. The coach, with his conduct and training style creates an ambience wherein athletes can satisfy or not their basic needs (competence, relationship and autonomy) which is then reflected on their wellbeing and motivation. The review of literature shows that a good coach is one who is authoritative, supportive and who encourages autonomy of the athlete. It is important that the coach gives attention to the quality of the feedback he gives to athletes so as not to threaten their perceived sense of competence and redirect their motivation to extrinsic factors through material reinforcements, that may in turn compromise the intrinsic motivation. On the other hand, the role of motivation as an indicator of the athlete s distress and depression, should not be underestimated to prevent burnout. It is important that the coach considers the athlete, not only as a sportsman but most of all as a person, thus, bearing in mind his needs, opinions, temperament, wellbeing and growth. Likewise, it is necessary that he exercises his profession not only on the technical aspects of the discipline, but also on his personal growth and relational and pedagogical competencies. Abstract - ES El presente trabajo pretende mostrar, con referencia a la Teoría de la Autodeterminación (Ryan & Deci, 1985, 2002) y a la Teoría de las necesidades básicas (Ryan & Deci, 2002), qué efectos produce sobre el atleta el estilo de comportamiento del entrenador. El análisis seguido confirma el hecho de que el entrenador tiene una función importante en lo que se refiere a la motivación y al bienestar del atleta. Con sus maneras de comportarse y con su estilo de entrenamiento, el entrenador crea un contexto ambiental en el que los atletas pueden satisfacer o no sus necesidades fundamentales (competencia, relación y autonomía), que se refleja en su bienestar y en su motivación. La literatura científica resalta que un entrenador debe ser autoritario y capaz de soportar y de favorecer la autonomía del atleta. Es importante que el coach preste atención a la calidad de los feedback que usa a fin de no minar la competencia captada por el atleta, así como a no dirigir la motivación hacia factores externos, gratificando con premios materiales y minando así la motivación intrínseca. No se debe minusvalorar la función de la motivación como anunciador de malestar y de depresión, aspecto que es controlado desde la óptica preventiva del burn out del atleta. Es importante que el entrenador considere al atleta no sólo como deportista sino como persona, y que, por tanto, tenga en cuenta sus necesidades, sus opiniones, su temperamento, su bienestar y su crecimiento; es igualmente necesario que el coach realice su profesión cuidando no sólo los aspectos técnicos de la disciplina, sino también su crecimiento personal y sus competencias relacionales y pedagógicas. Abstract - PR

2 Com o presente trabalho se pretende ilustrar, tendo como referência a Teoria da Autodeterminação (Ryan & Deci. 2002) e a Teoria das necessidades básicas (Ryan & Deci, 2002), quais são os efeitos do estilo comportamental do treinador sobre o atleta. A análise seguida confirma o fato de que o treinador desempenha um papel importante sobre a motivação e o bem-estar do atleta. Com suas maneiras de comportar-se e com seu estilo de treinamento, o treinador cria um contexto ambiental em que os atletas podem satisfazer ou não as suas necessidades fundamentais (competência, relação e autonomia), que se reflete em seu bem-estar e em sua motivação. Da literatura científica emerge que um bom treinador deve ser dotado de autoridade, capaz de suportar e de favorecer a autonomia do atleta. É importante que o coach preste atenção à qualidade do feedback que usa a fim de não minar a competência captada do atleta, assim como não direcione a motivação para fatores externos, gratificando-o com prêmios materiais, prejudicando desta forma a motivação intrínseca. Não subestime também a função da motivação como sintoma do mal-estar e da depressão, aspecto este que deve estar sob controle em uma ótica preventiva de burn out do atleta. É importante que o treinador considere o atleta não só como desportista, mas como pessoa e, portanto, leve em conta suas necessidades, suas opiniões, seu temperamento, seu bem-estar e seu crescimento, assim como se faz mister que o coach exerça sua profissão cuidando não só dos aspectos técnicos, mas também do seu crescimento pessoal e de suas competências relacionais e pedagógicas.

3 Introduzione Nel contesto sportivo l atleta, sia in ambito agonistico che in ambito amatoriale, si trova a fronteggiare i compiti inerenti la propria disciplina ( esercizi, allenamenti, gare, ecc) sotto la guida dell allenatore, figura importante sia da un punto di vista tecnico che relazionale. Con il presente lavoro ho voluto indagare quali sono gli effetti dello stile comportamentale dell allenatore sull atleta, supponendo che esso influisca sulla motivazione dell atleta e anche sul benessere sperimentato svolgendo la propria attività sportiva. Ho indagato alcuni degli studi eseguiti sull argomento che hanno riguardato principalmente gli effetti sulla motivazione e sul benessere. La motivazione La motivazione la possiamo definire ( Pintrich,1996) come il processo tramite il quale un attività diretto verso un obiettivo è stimolata e sostenuta, i cui indicatori sono rintracciabili nella scelta di fare alcune cose piuttosto che altre, nel grado di impegno impiegato, nella persistenza dello stesso. Gli sportivi si differenziano sia da quanto sono motivati ma anche rispetto alla qualità della loro motivazione. Questi tipi di differenze sono state studiate ed approfondite nell ambito della Self Determination Theory ( SDT) di Deci & Ryan ( 1985, 1991, 2000). L autodeterminazione è legata alla percezione che una persona ha dell origine del proprio comportamento ovvero delle cause primarie che lo attivano. Si parla pertanto di locus of causality interno ed esterno. Il locus of causality interno esprime il vedere se stessi come origine di un certo comportamento. ( es. gioco a calcio perché mi piace farlo ). Il locus of causalità esterno indica che il motivo dell azione è esterno al comportamento. ( es. gioco a calcio perché così miglioro nella corsa ). La qualità della motivazione si differenzia lungo un continuum che va da un estremo in cui non c è autodeterminazione ( quindi locus assente) all estremo opposto in cui l autodeterminazione è massima( e il locus of causality è interno). La motivazione può pertanto essere : -assente e quindi si parla di Amotivazione ( non so perché faccio questa azione ); -Estrinseca quando il locus è esterno. Rispetto a questo tipo di motivazione c è da precisare che la regolazione del comportamento può essere di varia natura : esterna, introiettata, identificata. La regolazione esterna prevede che il mio comportamento è determinato da un fattore esterno contingente, che può ad esempio essere un premio o l evitare una conseguenza negativa ( punizione). Secondo la SDT i comportamenti regolati in questo modo hanno una bassa persistenza una volta che la contingenza non esiste più e le contingenze sono controllare dall esterno.

4 La regolazione introiettata riguarda anch essa comportamenti che sono dettati da una contingenza esterna che però in questo caso è dettata dall individuo verso se stesso. Usualmente in questi casi la motivazione è caratterizzata da senso di colpa, ansia e bisogno di mantenimento della propria autostima. Infine la regolazione identificata prevede una consapevole attribuzione di valore all obiettivo del comportamento. Pur essendo quest ultima una motivazione estrinseca è quella che può predire un maggior coinvolgimento della persona e il mantenimento nel tempo del comportamento rispetto alle altre. Deci e Ryan ( 1985, 2000) la indicano anche come motivazione estrinseca autodeterminata. -Intrinseca è la motivazione in cui il grado di autodeterminazione è massimo in quanto il comportamento è regolato da fattori che sono legati precipuamente all attività in sé e al piacere di agire quel comportamento. Le ricerche hanno dimostrato che le motivazioni estrinseche di tipo autodeterminato e quelle intrinseche sono predittori per la persistenza, per una maggiore concentrazione nel compito, per un impegno e sforzo maggiore e per una migliore performance. Molti fattori possono impattare su questi tipi di motivazione, la relazione tra allenatore e atleta è uno dei più importanti. Il benessere In accordo con la Teoria dell Autodeterminazione possiamo citare la Teoria dei bisogni di base ( Ryan & Deci, 2002) secondo la quale esistono tre bisogni che soddisfatti assicurano la crescita e il nutrimento della psiche umana. Essi sono dei bisogni psicologici riguardanti l autonomia, la competenza e la relazione. La soddisfazione del bisogno di autonomia riguarda l esperienza di scegliere e sentire che si è i protagonisti delle proprio scelte; la soddisfazione del bisogno di competenza consiste nell esperire di aver portato a termine dei risultati con i propri strumenti; la soddisfazione del bisogno di relazione è inserente al sentirsi connessi con gli altri e capiti. Secondo tale teoria le variazioni nella soddisfazione di questi bisogni predice differenze per il benessere fisico e psicologico delle persone nonché predicono, secondo la SDT, una motivazione intrinseca. Sul benessere esistono due orientamenti: edonico ed eudemonico. Il primo vede il benessere come il raggiungimento del piacere e l evitamento del dolore; mentre il secondo considera il benessere come il grado in cui una persona è completamente coinvolta e partecipe in ciò che sta facendo. La teoria dell autodeterminazione abbraccia l approccio eudemonico e utilizza come indici per misurare il benessere la vitalità,l interesse e la soddisfazione che si prova nell attività. Per misurare il malessere vengono considerati i sintomi fisici negativi riportati dalle persone.

5 La relazione allenatore-atleta : un modello motivazionale Nello studio di Mageau e Vallerand ( 2003) si è cercato di strutturare un modello motivazionale riguardo la relazione tra atleta e allenatore con l ottica di presentare come gli allenatori possono influenzare la motivazione intrinseca e quella estrinseca autodeterminata. Il modello è illustrato in figura 1. Esso propone una sequenza motivazionale in cui il comportamento dell allenatore è influenzato dalle convinzioni dell allenatore sullo stile dell allenamento, dal contesto in cui allena e dalla percezione che ha delle motivazioni e del comportamento dei suoi atleti. Questi tre elementi influenzerebbero lo stile del comportamento dell allenatore: supportivo rispetto l autonomia vs controllante. Uno stile che promuove l autonomia insieme ad una struttura fornita dall allenatore e ad un suo coinvolgimento garantirebbero la soddisfazione dei tre bisogni che supportano una motivazione intrinseca ed estrinseca autodeterminata : il bisogno di competenza, il bisogno di autonomia e il bisogno di relazione.

6 Struttura creata dall allenatore Comportamento allenatore Competenza percepita dall atleta Contesto allenamento Comportamenti dell allenatore che supportano l autonomia conpo Autonomia percepita dall atleta Motivazione intrinseca e motivazione estrinseca autodeterminata Comportamento e motivazione percepiti Coinvolgimento dell allenatore Relazione percepita dall atleta Fig.1 Modello Motivazionale della relazione atleta-allenatore Tale modello estende quello precedentemente presentato da Vallerand and Pelletiers( 1985) e nei prossimi paragrafi lo illustreremo meglio. Rispetto a cosa si intende per motivazione intrinseca ed estrinseca abbiamo già precedentemente descritto le loro caratteristiche. Riguardo all influenza dei comportamenti dell allenatore che influenzano sulla motivazione presentiamo qui di seguito il ruolo dell autonomia, della struttura fornita e del coinvolgimento. Il supporto dell autonomia Secondo la teoria della valutazione cognitiva ( Deci e Ryan, 1980,1985) supportare l autonomia da parte di chi occupa una posizione di autorità ( es. l allenatore) vuol dire tenere in considerazione le prospettive degli altri, conoscere le loro opinioni e sentimenti, fornendo loro opportunità di scelta evitando pressioni e comandi. Ciò si traduce in pratica in una serie di comportamenti quali : o dare più scelte possibili entro specifiche regole e limiti o fornire delle ragioni valide per i limiti e le regole ( se non ne viene compreso il senso sarà più difficile farli accettare e rispettare) o indagare sui sentimenti e le opinioni degli altri o permettere opportunità per iniziative personali

7 o fornire feedback sulle competenze che non siano controllanti. I feedback positivi hanno un influenza positiva se promuovono la percezione della propria autonomia, se riguardano comportamenti che sono sotto il controllo dell atleta, se riguardano aspettative anche alte ma realistiche. Ad esempio sono da evitare frasi del tipo Hai fatto bene, come avresti dovuto, Continua così. Vorrei che tu facessi ancora meglio la prossima volta. o evitare di esercitare il controllo, di indurre il senso di colpa e di fornire premi materiali. Ottenere risultati promettendo premi induce l atleta, soprattutto se giovane, a non considerare il compito interessante e piacevole in se. o prevenire la competizione fine a se stessa ovvero evitare che l unico obiettivo dell atleta sia quello di superare gli altri e di valutare la sua performance solo rispetto ad un confronto interindividuale ma promuovere invece una valutazione che tenga conto dei proprio standard personali. La relazione, la competenza e l autonomia percepite In linea con i precedenti modelli ( Deci e Ryan, 1985, 2000; Vallerand, 1997, 2000, 2001) la soddisfazione dei bisogni di relazione, di competenza e di autonomia inducono una maggiore motivazione autodeterminata e ciò viene maggiormente enfatizzato in presenta di un stile dell allenatore che supporta l autonomia. E evidente che comportamenti di questo genere da parte del coach favoriscono il senso di autonomia dell atleta rispetto alla competenza e alla relazione. Possiamo evidenziare che un atteggiamento che favorisce l autonomia prevede dei comportamenti quali l ascolto e la considerazione dei sentimenti ed opinioni altrui ( relazione) e dei comportamenti quali il fornire possibilità di scelta e di libera iniziativa ( competenza). Nel modello presentato non vengono poi dimenticati la struttura ( indicazioni, regole, istruzioni) che l allenatore fornisce e il suo coinvolgimento, i quali impattano rispettivamente sul bisogno di competenza e di relazione. Personalità, influenze sociali e contestuali sul comportamento dell allenatore Rispetto alla personalità vengono distinti due stili quello controllante e quello autorevole (che favorisce l autonomia). Molto spesso è anche la cultura e gli stereotipi che inducono a favorire degli atteggiamenti autoritari e di controllo rispetto a quelli di ascolto e di autorevolezza.

8 Per esempio nella cultura occidentale c è la credenza, anche nel contesto sportivo, che un comportamento autoritario abbia maggiori risultati. Sul comportamento dell allenatore influiscono anche delle variabili di contesto quali ad esempio la pressione esercitata dai genitori degli atleti o dal club sportivo. Ciò induce a stress e a esercitare maggiore controllo e direttività. Infine non va dimenticato che la relazione tra atleta e allenatore è reciproca, con influenze che si esercitano in entrambi i sensi. Pertanto il comportamento degli atleti, il loro temperamento, la loro motivazione influiscono sui comportamenti dell allenatore che nel percepirli difficili da gestire o non motivati potrebbe più facilmente esercitare controllo e comportamenti direttivi. Il comportamento dell allenatore, la soddisfazione dei bisogni e il benessere fisico psicofisico dei giovani atleti Uno studio di Reinboth, Duda e Ntoumanis ( 2004), compiuto su ragazzi adolescenti, calciatori e giocatori di cricket, ha voluto indagare quale legame ci fosse tra gli aspetti dell ambiente sociale in cui gli atleti svolgono le loro attività e gli indici del benessere psicologico e fisico. Come sopraesposto come indici del benessere sono stati considerati : la vitalità, la soddisfazione intrinseca nel compiere l attività e i sintomi fisici. Per ciò che riguarda l ambiente sociale sono stati studiati le caratteristiche dell allenatore in termini di supporto all autonomia fornito, di feedback sulle competenze e di comportamenti socio relazionali. L ipotesi della ricerca era che questi tre aspetti predicessero rispettivamente i tre bisogni fondamentali della Teoria dei bisogni fondamentali, ovvero il bisogno di competenza, di relazione e di autonomia. Il modello derivante da questa ricerca (Fig 2) propone inoltre che la soddisfazione di tali bisogni sia correlata positivamente con gli indicatori del benessere e negativamente con quelli del malessere. Supporto autonomia Bisogno autonomia vitalità feedback Bisogno competenza Soddisfazio ne intrinseca Supporto sociale Bisogno relazione Sintomi fisici

9 Fig 2 La metodologia utilizzata per la ricerca è consistita nella compilazione da parte degli atleti di questionari. I risultati della ricerca hanno confermato la relazione positiva tra ambiente sociale e soddisfazione dei bisogni fondamentali. Rispetto invece agli indici del benessere è emerso che il bisogno di autonomia, seppur in modo debole, è un predittore di benessere mentre non emerge nessuna relazione con gli indici del malessere. Il bisogno di competenza sembra essere un forte predittore degli indici di benessere ed esiste un legame anche con quello di malessere. Indagando quale rilevanza abbia il bisogno di relazione, contrariamente alle aspettative, non sembra costituire un predittore degli aspetti negativi o positivi del benessere. I ricercatori hanno supposto che tali risultati siano da riverificare tramite altre ricerche in quanto vanno considerati i fattori situazionali collegati all attività sportiva che possono influire sulla maggiore o minore significatività della relazione e dell autonomia ( si pensi ad uno sport individuale vs gioco di squadra), nonché va tenuto in considerazione che questa ricerca è stata condotta con un campione di adolescenti e con questionari self report in cui è alto il rischio di effetti di desiderabilità sociale. In conclusione tale studio ha voluto evidenziare quanto sia importante il ruolo dell allenatore come costruttore di un contesto sociale che può migliorare le condizioni in cui lavorano gli atleti in un ottica di favorire il loro benessere. Il ruolo dei feedback positivi sulla motivazione Una ricerca di Mouratidis, Vansteenkiste, Lens e Sideris ( 2008) ha indagato sul ruolo dei feedback positivi sulla motivazione, approfondendo gli effetti che essi potevano avere anche sul benessere, sulla performance e sulla persistenza a continuare nel tempo un attività sportiva. Tale studio ha avuto la caratteristica di indagare su questo ambito comparando due domini diversi ( attività fisica di tipo scolastico vs sport agonistico), due tipologie di sportivi ( amatoriali vs agonisti) e due modalità di ricerca ( sperimentale e correlazionale). Sono stati infatti eseguite due ricerche a seconda degli ambiti. La prima ha riguardato ragazzi di scuola impegnati in una attività sportiva appartenente al programma di educazione fisica, mentre nella seconda ricerca sono stati proposti agli atleti dei questionari su differenti dimensioni. Nel primo studio ( Fig 3) veniva manipolato il feedback positivo che veniva fornito allo studente dopo la sua performance, in quanto si voleva studiare come la qualità di un feedback predicesse

10 aspetti inerenti il benessere dell individuo, la sua attitudine a proseguire nell attività e la sua performance I feedback positivi erano di due tipi: forte vs moderato. Persistenza Vitalità Motivazione autonoma Feedback Soddisfazione competenza Stato affettivo positivo Amotivazione Performance Stato affettico negativo Depressione Fig 3 modello studio 1 I dati della ricerca hanno evidenziato che la qualità del feedback influisce sulla soddisfazione del bisogno di competenza e sulla motivazione. E stato infatti riscontrato che un feedback forte induce un aumento della propria soddisfazione relativamente alla propria competenza rinforzando le aspettative rispetto alla propria possibilità di successo. Un feedback moderato può invece minare l aspettativa di chi si ritiene competente. E stato rilevato pertanto un collegamento tra tipologia di feedback e competenza percepita, la quale influisce anche sulla motivazione autonoma in maniera positiva. ( più ci si sente competenti e più si è motivati intrinsecamente). A sua volta la motivazione autonoma predice la persistenza nell attività, la sensazione di vitalità e uno stato emotivo positivo. Non è stata invece trovato un collegamento significativo tra la motivazione autonoma e la qualità della performance. Risultato che è stato imputato al tipo di compito proposto nell esperimento che non permetteva, data la semplicità, di evidenziare miglioramenti nelle strategie o la modalità di padronanza dell atleta.

11 . Vitalità Stato affettivo positivo Motivazion e autonoma Feedback percepiti Soddisfazione competenza Stato affettico negativo Amotivazione Depressione Progressi intraindividuali Progressi interindividuali Fig Studio 2 Nel secondo studio, a differenza del primo, sono state introdotte come variabili da misurare anche dati sul malessere ( stato affettivo negativo e depressione) e sui risultati delle performance degli atleti a livello individuale e intraindividuale. Inoltre rispetto alla motivazione si è indagato anche sul ruolo della motivazione. Rispetto al primo studio gli atleti non sono stati sottoposti a prove, ma è stato richiesto loro di compilare questionari che misuravano le variabili indagate I dati emersi hanno confermato quanto trovato nel primo studio: i feedback positivi, in questo caso percepiti, predicono in modo positivo su vitalità e stato affettivo positivo tramite l effetto che essi hanno sulla competenza percepita e sulla motivazione autonoma. A differenza del primo studio è stato riscontrato un collegamento diretto tra competenza percepita e misure relative al benessere. Inoltre la motivazione è risultata essere collegata con l insorgere di aspetti depressivi e di stato d animo negativo e di avere valore predittivo anche sulla performance. Come nel primo studio la motivazione autonoma non ha un ruolo significativo rispetto alla performance.

12 In conclusione questi due studi suggeriscono che la qualità del feedback soddisfacendo il bisogno di competenza favorisce una motivazione autonoma che rispettivamente predice positivamente sul benessere e sulla continuità dell impegno nell attività sportiva. Di contro feedback che non incontrano i bisogni di competenza dell atleta inducono la motivazione che sembra avere un valore predittivo sull insorgenza di aspetti depressivi e su basse performance. Conclusioni L analisi condotta conferma il fatto che l allenatore abbia un ruolo importante rispetto alla motivazione e al benessere dell atleta. L allenatore con i suoi comportamenti e con il suo stile di allenamento crea un contesto ambientale in cui gli atleti possono soddisfare o meno i loro bisogni fondamentali ( competenza, relazione ed autonomia) e che ciò si riflette sul loro benessere e sulla loro motivazione. Le ricerche sopraesposte suggeriscono che un buon allenatore debba essere autorevole e capace di supportare e di favorire l autonomia dell atleta. E importante che il coach presti attenzione alla qualità dei feedback che fornisce al fine di non minare la competenza percepita dall atleta, nonché non direzioni la motivazione verso fattori esterni gratificando con premi materiali minando così la motivazione intrinseca. E emerso anche il ruolo della motivazione come predittore di malessere e depressione, aspetto che a volte viene sottovalutato e che invece va tenuto sotto controllo in un ottica preventiva del burn out dell atleta. Le ricerche non sembrano attribuire all aspetto socio- relazionale un ruolo predittivo sugli aspetti del benessere. E ipotizzabile che l attenzione verso il soddisfacimento dei bisogni socio-relazionali abbia un effetto sulla coesione e sul senso di gruppo, che probabilmente ha poi un influenza sul benessere e anche sulla motivazione. Considerazioni che si potrebbero approfondire in altre ricerche. Contrariamente alle aspettative non è emerso un ruolo della motivazione sulla performance. E risultata invece un influenza significativa dei feedback percepiti su questo aspetto. In conclusione risulta importante che l allenatore consideri l atleta non solo come sportivo ma come persona e che quindi tenga conto dei suoi bisogni, delle sue opinioni, del suo temperamento, del suo benessere e della sua crescita; nonché è necessario che il coach intraprenda la sua professione curando non solo gli aspetti tecnici della disciplina, ma anche la sua crescita personale e le sue competenze relazionali e pedagogiche. Bibliografia

13 Mageau G., Vallerand R., The coach-athlete relationship: a motivational model Journal of Sports Sciences,2003,21, Mouratidis A.,Vansteenkiste M., Lens W.,Sideridis G. The Motivating Role of Positive Feedback in Sport and Physical Education: Evidence for a Motivational Model Journal of Sport & Exercise Psychology,2008,30, Reinboth M., Duda J.L., Ntoumanis N.(2004) Dimension of coaching behavior,need Satisfaction, and the Psychological and Physical Welfare of Young Athletes Motivation and Emotion, Vol.28, No.3 September 2004

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

In questi ultimi due decenni lo studio psicologico della motivazione ad apprendere. e senso comune Pietro Boscolo*

In questi ultimi due decenni lo studio psicologico della motivazione ad apprendere. e senso comune Pietro Boscolo* Tre La motivazione paradigmi ad di apprendere scrittura tra Alberto ricerca Oliverio psicologica e senso comune Pietro Boscolo* Considerare il problema motivazionale unicamente in termini di demotivazione

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

WEBCONFERENCE. La lezione a casa

WEBCONFERENCE. La lezione a casa WEBCONFERENCE La lezione a casa Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it capovolgereibes.net 2 Valutazione dei video (1) 1. Video corti 2. Focus su un unico argomento 3. Essere chiari e non dare nulla per scontato

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI PER INIZIARE EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI Dicesi dirigente un signore che dovrebbe non dirigere ma animare; non solo animare ma testimoniare, non solo testimoniare, ma motivare. Insomma,

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN:

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: 88-8453-208-6 (print) ISBN: 88-8453-207-8 (online), Firenze

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Stress and Control Techniques for Cave Divers Activity

Stress and Control Techniques for Cave Divers Activity Stress and Control Techniques for Cave Divers Activity Mauro CAMPINI 1; Lorenzo EPIS 2 Via Ostigliese,82 Barbasso di Roncoferraro Mantova ITALY Tel +39 376 664509 maurocampini@hotmail.com 1 - Technical

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro.

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro. Behavior-Based Based Safety (B-BS) BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro Italo Viganò Cosa causa gli incidenti Behavior &

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Sensibilizzazione dei genitori

Sensibilizzazione dei genitori Sensibilizzazione dei genitori Precisione e chiarezza Quando si vogliono comunicare ai genitori le difficoltà del bambino, delle quali andrebbero valutate la natura, la gravità e le modalità di intervento,

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dr.ssa Mara Cristofori FASE O VALUTARE ASPETTATIVE

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE II LEZIONE C. Bonasia IL PROCESSO DI COMUNICAZIONE DIMENSIONE VERTICALE: top -down bottom - up DIMENSIONE ORIZZONTALE trasversale, tra persone

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli