Rischio di malattia e assicurazione sanitaria. Lezione del 26 marzo Gilberto Muraro Dipartimento di Scienze Economiche Università di Padova

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rischio di malattia e assicurazione sanitaria. Lezione del 26 marzo 2007. Gilberto Muraro Dipartimento di Scienze Economiche Università di Padova"

Transcript

1 Dipartimento di Medicina Ambientale e Sanità Pubblica Sede di Medicina Legale e delle Assicurazioni MASTER IN CLINICAL RISK MANAGEMENT Rischio di malattia e assicurazione sanitaria Lezione del 26 marzo 2007 Gilberto Muraro Dipartimento di Scienze Economiche (Materiali tratti dalle Dispense di Vincenzo Rebba Corso di Economia sanitaria Facoltà di Economia ) 0 INDICE 1. Meccanismi di finanziamento dei servizi sanitari e assicurazione sanitaria 2. Le problematiche tipiche dell assicurazione di malattia: Moral Hazard e Adverse Selection 1 1

2 1. Meccanismi di finanziamento dei servizi sanitari e assicurazione sanitaria Le diverse tipologie di sistema sanitario Considerando i modelli di organizzazione e finanziamento dei servizi sanitari che si sono affermati nei paesi industrializzati (area OCSE), occorre rilevare un principio comune: è compito irrinunciabile dello Stato quello di assicurare a tutti i cittadini l accesso alle cure sanitarie ritenute necessarie. I diversi paesi hanno però realizzato il principio in modi e tempi diversi e si può quindi ricordare la classica suddivisione tra tre tipi di sistemi sanitari: 1) Sistemi fondati sull assicurazione privata (ad es., USA); 2) Sistemi fondati sull assicurazione sociale a carattere pubblico o misto - sistemi Bismarck (ad es., Francia, Belgio, Germania, Olanda); 3) Servizi Sanitari nazionali - sistemi Beveridge (ad es., Gran Bretagna, Italia, Svezia). 3 2

3 Classificazione dei sistemi sanitari della UE (15 Paesi) 4 (1) I sistemi sanitari fondati sull assicurazione privata sono caratterizzati da: acquisto volontario (USA) o obbligatorio (CH) della polizza di assicurazione sanitaria su base individuale o su base collettiva; finanziamento mediante premi o contributi individuali o del datore di lavoro ( Private Voluntary or Mandatory Insurance ); appartenenza dei fornitori di assistenza sanitaria in prevalenza al settore privato. 5 3

4 (2) I sistemi sanitari fondati sull assicurazione sociale di tipo pubblico o misto (sistemi mutualistici) sono caratterizzati da: copertura assicurativa generalmente obbligatoria all interno di un sistema di sicurezza sociale (copertura pubblica di base) integrato con assicurazioni supplementari/complementari private (talora sociali come, ad es., in Francia); finanziamento della copertura di base obbligatoria tramite contributi individuali e dei datori di lavoro ( Social Insurance ); appartenenza dei fornitori di assistenza sanitaria al settore pubblico e privato. 6 (3) I Servizi Sanitari Nazionali sono caratterizzati da: copertura pubblica universale; finanziamento pubblico mediante la fiscalità generale ( Public Tax Financed ); appartenenza e/o controllo diretto dei fornitori di assistenza sanitaria da parte del settore pubblico; presenza minoritaria di fornitori privati accreditati 7 4

5 8 In tutti i diversi sistemi, il settore sanitario appare lontano dalla situazione di libera concorrenza e richiede forte regolazione, in particolare per la funzione assicurativa e la funzione di agenzia. La prima mira (in tutto o in parte) ad assumere e ridurre il rischio finanziario degli assicurati, nonché a garantire forme di copertura solidaristica e di accesso universale ai servizi ritenuti essenziali. La seconda funzione riguarda l azione di supporto nei processi di scelta dei consumatori da parte del professionista sanitario che viene considerato come selettore informato di beni e servizi sanitari per conto dell'utenza. 9 5

6 In alcuni contesti istituzionali ci si è spinti oltre la semplice regolazione della funzione assicurativa, prevedendo che quest'ultima venisse svolta in regime di monopolio pubblico. Tale soluzione caratterizza i Servizi sanitari nazionali (ad esempio, Italia e Regno Unito) e i sistemi sanitari fondati sull assicurazione sociale (ad esempio, Francia e Germania). Nei sistemi sanitari privati (USA, CH) invece la funzione assicurativa è prevalentemente privata. 10 Lo Stato talora non si è limitato a svolgere direttamente la funzione assicurativa e a regolare quella di agenzia, ma ha assunto la diretta produzione (di gran parte) dei servizi sanitari. Quest'ultima soluzione è quella adottata dai sistemi sanitari pubblici verticalmente integrati (ad esempio, Italia e Regno Unito prima della riforma del NHS del 1991), che si contrappongono ai sistemi sanitari pubblici o privati de-integrati che prevedono la separazione tra assicuratori-finanziatori ed erogatori dei servizi sanitari (ad esempio, USA e Regno Unito dopo la riforma del 1991). 11 6

7 1.2. Pubblico e privato in sanità Esistono due prospettive rispetto alle quali analizzare il rapporto tra pubblico e privato in sanità: quella del finanziamento (copertura assicurativa) e quella della produzione dell assistenza sanitaria. Le due prospettive si riferiscono ai due mercati che vengono attivati in sanità: 1) un mercato di primo livello che si occupa della copertura dei rischi sanitari (funzione assicurativa) e che si contraddistingue per le modalità secondo cui viene finanziata tale copertura: per libera scelta (con fondi privati) oppure per obbligo di legge (con fondi pubblici e privati); 2) un mercato di secondo livello che provvede alla produzione ed erogazione di beni e servizi sanitari per soddisfare i bisogni di salute; in tale mercato, i fornitori possono avere natura giuridica pubblica o privata (profit e non profit) e possono, di conseguenza perseguire diverse finalità. 12 Si hanno pertanto modalità di finanziamento pubbliche e private e fornitori di assistenza sanitaria pubblici e privati. Le varie combinazioni possibili che si riscontrano nei sistemi sanitari dei diversi paesi sono frutto dell evoluzione storica e delle scelte politiche adottate. 13 7

8 Il finanziamento pubblico, basato su un prelievo coattivo di reddito, può avvenire attraverso contributi sanitari (sistema di assicurazione sociale o mutualistico) o imposte ovvero (sistema sanitario pubblico in senso stretto o Servizio Sanitario Nazionale). Il finanziamento privato che connota i sistemi sanitari di mercato - può, invece, assumere la forma del pagamento diretto del prezzo (out of pocket), di un premio assicurativo o di contribuzioni volontarie per la mutualità integrativa; vi è poi una modalità di finanziamento residuale (importante ancora oggi per i paesi in via di sviluppo) data dalla elargizione gratuita di fondi (donazioni) e che connota il sistema sanitario come caritativo. 14 Dal lato della produzione, la distinzione tra pubblico e privato e, all interno del privato, tra profit e non profit attiene principalmente alla natura giuridica del fornitore, la quale ha una diretta influenza sulle finalità perseguite e sulle strategie del fornitore stesso. 15 8

9 Tab. 1 Pubblico e privato in sanità: prospettive del finanziamento e della produzione PRODUTTORE: (natura giuridica) Pubblico Privato (a scopo di lucro) Privato-sociale (non profit) Sistema mutualistico (contributi sanitari) FINANZIAMENTO (modalità) Pubblico Privato Sistema pubblico (imposte) Sistema di mercato (prezzi) (premi assicurativi; contribuzioni volontarie) Sistema caritativo (donazioni) Fonte: Mapelli, 1999 p Convenzionalmente, i sistemi sanitari sono classificati come pubblici o privati in relazione al tipo di finanziamento prevalente. Ad esempio, il sistema degli USA caratterizzato dal 55,3% di fondi privati - è considerato privato, mentre il sistema tedesco e quello italiano caratterizzati rispettivamente dal 78,2% e dal 76,4% di finanziamento pubblico sono considerati pubblici (dati OCSE, 2006). Secondo questa impostazione, nell ambito dei paesi dell OCSE, solo USA e Messico, con una quota di fondi privati rispettivamente del 55,3%, e del 53,6% sono classificabili come sistemi sanitari privati. Corea del Sud (privato 48,6%), Grecia (47,2%) e Svizzera (41,6%) evidenziano, a loro volta, una quota di finanziamenti privati particolarmente elevata, sia pure inferiore al 50%. 17 9

10 Una diversa rappresentazione si avrebbe, però, qualora si considerasse la natura giuridica dei fornitori: negli USA circa il 76% degli ospedali è privato, ma solo il 10% è a scopo di lucro; in Germania circa il 61% degli ospedali è privato e una parte minoritaria è for profit; in Italia circa il 45% degli ospedali è privato e la parte prevalente è for profit Le problematiche tipiche dell assicurazione di malattia: Moral Hazard e Adverse Selection 19 10

11 2.1 Il funzionamento del meccanismo assicurativo Il campo sanitario è caratterizzato dal rischio (o alea): l individuo non conosce il suo futuro stato di salute e quindi non conosce quali cure dovrà richiedere (incertezza sulla futura domanda) e non sa se le cure avranno successo (incertezza sull efficacia del trattamento). Si determinano due rischi: a) relativo al costo della cura b) relativo all invalidità permanente (Consideriamo qui la tipologia a) Alle situazioni aleatorie il libero mercato tende a rispondere creando le imprese di assicurazione: l assicurazione è un meccanismo che trasferisce il rischio dall individuo ad un impresa la quale agisce in condizioni di quasi certezza attraverso il raggruppamento di una molteplicità di rischi individuali. 20 Assicurazione (Terzo Pagante) Domanda (Paziente) Fig. 1 Flussi reali Flussi monetari Offerta Servizio I livello (MMG) Offerta Servizio II livello (specialistica; diagnostica) 21 11

12 Una particolare situazione di rischio di malattia può essere fronteggiata da parte di un soggetto avverso al rischio ricorrendo all assicurazione. U(W) U(W1) 100 E(U(W)) 99,487 U(W2) 94,87 A Fig. 2: Un esempio di assicurazione di malattia Pmax Pe B U = W D=W1-W2=1.000 con π=0,1 E(W)= πw2+(1- π)w1=9.900 E(U)= πu(w2)+(1- π)u(w1)=99,487 Premio equo= Pe= πd =W1-E(W)= 100 Premio max.=pe+ E(W)-Wec=102 E( W) W2 1 π = W E( W) π 1 W Wec E(W) W W 22 Nell esempio della fig. 2 si suppone che un individuo disponga di risorse finanziarie pari a , se sano, e pari a se ammalato. Si ipotizza inoltre che la probabilità di ammalarsi sia 1/10 (W1= individuo sano W2=9.000 individuo malato) Ne deriva che il reddito atteso sarà pari a: E (W) = π (1 π) = 1/10 (9.000) + 9/10 (10.000) = Il livello di utilità in relazione al reddito viene rappresentato da una funzione concava che esprime l avversione al rischio dell individuo (utilità marginale del reddito decrescente)

13 La avversione al rischio implica che l individuo preferisce un guadagno certo M ad una distribuzione probabilistica di guadagni incerti aventi media M (e preferisce una perdita certa M ad una distribuzione probabilistica di perdite avente media M). L utilità attesa del reddito incerto è: E(U(W)) = π U (9.000) + (1 π) U(10.000)= 1/10 U(9.000) + 9/10 U(10.000) Graficamente la funzione Utilità Attesa viene rappresentata da una corda ( nella fig. 2 la congiungente AB) Avendo ipotizzato U = W ( funzione che implica avversione al rischio essendo U >0 e U < 0), ho: E (U) = 9/ / , Per misurare l avversione al rischio, si consideri il reddito certo che garantirebbe all individuo lo stesso livello di utilità attesa E(U) che è associato alla particolare lotteria che stiamo considerando Tale ammontare si definisce equivalente certo (WEC) ed è inferiore al reddito atteso E(W). Ciò implica che l individuo è avverso al rischio in quanto sarebbe disposto a rinunciare a parte di un guadagno atteso E(W) per garantirsi un livello di reddito certo WEC (livello che ha la stessa utilità attesa di un reddito atteso incerto di ammontare superiore). Il grado di avversione al rischio è misurato dalla differenza: E(W) WEC e dipende dal grado di concavità della funzione di utilità

14 Nel caso della funzione di utilità U = W, l equivalente certo WEC è quel livello di reddito che corrisponde con certezza al livello di utilità attesa E (U) = 99,487 99,487 = WEC cioè: WEC = [E(U)] 2 = (99,487) < = E(W) Se vi fosse neutralità al rischio, l equivalente certo sarebbe uguale al reddito atteso. Se vi fosse propensione al rischio, l equivalente certo sarebbe maggiore del reddito atteso. 26 U Fig. 2 bis E (U) a b c d: Soggetto propenso al rischio c: Soggetto neutrale al rischio d W2 W a ECW b EC W c EC W d E W1 Avv. Rischio b E(W) W Avv. Rischio a 27 14

15 L assicurazione svolge una funzione di intermediazione e coordinamento di scelte individuali che consistono nel mettere in comune rischi individuali tra loro indipendenti ( Risk Pooling). All aumentare del numero di assicurati si riduce la varianza del reddito individuale fino ad arrivare al limite a una situazione di certezza (probabilità congiunta di eventi negativi molto bassa). Ad esempio: n persone W i = reddito individuale variabile casuale distribuita con media μ i = μ e varianza σ i2 = σ 2. W =1 ( W = n i i n) = reddito medio assicurato con il risk pooling 28 i i n W W 2 1 i σ Var( W ) = Var n Var i = 1 n Var W n = n ( ) = 2 n n Una persona assicurata ottiene un reddito pari a quello medio W con una varianza pari a 1/n di quella individuale. Se l impresa assicuratrice è neutrale al rischio (prescindendo per ora dai costi di gestione) e opera in un mercato assicurativo concorrenziale, potrà avere interesse ad offrire un contratto purché n sia sufficientemente ampio. Fig. 3 f(w i ) pre-assicurazione f(w i ) post-assicurazione W i 29 15

16 Esempio ( 2 soggetti : n = 2) Soluzione individuale Soggetto 1 Soggetto 2 Reddito Perdita Probabilità Reddito Perdita Probabilità W d π W d π Stato / /3 Stato / /3 Valore atteso Varianza Risk Pooling ( la perdita viene equamente ripartita) Perdita totale Perdita unitaria Probabilità (π π) Stato /9 (2/3 2/3) Stato 2 (perde 1) /9 (1/3 2/3) Stato 3 (perde 2) /9 (2/3 1/3) Stato 4 (perdono 1 e 2) /9 (1/3 1/3) Valore atteso 250 Varianza ,

17 Attraverso il contratto di assicurazione, un soggetto avverso al rischio, esposto a eventi rischiosi che assumono la forma di variabili casuali indipendenti, può trasformare tali eventi rischiosi in una situazione certa, pagando un premio a una impresa neutrale al rischio Siano: d = W1 W2 = Perdita di risorse finanziarie (costo sanitario) con: W1 = risorse in assenza di evento negativo W2 = risorse in caso di evento negativo π = Probabilità di perdita q = Risarcimento offerto da assicurazione in caso di danno (d) ( con q = d c è copertura completa) p = Premio per unità di risarcimento (p<1) per cui il premio totale è p.q 32 Il contratto di assicurazione consente, scegliendo l ammontare del risarcimento q e il premio totale concesso p.q, di modificare le possibilità di reddito nei due stati del mondo: W1 = W p q assenza di evento negativo (probabilità (1- π)) W2 = W d p q + q presenza di evento negativo (probabilità π) Il reddito raggiungibile nei due stati del mondo 1 e 2 può essere rappresentato graficamente (fig. 4: caso di copertura assicurativa parziale)

18 pq W2 W P Figura 4 Assicurazione parziale d E q(1 p) Assenza di assicurazione E W-d 45 W pq pq W P W1 W 34 E posizione ottenibile, alternativamente nei due stati del mondo 1 e 2 in assenza di qualunque contratto di assicurazione (q = 0) E posizione ottenibile con la stipula di un contratto di assicurazione per cui si paga un premio p per unità di risarcimento pattuito q. L inclinazione della retta che congiunge E ed E è: dw2 / dw1 = SMS 12 = - q (1- p) / p q = - (1- p) / p 35 18

19 In presenza di premi equi l individuo sceglie quindi la copertura assicurativa completa (q = d), collocandosi lungo la linea della certezza (punto E* nella fig. 5 successiva) 36 W2 Figura 5 45 (linea certezza) pq E* Assicurazione completa d q(1 p) W-d W pq W pq E α Pendenza vincolo di bilancio: -(1-p)/p= -(1- π)/ π =tgα 37 W1 19

20 Nella figura 5: E = assenza di assicurazione E* = assicurazione con copertura completa del rischio in presenza di premio equo In tale punto: [ (1 - π) / π] [U (W1) / U (W2)] = - (1 p) / p (con π = p ) SMS tra le due prospettive di reddito = Pendenza vincolo di bilancio 38 Supponendo che n (numero di soggetti su cui distribuire il rischio) sia sufficientemente elevato, e che non vi siano costi di gestione e di adempimento relativi all assicurazione, se l assicurazione fissa un premio equo pq (dove p = π), il suo bilancio sarà in equilibrio: n p q = n π d con: q = d (copertura integrale) Premi riscossi Risarcimenti attesi π d=valore attuariale della perdita aleatoria (= W 1 -E(W)) Il profitto unitario atteso E(PROF) sarà nullo. Infatti: E(PROF) = (1- π) p q - π(1 p) q = 0 (1 p) / p = (1- π) / π Entrate attese senza evento negativo Entrate nette attese con evento negativo p=π (premio equo) 39 20

21 Nella Fig. 6 (parte in alto): sull asse delle ascisse viene indicato (procedendo verso sinistra) il valore attuariale della perdita aleatoria: π d = W1 E(W) sull asse delle ordinate viene indicato il valore della funzione di differenza D W1,d (π) = [E(W) W EC ], insieme con i costi di assicurazione. Dati W1 e la perdita aleatoria d = W1 W2, la differenza D w1,d = E(W) WEC parte da 0, in corrispondenza di π = 0 (W = W1), e cresce spostandosi a sinistra fino ad un max. in corrispondenza di qualche π intermedio, per poi decrescere e tornare a 0 per π = 1 (W = W2). 40 Figura 6 C2 = k1 + k π d C1 = k π d πd = W1- E(W) (Valore attuariale della perdita) U M S N D T C (costo di assicurazione) D W1d = E(W) - WEC D(π) D (π) D U(E(W)) W2WEC E(W) W 2 W EC E (W) d d W1 W 41 21

22 Valore attuariale perdita aleatoria = [ W1 E(W)] = π d Funzione differenza: D W1,d (π) = [E(W) WEC] esprime il grado di avversione al rischio (ovvero il valore assegnato alla certezza. D W1,d (π) = 0 per π = 0 (quando W = W1): assenza di rischio se π 0 E(W) W1 WEC E(W) D W1,d (π) 0 D(W1,d) (π) cresce all aumentare di π fino a raggiungere un max. (in corrispondenza ad un π intermedio) e poi decresce per ulteriori incrementi di π ( si ricordi che quando π aumenta E(W) si riduce) D(W1,d) (π) = 0 per π = 1 (quando W = W2): perdita certa se π 1 E(W) W2 WEC E(W) D W1,d (π) 0 42 Se lo stesso individuo fosse sottoposto al rischio di una perdita di diverso ammontare d = W1 W2 ( con d < d), con qualche probabilità π, otterremo con la stessa procedura i valori della funzione D W1,,d (π) = [E(W) WEC ] che sono riportati nella fig.6 in alto (con D <D) Abbiamo visto che un individuo avverso al rischio è disposto ad assicurarsi (completamente) contro qualsiasi rischio ad un premio equo, cioè ad un premio pari al valore attuariale della perdita aleatoria: p q = π d Premio totale = Risarcimento atteso 43 22

23 Se c è un costo gestionale di assicurazione C (ammontare in eccesso rispetto al premio equo: loading), il soggetto è disposto ugualmente ad assicurarsi finché tale costo C non superi D=(E(W) WEC), valore assegnato alla certezza dell individuo. Perciò a fronte di particolari rischi, in presenza di costi di assicurazione, il soggetto potrebbe trovare conveniente non assicurarsi. La convenienza o meno ad assicurarsi dipenderà dal livello e dalla struttura dei costi assicurativi. La fig. 6 considera 2 funzioni di costo assicurativo. 44 (1) C 1 = k π d Costo proporzionale al premio equo totale (cioè una percentuale k fissa di caricamento sul valore attuariale π d) In tal caso: ogni rischio è ancora meritevole di essere assicurato finché π non supera un certo valore (es: π = ¾ per la perdita maggiore d nella fig. 6) dati due rischi di uguale valore attuariale πd, conviene assicurarsi solo per il rischio che implica la perdita d maggiore con la probabilità π minore (es: in fig. 6, prendendo un punto a sx di N, a parità di valore attuariale, è conveniente assicurarsi contro la perdita d e non contro quella più piccola d )

24 (2) C 2 = k 1 + k π d Costo meno che proporzionale al premio equo (parte costante del costo k 1 ; situazione più realistica) In tal caso: il rischio della piccola perdita d non si presta più ad essere convenientemente assicurato per il rischio di perdita maggiore d, la convenienza all assicurazione sussiste solo per valori intermedi di π (ad esempio compresi nell arco tra S e T in fig. 6). 46 Perciò, potrebbe essere conveniente non assicurarsi contro particolari rischi. a) Non conviene assicurarsi contro piccole perdite (qualunque sia la loro π). b) Non conviene assicurarsi contro perdite ingenti se queste hanno π molto alta oppure molto bassa

25 LIMITI DEL MODELLO INTERPRETATIVO I Si ipotizza che gli individui mantengano lo stesso grado di avversione al rischio in tutte le situazioni mentre ciò non è sempre vero II Bisognerebbe considerare l influenza della ricchezza individuale sull atteggiamento verso il rischio: individui molto poveri o molto ricchi possono essere più propensi al rischio per motivi diametralmente opposti III Si è ipotizzato implicitamente che la probabilità dell evento aleatorio (π) sia identica per assicurato e assicuratore, ma ciò non è necessariamente vero. Se assicurato e assicuratore attribuissero probabilità diverse all evento da assicurare (π assicuratore πassicurato) anche in assenza di caricamento di spese assicurative vi può essere rifiuto di assicurazione da parte di individuo avverso al rischio (non avrebbe più senso parlare di premio equo ) 48 SOLO SE VALGONO LE SEGUENTI IPOTESI: 1. Individui avversi al rischio uguali nei confronti dell evento rischioso 2. Rischi individuali perfettamente indipendenti e stimabili ( rischio e non incertezza) 3. Concorrenza perfetta nel mercato assicurativo (per cui vengono applicati premi equi) 4. Assenza di asimmetrie informative tra assicuratore e assicurato 5. Assenza di spese di amministrazione e gestione dei contratti assicurativi ( l assicurazione potrebbe comunque funzionare anche con limitati costi di gestione perché non sussistano le situazioni a) e b) e in particolare non sia π vicina a 1) allora il mercato assicurativo sanitario privato può funzionare garantendo piena copertura agli individui avversi al rischio di malattia (ottimo Paretiano) 49 25

26 TUTTAVIA LE IPOTESI INDICATE NON SONO GENERALMENTE VERIFICATE PERTANTO L ASSICURAZIONE SANITARIA VOLONTARIA PRESENTA PROBLEMI DI EFFICIENZA CHE NE SCONSIGLIANO L UTILIZZO ESTESO (E CIO A PRESCINDERE DALLE CONSIDERAZIONI DI EQUITA ) Problemi e limiti dell assicurazione sanitaria privata Le ipotesi indicate sono troppo stringenti e generalmente non si verificano rendendo necessario un intervento pubblico. Esaminiamo le implicazioni del venir meno delle singole ipotesi. 1) I soggetti sono eterogenei rispetto al rischio e alcuni hanno rischio vicino a 1 (π 1) Necessità di cura concentrate nell età anziana (π 1 per cui il premio anche se equo tende a coincidere con il risarcimento) Alcuni sono più soggetti al rischio di altri e con π 1 (malati cronici, affetti da patologie congenite, ecc.) L atteggiamento verso il rischio può variare a seconda del livello di ricchezza (persone con disponibilità molto ampie e molto ridotte tendono a non assicurarsi)

27 Negli USA, dove il sistema sanitario si basa sull assicurazione volontaria, vengono quindi previsti programmi assicurativi pubblici che coprono gli anziani e i disabili (programma federale MEDICARE). In base a considerazioni di equità, negli USA, si prevede poi la copertura delle famiglie povere non in grado di pagare il premio (programmi statali MEDICAID). 52 Tab. 1 - Tipologie di copertura assicurativa negli USA - anno 2004 CATEGORIA INDIVIDUI % (in milioni) popolazione TOTALE POPOLAZIONE NON ASSICURATI , ,7 ASSICURATI 245,2 84,3 TIPOLOGIA DI ASSICURAZIONE (incluse duplicaz ioni) 1. PRIVATA ACQUISTATA DA DATORE DI LAVORO ACQUISTATA DIRETTAMENTE di cui: polizze Medigap beneficiari Medicare 2. PUBBLICA polizze principali , ,9 59, MEDICAID (incluso SCHIP) MEDICARE Militari, Reduci, Nativi 37,5 12,9 39, ,

28 2a) Situazione di certezza o di incertezza e non di puro rischio In certi casi la probabilità media dell evento è così elevata e la dispersione dei risultati possibili è così ristretta, che di fatto il rischio viene sostituito dalla certezza pratica della necessità della cura: π 1 E il caso dei malati cronici, delle persone disabili e, in certa misura, delle piccole malattie stagionali. In simili casi il premio equo dell assicurazione tende a coincidere con il costo stesso della cura, sicché basta un lieve caricamento del premio per eliminare la convenienza ad assicurarsi. Effetto analogo in caso di incertezza (es: danni sanitari da contaminazione da radiazioni o da agenti inquinanti diffusi): π indefinita. 54 2b)Rischi sanitari non indipendenti (epidemie) Si può dimostrare che in tal caso: Var( W ) = σ [ 1+ r( n 1) ] r è il coefficiente di correlazione : r = 0 rischi indipendenti VAR = σ 2 /n r = 1 rischi perfettamente correlati VAR = σ 2 2 n Con r =1, non si riduce l incertezza individuale al crescere degli n assicurati per cui può non esistere alcuna offerta di assicurazione 55 28

29 3. Assenza di condizioni concorrenziali per l esistenza di economie di scala nell offerta di assicurazione sanitaria Il settore assicurativo sanitario evidenzia elevati costi fissi legati alla formazione del pool degli assicurati e alla definizione di un insieme completo di contratti differenziati per tipologia di rischio (costi di amministrazione e transazione), determinando così economie di scala. In presenza di economie di scala, recuperi di efficienza si possono avere con un numero ridotto di assicurazioni pubbliche (es: fondi malattia) o di assicurazioni private regolamentate. I minori costi di transazione del mercato assicurativo vanno però confrontati con i maggiori costi della ridotta concorrenza (in termini di minore soddisfacimento delle preferenze e di maggiore caricamento rispetto al premio equo per sfruttare la rendita di monopolio) Esempio: in USA, i costi amm.vi delle assicurazioni sono valutati tra il 19 e il 24% della spesa sanitaria; in Canada (maggiore concentrazione) tali costi variano tra 8 e 11%. 56 4) Presenza di asimmetrie informative Asimmetrie informative nel rapporto tra Principale (Assicurazione) e Agente (Assicurato) Tipo di asimmetria informativa Momento dell interazione Informazione nascosta relativa all Agente Azione Nascosta da parte dell Agente Prima della stipulazione del contratto ADVERSE SELECTION Dopo della stipulazione del contratto CASO MISTO MORAL HAZARD 57 29

30 4) Presenza di asimmetrie informative ADVERSE SELECTION (SELEZIONE AVVERSA) gli eventi aleatori non sono conosciuti allo stesso modo dall assicurando e dall assicuratore (asimmetria informativa prima della stipulazione del contratto) l assicuratore può non disporre di adeguate informazioni sul livello di salute dei potenziali assicurati (o tali informazioni sono troppo costose da raccogliere). ciò impedisce all assicuratore di proporre contratti assicurativi diversificati e lo costringe a fissare un prezzo medio che potrebbe scoraggiare la sottoscrizione di polizza da parte della persone sane e, per contro, incoraggiare la sottoscrizione da parte di persone con rischio sanitario più elevato. 58 4) Presenza di asimmetrie informative MORAL HAZARD (RISCHIO MORALE) il verificarsi o meno dell evento e l ammontare della perdita ad esso collegata sono dipendenti dal comportamento individuale dell assicurato non conosciuto perfettamente dall assicuratore (asimmetria informativa dopo la stipulazione del contratto). il trasferimento del rischio non è possibile (in modo ottimale) perché la probabilità dell evento dannoso non è del tutto indipendente dal comportamento del soggetto assicurato

31 2.3 ADVERSE SELECTION Tra assicuratore e consumatore si può determinare una particolare situazione di asimmetria informativa in quanto l assicuratore (Principale) non è in grado di conoscere perfettamente prima di stipulare il contratto quale sia il rischio di malattia del consumatore potenziale assicurato ( Agente ). L assicuratore, per la natura delle informazioni disponibili, non è in grado di discriminare tra soggetti ad alto rischio (soggetti H: HIGH RISK ) e soggetti a basso rischio (soggetti L: LOW RISK ), prima di stipulare il contratto. Si ipotizza per ora che la probabilità di trovarsi in uno stato di malattia, e di richiedere il risarcimento, siano date e non dipendano dal comportamento degli individui; si esclude cioè per ora il Moral Hazard ADVERSE SELECTION Poiché l assicurazione non è in grado di discriminare tra H e L, potrebbe essere costretta a fissare un premio medio uguale per tutti. In questo caso, l assicuratore non riuscendo a individuare precisamente le diverse classi di rischio (proponendo premi differenziati per ogni classe) fisserà un premio assicurativo medio a metà strada tra premio per bassi rischi e premio per alti rischi. Gli individui a basso rischio sanitario tenderanno a non assicurarsi poiché il premio medio è troppo alto, lasciando all interno del pool degli assicurati solo i soggetti ad elevato rischio sanitario ( selezione dei cattivi rischi ). Nel lungo periodo peggiorerebbe la selezione avversa: infatti, resterebbero sul mercato solo gli individui a più alto rischio (H) e si porrebbero problemi di assicurabilità (essendo π 1) o di capacità di pagamento da parte degli assicurati (essendo il premio totale p.q molto alto). L introito dei premi non consentirebbe poi all assicuratore di coprire le spese sanitarie attese

32 Prime conclusioni (modello di Rotschild e Stiglitz, 1976) (A) Con Selezione Avversa non è possibile offrire un contratto assicurativo rivolto alla generalità della popolazione (risk pooling) che garantisca il pareggio di bilancio delle imprese assicurative e, contemporaneamente, impedisca l entrata sul mercato di nuove imprese in grado di offrire contratti più vantaggiosi: assenza di equilibrio (B) Se la quota degli individui di tipo L non è troppo alta è possibile un equilibrio di mercato caratterizzato da contratti specifici (separating) in cui c è: copertura completa per soggetti H copertura parziale per soggetti L L equilibrio sarà Pareto-inferiore rispetto a quello ottenibile con informazione completa e simmetrica (C) Se la quota dei soggetti L è alta, esiste la possibilità che non si raggiunga nessun equilibrio: il mercato assicurativo può non essere 62 sostenibile e quindi non si formerà. CONCLUSIONE A seguito di ADVERSE SELECTION il mercato assicurativo privato sarebbe di fatto circoscritto soprattutto ai rischi più elevati. In ogni caso, le assicurazioni private, se non conoscono la distribuzione precisa dei rischi individuali tenderanno - soprattutto se il mercato non è concorrenziale - a categorizzare i rischi (sulla base di caratteristiche facilmente osservabili: età, patologie prevalenti, ecc.). Effettueranno così un CREAM SKIMMING degli assicurati (selezione dei buoni rischi ) eliminando (riducendo) ogni possibilità di sussidi incrociati tra L e H

Rischio di malattia e assicurazione sanitaria

Rischio di malattia e assicurazione sanitaria Università di Padova Dipartimento di Medicina Ambientale e Sanità Pubblica Sede di Medicina Legale e delle Assicurazioni MASTER IN CLINICAL RISK MANAGEMENT Rischio di malattia e assicurazione sanitaria

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) Le asimmetrie informative Alberto Zanardi Carenze

Dettagli

004722 - Economia pubblica - II anno

004722 - Economia pubblica - II anno Corso di laurea di primo livello in Economia aziendale CLEA nuovo ordinamento 004722 - Economia pubblica - II anno 8 crediti, 60 ore insegnamento a.a. 2011-12 Stefano Toso e Alberto Zanardi Lezione 7 Carenze

Dettagli

Mercati assicurativi, Adverse selection e Moral hazard

Mercati assicurativi, Adverse selection e Moral hazard 5/0/05 Università degli Studi di Perugia Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e dell'amministrazione COOMIA FIAZA PUBBLICA nza Caruso Lezione n. 3 I fallimenti del mercato: lo Stato può

Dettagli

3. Asimmetrie informative

3. Asimmetrie informative Lezione seconda parte seconda Beni pubblici e altre cause di fallimento del mercato 1 3. Asimmetrie informative 3.1 rischio 3.2 assicurazione 3.3 asimmetrie informative 2 1 3.1 rischio Una situazione rischiosa

Dettagli

Rischio, assicurazione e asimmetrie informative

Rischio, assicurazione e asimmetrie informative Rischio, assicurazione e asimmetrie informative RISCHIO Nei mercati reali non c è perfetta certezza e informazione La presenza di rischio modifica le condizioni di scelta degli individui Si crea una divergenza

Dettagli

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta Monopolio L assenza di condizioni di concorrenza perfetta è causa di fallimento del mercato per la difficoltà delle parti a trovare un accordo potenzialmente vantaggioso p Condizione di max profitto del

Dettagli

Sistemi sanitari a confronto. Premessa: confronti quantitativi fra paesi OCSE. Differenze nella dimensione della spesa sanitaria totale

Sistemi sanitari a confronto. Premessa: confronti quantitativi fra paesi OCSE. Differenze nella dimensione della spesa sanitaria totale Sistemi sanitari a confronto Premessa: confronti quantitativi fra paesi OCSE Differenze nella dimensione della spesa sanitaria totale Differenze nella dimensioni della spesa pubblica Quali sono le differenze

Dettagli

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico?

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? Davide Natale Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? 1) Perché il mercato fallisce? Il mercato fallisce prevalentemente a causa della presenza di tre fenomeni, che

Dettagli

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione. ELORTO DL PR ON LINE DI ECONOMI DEI CONTRTTI 5.7. ssicurazione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività di screening di una compagnia assicurativa (per definizione neutrale

Dettagli

La sanità. Cles A.A. 2011/2012 Classe 14

La sanità. Cles A.A. 2011/2012 Classe 14 La sanità 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/2012 Classe 14 Il sistema sanitario - limitata informazione dei consumatori (regolazione) - principi equitativi: diritto alla salute non dipende

Dettagli

Il Sistema Sanitario

Il Sistema Sanitario Anno Accademico 2008-2009 Struttura della lezione Introduzione L attivitá di regolazione svolta dall operatore pubblico La domanda di assicurazione L offerta di assicurazione I limiti del mercato assicurativo

Dettagli

APPROFONDIMENTI DI ECONOMIA SANITARIA. Spesa sanitaria e moral hazard

APPROFONDIMENTI DI ECONOMIA SANITARIA. Spesa sanitaria e moral hazard Salute e Sanità Pagina 1 di 7 APPROFONDIMENTI DI ECONOMIA SANITARIA Spesa sanitaria e moral hazard Aleandro Munno Salute e Sanità Pagina 2 di 7 SPESA SANITARIA E MORAL HAZARD Aleandro Munno Dall analisi

Dettagli

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione. ELBORTO SULL BSE DEL PR ON LINE 5.7 DI NICIT-SCOPP, ECONOMI DEI CONTRTTI (versione CZ del 10.12.2012) 5.7. ssicurazione, selezione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività

Dettagli

Anno Accademico 2013/2014

Anno Accademico 2013/2014 Università degli Studi di Siena Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Corso Integrato Programmazione, organizzazione e gestione delle aziende sanitarie Anno Accademico 2013/2014 ECONOMIA SANITARIA 09

Dettagli

Il sistema sanitario

Il sistema sanitario Il sistema sanitario Struttura della lezione Parte 1: Teorica - Il mercato delle assicurazioni sanitarie -I fallimenti del mercato in sanità - L intervento pubblico Parte 2: Istituzionale -Sistemi sanitari

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria. Supponete che la funzione di utilità di un agente sia u x. La remunerazione è rappresentata da un prospetto incerto, che prevede un reddito di 800 nel

Dettagli

Corso di Economia Applicata

Corso di Economia Applicata Corso di Economia Applicata a.a. 2007-08 II modulo 12 Lezione Asimmetrie informative e Adverse Selection Soluzioni per l Adverse Selection? selezione (screening ) segnalazione razionamento le soluzioni

Dettagli

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni:

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni: ASIMMETRIE INFORMATIVE (Cap. 34 di Hey) Tener conto delle asimmetrie informative consente di evidenziare alcuni importanti elementi che la teoria standard - assumendo informazione completa e simmetrica

Dettagli

Efficienza, carenze dei mercati e implicazioni per l intervento pubblico. (la prospettiva costruttivistica) (parte 2) Manuale 1: cap. 5 (par.

Efficienza, carenze dei mercati e implicazioni per l intervento pubblico. (la prospettiva costruttivistica) (parte 2) Manuale 1: cap. 5 (par. Efficienza, carenze dei mercati e implicazioni per l intervento pubblico (la prospettiva costruttivistica) (parte 2) Manuale 1: cap. 5 (par. 4) Le carenze informative Diverse tipologie di carenze informative

Dettagli

Imposte ed efficienza economica

Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Nell immediato, ogni aumento delle imposte fa diminuire il benessere dei contribuenti. Nel lungo periodo, tale diminuzione è compensata dai

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA A.A. 2008-2009 ANNA TEMPIA 2 LEZIONE LE RAGIONI DELL INTERVENTO PUBBLICO (PARTE SECONDA) BIBLIOGRAFIA: P.

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1%

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1% Facoltà di Economia Test intermedio di Microeconomia A-K del 7/04/011 Turno A-C SOLUZIONI 1. Attenzione: in questo prototipo l ordine delle domande è diverso da quello di ciascuno dei vostri compiti; inoltre,

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Adattato dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE

Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE L istruzione è un servizio complesso, nel quale l intervento pubblico è tradizionalmente ampio in tutti i paesi. In Italia,

Dettagli

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007 Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani AA. 2006-2007 Problemi del Coordinamento 3 Coordinamento Un coordinamento consiste in accordo preventivo con il quale 2 o più attori uniscono i propri

Dettagli

1. DEFIZINIZIONE E CARATTERISTICHE DI UN SISTEMA SANITARIO

1. DEFIZINIZIONE E CARATTERISTICHE DI UN SISTEMA SANITARIO 1. DEFIZINIZIONE E CARATTERISTICHE DI UN SISTEMA SANITARIO 2. I MODELLI DI SISTEMI SANITARI IN EUROPA 2.1 IL MODELLO BISMARCK 2.2 IL MODELLO BEVERIDGE 3. ANALISI DEI SISTEMI SANITARI EUROPEI 3.1 UNO SGUARDO

Dettagli

Il sistema fiscale. Teoria

Il sistema fiscale. Teoria Il sistema fiscale Teoria Il sistema fiscale: aspetti generali I fallimenti del mercato ci dicono che una serie di beni devono essere prodotti dallo Stato per ragioni di efficienza: difesa (beni pubblici);

Dettagli

Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie

Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie Lezione 5. Livello e composizione della ricchezza delle famiglie Scelte finanziarie delle famiglie: a determinano i flussi di risparmio che alimentano lo stock di ricchezza; selezionano le attività patrimoniali

Dettagli

Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere. A cura di Michele Borgia

Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere. A cura di Michele Borgia Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere A cura di Michele Borgia Struttura dell intervento I. Caratteristiche originarie e carenze : II. Istituzioni

Dettagli

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985):

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): Sull uso delle Garanzie. Tassonomia Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): a) Un mutuatario può impegnare come garanzia ( interna all impresa) un cespite che viene utilizzato nel

Dettagli

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica Capitolo 34: Informazione Asimmetrica 34.1: Introduzione Fino ad ora abbiamo assunto che tutti gli agenti abbiano accesso alle stesse informazioni sul bene scambiato nel mercato. In questo capitolo studiamo

Dettagli

L azzardo morale e il modello principale-agente

L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il problema principale agente Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 5 Informazione, organizzazione e mercato Cap. 3. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 5 Informazione, organizzazione e mercato Cap. 3. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 5 Informazione, organizzazione e mercato Cap. 3 Ing. m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Informazioni visita IPZS 9.30 Appuntamento in via Salaria n. 712,

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

Il Servizio Sanitario in Italia

Il Servizio Sanitario in Italia Il Servizio Sanitario in Italia Corso di Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche A.A. 2014/2015 Docente: Prof. Giuseppe Catalano 17/12/2014 A cura di: Silvia Danella Gemma Oranges Marco Salvatore

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari tra mercato e intervento pubblico Tutti i sistemi

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Economia

Dettagli

SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI

SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI Lo screening è un approccio per studiare i mercati caratterizzati da asimmetrie informative ed affrontare il problema connesso della selezione avversa Un applicazione interessante

Dettagli

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia.

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Richiami essenziali: Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Tasso di sconto intertemporale soggettivo

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 2

Economia monetaria e creditizia. Slide 2 Economia monetaria e creditizia Slide 2 Le attività e i mercati finanziari Oltre alla moneta, un altra istituzione consente di ridurre i costi di transazione negli scambi: i mercati Si tratta dei contesti

Dettagli

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 15 Il monopolio Inquadramento generale In questa sezione prenderemo

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Il problema dell investimento innovativo SCHEMA DELLA LEZIONE Cosa si intende per investimento

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Tipologie di discriminazione Prezzi non

Dettagli

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale;

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Introduzione all informazione asimmetrica Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Informazione imperfetta Virtualmente ogni transazione economica

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli

Economia Pubblica il Monopolio Naturale

Economia Pubblica il Monopolio Naturale Economia Pubblica il Monopolio Naturale Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Outline il Monopolio Naturale Il problema del Monopolio Naturale

Dettagli

La comparazione tra sistemi sanitari

La comparazione tra sistemi sanitari La comparazione tra sistemi sanitari Le diverse risposte possibili 3 diversi modelli Pubblico Privato Misto ELEMENTI DI DISTINZIONE: Strutture di offerta finanziamento Caratteristiche comuni: Aumento vita

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez 3 Aspetti organizzativi dell impresa Natura e forme istituzionali Quali sono le caratteristiche dell impresa come istituzione gerarchica

Dettagli

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Economia Pubblica Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline I Richiami di Economia del Benessere Economia di mercato e Intervento pubblico

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Tratto dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

Economia Industriale

Economia Industriale Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Economia A.A. 2005/2006 Economia Industriale Dott. Massimiliano Piacenza Lezione 3 Monopolio e regola dell elasticità Monopolio naturale e regolamentazione

Dettagli

Moral hazard e incentivi

Moral hazard e incentivi Moral hazard e incentivi Da: Milgrom e Roberts Capitolo 6 1 Ricorda: Adverse selection. Informazione rilevante, acquisita prima o subito dopo l inizio della transazione, non viene trasmessa. Causa danno

Dettagli

Management nell Azienda Sanitaria

Management nell Azienda Sanitaria Management nell Azienda Sanitaria Dr. Paolo Menichetti Perugia, ottobre 2011 1. Finanziamento del S.S.N. 2. Management nell azienda sanitaria: budget 3. Management nell azienda sanitaria: controllo direzionale

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila

Università degli Studi dell Aquila Università degli Studi dell Aquila Esame di Microeconomia 9 crediti 3 settembre 2014 Docente: Giuseppe Pace ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO) e matricola sulla griglia.

Dettagli

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller.

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. Contenuti L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (7) Esistono quindi delle imperfezioni dei mercati. Le imperfezioni dei mercati

Dettagli

Comitato scientifico. Federazione delle Banche, delle Assicurazioni e della Finanza. Roma 6 Dicembre 2010

Comitato scientifico. Federazione delle Banche, delle Assicurazioni e della Finanza. Roma 6 Dicembre 2010 Comitato scientifico Federazione delle Banche, delle Assicurazioni e della Finanza Roma 6 Dicembre 2010 1 I problemi della sanità pubblica Pur senza entrare nei dettagli delle stime di crescita della spesa

Dettagli

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1

L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 L effetto delle asimmetrie informative sul mercato del credito 1 Fausto Panunzi 2 Settembre 2009 Perché il mercato del credito è diverso da altri mercati? La crisi finanziaria emersa nell autunno 2008

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa

1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa 1. I costi di transazione e la dimensione dell impresa L esecuzione delle operazioni necessarie all impresa per svolgere il suo compito, cioè combinare fattori di produzione per ottenere un profitto, richiede

Dettagli

Scelte in condizione di incertezza

Scelte in condizione di incertezza Scelte in condizione di incertezza Tutti i problemi di decisione che abbiamo considerato finora erano caratterizzati dal fatto che ogni possibile scelta dei decisori portava a un esito certo. In questo

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 5

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 5 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 5 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari in Europa negli anni 80-90 Il paradiso dei riformatori

Dettagli

Economia del benessere

Economia del benessere Economia del benessere 1 Mercato e Stato Il problema principale che si pone è come e in quali condizioni i risultati economici che possono essere conseguiti attraverso il mercato garantiscono il rispetto

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 7: Informazione incompleta Francesca Severini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) f.severini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Il razionamento del credito

Il razionamento del credito Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il razionamento del credito Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Razionamento del credito Razionamento

Dettagli

Incertezza, assicurazioni, deterrenza

Incertezza, assicurazioni, deterrenza Incertezza, assicurazioni, deterrenza (anche questo è adattato da altri pezzi per mancanza di tempo) Scelta sotto incertezza come scelta tra lotterie L esperienza ci insegna che in generale le conseguenze

Dettagli

Resoconto del viaggio di studio in Baviera,, 3-73. Maggio 2004 Villa Pallavicini 2 luglio

Resoconto del viaggio di studio in Baviera,, 3-73. Maggio 2004 Villa Pallavicini 2 luglio Il Sistema Sanitario Tedesco: Resoconto del viaggio di studio in Baviera,, 3-73 Maggio 2004 Villa Pallavicini 2 luglio Caratteristiche generali dei sistemi assicurativi e dei Sistemi Sanitari Nazionali

Dettagli

Elementi di economia Economia dell informazione

Elementi di economia Economia dell informazione Elementi di economia Economia dell informazione Dott.ssa Michela Martinoia michela.martinoia@unimib.it Corso di laurea in Scienze del Turismo e Comunità Locale A.A. 2014/15 Informazione completa Significa

Dettagli

Capitolo 7. Efficienza e scambio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 7. Efficienza e scambio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 7 Efficienza e scambio Pareto-efficienza L efficienza in senso economico ha una definizione ristretta che prende il nome da un economista italiano (Vilfredo Pareto) una allocazione è efficiente

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Il razionamento del credito

Il razionamento del credito Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il razionamento del credito Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Razionamento del credito Razionamento

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia I motivi dell intervento dello

Dettagli

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Adattato dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

L offerta di lavoro 1

L offerta di lavoro 1 L offerta di lavoro 1 Introduzione Per Offerta di lavoro si intende l ammontare di lavoro offerto sul mercato dalla popolazione in cambio di una retribuzione La quantità offerta dipende da: Numero di persone

Dettagli

L avversione al rischio e l utilità attesa

L avversione al rischio e l utilità attesa L avversione al rischio e l utilità attesa Kreps: "Microeconomia per manager" 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE In questa lezione introdurremo il modello dell utilità attesa, che descrive le scelte individuali

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza economica

Equilibrio generale ed efficienza economica Equilibrio generale ed efficienza economica Analisi dell equilibrio generale Efficienza nello scambio Equità ed efficienza Panoramica sull efficienza nei mercati concorrenziali Perché i mercati falliscono

Dettagli

La scelta in condizioni di incertezza

La scelta in condizioni di incertezza La scelta in condizioni di incertezza 1 Stati di natura e utilità attesa. L approccio delle preferenza per gli stati Il problema posto dall incertezza riformulato (state-preference approach). L individuo

Dettagli

ORDINE DEGLI ATTUARI

ORDINE DEGLI ATTUARI ORDINE DEGLI ATTUARI COMMISSIONI ASSICURAZIONI VITA E PENSIONI GENDER DIRECTIVE: CONSIDERAZIONI E LINEE GUIDA ATTUARIALI SULL ASSICURAZIONE VITA E SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE 1. Premessa Obiettivo del

Dettagli

Le politiche sanitarie

Le politiche sanitarie Corso di Sociologia generale Parte seconda Le politiche sanitarie 1 Le politiche sanitarie Sottoinsieme delle politiche sociali che hanno l obiettivo di promuovere la salute, la cura dei malati e la ricerca

Dettagli

Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere

Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere 1.1 Antonio (A) e Bice (B) consumano due beni, yogurt (y) e wafer (w). I due beni

Dettagli

Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia

Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia Matteo Lippi Bruni Dipartimento di Scienze Economiche Università di Bologna Facoltà di Economia sede di Forlì matteo.lippibruni2@unibo.it Forlì,

Dettagli