PRIVATE BANKING E REGOLE DEL GIOCO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRIVATE BANKING E REGOLE DEL GIOCO"

Transcript

1 Milano, 13 aprile 2015 PRIVATE BANKING E REGOLE DEL GIOCO relatore: Andrea Ragaini. Amministratore Delegato Banca Cesare Ponti Corso istituzionale - Neo Private Banker: una prima formazione tecnico relazionale

2 Agenda 1. Cosa è e cosa fa il Private Banking 2. Evoluzione dei modelli internazionali 3. Dimensioni del mercato Mondiale e del mercato Italiano della ricchezza 4. L Industria Italiana del Private Banking 5. Il processo di investimento nelle Strutture di Private Banking 6. Cenni di finanza comportamentale 7. Elementi qualificanti del Private Banking 8. Insegnamenti dalla «Storia» 2

3 3

4 Mercato Private Mercato Private Gli attori del mercato Private

5 La definizione del mercato Private. Cosa è il Private Banking Domanda (i clienti) Mercato Offerta (l insieme degli operatori) PB servizio finalizzato alla custodia, alla gestione ed amministrazione di patrimoni finanziari complessi. L Obiettivo del Private Banking è la preservazione e l accrescimento nel tempo del proprio patrimonio in logica INTERGENERAZIONALE Tutela e finalizzazione dei Grandi Patrimoni 5

6 La definizione del mercato Private. A chi si rivolge Domanda (i clienti) Mercato Offerta (l insieme degli operatori) Secondo la definizione di AIPB sono considerate Private le famiglie che detengono un patrimonio finanziario investibile superiore a euro. Alla competenza in campo strettamente finanziario, si affianca la necessità di saper offrire consulenza allargata a tutti gli ambiti cui attiene il patrimonio o l interesse del cliente (immobiliare, assicurativo, beni reali), in un ottica intergenerazionale e dell assicurazione del tenore di vita. 6

7 La ricchezza delle famiglie italiane -Fonte : Banca d Italia - Supplementi al Bollettino Statistico - Indicatori monetari e finanziari Numero Dicembre 2014

8 Le Attività Reali Fonte : Banca d Italia - Supplementi al Bollettino Statistico - Indicatori monetari e finanziari - Numero Dicembre 2014

9 Le Passività Finanziarie Fonte : Banca d Italia - Supplementi al Bollettino Statistico - Indicatori monetari e finanziari - Numero Dicembre 2014

10 Le Attività Finanziarie Fonte : Banca d Italia - Supplementi al Bollettino Statistico - Indicatori monetari e finanziari - Numero Dicembre 2014

11 La ripartizione dei Clienti euro Retail 15% euro Affluent 49% Oltre euro Private 36% Fonte: Ricerca AIPB-Prometeia Stima del Mercato Potenziale Private in Italia 11

12 Distribuzione della ricchezza delle famiglie private 2014 Secondo l ultima stima famiglie in Italia sono Private, hanno cioè più di 500 mila Classi di patrimonio Numero di famiglie (unità) Percentuale Patrimonio (mld di euro) Percentuale Patrimonio medio (mgl di euro) Oltre 10 mln % % mln % % mln % % ,5-1 mln % % 768 TOTALE % % Fonte: AIPB Stima del mercato potenziale Private al

13 Distribuzione per fasce di importo more than 10 Ml 1% 5 10 Milion 3% 1 5 Milion 27% Milion 68% 13

14 Il mercato Private e la competizione tra i sistemi distributivi Fonte: elaborazione dati AIPB 14

15 Agenda 1. Cosa è e cosa fa il Private Banking 2. Evoluzione dei modelli internazionali 3. Dimensioni del mercato Mondiale e del mercato Italiano della ricchezza 4. L Industria Italiana del Private Banking 5. Il processo di investimento nelle Strutture di Private Banking 6. Cenni di finanza comportamentale 7. Elementi qualificanti del Private Banking 8. Insegnamenti dalla «Storia» 15

16 L evoluzione dei contenuti offerti dal servizio di PB - Servizi di custodia - negoziazione azioni e obbligazioni - Intermediazione finanziaria - Risparmio Gestito - Strumenti derivati - Pianificazione previdenziale - Controllo e gestione del rischio - Art Advisory - Consulenza successoria e trust - Tax planning - Servizi alla Famiglia - Consulenza finanziaria Mifid - Gestione immobiliare Anni 70 Anni Oggi 16

17 Modelli organizzativi a confronto Private Banking Europeo 1. Core business: servizio di gestione patrimoniale e attività in titoli 2. Marginalità prevalente da servizi finanziari 3. Orientamento al prodotto finanziario 4. Storicamente caratterizzato dall esperienza svizzera Private Banking Americano 1. Offerta più ampia e diversificata. Servizi alla Famiglia, fiscali e immobiliari 2. Contributo interessante derivante da servizi non finanziari 3. Più marcato orientamento al cliente 4. Storicamente caratterizzato dall esperienza americana 17

18 Principali differenze tra la clientela private europea e nordamericana Clienti Private EU Ricchezza ereditaria e derivante da più settori. Età media compresa tra 59 e 62 anni, maggior concentrazione nelle fasce più alte di età, minor percentuale di donne Si affidano di solito a più Player contemporaneamente, con un approccio meno integrato Fonti della ricchezza Profilo investitori Numero provider Clienti Private USA Ricchezza frutto di iniziative imprenditoriali, enfasi sui settori tecnologico e finanziario. Ricchezza manageriale Età media compresa tra 50 e 55 anni, maggior concentrazione nelle fasce più giovani di età, maggior percentuale di donne Tendono ad affidarsi ad un unico Player principale con approccio più olistico 18

19 Principali differenze tra la clientela top europea e nordamericana Clienti Private EU Maggior diversificazione a livello internazionale, con allocazione degli investimenti su base geografica Particolare attenzione al rendimento assoluto del portafoglio Reputazione brand, immagine Equilibrio tra diverse classi di attività. Maggior propensione a detenere il patrimonio in centri offshore Diversificazione investimenti Misure di performance Selezione provider Tipologie investimenti Rapporto onshore/ offshore 19 Clienti Private USA Focus domestico degli investimenti e loro allocazione su base principalmente settoriali Attenzione al rendimento del portafoglio rispetto agli indici di riferimento Capacità relazionali e qualità del servizio Consolidata cultura dell investimento azionario e propensione ad investimenti innovativi/alternativi Maggior propensione a detenere il patrimonio onshore

20 Mercato europeo Provenienza della ricchezza Masse 100% % 9% 10% 100% 15% 10% 100% 5% 10% 100% 7% 17% 100% 7% 12% 100% 11% 5% 60 18% 16% 19% 13% 25% 18% 32% 24% 26% 40 32% 25% Altro Stock options 20 37% 26% 50% 48% 35% 24% Proventi finanziari Eredità Reddito 0 TOTALE Nord America Europa America Latina Asia Medio Oriente Imprenditori 20

21 Agenda 1. Cosa è e cosa fa il Private Banking 2. Evoluzione dei modelli internazionali 3. Dimensioni del mercato Mondiale e del mercato Italiano della ricchezza 4. L Industria Italiana del Private Banking 5. Il processo di investimento nelle Strutture di Private Banking 6. Cenni di finanza comportamentale 7. Elementi qualificanti del Private Banking 8. Insegnamenti dalla «Storia» 21

22 La ricchezza finanziaria Andamento PIL Andamento Mercati finanziari FLUSSI = Nuova ricchezza STOCK = Variazione ricchezza

23 I Flussi - Previsioni di crescita nel Mondo Fonte: IMF World Economic Outlook, October

24 Le previsioni di crescita nel 2015 e 2016 Fonte: IMF World Economic Outlook, January

25 Gli stock - I mercati azionari dal

26

27

28

29

30

31

32

33 Composizione della ricchezza Stati Uniti Europa

34 Composizione della ricchezza Africa Asia

35 La ricchezza in Italia Andamento PIL Andamento Mercati finanziari FLUSSI = Nuova ricchezza STOCK = Variazione ricchezza

36 Il PIL Italiano per «decenni» PIL Medio Annuo Italiano per DECENNI Decenni Crescita Annua media PIL Anni '50 5,50% Anni '60 5,72% Anni '70 3,84% Anni '80 2,41% Anni '90 1,61% Anni '00 0,44% ,40% ,90% ,40% Fonte: IMF, Federal Reserve Bank of St. Louis 38

37 Il PIL Italiano non cresce 39

38 Fonte : Banca d Italia - Supplementi al Bollettino Statistico - Indicatori monetari e finanziari - Numero 69_Dicembre 2014

39 Andamento dei principali mercati azionari dal 2007

40

41 La ricchezza finanziaria delle famiglie private in Italia Var. annuale +2,7% -2,6% +4,8% +3,9% +5,2%. Mld Fonte: AIPB / Prometeia - Stima del mercato potenziale private al 2014 Effetto performance Effetto flusso

42 La ricchezza HNW italiana Novembre 2014 Evoluzione Ricchezza HNW in Italia Distribuzione regionale della ricchezza < 15 mld mld mld mld > 100 mld Le famiglie HNW in Italia Fasce patrimoniali N famiglie Patrimonio medio (mld) Oltre 10 mln mln mln ,5-1 mln TOTALE Fonte: AIPB / Prometeia - Stima del mercato potenziale private al

43 Evoluzione annuale asset di mercato Fonte: AIPB, Analisi del mercato servito dal Private Banking in Italia, dicembre

44 Fonte: AIPB 2012 La quota di mercato delle strutture di Private Banking

45 Distribuzione regionale ricchezza servita 0-1% 1-5% 5 10% > 10% Fonte: AIPB, Analisi del mercato servito dal Private Banking in Italia,

46 Agenda 1. Cosa è e cosa fa il Private Banking 2. Evoluzione dei modelli internazionali 3. Dimensioni del mercato Mondiale e del mercato Italiano della ricchezza 4. L Industria Italiana del Private Banking 5. Il processo di investimento nelle Strutture di Private Banking 6. Cenni di finanza comportamentale 7. Elementi qualificanti del Private Banking 8. Insegnamenti dalla «Storia» 48

47 Principali operatori del mercato Private Italiano Il mercato Private italiano è presidiato dai seguenti operatori: 1. Banche Private indipendenti, 2. Banche Private appartenenti ad un gruppo bancario, 3. Business Unit all interno di banche commerciali, 4. Banche reti, 5. Banche generaliste, 6. Sim di consulenza, 7. Sgr con rete dedicata, 8. Family Office 9....Reti di Promotori Finanziari 49

48 Gli operatori Private in Italia: le banche associate ad AIPB 1. Banca Agricola di San Marino 2. Banca Aletti 3. Banca Cesare Ponti 4. Banca Marche 5. Banca Esperia 6. Banca Etruria 7. Banca Euromobiliare 8. Banca Generali 9. Banca Intermobiliare 10. Banca Popolare dell Emilia Romagna 11. Banca di Bologna 12. Banca di Cividale 13. Banca Passadore 14. Banca Popolare di Puglia e Basilicata 15. Banca Popolare di Vicenza 16. Banca Profilo 17. Banca Sella 18. Banco di Desio e della Brianza 19. Barclays 20. BNL BNP Paribas 21. BPM 22. Carige 23. Cariparma 24. Cassa Lombarda 25. Credem Private Banking 26. Credit Suisse Italy 27. Deutsche Bank PB 28. Deutsche Bank WM 29. Ersel 30. Intesasanpaolo Private Banking 31. Julius Baer 32. Merrill Lynch 33. MPS Private Banking 34. UBI Banca Private Banking 35. UBS 36. Unicredit Private Banking 37. Veneto Banca 38. Volksbank 39. Vontobel

49 Banche associate AIPB Suddivisione per CLUSTER Banche Universali Grandi ISPB Unicredit UBI MPS BNL Banca Aletti Specializzate Banca Cesare Ponti Banca Esperia Banca Euromobiliare Banca Etruria Banca Intermobiliare Banca Profilo Cassa Lombarda Ersel Meliorbanca Estere Barclays Deutsche Bank Private Banking Deutsche Bank Wealth Management Credit Suisse Italy Merrill Lynch UBS Vontobel Julius Baer Banca Agricola di San Marino Business Unit Banca Marche Banca di Bologna Banca Generali Banca Passadore Banca Pop. dell Emilia Romagna Banca Pop. di Cividale Banca Pop. di Puglia e Basilicata Banca Pop. di Vicenza Banca Sella Banco Desio BPM Carige Cariparma Credem Private Banking Veneto Banca Volksbank

50 La struttura dell offerta italiana del Private Banking: i modelli di servizio Gli Istituti bancari possono erogare servizi di Private Banking attraverso differenti modelli: Private Bank indipendente Private Bank appartenente ad un gruppo bancario Business Unit all interno di un gruppo bancario multi-business Asset gestiti ripartiti per i diversi modelli organizzativi adottati degli Istituti di Private Banking Fonte: AIPB 52

51 I modelli organizzativi a confronto Private Banks specializzate VS Business Unit Veicolo separato Inserimento di unità di Private Banking nella struttura organizzativa di una banca Dimensioni chiave per la scelta: - Distintività del modello Private - Efficienza operativa - Valorizzazione base dei clienti del gruppo Specializzazione Veicolo separato Trade off Piena integrazione 53 Sinergie

52 Asset per tipologia di raccolta LEGENDA PRODOTTI RACCOLTA DIRETTA: Liquidità, Obbligazioni bancarie proprie RACCOLTA INDIRETTA: Raccolta Amministrata :Altre obbligazioni, Titoli di Stato, Azioni, ETF, N.C. Amministrata Raccolta Gestita:Fondi Comuni di Investimento,Gestioni Patrimoniali, N.C. Gestita PRODOTTI ASSICURATIVI Fonte: AIPB, Analisi del mercato servito dal Private Banking in Italia, dati al 30/06/2014

53 La concentrazione nel mercato del Private Banking Top 10 Player Top 5 Player Quota top 10 Quota altri Quota top 5 Quota altri 25,3% 43,1% 56,9% 74,7% 55 Fonte AIPB: Analisi del mercato servito dal Private Banking

54 Struttura del conto economico delle Banche 10 Interessi attivi 20 Interessi Passivi 30 MARGINE DI INTERESSE 40 Commissioni Attibe 50 Commissioni Passive 60 COMMISSIONI NETTE 70 Dividendi e proventi simili 80 Risultato netto attività di negoziazione 90 Risultato netto attività di copertura 100 Utile (perdita) da riacquisto di Crediti Attività disponibili per la vendita passività finanziarie 110 Risultato netto delle attività passività al fair value 120 MARGINE DI INTERMEDIAZIONE 130 Rettifiche di valore nette per deterioramento di Crediti Attività finanziarie disponibili per la vendita Altre operazioni finanziarie 140 RISULTATO NETTO DELLA GESTIONE FINANZIARIA

55 Struttura del conto economico delle Banche 150 Spese amministrative spese per il personale altre spese amministrative 160 Accantonamenti ai fondi rischi ed oneri 170 Rettifiche di valore nette su attività materiali 180 Rettifiche di valore nette su attività immateriali COSTI OPERATIVI CORE 190 Altri costi e proventi di gestione 200 COSTI OPERATIVI 240 Utile (perdita) da cessione di investimenti 250 UTILE DELLA OPERATIVITA' CORRENTE AL LORDO DELLE IMPOSTE 260 Imposte sul reddito di esercizio 290 UTILE D'ESERCIZIO

56 Dettaglio delle commissioni attive

57 Andamento Tassi Euribor 3 mesi

58 60

59 61

60 Agenda 1. Cosa è e cosa fa il Private Banking 2. Evoluzione dei modelli internazionali 3. Dimensioni del mercato Mondiale e del mercato Italiano della ricchezza 4. L Industria Italiana del Private Banking 5. Il processo di investimento nelle Strutture di Private Banking 6. Cenni di finanza comportamentale 7. Elementi qualificanti del Private Banking 8. Insegnamenti dalla «Storia» 62

61 Centralità del Cliente e ruolo del Private Banker Processo di investimento Bottom up Private Banker Asset Manager Private Banker Ricerca obiettivi di investimentodesideri Definizione delle Asset Class Inserimento dei prodotti nelle asset class Asset Piker - Analista Commento e validazione del portafoglio Private Banker Interpretazione dei bisogni del Cliente Cliente Monitoraggio nel continuo del portafogli Asset Manager Risk Manager 63

62 Private Bankers Tecnologia Asset Management I 3 Pilastri del Private Banking 64

63 Le fasi del processo di investimento 1. Fase 1) Determinazione degli obiettivi dell investimento 1. Rendimento 2. Rischio 3. Orizzonte temporale 2. Fase 2) Allocazione del patrimonio Ripartire le risorse tra diverse Classi di investimento o ASSET Class al fine di raggiungere il risultato desiderato 66

64 Le fasi del processo di investimento Due tipi di allocazione 1.Allocazione Strategica: scegliere quali Asset Class inserire in portafoglio in funzione dell obiettivo di rischio/rendimento/orizzonte temporale del cliente 2.Allocazione Tattica: scegliere i titoli da inserire all interno delle Asset Class 67

65 Asset Class ASSET CLASS di primo livello (STRATEGICHE) Azioni Obbligazioni Immobili Hedge Funds Private Equity Opzioni. ASSET CLASS di secondo livello (TATTICHE) Azioni: America, Europa, Asia, Mercati Emergenti Settori: Finanziario, Industriale, Chimico, Farmaceutico, Utilities. Singole azioni Obbligazioni: Government, Corporate, Tasso fisso, Tasso Variabile, Duration, Rating.. 68

66 Fattori alla base della variabilità di portafoglio Un studio di Brinson, Singer, Beebouwer (1986), arriva alla conclusione che i fattori che spiegano la variabilità di un portafoglio nel tempo (su un orizzonte medio-lungo) sono: 69

67 Contributo % alle performance di portafoglio nel tempo Timing Asset Allocation Asset Allocation Stock Selection Timing Timing Asset Allocation 40 Stock Selection 20 Stock selection mesi 1 anno 5 anni 10 anni 70

68 Le 2 Modalità di costruzione di un portafoglio di investimento Costruzione per Asset Class Definizione del profilo rischio/rendimento/tempo Scelta delle Asset Class Scelta dei prodotti Costruzione per Bisogni Definizione dei BISOGNI di investimento Ripartizione per Asset Class dei singoli Bisogni Scelta dei prodotti 71

69 Allocazione per Asset Class

70 Allocazione per Bisogni di investimento Priorità Investimento dedicato a scommesse, caratte-rizzate da elevati profili rischio-rendimento min Accumulo finalizzato Accumulo su orizzonti temporali definiti (tipicamente < 5 anni) per fare fronte spese previste (es., acquisto casa) Protezione rischi Risparmio/investimento volto a proteggere la propria ricchezza/stile di vita da eventi imprevisti (es., malattia) Speculazione Accumulo M/L T Decumulo Accumulo/gestione del risparmio su orizzonti temporali medio/lunghi (> 10 anni), inclusi pensione e/o rendita Liquidità Bisogni di investimento Gestione della liquidità di cassa e/o per fare fronte spese impreviste di importo limitato max

71 Bisogni di investimento durante il ciclo di vita del cliente Ciclo di vita del cliente Hai iniziato a risparmiare per l acquisto della casa? Hai protetto il tuo tenore di vita contro eventi imprevisti? Hai iniziato a risparmiare per la pensione? Hai abbastanza soldi per gli studi dei figli? Stai gestendo la ricchezza che hai accumulato coerentemente con il tuo progetto di vita? Principali bisogni 1. Accumulo finalizzato (es., acquisto casa) 2. Accumulo di medio/lungo termine 1. Accumulo di medio/lungo termine (es., pensione) 2. Protezione da rischi specifici (es., disoccupazione) 3. Accumulo finalizzato (es., studio dei figli) 1. Gestione del documento (vendita) 2. Protezione da rischi specifici (es., longevità)

72 Metodo per bisogni Disponibilità di breve Educazione figli Stabilizzazione reddituale LT Wealth Transition Strumenti monetari Government bond Corporate Bond Equity Alternative Investment Fonte: BlackRock BlackRock, Inc. Tutti i diritti riservati. A SCOPO PURAMENTE ILLUSTRATIVO

73 Gestione per Bisogni e centralità del Cliente Patrimonio Prodotti Cliente Bisogni

74 Gestione dei risparmi. Metodo per Asset Class Patrimonio = Euro

75 Asset Class di primo, secondo e terzo livello Liquidità Asset Livello 0 Asset Livello 1 Asset Livello 2 Liquidità Euro Liquidità non Euro Obbligazioni Obbligazionario Mondo Indicizzati inflazione Debito emergenti Obbligazioni Corporate Obbligazioni area euro Tasso fisso Obbligazioni Corporate HY Obbligazioni Corporate IG Indicizzati inflazione area Euro Obbligazioni Governativi area euro 1-3 anni Obbligazioni Governativi area euro 3-5 anni Obbligazioni Governativi area euro 5-7 anni Obbligazioni Governativi area euro 7-10 anni Obbligazioni Convertibili Azioni Azionario Sviluppati Azionario Sviluppati Area Asiatica Azionario Sviluppati Area America Azionario Sviluppati Area Europea Azionario Emergenti Azionario Emergenti Area America Azionario Emergenti Area Asiatica Azionario Emergenti Area Europea Azionario Settoriali Azionario Settoriali Energy Azionario Real Estate Azionario Risorse Naturali Azionario Settoriali Healthcare Azionario Settoriali Materials Azionario Settoriali Utilities Azionario Settoriali Information Technology Decorrelati /Flessibili/Absolute Absolute Decorrelati Flessibili Materie Prime Materie Prime Alimentari Materie Prime NON Alimentari

76 Gestione Retail 60% Patrimonio = Euro Patrimonio = Euro Patrimonio = Obbligazioni Euro 50% 40% 30% Azioni Europa Azioni America Azioni Emergenti 20% Liquidità 10% 0% Obbligazioni Azioni Azioni Azioni Liquidità

77 Dalla Gestione del Patrimonio alle gestione dei Bisogni Cliente di 49 anni con profilo di rischio Moderato Cliente di 62 anni con profilo di rischio Aggressivo Cliente di 76 anni con profilo di rischio Moderato Ristoratore: possiede 3 ristoranti in Genova e dintorni Sposato con 2 figli che frequentano il liceo Vorrebbe poter pagare ai figli l università e magari aiutarli nell acquisto di una casa ed è preoccupato di non poterlo fare nel caso gli succeda qualcosa E un risparmiatore e ha un tenore di vita modesto Professionista che esercita l attività medica Ha competenze in ambito finanziario E separato e i figli sono grandi e autonomi Ha uno stile di vita facoltoso che vorrebbe mantenere quando andrà in pensione (circa tra 10 anni) Pensionata, ha ereditato il patrimonio dal marito che è deceduto 3 anni fa Ha una figlia e due nipoti Ama viaggiare e due volte l anno organizza viaggi esotici accompagnata dalla figlia Vorrebbe lasciare qualcosa hai nipoti Ha paura di gravare sulla figlia in caso di malattia Patrimonio = Euro Patrimonio = Euro Patrimonio = Euro

78 Dalla Gestione del Patrimonio alle gestione dei Bisogni Cliente di 49 anni con profilo di rischio Moderato Cliente di 62 anni con profilo di rischio Aggressivo Cliente di 76 anni con profilo di rischio Moderato Ristoratore: possiede 3 ristoranti in Genova e dintorni Sposato con 2 figli che frequentano il liceo Vorrebbe poter pagare ai figli l università e magari aiutarli nell acquisto di una casa ed è preoccupato di non poterlo fare nel caso gli succeda qualcosa E un risparmiatore e ha un tenore di vita modesto Professionista che esercita l attività medica Ha competenze in ambito finanziario E separato e i figli sono grandi e autonomi Ha uno stile di vita facoltoso che vorrebbe mantenere quando andrà in pensione (circa tra 10 anni) Pensionata, ha ereditato il patrimonio dal marito che è deceduto 3 anni fa Ha una figlia e due nipoti Ama viaggiare e due volte l anno organizza viaggi esotici accompagnata dalla figlia Vorrebbe lasciare qualcosa hai nipoti Ha paura di gravare sulla figlia in caso di malattia Patrimonio = Euro Patrimonio = Euro Patrimonio = Euro Liquidità Protezione rischi Accumulo Decumulo Specula - zione Liquidità Protezione rischi Accumulo Decumulo Specula - zione Liquidità Protezione rischi Accumulo Decumulo Speculazione

79 Agenda 1. Cosa è e cosa fa il Private Banking 2. Evoluzione dei modelli internazionali 3. Dimensioni del mercato Mondiale e del mercato Italiano della ricchezza 4. L Industria Italiana del Private Banking 5. Il processo di investimento nelle Strutture di Private Banking 6. Cenni di finanza comportamentale 7. Elementi qualificanti del Private Banking 8. Insegnamenti dalla «Storia» 82

80 Razionalità Emotività

81 «Anomalie» della finanza tradizionale Gli individui NON compiono sempre scelte razionali Le scelte sono spesso influenzate da BIAS Emozionali, Cognitivi, di Processo

82 Preconcetti comportamentali 1. Percezione selettiva 2. Dinamiche di gruppo 3. Orgoglio e rimpianto 4. Atteggiamento mentale vs investimenti rischiosi 5. Euristica / Ancoraggio

83 Percezione selettiva Agire contro le nostre credenze ci crea disagio. Tendiamo quindi a giustificare anche le nostre decisioni sbagliate Tendiamo a focalizzare la nostra attenzione su informazioni che sostengono la nostra visione e a sottovalutare informazioni che la contraddicono

84 Dinamiche di gruppo Pensiero acritico e tendenza al conformismo. Le scelte divengono irrazionali ed emotive. Si origina il comportamento da gregge, cioè la tendenza dei singoli ad agire come il gruppo, perdendo di vista le proprie convinzioni e i propri principi Seguire le tendenze aumenta il rischio di effettuare investimenti non coerenti con le proprie esigenze.

85 Orgoglio e rimpianto Gli investitori temono le perdite più di quanto apprezzino i guadagni Le perdite lasciano molto + il segno dei guadagni Gli investimenti in perdita vengono mantenuti troppo a lungo (non vendo in perdita / attendo un recupero), Gli investimenti remunerativi vengono venduti troppo presto (vendi e pentiti).

86 Investimenti rischiosi Quando si trovano di fronte ad una perdita, molte persone tendono a diventare più propense anziché più avverse al rischio. 1. limitare l entità degli investimenti speculativi, 2. non sprecare altro denaro per cercare di recuperare quello perduto (medie al ribasso), 3. investire sempre sulla base di solide tesi di investimento.

87 Euristica Difficoltà nel modificare le proprie convinzioni Tanto più uno scenario è rappresentativo di ciò che abbiamo in mente, quanto maggiore riteniamo sia la probabilità che esso si realizzi Si da credito e si seguono idee di investimento altamente improbabili, ma che attraggono molta attenzione mediatica

88 1. Esempi di distorsione cognitiva Una moneta viene lanciata in aria 6 volte. Per 6 volte esce TESTA Domanda: la 7 volta uscirà Testa o Croce? L homo economicus, applicando la statistica, dovrebbe sempre scegliere indifferente, perchè a prescindere dai lanci precedenti la probabilità è sempre 50% e 50%.

89 2. Esempi di distorsione cognitiva Devi andare a teatro a vedere uno spettacolo che costa 20 Caso 1) Arrivi a teatro e ti accorgi di avere perso il biglietto per lo spettacolo. Lo ricompri? Caso 2) Arrivi a teatro, non hai ancora acquistato il biglietto ma ti accorgi di avere smarrito 20 euro. Lo compri ugualmente? Questo esperimento è stato fatto da D. Kahneman e i risultati sono sorprendenti: 1. nel caso 1) il 46% degli intervistati ricompra il biglietto 2. nel caso 2) l 88%. degli intervistati ricompra il biglietto

90 3. Esempi di distorsione cognitiva Il signor Bianchi possiede delle azioni Eni. Durante l ultimo anno ha occasionalmente pensato che avrebbe potuto venderle per compare azioni Enel: ma non ha mai preso la decisione di arbitraggio. Ora scopre che se lo avesse fatto sarebbe più ricco di euro. Il signor Rossi deteneva alcune azioni Enel. Durante l ultimo anno le ha vendute per comperare azioni Eni. Ora scopre che se avesse tenuto le Enel sarebbe più ricco di euro. Chi si sente PEGGIO? Ci viene da dire Rossi ovviamente, in realtà però il mancato guadagno e identico per entrambi.

91 Agenda 1. Cosa è e cosa fa il Private Banking 2. Evoluzione dei modelli internazionali 3. Dimensioni del mercato Mondiale e del mercato Italiano della ricchezza 4. L Industria Italiana del Private Banking 5. Il processo di investimento nelle Strutture di Private Banking 6. Cenni di finanza comportamentale 7. Elementi qualificanti del Private Banking 8. Insegnamenti dalla «Storia» 94

92 Elementi qualificanti del Private Banking 1. Regole 2. Circuito della Consulenza 3. Gestione per Bisogni e Centralità del Cliente 4. La centralità del Private Banker 5. La piattaforma di Architettura Aperta

93 1) Le 4 Regole del Private Banking nel Gruppo Carige 1. Pianificazione 2. Preparazione 3. Incontro 4. Consuntivazione

94 2) Il circolo della CONSULENZA Ascolto/ analisi dei bisogni Revisione periodica Preparazion e proposta Consuntiva zione Incontro

95 3) Gestione per Bisogni e centralità del Cliente Patrimonio Prodotti Cliente Bisogni

96 Allocazione per bisogni di investimento Disponibilità di breve Educazione figli Stabilizzazione reddituale LT Wealth Transition

97 Dati Personali Professione Reddito Patrimonio Centralità dl cliente Dati sui bisogni Relazioni Stile di vita Orientamento al Cliente Tempo libero Altri info commerciali Note Informazioni Personali Età Nucleo familiare Bisogni di investimento Professione Stile di vita Tempo libero Analisi evoluzione patrimoniale e finanziaria Analisi dinamica operatività (C/C, carte, area finanza, impieghi) Analisi dei servizi / canali bancari maggiormente utilizzati Consuntivazione incontro

98 Mercato Private Mercato Private 4) Centralità del Private Banker

99 Come viene percepito il Private Banker dal cliente Domanda: Quali contenuti offre il servizio di Private Banking? (valori %) Referente dedicato (Private Banker) Referente per gli investimenti che capisce le esigenze specifiche Referente per gli investimenti competente e professionale Servizio efficiente e documentazione di supporto personalizzata Sedi dedicate/uffici separati e riservati Consulenza indipendente su prodotti di investimento di marchi diversi Forme di gestione fiduciaria del patrimonio Consulenza legale/fiscale/successoria Consulenza per investimenti immobiliari Servizi non finanziari 97% 94% 93% 90% 90% 89% 87% 72% 60% 58% 102

100 Motivi di scelta della propria banca: Private Banker in primis Domanda: in base a che cosa effettua la scelta della sua Banca Private? Professionalità del referente per gli investimenti Offerta adeguata alle esigenze Precedenti relazioni con la banca E la banca di famiglia Buona qualità delle informazioni fornite Appartenenza della banca allo stesso gruppo con cui si hanno rapporti aziendali Presente nel territorio Su consigli di amici o partenti 54% 40% 35% 32% 28% 24% 16% 12% 103

101 Le 3 capacità Irrinunciabili del Private Banker Capacità di ascolto e interpretazione Capacità di indirizzo e guida Capacità di rassicurazione

102 5) Architettura aperta 105

103 Agenda 1. Cosa è e cosa fa il Private Banking 2. Evoluzione dei modelli internazionali 3. Dimensioni del mercato Mondiale e del mercato Italiano della ricchezza 4. L Industria Italiana del Private Banking 5. Il processo di investimento nelle Strutture di Private Banking 6. Cenni di finanza comportamentale 7. Elementi qualificanti del Private Banking 8. Insegnamenti dalla «Storia» 106

104 Rendimento Titoli di Stato Italiani a 10 anni (BTP) ANNI 5 ANNI 2 ANNI

105 Differenziale rendimento decennale Italia vs Germania dal 2008 Spread

106 Una crisi lunga 6 anni Northern Rock, Banca Fondata nel Prima Banca ad entrare in «crisi di liquidità» nel 2007

107 Le tappe della CRISI

108

109 Il Minimo comune denominatore Una economia con un rapporto di indebitamento eccessivamente alto può rimanere, senza Eccessivo esserne consapevole, Indebitamento sull orlo di un baratro per molti anni, prima che il caso o le circostanze provochino una crisi di fiducia che le faccia precipitare Kenneth Rogoff

110 Tre Insegnamenti dalla CRISI 1. Diversificare molto il portafogli di investimento 2. Ridurre l emotività nelle scelte di investimento 3. Non investire guardando al passato

111 Diversificare Non solo per valuta Diversificazione Valutaria Diversificazione Geografica Diversificazione di Emittente Diversificazione Settoriale Diversificazione di Durata

112 Ridurre l emotività delle scelte di investimento

113 L emotività gioca brutti scherzi Differenza tra i rendimenti di mercato e i rendimenti degli investitori (solo mercati azionari) 8,4% 10,2% 23,9% 64,1%

114 Non investire guardando al passato

PRIVATE BANKING E REGOLE DEL GIOCO

PRIVATE BANKING E REGOLE DEL GIOCO Milano, 13 aprile 2015 PRIVATE BANKING E REGOLE DEL GIOCO relatore: Andrea Ragaini. Amministratore Delegato Banca Cesare Ponti Corso istituzionale - Neo Private Banker: una prima formazione tecnico relazionale

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

LA GESTIONE DELLA RELAZIONE CON LA CLIENTELA PRIVATE

LA GESTIONE DELLA RELAZIONE CON LA CLIENTELA PRIVATE LA GESTIONE DELLA RELAZIONE CON LA CLIENTELA PRIVATE Relatore: Fabrizio Ramazzotti Coordinamento e Sviluppo Commerciale Banca Aletti S.p.A. Corso istituzionale - Neo Private Banker: una prima formazione

Dettagli

Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza

Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza Angelo DEIANA Responsabile Mercato Private Gruppo Monte dei Paschi di Siena Scenario

Dettagli

Overview del settore Wealth Management Luca Caramaschi Università di Parma. 6 maggio 2015

Overview del settore Wealth Management Luca Caramaschi Università di Parma. 6 maggio 2015 Overview del settore Wealth Management Università di Parma 6 maggio 2015 Overview e trend del settore Wealth Management 2 Overview del settore Wealth Management - Università di Parma - 06.05.2015 Il Mercato

Dettagli

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura Economica IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO ALESSANDRO BIANCHI 20 Novembre 2014 Indice Introduzione: cosa intendiamo

Dettagli

che si riflette in una maggiore e impellente richiesta di advice

che si riflette in una maggiore e impellente richiesta di advice che si riflette in una maggiore e impellente richiesta di advice Utilizzo di un servizio di consulenza (contrattualizzato) ad un costo aggiuntivo Non si avvale di un servizio/contratto di consulenza ad

Dettagli

La fiducia fa mu overe il mondo

La fiducia fa mu overe il mondo Il valore della fiducia É una percezione, ma si fonda su componenti razionali. É istinto e conoscenza. La fiducia non è un semplice scambio, ma qualcosa di assai più profondo che implica valori e stili

Dettagli

Business Plan 2010-2012 Conference Call

Business Plan 2010-2012 Conference Call Business Plan 2010-2012 Conference Call Adolfo Bizzocchi 11/01/2010 Agenda Il contesto attuale di mercato La posizione competitiva di Credem Il piano 2010-2012 CRESCERE PER CONTINUARE AD ECCELLERE 2 Il

Dettagli

POLITICHE DI INVESTIMENTO DEI PRODOTTI

POLITICHE DI INVESTIMENTO DEI PRODOTTI Milano, 28 febbraio 2005 Prot. n. 001407/2005/DG/LB Gentile Sottoscrittore, anche quest anno Zenit SGR S.p.A. invia alla Sua attenzione, quale partecipante ai fondi comuni di investimento gestiti dalla

Dettagli

GESTIONE E TUTELA DEI PATRIMONI LE COMPETENZE PER LE SCELTE DI INVESTIMENTO DEI PATRIMONI:

GESTIONE E TUTELA DEI PATRIMONI LE COMPETENZE PER LE SCELTE DI INVESTIMENTO DEI PATRIMONI: GESTIONE E TUTELA DEI PATRIMONI LE COMPETENZE PER LE SCELTE DI INVESTIMENTO DEI PATRIMONI: financial planning fiscalità e tutela patrimoniale autostima e consapevolezza di sè abilità relazionali CUOA FINANCE

Dettagli

Modelli di servizio e criticità (l esperienza di Ersel SIM S.p.A.)

Modelli di servizio e criticità (l esperienza di Ersel SIM S.p.A.) LA CONSULENZA FINANZIARIA Modelli di servizio e criticità (l esperienza di Ersel SIM S.p.A.) Dott. Federico Taddei 11 maggio 2012 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Agenda Modello

Dettagli

La consulenza Finanziaria

La consulenza Finanziaria Convegno AIPB/ODCEC La consulenza Finanziaria Dott. Federico Taddei 22/03/2012 - luogo S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Agenda Modello di servizio e analisi delle criticità Modelli di servizio

Dettagli

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana

Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Per un allocazione efficiente del risparmio in Italia Progetto Federazione ABI-ANIA e Assogestioni Il posizionamento strategico dell industria finanziaria italiana Giuseppe Lusignani Università di Bologna

Dettagli

L evoluzione dal Private Banking al Global Wealth Management come fattore critico di successo

L evoluzione dal Private Banking al Global Wealth Management come fattore critico di successo L evoluzione dal Private Banking al Global Wealth Management come fattore critico di successo Valerio Pacelli Vice Direttore Generale 1 Chi è Banca Steinhauslin Banca Steinhauslin & C. rappresenta uno

Dettagli

Relatori. Dott.ssa Donatella Cajano. Dott. Paolo Pepe. Dott. Enrico Ales. Tel 06.45.48.10.63

Relatori. Dott.ssa Donatella Cajano. Dott. Paolo Pepe. Dott. Enrico Ales. Tel 06.45.48.10.63 Relatori Dott.ssa Donatella Cajano Dott. Paolo Pepe Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only S.r.l. Tel 06.45.48.10.63 1 Analisi & Mercati Fee Only s.r.l. è una società di consulenza finanziaria indipendente

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

Il Servizio di Consulenza Private del Gruppo Banca Sella

Il Servizio di Consulenza Private del Gruppo Banca Sella Il Servizio di Consulenza Private del Gruppo Banca Sella Il Private Banking del Gruppo Banca Sella Il Private Banking del Gruppo Banca Sella è una struttura integrata nella rete territoriale delle banche

Dettagli

SISTEMA EUROMOBILIARE

SISTEMA EUROMOBILIARE GRUPPO CREDEM SISTEMA EUROMOBILIARE Regolamento Unico dei Fondi gestiti da Euromobiliare Asset Management SGR SpA Il presente documento è valido a decorrere dal 20.04.2016 INDICE A) SCHEDA IDENTIFICATIVA

Dettagli

Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private

Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private L incrocio tra clusterizzazione e approccio di finanza comportamentale Il delegatore impegnato Informato di finanza

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Investments Life S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2014) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments Life

Dettagli

Con la giusta strategia ogni mese può essere un mese speciale.

Con la giusta strategia ogni mese può essere un mese speciale. riconoscimento e di distribuzione delle cedole, fai leggere ai tuoi Clienti il Prospetto dei Fondi, Challenge Funds di Mediolanum International Funds e del Sistema Mediolanum Fondi Italia di Mediolanum

Dettagli

IL GRUPPO AZIMUT. Aprile 2015

IL GRUPPO AZIMUT. Aprile 2015 IL GRUPPO AZIMUT Aprile 2015 IL GRUPPO AZIMUT Azimut è la più grande realtà finanziaria indipendente attiva nel mercato del risparmio gestito italiano Dal 7 Luglio 2004 è quotata alla Borsa di Milano e

Dettagli

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato Pubblicato mediante deposito presso l Archivio Prospetti della CONSOB in data 31 gennaio 2012 Società di gestione Collocatore Unico 2/44 Il presente Prospetto Semplificato

Dettagli

Assemblea Generale degli Azionisti Risultati 2007

Assemblea Generale degli Azionisti Risultati 2007 22 aprile Assemblea Generale degli Azionisti Risultati 2007 2007: l Anno del Cambiamento L introduzione di nuove norme ha comportato nuove sfide: Attuazione della riforma della previdenza integrativa Restrizione

Dettagli

Storia e Missione. 1946 Fondazione

Storia e Missione. 1946 Fondazione Storia e Missione 1946 Fondazione Fondata nel 1946 da Banca Commerciale Italiana, Credito Italiano e Banco di Roma, le tre banche pubbliche di interesse nazionale Missione: contribuire alla ricostruzione

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale

Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale 1 Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale Indice Parte 1 Premessa Parte 2 Quadro generale Parte 3 Struttura degli investimenti e orizzonte

Dettagli

Il futuro ha bisogno di più Anima.

Il futuro ha bisogno di più Anima. Il futuro ha bisogno di una nuova visione. Più attenta all essenza. Più responsabile e rigorosa. Più aperta e positiva. Per questo i migliori consulenti, le migliori banche e reti di promotori finanziari

Dettagli

L investimento immobiliare indiretto di fondi pensione e casse di previdenza. Situazione attuale e prospettive di crescita

L investimento immobiliare indiretto di fondi pensione e casse di previdenza. Situazione attuale e prospettive di crescita L investimento immobiliare indiretto di fondi pensione e casse di previdenza Situazione attuale e prospettive di crescita Giornata nazionale della previdenza, 11 Maggio 2012 Agenda Scenario macroeconomico

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

COME INVESTIRE IL PROPRIO RISPARMIO

COME INVESTIRE IL PROPRIO RISPARMIO COME INVESTIRE IL PROPRIO RISPARMIO 1 Concetti introduttivi: il risparmio e l investimento 2 Concetti introduttivi: il risparmio e l investimento Cos e il risparmio? Differenza tra totale entrate e uscite

Dettagli

ll boom del risparmio gestito: distribuzione e nuove regole S. Ambrosetti

ll boom del risparmio gestito: distribuzione e nuove regole S. Ambrosetti Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Sistema PRIMA. Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA

Sistema PRIMA. Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA Sistema PRIMA Regolamento di gestione Regolamento di gestione degli OICVM italiani gestiti da Anima SGR S.p.A. appartenenti al Sistema PRIMA Fondi Linea Mercati OICVM: Anima Fix Euro Anima Fix Obbligazionario

Dettagli

Qualcosa che non sapevi a proposito dei tuoi risparmi

Qualcosa che non sapevi a proposito dei tuoi risparmi Qualcosa che non sapevi a proposito dei tuoi risparmi Un servizio moderno, pen sato per proteggere e valorizzare il risparmio delle famiglie Anni 80: il rendimento annuo dei Bot, al netto dell inflazione,

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

La società, le competenze, i numeri.

La società, le competenze, i numeri. La società, le competenze, i numeri. Eurizon Capital Architettura multi societaria Eurizon Capital SGR Eurizon Capital appartiene al Gruppo Intesa Sanpaolo. È specializzata nella gestione degli investimenti

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI BAPfondi Gold Art. 1 Aspetti generali Denominazione dei Fondi La Compagnia ha istituito e gestisce, secondo le modalità di cui al presente Regolamento, un portafoglio di strumenti

Dettagli

Verso il multicomparto

Verso il multicomparto Verso il multicomparto Guida alla scelta della linea di investimento più adatta Il Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank Spa è prossimo al passaggio al multicomparto. I risparmi saranno immessi

Dettagli

Santander Private Banking Italia

Santander Private Banking Italia Presentazione commerciale Settembre 2010 Italia Presentazione a A.N.P.E.C. 1 Presentación del Banco Messaggio pubblicitario con finalità promozionali Una banca di cui fidarsi* > Sono molte le ragioni per

Dettagli

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile FONDI ARMONIZZATI FONDI LIQUIDITÀ Vegagest Monetario FONDI OBBLIGAZIONARI Vegagest Obb. Euro Breve Termine Vegagest Obb. Euro Vegagest Obb. Euro Lungo Termine Vegagest Obb. Internazionale Vegagest Obb.

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE SEMPLIFICATO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARCA (OICVM ITALIANI)

REGOLAMENTO DI GESTIONE SEMPLIFICATO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARCA (OICVM ITALIANI) REGOLAMENTO DI GESTIONE SEMPLIFICATO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARCA (OICVM ITALIANI) ARCA RR DIVERSIFIED BOND ARCA BOND CORPORATE ARCA BOND GLOBALE ARCA BOND PAESI EMERGENTI Valuta Locale

Dettagli

Lo Strumento Fondo Immobiliare per la Valorizzazione del Patrimonio dei Soggetti Previdenziali

Lo Strumento Fondo Immobiliare per la Valorizzazione del Patrimonio dei Soggetti Previdenziali Lo Strumento Fondo per la Valorizzazione del Patrimonio dei Soggetti Previdenziali VI Itinerario Previdenziale Andrea Cornetti Dirtettore Business Development e Fund Raising Settembre 2012 ENTI PREVIDENZIALI

Dettagli

Risultati di Gruppo 2013. 17 Marzo 2014

Risultati di Gruppo 2013. 17 Marzo 2014 Risultati di Gruppo 213 17 Marzo 214 Principali evidenze Margine di Intermediazione in crescita anno su anno (+2,5%) grazie al: Margine Finanziario sostanzialmente stabile, -,4% a/a, ed in significativo

Dettagli

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI

FONDI COMUNI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTI ARMONIZZATI GESTITI DA SELLA GESTIONI (in vigore dal 15 aprile 2015) FONDI COMUNI Il presente Regolamento è stato approvato dall organo

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Investments Life S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2014) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments Life

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Life Insurance Italia S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2013) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Life Insurance

Dettagli

Sostenibilità e gestione finanziaria nelle casse di previdenza: esperienze a confronto

Sostenibilità e gestione finanziaria nelle casse di previdenza: esperienze a confronto Sostenibilità e gestione finanziaria nelle casse di previdenza: esperienze a confronto Il punto di vista dell asset manager Michele Boccia Responsabile Clientela Istituzionale Eurizon Capital SGR Milano,

Dettagli

Il tramonto del risk free: flessibilità e disciplina come bussola per la navigazione

Il tramonto del risk free: flessibilità e disciplina come bussola per la navigazione c è una rotta fuori dai porti sicuri? Il tramonto del risk free: flessibilità e disciplina come bussola per la navigazione Giovanni Landi, Senior Partner Anthilia Capital Partners Anthilia Capital Partners

Dettagli

Il risparmio durante la crisi: Diversificazione o concentrazione del rischio?

Il risparmio durante la crisi: Diversificazione o concentrazione del rischio? Il risparmio durante la crisi: Diversificazione o concentrazione del rischio? Fabio Innocenzi CEO UBS Italia S.p.A. 8 Giugno 2012 QFinPanel, Politecnico di Milano Gli effetti della crisi economica sul

Dettagli

GP Private. Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.

GP Private. Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461. GP Private Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.313111 www.cassacentrale.it Messaggio pubblicitario. Non costituisce offerta

Dettagli

Gestione patrimoniale e finanziaria

Gestione patrimoniale e finanziaria Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività svolta nel corso del 2013 Durante il 2013 le politiche di investimento adottate dall area finanza hanno perseguito, in un ottica

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione Contenuti 1. Asset liability management: il contesto e le evoluzioni 2. L approccio di Generali

Dettagli

Arca Strategia Globale: strategie di investimento per un mondo che cambia

Arca Strategia Globale: strategie di investimento per un mondo che cambia Arca Strategia Globale: strategie di investimento per un mondo che cambia Risponde: Lorenzo Giavenni, Responsabile Ufficio Pianificazione Commerciale Sviluppo Prodotti e Marketing L innovativo stile di

Dettagli

Tassi a zero e Azioni: le risposte per il Cliente

Tassi a zero e Azioni: le risposte per il Cliente Tassi a zero e Azioni: le risposte per il Cliente 2 Eurizon Capital: un grande patrimonio di competenza e fiducia 193 miliardi Patrimonio gestito 1,4 milioni di clienti retail (fondi italiani e GP) 15%

Dettagli

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Economia dei mercati mobiliari e finanziamenti di aziende Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Gli stili di gestione Stile di gestione come espressione

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività 2012 Gruppo Unipol perimetro ante acquisizione Premafin Durante il 2012 le politiche di investimento hanno perseguito, in un

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza.

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza. INSIEME PER L IMPRESA La forma e la sostanza. 2 La cultura d impresa è un patrimonio prezioso come i capitali e le buone consulenze. BANCA D IMPRESA SI NASCE ESPERIENZA, SPECIALIZZAZIONE E ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Come ottimizzare il rapporto rischio/rendimento

Come ottimizzare il rapporto rischio/rendimento Come ottimizzare il rapporto rischio/rendimento Quando si decide di investire, e non semplicemente di parcheggiare la propria liquidità, bisogna tener presente che non esistono investimenti completamente

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia Roma, 24 maggio 2010 Giovanni Sabatini Agenda 1. Scenario operativo nei mercati bancari 2. Redditività 3. Analisi comparata dei risultati economici di bilancio

Dettagli

AD USO ESCLUSIVO DEGLI INVESTITORI PROFESSIONALI E DEGLI INTERMEDIARI PENSPLAN SICAV LUX

AD USO ESCLUSIVO DEGLI INVESTITORI PROFESSIONALI E DEGLI INTERMEDIARI PENSPLAN SICAV LUX AD USO ESCLUSIVO DEGLI INVESTITORI PROFESSIONALI E DEGLI INTERMEDIARI PENSPLAN SICAV LUX PENSPLAN INVEST SGR La Società è stata costituita nel 2001 a Bolzano, nell ambito del progetto PensPlan, promosso

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E OBBLIGAZIONARIO MISTO

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E OBBLIGAZIONARIO MISTO REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E OBBLIGAZIONARIO MISTO Il presente Regolamento è composto dall'allegato al Regolamento del Fondo interno e dai seguenti articoli specifici per il Fondo interno

Dettagli

Fondi appartenenti al Sistema Fondi Zenit

Fondi appartenenti al Sistema Fondi Zenit COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI DELLE MODIFICHE REGOLAMENTARI AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA DEL 14 APRILE 2005 E VALIDA PER L AGGIORNAMENTO DEL PROSPETTO INFORMATIVO AI SENSI DELL ART.

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011 Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria Milano, 23.03.2011 Presentazione Banca Finnat Dinamica operativa Principali grandezze economiche 2010 Scenario, opportunità e sfide da affrontare

Dettagli

Alberto Vai Head of Marketing & Individuals BNP Paribas Reim Rimini, 19 maggio 2011

Alberto Vai Head of Marketing & Individuals BNP Paribas Reim Rimini, 19 maggio 2011 Il mercato immobiliare in Italia e i fondi immobiliari come strumenti di diversificazione dell'asset allocation per la clientela affluent. Alberto Vai Head of Marketing & Individuals BNP Paribas Reim Rimini,

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati e non armonizzati

Dettagli

A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A

A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A A S S E T D Y N A M I C - S C H E D A S I N T E T I C A Fondo di diritto sammarinese di tipo UCITS III, autorizzato il 20 febbraio 2014. Codice Isin SM000A1XFES2. Il presente documento contiene le informazioni

Dettagli

GP Benchmark GP Quantitative

GP Benchmark GP Quantitative Servizio d'investimento commercializzato da: GP Benchmark GP Quantitative Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.313111 www.cassacentrale.it Messaggio pubblicitario.

Dettagli

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR

SISTEMA SYMPHONIA REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL GESTITI DA SYMPHONIA SGR REGOLAMENTO UNICO DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI ARMONIZZATI APPARTENENTI AL SISTEMA SYMPHONIA GESTITI DA SYMPHONIA SGR validità 1 gennio 2012 TESTO A FRONTE PER CONFRONTO VARIAZIONI REGOLAMENTARI

Dettagli

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA 31 Elisioni intersettoriali Le elisioni intersettoriali sono relative allo storno di ricavi e costi tra società del Gruppo appartenenti a settori diversi. In particolare il saldo negativo di 15 milioni

Dettagli

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Sviluppo Rete Arca Fund Manager Webinar Fondi Obbligazionari

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Offerta pubblica di quote dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati e non armonizzati

Dettagli

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION Zurich Investments Life S.p.A. Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2009) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments

Dettagli

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle COMUNICATO STAMPA Il Consiglio d Amministrazione di Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale approva il nuovo Piano Industriale Triennale 2015 2017 e la Relazione Semestrale al 30 giugno 2015 Roma,

Dettagli

I SERVIZI DI INVESTMENT ADVISORY NEL PRIVATE BANKING, STRATEGIE COMMERCIALI NEL GRUPPO BPU

I SERVIZI DI INVESTMENT ADVISORY NEL PRIVATE BANKING, STRATEGIE COMMERCIALI NEL GRUPPO BPU I SERVIZI DI INVESTMENT ADVISORY NEL PRIVATE BANKING, STRATEGIE COMMERCIALI NEL GRUPPO BPU Diego Cavrioli Direttore Private e Wealth Management Milano, Circolo della Stampa 20 gennaio 2004 Patrimonio >

Dettagli

Offerta al pubblico di LIFE BONUS STARS prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RV) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di LIFE BONUS STARS prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RV) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di LIFE BONUS STARS prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL15RV) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS F OBBLIGAZIONARIO

Dettagli

Regolamento dei Fondi Interni

Regolamento dei Fondi Interni Regolamento dei Fondi Interni Art.1 Istituzione dei Fondi Interni Intesa Sanpaolo Vita S.p.A., di seguito denominata Compagnia, ha istituito e gestisce, al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti

Dettagli

UNIT LINKED AZ STYLE"

UNIT LINKED AZ STYLE UNIT LINKED AZ STYLE" PER UNA CONSULENZA BASATA SU DINAMISMO E DIVERSIFICAZIONE Prima dell adesione leggere le Condizioni di Contratto Aggiornato Sett. 2011 CHE COSA E? Un nuovo prodotto Unit Linked di

Dettagli

La nostra indipendenza vi garantisce scelte di gestione perfettamente obiettive

La nostra indipendenza vi garantisce scelte di gestione perfettamente obiettive AL VOSTRO SERVIZO Forte di oltre 50 anni di esperienza, PKB ha acquisito una profonda conoscenza delle esigenze di privati e famiglie, imprenditori, liberi professionisti e dirigenti. È quindi in grado

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

indice Unicità Leadership Innovazione

indice Unicità Leadership Innovazione indice Unicità Leadership Innovazione Esclusività Eccellenza unicità Una mission distintiva Un modello di business unico nel mercato Un grande Gruppo Una rete, benchmark di eccellenza Una banca solida

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

Private Wealth Management

Private Wealth Management Private Wealth Management 1 I team Gruppo Fideuram dedicati alla clientela Private 2 Risk Management Key Clients Gestioni Private Private Banker Le migliori professionalità del Gruppo Fideuram si uniscono

Dettagli

La banca delle famiglie che creano valore Pag. 1. Una banca globale, legata al territorio, con al centro il cliente Pag. 2

La banca delle famiglie che creano valore Pag. 1. Una banca globale, legata al territorio, con al centro il cliente Pag. 2 DOCUMENTAZIONE NELLA CARTELLA La banca delle famiglie che creano valore Pag. 1 Una banca globale, legata al territorio, con al centro il cliente Pag. 2 Dal modello federale a banca specializzata Pag. 4

Dettagli

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal Lettura delle schede Giunta alla sua decima edizione, la Guida permette agli investitori di accedere ad analisi indipendenti e nuovi strumenti per la selezione dei fondi, compresi i Morningstar Analyst

Dettagli

I fondi riservati: prospettive e criticità

I fondi riservati: prospettive e criticità I fondi riservati: prospettive e criticità Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it Sala Capranichetta, Piazza di Montecitorio, 127 Roma Martedì, 18 gennaio 2010 1

Dettagli

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Un Fondo Comune può essere paragonato ad una cassa collettiva dove confluiscono i risparmi di una pluralità di risparmiatori. Il denaro che confluisce in questa

Dettagli

Arca Cash Plus. Stile di gestione. 1 anno +1,3% +1,0% 3 anni +9,9% +5,7% Andamento di ARCA CASH PLUS

Arca Cash Plus. Stile di gestione. 1 anno +1,3% +1,0% 3 anni +9,9% +5,7% Andamento di ARCA CASH PLUS Arca Cash Plus Stile di gestione Arca Cash Plus adotta uno stile di gestione a rischio controllato che si caratterizza per l adozione formale di un budget di rischio assoluto e costante per unità temporale

Dettagli

La diversificazione nel settore. immobiliare: nuova rotta e nuovo equipaggio

La diversificazione nel settore. immobiliare: nuova rotta e nuovo equipaggio La diversificazione nel settore c è una rotta fuori dai porti sicuri? immobiliare: nuova rotta e nuovo equipaggio Alberto Matta, Managing Director Optimum Asset Management Chi siamo é una società specializzata

Dettagli

Star Conference 2006. Milano, 1 Marzo 2006

Star Conference 2006. Milano, 1 Marzo 2006 Star Conference 2006 Milano, 1 Marzo 2006 1 AGENDA IL GRUPPO BANCA FINNAT E LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO Arturo Nattino LE PRINCIPALI GRANDEZZE ECONOMICHE Gian Franco Traverso Guicciardi 2 Il Gruppo Banca

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017 Milano, 25.03.2014 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 31.12.2013

Dettagli

Una previdenza ottimale: risparmio e copertura dei rischi in un pacchetto interessante

Una previdenza ottimale: risparmio e copertura dei rischi in un pacchetto interessante PREVIDENZA E PATRIMONIO IL PACCHETTO PREVIDENZIALE PREVIDENZA Una previdenza ottimale: risparmio e copertura dei rischi in un pacchetto interessante generali.ch/pacchettoprevidenziale 2 Contenuto Contesto

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Benvenuti in Banca di San Marino. Welcome to Banca di San Marino

Benvenuti in Banca di San Marino. Welcome to Banca di San Marino Benvenuti in Banca di San Marino Welcome to Banca di San Marino INDICE / CONTENTS LE FILIALI / THE BRANCHES IL GRUPPO / THE GROUP N. Azionisti 1.987 9,87% N. Soci 399 90,13% Cap. Sociale 114.616.800

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Loris Nadotti Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia Perugia,

Dettagli