ADSL Principi di funzionamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ADSL Principi di funzionamento"

Transcript

1 ADSL Principi di funzionamento

2 ADSL... 1 Principi di funzionamento ADSL Principi di funzionamento... 3 Le origini... 3 Idee di base... 3 Il Training della linea... 5 I valori di linea... 5 I profili di servizio sul DSLAM

3 ADSL Principi di funzionamento Le origini L ADSL è nata dall esigenza precisa di superare la barriera di velocità imposta dalle tecnologie dialup (sia su PSTN che su ISDN) senza dover introdurre modifiche sostanziali sulle immense reti in rame già posate nel tempo dalle grandi società di telefonia. L ADSL è nata quindi con l obbiettivo di essere non solo molto più veloce del dialup, ma anche economicamente vantaggiosa, se paragonata a tecnologie di trasferimento dati dedicate come ad esempio la fibra ottica o le CDN (circuiti diretti numerici) che per la maggioranza degli utilizzatori domestici avrebbero avuto dei costi inaccessibili (dell ordine delle migliaia di euro/mese). Ovviamente, l ADSL è potuta nascere solo perché il continuo sviluppo della tecnologia ha consentito di sfruttare in maniera molto più efficiente il rame esistente. Cercheremo ora di raccontare, senza troppi tecnicismi, quali siano i principi di base della tecnologia ADSL per giungere, alla fine, alla spiegazione dei principali parametri che caratterizzano il funzionamento di una linea ADSL. Idee di base Una linea dialup trasporta troppo poco traffico, ma se avessimo a disposizione qualche sistema che ci consenta di usare assieme dieci, venti, cento linee dialup? Avremmo risolto il problema della banda disponibile! Giusto? L ADSL (acronimo di Asymmetrical Digital Subscriber Line) in maniera piuttosto sofisticata ha realizzato esattamente questo. In pratica, anziché usare molti doppini per avere velocità elevate, è stato messo a punto un modo per instaurare N trasferimenti paralleli di dati sopra un unico doppino telefonico. Il cavo di rame viene dunque utilizzato non più per far passare frequenze udibili (dire frequenze o dire suoni è più o meno la stessa cosa, a suoni diversi corrispondono frequenze diverse) come quelli del modem analogico (che costituiscono una minima parte delle frequenze utilizzabili) ma spingendo la trasmissione su frequenze ben più elevate. Qui sotto è possibile vedere una figura che mostra lo spettro delle frequenze adsl e anche di quelle dialup e la loro rispettiva collocazione (per spettro intenderemo l insieme delle frequenze che caratterizzano una data trasmissione ossia l insieme dei possibili differenti segnali trasmessi o ricevuti). Ovviamente, quello che ci interessa trasmettere sul doppino telefonico sono informazioni digitali, ossia sequenze di uno e zero che rappresentano i bit che vogliamo scambiare. Dato che utilizziamo segnali elettrici per trasmettere l informazione sul cavo di rame, questi segnali saranno chiamati segnali digitali proprio perché rappresentano sequenze di bit. Nella telefonia tradizionale i segnali elettrici coinvolti sono invece detti analogici (la voce umana convertita dal microfono in un segnale elettrico è un segnale analogico). Il grafico è più o meno in scala, in modo tale che sia possibile apprezzare l enorme estensione dei segnali adsl rispetto a quelli utilizzati nel dialup. In parole povere, l elevata banda disponibile nella tecnologia adsl, discende direttamente dall unione di molte sottobande (chiamate anche sottoportanti) che, prese singolarmente, possono essere paragonate ad una singolo doppino utilizzato in dialup (Nota bene: il concetto espresso è corretto, ma la tecnologia che sta alla base è abbastanza diversa). Qui sotto è possibile osservare una schematizzazione di quanto riportato 3

4 sopra. Ossia come la banda disponibile in adsl sia il risultato di una composizione di N sottobande più piccole. Ipotizziamo di poter trasportare in ogni sottobanda circa 40Kbps (in pratica poco meno di una linea dialup moderna) nella prima implementazione del protocollo ADSL (quella chiamata ADSL1 o G.DMT) è stato definito che di sottoportanti ve ne devono essere 256 (non tutte sono utilizzabili per il trasferimento dei dati cliente come vedremo) ripartite in 32 dedicate all upload dal cliente alla rete e 218 dalla rete al cliente (e 5 riservate per questioni di controllo o compatibilità con altri servizi) Facendo un po di conti banali, con 200 canali in download di cui ciascuno trasporta circa 40Kpbs, arriviamo a 8000Kbps, che è (più o meno) uguale al limite massimo della velocità raggiungibile in ADSL1. Nel protocollo ADSL2+, evoluzione del primo, alle 256 sottoportanti dell ADSL1, ne sono state aggiunte altre 256 e contemporaneamente è stato anche migliorata la capacità di trasporto di ogni singola sottobanda. La velocità massima (è più corretto indicarla come transfer rate) consentita dal protocollo ADSL2+ è di 24Mbps, ossia, ad un raddoppio del numero di canali disponibili è corrisposta una triplicazione della banda disponibile, merito questo di una maggiore efficienza del nuovo protocollo. Esempio di segnale digitale, il segnale può avere solo valori definiti (in questo esempio o vale 0 o vale 1) Esempio di segnale analogico, il segnale può assumere moltissimi valori. 4

5 Il Training della linea Ma perché, allora, non trasmettiamo sempre dati ad 8Mbps? Come facciamo a determinare quale sia la massima velocità sostenibile su una linea? Per rispondere a questi interrogativi è necessario capire cosa succede quando, acceso il modem adsl, la spia del modem stesso inizia a lampeggiare. Abbiamo detto che la tecnologia ADSL utilizza molte (più di 200) sottobande contemporanee per trasmettere i dati. Poiché le caratteristiche fisiche proprie di ogni doppino sono uniche (percorsi diversi, giunzioni, prolunghe, prese e simili ad esempio) sarà necessario prima di instaurare una comunicazione adsl fra il modem cliente e la centrale, analizzare le caratteristeche della linea stessa. In pratica, all accensione (o quando si stacca e si riattacca il cavetto telefonico), il modem del cliente emette un tono particolare in una delle sottobande di cui abbiamo parlato. Questo tono avverte l eventuale modem posto sul DSLAM di iniziare le sequenze di caratterizzazione della linea stessa con una procedura che ricorda l handshaking iniziale di una connessione dialup. Se dall altra parte della linea esiste effettivamente un DSLAM, inizierà uno scambio attivo di informazioni fra modem cliente e DSLAM che andranno ad analizzare (nel senso che faranno delle prove di trasmissione e ricezione di alcune sequenze di bit note) una per una tutte le sottobande possibili e per ciascuna di queste si scambieranno dati e informazioni del tipo sotto riportato: - potenza trasmessa sulla sottobanda - potenza ricevuta all altro capo - attenuazione nella sottobanda - livello di rapporto segnale/rumore nella sottobanda - velocità max di trasmissione nella sottobanda Vedremo poi meglio, nei prossimi paragrafi, cosa sgnificano questi parametri e come vengono visulaizzati o riussunti nei nostri sistemi di gestione. Il punto è che non tutte le sottobande (definite dagli standard) saranno in realtà utilizzabili pienamente. Se ipotizzassimo che ogni sottobanda possa trasportare al massimo 40kbps, in condizioni reali su alcune potremmo avere un trasferimento massimo di 20kbps su altre magari di soli 8kbps o addirittura potremmo non poter trasmettere per nulla su alcune delle sottobande definite. E logico pensare che tanto più sarà degradato il doppino tanto meno riusciremo a riempire ogni sottobanda. E così avremmo un infinità di possibili allineamenti per i nostri clienti. Nota bene: oltre che dalle caratteristiche fisiche statiche del doppino in rame (lunghezza, resistenza, numero di sezioni, etc) la possibilità di trasmettere dati ad una certa velocità dipende anche dai disturbi presenti sulla linea stessa! Stiamo parlando di disturbi elettrici o elettromagnetici che possono essere presenti in misura più o meno pesante. Molte linee adsl che viaggiano sullo stesso cavo primario sono in grado di influenzarsi negativamente, così pure la presenza di linee isdn molto vicine ad una linea adsl può essere fonte di disturbi sulla trasmissione. Anche i grossi impianti industriali possono esser fonte di disturbi sulle linee. La variazione delle condizioni atmosferiche determina anch essa una risposta differente del doppino in rame. L umidità, ad esempio, è il primo dei possibili fattori atmosferici capaci di peggiorare discretamente le prestazioni di una linea adsl. Il medesimo doppino generalmente presenta delle caratteristiche di allineamento massimo differenti fra il giorno e la notte. I valori di linea Ma come possiamo misurare la qualità di una linea? Stabilita la dinamicità naturale dei parametri di funzionamento di una linea adsl, rimane comunque necessario misurare le caratteristiche di una linea in modo numerico. La trattazione matematica precisa dei parametri associati alle linee adsl esula sicuramente dagli scopi di questa brevissima guida, pertanto, nel tentativo di esporre concetti tutt altro che banali saremo costretti a fare qualche assunzione dogmatica per alcune delle tematiche affrontate. Inoltre, poiché sarebbe poco agevole riportare i valori di una linea indicando le caratteristiche di ogni singola sottobanda (dovremmo riportare ogni volta 256 parametri) è naturare riportare un solo parametro che in qualche maniera rappresenta una media dei valori dello stesso parametro su tutte le sottobande. Iniziamo con un esempio: E esperienza comune che, nella conversazione con un altra persona, tanto più il nostro interlocutore è distante, tanto più saremo costretti ad urlare per poterci far sentire da lui. Inoltre, a parità di distanza, un ambiente molto rumoroso ci constringerà ugualmente a sollevare la voce nel tentativo 5

6 di essere sentiti. Se fossimo troppo distanti o se il rumore ambientale fosse troppo alto rispetto alla potenza della nostra voce, inevitabilmente la nostra conversazione non potrà essere fluida e veloce. Saremmo costretti a ripetere continuamente alcune delle nostre frasi o richiedere la ripetizione di altre al nostro interlocutore. L esempio sopra riportato è una trasposizione sostanzialmente perfetta di ciò che accade in una comunicazione digitale fra due modem adsl (uno in centrale e l altro a casa cliente). Le analogie sono veramente tante e questo non deve ovviamente meravigliare, le comunicaioni digitali sono solo una estensione moderna della voce umana e in quanto tali ne conservano molte delle caratteristiche e anche dei limiti. L attenuazione La prima analogia riguarda la distanza. Cosa succede ad un segnale elettrico quando attraversa un doppino? Si attenua! Così come la voce si attenua con l aumentare della distanza, analogamente il segnale elettrico decresce e si attenua con la lunghezza del doppino. Questo accade sicuramente per effetto della resistenza elettrica offerta dal cavo in rame stesso che, appunto, aumenta con l aumentare della distanza stessa (N.B. la resistenza del cavo elettrico non è l unico parametro o il più importante nella determinatione dell attenuazione di un segnale adsl, ma è quello che può riflettere meglio l idea comune di attenuazione). Il parametro di una linea adsl che definisce la misura di questo abbattimento del segnale si chiama quindi attenuazione. Vedremo poi la sua unità di misura. Ipotizziamo che l attenuazione dimezzi il nostro segnale. In pratica se rappresentassimo lo 0 e l 1 del nostro segnale digitale con dei valori di segnale elettrico sul doppino di 0 e 10, in seguito all attenuazione subita a destinazione potremmo avere un segnale elettrico di 0 e 5 Segnale originale Segnale attenuato Il rumore Anche nelle linee telefoniche (nei doppini) esiste un rumore di fondo. In realtà il rumore esiste in ogni cosa. Ogni evento reale è in qualche maniera perturbato da un qualche tipo di rumore. Il rumore nelle trasmissioni digitali ha varie origini, alcune dipendono dalle proprietà del conduttore stesso altre sono originate da disturbi di varia natura che si sovrappongono ai segnali che vogliamo trasportare sul cavo. Alcuni rumori sono quindi per così dire stazionari altri invece hanno un carattere più impulsivo. Se volessimo cercare il paragone nella conversazione umana, potermmo immaginare il tipico rumore di fondo di un luogo pubblico (un mercato, una stazione o cose simili) e associare questa situazione ad un rumore di tipo stazionario: il rumore stazionario è più o meno sempre uguale a se stesso, sappiamo che c è e ci permette di misurarlo in maniera immediata, basta non trasmettere niente e stare ad ascoltare cosa si riceve. Il rumore impulsivo invece, ha più l aspetto di un qualcosa di improvviso e non deterministico. Pensiamo ad esempio al passaggio di un aereo a bassa quota mentre stiamo parlando con qualcuno: quasi certamente dovremmo interrompere temporaneamente la nostra conversazione e magari ripetere le ultime parole. Analogamente, nel caso elettrico, un interferenza temporanea potrebbe alterare abbastanza la nostra tramissione digitale tanto da renderla inutilizzabile e richiederne la ritrasmissione. Questo è appunto il tipico rumore impulsivo. Purtroppo il rumore impulsivo non è determinabile a priori, non sappiamo ne quando questo si presenterà ne quanto sarà intenso. Tale indeterminazione non ci consente ovviamente di poter scegliere senza errori a priori quanto trasmettere forte per essere protetti dagli effetti dei possibili disturbi. 6

7 Diciamo, per ora, che esisteranno dei margini di funzionamento che potremmo utilizzare per tutelarci da un insieme di interferenze di un certo livello ma ovviamente non da tutte. Il segnale Come è facile immaginare, nell analogia della conversazione umana, il segnale (digitale) che trasmettiamo sul doppino, trova il suo corrispettivo nella voce umana. L analogia si spinge oltre il banale raffronto voce alta = segnale elettrico elevato e viceversa. E più semplice comprendere qualcuno che parla lentamente rispetto a chi parla velocemente, giusto? Analogamente, anche i segnali digitali sono più facilmente distinguibili (dal ricevitore digitale ovviamente) quando le velocità sostenute (il bit rate, ossia i vari kbps o Mbps di cui spesso sentiamo parlare) sono più basse. Trasmettere 8Mbps su un cavo in rame poggiato 30 anni fa non è una banalità! Entro breve capiremo anche perché questo capiti. In ogni caso, rammentiamo il concetto che i segnali digitali utilizzati per l adsl altro non sono che segnali elettrici. Tanto più questi saranno di ampiezza elevata, tanto più chiari e distinguibili saranno a destinazione o se vogliamo osservare il fenomeno da una prospettiva nuova, dato che i modems avranno a disposizione una potenza di trasmissione dei segnali digitali limitata (nel senso che non sarà ne infinita ne tantomeno elevata) l unico modo per garantire che i segnali arrivino a destinazione con un livello utilizzabile è quello di contenere l attenuzione entro valori prestabiliti. Il rapporto segnale rumore o SNR Ma come è possibile definire se un certo livello di segnale è accettabile? L aggettivo accettabile è qualcosa di qualitativo, mentre, per misurare un dato fenomeno dobbiamo trovare una relazione quantitativa che ci consenta di esprimere inequivocabilmente una situazione di buon funzionamento. Cosa ci occorre allora? Ora che abbiamo messo in conto il livello di segnale e il livello di rumore, una situazione che possiamo sicuramente quantificare è la seguente: Quante volte, a destinazione, il livello del segnale è maggiore del livello del rumore? Le operazioni da eseguire per realizzare questo calcolo sono banali: 1 quando nessuno trasmette sulla linea si rileva il livello del rumore, immaginiamo che questo valga 5 2 quando qualcuno trasmette sulla linea si rileva il livello del segnale, ad esempio 10 3 il rapporto segnale rumore sarà banalmente la divisione tra il livello del segnale e quello del rumore. Quindi, nel nostro caso, 10/5 = 2. Ossia il nostro segnale è 2 volte maggiore del rumore. Questo tipo di calcolo è in pratica lo standard di riferimento per molte altre misure nell ambito delle telecomunicazioni e non solo. Non avrebbe infatti senso considerare solo il livello del segnale, dobbiamo sempre tener presente il livello di rumore che andrà ad interferire con il nostro segnale e per garantire che il segnale sia sempre distinguibile imporremo delle condizioni sul rapporto tra il segnale e il rumore. Normalmente, un valore pari a due (il segnale è doppio del rumore) può già garantire una buona affidabilità sulla trasmissione. Ma quale è l unita di misura? In cosa sono espressi questi rapporti? Proprio perché stiamo parlando di rapporti tra grandezze (omogenee fra loro), il numero che ne deriva non ha una unità di misura propria è solo un numero! Un concetto importante da tenere presente è come si distribuiscano gli effetti di una variazione di questi valori. Cercheremo ora di chiarire con un piccolo esempio il significato di questa affermezione. Pensiamo ancora una volta alla voce umana e, ancora meglio, all orecchio umano che riceve la voce. Ipotizziamo di avere una radio e di poter controllare con un apposito strumento il livello del segnale applicato agli altoparlanti. Se partiamo dal volume 0 ovviamente il segnale misurato sarà 0 Portiamo il volume ad 1 (alla prima tacca) ed il corrispondente segnale misurato andra ad 1 (ipotesi) Portiamo ora il controllo volume in posizione 2, la nostra percezione sarà di un raddoppio del volume percepito e in questa situazione il livello del segnale misurato sarà pari a: 10. 7

8 Abbiamo dovuto rendere il segnale 10 volte più elevato rispetto al precedente per ottenere un raddoppio del livello sonoro percepito. Perché non è stato sufficiente raddoppiare il segnale? Risposta: Perché in natura non tutto segue una legge lineare! (lineare significa che ad un raddoppio della causa corrisponde un raddoppio dell effetto) Alcune cose, e fra queste l orecchio umano, non seguono leggi lineari ma seguono leggi di variazione chiamate logaritmiche. Senza entrare nel merito della trattazione matematica dei logaritmi, diciamo solo che quando si esprimono con i logaritmi le grandezze che variano secondo leggi logaritmiche, diventa molto piò semplice interpretarne gli effetti. Di più. Usando la notazione logaritmica è possibile esprimere potenze, attenuazioni, segnali ed SNR (d ora in avanti, il rapporto segnale rumore per brevità sarà chiamato: SNR, dall inglese Signal to Noise Ratio) mediante i db (decibel) che altro non sono che uno strumento matematico che aiuta enormemente nei calcoli. Esprimendo in db le varie grandezze infatti, tutte quelle che sono operazioni di moltiplicazione e divisione diventano banali operazioni di addizione e sottrazione. Anche il rapporto segnale rumore diventa banale! Vediamo un semplice esempio giusto per chiarire il concetto. La potenza (il livello) dei segnali trasmessi o del rumore presente su una linea viene convenzionalmente espressa in dbm dove la m sta per milliwatt (ossia il db viene applicato per rapresentare le potenze). Ipotizziamo: un trasmettitore (adsl) con una potenza in uscita di 20dBm e una linea con: un rumore costante con potenza 2dBm in ogni suo punto. Una attenuzione di 12dB Quale sarà SNR a destinazione? Fare il calcolo in db è immediato: 20dBm (potenza trasmessa) 12dB (attenuzione) 2dBm (rumore) = SNR 6dB Senza il db avremmo avuto bisogno di una calcolatrice e un bel po di tempo. Vediamo ora un po di grafici per comprendere meglio gli effetti del rumore su un segnale digitale. Immaginiamo di trasmettere un segnale digitale simile al seguente 8

9 Se a destinazione avessimo un SNR di 6dB il nostro segnale sarebbe simile al seguente: E quasi irriconoscibile! Se invece avessimo almeno 12dB la situazione migliora: Con 18dB il segnale a destinazione sarebbe già abbastanza simile a quello trasmesso 9

10 E per ultimo possiamo vedere un SNR di 24dB: Che è molto simile al segnale trasmesso. Il margine di SNR e gli errori Come è possibile osservare dai grafici precedenti il rumore è la prima causa di corruzione del nostro segnale adsl. Se l SNR peggiora oltre certi limiti, inevitabilmente non potremo garantire l integrità dei dati. La tecnologia adsl si basa su certe considerazioni piuttosto complicate (matematicamente parlando) che legano l SNR al numero di errori che si commettono decodificando la trasmissione ricevuta. In pratica, un modem adsl è un apparecchio abbastanza sofisticato che riesce anche a correggere un certo numero di errori al volo sempre che questi non diventino troppi. Le specifiche dell adsl dicono che: un modem potrà correggere in tempi accettabili un massimo di 1 bit ogni milione di bit ricevuti e riuscirà a fare questo se il livello di segnale è un certo numero di volte quello del livello di rumore. In pratica: Se una trasmissione digitale viene ricevuta con un livello di segnale almeno pari a N volte quello del rumore, allora si verificheranno meno di uno su un milione di bit sbagliati. Dobbiamo in pratica stabilire una condizione limite sul valore di SNR. Dato che se superiamo questa soglia di uno su un milione di bit sabgliati non siamo più in grado di mantenere una trasmissione comprensibile, dobbiamo porci nella condizione di rimanere sempre (o quasi) entro questo limite. Per far questo possiamo imporre una condizione di trasmissione ancora più stringente rispetto a quella che ci porta alla soglia d errore stabilita. Aggiungiamo in pratica un margine in più sull SNR, per mantenere l errore al di sotto del massimo stabilito. Normalmente questo margine aggiuntivo è fissato pari a 6dB. 10

11 E stato infatti dimostrato e verificato come un margine di almeno 6dB garantisca una sufficiente immunità al rumore nella maggior parte delle situazioni ordinarie. Non solo, questo cuscinetto di SNR aggiuntivo va anche ad assorbire le fluttuazioni naturali (meteorologiche ad esempio oppure le escursioni giorno/notte) dei parametri di una linea e del rumore ad essa associato. I profili di servizio sul DSLAM Affinchè sia possibile erogare un servizio ai clienti, deve esistere la possibilità di stabilire in maniera univoca le caratteristiche tecniche del servizio offerto. Sulle macchine preposte alla raccolta dei clienti adsl, i DSLAM, dovrà esistere la possibilità di definire tali parametri e di associarli alle porte di ogni cliente. A rigor di logica ci occorre stabilire piuttosto poco per definire un profilo. Oltre alla semplice etichetta, un nome che lo caratterizzi in pratica, dovremmo stabilire almeno: 1) il massimo rate in download 2) il massimo rate in upload 3) il target per il Margine di SNR, ossia la garanzia sul margine di cui abbiamo parlato. Certo è che, in un dslam reale, esistono molti altri parametri associabili al profilo. Ma per ciò che ci interessa ora, ossia comprenderne il significato, sono del tutto superflui, basta pensare ad esempio al settaggio di una linea in adsl1 piuttosto che adsl2+ o simili. In pratica, l esigenza soddisfatta dal profilo è quella di limitare i parametri di allineamento del cliente. 1- Evitare che il cliente possa ottenere un servizio differente da quello per cui paga 2- Garantire che il cliente rimanga entro soglie di funzionamento accettabili. Come funziona allora la negoziazione dei parametri di linea quando devono essere rispettati i vincoli di profilo? E semplice! La regola è: Negoziare la massima velocità possibile fino al rate massimo consentito e nel rispetto del target di Margine SNR imposto. Quindi? Facciamo un esempio per capire meglio. Supponiamo che la linea possa sopportare tecnicamente una velocità di trasmissione elevata (8Mbps ad esempio), supponiamo inoltre che il profilo applicato al cliente sia di soli 2Mbps con un target SNR Margin di 6dB. Cosa capiterà? Come abbiamo già visto, il dslam e il modem cliente inizieranno a scambiarsi informazioni sulle potenzialità di trasmissione sul doppino. Il dslam cercherà in pratica di aprire, una per una, tutte le sottoportanti possibili per arivare a trasmettere a 2Mbps verso il cliente. Contemporaneamente, dopo ogni nuova sottobanda verificata, (dato che a parità di rumore a velocità maggiori corrispondono SNR più bassi) viene verificato che l SNR Margin residuo sia MAGGIORE o uguale rispetto a quello imposto dal profilo. Se, come nella nostra ipotesi iniziale, questo è vero, il dslam trasmetterà a 2Mbps verso il modem cliente e contemporaneamente rimarrà dunque un Margine di SNR sicuramente maggiore di 6dB. Da questo esempio possiamo trarre alcune conclusioni e fissare dei concetti importanti. Esisterà un Current Rate ossia la velocità effettiva con cui si trasmette sulla linea. Questo current rate sarà sicuramente minore o al più uguale alla massima velocità sostenibile dalla linea (minore nel caso in cui il limite sia imposto dal profilo assegnato). Esisterà un Attainable Rate che rappresenta quindi: la massima velocità sostenibile dalla linea nel rispetto del Target SNR Margin. Ossia, rappresenta la velocità di trasmissione nel momento in cui il margine residuo è (almeno) uguale al target richiesto (6dB nel nostro esempio) Quindi, una linea con un profilo ad 8Mbps che ha un attainable rate di 4Mbps circa come si comporterà in fase di allineamento? Dslam e modem, come è consueto, cercheranno di negoziare la massima velocità sostenibile. Quindi il dslam aprirà le varie sottobande in trasmissione, ma stavolta arrivatò a 4Mbps smetterà perché avrà raggiunto il limite imposto dal Margine di SNR. 11

12 Durante il normale funzionamento della linea adsl, ossia una volta che l allineamento è stato raggiunto e accettato da entrambe le parti, viene inoltre periodicamente controllato il margine di SNR. Se il sistema rileva che la condizione di target è stata violata più di un certo numero di volte la linea viene disattivata e viene ripetuta la procedure di allineamento. Questo è il caso classico di linee molto degradate, i cui parametri variano in maniera pesante anche nell arco di pochi minuti. In tali situazioni il dslam vedendo violate le condizioni di target propone continuamente nuovi allineamenti nel tentativo di rendere stabile il funzionamento della linea stessa. Vediamo ora, a titolo puramente esemplificativo, i parametri di una linea d esempio: Port: 20 Admin Status: Unlock Profile Name: adsl24m Opera Status: Up ATU-C Line Defect: No Defect ATU-R Line Defect: No Defect Line Standard: Adsl2+ Mode ATU-C SNR Margin: 7.5 (db) ATU-R SNR Margin: 6.0 (db) ATU-C Attenuation: 0.0 (db) ATU-R Attenuation: 5.5 (db) ATU-C Output Power: 11.2 (mdb) ATU-R Output Power: 12.4 (mdb) ATU-C Attainable Rate: (kbps) ATU-R Attainable Rate: 1206 (kbps) ATU-C Current Tx Rate: (kbps) ATU-R Current Tx Rate: 1169 (kbps) Come è possibile notare,viene indicato il numero di porta (20) il nome del profilo (adsl24m) Lo standard usato sulla linea (adsl2+) e poi alcuni valori che ormai abbiamo imparato a comprendere: Troviamo ATU-C e ATU-R SNR Margin, l attenuzione sempre in ATU-C e ATU-R, la potenza trasmessa (Output power), L attainable rate e il current rate. Una piccola precisazione sul significato di ATU-C e ATU-R. ATU è l acronimo di ADSL Transmission Unit ed è in poche parole un modo per chiamare il modem ADSL. ATU-C è il modem ADSL in centrale (C sta per Central Office) ATU-R è il modem ADSL in casa cliente (R sta invece per Remote) Quindi, per capire bene il significato dei parametri dobbiamo metterci ad osservare il fenomeno dalla parte giusta Riflettiamo su ATU-C SNR Margin: Significa che è l SNR Margin misurato in CENTRALE Quindi? Significa che se la destinazione è la centrale la trasmissione è avvenuta con direzione Casa cliente -> Centrale e questo è l upstream del cliente quindi ATUC SNR è l SNR in UP Analogamente il caso del downstream. L attenuazione è identica nel ragionamento e porta al fatto che ATUC Attenuation è l attenuazione in UP (io vedo arrivare, in centrale, un livello di segnale che misuro. Chiedo al modem dell altra parte quanta potenza è stata utilizzata per trasmetterlo e per differenza ottengo l attenuazione nella direzione indicata). Atu-c current e attainable rate, sempre con identico ragionamento, ATUC: misuro in centrale. Il current e l attainable rate sono parametri che rappresentano una trasmissione dalla centrale al cliente, quindi L atu-c current rate è: la velocità con cui trasmetto verso il cliente ossia il suo downstream. Il discorso è analogo nel caso di atu-r, ossia atu-r current rate ad esempio rappresenta la velocità di trasmissione dal cliente alla centrale ossia il suo upstream. Sempre nell esempio indicato sopra, appare evidente come il current (per ATU-C) sia praticamente uguale al valore dell attainable rate e infatti risulta che il Margine di SNR in ATU-R sia di appunto 6dB, ossia il target assegnato al profilo. Il profilo in pratica ha un valore massimo superiore alla capacità della linea. In questa situazione la linea negozierà appunto il massimo valore di trasmissione possibile fino al raggiungimento del target SNR. In ogni profilo del DSLAM, ovviamente, esistono target Margin e velocità minime e massime definibili in modo indipendente sia per l upstream che per il downstream. 12

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Preamplificazione: spalanca le porte al suono! Tra mixer, scheda audio, amplificazione, registrazione, il segnale audio compie un viaggio complicato, fatto a

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303 Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici Obiettivo Gli studenti sono in grado di approfondire in maniera corretta informazioni

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

User Manual ULTRA-DI DI20. Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter

User Manual ULTRA-DI DI20. Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter User Manual ULTRA-DI DI20 Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter 2 ULTRA-DI DI20 Indice Grazie...2 1. Benvenuti alla BEHRINGER!...6 2. Elementi di Comando...6 3. Possibilità Di Connessione...8 3.1

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica Onde e suono Roberto Cirio Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica La lezione di oggi Oscillazioni e onde Sovrapposizione di onde L orecchio Fisica

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2)

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) MANUALE UTENTE FT607M /FT607M2 MICROSPIA GSM PROFESSIONALE 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) FT607M /FT607M2 MANUALE UTENTE INDICE 1. Informazioni importanti.......................................4

Dettagli

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo)

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo) Fonica: Scheda 2 (a cura di Pietro Di Mascolo) Il suono Possiamo definire il suono come una particolare sensazione percepita dall organo dell udito eccitato da un agente esterno. Esso ha origine dal movimento

Dettagli

IL FENOMENO DELLA RISONANZA

IL FENOMENO DELLA RISONANZA IL FENOMENO DELLA RISONANZA Premessa Pur non essendo possibile effettuare una trattazione rigorosa alle scuole superiori ritengo possa essere didatticamente utile far scoprire agli studenti il fenomeno

Dettagli

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio Batterie per recinti Batteria alcalina a secco 9 V Le batterie alcaline AKO 9 V mantengo un alto voltaggio costante per tutta la loro durata. Questo permette al recinto di mantenere un andamento costante

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Phonak ComPilot. Manuale d uso

Phonak ComPilot. Manuale d uso Phonak ComPilot Manuale d uso Indice 1. Benvenuto 5 2. Per conoscere il dispositivo ComPilot in uso 6 2.1 Legenda 7 2.2 Accessori 8 3. Come cominciare 9 3.1 Impostazione dell alimentatore 9 3.2 Come caricare

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

HEADQUARTERS: DK-2850

HEADQUARTERS: DK-2850 Il rumore ambientale Contenuti Informazioni sull opuscolo... 3 Introduzione... 4 Cos è il suono?... 7 Tipi di rumore... 14 Propagazione del rumore nell ambiente... 16 Identificazione delle sorgenti di

Dettagli

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa?

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? A. Einstein, B. Podolsky, N. Rosen 25/03/1935 Abstract In una teoria completa c è un elemento corrispondente ad ogni elemento

Dettagli

Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare o installare il prodotto!

Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare o installare il prodotto! MANUALE GENERALE Gentile cliente, benvenuto nella famiglia NewTec e grazie per la fiducia dimostrata con l acquisto di questi altoparlanti. Optando per un sistema audio di altissimo design ha dimostrato

Dettagli

Alimentatori cinesi, non tutti sanno che

Alimentatori cinesi, non tutti sanno che Alimentatori cinesi, non tutti sanno che di Roberto IS0GRB Ho acquistato di recente 3 alimentatori cinesi da 30A e uno da 50A mi e' stato regalato dal collega Salvatore IS0XGA perche' troppo rumoroso.

Dettagli

Avena 135/135 Duo. T elefono cordless analogico DECT. Istruzioni per l uso

Avena 135/135 Duo. T elefono cordless analogico DECT. Istruzioni per l uso Avena 135/135 Duo T elefono cordless analogico DECT Istruzioni per l uso Attenzione: istruzioni per l uso con avvertenze di sicurezza! Leggerle attentamente prima di mettere in funzione l apparecchio e

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO Teoria musicale - 2 DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO IL FENOMENO FISICO DEL SUONO Il suono è un fenomeno fisico generato dalla vibrazione di un corpo e percepito dal nostro sistema uditivo. La vibrazione viene

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni Appunti di Misure Elettriche Richiami vari QUANTITÀ ELETTRICHE... 1 Corrente... 1 Tensione... 2 Resistenza... 3 Polarità... 3 Potenza... 4 CORRENTE ALTERNATA... 4 Generalità... 4 Valore efficace... 5 Valore

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale 2. Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale Un amplificatore è realizzato con un LM74, con Ad = 00 db, polo di Ad a 0 Hz. La controreazione determina un guadagno ideale pari a 00.

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

Esercizio 1 Soluzione Esercizio 2 Soluzione

Esercizio 1 Soluzione Esercizio 2 Soluzione Esercizio 1 Si specifichi, mediante una formula del prim ordine un apparato che funziona nel modo seguente: All istante 0 esso emette un segnale s, che può essere uno 0 o un 1. Se, dopo l emissione di

Dettagli

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP Salve, questo circuito nasce dall'esigenza pratica di garantire continuità di funzionamento in caso di blackout (accidentale o provocato da malintenzionati)

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar:

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Doppio radar Doppia scala Controlli Radar 4G -Separazione - obiettivi -- Eliminazione

Dettagli

1. DESCRIZIONE BLACK VOICE... 2 2. COME EFFETTUARE LE CHIAMATE... 4 3. COME TRASFERIRE UNA CHIAMATA ALL'INTERNO DELL'AZIENDA... 4

1. DESCRIZIONE BLACK VOICE... 2 2. COME EFFETTUARE LE CHIAMATE... 4 3. COME TRASFERIRE UNA CHIAMATA ALL'INTERNO DELL'AZIENDA... 4 INDICE GENERALE 1. DESCRIZIONE BLACK VOICE... 2 2. COME EFFETTUARE LE CHIAMATE... 4 3. COME TRASFERIRE UNA CHIAMATA ALL'INTERNO DELL'AZIENDA... 4 4. COME DEVIARE LE CHIAMATE SU UN ALTRO APPARECCHIO...

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE.

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. Pagina 1 di 5 LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. A. Armani G. Poletti Spectra s.r.l. Via Magellano 40 Brugherio (Mi) SOMMARIO. L'impiego sempre più diffuso

Dettagli

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE 3. TEORIA DELL INFORMAZIONE INTRODUZIONE MISURA DI INFORMAZIONE SORGENTE DISCRETA SENZA MEMORIA ENTROPIA DI UNA SORGENTE NUMERICA CODIFICA DI SORGENTE 1 TEOREMA DI SHANNON CODICI UNIVOCAMENTE DECIFRABILI

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Aladino Vision, il nuovo concetto di cordless

Aladino Vision, il nuovo concetto di cordless Gentile Cliente, Ti ringraziamo per aver scelto Aladino Vision. Aladino Vision è unico, essenziale, elegante e definisce un nuovo concetto per la telefonia cordless assegnando un ruolo attivo alla stazione

Dettagli

Materiale di radiocomunicazione

Materiale di radiocomunicazione BevSTitelSeite PROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE Materiale di radiocomunicazione Ricetrasmittente SE-125 UFFICIO FEDERALE DELLA PROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE Febbraio 2004 1503-00-1-02-i.doc Indice Ricetrasmittente

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Federico Cerutti AA. 2011/2012 Modulo di Elementi di Informatica e Programmazione http://apollo.ing.unibs.it/fip/ 2011 Federico

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli