ADSL Principi di funzionamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ADSL Principi di funzionamento"

Transcript

1 ADSL Principi di funzionamento

2 ADSL... 1 Principi di funzionamento ADSL Principi di funzionamento... 3 Le origini... 3 Idee di base... 3 Il Training della linea... 5 I valori di linea... 5 I profili di servizio sul DSLAM

3 ADSL Principi di funzionamento Le origini L ADSL è nata dall esigenza precisa di superare la barriera di velocità imposta dalle tecnologie dialup (sia su PSTN che su ISDN) senza dover introdurre modifiche sostanziali sulle immense reti in rame già posate nel tempo dalle grandi società di telefonia. L ADSL è nata quindi con l obbiettivo di essere non solo molto più veloce del dialup, ma anche economicamente vantaggiosa, se paragonata a tecnologie di trasferimento dati dedicate come ad esempio la fibra ottica o le CDN (circuiti diretti numerici) che per la maggioranza degli utilizzatori domestici avrebbero avuto dei costi inaccessibili (dell ordine delle migliaia di euro/mese). Ovviamente, l ADSL è potuta nascere solo perché il continuo sviluppo della tecnologia ha consentito di sfruttare in maniera molto più efficiente il rame esistente. Cercheremo ora di raccontare, senza troppi tecnicismi, quali siano i principi di base della tecnologia ADSL per giungere, alla fine, alla spiegazione dei principali parametri che caratterizzano il funzionamento di una linea ADSL. Idee di base Una linea dialup trasporta troppo poco traffico, ma se avessimo a disposizione qualche sistema che ci consenta di usare assieme dieci, venti, cento linee dialup? Avremmo risolto il problema della banda disponibile! Giusto? L ADSL (acronimo di Asymmetrical Digital Subscriber Line) in maniera piuttosto sofisticata ha realizzato esattamente questo. In pratica, anziché usare molti doppini per avere velocità elevate, è stato messo a punto un modo per instaurare N trasferimenti paralleli di dati sopra un unico doppino telefonico. Il cavo di rame viene dunque utilizzato non più per far passare frequenze udibili (dire frequenze o dire suoni è più o meno la stessa cosa, a suoni diversi corrispondono frequenze diverse) come quelli del modem analogico (che costituiscono una minima parte delle frequenze utilizzabili) ma spingendo la trasmissione su frequenze ben più elevate. Qui sotto è possibile vedere una figura che mostra lo spettro delle frequenze adsl e anche di quelle dialup e la loro rispettiva collocazione (per spettro intenderemo l insieme delle frequenze che caratterizzano una data trasmissione ossia l insieme dei possibili differenti segnali trasmessi o ricevuti). Ovviamente, quello che ci interessa trasmettere sul doppino telefonico sono informazioni digitali, ossia sequenze di uno e zero che rappresentano i bit che vogliamo scambiare. Dato che utilizziamo segnali elettrici per trasmettere l informazione sul cavo di rame, questi segnali saranno chiamati segnali digitali proprio perché rappresentano sequenze di bit. Nella telefonia tradizionale i segnali elettrici coinvolti sono invece detti analogici (la voce umana convertita dal microfono in un segnale elettrico è un segnale analogico). Il grafico è più o meno in scala, in modo tale che sia possibile apprezzare l enorme estensione dei segnali adsl rispetto a quelli utilizzati nel dialup. In parole povere, l elevata banda disponibile nella tecnologia adsl, discende direttamente dall unione di molte sottobande (chiamate anche sottoportanti) che, prese singolarmente, possono essere paragonate ad una singolo doppino utilizzato in dialup (Nota bene: il concetto espresso è corretto, ma la tecnologia che sta alla base è abbastanza diversa). Qui sotto è possibile osservare una schematizzazione di quanto riportato 3

4 sopra. Ossia come la banda disponibile in adsl sia il risultato di una composizione di N sottobande più piccole. Ipotizziamo di poter trasportare in ogni sottobanda circa 40Kbps (in pratica poco meno di una linea dialup moderna) nella prima implementazione del protocollo ADSL (quella chiamata ADSL1 o G.DMT) è stato definito che di sottoportanti ve ne devono essere 256 (non tutte sono utilizzabili per il trasferimento dei dati cliente come vedremo) ripartite in 32 dedicate all upload dal cliente alla rete e 218 dalla rete al cliente (e 5 riservate per questioni di controllo o compatibilità con altri servizi) Facendo un po di conti banali, con 200 canali in download di cui ciascuno trasporta circa 40Kpbs, arriviamo a 8000Kbps, che è (più o meno) uguale al limite massimo della velocità raggiungibile in ADSL1. Nel protocollo ADSL2+, evoluzione del primo, alle 256 sottoportanti dell ADSL1, ne sono state aggiunte altre 256 e contemporaneamente è stato anche migliorata la capacità di trasporto di ogni singola sottobanda. La velocità massima (è più corretto indicarla come transfer rate) consentita dal protocollo ADSL2+ è di 24Mbps, ossia, ad un raddoppio del numero di canali disponibili è corrisposta una triplicazione della banda disponibile, merito questo di una maggiore efficienza del nuovo protocollo. Esempio di segnale digitale, il segnale può avere solo valori definiti (in questo esempio o vale 0 o vale 1) Esempio di segnale analogico, il segnale può assumere moltissimi valori. 4

5 Il Training della linea Ma perché, allora, non trasmettiamo sempre dati ad 8Mbps? Come facciamo a determinare quale sia la massima velocità sostenibile su una linea? Per rispondere a questi interrogativi è necessario capire cosa succede quando, acceso il modem adsl, la spia del modem stesso inizia a lampeggiare. Abbiamo detto che la tecnologia ADSL utilizza molte (più di 200) sottobande contemporanee per trasmettere i dati. Poiché le caratteristiche fisiche proprie di ogni doppino sono uniche (percorsi diversi, giunzioni, prolunghe, prese e simili ad esempio) sarà necessario prima di instaurare una comunicazione adsl fra il modem cliente e la centrale, analizzare le caratteristeche della linea stessa. In pratica, all accensione (o quando si stacca e si riattacca il cavetto telefonico), il modem del cliente emette un tono particolare in una delle sottobande di cui abbiamo parlato. Questo tono avverte l eventuale modem posto sul DSLAM di iniziare le sequenze di caratterizzazione della linea stessa con una procedura che ricorda l handshaking iniziale di una connessione dialup. Se dall altra parte della linea esiste effettivamente un DSLAM, inizierà uno scambio attivo di informazioni fra modem cliente e DSLAM che andranno ad analizzare (nel senso che faranno delle prove di trasmissione e ricezione di alcune sequenze di bit note) una per una tutte le sottobande possibili e per ciascuna di queste si scambieranno dati e informazioni del tipo sotto riportato: - potenza trasmessa sulla sottobanda - potenza ricevuta all altro capo - attenuazione nella sottobanda - livello di rapporto segnale/rumore nella sottobanda - velocità max di trasmissione nella sottobanda Vedremo poi meglio, nei prossimi paragrafi, cosa sgnificano questi parametri e come vengono visulaizzati o riussunti nei nostri sistemi di gestione. Il punto è che non tutte le sottobande (definite dagli standard) saranno in realtà utilizzabili pienamente. Se ipotizzassimo che ogni sottobanda possa trasportare al massimo 40kbps, in condizioni reali su alcune potremmo avere un trasferimento massimo di 20kbps su altre magari di soli 8kbps o addirittura potremmo non poter trasmettere per nulla su alcune delle sottobande definite. E logico pensare che tanto più sarà degradato il doppino tanto meno riusciremo a riempire ogni sottobanda. E così avremmo un infinità di possibili allineamenti per i nostri clienti. Nota bene: oltre che dalle caratteristiche fisiche statiche del doppino in rame (lunghezza, resistenza, numero di sezioni, etc) la possibilità di trasmettere dati ad una certa velocità dipende anche dai disturbi presenti sulla linea stessa! Stiamo parlando di disturbi elettrici o elettromagnetici che possono essere presenti in misura più o meno pesante. Molte linee adsl che viaggiano sullo stesso cavo primario sono in grado di influenzarsi negativamente, così pure la presenza di linee isdn molto vicine ad una linea adsl può essere fonte di disturbi sulla trasmissione. Anche i grossi impianti industriali possono esser fonte di disturbi sulle linee. La variazione delle condizioni atmosferiche determina anch essa una risposta differente del doppino in rame. L umidità, ad esempio, è il primo dei possibili fattori atmosferici capaci di peggiorare discretamente le prestazioni di una linea adsl. Il medesimo doppino generalmente presenta delle caratteristiche di allineamento massimo differenti fra il giorno e la notte. I valori di linea Ma come possiamo misurare la qualità di una linea? Stabilita la dinamicità naturale dei parametri di funzionamento di una linea adsl, rimane comunque necessario misurare le caratteristiche di una linea in modo numerico. La trattazione matematica precisa dei parametri associati alle linee adsl esula sicuramente dagli scopi di questa brevissima guida, pertanto, nel tentativo di esporre concetti tutt altro che banali saremo costretti a fare qualche assunzione dogmatica per alcune delle tematiche affrontate. Inoltre, poiché sarebbe poco agevole riportare i valori di una linea indicando le caratteristiche di ogni singola sottobanda (dovremmo riportare ogni volta 256 parametri) è naturare riportare un solo parametro che in qualche maniera rappresenta una media dei valori dello stesso parametro su tutte le sottobande. Iniziamo con un esempio: E esperienza comune che, nella conversazione con un altra persona, tanto più il nostro interlocutore è distante, tanto più saremo costretti ad urlare per poterci far sentire da lui. Inoltre, a parità di distanza, un ambiente molto rumoroso ci constringerà ugualmente a sollevare la voce nel tentativo 5

6 di essere sentiti. Se fossimo troppo distanti o se il rumore ambientale fosse troppo alto rispetto alla potenza della nostra voce, inevitabilmente la nostra conversazione non potrà essere fluida e veloce. Saremmo costretti a ripetere continuamente alcune delle nostre frasi o richiedere la ripetizione di altre al nostro interlocutore. L esempio sopra riportato è una trasposizione sostanzialmente perfetta di ciò che accade in una comunicazione digitale fra due modem adsl (uno in centrale e l altro a casa cliente). Le analogie sono veramente tante e questo non deve ovviamente meravigliare, le comunicaioni digitali sono solo una estensione moderna della voce umana e in quanto tali ne conservano molte delle caratteristiche e anche dei limiti. L attenuazione La prima analogia riguarda la distanza. Cosa succede ad un segnale elettrico quando attraversa un doppino? Si attenua! Così come la voce si attenua con l aumentare della distanza, analogamente il segnale elettrico decresce e si attenua con la lunghezza del doppino. Questo accade sicuramente per effetto della resistenza elettrica offerta dal cavo in rame stesso che, appunto, aumenta con l aumentare della distanza stessa (N.B. la resistenza del cavo elettrico non è l unico parametro o il più importante nella determinatione dell attenuazione di un segnale adsl, ma è quello che può riflettere meglio l idea comune di attenuazione). Il parametro di una linea adsl che definisce la misura di questo abbattimento del segnale si chiama quindi attenuazione. Vedremo poi la sua unità di misura. Ipotizziamo che l attenuazione dimezzi il nostro segnale. In pratica se rappresentassimo lo 0 e l 1 del nostro segnale digitale con dei valori di segnale elettrico sul doppino di 0 e 10, in seguito all attenuazione subita a destinazione potremmo avere un segnale elettrico di 0 e 5 Segnale originale Segnale attenuato Il rumore Anche nelle linee telefoniche (nei doppini) esiste un rumore di fondo. In realtà il rumore esiste in ogni cosa. Ogni evento reale è in qualche maniera perturbato da un qualche tipo di rumore. Il rumore nelle trasmissioni digitali ha varie origini, alcune dipendono dalle proprietà del conduttore stesso altre sono originate da disturbi di varia natura che si sovrappongono ai segnali che vogliamo trasportare sul cavo. Alcuni rumori sono quindi per così dire stazionari altri invece hanno un carattere più impulsivo. Se volessimo cercare il paragone nella conversazione umana, potermmo immaginare il tipico rumore di fondo di un luogo pubblico (un mercato, una stazione o cose simili) e associare questa situazione ad un rumore di tipo stazionario: il rumore stazionario è più o meno sempre uguale a se stesso, sappiamo che c è e ci permette di misurarlo in maniera immediata, basta non trasmettere niente e stare ad ascoltare cosa si riceve. Il rumore impulsivo invece, ha più l aspetto di un qualcosa di improvviso e non deterministico. Pensiamo ad esempio al passaggio di un aereo a bassa quota mentre stiamo parlando con qualcuno: quasi certamente dovremmo interrompere temporaneamente la nostra conversazione e magari ripetere le ultime parole. Analogamente, nel caso elettrico, un interferenza temporanea potrebbe alterare abbastanza la nostra tramissione digitale tanto da renderla inutilizzabile e richiederne la ritrasmissione. Questo è appunto il tipico rumore impulsivo. Purtroppo il rumore impulsivo non è determinabile a priori, non sappiamo ne quando questo si presenterà ne quanto sarà intenso. Tale indeterminazione non ci consente ovviamente di poter scegliere senza errori a priori quanto trasmettere forte per essere protetti dagli effetti dei possibili disturbi. 6

7 Diciamo, per ora, che esisteranno dei margini di funzionamento che potremmo utilizzare per tutelarci da un insieme di interferenze di un certo livello ma ovviamente non da tutte. Il segnale Come è facile immaginare, nell analogia della conversazione umana, il segnale (digitale) che trasmettiamo sul doppino, trova il suo corrispettivo nella voce umana. L analogia si spinge oltre il banale raffronto voce alta = segnale elettrico elevato e viceversa. E più semplice comprendere qualcuno che parla lentamente rispetto a chi parla velocemente, giusto? Analogamente, anche i segnali digitali sono più facilmente distinguibili (dal ricevitore digitale ovviamente) quando le velocità sostenute (il bit rate, ossia i vari kbps o Mbps di cui spesso sentiamo parlare) sono più basse. Trasmettere 8Mbps su un cavo in rame poggiato 30 anni fa non è una banalità! Entro breve capiremo anche perché questo capiti. In ogni caso, rammentiamo il concetto che i segnali digitali utilizzati per l adsl altro non sono che segnali elettrici. Tanto più questi saranno di ampiezza elevata, tanto più chiari e distinguibili saranno a destinazione o se vogliamo osservare il fenomeno da una prospettiva nuova, dato che i modems avranno a disposizione una potenza di trasmissione dei segnali digitali limitata (nel senso che non sarà ne infinita ne tantomeno elevata) l unico modo per garantire che i segnali arrivino a destinazione con un livello utilizzabile è quello di contenere l attenuzione entro valori prestabiliti. Il rapporto segnale rumore o SNR Ma come è possibile definire se un certo livello di segnale è accettabile? L aggettivo accettabile è qualcosa di qualitativo, mentre, per misurare un dato fenomeno dobbiamo trovare una relazione quantitativa che ci consenta di esprimere inequivocabilmente una situazione di buon funzionamento. Cosa ci occorre allora? Ora che abbiamo messo in conto il livello di segnale e il livello di rumore, una situazione che possiamo sicuramente quantificare è la seguente: Quante volte, a destinazione, il livello del segnale è maggiore del livello del rumore? Le operazioni da eseguire per realizzare questo calcolo sono banali: 1 quando nessuno trasmette sulla linea si rileva il livello del rumore, immaginiamo che questo valga 5 2 quando qualcuno trasmette sulla linea si rileva il livello del segnale, ad esempio 10 3 il rapporto segnale rumore sarà banalmente la divisione tra il livello del segnale e quello del rumore. Quindi, nel nostro caso, 10/5 = 2. Ossia il nostro segnale è 2 volte maggiore del rumore. Questo tipo di calcolo è in pratica lo standard di riferimento per molte altre misure nell ambito delle telecomunicazioni e non solo. Non avrebbe infatti senso considerare solo il livello del segnale, dobbiamo sempre tener presente il livello di rumore che andrà ad interferire con il nostro segnale e per garantire che il segnale sia sempre distinguibile imporremo delle condizioni sul rapporto tra il segnale e il rumore. Normalmente, un valore pari a due (il segnale è doppio del rumore) può già garantire una buona affidabilità sulla trasmissione. Ma quale è l unita di misura? In cosa sono espressi questi rapporti? Proprio perché stiamo parlando di rapporti tra grandezze (omogenee fra loro), il numero che ne deriva non ha una unità di misura propria è solo un numero! Un concetto importante da tenere presente è come si distribuiscano gli effetti di una variazione di questi valori. Cercheremo ora di chiarire con un piccolo esempio il significato di questa affermezione. Pensiamo ancora una volta alla voce umana e, ancora meglio, all orecchio umano che riceve la voce. Ipotizziamo di avere una radio e di poter controllare con un apposito strumento il livello del segnale applicato agli altoparlanti. Se partiamo dal volume 0 ovviamente il segnale misurato sarà 0 Portiamo il volume ad 1 (alla prima tacca) ed il corrispondente segnale misurato andra ad 1 (ipotesi) Portiamo ora il controllo volume in posizione 2, la nostra percezione sarà di un raddoppio del volume percepito e in questa situazione il livello del segnale misurato sarà pari a: 10. 7

8 Abbiamo dovuto rendere il segnale 10 volte più elevato rispetto al precedente per ottenere un raddoppio del livello sonoro percepito. Perché non è stato sufficiente raddoppiare il segnale? Risposta: Perché in natura non tutto segue una legge lineare! (lineare significa che ad un raddoppio della causa corrisponde un raddoppio dell effetto) Alcune cose, e fra queste l orecchio umano, non seguono leggi lineari ma seguono leggi di variazione chiamate logaritmiche. Senza entrare nel merito della trattazione matematica dei logaritmi, diciamo solo che quando si esprimono con i logaritmi le grandezze che variano secondo leggi logaritmiche, diventa molto piò semplice interpretarne gli effetti. Di più. Usando la notazione logaritmica è possibile esprimere potenze, attenuazioni, segnali ed SNR (d ora in avanti, il rapporto segnale rumore per brevità sarà chiamato: SNR, dall inglese Signal to Noise Ratio) mediante i db (decibel) che altro non sono che uno strumento matematico che aiuta enormemente nei calcoli. Esprimendo in db le varie grandezze infatti, tutte quelle che sono operazioni di moltiplicazione e divisione diventano banali operazioni di addizione e sottrazione. Anche il rapporto segnale rumore diventa banale! Vediamo un semplice esempio giusto per chiarire il concetto. La potenza (il livello) dei segnali trasmessi o del rumore presente su una linea viene convenzionalmente espressa in dbm dove la m sta per milliwatt (ossia il db viene applicato per rapresentare le potenze). Ipotizziamo: un trasmettitore (adsl) con una potenza in uscita di 20dBm e una linea con: un rumore costante con potenza 2dBm in ogni suo punto. Una attenuzione di 12dB Quale sarà SNR a destinazione? Fare il calcolo in db è immediato: 20dBm (potenza trasmessa) 12dB (attenuzione) 2dBm (rumore) = SNR 6dB Senza il db avremmo avuto bisogno di una calcolatrice e un bel po di tempo. Vediamo ora un po di grafici per comprendere meglio gli effetti del rumore su un segnale digitale. Immaginiamo di trasmettere un segnale digitale simile al seguente 8

9 Se a destinazione avessimo un SNR di 6dB il nostro segnale sarebbe simile al seguente: E quasi irriconoscibile! Se invece avessimo almeno 12dB la situazione migliora: Con 18dB il segnale a destinazione sarebbe già abbastanza simile a quello trasmesso 9

10 E per ultimo possiamo vedere un SNR di 24dB: Che è molto simile al segnale trasmesso. Il margine di SNR e gli errori Come è possibile osservare dai grafici precedenti il rumore è la prima causa di corruzione del nostro segnale adsl. Se l SNR peggiora oltre certi limiti, inevitabilmente non potremo garantire l integrità dei dati. La tecnologia adsl si basa su certe considerazioni piuttosto complicate (matematicamente parlando) che legano l SNR al numero di errori che si commettono decodificando la trasmissione ricevuta. In pratica, un modem adsl è un apparecchio abbastanza sofisticato che riesce anche a correggere un certo numero di errori al volo sempre che questi non diventino troppi. Le specifiche dell adsl dicono che: un modem potrà correggere in tempi accettabili un massimo di 1 bit ogni milione di bit ricevuti e riuscirà a fare questo se il livello di segnale è un certo numero di volte quello del livello di rumore. In pratica: Se una trasmissione digitale viene ricevuta con un livello di segnale almeno pari a N volte quello del rumore, allora si verificheranno meno di uno su un milione di bit sbagliati. Dobbiamo in pratica stabilire una condizione limite sul valore di SNR. Dato che se superiamo questa soglia di uno su un milione di bit sabgliati non siamo più in grado di mantenere una trasmissione comprensibile, dobbiamo porci nella condizione di rimanere sempre (o quasi) entro questo limite. Per far questo possiamo imporre una condizione di trasmissione ancora più stringente rispetto a quella che ci porta alla soglia d errore stabilita. Aggiungiamo in pratica un margine in più sull SNR, per mantenere l errore al di sotto del massimo stabilito. Normalmente questo margine aggiuntivo è fissato pari a 6dB. 10

11 E stato infatti dimostrato e verificato come un margine di almeno 6dB garantisca una sufficiente immunità al rumore nella maggior parte delle situazioni ordinarie. Non solo, questo cuscinetto di SNR aggiuntivo va anche ad assorbire le fluttuazioni naturali (meteorologiche ad esempio oppure le escursioni giorno/notte) dei parametri di una linea e del rumore ad essa associato. I profili di servizio sul DSLAM Affinchè sia possibile erogare un servizio ai clienti, deve esistere la possibilità di stabilire in maniera univoca le caratteristiche tecniche del servizio offerto. Sulle macchine preposte alla raccolta dei clienti adsl, i DSLAM, dovrà esistere la possibilità di definire tali parametri e di associarli alle porte di ogni cliente. A rigor di logica ci occorre stabilire piuttosto poco per definire un profilo. Oltre alla semplice etichetta, un nome che lo caratterizzi in pratica, dovremmo stabilire almeno: 1) il massimo rate in download 2) il massimo rate in upload 3) il target per il Margine di SNR, ossia la garanzia sul margine di cui abbiamo parlato. Certo è che, in un dslam reale, esistono molti altri parametri associabili al profilo. Ma per ciò che ci interessa ora, ossia comprenderne il significato, sono del tutto superflui, basta pensare ad esempio al settaggio di una linea in adsl1 piuttosto che adsl2+ o simili. In pratica, l esigenza soddisfatta dal profilo è quella di limitare i parametri di allineamento del cliente. 1- Evitare che il cliente possa ottenere un servizio differente da quello per cui paga 2- Garantire che il cliente rimanga entro soglie di funzionamento accettabili. Come funziona allora la negoziazione dei parametri di linea quando devono essere rispettati i vincoli di profilo? E semplice! La regola è: Negoziare la massima velocità possibile fino al rate massimo consentito e nel rispetto del target di Margine SNR imposto. Quindi? Facciamo un esempio per capire meglio. Supponiamo che la linea possa sopportare tecnicamente una velocità di trasmissione elevata (8Mbps ad esempio), supponiamo inoltre che il profilo applicato al cliente sia di soli 2Mbps con un target SNR Margin di 6dB. Cosa capiterà? Come abbiamo già visto, il dslam e il modem cliente inizieranno a scambiarsi informazioni sulle potenzialità di trasmissione sul doppino. Il dslam cercherà in pratica di aprire, una per una, tutte le sottoportanti possibili per arivare a trasmettere a 2Mbps verso il cliente. Contemporaneamente, dopo ogni nuova sottobanda verificata, (dato che a parità di rumore a velocità maggiori corrispondono SNR più bassi) viene verificato che l SNR Margin residuo sia MAGGIORE o uguale rispetto a quello imposto dal profilo. Se, come nella nostra ipotesi iniziale, questo è vero, il dslam trasmetterà a 2Mbps verso il modem cliente e contemporaneamente rimarrà dunque un Margine di SNR sicuramente maggiore di 6dB. Da questo esempio possiamo trarre alcune conclusioni e fissare dei concetti importanti. Esisterà un Current Rate ossia la velocità effettiva con cui si trasmette sulla linea. Questo current rate sarà sicuramente minore o al più uguale alla massima velocità sostenibile dalla linea (minore nel caso in cui il limite sia imposto dal profilo assegnato). Esisterà un Attainable Rate che rappresenta quindi: la massima velocità sostenibile dalla linea nel rispetto del Target SNR Margin. Ossia, rappresenta la velocità di trasmissione nel momento in cui il margine residuo è (almeno) uguale al target richiesto (6dB nel nostro esempio) Quindi, una linea con un profilo ad 8Mbps che ha un attainable rate di 4Mbps circa come si comporterà in fase di allineamento? Dslam e modem, come è consueto, cercheranno di negoziare la massima velocità sostenibile. Quindi il dslam aprirà le varie sottobande in trasmissione, ma stavolta arrivatò a 4Mbps smetterà perché avrà raggiunto il limite imposto dal Margine di SNR. 11

12 Durante il normale funzionamento della linea adsl, ossia una volta che l allineamento è stato raggiunto e accettato da entrambe le parti, viene inoltre periodicamente controllato il margine di SNR. Se il sistema rileva che la condizione di target è stata violata più di un certo numero di volte la linea viene disattivata e viene ripetuta la procedure di allineamento. Questo è il caso classico di linee molto degradate, i cui parametri variano in maniera pesante anche nell arco di pochi minuti. In tali situazioni il dslam vedendo violate le condizioni di target propone continuamente nuovi allineamenti nel tentativo di rendere stabile il funzionamento della linea stessa. Vediamo ora, a titolo puramente esemplificativo, i parametri di una linea d esempio: Port: 20 Admin Status: Unlock Profile Name: adsl24m Opera Status: Up ATU-C Line Defect: No Defect ATU-R Line Defect: No Defect Line Standard: Adsl2+ Mode ATU-C SNR Margin: 7.5 (db) ATU-R SNR Margin: 6.0 (db) ATU-C Attenuation: 0.0 (db) ATU-R Attenuation: 5.5 (db) ATU-C Output Power: 11.2 (mdb) ATU-R Output Power: 12.4 (mdb) ATU-C Attainable Rate: (kbps) ATU-R Attainable Rate: 1206 (kbps) ATU-C Current Tx Rate: (kbps) ATU-R Current Tx Rate: 1169 (kbps) Come è possibile notare,viene indicato il numero di porta (20) il nome del profilo (adsl24m) Lo standard usato sulla linea (adsl2+) e poi alcuni valori che ormai abbiamo imparato a comprendere: Troviamo ATU-C e ATU-R SNR Margin, l attenuzione sempre in ATU-C e ATU-R, la potenza trasmessa (Output power), L attainable rate e il current rate. Una piccola precisazione sul significato di ATU-C e ATU-R. ATU è l acronimo di ADSL Transmission Unit ed è in poche parole un modo per chiamare il modem ADSL. ATU-C è il modem ADSL in centrale (C sta per Central Office) ATU-R è il modem ADSL in casa cliente (R sta invece per Remote) Quindi, per capire bene il significato dei parametri dobbiamo metterci ad osservare il fenomeno dalla parte giusta Riflettiamo su ATU-C SNR Margin: Significa che è l SNR Margin misurato in CENTRALE Quindi? Significa che se la destinazione è la centrale la trasmissione è avvenuta con direzione Casa cliente -> Centrale e questo è l upstream del cliente quindi ATUC SNR è l SNR in UP Analogamente il caso del downstream. L attenuazione è identica nel ragionamento e porta al fatto che ATUC Attenuation è l attenuazione in UP (io vedo arrivare, in centrale, un livello di segnale che misuro. Chiedo al modem dell altra parte quanta potenza è stata utilizzata per trasmetterlo e per differenza ottengo l attenuazione nella direzione indicata). Atu-c current e attainable rate, sempre con identico ragionamento, ATUC: misuro in centrale. Il current e l attainable rate sono parametri che rappresentano una trasmissione dalla centrale al cliente, quindi L atu-c current rate è: la velocità con cui trasmetto verso il cliente ossia il suo downstream. Il discorso è analogo nel caso di atu-r, ossia atu-r current rate ad esempio rappresenta la velocità di trasmissione dal cliente alla centrale ossia il suo upstream. Sempre nell esempio indicato sopra, appare evidente come il current (per ATU-C) sia praticamente uguale al valore dell attainable rate e infatti risulta che il Margine di SNR in ATU-R sia di appunto 6dB, ossia il target assegnato al profilo. Il profilo in pratica ha un valore massimo superiore alla capacità della linea. In questa situazione la linea negozierà appunto il massimo valore di trasmissione possibile fino al raggiungimento del target SNR. In ogni profilo del DSLAM, ovviamente, esistono target Margin e velocità minime e massime definibili in modo indipendente sia per l upstream che per il downstream. 12

Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda ADSL (up to 1104 KHz)

Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda ADSL (up to 1104 KHz) LA MODULAZIONE DMT Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda (up to 1104 KHz) Consente di suddividere la banda di trasmissione in un determinato numero di sottobande (BINS) a ciascuna

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Sistemi operativi di rete (locale) In una LAN si vogliono condividere

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Tecniche di trasmissione!2 Ogni rete di calcolatori necessita di un supporto fisico di collegamento

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 2 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Richiami sul concetto di multiplazione 2 Riprendendo il discorso sulle diverse

Dettagli

Accesso a larga banda. Accesso a larga banda (xdsl)

Accesso a larga banda. Accesso a larga banda (xdsl) Accesso a larga banda (xdsl) Accesso a larga banda (xdsl) xdsl = diverse tecniche di trasmissione numerica su doppino telefonico DSL = Digital Subscriber Line (Linea d Utente Numerica) Un sistema xdsl

Dettagli

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS c.so Duca degli Abruzzi 4 1019 Torino (Italy) Fax +39 011 564 4099 pag. /34 Premessa Il seguente capitolo illustra i principi tecnici fondamentali a cui si ispirano le tecnologie utilizzate per i serivizi

Dettagli

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica ISDN ADSL RAS Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto ATM Reti wireless

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali.

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 01CXGBN Trasmissione numerica parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 1 TRASMISSIONE NUMERICA Trasmissione da un utente TX a un utente RX di informazione discreta

Dettagli

Capitolo 1 - Numerazione binaria

Capitolo 1 - Numerazione binaria Appunti di Elettronica Digitale Capitolo - Numerazione binaria Numerazione binaria... Addizione binaria... Sottrazione binaria... Moltiplicazione binaria... Divisione binaria... Complementazione... Numeri

Dettagli

MEZZI DI TRASMISSIONE DATI

MEZZI DI TRASMISSIONE DATI MEZZI DI TRASMISSIONE DATI Per scambiare dati tra due unita' (computer o altri apparecchi) occorre un collegamento. La caratteristica principale di un mezzo di trasmissione telematico e' la velocita' di

Dettagli

Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl

Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Aspetti generali della tecnologia xdsl Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl Il DSLAM 10.2 Genericamente le tecnologie

Dettagli

Lezione 28 Maggio I Parte

Lezione 28 Maggio I Parte Lezione 28 Maggio I Parte La volta scorsa abbiamo fatto un analisi dei fenomeni di diafonia e avevamo trovato che per la diafonia vicina il valore medio del quadrato del segnale indotto dalla diafonia

Dettagli

Internet. Presentato da N. Her(d)man & Picci. Fabrizia Scorzoni. Illustrazioni di Valentina Bandera

Internet. Presentato da N. Her(d)man & Picci. Fabrizia Scorzoni. Illustrazioni di Valentina Bandera Internet Presentato da N. Her(d)man & Picci Fabrizia Scorzoni Illustrazioni di Valentina Bandera Titolo: Internet Autore: Fabrizia Scorzoni Illustrazioni: Valentina Bandera Self-publishing Prima edizione

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Lettere e Filosofia La telematica Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica Marco Lazzari A.A. 2005-2006 Telematica: telecomunicazioni

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

Reti di accesso e mezzi trasmissivi

Reti di accesso e mezzi trasmissivi Reti di accesso e mezzi trasmissivi Domanda: come si connettono gli host agli edge router? Reti di accesso residenziale (da casa) Reti di accesso istituzionali (scuole, università, aziende) Reti di accesso

Dettagli

Connettività in Italia

Connettività in Italia Connettività in Italia Tipologie di connettività per clienti business e consumer Dott. Emiliano Bruni Tipologie di connettività PSTN ISDN CDA CDN Frame Relay ADSL HDSL Satellite Wireless Punto-punto Wireless

Dettagli

GSM/GPRS/UMTS/HSDPA: evoluzione delle tecnologie e nuovi scenari applicativi

GSM/GPRS/UMTS/HSDPA: evoluzione delle tecnologie e nuovi scenari applicativi www.telit.com GSM/GPRS/UMTS/HSDPA: evoluzione delle tecnologie e nuovi scenari applicativi Sergio Sciarmella I sistemi di telecomunicazione e le reti wireless in particolare sono cambiate in modo radicale

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Giovedì 22-05-2014 1 Reti wireless Una

Dettagli

Indirizzi in Internet

Indirizzi in Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

xdsl Generalità xdsl fa riferimento a tutti i tipi di Digital Subscriber Line

xdsl Generalità xdsl fa riferimento a tutti i tipi di Digital Subscriber Line xdsl Generalità xdsl fa riferimento a tutti i tipi di Digital Subscriber Line ADSL: asymmetric DSL SDSL: symmetric DSL HDSL: High-data-rate DSL VDSL: Very high DSL E una tecnologia utilizzata per fornire

Dettagli

Indica la velocità con cui una sorgente numerica emette i bit Per un canale di comunicazione i ne precisa la capacità trasmissiva Si misura in bit/s

Indica la velocità con cui una sorgente numerica emette i bit Per un canale di comunicazione i ne precisa la capacità trasmissiva Si misura in bit/s Precisiamo i innanzitutto it tt DUE NOZIONI 1. Banda a livello 1 2. Bit rate (frequenza di cifra) BANDA (LIVELLO FISICO) È riferita al dominio delle frequenze Si misura in Hz Banda di un segnale Banda

Dettagli

Dispense del corso di Elettronica Ls Prof. Guido Masetti

Dispense del corso di Elettronica Ls Prof. Guido Masetti Dispense del corso di Elettronica Ls Prof. Guido Masetti Elaborazione dei segnali 1 Sommario Elaborazione del segnale Sistemi lineari tempo invarianti (LTI), tempocontinui e tempo-discreti Analisi di Fourier

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

La tecnologia ADSL. Cos è l ADSL

La tecnologia ADSL. Cos è l ADSL La tecnologia ADSL ADSL (Asymmetric Digital Subscriber Line) è una sigla che letteralmente significa linea di abbonamento digitale asimmetrica. Rappresenta ormai una realtà negli Stati Uniti per la connettività

Dettagli

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT Il gestore di un ipermercato richiede l' installazione di un access point da utilizzare per il collegamento wireless delle casse automatiche alla rete

Dettagli

DigitalSubscriberLine(DSL)

DigitalSubscriberLine(DSL) DigitalSubscriberLine(DSL) 1 La famiglia di tecnologie, nota come DSL (DigitalSubscriberLine), è stata introdotta allo scopo di aumentare il ritmo binario sulle ordinarie linee d utente fino a valori dell

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Martedì 26-05-2015 1 Confronto tra switch

Dettagli

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Fino a qualche anno fa, per poter gestire e trasmettere a distanza i dati elaborati si utilizzava il mainframe, in cui tutta la potenza di calcolo era concentrata

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

Internet e il World Wide Web. Informatica Generale -- Rossano Gaeta 30

Internet e il World Wide Web. Informatica Generale -- Rossano Gaeta 30 Internet e il World Wide Web 30 Tecnologia delle Telecomunicazioni Uso di dispositivi e sistemi elettromagnetici per effettuare la comunicazione a lunghe distanze (telefoni, televisione, radio, etc) Comunicazione

Dettagli

Velocità su una linea ADSL

Velocità su una linea ADSL Cosa è l ADSL? ADSL (Asymmetric Digital Subscriber Line) è una tecnologia per la trasmissione digitale di informazioni ad alta velocità sulle linee telefoniche esistenti (in Italia monopolio di Telecom

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 4: Tecnologie xdsl Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/39 Tecnologie xdsl di nuova generazione Le tecniche

Dettagli

SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE

SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE L acronimo xdsl indica una famiglia di sistemi che consente di impiegare il doppino telefonico in rame per trasportare il traffico numerico

Dettagli

GUIDA ALLA RETE DOMESTICA: NETWORKING!

GUIDA ALLA RETE DOMESTICA: NETWORKING! GUIDA ALLA RETE DOMESTICA: NETWORKING Premessa: Questa guida è volutamente semplificata al fine di rendere più comprensibili e pratici molti concetti di networking. Molti particolari sono stati omessi,

Dettagli

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.)

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Inizialmente, con l avvento dei PC, il mondo dell elaborazione dati era diviso in due

Dettagli

Il livello fisico e Topologie di rete. Mauro Gaspari

Il livello fisico e Topologie di rete. Mauro Gaspari Il livello fisico e Topologie di rete Mauro Gaspari 1 Il livello fisico I protocolli sono realizzati sopra il livello fisico Lo scopo del livello fisico è di trasportare un flusso grezzo di bit da una

Dettagli

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Il problema 2 Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Prof. Roberto De Prisco TEORIA - Lezione 4 Multiplexing Un singolo utente (del canale) potrebbe non utilizzare tutta la capacità Lasciare l

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO

COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO Il ponte radio è un sistema di radiocomunicazione punto-punto che impiega frequenze nel campo delle microonde, in grado di convogliare informazioni telefoniche, televisive e

Dettagli

Modem analogici. Modem Rete Modem

Modem analogici. Modem Rete Modem xdsl Modem analogici Linea telefonica Linea telefonica Modem Rete Modem Il canale telefonico ha una banda di circa 3,3 KHz ( tra 300 Hz e 3.400 Hz). I modem utilizzano tale banda per trasmettere i dati

Dettagli

) *!' " * +! #"#, ( -. - ( 0 0 00. - #

) *!'  * +! ##, ( -. - ( 0 0 00. - # ! " $% & ' ( ) *!' " * +! ", ( -. - /. - 0 0( ( ) $% * ++! " * +, ( -. - ( 0 0 00. - / 12! ) 1 1 3 /4**' $% * 3* 0 5 6 0!56" * 7'! "( - $% ' /. - 0560, 8 * 56 *, * 9$, $% 0560 :+; * " 3 *' $% ' /*, '(

Dettagli

COMUNICAZIONE SERIALE

COMUNICAZIONE SERIALE LA COMUNICAZIONE SERIALE Cod. 80034-02/2000 1 INDICE GENERALE Capitolo 1 Introduzione alla comunicazione seriale Pag. 3 Capitolo 2 Protocollo CENCAL Pag. 19 Capitolo 3 Protocollo MODBUS Pag. 83 2 CAPITOLO

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

RETI TELEMATICHE / RETI DI CALCOLO Capitolo II Servizi di comunicazione geografici

RETI TELEMATICHE / RETI DI CALCOLO Capitolo II Servizi di comunicazione geografici Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Ingegneria - Sede distaccata di Mantova MASTER DI 1 LIVELLO

Dettagli

Lezione 4. Le Reti ed i Protocolli

Lezione 4. Le Reti ed i Protocolli Lezione 4 Le Reti ed i Protocolli Come nasce internet I computer, attraverso i software applicativi, consentono di eseguire moltissime attività. Nel corso degli anni è emersa la necessità di scambiare

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Lezione 9: strato fisico: mezzi trasmissivi 1 Mezzi trasmissivi Vedremo una panoramica sui diversi mezzi trasmissivi utilizzati tipicamente nelle reti di computer,

Dettagli

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slide) è protetto dalle leggi sul copyright e dalle disposizioni dei trattati internazionali. Il titolo e i copyright relativi alle slides

Dettagli

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Barellini A. 1,Bogi L. 2, Licitra G. 3, Silvi A.M. 2 1 ARPA Toscana Dip. Prov.le Pisa via V.Veneto,

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione --------------- RX-AUDIO-2.4 Caratteristiche Nessuna compressione per alta qualità del suono, latenza di 0.5 ms. Audio digitale con frequenza di campionamento a 44.1 KHz e 16-bit di risoluzione. Demodulazione

Dettagli

Mezzi trasmissivi. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Funzionamento di base

Mezzi trasmissivi. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Funzionamento di base Mezzi trasmissivi Vittorio Maniezzo Università di Bologna Funzionamento di base Si codificano i dati come energia e si trasmette l'energia Si decodifica l'energia alla destinazione e si ricostruiscono

Dettagli

Convertitori numerici in Excel

Convertitori numerici in Excel ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA Convertitori numerici in Excel Prof. G. Ciaschetti Come attività di laboratorio, vogliamo realizzare dei convertitori numerici con Microsoft Excel

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI ESAME DI SAO DI ISIUO POFESSIONALE A.S. 2000/2001 Indirizzo: ECNICO DELLE INDUSIE ELEONICHE ema di: ELEONICA, ELECOMUNICAZIONI E APPLICAZIONI Il candidato, formulando di volta in volta tutte le ipotesi

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE INDICE 1. Introduzione...3 2. Lista delle abbreviazioni...3 3. Requisiti e architettura del test jig COMMS...4 3.1 I compiti

Dettagli

Introduzione: scelta della tecnica di accesso multiplo

Introduzione: scelta della tecnica di accesso multiplo Sistema UMTS Tecnica di accesso W-CDMA Introduzione: scelta della tecnica di accesso multiplo... 1 Concetti generali sul CDMA... 3 L operazione di spreading... 6 Parametri caratteristici dell operazione

Dettagli

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Il problema 04.2 Utilizzo efficiente del canale di comunicazione -04: Multiplexing Autunno 2002 Prof. Roberto De Prisco Un singolo utente (del canale) potrebbe non utilizzare tutta la capacità Lasciare

Dettagli

Tele-didattica nella formazione professionale: uno sguardo al grado di sviluppo in Germania

Tele-didattica nella formazione professionale: uno sguardo al grado di sviluppo in Germania Titel: Tele-didattica nella formazione professionale: uno sguardo al grado di sviluppo in Germania Autor: Eckart Severing Erschienen in: Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale (Ed.): Sistema di

Dettagli

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Autunno 2002 Prof. Roberto De Prisco -04: Multiplexing Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Il problema 04.2 Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Un singolo utente

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE " VILLAGGIO DEI RAGAZZI " (MADDALONI) PIANO DI LAVORO. Anno scolastico 2005/2006

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE  VILLAGGIO DEI RAGAZZI  (MADDALONI) PIANO DI LAVORO. Anno scolastico 2005/2006 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE " VILLAGGIO DEI RAGAZZI " (MADDALONI) PIANO DI LAVORO Anno scolastico 2005/2006 Materia di insegnamento: TELECOMUNICAZIONI Ore settimanali: 3 Classe: 4^ Sezione: A Docente

Dettagli

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Codifica dei Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Perché Codificare i

Dettagli

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza Modulazioni Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 06 Modulazioni 1/29 Comunicazione a lunga distanza I segnali elettrici si indeboliscono quando viaggiano su un

Dettagli

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA UDITIVO PROF. EDORDO ARSLAN Indice 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

informatica distribuita

informatica distribuita Reti di computer Negli anni settanta, si è affermato il modello time-sharing multi-utente che prevede il collegamento di molti utenti ad un unico elaboratore potente attraverso terminali Gli anni ottanta

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 1 - INTRODUZIONE Prof. Mario Barbera 1 Argomenti della lezione Cenni storici Definizioni: Sorgente di informazione Sistema di comunicazione Segnali trasmissivi

Dettagli

IPSOS PANEL MEDIACELL

IPSOS PANEL MEDIACELL MODULO 3.1 IPSOS PANEL MEDIACELL Brochure di assegnazione telefoni Nobody s Unpredictable CONTENUTI Pag. INTRODUZIONE 3 COSA LE CHIEDIAMO DI FARE 4 COME FUNZIONA IL SISTEMA 5 IL SUO COMPITO: 1.COMPILARE

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 8 -

Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Esercizio Convertire i seguenti numeri da base 10 a base 2: 8, 23, 144, 201. Come procedere per risolvere il problema? Bisogna ricordarsi che ogni sistema,

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 3 Giovedì 12-03-2015 Reti a commutazione di pacchetto datagram Le reti a commutazione

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2004/05 Blocco 1 Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Definizioni- Le funzionalità delle reti di TLC 2 Definizioni Comunicazione: trasferimento

Dettagli

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Le tecniche di accesso multiplo si dividono in tre classi: Protocolli deterministici o senza contesa: evitano la possibilità che due utenti accedano al

Dettagli

Unbundling e xdsl. Mario Baldi

Unbundling e xdsl. Mario Baldi Unbundling e xdsl Mario Baldi Politecnico di Torino Dipartimento di Automatica e Informatica mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2004/05 Blocco 3 Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Le sorgenti di traffico in una rete di TLC 2 Tipi di flussi di informazione Messaggi

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

Multiplexing. Multiplexing. Multiplexing a Divisione di Frequenza (FDM) Tipi di Multiplexing

Multiplexing. Multiplexing. Multiplexing a Divisione di Frequenza (FDM) Tipi di Multiplexing Multiplexing I semestre 02/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Multiplexing In genere un utente non riesce ad utilizzare tutta la banda messa a disposizione

Dettagli

Conversione analogico digitale

Conversione analogico digitale Conversione analogico digitale L elettronica moderna ha spostato la maggior parte delle applicazioni nel mondo digitale in quanto i sistemi a microprocessore sono diventati più veloci ed economici rispetto

Dettagli

Roma, 24 Novembre 2014

Roma, 24 Novembre 2014 Roma, 24 Novembre 2014 Piano di rete Comune di GUARDIAGRELE (CH) Piano 2015 Indice dei contenuti INTRODUZIONE 1 ACCENNI SUL SISTEMA CELLULARE 1.1 UMTS E HSDPA: LA NUOVA TECNOLOGIA E LA SUA EVOLUZIONE 1.2

Dettagli

TRASMETTITORI E RICEVITORI

TRASMETTITORI E RICEVITORI Esempio: Un ricevitore ha un resistore di polarizzazione del valore di 10 kω e una capacità di giunzione del fotodiodo del valore di 4 pf. Il fotodiodo è accoppiato in continua con un amplificatore ad

Dettagli

Lezione 15: Un po di cose in generale

Lezione 15: Un po di cose in generale Lezione 15: Un po di cose in generale Abbiamo visto come possiamo associare ad alcune forme del piano o dello spazio delle espressioni analitiche che le rappresentano. Come un equazione sia una relazione

Dettagli

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010 1 8: Strato fisico: campionamento, multiplexing FDM e TDM Dati analogici, segnali numerici 2 Per poter trasmettere un dato analogico con una trasmissione digitale è necessario trasformare il dato analogico

Dettagli

Internet in due parole

Internet in due parole Internet in due parole Versione 1.1 18-9-2002 INTERNET IN DUE PAROLE...1 VERSIONE 1.1 18-9-2002...1 COSA È INTERNET?... 2 TIPI DI CONNESSIONE.... 2 Cosa è un modem...2 ADSL...2 Linee dedicate...2 CONNESSIONE

Dettagli

Corso di Acustica prof. ing. Gino Iannace

Corso di Acustica prof. ing. Gino Iannace Corso di Acustica prof. ing. Gino Iannace e-mail: gino.iannace@unina2.it prof. ing. Gino IANNACE 1 Il suono è un "rumore sgradevole", "un suono fastidioso, non desiderato". Dal punto di vista fisico, il

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili!

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili! Capitolo 6 Wireless LAN: via i fili! Spesso la realizzazione di una rete impone maggiori problemi nella realizzazione fisica che in quella progettuale: il passaggio dei cavi all interno di apposite guide

Dettagli

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005 COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/005 1. Gli esercizi devono essere risolti su fogli separati: uno per la prima parte del compito (esercizi 1/4), uno per la seconda parte (esercizi

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Evoluzione dei sistemi informatici

Evoluzione dei sistemi informatici Evoluzione dei sistemi informatici Cos è una rete? Insieme di calcolatori autonomi tra loro collegati mediante una rete di comunicazione Gli utenti sono in grado di interagire in modo esplicito con la

Dettagli

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare I semestre 04/05 Tecnologie Radio Cellulari Reti Cellulari Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Livello fisico. Mezzi di Trasmissione. Fattori di Progetto. Mezzi trasmissivi. Prof. Vincenzo Auletta

Livello fisico. Mezzi di Trasmissione. Fattori di Progetto. Mezzi trasmissivi. Prof. Vincenzo Auletta I semestre 03/04 Livello fisico Mezzi di Trasmissione Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Il livello fisico deve garantire il trasferimento di un flusso

Dettagli

La Comunicazione tra Computer e le Reti

La Comunicazione tra Computer e le Reti La Comunicazione tra Computer e le Reti Prof. Vincenzo Auletta 1 Rete di Computer Insieme di computer, opportunamente collegati tra loro, che trasmettono informazioni. Stazione/Nodo: Apparecchio collegato

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI. Il traffico dati è quello caratterizzato per lo studio che stiamo facendo ed è caratterizzato da almeno 3 qualità.

RETI DI CALCOLATORI. Il traffico dati è quello caratterizzato per lo studio che stiamo facendo ed è caratterizzato da almeno 3 qualità. RETI DI CALCOLATORI Il traffico dati è quello caratterizzato per lo studio che stiamo facendo ed è caratterizzato da almeno 3 qualità. - NON CONTINUITA TEMPORALE O INTERMITTENZA: al server viene fatta

Dettagli