RETI DI TELECOMUNICAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RETI DI TELECOMUNICAZIONE"

Transcript

1 RETI DI TELECOMUNICAZIONE SISTEMI M/G/1 e M/D/1 Sistemi M/G/1 Nei sistemi M/G/1: i clienti arrivano secondo un processo di Poisson con parametro λ i tempi di servizio hanno una distribuzione generale della quale si conosce il valore medio e la varianza abbiamo la presenza di un unico servente indichiamo con X i il tempo di servizio del generico cliente i-esimo sarà SISTEMI M/G/1 e M/D/1 2 1

2 Formula di Pollaczek-Khinchin Per un sistema M/G/1 il tempo medio di attesa in cosa è dato dalla relazione Dimostrazione Siano W i il tempo di attesa in coda dell i-esimo cliente; R i il tempo di servizio residuo visto dall i-esimo cliente (corrisponde al tempo addizionale che trascorre nel servente il cliente che vi si trova quando arriva l i-esimo cliente: in altre parole il tempo che intercorre da quando arriva l i-esimo cliente a quando esce il primo cliente dal sistema dopo l arrivo dell i-esimo cliente); X i tempo di servizio dell i-esimo cliente; N i numero di clienti trovati in attesa in coda dall i-esimo cliente al suo arrivo; SISTEMI M/G/1 e M/D/1 3 Formula di Pollaczek-Khinchin Dimostrazione Il tempo di attesa in coda dell i-esimo cliente sarà dato dalla somma del tempo di servizio residuo e dei tempi di servizio di tutti i clienti già accodati Possiamo calcolare il valore atteso del tempo di attesa in coda SISTEMI M/G/1 e M/D/1 4 2

3 Formula di Pollaczek-Khinchin Dimostrazione nell ultima relazione si è sfruttata la linearità dell operatore E{ } e la relazione Il valore atteso del tempo di attesa in coda sarà quindi dato dalla somma del valore atteso del tempo di servizio residuo e del valore atteso del numero di clienti in coda moltiplicato il valore atteso del tempo di servizio Posto possiamo scrivere SISTEMI M/G/1 e M/D/1 5 Formula di Pollaczek-Khinchin Dimostrazione e sfruttando la legge di Little per il numero di utenti in coda si ottiene Per calcolare R consideriamo il processo tempo di servizio residuo r(τ) Se l i-esimo cliente arriva all istante t osserverà un tempo di servizio residuo r(t) SISTEMI M/G/1 e M/D/1 6 3

4 Formula di Pollaczek-Khinchin Dimostrazione Possiamo graficare un tipico andamento del processo r(τ) posto M(t) pari al numero di completamenti di servizio nell intervallo [0, t], sarà SISTEMI M/G/1 e M/D/1 7 Formula di Pollaczek-Khinchin Dimostrazione Al tendere di t ad infinito M(t) tende al numero di clienti arrivati, quindi: ed inoltre il secondo termine tende al valore quadratico medio (stiamo considerando il sistema ergodico) Sarà allora e quindi la dimostrazione della formula SISTEMI M/G/1 e M/D/1 8 4

5 Sistemi M/G/1 Il tempo di attesa nel sistema sarà dato da applicando la legge di Little possiamo calcolare il numero di utenti medio in coda e il numero di utenti medio nel sistema SISTEMI M/G/1 e M/D/1 9 Relazione fra sistemi M/M/1 e M/G/1 I sistemi M/M/1 sono un caso speciale dei sistemi M/G/1 Per un sistema M/M/1 sarà da cui Tempo medio di attesa in coda Tempo medio di attesa nel sistema SISTEMI M/G/1 e M/D/1 10 5

6 Relazione fra sistemi M/M/1 e M/G/1 e utilizzando la legge di Little, numero medio di clienti in coda numero medio di clienti nel sistema Tutte i valori medi trovati coincidono con quelli già ricavati per i sistemi M/M/1 SISTEMI M/G/1 e M/D/1 11 Sistemi M/D/1 Nei sistemi M/D/1 il tempo di servizio è costante (le unità informative hanno tutte la stessa lunghezza) Sarà Anche i sistemi M/D/1 sono un caso speciale di sistemi M/G/1 per cui vale la formula di Pollaczek-Khinchin Possiamo ricavare Tempo medio di attesa in coda SISTEMI M/G/1 e M/D/1 12 6

7 Sistemi M/D/1 Tempo medio di attesa nel sistema e utilizzando la legge di Little, numero medio di clienti in coda numero medio di clienti nel sistema SISTEMI M/G/1 e M/D/1 13 Sistemi M/M/1, M/G/1 e M/D/1 I sistemi M/M/1 e M/D/1 costituiscono i due casi estremi del comportamento di un sistema generico M/G/1 In particolare i valori trovati per il tempo medio di attesa in coda W, per il tempo medio di attesa nel sistema T, per il numero medio di clienti in coda N q, e per il numero medio di clienti nel sistema N saranno minimi per un sistema M/D/1 e massimi per un sistema M/M/1 L ipotesi di sistema M/M/1 è quindi sempre quella più pessimistica e quindi, progettando un sistema utilizzando queste ipotesi, in qualunque caso, il comportamento reale avrà delle prestazioni migliori rispetto a quelle teorizzate SISTEMI M/G/1 e M/D/1 14 7

8 Analisi di un sistema con protocollo Automatic Repeat request (ARQ) Sia dato un sistema ARQ go-back-n nel quale la ritrasmissione delle trame avviene solo sui frame informativi (non sugli ack) Assumiamo: Arrivi secondo Poisson Probabilità che una trama sia rifiutata pari a p Assumiamo le trame di lunghezza costante e sia 1 (un unità di tempo) il tempo di trasmissione di una trama La probabilità che il tempo di servizio sia pari a 1+kn a causa di k ritrasmissioni è Il tempo medio di servizio sarà SISTEMI M/G/1 e M/D/1 15 Analisi di un sistema con protocollo Automatic Repeat request (ARQ) Il valore quadratico medio del tempo di servizio sarà ricordando che sarà SISTEMI M/G/1 e M/D/1 16 8

9 Analisi di un sistema con protocollo Automatic Repeat request (ARQ) Applicando la formula di P-K si trova supponendo λ = 0.95 ρ = 0.95 n = 8 p=0 Tempo medio di attesa in coda: W = 9.5 Tempo medio di attesa nel sistema: T = 10.5 p=10-3 Tempo medio di attesa in coda: W = 12.1 Tempo medio di attesa nel sistema: T = 13.1 p= Tempo medio di attesa in coda: W = Tempo medio di attesa nel sistema: T = SISTEMI M/G/1 e M/D/1 17 Sistemi M/G/1 con periodi di vacanza Il servizio non è di tipo continuativo Periodicamente il servente viene staccato da una coda ad esempio perché inserito in un altra Il periodo in cui il servente è staccato viene detto busy o di vacanza Se indichiamo con V 1, V 2, le durate delle singole vacanze supponiamo che Le durate siano indipendenti tra loro Le durate siano identicamente distribuite Le durate siano indipendenti sia dai tempi di servizio che dai tempi di arrivo dei clienti In generale vale ancora la relazione dove R deve però tenere conto della presenza delle vacanze SISTEMI M/G/1 e M/D/1 18 9

10 Sistemi M/G/1 con periodi di vacanza Sarà dove M(t) è il numero di clienti serviti in [0, t] L(t) è il numero di vacanze avute in [0, t] SISTEMI M/G/1 e M/D/1 19 Sistemi M/G/1 con periodi di vacanza Moltiplicando e dividendo il primo addendo per M(t) e il secondo addendo per L(t) Come già ricavato sarà al tendere di t ad infinito Se ρ è la frazione di tempo in cui il sistema è occupato, sarà (1-ρ) la frazione di tempo in cui il sistema è in vacanza Al tendere di t ad infinito la durata media di un periodo di vacanza può essere calcolata come SISTEMI M/G/1 e M/D/

11 Sarà allora Sistemi M/G/1 con periodi di vacanza ed ancora, per t che tende ad infinito Quindi in definitiva il tempo medio di attesa in coda sarà SISTEMI M/G/1 e M/D/1 21 FDM Classico Siano dati m flussi di frame a lunghezza fissa Ogni flusso sia caratterizzato da un processo degli arrivi di Poisson con frequenza λ i = λ / m Ogni frame ha una lunghezza pari a m unità temporali µ i =1/m Adottiamo una multiplazione FDM classica suddividendo la banda del canale in m sottocanali di banda costante Ciascun sottocanale è un sistema M/D/1 con Essendo m il tempo medio di servizio sarà il tempo di attesa nel sistema SISTEMI M/G/1 e M/D/

12 FDM a Slot Ammettiamo che la trasmissione possa iniziare solo in prefissati istanti di tempo corrispondenti all inizio di uno slot di durata m Ciascun sottocanale sarà un sistema M/D/1 con periodi di vacanza La vacanza è dovuta all arrivo di un frame con la coda vuota quando è già iniziato un periodo di trasmissione; in questo caso la trasmissione del frame deve attendere l inizio di un nuovo ciclo Sarà Essendo m il tempo medio di servizio sarà il tempo di attesa nel sistema SISTEMI M/G/1 e M/D/1 23 TDM a Slot L asse temporale viene suddiviso in slot di lunghezza pari ad 1 unità temporale La multiplazione dei vari flussi avviene interlacciando ciclicamente le m parti di cui è costituita ogni trama nel tempo Sarà ancora Ogni flusso caratterizzato da un processo degli arrivi di Poisson con frequenza λ i = λ / m Ogni frame di lunghezza pari a m unità temporali µ i =1/m Ciascun sottocanale è un sistema M/D/1 con periodi di vacanza Essendo 1 il tempo medio di servizio sarà il tempo di attesa nel sistema Il canale dopo la trasmissione di uno slot ritorna comunque disponibile SISTEMI M/G/1 e M/D/

13 Sistemi M/G/1 con priorità Alla stessa coda arrivano clienti appartenenti a diverse classi di priorità La classe di priorità è individuata da un indice numerico maggiore o uguale a 1 Ad un indice più basso corrisponde una priorità più alta L indice 1 ha quindi priorità massima Non si ammette pre-emption L arrivo in coda di un cliente a priorità più alta non interrompe comunque il servizio di un cliente già nel servente anche se a priorità più bassa Indichiamo con SISTEMI M/G/1 e M/D/1 25 Sistemi M/G/1 con priorità Per la classe di priorità 1 il tempo di attesa in coda sarà dato dalla somma del tempo di servizio residuo del cliente attualmente in servizio e dal tempo di servizio atteso da tutti i clienti in coda sempre di priorità 1 La priorità 1 può essere analizzata come un semplice sistema M/G/1 Numero medio di clienti in coda di priorità 1 (dalla legge di Little) sostituendo quindi SISTEMI M/G/1 e M/D/

14 Sistemi M/G/1 con priorità Per i clienti di priorità 2 si deve considerare: a) Il tempo residuo R del cliente attualmente in servizio b) Il tempo di servizio di tutti i clienti di priorità 1 già accodati c) Il tempo di servizio di tutti i clienti di priorità 2 già accodati d) Il tempo di servizio di tutti i clienti di priorità 1 che possono arrivare durante l attesa in coda di un cliente di priorità 2 a b c d SISTEMI M/G/1 e M/D/1 27 Si trova quindi che Sistemi M/G/1 con priorità dalla quale il tempo medio di attesa in coda per i clienti di classe 2 In generale il tempo medio di attesa in coda per i clienti di classe k sarà SISTEMI M/G/1 e M/D/

15 Sistemi M/G/1 con priorità Per ricavare il tempo medio residuo R del cliente attualmente in servizio bisogna considerare le diverse priorità Data la funzione r(τ) sarà dove con X ij abbiamo indicato il tempo di servizio del j-esimo cliente di priorità i SISTEMI M/G/1 e M/D/1 29 Sistemi M/G/1 con priorità Scambiando la posizione delle sommatorie rispetto al limite e moltiplicando e dividendo ogni termine della sommatoria interna per M i (t) Facendo tendere t ad infinito (sistema stazionario ed ergodico), M i (t) tende al numero di clienti arrivati e serviti nel tempo [0, t] SISTEMI M/G/1 e M/D/

16 Sistemi M/G/1 con priorità Il tempo di servizio residuo sarà quindi Si trova quindi in definitiva che il tempo medio di attesa in coda per un cliente di classe k sarà Il ritardo medio per cliente viene minimizzato attribuendo priorità più alta ai clienti con tempo di servizio più bassi SISTEMI M/G/1 e M/D/1 31 Esempio Sia dato un collegamento a 9600bps nel quale viaggiano Frame dati di lunghezza fissa pari a 48bit Frame informativi di lunghezza media pari a 960bit Sia inoltre e SISTEMI M/G/1 e M/D/

17 Esempio Non utilizzando un sistema a priorità si trova che il valore quadratico medio del tempo di servizio sarà da cui il tempo medio di attesa in coda Utilizzando le priorità sarà Abbiamo quindi dimezzato il tempo di attesa in coda per i frame di priorità 1 con un lievissimo incremento del tempo di attesa in coda dei frame di priorità 2 SISTEMI M/G/1 e M/D/

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Le tecniche di accesso multiplo si dividono in tre classi: Protocolli deterministici o senza contesa: evitano la possibilità che due utenti accedano al

Dettagli

Protocolli di accesso multiplo

Protocolli di accesso multiplo Protocolli di accesso multiplo Quando l accesso ad una risorsa può avvenire da parte di più utenti indipendenti, si parla di risorsa condivisa ed è necessaria l implementazione di particolari protocolli

Dettagli

LABORATORIO DI RETI. 02 La Multiplazione Statistica nelle Reti a Paccchetto

LABORATORIO DI RETI. 02 La Multiplazione Statistica nelle Reti a Paccchetto LABORATORIO DI RETI 02 La Multiplazione Statistica nelle Reti a Paccchetto La multiplazione La capacità dei mezzi trasmissivi fisici può essere suddivisa per ottenere più canali di velocità più bassa La

Dettagli

Istruzioni (1): L elaborato verrà letto, compilato e fatto girare per verificare la correttezza della sintassi e delle operazioni svolte

Istruzioni (1): L elaborato verrà letto, compilato e fatto girare per verificare la correttezza della sintassi e delle operazioni svolte Istruzioni (1): L elaborato può essere svolto in gruppi di massimo 4 persone (si raccomanda caldamente l aggregazione) NON dovete annunciarmi preventivamente che elaborato volete fare: sceglietene uno

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Appendice B: Reti di code

Appendice B: Reti di code Appendice B: Reti di code B. INTRODUZIONE ALLE RETI DI CODE B.. Generalità La trattazione della teoria delle code effettuata fino ad ora ha sempre considerato singoli sistemi a coda. Tuttavia, molto spesso

Dettagli

TECNICHE DI SIMULAZIONE

TECNICHE DI SIMULAZIONE TECNICHE DI SIMULAZIONE Modelli a coda Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari a.a. 2004/2005 TECNICHE DI SIMULAZIONE p. 1 Sistemi a coda Gli elementi chiave di un sistema a coda

Dettagli

WIRELESSEXPERIENCE. Townet series 200-xx-xx e 300-xx-xx. TDMA e nuovo protocollo wireless NV2 Enrico Grassi CTO Townet Srl

WIRELESSEXPERIENCE. Townet series 200-xx-xx e 300-xx-xx. TDMA e nuovo protocollo wireless NV2 Enrico Grassi CTO Townet Srl WIRELESSEXPERIENCE Townet series 200-xx-xx e 300-xx-xx TDMA e nuovo protocollo wireless NV2 Enrico Grassi CTO Townet Srl 1 NV2 E' un protocollo proprietario wireless sviluppato da MikroTik Basato su TDMA

Dettagli

Algoritmi di scheduling

Algoritmi di scheduling Capitolo 2 Algoritmi di scheduling 2.1 Sistemi Real Time In un sistema in tempo reale (real time) il tempo gioca un ruolo essenziale. Le applicazioni di tali sistemi sono molteplici e di larga diffusione.

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS c.so Duca degli Abruzzi 4 1019 Torino (Italy) Fax +39 011 564 4099 pag. /34 Premessa Il seguente capitolo illustra i principi tecnici fondamentali a cui si ispirano le tecnologie utilizzate per i serivizi

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo VI

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo VI Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSIA' DEGLI SUDI DI PAVIA A.A. 2009/10 - II Semestre REI DI CALCOLAORI Lucidi delle Lezioni

Dettagli

LEZIONI DI RETI DI TELECOMUNICAZIONI. Giovanni Poggi

LEZIONI DI RETI DI TELECOMUNICAZIONI. Giovanni Poggi LEZIONI DI RETI DI TELECOMUNICAZIONI Giovanni Poggi Università Federico II di Napoli ultimo aggiornamento 15 marzo 28 Introduzione 1 1 Introduzione 1.1 Notizie generali sul corso Il corso di Reti di Telecomunicazioni

Dettagli

Livello di trasporto: meccanismi trasferimento dati affidabile

Livello di trasporto: meccanismi trasferimento dati affidabile Livello di trasporto: meccanismi trasferimento dati affidabile Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright.

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI MODI DI TRASFERIMENTO SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE L informazione da trasferire si ipotizza strutturata in IU Costituita da b bit Da consegnare in t secondi Se

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 2 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Richiami sul concetto di multiplazione 2 Riprendendo il discorso sulle diverse

Dettagli

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010 1 8: Strato fisico: campionamento, multiplexing FDM e TDM Dati analogici, segnali numerici 2 Per poter trasmettere un dato analogico con una trasmissione digitale è necessario trasformare il dato analogico

Dettagli

ALOHA e CSMA/CD. Modello

ALOHA e CSMA/CD. Modello ALOHA e CSMA/CD L ALOHA è una tecnica di accesso a canale condiviso. Il principio di funzionamento è estremamente semplice: quando una stazione presente sul canale deve trasmettere una frame lo fa senza

Dettagli

Esercizi svolti. Processi di sole nascite

Esercizi svolti. Processi di sole nascite Esercizi svolti Processi di sole nascite Esercizio 1 I clienti arrivano ad un servizio secondo un processo poissoniano con valor medio λ = 4 clienti all ora. Il servente cessa di funzionare al tempo t

Dettagli

Strato di Col o l l e l g e a g m a e m n e t n o

Strato di Col o l l e l g e a g m a e m n e t n o Strato di Collegamento Romeo Giuliano romeo.giuliano@uniroma2.it 1 Argomenti Principi di funzionamento dello strato di collegamento Rivelazione e correzione degli errori Protocolli data link elementari

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24 Martedì 27-05-2014 1 Una volta che una

Dettagli

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI)

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) 2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA SINCRONIZZAZIONE SINCRONISMO DI BIT SCRAMBLING SINCRONISMO DI FRAME INTRODUZIONE Abbiamo visto diverse tecniche in grado di convertire e di trasmettere

Dettagli

Analisi di Protocolli

Analisi di Protocolli Analisi di Protocolli Elenco di protocolli d accesso I principali protocolli di accesso si possono dividere in:. protocolli deterministici (accesso ordinato);. protocolli ad accesso casuale (o a contesa).

Dettagli

Introduzione al Corso di Reti di Telecomunicazioni pag. 1. Network Organization pag. 1 2. NETWORK ORGANIZATION pag. 2

Introduzione al Corso di Reti di Telecomunicazioni pag. 1. Network Organization pag. 1 2. NETWORK ORGANIZATION pag. 2 RETI DI TELECOMUNICAZIONI INDICE CAPIITOLO 1 Introduzione al Corso di Reti di Telecomunicazioni pag. 1 Presentazione del corso di Reti di Telecomunicazioni pag. 2 Argomenti trattati nel corso di Reti di

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

Reti di Telecomunicazione

Reti di Telecomunicazione Università di ergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Telecomunicazione Prof. Fabio Martignon Università di ergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e

Dettagli

A.1 Rappresentazione geometrica dei segnali

A.1 Rappresentazione geometrica dei segnali Appendice A Rappresentazione dei segnali A.1 Rappresentazione geometrica dei segnali Scomporre una generica forma d onda s(t) in somma di opportune funzioni base è operazione assai comune, particolarmente

Dettagli

lezione 18 AA 2015-2016 Paolo Brunori

lezione 18 AA 2015-2016 Paolo Brunori AA 2015-2016 Paolo Brunori Previsioni - spesso come economisti siamo interessati a prevedere quale sarà il valore di una certa variabile nel futuro - quando osserviamo una variabile nel tempo possiamo

Dettagli

Sistemi di Servizio e Simulazione

Sistemi di Servizio e Simulazione Sistemi di Servizio e Simulazione Soluzioni degli esercizi di esame proposti negli appelli dell a.a.2004-05 Sono stati distribuiti sul sito web i testi di tre appelli di esame dell anno accademico 2004-05:

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci IL LIVELLO TRASPORTO realizza un supporto per la comunicazione logica tra processi distribuiti comunicazione logica = astrazione che consente

Dettagli

SCHEDULATORI DI PROCESSO

SCHEDULATORI DI PROCESSO Indice 5 SCHEDULATORI DI PROCESSO...1 5.1 Schedulatore Round Robin...1 5.2 Schedulatore a priorità...2 5.2.1 Schedulatore a code multiple...3 5.3 Schedulatore Shortest Job First...3 i 5 SCHEDULATORI DI

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni

Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni Le reti locali si differenziano da quelle geografiche e dai sistemi multiprocessore dalla velocità di trasmissione (data rate) R usata e dalla distanza

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

IGiochidiArchimede-SoluzioniBiennio 22 novembre 2006

IGiochidiArchimede-SoluzioniBiennio 22 novembre 2006 PROGETTO OLIMPII I MTEMTI U.M.I. UNIONE MTEMTI ITLIN SUOL NORMLE SUPERIORE IGiochidirchimede-Soluzioniiennio novembre 006 Griglia delle risposte corrette Problema Risposta corretta E 4 5 6 7 8 9 E 0 Problema

Dettagli

CONTROLLO DELL' ANTICIPO TEMPORALE

CONTROLLO DELL' ANTICIPO TEMPORALE CONTROLLO DELL' ANTICIPO TEMPORALE Si inizializza ogni volta che cambia il canale radio, ed è necessario per mantenere una elevata efficienza spettrale ed evitare la sovrapposizione di burst in slot temporali

Dettagli

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2014

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2014 SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 01 1. Determiniamo l espressione analitica di g() dividendo il suo dominio in intervalli. La circonferenza di diametro AO ha equazione (+) + = + + = 0

Dettagli

Scheduling di processi HRT

Scheduling di processi HRT Scheduling di processi HRT Primo modello per la schedulazione di processi periodici N processi P1, P2,, PN indipendenti senza vincoli di precedenza, senza risorse condivise; ogni processo Pj (j = 1, 2,,N)

Dettagli

CORSO DI STATISTICA (parte 2) - ESERCITAZIONE 6

CORSO DI STATISTICA (parte 2) - ESERCITAZIONE 6 CORSO DI STATISTICA (parte 2) - ESERCITAZIONE 6 Dott.ssa Antonella Costanzo a.costanzo@unicas.it Esercizio 1. Stima puntuale per la proporzione Da un lotto di arance se ne estraggono 400, e di queste 180

Dettagli

Esercizio 1 Esercizio 2 Esercizio 3 Esercizio 4

Esercizio 1 Esercizio 2 Esercizio 3 Esercizio 4 Esercizio 1 Si consideri un processo degli arrivi con tempo interarrivo avente una distribuzione esponenziale, con parametro λ. 1. Si scriva la densità di probabilità f(t) e la distribuzione di probabilità

Dettagli

= E(X t+k X t+k t ) 2 + 2E [( X t+k X t+k t + E

= E(X t+k X t+k t ) 2 + 2E [( X t+k X t+k t + E 1. Previsione per modelli ARM A Questo capitolo è dedicato alla teoria della previsione lineare per processi stocastici puramente non deterministici, cioè per processi che ammettono una rappresentazione

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario AREA FINANZA DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Strumenti

Dettagli

La Programmazione Lineare

La Programmazione Lineare 4 La Programmazione Lineare 4.1 INTERPRETAZIONE GEOMETRICA DI UN PROBLEMA DI PROGRAMMAZIONE LINEARE Esercizio 4.1.1 Fornire una rappresentazione geometrica e risolvere graficamente i seguenti problemi

Dettagli

Scheduling della CPU. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Dispatcher. Scheduler della CPU

Scheduling della CPU. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Concetti fondamentali. Dispatcher. Scheduler della CPU Scheduling della CPU Concetti fondamentali Criteri di scheduling Algoritmi di scheduling Concetti fondamentali L obiettivo della multiprogrammazione è di avere processi sempre in esecuzione al fine di

Dettagli

Metodi di previsione

Metodi di previsione Metodi di previsione Giovanni Righini Università degli Studi di Milano Corso di Logistica I metodi di previsione I metodi di previsione sono usati per ricavare informazioni a sostegno dei processi decisionali

Dettagli

Necessità crescente di maggiori velocità trasmissive. appendice allo standard, d 802.3u, comunemente nota come Fast Ethernet, che precisa le

Necessità crescente di maggiori velocità trasmissive. appendice allo standard, d 802.3u, comunemente nota come Fast Ethernet, che precisa le FAST ETHERNET Necessità crescente di maggiori velocità trasmissive compatibilità con le installazioni preesistenti appendice allo standard, d 802.3u, comunemente nota come Fast Ethernet, che precisa le

Dettagli

IP Internet Protocol

IP Internet Protocol IP Internet Protocol Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 13 IP - 1/20 IP IP è un protocollo a datagrammi In spedizione: Riceve i dati dal livello trasporto e

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Sincronizzazione e coordinamento nel distribuito

Sincronizzazione e coordinamento nel distribuito Sincronizzazione e coordinamento nel distribuito Sincronizzazione in sistemi centralizzati uso di primitive basate implicitamente sull esistenza della memoria condivisa Sincronizzazione in sistemi distribuiti

Dettagli

Esercizi Multiplazione TDM Accesso Multiplo TDMA

Esercizi Multiplazione TDM Accesso Multiplo TDMA Esercizi Multiplazione TDM Accesso Multiplo TDMA Esercizio 1 Un sistema di multiplazione TDM presenta una trama di 10 slot e in ciascuno slot vengono trasmessi 128 bit. Se il sistema è usato per multiplare

Dettagli

Università di Roma La Sapienza Dipartimento INFOCOM

Università di Roma La Sapienza Dipartimento INFOCOM Università di Roma La Sapienza Dipartimento INFOCOM Corso di Reti di Telecomunicazioni Raccolta di esercizi relativi agli appelli d esame degli Anni Accademici 1998-1999, 1999-2000, 2000-2001 e 2001-2002.

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello del data link Regola l accesso al mezzo per reti broadcast LAN e WAN satellitari allocazione statica - a priori allocazione dinamica - in base allo

Dettagli

Sistemi Operativi SCHEDULING DELLA CPU

Sistemi Operativi SCHEDULING DELLA CPU Sistemi Operativi SCHEDULING DELLA CPU Scheduling della CPU Concetti di Base Criteri di Scheduling Algoritmi di Scheduling FCFS, SJF, Round-Robin, A code multiple Scheduling in Multi-Processori Scheduling

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

Capitolo 1 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 1 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 1 - parte 2 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Modello a strati 5 4 applicazione trasporto Il modello che useremo prevede 5 strati che svolgono servizi per gli altri strati attraverso

Dettagli

[ dbm] = 0 dbm " 0,2 #100 db = " 20 dbm

[ dbm] = 0 dbm  0,2 #100 db =  20 dbm Esercizi di comunicazioni ottiche (SNR, Q, BER) Consideriamo il caso di una linea in fibra ottica lunga 00 km con attenuazione di 0, db/km e dispersione cromatica compensata. Supponiamo poi di avere una

Dettagli

CRITERI DI CONVERGENZA PER LE SERIE. lim a n = 0. (1) s n+1 = s n + a n+1. (2) CRITERI PER LE SERIE A TERMINI NON NEGATIVI

CRITERI DI CONVERGENZA PER LE SERIE. lim a n = 0. (1) s n+1 = s n + a n+1. (2) CRITERI PER LE SERIE A TERMINI NON NEGATIVI Il criterio più semplice è il seguente. CRITERI DI CONVERGENZA PER LE SERIE Teorema(condizione necessaria per la convergenza). Sia a 0, a 1, a 2,... una successione di numeri reali. Se la serie a k è convergente,

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

MODI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE

MODI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE MODI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE Dalle dispense di SISTEMI DI COMMUTAZIONE della Prof. Carla Raffaelli 1 PRINCIPALI REQUISITI DEI SERVIZI Integrità dell informazione o trasparenza semantica del

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo II

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo II Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA A.A. 2011/12 - II Semestre RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni

Dettagli

Elementi di teoria dei segnali /b

Elementi di teoria dei segnali /b Elementi di teoria dei segnali /b VERSIONE 29.4.01 Filtri e larghezza di banda dei canali Digitalizzazione e teorema del campionamento Capacità di canale e larghezza di banda Multiplexing e modulazioni

Dettagli

Simulazione di una catena logistica

Simulazione di una catena logistica Simulazione di una catena logistica La logistica aziendale richiede l organizzazione di approvvigionamento e trasporto dei prodotti e dei servizi. La catena di distribuzione, supply chain, comprende il

Dettagli

Analisi markoviana del ritardo di consegna in reti veicolari a connessione intermittente

Analisi markoviana del ritardo di consegna in reti veicolari a connessione intermittente Università degli Studi di Padova Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Analisi markoviana del ritardo di consegna in reti veicolari a connessione

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 5 Giovedì 19-03-2015 1 Intensità del traffico e perdita dei pacchetti La componente

Dettagli

4. CODICI A RIVELAZIONE E CORREZIONE D ERRORE

4. CODICI A RIVELAZIONE E CORREZIONE D ERRORE 4. CODICI A RIVELAZIONE E CORREZIONE D ERRORE! INTRODUZIONE! STRATEGIE ARQ E FEC! TIPOLOGIE DI CODICI! CODICI A BLOCCHI! CODICI A RIPETIZIONE! CODICI A CONTROLLO DI PARITÀ! DISTANZA DI HAMMING! CAPACITÀ

Dettagli

DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO:

DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO: DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO: nel processo di digitalizzazione che permette di convertire un segnale analogico in modo da poterlo elaborare con dispositivi numerici di calcolo, si operano due

Dettagli

IL LIVELLO DI LINEA O LIVELLO DI DATA LINK 1. Servizi offerti 2. Struttura dei pacchetti 3 CAMPO DATI 3. Character stuffing 4.

IL LIVELLO DI LINEA O LIVELLO DI DATA LINK 1. Servizi offerti 2. Struttura dei pacchetti 3 CAMPO DATI 3. Character stuffing 4. IL LIVELLO DI LINEA O LIVELLO DI DATA LINK 1 Servizi offerti 2 Struttura dei pacchetti 3 CAMPO DATI 3 Character stuffing 4 Bit stuffing 6 Protocolli di comunicazione 7 Protocolli di tipo simplex 8 Simplex

Dettagli

PIANO CARTESIANO: un problema di programmazione lineare

PIANO CARTESIANO: un problema di programmazione lineare PIANO CARTESIANO: un problema di programmazione lineare In un laboratorio sono disponibili due contatori A, B di batteri. Il contatore A può essere azionato da un laureato che guadagna 20 euro per ora.

Dettagli

Capitolo 8 Strato di Collegamento- Accesso Multiplo e Reti in Area Locale

Capitolo 8 Strato di Collegamento- Accesso Multiplo e Reti in Area Locale Capitolo 8 Strato di Collegamento- Accesso Multiplo e Reti in Area Locale 1 Sommario del Capitolo Servizi offerti dallo Strato di Collegamento o Rivelazione di errore e controllo di errore (ARQ) o Indirizzamento

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI - FILE D'ATTESA E RETI DI CODE

ESERCIZI SVOLTI - FILE D'ATTESA E RETI DI CODE ESERCIZI SVOLTI - FILE D'ATTESA E RETI DI CODE Problema 1 Si consideri la rete di code in figura. Essa rappresenta un sistema di lavorazione costituito da tre stazioni 1, 2, 3, ciascuna con un solo servente.

Dettagli

Corso di Calcolo delle Probabilità e Statistica. Esercizi su variabili aleatorie discrete

Corso di Calcolo delle Probabilità e Statistica. Esercizi su variabili aleatorie discrete Corso di Calcolo delle Probabilità e Statistica Esercizi su variabili aleatorie discrete Es.1 Da un urna con 10 pallina bianche e 15 palline nere, si eseguono estrazioni con reimbussolamento fino all estrazione

Dettagli

MANUALE D'USO. ORIONE DI BISTULFI srl - Via Moscova, 27-20121 MILANO tel: 026596553-4 info@orionesrl.it www.orionesrl.it 1

MANUALE D'USO. ORIONE DI BISTULFI srl - Via Moscova, 27-20121 MILANO tel: 026596553-4 info@orionesrl.it www.orionesrl.it 1 MANUALE D'USO Il software SUBB permette di importare dati misurati da un termoflussimetro, elaborarli e calcolare la conduttanza della struttura per mezzo di due metodi: il metodo delle medie progressive

Dettagli

Teoria delle code. Sistemi stazionari: M/M/1 M/M/1/K M/M/S

Teoria delle code. Sistemi stazionari: M/M/1 M/M/1/K M/M/S Teoria delle code Sistemi stazionari: M/M/1 M/M/1/K M/M/S Fabio Giammarinaro 04/03/2008 Sommario INTRODUZIONE... 3 Formule generali di e... 3 Leggi di Little... 3 Cosa cerchiamo... 3 Legame tra N e le

Dettagli

Qualità di Servizio (QoS) in Internet

Qualità di Servizio (QoS) in Internet Marco Listanti Qualità di Servizio (QoS) in Internet QoS in IP: Aspetti Generali (1) Il servizio di trasferimento offerto da Internet è punto-punto, p connectionless, best effort Non è adatto alle applicazioni

Dettagli

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE 1 INFRASTRUTTURE FERROVIARIE TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE A.A. 2008-09 2 DISTANZIAMENTO DEI TRENI Criteri di sicurezza La tecnica della marcia guida vincolata si basa sul vincolo, imposto dalla via per la

Dettagli

Scheduling Introduzione Tipi di scheduler Scheduler di lungo termine (SLT) Scheduler di medio termine (SMT) Scheduler di breve termine (SBT)

Scheduling Introduzione Tipi di scheduler Scheduler di lungo termine (SLT) Scheduler di medio termine (SMT) Scheduler di breve termine (SBT) Scheduling Introduzione Con scheduling si intende un insieme di tecniche e di meccanismi interni del sistema operativo che amministrano l ordine in cui il lavoro viene svolto. Lo Scheduler è il modulo

Dettagli

Sequenziamento a minimo costo di commutazione in macchine o celle con costo lineare e posizione home (In generale il metodo di ottimizzazione

Sequenziamento a minimo costo di commutazione in macchine o celle con costo lineare e posizione home (In generale il metodo di ottimizzazione Sequenziamento a minimo costo di commutazione in macchine o celle con costo lineare e posizione home (In generale il metodo di ottimizzazione presentato in questo file trova la seq. a costo minimo per

Dettagli

VideoStreaming su IP

VideoStreaming su IP VideoStreaming su IP Anno Accademico 2007/2008 Agenda Principi di video Streaming Come prevenire gli errori e come mascherarli Appendice Come si realizza la codifica/decodifca Protocollidirete Overview

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 AA2011/12 Parte 7 Ing. Francesco Zampognaro e-mail: zampognaro@ing.uniroma2.it Lucidi Prof. Stefano Salsano 1 Architetture e protocolli di comunicazione» Introduzione» Funzioni

Dettagli

GSM - GSM - parte IV

GSM - GSM - parte IV GSM - parte IV Argomenti della lezione Il livello fisico dell interfaccia radio (Um) Frequenze assegnate al GSM (Europa) GSM primario downlink GSM primario uplink GSM esteso downlink GSM esteso uplink

Dettagli

Formulario. Legge di capitalizzazione dell Interesse semplice (CS)

Formulario. Legge di capitalizzazione dell Interesse semplice (CS) Formulario Legge di capitalizzazione dell Interesse semplice (CS) Il montante M è una funzione lineare del capitale iniziale P. Di conseguenza M cresce proporzionalmente rispetto al tempo. M = P*(1+i*t)

Dettagli

SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI

SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI I numeri relativi sono l insieme dei numeri negativi (preceduti dal segno -) numeri positivi (il segno + è spesso omesso) lo zero. Valore assoluto di un numero relativo

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Rete Internet Prova in Itinere Mercoledì 23 Aprile 2008

Rete Internet Prova in Itinere Mercoledì 23 Aprile 2008 Rete Internet Prova in Itinere Mercoledì 23 Aprile 2008 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome: Corso di laurea e anno: Matricola:

Dettagli

VARIABILI ALEATORIE MULTIPLE E TEOREMI ASSOCIATI. Dopo aver trattato delle distribuzioni di probabilità di una variabile aleatoria, che

VARIABILI ALEATORIE MULTIPLE E TEOREMI ASSOCIATI. Dopo aver trattato delle distribuzioni di probabilità di una variabile aleatoria, che VARIABILI ALATORI MULTIPL TORMI ASSOCIATI Fonti: Cicchitelli Dall Aglio Mood-Grabill. Moduli 6 9 0 del programma. VARIABILI ALATORI DOPPI Dopo aver trattato delle distribuzioni di probabilità di una variabile

Dettagli

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache... Appunti di Calcolatori Elettronici Concetti generali sulla memoria cache Introduzione... 1 Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Dettagli

2) Codici univocamente decifrabili e codici a prefisso.

2) Codici univocamente decifrabili e codici a prefisso. Argomenti della Lezione ) Codici di sorgente 2) Codici univocamente decifrabili e codici a prefisso. 3) Disuguaglianza di Kraft 4) Primo Teorema di Shannon 5) Codifica di Huffman Codifica di sorgente Il

Dettagli

Multiplexing. Multiplexing. Multiplexing a Divisione di Frequenza (FDM) Tipi di Multiplexing

Multiplexing. Multiplexing. Multiplexing a Divisione di Frequenza (FDM) Tipi di Multiplexing Multiplexing I semestre 02/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Multiplexing In genere un utente non riesce ad utilizzare tutta la banda messa a disposizione

Dettagli

Sistemi Operativi Kernel

Sistemi Operativi Kernel Approfondimento Sistemi Operativi Kernel Kernel del Sistema Operativo Kernel (nocciolo, nucleo) Contiene i programmi per la gestione delle funzioni base del calcolatore Kernel suddiviso in moduli. Ogni

Dettagli

Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Controllo di flusso in TCP Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Meccanismo a finestra La dimensione della finestra viene

Dettagli

1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario:

1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario: Esempi di domande risposta multipla (Modulo II) 1) Si consideri un esperimento che consiste nel lancio di 5 dadi. Lo spazio campionario: 1) ha un numero di elementi pari a 5; 2) ha un numero di elementi

Dettagli

Ogni primino sa che...

Ogni primino sa che... Ogni primino sa che... A cura della équipe di matematica 25 giugno 2015 Competenze in ingresso Tradizionalmente, nei primi giorni di scuola, gli studenti delle classi prime del Pascal sostengono una prova

Dettagli

III IL RUMORE NEL DOMINIO DELLE FREQUENZE E DEL TEMPO

III IL RUMORE NEL DOMINIO DELLE FREQUENZE E DEL TEMPO III IL RUMORE NEL DOMINIO DELLE FREQUENZE E DEL EMPO 1. Le sequenze casuali nel dominio del tempo e nel dominio delle frequenze Storicamente lo studio delle reti lineari e la trattazione dei segnali nascono

Dettagli

Capitolo 5 - Protocolli di linea (parte II)

Capitolo 5 - Protocolli di linea (parte II) Appunti di Reti di Telecomunicazioni Capitolo 5 - Protocolli di linea (parte II) Introduzione ai protocolli di accesso multiplo...1 Generalità sui protocolli di accesso multiplo...5 Topologia delle reti

Dettagli

Problema del trasporto

Problema del trasporto p. 1/1 Problema del trasporto Supponiamo di avere m depositi in cui è immagazzinato un prodotto e n negozi che richiedono tale prodotto. Nel deposito i è immagazzinata la quantità a i di prodotto. Nel

Dettagli

Principi fondamentali

Principi fondamentali Principi fondamentali Elementi di base Definizione di rete di calcolatori Tipologia di connessioni Architettura di rete Prestazioni di una rete di calcolatori Conclusioni 1 1 Bit e Byte BIT = BInary digit

Dettagli

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria Tesina di Metodi formali nell ingegneria del software Autori: Piacentini Vanda - Rocco Germano Anno accademico 2006/2007 MODELLAZIONE DEL SISTEMA DI COMUNICAZIONE

Dettagli