Psicologia dello sviluppo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Psicologia dello sviluppo"

Transcript

1 Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella Psicologia dello sviluppo PRAGMATICA COMUNICAZIONE UMANA 1 Pragmatica della comunicazione umana Semiologia: Pragmatica (effetti comportamentali) Sintassi Semantica 2 1

2 Il processo di comunicazione Emittente: Codice: Messaggio: Canale: Decodifica: Ricevente: Risposta: Feedback: Rumore: origine della comunicazione permette la codifica del messaggio sotto forma di suoni, linguaggio, simboli insieme dei simboli trasmessi mezzi e supporti fisici in cui è veicolato il messaggio processo con cui il ricevente collega un significato ai simboli trasmessi chi riceve la comunicazione insieme delle reazioni del ricevente - cognitiva (ad es. riguarda la notorietà e la conoscenza delle caratteristiche del prodotto/servizio) - affettiva - riguarda l atteggiamento e il sistema di valori - comportamentale (ad es. è la fruizione del servizio) parte della risposte del ricevente che viene comunicata all emittente interferenze che distorcono le informazioni lungo il processo 3 Gli assiomi della pragmatica della comunicazione umana 1. Impossibilità di non comunicare (se ogni comportamento ha valore di messaggio) 2. Ogni comunicazione ha un aspetto di contenuto ed uno di relazione (il secondo metacomunica) 3. Modulo numerico (contenuti, preciso) e analogico (relazione, ambiguo) 4. Gli scambi sono simmetrici o complementari 5. La natura di una relazione dipende dalla punteggiatura (delle sequenze di comunicazione) 4 2

3 ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE PROPRIETA DELLA COMUNICAZIONE CHE HANNO IMPLICAZIONI FONDAMENTALI SUL RAPPORTO TRA GLI INTERLOCUTORI E SULL EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE STESSA 1. IN UNA RELAZIONE NON SI PU0 NON COMUNICARE 2. SI COMUNICA IN MODO - NUMERICO - ANALOGICO 3. OGNI COMUNICAZIONE HA DUE ASPETTI: DI CONTENUTO DI RELAZIONE METACOMUNICAZIONE 4. GLI SCAMBI COMUNICATIVI POSSONO ESSERE: SIMMETRICI (BASATI SU EGUAGLIANZA) COMPLEMENTARI (BASATI SULLA DIFFERENZA) 5. LA NATURA DELL0 SCAMBIO COMUNICATIVO DIPENDE DALLA: PUNTEGGIATURA DI SEQUENZA 5 OSSERVAZIONE NON FERMARSI ALLE PAROLE DEDICARE ATTENZIONE AI COMPORTAMENTI CHE ESPRIMONO EMOZIONI, ATTEGGIAMENTI, INTENZIONI AD ESEMPIO: TONI DI VOCE SILENZI-ASSENSI GESTUALITA POSTURA SGUARDO ESPRESSIONI MIMICHE 6 3

4 NON SI PUO NON COMUNICARE OGNI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONE RELAZIONALE E UNA COMUNICAZIONE QUINDI NON SONO LE PAROLE, MA ANCHE I GESTI, I VESTITI, I TONI DI VOCE, LE PAUSE, GLI SGUARDI, I MOVIMENTI SONO COMPORTAMENTI E COME TALI SONO COMUNICAZIONI 7 NUMERICO E ANALOGICO MODULO NUMERICO: BASATO SU SEGNI RAPPRESENTANO CONVENZIONALMENTE CIÒ CHE SI VUOLE COMUNICARE AD ES.: PAROLE, NUMERI (ma anche determinati gesti, ecc.) MODULO ANALOGICO BASATO SU RAPPRESENTAZIONI CHE SONO IN SE AFFINI A CIO CHE SI VUOLE COMUNICARE AD ES.: GESTI, DISEGNI, TONI, INFLESSIONI, MOVIMENTI, ECC., (MA ANCHE DETERMINATE PAROLE: metafore, onomatopeiche,ecc.) 8 4

5 COMUNICAZIONE ANALOGICA e LINGUAGGIO del CORPO Metafore Paralinguaggio: Tono Velocità Ritmo Riso / pianto Respirazione Abbigliamento Comportamenti Macrocomportamenti Utilizzo di supporti Canali comunicativi Viso Braccia Mani Gambe Piedi Movimenti Velocità Prossemica Orientamento spaziale 9 Ogni comunicazione analogica, qualsiasi segnale e comportamento, ogni singolo gesto o movimento non ha di per sé, in assoluto, un significato preciso e inequivocabile, ma deve interpretato alla luce di un contesto, di una relazione. 10 5

6 CONTENUTO E RELAZIONE IN OGNI COMUNICAZIONE CI SONO DUE LIVELLI: CONTENUTO RELAZIONE LA NOTIZIA OGGETTIVA IN SE, IL DATO, L INFORMAZIONE, L OPINIONE IL MODO SOGGETTIVO DI INTERPRETARE LA NOTIZIA RISPETTO AL SUO SIGNIFICATO RELAZIONALE IL LIVELLO RELAZIONALE E UNA : METACOMUNICAZIONE: UNA COMUNICAZIONE SULLA COMUNICAZIONE 11 LA METACOMUNICAZIONE PUO ESSERE COERENTE CON IL CONTENUTO CONTRADDITORIA CON IL CONTENUTO IL PIU DELLE VOLTE LE METACOMUNICAZIONI SONO NON-VERBALI 12 6

7 CODICE NUMERICO Importanza soprattutto del: CODICE ANALOGICO Importanza soprattutto del: Linguaggio VERBALE Linguaggio NON VERBALE Parole Gesti, atteggiamenti, silenzi Informazioni e dati Relazione e Emozioni 13 SIMMETRIA E COMPLEMENTARIETA OGNI MESSAGGIO (CONTENUTO E RELAZIONE) PUO ESSERE LETTO COME UNA DICHIARAZIONE DI POSIZIONI SUPERIORITA INFERIORITA LO SCAMBIO PUO PORTARE A: POSIZIONI DI EGUAGLIANZA POSIZIONI DI DIFFERENZA I comunicanti sono sulla stessa posizione (scambi simmetrici). Un comunicante e in posizione di inferiorita e l altro di superiorita o viceversa (scambi complementari). 14 7

8 PUNTEGGIATURA METTERE IN SEQUENZA GLI EVENTI IL MODO IN CUI OGNI COMUNICATORE ORGANIZZA-METTE IN SEQUENZA GLI EVENTI IL SIGNIFICATO ATTRIBUITO DA OGNUNO AI COMPORTAMENTI PROPRI/DELL ALTRO DUTANTE L INTERVENTO CHI HA INIZIATO? CHI HA RISPOSTO? CHI HA REAGITO ALLA RISPOSTA? IL DISACCORDO SULLA PUNTEGGIATURA E ALLA BASE DI CONFLITTI/PROBLEMI ECC: 15 La punteggiatura alternativa condivisa 1/5 Quali tipi di connessioni alternative potrebbero essere più funzionali? Come costruire e condividere una punteggiatura alternativa? Che cosa ci porta a sottolineare l aspetto della condivisione nel processo interattivo? 16 8

9 La punteggiatura alternativa condivisa 2/5 A) Attraverso la comunicazione abbiamo la possibilità di guidare il nostro interlocutore: Ad arricchire i dati della sua esperienza, a esplicitarli meglio a se stessi e a noi; Recuperare e far riemergere parti dell esperienza che l altro aveva trascurato o dimenticato; Organizzare e connettere questi dati in modo alternativo. 17 La punteggiatura alternativa condivisa 3/5 B) Attraverso la comunicazione abbiamo la possibilità di guidare il nostro interlocutore: Una punteggiatura alternativa condivisa si costruisce tramite lo scambio delle rispettive sottolineature sui comportamenti, sulle correlazioni, sulle differenze emerse. 18 9

10 La punteggiatura alternativa condivisa 4/5 Sottolineare significa: - Ribadire un concetto tra i molti. - Utilizzare un tono di voce particolare, ogni volta che compare un elemento da noi ritenuto interessante. - Assumere un atteggiamento di consenso di fronte ad una particolare proposta rispetto alle altre. - Riuscire a discriminare ogni tipo di risposta dell interlocutore su qualsiasi tipo di canale comunicativo. - Verificare i punti di incontro e di dissonanza rispetto alle reciproche visioni del mondo. 19 La punteggiatura alternativa condivisa 5/5 Le competenze in gioco: Costruire una punteggiatura condivisa presuppone una buona capacità di capire, di entrare nella visione del mondo dell altro e accettarla per quello che è, anche se è molto lontana dalla nostra

11 Gli elementi di un messaggio 1. Io 2. Comunico qualcosa 3. A qualcun altro 4. In un certo contesto 21 Gli elementi di un messaggio Lo schizofrenese come tentativo di annullare le componenti del messaggio Io Comunico qualcosa A qualcun altro In un certo contesto 22 11

12 La comunicazione patologica 1. Rifiuto, accettazione e squalifica (a livello di contenuti) 2. Il sintomo dal punto di vista comunicazionale (qualcosa più forte di me, non dipendente da me, che mi impedisce di ) (es. la comunicazione tachistoscopica). 23 La comunicazione patologica 1. Confusione contenuto e relazione 2. Errori e impoverimenti nella traduzione analogico in numerico (l assenza del non ) 3. Confusione (disconferma) a livello della definizione del Sé (conferma disconferma e rifiuto) 4. Livelli di percezione interpersonale e impenetrabilità 5. Rigidità della punteggiatura e profezie che si autodeterminano 6. Rigidità nelle interazioni simmetriche e complementari 24 12

13 L organizzazione dell interazione umana 1/ Interazione come sistema (TGS) Principi validi per i sistemi in generale (biologia, economia, psicologia, ecc) TGS è una meta-teoria Sistema= un insieme di oggetti e di relazioni fra gli oggetti e tra i loro attributi in cui gli oggetti sono le parti del sistema, gli attributi sono le proprietà e le relazioni tengono insieme il sistema Sistema interattivo= due o più comunicanti impegnati nel processo di definire la loro relazione 25 L organizzazione dell interazione umana 2/ Ambiente, sottosistema e famiglia come sistema interattivo Quando un oggetto appartiene a un sistema e quando all ambiente? Sistemi chiusi e aperti Proprietà dei sistemi aperti Totalità (cambiamenti sono globali, si propagano) Retroazione e circolarità (reciprocità) come modello causale Equifinalità (natura del processo) 26 13

14 L organizzazione dell interazione umana 3/ Regole di relazione e famiglia come sistema Ridondanze comportamentali Regola di relazione = stabilizzarsi della relazione Sistemi interattivi sono governati da regole 27 Pragmatica della comunicazione umana Principi teorici 1/ Un fenomeno resta inspiegabile finchè il campo di osservazione non è abbastanza chiaro (definizione del contesto) Occorre l analisi delle relazioni interpersonali Comunicazione e comportamento come sinonimi Così come le nostre percezioni sono funzioni la consapevolezza di Sé è sostanzialmente consapevolezza delle relazioni Dallo scambio energetico alla trasmissione di informazione 28 14

15 Pragmatica della comunicazione umana Principi teorici 2/ Retroazione negativa (omeostasi) e positiva (disequilibrio) I sistemi a retroazione si differenziano, il loro studio richiede nuovi schemi concettuali Teoria dei sistemi come diversa rispetto alle teorie tradizionali lineari Importanza dei concetti di ridondanza e metacomunicazione 29 Retroazione negativa (omeostasi) 1 Relazione positiva: >D>P <D<P Es.: domanda prodotto prezzo Le relazioni positive sono bilanciate da quelle negative Altri es: termoregolazione, termostato, ecologia, ecc Domanda Prezzo Relazione negativa: >P<D <P>D - valore tempo 30 15

16 Retroazione negativa (omeostasi) 2 Es.: leoni, gazzelle? Leoni Gazzelle? 31 Retroazione negativa (omeostasi) 2 Relazione negativa: >L<G <L>G Es.: leoni, gazzelle - Leoni Gazzelle Relazione positiva: <G<L >G>L valore Leoni Gazzelle tempo 32 16

17 Retroazione positiva (disequilibrio) 1 Es.: successo negli studi favorisce successo negli studi... Successo studi Motivazione Esempio di circolo virtuoso Impegno negli studi valore tempo 33 Retroazione positiva (disequilibrio) 2 Altri es. di circolo virtuosi: impegno in un progetto ; investimenti, occupazione, consumi, espansione di aree industriali successo di un ristorante, pub, ecc... A B Esempio di circolo virtuoso C valore tempo 34 17

18 Retroazione positiva (disequilibrio) 3 Es.: aumento della conflittualità... Aggressioni verso B valore Aggressioni verso A Esempio di circolo vizioso Conflittualità tempo 35 COS E UN SISTEMA? IL PENSIERO SISTEMICO 1 Il Pensiero sistemico è una forma mentis utile per affrontare problemi di una certa complessità Il PS ci invita a interpretare i mondi e i problemi tenendo conto della loro complessità, dinamicità, del loro essere fra loro intrecciati in una fitta rete di relazioni, difficilmente risolvibili con semplicistici interventi

19 COS E UN SISTEMA? IL PENSIERO SISTEMICO 2 La delimitazione del sistema è sempre arbitraria Delimitando il sistema si delimita il campo di studio e di soluzione Si organizza gerarchicamente secondo diverse ipotesi il sistema in sottosistemi a seconda della natura del problema e delle possibilità di conoscenzaintervento con criteri logico-concettuali e fisicostrutturali 37 Pragmatica della comunicazione umana Principi teorici 3/ In sistemi con circuiti di retroazione: dal passato al presente dalle cause agli effetti Se si studia un comportamento riferendolo a un contesto i concetti di salute e anormalità non possono più riferirsi solo all individuo Patologia diventa appropriata rispetto a un contesto assurdo 38 19

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Comunicazione una premessa. Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Teoria (Dalla scuola di Palo Alto Watzlawic) Lo studio della

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

La Comunicazione Formativa a Scuola

La Comunicazione Formativa a Scuola Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento di Scienze dell'educazione e dei Processi Culturali e Formativi La Comunicazione Formativa a Scuola Vanna Boffo Aspetti

Dettagli

La comunicazione ambientale a sostegno della prevenzione

La comunicazione ambientale a sostegno della prevenzione La comunicazione ambientale a sostegno della prevenzione VIII Conferenza Nazionale delle Agenzie per la Protezione dell Ambiente (Genova 5-7/7/2004) 5 Giorgio Cesari L informazione ambientale L informazione

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

Comunicazione. Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione

Comunicazione. Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione Comunicazione Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione Non si può non comunicare, afferma uno degli assiomi della comunicazione. Non esiste infatti la non

Dettagli

CENNI SULLA COMUNICAZIONE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) Secondo Jakobson la comunicazione può essere così rappresentata: CONTESTO MESSAGGIO

CENNI SULLA COMUNICAZIONE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) Secondo Jakobson la comunicazione può essere così rappresentata: CONTESTO MESSAGGIO C E F O CENNI SULLA COMUNICAZIONE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) Secondo Jakobson la comunicazione può essere così rappresentata: CONTESTO MESSAGGIO EMITTENTE -----------------------------------------------DESTINATARIO

Dettagli

Comunicare la gravità: : il cancro

Comunicare la gravità: : il cancro Comunicare la gravità: : il cancro Dott.ssa Nadia Crotti Psicologa-Psicoterapeuta Servizio di Psicologia - IST Genova ntcrotti@libero.it 010-5600603/606 COMUNICAZIONE sul CANCRO Comunicazione individuale

Dettagli

Relazionalità formativa e valutativa. Docente Dott.ssa M.Zanin Co trainer R.oriani. Corso guide di tirocinio anno 2008.

Relazionalità formativa e valutativa. Docente Dott.ssa M.Zanin Co trainer R.oriani. Corso guide di tirocinio anno 2008. Relazionalità formativa e valutativa Docente Dott.ssa M.Zanin Co trainer R.oriani Corso guide di tirocinio anno 2008 Sedi didattiche LA COMUNICAZIONE è un processo non lineare ma circolare nel quale emittente

Dettagli

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa Il processo di comunicazione Generalmente si ritiene che nel processo di comunicazione avvenga il semplice trasferimento di un messaggio già dotato di determinati significati. Comunicare Informare Il termine

Dettagli

LO2.3 SESSIONE 3 UN PO DI TEORIA: I CINQUE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LO2.3 SESSIONE 3 UN PO DI TEORIA: I CINQUE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LO2.3 SESSIONE 3 UN PO DI TEORIA: I CINQUE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE BREVE DESCRIZIONE DELL ATTIVITÀ Introduzione al tema Presentazione e discussione dei 5 assiomi della comunicazione di Paul Watzlawick

Dettagli

Corso MODULO C. Il sistema delle relazioni e la comunicazione. Maria Bonadies

Corso MODULO C. Il sistema delle relazioni e la comunicazione. Maria Bonadies Corso MODULO C Il sistema delle relazioni e la comunicazione 2013 Programma Ruolo dell RSPP Competenze relazionali Competenze comunicative Chi sono? Perché mi occupo di sicurezza? Perché sono qui oggi?

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

La Comunicazione. Definizione di Comunicazione Comunicazione Interpersonale Comunicazione non verbale. G.Alessandrini per Facoltà di ingegneria

La Comunicazione. Definizione di Comunicazione Comunicazione Interpersonale Comunicazione non verbale. G.Alessandrini per Facoltà di ingegneria La Comunicazione Definizione di Comunicazione Comunicazione Interpersonale Comunicazione non verbale G.Alessandrini per Facoltà di ingegneria La comunicazione è. Dimensione psicologica costitutiva di ogni

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Dr.ssa M. CECILIA GIOIA

Dr.ssa M. CECILIA GIOIA CORSO BIENNALE IN MEDIAZIONE FAMILIARE Dr.ssa M. CECILIA GIOIA 1. CHE COSA SIGNIFICA COMUNICAZIONE? COMUNIC-AZIONE vuol dire letteralmente azione in comune. Nella sua accezione più ampia la comunicazione

Dettagli

Comunicazione = Comportamento (P. Watzlawick)

Comunicazione = Comportamento (P. Watzlawick) Livello pragmatico Secondo la pragmatica in ogni scambio comunicativo si crea una relazione sociale tra i comunicanti che va oltre la semplice trasmissione del messaggio Comunicazione = Comportamento (P.

Dettagli

La famiglia come contesto la circolarità come metodo. Alcune idee dal counselling sistemico per lavorare sulle risorse attraverso la consapevolezza

La famiglia come contesto la circolarità come metodo. Alcune idee dal counselling sistemico per lavorare sulle risorse attraverso la consapevolezza La famiglia come contesto la circolarità come metodo Alcune idee dal counselling sistemico per lavorare sulle risorse attraverso la consapevolezza Il lavoro dell'assistente sociale spesso è rivolto a famiglie,

Dettagli

GI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Gli aspetti interattivi. Fernando Botero Famiglia

GI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Gli aspetti interattivi. Fernando Botero Famiglia GI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Gli aspetti interattivi Fernando Botero Famiglia I LUOGHI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZONE I SISTEMI RELAZIONALI C è comunicazione in tutti i diversi sistemi relazionali

Dettagli

La comunicazione efficace nel processo decisionale in un gruppo. Relatore: Dott. Andrea Zagato

La comunicazione efficace nel processo decisionale in un gruppo. Relatore: Dott. Andrea Zagato La comunicazione efficace nel processo decisionale in un gruppo Relatore: Dott. Andrea Zagato Il modello di comunicazione (base) COMUNICAZIONE dal latino [communicare] «condividere» mettere in comune CODIFICA

Dettagli

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti Il procedimento di mediazione, oggi disciplinato dal DLgs n 28/2010, introduce nel nostro sistema una nuova figura professionale, quella appunto del mediatore che deve necessariamente possedere competenze

Dettagli

Assertività. Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi. Assenza Di paure o Inibizioni sociali. di sé

Assertività. Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi. Assenza Di paure o Inibizioni sociali. di sé Assertività Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi Presenza di Affinate Abilità interpersonali Assenza Di paure o Inibizioni sociali Buona immagine di sé Privata e professionale ESSERE

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

COMUNICARE EFFICACEMENTE

COMUNICARE EFFICACEMENTE CORSO MANAGER DIDATTICI COMUNICARE EFFICACEMENTE A cura di: Franco Tartaglia COMUNICAZIONE TRASMISSIONE TRA DUE O PIÙ PERSONE DI : IDEE/OPINIONI MESSAGGI FATTI SENTIMENTI COMANDI RICHIESTE PROPOSTE PRESENTAZIONI

Dettagli

Lo studio della comunicazione in ambito psicologico: il contributo di Paul Watzlawick

Lo studio della comunicazione in ambito psicologico: il contributo di Paul Watzlawick Lo studio della comunicazione in ambito psicologico: il contributo di Paul Watzlawick Premessa Lo studio della comunicazione umana si articola in tre settori di indagine: 1. quello della sintassi, che

Dettagli

Watzlawick e la pragmatica della comunicazione umana: un breve percorso.

Watzlawick e la pragmatica della comunicazione umana: un breve percorso. Watzlawick e la pragmatica della comunicazione umana: un breve percorso. Sociologia della Comunicazione - Medicina dott. Simone Gabbriellini 8 giugno 2005 Indice 1 Presupposti teorici. 2 1.1 Funzione e

Dettagli

La comunicazione efficace nella pratica sportiva Appunti 1 Corso sulla Preparazione fisica II livello

La comunicazione efficace nella pratica sportiva Appunti 1 Corso sulla Preparazione fisica II livello La comunicazione efficace nella pratica sportiva Appunti 1 Corso sulla Preparazione fisica II livello A cura di CRISTINA CAPRILE dell Organico Didattico di SdS Coni Liguria Genova, autunno/inverno 2010

Dettagli

Il processo di comunicazione

Il processo di comunicazione Il processo di comunicazione La comunicazione comprende l insieme delle attività che nutrono le relazioni biunivoche tra l impresa ed i suoi pubblici di riferimento (interni ed esterni) con l obiettivo

Dettagli

La pragmatica della comunicazione secondo la Scuola di Palo Alto

La pragmatica della comunicazione secondo la Scuola di Palo Alto La pragmatica della comunicazione secondo la Scuola di Palo Alto 1. La pragmatica della comunicazione e i suoi assiomi Un enorme contributo alla spiegazione dei complessi meccanismi di interazione degli

Dettagli

Teoria della comunicazione A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 2-2 0 1 3 L E Z I O N E N. 1

Teoria della comunicazione A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 2-2 0 1 3 L E Z I O N E N. 1 Teoria della comunicazione A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 2-2 0 1 3 L E Z I O N E N. 1 Teoria della comunicazione Testi di riferimento: Malizia P., Comunic-a-zioni. Strutture e contesti sociali dell

Dettagli

nel paziente anziano

nel paziente anziano nel paziente anziano Verbale Non verbale Paraverbale 38% 7% 55% Fonte: Mehrabian L invecchiamento è un evento esistenziale che abbraccia tutte le esperienze della vita è necessario un approccio multidisciplinare

Dettagli

La comunicazione non verbale

La comunicazione non verbale 1. Premessa Conferenza tenuta dal Dott. Giuliano Franzan La comunicazione non verbale Le parole non bastano Le semplici parole dicono ben poco, esse portano solo il 7% del significato dei messaggi con

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Formazione Particolare Aggiuntiva dei Preposti Accordo Stato Regioni 21/12/11

Formazione Particolare Aggiuntiva dei Preposti Accordo Stato Regioni 21/12/11 Formazione Particolare Aggiuntiva dei Preposti Accordo Stato Regioni 21/12/11 MODULO 5 TECNICHE DI COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE DEI LAVORATORI, IN PARTICOLARE NEOASSUNTI, SOMMINISTRATI, STRANIERI.

Dettagli

FORMARSI AL BEN-ESSERE:

FORMARSI AL BEN-ESSERE: FORMARSI AL BEN-ESSERE: come dare il meglio di sé sui luoghi di lavoro e nella vita 16 ottobre 2015 Relatore: Formatore Coach A.N.CO.R.S. - Management e Sviluppo Personale 1) ORARI WORKSHOP:! dalle ore

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code

Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code e-cons s.r.l. Via del Lavoro, 4 35040 Boara Pisani (PD) La comunicazione è una relazione fra due o più persone che si regge sullo scambio di informazioni

Dettagli

Il SELF MARKETING Il marketing di se stessi

Il SELF MARKETING Il marketing di se stessi Il marketing di se stessi I concetti di base del marketing vengono rielaborati per essere poi applicati al "prodotto persona Fare self marketing significa essenzialmente progettarsi, migliorarsi, proporsi

Dettagli

Stage formativo annuale La Comunicazione nelle Scienze Umane

Stage formativo annuale La Comunicazione nelle Scienze Umane Istituto Magistrale Statale di Rieti Elena Principessa di Napoli Liceo delle Scienze Sociali Liceo Sociopsicopedagogico Stage formativo annuale La Comunicazione nelle Scienze Umane Modulo: Aspetti generali

Dettagli

LAVORI A TAVOLINO. B) APPRENDIMENTO

LAVORI A TAVOLINO. B) APPRENDIMENTO COGNITIVA GIOCO B) APPRENDIMENTO LAVORI A TAVOLINO. insegnamento di attività da eseguire successivamente in modo indipendente, che comprende attività come descritto prima. Si lavora anche su attività da

Dettagli

COLLOQUIO EFFICACE URBINO 3-12-2010. Antonella Scalognini A.A.2010/2011. www.mastercounselingurb.it

COLLOQUIO EFFICACE URBINO 3-12-2010. Antonella Scalognini A.A.2010/2011. www.mastercounselingurb.it COLLOQUIO EFFICACE URBINO 3-12-2010 Tipologie di rispecchiamento Il rispecchiamento può avvenire: -a livello non verbale, quando si riproducono la posizione, i gesti, i movimenti, la respirazione, l espressione

Dettagli

CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO

CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO ASPETTI DA VALUTARE CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO LE PERSONE Gli interessi in gioco I vantaggi Introduzione agli aspetti comportamentali per la gestione dei negoziati e delle controversie

Dettagli

Conversazione sulla comunicazione didattica

Conversazione sulla comunicazione didattica 2010 Conversazione sulla comunicazione didattica 1. Il saper fare didattico e pedagogico del tecnico 2. Saper comunicare 3. Il processo comunicativo 4. L effetto dell etichettamento - 5. L articolazione

Dettagli

La comunicazione, elementi teorici ed aspetti pratici. Anselmo Cro

La comunicazione, elementi teorici ed aspetti pratici. Anselmo Cro La comunicazione, elementi teorici ed aspetti pratici Anselmo Cro LA COMUNICAZIONE I Principi NON SI PUO NON COMUNICARE OGNI COMUNICAZIONE E COMPORTAMENTO OGNI COMPORTAMENTO E COMUNICAZIONE IL SIGNIFICATO

Dettagli

Psicologia dell emergenza negli eventi catastrofici annunciati LA COMUNICAZIONE EFFICACE

Psicologia dell emergenza negli eventi catastrofici annunciati LA COMUNICAZIONE EFFICACE Corso di formazione per volontari di protezione civile Psicologia dell emergenza negli eventi catastrofici annunciati LA COMUNICAZIONE EFFICACE Supporti visivi di Consuelo C. Casula Specialista Psicologia

Dettagli

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni.

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni. SCUOLA DELL INFANZIA CHE AVVENTURA - Progetto educativo/didattico anno scolastico 2014 / 2015 Obiettivi di apprendimento ipotizzati per bambini di 3 anni CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Psicopedagogia del linguaggio e della comunicazione

Psicopedagogia del linguaggio e della comunicazione Psicopedagogia del linguaggio e della comunicazione La comunicazione svolge una funzione fondamentale nella vita umana e nell ordinamento sociale. Fin dall inizio della sua esistenza l uomo è coinvolto

Dettagli

Comunicazione LA COMUNICAZIONE. Articolo di Rosanna Gallo : Settore Volontariato, Lega Italiana per la Lotta Contro i Tumori, Milano.

Comunicazione LA COMUNICAZIONE. Articolo di Rosanna Gallo : Settore Volontariato, Lega Italiana per la Lotta Contro i Tumori, Milano. Comunicazione LA COMUNICAZIONE Articolo di Rosanna Gallo : Settore Volontariato, Lega Italiana per la Lotta Contro i Tumori, Milano. Definizione La comunicazione è un processo di scambio di informazioni

Dettagli

Tecniche della comunicazione e relazione Dinamiche e tecniche di comunicazione

Tecniche della comunicazione e relazione Dinamiche e tecniche di comunicazione Tecniche della comunicazione e relazione Dinamiche e tecniche di comunicazione La comunicazione: definizione Per comunicazione s intende la trasmissione di informazioni mediante l uso di un codice e rappresenta

Dettagli

Centro Formazione Insegnanti Rovereto. Relatrice: Dr.ssa Serena Valorzi www.serenavalorzi.it

Centro Formazione Insegnanti Rovereto. Relatrice: Dr.ssa Serena Valorzi www.serenavalorzi.it Centro Formazione Insegnanti Rovereto Relatrice: Dr.ssa Serena Valorzi www.serenavalorzi.it Gli uomini non vengono angosciati dalle cose, bensì dalle opinioni che si fanno su di esse. Epitteto, filosofo

Dettagli

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA MOTIVAZIONE Istituto Comprensivo Gallicano nel Lazio Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA La dimensione del tempo, come quella dello spazio, nella società di oggi è stravolta dalla modalità e dalla

Dettagli

COMUNICARE BENE E CON EFFICACIA

COMUNICARE BENE E CON EFFICACIA Presentiamo un estratto del testo Comunicare bene e con efficacia che integra il corso FAD per un esaustivo approfondimento. COMUNICARE BENE E CON EFFICACIA Sergio Marchesini testo allegato al corso in

Dettagli

Corinna Ligorio. Pragmatica della comunicazione umana. Laboratorio Montessori ISSN 1974-8787

Corinna Ligorio. Pragmatica della comunicazione umana. Laboratorio Montessori ISSN 1974-8787 Corinna Ligorio Pragmatica della comunicazione umana Laboratorio Montessori ISSN 1974-8787 1 1. Presupposti teorici Gli studi riguardanti la comunicazione umana possono essere divisi in tre sottosettori:

Dettagli

corso comunicazione efficace 9 Dicembre 2013

corso comunicazione efficace 9 Dicembre 2013 corso comunicazione efficace 9 Dicembre 2013 AGENDA La comunicazione Le barriere e i rimedi OBIETTIVO DEL CORSO UNA PERSONA PIU EFFICACE NEL LAVORO E NELLA VITA PERCHE CONTROLLA MEGLIO LA PROPRIA COMUNICAZIONE

Dettagli

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca.

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1 La rappresentazione nella pubblicità Premessa La letteratura internazionale ha affrontato negli ultimi anni la pubblicità che utilizza i bambini

Dettagli

Comunicazione e Relazione

Comunicazione e Relazione Seminario di Comunicazione e Relazione Dott.ssa Isabella Fanelli Esperta nei Processi Formativi Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento di Psicologia Università degli Studi di Bari E-mail: l.fanelli@tin.it

Dettagli

Cenni di comunicazione efficace

Cenni di comunicazione efficace Cenni di comunicazione efficace Emanuele Biolcati Corso Animatori Educazione alla Sessualità e Prevenzione alle MST Bresso, 5-8 gennaio 2011 1 Bresso 8-1-2011 Cenni di comunicazione efficace Sommario 1

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

IL TOCCO E LA RELAZIONE

IL TOCCO E LA RELAZIONE IL TOCCO E LA RELAZIONE DR.SSA CHIARA PAGANI PSICOTERAPEUTA, PSICOLOGA CLINICA E CERTIFIED INFANT MASSAGE INSTRUCTOR PROGRAMMA: Accoglienza e rompighiaccio; Esercizi d ascolto e di contatto; Assiomi della

Dettagli

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 L ASCOLTO Primo passo dell Accoglienza Padre GHERARDO ARMANI C. M. 1. La relazione di aiuto La relazione si fonda su un rapporto umano centrato sull incontro di

Dettagli

Il sistema delle relazioni e della comunicazione. 2007 mannelli 1/122

Il sistema delle relazioni e della comunicazione. 2007 mannelli 1/122 Il sistema delle relazioni e della comunicazione 2007 mannelli 1/122 Soggetti in relazione con il RSPP Datore di lavoro Dirigenti e Preposti Enti pubblici M.C. R.L.S. Lavoratori R.S.P.P. ASPP Fornitori

Dettagli

PROGRAMMAZIONI MODULARI DI TECNICHE DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE A.S. 2015/16

PROGRAMMAZIONI MODULARI DI TECNICHE DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE A.S. 2015/16 ISTITUTO POLISPECIALISTICO S. PAOLO Sede centrale: p.zza della Vittoria, 1 80067 Sorrento tel./fax: 0818071005 Presidenza: 0818771220 e mail: presidenza@isusanpaolo.it Succursale: via Sersale, Sorrento

Dettagli

TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO

TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO Guida del partecipante Vietata ogni riproduzione Olympos Group srl. Via XXV aprile, 40-24030 Brembate di Sopra (BG) Tel. 03519965309 - Fax 1786054267 - customer.service@olympos.it

Dettagli

SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA ALLEGATO 2 PTOF 2016/2019 SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA INDICE ACCOGLIENZA CONTINUITÀ SI/SP LINGUA INGLESE ATTIVITA MOTORIA EDUCAZIONE MUSICALE LABORATORIO TEATRALE 1 ACCOGLIENZA Integrazione

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Di cosa di occuperemo?

Di cosa di occuperemo? Un contributo per interpretare e gestire i flussi di comunicazione nel processo di ispezione Di cosa di occuperemo? aspetti di comunicazione e relazionali nelle visite ispettive e nel processo di certificazione

Dettagli

Indice. 2.2. Deferenza, contegno, cortesia 44 2.3. Le linee di conversazione 46

Indice. 2.2. Deferenza, contegno, cortesia 44 2.3. Le linee di conversazione 46 Indice 1. Dall incomunicabilità alla comunicazione costruttiva 11 1.1. La comunicazione che funziona vs. l incomunicabilità: le ripercussioni sulle performance aziendali e sui rapporti personali 12 Esercitazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Musica: Scuola Primaria

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Musica: Scuola Primaria Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015 Curricolo di Musica: Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA : L alunno esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali,

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA FINALITÀ EDUCATIVA DESCRITTORI DELLA IGIENE PERSONALE Intesa come gestione dei propri indumenti personali OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPORTAMENTI

Dettagli

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014 PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014 istituto "ALBERTI-PORRO" Nome docente Chiara Sammatrice Materia insegnata Scienze Umane e sociali Classe numero ore di insegnamento Testo in adozione 2 B 0SS 4 h settimanali

Dettagli

Glossario. Glossario

Glossario. Glossario Glossario A Addetto stampa: soggetto che, all interno di un azienda o di un organizzazione, cura l immagine e i rapporti con i mass media. Advertising: un insieme di tecniche che, nel linguaggio di marketing,

Dettagli

Comunicare per trasmettere efficacemente Messaggio e Personalita nel Lavoro

Comunicare per trasmettere efficacemente Messaggio e Personalita nel Lavoro 5,6 novembre 2010 CONFIDI ABRUZZO Comunicare per trasmettere efficacemente Messaggio e Personalita nel Lavoro Ilki Yang Development Bisogna essere consapevole del proposito della comunicazione PERSUADERE

Dettagli

La comunicazione con le persone affette da demenza. Elena Lucchi 13 settembre 2013 Seminari del venerdì Brescia

La comunicazione con le persone affette da demenza. Elena Lucchi 13 settembre 2013 Seminari del venerdì Brescia La comunicazione con le persone affette da demenza Elena Lucchi 13 settembre 2013 Seminari del venerdì Brescia Comunicare Cum: con e munire: legare, costruire Communico: mettere in comune, far partecipe

Dettagli

La comunicazione medico paziente

La comunicazione medico paziente Università degli Studi di Perugia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia La comunicazione medico paziente Damiano Parretti I principi della comunicazione Watzlawick (1971) descrive gli aspetti della comunicazione

Dettagli

Psiche e complessità. 3. Complessità della comunicazione umana

Psiche e complessità. 3. Complessità della comunicazione umana Psiche e complessità 3. Complessità della comunicazione umana Riepilogo Negli incontri precedenti abbiamo visto la differenza tra problemi complicati e problemi complessi Tullio Tinti 2 Riepilogo Problemi

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE Prof. Giancarlo Ferrero 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne

Dettagli

Pubblicità e P.R. nel turismo

Pubblicità e P.R. nel turismo Pubblicità e P.R. nel turismo 1 Il processo comunicativo Il condizionamento dell Ambiente EMITTENTE Scopo della Comunicazione Feed back Scelta del codice Fase di codifica Scelta del mezzo Emissione del

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA ASCOLTO E PARLATO L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti rispettando il turno e formulando

Dettagli

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA RAPPORT & SINTONIA 1 RAPPORT Il termine rapport indica che esiste o che si è stabilita una reciproca comprensione tra due o più persone. Il sinonimo per tale concetto è sintonia o feeling. Per rapport,

Dettagli

Storia della PNL PROGRAMMA. I presupposti della comunicazione. I sistemi rappresentazionali. Il sistema rappresentazionale preferenziale

Storia della PNL PROGRAMMA. I presupposti della comunicazione. I sistemi rappresentazionali. Il sistema rappresentazionale preferenziale PROGRAMMA Storia della PNL I presupposti della comunicazione I sistemi rappresentazionali Il sistema rappresentazionale preferenziale Individuazione del sistema rappresentazionale primario I LEM (Lateral

Dettagli

COMUNICAZIONE:IL FILO CHE CI COLLEGA AL MONDO LA COMUNICAZIONE è LA MODALITA ATTRAVERSO la quale GLI ESSERI UMANI ENTRANO IN RELAZIONE E SI

COMUNICAZIONE:IL FILO CHE CI COLLEGA AL MONDO LA COMUNICAZIONE è LA MODALITA ATTRAVERSO la quale GLI ESSERI UMANI ENTRANO IN RELAZIONE E SI COMUNICAZIONE:IL FILO CHE CI COLLEGA AL MONDO LA COMUNICAZIONE è LA MODALITA ATTRAVERSO la quale GLI ESSERI UMANI ENTRANO IN RELAZIONE E SI INFLUENZANO La comunicazione è una abilità fondamentale nella

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a

INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe 1 a INGLESE - SCUOLA PRIMARIA Classe a comprendere testi di vario tipo. Colori Oggetti di uso comune Animali domestici Numeri (-0) Identificare la corrispondenza parole/immagini e viceversa di : colorioggetti-animali-numeri

Dettagli

SCUOLA ELEMENTARE VIA MASSAUA 5 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE CLASSE QUINTA ANNO SCOLASTICO 2009-2010 LINGUA ITALIANA

SCUOLA ELEMENTARE VIA MASSAUA 5 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE CLASSE QUINTA ANNO SCOLASTICO 2009-2010 LINGUA ITALIANA SCUOLA ELEMENTARE VIA MASSAUA 5 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE CLASSE QUINTA ANNO SCOLASTICO 2009-2010 LINGUA ITALIANA 1. ASCOLTARE, COMPRENDERE E COMUNICARE ORALMENTE o Intervenire nelle conversazioni

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA CLASSI seconde CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA LINGUA ITALIANA l alunno utilizza in maniera appropriata il codice linguistico per descrivere, narrare argomentare. si esprime in modo

Dettagli

Linguaggi per COMUNICARE. Il linguaggio è un sistema codificato di segni che consente la comunicazione, intesa come scambio di informazioni

Linguaggi per COMUNICARE. Il linguaggio è un sistema codificato di segni che consente la comunicazione, intesa come scambio di informazioni Linguaggi per COMUNICARE Il linguaggio è un sistema codificato di segni che consente la comunicazione, intesa come scambio di informazioni Sintassi e semantica dei linguaggi Un informazione può : Essere

Dettagli

Napoletano Francesca - Psicologa - Formatrice

Napoletano Francesca - Psicologa - Formatrice Napoletano Francesca - Psicologa - Formatrice LINGUISTICA Sensibilità al significato (semantica), all ordine (sintassi), ai suoni, ai ritmi e alle inflessioni delle parole (fonologia); sensibilità alle

Dettagli

HUMAN RESOURCES MANAGEMENT

HUMAN RESOURCES MANAGEMENT CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE Tipo corso: Master non universitari Area Tematica: Gestione e sviluppo delle risorse umane Master in HUMAN RESOURCES MANAGEMENT ID. Corso: 3397/AG/101 - Edizione

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

IIS SELLA AALTO LAGRANGE. Sezione associata L.Lagrange. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE

IIS SELLA AALTO LAGRANGE. Sezione associata L.Lagrange. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE IIS SELLA AALTO LAGRANGE Sezione associata L.Lagrange a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE DOCENTE: CLASSE: Prof.ssa COLLINO Elena 3 A OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI TRASVERSALI

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI?

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Carla Geuna - Jessica Lamanna MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Una storia per educare il cuore di chi sta crescendo ARMANDO EDITORE SOMMARIO Ringraziamenti 7 Introduzione di Fabio Veglia

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE - LINEE GENERALI Al termine del percorso liceale lo studente deve aver acquisito la consapevolezza della propria corporeità intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del

Dettagli

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 INTERCULTURA PARITARIA: STRUMENTI E TECNICHE PSICOLOGICHE DI COMUNICAZIONE PER FAVORIRE L INCLUSIONE E LA RECIPROCITA mariellabianca psicoterapeuta analista transazionale

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli