Macchine intelligenti Dispensa 3: Il ragionamento e la soluzione dei problemi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Macchine intelligenti Dispensa 3: Il ragionamento e la soluzione dei problemi"

Transcript

1 Macchine intelligenti Dispensa 3: Il ragionamento e la soluzione dei problemi Introduzione Nella dispensa precedente abbiamo visto in che modo nell ambito dell intelligenza artificiale si sia tentato di riprodurre sul computer alcune delle facoltà simboliche che caratterizzano il comportamento intelligente, come l uso del linguaggio naturale e l organizzazione della conoscenza sui fatti del mondo mediante complesse strutture rappresentazionali. Ma evidentemente questi due domini, per quanto importanti, non esauriscono l insieme di facoltà che attribuiremmo ad un essere intelligente. Infatti un agente intelligente deve anche esser in grado di usare le conoscenze di cui è dotato per elaborare altre conoscenze, per orientare il suo comportamento e per risolvere problemi di varia natura. Sin dagli anni cinquanta molti ricercatori e studiosi di intelligenza artificiale hanno rivolto la loro attenzione proprio a questo tipo di facoltà, cercando di sviluppare dei programmi che fossero in grado di effettuare ragionamenti e di affrontare problemi complessi. Il ragionamento e la soluzione dei problemi Per capire in che modo si sia tentato di sviluppare programmi in grado di ragionare e di risolvere problemi, esaminiamo questi tre casi: un matematico che debba dimostrare un teorema, un giocatore di scacchi nel corso di una partita e un normale individuo che debba scegliere che modello di computer acquistare. Il matematico parte da un insieme di conoscenze preesistenti (tutti i teoremi della matematica dimostrati) e applicando alcune regole o conoscenze operative cerca di dedurre da esse un nuovo teorema (il quale a sua volta andrà ad aumentare le conoscenze). Nel fare questo procede per tentativi, esplorando molte possibili strade di dimostrazione prima di individuare quella giusta. Allo stesso modo il giocatore di scacchi di fronte ad una situazione di gioco cerca di prevedere le conseguenze di ogni possibile mossa ragionevole sfruttando la sua conoscenza delle regole del gioco e la sua esperienza 1. Infine anche il nostro compratore cerca di acquisire la maggiore quantità possibile di informazioni per valutare tutti i pro e i contro delle varie scelte di acquisto che ha a disposizione, prendendo in considerazione fattori complessi come la sua disponibilità finanziaria, l utilità di una configurazione piuttosto che di un altra per la sua attività professionale o ricreativa etc. Tutti e tre questi casi, se osservati in modo astratto, presentano alcuni tratti in comune. Sembra insomma che vi sia un modello generale di ragionamento soggiacente a queste attività. L analisi di questo modello e la sua riproduzione mediante sistemi informatici è il dominio di molte ricerche che si collocano nell ambito intelligenza artificiale e che vengono di norma rubricate sotto le etichette di soluzione di problemi (problem solving), dimostrazione automatica, ricerca selettiva. Naturalmente ognuna di queste ricerche ha degli aspetti peculiari legati al particolare oggetto di ciascuna di esse. Tuttavia si può individuare un corpo comune di metodologie e di strumenti. Questo corpo comune consiste nella ricerca di una serie di procedimenti generali per la risoluzione di problemi formalmente definibili. Per capire di cosa si tratti, cominciamo con un esempio di ricerca della soluzione di un problema piuttosto comune e banale. Immaginiamo che Marco sia in procinto di uscire di casa. Proprio mentre sta per aprire la porta si accorge di avere perduto le chiavi della sua automobile. Egli è tuttavia sicuro che le chiavi siano da qualche parte nel suo piccolo appartamento di tre stanze. Si mette così a cercarle. Per evitare di girare a vuoto, però, decide di procedere in modo sistematico nella sua ricerca. Inizia così a cercare dall ingresso. Naturalmente anche per effettuare la sua ricerca nella stanza di ingresso adotta il medesimo approccio sistematico. Si mette pertanto ad esplorare ogni singolo mobile presente nell ingresso, e per ogni singolo mobile guarda in ogni possibile cassetto, piano o anta. Poiché la ricerca nell ingresso non ha avuto esito, passa in cucina. Anche qui guarda prima sul tavolo, poi sul frigorifero, poi sul piano di cottura. Non avendo ancora trovato le chiavi si mette ad esplorare l ultima stanza, quella da letto, essendo ormai sicuro che le chiavi debbano essere li dentro. Ovviamente anche 1 Sulla singolare attrazione che moltissimi ricercatori di intelligenza artificiale hanno mostrato verso il gioco degli scacchi torneremo nel prossimo paragrafo.

2 nella camera da letto adotta la sua strategia sistematica: comodino, cassetto del comodino, superficie del letto, sotto il letto Lasciamo il nostro amico alla sua ricerca e proviamo ad analizzare il suo comportamento. Il problema in questione è la ricerca delle chiavi. Obiettivo della ricerca, ovviamente, è trovare le chiavi. Le possibili soluzioni al problema nel momento iniziale della ricerca sono tutti i luoghi in cui le chiavi possono essere riposte. Chiamiamo questo lo spazio del problema. Per conseguire l obiettivo Marco ha iniziato ad esplorare in modo sistematico tutte le possibili soluzioni suddividendo lo spazio del problema in modo gerarchico. Per ogni passo della sua ricerca ha naturalmente verificato se l obiettivo non fosse conseguito. Un procedimento di ricerca come questo, può facilmente essere rappresentato mediante un cosiddetto grafo ad albero. Un grafo ad albero è costituito da un insieme di punti o nodi, connessi da segmenti orientati (cioè dotati di un verso di percorrenza) e tale che esiste un solo nodo (detto radice) al quale non arriva nessun segmento. Se esistono dei nodi dai quali non parte nessun segmento, essi sono detti nodi terminali o foglie. Per associare un albero ad un processo di soluzione di un problema come quello che abbiamo visto è sufficiente associare ogni singolo passo della ricerca con un nodo. Figura 1 - Il grafo ad albero che rappresenta il processo di ricerca di una soluzione La ricerca di una soluzione corrisponde alla esplorazione dei percorsi che legano i nodi dell albero finché non si raggiunge un nodo foglia che rappresenta lo stato finale o obiettivo della ricerca. Ci sono due cose interessanti che possiamo capire grazie a questo modo di rappresentare la ricerca della soluzione di un problema. In primo luogo esso può essere applicato a moltissimi problemi di ambito diverso. Ad esempio potremmo rappresentare allo stesso modo la ricerca del migliore investimento da fare in borsa. O la scelta della mossa migliore durante una partita di scacchi. In secondo luogo ci accorgiamo che è possibile seguire diverse strategie nella ricerca delle soluzioni di un problema, ovvero diversi modi di esplorare l albero. Le due principali sono la ricerca in profondità (depht-first) e la ricerca in ampiezza (breath-first). Nella ricerca in profondità ogni percorso viene esplorato sistematicamente (in genere a partire da sinistra) fino ad arrivare ad una foglia. Se non si è trovata una soluzione si torna indietro fino alla prima biforcazione e si ripete l operazione. Ad esempio nell albero in figura la ricerca in ampiezza procederebbe in questo modo: Prima si esplorerebbe il percorso In caso di esito negativo dal nodo 10 si tornerebbe al 2 per esplorare i percorsi e Se anche questa ricerca avesse un esito negativo si tornerebbe fino a 1 per esplorare i percorsi passanti per 3. Il processo continuerebbe fino al raggiungimento della soluzione. Per contro nella ricerca in ampiezza vengono valutati prima tutti i rami che partono da un dato nodo (ad esempio 1-2, 1-3, 1-4) e poi si scende di un livello e si ricomincia il processo. Ciascuna di queste due strategie presenta dei lati negativi e dei lati positivi. Per la ricerca in

3 profondità, ad esempio, se l albero scende per molti livelli e la soluzione si trova in uno dei nodi alti dei rami più a destra si perde moltissimo tempo per esplorare lunghi percorsi improduttivi. Inoltre se un percorso non arriva mai ad una foglia (l albero cioè è infinito) il programma continuerebbe ad esplorarlo egualmente senza fermarsi. D altra parte se una soluzione si trova in un nodo molto basso, è la ricerca in ampiezza a rivelarsi inefficiente. Un altro aspetto da considerare è che alcuni problemi (è questo il caso della esplorazione di tutte le possibili mosse di una partita di scacchi per trovare la mossa giusta) generano un numero enorme di nodi. In questo caso una esplorazione sistematica lungo tutti i percorsi potrebbe richiedere tempi enormi. Per questi motivi i ricercatori impegnati nell ambito del problem solving e della dimostrazione automatica hanno cercato di elaborare delle strategie di ricerca selettiva, mediante le quali un programma potesse limitare in anticipo i percorsi da esplorare per trovare una soluzione. Queste strategie sono denominate euristiche. Uno dei procedimenti euristici più noti è l analisi mezzi-fini, formalizzata da Allen Newell, Cliff Shaw e Herbert Simon durante lo sviluppo di un programma battezzato modestamente General Problem Solver (GPS, o solutore generale di problemi ). Nell analisi mezzi-fini la ricerca procede in questo modo. Si prende in considerazione lo stato iniziale del problema e il suo obiettivo, cercando di individuare in che cosa consista la differenza. Poi si applicano una serie di regole di trasformazione per cercare di ridurre tale differenza: questo equivale al darsi una sorta di obiettivo parziale. Una volta conseguito l obiettivo parziale si comincia da capo finché lo stato del problema non coincida con l obiettivo dato. Secondo Newell, Shaw e Simon, questo tipo di ragionamento euristico sarebbe alla base del ragionamento umano. In realtà il GPS, e i principi su cui era basato, si sono rivelati troppo semplicistici. Come mette in evidenza Haugeland, due in particolare sono le idee ingannevoli 2. La prima è la tesi che malgrado le diversità di superficie tutti i problemi, o almeno tutte le strategie di soluzione dei problemi, siano sostanzialmente equivalenti. Ben presto ci si è resi conto, al contrario, che ogni classe di problemi ha delle euristiche specifiche che si applicano esclusivamente al dominio di quei problemi. La seconda è la convinzione che la formulazione di un problema e del suo dominio nei termini formali richiesti dai programmi di problem solving sia tutto sommato un compito semplice. Invece il vero problema nella risoluzione dei problemi consiste proprio nel trovare il modo migliore, più efficiente e, perché no, più elegante per formularlo. Computer che giocano a scacchi Molti dei nostri lettori avranno sicuramente visto il film di Stanley Kubrick 2001 Odissea nello spazio. Uno dei protagonisti del film, ricorderete, è il computer HAL HAL è un computer dotato di una stupefacente intelligenza: è in grado di conversare amabilmente in linguaggio naturale, di esprimere giudizi su opere d arte, di interpretare lo stato d animo dei suoi compagni di viaggio umani, oltre che di governare da solo l astronave. In una sequenza del film, viene messa in scena una partita di scacchi: una partita tra HAL e Dave, uno degli astronauti, che viene naturalmente vinta dal computer. Perché Kubrick decise di inserire quella sequenza nel film? Perché la vittoria di HAL al gioco degli scacchi poteva dare una idea assai chiara di quanto egli fosse intelligente. Infatti il gioco degli scacchi, nella percezione comune, è considerato il gioco intelligente per eccellenza. Sebbene si tratti di un gioco, esso richiede una elevata capacità di ragionamento logico e una grande quantità di conoscenze. Non a caso, sin dalle origini dell intelligenza artificiale moltissimi ricercatori hanno speso il loro ingegno nel tentativo di realizzare un programma che fosse in grado di giocare a scacchi. E soprattutto che fosse in grado di giocare allo stesso livello dei grandi maestri. La storia degli scacchi al computer ha raggiunto il suo culmine un paio di anni fa, quando per la prima volta un computer è stato in grado di sconfiggere il più grande giocatore vivente, Gary Kasparov. Protagonista di questo storico risultato è stato Deep Blue, un computer progettato e programmato nei laboratori di ricerca della IBM. Kasparov e Deep Blue si sono scontrati due volte. Il primo match si è svolto nel febbraio In quella occasione Kasparov riuscì a sconfiggere il suo sfidante artificiale senza troppa fatica. Ma nella rivincita, che si è svolta nel maggio del 1997, è finalmente avvenuto ciò che si attendeva da anni: Deep Blue è riuscito a vincere due partite e a pareggiarne tre, battendo Kasparov. 2 J. Haugeland, Intelligenza Artificiale, Bollati Boringhieri 1988, p. 168 e seg.

4 Deep Blue è un computer particolarmente potente. si tratta infatti di una cosiddetta macchina parallela. Come sappiamo ogni computer di norma è dotato di una unità centrale di calcolo, o CPU, che ne rappresenta il cervello logico e matematico. Nelle macchine parallele, come Deep Blue, i processori sono molteplici, e lavorano tutti insieme, in parallelo appunto. Ogni singolo processore esegue una parte dei calcoli necessaria a risolvere un problema. In questo modo si possono raggiungere potenze di calcolo elevatissime. Nel caso di Deep Blue, inoltre, alcuni di questi processori erano stati progettati in modo speciale per affrontare il tipo di problemi posti dal gioco degli scacchi. Ma perché gli studiosi di intelligenza artificiale hanno dimostrato così tanto interesse (e hanno speso tante energie e finanziamenti) verso il gioco degli scacchi? Una ragione la abbiamo già citata: si tratta di un gioco che viene considerato un esempio tipico di attività intelligente. Dunque, riuscire a creare un computer in grado di giocare a scacchi, e di battere un esperto giocatore umano, rappresenta un buon successo per l IA. Ma ci sono almeno due altre ragioni che rendono gli scacchi così interessanti. In primo luogo si tratta di un gioco in cui ci sono un insieme limitato di elementi distinti (le pedine) e delle regole molto precise che specificano quali mosse si possono fare. Ad esempio l alfiere si può muovere solo in diagonale. Infine sappiamo con certezza quando il gioco finisce. Un gioco come questo, come sappiamo, può essere sicuramente giocato da un computer. Progettare un programma che sappia giocare a scacchi, dunque, a prima vista non è così complicato. Basta rappresentare le pedine mediante un insieme di simboli, e poi tradurre le regole del gioco in una serie di regole per manipolare tali simboli. A questo punto il programma è in grado di calcolare per ogni mossa tutte le possibili contromosse dell avversario e per ognuna di esse tutte le sue possibili contromosse, e così via. Se il programma potesse veramente operare in questo modo riuscirebbe senza dubbio a trovare la mossa giusta per ogni turno di gioco. Ma quante sono le possibili mosse di un partita di scacchi? In media per ogni turno un giocatore dispone di 35 alternative. Dunque per valutare tutte le possibili conseguenze di un sola mossa occorre verificare 35 x 35, cioè 1225 possibilità. Questo significa che per valutare le conseguenze dopo due mosse bisogna analizzare più di un milione di possibilità. Per farla breve, per prevedere con questo metodo tutte le mosse di una partita bisognerebbe valutare un numero come possibilità. Un fenomeno di crescita come questo viene chiamato esplosione combinatoria. Anche il computer più veloce che possiamo immaginare impiegherebbe miliardi di miliardi di anni per fare questo calcolo: e il nostro universo ha solo 15 miliardi anni! Evidentemente programmare un computer in questo modo non avrebbe senso. E soprattutto, è chiaro che un uomo che gioca a scacchi non ragiona in questo modo. Ben presto gli studiosi che si sono applicati a questo problema si sono resi conto che bisognava fornire al computer delle strategie di gioco che gli permettessero di limitare il numero di mosse e contromosse da esplorare. Queste strategie non garantiscono la certezza assoluta della vittoria: esse indicano solo le strade ragionevolmente più interessanti per trovare la mossa giusta. Sono dunque delle euristiche per l esplorazione dello sterminato (praticamente infinito) albero che rappresenta tutte le possibili mosse di una partita. Secondo molti teorici dell intelligenza artificiale anche un uomo dotato di un livello poco più che minimo di conoscenza degli scacchi usa delle euristiche quando gioca. I grandi maestri, dunque sono coloro che hanno elaborato le euristiche più efficaci. Ma come sappiamo il ragionamento euristico ha dimostrato di avere una portata molto più vasta. E questa è la terza ragione per cui gli scacchi hanno destato tanto interesse. La capacità di giocare bene a scacchi può essere vista come esempio di una capacità ben più generale: quella di affrontare e risolvere problemi complessi e di scegliere di volta in volta le soluzioni migliori. E questa capacità fa senza dubbio parte di ciò che chiamiamo essere intelligenti. Va detto comunque che, anche se programmi come quello utilizzato da Deep Blue incorporano componenti euristiche, siamo ancora molto lontani dal poter dire di aver costruito una macchina dalla intelligenza scacchistica paragonabile a quella di un giocatore umano. Il punto di forza di Deep Blue come del resto di tutti i programmi per il gioco degli scacchi resta infatti la capacità di calcolo, la forza bruta. Rispetto al giocatore umano, in grado di individuare immediatamente le strategie più promettenti e di limitare fortemente il numero di

5 mosse analizzato, le capacità euristiche del computer restano grossolane: quanto basta per limitare in qualche modo l esplosione combinatoria, e renderla compatibile con le capacità di calcolo della macchina. Insomma, il computer è in grado di compensare la minore intelligenza con la capacità di analizzare un numero assai maggiore di mosse, molto più velocemente di un uomo. La sconfitta di Kasparov indica solamente che l equilibrio di questi due fattori si è ormai spostato (o si sta spostando) a favore della macchina, ma non che il computer sia diventato un giocatore dall intelligenza scacchistica maggiore di quella di un uomo. I sistemi esperti Le ricerche nell ambito del problem solving, insieme a quelle sulla rappresentazione delle conoscenze, sono alla base della creazione dei sistemi esperti. I sistemi esperti rappresentano la più importante (e forse la sola vera) applicazione dell intelligenza artificiale che ha avuto una ricaduta pratica (anche e soprattutto a livello commerciale). In estrema sintesi, con il termine sistema esperto si intende un programma che è in grado di risolvere problemi complessi che rientrano in un particolare dominio, con una efficienza paragonabile a quella di uno specialista umano di quel settore. Ad esempio un sistema esperto potrebbe essere capace di fare diagnosi mediche esaminando le cartelle cliniche (opportunamente formalizzate) di un paziente; o potrebbe valutare tutti fattori di rischio e le prospettive di guadagno di un determinato investimento finanziario. Come viene realizzato concretamente un programma di questo tipo? Di norma tutti i sistemi esperti hanno i seguenti componenti: una base di conoscenza specialistica su un determinato dominio, che rappresenta il sapere necessario ad affrontare e risolvere problemi in quel campo. Ovviamente la base di conoscenza dovrà essere opportunamente rappresentata nella memoria del calcolatore mediante uno dei formalismi (o altri simili) che abbiamo visto nella terza dispensa parlando di knwoledge representation; un motore inferenziale che sia in grado di dedurre (o inferire), a partire dalla base di conoscenza, le conclusioni che costituiscono la soluzione a un dato problema che rientra nel dominio. Il motore inferenziale, che è il vero cuore del programma, funziona applicando alla base di conoscenze una serie di procedure euristiche simili a quelle sviluppate nell ambito del problem solving. Tuttavia nella maggior parte dei casi alle euristiche generali si affiancano delle euristiche specifiche per l argomento di cui il sistema si occupa. Infatti in ogni campo specialistico un esperto umano è in grado di escludere immediatamente e senza valutarle una serie di opzioni che sono manifestamente improduttive; una interfaccia utente che è costituita da un insieme di moduli informatici grazie ai quali un essere umano è in grado di interagire con il programma ponendo domande e leggendo le risposte. In alcun casi l interfaccia utente può anche prevedere dei moduli di aggiornamento della conoscenza, che consentono agli utenti di aggiungere nuovi elementi alla base dati originale. Il primo sistema esperto ad essere realizzato è stato DENDRAL, sviluppato da Feigenbaum nel 1965 e in grado di analizzare la struttura chimica delle molecole organiche. Ma il vero punto di svolta nella storia di questi programmi è rappresentato dalla creazione (sempre da parte di Feigenbaum insieme a Buchanan e Shortliffe) di MYCIN, che risale al MYCIN è un sistema specializzato nella diagnosi di malattie infettive, ed è sorprendentemente abile. Per lavorare fa ricorso ad una base di conoscenza molto dettagliata sulla sintomatologia di tutte le sindromi infettive conosciute, che confronta con la cartella clinica e con dati sulla storia clinica del singolo paziente sotto esame. Inoltre le euristiche di cui è dotato gli permettono non solo di ipotizzare una diagnosi, ma anche di dare una valutazione sul grado di esattezza delle diagnosi (o delle possibili diagnosi) proposte. Le tecniche impiegate per realizzare MYCIN (che ha avuto un grande successo commerciale ed è tuttora utilizzati in moltissimi ospedali, soprattutto in ambito statunitense) hanno dato origine ad una vera e propria famiglia di sistemi esperti: CASNET ad esempio è un sistema esperto per la diagnosi del glaucoma; PUFF si occupa delle malattie polmonari (le sue diagnosi si sono rivelate giuste nel 95% dei casi); un altro medico artificiale, questa volta generico, è CADUCEUS; PROSPECTOR, invece è un sistema esperto in grado di individuare la posizione di possibili giacimenti minerari sulla base di dati geologici, ed è riuscito ad individuare

6 miniere e giacimenti per un valore di miliardi di dollari. Oltre che nell ambito medico e in quello industriale, questo genere di programmi si è rivelato molto utile anche nel campo dell insegnamento e della didattica. Insomma i sistemi esperti costituiscono nel loro insieme una delle applicazioni pratiche più interessanti dell intelligenza artificiale. Tuttavia, in un certo senso, il successo di queste applicazioni rappresenta una misura delle difficoltà incontrate dall intelligenza artificiale in senso forte. Un sistema esperto infatti, pur essendo molto abile nel suo campo, non sarebbe mai in grado di applicare la sua abilità ad altri domini: il suo è una specie di micromondo, solo un po più ricco di quello in cui operava SHRDLU. E soprattutto un sistema, per quanto possa essere esperto in medicina o geologia, non riuscirebbe mai a trovare la soluzione ad un qualsiasi banale problema quotidiano che ciascun essere umano risolverebbe con il solo buon senso. La questione del senso comune e il problema della cornice Quando il progetto dell intelligenza artificiale ebbe inizio, nella metà degli anni 50, molti tra i suoi sostenitori si dissero convinti che entro quaranta o cinquanta anni sarebbe stato possibile realizzare dei programmi veramente intelligenti. In realtà le cose sono andate diversamente, e le difficoltà incontrate in questa impresa si sono rivelate assai più profonde e radicali di quanto non ci si aspettasse. E la difficoltà maggiore non consiste tanto nel far fare ai computer cose difficili. Come abbiamo visto esistono computer che sanno giocare a scacchi come il più bravo giocatore umano. Così come esistono moltissimi programmi in grado di dimostrare teoremi matematici, o di risolvere problemi molto specialistici. Ma nessuno di essi sarebbe in grado di comprendere i fatti più banali e ordinari della vita quotidiana, come ad esempio andare a prendersi un caffè, o capire una barzelletta. Ma perché è così difficile fornire ad un computer quell insieme di conoscenze e capacità che chiamiamo senso comune e che ognuno di noi acquisisce senza fare alcuno sforzo? Perché oggi un computer è in grado di sconfiggere il campione del mondo di scacchi, ma non riuscirebbe mai a districarsi in una normale situazione della vita quotidiana? Malgrado le apparenze, i problemi implicati dal conferimento di un barlume di senso comune ad un computer sono moltissimi e straordinariamente complessi. Abbiamo visto, ad esempio, che i ricercatori hanno proposto diversi modi per rappresentare la conoscenza sul calcolatore; ma quanta informazione bisognerebbe dare al computer per permettergli di interpretare correttamente tutte le possibili situazioni che gli vengono presentate? Sicuramente moltissima, ma nessuno è stato finora in grado di stabilire esattamente quale e a individuare dei sistemi per orientare il comportamento di una macchina in situazioni reali. Inoltre, ammesso che si riuscisse a formalizzare tutta la conoscenza del senso comune 3, ben altra cosa sarebbe fare in modo che un programma (magari in grado di controllare un robot) si dimostrasse sempre in grado di selezionare dalla sua memoria la conoscenza giusta per una data situazione, o di capire dal contesto quale conoscenze implicite utilizzare per dare un senso ad un atto comunicativo. Un problema apparentemente simile a quello della selezione delle conoscenze, ma in realtà ancora più complesso, è il cosiddetto problema della cornice (in inglese frame problem, ma qui il termine frame non ha nulla a che vedere con il formalismo ideato da Minsky), sul quale si è accumulata una letteratura scientifica e filosofica ricchissima. Per capire di cosa si tratti, usiamo una piccola storiella ideata da John Haugeland: C erano una volta tre Scatole: Papà Scatola, Mamma Scatola e il piccolo Baby Scatola. Papà Scatola stava sul pavimento al centro dello loro modesta casetta, con Baby Scatola appollaiato sulla spalla; Mamma scatola sedeva tranquillamente accanto alla porta. All improvviso, sferragliando sulle sue rotelline, entrò Cavodoro, tutta desiderosa di risolvere qualche problema. Si guardò intorno e poi con somma cura spinse Papà scatola fino alla parete opposta 4. Immaginiamo ora di porre queste tre domande al robot intelligente Cavodoro: 3 Un progetto con tale obiettivo è in effetti in corso. Si tratta del progetto Cyc, ideato e condotto da Wendy Lenat dal Cyc è un programma di IA che è stato dotato di una enorme quantità di conoscenze di senso comune formalizzate in oltre dieci anni di lavoro. Tuttavia i risultati del progetto non sembrano per ora avere scosso più di tanto la comunità dell IA. 4 J. Haugeland, Intelligenza Artificiale, Bollati Boringhieri 1988, p. 190

7 Dov è ora Papa scatola? Dov è ora Mamma scatola? Dov è ora Baby Scatola? Cavodoro sa perfettamente dov è Papa Scatola perché è lei che lo ha spinto fino alla parete. Per quanto riguarda Mamma Scatola e Baby, non avendoli toccati, il robot presumerebbe che siano rimasti dov erano. Il fatto è che la sua azione di spostare Papà Scatola ha avuto un effetto collaterale: lo spostamento di Baby, poggiato sopra il papà. Dunque per rispondere alla terza domanda il robot dovrebbe tenere conto di questo effetto collaterale. Il problema è che i possibili effetti collaterali di una azione sono tantissimi. Ad esempio: Quando si è aperta la porta Baby è caduto per lo spostamento d aria; Quando si è ha aperta la porta il gatto si è spaventato e ha fatto un salto su Papà Scatola che ha fatto cadere Baby; Quando si è aperta la porta la finestra si rotta; Evidentemente, anche se il robot fosse dotato delle regole necessarie per farlo, calcolare tutti i possibili effetti collaterali di una azione sarebbe improponibile. Ma allora, in che modo selezionare tra questo sterminato numero di conseguenze quelle rilevanti? Naturalmente in una situazione semplice come quella della famiglia di scatole non sarebbe difficile dare ad un programma la capacità di tenere conto degli effetti collaterali rilevanti (ricordate SHRDLU?). Ma nella vita reale l impresa è molto più complicata. Ad esempio, se entriamo in una casa e diamo una spinta al padrone di casa, egli potrebbe reagire, oppure la moglie potrebbe chiamare la polizia, o potrebbe arrivare un vicino e fermarci. Ogni nostra azione insomma ha una serie di conseguenze che ci costringono ad aggiornare continuamente la nostra conoscenza. E talvolta questi aggiornamenti sono radicali. Noi esseri umani siamo capaci di fare queste cose senza troppa difficoltà e in pochi secondi sin dalla tenera età. Ma finora nessuno è stato in grado di capire esattamente come questo avvenga e di trasformarlo in una serie di regole euristiche che un computer potrebbe usare per aggiornare nel corso del tempo le sue conoscenze sui fatti accidentali del mondo e sulle conseguenze delle sue eventuali azioni.

Didattica della matematica a.a. 2009-2010 IL LINGUAGGIO DEL PROBLEM SOLVING

Didattica della matematica a.a. 2009-2010 IL LINGUAGGIO DEL PROBLEM SOLVING Didattica della matematica a.a. 2009-2010 IL LINGUAGGIO DEL PROBLEM SOLVING IL PROBLEM SOLVING nella pratica didattica attività di soluzione di problemi Che cos è un problema? 3 Che cos è un problema?

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

La guerra delle posizioni

La guerra delle posizioni www.maestrantonella.it La guerra delle posizioni Gioco di carte per il consolidamento del valore posizionale delle cifre e per il confronto di numeri con l uso dei simboli convenzionali > e < Da 2 a 4

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 IMPAGINAZIONE DELLE REGOLE 1.0 Introduzione 2.0 Contenuto del gioco 3.0 Preparazione 4.0 Come si gioca 5.0 Fine del gioco

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Blu che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Giallo che

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Ricerca non informata in uno spazio di stati

Ricerca non informata in uno spazio di stati Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A5_2 V2.4 Ricerca non informata in uno spazio di stati Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E 1865 SARDINIA Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E Attenzione: il regolamento originale va comunque letto. Il presente sunto ha il solo scopo di fare da introduzione e veloce

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

Esperienze con l elettricità e il magnetismo

Esperienze con l elettricità e il magnetismo Esperienze con l elettricità e il magnetismo Laboratorio di scienze Le esperienze di questo laboratorio ti permettono di acquisire maggiore familiarità con l elettricità e il magnetismo e di sperimentare

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f.

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f. FUNZIONI CONTINUE - ALCUNI ESERCIZI SVOLTI SIMONE ALGHISI 1. Continuità di una funzione Dati un insieme D R, una funzione f : D R e x 0 R, si è detto che f è continua in x 0 se sono soddisfatte le seguenti

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

GENNAIO 2011. download www.maecla.it. Esperienza didattica nella scuola primaria a cura di Giuseppe Amato ( alias Davide Tamatoni )

GENNAIO 2011. download www.maecla.it. Esperienza didattica nella scuola primaria a cura di Giuseppe Amato ( alias Davide Tamatoni ) Esperienza didattica nella scuola primaria a cura di Giuseppe Amato ( alias Davide Tamatoni ) I NUMERI NEGATIVI Lezione tratta da http://www.maecla.it/bibliotecamatematica/af_file/damore_oliva_numeri/mat_fant_classe4.pdf

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@?"?$3J I?@?@?@'@J I")&?@%@?J I?"!@?"!"J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@??$3J I?@?@?@'@J I)&?@%@?J I?!@?!J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO CAMPIONE DELL URSS Alla fine di novembre del 1956 cominciò a Tbilisi la semifinale del 24 campionato dell Urss. Tal vi prese parte. Aspiravano al diritto di giocare il torneo di campionato, tra gli altri,

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Tek divers Con il computer fuori curva di Stefano Ruia Il nostro computer d immersione può essere un compagno fidato anche quando superiamo il limite

Tek divers Con il computer fuori curva di Stefano Ruia Il nostro computer d immersione può essere un compagno fidato anche quando superiamo il limite Tek divers Con il computer fuori curva di Stefano Ruia Il nostro computer d immersione può essere un compagno fidato anche quando superiamo il limite della curva di sicurezza. Nel numero scorso abbiamo

Dettagli

Calcolo combinatorio

Calcolo combinatorio Probabilità e Statistica Esercitazioni a.a. 2009/2010 C.d.L.S.: Ingegneria Civile-Architettonico, Ingegneria Civile-Strutturistico Calcolo combinatorio Ines Campa e Marco Longhi Probabilità e Statistica

Dettagli

INTELLIGENZA ARTIFICIALE: I PRIMI 50 ANNI

INTELLIGENZA ARTIFICIALE: I PRIMI 50 ANNI INTELLIGENZA ARTIFICIALE: I PRIMI 5 ANNI Circa 5 anni fa, durante un famoso seminario al Dartmouth College, veniva ufficialmente introdotto il termine Intelligenza Artificiale. Vi era allora un atmosfera

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1

Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1 Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1 1. Si lancia una moneta 2 volte: qual è la probabilità che esca TESTA 0 volte? 1 volta? 2 volte? 2. Si lancia una moneta 3 volte:

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

conquista il mondo in pochi minuti!

conquista il mondo in pochi minuti! conquista il mondo in pochi minuti! Il gioco di conquista e sviluppo più veloce che c è! Il gioco si spiega in meno di 1 minuto e dura, per le prime partite, non più di quindici minuti. Mai nessuno ha

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli