VALORE PER IL CLIENTE E ANALISI DEI COSTI: METODOLOGIE CONTABILI E PROBLEMI APPLICATIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VALORE PER IL CLIENTE E ANALISI DEI COSTI: METODOLOGIE CONTABILI E PROBLEMI APPLICATIVI"

Transcript

1 VALORE PER IL CLIENTE E ANALISI DEI COSTI: METODOLOGIE CONTABILI E PROBLEMI APPLICATIVI MARCO TUTINO * 1. Introduzione La realtà economico-aziendale moderna si è andata via via modificando sempre più rapidamente. Dagli anni Ottanta in poi i contesti aziendali hanno subìto l accelerazione delle forze di mercato riconducibili a fattori di tipo socio-economico e competitivo. È da rilevare, infatti, come il forte impatto dell evoluzione tecnologica abbia portato i sistemi economici nazionali verso un maggiore grado di integrazione delle imprese, ora coinvolte in processi di competizione su scala internazionale. Si sono così create le condizioni per un accelerazione delle conoscenze scientifiche, della diffusione delle tecnologie e del conseguente fenomeno di globalizzazione dei mercati. Per le imprese, questa evoluzione del sistema competitivo ha significato una sostanziale modifica dei fattori critici su cui basare la propria competitività, quali la dimensione delle relazioni tra impresa e mercato 1, da un lato, e le risorse e competenze 2, dall altro. Più specificatamente, la ricerca del vantaggio competitivo richiede lo sviluppo e la progettazione di un offerta che muova dall interconnessione tra clienti, concorrenti e impresa, in relazione alle risorse ed alla struttura dei costi di quest ultima. La superiorità competitiva si afferma, quindi, attraverso il perseguimento della soddisfazione del cliente, in rapporto ai costi da esso sostenuti. La rilevanza della soddisfazione del cliente assunta come obiettivo strategico mette in crisi gli usuali sistemi di costing 3 poiché essi risultano incapaci di conciliare le opposte esigenze di governo dei * Dottorando in Economia Aziendale presso l Università di Pisa. ¹ Si veda Black A. - Wright P. - Bachman J. E., In Search of Shareholder Value. Managing the Drivers of Performance, London, UK, Pitman Publishing, Pricewater House Coopers, 1990, (trad. it.: La Ricerca del Valore nell Impresa. Analisi e Gestione dei Fattori di Successo della Performance, Milano, Franco Angeli Editore, 1991). ² Prahalad C. K. - Hamel G., The Core Competence of the Corporation, in Harvard Business Review, May-Jun ³ Per un approfondimento sui Sistemi di Costing si veda Cinquini L., Strumenti per l analisi dei costi, vol. 1, Torino, Giappichelli Editore,

2 costi e di personalizzazione dell offerta. La dicotomia classica tra leadership di costo e leadership di differenziazione 4, che finora ha dettato le regole della competizione, non ha dunque più valore assoluto: alle aziende sono ora richieste nuove capacità gestionali, attraverso l affermazione di produzioni flessibili che consentano di essere presenti sui mercati soddisfacendo simultaneamente entrambe le condizioni 5. Obiettivo di questo lavoro è ripercorrere l evoluzione dei sistemi di costing ponendoli in relazione con la centralità dei processi aziendali. Il percorso seguito in questo scritto prende anzitutto in esame la rilevanza dei processi con una breve presentazione delle metodologie di analisi gestionale, focalizzando principalmente su quelle orientate all analisi dei costi e presentando quelle che maggiormente si dedicano all analisi dei processi nell ottica del controllo di gestione. 2. Rilevanza della «customer satisfaction» nei sistemi di «costing» Nel corso del tempo sono state riviste le logiche di governo di quelle attività strategiche interne preposte a conciliare obiettivi di efficienza interna e di efficacia sul mercato: il controllo di gestione e il marketing. La redditività di un azienda viene, pertanto, vista sotto un duplice punto di osservazione: dipendente da una parte dal monitoraggio degli andamenti gestionali e, dall altra, dal comportamento d acquisto dei suoi clienti nel medio-lungo termine 6 indotto dalla capacità dell azienda di manovrare le variabili di vendita. Il forte legame riscontrato tra azione commerciale e risultati reddituali comporta che per monitorare e valutare la formazione dell utile vengano considerati anche i processi organizzativi e produttivi da cui esso scaturisce, ampliando in questo modo il campo d analisi degli equilibri di lungo periodo. ⁴ Porter M., Competitive Advantage, Free Press, New York, 1985 (Trad. It.: Il Vantaggio Competitivo, Milano, Edizioni di Comunità, 1987). ⁵ Il perseguimento di una posizione di mercato stabile nel lungo periodo, in grado di soddisfare sia le migliori condizioni di costo che di differenziazione, viene negata dalla scuola classica di Porter. L approccio porteriano limita questa possibilità a soli cinque casi, evidenziando al contempo come questi siano da circoscrivere all interno di un analisi strategica di breve periodo. Negli ultimi anni, però, l evidenza di alcune aziende di successo presenti su mercati internazionali mostra che nuove formule imprenditoriali, tendenti al soddisfacimento di entrambe le condizioni, sono possibili. Questo sembra da ricondurre alla più ampie soluzioni organizzative offerte dal processo di globalizzazione dei mercati e dall ampliamento dell arena competitiva su scala internazionale. Per un maggior approfondimento sul tema della strategie competitive si veda Porter M., op. cit. ⁶ Questa prospettiva si contrappone al cosiddetto «Approccio Transazionale» secondo il quale la redditività aziendale dipende principalmente dal risultato ottenuto in ogni singolo scambio e dalle politiche di sviluppo della relazione con la clientela acquirente. Sul tema si veda Miller J. - Vollmann T., The Hidden History, in Harvard Business Review, Sep.-Oct

3 M. TUTINO, VALORE PER IL CLIENTE E ANALISI DEI COSTI: METODOLOGIE CONTABILI... L accento messo sul controllo dei processi aziendali consente di poter meglio identificare sia i costi a loro associati, sia i momenti rilevanti di creazione del valore per i principali stakeholders dell azienda, quali clienti ed azionisti 7. In quest ottica sono andate sviluppandosi relazioni organizzative nuove e più complesse che vedono l abbattimento dei princìpi cardine del modello organizzativo gerarchico-funzionale, sviluppato verticalmente, a favore di un organizzazione orizzontale più elastica e dinamica capace di modificare, velocemente e a costi contenuti, le relazioni funzionali al suo interno tenuto conto delle nuove opportunità che il mercato offre e dei vincoli presenti in esso 8. Il superamento della logica funzionale mette ulteriormente in crisi gli usuali sistemi di contabilità analitica, di programmazione e controllo di gestione. L impostazione concettuale adottata da essi per il governo dell azienda è diretta conseguenza di logiche organizzative di tipo gerarchico-funzionale, in cui i centri di costo rispecchiano la struttura aziendale verticalizzata. Da un punto di vista dell analisi dei costi, ci si limita a porre l attenzione sull imputazione progressiva dei costi diretti variabili ai prodotti prevalentemente sulla base di un unico driver, quale i volumi di produzione/vendita 9. L esigenza di indagare sul legame diretto tra costi sostenuti dall azienda e valore generato per il cliente richiede uno spostamento dell analisi dal calcolo del costo di prodotto al calcolo dei costi sostenuti per le attività svolte dall azienda, per valutare le risorse consumate e, quindi, poter ricondurre il loro consumo alle modalità di esecuzione ⁷ Sul rapporto esistente tra capacità di governo dell azienda nell ottica della creazione di valore per clienti ed azionisti si rinvia a Galeotti M., Governo dell azienda e indicatori di performance, pagg , Pisa, Edizioni Il Borghetto Snc, ⁸ Si va così affermando un modello aziendale atomistico opposto al modello basato sull integrazione funzionale costruito su unità operative autonome in grado di agire in modo integrato mantenendosi al contempo indipendenti l una dall altra: il modello olonico-virtuale, così definito proprio per la capacità di scomporsi e ricomporsi in nuove forme organizzative con relativa facilità. Questo modello riprende in parte il concetto di Strategic Business Unit sviluppato da Abell D. F., Defining the Business. The Starting Point of Strategic Planning, New Jersey, Prentice-Hall, Inc. Englewood Cliffs, ⁹ Sull imputazione dei costi di produzione Pastore sostiene che «Accade spesso che i prodotti a bassi volumi creino maggiori costi legati alle funzioni di supporto rispetto a quelli ad alti volumi, poiché questi costi non variano in funzione del volume di produzione, ma piuttosto in relazione alla complessità/numerosità dei processi, dei prodotti e dei mercati». Si veda Pastore A., La gestione per attività: Activity Based Costing e Activity Based Management. Princìpi e applicazioni, Padova, Cedam, Si veda anche Cooper secondo cui «quando la quantità di input legata ai volumi che consuma un prodotto non varia proporzionalmente alla quantità consumata di input non legati ai volumi, un sistema di costo basato sui volumi evidenzierà dei costi di prodotto distorti», Cooper R., The Rise of Activity Based Costing, in Journal of Cost Management, Summer,

4 delle attività strumentali alla soddisfazione dei fabbisogni della clientela 10. Nel rispetto di obiettivi di una più efficiente operatività è sempre più evidente, infatti, come la customer satisfaction imponga un maggior avvicinamento delle aziende a coloro ai quali sono rivolti gli output aziendali. La possibilità di coinvolgere anche soggetti esterni all azienda sembra essere una delle condizioni necessarie per il raggiungimento di un duplice obiettivo: soddisfazione del cliente e creazione di valore. 3. Nuovi sistemi gestionali e loro capacità informativa Come già rilevato, la chiave per il successo competitivo risiede nella capacità dell azienda di offrire prodotti o servizi in grado di soddisfare le aspettative del consumatore. La dimensione del valore per il cliente risulta allora la chiave per poter entrare e rimanere sul mercato in posizione favorevole nei confronti dei concorrenti. È quindi il mix di caratteristiche del prodotto che rende vincente un azienda e, allo stesso tempo, risulta essere la principale determinante su cui disegnare il processo di gestione delle risorse aziendali e la struttura e la tipologia dei costi da sostenere. Procedendo in questa direzione, consideriamo quali debbano essere la caratteristiche di fondo dei sistemi gestionali e di contabilità dei costi per rispondere efficacemente alle esigenze informative del management 11. I sistemi di misurazione contabile devono essere organizzati in modo da permettere la rilevazione di quel valore che il cliente richiede: devono cioè consentire di interpretare in quale misura siano stati conseguiti i benefici ricercati, in modo da rendere consapevole il management su quali siano le variabili rilevanti per soddisfare richieste e fabbisogni del consumatore finale. ¹⁰ Per chiarezza d analisi va ricordato che l orientamento al valore per il cliente è condizione necessaria ma non sufficiente per una completa e soddisfacente analisi dei costi. La comprensione della struttura di costo dei soggetti a monte della filiera produttiva, quali i fornitori, è anch essa elemento rilevante per la determinazione dei drivers da tenere in considerazione per il raggiungimento di obiettivi di controllo dei costi aziendali e quindi di efficienza operativa. Per un approfondimento sul tema dell analisi dei costi in ottica strategica, si veda Shank J. - Govindarajan V., La gestione strategica dei costi, Milano, Il Sole 24 Ore, 1996; Quagli G., I costi di interfaccia, in Economia e management, nov ¹¹ Affinché un sistema gestionale risulti corretto nel suo disegno ed efficace in termini di dinamicità gestionale, vanno tenuti presenti quegli elementi necessari alla piena comprensione del sistema di relazioni che l azienda mantiene con l ambiente esterno. Il Bertini evidenzia che il sistema aziendale si fonda su un insieme di sottosistemi relazionali che coinvolgono sette elementi chiave: fornitori, clienti, banche, capitalisti, lavoratori, concorrenti, comunità. Per un approfondimento sistematico delle interconnessioni tra azienda ed ambiente, si veda Bertini U., Il Sistema d Azienda, pagg , Torino, G. Giappichelli Editore,

5 M. TUTINO, VALORE PER IL CLIENTE E ANALISI DEI COSTI: METODOLOGIE CONTABILI... Tale necessità ha portato alla costruzione di differenti approcci metodologici per migliorare la gestione e la valutazione della performance che presentano punti di contatto tra di essi, in termini di focalizzazione degli obiettivi e di approccio alle problematiche: Strategic Management Accounting (SMA); Activity Based Management (ABM); Balanced Scorecard (BSC); Economic Value Added (EVA ); Activity Based Costing (ABC); Business Process Reengineering (BPR) 12. Ciascuno di essi pone l attenzione sul business e ne evidenzia in misura diversa uno o più aspetti manageriali, sia strategici che gestionali. Attraverso queste metodologie, il sistema di contabilità direzionale e, quindi, il controllo strategico di gestione possono realizzare: il monitoraggio della concorrenza (SMA); la gestione per attività (ABM); il controllo della performance della strategia aziendale (BSC); la creazione di valore (EVA ); il controllo progressivo del costo delle attività (ABC); la reingegnerizzazione e la gestione dei processi (BPR). Sembra quindi necessario porre in evidenza come, nel rispetto degli obiettivi di gestione e controllo presentati, la definizione, la reingegnerizzazione e il controllo dei processi produttivi ed organizzativi siano il nuovo focus per il raggiungimento di condizioni di equilibrio economico duraturo nelle aziende, sottolineando al contempo i limiti applicativi delle metodologie finora utilizzate. 4. Valutazione della performance e misurazione dei processi: la centralità degli «activity drivers» Il controllo dei processi si inserisce all interno dell ampia gamma di strumenti a disposizione per la misurazione delle performances aziendali 13. Da un controllo orientato all efficienza interna si è spostata l attenzione ad un nuovo e più completo processo di controllo focaliz- ¹² Per un approfondimento in termini sistematici delle problematiche e delle metodologie di controllo di gestione si vedano Bastia P., Sistemi di Pianificazione e Controllo, Bologna, Il Mulino, 2001; Bergamin Barbato M., Programmazione e controllo in un ottica strategica, Torino, Utet, 1991; Brusa L., Sistemi manageriali di programmazione e controllo, Milano, Giuffré, ¹³ Per una attenta valutazione della performance sembra ormai necessario l utilizzo di informazioni diverse da quelle di natura economico-finanziaria, data la complessità delle relazioni intrattenute dal sistema aziendale. A tale proposito, di particolare interesse è l utilizzo sempre più diffuso di strumenti d analisi basati su informazioni qualitative, come la Balanced Scorecard, che amplia lo spettro d indagine utilizzando elementi innovativi quali la valutazione espressa dalla clientela nei confronti dell azienda, la rilevanza dei processi interni e la capacità di apprendimento e crescita espresse dall azienda. Sulla Balanced Scorecard si veda Kaplan R. S. - Norton D. P., The Balanced Scorecard - Measures that Drive Performance, in Harvard Business Review, Jan.-Feb

6 zato sulla qualità esterna 14. Kaplan e Johnson 15 hanno messo in evidenza come le tradizionali metodologie di calcolo dei costi di prodotto, quali il target costing ed il full costing, abbiano perso la loro rilevanza informativa in seguito alle modifiche strutturali subìte dall ambiente competitivo e di mercato. Le nuove metodologie proposte fondano la propria validità sul presupposto che ciò che rileva a fini gestionali è il contributo delle singole attività allo svolgimento di un processo produttivo finalizzato all ottenimento di un determinato prodotto. È qui che si inserisce la nuova metodologia di calcolo del costo di prodotto basata sulle singole attività del processo: l ABC, Activity Based Costing. Non sono comunque mancate critiche che hanno ridimensionato le attese, in termini di contribuzione al miglioramento operativo, derivanti dal nuovo metodo di calcolo dei costi. Johnson 16, in primo luogo, rileva che una metodologia contabile può essere utile alla conoscenza di nuove variabili decisive per il calcolo dei costi, ma, allo stesso tempo, può risultare illusorio credere di poter migliorare la competitività aziendale attraverso l utilizzo di informazioni di natura strettamente contabile. Il secondo punto critico sottolineato dall autore evidenzia che questo tipo di analisi non mette in risalto le modalità di svolgimento del lavoro e, dunque, manca di collegare le attività alla soddisfazione della clientela. Sostanzialmente, ciò che viene messo in risalto da questa metodologia contabile è la possibilità di collegare le attività del processo produttivo agli activity drivers. Si può sostenere, perciò, che alla riduzione di questi ultimi consegue una riduzione dell ammontare di attività necessarie allo svolgimento del processo, e, quindi, dei costi da sostenere. La terza critica, mossa da Davenport 17, punta il dito sulla possibilità offerta dall ABC al miglioramento dell efficienza operativa. Questa metodologia, infatti, nella maggior parte delle aziende che l hanno adottata ha comportato un miglioramento delle performance solo incrementale e non invece quel miglioramento radicale atteso dalla sua adozione. Le critiche mosse hanno condotto le pratiche gestionali e gli studi ¹⁴ Per un maggior approfondimento si veda Di Antonio M., La misurazione e il controllo dei processi, in Mottura P., La banca reingegnerizzata: riprogettare e riorganizzare la banca con il BPR, Milano, Edibank, 1996, pagg ¹⁵ Johnson H. T. - Kaplan R. S., Relevance Lost: The Rise and Fall of Management Accounting, HBS Press, Boston, 1987, MA (trad. it. Ascesa e Declino della Contabilità Direzionale, Torino, Andersen Consulting-Petrini, 1989). ¹⁶ Johnson H. T., Relevance Regained: From Top-Down Control to Bottom-Up Empowerment, New York, The Free Press, ¹⁷ Davenport T. H., Innovazione dei Processi: Riprogettare il Lavoro attraverso l Information Technology, Milano, Ed. Franco Angeli, 1993 (ed. orig.: Process Innovation. Reengineering Work Through Information Technology, Boston, Ma., Harvard Business School Press, 1991). 184

7 M. TUTINO, VALORE PER IL CLIENTE E ANALISI DEI COSTI: METODOLOGIE CONTABILI... sul controllo da una parte ad evolvere da approcci contabili ad approcci gestionali del tipo ABM, dall altra ad adottare una logica di controllo che focalizzi l attenzione sui processi piuttosto che sui prodotti, segnando quindi il passaggio da una logica di misurazione dei costi a una logica di gestione degli stessi. Questa nuova concezione delle logiche di controllo ha portato ad ampliare la gamma di indicatori gestionali e contabili necessari a tenere sotto osservazione lo svolgimento dei processi. I processi, dunque, sono diventati il nuovo oggetto di osservazione per almeno tre motivi 18. Innanzitutto il processo rappresenta un livello d analisi superiore rispetto alle attività poiché aggrega unità elementari come le attività rispondendo a criteri di miglioramento più adatti di quelli costruiti sui centri di responsabilità o sulle funzioni. La visione per processo, inoltre, permette una prospettiva più ampia ed interfunzionale di ciò che viene fatto nelle imprese e garantisce il miglioramento radicale nella gestione poiché spesso i margini per ottimizzare gli aspetti gestionali si ritrovano nei momenti di collegamento e coordinamento delle attività. In ultimo, la focalizzazione sul processo aiuta in maniera più efficace a rispettare l orientamento al cliente, nuovo paradigma del successo aziendale. Nonostante gli approcci descritti rappresentino le nuove frontiere degli strumenti di controllo, anch essi presentano alcuni limiti rilevanti per l analisi. Vediamo quindi quali critiche possono essere mosse alle nuove metodologie. Innanzitutto non sono in grado di colmare il divario tra gestione operativa e gestione strategica e, quindi, tra controllo operativo e controllo strategico 19. In secondo luogo «i fattori critici di successo erano visti come un insieme di misure selettive e rilevanti con cui il vertice aziendale teneva sotto controllo le aree critiche della performance dell impresa» 20. È sembrato mancare, tuttavia, la traduzione degli stessi indicatori strategici per l Alta Direzione in misure interpretabili dalle strutture funzionali operanti ai livelli immediatamente successivi, in modo da consentire il governo delle variabili ritenute maggiormente responsabili del raggiungimento del vantaggio competitivo. Queste critiche hanno condotto alla ricerca di nuovi sistemi di misurazione, in grado di cogliere ed integrare aspetti più ampi della gestione ai fini delle procedure di controllo. Per questo sono chiamati ¹⁸ Di Antonio, op. cit. ¹⁹ Amigoni F., Dal controllo direzionale al controllo strategico: il Controllo della Dominanza, Relazione al convegno Il Controllo Strategico Oggi in Italia: Alcune Esperienze Aziendali, SDA Bocconi - Club Controller, Milano aprile ²⁰ Di Antonio M., op. cit.; Lynch R. L. - Cross K. F., Migliorare la Performance Aziendale, Milano, Franco Angeli, 1992 (ed. or. Measure Up! Yardstick for Continuous Improvement, Blackwell, Cambridge, MA, 1991). 185

8 Performance Measurements System 21 o Sistemi di Controllo Integrato o Bilanciato, Balanced Scorecard 22. In questi sistemi compaiono misure di processo che costituiscono un utile approfondimento sullo svolgimento dei processi e sulle variabili critiche interne dipendenti da quelle di performance esterna come qualità, tempestività e livello di servizio. I sistemi e le procedure di controllo, quindi, hanno arricchito il proprio set di strumenti adottando anche indicatori extracontabili. Le misure di processo, perciò, appaiono come componente necessaria ma, comunque, non sufficiente se confrontate con la complessità 23 dei fattori rilevanti per il successo di lungo periodo. 5. Considerazioni conclusive L analisi dei costi è certamente uno dei punti critici su cui focalizzare l attenzione in una duplice ottica di raggiungimento dell equilibrio economico aziendale e di soddisfazione del cliente. La centralità del valore generato per il cliente sembra essere condizione irrinunciabile per un analisi dei costi aziendali che sia in linea con le strategie di lungo periodo. Da un approccio basato sul controllo dei costi e sulla loro ripartizione con criteri di ribaltamento non commisurati all attività svolta, si è andato via via sviluppando un approccio basato sulla gestione dei costi in rapporto alle attività svolte dall azienda. Queste ultime vanno affermandosi sempre più come variabile chiave per valutare con maggiore attenzione la performance aziendale, non più misurabile tramite l utilizzo di soli indicatori economico-finanziari. Nuovi parametri di valutazione si sono andati affermando per rendere più chiaro ed evidente il conseguimento della missione aziendale, concentrando l attenzione su aspetti qualitativi della gestione che non possono essere colti dagli indicatori gestionali di natura quantitativa. In questa nuova ottica, le possibilità offerte dalle nuove metodologie, che considerano non solo l output finale come oggetto di analisi dei costi aziendali ma puntano l attenzione sul corretto svolgimento dei processi aziendali, tendono ad allargare il campo di studi e contribuiscono a chiarire la stretta correlazione esistente tra qualità e quantità dei costi da una parte e criteri di efficienza gestionale dall altra. È proprio in questa occasione che strumenti per l analisi gestionale, ²¹ Dixon J. R. - Nanni A. J. - Vollmann T. E., The New Performance Challenge - Measuring Operations for World-Class Competition, New York, Business One Irwin, ²² Kaplan R. S. - Norton D. P., The Balance Scorecard. Measures that Drive Performance, in Harvard Business Review, Jan.-Feb ²³ Sul rapporto tra gestione della complessità aziendale in ottica strategica e sistemi di controllo si veda Olivotto L., Valore e sistemi di controllo - Strumenti per la gestione della complessità, Milano, McGraw-Hill,

9 M. TUTINO, VALORE PER IL CLIENTE E ANALISI DEI COSTI: METODOLOGIE CONTABILI... come la Balanced Scorecard, e per l analisi dei processi, come l Activity Based Costing, appaiono di particolare utilità. Questo sembra essere tanto più vero in un economia di mercato sempre più dinamica e competitiva, nella quale la scelta delle attività da svolgere e la relativa gestione dei costi rivestono un ruolo strategico. 187

10 BIBLIOGRAFIA Abell D. F., Defining the Business. The Starting Point of Strategic Planning, New Jersey, Prentice-Hall, Inc. Englewood Cliffs, Amigoni, F., Dal controllo direzionale al controllo strategico: il Controllo della Dominanza, Relazione al Convegno «Il Controllo Strategico Oggi in Italia: Alcune Esperienze Aziendali», SDA Bocconi - Club Controller, Milano aprile Bastia P., Sistemi di Pianificazione e Controllo, Bologna, Il Mulino, Bergamin Barbato M., Programmazione e Controllo in un Ottica Strategica, Torino, Utet, Bertini U., Il Sistema d Azienda, Torino, G. Giappichelli Editore, Black A. - Wright P. - Bachman J. E., In Search of Shareholder Value. Managing the Drivers of Performance, London, UK, Pitman Publishing, Pricewater House Coopers, 1998 (trad. it.: La Ricerca del Valore nell Impresa. Analisi e Gestione dei Fattori di Successo della Performance, Milano, Franco Angeli Editore, 1991). Brusa L., Sistemi Manageriali di Programmazione e Controllo, Milano, Giuffré, Carù A. - Cugini A., Valore per il Cliente e Controllo dei Costi: una Sfida Possibile, Milano, Egea, Cinquini L., Strumenti per l Analisi dei Costi, vol. 1, Torino, Giappichelli Editore, Cooper R., The Rise of Activity Based Costing, in Journal of Cost Management, Summer, Davenport T. H., Innovazione dei Processi: Riprogettare il Lavoro attraverso l Information Technology, Milano, Ed. Franco Angeli, 1993 (Ed. orig.: Process Innovation. Reengineering Work Through Information Technology, Boston, Ma., Harvard Business School Press, 1991). Di Antonio M., La Misurazione e il Controllo dei Processi, in Mottura P., La banca reingegnerizzata: riprogettare e riorganizzare la banca con il BPR, Milano, Edibank, Dixon J. R. - Nanni A. J. - Vollmann T. E., The New Performance Challenge - Measuring Operations for World-Class Competition, New York, Business One Irwin, Galeotti M., Governo dell Azienda e Indicatori di Performance, Pisa, Edizioni Il Borghetto, Johnson H. T. - Kaplan R. S., Relevance Lost: The Rise and Fall of Management Accounting, HBS Press, Boston, MA, 1987 (trad. it.: Ascesa e Declino della Contabilità Direzionale, Torino, Andersen Consultino - Petrini, 1989). Johnson H. T., Relevance regained: from Top-Down control to Bottom-Up empowerment, New York, The Free Press, Kaplan R. S. - Norton D. P., The Balance Scorecard. Measures that Drive Performance, in Harvard Business Review, Jan.-Feb Lynch R.L. - Cross K.F., Migliorare la Performance Aziendale, Franco Angeli, Milano (ed. or. Measure Up! Yardstick for Continuous Improvement, Cambridge, MA, Blackwell, 1991). 188

11 M. TUTINO, VALORE PER IL CLIENTE E ANALISI DEI COSTI: METODOLOGIE CONTABILI... Miller J. - Vollmann T., The Hidden History, in Harvard Business Review, Sept.-Oct Olivotto L., Valore e Sistemi di Controllo Strumenti per la Gestione della Complessità, Milano, McGraw-Hill, Pastore A., La Gestione per Attività: Activity Based Costing e Activity Based Management: princìpi e applicazioni, Padova, Cedam, Porter M., Competitive Advantage, New York, Free Press, Prahalad C. K. - Hamel G., The Core Competence of the Corporation, in Harvard Business Review, May-Jun, Quagli G., I Costi di Interfaccia, Economia e management, nov Shank J. - Govindarajan V., La Gestione Strategica dei Costi, Milano, Il Sole 24 Ore,

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali

Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali Corso Tecnologie dell informazione applicata ai processi aziendali. Il sistema di misurazione delle prestazioni aziendali Simone.cavalli@unibg.it Bergamo, Febbraio 2008 Il sistema di misurazione delle

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Analisi di bilancio per indici e per flussi

Analisi di bilancio per indici e per flussi Prof. Marco Tutino, Dipartimento di Studi Aziendali Analisi di bilancio per indici e per flussi Dispensa per il corso di Bilancio, Corso Avanzato Prof. Marco Tutino 1 INDICE 1... INTRODUZIONE... 5 2...

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

Business Process Redesign

Business Process Redesign Business Process Redesign I servizi offerti da Nòema 1 Riorganizzare le strutture organizzative significa cercare di conciliare l efficienza delle attività con le aspettative delle persone che costituiscono

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Guida al Piano Industriale. Listing Guides

Guida al Piano Industriale. Listing Guides Guida al Piano Industriale Listing Guides Ai lavori hanno partecipato (Luglio 2003): BORSA ITALIANA (Luca Lombardo, Nunzio Visciano, Andrea Scremin) DELOITTE & TOUCHE CORPORATE FINANCE (Guido Vesin, Raffaella

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

L EVOLUZIONE DEGLI STRUMENTI DI BUSINESS INTELLIGENCE NEL CONTROLLO DI GESTIONE

L EVOLUZIONE DEGLI STRUMENTI DI BUSINESS INTELLIGENCE NEL CONTROLLO DI GESTIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI ECONOMIA DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE AZIENDALI XIX CICLO TESI DI DOTTORATO L EVOLUZIONE DEGLI STRUMENTI DI BUSINESS INTELLIGENCE NEL CONTROLLO

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE: PRINCIPI, STRUTTURA E METODI

MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE: PRINCIPI, STRUTTURA E METODI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE: PRINCIPI, STRUTTURA E METODI Prof.ssa Sabina Nuti 9 9.1 I principi di riferimento del processo di valutazione - 9.2 Il ciclo della gestione - 9.3 La definizione

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

L INNOVAZIONE TECNOLOGICA NEI SISTEMI INFORMATIVO-CONTABILI: LO SPECIFICO CONTRIBUTO DEGLI «ENTERPRISE RESOURCE PLANNING» (ERP)

L INNOVAZIONE TECNOLOGICA NEI SISTEMI INFORMATIVO-CONTABILI: LO SPECIFICO CONTRIBUTO DEGLI «ENTERPRISE RESOURCE PLANNING» (ERP) L INNOVAZIONE TECNOLOGICA NEI SISTEMI INFORMATIVO-CONTABILI: LO SPECIFICO CONTRIBUTO DEGLI «ENTERPRISE RESOURCE PLANNING» (ERP) PAOLO ROFFIA * 1. Il sistema informativo ed il processo aziendale della rilevazione

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

Competitività e sostenibilità dei processi gestionali

Competitività e sostenibilità dei processi gestionali Competitività e sostenibilità dei processi gestionali Gianmario Motta, Dipartimento Informatica & Sistemistica, Università di Pavia gianmario.motta@unipv.it Giovanni Pignatelli, Dipartimento Informatica

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico

Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico Come la tecnologia può indirizzare il risparmio energetico CITTÀ, RETI, EFFICIENZA ENERGETICA CAGLIARI, 10 APRILE 2015 a cura di Fabrizio Fasani Direttore Generale Energ.it Indice 1. Scenari del mercato

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

LA MAPPATURA E L'ANALISI DEI PROCESSI GESTIONALI: AL CUORE DELL'ACTIVITY- BASED MANAGEMENT

LA MAPPATURA E L'ANALISI DEI PROCESSI GESTIONALI: AL CUORE DELL'ACTIVITY- BASED MANAGEMENT Liuc Papers n. 22, Serie Economia aziendale, 4, luglio-agosto 1995 LA MAPPATURA E L'ANALISI DEI PROCESSI GESTIONALI: AL CUORE DELL'ACTIVITY- BASED MANAGEMENT Catry Ostinelli La gestione aziendale orientata

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli