CENTRO DI RICERCHE E STUDI IN MANAGEMENT SANITARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CENTRO DI RICERCHE E STUDI IN MANAGEMENT SANITARIO"

Transcript

1 CENTRO DI RICERCHE E STUDI IN MANAGEMENT SANITARIO 2007

2

3 INDICE INTRODUZIONE... 3 GLI ASSOCIATI CE.RI.S.MA.S... 4 LE COMPETENZE CE.RI.S.MA.S Lo staff... 5 Le pubblicazioni (2007)... 6 LA RICERCA Ricerca istituzionale (2007) Ricerca istituzionale ( ) Ricerca su commessa (2007) Ricerca su commessa ( ) LA FORMAZIONE Corsi ad hoc Corsi di management sanitario Corsi a catalogo Forum tematici Tesi e stage La formazione ( ) GLI EVENTI Workshop (2007) Communities of practicies (2007) Altri eventi (2007) Workshop ( ) Communities of practices ( ) I PROGETTI SUL CAMPO Progetti sul campo (2007) Progetti sul campo ( ) LA COMUNICAZIONE ESTERNA Newsletter Web Site Rassegna stampa

4 Introduzione a cura di Stefano Baraldi Il 2007 è stato, per molti aspetti, un anno significativo per il Ce.Ri.S.Ma.S.. Va segnalato, innanzitutto, che gli obiettivi previsti dal Piano Strategico triennale per il 2007 sono stati in larga parte raggiunti e superati, confermando la capacità del Centro di dare seguito e sostanza alla propria visione strategica. Particolarmente rilevanti, a mio giudizio, sono i risultati raggiunti in termini di sviluppo complessivo dell attività (progetti attivati, ore di formazione erogate, eventi), ampliamento delle risorse professionali coinvolte nelle iniziative Ce.RiS.Ma.S., visibilità a livello internazionale e innovazione. Passi importanti, inoltre, sono stati compiuti sul versante istituzionale. L Assemblea degli Associati, infatti, ha recentemente approvato la modifica dello Statuto del Centro al fine di rafforzare la presenza delle aziende associate negli organi di governo e di agevolare la collaborazione con la sede dell Università Cattolica di Roma. È stato possibile, da un lato, inserire nel Consiglio Direttivo nuovi consiglieri, disponibili a guidare e promuovere lo sviluppo del Ce.Ri.S.Ma.S. nel contesto della sanità italiana. Dall altro, due colleghi prevalentemente impegnati presso la sede di Roma, il prof. Eugenio Anessi Pessina ed il prof. Americo Cicchetti, hanno accettato la responsabilità di seguire l area della Ricerca e quella dei Progetti sul Campo, gettando le basi per una presenza più diffusa del Centro e delle sue iniziative su tutto il territorio nazionale. L anno appena concluso, infine, ha senz altro rappresentato un punto di svolta per il processo di internazionalizzazione. Come la lettura delle pagine seguenti potrà confermare, infatti, l enfasi posta sulla dimensione e sul confronto internazionale ha caratterizzato in maniera pervasiva (i progetti di ricerca, gli eventi, le pubblicazioni) le iniziative realizzate nel corso del Questi risultati, raggiunti grazie al supporto delle aziende associate ed all impegno delle persone che lavorano nell ambito del Centro, permettono di guardar con fiducia al prossimo futuro e di ritenere che il Ce.Ri.S.Ma.S. sia nelle migliori condizioni per completare il percorso di crescita ipotizzato nel Piano Strategico relativo al triennio

5 Gli associati Ce.Ri.S.Ma.S. a cura di Chiara Sanvico L associazione al Ce.Ri.S.Ma.S. prevede tre tipologie di associature: i soci fondatori, i soci sostenitori e i soci ordinari. Alle aziende associate il Ce.Ri.S.Ma.S. riserva: l accesso gratuito ai seguenti servizi: ricerca istituzionale, contatti internazionali, tesi e stage; l accesso agevolato alle attività di convegnistica e formazione nelle modalità di volta in volta definite; un'ampia visibilità nell'ambito delle iniziative promosse dal Centro; l'aggiornamento continuo rispetto l'evoluzione delle discipline legate alla gestione delle aziende sanitarie; la possibilità di confrontarsi con le best practices nazionali e internazionali e di interagire con il network di interlocutori a vario titolo coinvolti nelle attività del Centro attraverso alcune iniziative riservate agli associati. La costituzione di Ce.Ri.S.Ma.S. è avvenuta nel 1999 tramite una convenzione sottoscritta dai due soci fondatori, che sono l Università Cattolica del Sacro Cuore e la Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta. Nel corso di questi anni di attività, ai soci fondatori si sono aggiunte numerose altre aziende, in qualità o di soci sostenitori o di soci ordinari, sia sanitarie (aziende sanitarie locali, aziende ospedaliere, I.R.C.C.S., aziende private) sia vicine al settore sanitario (provider tecnologici, società di consulenza, ecc). Indubbiamente, una base associativa così eterogenea rappresenta un importante punto di forza del Centro, in quanto rende disponibile la costituzione di una rete di stakeholder che condivide esperienze e competenze diversificate e complementari. Nel 2007 i soci sostenitori, che hanno partecipato alle attività del Centro, sono rappresentati da 6 aziende: AUSL Bat 1; Azienda Ospedaliero Università - Arcispedale S. Anna di Ferrara; Istituto Europeo di Oncologia; Ordine Ospedaliero S. Giovanni di Dio Fatebenefratelli; Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza; St. Jude Medical Italia. A queste aziende si sono affiancati 26 soci ordinari: Associazione La Nostra Famiglia - IRCCS E. Medea ; Azienda Ospedaliera Maggiore della carità ; Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo; Azienda USL di Modena - Agefor; Boooz Allen Hamilton; Centro Cardiologico Monzino; Centro Diagnostico Italiano; Centro Ortopedico il Quadrante; Clinica San Carlo; Custodia; Engineering Sanità Enti Locali; Fimesan; IBM; Innovation; Interhome; Istituto Clinico Humanitas; Istituto Clinico Mater Domini; Johnson & Johnson Medical Holding; KKIEN Enterprice; Koinos; KPMG Business Advisory Services; Ospedale Regionale di Locarno La Carità; Policlinico di Monza; Santer; SAS Institute; SAVE. 4

6 Le competenze Ce.Ri.S.Ma.S. a cura di Giuliana Monolo Lo staff Lo staff Ce.Ri.S.Ma.S. è composto da persone che condividono i valori di fondo che animano le attività del Centro, in particolare la ricerca continua di innovazione nel management sanitario, la volontà di rapportarsi con uno spirito di partnership con le aziende associate e la capacità di lavorare in gruppo nello svolgimento dei progetti del Centro. Le competenze che caratterizzano il Centro presentano un profilo interdisciplinare, in quanto siamo convinti che, più che in altri contesti, nelle aziende sanitarie i processi decisionali debbano necessariamente essere ispirati da elementi di valutazione di diversa natura: etica, giuridica, economica, sanitaria, politica, ecc. Crediamo che il management delle aziende sanitarie debba essere concepito come il momento di confronto e di sintesi tra aree di competenza tanto diverse quanto complementari. In linea con tale visione di fondo, prestano il proprio contributo alle iniziative del Centro esperti di pianificazione strategica, programmazione e controllo, contabilità e bilancio, organizzazione aziendale, gestione del personale, procurement, sistemi di qualità, marketing e comunicazione, etica, diritto, economia sanitaria, epidemiologia, psicologia, sociologia, gestione per progetti, teamworking, leadership... In termini strutturali, le attività del Centro sono guidate dal Consiglio Direttivo e realizzate tramite uno staff di persone dedicate cui si aggiungono i contributi di collaboratori esterni. Lo staff di Ce.Ri.S.Ma.S. si articola nei seguenti ruoli: Presidente, Alberto Cova; Direttore, Sergio De Angeli; Vicedirettore Vicario, Michele Brait; Vicedirettore Operativo, Stefano Baraldi; Consiglieri: Severino Sterpi, Luciano Angelini, Stefano Arlotti, fra Giampietro Luzzato, Stefano Michelini, Paolo Danuvola, Teofilo Andreis, Luca Merlini, Luigi Sala, Pietro Velio; Responsabili di aree di attività: Eugenio Anessi Pessina, per l area ricerca; Antonella Cifalinò, per l area formazione; Americo Cicchetti per l area progetti. Presta il proprio contributo in via continuativa alle attività del Centro Chiara Sanvico in qualità di responsabile della segreteria, del sito web e della comunicazione esterna. Collaborano in via continuativa alle attività del Centro, prestando il proprio contributo alle diverse aree di attività (ricerca, formazione, progetti sul 5

7 campo ed eventi), anche Fabrizio Bocci, Filippo Cristoferi, Giacomo Frittoli, Luca Gazzo, Giuliana Monolo, Luca Rodolfi e Paola Sacco. Infine, circa trenta collaboratori esterni offrono un contributo fondamentale partecipando alle diverse iniziative del Centro. Le pubblicazioni (2007) Monografie A. CIFALINO, Il governo dei servizi territoriali: logiche, strumenti e processi, F. Angeli Articoli e paper A. CICCHETTI, L organizzazione a supporto delle strategie a- ziendali, in U. MONTAGUTI (a cura di), Il medico e il management, Forum Service Editore, Accademia Nazionale di Medicina, Genova A. CIFALINÒ, Il controllo direzionale, in U. MONTAGUTI (a cura di), Il medico e il management, Forum Service Editore, Accademia Nazionale di Medicina, Genova A. CIFALINÒ, G. MONOLO, La contabilità analitica, in U. MON- TAGUTI (a cura di), Il medico e il management, Forum Service Editore, Accademia Nazionale di Medicina, Genova D. BODEGA, La creazione del consenso organizzativo: le dimensioni della leadership, in U. MONTAGUTI (a cura di), Il medico e il management, Forum Service Editore, Accademia Nazionale di Medicina, Genova E. ANESSI PESSINA, L evoluzione dei sistemi contabili pubblici: aspetti critici nella prospettiva aziendale, Milano, EGEA E. ANESSI PESSINA, Effects of budgetary and accruals accounting coexistence: Evidence from Italian Local Governments (con I. Steccolini), Financial Accountability and Management, Vol. 23, No.2 E. ANESSI PESSINA, Contabilità finanziaria ed economicopatrimoniale: una convivenza forzata? (con I. Steccolini), A- zienda Pubblica, Vol. XX, No.2 S. BARALDI, A. CIFALINO, Training programs and performance measurement: evidence from HCOS, paper presentato alla 4th EIASM Conference on Performance Measurement and Control, Nizza, settembre S. BARALDI, Balancing formal rewarding and intrinsic motivation: the role of the balanced scorecard in professional organizations, paper presentato alla 4th EIASM Conference on Performance Measurement and Control, Nizza, settembre S. BARALDI, U. MONTAGUTI, Il management: concetti generali, in U. MONTAGUTI (a cura di), Il medico e il management, 6

8 Forum Service Editore, Accademia Nazionale di Medicina, Genova S. BARALDI, U. MONTAGUTI, Il management in sanità, in U. MONTAGUTI (a cura di), Il medico e il management, Forum Service Editore, Accademia Nazionale di Medicina, Genova S. BARALDI, U. MONTAGUTI, Gli strumenti del manager, in U. MONTAGUTI (a cura di), Il medico e il management, Forum Service Editore, Accademia Nazionale di Medicina, Genova S. BARALDI, U. MONTAGUTI, Le strategie aziendali e il processo di pianificazione strategica, in U. MONTAGUTI (a cura di), Il medico e il management, Forum Service Editore, Accademia Nazionale di Medicina, Genova S. BARALDI, D. CELIN, Management by objectives (MBO) e centri di responsabilità, in U. MONTAGUTI (a cura di), Il medico e il management, Forum Service Editore, Accademia Nazionale di Medicina, Genova Le pubblicazioni ( ) Monografie F. AROSIO, G. BORRI (a cura di) (2001), I sistemi di finanziamento ospedaliero e nella riabilitazione. Modelli nordamericani ed europei a confronto, Franco Angeli, Milano, pp prefazione di Umberto Veronesi, Ministro della Sanità S. BARALDI (2005), Il Balanced Scorecard nelle aziende sanitarie, McGraw-Hill, prefazione a cura di Robert Kaplan S. BARALDI (a cura di) (2003), L organizzazione dipartimentale nelle aziende sanitarie, Forum Service Editore, Genova Articoli e paper A. BAZZAN, A. CIFALINÒ (2003), E-learning: mito o realtà in sanità?, Sanità & Management, Il Sole 24Ore, giugno A. CIFALINÒ (2003), La centralità della medicina territoriale, Sanità & Management, Il Sole 24Ore, novembre A. CIFALINO' (2004), Logiche e strumenti di governance dei servizi sanitari territoriali, Management della Sanità, Edipi, giugno, A. CIFALINO' (2004), Ora tocca alla governance del territorio, Speciale ITC, Il Sole 24Ore Sanità, maggio, 6 A. CIFALINÒ (2005), Offerta di cure sul territorio, così cambia la gestione, Il Sole 24Ore Sanità, 1-7 novembre, A. CIFALINÒ (2006), Brilla l'astro dell'integrazione per il management Ssn, Il Sole 24Ore Sanità, 25 aprile-1 maggio, 12 A. CIFALINÒ, L. BOTTONE (2006), Organizational Design Issues in Primary Care and Mental Health Services in Italy: A Multiple- Case Studies Analysis based on Contingency Theory, paper pre- 7

9 sentato al 22nd EGOS Colloquium, "The Organizing Society, Sub-Theme 21: Forms of Organizing in Health-Care Services", Bergen, 6-8 Luglio, pagg. 25 A. CIFALINÒ, S. CASARI, B. DE CICCO, M.L. DE LUCA, F. NO- VACO (2005), Cure primarie crescono con la formazione continua, Il Sole 24Ore Sanità, ottobre, A. CIOFFI (2005), L'innovazione nelle politiche di sviluppo del personale in sanità: dalla gestione per compiti alla gestione per competenze, Quaderni dell'areté, n.1, A. CIOFFI, L. MANZOLINI, M. LOSI, R. PINARDI (2004), Middle management, go on, Sanità & Management, Il Sole 24Ore, gennaio, A. DEL GIUDICE (2005), Qualità del servizio e customer satisfaction, Quaderni dell'areté, n.1, A. DEL GIUDICE (2006), Una proiezione dinamica del numero delle persone confinate e implicazioni per i futuri bisogni assistenziali di lungo periodo, Politiche Sanitarie, n.1, gennaiomarzo, A. DEL GIUDICE, A. LIVERANI (2003), L abitudine alla complessità aziendale l uso di un Erp a scopi didattici, Problemi di gestione d impresa, gennaio E. ANESSI PESSINA (2001), New funding arrangements in the Italian National Health Service (con C. Jommi ed E. Cantù), International Journal of Health Planning and Management, 16(4) E. ANESSI PESSINA (2001), Il sistema di budget nell azienda USL Città di Bologna: caratteristiche fondamentali e innovazioni in corso (con P. Bardasi), Management ed Economia Sanitaria, 38 E. ANESSI PESSINA, A. CIFALINÒ, G. D ANGELO, M. MEMMOLA (2002), La diffusione dei modelli dipartimentali e l impatto sulla gestione delle aziende sanitarie: Profili giuridici, Tendenze, n. 4 E. ANESSI PESSINA, A. CIFALINO, G. D ANGELO, M. MEMMOLA (2002), La diffusione dei modelli dipartimentali e l impatto sulla gestione delle aziende sanitarie: Profili economico-aziendali, Tendenze Nuove, 1: E. ANESSI PESSINA, S. BARALDI, A. CICCHETTI, A. CIFALINÒ, M. MEMMOLA (2002), Il dipartimento non è di carta, Il Sole 24Ore, settembre E. ANESSI PESSINA, S. BARALDI, A. CICCHETTI, A. CIFALINO', M. MEMMOLA (2004), Diffusione dei modelli dipartimentali nelle aziende sanitarie italiane, Giornale Italiano di Medicina Riabilitativa, vol.18, n.1, marzo, F. AROSIO (2005), Valutare e finanziare le cure oncologiche, Onconews, 11, n. 2, pp. 2-3 F. AROSIO et al. (2001), The role and initiatives of the National Institute of Neurology in developing intra/extranet systems to support continuing care, in: Atti del IX Congresso internazioale 8

10 Health Promoting Hospitals (Copenhagen, Danimarca maggio 2001) G. FRITTOLI (2006), Relationships between Balanced Scorecard and Activity Based Costing in The CEIS Health Care Report, Italpromo Esis publishing, Roma, co-autore S. Granzotto G. MONOLO (2004), Balanced Scorecard cresce, Speciale ITC, Il Sole 24Ore Sanità, maggio, 6 G. MONOLO (2004), Per una gestione intelligente della Sanità, Management della Sanità, Edipi, marzo, L. ANGELINI, D. BODEGA (2004), Le organizzazioni organizzative per processi, Panorama della Sanità, gennaio M. MEMMOLA (2006), A tutto web, il manager ci va a nozze, Il Sole 24Ore Sanità, 2-8 maggio M. MEMMOLA (2006), Health.Net: come le Aziende Sanitarie sfruttano le potenzialità di Internet in AA.VV.: Rapporto OsservaSalute 2006, Università Cattolica M.MEMMOLA (2005), Lo sviluppo della web-strategy nelle aziende sanitarie: un caso di studio, Working paper, Convegno AIDEA Aspetti evolutivi della comunicazione d impresa: teoria e strumenti innovativi, novembre, Lecce R. BORRI, A. CIFALINÒ (2003), Dalla teoria alla sua applicazione all'istituto Europeo di Oncologia, Panorama della Sanità, novembre S. BARALDI (2001), Budget: è l ora dell addio?, Sanità & Management, Il Sole 24Ore, agosto-settembre S. BARALDI (2001), Ecco l Health Care che verrà, Sanità & Management, Il Sole 24Ore, gennaio S. BARALDI (2001), Il Balanced Scorecard nelle aziende ospedaliere. L esperienza del S. Carlo Borromeo, Budget, n. 24 S. BARALDI (2001), Il DG si trasforma in leader, Sanità & Management, Il Sole 24Ore, aprile S. BARALDI (2001), Il privato non può attendere, Sanità & Management, Il Sole 24Ore, febbraio S. BARALDI (2001), L arte del giocar di squadra, Sanità & Management, Il Sole 24Ore, marzo S. BARALDI (2001), Leadership: questione di stile, Sanità & Management, Il Sole 24Ore, aprile S. BARALDI (2002), E' il budget della discordia, Sanità & Management, Il Sole 24Ore, ottobre S. BARALDI (2002), Il capitale intellettuale pesa, Sanità & Management, Il Sole 24Ore, maggio, S. BARALDI (2002), L intesa culturale? Va creata, Sanità & Management, Il Sole 24Ore, febbraio (co-autore: Pietro Torrusio) 9

11 S. BARALDI (2002), The Balanced Scorecard in hospitals: performance measurement as a driver of change. A case study, in M. Epstein, J.F. Manzoni, Performance measurement and management control, vol. 12 S. BARALDI (2004), La performance della funzione risorse umane, Sviluppo & Organizzazione, n. 206, novembre-dicembre, 2004, pag S. BARALDI (2004), Un termometro per la sanità, ITA.SAS.COM n.1, febbraio-marzo S. BARALDI (2005), Balanced Scorecard: ambiti e modalità di applicazione, Controllo di gestione, n.1 S. BARALDI (2005), Il Balanced Scorecard nelle aziende sanitarie, Mc Graw Hill, ottobre S. BARALDI (2006), Il Balanced Scorecard nella sanità italiana: stato dell'arte e prospettive in AA.VV.: Rapporto OsservaSalute 2006, Università Cattolica S. BARALDI (2006), Balanced Scorecard d'assalto, Speciale ICT, Il Sole 24Ore Sanità, 9-15 maggio, 16 S. BARALDI (2006), Balanced Scorecard e sanità: oltre la moda, Management della Sanità, gennaio-febbraio S. BARALDI, (2003), Guida pratica alla gestione, Sanità & Management, Il Sole 24Ore, settembre S. BARALDI, A. BAZZAN (2003), Un work out salva-aziende, Sanità & Management, Il Sole 24Ore, ottobre S. BARALDI, A. CICCHETTI (2001), A piccoli passi verso il futuro, Sanità & Management, Il Sole 24Ore, dicembre S. BARALDI, A. CIOFFI, L. MANZOLINI, M. LOSI, R. PINARDI (2002), La competenza è il perno, Sanità & Management, Il Sole 24Ore, dicembre S. BARALDI, F. BOCCI, A. BUBBIO (2004), Diffusione della Balanced Scorecard in Italia, Controllo di gestione, n. 6, 2004, pag S. BARALDI, G. MONOLO (2004), Performance measurement in Italian hospitals: the role of the Balanced Scorecard, in Neely A. Kennerley M. Walters A., Performance measurement and management: public and private, Centre for Business Performance, Cranfield School of Management, pag S. BARALDI, I. PONCET (2003), Per l'ict un futuro da star, Sanità & Management, Il Sole 24Ore, agosto S. BARALDI, L. BOTTONE, P. BROCERO, A. CIOFFI, G. FRITTOLI, G. MONOLO (2004), Balanced Scorecard, relazioni del convegno di Bologna 2 Dicembre, Sanità & Management, Il Sole 24Ore, marzo, 4-19 S. BARALDI, L. LA PIETRA, S. MICHELINI (2004), Performance clinica e Balanced Scorecard, in AA.VV., Gli indicatori di perfor- 10

12 mance clinica nel Sistema Sanitario Nazionale, Forum Service, 2004 S. BARALDI, L. LA PIETRA, S. MICHELINI (2005), Can balanced scorecard help scientific institutes to evaluate and improve clinical performance?, working paper S. BARALDI, M. MEMMOLA (2002), Aziende pioniere del Web, Sanità & Management, Il Sole 24Ore, luglio-agosto, S. BARALDI, M. MEMMOLA (2003), Health.Net:identikit delle cure in rete, Sanità & Management, Il Sole 24Ore, marzo S. BARALDI, M. MEMMOLA (2004), How healthcare organizations actually use Internet s virtual space: a field study, International Jourmal of Healthcare Technology Management, pag. 34 S. BARALDI, M. MEMMOLA (2006), How healthcare organisations actually use the internet s virtual space: a field study, in International Journal of Healthcare Technology and Management (IJHTM), Vol. 7, Nos 3/4, pagg S. BARALDI, P. BROCERO, V. GAI, M. MEMMOLA, C. PLAZZOTTA (2002), Col chip il Dea ci guadagna, Sanità & Management, Il Sole 24Ore, aprile, S. BARALDI, P. BROCERO, V. GAI, M. MEMMOLA, C. PLAZZOTTA (2002), Hi-tech, variabile decisiva, Sanità & Management, Il Sole 24Ore, marzo S. BARALDI, A. CICCHETTI (2001), In cerca dell isola non trovata, Sanità & Management, Il Sole 24Ore, ottobre 11

13 La ricerca A cura di Stefano Baraldi L attività di ricerca è finalizzata a rendere disponibili nuove conoscenze sui temi del management sanitario. La generazione di know-how mette il Ce.Ri.S.Ma.S. nelle condizioni di: differenziarsi e rendersi riconoscibile nei confronti dei propri stakeholders; "alimentare" l'attrattività delle iniziative intraprese in altre aree (eventi, formazione). La ricerca rappresenta pertanto il vero e proprio "motore" di tutte le altre aree di attività del Centro e si sviluppa in termini di: progetti di ricerca istituzionale, finanziati direttamente dal Ce.Ri.S.Ma.S., su temi di management sanitario di ampio respiro; progetti di ricerca su commessa, richiesti e finanziati dagli associati su temi di particolare interesse o rilevanza. Ricerca istituzionale (2007) The Balanced Scorecard in healthcare: an international survey ( ) Il progetto, di durata triennale, si propone di individuare, analizzare e mettere a confronto le esperienze di sviluppo del Balanced Scorecard realizzate in diversi contesti nazionali. Ciò al fine di: disporre di una visione d insieme aggiornata e completa in merito alla reale diffusione di questo strumento nelle strutture sanitarie dei diversi paesi; porre in evidenza l eventuale propensione allo sviluppo di sistemi di misurazione delle performance vicini alle logiche del Balanced Scorecard; identificare l architettura logica (prospettive, key performance areas, key performance indicators, ecc.) ed informativa del Balanced Scorecard nelle aziende sanitarie pioniere che hanno deciso di innovare i propri sistemi di performance measurement; comprendere la reale capacità del Balanced Scorecard di influenzare i meccanismi di funzionamento (e i processi manageriali) di organizzazioni così particolari come quelle impegnate nell erogazione di servizi sanitari; 12

14 verificare il grado di soddisfazione in relazione all adozione del Balanced Scorecard, facendo una sorta di bilancio dei risultati conseguiti, delle maggiori aree di criticità riscontrate, dei limiti strutturali dello strumento e delle eventuali cause di insuccesso. La prima fase del progetto ha visto i ricercatori Ce.Ri.S.Ma.S. impegnati a individuare (e contattare) i centri di ricerca che, a livello internazionale, sono in grado di esprimere una leadership scientifica sul tema della misurazione delle performance nelle organizzazioni sanitarie. Si è creato, in questo modo, un vero e proprio network internazionale interessato e disponibile a collaborare al progetto, costituito da: Auckland University of Technology (New Zealand), Cranfield School of Management (UK), National Taiwan University (Taiwan), Nihon University (Japan), Providence University, (Taiwan), Università della Svizzera Italiana, Lugano (Switzerland), Universidad Católica San Vicente Martir (Spain), Universidad Nacional del Nordeste, Facultad de Medicina Corrientes-Chaco (Argentina), Université de Liège, Liège, (Belgium), Université de Strasbourg (France), Vaxjo University, (Sweden), Vienna University of Economics and Business Administration (Austria). Successivamente, a San Gimignano, ha avuto luogo il primo meeting tra ricercatori provenienti da vari paesi ed interessati a prendere parte al progetto coordinato da Ce.Ri.S.Ma.S.. L incontro ha permesso di mettere a fuoco le finalità del progetto di ricerca e di condividerne la metodologia di supporto, nonché di organizzare i prossimi passi da compiere insieme. In particolare, sono stati oggetto di discussione e di approfondimento: l assetto del sistema sanitario nei vari paesi coinvolti nella survey; lo stato dell arte riguardo alla diffusione di sistemi di misurazione evoluti delle performance quali il Balanced Scorecard; il lavoro di ricerca realizzato da Ce.Ri.S.Ma.S. nel 2003 in Italia, assunto come punto di riferimento per estendere il progetto ad altri paesi; la definizione delle research question della metodologia di ricerca da utilizzare a supporto della survey; la modalità di definizione del campione verso cui indirizzare la survey; lo sviluppo della piattaforma informativa a supporto del progetto di ricerca; e 13

15 le scelte da compiere per la pubblicazione dei risultati della ricerca. Dopo il meeting di San Gimignano, il progetto è entrato nella sua fase operativa. Negli ultimi mesi del 2007, infatti, il gruppo di lavoro ha completato: la messa a punto della versione definitiva del questionario da utilizzare a supporto della survey; la raccolta dei dati relativi alle strutture sanitarie inserite nel campione oggetto di analisi; l attivazione del sito web che fisicamente raccoglierà le risposte alla survey provenienti dai diversi paesi. La survey verrà ufficialmente aperta il 18 febbraio e si concluderà il 30 di aprile In questo periodo, più di strutture sanitarie in 10 paesi avranno accesso al sito per completare il questionario relativo alla propria esperienza con il Balanced Scorecard. L analisi delle relazioni di causa-effetto nell uso del Balanced Scorecard: limiti ed ambiti di applicazione ( ) Il progetto si propone di individuare, analizzare, mettere a confronto e testare le tecniche attualmente disponibili per l analisi delle relazioni di causa-effetto del Balanced Scorecard nelle aziende sanitarie. Ciò al fine di: evidenziare i pro e i contro associabili alle differenti metodologie di analisi e definirne, in questo modo, i limiti e gli ambiti di applicazione; 14

16 valutare l effettiva portata delle indicazioni emerse dall applicazione di queste metodologie a supporto dei processi manageriali; identificare le condizioni organizzative (competenze professionali, tecnologia, ecc.) necessarie per supportare un efficace impiego degli strumenti di analisi delle relazioni causali; definire le modalità di implementazione del Balanced Scorecard al fine di potere sfruttare pienamente le opportunità di analisi di questo patrimonio informativo. Il progetto si articolerà in sette momenti fondamentali: la costituzione di un gruppo di lavoro interdisciplinare, in grado di riflettere competenze di carattere gestionale, tecnologico e statistico (fase 1); l analisi sistematica della letteratura relativa al subject oggetto di studio secondo i principi della sistematic review (fase 2); l individuazione di un sito-pilota ovvero di un azienda sanitaria in cui lo sviluppo e l impiego del Balanced Scorecard sia sufficientemente maturo per rendere attuale l esigenza di analizzare le relazioni causa-effetto (fase 3); la definizione della metodologia di ricerca per testare le tecniche di analisi delle relazioni causali presso il sito-pilota (fase 4); lo svolgimento della test i nella struttura n precedenza individuata (fase 5); il consolidamento e l analisi dei dati raccolti e la stesura di un report analitico (fase 6); l organizzazione di un workshop di chiusura del progetto (in sede da definire) nel 2007 (fase 7). Ricerca istituzionale ( ) Le partnership pubblico-privato in sanità: logiche di progettazione e modelli manageriali (2006 in collaborazione con Istituto Neurologico Besta) A fronte dell attenzione sempre più ampia dedicata dalle Istituzioni europee e nazionali alle PPP come strumenti di miglioramento dell efficacia ed efficienza dei servizi sanitari, il progetto realizzato si è posto l obiettivo di individuare gli elementi di criticità di tali integrazioni, di verificarne gli effettivi benefici e di indicare gli strumenti più efficaci per la loro realizzazione ed loro governo. Il modello di ricerca ha delineato tre fasi del ciclo di vita delle PPP rispetto alle quali l analisi è stata sviluppata: lo start-up, inteso come il momento di genesi del progetto: definizione degli obiettivi da perseguire, dell oggetto della collaborazione, dei criteri di selezione del partner e dello strumento 15

17 giuridico di riferimento; la ricerca ha dimostrato come in tale fase siano critici un commitment forte e chiaro dei livelli istituzionali ( efficacemente comunicato agli attori principali), una chiara delimitazione del progetto e definizione delle attese in termini di obiettivi condivisi, misurabili, quantificati e tempificati; ed una puntuale ripartizione dei rischi e delle responsabilità; la fase di building, ossia la messa a punto del framework di riferimento del progetto: progettazione di dettaglio della struttura organizzativa, definizione delle modalità di governance a tutela delle parti, disegno dei meccanismi operativi; in tale fase particolare attenzione va posta alla progettazione di sistemi di misurazione (accountability), i quali devono essere in grado di rendere visibili tutte le dimensioni della performance in modo affidabile e tempestivo, così da tutelare efficacemente gli interessi dei partner. Tali sistemi devono essere sottoposti a d una manutenzione periodica per garantirne la costante coerenza rispetto ai mutamenti di contesto e di obiettivi. la fase di leading & monitoring, cioè l avvio dell operatività della PPP durante la quale mettere a punto i processi e gli strumenti prescelti e monitorare il buon funzionamento del progetto; tale fase ha rilevato solo limitati problemi di adeguamento dei principali meccanismi operativi, mentre i risultati complessivamente ottenuti sono stati valutati positivamente dalla generalità degli interlocutori coinvolti. Sono state inoltre esaminate due variabili trasversali: fattori di contesto; si è rilevato come, da un lato, il limite alle risorse pubbliche disponibili rispetto alle esigenze di innovazione, la ricerca di competenze manageriali ed organizzative possano essere di stimolo all avvio di forme innovative di collaborazione; tuttavia la rigidità delle strutture giuridiche di riferimento, il divario culturale tra pubblico e privato ed un livello di fiducia reciproca non elevato risultano ancora essere ostacoli di rilievo ad una diffusione sistematica delle partnership; strumenti e logiche di change management, rispetto alle quali non si è rilevato, nelle esperienze analizzate un livello di attenzione uniforme. I risultati completi del progetto di ricerca saranno raccolti in una monografia la cui uscita è prevista nel corso del Logiche e strumenti di governo dei servizi sanitari territoriali (2004) Il progetto ha avuto l'obiettivo di analizzare le logiche e gli strumenti di governo manageriale dei servizi sanitari territoriali. A fronte del generalizzato riconoscimento della rilevanza dei servizi territoriali, sancito peraltro anche nell'ultimo piano sanitario nazionale, si sta sviluppando un acceso dibattito su quali siano le logiche e gli strumenti che consentano di meglio governare questi servizi. Il progetto ha offerto una analisi che, fondata su una rigorosa metodologia di ricerca empirica, ha consentito di far luce su come progettare e gestire i servizi territoriali, tenuto conto dei fattori contingenti che ne 16

HEALTH.NET: LA SANITÀ DIGITALE ON LINE EXECUTIVE SUMMARY A CURA DI: MASSIMO MEMMOLA OTTOBRE 2006 CENTRO DI RICERCHE E STUDI IN MANAGEMENT SANITARIO

HEALTH.NET: LA SANITÀ DIGITALE ON LINE EXECUTIVE SUMMARY A CURA DI: MASSIMO MEMMOLA OTTOBRE 2006 CENTRO DI RICERCHE E STUDI IN MANAGEMENT SANITARIO CENTRO DI RICERCHE E STUDI IN MANAGEMENT SANITARIO AREA RICERCA PROGETTO DI RICERCA ISTITUZIONALE HEALTH.NET: LA SANITÀ DIGITALE ON LINE EXECUTIVE SUMMARY A CURA DI: MASSIMO MEMMOLA OTTOBRE 200 ILE 2002

Dettagli

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE Sviluppare competenze manageriali innovative per il mondo della Sanità Health Care Management School Il Sistema Sanitario rappresenta uno dei settori

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Documento elaborato dall Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari Nell ambito

Dettagli

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE E stata fondata da Padre Agostino Gemelli nel 1921 E presente in 4 città: Milano,

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE La certificazione manageriale 29/07/2014 PREMESSA In diverse realtà sono stati attivati corsi di

Dettagli

CENTRO DI RICERCHE E STUDI IN MANAGEMENT SANITARIO

CENTRO DI RICERCHE E STUDI IN MANAGEMENT SANITARIO CENTRO DI RICERCHE E STUDI IN MANAGEMENT SANITARIO 2006 INDICE INTRODUZIONE... 3 GLI ASSOCIATI CE.RI.S.MA.S... 4 LE COMPETENZE CE.RI.S.MA.S.... 5 Lo staff... 5 Le pubblicazioni (2006)... 6 LA RICERCA...

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE http://www.sinedi.com ARTICOLO 9 FEBBRAIO 2007 ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE La formulazione della strategia aziendale rappresenta un momento estremamente importante per tutte

Dettagli

Indice. Prefazione PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE

Indice. Prefazione PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE Indice Prefazione XI PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE Capitolo 1 Le partnership pubblico-privato nei nuovi modelli di gestione

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia MARKETING MANAGEMENT Master serale Anno Accademico 2010-2011 Master universitario di primo livello Facoltà di Economia Presentazione La gestione delle relazioni con i mercati è elemento fondamentale del

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

Passione per ciò che conta kpmg.com/it

Passione per ciò che conta kpmg.com/it HEALTHCARE Passione per ciò che conta kpmg.com/it Chi siamo Global Reach, Local Knowledge KPMG è uno dei principali Network di servizi professionali alle imprese, leader nella revisione e organizzazione

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia Analizzare e gestire il CAMBIAMENTO tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CAMBIAMENTO Le aziende sono sempre più di frequente poste di fronte al cambiamento. Oggi ai manager si richiede

Dettagli

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE OD&M Consulting è una società di consulenza specializzata nella gestione e valorizzazione delle persone e nella progettazione di sistemi

Dettagli

HEALTHCARE & PUBLIC SECTOR. I Servizi per la Sanità

HEALTHCARE & PUBLIC SECTOR. I Servizi per la Sanità HEALTHCARE & PUBLIC SECTOR I Servizi per la Sanità Advisory 2 I Servizi per la Sanità I Servizi per la Sanità 3 L esperienza che crea valore Per creare valore nel mondo della Sanità servono degli specialisti.

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato BUON MANAGEMENT = BUONA SANITA La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato Bassano del Grappa, 25 giugno 2012 Questo Convegno nasce dall idea che un confronto

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015 ATTIVITA DI RICERCA 2015 Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE In collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI Nel corso degli ultimi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

SISTEMA E-LEARNING INeOUT

SISTEMA E-LEARNING INeOUT SISTEMA E-LEARNING INeOUT AMBIENTE OPERATIVO 1 Premesse metodologiche La complessità di un sistema informatico dipende dall aumento esponenziale degli stati possibili della sua architettura. Se è vero

Dettagli

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made Chi Siamo Metodia nasce a Siena nel 2004 da un gruppo di consulenti e ricercatori, professionisti in discipline statistiche ed economiche, già impegnati da diversi anni in collaborazioni con l Università

Dettagli

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE un team di professionisti al servizio della tua banca La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo è da sempre un esigenza connaturata nella realtà di Cassa

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

NSM Nexus Scuola di Management

NSM Nexus Scuola di Management NSM Nexus Scuola di Management NSM è la Scuola di Management della Nexus Srl, agenzia di formazione accreditata presso la Regione Abruzzo per la Formazione continua e superiore, che opera dal 1991 fornendo

Dettagli

Corso di Eccellenza in Business Process Management. per la Sanità

Corso di Eccellenza in Business Process Management. per la Sanità Corso di Eccellenza in Business Process Management per la Sanità Con il patrocinio e la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica dell Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

Accordo Regionale MMG del 24 aprile 2007 per il controllo della spesa;

Accordo Regionale MMG del 24 aprile 2007 per il controllo della spesa; 1. ANALISI DEL FABBISOGNO FORMATIVO La Regione Puglia, concentrata come molte altre Regioni sulla necessità di contenere i costi del settore sanitario intervenendo sugli assetti gestionali ed organizzativi,

Dettagli

1. Balanced Scorecard 2. Controllo di Gestione 3. Compensation Management 4. Marketing 5. Internazionalizzazione

1. Balanced Scorecard 2. Controllo di Gestione 3. Compensation Management 4. Marketing 5. Internazionalizzazione CORSI DI FORMAZIONE PROJECT GROUP AREA STRATEGIA 1. Balanced Scorecard 2. Controllo di Gestione 3. Compensation Management 4. Marketing 5. Internazionalizzazione Balanced Scorecard 1 giorno Significato

Dettagli

sponsor unico econilpatrociniodi Comune di Pesaro Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord

sponsor unico econilpatrociniodi Comune di Pesaro Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord sponsor unico econilpatrociniodi Comune di Pesaro Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord PREMESSA Il quadro economico, sociale e demografico attuale è caratterizzato in maniera oramai strutturale

Dettagli

LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI TELEMEDICINA

LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI TELEMEDICINA LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI TELEMEDICINA INDICE AMBITO LEGALE-REGOLATORIO-CLINICO PAG. 2 AMBITO FORMATIVO-CULTURALE-ORGANIZZATIVO PAG. 3 FINANZIAMENTO E RIMBORSABILITÀ DELLE PRESTAZIONI PAG. 4

Dettagli

PROPOSTE DI TESI DI LAUREA E TIROCINIO CREAZIONE, CRESCITA E GESTIONE DELLE IMPRESE (ENTREPRENEURSHIP) Titoli delle tesi

PROPOSTE DI TESI DI LAUREA E TIROCINIO CREAZIONE, CRESCITA E GESTIONE DELLE IMPRESE (ENTREPRENEURSHIP) Titoli delle tesi PROPOSTE DI TESI DI LAUREA E TIROCINIO CREAZIONE, CRESCITA E GESTIONE DELLE IMPRESE (ENTREPRENEURSHIP) Titoli delle tesi (aggiornamento marzo 2010) 1. Tesi A-011 : Aziende europee che ipercrescono: determinanti

Dettagli

Soluzioni per la tua crescita

Soluzioni per la tua crescita Soluzioni per la tua crescita Sviluppiamo il tuo business Una storia di successi Co.Mark nasce a Bergamo nel 1998 come studio di consulenza professionale nel campo dei servizi di temporary management per

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME ANALISI DI ECONOMICITÀ, EFFICACIA ED EFFICIENZA

Dettagli

Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione

Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione Laboratorio Logistica del Paziente (LLP) Strumenti e soluzioni per ottimizzare la gestione dei flussi dei pazienti IV edizione Il Laboratorio Il Laboratorio logistica del paziente (LLP) è una comunità

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

Balanced Scorecard Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta

Balanced Scorecard Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta Balanced Scorecard Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta LA FONDAZIONE La Fondazione L Istituto Neurologico Carlo Besta, fondato nel 1918 e classificato dal 1981 come Istituto di Ricerca e

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

INTRODUZIONE AL MANAGEMENT IN SANITÁ

INTRODUZIONE AL MANAGEMENT IN SANITÁ INTRODUZIONE AL MANAGEMENT IN SANITÁ PROCESSO MANAGERIALE MODO SISTEMATICO DI OPERARE IN QUANTO TUTTI I MANAGERS, INDIPENDENTEMENTE DALLE LORO ATTITUDINI O CAPACITÁ, INTRAPRENDONO UNA SERIE DI ATTIVITÁ

Dettagli

Analisi strutturata del problema

Analisi strutturata del problema SCHEDA PROGETTO L impatto della proposta di Direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio concernente l applicazione dei diritti dei pazienti relativi all assistenza sanitaria transfrontaliera del 2

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Calendario degli incontri

Calendario degli incontri UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Corso di Laurea Interfacoltà in COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO in collaborazione con UNIEXPORT PADOVA e CONFINDUSTRIA PADOVA Seminario di studio I processi di delocalizzazione

Dettagli

In un periodo in cui spesso le regioni sono messe in discussione ha ricordato la prof.ssa Sabina Nuti presentando i risultati della valutazione della

In un periodo in cui spesso le regioni sono messe in discussione ha ricordato la prof.ssa Sabina Nuti presentando i risultati della valutazione della COMUNICATO STAMPA I risultati presentati oggi a Roma al Ministero della Salute; Sabina Nuti: Nessuna pagella o graduatoria, ma il contributo per indicare soluzioni che possono fare la differenza nei servizi

Dettagli

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE - 1 - Il SSN è un valore per tutti gli italiani. Concorrere a migliorarlo continuamente è un impegno di tutti: Medici, Pazienti,

Dettagli

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane integrazione con il business e le strategie eccellenza dei servizi hr HR Transformation efficienza e le tecnologie sourcing Premessa La profonda complessità

Dettagli

SCHOOL LEADERSHIP AND MANAGEMENT 1^ EDIZIONE NOVEMBRE 2015 APRILE 2016

SCHOOL LEADERSHIP AND MANAGEMENT 1^ EDIZIONE NOVEMBRE 2015 APRILE 2016 SCHOOL LEADERSHIP AND MANAGEMENT 1^ EDIZIONE NOVEMBRE 2015 APRILE 2016 IPRASE propone in collaborazione con la Graduate School of Business del Politecnico di Milano, un percorso per i Dirigenti scolastici

Dettagli

L infermiere al Controllo di Gestione

L infermiere al Controllo di Gestione L infermiere al Controllo di Gestione Una definizione da manuale del Controllo di gestione, lo delinea come l insieme delle attività attraverso le quali i manager guidano il processo di allocazione e di

Dettagli

BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE. Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA

BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE. Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA I 3 elementi chiave: il prodotto, il processo, la cultura RESPONSABILITA SOCIALE ACCOUNTABILITY RENDICONTAZIONE

Dettagli

Professione Welfare. Gestione e sviluppo del welfare in azienda CORSO DI ALTA FORMAZIONE. Milano - II edizione

Professione Welfare. Gestione e sviluppo del welfare in azienda CORSO DI ALTA FORMAZIONE. Milano - II edizione CORSO DI ALTA FORMAZIONE Professione Welfare Gestione e sviluppo del welfare in azienda Milano - II edizione Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS - Alta Scuola Impresa e Società 6 giornate di lezione

Dettagli

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE Standard Generali di Qualità per l Assistenza Ospedaliera Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 Bologna, settembre 2015 febbraio 2016 MANAGEMENT & policy making Il Patto

Dettagli

Edizione 2010. www.sovedi.it

Edizione 2010. www.sovedi.it Edizione 2010 www.sovedi.it SOVEDI s.r.l. Via Antica, 3-25080 Padenghe sul Garda (BS) email: info@sovedi.it tel: +39 0302076341 CAP.SOC. 51.480,00 - C.F. p.iva 00632180246 SOVEDI nasce nel 1978 a Vicenza.

Dettagli

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Premessa: il contesto di riferimento Il decreto ministeriale 270/2004

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PER LA IMPLEMENTAZIONE DELL ATTIVITA DI DIDATTICA E DI RICERCA ALL INTERNO DELLE

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

UNIVERSITÀ del SALENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA

UNIVERSITÀ del SALENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA UNIVERSITÀ del SALENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA ASL LECCE Master II Livello in MANAGEMENT SANITARIO ANNO ACCADEMICO 10-11 R E G O L A M E N T O ARTICOLO 1 Il Master in Management Sanitario si propone

Dettagli

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master di I livello Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master 84 1 Titolo MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

Studio Staff R.U. S.r.l. Consulenti di Direzione REFERENZE AREA FORMAZIONE Nell ambito della propria strategia di crescita, lo Studio Staff R.U. ha da sempre riservato un ruolo importante alle attivitàdi

Dettagli

ForIndLog. Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto

ForIndLog. Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto ForIndLog Miglioramento della capacità di ricerca ed innovazione delle risorse umane nell ambito della Logistica e del Trasporto Fondo Sociale Europeo Misura D.4 Miglioramento delle risorse umane nel settore

Dettagli

Una roadmap evolutiva verso le infrastrutture convergenti

Una roadmap evolutiva verso le infrastrutture convergenti Una roadmap evolutiva verso le infrastrutture convergenti Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it Modena, 9 Ottobre 2013 Le tendenze emergenti Quattro grandi forze che stanno contemporaneamente determinando

Dettagli

Programma formativo in Gestione strategica del personale in sanità

Programma formativo in Gestione strategica del personale in sanità Programma formativo in Gestione strategica del personale in sanità 1ª edizione In collaborazione con UNIVERSITÀ CATTOLICA del Sacro Cuore ALTA SCUOLA DI ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SISTEMI SANITARI Obiettivi,

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

Progetto. Mosaico. network di analisi delle terapie e studi epidemiologici

Progetto. Mosaico. network di analisi delle terapie e studi epidemiologici Progetto Mosaico network di analisi delle terapie e studi epidemiologici IMS Health IMS Health è un grande gruppo internazionale leader nel mondo nella fornitura di servizi di informazioni di mercato per

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa.

Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa. Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa. Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione Operiamo a sostegno delle piccole e medie imprese, degli enti pubblici e delle associazioni nella

Dettagli

CORSI FINANZIABILI TRAMITE VOUCHER For.Te

CORSI FINANZIABILI TRAMITE VOUCHER For.Te CORSI FINANZIABILI TRAMITE VOUCHER For.Te Da richiedere on line sul sito del fondo For.Te il giorno lunedì 21 gennaio 2013 secondo la procedura dell avviso 3/2012 SETTORE SOCIO SANITARIO Corsi a cura di

Dettagli

INDICE. Presentazione

INDICE. Presentazione INDICE Autori Presentazione XI XIII 1 Tutela della salute, committenza, programmazione acquisto-controllo in sanità 1 Francesco Longo Bisogno, domanda e consumi in sanità 1 Quali gli obiettivi del governo

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

!!7 ! "#$%& '()! * "+",!*-.)! * "+"/ /0 ) 1 222 3

!!7 ! #$%& '()! * +,!*-.)! * +/ /0 ) 1 222 3 0%'&4##0500'4##%$%$00%'$%#'$#& $%%$ %%$06 06&' &'!!7! "#$%& '()! * "+",!*-.)! * "+"/ /0 ) 1 222 3 #8 9 9" 98 9+ : 9; #0$#'#'

Dettagli

Le istituzioni sanitarie di ispirazione cristiana tra tradizione e innovazione Workshop

Le istituzioni sanitarie di ispirazione cristiana tra tradizione e innovazione Workshop Le istituzioni sanitarie di ispirazione cristiana tra tradizione e innovazione Workshop Sala Negri da Oleggio, Universita Cattolica del Sacro Cuore 13 maggio 2014 BENVENUTO E PRESENTAZIONE DELL INIZIATIVA

Dettagli

LA LOGISTICA DEL PAZIENTE IN OSPEDALE:

LA LOGISTICA DEL PAZIENTE IN OSPEDALE: AREA FORMAZIONE LA LOGISTICA DEL PAZIENTE IN OSPEDALE: STRUMENTI E SOLUZIONI PER OTTIMIZZARE I FLUSSI DEI PAZIENTI V EDIZIONE MILANO, 14-15 APRILE 2015 Intervento formativo - La logistica del paziente

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PARLA CON NOI (Approvato con delibera di Giunta Provinciale n. 85 del 16/03/2007) Fernanda Marotti Loredana Milito 2 INDICE 1. PERCHÉ MONITORARE L UTENZA DELL

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli