Relazione attività. associazione I.rur Innovazione rurale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione attività. associazione I.rur Innovazione rurale"

Transcript

1 Relazione attività 2011 associazione I.rur Innovazione rurale

2 I.rur - Innovazione rurale è un associazione di ricerca e analisi, valutazione, formazione e comunicazione nel settore delle politiche rurali, agrarie e dello sviluppo locale. I SOCI FONDATORI di I.rur - Innovazione rurale Roberto Cagliero, Elisa Cerruti, Sara Levi Sacerdotti, Riccardo Marchisio, Luca Milanetto Composizione degli ORGANI DIRETTIVI dell Associazione al Il Presidente: Roberto Cagliero Il Vicepresidente: Luca Milanetto L Assemblea dei Soci: Bernardo Bertoldi, Patrizia Borsotto, Roberto Cagliero, Riccardo Giovinetto, Giorgia Pastorino, Sara Levi Sacerdotti, Riccardo Marchisio, Luca Milanetto, Paolo Saracco, Stefania Tron Il Consig lio Direttivo: Bernardo Bertoldi, Roberto Cagliero, Riccardo Giovinetto, Luca Milanetto, Stefania Tron Il Collegio dei Revisori: Mario Montalcini, Stefano Motta, Marco Patella Gli AMICI DI I.RUR Rosita Allara, Mariangela Aloi, Elena Antoniazzi, Azienda Agr. Filippo Gallino, Az. Agricola Cornale, Roberto Avetrani, Alessandro Balma, Igor Benati, I laria Borri, Mario Cag liero, Leopoldo Cassibba, Francesca Colombo, Massimo Di Gifico, Corrado Ger mano, Domenico Leone, Silvia Novelli, Pietro Sagheddu, Piergiorgio Sartori, Daniele Segre, Natasia Swart, Paolo Ugona. I.rur - Innovazione rurale si trova in Via Principi d Acaja 10 a Torino Tel/fax: sito: Torino, aprile 2012 Relazione attività Associazione I.rur - Innovazione rurale A cura di Stefania Tron Hanno collaborato: Patrizia Borsotto, Roberto Cagliero, Luca Milanetto, Giorgia Pastorino, Paolo Saracco 2

3 indice 1. l associazione... 4 chi siamo... 4 che cosa ci proponiamo... 4 l organizzazione... 5 i partner di i.rur... 7 con chi abbiamo lavorato progetti...10 comparto agroalimentare...10 politiche rurali...11 territorio...14 eventi pubblicazioni

4 1. l associazione chi siamo I.rur - Innovazione rurale nasce nel 2004 su iniziativa di un gruppo di giovani ricercatori attivi da una decina di anni nel settore dello sviluppo rurale e delle politiche agricole. L idea di costituire un associazione sottolinea il desiderio dei soci fondatori di approfondire il tema e le dinamiche del rurale con strumenti e approcci innovativi, frutto di un percorso di dialogo e condivisione di idee tra professionalità diverse. IL GRUPPO DI LAVORO Le competenze riunite in I.rur - Innovazione rurale sono il risultato dell esperienza acquisita dai singoli ricercatori nel corso degli anni svolgendo attività di collaborazione nell ambito della ricerca, della valutazione e della for mazione presso enti regionali e nazionali. Il gruppo di lavoro stabile è composto da: Patrizia Borsotto, ricercatrice, coordina il progetto sulle filiere agroalimentari / Adotta una filiera e partecipa a progetti di ricerca. Roberto Cagliero, ricercatore, è il Presidente dell associazione e il coordinatore delle attività. Luca Milanetto, ricercatore e vice presidente di I.rur, si occupa dei progetti di ricerca di economia agraria, sviluppo rurale; coordina le attività dell associazione insieme al Presidente. Giorgia Pastorino, ricercatrice, si occupa sia della segreteria e dell amministraz ione dell associazione, della segreteria tecnica e delle attività di ricerca nell ambito del progetto sulle filiere agroalimentari / Adotta una filiera. Paolo Saracco, ricercatore, si occupa dei progetti di ricerca sulle filiere agroalimentari del Piemonte. Stefania Tron, ricercatrice, si occupa della comunicazione e dell area di ricerca su territorio, ecomusei, sviluppo locale, partecipa alla ricerca sulle filiere agroalimentari. A questo gruppo si aggiunge Domenico Leone, che collabora ai progetti sulle filiere agroalimentari. Ha partecipato ad alcuni progetti anche Mariangela Aloi. GLI ORGANI DELL ASSOCIAZIONE E QUADRO ASSOCIATIVO Al 31 dicembre 2011 il numero dei soci di I.rur era pari a dieci, esattamente come l anno precedente. Il Consiglio Direttivo non ha subito variazioni, risulta tuttora composto da cinque elementi. Anche il numero deg li Amici di I.rur nel 2011 è rimasto invariato ed è pari a 22 unità. che cosa ci proponiamo Il problema della sostenibilità deg li interventi viene posto con rilevanza dalle amministrazioni locali, sempre più impegnate in attività di pianificazione e programmazione. Di fronte alla crescente disponibilità di infor mazioni sulle opportunità, sulle dinamiche e sulla significatività dello spazio rurale, si sente sempre più spesso il bisogno di conoscenza, frutto di un processo di interpretazione e approfondimento. I.rur - Innovazione rurale vuole essere il punto di incontro tra l infor mazione e la programmazione, ponendosi l obiettivo di costruire conoscenza e interpretazione con metodi innovativi. 4

5 LE AREE DI INTERVENTO I.rur Innovazione rurale è attiva nei dei seguenti settori: Comparto agroalimentare Politiche rurali Territorio Sistema agricolo Politiche comunitarie Paesaggio rurale Distribuzione Politiche regionali Manutenzione del territorio Agroindustria Decentramento Cultura materiale Produzioni di qualità Sviluppo locale Ecomusei Integrazione Multifunzionalità Sociologia rurale LE ATTIVITÀ I.rur Innovazione rurale si occupa di promuovere e realizzare studi, ricerche, attività scientifiche, culturali e di interpretazione nei campi dello sviluppo territoriale, dell agricoltura e delle sue interrelazioni con il sistema agroalimentare, il paesaggio, l ambiente e le comunit à locali. L associazione pone particolare rilievo sull utilizzo di metodi innovativi, basati su un approccio integrato e multidisciplinare, guardando con grande interesse anche alle attività di interpretazione creativa del rurale. Ricerca e analisi Studi sul comparto agroindustriale Studi sull impatto dell agricoltura sul contesto socio-economico Analisi socio-economica e del patrimonio culturale delle aree rurali Analisi della marginalità delle aree rurali Valutazione Valutazione dei cambiamenti nella Po litica Agricola Comunitaria Valutazioni ex ante, inter medie e finali di programmi comunitari Valutazione di nor mative regionali e di protocolli internazionali Valutazione di azioni specifiche nella programmazione locale Formazione, divulgazione, comunicazione Formazione sulla gestione, valutazione e analisi di filiera Corsi di marketing agroalimentare Attività seminariali e congressistiche Partecipazione a workshop e convegni Attività di divulgazione - produzione di artisti, pubblicazioni, mostre l organizzazione I gruppi di lavoro. L associazione è organizzata per gruppi di lavoro dedicati ai singoli progetti in base alla formazione e alle competenze, alle disponibilità, ecc. I soci che lavorano per I.rur sono sei ed eventualmente, se richieste conoscenze o professionalità specifiche, sono coinvolti altri ricercatori. Le uniche attività trasversali sono la segreteria amministrativa e le attività di comunicazione. Il Presidente propone gli indirizzi strategici ai Soci e mantiene i contatti istituzionali, il Vice presidente coordina 5

6 alcune attività e tiene i rapporti con altre istituzioni; una persona ricopre il ruolo di referente tecnico e coordinatore per i progetti sui temi delle politiche rurali e agricoltura. Inoltre, nel 2011, fiocco azzurro per ben due volte in casa I.rur! L associazione, difatti, a inizio anno ha accolto a braccia aperte Elia, fig lio di Giorgia Pastorino, referente dell amministrazione, e del suo compagno Lino; e a fine anno è arrivato Dario, figlio di Patrizia Borsotto e Rober to Cagliero, rispettivamente referente per i progetti sulle filiere agroalimentari e presidente dell associazione. Per questo motivo, nel corso dell anno è stata attivata una nuova collaborazione, con Manuela Gerenio, che ha svolto uno stage pagato presso I.rur per gestire l amministrazione in assenza di Giorgia, in maternità per cinque mesi. La sede. Dal 2004, la sede di I.rur è sempre stata in via del Carmine, nel centro storico di Torino. La sede nasce come un luogo di incontro non solo per i ricercatori di I.rur, ma anche per amici e collaboratori. Nell ufficio sono previste diverse postazioni di lavor o, cinque in totale, di cui due per Amici di I.rur che svolgono un altro lavoro, ma con cui si condividono spazi, giornate di lavoro e momenti ricreativi. L ufficio è dotato di una sala riunioni, utilizzata non solo per i momenti di incontro professionali, ma anche per aperitivi o occasioni più ludiche. Il seminterrato è lo spazio per la biblioteca e comprendere oramai oltre 660 testi, pubblicazioni, ricerche, documenti multimediali archiviati a livello infor matico in base alle tre aree di I.rur: comparto agroalimentare, politiche rurali, territorio. Nel corso dell anno, tuttavia, si è reso necessario valutare un trasferimento della sede di I.rur e gli associati si sono attivati nell individuare una nuova collocazione, non solo per l associazione, ma anche per gli Amici di I.rur che hanno lavorato con I.rur in questi anni. Negli ultimi mesi del 2011 una nuova ubicazione è stata individuata, più piccola, ma accogliente e luminosa, non lontano dal centro e vicinissimo alla stazione Porta Susa, in via Principi d Acaja a Torino. Il trasloco è previsto per i primi mesi del La comunicazione. Il sito web dell associazione, alla ur l è il mezzo di comunicazione principale. Sono state create per ogni singolo progetto delle schede descrittive che illustrano obiettivi, fasi di lavoro, metodologie, risultati raggiunti. I progetti sono consultabili per area di intervento. A livello interno ha grande rilievo il Memorandum, inviato settimanalmente a tutto il gruppo di lavoro, con l ordine del giorno della riunione settimanale e il verbale delle riunioni passate, a cura della segreteria di I.rur. Esiste anche una sezione eventi, dedicate ai convegni organizzati da I.rur negli anni passati. 6

7 i partner di i.rur L associazione I.rur crede molto nella collaborazione e nell apertura verso le altre realtà del settore. Per questo motivo, I.rur ha confermato la sua adesione all Associazione Alessandro Bartola, al Minom e al Centro Studi per lo Sviluppo rurale della Collina, con cui I.rur, come associazione e come singoli ricercatori, collabora da diversi anni, all AISLo. ASSOCIAZIONE ALESSANDRO BARTOLA E una oramai storica associazione che opera senza fini di lucro e che intende promuovere e sviluppare studi e ricerche, attività scientifiche e culturali nel campo delle materie che interessano l'agricoltura e le sue interrelazioni con il sistema agroalimentare, il territorio, l'ambiente e lo sviluppo delle comunità locali. L Associazione ha sede ad Ancona. Sito internet: MINOM Minom è l acronimo che indica il Movimento Internazionale per una Nuova Museologia. Si tratta di una organizzazione internazionale affiliata all ICOM che riunisce i maggiori esperti di museologia e sviluppo locale a livello mondiale intorno ai temi e alle pratiche della Nuova Museologia. La vision del movimento è promuovere lo sviluppo delle capacità di comprensione della società, per creare spazi di partecipazione volti al recupero del passato, al consolidamento del presente e alla visualizzazione del futuro. Esistono vari siti internet del Minom, tra i principali: CENTRO STUDI PER LO SVILUPPO RURALE DELLA COLLINA Promosso dalla Facoltà di Agraria, dal Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Forestale e Ambientale dell'università di Torino e dal Polo Universitario di Asti Studi Superiori, il CSC ha avviato la sua attività nel 2003, con sede operativa ad Asti, presso il Polo Universitario Asti Studi Superiori; amministrativamente il Centro dipende dal Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Forestale e Ambientale (DEIAFA) dell'università di Torino. Il Centro si occupa di promuovere e realizzare programmi di ricerca scientifica, tecnologica, sociale e culturale inerenti la valorizzazione e lo sviluppo rurale delle aree collinari e pedemontane. I temi di ricerca prioritari riguardano il territorio nei suoi differenti aspetti, i sistemi produttivi agroforestali, le altre attività economiche e, infine, la presenza umana nelle sue diverse manifestazioni. Sito internet: 7

8 con chi abbiamo lavorato Nel 2011 i ricercatori di I.rur - Innovazione rurale hanno lavorato e collaborato con vari enti e istituzioni, tra istituzioni pubbliche, organizzazioni e istituti di ricerca, agenzie di sviluppo. Ad oggi l associazione ha affiancato e operato attivamente con trentasei soggetti, tra amministrazioni pubbliche, istituti di ricerca e di for mazione, realtà ecomuseali e culturali. Regione Piemonte Ires Piemonte Politecnico di Torino Università di Torino PROgetto.VAlutazione INEA - Istituto Nazionale Economia Agraria di Regione Autonoma Valle d Aosta Sviluppo Italia LAMORO MINOM Agriconsulting S.p.A. Associazione Bartola Comunità Montana Val Ceronda PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Provincia Autonoma di Trento Comunità Montana Pinerolese pedemontano Università di Trento Centro Studi per lo Sviluppo Rurale della Collina Museo tridentino di Scienze Naturali IMONT Istituto Nazionale della Montagna Ecomuseo di Argenta Ecomuseo del Vanoi 8

9 Ekomuseum Bergslagen Regione Liguria Ecomuseo dei Terrazzamenti e della Vite Ecomuseo delle Acque del Gemonese Università degli Studi di Udine Regione autonoma Friuli Venezia Giulia Nomis ma Comune di Murazzano Università degli Studi di Udine Facoltà di Economia Torino Ipla SpA Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Roero Provincia di Alessandria Provincia di Cuneo Rete ecomusei trentino 9

10 3. progetti comparto agroalimentare Nel 2011 non è stato avviato nessun progetto in questo comparto di studi. 10

11 politiche rurali Studi e ricerche in materia di agricoltura e sviluppo rurale - Attività di supporto per l osservatorio agroalimentare Committente: Luca Milanetto per Ires Piemonte Stefano Aimone (referente e coordinatore) Tipo di attività: supporto scientifico, attività di ricerca e osservatorio Gruppo di lavoro I.rur - Innovazione rurale: Patrizia Borsotto coordinatore, filiera Fiori, filiera Legno e filiera Bioenergie; Roberto Cagliero - filiera Ortofrutta e Frutta a guscio ; Roberto Cagliero e Domenico Leone - filiera Vino; Giorgia Pastorino segreteria tecnica e filiera Zootecnia da carne bovini, suini, avicoli; Paolo Saracco filiera Riso e COP, filiera Allevamento bovino da latte. Dopo cinque anni di proficuo lavoro, si è conclusa a febbraio 2011, la collaborazione con Ires Piemonte per lo svolgimento di attività di ricerca e di supporto per l implementazione di un osservatorio agroalimentare sulle filiere principali del Piemonte relativamente all anno Tale attività prevedeva il monitoraggio delle singole filiere del Piemonte e del sistema agroalimentare regionale nel suo complesso, attraverso lo studio e l aggiornamento dei materiali bibliografici, siti internet e della rassegna stampa esistente oltre alle interviste a testimoni privilegiati. Nell ambito del progetto è previsto l aggiornamento dei dati relativi all andamento del settore agroalimentare piemontese e italiano nel corso dell anno e la redazione di report annuali specifici di filiera. Fino a febbraio 2011 sono proseguite le seguenti attività: - segreteria tecnica: ha curato il coordinamento tra il gruppo di lavoro e Ires Piemonte, il reperimento dei dati utili per la rassegna stampa e per la redazione dei report di filiera; - rassegna stampa e raccolta infor mazioni sul settore e sulle filiere agroalimentari del Piemonte: il gruppo di lavoro ha curato la rassegna stampa per Ires Piemonte fino a febbraio 2011; - redazione di rapporti di filiera: a febbraio 2011 sono stati consegnati i report congiunturali sull anno 2010; - interviste: sono state condotte nel corso dell anno precedente e le osservazioni emerse sono state inserite nei report di filiera consegnati a febbraio I report di filiera sono stati utilizzati da Ires Piemonte per la pubblicazione di un Contributo di Ricerca sullo stato dell agricoltura piemontese nell anno Inoltre, I.rur ha proseguito in modo autonomo l attività di rassegna stampa sulle filiere, pubblicandola sul sito di I.rur nella sezione Primo Piano. Pubblicazioni, materiali disponibili e siti web Ires Piemonte(2010), L agricoltura piemontese nel 2010, Contributi di Ricerca n.245/2011, Ires Piemonte, Torino. Disponibile on-line sul sito di Ires Piemonte: 11

12 Stati Generali dell Agricoltura in Provincia di Alessandria Committente: Provincia di Alessandria Direzione Agricoltura, Ambiente, Acque, Montagna Tipo di attività: assistenza alla pianificazione partecipata Gruppo di lavoro: Cristina Baldizzone (Provincia di Alessandria referente); Roberto Cagliero, Luca Milanetto (coordinamento gruppo I.rur Innovazione rurale). Gruppo I.rur: Giorgia Pastorino, Paolo Saracco, Mariangela Aloi (filiere e relazione preliminare); Stefania Tron (comunicazione). Domenico Leone (conduzione tavoli di filiera Filiera COP - collaboratore I.rur Innovazione rurale). Il progetto Stati Generali dell Agricoltura in Provincia di Alessandria è stato realizzato nel corso del 2010 e si è concluso a gennaio 2011 con l organizzazione da parte della Provincia di Alessandria di un convegno di presentazione dei risultati. L iniziativa si poneva l'obiettivo di fare una valutazione dello stato attuale dell agricoltura alessandrina, individuandone criticità e punti di forza e, di concerto con tutti gli attori della filiera agricola, programmare g li interventi più idonei sia per dare una soluzione ai problemi sia per sviluppare e potenziare le positività riscontrate. Risultato principale del progetto è stata la redazione di un Manifesto per l Agricoltura alessandrina per una programmazione delle attività più condivisa e partecipata. Il promotore dell iniziativa è la Provincia di Alessandria. Nella fase iniziale hanno partecipato all iniziativa anche INEA, Nomis ma e Camera di commercio di Alessandria. Le attività sono state articolate in diverse fasi di lavoro: - fase 1 - Analisi e avvio dell iniziativa: con la redazione di due testi di analisi socio-economica del settore agricolo alessandrino e un analisi delle singole filiere e l organizzazione di un convegno di presentazione dell iniziativa (maggio 2010); - fase 2 Tavoli di filiera: la principale iniziativa del progetto è stata la progettazione e l organizzazione, nel corso del 2010, di Tavoli di studio per singole filiere alessandrine per individuare in modo partecipato i dati, le problematiche e i punti di forza, le prospettive del settore; - fase 3 redazione del Manifesto di programmazione dell agricoltura alessandrina: un documento sintetico, frutto del lavoro delle fasi precedenti, con alcune proposte di I.rur condivise con la Provincia di Alessandria. Il documento contiene un programma di interventi e le politiche da adottare in uno scenario di medio termine, tra cui la costituzione di un Osservatorio sull agricoltura alessandrina. I risultati del progetto sono stati illustrati durante un convegno pubblico organizzato dalla Provincia di Alessandria tenutosi il 24 gennaio 2011 ad Alessandria presso il Palazzo del Monferrato, alla presenza deg li operatori di settore coinvolti nel progetto, ricercatori, funzionari pubblici e con le conclusioni dell On. Paolo De Castro. Durante il convegno I.rur Innovazione rurale ha illustrato le varie tappe del percorso e le metodologie utilizzate. La Provincia di Alessandria ha stampato una pubblicazione, curata da I.rur Innovazione rurale sul percorso degli Stati Generali, dalle prime analisi, ai tavoli di filiera, fino alla redazione del Manifesto. Il progetto è stato particolar mente interessante e apprezzato poiché ha visto l applicazione di metodologie partecipative, il coinvolgimento dal basso degli operatori e la stesura di un documento programmatico a livello provinciale con indicazioni concrete su iniziative da portare avanti nel futuro. Pubblicazioni A cura di I.rur Innovazione rurale (2010), I percorsi per lo sviluppo dell agricoltura in provincia di Alessandria. Risultati del percorso di analisi deg li Stati Generali 2010, gennaio Disponibile sul sito di I.rur : - sezione Progetti Stati generali dell Agricoltura in provincia di Alessandria. 12

13 Supporto per l implementazione di un Osservatorio Agroalimentare della provincia di Alessandria Committente: Provincia di Alessandria Direzione Agricoltura, Ambiente, Acque, Montagna Tipo di attività: assistenza alla pianificazione e supporto scientifico, organizzat ivo e progettuale Gruppo di lavoro: Cristina Baldizzone (Provincia di Alessandria referente); Roberto Cagliero, Luca Milanetto (coordinamento gruppo I.rur Innovazione rurale). Gruppo I.rur: Giorgia Pastorino, Paolo Saracco; Stefania Tron. Tra le attività previste nell ambito del progetto Stati Generali dell Agricoltura in Provincia di Alessandria e in particolare nell ambito del Manifesto per l agricoltura alessandrina era stato segnalata come prioritaria l implementazione di un Osservatorio agroalimentare della provincia di Alessandria. Nei mesi successivi al convegno sug li Stati generali c è stato un ampio confronto per la definizione dei partner dell iniziativa e la Camera di Commercio di Alessandria si è dimostrata disponibile e interessata a partecipare. Inoltre si è dibattuto sulla definizione delle fasi progettuali e della tempistica, sui contenuti e sulle modalità di avvio dell Osservatorio. A tal fine è stata coinvolta nuovamente I.rur Innovazione rurale come supporto scientifico, tecnico e organizzativo. Nel corso del 2011, dunque, sono partite le fasi di progettazione delle attività dell osservatorio, del sito web, nonché la costituzione del gruppo di lavoro. Questa struttura di supporto avrà sede presso la Camera di Commercio di Alessandria; è stato individuato un referente, la cui for mazione è seguita da I.rur Innovazione rurale ed è stata iniziata verso fine anno. Il sito web è stato progettato da I.rur Innovazione rurale e realizzato graficamente e dal punto di vista infor matico dalla società Energia & Territorio della Provincia di Alessandria. Il sito è attualmente on-line alla ur l L Osservatorio, nato da una specifica convenzione tra Prov incia e la Camera di Commercio di Alessandria, si pone le seguenti finalità: - valorizzare le principali filiere agroalimentari del territorio alessandrino offrire un quadro organico e aggiornato sulle filiere agroalimentari della provincia di Alessandria; - creare un ponte tra istituzioni, imprenditori agricoli, ricercatori e operatori del settore; - diffondere conoscenze e informazioni in tema di agricoltura sul territorio creare occasioni di incontro e confronto con le realtà locali e g li imprenditori agricoli per la condivisione di politiche, iniziative e progettualità. L Osservatorio sarà presentato ufficialmente a febbraio Siti web Sito Osservatorio agroalimentare della provincia di Alessandria: 13

14 territorio Mondi Locali del Trentino Verso il Bilancio sociale degli ecomusei del Trentino Committente: Ecomuseo del Vanoi Rete deg li ecomusei del Trentino Provincia Autonoma di Trento Tipo di attività: supporto, progettazione, formazione, coordinamento redazione Gruppo di lavoro: Raffaella Trentini (Provincia Autonoma di Trento referente); Ecomusei del Trentino; Stefania Tron (I.rur Innovazione rurale) Nel corso del 2011 si è concluso il progetto della rete degli ecomusei del Trentino finanziato dalla Fondazione Caritro e scritto da I.rur Innovazione rurale con la collaborazione della Provincia di Trento e deg li ecomusei del Trentino finalizzato alla creazione di una rete stabile deg li ecomusei. N ell ambito di questa iniziativa I.rur si è occupata di accompagnare e affiancare gli ecomusei nella realizzazione del primo bilancio sociale della rete. L associazione, in particolare, nell anno precedente aveva seguito la progettazione e la formazione sul bilancio sociale; nel 2011 ha eseguito il coordinamento di redazione e la redazione dei testi con la collaborazione deg li ecomusei, ha dato supporto ai referenti ecomuseali per l impostazione delle attività e ha approfondito i contenuti dedicati alla rete. Una seconda attività è stata collaborare con la segreteria della rete sul progetto in generale e per la redazione di una parte del Manuale sulle buone pratiche, una seconda pubblicazione prevista dal progetto. Il bilancio sociale 2010 è stato presentato in occasione della Giornata nel Paesaggio promossa dalla rete nazionale Mondi Locali edizione 2011 organizzata presso la Fondazione Caritro il 21 giugno 2011 alla presenza dell Assessore alla Cultura della Provincia Autonoma di Trento, Franco Panizza, delle comunità locale e deg li operatori ecomuseali. Durante l incontro sono stati presentati i risultati del progetto, tra cui una sintesi dei dati emersi dal Bilancio sociale Siti web - Trentino cultura - 14

15 Rete europea degli ecomusei Mondi Locali / Local Worlds Committente: I.rur Innovazione rurale Tipo di attività: networking Gruppo di lavoro: Stefania Tron (I.rur Innovazione rurale) Mondi Locali è una comunità di pratica che comprende una trentina di ecomusei italiani e alcune realtà (associazioni, atenei, singoli ricercatori e consulenti) interessate all approccio e alla metodologia ecomuseale. I.rur fa parte di Mondi Locali sin dalla sua nascita, avvenuta informalmente nel 2004 e formalizzata con registrazione del marchio collettivo presso le Camere di commercio nel I.rur Innovazione rurale partecipa alle attività della rete deg li ecomusei Mondi Locali / Local Worlds è proseguita senza operare nell ambito di progetti specifici, ma per interesse di ricerca sulle tematiche ecomuseali e per continuare a collaborare con una rete di soggetti e persone con cui si è oramai si è instaurato un rapporto professionale e amicale stabile. Mondi Locali, generalmente, organizza una volta all anno un incontro a livello nazionale a cui I.rur partecipa. Nel corso del 2011 hanno avuto luogo diversi appuntamenti della rete, ma i ricercatori di I.rur Innovazione rurale non hanno potuto prendervi parte. Gruppi di lavoro. Mondi Locali prevede specifici gruppi di lavoro che operano nel corso dell anno e di cui poi si presentano le attività in occasione dei workshop, definendo risultati, attività e prospettive future. Nel 2011 I.rur ha continuato a seguire il gruppo di lavoro dedicato alla mostra itinerante Mondi Locali (esposizione sugli ecomusei e sull approccio ecomuseale, frutto del progetto Terra e Territorio a cui I.rur ha partecipato con Ires Piemonte nel 2007). Questo è il gruppo a cui I.rur collabora insieme a Donatella Murtas della rete degli ecomusei del Piemonte, gestendo le prenotazioni e aggiornando il calendario sul sito della rete, raccogliendo e sollecitando i materiali, restando a disposizione in caso di necessità di chiarimenti, realizzando una sintesi delle attività fatte presentata in occasione dei due workshop nazionali. 15

16 eventi Convegno annuale. Tutti gli anni I.rur ha sempre organizzato un evento annuale, dedicato a tematiche di ampio respiro, di tipo innovativo, per proporre nuovi approcci all agricoltura e alla ruralità. Nel 2010 era emersa la possibilità di organizzare in collaborazione con la Regione Piemonte un evento da realizzarsi nel 2011 per approfondire le possibili modalità di utilizzo delle indicazioni emerse dalla valutazione delle politiche di sviluppo rurale per la nuova programmazione. Un incontro di estremo interesse e di tipo tecnico, che però non ha potuto concretizzarsi, poiché entrambi g li enti sono stati impegnati su fronti differenti e non è stato possibile organizzarlo. Al momento non sono previsti altri eventi futuri su queste tematiche. Partecipazione di I.rur a eventi esterni I ricercatori di I.rur sono stati coinvolti in diversi eventi a carattere scientifico. Si ricordano i due convegni di presentazione dei risultati dei progetti a cui I.rur ha preso parte e in particolare: Convegno Stati Generali sull Agricoltura in provincia di Alessandria Tenutosi il 24 gennaio 2011 presso la Sala convegni presso il Palazzo del Monferrato, l incontro si poneva l obiettivo di illustrare i risultati del progetto degli Stati Generali, Durante il convegno I.rur Innovazione rurale ha illustrato le varie tappe del percorso e le metodologie utilizzate. Convegno Mondi Locali del Trentino I.rur ha partecipato al convegno finale di presentazione del progetto Mondi Locali del Trentino, la rete ecomuseale del Trentino. Sono stati illustrati i risultati dell iniziativa e I.rur Innovazione rurale ha illustrato la metodologia del Bilancio sociale e una sintesi delle attività degli ecomusei dell anno Altri convegni Patrizia borsotto, Silvia Novelli, Bruno Giau "Land and landscape maintenance services provided by farmers in the Piedmont mountain and hill areas" al convegno" - L image de l agriculture au XXIe siècle organizzato da Société Suisse d'economie et de Sociologie Rurale, Murten (1 aprile 2011) [presentato da Patrizia Borsotto] Presentation by Patrizia Borsotto, PhD student at the University of Turin in Italy, Course Agriculture, Forestry and Food: Land and landscape maintenance services provided by farmers in the Piedmont mountain and hill areas (06 May 2011), ICAAM - Instituto de Ciências Agrárias e Ambientais Mediterrânicas, Evora-Portogallo 16

17 3. pubblicazioni Sono qui riportati gli articoli, le ricerche e le pubblicazioni redatti nel corso del 2011 a cui i ricercatori di I.rur - Innovazione rurale hanno collaborato a vario titolo. Le pubblicazioni segnalate non sono necessariamente correlate ai progetti realizzati dall associazione, ma rappresentano una bibliografia di estremo interesse per il settore rurale e agroalimentare. Borsotto P., Matassi E., Rendicontazione sociale e s viluppo rurale: Agriregionieuropa, n 26, Pp verso gli stakeholder INEA (2011), Annuario dell Agricoltura Italiana volumi LXIV, 2010 di cui P. Borsotto è coautore del capitolo 23 (Le produzioni ortofrutticole - Le colture florovivaistiche) INEA (2011), Il Commercio con l'estero dei prodotti agroalimentari 2010, di cui P. Borsotto è coautore del capitolo 3 (I l commercio agro-alimentare dell'italia per prodotti) Salvioni C., Agug lia L, Borsotto P., Assetti proprietari e gestionali delle imprese agricole italiane, Rivista dell Associazione Rossi-Doria (Q A) S. Tron, Il turismo si tinge di verde,.eco L educazione sostenibile, Numero 1 gennaio

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM

IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM Istituto Nazionale di Economia Agraria IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM a cura di Roberta Sardone Edizioni Scientifiche Italiane ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA IL COMPARTO

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1

Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1 Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1 Introduzione L elaborato ripercorre l evoluzione del CAPAC (Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI),

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI), Dipartimento federale dell economia, della formazione e della ricerca DEFR Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione CSSI Direttive del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione che

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO

LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO Esperienze di turismo in ambiente alpino Saint Marcel 12 13 giugno 2010 Luigi CORTESE LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO Rete o sistema? Il concetto di rete è usato spesso

Dettagli

Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 11. La sfida alle indicazioni geografiche. Contributo n 38

Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 11. La sfida alle indicazioni geografiche. Contributo n 38 Le idee di Expo verso la Carta di Milano, Report tavolo tematico 11 La sfida alle indicazioni geografiche Contributo n 38 LE IDEE DI EXPO 2015 VERSO LA CARTA DI MILANO Milano, 7 febbraio 2015 TAVOLO N

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

1 - AREA INTERDIPARTIMENTALE PER IL COORDINAMENTO E GESTIONE DEI FONDI COMUNITARI E NAZIONALI

1 - AREA INTERDIPARTIMENTALE PER IL COORDINAMENTO E GESTIONE DEI FONDI COMUNITARI E NAZIONALI 1 - AREA INTERDIPARTIMENTALE PER IL COORDINAMENTO E GESTIONE DEI FONDI COMUNITARI E NAZIONALI Responsabile: Dott.ssa Anna Greco Tel.: 0917076283 E-mail: agri1.areagestionefondi@regione.sicilia.it - Assegnazione

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA

CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessorato all Urbanistica, enti locali e personale CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA SETTEMBRE 2010 Dipartimento Urbanistica e ambiente Servizio Urbanistica e tutela

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali Misura 124 del PSR 2007-2013 della Regione Toscana FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali ACRONIMO DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO SETTORE DI RIFERIMENTO PREVALENTE FLOROVIVAISMO AGRIENERGIE

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

CI INTERESSA visione, strategia, politiche

CI INTERESSA visione, strategia, politiche CI INTERESSA visione, strategia, politiche 45 Convegno Santa Margherita Ligure Grand Hotel Miramare 5 6 giugno 2015 La politica e le politiche sono cose molto diverse. La prima troppo spesso sembra attenta

Dettagli