Relazione attività. associazione I.rur Innovazione rurale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione attività. associazione I.rur Innovazione rurale"

Transcript

1 Relazione attività 2011 associazione I.rur Innovazione rurale

2 I.rur - Innovazione rurale è un associazione di ricerca e analisi, valutazione, formazione e comunicazione nel settore delle politiche rurali, agrarie e dello sviluppo locale. I SOCI FONDATORI di I.rur - Innovazione rurale Roberto Cagliero, Elisa Cerruti, Sara Levi Sacerdotti, Riccardo Marchisio, Luca Milanetto Composizione degli ORGANI DIRETTIVI dell Associazione al Il Presidente: Roberto Cagliero Il Vicepresidente: Luca Milanetto L Assemblea dei Soci: Bernardo Bertoldi, Patrizia Borsotto, Roberto Cagliero, Riccardo Giovinetto, Giorgia Pastorino, Sara Levi Sacerdotti, Riccardo Marchisio, Luca Milanetto, Paolo Saracco, Stefania Tron Il Consig lio Direttivo: Bernardo Bertoldi, Roberto Cagliero, Riccardo Giovinetto, Luca Milanetto, Stefania Tron Il Collegio dei Revisori: Mario Montalcini, Stefano Motta, Marco Patella Gli AMICI DI I.RUR Rosita Allara, Mariangela Aloi, Elena Antoniazzi, Azienda Agr. Filippo Gallino, Az. Agricola Cornale, Roberto Avetrani, Alessandro Balma, Igor Benati, I laria Borri, Mario Cag liero, Leopoldo Cassibba, Francesca Colombo, Massimo Di Gifico, Corrado Ger mano, Domenico Leone, Silvia Novelli, Pietro Sagheddu, Piergiorgio Sartori, Daniele Segre, Natasia Swart, Paolo Ugona. I.rur - Innovazione rurale si trova in Via Principi d Acaja 10 a Torino Tel/fax: sito: Torino, aprile 2012 Relazione attività Associazione I.rur - Innovazione rurale A cura di Stefania Tron Hanno collaborato: Patrizia Borsotto, Roberto Cagliero, Luca Milanetto, Giorgia Pastorino, Paolo Saracco 2

3 indice 1. l associazione... 4 chi siamo... 4 che cosa ci proponiamo... 4 l organizzazione... 5 i partner di i.rur... 7 con chi abbiamo lavorato progetti...10 comparto agroalimentare...10 politiche rurali...11 territorio...14 eventi pubblicazioni

4 1. l associazione chi siamo I.rur - Innovazione rurale nasce nel 2004 su iniziativa di un gruppo di giovani ricercatori attivi da una decina di anni nel settore dello sviluppo rurale e delle politiche agricole. L idea di costituire un associazione sottolinea il desiderio dei soci fondatori di approfondire il tema e le dinamiche del rurale con strumenti e approcci innovativi, frutto di un percorso di dialogo e condivisione di idee tra professionalità diverse. IL GRUPPO DI LAVORO Le competenze riunite in I.rur - Innovazione rurale sono il risultato dell esperienza acquisita dai singoli ricercatori nel corso degli anni svolgendo attività di collaborazione nell ambito della ricerca, della valutazione e della for mazione presso enti regionali e nazionali. Il gruppo di lavoro stabile è composto da: Patrizia Borsotto, ricercatrice, coordina il progetto sulle filiere agroalimentari / Adotta una filiera e partecipa a progetti di ricerca. Roberto Cagliero, ricercatore, è il Presidente dell associazione e il coordinatore delle attività. Luca Milanetto, ricercatore e vice presidente di I.rur, si occupa dei progetti di ricerca di economia agraria, sviluppo rurale; coordina le attività dell associazione insieme al Presidente. Giorgia Pastorino, ricercatrice, si occupa sia della segreteria e dell amministraz ione dell associazione, della segreteria tecnica e delle attività di ricerca nell ambito del progetto sulle filiere agroalimentari / Adotta una filiera. Paolo Saracco, ricercatore, si occupa dei progetti di ricerca sulle filiere agroalimentari del Piemonte. Stefania Tron, ricercatrice, si occupa della comunicazione e dell area di ricerca su territorio, ecomusei, sviluppo locale, partecipa alla ricerca sulle filiere agroalimentari. A questo gruppo si aggiunge Domenico Leone, che collabora ai progetti sulle filiere agroalimentari. Ha partecipato ad alcuni progetti anche Mariangela Aloi. GLI ORGANI DELL ASSOCIAZIONE E QUADRO ASSOCIATIVO Al 31 dicembre 2011 il numero dei soci di I.rur era pari a dieci, esattamente come l anno precedente. Il Consiglio Direttivo non ha subito variazioni, risulta tuttora composto da cinque elementi. Anche il numero deg li Amici di I.rur nel 2011 è rimasto invariato ed è pari a 22 unità. che cosa ci proponiamo Il problema della sostenibilità deg li interventi viene posto con rilevanza dalle amministrazioni locali, sempre più impegnate in attività di pianificazione e programmazione. Di fronte alla crescente disponibilità di infor mazioni sulle opportunità, sulle dinamiche e sulla significatività dello spazio rurale, si sente sempre più spesso il bisogno di conoscenza, frutto di un processo di interpretazione e approfondimento. I.rur - Innovazione rurale vuole essere il punto di incontro tra l infor mazione e la programmazione, ponendosi l obiettivo di costruire conoscenza e interpretazione con metodi innovativi. 4

5 LE AREE DI INTERVENTO I.rur Innovazione rurale è attiva nei dei seguenti settori: Comparto agroalimentare Politiche rurali Territorio Sistema agricolo Politiche comunitarie Paesaggio rurale Distribuzione Politiche regionali Manutenzione del territorio Agroindustria Decentramento Cultura materiale Produzioni di qualità Sviluppo locale Ecomusei Integrazione Multifunzionalità Sociologia rurale LE ATTIVITÀ I.rur Innovazione rurale si occupa di promuovere e realizzare studi, ricerche, attività scientifiche, culturali e di interpretazione nei campi dello sviluppo territoriale, dell agricoltura e delle sue interrelazioni con il sistema agroalimentare, il paesaggio, l ambiente e le comunit à locali. L associazione pone particolare rilievo sull utilizzo di metodi innovativi, basati su un approccio integrato e multidisciplinare, guardando con grande interesse anche alle attività di interpretazione creativa del rurale. Ricerca e analisi Studi sul comparto agroindustriale Studi sull impatto dell agricoltura sul contesto socio-economico Analisi socio-economica e del patrimonio culturale delle aree rurali Analisi della marginalità delle aree rurali Valutazione Valutazione dei cambiamenti nella Po litica Agricola Comunitaria Valutazioni ex ante, inter medie e finali di programmi comunitari Valutazione di nor mative regionali e di protocolli internazionali Valutazione di azioni specifiche nella programmazione locale Formazione, divulgazione, comunicazione Formazione sulla gestione, valutazione e analisi di filiera Corsi di marketing agroalimentare Attività seminariali e congressistiche Partecipazione a workshop e convegni Attività di divulgazione - produzione di artisti, pubblicazioni, mostre l organizzazione I gruppi di lavoro. L associazione è organizzata per gruppi di lavoro dedicati ai singoli progetti in base alla formazione e alle competenze, alle disponibilità, ecc. I soci che lavorano per I.rur sono sei ed eventualmente, se richieste conoscenze o professionalità specifiche, sono coinvolti altri ricercatori. Le uniche attività trasversali sono la segreteria amministrativa e le attività di comunicazione. Il Presidente propone gli indirizzi strategici ai Soci e mantiene i contatti istituzionali, il Vice presidente coordina 5

6 alcune attività e tiene i rapporti con altre istituzioni; una persona ricopre il ruolo di referente tecnico e coordinatore per i progetti sui temi delle politiche rurali e agricoltura. Inoltre, nel 2011, fiocco azzurro per ben due volte in casa I.rur! L associazione, difatti, a inizio anno ha accolto a braccia aperte Elia, fig lio di Giorgia Pastorino, referente dell amministrazione, e del suo compagno Lino; e a fine anno è arrivato Dario, figlio di Patrizia Borsotto e Rober to Cagliero, rispettivamente referente per i progetti sulle filiere agroalimentari e presidente dell associazione. Per questo motivo, nel corso dell anno è stata attivata una nuova collaborazione, con Manuela Gerenio, che ha svolto uno stage pagato presso I.rur per gestire l amministrazione in assenza di Giorgia, in maternità per cinque mesi. La sede. Dal 2004, la sede di I.rur è sempre stata in via del Carmine, nel centro storico di Torino. La sede nasce come un luogo di incontro non solo per i ricercatori di I.rur, ma anche per amici e collaboratori. Nell ufficio sono previste diverse postazioni di lavor o, cinque in totale, di cui due per Amici di I.rur che svolgono un altro lavoro, ma con cui si condividono spazi, giornate di lavoro e momenti ricreativi. L ufficio è dotato di una sala riunioni, utilizzata non solo per i momenti di incontro professionali, ma anche per aperitivi o occasioni più ludiche. Il seminterrato è lo spazio per la biblioteca e comprendere oramai oltre 660 testi, pubblicazioni, ricerche, documenti multimediali archiviati a livello infor matico in base alle tre aree di I.rur: comparto agroalimentare, politiche rurali, territorio. Nel corso dell anno, tuttavia, si è reso necessario valutare un trasferimento della sede di I.rur e gli associati si sono attivati nell individuare una nuova collocazione, non solo per l associazione, ma anche per gli Amici di I.rur che hanno lavorato con I.rur in questi anni. Negli ultimi mesi del 2011 una nuova ubicazione è stata individuata, più piccola, ma accogliente e luminosa, non lontano dal centro e vicinissimo alla stazione Porta Susa, in via Principi d Acaja a Torino. Il trasloco è previsto per i primi mesi del La comunicazione. Il sito web dell associazione, alla ur l è il mezzo di comunicazione principale. Sono state create per ogni singolo progetto delle schede descrittive che illustrano obiettivi, fasi di lavoro, metodologie, risultati raggiunti. I progetti sono consultabili per area di intervento. A livello interno ha grande rilievo il Memorandum, inviato settimanalmente a tutto il gruppo di lavoro, con l ordine del giorno della riunione settimanale e il verbale delle riunioni passate, a cura della segreteria di I.rur. Esiste anche una sezione eventi, dedicate ai convegni organizzati da I.rur negli anni passati. 6

7 i partner di i.rur L associazione I.rur crede molto nella collaborazione e nell apertura verso le altre realtà del settore. Per questo motivo, I.rur ha confermato la sua adesione all Associazione Alessandro Bartola, al Minom e al Centro Studi per lo Sviluppo rurale della Collina, con cui I.rur, come associazione e come singoli ricercatori, collabora da diversi anni, all AISLo. ASSOCIAZIONE ALESSANDRO BARTOLA E una oramai storica associazione che opera senza fini di lucro e che intende promuovere e sviluppare studi e ricerche, attività scientifiche e culturali nel campo delle materie che interessano l'agricoltura e le sue interrelazioni con il sistema agroalimentare, il territorio, l'ambiente e lo sviluppo delle comunità locali. L Associazione ha sede ad Ancona. Sito internet: MINOM Minom è l acronimo che indica il Movimento Internazionale per una Nuova Museologia. Si tratta di una organizzazione internazionale affiliata all ICOM che riunisce i maggiori esperti di museologia e sviluppo locale a livello mondiale intorno ai temi e alle pratiche della Nuova Museologia. La vision del movimento è promuovere lo sviluppo delle capacità di comprensione della società, per creare spazi di partecipazione volti al recupero del passato, al consolidamento del presente e alla visualizzazione del futuro. Esistono vari siti internet del Minom, tra i principali: CENTRO STUDI PER LO SVILUPPO RURALE DELLA COLLINA Promosso dalla Facoltà di Agraria, dal Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Forestale e Ambientale dell'università di Torino e dal Polo Universitario di Asti Studi Superiori, il CSC ha avviato la sua attività nel 2003, con sede operativa ad Asti, presso il Polo Universitario Asti Studi Superiori; amministrativamente il Centro dipende dal Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Forestale e Ambientale (DEIAFA) dell'università di Torino. Il Centro si occupa di promuovere e realizzare programmi di ricerca scientifica, tecnologica, sociale e culturale inerenti la valorizzazione e lo sviluppo rurale delle aree collinari e pedemontane. I temi di ricerca prioritari riguardano il territorio nei suoi differenti aspetti, i sistemi produttivi agroforestali, le altre attività economiche e, infine, la presenza umana nelle sue diverse manifestazioni. Sito internet: 7

8 con chi abbiamo lavorato Nel 2011 i ricercatori di I.rur - Innovazione rurale hanno lavorato e collaborato con vari enti e istituzioni, tra istituzioni pubbliche, organizzazioni e istituti di ricerca, agenzie di sviluppo. Ad oggi l associazione ha affiancato e operato attivamente con trentasei soggetti, tra amministrazioni pubbliche, istituti di ricerca e di for mazione, realtà ecomuseali e culturali. Regione Piemonte Ires Piemonte Politecnico di Torino Università di Torino PROgetto.VAlutazione INEA - Istituto Nazionale Economia Agraria di Regione Autonoma Valle d Aosta Sviluppo Italia LAMORO MINOM Agriconsulting S.p.A. Associazione Bartola Comunità Montana Val Ceronda PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Provincia Autonoma di Trento Comunità Montana Pinerolese pedemontano Università di Trento Centro Studi per lo Sviluppo Rurale della Collina Museo tridentino di Scienze Naturali IMONT Istituto Nazionale della Montagna Ecomuseo di Argenta Ecomuseo del Vanoi 8

9 Ekomuseum Bergslagen Regione Liguria Ecomuseo dei Terrazzamenti e della Vite Ecomuseo delle Acque del Gemonese Università degli Studi di Udine Regione autonoma Friuli Venezia Giulia Nomis ma Comune di Murazzano Università degli Studi di Udine Facoltà di Economia Torino Ipla SpA Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Roero Provincia di Alessandria Provincia di Cuneo Rete ecomusei trentino 9

10 3. progetti comparto agroalimentare Nel 2011 non è stato avviato nessun progetto in questo comparto di studi. 10

11 politiche rurali Studi e ricerche in materia di agricoltura e sviluppo rurale - Attività di supporto per l osservatorio agroalimentare Committente: Luca Milanetto per Ires Piemonte Stefano Aimone (referente e coordinatore) Tipo di attività: supporto scientifico, attività di ricerca e osservatorio Gruppo di lavoro I.rur - Innovazione rurale: Patrizia Borsotto coordinatore, filiera Fiori, filiera Legno e filiera Bioenergie; Roberto Cagliero - filiera Ortofrutta e Frutta a guscio ; Roberto Cagliero e Domenico Leone - filiera Vino; Giorgia Pastorino segreteria tecnica e filiera Zootecnia da carne bovini, suini, avicoli; Paolo Saracco filiera Riso e COP, filiera Allevamento bovino da latte. Dopo cinque anni di proficuo lavoro, si è conclusa a febbraio 2011, la collaborazione con Ires Piemonte per lo svolgimento di attività di ricerca e di supporto per l implementazione di un osservatorio agroalimentare sulle filiere principali del Piemonte relativamente all anno Tale attività prevedeva il monitoraggio delle singole filiere del Piemonte e del sistema agroalimentare regionale nel suo complesso, attraverso lo studio e l aggiornamento dei materiali bibliografici, siti internet e della rassegna stampa esistente oltre alle interviste a testimoni privilegiati. Nell ambito del progetto è previsto l aggiornamento dei dati relativi all andamento del settore agroalimentare piemontese e italiano nel corso dell anno e la redazione di report annuali specifici di filiera. Fino a febbraio 2011 sono proseguite le seguenti attività: - segreteria tecnica: ha curato il coordinamento tra il gruppo di lavoro e Ires Piemonte, il reperimento dei dati utili per la rassegna stampa e per la redazione dei report di filiera; - rassegna stampa e raccolta infor mazioni sul settore e sulle filiere agroalimentari del Piemonte: il gruppo di lavoro ha curato la rassegna stampa per Ires Piemonte fino a febbraio 2011; - redazione di rapporti di filiera: a febbraio 2011 sono stati consegnati i report congiunturali sull anno 2010; - interviste: sono state condotte nel corso dell anno precedente e le osservazioni emerse sono state inserite nei report di filiera consegnati a febbraio I report di filiera sono stati utilizzati da Ires Piemonte per la pubblicazione di un Contributo di Ricerca sullo stato dell agricoltura piemontese nell anno Inoltre, I.rur ha proseguito in modo autonomo l attività di rassegna stampa sulle filiere, pubblicandola sul sito di I.rur nella sezione Primo Piano. Pubblicazioni, materiali disponibili e siti web Ires Piemonte(2010), L agricoltura piemontese nel 2010, Contributi di Ricerca n.245/2011, Ires Piemonte, Torino. Disponibile on-line sul sito di Ires Piemonte: 11

12 Stati Generali dell Agricoltura in Provincia di Alessandria Committente: Provincia di Alessandria Direzione Agricoltura, Ambiente, Acque, Montagna Tipo di attività: assistenza alla pianificazione partecipata Gruppo di lavoro: Cristina Baldizzone (Provincia di Alessandria referente); Roberto Cagliero, Luca Milanetto (coordinamento gruppo I.rur Innovazione rurale). Gruppo I.rur: Giorgia Pastorino, Paolo Saracco, Mariangela Aloi (filiere e relazione preliminare); Stefania Tron (comunicazione). Domenico Leone (conduzione tavoli di filiera Filiera COP - collaboratore I.rur Innovazione rurale). Il progetto Stati Generali dell Agricoltura in Provincia di Alessandria è stato realizzato nel corso del 2010 e si è concluso a gennaio 2011 con l organizzazione da parte della Provincia di Alessandria di un convegno di presentazione dei risultati. L iniziativa si poneva l'obiettivo di fare una valutazione dello stato attuale dell agricoltura alessandrina, individuandone criticità e punti di forza e, di concerto con tutti gli attori della filiera agricola, programmare g li interventi più idonei sia per dare una soluzione ai problemi sia per sviluppare e potenziare le positività riscontrate. Risultato principale del progetto è stata la redazione di un Manifesto per l Agricoltura alessandrina per una programmazione delle attività più condivisa e partecipata. Il promotore dell iniziativa è la Provincia di Alessandria. Nella fase iniziale hanno partecipato all iniziativa anche INEA, Nomis ma e Camera di commercio di Alessandria. Le attività sono state articolate in diverse fasi di lavoro: - fase 1 - Analisi e avvio dell iniziativa: con la redazione di due testi di analisi socio-economica del settore agricolo alessandrino e un analisi delle singole filiere e l organizzazione di un convegno di presentazione dell iniziativa (maggio 2010); - fase 2 Tavoli di filiera: la principale iniziativa del progetto è stata la progettazione e l organizzazione, nel corso del 2010, di Tavoli di studio per singole filiere alessandrine per individuare in modo partecipato i dati, le problematiche e i punti di forza, le prospettive del settore; - fase 3 redazione del Manifesto di programmazione dell agricoltura alessandrina: un documento sintetico, frutto del lavoro delle fasi precedenti, con alcune proposte di I.rur condivise con la Provincia di Alessandria. Il documento contiene un programma di interventi e le politiche da adottare in uno scenario di medio termine, tra cui la costituzione di un Osservatorio sull agricoltura alessandrina. I risultati del progetto sono stati illustrati durante un convegno pubblico organizzato dalla Provincia di Alessandria tenutosi il 24 gennaio 2011 ad Alessandria presso il Palazzo del Monferrato, alla presenza deg li operatori di settore coinvolti nel progetto, ricercatori, funzionari pubblici e con le conclusioni dell On. Paolo De Castro. Durante il convegno I.rur Innovazione rurale ha illustrato le varie tappe del percorso e le metodologie utilizzate. La Provincia di Alessandria ha stampato una pubblicazione, curata da I.rur Innovazione rurale sul percorso degli Stati Generali, dalle prime analisi, ai tavoli di filiera, fino alla redazione del Manifesto. Il progetto è stato particolar mente interessante e apprezzato poiché ha visto l applicazione di metodologie partecipative, il coinvolgimento dal basso degli operatori e la stesura di un documento programmatico a livello provinciale con indicazioni concrete su iniziative da portare avanti nel futuro. Pubblicazioni A cura di I.rur Innovazione rurale (2010), I percorsi per lo sviluppo dell agricoltura in provincia di Alessandria. Risultati del percorso di analisi deg li Stati Generali 2010, gennaio Disponibile sul sito di I.rur : - sezione Progetti Stati generali dell Agricoltura in provincia di Alessandria. 12

13 Supporto per l implementazione di un Osservatorio Agroalimentare della provincia di Alessandria Committente: Provincia di Alessandria Direzione Agricoltura, Ambiente, Acque, Montagna Tipo di attività: assistenza alla pianificazione e supporto scientifico, organizzat ivo e progettuale Gruppo di lavoro: Cristina Baldizzone (Provincia di Alessandria referente); Roberto Cagliero, Luca Milanetto (coordinamento gruppo I.rur Innovazione rurale). Gruppo I.rur: Giorgia Pastorino, Paolo Saracco; Stefania Tron. Tra le attività previste nell ambito del progetto Stati Generali dell Agricoltura in Provincia di Alessandria e in particolare nell ambito del Manifesto per l agricoltura alessandrina era stato segnalata come prioritaria l implementazione di un Osservatorio agroalimentare della provincia di Alessandria. Nei mesi successivi al convegno sug li Stati generali c è stato un ampio confronto per la definizione dei partner dell iniziativa e la Camera di Commercio di Alessandria si è dimostrata disponibile e interessata a partecipare. Inoltre si è dibattuto sulla definizione delle fasi progettuali e della tempistica, sui contenuti e sulle modalità di avvio dell Osservatorio. A tal fine è stata coinvolta nuovamente I.rur Innovazione rurale come supporto scientifico, tecnico e organizzativo. Nel corso del 2011, dunque, sono partite le fasi di progettazione delle attività dell osservatorio, del sito web, nonché la costituzione del gruppo di lavoro. Questa struttura di supporto avrà sede presso la Camera di Commercio di Alessandria; è stato individuato un referente, la cui for mazione è seguita da I.rur Innovazione rurale ed è stata iniziata verso fine anno. Il sito web è stato progettato da I.rur Innovazione rurale e realizzato graficamente e dal punto di vista infor matico dalla società Energia & Territorio della Provincia di Alessandria. Il sito è attualmente on-line alla ur l L Osservatorio, nato da una specifica convenzione tra Prov incia e la Camera di Commercio di Alessandria, si pone le seguenti finalità: - valorizzare le principali filiere agroalimentari del territorio alessandrino offrire un quadro organico e aggiornato sulle filiere agroalimentari della provincia di Alessandria; - creare un ponte tra istituzioni, imprenditori agricoli, ricercatori e operatori del settore; - diffondere conoscenze e informazioni in tema di agricoltura sul territorio creare occasioni di incontro e confronto con le realtà locali e g li imprenditori agricoli per la condivisione di politiche, iniziative e progettualità. L Osservatorio sarà presentato ufficialmente a febbraio Siti web Sito Osservatorio agroalimentare della provincia di Alessandria: 13

14 territorio Mondi Locali del Trentino Verso il Bilancio sociale degli ecomusei del Trentino Committente: Ecomuseo del Vanoi Rete deg li ecomusei del Trentino Provincia Autonoma di Trento Tipo di attività: supporto, progettazione, formazione, coordinamento redazione Gruppo di lavoro: Raffaella Trentini (Provincia Autonoma di Trento referente); Ecomusei del Trentino; Stefania Tron (I.rur Innovazione rurale) Nel corso del 2011 si è concluso il progetto della rete degli ecomusei del Trentino finanziato dalla Fondazione Caritro e scritto da I.rur Innovazione rurale con la collaborazione della Provincia di Trento e deg li ecomusei del Trentino finalizzato alla creazione di una rete stabile deg li ecomusei. N ell ambito di questa iniziativa I.rur si è occupata di accompagnare e affiancare gli ecomusei nella realizzazione del primo bilancio sociale della rete. L associazione, in particolare, nell anno precedente aveva seguito la progettazione e la formazione sul bilancio sociale; nel 2011 ha eseguito il coordinamento di redazione e la redazione dei testi con la collaborazione deg li ecomusei, ha dato supporto ai referenti ecomuseali per l impostazione delle attività e ha approfondito i contenuti dedicati alla rete. Una seconda attività è stata collaborare con la segreteria della rete sul progetto in generale e per la redazione di una parte del Manuale sulle buone pratiche, una seconda pubblicazione prevista dal progetto. Il bilancio sociale 2010 è stato presentato in occasione della Giornata nel Paesaggio promossa dalla rete nazionale Mondi Locali edizione 2011 organizzata presso la Fondazione Caritro il 21 giugno 2011 alla presenza dell Assessore alla Cultura della Provincia Autonoma di Trento, Franco Panizza, delle comunità locale e deg li operatori ecomuseali. Durante l incontro sono stati presentati i risultati del progetto, tra cui una sintesi dei dati emersi dal Bilancio sociale Siti web - Trentino cultura - 14

15 Rete europea degli ecomusei Mondi Locali / Local Worlds Committente: I.rur Innovazione rurale Tipo di attività: networking Gruppo di lavoro: Stefania Tron (I.rur Innovazione rurale) Mondi Locali è una comunità di pratica che comprende una trentina di ecomusei italiani e alcune realtà (associazioni, atenei, singoli ricercatori e consulenti) interessate all approccio e alla metodologia ecomuseale. I.rur fa parte di Mondi Locali sin dalla sua nascita, avvenuta informalmente nel 2004 e formalizzata con registrazione del marchio collettivo presso le Camere di commercio nel I.rur Innovazione rurale partecipa alle attività della rete deg li ecomusei Mondi Locali / Local Worlds è proseguita senza operare nell ambito di progetti specifici, ma per interesse di ricerca sulle tematiche ecomuseali e per continuare a collaborare con una rete di soggetti e persone con cui si è oramai si è instaurato un rapporto professionale e amicale stabile. Mondi Locali, generalmente, organizza una volta all anno un incontro a livello nazionale a cui I.rur partecipa. Nel corso del 2011 hanno avuto luogo diversi appuntamenti della rete, ma i ricercatori di I.rur Innovazione rurale non hanno potuto prendervi parte. Gruppi di lavoro. Mondi Locali prevede specifici gruppi di lavoro che operano nel corso dell anno e di cui poi si presentano le attività in occasione dei workshop, definendo risultati, attività e prospettive future. Nel 2011 I.rur ha continuato a seguire il gruppo di lavoro dedicato alla mostra itinerante Mondi Locali (esposizione sugli ecomusei e sull approccio ecomuseale, frutto del progetto Terra e Territorio a cui I.rur ha partecipato con Ires Piemonte nel 2007). Questo è il gruppo a cui I.rur collabora insieme a Donatella Murtas della rete degli ecomusei del Piemonte, gestendo le prenotazioni e aggiornando il calendario sul sito della rete, raccogliendo e sollecitando i materiali, restando a disposizione in caso di necessità di chiarimenti, realizzando una sintesi delle attività fatte presentata in occasione dei due workshop nazionali. 15

16 eventi Convegno annuale. Tutti gli anni I.rur ha sempre organizzato un evento annuale, dedicato a tematiche di ampio respiro, di tipo innovativo, per proporre nuovi approcci all agricoltura e alla ruralità. Nel 2010 era emersa la possibilità di organizzare in collaborazione con la Regione Piemonte un evento da realizzarsi nel 2011 per approfondire le possibili modalità di utilizzo delle indicazioni emerse dalla valutazione delle politiche di sviluppo rurale per la nuova programmazione. Un incontro di estremo interesse e di tipo tecnico, che però non ha potuto concretizzarsi, poiché entrambi g li enti sono stati impegnati su fronti differenti e non è stato possibile organizzarlo. Al momento non sono previsti altri eventi futuri su queste tematiche. Partecipazione di I.rur a eventi esterni I ricercatori di I.rur sono stati coinvolti in diversi eventi a carattere scientifico. Si ricordano i due convegni di presentazione dei risultati dei progetti a cui I.rur ha preso parte e in particolare: Convegno Stati Generali sull Agricoltura in provincia di Alessandria Tenutosi il 24 gennaio 2011 presso la Sala convegni presso il Palazzo del Monferrato, l incontro si poneva l obiettivo di illustrare i risultati del progetto degli Stati Generali, Durante il convegno I.rur Innovazione rurale ha illustrato le varie tappe del percorso e le metodologie utilizzate. Convegno Mondi Locali del Trentino I.rur ha partecipato al convegno finale di presentazione del progetto Mondi Locali del Trentino, la rete ecomuseale del Trentino. Sono stati illustrati i risultati dell iniziativa e I.rur Innovazione rurale ha illustrato la metodologia del Bilancio sociale e una sintesi delle attività degli ecomusei dell anno Altri convegni Patrizia borsotto, Silvia Novelli, Bruno Giau "Land and landscape maintenance services provided by farmers in the Piedmont mountain and hill areas" al convegno" - L image de l agriculture au XXIe siècle organizzato da Société Suisse d'economie et de Sociologie Rurale, Murten (1 aprile 2011) [presentato da Patrizia Borsotto] Presentation by Patrizia Borsotto, PhD student at the University of Turin in Italy, Course Agriculture, Forestry and Food: Land and landscape maintenance services provided by farmers in the Piedmont mountain and hill areas (06 May 2011), ICAAM - Instituto de Ciências Agrárias e Ambientais Mediterrânicas, Evora-Portogallo 16

17 3. pubblicazioni Sono qui riportati gli articoli, le ricerche e le pubblicazioni redatti nel corso del 2011 a cui i ricercatori di I.rur - Innovazione rurale hanno collaborato a vario titolo. Le pubblicazioni segnalate non sono necessariamente correlate ai progetti realizzati dall associazione, ma rappresentano una bibliografia di estremo interesse per il settore rurale e agroalimentare. Borsotto P., Matassi E., Rendicontazione sociale e s viluppo rurale: Agriregionieuropa, n 26, Pp verso gli stakeholder INEA (2011), Annuario dell Agricoltura Italiana volumi LXIV, 2010 di cui P. Borsotto è coautore del capitolo 23 (Le produzioni ortofrutticole - Le colture florovivaistiche) INEA (2011), Il Commercio con l'estero dei prodotti agroalimentari 2010, di cui P. Borsotto è coautore del capitolo 3 (I l commercio agro-alimentare dell'italia per prodotti) Salvioni C., Agug lia L, Borsotto P., Assetti proprietari e gestionali delle imprese agricole italiane, Rivista dell Associazione Rossi-Doria (Q A) S. Tron, Il turismo si tinge di verde,.eco L educazione sostenibile, Numero 1 gennaio

Relazione attività. associazione I.rur Innovazione rurale

Relazione attività. associazione I.rur Innovazione rurale Relazione attività 2009 associazione I.rur Innovazione rurale I.rur - Innovazione rurale è un associazione di ricerca e analisi, valutazione, formazione e comunicazione nel settore delle politiche rurali,

Dettagli

Relazione attività. associazione I.rur Innovazione rurale

Relazione attività. associazione I.rur Innovazione rurale Relazione attività 2006 associazione I.rur Innovazione rurale I.rur - Innovazione rurale è un associazione di ricerca e analisi, valutazione, formazione e comunicazione nel settore delle politiche rurali,

Dettagli

Curriculum vitae e di lavoro

Curriculum vitae e di lavoro Curriculum vitae e di lavoro Dati Anagrafici Nome e cognome: Ilaria Borri Luogo e data di nascita: Torino, 5 aprile 1974 Residenza: Via Serena, 40 10090 Sangano (TO) Ufficio: INEA Sede Regionale per il

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA Osservatorio del Paesaggio per il Monferrato Casalese Osservatorio del Paesaggio per il Monferrato e l Astigiano Osservatorio del Paesaggio Alessandrino Osservatorio del Paesaggio

Dettagli

L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE

L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE PREMESSE La deliberazione della Giunta Regionale n. 30-7048 dell 8/10/2007 ha istituito, a partire dall 1/01/2008, un programma

Dettagli

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province Le tecniche operative solitamente applicate in questa fase sono l intervista diretta a testimoni privilegiati (telefonica e/o verbale), e la ricerca con l ausilio di internet. I testimoni privilegiati

Dettagli

L impegno della Fondazione CRC a sostegno della Ricerca Scientifica

L impegno della Fondazione CRC a sostegno della Ricerca Scientifica L impegno Manta, Creso Consorzio di Ricerca Sperimentazione e Divulgazione per l'ortofrutticoltura Piemontese 12 novembre 2012 La presentazione di oggi L impegno a sostegno della Ricerca Scientifica Gli

Dettagli

Dall INEA Istituto Nazionale di Economia Agraria. al CREA Consiglio per la ricerca e l economia in agricoltura

Dall INEA Istituto Nazionale di Economia Agraria. al CREA Consiglio per la ricerca e l economia in agricoltura Dall INEA Istituto Nazionale di Economia Agraria al CREA Consiglio per la ricerca e l economia in agricoltura Economia, società, policy making Le tappe principali L istituto Nazionale di Economia Agraria

Dettagli

Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI

Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI PRIMA STESURA Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI Approvato con Decreto Commissariale n. 127/C del 20.07.2011 INDICE 1. Finalità ed obiettivi 2.

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Struttura e fasi di selezione... 5 Modalità di presentazione delle domande... 5 Contributo

Dettagli

La filiera della noce e del nocciolo biologico in Italia. AO: Ricerche congiunturali e macroeconomiche. AO: Studi e ricerche di politica agraria

La filiera della noce e del nocciolo biologico in Italia. AO: Ricerche congiunturali e macroeconomiche. AO: Studi e ricerche di politica agraria INDICE DELLE ATTIVITA PER AMBITO OMOGENEO (AO) AO: Studi sull impresa Osservatorio sulla responsabilità sociale delle imprese agroalimentari Farm Accountancy cost estimation and Policy analysis La filiera

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana Il Piano di Coordinamento degli Orari (PCO) Città di Avigliana Il Piano Coordinamento degli di Orari (PCO) * Introduzione * Il percorso per l elaborazione del PCO * Le fasi di lavoro * I temi e le azioni

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Titolo Linee guida per la trasformazione casearia su piccola scala Risultati della Ricerca Descrizione estesa del risultato Il documento è stato redatto come frutto della ricerca sviluppata dalla UO CRA-FLC

Dettagli

+39 0258370580. Offerta formativa 2016

+39 0258370580. Offerta formativa 2016 +39 0258370580 Offerta formativa 2016 L offerta formativa a catalogo 2016 è il primo prodotto del partenariato ICOM Italia e Intesa Sanpaolo Formazione - agenzia formativa del Gruppo Intesa Sanpaolo -

Dettagli

ATTORI ISTITUZIONALI Istituzioni e referenti per le Pari Opportunità nella Regione Siciliana

ATTORI ISTITUZIONALI Istituzioni e referenti per le Pari Opportunità nella Regione Siciliana ATTORI ISTITUZIONALI Istituzioni e referenti per le Pari Opportunità nella Regione Siciliana Referente regionale per le pari opportunità In atto le competenze di carattere generale, in materia di pari

Dettagli

CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008

CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008 CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008 OBIETTIVI STRATEGICI Nel corso del 2007 si è venuto precisando ed arricchendo il ruolo ed il potenziale del Gruppo Europa che ha superato la fase sperimentale

Dettagli

I DISTRETTI CULTURALI

I DISTRETTI CULTURALI I DISTRETTI CULTURALI Prima parte della ricerca I musei italiani e i distretti culturali: punti di forza e di debolezza Interesse nazionale Ottobre 2011 A cura di Fondazione Cariplo per Aspen Institute

Dettagli

INDICE PRESENTAZIONE...9 INTRODUZIONE...11 SIGLE E ABBREVIAZIONI...13 NOTA DI SINTESI...17

INDICE PRESENTAZIONE...9 INTRODUZIONE...11 SIGLE E ABBREVIAZIONI...13 NOTA DI SINTESI...17 PRESENTAZIONE...9 INTRODUZIONE...11 SIGLE E ABBREVIAZIONI...13 NOTA DI SINTESI...17 IL QUADRO DELL AGROALIMENTARE VENETO 1. L EVOLUZIONE DEL SISTEMA AGROALIMENTARE DEL VENETO (Davide Bortolozzo, Andrea

Dettagli

Ingegnere Giuseppe Baldo

Ingegnere Giuseppe Baldo AATO Venezia Ambiente Viale Ancona, 24 30170 Venezia - Mestre Tel. +39 041 5322078 - Fax +39 041 2597151 mail: info@veneziaambiente.it Programma dettagliato della comunicazione per la redazione del rapporto

Dettagli

CONCLUSIONI FMS. Dott. Jean Pierre Fosson. Osservatorio Tecnico e Gestionale Prof. Riccardo Beltramo Coordinatore

CONCLUSIONI FMS. Dott. Jean Pierre Fosson. Osservatorio Tecnico e Gestionale Prof. Riccardo Beltramo Coordinatore CONCLUSIONI Ad un anno dall avviamento del progetto Osservatorio tecnologico, gestionale e formativo per la sicurezza in montagna, per la tutela dell ambiente montano e delle strutture ricettive alpine

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO ECONOMICO E RURALE DIREZIONE GENERALE PER LO SVILUPPO AGROALIMENTARE, QUALITÀ E TUTELA DEL CONSUMATORE

Dettagli

SAPERI IN CAMPAGNA PROGRAMMA INTERREGIONALE COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGRAMMA OPERATIVO 2005. Allegato alla deliberazione n.

SAPERI IN CAMPAGNA PROGRAMMA INTERREGIONALE COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGRAMMA OPERATIVO 2005. Allegato alla deliberazione n. PROGRAMMA INTERREGIONALE COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGRAMMA OPERATIVO 2005 SAPERI IN CAMPAGNA 1 PREMESSA Le nuove generazioni e la Sardegna: un rapporto che occorrerebbe rinsaldare attraverso

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. MAGRINI GIORGIO c/o comune Ala di Stura Piazza Centrale, 22 Ala di Stura ESPERIENZA LAVORATIVA

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. MAGRINI GIORGIO c/o comune Ala di Stura Piazza Centrale, 22 Ala di Stura ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail MAGRINI GIORGIO c/o comune Ala di Stura Piazza Centrale, 22 Ala di Stura Nazionalità Italiana Data di

Dettagli

Art. 1 Oggetto e finalità

Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO del, n. Regolamento di attuazione della legge regionale 8 agosto 2014, n. 20 Riconoscimento e costituzione dei distretti rurali, dei distretti agroalimentari di qualità e dei distretti di filiera

Dettagli

Fondazione Edmund Mach Istituto Agrario di San Michele a/a. Organizzazione. Consiglio di Amministrazione. Direzione Generale

Fondazione Edmund Mach Istituto Agrario di San Michele a/a. Organizzazione. Consiglio di Amministrazione. Direzione Generale Fondazione Edmund Mach Istituto Agrario di San Michele a/a Organizzazione Consiglio di Amministrazione Direzione Generale Centro Istruzione e Formazione Centro Ricerca e Innovazione Centro Trasferimento

Dettagli

IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA

IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA Analisi su base economico gestionale delle realtà museali provinciali, per una progettazione consapevole di sviluppo futuro del Sistema museale provinciale.

Dettagli

Economia dell azienda agraria e dei sistemi agroindustriali

Economia dell azienda agraria e dei sistemi agroindustriali Facoltà di Economia Università di Firenze Economia dell azienda agraria e dei sistemi agroindustriali Anno accademico 2012/2013 2 semestre GIOVANNI BELLETTI Dipartimento di Scienze dell economia e dell

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO FACOLTA DI GIURISPRUDENZA 7HVLGLODXUHDLQGLULWWRDJUDULRFRPXQLWDULR,/',5,772$*5$5,2&2081,7$5,2/$787(/$$0%,(17$/((/$ 352%/(0$7,&$'(,3$5&+,1$785$/, Candidata: CHIARA GALDO

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "Antonio Della Lucia" Istituto Prof.le Agricoltura e Ambiente Istituto Tecnico per l Agricoltura Loc.

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Antonio Della Lucia Istituto Prof.le Agricoltura e Ambiente Istituto Tecnico per l Agricoltura Loc. ISTITUTO TECNICO Settore tecnologico ad indirizzo AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA L indirizzo è finalizzato all acquisizione, per il settore agrario integrato, di un complesso di competenze relative

Dettagli

REGIONANDO 2001. Studio e analisi del paesaggio e del territoriorurale della Lombardia

REGIONANDO 2001. Studio e analisi del paesaggio e del territoriorurale della Lombardia REGIONANDO 2001 Regione Lombardia - Direzione Generale Agricoltura Gestione Ambiente Rurale e Foreste Struttura Ambiente Rurale e Fauna Studio e analisi del paesaggio e del territoriorurale della Lombardia

Dettagli

La strategia di marketing del Vino Cesanese e del Territorio dove si produce

La strategia di marketing del Vino Cesanese e del Territorio dove si produce www.associazioneseraf.it La strategia di marketing del Vino Cesanese e del Territorio dove si produce ABD del Vino dell Associazione SER.A.F. Illustrazione dell Associazione SER.A.F. Sintesi del processo

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Informativa sull Assistenza Tecnica

Informativa sull Assistenza Tecnica COMITATO DI SORVEGLIANZA PSR SICILIA 2007/2013 Palermo 12 Giugno 2013 Informativa sull Assistenza Tecnica Ordine del giorno n. 8 ASSESSORATO DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI Nell ambito della misura

Dettagli

Ciclo di seminari. La multifunzionalità nelle aziende agricole: l agriturismo, i servizi ambientali, la didattica e la vendita dei prodotti aziendali

Ciclo di seminari. La multifunzionalità nelle aziende agricole: l agriturismo, i servizi ambientali, la didattica e la vendita dei prodotti aziendali Ciclo di seminari La multifunzionalità nelle aziende agricole: l agriturismo, i servizi ambientali, la didattica e la vendita dei prodotti aziendali Sala Parlamentino Ministero delle Politiche Agricole

Dettagli

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari DIREZIONE OPERE PUBBLICHE ECONOMIA MONTANA E FORESTE La programmazione integrata delle filiere agro alimentari nelle aree LEADER del Piemonte Torino, 27 novembre 2014 1 PSR 2007 2013 ASSE IV LEADER 13

Dettagli

10.3.1.5 Piano di fattibilità per impianti che utilizzano biomasse. Comune: Comuni del P.I.S.L.

10.3.1.5 Piano di fattibilità per impianti che utilizzano biomasse. Comune: Comuni del P.I.S.L. P.I.S.L. N.A.Tu.R.A. Valorizzazione della rete ecologica del Parco Fluviale del Po (tratto vercellese/alessandrino) e dell Orba e del Monferrato casalese, tramite la riqualificazione ambientale e la promozione

Dettagli

Il biologico in Piemonte

Il biologico in Piemonte Quaderno della Il biologico in Piemonte 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione Agri.Bio. Piemonte è stata fondata, nel 2007, quale associazione regionale di promozione dell agricoltura

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA Art. 1 - Istituzione del Sistema 1. Il Sistema Museale Naturalistico del Lazio RESINA è istituito ai sensi dell art. 22 della L.R. 42/97

Dettagli

Progetto F.I.S.I.Agri Formazione Integrata per la Sostenibilità e

Progetto F.I.S.I.Agri Formazione Integrata per la Sostenibilità e Progetto F.I.S.I.Agri Formazione Integrata per la Sostenibilità e l Innovazione in Agricoltura Progetto finanziato dal FSE e dalla Provincia di Pistoia 1 Bando MM 2006-2007 FSE POR OB 3 mis. D1, C3 PROGETTI

Dettagli

Riflessioni sulle linee strategiche per il PSR Marche 2014-2020

Riflessioni sulle linee strategiche per il PSR Marche 2014-2020 Riflessioni sulle linee strategiche per il PSR Marche 2014-2020 Andrea Bonfiglio Direttore editoriale Agrimarcheuropa Dipartimento di Scienze economiche e sociali Università Politecnica delle Marche VENERDÌ

Dettagli

ELEMENTI DI SINTESI DEL PROGETTO

ELEMENTI DI SINTESI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO GIOVANI X GIOVANI SETTORE E AREA DI INTERVENTO ELEMENTI DI SINTESI DEL PROGETTO E 03 Educazione e promozione culturale/animazione culturale verso i giovani OBIETTIVI DEL PROGETTO Il

Dettagli

Gli imprenditori agricoli in Lombardia

Gli imprenditori agricoli in Lombardia Saperi e pratiche delle relazioni del cibo nel Parco agricolo Sud Milano SINTESI DEL PROGETTO Il contesto Nel 2010 il Consorzio Cantiere Cuccagna ha vinto il bando dell Archivio Etnografico della Regione

Dettagli

AGRARIA Via Brecce Bianche, Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204935

AGRARIA Via Brecce Bianche, Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204935 facoltà di AGRARIA AGRARIA Via Brecce Bianche, Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204935 Sistema Gestione Qualità Certificato RINA 10039/03/S Registrazione IQNet IT-33732 Corsi di Laurea Triennale in: SCIENZE

Dettagli

Servizi per la formazione Servizi per la formazione

Servizi per la formazione Servizi per la formazione Il nostro network di professionisti con competenze differenti e integrate può fornire una docenza specializzata in diversi ambiti relativi al marketing e allo sviluppo del territorio. I nostri servizi

Dettagli

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità)

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità) Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina le procedure di individuazione e di riconoscimento dei Distretti Agroalimentare

Dettagli

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune REGIONANDO 2001 Parte 1: Anagrafica REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune Titolo del Progetto: Aspetti di qualità della vita nel Comune Amministrazione

Dettagli

Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron

Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron REGIONE PIEMONTE Città di Candelo Gemellata con La Roche sur Foron PROVINCIA DI BIELLA Ricetto - Uno dei borghi più belli d Italia Centro Documentazione Ricetti Ricetto di Candelo (BI) Piano di Programmazione:

Dettagli

Informativa sull Assistenza tecnica

Informativa sull Assistenza tecnica COMITATO DI SORVEGLIANZA PSR SICILIA 2007/2013 PALERMO 7 GIUGNO 2012 Informativa sull Assistenza tecnica Ordine del giorno n. 6 DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI PER L AGRICOLTURA L'Assistenza

Dettagli

PROGRAMMA INTERISTITUZIONALE PROVINCIALE TERRITORIO,ALIMENTAZIONE,SALUTE

PROGRAMMA INTERISTITUZIONALE PROVINCIALE TERRITORIO,ALIMENTAZIONE,SALUTE PROGRAMMA INTERISTITUZIONALE PROVINCIALE TERRITORIO,ALIMENTAZIONE,SALUTE PROTOCOLLO DI COLLABORAZIONE Tra Enti Istituzionali e Soggetti Associativi per promuovere la salute e la sicurezza alimentare, attraverso

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo FABIO CECCONI VIA SAN GIORGIO N. 7 60027 OSIMO (AN) Telefono 071.806 2150 Fax 071.806 2302 E-mail fabio.cecconi@regione.marche.it

Dettagli

C A T A L O G O A T T I V I T à F O R M A T I V A

C A T A L O G O A T T I V I T à F O R M A T I V A C A T A L O G O A T T I V I T à F O R M A T I V A COOPERAZIONE CATALOGO ISMEA 2014 B A N D O P R O M O Z I O N E D E L L O S P I R I T O E D E L L A C U L T U R A D I M P R E S A PUNTI VENDITA MULTI FUNZIONALITà

Dettagli

UNIVERSITÀ DEL PIEMONTE ORIENTALE A. AVOGADRO Alessandria, Novara, Vercelli SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO

UNIVERSITÀ DEL PIEMONTE ORIENTALE A. AVOGADRO Alessandria, Novara, Vercelli SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO UNIVERSITÀ DEL PIEMONTE ORIENTALE A. AVOGADRO Alessandria, Novara, Vercelli SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO RELAZIONE SULL ATTIVITA DELL UFFICIO DI SUPPORTO DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO ANNO 2011

Dettagli

I Gruppi di Azione Locale: Driving Force dei Sistemi Agricoli Locali

I Gruppi di Azione Locale: Driving Force dei Sistemi Agricoli Locali Nel corso degli ultimi anni, le crescenti esigenze in termini di sostenibilità delle attività produttive e di consumo unite al progressivo deterioramento della redditività degli investimenti agricoli hanno

Dettagli

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Assessorato allo Sviluppo della Montagna e alle Foreste Incontro

Dettagli

Turismo di Comunità in Val di Rabbi

Turismo di Comunità in Val di Rabbi Turismo di Comunità in Val di Rabbi Sintesi del progetto Il Turismo di Comunità : definizione Il turismo responsabile di comunità è una nuova forma di accoglienza turistica, recentemente sviluppatasi in

Dettagli

L.R. n. 63/78 artt. 42 e 50

L.R. n. 63/78 artt. 42 e 50 REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE PROGRAMMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA L.R. n. 63/78 artt. 42 e 50 CREDITI DI GESTIONE ISTRUZIONI OPERATIVE Pagina 1 1. PREMESSE La

Dettagli

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa Dott.ssa Elisabetta Grigoletto Sezione Formazione Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Berlino 2014 1 Il progetto interregionale Creazione

Dettagli

PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013)

PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013) PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013) Dopo gli interventi di questa mattina e gli altri del pomeriggio, alcuni veramente di alto livello, devo premettere

Dettagli

Regolamento Comunale. per l Osservatorio Turistico di Destinazione. del Comune di Castiglione della Pescaia

Regolamento Comunale. per l Osservatorio Turistico di Destinazione. del Comune di Castiglione della Pescaia Regolamento Comunale per l Osservatorio Turistico di Destinazione del Comune di Castiglione della Pescaia CAPO I PRINCIPI ISPIRATORI... 3 Articolo 1 Principi Ispiratori e Definizioni... 3 CAPO II - ORGANIZZAZIONE

Dettagli

CONAF Consiglio dell Ordine Nazionale. Documento programmatico Anno 2011 Ai sensi dell art. 6 del R.G.

CONAF Consiglio dell Ordine Nazionale. Documento programmatico Anno 2011 Ai sensi dell art. 6 del R.G. CONAF Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali Documenti programmatici Codice Atto Numero Anno Autore Estensore AA1M 01 2011 AS AS Documento programmatico Anno 2011

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

Il PSR Marche e le aree Natura 2000. Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche

Il PSR Marche e le aree Natura 2000. Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche Il PSR Marche e le aree Natura 2000 Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche Workshop provinciale - 16 aprile 2013 Sede Provincia di Macerata - Sala Convegni Località Piediripa

Dettagli

Sviluppo Locale e Valorizzazione del Patrimonio Culturale Alpino

Sviluppo Locale e Valorizzazione del Patrimonio Culturale Alpino Sviluppo Locale e Valorizzazione del Patrimonio Culturale Alpino I edizione 2004-2005 Guida al Percorso Formativo Guida aggiornata al 29/09/2004 COREP - Consorzio per la Ricerca e l Educazione Permanente

Dettagli

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Newsletter n.10 La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Un iniziativa a sostegno delle aree rurali Con questa decima Newsletter siano giunti alla fase delle considerazioni finali

Dettagli

Scheda per la rilevazione delle caratteristiche dei soggetti aderenti alla

Scheda per la rilevazione delle caratteristiche dei soggetti aderenti alla Scheda per la rilevazione delle caratteristiche dei soggetti aderenti alla Rete territoriale a sostegno del sistema provinciale di istruzione e formazione per la musica e la valorizzazione dell arte liutaria

Dettagli

REGOLAMENTO SU OSSERVATORIO TURISTICO DI DESTINAZIONE DELLA PROVINCIA DI LIVORNO

REGOLAMENTO SU OSSERVATORIO TURISTICO DI DESTINAZIONE DELLA PROVINCIA DI LIVORNO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SU OSSERVATORIO TURISTICO DI DESTINAZIONE DELLA PROVINCIA DI LIVORNO (OTD) Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 168/22.12.2011 In vigore dal 1 febbraio

Dettagli

DATI PERSONALI. Presidente della Commissione Paritetica docenti-studenti. Dip.to di Economia, Gestione, Società ed Istituzioni

DATI PERSONALI. Presidente della Commissione Paritetica docenti-studenti. Dip.to di Economia, Gestione, Società ed Istituzioni DATI PERSONALI Informazioni personali Cognome Forleo Nome Maria Bonaventura Nazionalità Italiana Nascita Brindisi, 12-05-1967 Indirizzo per la corrispondenza Università degli Studi del Molise - Dip.to

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE PROGETTO Agro-Med Quality Plateforme Méditerranéenne pour la Qualité dans l Agriculture et l Agroalimentaire 1 INDICE 1.INTRODUZIONE..3 1.1 SINTESI DEL PROGETTO AGRO-MED QUALITY

Dettagli

Idea progetto La rete della Sicurezza come fattore di ben-essere

Idea progetto La rete della Sicurezza come fattore di ben-essere INAIL SARDEGNA Associazione Industriali Province della Sardegna Meridionale Cagliari, Carbonia Iglesias e Medio Campidano CONFINDUSTRIA CGIL Camera del Lavoro Metropolitana Cagliari Cagliari Cagliari Progetto

Dettagli

REPORT BANDI PIEMONTE

REPORT BANDI PIEMONTE REPORT BANDI PIEMONTE INDICE FONDO LATTE. FINANZIAMENTO A TASSO AGEVOLATO E GARANZIA FINO ALL'80% PER SOSTENERE GLI INVESTIMENTI, IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITÀ E DEI DEBITI COMMERCIALI NEL SETTORE

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Linee guida per il trasporto e la vendita di prodotti alimentari deperibili a basso impatto ambientale Descrizione estesa del risultato La progettazione, realizzazione e

Dettagli

L A N Z I P A O L O E U R O P A S S C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI. Nome Lanzi Paolo. Indirizzo OMISSIS.

L A N Z I P A O L O E U R O P A S S C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI. Nome Lanzi Paolo. Indirizzo OMISSIS. L A N Z I P A O L O E U R O P A S S C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Lanzi Paolo Indirizzo OMISSIS Telefono OMISSIS E-mail OMISSIS Nazionalità Italiana Data di nascita OMISSIS

Dettagli

L INEA e RURALAND. una finestra sul mondo rurale

L INEA e RURALAND. una finestra sul mondo rurale L INEA e RURALAND una finestra sul mondo rurale RURALAND costituisce una esempio di comunicazione ed educazione istituzionale che sviluppa i temi dello sviluppo rurale, lo sviluppo sostenibile della biodiversità

Dettagli

********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE COMUNE DI PARELLA Provincia di Torino ********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 35 Del 15/10/2014 Oggetto: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D'INTESA PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

rzaccherini@regione.lazio.it

rzaccherini@regione.lazio.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome RITA ZACCHERINI E-mail Nazionalità rzaccherini@regione.lazio.it Italiana Data di nascita 12/10/1955 ESPERIENZA LAVORATIVA Principali

Dettagli

Annalisa Giachi, Promo PA Fondazione

Annalisa Giachi, Promo PA Fondazione LA VALORIZZAZIONE DELLE BIOMASSE IN TOSCANA: LIMITI E OPPORTUNITA Annalisa Giachi, Promo PA Fondazione In collaborazione con: 1 Indice 1. LE SCELTE METODOLOGICHE 1.1 Gli obiettivi 1.2 I soggetti coinvolti

Dettagli

EXPO 2015. Food Management and Green Marketing

EXPO 2015. Food Management and Green Marketing Università Cattolica del Sacro Cuore Anno Accademico 2014/2015 Facoltà di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Dettagli

Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale"

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale" Consorzio Iniziative per la Formazione dei Divulgatori Agricoli

Dettagli

Rapporto di Riesame annuale Università della Basilicata Anno 2014-15

Rapporto di Riesame annuale Università della Basilicata Anno 2014-15 Rapporto di Riesame annuale Università della Basilicata Anno 2014-15 Denominazione del Corso di Studio: Scienze Chimiche Classe : LM-54 Scienze e Tecnologie Chimiche Dipartimento: Scienze Sede : Potenza

Dettagli

Distretto Rurale. Franciacorta, Sebino e Valle Trompia GAL GÖLEM

Distretto Rurale. Franciacorta, Sebino e Valle Trompia GAL GÖLEM Distretto Rurale Franciacorta, Sebino e Valle Trompia GAL GÖLEM Introduzione I principali riferimenti normativi per l individuazione, l istituzione e la disciplina dei distretti agricoli sono: - A livello

Dettagli

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE www.istvap.it 1 ISTVAP ha quattro anni di vita ISTVAP sta per compiere quattro anni di vita. Anni di attività che hanno portato alla scoperta dell importanza del concetto di

Dettagli

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Udine, 10 ottobre 2013 Sommario Introduzione alle Reti di Impresa Prime esperienze nel settore turistico-alberghiero L approccio alle

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

NOI più VOI per TUTTI = meno FUMO più SALUTE

NOI più VOI per TUTTI = meno FUMO più SALUTE PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2005-2006 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2005-2006 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 284-28.11.05 BURP 13 30.03.06) NOI più VOI per TUTTI

Dettagli

AGRI.LA. AGRICOLTURE AND LANDSCAPE (Audiovisivo)

AGRI.LA. AGRICOLTURE AND LANDSCAPE (Audiovisivo) Progetto Europeo AGRI.LA: Agricolture and Landscape sostegno a favore delle azioni d informazione sulla Politica Agricola Comune ai sensi del reg. CE n. 814/2000 del Consiglio del 17/04/2004. Progetto

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

Workshop: I SOTTOPRODOTTI AGROFORESTALI E INDUSTRIALI A BASE RINNOVABILE

Workshop: I SOTTOPRODOTTI AGROFORESTALI E INDUSTRIALI A BASE RINNOVABILE Intervento Assessore Malaspina Università Politecnica delle Marche ANCONA 26 E 27 SETTEMBRE Workshop: I SOTTOPRODOTTI AGROFORESTALI E INDUSTRIALI A BASE RINNOVABILE Sono veramente grata ha affermato l

Dettagli

XV SESSIONE PROGRAMMATICA CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI (CNCU) - REGIONI Rimini, 17-18 novembre 2015 Palacongressi Rimini

XV SESSIONE PROGRAMMATICA CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI (CNCU) - REGIONI Rimini, 17-18 novembre 2015 Palacongressi Rimini XV SESSIONE PROGRAMMATICA CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI (CNCU) - REGIONI Rimini, 17-18 novembre 2015 Palacongressi Rimini Cibo: educazione, politica, cultura Martedì 17 novembre Ore

Dettagli

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA 205 206 PROGETTO 16.1: CONTRASTO AL MALTRATTAMENTO ED ALLA VIOLENZA SULLE DONNE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2015-2017 Titolo obiettivo 1: Sostenere la legge contro

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

Vice Direzione Generale Gabinetto del Sindaco e Servizi Culturali 2007 00178/026 SETTORE MUSEI /GP CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Vice Direzione Generale Gabinetto del Sindaco e Servizi Culturali 2007 00178/026 SETTORE MUSEI /GP CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Vice Direzione Generale Gabinetto del Sindaco e Servizi Culturali 2007 00178/026 SETTORE MUSEI /GP 0 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 23 gennaio 2007 OGGETTO: COSTITUZIONE NUOVO ISTITUTO

Dettagli

torino bologna venezia www.fabbricafuturo.it 19 marzo 2015 10 giugno 2015 8 ottobre 2015 Presentano gli eventi 2015 di

torino bologna venezia www.fabbricafuturo.it 19 marzo 2015 10 giugno 2015 8 ottobre 2015 Presentano gli eventi 2015 di Presentano gli eventi 2015 di Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani bologna 19 marzo 2015 torino 10 giugno 2015 Novità venezia 8 ottobre 2015 www.fabbricafuturo.it Il Progetto e i contenuti

Dettagli

PROGETTO COOPERAZIONE DECENTRATA PER IL RAFFORZAMENTO ISTITUZIONALE DEI COMUNI MONTANI BOSNIACI

PROGETTO COOPERAZIONE DECENTRATA PER IL RAFFORZAMENTO ISTITUZIONALE DEI COMUNI MONTANI BOSNIACI PROGETTO COOPERAZIONE DECENTRATA PER IL RAFFORZAMENTO ISTITUZIONALE DEI COMUNI MONTANI BOSNIACI INTRODUZIONE Nell ambito delle iniziative legate alla Tregua Olimpica realizzate dai partner istituzionali

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE NEGLI ADOLESCENTI

GUADAGNARE SALUTE NEGLI ADOLESCENTI GUADAGNARE SALUTE NEGLI ADOLESCENTI PREMESSA Promuovere la capacità di fare scelte di salute L'adolescenza è un periodo cruciale, nel ciclo evolutivo della persona, caratterizzato da molteplici trasformazioni,

Dettagli

Regolamento Approvato dal Consiglio di Amministrazione del CSI-Piemonte il 16 luglio 2007

Regolamento Approvato dal Consiglio di Amministrazione del CSI-Piemonte il 16 luglio 2007 Regolamento Approvato dal Consiglio di Amministrazione del CSI-Piemonte il 16 luglio 2007 REGOLAMENTO CENTRO ON LINE STORIA E CULTURA DELL INDUSTRIA: IL NORD OVEST DAL 1850 ARTICOLO 1 Obiettivi e finalità

Dettagli