Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B"

Transcript

1 Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B Database delle Prove scritte parte Teoria 1. La definizione di azienda, formulata da Giannessi, è complessa in termini dinamico- strutturali in quanto risponde alle seguenti domande: a) dove di trova l azienda? b) che cosa la compone? c) d) e) 2. L ordine sistematico attiene a: 1. i rapporti, di tipo quantitativo, qualitativo e temporale, tra i fattori produttivi 2. la sequenza tra rapporto combinatorio, sistema operativo e collegamento con il mercato 3. i collegamenti, nel tempo e nello spazio, sul piano finanziario ed economico, tra le operazioni 4. i rapporti di influenza vicendevole tra forze interne ed esterne, positive e negative 3. In un gruppo aziendale: a) vi è una pluralità di soggetti economici ed una pluralità di soggetti giuridici b) vi è una pluralità di soggetti giuridici, ma un unico soggetto economico c) vi è una pluralità di soggetti economici, ma un unico soggetto giuridico d) nessuna delle precedenti 4. Qual è il significato di FONTE nello schema di analisi delle operazioni aziendali a livello fisico- tecnico, economico e finanziario? a) afflusso di mezzi monetari con provenienza capitale proprio e capitale di terzi b) qualunque afflusso di mezzi monetari c) afflusso di mezzi monetari per debiti di finanziamento e di regolamento d) provenienza esterna dei mezzi monetari 5. Sommando all autofinanziamento in senso stretto i costi senza manifestazione finanziaria e l utile distribuito, si ottiene: a) l autofinanziamento lordo b) l autofinanziamento netto c) i ricavi di vendita d) la copertura degli impieghi in produzione realizzata

2 6. Nelle società di persone: a) il numero dei soci non può essere superiore a 20 b) il capitale sociale non può essere superiore a c) la responsabilità dei soci si estende anche al proprio patrimonio personale d) i soci non possono amministrare la società 7. Per quali motivi si sceglie lo storno di costo nella correlazione costi- ricavi di fine periodo? (RISPOSTA MULTIPLA) a) è il criterio più corretto nell ottica funzionale b) è il criterio più oggettivo c) è il criterio più idoneo per la comparabilità dei valori d) è il criterio coerente con il sistema del reddito 8. Il contenuto economico dell ordine aziendale significa che: a) combinazione dei fattori, correlazione delle operazioni e composizione delle forze devono essere predisposte e valutate in termini di convenienza b) le operazioni di gestione devono essere collegate, nel tempo e nello spazio, nella maniera più funzionale c) il rapporto con l ambiente deve essere mantenuto e potenziato imprimendo un indirizzo innovativo alla produzione d) la convenienza della gestione è influenzata, ma non determinata dalla disponibilità di mezzi finanziari 9. Una joint venture: a) è sempre basata su un accordo formale di tipo patrimoniale b) è sempre basata su un accordo formale di tipo contrattuale c) è sempre limitativa della concorrenza d) può essere basata su un accordo formale di tipo patrimoniale o contrattuale 10. Quali sono i caratteri del reddito? a) è una variazione b). c). d). 11. Nell equazione del fabbisogno di finanziamento, il termine <<v>> esprime: a) il prodotto tra quantità e prezzo di acquisizione dei fattori produttivi b) il fabbisogno incrementale o decrementale di risorse finanziarie c) il numero di volte in cui i fattori produttivi tornano in forma liquida d) le dosi di capitale che occorrono a seguito dell autofinanziamento

3 12. Un impresa individuale a) è posta in essere da un unico soggetto titolare di diritti ed obblighi derivanti dallo svolgimento dell attività b) ha autonomia patrimoniale perfetta c) non può essere un impresa di servizi d) è caratterizzata dall assenza di scambio economico 13. In cosa consiste il carattere di indeterminatezza del capitale? (RISPOSTA MULTIPLA) a) è concepito astraendo dall identità dei suoi componenti b) il suo valore cambia in relazione ai diversi criteri di valutazione c) il suo valore cambia in relazione allo scopo d) gli elementi attivi e passivi del capitale sono diversamente classificati nei prospetti di stato patrimoniale 14. Indicare le tre classi di vincoli che limitano l accessibilità alle fonti di finanziamento: Quali elementi devono essere considerati per l accettazione degli ordini da clienti (controllo affidamento clienti)? (RISPOSTA MULTIPLA) a) solvibilità b) puntualità di pagamento c) correttezza amministrativa d) potenzialità commerciale 16. La disponibilità settimanale di un dato articolo di magazzino prodotti indica: a) l esistenza contabile b) l esistenza fisica più gli ordini di acquisto meno gli ordini di lavorazione c) l esistenza contabile aggiornata con gli ordini di lavorazione d) l esistenza fisica più gli ordini di lavorazione meno gli impegni di vendita e) l esistenza fisica all inizio della settimana 17. L ordine combinatorio attiene specificamente a: a) i collegamenti, nel tempo e nello spazio, sul piano finanziario ed economico, tra le operazioni b) i rapporti, di tipo quantitativo, qualitativo e temporale, tra i fattori produttivi c) il trade- off tra i bisogni illimitati e risorgenti e le risorse scarse per definizione d) la sequenza tra struttura produttiva, sistema operativo e collegamento con il mercato

4 18. Quali sono i caratteri dell azienda come sistema, nella teoria generale dei sistemi? (una o più risposte sono corrette)? 45 chiuso 46 complesso 47 deterministico 48 storico 49 finalizzato 19. In una società in accomandita semplice (una o più risposte corrette): a) i soci accomandatari sono di diritto amministratori b) i soci accomandanti hanno responsabilità illimitata c) i soci accomandanti sono di diritto amministratori d) i soci accomandatari hanno responsabilità illimitata e) tutti i soci hanno responsabilità illimitata e solidale 20. Quali tra i seguenti valori rientrano nella categoria dei valori economico- finanziari, secondo quanto indicato nel capitolo 2 del volume di Introduzione all Economia aziendale (una o più risposte sono corrette)? a) debiti di finanziamento b) ricavi di vendita c) crediti di regolamento d) capitale di apporto e) debiti di regolamento 21. Il fabbisogno netto di finanziamento è: e) il rientro dei fattori nei cicli operativi f) l unica fonte auto- generata dalla gestione g) l ammontare di impieghi che deve essere coperto tramite fonti esterne h) la copertura degli impieghi in produzione realizzata 22. Completare la seguente tabella: Acquisizione dei Utilizzo dei fattori fattori produttivi Quantità/qualità dei fattori acquisiti COSTI DI ACQUISIZIONE Quantità/qualità dei fattori Costi di utilizzazione Ottenimento dei prodotti Quantità/qualità dei prodotti Valore produzione realizzata Vendita dei prodotti Quantità/qualità dei prodotti venduti RICAVI DI VENDITA

5 23. Le variazioni di intensità del fabbisogno di finanziamento si riferiscono: a) al segno algebrico, cioè variazioni positive o negative b) al rientro degli investimenti in forma liquida c) al rapporto tra aliquota permanente e aliquota fluttuante d) all ampiezza, cioè all importo della variazione 24. L ordine aziendale ha carattere dinamico in quanto: a) i caratteri dei fattori, il sistema delle operazioni, il rapporto con l esterno variano nello spazio b) combinazione dei fattori, correlazione delle operazioni e composizione delle forze devono essere predisposte e valutate in termini di convenienza c) il rapporto con l ambiente deve essere mantenuto e potenziato imprimendo un indirizzo innovativo alla produzione d) i caratteri dei fattori, il sistema delle operazioni, il rapporto con l esterno variano nel tempo 25. Calcolare il fabbisogno di finanziamento di un azienda in fase di costituzione, relativamente al primo anno, ipotizzando: durata del ciclo di trasformazione 2 mesi; 200 unità di materie prime per ogni ciclo al costo unitario di 4 ; 10 unità di fattore lavoro al costo unitario di 30 (retribuzioni mensili liquidate posticipatamente); un impianto del costo di 5.000, vita utile 10 anni. Le materie prime vengono acquistate contestualmente all inizio del processo di lavorazione, e pagate un mese dopo; i prodotti finiti ottenuti con la lavorazione vengono collocati sul mercato tre mesi dopo che ha avuto inizio la lavorazione stessa; le vendite vengono realizzate monetariamente tre mesi dopo la realizzazione dei debiti verso i fornitori. 26. Se la società A detiene una partecipazione nella società B e la società B detiene, a sua volta, una partecipazione nella società A, si ha: a) una partecipazione reciproca b) una partecipazione indiretta c) una partecipazione circolare d) una partecipazione univoca e) una partecipazione di controllo 27. L orientamento al mercato della funzione commerciale si realizza quando: a) la funzione commerciale è importante ed il mercato di sbocco ha una elevata complessità b) la funzione commerciale è importante ed il mercato di sbocco ha una limitata complessità c) la rilevanza della funzione commerciale è modesta ed il mercato di sbocco ha una elevata complessità d) la rilevanza della funzione commerciale è modesta ed il mercato di sbocco ha una limitata complessità

6 28. Determinare il reddito di periodo collegato alle seguenti operazioni di gestione, nell ipotesi di valutazione al costo di tutte le rimanenze: acquistate 110 unità di materie ad un prezzo unitario di 10; lavorate esternamente 80 unità di materie ad un prezzo unitario di 6; ottenute 8 unità di prodotto (10 unità di materie = 1 unità di prodotto); vendute 6 unità di prodotto ad un prezzo unitario di 200; costi di vendita pari al 10% del ricavo 4 punti 29. Un debito di funzionamento: a) è una fonte vincolata b) genera un immediata uscita monetaria c) è una fonte esterna d) genera una successiva entrata monetaria 30. Ai fini del controllo sull esposizione complessiva del cliente in rapporto al limite di fido concesso, quali elementi informativi devono essere considerati? a) saldo contabile aggiornato b) esposizione cambiaria c) ordini in corso (non evasi più quelli in oggetto) 31. L ordine di composizione attiene a: a) i collegamenti, nel tempo e nello spazio, sul piano finanziario ed economico, tra le operazioni b) i rapporti, di tipo quantitativo, qualitativo e temporale, tra i fattori produttivi c) la sequenza tra rapporto combinatorio, sistema operativo e collegamento con il mercato d) i rapporti di influenza vicendevole tra forze interne ed esterne, positive e negative 32. Quali tra i seguenti NON rientra tra i requisiti che contraddistinguono i fattori produttivi? a) quantità e qualità b) connotazione temporale c) onerosità d) comparabilità e) vincolabilità 33. Il soggetto economico e il soggetto giuridico: a) coincidono sempre nelle società per azioni b) coincidono sempre in tutte le forme societarie c) possono essere identificati diversamente a seconda della specifica veste giuridica dell azienda d) non possono amministrare la società se non sono soci

7 34. Sommando al fabbisogno netto l autofinanziamento lordo si ottiene: i) l equilibrio fonti/impieghi j) il fabbisogno lordo di finanziamento k) l unica fonte auto- generata dalla gestione l) la copertura degli impieghi in produzione realizzata 35. Nel modello del sistema d azienda proposto da BERTINI, quanti sono gli elementi del sub- sistema della produzione (P) e quanti quelli del sub- sistema delle relazioni azienda/ambiente (RAA)? a) 4 P e 5 RAA b) 4 P e 8 RAA c) 5 P e 5 RAA d) 6 P e 9 RAA e) 5 P e 7 RAA 36. Le variazioni di entità del fabbisogno di finanziamento si riferiscono: e) all ampiezza, cioè all importo della variazione f) al segno algebrico, cioè variazioni positive o negative g) alla frequenza rispetto al periodo considerato h) al rapporto tra aliquota permanente e aliquota fluttuante 37. Si consideri un azienda commerciale che acquista e vende merci senza ricorso all indebitamento, realizzando le seguenti operazioni di periodo: Operazioni di acquisto a) unità di merce ad un prezzo unitario di 10 euro b) unità di merce ad un prezzo unitario di 12 euro c) unità di merce ad un prezzo unitario di 14 euro Operazioni di vendita a) unità di merce ad un prezzo unitario di 15 euro b) unità di merce ad un prezzo unitario di 18 euro Determinare il reddito di periodo, applicando i diversi metodi convenzionali di correlazione dei valori di carico e scarico del magazzino: LIFO (Last In First Out) FIFO (First In First Out).... Costo medio ponderato... LIFO con rivalutazione patrimoniale

8 38. Il reddito è in relazione di causa- effetto con la gestione. Quali operazioni di gestione devono essere considerate e quali NO? Devono essere considerate: NON devono essere considerate: 39. Ai fini della scelta del criterio di correlazione costi- ricavi di fine periodo, due tra le seguenti affermazioni sono sbagliate. Quali? a) nella valutazione delle rimanenze di prodotti al COSTO, il reddito di periodo è correlato ai volumi di vendita b) nella valutazione delle rimanenze di prodotti al RICAVO, il reddito di periodo è correlato ai volumi di vendita c) nella valutazione delle rimanenze di materie al COSTO, il reddito di periodo è correlato ai volumi di vendita d) nella valutazione delle rimanenze di prodotti al RICAVO, il reddito di periodo è correlato ai volumi di produzione e) nella valutazione delle rimanenze di materie al RICAVO, il reddito di periodo è correlato ai volumi di produzione 40. Una qualunque forma di unione tra aziende è una aggregazione se: a) ha una durata limitata nel tempo e comunque definita a priori b) coinvolge una pluralità di aziende indipendenti, unite da un legame su base volontaria c) coinvolge un numero limitato di aziende e comunque definito a priori d) non prevede specifici obblighi di comportamento a carico delle aziende che ne fanno parte 41. Quali elementi devono essere considerati per stimare la disponibilità delle materie nella gestione degli ordini a fornitori: A)..... B) C) I ricavi di vendita sono: a) la causa che genera fabbisogno di finanziamento b) un generico impiego in attesa di realizzo c) una forma di autofinanziamento d) un fattore produttivo generico

9 43. L ordine aziendale ha carattere specifico in quanto: a) esso stesso deve essere predisposto e ricercato in termini di convenienza b) i mutamenti nelle forze interne ed esterne producono a loro volta mutamenti operativi e strutturali c) modulo combinatorio, sistema delle operazioni e rapporti con l ambiente variano da azienda ad azienda d) l impiego dei fattori produttivi deve avvenire secondo specifiche modalità quali- quantitative e spazio- temporali 44. Si ipotizzino i seguenti dati relativi all esercizio 2012: Esistenze iniziali di materie: unità ad un prezzo unitario di 6 euro; Esistenze iniziali di prodotti: unità ad un prezzo unitario di 10 euro; Acquisti di materie nel periodo: unità ad un prezzo unitario di 7 euro; Lavorazioni esterne delle materie: unità ad un prezzo unitario di lavorazione di 5 euro; Prodotti realizzati con tali materie: unità Vendite di prodotti nel periodo: ad un prezzo unitario di 14; Costi amministrativi del periodo: euro; Determinare il reddito di periodo nel prospetto a Costi, Ricavi e Rimanenze, con la scelta del criterio del costo e del metodo LIFO. 45. Quale tra i seguenti elementi NON rientra nel procurement mix? a) Scelta dei canali di distribuzione b) Rischio di approvvigionamento c) Politica dei materiali d) Rapporto qualità- prezzo 46. Quali sono i vantaggi nella selezione dei fornitori alternativi (RISPOSTA MULTIPLA)? a) Maggiore elasticità produttiva b) Presenza di lotti minimi di acquisto c) Riduzione rischi per mancata puntualità delle consegnei d) Rilevanti sconti di quantità e) Esclusività tecnologica 47. L orientamento direzionale dei processi di approvvigionamento: quali sono le attività direzionali per posizionarsi meglio sul mercato e fronteggiare la concorrenza? A)..... B) C)

10 48. Le variazioni del fabbisogno di finanziamento si possono misurare in termini di (completare): a) entità, quando riguardano... b), quando riguardano l ampiezza, cioè l importo della variazione c) frequenza, quando riguardano 49. L ordine aziendale ha carattere unitario in quanto: a) esso stesso deve essere predisposto e ricercato in termini di convenienza b) l armonia/disarmonia in uno dei tre elementi (composizione delle forze, sistema operativo, rapporto combinatorio tra fattori) si riflette inevitabilmente sugli altri due c) modulo combinatorio, sistema delle operazioni e rapporti con l ambiente variano da azienda ad azienda d) l impiego dei fattori produttivi deve avvenire secondo specifiche modalità quali- quantitative e spazio- temporali 50. Calcolare il fabbisogno di finanziamento di un azienda in fase di costituzione, tenuto conto dei seguenti dati relativi al primo anno di funzionamento: durata del ciclo di trasformazione 4 mesi; 60 unità di materie prime per ogni ciclo al costo unitario di 100 ; 15 unità di fattore lavoro al costo unitario di 200 (retribuzioni mensili liquidate posticipatamente); un impianto del costo di , vita utile 5 anni. Le materie prime vengono acquistate contestualmente all inizio della produzione, e pagate un mese dopo il loro acquisto; i prodotti finiti vengono collocati sul mercato contestualmente al termine della produzione, e i crediti riscossi dopo un mese. Le materie prime necessarie al primo ciclo di trasformazione vengono acquistate all 1/1, ed i lavoratori assunti nella stessa data.

I processi di finanziamento (segue)

I processi di finanziamento (segue) I processi di finanziamento (segue) Finanziamenti a titolo di capitale + capitale proprio Finanziamenti a titolo di credito + debiti a breve e a lungo termine Realizzi derivanti dalle vendite di prodotti/servizi

Dettagli

I processi di approvvigionamento

I processi di approvvigionamento azienda/fornitori I processi di acquisto/utilizzazione dei fattori produttivi correnti circuiti sempre aperti: flussi fisico tecnici ed economici (in entrata) flussi monetari-finanziari (in uscita) settore

Dettagli

LA GESTIONE AZIENDALE

LA GESTIONE AZIENDALE LA GESTIONE AZIENDALE GESTIONE = insieme delle operazioni che l impresa effettua, durante la sua esistenza, per realizzare gli obiettivi perseguiti dal soggetto economico. ESERCIZIO = parte di gestione

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO

IL RENDICONTO FINANZIARIO IL RENDICONTO FINANZIARIO Arezzo, 04 aprile 2014 1 IL RENDICONTO FINANZIARIO Resoconto di tutte le entrate ed uscite di denaro avvenuto in un certo periodo di tempo per effetto di: risultato della gestione;

Dettagli

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5 focus modulo 4 lezione 50 La gestione finanziaria La correlazione tra investimenti e finanziamenti L analisi dei flussi finanziari 1. I flussi finanziari I flussi finanziari che hanno origine dall attività

Dettagli

Concetto di patrimonio

Concetto di patrimonio Concetto di patrimonio Il patrimonio o capitale si può definire, in prima approssimazione, come l insieme l dei beni a disposizione del soggetto aziendale in un determinato momento; in un accezione più

Dettagli

Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità

Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità Il rendiconto finanziario dei flussi di liquidità Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità La risorsa finanziaria liquidità è operazionalizzata come nel principio OIC 12, ovvero è da intendere come somma

Dettagli

TEMA 2: Pianificazione finanziaria a breve termine

TEMA 2: Pianificazione finanziaria a breve termine TEMA 2: Pianificazione finanziaria a breve termine Legame tra decisioni di finanziamento a lungo e breve termine e prospetto fonti-impieghi (Brealey, Meyers, Allen, Sandri: cap. 3) Corso di: GESTIONI FINANZIARIE

Dettagli

finanziamento: a fonti esternee

finanziamento: a fonti esternee Copertura del fabbisogno di finanziamento: a fonti esternee Corso di Economia Aziendale X lezione Prof. Giuseppe D Onza Capitale di apporto Capitale di terzi (propri) p (debiti) Soggetti finanziatori Proprietari

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio 1 di 6 La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio Come possono essere classificate le operazioni di gestione? La gestione aziendale è l insieme coordinato di operazioni attraverso le quali l impresa

Dettagli

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO Fonti interne: autofinanziamento Fonti esterne: capitale proprio e capitale di debito Capitale proprio: deriva dai conferimenti dei soci dell azienda e prende il nome, in contabilità,

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi)

I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi) I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi) azienda/clienti circuiti sempre aperti: flussi fisico-tecnici (in uscita) flussi monetari-finanziari

Dettagli

Capitolo XV. La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti

Capitolo XV. La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti Capitolo XV La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti La funzione finanziaria Nella funzione finanziaria si comprende il complesso di decisioni e di operazioni volte a reperire e ad impiegare

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a UNITÀ B La gestione e i suoi risultati: il patrimonio e il reddito Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a La gestione delle aziende di produzione: settori e profili di analisi Documento Esercizi Operazioni

Dettagli

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari 1. Pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziam. Processi di finanziamento 4. Rimborso dei finanziamenti I processi di finanziamento Processi economici di produzione 2. Acquisizione dei

Dettagli

Gestione e fabbisogno finanziario

Gestione e fabbisogno finanziario Albez edutainment production Gestione e fabbisogno finanziario Classe IV ITC In questo modulo: Il fabbisogno finanziario La situazione finanziaria ottimale L interdipendenza tra fonti di finanziamento

Dettagli

L avvio di un attività

L avvio di un attività Le forme societarie e le Condizioni di Equilibrio Economico/Finanziario Le Forme Societarie L avvio di un attività Avviare un attività d impresa è un sogno di tante persone che, per proprie attitudini,

Dettagli

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale MODULO PER LA VALUTAZIONE DELLE IMPRESE DI RECENTE COSTITUZIONE PER FINANZIAMENTI DI IMPORTO SUPERIORE A 50.000,00 EURO (importi in migliaia di Euro) Immobilizzazioni Rimanenze Disponibilità Bilanci previsionali

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

La programmazione delle scelte finanziarie

La programmazione delle scelte finanziarie Economia e gestione delle imprese II La programmazione delle scelte finanziarie dott. Matteo Rossi Benevento, 23 febbraio 2009 La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso

Dettagli

Dinamica dei flussi finanziari

Dinamica dei flussi finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Dinamica dei flussi finanziari Capitolo 4 Indice degli argomenti 1. Il modello a quattro aree 2. Flusso di cassa della gestione corrente

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

ASPETTI DELLA GESTIONE AZIENDALE RAMO FINANZIARIO E RAMO ECONOMICO

ASPETTI DELLA GESTIONE AZIENDALE RAMO FINANZIARIO E RAMO ECONOMICO ASPETTI DELLA GESTIONE AZIENDALE RAMO FINANZIARIO E RAMO ECONOMICO RAMO FINANZIARIO: coinvolge le grandezze finanziarie: denaro, crediti e debiti di varia natura, sia di funzionamento che di finanziamento.

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La dinamica finanziaria Il Rendiconto Finanziario Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it La divergenza fra risultato

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

Facoltà di Economia-sede di Forlì Corso di Economia Aziendale (CLEA) Introduzione allo studio dell Economia aziendale. Prof.

Facoltà di Economia-sede di Forlì Corso di Economia Aziendale (CLEA) Introduzione allo studio dell Economia aziendale. Prof. Facoltà di Economia-sede di Forlì Corso di Economia Aziendale (CLEA) Introduzione allo studio dell Economia aziendale Prof. Luca Mazzara A.A. 2004/2005 Economia aziendale: aspetti introduttivi L economia

Dettagli

I processi di acquisizione/utilizzo dei fattori produttivi correnti

I processi di acquisizione/utilizzo dei fattori produttivi correnti I processi di acquisizione/utilizzo dei fattori produttivi correnti azienda/fornitori circuiti sempre aperti: flussi fisico tecnici ed economici (in entrata) flussi monetari-finanziari (in uscita) settore

Dettagli

6 La gestione. aziendale. 1 La gestione aziendale SCHEDA

6 La gestione. aziendale. 1 La gestione aziendale SCHEDA SCHEDA 6 La gestione aziendale Gli obiettivi didattici Conoscere il concetto di gestione Conoscere fonti di finanziamento ed elementi del patrimonio Saper classificare le operazioni di gestione Saper classificare

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE Si differenziano soprattutto per il trattamento delle poste patrimoniali. Il criterio della liquidità/esigibilità: attività in ordine di liquidità decrescente, passività

Dettagli

Bilancio: l attivo circolante e le passività

Bilancio: l attivo circolante e le passività Bilancio: l attivo circolante e le passività e il passivo Riferimenti normativi e disposizioni contabili 2424-2424 bis -2426-2427 c.c. - Rappresentazione, definizione, valutazione e informazioni integrative

Dettagli

Libera Università Maria SS. Assunta

Libera Università Maria SS. Assunta Libera Università Maria SS. Assunta Corso di Economia e Gestione delle Imprese La gestione finanziaria 1 Definizione Alla funzione finanziaria è affidato il complesso di decisioni ed operazioni volte a

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

Analisi finanziaria: indici di bilancio

Analisi finanziaria: indici di bilancio Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi finanziaria: indici di bilancio Capitolo 4 degli argomenti 1. I quozienti nelle analisi finanziarie A. Equilibrio finanziario

Dettagli

Bilancio Economico Pluriennale 2014 2015-2016

Bilancio Economico Pluriennale 2014 2015-2016 Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale Cosenza Il Direttore Generale Bilancio Economico Pluriennale 2014 2015-2016 Il Direttore Generale Dott. Gianfranco Scarpelli RELAZIONE AL BILANCIO PLURIENNALE

Dettagli

Dott. Maurizio Massaro

Dott. Maurizio Massaro Dott. Maurizio Massaro Ph. D. in Scienze Aziendali Ricercatore Universitario nell Università degli Studi di Udine 09, Ragioneria 1 La misurazione della performance economicofinanziaria. I sistemi fondati

Dettagli

I processi di vendita

I processi di vendita circuiti sempre aperti: flussi fisico-tecnici (in uscita) flussi monetari-finanziari (in entrata) azienda/clienti I processi di vendita settore fisico-tecnico settore economico settore finanziario prodotti/servizi

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. Capitolo Primo: Le operazioni di gestione 21 Fatti interni Trasformazioni economiche PARTE SECONDA LA GESTIONE AZIENDALE Capitolo Primo Le operazioni di gestione In questo capitolo analizzeremo le diverse

Dettagli

La gestione e la dinamica dei valori. Investimento e disinvestimento, La rappresentazione nel prospetto fonti e impieghi

La gestione e la dinamica dei valori. Investimento e disinvestimento, La rappresentazione nel prospetto fonti e impieghi Università degli Studi di Sassari Dipartimento di Scienze economiche e aziendali Corso di laurea magistrale in Giurisprudenza Corso di Economia Aziendale Prof.ssa Lucia Giovanelli giovanel@uniss.it La

Dettagli

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini

Le operazioni di gestione. Prof.ssa Paola Orlandini Le operazioni di gestione Prof.ssa Paola Orlandini 1 La gestione è un sistema di operazioni economiche messe in atto dal soggetto conomico per il raggiungimento del fine aziendale 2 Come coordinazione

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE 1 a) Il principio di economicità aziendale b) L economicità e l efficienza c) Il sistema dei rischi nella gestione d impresa d) L economicità e l equilibrio finanziario

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI Obiettivo dell analisi per indici è la valutazione delle scelte dell imprenditore attraverso la misurazione degli effetti economici, finanziari e patrimoniale prodotti dalle stesse. La corretta misurazione

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

La gestione e la dinamica dei valori - Il finanziamento - La rappresentazione nel prospetto fonti e impieghi

La gestione e la dinamica dei valori - Il finanziamento - La rappresentazione nel prospetto fonti e impieghi Università degli Studi di Sassari Dipartimento di Scienze economiche e aziendali Corso di laurea magistrale in Giurisprudenza Corso di Economia Aziendale Prof.ssa Lucia Giovanelli giovanel@uniss.it La

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1

12 L ECONOMICITA AZIENDALE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 12 L ECONOMICITA AZIENDALE 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 L economicità Tutte le aziende, per poter conseguire i propri fini, devono essere in grado di operare in condizioni di: -autonomia

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria

Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria Il caso Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria di Silvia Tommaso - Università della Calabria Nella scelta delle fonti di finanziamento, necessarie alla copertura del fabbisogno

Dettagli

CONTABILITÀ ECONOMICA

CONTABILITÀ ECONOMICA CONTABILITÀ ECONOMICA PREVISIONE LIQUIDAZIONE RILEVAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI RICLASSIFICAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI IN BASE ALLA CAUSALE ECONOMICA: DI CAPITALE FINANZIARIO E DI REDDITO RILEVAZIONE

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Esterne. Interne. Finanziamenti a titolo di capitale di rischio Acquisizione di capitale proprio

Esterne. Interne. Finanziamenti a titolo di capitale di rischio Acquisizione di capitale proprio Finanziamenti a titolo di capitale di rischio Acquisizione di capitale proprio Finanziamenti a titolo di credito Acquisizione di debiti a breve, medio e lungo termine Esterne FONTI di mezzi finanziari

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA

LA GESTIONE FINANZIARIA LA GESTIONE FINANZIARIA Nella letteratura la gestione finanziaria viene frequentemente definita come il complesso di decisioni ed operazioni volte a reperire ed impiegare il capitale in impresa. La gestione

Dettagli

Premessa. Esercitazione. Calcolo del reddito nel Conto del reddito. Calcolo del reddito nel Conto del capitale e nel Conto del reddito

Premessa. Esercitazione. Calcolo del reddito nel Conto del reddito. Calcolo del reddito nel Conto del capitale e nel Conto del reddito Sul calcolo del reddito di fine periodo: riflessioni di base 1 INDICE: Premessa Esercitazione Calcolo del reddito nel Conto del capitale Calcolo del reddito nel Conto del reddito Calcolo del reddito nel

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria

L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria focus modulo 3 lezione 23 La gestione Il patrimonio di funzionamento L analisi della struttura patrimoniale-finanziaria L azienda deve dotarsi di fonti di finanziamento idonee a coprire il fabbisogno finanziario

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli

ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli PRIMA PARTE clicca QUI per accedere direttamente alla seconda parte dell'intervento... 1 INTRODUZIONE Da un punto di vista ragionieristico lo Stato

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale 2006

Commento al tema di Economia aziendale 2006 Commento al tema di Economia aziendale 2006 Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici Commerciali è incentrato sulla gestione finanziaria dell impresa ed è articolato in

Dettagli

FLUSSO GENERATO DALLA GESTIONE REDDITUALE: ricavi monetari costi monetari o reddito d es. + costi non monetari ricavi non monetari

FLUSSO GENERATO DALLA GESTIONE REDDITUALE: ricavi monetari costi monetari o reddito d es. + costi non monetari ricavi non monetari 1. I FLUSSI FINANZIARI E I FLUSSI ECONOMICI 2. Un flusso è la variazione in aumento o in diminuzione intervenuta in un fondo di valori in un determinato periodo di tempo. - FLUSSI ECONOMICI: variazioni

Dettagli

ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli SECONDA PARTE clicca QUI per accedere direttamente alla prima parte dell'intervento...

ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli SECONDA PARTE clicca QUI per accedere direttamente alla prima parte dell'intervento... ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli SECONDA PARTE clicca QUI per accedere direttamente alla prima parte dell'intervento... 4 GLI INDICI DI LIQUIDITA L analisi procede con la costruzione

Dettagli

INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2

INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2 INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2 l) Le riserve di capitale: a) costituiscono autofinanziamento per l impresa b) derivano da sottovalutazione di elementi dell attivo c) costituiscono una

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI L ANALISI PER INDICI 1. Gli indici di bilancio Dopo aver riclassificato il bilancio d esercizio è possibile calcolare partendo dai dati dello Stato Patrimoniale e del Conto economico alcuni indicatori,

Dettagli

TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI.

TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI. TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI. SP0 SP1 SP2 FCND1 FCND2 Analizziamo le voci che compongono lo Stato Patrimoniale. SP31/12/t0 SP31/12/t1

Dettagli

INDICE. Pagina 1 di 11 Economia e gestione delle aziende ristorative 2 Selezione a cura di Marcello Sanci

INDICE. Pagina 1 di 11 Economia e gestione delle aziende ristorative 2 Selezione a cura di Marcello Sanci INDICE LA GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE RISTORATIVE... 2 Il fabbisogno finanziario:concetto e problematiche... 3 Definizione di fabbisogno finanziario... 3 Le fonti di finanziamento... 3 Scelta tra

Dettagli

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario.

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario. Il processo di formulazione del budget dell impresa si conclude con il consolidamento dei singoli budget settoriali in un unico bilancio previsionale (MASTER BUDGET), che si compone dei seguenti documenti

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale Unità Competenze professionali Conoscenze Abilità Strumenti

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Le rimanenze di magazzino 1 Le rimanenze 1) DEFINIZIONE: individuazione del significato e delle caratteristiche 2) QUANTIFICAZIONE: enumerazione

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento L ANALISI DI BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE E DEL CONTO ECONOMICO

Dettagli

Albez edutainment production. Il patrimonio. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il patrimonio. Classe III ITC Albez edutainment production Il patrimonio Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio patrimoniale e finanziario di un impresa Conoscere e classificare

Dettagli

CALCOLO DEGLI INDICI NELL ANALISI DI BILANCIO

CALCOLO DEGLI INDICI NELL ANALISI DI BILANCIO CALCOLO DEGLI NELL ANALISI DI BILANCIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI PRINCIPALI CASO-GUIDA SULLA TECNICA DI CALCOLO DEGLI Principio di revisione n. 570 La valutazione dello stato di salute della società oggetto

Dettagli

ANALISI DEL CIRCOLANTE

ANALISI DEL CIRCOLANTE ANALISI DEL CIRCOLANTE QUOZIENTI DI SECONDO LIVELLO (INDICI DI ROTAZIONE) Gli indici di disponibilità e tesoreria permettono di comprendere solo in parte la situazione finanziaria dell azienda nel breve

Dettagli

Il sistema delle operazioni tipiche di gestione

Il sistema delle operazioni tipiche di gestione Il sistema delle operazioni tipiche di gestione 1 LA GESTIONE Sistema delle attività svolte sul capitale per la realizzazione della funzione di CREAZIONE DI UTILITÀ propria di ogni azienda Il capitale

Dettagli

Processi di finanziamento

Processi di finanziamento Processi di finanziamento Nella dinamica economico-finanziaria e monetaria i processi integrati di ACQUISIZIONE ENDOGENA ed ESOGENA del capitale variamente si determinano e si intrecciano con i processi

Dettagli

Appendice A: il calcolo dei flussi nella valutazione degli investimenti

Appendice A: il calcolo dei flussi nella valutazione degli investimenti 16 18-12-2007 19:11 Pagina 465 Le decisioni di lungo termine: gli elementi necessari alla valutazione di un investimento 465 rischio dei manager potrebbe condizionare il rifiuto di un progetto con un van

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE 1 a) Le operazioni di interna ed esterna gestione b) Le diverse fasi dell attività gestionale: - la fase della costituzione - la fase di funzionamento - la fase della

Dettagli

Saggio di attualizzazione, tasso di rendimento interno e saggio di capitalizzazione

Saggio di attualizzazione, tasso di rendimento interno e saggio di capitalizzazione Saggio di attualizzazione, tasso di rendimento interno e saggio di capitalizzazione 27.XI.2013 Scopo e temi della lezione I principali tassi per la misura del valore degli investimenti sono: il saggio

Dettagli

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

L azienda e l economia aziendale

L azienda e l economia aziendale L azienda e l economia aziendale L attività economica le famiglie, le imprese, le amministrazioni pubbliche, svolgono attività economiche, ovvero PRODUCONO beni per l ampliamento delle risorse scarse MEZZI

Dettagli

Capitolo III (A) LE COMBINAZIONI ECONOMICHE DI ISTITUTO (prima parte: parr. 3.1 e 3.2)

Capitolo III (A) LE COMBINAZIONI ECONOMICHE DI ISTITUTO (prima parte: parr. 3.1 e 3.2) Capitolo III (A) LE COMBINAZIONI ECONOMICHE DI ISTITUTO (prima parte: parr. 3.1 e 3.2) 1 IL SISTEMA DEGLI ACCADIMENTI L economia aziendale si occupa, in generale, delle azioni e dei fenomeni che si manifestano

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Divergenza tra risultato economico e finanziario

Divergenza tra risultato economico e finanziario L analisi della dinamica finanziaria (Capitolo VI) 1 2 Divergenza tra risultato economico e finanziario L analisi della dinamica finanziaria RENDICONTO FINANZIARIO Prospetto simile al CE che consente di

Dettagli

L analisi di bilancio. Gli indici

L analisi di bilancio. Gli indici L analisi di bilancio Gli indici L analisi nel tempo e nello spazio L analisi di bilancio mediante indici deve sempre basarsi su confronti critici: Nel tempo: occorre osservare una serie storica di indici

Dettagli

Programma di Economia Aziendale. Classe 2^A

Programma di Economia Aziendale. Classe 2^A Programma di Economia Aziendale Classe 2^A Anno scolastico 2014/2015 Docente COIS ANNA Libro di testo: Telepass + Blu Economia aziendale per il primo biennio Istituti tecnici del settore economico P.Costa

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli