GARA EUROPEA PER IL SERVIZIO DI MANUTENZIONE SOFTWARE E SERVIZI CORRELATI (n. 14/10)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GARA EUROPEA PER IL SERVIZIO DI MANUTENZIONE SOFTWARE E SERVIZI CORRELATI (n. 14/10)"

Transcript

1 1 GARA EUROPEA PER IL SERVIZIO DI MANUTENZIONE SOFTWARE E SERVIZI CORRELATI (n. 14/10) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO (Requisiti Tecnici) Ottobre 2010

2 2 SOMMARIO 1 PREMESSA GLOSSARIO CONTESTO SERVIZI EROGATI DAL CSI-PIEMONTE SERVIZIO DI HELP DESK DEL CSI-PIEMONTE L ASSISTENZA OPERATIVA IL DATACENTER DEL CSI-PIEMONTE ARCHITETTURA SERVER FARM CONFIGURAZIONE CED SECONDARIO OGGETTO DELL APPALTO GESTIONE DELLA RICHIESTA CONTACT CENTER SERVIZIO TELEFONICO SERVIZIO STATO DELLA RICHIESTA SOFTWARE A BORDO DELLE INFRASTRUTTURE SITUATE PRESSO I DATACENTER DEL CONSORZIO MANUTENZIONE SOFTWARE MANUTENZIONE PREVENTIVA MANUTENZIONE CORRETTIVA E ADEGUATIVA MINOR UPDATES E BUG FIXING VERSIONI SUCCESSIVE MAJOR RELEASE ED EVOLUZIONE DI PRODOTTO KNOWLEDGEBASE SUPPORTO TECNICO SERVIZI SPECIALISTICI SEDI ACCESSO DEL PERSONALE ALLE SEDI VARIAZIONE DEI VOLUMI DURATA DEL SERVIZIO ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO LA FIGURA DEL SERVICE MANAGER FASE DI AVVIO SUBENTRI IN CORSO TAVOLO DI GOVERNO DEL SERVIZIO... 23

3 3 6.5 TAVOLO DI COORDINAMENTO DEL SERVIZIO MONITORAGGIO ED ESCALATION REPORTISTICA LIVELLI DI SERVIZIO CLASSIFICAZIONI DISPONIBILITÀ DEL SERVIZIO SEVERITÀ TEMPO DI PRESA IN CARICO TEMPO DI INTERVENTO TEMPO DI RIPRISTINO (WORKAROUND) AGGIORNAMENTO SULLA RISOLUZIONE PERIODO DI CAMPIONAMENTO VALORI DI SOGLIA CONTACT CENTER MANUTENZIONE PREVENTIVA VERSIONI SUCCESSIVE SUPPORTO TECNICO SERVIZI SPECIALISTICI PENALI... 29

4 4 1 Premessa Il CSI-Piemonte (nel seguito CSI) allo scopo di garantire il corretto e continuo funzionamento dei servizi erogati alla Pubblica Amministrazione piemontese e con lo scopo di razionalizzare e centralizzare il servizio di manutenzione ha la necessità di acquisire i servizi di manutenzione e i servizi ad essa correlati per software descritti nell Allegato 1 affidandoli ad un unico gestore. Tali software sono coperti da contrattati di manutenzione in scadenza al 31/12/2010 o nel corso del Il servizio avrà durata fino al 31/12/ Glossario Capitolato tecnico - indica il presente documento; Consorzio Committente: CSI-Piemonte o CSI Aggiudicatario o Fornitore: il soggetto (Impresa singola o R.T.I. o Consorzio) aggiudicatario della presente gara; Parco macchine: l insieme di tutte le apparecchiature informatiche (server, storage,apparati di rete, desktop, notebook, stampanti ed altre periferiche, tutti i componenti aggiuntivi riportati nell allegato al presente capitolato) su cui sono ospitati i software oggetto del servizio. Asset: l insieme delle informazioni relative all identificazione dei software e alla loro consistenza; Postazione di lavoro (PdL): i notebook e/o i personal computer, su cui è installato parte del software oggetto del servizio. Manutenzione correttiva e adeguativa: correttiva - comprende la diagnosi e la rimozione delle cause e degli effetti delle malfunzioni delle procedure e dei programmi e adeguativa - la manutenzione volta ad assicurare la costante aderenza delle procedure e dei programmi alla evoluzione dell ambiente tecnologico del sistema informativo ed al cambiamento dei requisiti organizzativi, normativi, d ambiente e il conseguente rilascio del software così modificato. Versioni successive: il servizio di rilascio degli aggiornamenti software rilasciati dal produttore. Riguarda principalmente il rilascio di major release e le evoluzioni di prodotto; Ticket: il numero univoco, generato dal sistema di gestione delle richieste di intervento utilizzato da CSI, all atto della registrazione della chiamata; Incident: la qualificazione di una richiesta utente relativa al mancato funzionamento, parziale o totale del software;

5 5 Ripristino: la risoluzione di un disservizio e recupero della piena funzionalità del software; Service Manager: referente unico del Fornitore responsabile delle attività di coordinamento e responsabile nei confronti del CSI-Piemonte per la gestione di tutti gli aspetti organizzativi e tecnici riguardanti il servizio in oggetto; Personale Tecnico Specializzato (PTS): il personale tecnico del Fornitore che effettua gli interventi presso la sede in cui è installato il software; Disponibilità del servizio: la finestra temporale in cui è attivo il servizio; Assistenza Operativa di CSI Piemonte: rappresenta il punto di ingresso per la gestione dei guasti hardware e software delle infrastrutture del DataCenter(server, storage,etc..) SLA: livello di servizio NBD: Next Business Day. Per i livelli di servizio che indicano la sigla NBD si intende entro il giorno lavorativo successivo a quello della richiesta 3 Contesto I software oggetto del presente Capitolato sono installati presso i DataCenter del Consorzio, i Ced degli Enti consorziati e le relative postazioni di lavoro. Le infrastrutture che ospitano i software in oggetto sono classificabili secondo le seguenti categorie: Infrastrutture elaborative (server x86 e server Sparc) Apparati di rete Postazioni di lavoro (Desktop e Notebook) Altri apparati I software sono classificabili nelle seguenti macro categorie: a) Antivirus (mcafee,etc..) b) Backup (legato, acronis,etc..) c) Database (mysql, adabas/natural, etc..) d) Middleware (application server, clustering, etc..) e) Networking (webmesaure,etc..) f) Posta Elettronica (Lotus Domino, sw antispam,etc..) g) Sicurezza (SafeGuard, Splunk,etc..) h) Sistemi Operativi (redhat, vmware,etc..) i) Cartografici (ArcGIS, etc )

6 6 j) Gestione Documentale (Acrobat, etc ) k) Monitoraggio e troubleshooting 3.1 Servizi erogati dal CSI-Piemonte Il CSI Piemonte, come ente strumentale degli enti consorziati eroga direttamente servizi ICT sia per il funzionamento delle strutture degli Enti stessi sia per garantire servizi erogati direttamente ai Cittadini. A titolo esemplificativo e non esaustivo si elencano alcuni dei principali servizi erogati: 1. progettazione, sviluppo, ed erogazione dei sistemi ERP per il funzionamento della Giunta e del Consiglio Regionale per i quali svolge ruolo di full outsourcer; 2. progettazione, sviluppo, ed erogazione dei sistemi sistemi ERP per il funzionamento della Provincia di Torino per la quale svolge ruolo di full outsourcer; 3. progettazione, sviluppo, ed erogazione dei sistemi sistemi ERP per il funzionamento della Città Torino per la quale svolge ruolo di full outsourcer; 4. progettazione, sviluppo, ed erogazione dei sistemi sistemi Sanitari e Ospedalieri per il funzionamento delle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, per il 118 regionale e per l erogazione dei principali servizi ai cittadini (Gestione del Ricovero, Cartella Clinica, Pronto Soccorso,etc..) e per le quali svolge ruolo di full outsourcer (Es: ASL di Biella, ASL1 di Torino) o outsourcing parziale (AO S. Anna, CTO); 5. progettazione, sviluppo, ed erogazione dei servizi erogati per conto degli Enti consorziati direttamente ai cittadini (Servizi del Lavoro, Servizi Tributari, Servizi all Agricoltura, Servizi al Turismo, Servizi Demografici ed Elettorali, Servizi Catastali e di Cartografia, Servizi Socio-Assistenziali, Posta Elettronica, Portali di semplificazione amministrativa); 6. Gestione della connettività regionale (Wi-Pie) e connettività inter-intra sedi; 7. Gestione dei servizi di navigazione Internet e servizi correlati (Sicurezza informatica, posta elettronica,etc..); 8. Sviluppo, gestione e pubblicazione dei principali portali e siti istituzionali (Internet e Intranet); 9. Servizi di WebHosting, Virtual Hosting per conto degli Enti consorziati; 10. Servizi erogati per le Agenzie (AIPO, ARAI, ARPA, ARPEA, BNU, Fondazione CRT, FinPiemonte, ARES,etc..); 11. Servizi trasversali agli enti (Stipendi, Formazione, Archiviazione documentale, Sicurezza informatica, Gestione Postazioni di Lavoro, Assistenza Hardware e Software, Gestione decentrata e on-site dei Ced degli Enti); 12. Servizi erogati a enti esterni per conto degli enti consorziati (Riscossione tributi,

7 7 Forze di Polizia, Polizia Municipale, Protezione Civile,etc..) 3.2 Servizio di Help Desk del CSI-Piemonte Il servizio di Help Desk fornisce agli utenti/clienti di CSI, il punto di ingresso a tutti gli altri servizi ed è anche l unico canale attraverso il quale richiedere qualunque tipo di fornitura di servizio o informazioni ad esso correlate. Help Desk è quindi il punto di accettazione, registrazione, gestione e chiusura delle richieste di intervento, previa verifica con l utente. Lo strumento software utilizzato da Help Desk è attualmente basato su piattaforma ARS Remedy. L accesso al servizio di Help Desk avviene in modalità multicanale (telefonica, posta elettronica o interfaccia web). Di norma, gli operatori del servizio, eseguono le seguenti attività: risposta alla chiamata; accettazione e qualificazione della chiamata, autenticando: - l utente; - gli eventuali apparati, tramite l identificativo univoco dell apparecchiatura, il software o le applicazioni oggetto della chiamata; registrazione dei dati della chiamata: l operatore acquisisce i dati della richiesta, collaborando con l utente chiamante e richiedendo informazioni aggiuntive utili per definirne al meglio i contorni. I dati vengono sinteticamente registrati con l ausilio degli strumenti in dotazione ad Help Desk e all utente viene comunicato il numero del ticket al quale fare riferimento per qualsiasi richiesta di informazioni; analisi della chiamata e registrazione dell incident; monitoraggio della soluzione: con l ausilio degli strumenti dell Help Desk l avanzamento della soluzione viene monitorata e, se necessario, sollecitata, secondo schemi e priorità definiti in base ai livelli di servizio specifici del Cliente e del servizio richiesto; escalation: il processo di escalation ha lo scopo di evitare il degradamento del servizio con i conseguenti reclami, mediante azioni volte a rimuovere i problemi che impediscono l erogazione del servizio con i livelli di qualità stabiliti. Viene attivato dal responsabile di Servizio con lo scopo di far intervenire i livelli gerarchici superiori quando: - le attività non sono chiuse entro i termini contrattualizzati; - le attività non sono ancora chiuse nonostante il sollecito; - si sono individuate criticità che presumibilmente possono impedire il rispetto degli impegni assunti per la chiusura della richiesta.

8 8 3.3 L Assistenza Operativa L Assistenza Operativa ha il compito di monitorare e gestire i servizi erogati agli Enti attraverso il DataCenter del Consorzio. Collabora con le strutture specialistiche (networking, system, database, platform,etc..) allo scopo di garantire il corretto funzionamento degli ambienti, avviare le attività di troubleshouting e assicurare il continuo mantenimento e l adeguata evoluzione dei servizi e delle infrastrutture. Per raggiungere tali obiettivi, l Assistenza Operativa ha il compito di: monitorare e gestire le componenti software (sistemi operativi e sottosistemi applicativi) e hardware per assicurarne il corretto funzionamento; garantire la continuità dei processi elaborativi per fornire il livello di servizio (SLA) previsto dagli attuali contratti con i clienti; monitorare e gestire l'infrastruttura di rete e partecipare alla soluzione dei problemi; coordinare la manutenzione software e hardware dei dispositivi del CED; garantire il supporto operativo ai fornitori e agli altri servizi CSI nell'installazione e nella configurazione delle apparecchiature della Server Farm; aggiornare la documentazione delle apparecchiature installate nella Server Farm con l'aiuto di strumenti software; gestire i rapporti con i fornitori di manutenzione, sia per i disservizi e i guasti hardware di rete, sia per i guasti hardware relativi ai server e agli storage della Server Farm, sia per le manutenzioni software, registrando nel database Remedy tutti gli eventi e monitorando il rispetto degli SLA da parte dei fornitori. L Assistenza Operativa opera con turni di 24 ore, tutti i giorni dell'anno compresi i festivi. 3.4 Il DataCenter del CSI-Piemonte Per poter progettare, realizzare e gestire le infrastrutture ed i servizi ICT per la Pubblica Amministrazione della Regione Piemonte, il CSI ha compiuto nel periodo importanti scelte tecnologiche riguardanti l architettura e l evoluzione del proprio Data Center. Il modello di riferimento è fondato sull utilizzo di piattaforme elaborative e apparati di classe Enterprise per i servizi core, affiancate da infrastrutture non enterprise essenzialmente basate di tecnologie x86 per i servizi non core, per le infrastrutture a supporto di piattaforme di virtualizzazione e per le evoluzioni dei servizi critici che dal 2007 hanno trovato collocazione su tali infrastrutture per le quali sono stati progettati ed allestiti sistemi che consentissero elevati livelli di affidabilità attraverso una scalabilità di tipo orizzontale.. Tale modello ha consentito di centralizzare i servizi applicativi e le basi dati organizzate e condivise tra gli Enti consorziati, favorendo la cooperazione e

9 9 l interscambio dati tra i differenti settori della Pubblica Amministrazione Regionale, e garantendo inoltre elevati livelli prestazionali e di servizio. La crescita e l evoluzione negli anni è stata coerente con tale modello andando ad affiancare alle prime piattaforme, altre che ne costituivano la naturale evoluzione tecnologica. La caratteristica principale delle architetture applicative è quindi la stretta integrazione e cooperazione realizzata sul modello SOA. Dal 2007 il CSI ha progettato e realizzato il sito secondario con funzioni di Disaster Recovery allo scopo di garantire i servizi maggiormente critici dei Enti consorziati Architettura Server Farm L accezione del termine Server Farm indica genericamente un insieme di sistemi in grado di fornire complessivamente una potenza di elaborazione scalabile dinamicamente in base alle specifiche esigenze. Le scelte tecnologiche effettuate del CSI-Piemonte nell ambito dell organizzazione della server farm, citate all articolo precedente, si possono brevemente riassumere nei seguenti punti: Centralizzazione e consolidamento della maggior parte dei servizi erogati su sistemi UNIX SMP (Symmetric Multiprocessing) con architettura SPARC appartenenti alla classe Enterprise nel periodo Centralizzazione del Data Center su sottosistemi Storage di classe Enterprise con elevate caratteristiche di prestazioni, affidabilità ed espandibilità; Utilizzo di una architettura S.A.N. (Storage Area Network) composta da due distinte Fabric per garantire una maggiore scalabilità, affidabilità e facilità di gestione delle basi dati del Data Center. Allestimento di farm x86 con modello di affidabilità e scalabilità orizzontale a supporto dei servizi web, di virtualizzazione, delle filiere opensource, etc.. L infrastruttura del Data Center ha consentito quindi di raccogliere e centralizzare inizialmente su piattaforme Storage Enterprise le diverse istanze RDBMS che erano distribuite su server differenti, sostanzialmente organizzate secondo il cliente di riferimento. Contestualmente si è provveduto ad un opera di razionalizzazione delle base dati esistenti, creando i presupposti affinché fossero soddisfatti i requisiti di cooperazione ed interscambio dati tra i differenti settori della Pubblica Amministrazione Regionale. La Figura 1 rappresenta in modo schematico l attuale stato del progetto di evoluzione dell architettura della Server Farm del Consorzio.

10 10 Figura 1 Server Farm L infrastruttura elaborativa Enterprise è composta da server centrali (SUN 15K/25K) dedicati all erogazione dei principali servizi applicativi e di database. Il quadro architetturale è completato da un consistente insieme di sistemi (x86) per supportare le applicazioni web-based, e da sistemi eterogenei destinati ad erogare le rimanenti funzioni applicative. I domini presenti sulle piattaforme SUN/SPARC erogano principalmente servizi di application server e database server. I domini applicativi ospitano prevalentemente applicazioni J2EE su Application Server BEA Weblogic. La maggior parte delle applicazioni erogate su Application Server BEA WL sono sviluppate ed installate con la funzionalità di clustering su domini fisici separati, garantendo il fail-over delle sessioni applicative sul secondo dominio nel caso di indisponibilità improvvisa o programmata del dominio in quel momento attivo. Per la centralizzazione dei servizi internet ottenuta con l utilizzo di molteplici infrastrutture denominate Web Farm, si è adottata un'architettura specifica specializzata per l'erogazione di servizi internet nota in letteratura col termine DISA (Distributed

11 11 Internet Server Array). Tale architettura realizzata con un pool di server che forniscono una scalabilità orizzontale illimitata del sistema (senza ricorrere a tecnologie di clustering proprietarie), permette di applicare le politiche di fail-over e bilanciamento del carico necessarie per garantire elevati livelli di servizio. Figura 2 Web Farm L architettura standard dei servizi applicativi utilizza quindi il modello a tre livelli così definiti: Web Server (Web Farm); Application Server (BEA WL, JBoss e Tomcat ); Data Base Server (RDBMS, MySQL,). Seguendo il modello di consolidamento utilizzato per la razionalizzazione degli ambienti UNIX, sono state create delle Farm composte da server x86 acquisite principalmente nel periodo L utilizzo delle tecnologie di virtualizzazione ha consentito fin dal 2007 l avvio in produzione della Virtual Farm, che permette un ulteriore consolidamento infrastrutturale per tutti quei progetti che per tipologia e requisiti particolari (housing/hosting) richiedono una infrastruttura dedicata con logiche gestionali differenti da quelle normalmente in uso.

12 12 Figura 3 Virtual Farm Le basi dati utilizzano principalmente RDBMS ORACLE ospitati sia all interno delle piattaforme Enterprise (SUN Fire 15K e SUN Fire 25 K) sia su infrastrutture x86 e RDBMS MySQL ospitate esclusivamente su infrastrutture x86 e sistema operativo RHEL. Per garantire l affidabilità e la continua disponibilità dei dati le istanze sono distribuite sulle differenti piattaforme mediante l utilizzo di prodotti specifici di clustering (Veritas Cluster) Ulteriore elemento in grado di aumentare l affidabilità e la disponibilità delle informazioni per i servizi applicativi è l infrastruttura della Storage Area Network di con le seguenti caratteristiche peculiari: Due SAN di Produzione (Fabric 1 e Fabric 2) completamente indipendenti; La maggior parte dei server attestato in SAN è dotato di due canali Fibre Channel (FC) utilizzati per accedere ai sottosistemi storage via switches FC in alta affidabilità; L accesso ridondato ai sottosistemi storage, da parte di ciascun server è gestito da specifici software (DMP per i sistemi UNIX con Veritas Volume Manager e Veritas File System), AutoPath, PowerPath e HDLM (per i sistemi Linux);

13 13 Possibilità di eseguire manutenzione ad una delle due SAN alternativamente senza causare disservizio ai server di produzione. L attuale architettura di backup è composta da due Node Manager connessi via Fiber Channel alla T.A.N. (Tape Area Network), e ai driver LTO-1, LTO-2 e LTO-4 della libreria. Questa libreria attualmente può immagazzinare circa 1400 cassette con capacità nativa pari a 100/200/400/800GB. Il sistema di backup e restore è gestito attraverso il software Legato Networker di EMC Configurazione CED Secondario Il CED secondario situato presso la sede del Politecnico di Torino, sede di Vercelli - ha un infrastruttura elaborativa che ricalca il modello architetturale descritto nel precedente paragrafo, ed utilizza per l interscambio dati applicativi e per la replica dati bidirezionale l anello in fibra ottica messo a disposizione dal progetto WI-PIE. Attualmente sono replicati i servizi legati alla demografia per la Città di Torino, i servizi legati all erogazione dei contributi europei all agricoltura ed il servizio Bollo Auto per la Regione Piemonte. Inoltre sono replicati tutti i principali database che ospitano dati degli Enti e i servizi critici del CSI-Piemonte. 4 Oggetto dell appalto Il servizio oggetto del presente appalto comprende le seguenti attività: 1. Manutenzione preventiva 2. Manutenzione correttiva e adeguativa 3. Versioni successive 4. Knoledgebase 5. Supporto tecnico 6. Gestione della richiesta 7. Servizi specialistici Al fine di garantire il corretto funzionamento ed un adeguato livello di servizio per ciascuna delle apparecchiature oggetto del presente capitolato, si distinguono 3 (tre) livelli di servizio associati a ciascun item del capitolato: a) GOLD (articolato su 3 livelli di severità) b) SILVER c) BRONZE

14 14 L'Allegato 1 riporta per ciascun item il relativo livello di servizio richiesto. Fatto salvo quanto meglio precisato nei paragrafi successivi a proposito della variazione dei volumi, il servizio di manutenzione dovrà inizialmente essere erogato per i software attivi alla data della stipula del contratto così come descritti nell Allegato. 4.1 Gestione della richiesta Contact Center Il Fornitore dovrà garantire un servizio di accoglienza e trattamento delle richieste di supporto da parte del CSI-Piemonte. Il CSI-Piemonte, anche tramite personale di aziende terze allo scopo preposte, comunicherà all Aggiudicatario la manifestazione di malfunzionamenti o la necessità di pianificazione di un intervento correttivo/migliorativo dei sistemi, mediante inoltro della richiesta tramite o chiamata telefonica ad un apposito numero, confermata mediante e mail ad un apposito indirizzo di posta. Nel caso in cui l Aggiudicatario non disponesse di tali strumenti, dovrà utilizzare il sistema ARS Remedy per la gestione delle richieste. Il software Remedy sarà messo a disposizione dal CSI-Piemonte per un massimo di 2 postazioni utente. L ora e la data di invio della suddetta richiesta o costituiranno l orario di apertura della chiamata. L Aggiudicatario riceverà la richiesta di intervento all'interno del sistema ARS Remedy o in alternativa attraverso o telefono e la processerà attraverso il proprio sistema di gestione; nel caso non utilizzi ARS Remedy, assegnerà ad essa un identificativo di chiamata ticket - che dovrà comunicare al CSI- Piemonte contestualmente alla chiamata medesima. Il sistema di gestione dovrà garantire il tracciamento della chiamata (stato dell intervento) in tutte le sue fasi, fino alla chiusura della stessa. Alla chiusura della richiesta, l Aggiudicatario dovrà comunicare i dettagli delle attività svolte. In caso di intervento on-site, il tecnico che ha eseguito l attività è tenuto alla redazione di un verbale di intervento, contenente tutte le informazioni necessarie al tracciamento della richiesta, il dettaglio dell intervento eseguito ed il suo esito. Il verbale di intervento dovrà essere firmato dallo stesso tecnico e dal referente dell Amministrazione per accettazione. Una copia dovrà essere consegnata al referente dell Amministrazione. Successivamente dovrà essere trasmessa al CSI-Piemonte anche tramite . Nel dettaglio, il verbale di intervento dovrà riportare almeno le seguenti informazioni: numero identificativo della chiamata; ora di inizio intervento on-site ; ora di ripristino delle funzionalità; nome del tecnico che ha effettuato l intervento; nome del referente del CSI-Piemonte o dell Ente; descrizione dettagliata del problema;

15 15 soluzione adottata; esito della chiamata. Il tecnico contestualmente alla chiusura dell'intervento dovrà comunicare al proprio Contact Center data e ora della chiusura Servizio telefonico L Aggiudicatario, dovrà mettere a disposizione un numero verde per l inoltro delle richieste di assistenza. Il servizio dovrà essere garantito in lingua italiana in tutta la finestra di servizio prevista Servizio L Aggiudicatario dovrà mettere a disposizione una (o più) caselle di posta elettronica al fine di garantire l inoltro delle richieste via . L Aggiudicatario dovrà prevedere e predisporre le modalità ritenute più idonee al fine di dare garanzia dell avvenuta ricezione della da parte del server di posta dell Aggiudicatario ancora prima che la richiesta sia presa in carico Stato della richiesta L Aggiudicatario dovrà garantire al personale incaricato del CSI-Piemonte la completa visibilità dello stato delle richieste e dei work-order relativi. Nel caso di inoltro della richiesta al produttore dell apparecchiatura o altro fornitore, l Aggiudicatario dovrà indicare all interno del work-order il numero di ticket assegnato. Al fine di garantire la piena visibilità dello stato delle richieste, l Aggiudicatario potrà a suo carico e spese, mettere a disposizione del CSI Piemonte gli strumenti idonei. In ogni caso l Aggiudicatario è tenuto a segnalare al richiedente ogni variazione di stato della richiesta. Nel caso di richiesta completata, l Aggiudicatario dovrà ottenere l approvazione della chiusura dal richiedente. Trascorsi 5 giorni dalla segnalazione di completamento senza che il richiedente abbia inviato segnalazione contraria, l Aggiudicatario è autorizzato a chiudere la richiesta Software a bordo delle infrastrutture situate presso i DataCenter del Consorzio Per tutti i malfunzionamenti riguardanti i software installati a bordo delle infrastrutture server,storage e apparati di rete situati presso i DataCenter del Consorzio, l unico riferimento è l Assistenza Operativa che coordina tutti gli interventi e gli accessi relativi al DataCenter ed attiva il supporto specialistico interno mettendolo direttamente in

16 16 comunicazione con il Fornitore nel caso lo ritenga opportuno allo scopo di individuare e correggere l anomalia nel più breve tempo possibile. A tale scopo oltre a quanto già definito nel presente Capitolato, l Aggiudicatario dovrà erogare il servizio secondo le seguenti modalità: attivazione dell eventuale fornitore specifico a fronte di una prima diagnosi effettuata a cura dell Assistenza Operativa CSI-Piemonte; messa a disposizione, al fine di agevolare le comunicazioni con CSI, di un canale telefonico privilegiato e dedicato e di un indirizzo ; effettuazione della diagnosi direttamente con gli operatori CSI, al fine di verificare le cause effettive dell inconveniente; intervento presso la sede in cui è installato il software non funzionante ovvero in teleassistenza, secondo i livelli di servizio previsti; effettuazione dell intervento in collaborazione con un operatore CSI oppure di un delegato e in conformità con le norme di accesso ai locali CED descritti di seguito in caso di intervento on-site; registrazione all'interno del verbale dei dati relativi allo svolgimento e alla chiusura dell intervento, con l indicazione delle seguenti informazioni: - precisazione della natura del problema, gravità e priorità di intervento assegnata; - modalità di intervento; - soluzione del problema e data di chiusura. Per l attività di presa in carico della richiesta, oltre a quanto già previsto dal presente Capitolato, l Aggiudicatario dovrà: dare comunicazione preventiva delle azioni da intraprendere; fornire tutto il supporto necessario alla risoluzione del problema garantendo il supporto telefonico o on-site dove previsto ; definire in accordo con gli operatori del CSI la data e l ora dell intervento di ripristino. Nel caso in cui la posticipazione dell intervento venisse richiesta dal CSI-Piemonte, i livelli di servizio terranno conto di tale evenienza. 4.2 Manutenzione software I software oggetto del presente appalto dispongono di licenze d uso di proprietà del CSI-Piemonte o la cui manutenzione è comunque gestita dal Consorzio in qualità di ente strumentale dei propri consorziati. Su queste l Appaltatore dovrà garantire il servizio di manutenzione software a norma del presente capitolato.

17 17 In caso di affidamento a terzi, l Appaltatore dovrà indicare nel relativo contratto che il servizio di manutenzione si riferisce a licenze d uso di proprietà del CSI-Piemonte o comunque gestite da quest ultimo nell interesse dei suoi Consorziati. Durante la fase di Avvio e comunque non oltre la Dichiarazione di inizio Servizio, l Appaltatore, dovrà inoltre dare sempre e comunque evidenza dell avvenuta contrattualizzazione della manutenzione presso il produttore o rivenditore autorizzato del software in oggetto. Rispetto alle modalità di messa a disposizione degli aggiornamenti, l Aggiudicatario dovrà: per i software per i quali i rispettivi produttori prevedono un portale di provisioning per l accesso autonomo a tutti gli aggiornamenti disponibili, mettere a disposizione del CSI-Piemonte un account dedicato per tale attività; per i software per i quali i rispettivi produttori non prevedono l utilizzo di un portale di provisioning per l accesso autonomo, provvedere con mezzi propri alla messa in disponibilità del CSI-Piemonte secondo i livelli di servizio concordati; modalità differenti dallo scarico autonomo da area web o ftp dovranno essere concordati durante la fase di avvio del servizio; per i software per i quali è previsto l aggiornamento automatico in modalità push o pull adottare tutti gli accorgimenti necessari a garantire che tale funzionalità resti attiva per tutta la durata dell appalto Manutenzione preventiva L Aggiudicatario si impegna a realizzare gli interventi tecnici (upgrade, downgrade, aggiornamenti, evoluzioni,etc..) finalizzati a ottimizzare ed aggiornare i Sistemi e prevenirne futuri malfunzionamenti; i tempi e le modalità degli interventi dovranno essere concordati con il CSI-Piemonte. La Manutenzione preventiva comprende l implementazione delle modifiche tecniche, consistenti in miglioramenti e/o aggiornamenti, inclusa la fornitura e l installazione degli upgrade, per quanto previsto dal presente Capitolato, al fine di elevare il grado di affidabilità dei Sistemi, di migliorarne il funzionamento, di aumentarne la sicurezza e di mantenerne l adeguamento rispetto alle release rilasciate dai rispettivi produttori. Nell ambito della Manutenzione preventiva, è compresa anche la fornitura e l installazione degli aggiornamenti firmware e microcode laddove previsti.

18 18 L Aggiudicatario con cadenza trimestrale dovrà segnalare gli interventi necessari al fine di garantire il continuo aggiornamento delle minor release e la copertura del bugfixing; garantire il continuo aggiornamento delle major release e delle evoluzioni di prodotto; elevare il livello di sicurezza degli apparati, allineare le versioni dei software, firmware, microcode alle ultime stabili messe a disposizione dai rispettivi produttori. La Manutenzione preventiva si applica ai software installati presso i sistemi presenti presso i DataCenter del Consorzio dei CED dei Clienti. Il servizio di manutenzione preventiva dovrà essere garantito con una frequenza minima di 2 volte all anno per un massimo di 40 ore lavorative complessive; tale attività dovrà essere certificata da apposito verbale riportante nel dettaglio l elenco degli interventi effettuati. Gli interventi di manutenzione preventiva dovranno essere concordati con CSI Piemonte attraverso la redazione e condivisione di un piano operativo che l'aggiudicatario avrà l'onere di proporre entro 90 giorni solari dall'avvio del servizio. Tali interventi dovranno essere registrati nel sistema di Gestione delle Richieste. Gli interventi non dovranno causare interruzioni del servizio, pertanto in occasione della di tali interventi si dovrà prestare la massima cura nelle operazioni che potrebbero portare al blocco del sistema, adottando ogni precauzione utile Manutenzione correttiva e adeguativa Minor updates e Bug Fixing L Aggiudicatario dovrà provvedere a mettere a disposizione del CSI-Piemonte tutti gli aggiornamenti e le patches disponibili al fine di garantire il perfetto funzionamento dei sistemi, aumentarne l affidabilità e la sicurezza e assicurare il bug fixing. L Aggiudicatario dovrà: dare comunicazione periodica, almeno mensile, degli aggiornamenti disponibili per ciascuno dei prodotti software in manutenzione; per ciascuno degli aggiornamenti disponibili, fornirne una classificazione che metta in evidenza l importanza per le funzionalità aggiuntive o la criticità per la sicurezza secondo una scala di 3 livelli; concordare con i Responsabili del Servizio CSI-Piemonte o con l Assistenza Operativa i tempi e le modalità di aggiornamento; garantire la presenza on-site del personale tecnico incaricato dell aggiornamento per tutta la durata dell intervento fino al completo successo dell operazione se

19 19 previsto dai rispettivi livelli di servizio; garantire la completa aderenza alle matrici di compatibilità dei vendor per tutte le componenti a monte e a valle dell apparato interessato dall aggiornamento; Versioni successive Major release ed evoluzione di prodotto L Aggiudicatario dovrà provvedere a mettere a disposizione del CSI-Piemonte tutte le evoluzioni e versioni successive a quelle contenute nell Allegato 1. L Aggiudicatario dovrà: dare comunicazione periodica, almeno semestrale, delle versioni ed evoluzioni disponibili per ciascun dei software contenuti nell Allegato 1; concordare con i Responsabili del Servizio CSI-Piemonte o con l Assistenza Operativa i tempi e le modalità di aggiornamento; garantire la presenza on-site del personale tecnico incaricato dell aggiornamento per tutta la durata dell intervento fino al completo successo dell operazione se previsto dai rispettivi livelli di servizio; garantire la completa aderenza alle matrici di compatibilità dei vendor per tutte le componenti a monte e a valle del sistema interessato dall aggiornamento; Knowledgebase L Aggiudicatario dovrà mettere a disposizione del CSI-Piemonte gli eventuali account forniti dai rispettivi produttori per l accesso diretto alle banche dati di supporto. 4.3 Supporto Tecnico Il supporto tecnico ha lo scopo di ricevere le richieste di assistenza, individuare le ragioni prime del disservizio ed indicare al richiedente le operazioni necessarie alla risoluzione del problema. Nel caso in cui al fine di risolvere il disservizio sia necessaria l installazione di un aggiornamento del software in oggetto, l Aggiudicatario dovrà indicare e mettere a disposizione il suddetto aggiornamento. Allo scopo di raggiungere nel più breve tempo possibile l individuazione delle cause e la risoluzione dell anomalia, il servizio di supporto tecnico dovrà essere organizzato in modo da garantire l escalation automatica ai livelli specialistici superiori coerentemente con i livelli di servizio indicati per il software in oggetto. L Appaltatore dovrà garantire il suddetto servizio anche, ove necessario, mediante l attivazione di un contatto diretto e della relativa attività finalizzata alla corretta individuazione del guasto e alla risoluzione del problema nel più breve tempo possibile tra CSI e produttore del software o suo rivenditore autorizzato, assicurando il servizio di supporto tecnico in base ai livelli di servizio e secondo le modalità previste.

20 Servizi Specialistici L Aggiudicatario dovrà prevedere per tutta la durata del contratto la messa a disposizione di un minimo di 20 giornate di servizi specialistici da erogare presso le sedi in cui sono installati i software oggetto di intervento. I servizi specialistici potranno avere natura di supporto consulenziale tecnologico o di supporto alle attività di manutenzione programmata svolte generalmente in orario notturno Lunedì-Venerdì o 0-24 Sabato-Domenica. Gli interventi dovranno essere effettuati secondo le seguenti modalità: Il CSI-Piemonte per gli interventi pianificati comunicherà con almeno 10 giorni lavorativi di preavviso la tipologia di servizio necessario e il dettaglio dell intervento; Il CSI-Piemonte per gli interventi urgenti comunicherà con almeno 16 ore lavorative di preavviso la tipologia di servizio necessario e il dettaglio dell intervento; L Aggiudicatario, per gli interventi pianificati comunicherà al CSI-Piemonte i nominativi del personale che effettuerà l intervento almeno 3 giorni prima della data pianificata; L Aggiudicatario metterà a disposizione del CSI-Piemonte personale con competenze adeguate allo svolgimento dell attività; L Aggiudicatario garantirà la presenza del personale fino a completamento dell intervento; Gli interventi dovranno essere garantiti in una finestra di servizio H24x7x365, festivi inclusi. 4.5 Sedi L elenco delle Sedi presso le quali saranno effettuati gli interventi tecnici potrà subire variazioni in dipendenza di mutate esigenze organizzative e patrimoniali del CSI e dei suoi clienti presso i quali sono installati i software oggetto del presente appalto. Indicativamente i sistemi su cui sono installati i software oggetto del presente capitolato sono fisicamente dislocati presso: Sedi del CSI, in larga maggioranza presso il Ced di Torino e in parte presso il sito di Disaster Recovey presso la città di Vercelli, Sedi di clienti CSI, dislocate principalmente nell area metropolitana ma presenti in tutto il territorio regionale

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Termini del servizio La funzione dell Help Desk è quella di assicurare il mantenimento delle caratteristiche ottimali di funzionamento della

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

Prot. 1377. Cagliari, 13/03/2013. > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA. Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia.

Prot. 1377. Cagliari, 13/03/2013. > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA. Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia. Prot. 1377 Cagliari, 13/03/2013 > Spett.le IT Euromedia Srl Via Galvani, 27/29 09047 SELARGIUS - CA Fax: 070.7731009 e-mail: info@iteuromedia.eu ORDINE D ACQUISTO N. 39/2013 RIF. DET. A CONTRARRE N. 31

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO REGIONE BASILICATA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO SERB ECM DELLA REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06)

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II 1.Modalità pagamento pasti Pagina Introduzione 2 Pre-pagato con tessera scalare 3 1.1 Componenti del sistema 4 1.2 Come funziona 5 1.3 Fasi del servizio 6 - L iscrizione

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

I chiarimenti della gara sono visibili sui siti www.mef.gov.it www.consip.it www.acquistinretepa.it ***

I chiarimenti della gara sono visibili sui siti www.mef.gov.it www.consip.it www.acquistinretepa.it *** Oggetto: Accordo Quadro con più operatori economici sul quale basare l aggiudicazione di appalti specifici, ai sensi e per gli effetti dell art. 2, comma 225, L.n. 191/2009, per l affidamento dei Servizi

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

A vele spiegate verso il futuro

A vele spiegate verso il futuro A vele spiegate verso il futuro Passione e Innovazione per il proprio lavoro La crescita di Atlantica, in oltre 25 anni di attività, è sempre stata guidata da due elementi: la passione per il proprio lavoro

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

8. Le scelte che determinano impatti sui costi

8. Le scelte che determinano impatti sui costi 8. Le scelte che determinano impatti sui costi 8.1 INTRODUZIONE Per valutare e controllare i costi di una soluzione e-learning è necessario conoscere in maniera approfondita i fattori da cui dipendono

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Scheda descrittiva del programma Open-DAI ceduto in riuso CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Agenzia per l Italia Digitale - Via Liszt 21-00144 Roma Pagina 1 di 19 1 SEZIONE 1 CONTESTO

Dettagli

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione 2013. 12 (Revisione 2.6.) Esclusione di responsabilità legale SAMSUNG ELECTRONICS SI RISERVA IL DIRITTO DI MODIFICARE I PRODOTTI, LE INFORMAZIONI

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale Freight&Shipping www.sp1.it marittimo AEREO VIA TERRA dogana magazzino doganale business intelligence SP1, il Freight & Shipping entra spedito nel futuro SP1 è un nuovo applicativo web. Non si installa

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli