* * * Il commercio internazionale è costituito proporzionalmente sempre meno da beni finiti e sempre più da beni intermedi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "* * * Il commercio internazionale è costituito proporzionalmente sempre meno da beni finiti e sempre più da beni intermedi."

Transcript

1 LEZIONE 3 Come è di nuovo cambiato il contesto internazionale nella fase più recente dello sviluppo industriale (dalla prima metà degli 80 a oggi). Dalla frammentazione delle catene del valore a scala nazionale alla loro ridislocazione a scala internazionale (dall outsourcing all offshoring). La frammentazione come elemento di facilitazione dello sviluppo industriale delle economie emergenti. Ruolo delle conoscenze proprietarie e delle istituzioni. * * * 1) La frammentazione Feenstra (1988); [il problema è già evidente alla metà degli 80] Baldwin (2006) * La frammentazione della produzione su base internazionale [offshoring] [ i cui presupposti istituzionali abbiamo già visto in termini generali, con riferimento alle determinanti di fondo del processo di outsourcing in atto dall inizio dei 70] Si avvia nella prima metà degli anni 80. Il commercio internazionale è costituito proporzionalmente sempre meno da beni finiti e sempre più da beni intermedi. [la prima ondata della globalizzazione in tempi moderni è quella che caratterizza gli anni a cavallo del 900, e che spezza per la prima volta il vincolo di dover produrre beni manufatti in prossimità dei luoghi di consumo: la separazione dei due momenti (che B. chiama unbundling) apre la via all esplosione del commercio internazionale su scala globale, cui si accompagna anche una dinamica molto sostenuta degli investimenti diretti all estero] 1

2 Nei tempi recenti si realizza attraverso l intensificarsi di processi di offshoring non soltanto una separazione tra fabbrica e consumo, ma anche lo spacchettamento della fabbrica stessa: ovvero una volta venuta meno la necessità di realizzare le differenti fasi produttive una vicino all altra [come visto nelle lezioni precedenti] l outsourcing può assumere una dimensione internazionale, e configurarsi come una delle componenti del commercio estero. prima di questo processo il commercio estero era avvertito sostanzialmente solo a livello dei beni finali (di consumo o di investimento che fossero); successivamente la concorrenza internazionale si è dislocata (anche) sul terreno dei singoli task. Questo significa che la globalizzazione non riguarda più soltanto l investimento diretto che replica l impresa altrove (soluzione tutta interna alla gerarchia ), ma riguarda anche il ricorso al mercato: decidendo di cedere alcune attività all esterno, le imprese decidono cioè di importarle. * Attenzione: accade anche che una quota crescente del commercio mondiale sia una funzione stessa dell espansione multinazionale, in ragione degli scambi che avvengono all interno dei confini delle stesse multinazionali (scambi c.d. intra-firm). SCHEMA SINOTTICO MAKE/BUY QUI prima schema semplice alla lavagna poi schema più complesso [slide 30] Implicazioni: i) Si creano mercati intermedi a livello internazionale; ii) Questo avviene non soltanto sul piano della produzione completa di beni (intermedi): ma anche su quello delle lavorazioni (tasks). 2

3 iii) Una quota crescente dei flussi di trade non nasce più dalle preferenze dei consumatori rispetto a una struttura dei vantaggi comparati che riguarda beni finali, ma dalle scelte di allocazione dell attività produttiva esercitate dalle imprese. In questo senso gli scambi hanno sempre meno un origine commerciale e sempre più un origine produttiva. Gereffi, Humphrey e Sturgeon (2005) * [Riassumendo:] La produzione diventa dunque un fenomeno trans-nazionale attraverso il trade. Questo fenomeno si aggiunge agli FDI. La differenza è che nel caso degli FDI gli scambi di beni (intermedi o finiti che siano) è intrafirm, ovvero avviene all interno dell impresa, Mentre nel caso della frammentazione cross-border avvengono tra le imprese. Mentre l outsourcing aveva semplicemente frantumato le catene del valore in senso verticale, l offshoring le rende anche distribuite nello spazio a livello internazionale. Gereffi et al discutono la questione in termini sostanzialmente concettuali, e anche quando fanno riferimento al suo correlato empirico (la diffusione dei fenomeni di offshoring) non considerano comunque mai esplicitamente il ruolo che le IVC possono svolgere e di fatto hanno svolto nello sviluppo delle nuove economie emergenti. Mentre invece proprio la frantumazione delle catene su base internazionale costituisce uno dei presupposti più importanti del loro processo di crescita. Di questo ci occupiamo ora 3

4 2) Divisione del lavoro, rendimenti crescenti dinamici e localizzazione dei saperi Unido (2009) * Quello che è stato definito l unbundling del processo produttivo, ossia la scomposizione del ciclo di produzione in fasi ( trade in tasks ) consente l inserimento in un percorso di industrializzazione di quelle economie in ritardo che non sono in grado di organizzare e gestire un intero processo produttivo, includendole nel processo di sviluppo. [ trade in tasks simplifies getting started ] il punto è che il combinato disposto della scomponibilità del processo e del costituirsi di mercati globali (e dunque di dimensioni colossali) crea uno spazio enorme per l emergere di economie di specializzazione a scala internazionale, che traggono alimento da un espansione della domanda senza precedenti. la rilevanza del trade in tasks scaturisce dal fatto che [come vediamo più avanti] la complessità economica non si acquisisce con facilità dal momento che la specializzazione produttiva di per sé non evolve per salti, ma sempre per spostamenti minimi intorno a quella di partenza a meno dell introduzione di politiche industriali rilevanti. E dunque lo sviluppo che si può immaginare per i ritardatari in assenza di politiche industriali sostenute è in questo caso fondato sullo sfruttamento di rendimenti crescenti di tipo dinamico [che abbiamo discusso nella prima lezione, ma che riprendiamo brevemente qui], e procede per via endogena attraverso l accumulazione di conoscenze locali. Slide 31 e 32 Commento: 1) Il valore realizzato nel mondo latamente emergente e contenuto nelle X (quota dell output) degli OECD è molto aumentato [prima figura] 2) In tutte le aree (e non solo nel mondo sviluppato dell OECD) accade che la quota degli input intermedi di importazione sull output cresce [seconda figura] 4

5 e anzi nelle aree non-oecd cresce ancora di più [che vuol dire che aumenta il trade in intermediates sud-sud] 3) Contestualmente il peso degli input intermedi importati sugli input intermedi totali aumenta molto meno. Il confronto tra questo dato e quello di cui al p.to 2 è coerente con l idea che nello stesso periodo è il complesso degli input intermedi acquisiti sul mercato che aumenta, ovvero aumenta il peso degli acquisti di intermedi sull output, ovvero si riduce il grado di integrazione verticale dei sistemi industriali [misurato dal rapporto tra valore aggiunto e output (produzione)]: I m / Y = (I m / I t ) x (I t / Y); dove I m sono gli input intermedi importati e I t sono quelli totali, e Y è l output. Ma la questione non è comunque così semplice (non basta la scomponibilità dei processi produttivi, ossia la separabilità delle funzioni di costo, a fare lo sviluppo manifatturiero: che infatti si manifesta in alcune aree e non altrove: perché?) 5

6 [2A: Un modo di misurare lo spessore delle competenze detenute da ciascun paese] Hausmann, Hidalgo e altri (2011) a) * Il principio smithiano della divisione del lavoro postula che un individuo non possa sviluppare tutte le capacità che servono per svolgere una pluralità di attività, a meno che queste attività non vengano svolte a livello elementare. [Il duale di questa proposizione è che qualsiasi attività che non sia elementare richiede, per essere svolta, che il lavoro venga diviso tra più individui (nella misura in cui il suo svolgimento richiede una specializzazione)]. La divisione del lavoro è quindi prima di tutto una divisione del sapere [in quanto saper fare, che è l idea di Rossi- Koyré; v. comunque quot. da Loasby (1998): the division of labour is a division of knowledge, and knowledge grows because it is divided ] In generale, quante più attività un economia sviluppa tanto più ampio è lo spettro delle sue conoscenze: in questo senso il numero di quelle attività può essere considerato una misura dell estensione dei suoi saperi. L estensione delle conoscenze di cui dispone un sistema economico è misurata dal numero dei beni che è capace di produrre. Il grado di complessità di un sistema economico (di un paese) può essere considerato una funzione diretta del numero di prodotti che esporta (che colloca su mercati esposti alla concorrenza internazionale) e una funzione inversa del numero di paesi che esportano a loro volta quel prodotto. Esiste un algoritmo che fornisce questa misura. b) 6

7 Poiché il processo di apprendimento è per definizione path dependent (le conoscenze si sviluppano a partire da quelle già acquisite), d altra parte, avviene che le potenzialità di sviluppo futuro di un sistema economico siano una funzione dell ampiezza della knowledge in ciascun momento disponibile. [questo è parecchio importante: ne vedremo la rilevanza più avanti] Qui si pongono due questioni: * La prima è che lo sviluppo della conoscenza avviene sempre per intorni molto piccoli della specializzazione di partenza, e dunque è importante anche quanto prossime siano le competenze di cui un sistema in ciascun momento dispone, perché la loro prossimità può consentire una contaminazione (una combinazione ) che accelera la crescita del know how complessivo. * La seconda ha a che vedere con la natura delle conoscenze detenute, ovvero con quali siano le competenze di cui si dispone: perché lo sviluppo è funzione anche del fatto che i diversi saperi non sono tutti uguali (esistono saperi suscettibili di svilupparsi molto più di altri), e dunque non è indifferente quale tipo di conoscenze un sistema economico un paese detenga. Poiché è possibile costruire algoritmi che misurano anche il grado di prossimità dei diversi prodotti, si può a partire da essi elaborare una serie di grafi che descrivono lo spazio dentro il quale si dislocano i prodotti (il product space ). Slide 33 Un grafo è la rappresentazione di una rete di connessioni tra unità elementari. Nel grafo che vedete è rappresentato il product space a livello mondiale per gli anni I nodi rappresentano i diversi beni (settori a 4 digit), la loro dimensione misura l ampiezza del commercio mondiale relativa a quel bene. I legami connettono coppie di beni che vengono esportati insieme (co-esportati). Il grafo mostra che molti beni si raggruppano naturalmente all interno di comunità definite. L idea alla base di questo ragionamento è che la produzione dei beni che appartengono a una medesima comunità (che sono esportati insieme), ossia che sono 7

8 legati tra loro in misura maggiore di quanto siano legati a prodotti esterni alla comunità, sia incardinata su conoscenze comuni. Il product space rappresentato nel grafo è molto eterogeneo: contiene sia gruppi di beni densamente connessi che altri più sparsi. E, inoltre, alcuni gruppi occupano una posizione più centrale, e altri una posizione più periferica. Quanto minore la distanza [ossia quanto più intensi i legami tra i diversi beni], tanto maggiore la probabilità che le conoscenze necessarie per produrre ciascuno di essi si contaminino tra loro; e quanto maggiore la connessione [ossia la centralità in senso geometrico], tanto maggiore la probabilità che questa contaminazione abbia un impatto elevato sullo sviluppo manifatturiero dell intero sistema perché se un gruppo di beni è centrale vuol dire che la sua vicinanza agli altri gruppi è alta, e dunque la contaminazione può realizzarsi tra un gruppo e l altro. bassa distanza e alta connessione sono importanti proprio perché come abbiamo detto le conoscenze sono localizzate e si spostano in ciascun istante per intorni molto piccoli a partire dalla specializzazione già acquisita: dunque la capacità del sistema produttivo di un paese di diversificarsi e spostarsi verso produzioni più complesse dipende in misura decisiva dalla loro collocazione iniziale nel product space. * Dunque la peculiare dotazione di conoscenze di ciascun sistema economico è decisiva nel modellarne le potenzialità di sviluppo: vediamo, in punto di fatto, che cosa è effettivamente accaduto nel mondo c.d. emergente. 8

9 3) L emergere degli emergenti Romano e Traù (2013) [CSC 2013] Slide 34 implicazioni: i) le economie emergenti che crescono lo fanno assai più robustamente di quelle emerse, come conseguenza di due fatti: * partendo da valori minimi le variazioni percentuali dei livelli produttivi mostrano comunque per definizione incrementi particolarmente alti; * le fasi iniziali dello sviluppo sono per loro natura caratterizzate da tassi di crescita molto sostenuti, che non possono essere mantenuti per tutti gli stadi del processo che segue [Seguendo Kindleberger (1958, ma cfr. anche Cameron 1989), il profilo intertemporale della crescita può essere assimilato a quello di una curva di Gompertz; e, in questa prospettiva, vale in generale il principio che the higher rate of growth has the prospect of slowing down, poiché on only a small portion of [the Gompertz curve] can geometric rates of growth be extrapolated, and then not for long ] ii) La seconda implicazione della figura è che non è scontato che lo sviluppo si manifesti: nel senso che il fenomeno di cui si discute può essere per definizione osservato esclusivamente nel caso in cui per qualche ragione in un determinato paese si sia effettivamente avviato un processo di marcata espansione dell attività economica. E, come si vede dalla figura, in cui viene rappresentata la relazione tra la crescita dell output manifatturiero nel periodo e il livello dell output manifatturiero pro-capite nel 1990, relativi al totale Mondo, coesistono, a pari livelli di partenza dell output manifatturiero pro-capite, paesi caratterizzati da tassi di crescita diversissimi (a livelli di industrializazione minimi corrispondono valori della crescita altissimi come negativi), così come a livelli di industrializzazione crescenti (lungo un range estremamente ampio) corrispondono in moltissimi casi tassi di crescita simili. 9

10 dunque lo sviluppo economico (e in particolare quello sviluppo manifatturiero) non è un fenomeno meccanico; o, se si vuole, non è un destino ineludibile che spetti prima o poi a tutte le economie del mondo (gli ultimi non saranno necessariamente i primi ). Al contrario, lo sviluppo viene sempre da lontano, ed è sempre costruito, nel senso che si tratta del risultato dell azione di molte forze, che nelle economie effettivamente emerse hanno avuto modo di dispiegarsi lungo un arco temporale in generale molto lungo. 3A) Conoscenze pre-esistenti Amsden (2001) * La capacità di sviluppo delle economie in ritardo che non avevano avuto la possibilità di cavalcare né la prima né la seconda Rivoluzione industriale è stata storicamente vincolata dall assenza di tecnologie proprietarie rilevanti. The Rest ha dovuto fare leva su risorse diverse da quelle che avevano alimentato lo sviluppo dei first comer: il cardine è stata l accumulazione di lungo periodo di una knowledge (di un saper fare ) in ambito manifatturiero. [la Amsden include in the Rest Cina, India, Indonesia, Corea, Malysia, Taiwan e Thailandia in Asia; Argentina, Brasile, Cile e Messico in America Latina; Turchia in Medio Oriente] Come è avvenuto lo sviluppo dei late comer * In ciascun momento, la capacità di sviluppo di un sistema industriale può essere espressa in termini del suo livello di conoscenza (knowledge) accumulata, dove questa accumulazione rappresenta a sua volta l esito della sua storia precedente e costituisce dunque un fenomeno localizzato e path dependent. In questo senso l insieme delle conoscenze detenute da un sistema economico costituisce il più rilevante degli asset a sua disposizione per competere nei mercati mondiali, e dunque per entrare in un percorso di industrializzazione: in una parola, è la chiave dello sviluppo. [In termini dello stesso approccio à la H&H, che vede lo sviluppo 10

11 manifatturiero in termini della capacità di sviluppare product network a partire da una serie di conoscenze proprietarie], sotto questo profilo il fenomeno più macroscopico che l osservazione dei fatti impone all attenzione è che, nel corso del tempo, [t]he social accumulation of productive knowledge has not been a universal phenomenon. It has taken place in some parts of the world, but not in others. The enormous income gaps between rich and poor nations are an expression of the vast differences in productive knowledge amassed by different nations [Hausmann et al., 2011]. * Il punto, in questo caso, è che la conoscenza è una cosa diversa dall informazione, e che l utilizzazione di una tecnologia è una cosa diversa dalla sua disponibilità sul mercato, nel senso preciso che quello che conta dal punto di vista della possibilità di acquisire un qualsiasi livello di autonomia nel suo governo è la capacità di gestire la conoscenza sul piano produttivo: le capabilities che contano sono costituite dal saper fare incorporato negli individui e nelle organizzazioni. Questa caratteristica dipende strettamente dal loro essere in gran parte costituite da saperi taciti (non codificati) e dunque difficilmente trasmissibili, che rendono la conoscenza un bene non universalmente disponibile; al punto che si può affermare che this is one of the fundamental reasons why technological catching-up by developing countries remains a challenging task even in an era of globalization and free-information flows (Cimoli et al., 2009, p. 22). * Nella prospettiva di questa analisi, la prima spiegazione di questa evidenza è che le economie in ritardo ancora intorno alla metà del secolo scorso ( the rest ), ossia quelle che diversamente dalle economie first comer non erano riuscite a cavalcare né la Prima né la Seconda Rivoluzione Industriale, si sono trovate nella condizione di dover fronteggiare un contesto manifatturiero caratterizzato da conoscenze ormai inaccessibili, e nel quale la principale barriera all entrata era per loro costituita dalla sostanziale assenza di conoscenze proprietarie rilevanti. 11

12 Detto in altri termini, l esistenza di una discontinuità tecnologica radicale le rivoluzioni industriali non avvengono nel continuo ha creato una differenza strutturale nei presupposti dello sviluppo industriale tra i paesi che oggi chiamiamo industrializzati e quelli che chiamiamo emergenti: mettendo i secondi nella condizione di dover impostare le loro strategie di sviluppo su basi diverse. * In questo quadro i c.d. vantaggi dell arretratezza [Gerschenkron 1962] tradizionalmente invocati nella spiegazione del catching up delle economie europee e di quella americana nei confronti della Gran Bretagna nella seconda metà del XIX secolo sfumano di fronte a un divario incolmabile, tale da avere di fatto reso impossibile, all interno delle economie in ritardo, sviluppare autonomamente tecnologie originali. Per dirla con la Amsden, [f]or the first time in history, backward countries industrialized without proprietary innovations. ( ) Late industrialization was a case of pure learning, meaning a total initial dependence on other countries commercialized technology to establish modern industries (2001, p. 2, corsivi originali). * In generale, l anomalia del percorso di sviluppo che ne è derivato può ancora essere ricondotta sul piano concettuale alla logica della sostituzione dei pre-requisiti mancanti (quelli di cui erano dotati i paesi first comer) con altre leve invece disponibili (o comunque costruite); e, se si vuole, la stessa questione dell apprendimento (il pure learning) può essere letta come una qualificazione del punto di vista espresso da Abramovitz (1989) in merito alla rilevanza dell absorptive capacity nel determinare il ritmo e l intensità del processo di accumulazione. Ma in questo caso, come si vedrà, è l intera architettura del processo di sviluppo a risultare radicalmente diversa, così che il processo di industrializzazione avviato dalle economie che oggi definiamo emergenti si caratterizza fin dall inizio in ragione di una radicale peculiarità, che ne segna tutta l evoluzione successiva. * Almeno fino allo spartiacque del secondo conflitto mondiale, il tentativo 12

13 di avviare lo sviluppo di un sistema industriale competitivo fuori dell ambito nord-europeo e americano su basi di mercato si può dire pressoché completamente fallito. E sarà anzi necessario attendere il regime della Golden Age perché si completi in condizioni di economia almeno parzialmente aperta, e comunque tutt altro che esclusivamente su basi di mercato il processo di industrializzazione anche per due relativi late comer occidentali come Italia e Giappone. * Tra il 1850 e il 1950 dapprima la Seconda Rivoluzione Industriale alimenta il trionfo industriale della Gran Bretagna e quindi il suo raggiungimento da parte delle economie europee e americana, e successivamente (negli anni della prima grande globalizzazione e poi dei grandi conflitti mondiali) si consolida il dominio commerciale da parte del mondo industrializzato. * In tutto questo periodo the rest arranca lungo la low road della crescita industriale. E per quanto siano in questo lungo periodo documentabili progressi nell attività manifatturiera, la loro velocità e intensità è insufficiente a consentire l acquisizione di una capacità di competere a livello mondiale. * La produzione manifatturiera mondiale resta saldamente per tutto il XIX secolo (e ancora almeno nel primo trentennio del XX) nelle mani del mondo industrializzato, e sarà solo con l avvio dell indipendenza coloniale (e con l emergere di un ruolo attivo dello Stato nel processo di industralizzazione, che ad esso si accompagna, cfr. infra) che si avvierà nelle economie in ritardo un meccanismo di import substitution. * Una questione chiave, all interno di un tale contesto, è che lungo tutta questa fase l attività di regolazione da parte dell operatore pubblico nei paesi sottosviluppati è minima; al punto che si può dire che: [g]overnment policies in India, Latin America, China, and the Ottoman Empire before World War I provide a laboratory to study the effects of liberalism on attempts to industrialize without world-class skills (Amsden, 2001, p. 70). 13

14 Il risultato è che After almost one hundred years, there was no obvious, organic solution to the rest s economic predicament. It was in this context of industrial growth without industrialization that the developmental state was born (p. 98). * Dunque, la consapevolezza diffusa di un fallimento radicale del mercato è all origine, all interno delle economie in ritardo, di una discontinuità importante nell atteggiamento delle istituzioni nei confronti del problema; e a questa discontinuità contribuisce significativamente la contestuale nascita di quella che oggi si definisce development economics: che trae la sua ragione d essere precisamente dalla convinzione che l assenza di una politica esplicita di orientamento dell attività economica da parte delle istituzioni è da considerarsi la causa, fino a quel momento, del mancato avvio di uno sviluppo industriale su basi endogene nelle aree sottosviluppate. A partire dagli anni Quaranta del Novecento, attraverso l emergere di una serie di contributi importanti Rosenstein- Rodan (1943) con riferimento al ritardo delle economie dell Europa orientale e meridionale, Lewis (1954) per l intero mondo sottosviluppato, e quindi Singer (1964) e poi più estesamente Prebisch (1970) con riferimento all America Latina si afferma una visione del problema che attribuisce la persistenza del ritardo all inadeguatezza delle c.d. forze di mercato nel favorire un processo di convergenza, e invoca l intervento pubblico come già avvenuto per le economie industrializzate (cfr. ancora qui soprattutto Chang 2002) come strumento di emancipazione del mondo ancora sottosviluppato. Con riferimento specifico alla questione dell industrializzazione, ai riferimenti sopra evocati vanno aggiunti almeno quelli di Myrdal (1957) e Hirschman (1958). It was the war-torn decade of the 1940s that saw development economics emerge as a sub-discipline of academic economics, distinguished, above all, by its exploration of the problem of government-engineered economic transformation (Toye, 2003, p. 21, corsivo aggiunto). 14

15 Va da sé che l attenzione alla questione trova una sponda naturale nel parallelo sviluppo e nella diffusione non soltanto a livello accademico del pensiero keynesiano. * Così, avviene che In the postcolonial era, which began soon after the end of World War II, most underdeveloped countries adopted strategies of development which provided a sharp contrast with those of the first half of the twentieth century. For one, there was a conscious attempt to limit the degree of openness and integration with the world economy, ( ) for another, the state was assigned a strategic role in development because the market, in itself, was not perceived as sufficient to meet the aspirations of latecomers to industrialization (Nayyar, 2003, p. 63). * L emergere di questo orientamento affianca quello che già da tempo e in forma assai più radicale costituiva il cardine dello sviluppo manifatturiero nel mondo separato delle economie appartenenti al blocco sovietico (gli stessi scambi all interno del quale rispondevano a una logica in parte diversa da quella di mercato). In questo modo una quota sempre più consistente dell industria mondiale, negli anni del secondo dopoguerra, comincia a essere interessata, in una forma o nell altra, da un forte condizionamento istituzionale sulla direzione dello sviluppo produttivo. Si afferma e prende campo il developmental state. * L imbocco, negli anni successivi al dopoguerra, della high road dello sviluppo manifatturiero da parte delle economie in ritardo può essere considerato una funzione dello spessore delle conoscenze manifatturiere accumulate al loro interno (nei termini richiamati più sopra) e della misura in cui il developmental state si è rivelato o meno in grado di tradurre questo capitale nel perno di una discontinuità del modello di industrializzazione. In ragione delle differenze iniziali, tra le diverse aree del mondo emergente, nella dotazione delle conoscenze e nel profilo delle istituzioni, il fenomeno ha interessato una parte di esse e non la loro totalità. 15

16 * Seguendo ancora lo schema suggerito dalla Amsden (2001), la disponibilità di competenze manifatturiere deve essere considerata propedeutica a qualunque ipotesi di sviluppo: semplicemente, Countries in the rest that industrialized rapidly after World War II had accumulated manufacturing experience in the pre-war period. This differentiated them from countries in the remainder. Path dependence was such that no economy emerged from the blue as an industrial competitor (p. 99, corsivo aggiunto) 1. 3B) Le istituzioni * Su questa base si innesta il ruolo dello Stato. Nella misura in cui si incardina su presupposti istituzionali, lo sviluppo industriale diventa una funzione della capacità di disegnare e utilizzare efficientemente gli strumenti attraverso cui esso è progettato e gestito: i weakest performer sono quelli che sottodimensionano (ad es. l Argentina) o sovradimensionano (ad es. l India) il loro assetto istituzionale. I risultati migliori sono ottenuti in questo quadro da quelle economie in cui l allocazione del sostegno statale nelle industrie destinate a sostenere lo sviluppo (più o meno sempre le stesse) si rivela in grado di tradursi nel medio termine in un upgrading che le metta in condizione di competere sui mercati internazionali (dove quello che conta è how vigorously and rapidly exportables were extracted from a sequentially rising number of import substitution sectors ). 1 Questo fenomeno, che la Amsden documenta attraverso la rassegna di una massiccia serie di contributi di analisi relativi alle singole economie (2001, cfr. in particolare cap. 4 e 5), assume a sua volta un profilo diverso a seconda delle modalità (dei filtri ) attraverso cui le economie in ritardo hanno acquisito le conoscenze di cui si discute (e, in particolare, a seconda della presenza o meno di una precedente esperienza coloniale). In generale, i paesi che nel dopoguerra hanno investito maggiormente in imprese e competenze nazionali sono quelli che avevano sperimentato una presenza coloniale sul loro territorio, e che hanno avuto la possibilità, attraverso la nazionalizzazione, di acquisire direttamente un saper fare manifatturiero; gli altri sono rimasti maggiormente legati alla presenza multinazionale, ovvero a conoscenze in gran parte non proprietarie (cosa che ha implicato il sostanziale spiazzamento di un industria nazionale competitiva sui mercati esteri). Del primo gruppo fanno parte tra gli altri Cina, India, Corea, Taiwan; del secondo Argentina, Brasile, Messico. In questo senso, mentre l esistenza o meno di una precedente esperienza manifatturiera distingue chi emerge da chi resta fermo, il tipo di esperienza condiziona la natura e l intensità dello sviluppo tra gli emergenti. 16

17 Il modello asiatico 1) Lo sviluppo manifatturiero all interno dell area est-asiatica si articola lungo un continuum che vede emergere nei mercati mondiali dapprima il Giappone, quindi le c.d. tigri (tra cui in particolare Corea e Taiwan), poi i paesi del c.d. second tier Thailandia, Malesia e Indonesia e successivamente la Cina e infine il Vietnam. La continuità del processo di industrializzazione che assomiglia sul piano storico a un passaggio di testimone sequenziale tra le diverse economie dell area ha alimentato una lunga serie di studi volti a isolarne i tratti di fondo, nell idea che la logica di questo sviluppo sia stata caratterizzata pure con importanti differenze tra un paese e l altro da elementi largamente comuni (inclusi quelli di carattere culturale). La questione della specificità culturale riflette l idea che il successo delle economie est-asiatiche sia l esito di un complesso di fattori istituzionali (vocazione all hard work, forte propensione al risparmio, attitudine all accettazione di misure autoritarie), quale più quale meno riconducibili al confucianesimo; cosa che a sua volta comporterebbe la non esportabilità del modello ad altri ambiti territoriali, per definizione privi di un substrato culturale analogo. 2) In realtà il principio secondo cui i c.d. fattori istituzionali sono per loro natura esogeni, e in quanto path dependent non influenzabili sul terreno politico è tutt altro che scontato: nel caso sempre evocato del Giappone, che può essere considerato il paradigma (e comunque il laboratorio ) del modello asiatico, i risultati ottenuti in termini di estensione del processo di industrializzazione e di competitività del sistema produttivo nazionale devono infatti essere considerati, prima di tutto, come l esito dell elaborazione esplicita di un programma di sviluppo manifatturiero di lungo periodo incardinato sull azione consapevole dell operatore pubblico. E, in questo quadro, il contesto ambientale è a sua volta oggetto di costruzione, nel senso che le condizioni all interno delle quali gli operatori sono chiamati a muoversi emergono da un progetto perseguito razionalmente: 17

18 The famous Japanese consensus, that is, the broad popular support and willingness to work hard for economic development is not so much a cultural trait as a matter of hard experience and of the mobilization of a large majority of the population to support economic goals. ( ) The priorities of the Japanese state are in this sense a product not of culture or social organization or insularity but of rationality (Johnson 1982, p. 307). Nell intero ambito asiatico, in realtà, l elevata qualità della burocrazia è assai meno l esito di una tradizione storica che non di una deliberata azione di importazione, assimilazione e innovazione delle istituzioni funzionali allo sviluppo almeno quanto il medesimo orientamento (acquisizione dall esterno e adattamento al contesto nazionale) ha agito, come sempre si sottolinea, sul piano dello sviluppo tecnologico. Il processo di costruzione del Giappone moderno sul piano istituzionale (che ha comportato l importazione massiccia di modelli organizzativi dall ambito europeo) e l avvio del processo di industrializzazione (che ha comportato l importazione di tecnologia) sono entrambi situabili nell arco dell era Meiji ( ). [ Confucian culture has been there for centuries but did not lead to development earlier. Indeed, until the 1950s, many people blamed Confucianism for holding East Asia back (Chang 2003] 3) In generale l obiettivo finale della politica economica del developmental state nell ambito est-asiatico è stato quello di assicurare lo sviluppo industriale, e non la stabilità macroeconomica (meno che mai con l eccezione di Taiwan per ragioni squisitamente storiche il controllo dell inflazione). Un tale obiettivo ha implicato la costante ricerca dell upgrading del sistema produttivo, perseguito attraverso una politica di allocazione delle risorse in direzione degli investimenti (naturalmente anche attraverso interventi di volta in volta selettivi sul piano settoriale), e una contestuale compressione quantomeno in termini relativi dei consumi interni. 18

19 Il cardine di questa politica è nel suo essere finalizzata all acquisizione di competenze proprietarie: in molti casi massimamente in quello giapponese e coreano l obiettivo è stato perseguito realizzando un sostanziale blocco degli investimenti esteri in entrata e finanziando l acquisto di tecnologia attraverso gli extra-profitti monopolistici realizzati sull interno. Un elemento specifico di questa strategia, che caratterizza fortemente il modello asiatico rispetto a quello di altre grandi aree emergenti, è che lo sviluppo dell offerta interna su basi endogene che risponde a una logica di import substitution è esplicitamente orientato fin dall inizio alla crescita delle esportazioni: At the heart [there was] a policy to allocate long-term investment capital to those import-substitution industries that were expected to export at some future date. ( ) Import substitution was the mother of export growth (Amsden 2001, pp. 161 e 171). [La differenza fondamentale nell approccio all industrializzazione tra il mondo ex-sovietico e quello dell America latina da un lato, e il mondo est-asiatico dall altro (differenza che si rivela decisiva nel momento dell apertura agli scambi mondiali) è che nel primo caso prevale una generale tendenza ad accrescere il livello dell output sostanzialmente attraverso l aumento dell impiego dei fattori, nel secondo si assiste a un costante aumento della produttività, che è funzione diretta delle capacità che erano state accumulate sul piano organizzativo e istituzionale nella prima fase ( estensiva ) dello sviluppo] 4) Quali sono gli strumenti attraverso cui obiettivi finali e intermedi sono stati gestiti all interno del developmental state est-asiatico? In generale, l atteggiamento delle autorità, e la loro stessa credibilità, si sono fondati in questo schema su un presupposto fondamentale (e sostanzialmente atipico): costruzione di un regime di autonomia rispetto all influenza di tutti i possibili gruppi di pressione, e contestuale condizionalità degli aiuti, intesa come subordinazione dell aiuto (quale che ne sia la forma) al conseguimento di 19

20 obiettivi di performance misurabili precedentemente individuati. [ What differentiates East Asia from other countries is that the East Asian states have been willing and able to withdraw such support whenever necessary, because they were highly autonomous states (Chang 2003] I tratti fondamentali di questo approccio ricorrono costantemente all interno delle diverse economie dell area; al punto che è possibile riscontrarli oltre che nel modello giapponese sopra stilizzato in paesi emersi in tempi successivi, e comunque carattezzati da forti disomogeneità sul piano strutturale. 5) Il caso coreano è forse il più spettacolare, sia per la determinazione con la quale l industrializzazione del paese è stata perseguita, sia per i risultati che ancora negli anni più recenti essa ha consentito al paese di seguitare a ottenere sui mercati internazionali. Seguendo Chang (1994), l avvio del processo deve essere fatto risalire al colpo di stato con cui il generale Park Chung Hee (educato nelle file dell esercito giapponese nel corso dell occupazione del Manchukuo, ed emerso nella nomenclatura militare durante la Guerra di Corea) assume il potere nel La discontinuità prodotta dall avvento di Park (che resterà al potere per quasi un trentennio, fino al suo assassinio nel 1979, limitando fortemente i diritti civili nel paese) è senza precedenti, e si sostanzia in una serie di misure massimamente stringenti volte a canalizzare le risorse dell economia verso un massiccio processo di sviluppo del settore industriale. Le misure includono la completa nazionalizzazione del sistema bancario (che verrà parzialmente ri-privatizzato solo nel 1982), e quindi il totale controllo sulla direzione dei flussi di finanziamento all economia; la centralizzazione del potere di controllo dell economia in un unico ministero (Economic Planning Board nella formulazione inglese) comprendente sia il versante delle entrate che quello della spesa (con l obiettivo di eliminare ogni conflitto tra i due momenti); l arresto di molti esponenti di primo piano dell imprenditoria nazionale, e il loro successivo rilascio sotto condizione di servire la nazione attraverso l impresa (ovvero di impegnarsi a costruire e gestire nuovi impianti negli ambiti settoriali indicati dal Governo); la mobilitazione del paese 20

Lezione 10. Slide 10-1

Lezione 10. Slide 10-1 Lezione 10 La politica commerciale nei PVS Slide 10-1 Road Map Introduzione Industrializzazione basata sulla sostituzione delle importazioni Problemi dell economia duale Industrializzazione orientata all

Dettagli

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese Capitolo 9 Reti d impresa d e processi di internazionalizzazione delle PMI Indice Le principali teorie e modelli di internazionalizzazione Le esperienze di internazionalizzazione delle pmi italiane La

Dettagli

Crescita in economia aperta. Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007

Crescita in economia aperta. Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007 Crescita in economia aperta Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007 1 Globalizzazione= riduzione della rilevanza economica dei confini nazionali (in contrapposizione

Dettagli

Outline Che Cosa è la globalizzazione? Flussi commerciali Flussi di capitali Flussi di persone. La globalizzazione

Outline Che Cosa è la globalizzazione? Flussi commerciali Flussi di capitali Flussi di persone. La globalizzazione Andrea F. Presbitero E-mail: a.presbitero@univpm.it Pagina web: www.dea.unian.it/presbitero/ Dipartimento di Economia Università Politecnica delle Marche Corso di Economia dello Sviluppo 1 Che Cosa è la

Dettagli

QEF_ Internazionalizzazione delle imprese italiane. Executive summary

QEF_ Internazionalizzazione delle imprese italiane. Executive summary QEF_ Internazionalizzazione delle imprese italiane Executive summary Il lavoro analizza alcuni temi legati all internazionalizzazione del sistema produttivo italiano facendo leva sulle ricerche condotte

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta 1-08-2015 Numero 15-11 NOTA DAL CSC Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta Tra il e il gli investimenti fissi lordi si sono contratti

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLO SVILUPPO LOCALE Economia Urbana

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 La delocalizzazione Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 Agenda Cosa si intende per delocalizzazione Internazionalizzazione vs delocalizzazione Le forme di internazionalizzazione

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

CAPITOLO XXI. Crescita e sviluppo

CAPITOLO XXI. Crescita e sviluppo CAPITOLO XXI Crescita e sviluppo L obiettivo è di integrare alcuni aspetti della nuova teoria della crescita con quelli del paradigma dello sviluppo umano Considereremo le relazioni tra il capitale umano,

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

Cenni introduttivi. L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica.

Cenni introduttivi. L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica. Cenni introduttivi L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica. L ambiente internazionale è diventato globale, come un unico

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

La Russia e il modello standard «modificato» 1/2. La Russia e il modello standard «modificato» 2/2

La Russia e il modello standard «modificato» 1/2. La Russia e il modello standard «modificato» 2/2 La Russia e il modello standard «modificato» 1/2 La Russia era una delle regioni più arretrate d Europa ancora a metà del Ottocento Lo Zar Alessandro II per modernizzare il paese e stimolare la crescita

Dettagli

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 2 COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 1 Le cause del commercio internazionale 2 Il modello ricardiano 3 La determinazione del pattern di commercio internazionale 4 La determinazione

Dettagli

Aziende familiari e competitività: mercati internazionali, managerialità e scenari strategici

Aziende familiari e competitività: mercati internazionali, managerialità e scenari strategici La sapienza è figliola dell esperienza. (Leonardo da Vinci, Codici Forster II e III, 1493/1505 Aziende familiari e competitività: mercati internazionali, managerialità e scenari strategici Convegno del

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 3

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 3 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Economia Internazionale Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 MATERIALE DIDATTICO da integrare al libro di testo: Hill C.W.L. International

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 22 maggio 2014 Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 Un modello economico basato su bassi costi, massicci afflussi di capitali ma anche politiche monetarie molto espansive messe in

Dettagli

Schema. 1. Qualche dato su commercio e crescita mondiale. 2. Perché la globalizzazione può essere buona

Schema. 1. Qualche dato su commercio e crescita mondiale. 2. Perché la globalizzazione può essere buona Schema 1. Qualche dato su commercio e crescita mondiale. 2. Perché la globalizzazione può essere buona 3. Perché la globalizzazione può essere cattiva 4. Quali politiche per renderla migliore? 1 1. Commercio

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale Valutare le differenti forme di ingresso sui mercati esteri, individuando le diverse motivazioni dietro ciascuna di esse Capitolo

Dettagli

I modelli tradizionali del commercio internazionale

I modelli tradizionali del commercio internazionale I modelli tradizionali del commercio internazionale Il commercio internazionale segue i VC (Ricardo e neoclassico) Risultati I VC sono determinati dalle dotazioni fattoriali (HO) L integrazione commerciale

Dettagli

1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI

1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI 1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI Il Cobianchi, Verbania 1993, pp. 20-27 (*) INTRODUZIONE La necessità assoluta di innovazione, e in particolare

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

Cenni introduttivi. L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica.

Cenni introduttivi. L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica. Cenni introduttivi L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica. L ambiente internazionale è diventato globale, come un unico

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1]

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.2: Il ruolo del settore pubblico in un'economia mista [1:cap.1] Docente: Antonio

Dettagli

BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA S.C.R.L./BANCA POPOLARE DI BERGAMO S.C.R.L. LA BANCA D ITALIA

BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA S.C.R.L./BANCA POPOLARE DI BERGAMO S.C.R.L. LA BANCA D ITALIA Provvedimento n. 48 del 9 agosto 2003 BANCA POPOLARE COMMERCIO E INDUSTRIA S.C.R.L./BANCA POPOLARE DI BERGAMO S.C.R.L. LA BANCA D ITALIA VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTI il regolamento CEE

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Capitolo 7 Reti di impresa

Capitolo 7 Reti di impresa Capitolo 7 Reti di impresa Indice Il tema delle reti nella teorie manageriali Le definizioni prevalenti sul concetto di rete Risorse e competenze nei processi di rete Rete e vantaggi competitivo Alcune

Dettagli

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY FARE LA DIFFERENZA 3 4 Marco Polo sta parlando della sua Venezia con il Kan Imperatore della Cina Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra.

Dettagli

Silvio Beretta, L India, la globalizzazione, gli altri e noi

Silvio Beretta, L India, la globalizzazione, gli altri e noi Silvio Beretta, L India, la globalizzazione, gli altri e noi 1) L intervento che svolgerò è anch esso, come quelli di chi mi ha preceduto, interno al tema generale globalizzazione. E inizio con il sottolineare

Dettagli

Massimo Florio, Network Industries and Social Welfare. The Experiment that Reshuffled European Utilities, Oxford University Press, 2013, pp. V-406.

Massimo Florio, Network Industries and Social Welfare. The Experiment that Reshuffled European Utilities, Oxford University Press, 2013, pp. V-406. Massimo Florio, Network Industries and Social Welfare. The Experiment that Reshuffled European Utilities, Oxford University Press, 2013, pp. V-406. 1. Il volume Network Industries and Social Welfare è

Dettagli

Il mondo prima della crisi. Francesco Daveri

Il mondo prima della crisi. Francesco Daveri Il mondo prima della crisi Francesco Daveri 1 Il Pil mondiale nei 30 anni prima della crisi 6 5 4 3 2 1 0 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 00 01 02 03 04 05 06 07 Crescita

Dettagli

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it Cina e India cambiano l economia mondiale Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa L Asia non è nuova a miracoli economici Giappone, Corea del Sud, Cina e India sono protagonisti di una rapida crescita

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Innovazione e lavoro UN TEMA (DI)BATTUTO DA TEMPO SCHEMA DELLA LEZIONE Effetti dell innovazione

Dettagli

Economia e gestione delle Imprese internazionali. Ing. J.Malacarne Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Università di Bologna - 2009

Economia e gestione delle Imprese internazionali. Ing. J.Malacarne Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Università di Bologna - 2009 Economia e gestione delle Imprese internazionali Ing. J.Malacarne Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Università di Bologna - 2009 1 Contenuti del Corso 1. L internazionalizzazione delle Imprese:

Dettagli

La modellazione tecnico produttiva: dall approccio modulare al configuratore

La modellazione tecnico produttiva: dall approccio modulare al configuratore M. Germani, M. Mengoni: Corso di Gestione documentale tecnica di prodotto La modellazione tecnico produttiva: dall approccio modulare al configuratore Per poter configurare tecnicamente il prodotto è necessario

Dettagli

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali Effetti del IDE sul paese d origine Effetti del IDE sul paese ospitante: il ruolo della capacità di assorbimento delle imprese locali

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

Capitolo 7: Domanda con il reddito in forma di moneta

Capitolo 7: Domanda con il reddito in forma di moneta Capitolo 7: Domanda con il reddito in forma di moneta 7.1: Introduzione L unica differenza tra questo capitolo e il precedente consiste nella definizione del reddito individuale. Assumiamo, infatti, che

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE Sommario: 1. Ruolo economico del risparmio 2. La ricchezza delle famiglie 3. La propensione al risparmio 4. Invecchiamento della popolazione, sistemi pensionistici,

Dettagli

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a. ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

Rapporto Export SACE 2014-2017 / Executive Summary

Rapporto Export SACE 2014-2017 / Executive Summary executive summary Il Rapporto Export di quest anno si compone di due sezioni. Nella prima si analizzano le evoluzioni nella struttura dell export italiano tra il 2007 e il 2012, per valutare l impatto

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLA CRESCITA E DELLO SVILUPPO REGIONALE

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione Indice ix Prefazione Capitolo 1 1 Che cos è la macroeconomia? 1 1.1. Di cosa si occupa la macroeconomia? 3 1.2. E quella definizione? 4 1.3. La differenza tra macroeconomia e microeconomia 5 1.4. Perché

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA:

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA: Istituto nazionale per il Commercio Estero PROMETEIA S.R.L. Evoluzione del commercio con l estero per aree e settori Gennaio 2005 PROMETEIA S.R.L. Via G. Marconi, 43 40122 Bologna 051-6480911 fax 051-220753

Dettagli

Le implicazioni sulla società

Le implicazioni sulla società 1 Giulio Occhini La fabbrica e l ufficio nell era digitale Fabbrica e ufficio sono le due componenti tradizionali dell organizzazione dell impresa, indipendentemente dal fatto che essa sia pubblica o privata,

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi I cambi flessibili e le politiche di intervento sui mercati valutari: 1971(-3)-2007 Argomenti 1. Il periodo 1971-2001 2. La globalizzazione e la crescita mondiale nel 1 Il periodo 1971-2001 Gli assetti

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 19 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa, la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

Le migrazioni internazionali delle professioni altamente qualificate

Le migrazioni internazionali delle professioni altamente qualificate Le migrazioni internazionali delle professioni altamente qualificate Antonietta Pagano Roma 23 novembre 2010 Percorso delle lezioni Introduzione al fenomeno delle migrazioni qualificate Definizione di

Dettagli

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Facoltà

Dettagli

UN ESPERIENZA DI STORIA MONDIALE IN UN CURRICOLO DI TRIENNIO DI SCUOLA SUPERIORE

UN ESPERIENZA DI STORIA MONDIALE IN UN CURRICOLO DI TRIENNIO DI SCUOLA SUPERIORE Dipartimento di Discipline storiche Università di Bologna IRRE Emilia Romagna Insegnare storia mondiale: risorse storiografiche e risorse didattiche Seminario di studio UN ESPERIENZA DI STORIA MONDIALE

Dettagli

Lo scenario economico internazionale

Lo scenario economico internazionale Il recente andamento del commercio internazionale e la posizione dell Italia La marcata espansione del commercio internazionale è un aspetto decisivo dell attuale fase dell economia mondiale. Nell ultimo

Dettagli

CAPITOLO XI La gestione della produzione industriale

CAPITOLO XI La gestione della produzione industriale CAPITOLO XI La gestione della produzione industriale Tratteremo argomenti quali la organizzazione delle multinazionali e delle loro reti globali di produzione, con un enfasi sulle JV e sul ruolo della

Dettagli

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO 92 6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO Nel corso degli anni Ottanta e Novanta si è registrata una crescita rilevante dei flussi internazionali di capitali, sia sotto forma di investimenti

Dettagli

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE 1.1. PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE A - Il principio di agglomerazione è genetico / fondativo della città Perché? la concentrazione spaziale come scelta di comodità/efficienza

Dettagli

Il Boom Economico 1945-1960

Il Boom Economico 1945-1960 Sistema Mondo - La ricostruzione postbellica: 1 -Investimenti nell economia e nel sociale con particolare riguardo all istruzione e alle opere pubbliche; 2- Veloce incremento demografico nei paesi dell

Dettagli

C'erano una volta i paesi emergenti

C'erano una volta i paesi emergenti C'erano una volta i paesi emergenti È riduttivo chiamare Brasile, Russia e India e Cina dei paesi emergenti». «Ci sono economie che oggi figurano ancora tra i mercati emergenti ma che contribuiscono in

Dettagli

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest 16 Jarai 24-05-2000 9:46 Pagina 135 135 Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest L integrazione con l Unione Europea, la rapida crescita economica, un migliore equilibrio finanziario

Dettagli

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE Raffaele Farella Dirigente con incarico speciale per l internazionalizzazione e la promozione estera,

Dettagli

il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia

il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia Roma, 21 maggio 2015 il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia Alessandra Lanza - Prometeia commercio mondiale (finalmente) in accelerazione e più dinamico della crescita del

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Il Commercio Internazionale: nuove evidenze e sviluppi teorici*

Il Commercio Internazionale: nuove evidenze e sviluppi teorici* Il Commercio Internazionale: nuove evidenze e sviluppi teorici* Nicola D. Coniglio (1,2) (1) Dip.to di Scienze Economiche - Università degli Studi di Bari (Italy); (2) NHH Norwegian School of Economics

Dettagli

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan Organizzazione aziendale e sistemi informativi Prof. Luca Gnan Agenda Una definizione Divisione del lavoro e coordinamento Le regole nella progettazione Gli ambiti della progettazione organizzativa Modelli

Dettagli

UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00

UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00 UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00 www.ibs.it www.bol.it Di Gianluigi Mangia estratto Negli ultimi decenni si è realizzato un profondo cambiamento

Dettagli

LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI

LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI Capitolo III LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI Parole Chiave Resource based View Vantaggio Competitivo Know-how, Know-what, Know-who Apprendimento Interorganizzativo Capitale Sociale Processi Imprenditoriali

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Esportare la Dolce Vita 2014 il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati alessandra lanza

Esportare la Dolce Vita 2014 il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati alessandra lanza Esportare la Dolce Vita 2014 il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati alessandra lanza riservato e confidenziale 5 maggio 2014 esportare la dolce vita 1 Esportare la Dolce Vita il progetto cos è

Dettagli

Lezione 8. Le politiche commerciali II. Slide 9-1

Lezione 8. Le politiche commerciali II. Slide 9-1 Lezione 8 Le politiche commerciali II Slide 9-1 Road Map Altri strumenti di politica commerciale Gli effetti della politica commerciale: una sintesi Introduzione Le ragioni a favore del libero scambio

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

MODELLI DI SIMULAZIONE HISTORY-FRIENDLY PER STUDIARE LA DINAMICA INDUSTRIALE

MODELLI DI SIMULAZIONE HISTORY-FRIENDLY PER STUDIARE LA DINAMICA INDUSTRIALE MODELLI DI SIMULAZIONE HISTORY-FRIENDLY PER STUDIARE LA DINAMICA INDUSTRIALE Christian Garavaglia 24 Gennaio 2005, Universotà Carlo Cattaneo - LIUC SCALETTA - CONSIDERAZIONI INIZIALI: DINAMICA E COMPLESSITA

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Indice. Prefazione Gli autori Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XVII XXIII XXV XXVI

Indice. Prefazione Gli autori Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XVII XXIII XXV XXVI I Prefazione Gli autori Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XVII XXIII XXV XXVI Parte I Scenari e strategie di entrata sui mercati internazionali 1 Capitolo 1 Globalizzazione, apertura dei mercati

Dettagli

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle FACOLTÀ DI INGEGNERIA RELAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One

Dettagli

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia 5. INDIVIDUARE LE OPPORTUNITA : STRUMENTI PER L ANALISI DEI MERCATI Fabio Cassia Introduzione Analisi dei mercati per: 1) individuare opportunità di mercato Da circa 150 mercati emergenti A una o più opportunità

Dettagli

Investimenti Diretti Esteri

Investimenti Diretti Esteri Investimenti Diretti Esteri Daniele Mantegazzi IRE, Università della Svizzera Italiana 14 novembre 2013 Daniele Mantegazzi Economia Internazionale 14 novembre 2013 1 / 24 Contenuti e struttura della lezione

Dettagli

Il modello di specializzazione internazionale italiano e le economie emergenti dell Estremo Oriente* Stefano Chiarlone. Rodolfo Helg.

Il modello di specializzazione internazionale italiano e le economie emergenti dell Estremo Oriente* Stefano Chiarlone. Rodolfo Helg. Il modello di specializzazione internazionale italiano e le economie emergenti dell Estremo Oriente* Stefano Chiarlone UNCTAD, Ginevra Rodolfo Helg Università C.Cattaneo LIUC, Castellanza Novembre 2001

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

I differenti ruoli nel progetto SEPA (Single Euro Payments Area)

I differenti ruoli nel progetto SEPA (Single Euro Payments Area) ABI SPIN 2006 SWIFT ITALY I fattori del cambiamento Regolamentazione e competizione I differenti ruoli nel progetto SEPA (Single Euro Payments Area) Antonio Finocchiaro Vice Direttore generale della Banca

Dettagli

Le FAQ della simulazione

Le FAQ della simulazione Le FAQ della simulazione L obiettivo di queste FAQ è fornire ai progettisti di corsi di formazione, a docenti, agli utenti di corsi di formazione e a coloro che sono addetti allo sviluppo delle risorse

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010

Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010 Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010 A partire da una serie di turnaround di successo realizzati in P.M.I. del Nord est si cercherà di delineare una metodologia

Dettagli

Solutions in motion.

Solutions in motion. Solutions in motion. Solutions in motion. SIPRO SIPRO presente sul mercato da quasi trent anni si colloca quale leader italiano nella progettazione e produzione di soluzioni per il motion control. Porsi

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli