Fondamenta e posture utilizzate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondamenta e posture utilizzate"

Transcript

1 Fondamenta e posture utilizzate Introduzione: Le movimentazioni di pazienti in ambito del servizio di trasporto sia in regime di emergenza sia di taxi sanitario, svolte da varie figure professionali, infermieri ed autisti/soccorritori e medici, si attuano essenzialmente a seguito delle pratiche di assistenza e cura dei soggetti trasportati con ridotte od addirittura assenti capacità deambulatorie. Le suddette attività sono responsabili di esporre gli operatori a rischio di lesioni specificatamente coinvolgenti i metameri dorso-lombari del rachide, come ampiamente discusso dalla letteratura tecnica, grazie a studi di carattere epidemiologico ed all analisi del potenziale sovraccarico biomeccanico dei dischi lombari. Difatti, è stata evidenziata una stretta correlazione tra tipologia e frequenza delle operazioni di sollevamento manuale effettuate e l insorgenza di specifiche forme patologiche acute e croniche del rachide lombare ed è stato posto l accento sul superamento dei valori ritenuti tollerabili. D altro canto, proprio la necessità di garantire l insieme delle pratiche assistenziali presuppone, ben lungi dal consentire l eliminazione completa del rischio, esclusivamente una riduzione dello stesso, grazie ad una serie di iniziative, quali l introduzione di procedure corrette e di ausili, l adeguamento delle strutture, la sorveglianza sanitaria e soprattutto la formazione degli operatori. Il principio chiave sul quale si basa il metodo è il principio dello spostamento spontaneo ovvero "gesti e traiettorie compiuti dalla persona sana che effettua da se stessa lo spostamento considerato senza aver ricevuto né consegne, né insegnamenti, né modelli". Finalità: Prevenire le patologie a carico del rachide derivanti da una scorretta postura e/o da tecniche di mobilizzazione scorrette (sforzo), attraverso l'adozione di procedure razionali che favoriscano le attività di cura. Lo scopo di questa metodologia è di portare gli operatori a controllare e dominare i problemi incontrati nelle operazioni di manutenzione/movimentazione, migliorando la qualità delle cure offerte e delle condizioni lavorative. L'acquisizione di tale metodo assicura, come risultato, sicurezza nel comportamento sia per se stessi che per i malati curati; Prevenire eventuali ulteriori danni all'utente derivanti da manovre scorrette, garantendo quindi la massima sicurezza e confort nella pratica assistenziale. Il metodo di "Manutenzione manuale dei malati" è un insieme di comportamenti psicomotori che integrano il personale nella sua pratica lavorativa con il massimo confort, la massima sicurezza e la massima efficacia. Destinatari: Autisti/Soccorritori, Infermieri, Operatori Socio Sanitari, Medici, Volontari Esclusione: Nessuna Campo di applicazione: Trasporto malati sia in situazioni di emergenza sia in regime taxi-sanitario Avvertenza Limitazioni d impiego: La movimentazione manuale dei malati non preclude l'osservanza della mobilizzazione e/o trasporto del ferito che deve avvenire con particolari ausili in determinate circostanze (asse spinale, cucchiaio, materasso a depressione, ked ecc.). Cronistoria: 1 stesura - - Sartor Valter 1

2 Fondamenta e posture utilizzate Disposizioni: La seguente procedura si deve applicare ogni qualvolta si debba sollevare, spostare, trasportare, trainare, spingere carichi di qualsiasi natura: persone, oggetti. Acronimi Utilizzati nel documento: Bibliografia: - LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO NELLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI IN AMBITO OSPEDALIERO (E. Siciliano, U. Caselli, P. Desiderio, L. Nori, A. Rossi, G. Visciotti); INAIL - Direzione Regionale Abruzzo - Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione - Dotte P. Méthode de manutention manuelle des malades - Ergomotricité dans le domain du soin - généralités et education gestuelle specifique. Fascicule I. (5 edition). Paris: Maloine, Dotte P. Méthode de manutention manuelle des malades - Ergomotricité dans le domain du soin - Applications cliniques. Fascicule II. (5 edition). Paris: Maloine, Daniel Limmer, Michael F. O Keefe Pronto Soccorso e Interventi di Emergenza Decima edizione McGraw-Hill - Stryker Operations/Maintenance Manual pag. 5-15;

3 Fondamenta e posture utilizzate Tutte le situazioni di lavoro dove l operatore deve intervenire manualmente su di un carico (paziente nel nostro caso) sono poco o tanto delle circostanze che espongono l operatore a rischi muscolo scheletrici, nella fattispecie rachialgie da sforzo o da postura scorretta. Le procedure elaborate per queste situazioni sono una garanzia costituite dall adozione di POSTURE e di GESTI definiti da azioni precise: 5 posture e 4 gesti. Banco Cavaliere servente Del pesista Affondo Laterale Flesso Affondo Obliquo Respinta Arciere Fig. 7 Sgabello Fig. 8 Richiamata Fig. 9 Crociata 3

4 Rialzamento barella/letto Descrizione: Malato allungato sul dorso in un letto scivola verso la pediera. Rialzamento verso la testiera letto/barella Indicazioni: Paziente emiplegico/paraplegico /Tetraplegico e/o con ridotta capacità di deambulazione Controindicazioni: Paziente con Trauma, Lesioni da decubito dorso/sacrale Neutralizzare le due braccia. Porre una mano a cucchiaio sotto la spalla del malato. Porre l altro mano nel solco sottogluteo Orientare i gomiti per prepararsi al gesto dell arciere. Anticipare il rialzamento e spostarsi verso la testa del paziente per finire con l affondo laterale flesso Disporsi uno contro l altro, piedi leggermente arretrati in rapporto al bordo del tavolo Al segnale, agire insieme in sincronia per:. trazione in gesto d arciere, sull arrotondamento del dorso, gomiti in parte alla testa del malato Creare un effetto in sincronismo, per:. inversione dell affondo laterale. trazione orizzontale sui solchi interglutei Fig. 7 Far abbassare la testa del malato. Rilasciare le prese una ad una 4

5 Rialzamento Seduto Descrizione: Malato seduto in sedia scivola. Deve essere riposizionato con il tronco appoggiato allo schienale. Indicazioni: Paziente emiplegico/paraplegico /Tetraplegico e/o con ridotta capacità di deambulazione Controindicazioni: Paziente con Trauma, Lesioni da decubito dorso/sacrale Neutralizzare le due braccia del malato. Flettere le ginocchia del malato Assumere tutti e due la posizione a banco, un piede sotto la sedia e l altro davanti al piede corrispondente del malato Ciascuno pone il palmo della mano davanti al ginocchio del malato Uno davanti all altro, far scivolare una barra dorsale. Spostare in avanti il tronco del malato e convertire la barra nel gesto dell arciere e impegnare i gomiti all interno delle nostre ginocchia. Dare il segnale per far scivolare natiche e coscie del paziente con Fig. 7 -Gesto dell arciere sul dorso - premere sulle ginocchia del paziente con la coscia e le braccia. 5

6 Raddrizzamento Supino/Seduto Descrizione: Malato allungato sul dorso in un letto. Spostamento letto/ barella, barella/carrozzina Indicazioni: Paziente emiplegico/paraplegico e/o con ridotta capacità di deambulazione Controindicazioni: Paziente con Trauma, Tetraplegico, Anchilosato, Eccessivamente pesante, in Coma Neutralizzare il braccio con deficit. Sovrapporre l arto inf.con defcit. Far scivolare una mano sotto la spalla fino alla base del collo Porre il braccio controlaterale lungo il fianco Con il braccio libero, con un gesto di avvolgimento, porre la mano a cucchiaio in pronazione lateralmente sulla gamba allungata Far alzare la testa del malato e contemporaneamente: premere orrizzontalmente sulla presa del dorso, tirare orrizzontalmente le gambe e far ruotare il malato Appena i piedi sbordano dal bordo del letto convertire la presa a cucchiaio In una barra trasversale sopra le ginocchia per ottenere un effetto basculante verticale: Premere sulle goinocchia, sollevare il dorso e ruotare sulle punte dei piedi Fig. 7 Arrivato effettuare una posizione a sgabello di sicurezza, spostare la presa dorsale in una laterale 6

7 Raddrizzamento Seduto/Piedi Descrizione: Malato seduto su una sedia, alzata in piedi. Indicazioni: Paziente emiplegico e/o con ridotta capacità di deambulazione Controindicazioni: Paziente con Trauma, Tetraplegico, Paraplegico, Anchilosato, in Coma Neutralizzare il braccio con deficit. Proteggere l arto attivo. Inquadrare. Afferrare con la mano in supinazione la natica a livello della piega inguinale Offrire una presa in rampa e afferrare in supinazione il gomito attivo del paziente. Arretrare flettendo sulle ginocchia in modo da spostare il tronco in avanti Senza modificare la posizione del malato: inquadrare il piede attivo, spingere il gomito del malato contro il fianco Iniziare il raddrizzamento: assumere la posizione di richiamo, tirare orizontalmente la presa all inguine a braccio teso Accentuare l azione di richiamo fino alla rottura dell equilibrio, quindi Risalire con il malato sostenuto con la presa a rampa e la presa inguinale, invitandolo a spingere sulla gamba attiva Fig. 7 Arrivare verticalmente simultaneamente con il malato. Stabilizzare la presa in rampa con una iliaca. Al bisogno controllare il ginocchio attivo in caso di cedimento. 7

8 Abbassamento Piedi/Seduto Descrizione: Malato in piedi deve essere posto seduto su una sedia, barella, letto. Indicazioni: Paziente emiplegico e/o con ridotta capacità di deambulazione Controindicazioni: Paziente con Trauma, Tetraplegico, Paraplegico, Anchilosato, in Coma Sostenere la coscia proteggendo l arto con deficit con una cinghia sotto la natica. Inquadrare il piede attivo. Stabilire una presa in rampa per sostenere il gomito attivo. Spostare in avanti il piede da proteggere Lasciare il gomito attivo e scivolare sotto l ascella con una leva a cucchiaio sulla spalla Rompere la posizione eretta del malato con: una pressione sulla presa inguinale, una trazione verso noi sulla parte posteriore della spalla Senza cessare la manovra accompagnare nella discesa il malato in richiamo. di arrivare retrarre il piede esterno in contropiede Fig. 7 Quindi ritornare verticalmente verso il paziente sostenendolo sulla splalla 8

9 Abbassamento Seduto/Supino Descrizione: Malato in piedi deve essere posto sdraiato su una barella/letto. Indicazioni: Paziente emiplegico e/o con ridotta capacità di deambulazione Controindicazioni: Paziente con Trauma, Tetraplegico, Paraplegico, Anchilosato, in Coma Neutralizzare il braccio con deficit. Sovrapporre la gamba con deficit a quella attiva Mettere una mano in presa dorsale con le dita alla base del collo Posizionarsi a banco, e con il braccio libero, in pronazione teso impegnarlo sotto le gambe del malato Simultaneamente: lanciare in passerella, il braccio impegnato sotto i polpacci del malato, tirare il dorso con un gesto in rotazione girare verso la parte anteriore sul piede più vicino Arrivare di faccia al bordo del letto: -In affondo laterale flesso verso i piedi del malato. - mano in passerella sotto le gambe più distante possibile - terminare sul piano del tavolo 9

10 Trasferimento Barella/Letto-Seduto Descrizione: Malato in barella/letto in posizione supina deve essere messo seduto in sedia in maniera passiva Indicazioni: Paziente tetraplegico e/o con assente capacità di deambulazione Controindicazioni: Paziente con Trauma, Anchilosato, in Coma Neutralizzare le braccia del malato. Posizionarsi nella giunzione tra la sedia e la barella/letto, impegnarsi con una presa costo laterale e prepararsi per un affondo laterale flesso verso il letto Porre una barra ai polpacci più una barra nella piega interglutea. Posizionarsi a banco. Insieme preparasi a trasferire il malato con una azione di richiamo, traslare obliquamente il malato con le gambe oltre il bordo del letto più trasferire il busto del malato: -Passando i gomiti sopra le spalle - invertendo l affondo flesso laterale Al momento della discesa: - Sostenere la barra interglutea con la coscia adagiare il malato sulla sedia, avvolgere dall alto il busto del malato e raddrizzarlo nello schienale della sedia Fig. 7 Al bisogno riposizionarlo con un azione laterale 10

11 Trasferimento Seduto - Barella/Letto Descrizione: Malato seduto in sedia deve essere trasferito nella barella/letto in maniera passiva Indicazioni: Paziente tetraplegico e/o con assente capacità di deambulazione Controindicazioni: Paziente con Trauma, Anchilosato, in Coma A B C A: Neutralizzare le braccia del malato. Al bisogno far avanzare le natiche del paziente per una traslazione tirata. Posizionarsi a banco davanti al bordo della sedia far scivolare una barra lombare e una barra sotto i glutei, consolidata nelle ginocchia B: Posizionarsi alla giunzione tra la sedia e il letto: -Impegnarsi con una presa costale -Preparasi per un affondo flesso laterale verso la sedia C: Posizionarsi a banco per sostenere le gambe del malato in orizzontale: -Con una barra ai polpacci - una barra sotto le ginocchia A: avanzare il piede corrispondente alla barra sotto i glutei. Al segnale, alzare insieme il malato: B: tirando verso la testa C: tirando verso i piedi A: solleva le due barre senza spostare la posizione a banco; Immediatamente Trasferire: B: inversione dell affondo laterale A-C conversione delle barre in passerelle avanti Al bisogno completare la manovra centrando il malato nella barella. 11

12 Trasferimento Orizzontale Barella/Barella Descrizione: Malato in barella/letto da trasferire su altra barella/letto Indicazioni: Utile per qualsiasi tipologia di malato Controindicazioni: Paziente con Trauma spinale A B C Accertarsi che le barelle siano bloccate. Disporsi come in fig. Effettuare delle prese sul lenzuolo/telo con la mano in supinazione tenendolo in tensione nelle seguenti posizioni: -A dorsale e lombare -B coscia e polpaccio - C dorsale e coscia Assumere la posizione a banco contro il bordo: - B traslare gli arti inferiori obliquamente sull altra barella -A e B prepararsi a spingere - C preparasi a tirare Far alzare la testa del paziente A e B appoggiarsi alla barella C arriva in trazione avvolgente 12

13 Trasferimento Orizzontale Barella/Barella Passivo Descrizione: Malato in barella/letto da trasferire su altra barella/letto Indicazioni: Paziente con politrauma da trasferire in altro supporto di trasporto Controindicazioni: Nessuna Posizione operatori: -A dietro la testa del paziente - B in corrispondenza del busto - C in corrispondenza delle coscie Neutralizzare le braccia. Op.A sollevare leggermente la testa del malato far scivolare una barra occipitalecon l avambraccio Far scivolare l altra mano in supinazione, per sostenere la spalla corrispondente del paziente. Op.B far scivolare una barra dorsale e una barra lombare. Op. C far scivolare una barra sul gluteo e una barra ai polpacci Op.:B e C posizione a banco Op.: A assumere la posizione affondata laterale flessa verso il tavolo da trasferire Insieme e contemporaneamente preparasi a spostare il paziente. Al segnale, insieme: B e C: spostare le braccia in passerella avanti A: traslare con l affondo flesso laterale inverso Fig. 7 Togliere le barre una a una ritirandole in obliquo e con un leggero basculamento 13

14 Sollevamento in piedi Descrizione: Malato caduto a terra si trova in posizione seduta da rialzare in piedi. Aiutato 2 operatori Indicazioni: Paziente con emiplegia, stato confusionale, sensorio alterato Controindicazioni: trauma arti inferiori, spinale, cranico, paraplegia, tetraplegia Ciascuno realizzi una presa sui pantaloni alla piega dell inguine, e una presa alla cintura posteriore Dare l ordine al malato: -Di abbassare la testa - di afferrare i polsi di ciascun operatore Posizionarsi uno difronte all altro in posizione del pesista. Dare l ordine al malato di spingere sui polsi degli operatori e di sollevare la testa Al segnale insieme: -Alzarsi -Tirare ad arciere - premere orizzontalmente sulla presa inguinale appena messo in piedi A questo punto agire sulla cintura posteriormente per mettere a piombo il tronco del malato con i piedi Fig. 7 14

15 Modalità di sollevamento della barella Descrizione: Trasporto del paziente con sedia lungo rampa di scale Indicazioni: Tromba scale stretta e tortuosa, scala ripida e impervia Controindicazioni: paziente con trauma, anchilosato, non collaborante, in coma, A) Posizione sollevamento pesi. Il peso da alzare deve stare il più vicino possibile al corpo, gambe divaricate con piedi ben appoggiati per terra, tenere la schiena dritta e sollevare spingendo sulle gambe. B) Presa efficace: distanza delle mani circa 25cm. Afferrare il bordo della barella con mano in supinazione.

16 Presidi per Immobilizzazione e Trasporto Descrizione: presidi in uso nelle nostre ambulanze adatti per il trasporto e immobilizzazione del paziente Indicazioni:trasporto e immobilizzazione paziente traumatizzato Controindicazioni: vedi procedura di utilizzo per ogni presidio Collare cervicale Neck Loc 2 pezzi e pezzo unico Set Stecco bende Blue splint adattabili alla morfologia dell arto, non sono radiotrasparenti. Corsetto per estricazione auto, radiotrasparente Barella cucchiaio atraumatica Fermacapo per immobilizzazione del rachide cervicale nella rotazione e flessione laterale Fig. 7 Asse spinale, radiotrasparente Coquille o materasso a depressione, radiotrasparente 16

17 Paziente Traumatizzato Croce Verde Onlus Procedura decisionale per l estricazione/immobilizzazione In Auto Fuori dall auto Prono/Fianco Supino Stabile Instabile Estricazione Normale Seduto Disteso Collare Ked Spinale Collare Spinale Estricazione Rapida Collare Valuta Ked Spinale SI NO Ho 4 8 minuti Estricazione Emergenza Rautek Pericolo ambientale Arresto Respiratorio e/o Cardiaco, Trattamento immediato supino Trasporto immediato in PS Ostacolo ad altri pazienti critici T r a s p o r t o Percorso Breve Percorso Lungo Spinale Cucchiaio Asse + Ragno Spinale -> Cucchiaio -> Materassino

18 Posizionamento Asse Spinale Descrizione: Manovra di rotazione per posizionare l asse spinale Indicazioni: politrauma, ltrauma spinale Controindicazioni: nessuna se tempo di trasporto breve. Stabilizzare la testa e il collo applicando un colare cervicale Orientare l asse parallelamente al paziente Due/tre soccorritori si inginocchiano sul lato del paziente opposto a quello dell asse. La posizione delle mani: spalla, linea toraco/addomninale, ginocchia. Un soccorritore alla testa del paziente mantiene stabile il rachide cervicale Al comando del soccorritore di testa si ruota simultaneamente il paziente. ATTENZIONE mantenere l asse della colonna. Il soccorritore che si trova in corrispondenza A questo punto su comando del soccorritore dell addome affera l asse spinale avvicinandolo al che si trova alla testa si ruota verso l asse e paziente si provvede al fissaggio con il ragno 18

19 Immobilizzazione su asse spinale Descrizione: Indicazioni: Controindicazioni: Applicare le cinghie ragno di fissaggio: spalle, torace, bacino, terzo inferiore coscia, terzo inferiore gamba Applicare il fermacopo, fissandolo con le due cinghie: frontale e mentoniera Fissaggio cinghia torace e bacino terzo inferiore coscia Da rifare foto new 19

20 Abbattimento paziente su asse spinale Descrizione: posizionamento rapido di un paziente dalla posizione eretta alla posizione clinostatica con asse spinale Indicazioni: paziente con trauma spinale che si trovi in posizione ortostratica Controindicazioni: nessuna Stabilizzare il rachide cervicale applicare un collare cervicale e mantenere stabile il rachide Posizionare posteriormente l asse spinale infilandolo tra le braccia del soccorritore Allineare l asse spinale con l asse della colonna, appoggiandola al tronco del paziente Mantenendo la stabilizzazione del rachide, due soccorritori si posizionano lateralmente infilando il loro braccio sotto le ascelle del paziente con la mano afferrano il bordo dell asse. Con la mano libera afferrano il braccio del paziente stabilizzandolo lateralmente Fig. 7 Al comando si inizia la manovra di abbattimento inclinando verso il basso la spinale Fig. 8 Una volta a terra si procede al cinghiaggio. Vedi procedura relativa 20

21 Estrazione dall auto con immobilizzatore Descrizione: posizionamento di un corsetto per immobilizzazione del rachide cervico/dorso/lombare per estrazione dall auto Indicazioni: estrazione dall auto in sicurezza, incidente con dinamica maggiore, o trauma con clinica e/o dinamica suggestiva per trauma spinale Controindicazioni: necessità di estrarre il paziente in tempi rapidi. In questo caso eseguire la manovra rapida. Posizionarsi dietro al paziente e stabilizzare manualmente il rachide fino al posizionamento del collare da parte del secondo operatore Infilare dietro al tronco del paziente il corsetto. Se necessario spostare in avanti il tronco, limitando al minimo necessario la manovra Avvolgere il torace e l addome con le ali libere del corsetto e fissare le relative cinghie colorate con un sommario fissaggio che andrà perfezionato successivamente Far scivolare i cosciali con movimenti alterni sotto le coscie fino al solco sottogluteo e fissare l estremità nel rispettivo gancio, successivamente Fig. 7 perfezionare il fissaggio delle cinghie toraco addominali e pelviche. Preparasi al fissaggio della testa. Compensare l eventuale spazio cifotico con il cuscinetto Fig. 8 Fig. 9 avvolgere la testa con le ali del Immobilizzazione ultimata. Afferrare il corsetto corsetto e fissare le due cinghie: nelle relative maniglie laterali, inclinare il paziente -Frontale verso l esterno in modo da far uscire il capo dal -Mentoniera margine superiore dell auto iniziare la rotazione del tronco sulla spinale, precedentemente infilata sotto i glutei e far scivolare il paziente abassandolo nella spinale 21

22 Modalità di trasporto in barella Descrizione: Modalità di trasporto del paziente con posture obbligate o determinate dall evento patologico Indicazioni: vedi ciascuna posizione Controindicazioni: Posizione laterale Indicazioni: donna gravida, stabilizzazione fratture costali, antalgica Posizione antishock Indicazioni: stato di shock con ipotensione marcata Controindicazioni: traumi spinali. In questo caso è possibile la posizione di Trendelenburg Posizione Fowler Indicazioni: pazienti con patologia di natura medica: precordialgie, dispnea, nausea 22

23 Modalità di trasporto in sedia Discesa dalle scale Descrizione: Trasporto del paziente con sedia lungo rampa di scale Indicazioni: Tromba scale stretta e tortuosa, scala ripida e impervia Controindicazioni: paziente con trauma, anchilosato, non collaborante, in coma, Esecuzione: Portare la sedia ai piedi della scala con il ventre del paziente rivolto verso le scale. Operatore lato piedi allunga le maniglie di sollevamento del lato piedi Operatore lato testa apre le maniglie di sollevamento L operatore del lato testa è rivolto verso le scale. L operatore del lato piedi può essere sia rivolto verso il paziente, per un migliore controllo del paziente, che in avanti, per una migliore visuale delle scale e per poter affrontare meglio le manovre in caso di ostacoli.

24 Modalità di trasporto in sedia Salita delle scale Descrizione: Trasporto del paziente con sedia lungo rampa di scale Indicazioni: Tromba scale stretta e tortuosa, scala ripida e impervia Controindicazioni: paziente con trauma, anchilosato, non collaborante, in coma, Esecuzione: Portare la sedia ai piedi della scala con il dorso del paziente rivolto verso les cale. Operatore lato piedi allunga le maniglie di sollevamento del lato piedi Operatore lato testa apre le maniglie di sollevamento L operatore del lato piedi è rivolto verso le scale. L operatore del lato testa può essere sia rivolto verso il paziente, per un migliore controllo del paziente, che in avanti, per una migliore visuale delle scale e per poter affrontare meglio le manovre in caso di ostacoli.

25 Modalità di trasporto con sedia Stryker Discesa scale Descrizione: Trasporto del paziente con sedia lungo rampa di scale Indicazioni: Tromba scale stretta e tortuosa, scala ripida e impervia Controindicazioni: paziente con trauma, anchilosato, non collaborante, in coma, Esecuzione: Portare la sedia accanto alle scale e allinearle perpendicolarmente con il bordo della scale Operatore lato piedi estrarre le maniglie di sollevamento premendo i pulsanti di rilascio rossi ed estraendo le maniglie fino al loro arresto. Operatore lato testa tirare con una mano il cavetto di rilascio rosso e con l altra estrarre completamente le maniglie. Rilasciare il cavo e verificare che le maniglie siano entrambe bloccate Operatore lato testa stringere la barra di rilascio rossa del sistema del cingolato contro il tubo trasversale nero. Rilasciare la presa e far bloccare lo Stair-Tread in posizione di completa estensione. Verficare che il cingolato sia bloccato. Durante la discesa delle scale gli operatori sono uno di fronte all altro. Operatore lato testa - inclinare la sedia all indietro quanto basta perché lo Stair-Trad possa toccare il pavimento Entrambi gli operatori - mantenendo lo stesso angolo di inclinazione, portano la sedia Stair Pro al bordo delle scale, in modo da consentire allo Stair tread d posizionarsi sul primo scalino Entrambi gli operatori far scivolare la sedia fino a che i binari non siano a livello con i bordi di due o tre scalini Operatore lato testa al fine di evitare che la sedia dondoli in avanti mentre scivolo giù per le scale, esercitare una leggera pressione verso il basso sulla maniglia estensibile di controllo superiore, mentre l operatore del lato piedi esercita una leggera pressione verso l alto. Operatore lato piedi quando il sistema cingolato raggiunge l ultimo scalino, rilasciare le maniglie anteriori. Mentre l operatore lato testa inclinerà la sedia fino a far toccare le ruote anteriori a terra.

26 Modalità di trasporto in sedia Schema Generale Descrizione: Trasporto del paziente con sedia lungo rampa di scale Indicazioni: Tromba scale stretta e tortuosa, scala ripida e impervia Controindicazioni: paziente con trauma, anchilosato, non collaborante, in coma, ATTENZIONE in caso di aiuto di persone non esperte i due soccorritori si dovranno posizionare in modo incrociato. In questo modo si controlla meglio la stabilità della sedia.

27 Sedie Portantine Parti da controllare ogni tre mesi Mese Anno Sedia: Modello/n serie Tutti i fissaggi sono saldamente assicurati Tutte le saldature sono intatte, senza incrinature ne rotture Nessun tubo o lamina di metallo presenta piegature ne rotture Le ruote sono pulite e libere da detriti Tutte le ruote sono stabili e ruotano a dovere Le rotelle girevoli sono stabili, ruotano e girano liberamente I blocca rotella bloccano saldamente la ruota se inseriti La sedia si piega e si apre a dovere Il sedile e lo schienale non presenta lacerazioni ne fenditure Le cinghie di sicurezza sono intatte e funzionano a dovere Le maniglie di sollevamento lato piedi si estendono e sono stabili L e maniglie di sollevamento lato testa si aprono e si chiudono Solo per sedia Striker La maniglia sup. di controllo si estende e si blocca in tutte le posizioni Il meccanismo Stair-Tread (cingolato) si apre e si chiude La cinghia dello Stair-Tread si avvolge a dovere Stair-Tread funziona come richiesto - revisionare le cinghie Assenza di lubrificante sulle cinghie Stair Tread o sulla superf.della guida Il cavetto di rilascio della maniglia sup. non è usurato ne sfilacciato Sigla operatore che ha eseguito il controllo Eventuali note:

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE 1 DIREZIONE SANITARIA A.S.L. BRESCIA SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE PREMESSA Nella

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

Guida alla Movimentazione di Anziani non Autosufficienti

Guida alla Movimentazione di Anziani non Autosufficienti Guida alla Movimentazione di Anziani non Autosufficienti Sicurezza, prevenzione dei rischi, qualità dell assistenza e della cura, benessere dell assistito Introduzione Ausili per la movimentazione Raccomandazioni

Dettagli

Definire le tecniche di movimento del corpo; Sollevamento di sicurezza di lettini e barelle; Spostamento dei pazienti, usando la tecnica più idonea.

Definire le tecniche di movimento del corpo; Sollevamento di sicurezza di lettini e barelle; Spostamento dei pazienti, usando la tecnica più idonea. LA MOBILITAZIONE E TRASPORTO PAZIENTI Formatore Istruttore V.d.S. Infermiere Guastella G. Obiettivi Cosa significa muoversi, mobilizzarsi; Definire le tecniche di movimento del corpo; Sollevamento di sicurezza

Dettagli

CROCE AZZURRA COMO PROTOCOLLI TRAUMA I

CROCE AZZURRA COMO PROTOCOLLI TRAUMA I CROCE AZZURRA COMO PROTOCOLLI TRAUMA I Metodica di applicazione del collare cervicale (tipo Nec-loc) Indicazioni: Il collare cervicale è un dispositivo semirigido in grado di ridurre notevolmente i movimenti

Dettagli

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

MOVIMENTAZIONE PAZIENTE

MOVIMENTAZIONE PAZIENTE MOVIMENTAZIONE PAZIENTE TELO PORTAFERITI SEDIA PORTANTINA Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI Strumento fondamentale per il TRASPORTO DEI PAZIENTI. Le OPERAZIONI normalmente eseguite con la barella

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile.

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile. ESERCIZI PER LA SCHIENA La maggior parte delle persone che viene nel nostro centro soffre di dolori alla schiena. Vi consigliamo di leggere attentamente questo opuscolo e di attenervi il più possibile

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA Esercizi per la scoliosi Medicina Fisica e Riabilitativa 2 Esercizi per la scoliosi 1) Supini;

Dettagli

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA

PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA Azienda USL 6 Livorno UO Riabilitazione Funzionale PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA Anni 2008 2009 A cura delle UUOO RIABILITAZIONE FUNZIONALE AZIENDALI in collaborazione con le palestre 1 PROGRAMMA

Dettagli

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi.

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi. Dr.Italo Paolini, Medico di medicina generale, Z.T.13 AP, ASUR Marche, Via Salaria 15-63043 Arquata del tronto (AP) Tel.0736809408E-mail: italopaolini@gmail.com TERAPIA DEL DOLORE Ti propongo una serie

Dettagli

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA Introduzione: Per limitare i danni provocati alla colonna vertebrale durante l'attività sportiva e garantire una postura corretta nello sviluppo della stessa, è necessario

Dettagli

Il metodo McKenzie Alessandro Aina e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie

Il metodo McKenzie Alessandro Aina  e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie Il metodo McKenzie Alessandro Aina fisioterapista, dip MDT, docente McKenzie Studio v. Spontini 3, Milano, via Ripalta 6A San Donato Mil.se, tel 02 29527326 Si basa essenzialmente sul mantenimento di posizioni

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

A cura del Sq. Protec 1 di Giulianova. Pagina 1 di 8

A cura del Sq. Protec 1 di Giulianova. Pagina 1 di 8 Pagina 1 di 8 A cura del Sq. Protec 1 di Giulianova Introduzione In questo quaderno prenderemo in esame i principali presidi che potremmo avere bisogno di usare per eseguire uno spostamento in sicurezza

Dettagli

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA Il benessere della colonna vertebrale dipende strettamente dalla tonicità dei muscoli della schiena. Se i muscoli sono forti ed elastici grazie allo svolgimento regolare dell attività fisica, la colonna

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

LA SEDIA DA TRASPORTO O SEDIA PORTANTINA O SEDIA CARDIOPATICA

LA SEDIA DA TRASPORTO O SEDIA PORTANTINA O SEDIA CARDIOPATICA Umanità * Imparzialità * Neutralità * Indipendenza * Volontariato * Unità * Universalità CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale VV.d.S. Lazio Ispettorato Provinciale VV.d.S. Roma Area Addestramento

Dettagli

Manuale di riabilitazione cardiologica

Manuale di riabilitazione cardiologica CARDIOLOGIA Manuale di riabilitazione cardiologica Divisione di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE S.p.A. Divisione di Riabilitazione Cardiologica Manuale di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE

Dettagli

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici.

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici. Riassunto delle misure di prevenzione dell opuscolo sulla movimentazione manuale dei carichi della AUVA ( Heben und tragen ) Le immagini di questo documento provengono dall opuscolo in lingua tedesca Tutte

Dettagli

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA FIPCF FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA E CULTURA FISICA PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA PETTORALI PANCA PIANA APERTURE PANCA 30 SPALLE LENTO AVANTI ALZATE LATERALI ALZATE 90 GAMBE SQUAT AFFONDI

Dettagli

I presidi per il trasporto del paziente. VdS Andrea Masini

I presidi per il trasporto del paziente. VdS Andrea Masini I presidi per il trasporto del paziente VdS Andrea Masini A COSA SERVE LA BARELLA? Le due funzioni principali di qualsiasi tipo di barella sono trasportare e proteggere il paziente. Per questo le barelle

Dettagli

Educazione Posturale dalla scuola alla famiglia

Educazione Posturale dalla scuola alla famiglia Progetto: Educazione Posturale dalla scuola alla famiglia Dott. Gabriele Chiarandini Laurea in Scienze Motorie Laurea Specialistica in Scienza dello Sport Master in Posturologia Clinica La Posturologia

Dettagli

Jian Shen fa. del Maestro YUAN ZUMOU INTRODUZIONE

Jian Shen fa. del Maestro YUAN ZUMOU INTRODUZIONE METODO PER LA SALUTE ED IL BENESSERE Jian Shen fa del Maestro YUAN ZUMOU INTRODUZIONE Questo metodo, ispirato da An Chiao (auto-massaggio), da Tu Na (respirazione profonda) e dal Dao Yin (consapevolezza

Dettagli

I vizi del portamento e le posture corrette

I vizi del portamento e le posture corrette I vizi del portamento e le posture corrette Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo I vizi del portamento 3 gradi di gravita : ATTEGGIAMENTO VIZIATO (nessuna alterazione osteo muscolare) PARAMORFISMO (alterazione

Dettagli

RACCOLTA DI PROCEDURE PER LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI

RACCOLTA DI PROCEDURE PER LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Resp. Ing. Erminio Pace RACCOLTA DI PROCEDURE PER LA CORRETTA MOVIMENTAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CARICHI Ottobre 2012

Dettagli

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita Curare il mal di schiena Nicola Magnavita Lombalgia acuta Vivo dolore alla schiena, che insorge all improvviso dopo un movimento particolare o uno sforzo ( colpo della strega ) Colpisce il 10-15% della

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate Vedi l'articolo completo sui consigli per la protesi d'anca su www.chirurgiarticolare.it Link diretto cliccando qui... APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale

Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale A cura di: Laboratorio Larin Casa di Cura Domus Salutis - Brescia ESERCIZI DA SUPINO 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. ESERCIZI IN POSIZIONE PRONA 1. 2. 3. ESERCIZI

Dettagli

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer Più tonica e soda Hai sempre guardato con sospetto i classici pesini, pensando che non facessero per te? Dai un occhiata a queste foto e scoprirai tanti esercizi semplici in grado di scolpirti dalla testa

Dettagli

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 2007 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 101 SERVIZIO DI RECUPERO E RIABILITAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo

Dettagli

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana Dalla PROTESI d ANCA al ritorno alla vita quotidiana Opuscolo a cura di: RSA di Antey - Saint-André: Servizio di Riabilitazione Area Territoriale Fisioterapisti: Nicole Torresan e Nicoletta La Torre Tel.

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE Esercizio nr. 1) Piegate il busto in avanti in modo che sia parallelo al pavimento ed appoggiatevi con il braccio sano ad uno sgabello o ad un tavolino.

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI (Titolo VI del D. Lgs. 81/2008 s.m.i.) INDICE 1. SOLLEVARE E TRASPORTARE 3 1.1. LA RMATIVA 3 2. EFFETTI SULLA SALUTE 4 3. PRINCIPI DI PREVENZIONE 4 3.1. MOVIMENTI 4 3.2.

Dettagli

ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO

ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO 1 www.ortopediaweb.net ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO Le informazioni contenute in questo opuscolo rappresentano un aiuto per il corretto avvicinamento all intervento ed una guida alla riabilitazione

Dettagli

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna.

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna. Glossario dei movimenti ginnastici e sportivi Terminologia riferita alle posizioni e ai movimenti del corpo 1) Capo: a) flessione in avanti; b) inclinazione indietro con iperestensione del rachide cervicale;

Dettagli

POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo La colonna vertebrale presenta delle curvature fisiologiche a livello cervicale, dorsale e lombare

Dettagli

esercizi per vivere meglio con la spondilite

esercizi per vivere meglio con la spondilite esercizi per vivere meglio con la spondilite e s e r c i z i per vivere meglio con la spondilite CONSIGLI GENERALI Gli esercizi di ginnastica che vi presentiamo in questo opuscolo hanno lo scopo di aiutarvi

Dettagli

L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A

L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A Daniele Roccetti L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A - equilibrio statico e dinamico - sensori cervicali - labirinto - cervelletto - occhi - plesso solare - cervicale - circolazione - problemi articolari

Dettagli

Posizione di Attenti ; I talloni sono uniti e le Punte dei piedi divaricate A formare un angolo di Circa 45

Posizione di Attenti ; I talloni sono uniti e le Punte dei piedi divaricate A formare un angolo di Circa 45 Posizione Eretta Naturalmente ; La distanza tra i piedi Corrisponde alla Larghezza delle anche Posizione di Attenti ; I talloni sono uniti e le Punte dei piedi divaricate A formare un angolo di Circa 45

Dettagli

Il Paziente Ortopedico

Il Paziente Ortopedico Il Paziente Ortopedico Fratturato - Fratture vertebrali - Fratture di femore - Fratture di spalla In elezione - Protesi d anca - Protesi di ginocchio - Protesi di spalla Le fratture CAUSE Le fratture vertebrali

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Limite di peso da sollevare da soli Maschi adulti 25 Kg femmine adulte 20 Kg maschi adolescenti 20 Kg femmine adolescenti

Dettagli

Guida al paziente con frattura di femore trattato con

Guida al paziente con frattura di femore trattato con UNITA' OPERATIVA SERVIZI DI ASSISTENZA RIABILITATIVA AI SOGGETTI DISABILI DISTRETTO GHILARZA - BOSA Responsabile Dr.ssa Luisella Congiu 0785/562535 Guida al paziente con frattura di femore trattato con

Dettagli

RUNNING. il re degli allenamenti

RUNNING. il re degli allenamenti Naturale, dimagrante, ottima per tonificare il cuore e il sistema circolatorio. E soprattutto a costo zero. La corsa è un training senza eguali e le giornate di questo periodo, tiepide e gradevoli, invitano

Dettagli

Pubblica Assistenza Croce Italia MODULO BARELLIERI

Pubblica Assistenza Croce Italia MODULO BARELLIERI Pubblica Assistenza Croce Italia MODULO BARELLIERI Sede di Bologna Via Stalingrado, 81/2 40128 Bologna Tel. 051/6389028 http:www.croceitalia.it info@croceitalia.it L AMBULANZA La differenza sostanziale,

Dettagli

ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA

ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA 1 www.ortopediaweb.net ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA Le informazioni contenute in questo opuscolo rappresentano un aiuto per il corretto avvicinamento all intervento ed una guida alla riabilitazione post

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli 1 a Fase - Istruzioni generali Tutti gli esercizi devono essere effettuati lentamente e sotto controllo del movimento.

Dettagli

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi Esercizi iniziali Contrazioni dei muscoli flessori del ginocchio

Dettagli

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori a cura di Peppe Mele PREMESSE: Gli esercizi contenuti in questa dispensa, sono particolarmente indicati per gli atleti che

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

Manuale di. Anatomia. per lo stretching. A cura di Ken Ashwell

Manuale di. Anatomia. per lo stretching. A cura di Ken Ashwell Manuale di Anatomia per lo stretching A cura di Ken Ashwell 6 7 Sommario Prefazione 8 Come è organizzato questo libro 10 Anatomia generale 12 Regioni del corpo umano 14 Sistema muscolare 16 Sistema scheletrico

Dettagli

R282H834 Maniglia (incluso per Pulley e Speed Pulley) 402020 Fascia imbottita caviglie/polsi 25 x 8 cm

R282H834 Maniglia (incluso per Pulley e Speed Pulley) 402020 Fascia imbottita caviglie/polsi 25 x 8 cm PULLEY ACCESSORI R282H834 Maniglia (incluso per Pulley e Speed Pulley) 402020 Fascia imbottita caviglie/polsi 25 x 8 cm 402021 Fascia imbottita coscia/spalla/ testa 55 x 8 cm 402022 Fascia imbottita da

Dettagli

Centro Yoga Matsyendra

Centro Yoga Matsyendra SEMINARIO 13 MARZO 2011 YOGA PER LA SALUTE DELLA SCHIENA A cura di Margherita Buniva PREMESSA La salute della schiena dipende in buona parte dalla salute della colonna vertebrale. In assenza di patologie

Dettagli

La movimentazione manuale dei carichi

La movimentazione manuale dei carichi CORSO DI FORMAZIONE La valutazione dei rischi secondo le procedure standardizzate La movimentazione manuale dei carichi (Titolo VI e allegato XXXIII DLgs 81/2008) Rovigo. 19 aprile 2013 Dott.ssa Valeria

Dettagli

Capitolo 3. Le attività della vita quotidiana. Alessandra Negrini, Maria Gabriella Negrini, Michele Romano, Stefano Negrini.

Capitolo 3. Le attività della vita quotidiana. Alessandra Negrini, Maria Gabriella Negrini, Michele Romano, Stefano Negrini. Capitolo 3 Le attività della vita quotidiana Alessandra Negrini, Maria Gabriella Negrini, Michele Romano, Stefano Negrini Con questo Capitolo veniamo introdotti alla pratica ergonomica. Si rivedono di

Dettagli

Ricerca dei segni dello stress

Ricerca dei segni dello stress 5 Ricerca dei segni dello stress Prima di iniziare il massaggio vero e proprio, specialmente quando massaggiate una persona per la prima volta, accertate il livello dello stress attraverso la ricerca dei

Dettagli

Test capacità motorie funzionali

Test capacità motorie funzionali Test capacità motorie funzionali Con il termine capacità motorie funzionali si intendono quelle fisiologiche qualità motorie che permettono, nella vita di relazione quotidiana, un opportuno funzionamento

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

Il Mal di Schiena Imparare a Prevenirlo

Il Mal di Schiena Imparare a Prevenirlo Dr. Umberto Donati Specialista in Ortopedia e Traumatologia Specialista in Chirurgia della Mano Specialista in Medicina Legale e Assicurazioni Medico Esperto in Omotossicologia www.ortopedicoabologna.it

Dettagli

Il trattamento fisioterapico della persona affetta da SLA

Il trattamento fisioterapico della persona affetta da SLA Il trattamento fisioterapico della persona affetta da SLA Meglio aggiungere vita ai giorni che non giorni alla vita. Rita Levi Montalcini Ogni paziente è diverso, non esiste quindi un trattamento standard.

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

INDICE DEGLI ARGOMENTI

INDICE DEGLI ARGOMENTI INDICE DEGLI ARGOMENTI Importanti istruzioni di sicurezza Uso corretto 3 Assemblaggio 4 KRANKcycle: specificazioni, strumenti e assemblaggio Specificazioni modello 4 Strumenti per l assemblaggio 5 Assemblaggio

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Ergonomia in ufficio e nella vita quotidiana. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in ufficio e nella vita quotidiana. Per il bene della vostra salute Ergonomia in ufficio e nella vita quotidiana Per il bene della vostra salute Quante ore al giorno state seduti? Ogni quanto fate una pausa di movimento o di rilassamento? Avete una postazione di lavoro

Dettagli

LOJER MTT - Attrezzature per Fisioterapia

LOJER MTT - Attrezzature per Fisioterapia LOJER MTT - Attrezzature per Fisioterapia Lojer è uno dei più grandi produttori per fisioterapia e rieducazione Sollevamento carichi a partire da un peso di solo 0,5 kg LOJER PULLEY (Pulley) I pulley e

Dettagli

SINDROME DI SJӦGREN IL RUOLO DI UNA CORRETTARESPIRAZIONE

SINDROME DI SJӦGREN IL RUOLO DI UNA CORRETTARESPIRAZIONE SINDROME DI SJӦGREN La riabilitazione nella sindrome di Sjӧgren svolge un ruolo fondamentale. Essa agisce direttamente sui distretti interessati dalla malattia e parallelamente sui danni secondari, risposte

Dettagli

Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15)

Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15) Silvio Brovarone - Preparazione Atletica Giovanile 1 Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15) Introduzione L obiettivo specifico di un programma di preparazione atletica nel settore

Dettagli

Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato

Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato (edizione novembre 2011) Premessa Il presente regolamento tecnico è basato sulle regole adottate dalla Federazione Italiana Nuoto (FIN) ed adattate alle esigenze

Dettagli

Tecnosad nasce nel 1998 con il preciso intento di migliorare l efficienza e la qualità degli strumenti di movimentazione riferiti alla persona

Tecnosad nasce nel 1998 con il preciso intento di migliorare l efficienza e la qualità degli strumenti di movimentazione riferiti alla persona IMBRACATURE Tecnosad nasce nel 1998 con il preciso intento di migliorare l efficienza e la qualità degli strumenti di movimentazione riferiti alla persona assistita o non autosufficiente. Chi deve assistere

Dettagli

Il lavoro al Videoterminale (VDT)

Il lavoro al Videoterminale (VDT) Servizio Prevenzione e Protezione Viale Innovazione, 2-Edificio U11-20126 Milano tel.02-64486190-fax 02-64486191 Il lavoro al Videoterminale (VDT) Effetti sulla salute e prevenzione I videoterminali Negli

Dettagli

Valutazione delle condizioni mediche. Valutazione delle condizioni mediche

Valutazione delle condizioni mediche. Valutazione delle condizioni mediche Pagina 1 / 2 andare alla pagina: 1 6 Posizione del M/L Posizione del A/P Peso corporeo Determinare il peso corporeo. Prendere già in considerazione eventuali variazioni prevedibili (ad es. oscillazioni

Dettagli

ESERCIZI PER TUTTI I GIORNI PER CONTINUARE A PRENDERSI CURA DELLA PROPRIA SCHIENA. Per le foto ringraziamo Nicoletta VERGARO

ESERCIZI PER TUTTI I GIORNI PER CONTINUARE A PRENDERSI CURA DELLA PROPRIA SCHIENA. Per le foto ringraziamo Nicoletta VERGARO ASL 4 CHIAVARESE DIPARTIMENTO della RIABILITAZIONE e della DISABILITA Direttore: Dott.ssa Valeria LEONI S.C. MEDICINA FISICA E RIABILITATIVA A cura di: Mirella DEFILIPPI - Sonia CERETTO CASTIGLIANO - Alice

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

Consigli utili per il paziente operato di protesi d'anca

Consigli utili per il paziente operato di protesi d'anca Consigli utili per il paziente operato di protesi d'anca Da seguire per le prime 6-10 settimane (due mesi circa) dopo l'intervento di protesi d'anca I seguenti consigli servono a evitare la lussazione

Dettagli

ESERCIZI PER I GLUTEI

ESERCIZI PER I GLUTEI ESERCIZI PER I GLUTEI BREVE ANATOMIA DEI GLUTEI La regione glutea è rappresentata dal grande gluteo, dal medio gluteo e dal piccolo gluteo, con funzione di abdurre il femore. Il grande gluteo, assieme

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Una corretta attività fisica svolge un azione molto favorevole sull apparato cardiovascolare, riduce tutti i principali

Dettagli

MANUALE D USO e GUIDA ASSEMBLAGGIO Pedana Vibrante

MANUALE D USO e GUIDA ASSEMBLAGGIO Pedana Vibrante FOR MODEL : V 1000 MANUALE D USO e GUIDA ASSEMBLAGGIO Pedana Vibrante version 001 C 2008 Merit Fitness Products INTRODUZIONE Grazie per aver acquistato la Pedana Vibrante Merit Tutto ciò che è riportato

Dettagli

Serie. Codice 30PA312. 30pa10000. 30pa10004cl. 30pa10013 30pa10012 30pa10015. Serie Percorso 16 staz. Codice 30PA316. Codice stazione.

Serie. Codice 30PA312. 30pa10000. 30pa10004cl. 30pa10013 30pa10012 30pa10015. Serie Percorso 16 staz. Codice 30PA316. Codice stazione. Percorso staz. Percorso staz. 0PA0 0pa000cl 0pa00 Percorso 0 staz. 0PA 0 0pa000cl 0pa000 0pa000 0pa00 0pa00 0pa00 0pa000 0pa000 Si tratta di un insieme armonico di stazioni per esercizi fisici, studiati

Dettagli

Riabilitazione motoria dopo intervento di dissezione latero-cervicale

Riabilitazione motoria dopo intervento di dissezione latero-cervicale Riabilitazione motoria dopo intervento di dissezione latero-cervicale Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie

Dettagli

ANATOMIA PRINCIPALE PRINCIPI DI ALLENAMENTO ESERCIZI GLOBALI TORSIONI ESERCIZI ADDOMINALI ESERCIZI POS PRONA ESERCIZI CON SOVRACCARICO ESERCIZI CON

ANATOMIA PRINCIPALE PRINCIPI DI ALLENAMENTO ESERCIZI GLOBALI TORSIONI ESERCIZI ADDOMINALI ESERCIZI POS PRONA ESERCIZI CON SOVRACCARICO ESERCIZI CON ADDOMINALI TRAINING ARGOMENTO PAGINA ANATOMIA PRINCIPALE PRINCIPI DI ALLENAMENTO ESERCIZI GLOBALI TORSIONI ESERCIZI ADDOMINALI ESERCIZI POS PRONA ESERCIZI CON SOVRACCARICO ESERCIZI CON GYM BALL ESERCIZI

Dettagli

Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca

Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca Dipartimento Neuro Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca A cura di: Dott.ssa Procicchiani Donatella

Dettagli

Consigli pratici per l installazione del vostro posto di lavoro

Consigli pratici per l installazione del vostro posto di lavoro Schweizerische Eidgenossenschaft Confédération suisse Confederazione Svizzera Confederaziun svizra Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro CFSL Consigli pratici per l installazione

Dettagli