PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA"

Transcript

1 Azienda USL 6 Livorno UO Riabilitazione Funzionale PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA Anni A cura delle UUOO RIABILITAZIONE FUNZIONALE AZIENDALI in collaborazione con le palestre 1

2 PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER SINDROMI ALGICHE DA IPOMOBILITA DELLA COLONNA. Il protocollo si divide in due parti: la prima consiste di una serie di esercizi di riscaldamento della durata di 15 circa, la seconda parte consiste di esercizi specifici per il segmento di riferimento. L ingresso al protocollo specifico avverrà comunque previa valutazione dell operatore ASL. L attività fisica adattata è: 1. non sanitaria 2. continua (nell anno) 3. specifica (per la particolare condizione di algia da ipomobilità) 4. consigliata da operatori SSN 5. controllata (dal SSN, con criterio di accreditamento) I soggetti target Sesso: entrambi Età: adulta e per soggetti in età giovanile con patologia cronica dichiarata da specifica documentazione clinica. Criteri di inclusione A. Tipologia della sindrome algica dolore cronico e/ o articolare alla colonna e cingoli scapolo-omerali e pelvici. B. Le condizioni necessarie: limitazioni motorie croniche i soggetti operati possono entrare nel percorso 1 solo dopo l ultimo controllo stabilito dallo specialista di riferimento e comunque se raggiunti gli obiettivi riabilitativi prefissati. capacità di deambulazione autonoma anche se con ausilio capacità di collaborazione e interazione possibilità di raggiungere la palestra autonomamente o con supporto familiare. C. Criteri da osservare durante lo svolgimento: evitare dolore acuto articolare e muscolare evitare posizioni di rischio per portatori di protesi D. Condizioni necessarie per lo svolgimento dell attività fisica in acqua: buona acquaticità integrità della cute controllo sfinterico assenza di patologie cardiache gravi 2

3 Cognome e Nome Data Valutazione iniziale intermedia V.A.S. Dolore (Visual Analogic Scale) Assente Il più forte dolore 3

4 Cognome e Nome Data Valutazione iniziale intermedia Questionario sullo stato di salute SF-12 (The Short Form 12 Health Survey) Versione Italiana Standard 1.0 Istruzioni: Questo questionario è per valutare cosa Lei pensa della Sua salute, come si sente e come riesce a svolgere le Sue attività quotidiane. Risponda a ciascuna domanda barrando la risposta che Le sembra più idonea. 1. In generale direbbe che la Sua salute è: Eccellente(1) Molto Buona(2) Buona(3) Passabile(4) Scadente(5) Le seguenti domande si riferiscono ad attività che può svolgere nel corso di una qualsiasi giornata. La Sua salute, attualmente, La limita nello svolgimento di queste attività? Nelle ultime salire Attività 4 qualche settimane di moderato piano ha riscontrato di impegno scale. i seguenti fisico, come problemi spostare sul lavoro un tavolo, o nelle usare altre attività quotidiane, l aspirapolvere, a causa giocare della Sua a bocce, salute fisica? o fare un giretto in bicicletta. Si, mi limita Si, mi limita No, non mi limita parecchio(1) Si, 2. mi limita Ha reso meno di quanto avrebbe parzialmente(2) Si, mi limita voluto? SI(1) No, NO(2) non affatto(3) mi limita parecchio(1) parzialmente(2) 3. Ha dovuto limitare alcuni tipi di lavoro o di affatto(3) Altre attività SI(1) NO(2) Nelle ultime 4 settimane, ha avuto problemi sul lavoro o in altre attività quotidiane a causa del Suo stato emotivo (quale il sentirsi depresso o ansioso)? 4. Ha reso meno di quanto avrebbe voluto? SI(1) NO(2) 5. Ha avuto un calo di concentrazione sul SI(1) NO(2) lavoro o in altre attività? 4

5 6. Nelle ultime 4 settimane, in che misura il dolore l ha ostacolata nel lavoro che svolge abitualmente (sia in casa che fuori)? Per nulla Molto poco Poco Molto Moltissimo Le seguenti domande si riferiscono a come Lei si è sentito nelle ultime 4 settimane. Scelga la risposta che più si avvicina al Suo caso. Per quanto tempo, nelle ultime 4 settimane si è sentito. 7. calmo e sereno 8. pieno di energia 9. scoraggiato e triste Sempre(1) Quasi Molto una parte Quasi Mai(6) Sempre(2) tempo(3) del tempo(4) mai(5) 10. Nelle ultime 4 settimane, per quanto tempo la Sua salute fisica o il Suo stato emotivo hanno interferito nelle Sue attività sociali, in famiglia, con gli amici? Sempre(1) Quasi Molto una parte Quasi Mai(6) Sempre(2) tempo(3) del tempo(4) mai(5) 5

6 Cognome e Nome Data Valutazione iniziale intermedia Womac (Western Ontario Mc Master) Istruzioni: Questo questionario è per valutare come la malattia condizioni la Sua l autonomia nelle attività quotidiane. Per ogni situazione elencata descriva il grado di dolore provato contrassegnando il numero appropriato. Le domande che seguono fanno riferimento alla quantità di dolore che Lei prova attualmente Dolore Nessuno Lieve Medio Forte Fortissimo 1. Camminare in piano Salire e scendere le scale A letto di notte Seduti o distesi In piedi sull'attenti Le domande che seguono fanno riferimento alla quantità di rigidità articolare (non il dolore) che Lei prova attualmente Per rigidità si intende una sensazione di restrizione o di maggiore lentezza nel muovere l'articolazione. Rigidità Nessuna Lieve Media Forte Fortissima 1. La mattina al risveglio Nel corso della giornata dopo essere stati seduti, distesi o a riposo

7 Le domande che seguono fanno riferimento alla Sua funzione fisica, cioè la capacità di muoversi ed essere autosufficienti. Per ognuna delle situazioni elencate descriva il grado di difficoltà provato Limitazione Nessuna Lieve Media Forte Fortissima 1. Scendere la scale Salire le scale Alzarsi da seduto Stare in piedi Chinarsi a terra Camminare in piano Entrare e uscire dalla macchina Fare la spesa Indossare la calze Alzarsi dal letto Levarsi le calze Coricarsi a letto Entrare e uscire dalla vasca Sedersi sedersi e alzarsi dal water Compiere attività molto impegnative compiere attività poco impegnative attività di cui si è persa l abilità Mantiene l equilibrio monopodalico con appoggio: Mantiene l equilibrio monopodalico senza appoggio: Capacità di sdraiarsi e alzarsi da terra Aggiungere specifiche per AA.Inf./ AA.Sup./ Colonna... 7

8 Attività Fisica Adattata: Esercizi di riscaldamento. Da Seduti: 1. Esercizi di respirazione:inspirare, gonfiare l addome, espirare lentamente. 2. FLESSO-ESTENSIONE DEL CAPO Seduti con il tronco eretto, il capo allineato e gli arti superiori lungo i fianchi. Flettere lentamente il capo in avanti e ritorno. Successivamente estendere il capo indietro e ritorno alla posizione di partenza. 3. INCLINAZIONE LATERALE DEL CAPO Seduti come nell esercizio 1). Inclinare lentamente il capo come per toccare con l orecchio la spalla. Tornare nella posizione di partenza ed eseguire lo stesso esercizio dal lato opposto. 8

9 4. ROTAZIONE LATERALE DEL CAPO Seduti come nell esercizio 1). Ruotare il capo come per andare a vedere dietro le spalle. Tornare nella posizione di partenza ed eseguire lo stesso esercizio dal lato opposto. 5. Arti superiori lungo il tronco, inclinarsi da un lato e dall altro. 6. AUTOALLUNGAMENTO Autoallungamento, mantenere le spalle basse, spingere il capo verso l alto cercando di allungarsi, in questa fase mantenere il mento basso per cercare di estendere anche il tratto cervicale. Rilassamento. Ripetere l esercizio 4/5 volte. 9

10 7. Arti inferiori divaricati, arti superiori flessi a 180 con gomiti estesi, effettuare movimenti circolari del tronco. Attenzione Protesi di Spalla 8. Esercizi di pompa: aprire e chiudere le mani in varie posizioni: in alto ed in basso, di lato, in avanti 9. Esercizi per gli arti superiori: arti superiori in abduzione, eseguire la flesso estensione e circonduzione del polso, avvicinare il pollice alle altre dita, ripetere 5 volte. 10. Seduto su una sedia, schiena dritta e mani dietro la nuca: inspirare spingendo i gomiti indietro (addurre le scapole) ed espirare avvicinando i gomiti davanti al viso ( abducendo le scapole). Attenzione Protesi di Spalla 10

11 11. Seduto con schiena dritta ed arti superiori leggermente flessi ai gomiti: estendere gli arti superiori adducendo le scapole ed estendere contemporaneamente il capo, tornare alla posizione di partenza. 12. Seduto con gli arti superiori lungo i fianchi: portare in alto gli arti superiori in abduzione e tornare alla posizione di partenza. Attenzione Protesi di Spalla 13. Seduto con le mani appoggiate sulle cosce: abdurre sul piano orizzontale gli arti superiori estesi ai gomiti con il palmo delle mani rivolte verso l alto, adducendo le scapole e riportarle verso il basso. 14. Seduto con bastone tenuto a due mani appoggiato sugli arti inferiori: portare il bastone in alto sopra il capo e riportarlo alla posizione di partenza. Attenzione Protesi di Spalla 11

12 Esercizi In Piedi 15. Marcia sul posto, oscillando alternativamente gli arti superiori. Esercizi in appoggio monopodalico 16. Sollevare alternativamente un ginocchio verso il petto e ritorno. * protesi d anca non superare Portare alternativamente un arto inferiore in abduzione con gli arti superiori ai fianchi e ritorno. Attenzione Protesi Anca 18. Abdurre alternativamente gli arti inferiori a ginocchio esteso. 19. Portare alternativamente un arto inferiore indietro, appoggiando il piede a terra e ritorno. 12

13 20. Oscillare un arto inferiore avanti ed indietro alternativamente. 21. Salire e scendere su un piccolo panchetto. Ripetere 4/5 volte. 22. Appoggiati allo schienale di una sedia: portare avanti un piede piegando il ginocchio ed estendere il ginocchio controlaterale, mantenendo la posizione per 20 secondi; ripetere 5 volte per parte. 23. Appoggiati con una sola mano alla sedia, ruotare verso l alto l arto superiore opposto. Alternare. Ripetere 4/5 volte. Attenzione Protesi Spalla 24. Ripetere la marcia sul posto, oscillando alternativamente gli arti superiori. 13

14 Esercizi Posizione Supina ATTIVITA FISICA ADATTATA: COLONNA Caratteristica per l accesso agli esercizi a terra, la capacità e possibilità del soggetto di sdraiarsi e rialzarsi da terra. 1. Appiattimento / allungamento del tratto cervicale. 2. Retroversione del bacino: ginocchia flesse, piedi a terra, appiattire il tratto lombare. Mantenere la posizione con la colonna aderente a terra per Eseguire contemporaneamente gli esercizi 1 e Retroversione del bacino, ginocchia flesse ed arti superiori distesi lungo i fianchi. Flettere in modo alternato gli arti superiori fino a toccare il pavimento mantenendo la retroversione del bacino. 5. Retroversione del bacino, ginocchia flesse ed arti superiori lungo i fianchi. Flettere contemporaneamente gli arti superiori fino al pavimento mantenendo la retroversione. 14

15 6. Ginocchia flesse ed arti superiori dietro la nuca. Mantenendo le spalle a terra, portare un arto inferiore sull altro ed abbandonarli da un lato. Ripetere alternativamente. *Vietato alle PTA Attenzione Protesi Spalla Attenzione Protesi di Ginocchio 7. Ginocchia flesse, piedi a terra, portare un anca e ginocchio a 90, poi l altro e mantenere la posizione per 10. Riportare a terra gli arti inferiori uno alla volta. Attenzione PTA 8. Sollevare o tentare di sollevare dal suolo il tratto dorso lombare. 9. Partendo con gli arti inferiori flessi, portare un ginocchio al petto aiutandosi con le mani. Mantenere 5 e tornare nella posizione di partenza. Cambiare arto.* *Vietato alle PTA 15

16 10. Partendo a ginocchia flesse, portare gli arti superiori verso le ginocchia sollevando il capo e le spalle da terra, mantenendo la retroversione del bacino. 11. Partendo da ginocchia flesse, estendere arto sup. e inf. dx., contemporaneamente flettere l arto inf. sn. aiutandosi con la mano omolaterale. Invertire lato.* *Vietato alle PTA 12. Un ginocchio è tenuto al petto con entrambe le mani, l altro arto inferiore è disteso, flettere l anca a 90 e tornare alla posizione di partenza. Per i protesizzati di anca l alternativa è mantenere il piede del lato protesizzato a terra. Ripetere dall altra parte. *Vietato alle PTA 13. Posizione di partenza come sopra. Fare delle circonduzioni più o meno ampie con l arto inferiore disteso. Differenziare il grado di inclinazione a seconda delle capacità del soggetto. Per i protesizzati di anca l alternativa è mantenere il piede del lato protesizzato a terra. Ripetere dall altra parte. *Vietato alle PTA Attenzione al Cardiopatico 16

17 14. Arti inferiori con ginocchia flesse. Un arto superiore abdotto, appoggiato a terra; l altro flesso e supinato si porta a toccare il ginocchio controlaterale. Ripetere con l altro arto. 15. Autoallungamento. Arti inferiori distesi ed arti superiori flessi a 180 sopra il capo. Cercare di allungarsi in entrambe le direzioni per 10 secondi. Ripetere ¾ volte. 16. Arti inferiori flessi con i piedi in appoggio vicino ai glutei ed arti superiori distesi lungo i fianchi. Portare le ginocchia verso il petto e tornare alla posizione di partenza. *Vietato alle PTA Attenzione Protesi di Ginocchio 17. Come l esercizio precedente, alternando gli arti inferiori. Eseguire 10 ripetizioni con un arto e poi con l altro. *Vietato alle PTA 17

18 18. Partendo con arti inferiori e ginocchia flesse ed arti superiori in abduzione a 90, ruotare lentamente il capo da una parte e gli arti inferiori dall altra mantenendo la retroversione del bacino. Invertire senso di rotazione capo-arti inferiori. *Vietato alle PTA 19. Posizione del gomitolo : arti inferiori flessi verso il petto, sorretti dagli arti superiori, la fronte verso le ginocchia. Si mantiene la posizione per 10.* *Vietato alle PTA 20. Posizione in decubito supino, arti superiori supinati abdotti in appoggio a terra, arti inferiori distesi. Portare un ginocchio al petto (es. dx) e farlo cadere dal lato opposto (sx) facendo una torsione lombare. La mano(sx) va ad appoggiarsi sul ginocchio favorendo la discesa verso il basso per aumentare la torsione. Mantenere 15 secondi e cambiare lato. Ripetere 2 volte per lato. *Vietato alle PTA 18

19 Esercizi Posizione Prona (compatibilmente alle capacità del soggetto a mantenere tale posizione) 1. Si chiede il massimo allungamento possibile con gli arti inferiori e superiori in completa estensione e successivo rilasciamento. 2. Posizione della sfinge : il soggetto, appoggiato sui gomiti, estende e flette il tratto cervicale. Esercizi posizione quadrupedica 1. Portare il capo verso l alto accentuando la lordosi lombare e portare il capo verso il basso accentuando la cifosi lombare. Attenzione Protesi Ginocchio 2. Dalla posizione quadrupedica allungare le mani sul pavimento, scendendo con i glutei verso i talloni e mantenendo la colonna allungata. Vietato alle protesi di anca. *Vietato alle PTA Attenzione Protesi Ginocchio 19

20 3. Partendo dalla posizione quadrupedica avvicinare e allontanare i glutei dai talloni. Vietato alle protesi di anca. *Vietato alle PTA Attenzione Protesi Ginocchio 4. Posizione quadrupedica, fletterea 180 un arto superiore con gomito esteso ed estendere contemporaneamente l arto inferiore opposto. Eseguire senza alternare per 5/8 ripetizioni in modo continuo. Variante: mantenere la posizione 2/3 secondi prima di tornare alla posizione di partenza. Ripetere dall altro lato. Attenzione al cardiopatico e Protesi Ginocchio Attenzione al cardiopatico e Protesi Ginocchio 5. Effettuare una torsione del tronco abducendo ed estendendo un arto superiore supinato. L altra mano rimane in appoggio a terra. Il capo accompagna il movimento di torsione guardando la mano. Eseguire alternando. *Vietato alle PTA Attenzione Protesi Ginocchio e Spalla 6. Posizione quadrupedica: flettere a 180 un arto superiore con gomito esteso,cercando di portarlo in linea con la spalla opposta, mentre l arto inferiore omolaterale si estende portando il piede oltre quello opposto. Tenere la posizione per 10 secondi e cambiare lato. Ripetere 2 volte. Vietato alle protesi d anca. *Vietato alle PTA Attenzione Protesi Ginocchio e Spalla 20

21 Esercizi posizione seduta 1. Arti inferiori divaricati, arti superiori flessi a 180 con gomiti estesi, effettuare movimenti circolari del tronco. 2. Arti superiori flessi a 180 con gomiti estesi, spingerli alternativamente verso l alto sollevando le spalle. 3. Posizione come esercizio precedente, flessioni del tronco e leggere iperestensioni. Attenzione PTA e Protesi Spalla 21

22 4. Arti superiori lungo il tronco, inclinarsi da un lato e dall altro. 5. Flettere il tronco in avanti portando le mani verso terra e sollevarsi lentamente partendo dal tratto lombare ( srotolamento della colonna ) Attenzione PTA 6. Arti superiori lungo i fianchi, fletterli a 180 con gomiti estesi, ridurre la lordosi cervicale autoallungandosi. Mantenere la posizione per 10 e riportare lentamente gli arti superiori verso il basso. Attenzione Protesi Spalla 7. Ruotare il tronco verso dx e sin accompagnando il movimento con gli arti superiori flessi a 90 e la rotazione del capo. 22

23 8. Un arto superiore (es. dx) flesso a 180 con gomito esteso, l altro (sx) con la mano sul fianco. L arto superiore dx si allunga in alto e verso il lato opposto mentre il sx esercita una pressione contro il fianco. Attenzione Protesi Spalla 9. Torsione del tronco cercando di afferrare lo schienale della sedia con la mano opposta al lato verso cui si effettua la torsione. Mantenere 15 secondi e cambiare lato. Attenzione Protesi Spalla 10. Incrociare le mani dietro la nuca, flettere la parte alta del dorso e il tratto cervicale. Mantenere 15 secondi. Ripetere 3 volte 23

24 Posizione in piedi 1. Flesso- estensione del capo In piedi con la schiena eretta, il capo allineato ed arti superiori lungo i fianchi. Flettere lentamente il capo in avanti e ritorno. Successivamente estendere il capo indietro e ritorno alla posizione di partenza. 2. Inclinazione laterale del capo Inclinare lentamente il capo come per toccare con l orecchio la spalla. Tornare nella posizione di partenza ed eseguire lo stesso movimento dal lato opposto. 3. Rotazione laterale del capo Ruotare il capo a dx. Tornare nella posizione di partenza ed eseguire lo stesso movimento dal lato opposto. 24

25 4. Arti superiori lungo il tronco, inclinarsi da un lato e dall altro. 5. Arti superiori lungo i fianchi, fletterli a 180 con gomiti estesi, ridurre la lordosi cervicale autoallungandosi, mantenere la posizione per 10 e riportare lentamente gli arti superiori in posizione di partenza. Attenzione Protesi Spalla 6. Mani sui fianchi: portare il bacino avanti e indietro, oscillare il bacino a dx e a sin., ruotare il bacino a dx e a sin circondurre il bacino a dx e a sin. 7. Arti inferiori leggermente divaricati, mani appoggiate sulla parte posteriore del bacino. Estensione della colonna compreso il tratto cervicale. 25

26 8. Flettere il tronco in avanti portando le mani verso terra e sollevarsi lentamente partendo dal tratto lombare ( srotolamento della colonna ) piegando leggermente le ginocchia. Vietato PTA 9. Arti inferiori divaricati, leggermente flessi e in extrarotazione, mani in appoggio sulle ginocchia, portare in cifosi ed in lordosi la colonna lombare. 10. Arti inferiori divaricati, mani in appoggio sulle ginocchia, antiversione e retroversione del bacino. 11. Arti inferiori divaricati, mani in appoggio sulle ginocchia, portare la spalla verso il ginocchio opposto e viceversa accompagnando il movimento con la rotazione del capo. 26

27 12. Arti superiori in appoggio anteriore, esercitare una pressione con il palmo della mano verso il basso per 5/6 secondi, mantenendo gli arti superiori a gomito esteso. Ripetere il movimento 4/5 volte. 13. Esercizi di equilibrio: Seduti su una sedia, alzarsi in piedi e risedersi. Ripetere il movimento 4/5 volte. Esercizi con il bastone 1. Arti inferiori divaricati, bastone in appoggio sulle spalle dietro la nuca o davanti al collo con gli arti superiori flessi. Flessioni laterali alternate del tronco. Attenzione Protesi Spalla 27

28 2. Arti inferiori divaricati leggermente flessi, bastone in appoggio sulle spalle dietro la nuca o davanti al collo, con gli arti superiori flessi eseguire torsioni del busto a dx e sx. Attenzione Protesi Spalla 3. Arti inferiori uniti, bastone in appoggio sulle spalle dietro la nuca o davanti al collo, con gli arti superiori flessi eseguire flessioni del tronco, tornare alla posizione di partenza. Attenzione Protesi Spalla Posizione in piedi appoggiati con le spalle al muro 1. Appiattimento del tratto lombare e del tratto cervicale, scivolamento verso il basso flettendo le ginocchia e ritorno. 2. Flettere il tronco in avanti portando le mani verso terra e sollevarsi lentamente partendo dal tratto lombare ( srotolamento della colonna ) flettendo leggermente le ginocchia. Attenzione PTA 28

29 Posizione in piedi faccia al muro 1. Scivolare con le mani verso l alto dal petto al massimo allungamento possibile e ritorno. 2. Mantenendo le mani appoggiate al muro all altezza delle spalle, arto inf. destro in avanti con ginocchio flesso, arto inf. sinistro esteso indietro. Il ginocchio dell arto in avanti cerca di raggiungere il muro. Mantenere i gomiti estesi. ESERCIZI PER LA COLONNA IN ACQUA RACCOMANDAZIONI: non utilizzare supporti per non incrementare lo sforzo già contro resistenza. Gli esercizi saranno adattati alla tipologia dell impianto in riferimento all altezza dell acqua. RISCALDAMENTO Esercizio globale in acqua, altezza minima al torace. Deambulazione flettendo il ginocchio verso il petto e contemporaneamente arti superiori abdotti con gomiti flessi e pronazione delle mani poste di fronte al petto. Estendere i gomiti, abdurre gli arti superiori e flettendo i gomiti tornare alla posizione di partenza. Ripetere più volte. 29

30 ESERCIZI: 1. Tenendo verticale la posizione del corpo, camminare 2. Camminare eseguendo 8 falcate lente e 8 più veloci. ( Attenzione al Cardiopatico) 3. Camminare aiutandosi con le braccia che spingono l acqua verso dietro 4. Marcia sul posto oscillando alternativamente gli arti superiori 5. Deambulazione in senso circolare invertendo il senso di marcia. 6. Deambulare sulle punte. 7. Deambulazione ad anca e ginocchio flessi avanti indietro - latero-laterale 8. Arti superiori lungo il tronco, inclinarsi da un lato e dall altro. 9. Mani sui fianchi: portare il bacino avanti e indietro, oscillare il bacino a dx e a sin., ruotare il bacino a dx e a sin circondurre il bacino a dx e a sin. 10. Arti inferiori leggermente divaricati, mani appoggiate sulla parte posteriore del bacino. Estensione della colonna compreso il tratto cervicale. 11. Ruotare il tronco verso dx e sin accompagnando il movimento con gli arti superiori flessi a 90 e la rotazione del capo. 12. ESERCIZI SUL POSTO CON MANI IN APPOGGIO AL BORDO Portare entrambe le ginocchia al petto e contemporaneamente flettere il capo avanti. Portare un ginocchio in flessione verso l arto superiore opposto con piccola rotazione del bacino. Tenendo le ginocchia flesse avanti a 90, oscillare gli arti inferiori a dx e a sx e ritornare con gli arti inferiori estesi in basso Flettere il tratto dorsale della colonna portando le spalle avanti ed estendere il tratto dorsale portando le spalle indietro e il capo iperestesa verso l alto. 13. TUBO TENUTO DIETRO AL CORPO SOTTO LE BRACCIA Arti inferiori flessi a 90, flesso estensione alternata delle anche. Corpo in posizione distesa, flesso estensione alternata delle anche. Corpo in posizione distesa e mani che spingono l acqua avanti Arti inferiori flessi a 90 che eseguono delle abduzioni e adduzioni a ginocchia estese e mani che spingono l acqua in avanti Corpo in galleggiamento laterale, flesso estensioni degli arti inferiori a ginocchio esteso. Alternare. Corpo in galleggiamento laterale, flesso estensioni degli arti inferiori a ginocchio flesso. Alternare. Bicicletta con gli arti inferiori portando gli arti superiori abdotti con gomiti flessi e pronazione delle mani poste di fronte al petto. Estendere i gomiti Abdurre gli arti superiori e flettendo i gomiti tornare alla posizione di partenza. Ripetere più volte. ESERCIZI DI RILASSAMENTO A COPPIA 1. Una persona si pone in posizione supina con gli arti superiori abdotti a 90, l altra la sostiene sotto le ascelle e, camminando all indietro, la trascina. 2. Stessa posizione dell esercizio precedente, la presa avviene sopra il cavo popliteo, dopo aver fatto passare le caviglie del compagno sotto le ascelle. Durante il trascinamento, si può far oscillare lentamente il corpo verso dx e sin. 30

31 ESERCIZI IN ACQUA ALTA: TENENDO IL TUBO DAVANTI AL CORPO SOTTO LE BRACCIA: 1. Tenendo verticale la posizione del corpo, camminare. 2. Camminare eseguendo 8 falcate lente e 8 più veloci. (Attenzione al Cardiopatico) 3. Camminare aiutandosi con le braccia che spingono l acqua verso dietro. 4. Marcia sul posto oscillando alternativamente gli arti superiori. 5. Bicicletta con gli arti inferiori portando gli arti superiori abdotti con gomiti flessi e pronazione delle mani poste di fronte al petto. Estendere i gomiti Abdurre gli arti superiori e flettendo i gomiti tornare alla posizione di partenza. Ripetere più volte. 6. Deambulazione ad anca e ginocchio flessi avanti indietro, latero laterale. 7. Ruotare il tronco verso dx e sin accompagnando il movimento con gli arti superiori flessi a 90 e la rotazione del capo 8. ESERCIZI SUL POSTO CON MANI IN APPOGGIO AL BORDO Portare entrambe le ginocchia al petto e contemporaneamente flettere il capo avanti. Portare un ginocchio in flessione verso l arto superiore opposto con piccola rotazione del bacino. Tenendo le ginocchia flesse avanti a 90, oscillare gli arti inferiori a dx e a sx e ritornare con gli arti inferiori estesi in basso Flettere il tratto dorsale della colonna portando le spalle avanti ed estendere il tratto dorsale portando le spalle indietro e il capo iperesteso verso l alto. 9. TUBO TENUTO DIETRO AL CORPO SOTTO LE BRACCIA Arti inferiori flessi a 90, flesso estensione alternata delle anche. Corpo in posizione distesa, flesso estensione alternata delle anche. Corpo in posizione distesa e mani che spingono l acqua avanti Arti inferiori flessi a 90 che eseguono delle abduzioni e adduzioni a ginocchia estese e mani che spingono l acqua in avanti Corpo in galleggiamento laterale, flesso estensioni degli arti inferiori a ginocchio esteso. Alternare. Corpo in galleggiamento laterale, flesso estensioni degli arti inferiori a ginocchio flesso. Alternare. 31

Manuale di riabilitazione cardiologica

Manuale di riabilitazione cardiologica CARDIOLOGIA Manuale di riabilitazione cardiologica Divisione di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE S.p.A. Divisione di Riabilitazione Cardiologica Manuale di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi.

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi. Dr.Italo Paolini, Medico di medicina generale, Z.T.13 AP, ASUR Marche, Via Salaria 15-63043 Arquata del tronto (AP) Tel.0736809408E-mail: italopaolini@gmail.com TERAPIA DEL DOLORE Ti propongo una serie

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA Esercizi per la scoliosi Medicina Fisica e Riabilitativa 2 Esercizi per la scoliosi 1) Supini;

Dettagli

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna.

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna. Glossario dei movimenti ginnastici e sportivi Terminologia riferita alle posizioni e ai movimenti del corpo 1) Capo: a) flessione in avanti; b) inclinazione indietro con iperestensione del rachide cervicale;

Dettagli

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA Introduzione: Per limitare i danni provocati alla colonna vertebrale durante l'attività sportiva e garantire una postura corretta nello sviluppo della stessa, è necessario

Dettagli

ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA

ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA 1 www.ortopediaweb.net ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA Le informazioni contenute in questo opuscolo rappresentano un aiuto per il corretto avvicinamento all intervento ed una guida alla riabilitazione post

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA Il benessere della colonna vertebrale dipende strettamente dalla tonicità dei muscoli della schiena. Se i muscoli sono forti ed elastici grazie allo svolgimento regolare dell attività fisica, la colonna

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate Vedi l'articolo completo sui consigli per la protesi d'anca su www.chirurgiarticolare.it Link diretto cliccando qui... APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto

Dettagli

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi Esercizi iniziali Contrazioni dei muscoli flessori del ginocchio

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli 1 a Fase - Istruzioni generali Tutti gli esercizi devono essere effettuati lentamente e sotto controllo del movimento.

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Una corretta attività fisica svolge un azione molto favorevole sull apparato cardiovascolare, riduce tutti i principali

Dettagli

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile.

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile. ESERCIZI PER LA SCHIENA La maggior parte delle persone che viene nel nostro centro soffre di dolori alla schiena. Vi consigliamo di leggere attentamente questo opuscolo e di attenervi il più possibile

Dettagli

Centro Yoga Matsyendra

Centro Yoga Matsyendra SEMINARIO 13 MARZO 2011 YOGA PER LA SALUTE DELLA SCHIENA A cura di Margherita Buniva PREMESSA La salute della schiena dipende in buona parte dalla salute della colonna vertebrale. In assenza di patologie

Dettagli

Il metodo McKenzie Alessandro Aina e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie

Il metodo McKenzie Alessandro Aina  e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie Il metodo McKenzie Alessandro Aina fisioterapista, dip MDT, docente McKenzie Studio v. Spontini 3, Milano, via Ripalta 6A San Donato Mil.se, tel 02 29527326 Si basa essenzialmente sul mantenimento di posizioni

Dettagli

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 2007 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 101 SERVIZIO DI RECUPERO E RIABILITAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo

Dettagli

Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale

Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale A cura di: Laboratorio Larin Casa di Cura Domus Salutis - Brescia ESERCIZI DA SUPINO 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. ESERCIZI IN POSIZIONE PRONA 1. 2. 3. ESERCIZI

Dettagli

Guida al paziente con frattura di femore trattato con

Guida al paziente con frattura di femore trattato con UNITA' OPERATIVA SERVIZI DI ASSISTENZA RIABILITATIVA AI SOGGETTI DISABILI DISTRETTO GHILARZA - BOSA Responsabile Dr.ssa Luisella Congiu 0785/562535 Guida al paziente con frattura di femore trattato con

Dettagli

ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO

ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO 1 www.ortopediaweb.net ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO Le informazioni contenute in questo opuscolo rappresentano un aiuto per il corretto avvicinamento all intervento ed una guida alla riabilitazione

Dettagli

ESERCIZI PER TUTTI I GIORNI PER CONTINUARE A PRENDERSI CURA DELLA PROPRIA SCHIENA. Per le foto ringraziamo Nicoletta VERGARO

ESERCIZI PER TUTTI I GIORNI PER CONTINUARE A PRENDERSI CURA DELLA PROPRIA SCHIENA. Per le foto ringraziamo Nicoletta VERGARO ASL 4 CHIAVARESE DIPARTIMENTO della RIABILITAZIONE e della DISABILITA Direttore: Dott.ssa Valeria LEONI S.C. MEDICINA FISICA E RIABILITATIVA A cura di: Mirella DEFILIPPI - Sonia CERETTO CASTIGLIANO - Alice

Dettagli

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE Esercizio nr. 1) Piegate il busto in avanti in modo che sia parallelo al pavimento ed appoggiatevi con il braccio sano ad uno sgabello o ad un tavolino.

Dettagli

Jian Shen fa. del Maestro YUAN ZUMOU INTRODUZIONE

Jian Shen fa. del Maestro YUAN ZUMOU INTRODUZIONE METODO PER LA SALUTE ED IL BENESSERE Jian Shen fa del Maestro YUAN ZUMOU INTRODUZIONE Questo metodo, ispirato da An Chiao (auto-massaggio), da Tu Na (respirazione profonda) e dal Dao Yin (consapevolezza

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer Più tonica e soda Hai sempre guardato con sospetto i classici pesini, pensando che non facessero per te? Dai un occhiata a queste foto e scoprirai tanti esercizi semplici in grado di scolpirti dalla testa

Dettagli

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana Dalla PROTESI d ANCA al ritorno alla vita quotidiana Opuscolo a cura di: RSA di Antey - Saint-André: Servizio di Riabilitazione Area Territoriale Fisioterapisti: Nicole Torresan e Nicoletta La Torre Tel.

Dettagli

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici.

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici. Riassunto delle misure di prevenzione dell opuscolo sulla movimentazione manuale dei carichi della AUVA ( Heben und tragen ) Le immagini di questo documento provengono dall opuscolo in lingua tedesca Tutte

Dettagli

Ricerca dei segni dello stress

Ricerca dei segni dello stress 5 Ricerca dei segni dello stress Prima di iniziare il massaggio vero e proprio, specialmente quando massaggiate una persona per la prima volta, accertate il livello dello stress attraverso la ricerca dei

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita Curare il mal di schiena Nicola Magnavita Lombalgia acuta Vivo dolore alla schiena, che insorge all improvviso dopo un movimento particolare o uno sforzo ( colpo della strega ) Colpisce il 10-15% della

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

I vizi del portamento e le posture corrette

I vizi del portamento e le posture corrette I vizi del portamento e le posture corrette Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo I vizi del portamento 3 gradi di gravita : ATTEGGIAMENTO VIZIATO (nessuna alterazione osteo muscolare) PARAMORFISMO (alterazione

Dettagli

RUNNING. il re degli allenamenti

RUNNING. il re degli allenamenti Naturale, dimagrante, ottima per tonificare il cuore e il sistema circolatorio. E soprattutto a costo zero. La corsa è un training senza eguali e le giornate di questo periodo, tiepide e gradevoli, invitano

Dettagli

VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna)

VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna) NON SOLO PALESTRA... VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna) L attività vuole rendere consapevoli i ragazzi che l attività motoria può essere svolta anche

Dettagli

Riabilitazione motoria dopo intervento di dissezione latero-cervicale

Riabilitazione motoria dopo intervento di dissezione latero-cervicale Riabilitazione motoria dopo intervento di dissezione latero-cervicale Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie

Dettagli

Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15)

Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15) Silvio Brovarone - Preparazione Atletica Giovanile 1 Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15) Introduzione L obiettivo specifico di un programma di preparazione atletica nel settore

Dettagli

Serie. Codice 30PA312. 30pa10000. 30pa10004cl. 30pa10013 30pa10012 30pa10015. Serie Percorso 16 staz. Codice 30PA316. Codice stazione.

Serie. Codice 30PA312. 30pa10000. 30pa10004cl. 30pa10013 30pa10012 30pa10015. Serie Percorso 16 staz. Codice 30PA316. Codice stazione. Percorso staz. Percorso staz. 0PA0 0pa000cl 0pa00 Percorso 0 staz. 0PA 0 0pa000cl 0pa000 0pa000 0pa00 0pa00 0pa00 0pa000 0pa000 Si tratta di un insieme armonico di stazioni per esercizi fisici, studiati

Dettagli

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE 1 DIREZIONE SANITARIA A.S.L. BRESCIA SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE PREMESSA Nella

Dettagli

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori a cura di Peppe Mele PREMESSE: Gli esercizi contenuti in questa dispensa, sono particolarmente indicati per gli atleti che

Dettagli

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA FIPCF FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA E CULTURA FISICA PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA PETTORALI PANCA PIANA APERTURE PANCA 30 SPALLE LENTO AVANTI ALZATE LATERALI ALZATE 90 GAMBE SQUAT AFFONDI

Dettagli

Il Paziente Ortopedico

Il Paziente Ortopedico Il Paziente Ortopedico Fratturato - Fratture vertebrali - Fratture di femore - Fratture di spalla In elezione - Protesi d anca - Protesi di ginocchio - Protesi di spalla Le fratture CAUSE Le fratture vertebrali

Dettagli

Otago di Esercizi per Forza ed Equilibrio

Otago di Esercizi per Forza ed Equilibrio Inizio Programma delle Esercitazioni Otago di Esercizi per Forza ed Equilibrio Testo di Sheena Gawler Research Associate, Research Department of Primary Care and Population Health, University College London

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Test capacità motorie funzionali

Test capacità motorie funzionali Test capacità motorie funzionali Con il termine capacità motorie funzionali si intendono quelle fisiologiche qualità motorie che permettono, nella vita di relazione quotidiana, un opportuno funzionamento

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

Consigli utili per il paziente operato di protesi d'anca

Consigli utili per il paziente operato di protesi d'anca Consigli utili per il paziente operato di protesi d'anca Da seguire per le prime 6-10 settimane (due mesi circa) dopo l'intervento di protesi d'anca I seguenti consigli servono a evitare la lussazione

Dettagli

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

PrograMMa Di attività fisica Per il PaZiente Con fibromialgia

PrograMMa Di attività fisica Per il PaZiente Con fibromialgia QUADERNI DI RIABILITAZIONE IN REUMATOLOGIA sara Cingolani, antonella Boni PrograMMa Di attività fisica Per il PaZiente Con fibromialgia Mattioli 1885 MANUALI Quaderni di riabilitazione in reumatologia

Dettagli

Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca

Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca Dipartimento Neuro Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca A cura di: Dott.ssa Procicchiani Donatella

Dettagli

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN (quadrante inferiore) DATA : 5-6 ottobre, 30 novembre e 1 dicembre LUOGO

Dettagli

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani. Dottor Giuseppe Internullo Specialista in Ortopedia e Traumatologia Specialista in Chirurgia della Mano e Microchirurgia Ortopedica Università di Modena. Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Dettagli

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale.

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015 L AUTOMASSAGGIO PER LA GESTIONE DELLO STRESS Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. L'automassaggio potrebbe

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato

Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato (edizione novembre 2011) Premessa Il presente regolamento tecnico è basato sulle regole adottate dalla Federazione Italiana Nuoto (FIN) ed adattate alle esigenze

Dettagli

Recupero delle curve fisiologiche della colonna vertebrale. RCCV 2013 ISSA Italia - all rights reserved

Recupero delle curve fisiologiche della colonna vertebrale. RCCV 2013 ISSA Italia - all rights reserved Recupero delle curve fisiologiche della colonna vertebrale VALUTAZIONE CURVE COLONNA Il rachide per definizione è l insieme delle vertebre che compongono quella struttura di sostegno alla quale si ancorano,

Dettagli

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili Gli atleti che praticano sport in carrozzina sono ormai destinati a raggiungere carichi di allenamento

Dettagli

SINDROME DI SJӦGREN IL RUOLO DI UNA CORRETTARESPIRAZIONE

SINDROME DI SJӦGREN IL RUOLO DI UNA CORRETTARESPIRAZIONE SINDROME DI SJӦGREN La riabilitazione nella sindrome di Sjӧgren svolge un ruolo fondamentale. Essa agisce direttamente sui distretti interessati dalla malattia e parallelamente sui danni secondari, risposte

Dettagli

esercizi per vivere meglio con la spondilite

esercizi per vivere meglio con la spondilite esercizi per vivere meglio con la spondilite e s e r c i z i per vivere meglio con la spondilite CONSIGLI GENERALI Gli esercizi di ginnastica che vi presentiamo in questo opuscolo hanno lo scopo di aiutarvi

Dettagli

GINNASTICA RESPIRATORIA

GINNASTICA RESPIRATORIA GINNASTICA RESPIRATORIA Corretto atteggiamento del corpo Un corretto atteggiamento del corpo è essenziale per il normale attuarsi della dinamica toracopolmonare e le attitudini difettose sono responsabili

Dettagli

L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A

L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A Daniele Roccetti L A S I N D R O M E V E R T I G I N O S A - equilibrio statico e dinamico - sensori cervicali - labirinto - cervelletto - occhi - plesso solare - cervicale - circolazione - problemi articolari

Dettagli

ESERCIZI PER I GLUTEI

ESERCIZI PER I GLUTEI ESERCIZI PER I GLUTEI BREVE ANATOMIA DEI GLUTEI La regione glutea è rappresentata dal grande gluteo, dal medio gluteo e dal piccolo gluteo, con funzione di abdurre il femore. Il grande gluteo, assieme

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

Ergonomia in ufficio e nella vita quotidiana. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in ufficio e nella vita quotidiana. Per il bene della vostra salute Ergonomia in ufficio e nella vita quotidiana Per il bene della vostra salute Quante ore al giorno state seduti? Ogni quanto fate una pausa di movimento o di rilassamento? Avete una postazione di lavoro

Dettagli

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Anziani - IRCCS in Forma

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Anziani - IRCCS in Forma Il movimento è fondamentale per il soggetto anziano per mantenere o riacquistare l indipendenza e l autosufficienza. Spesso l atteggiamento della persona di una certa età è di sfiducia e rassegnazione:

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

PROGETTO MOVIMENTO E SALUTE

PROGETTO MOVIMENTO E SALUTE Movimento Socio Popolare Europeo (MSPE) Fondazione Santa Lucia IRCCS Regione Lazio Assessorato alla Sanità PROGETTO MOVIMENTO E SALUTE Consigli pratici per mantenere una buona efficienza fisica Marco Traballesi,

Dettagli

Chirurgia - Protesi di Anca:

Chirurgia - Protesi di Anca: Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi (FI) Agenzia Recupero e Riabilitazione* Direttore Dr. Pietro Pasquetti * P. Pasquetti, I. Gelli, G. Mangone, T. Bassarelli Chirurgia - Protesi di Anca: RIABILITAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA DI RIABILITAZIONE PERINEALE PER PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROSTATECTOMIA RADICALE

PROGRAMMA DI RIABILITAZIONE PERINEALE PER PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROSTATECTOMIA RADICALE PROGRAMMA DI RIABILITAZIONE PERINEALE PER PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROSTATECTOMIA RADICALE o CISTECTOMIA RADICALE CON CONFEZIONAMENTO DI NEOVESCICA ORTOTOPICA La vescica consente l accumulo di urina e il

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

INTEGRAZIONE POSTURALE- Quaderni tecnici 1: PADMASANA

INTEGRAZIONE POSTURALE- Quaderni tecnici 1: PADMASANA DAOYIN www.daoyin.altervista.org www.yoga.it/forum INTEGRAZIONE POSTURALE- Quaderni tecnici 1: PADMASANA Letteralmente Padmasana (vedi nota 1) significa Posizione=asana (vedi nota 2 ) del Loto(Padma),il

Dettagli

Valutazione delle condizioni mediche. Valutazione delle condizioni mediche

Valutazione delle condizioni mediche. Valutazione delle condizioni mediche Pagina 1 / 2 andare alla pagina: 1 6 Posizione del M/L Posizione del A/P Peso corporeo Determinare il peso corporeo. Prendere già in considerazione eventuali variazioni prevedibili (ad es. oscillazioni

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Capitolo 3. Le attività della vita quotidiana. Alessandra Negrini, Maria Gabriella Negrini, Michele Romano, Stefano Negrini.

Capitolo 3. Le attività della vita quotidiana. Alessandra Negrini, Maria Gabriella Negrini, Michele Romano, Stefano Negrini. Capitolo 3 Le attività della vita quotidiana Alessandra Negrini, Maria Gabriella Negrini, Michele Romano, Stefano Negrini Con questo Capitolo veniamo introdotti alla pratica ergonomica. Si rivedono di

Dettagli

U.O. di MEDICINA RIABILITATIVA Direttore: Dott. P. Pace

U.O. di MEDICINA RIABILITATIVA Direttore: Dott. P. Pace I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico - IRCCS www.inrca.it U.O. di MEDICINA RIABILITATIVA Direttore: Dott. P. Pace Rita Traversetti A cura di: Pasquale Pace @ I.N.R.C.A. 2008 www.giobbe.net

Dettagli

TEST MUSCOLO SCHELETTRICI PER LA VALUTAZIONE DEL DISEQUILIBRIO MUSCOLARE NELLA SCOLIOSI.

TEST MUSCOLO SCHELETTRICI PER LA VALUTAZIONE DEL DISEQUILIBRIO MUSCOLARE NELLA SCOLIOSI. TEST MUSCOLO SCHELETTRICI PER LA VALUTAZIONE DEL DISEQUILIBRIO MUSCOLARE NELLA SCOLIOSI. 1. MUSCLE LENGTH TEST : - FLESSORI DELL ANCA - FEMORALI - FORWARD BENDING - TENSORI DELLA FASCIA LATA E BANDA ILEO

Dettagli

METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI

METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI Testo e disegni di Stelvio Beraldo (Stelvio Beraldo - 1983) MODALITÀ DI

Dettagli

POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo La colonna vertebrale presenta delle curvature fisiologiche a livello cervicale, dorsale e lombare

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

Manuale di. Anatomia. per lo stretching. A cura di Ken Ashwell

Manuale di. Anatomia. per lo stretching. A cura di Ken Ashwell Manuale di Anatomia per lo stretching A cura di Ken Ashwell 6 7 Sommario Prefazione 8 Come è organizzato questo libro 10 Anatomia generale 12 Regioni del corpo umano 14 Sistema muscolare 16 Sistema scheletrico

Dettagli

AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014

AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014 AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014 Programma del corso INTRODUZIONE ALLA PALLANUOTO (nella scuola nuoto, regolamenti generali, le categorie giovanili) I FONDAMENTALI NELLA PALLANUOTO

Dettagli

Il mal di schiena nella scuola

Il mal di schiena nella scuola I.S.I.S.S. Morciano di Romagna Back School educazione posturale e prevenzione delle algie vertebrali A.S. 2011/12 Il mal di schiena nella scuola Risultati del questionario proposto agli studenti dell I.S.I.S.S.

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA FISIOTERAPIA DOPO INTERVENTO CHIRURGICO AL SENO

L IMPORTANZA DELLA FISIOTERAPIA DOPO INTERVENTO CHIRURGICO AL SENO L IMPORTANZA DELLA FISIOTERAPIA DOPO INTERVENTO CHIRURGICO AL SENO Femme à l ombrelle di C. Monet Opuscolo a cura di: Ft. Laura Airoldi Ft. Antonella Manna Fisioterapia U.O. Riabilitazione Specialistica

Dettagli

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni Percorso riabilitativo per pazienti operati di protesi di ginocchio

Dettagli

Centro Studi F.I.H.P.

Centro Studi F.I.H.P. Protocolli Test Regione Toscana Centro Studi F.I.H.P. Antropometrici Circonferenze Protocolli Test Hockey Pista Anni 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 Altezza Peso Addome Torace Fianchi Collo Forza Vel. A.I.

Dettagli

STABILITÀ POSTURALE, FORZA & EQUILIBRIO

STABILITÀ POSTURALE, FORZA & EQUILIBRIO STABILITÀ POSTURALE, FORZA & EQUILIBRIO Programma Iniziale di Esercizio Testo di Sheena Gawler Research Associate, Research Department of Primary Care and Population Health, University College London Medical

Dettagli

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI SCHEDE SETTIMANALI ESERCIZI CON GLI ELASTICI Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI SCHEDE SETTIMANALI ESERCIZI CON GLI ELASTICI Testo e disegni di Stelvio Beraldo POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI SCHEDE SETTIMANALI ESERCIZI CON GLI ELASTICI Testo e disegni di Stelvio Beraldo - Caratteristiche degli elastici come mezzo di allenamento - Schede esercizi per tutti i

Dettagli

L'ARTROPROTESI D'ANCA

L'ARTROPROTESI D'ANCA L'ARTROPROTESI D'ANCA ISTRUZIONI PER IL PAZIENTE Dott. Alessandro Masini Casa di Cura Paideia Via Vincenzo Tiberio 46 00191 Roma Tel.: 06330941 06330945100 DOPO L'INTERVENTO Nelle ore che seguono all intervento

Dettagli