Progetto e-mobiliti. Fase A Inquadramento tematico e analisi del contesto. [Fonte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto e-mobiliti. Fase A Inquadramento tematico e analisi del contesto. [Fonte www.biketowork.ch]"

Transcript

1 Progetto e-mobiliti Fase A Inquadramento tematico e analisi del contesto [fonte: [fonte: The associated [Fonte R.2. Caratterizzazione del sistema della mobilità del Luganese Prima individuazione di opportunità e barriere per una transizione verso forme innovative di mobilità Versione 4.0 Lugano, SUPSI-ISAAC Francesca Cellina, Luca Pampuri Report R.2 1/51

2 Sommario Sommario Contenuti e scopo del documento Il Microcensimento della mobilità e dei trasporti anno Mobilità e trasporti in Svizzera Differenze spaziali Il quadro di riferimento pianificatorio e programmatico per il Luganese Visione d insieme Piano Cantonale dei Trasporti PCT Piano regionale dei Trasporti del Luganese PTL Piano di Viabilità del Polo Luganese PVP Concetto di Organizzazione Territoriale dell Agglomerato del Luganese COTAL Programma di agglomerato del Luganese PAL e PAL Sintesi degli strumenti di pianificazione e programmazione vigenti L'utilizzo intermodale del trasporto pubblico in Ticino Il sistema della mobilità elettrica in Ticino Il progetto VEL: misure promozionali ed effetti sui comportamenti di mobilità Il parco veicoli elettrici e l infrastruttura di ricarica in Ticino I servizi di condivisione del mezzo di trasporto individuale: car sharing e bike sharing Il car sharing: caratteristiche ed effetti Diffusione del car sharing nel Luganese Il bike sharing e la sua diffusione nel Luganese Conclusioni: prima individuazione di opportunità e barriere per una transizione verso forme innovative di mobilità nel Luganese Veicoli elettrici Biciclette elettriche Car sharing (Sistema Mobility di Lugano) Bike sharing (rete Velopass di Lugano) Utilizzo inter modale dei mezzi di trasporto pubblico Bibliografia Report R.2 2/51

3 1. Contenuti e scopo del documento Questo documento è elaborato nell'ambito delle attività preliminari del progetto e-mobiliti. Esso ha lo scopo di sviluppare un analisi sintetica e ragionata delle caratteristiche del sistema della mobilità nella regione del Luganese. In particolare, vogliamo indagare le seguenti tematiche: quali sono le abitudini di mobilità dei cittadini? Che esigenze di trasporto hanno? Per quali motivi si spostano? Quali mezzi di trasporto utilizzano? Qual è il loro livello di dipendenza dai mezzi di trasporto individuali motorizzati? Quanto sono diffusi i trasporti pubblici? in che modo queste esigenze di mobilità sono interpretate e orientate dagli strumenti di pianificazione della mobilità oggi in vigore? Quali sono le previsioni di sviluppo, a livello di infrastrutture e politiche di gestione/regolamentazione della mobilità? Su quali fattori puntano Cantone, agglomerato urbano di Lugano e Comuni? In che modo tengono conto dell'innovazione tecnologica e dell innovazione sociale (evoluzione dei comportamenti individuali e collettivi)? qual è il livello di diffusione di forme di mobilità sostenibile e innovativa, in particolare la mobilità elettrica (veicoli e biciclette), i sistemi di condivisione dei mezzi di trasporto (car e bike-sharing), l'utilizzo intermodale dei mezzi pubblici? e quali sono le opportunità e le barriere per una transizione, nel Luganese, verso queste forme di mobilità? Per rispondere a queste domande, abbiamo fatto riferimento a documenti di tipo statistico, in particolare il Microcensimento della mobilità e dei trasporti relativo all'anno 2010, e a documenti di natura pianificatoria/programmatica. Abbiamo inoltre svolto una serie di interviste semi-strutturate ai principali operatori ed enti attivi nel settore della mobilità in Ticino, con un focus specifico sui soggetti attivi nel settore della mobilità elettrica. Le informazioni raccolte ci hanno consentito di individuare un primo insieme di opportunità e barriere per la transizione verso nuove forme di mobilità nella regione del Luganese. Assieme al rapporto R.1 Review di letteratura per la descrizione delle tecnologie di mobilità elettrica, il materiale presentato in questo rapporto costituisce la base di lavoro per la discussione critica nell'ambito dei tavoli di lavoro che accompagneranno il monitoraggio delle abitudini di mobilità dei nuclei famigliari partecipanti al progetto e-mobiliti. La sperimentazione delle forme innovative di mobilità da parte dei nuclei famigliari coinvolti consentirà di verificare, integrare e validare il quadro delle opportunità delle barriere qui delineato. Report R.2 3/51

4 2. Il Microcensimento della mobilità e dei trasporti - anno 2010 Dal 1974 in Svizzera vengono effettuati rilevamenti statistici a cadenza quinquennale sul comportamento della popolazione in materia di trasporti (Microcensimento mobilità e trasporti). Nel 2010, economie domestiche e persone singole sono state intervistate telefonicamente sui seguenti punti: possesso di veicoli, licenze di condurre e abbonamenti, mobilità giornaliera, motivi degli spostamenti e mezzi utilizzati, viaggi di un giorno, viaggi con pernottamento e atteggiamenti verso la politica dei trasporti della Svizzera. I dati rilevati forniscono un immagine dettagliata del comportamento medio in tema di mobilità della popolazione residente in Svizzera. Essi forniscono inoltre informazioni concernenti i principali agglomerati urbani, tra i quali anche quello di Lugano. Il Microcensimento fornisce quindi informazioni preziose che permettono la caratterizzazione delle abitudini di mobilità dei cittadini del Luganese. Per questo, riportiamo qui una sintesi delle principali elaborazioni svolte nell'ambito del Microcensimento 2010, estratte da [OFS/ARE, 2012]. 2.1 Mobilità e trasporti in Svizzera In questo capitolo sono sintetizzati i principali dati a livello nazionale, in relazione alle distanze percorse dal cittadino medio Svizzero ed alle relative motivazioni. Chilometraggio percorso e scelta modale I dati rilevati nel 2010 mostrano che ogni persona residente in Svizzera percorre mediamente 20'500 km, in parte sul territorio nazionale e in parte all'estero. Sul territorio nazionale, in particolare, in media ogni residente percorre 36.7 km al giorno. Il tempo medio impiegato per percorrere questo tragitto è pari a 83 minuti. Per il 65% delle distanze viene utilizzato un mezzo di trasporto individuale motorizzato (automobile oppure ciclomotore, cfr. Tabella 1). Viste le velocità maggiori che si possono raggiungere utilizzando questi mezzi di trasporto, il tempo dedicato agli spostamenti con l automobile rappresenta solo il 40% del tempo di tragitto giornaliero. Un quarto delle distanze giornaliere sono invece coperte utilizzando i trasporti pubblici (treno, auto postale, bus, tram). Tabella 1 Distanza percorsa giornalmente sul territorio nazionale per persona, per mezzo di trasporto [fonte: OFS/ARE, 2012]. Mezzo di trasporto Distanza percorsa giornalmente per persona Media [km] Percentuale [%] A piedi 2,0 6% Bicicletta 0,8 2% Ciclomotore 0,0 0% Motocicletta leggera 0,1 0% Motocicletta 0,4 1% Automobile, come conducente 17,3 47% Automobile, come passeggero 6,6 18% Treno 7,1 19% Autobus 0,1 0% Tram/Bus 1,4 4% Altro 0,9 2% Totale 36,7 100% Report R.2 4/51

5 Il Microcensimento ha inoltre potuto stabilire che il 79% dei nuclei famigliari svizzeri dispone di almeno un automobile (il 25% dei nuclei familiari possiede 2 automobili mentre circa il 6% dei nuclei familiari possiede 3 o più automobili) mentre il 70% ha almeno una bicicletta. La distribuzione sul territorio delle bici elettriche è ancora relativamente contenuta (solamente circa il 2% della popolazione ne possiede una). Il numero totale di chilometri percorsi con l automobile principale è particolarmente elevato e si attesta per l anno 2010 attorno ai km/anno. È comunque elevato anche il chilometraggio percorso con l'eventuale seconda vettura (8 000 km/anno). In contrasto, tuttavia, il Microcensimento rileva una tendenza molto interessante: il numero di giovani in possesso di una patente di guida è in decisa diminuzione. Nel 1994 e nel 2000 la percentuale di giovani di età compresa tra i 18 e i 24 anni dotati di patente di guida era pari a circa il 70%, mentre nel 2010 tale valore scende al 58.7%. La percentuale di cittadini di età compresa tra i 25 e i 44 anni dotati di patente di guida è invece stabile intorno al 90%. E' dunque necessario attendere i prossimi Microcensimenti per capire se ci sia solo uno spostamento in avanti dell'età in cui si ottiene la licenza di guida, principalmente dovuto agli elevati costi per ottenere la patente di guida, o se invece stia emergendo un nuovo fenomeno, l'allontanamento progressivo dalla dipendenza dall'automobile. Il Microcensimento evidenzia che, anche se i mezzi pubblici vengono utilizzati per coprire solo un quarto delle distanze, una buona parte della popolazione possiede un abbonamento per i trasporti pubblici. Più di un terzo della popolazione svizzera è titolare di un abbonamento metà prezzo (39%); sono utilizzati frequentemente anche gli abbonamenti di comunità tariffale 1 e gli abbonamenti generali (rispettivamente il 14% e il 10% della popolazione ne possiede uno). Le motivazioni principali relative all acquisto dei diversi tipi di abbonamento sono molto diverse tra loro: l abbonamento metà prezzo è essenzialmente utilizzato per spostamenti legati al tempo libero mentre gli abbonamenti di comunità tariffale sono prioritariamente utilizzati per motivi lavorativi. L abbonamento generale è invece utilizzato per entrambe le attività. Il Microcensimento analizza anche le motivazioni di scelta del mezzo di trasporto (scelta modale): generalmente il cittadino sceglie la mobilità lenta (spostamenti a piedi o in bicicletta) per distanze particolarmente corte, per motivi di salute (l attività fisica legata a questa modalità di spostamento è considerata salutare) oppure per motivi di divertimento/svago - in questi casi tuttavia l attività stessa è lo scopo della trasferta (tempo libero); la scelta di utilizzare il trasporto pubblico è invece condizionata dalla disponibilità di un automobile: chi dispone di un autovettura sceglie di utilizzare il trasporto pubblico solo per il 13% della distanza media giornaliera; chi invece non dispone di un autovettura, sceglie il trasporto pubblico per il 62% della distanza media giornaliera (ciò è vero per gli spostamenti di lavoro, così come per quelli legati al tempo libero, alla formazione e agli acquisti). La scelta dei mezzi di trasporto pubblico per le trasferte professionali è in parte dovuta anche alla mancanza di posteggi nei pressi del luogo di lavoro (il 9% degli intervistati la considera una ragione importante); generalmente il cittadino sceglie il trasporto individuale motorizzato (automobile) per avere più comfort e per un tempo di viaggio inferiore ma anche perché spesso non ci sono alternative legate al trasporto pubblico. 1 In Cantone Ticino, l'abbonamento Arcobaleno. Report R.2 5/51

6 Motivi degli spostamenti Le attività del tempo libero (visite a parenti e amici, frequentazione di servizi pubblici, attività non sportive all'aperto, come ad esempio passeggiate, etc.) costituiscono il principale motivo di spostamento del cittadino svizzero, causando mediamente il 40% delle distanze giornalmente percorse; motivi di ordine lavorativo e motivi legati agli acquisti sono invece rispettivamente responsabili del 24% e del 13% delle distanze giornalmente percorse. Si segnala tuttavia che gli spostamenti riferiti al tempo libero sono molto superiori durante il fine settimana (66%) che durante la settimana lavorativa (30%). Tabella 2 Distanza percorsa giornalmente sul territorio nazionale per persona, per motivo di spostamento [fonte: OFS/ARE, 2012]. Media Percentuale [km] [%] Distanza percorsa giornalmente per persona Lavoro 8,9 24% Formazione 2,0 5% Acquisti 4,7 13% Attività prof. o viaggi di servizio 2,5 7% Tempo libero 14,7 40% Servizi e accompagnamento 1,8 5% Altro 2,1 6% Totale 36,7 100% Se si considera solo la popolazione attiva dal punto di vista professionale, tuttavia, gli spostamenti per lavoro aumentano considerevolmente, raggiungendo il 44% della distanza media giornaliera. È tuttavia importante sottolineare come, tra gli spostamenti dovuti all'attività professionale, meno di uno su cinque risulti superiore a 20 km. Per quanto riguarda l evoluzione della mobilità nel corso degli anni, si può affermare che generalmente la tendenza registrata nelle inchieste precedenti è confermata anche in questo caso. Il Microcensimento 2010 conferma cioè le linee di tendenza rilevate nel corso delle inchieste svolte nel 1994, nel 2000 e nel 2005: le distanze medie percorse giornalmente dai cittadini svizzeri hanno una tendenza alla crescita, con un incremento medio percentuale pari a circa l'1% l'anno. Tale crescita non si riflette in maniera omogenea sulle diverse tipologie di trasporto: se le distanze percorse in treno sono aumentate in modo deciso (da 13% nel 1994 a 19% nel 2010), ciò non è avvenuto per i tragitti effettuati con l automobile, che rappresentano adesso il 64% delle distanze complessive percorse giornalmente, mentre rappresentavano il 68% 15 anni fa. Si registra dunque un aumento generalizzato delle esigenze di spostamento, soddisfatto in maniera crescente dal treno, mentre l utilizzo dell auto è, in termini percentuali, in leggera diminuzione. 2.2 Differenze spaziali Per i principali indicatori del Microcensimento, il rapporto [OFS/ARE, 2012] offre elaborazioni differenziate su base spaziale. Ciò consente dunque di effettuare una lettura e un interpretazione contestualizzata all'ambito specifico di interesse, che tenga conto della morfologia territoriale e della distribuzione della popolazione sul territorio. In particolare, le elaborazioni del Microcensimento fanno emergere differenze di comportamento tra ambiti rurali e ambiti urbani, tra regioni linguistiche e tra agglomerati urbani. Sintetizziamo qui le principali, concentrandoci poi sull'agglomerato urbano di Lugano. Report R.2 6/51

7 Ambiti urbani - ambiti rurali La mobilità degli abitanti degli agglomerati urbani risulta molto diversa da quella degli abitanti delle regioni rurali: le distanze giornaliere percorse dai primi sono, infatti, mediamente inferiori a quelle percorse dai secondi. Anche la scelta del mezzo di trasporto varia molto in funzione del luogo di residenza: gli abitanti delle regioni rurali utilizzano un mezzo di trasporto motorizzato individuale per buona parte dei loro spostamenti (39% - 47% degli spostamenti, a seconda della loro minore o maggiore vicinanza ai poli di attrazione locale), gli abitanti degli agglomerati urbani li utilizzano più raramente (24% degli spostamenti). Importanti differenze possono inoltre essere registrate in seno allo stesso agglomerato urbano. Gli abitanti delle zone periferiche hanno, infatti, un comportamento diverso da quello degli abitanti delle zone centrali dell agglomerato, con una tendenza all'utilizzo più marcato del mezzo di trasporto motorizzato individuale: le persone domiciliate nelle vicinanze del centro dell agglomerato urbano (ad una distanza inferiore a 20 minuti in automobile) utilizzano mezzi di trasporto individuale motorizzato in percentuale minore (29.4%) degli abitanti delle zone più discoste (41%). Ciò è principalmente dovuto a motivi di accessibilità all agglomerato: più si è lontani dal centro, meno competitivo diventa il trasporto pubblico. È inoltre interessante sottolineare come gli spostamenti all interno del territorio urbano sono generalmente costituiti da più tappe: nel corso della giornata si verifica una catena di spostamenti, per ciascuno dei quali è possibile ricorrere al mezzo di trasporto più adatto. Negli agglomerati urbani si riesce quindi a combinare più facilmente l utilizzo di diversi mezzi di trasporto così come di diversi motivi di spostamento. È infine importante rilevare che dati del Microcensimento confermano che la qualità dell offerta dei trasporti pubblici influenza in modo diretto la scelta del mezzo di trasporto. È altresì vero che l utilizzo dei diversi mezzi di trasporto varia in modo importante in funzione della città analizzata, indice, questo, che le scelte di mobilità dei cittadini dipendono anche dal livello di servizio di trasporto pubblico che il territorio è in grado di offrire. La buona qualità dell offerta (definita dalla prossimità di una fermata dei trasporti pubblici e dalla frequenza dei passaggi 2 ) permette a circa 45% dei nuclei familiari residenti in ambiti urbani di non possedere l automobile. In questi casi una parte considerevole della popolazione possiede un abbonamento per un trasporto pubblico (il 14% delle persone ha un abbonamento generale, il 39% un abbonamento metà prezzo e il 28% un abbonamento di comunità tariffale). Nelle situazioni in cui la qualità dell offerta di trasporto pubblico è limitata, la quasi totalità dei nuclei familiari possiede un automobile (90%) mentre solo una parte marginale della popolazione possiede un abbonamento ad un trasporto pubblico (il 7% possiede un abbonamento generale, meno del 30% possiede un abbonamento metà prezzo e meno del 6% possiede un abbonamento di comunità tariffale). Questi dati confermano quindi che l'offerta di trasporto pubblico di buona qualità favorisce in modo evidente l utilizzo dei mezzi pubblici e riduce il traffico motorizzato individuale. Svizzera Italiana - altre regioni linguistiche della Svizzera Il tasso di mobilità (percentuale della popolazione che si è spostata durante un giorno stabilito) assume valori comparabili tra le diverse regioni linguistiche della Svizzera; le distanze medie percorse giornalmente assumono invece valori differenti. Gli Svizzeri tedeschi percorrono infatti giornalmente 2 Si veda in proposito la procedura di classificazione del territorio nazionale in base alla qualità dell'offerta del trasporto pubblico proposta in [Aberegg e Tschopp, 2010]. Report R.2 7/51

8 38 km, quattro in più degli abitanti degli Svizzeri romandi, mentre gli Svizzeri italiani ne percorrono 29,3. Gli Svizzeri tedeschi fanno inoltre uso più frequente dei mezzi di trasporto pubblico. A questo proposito è interessante sottolineare che nella Svizzera italiana il possesso di abbonamenti ai trasporti pubblici è il meno elevato (circa 30%) rispetto a tutte le altre regioni linguistiche. A titolo di paragone, si consideri che nella Svizzera tedesca la percentuale di popolazione in possesso di un abbonamento generale è pari al 10%, quella in possesso di un abbonamento metà prezzo è pari al 40%, mente nella Svizzera italiana questi valori scendono rispettivamente al 3% e al 17%. Persone o nuclei familiari in possesso di un'automobile o di un abbonamento Tabella 3 Indicatori della mobilità in funzione delle diverse regioni linguistiche [fonte: OFS/ARE, 2012]. Svizzera tedesca [%] Svizzera francese [%] Svizzera italiana [%] Svizzera romancia [%] Totale [%] Con automobile 78,1 81,2 84,1 82,1 79,2 Con bicicletta 73,5 57,5 51,3 66,5 68,6 Con abb. generale 10,2 6,7 2,9 9,4 9,0 Con abb. metà prezzo 39,7 22,7 17,0 34,0 34,5 Con abb. comunità tariffale 13,0 14,9 9,2 9,2 13,3 Con altro abb. 12,2 7,9 7,6 15,8 10,9 Nessun abb Parallelamente si è potuto osservare come la percentuale di nuclei familiari in possesso di almeno una bicicletta sia particolarmente elevata nella Svizzera tedesca (73.5%) mentre scende al 51.3% per la popolazione della Svizzera italiana. Infine, si riscontrano differenze anche in relazione alla percentuale di nuclei familiari che possiedono almeno un automobile: se nella Svizzera italiana questa percentuale è particolarmente elevata (81.2%), nella Svizzera romanda essa si riduce al 78,1%. Tabella 4 Indicatori del numero di automobili per nucleo familiare in funzione delle diverse regioni linguistiche [fonte: OFS/ARE, 2012]. Numero di automobili nel nucleo familiare Svizzera tedesca [%] Svizzera francese [%] Svizzera italiana [%] Svizzera romancia [%] Senza automobile 20,8 21,9 18,8 15,9 1 automobile 48,7 49,0 48,4 44,7 2 automobili 24,8 23,5 27,2 31,7 3 o più automobili 5,7 5,6 5,6 7,8 Ciononostante, è nella Svizzera italiana che la percentuale di trasporto individuale motorizzato è più elevata (47% delle tappe degli spostamenti). La popolazione di lingua tedesca é invece quella che utilizza meno l'automobile (34% delle tappe). Agglomerati urbani: Lugano Uno degli obiettivi del Microcensimento è quello di analizzare in modo approfondito alcuni dei principali agglomerati urbani presenti sul territorio nazionale. A questo scopo sono state analizzate le risposte date dagli abitanti dei dieci grandi agglomerati seguenti: Zurigo, Basilea, Ginevra, Berna, Losanna, Winterthur, San Gallo, Lucerna, Bienne e, per la Svizzera italiana, Lugano. Nel caso di Lugano, è stato utilizzato un campione di 523 soggetti. Report R.2 8/51

9 In linea con quanto già accennato per la Svizzera Italiana, i dati del Microcensimento per l'agglomerato di Lugano mostrano un comportamento di mobilità diverso da quello registrato mediamente sul territorio nazionale. Si può ritenere che ciò sia in parte dovuto a differenze di orografia del territorio e di morfologia del sistema insediativo, in parte a differenze circa l'offerta infrastrutturale e in parte a differenze nelle abitudini e nei comportamenti della popolazione. La percentuale di nuclei familiari intervistati che, nella Regione di Lugano, possiede almeno un automobile è la più elevata (84%) fra tutti gli agglomerati analizzati. Viceversa, il numero di nuclei famigliari che possiede almeno una bicicletta è il più basso registrato (41.6%). Anche il numero di possessori di un abbonamento dei trasporti pubblici è inferiore alla media nazionale: nell'agglomerato di Lugano solo il 3% della popolazione possiede un abbonamento generale, meno del 20% possiede un abbonamento metà prezzo e solamente il 12.8% possiede un abbonamento di comunità tariffale (abbonamento Arcobaleno). Persone o nuclei familiari in possesso di un'automobile o di un abbonamento Tabella 5 Indicatori della mobilità degli abitanti dei grandi agglomerati [fonte: OFS/ARE, 2012]. Zurigo [%] Ginevra [%] Lucerna [%] Lugano [%] Con automobile 73,1 75,6 71,8 84,0 Con bicicletta 68,1 56,6 69,0 41,6 Con abb. generale 10,5 5,5 11,5 3,0 Con abb. metà prezzo 45,2 22,1 41,6 17,3 Con abb. comunità tariffale 20,4 25,4 16,3 12,8 Con altro abb. 12,9 6,7 13,5 10,0 La distanza media giornaliera percorsa dalle persone residenti nell agglomerato di Lugano (27,7 km) risulta essere decisamente inferiore a quella media nazionale (37 km). La tipologia degli spostamenti è tuttavia molto diversa da quella registrata negli altri agglomerati svizzeri. Anche se in media a livello svizzero gli abitanti degli agglomerati si spostano prevalentemente utilizzando il trasporto motorizzato individuale (63% delle distanze percorse), la percentuale degli spostamenti effettuata utilizzando i trasporti pubblici è comunque elevata (25%). Non è inoltre trascurabile il contributo percentuale degli spostamenti in bicicletta, pari al 2% delle distanze percorse. Nell'agglomerato di Lugano invece domina il trasporto individuale motorizzato (75% delle distanze percorse) e i trasporti pubblici coprono solo il 13% delle distanze complessivamente percorse dagli abitanti. La percentuale di utilizzo della bicicletta è invece tanto bassa da risultare trascurabile. L'entità degli spostamenti a piedi è invece di poco inferiore nell'agglomerato di Lugano rispetto alla media Svizzera: in media negli agglomerati urbani ci si sposta a piedi per una distanza pari a 2,1 km al giorno, mentre a Lugano essa si riduce a 1,9 km. Tabella 6 Distanza giornaliera media [ km], sul territorio nazionale, in funzione del mezzo di trasporto [fonte: OFS/ARE, 2012]. Zurigo Ginevra Lucerna Lugano A piedi 2,2 2,1 2,5 1,9 Mezzi di trasporto utilizzato Bicicletta 0,7 0,7 0,9 0,0 Trasporto individuale motorizzato 20,8 17,5 22,4 20,7 Trasporti pubblici 11,1 5,6 10,7 3,6 Altri mezzi di trasporto 0,8 0,6 0,6 1,5 Totale 35,6 26,5 37,2 27,7 Report R.2 9/51

10 3. Il quadro di riferimento pianificatorio e programmatico per il Luganese 3.1 Visione d insieme A partire dalla seconda metà degli anni Novanta, in Ticino il tema della mobilità è stato affrontato da un numero crescente di strumenti di pianificazione e programmazione. In particolare, è emersa in modo evidente l'importanza di una visione coordinata tra le politiche di sviluppo insediativo, quelle di sviluppo infrastrutturale e quelle di gestione della mobilità: tre aspetti che interagiscono e si influenzano a vicenda. Il settore della mobilità è dunque oggi governato mediante una pluralità di strumenti, i cui contenuti in parte si sovrappongono, come mostra lo schema generale riportato in Figura 1.. Piano Direttore Cantonale (PD) Piano Cantonale dei Trasporti (PCT) principi di riferimento infrastrutture di valenza sovra regionale Piano dei Trasporti del Luganese (PTL) grandi opere infrastrutturali Piano della viabilità del Polo (PVP) Concetto di Organizzazione Territoriale dell'agglomerato del Luganese (COTAL) aspetti insediativi attuazione del PTL e gestione della mobilità focus sulla galleria Vedeggio Cassarate Programma di Agglomerato del Luganese (PAL e PAL 2) aspetti insediativi e di mobilità Piani regolatori (PR) Figura 1 Gli strumenti di riferimento programmatico e pianificatorio per la mobilità nel Luganese. In questo capitolo presentiamo una sintesi degli strumenti di pianificazione e programmazione in vigore, con gli obiettivi di presentare le previsioni di evoluzione della mobilità nella Regione del Luganese su cui puntano Cantone e agglomerato urbano, e di comprendere se, e in che modo, sono affrontate le forme di mobilità innovativa che saranno sperimentate nell'ambito di e-mobiliti: la mobilità elettrica, le forme di condivisione del mezzo di trasporto (car-sharing e bike-sharing), l'utilizzo del trasporto pubblico in modo intermodale (in combinazione cioè con altri mezzi di trasporto). Report R.2 10/51

11 3.2 Piano Cantonale dei Trasporti PCT Il Piano Cantonale dei Trasporti (PCT), elaborato dalla Divisione dello Sviluppo Territoriale e della Mobilità, è sintetizzato nella scheda di Piano Direttore M1, in vigore nella forma attuale dal Il PCT definisce il quadro di riferimento per la mobilità in Ticino ed istituisce cinque Piani Regionali dei Trasporti, individuando le misure di coordinamento tra di essi e le misure di valenza sovra-regionale. Figura 2 I comprensori in cui è diviso il Cantone Ticino ai fini dell elaborazione dei Piani Regionali dei Trasporti. Esso affronta i seguenti aspetti: viabilità stradale; trasporti pubblici (su gomma e su ferro); mobilità lenta (traffico ciclistico e pedonale). Gli obiettivi di riferimento del PCT tengono conto di esigenze legate all uso del suolo, al paesaggio, alla qualità urbanistica e, più in generale, all ambiente. Essi possono essere sintetizzati come segue: contenere i bisogni di mobilità, garantendo un miglior coordinamento con le scelte di sviluppo degli insediamenti; completare le reti di trasporto in modo mirato; rafforzare il ruolo dei trasporti pubblici; rafforzare la mobilità ciclabile e pedonale; ridurre l impatto ambientale (inquinamento atmosferico e fonico, consumo di suolo) e il consumo energetico del settore dei trasporti. Questi obiettivi sono poi ripresi e sviluppati dai Piani Regionali dei Trasporti, che li declinano sulla base delle caratteristiche specifiche dei territori cui si riferiscono. Le misure di valenza sovra-regionale introdotte dal PCT sono le seguenti: completamento del progetto AlpTransit; consolidamento e potenziamento della rete ferroviaria TILO; collegamento ferroviario tra Mendrisio, Varese e Malpensa; collegamenti stradali sovra comunali (collegamento autostradale A2-A13, completamento A394 Stabio Est-Gaggiolo). Report R.2 11/51

12 Figura 3 Le misure di valenza sovra-regionale introdotte dal Piano Cantonale dei Trasporti [fonte: Piano direttore, Scheda M1]. Per quanto riguarda il potenziamento dell infrastruttura ferroviaria, il PCT prevede che nel 2020 siano attive le gallerie di base del San Gottardo e del Monte Ceneri e che sia entrato in esercizio il collegamento verso Varese/Malpensa. Per quell'epoca in Ticino vi saranno due stazioni per il traffico viaggiatori a lunga percorrenza (Bellinzona e Lugano) e un insieme più capillare di stazioni per il traffico viaggiatori regionale, come mostrato in Figura 4. Figura 4 Evoluzione del sistema ferroviario in Cantone Ticino: situazione attuale (2009) e situazione futura (2020 e 2030) [fonte: Piano Direttore, Scheda M1]. Il PCT prevede che anche il trasporto pubblico locale su gomma sia potenziato, con il duplice obiettivo di garantire un offerta di base su tutto il territorio e di potenziare il servizio all interno degli agglomerati. Inoltre, il PCT si sofferma sulla mobilità ciclabile, sottolineando la necessità di concedere più spazio alla mobilità lenta e imponendo l obbligo di integrare il tema sia nei piani regionali dei trasporti sia nei programmi di agglomerato (Cfr. Par. 3.6), con il fine ultimo di garantire i requisiti di continuità, sicurezza e attrattività per i percorsi ciclo-pedonali. Report R.2 12/51

13 Il tema della mobilità lenta è oggetto anche di una specifica scheda di Piano Direttore (Scheda M10, in vigore dal 2009), che recepisce e amplia le indicazioni del PCT. La scheda è recentemente stata sottoposta a un processo di revisione, che è sfociato nella pubblicazione, nel gennaio 2012, di un documento per la consultazione. Tale documento riconosce il principio che la mobilità lenta, pedonale e ciclabile, può avere scopi utilitari (spostamenti quotidiani) o di svago. Quella a carattere utilitario in particolare, si presenta quale alternativa razionale all uso dei veicoli a motore. Ciclismo e podismo a scopi sportivi esulano dalla definizione di mobilità lenta. Esso stabilisce inoltre che i programmi di agglomerato (cfr. Par. 3.6) integrino la mobilità lenta nella pianificazione territoriale e dei trasporti, in particolare: garantendo una visione completa dei percorsi pedonali e ciclabili d uso quotidiano alla scala dell agglomerato; integrando tutti i percorsi ciclabili, i percorsi pedonali e i sentieri escursionistici in un unica rete della mobilità lenta, definendo le misure volte a superare i punti critici; indicando le priorità degli interventi. Il documento sottolinea inoltre che tutti i percorsi pedonali e ciclabili devono contribuire a conformare reti il più possibile continue, attrattive e sicure, prive di ostacoli, interruzioni, percorsi tortuosi, passaggi pericolosi, situazioni di conflitto con altri utenti della strada. Infine, il documento evidenzia la necessità di pianificare e progettare adeguatamente le infrastrutture alle fermate e nei nodi di interscambio, al fine di garantire: buona accessibilità per pedoni e ciclisti; posteggi per biciclette e strutture bike and ride/bike and rail; aree d attesa; tettoie e riparo dagli agenti atmosferici. In questo quadro, il PCT punta sulla realizzazione degli itinerari ciclabili di importanza nazionale e cantonale; la realizzazione degli itinerari ciclabile di minore importanza gerarchica è invece demandata ai Comuni. Figura 5 La rete dei percorsi ciclabili di importanza nazionale, cantonale e regionale [fonte: Piano direttore, Scheda M10]. Tali percorsi sono in parte realizzati e in parte ancora in progetto. Report R.2 13/51

Mobilità. Grado di consolidamento Informazione preliminare Risultato intermedio Dato acquisito

Mobilità. Grado di consolidamento Informazione preliminare Risultato intermedio Dato acquisito Scheda di Piano direttore Mobilità Grado di consolidamento Informazione preliminare Risultato intermedio Dato acquisito Sfondo bianco: testo informativo Sfondo grigio: testo vincolante Stato della procedura

Dettagli

Strategia per una mobilità sostenibile

Strategia per una mobilità sostenibile Strategia per una mobilità sostenibile Conferenza stampa Venerdì Bellinzona Claudio Zali Consigliere di Stato e Direttore del Repubblica e Cantone Ticino Situazione 80 000 veicoli in più dal 1995 ad oggi

Dettagli

Principali risultati del «Microcensimento mobilità e trasporti 2010» Ufficio federale di statistica UST

Principali risultati del «Microcensimento mobilità e trasporti 2010» Ufficio federale di statistica UST 11 Mobilità e trasporti 901-1000 Mobilità in Svizzera Principali risultati del «Microcensimento mobilità e trasporti 2010» Ufficio federale di statistica UST Ufficio federale dello sviluppo territoriale

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

CRTL. Commissione regionale dei trasporti del Luganese. Programma d agglomerato del Luganese di seconda generazione PAL 2. Fase 1. Traffico e mobilità

CRTL. Commissione regionale dei trasporti del Luganese. Programma d agglomerato del Luganese di seconda generazione PAL 2. Fase 1. Traffico e mobilità CRTL Commissione regionale dei trasporti del Luganese Programma d agglomerato del Luganese di seconda generazione PAL 2 Fase 1 Traffico e mobilità 31 Marzo 2011 Indice Pagina 1. Premessa... 1 2. Strumento

Dettagli

Effetti economici della messa in esercizio di AlpTransit in Ticino

Effetti economici della messa in esercizio di AlpTransit in Ticino Effetti economici della messa in esercizio di AlpTransit in Ticino Dr. Peter Marti, Metron AG Bellinzona, 22 ottobre 2012 Michele Passardi, Consavis SA Sommario della presentazione 1. Raggiungibilità 2.

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

La rete dei trasporti pubblici in

La rete dei trasporti pubblici in Seminario SUPSI/SIA-Ticino/ATG/Rotary Club Mendrisiotto La rete dei trasporti pubblici in Ticino i all apertura di Alp Transit Dr. Riccardo De Gottardi Lugano-Trevano, 24 marzo 2011 Una mobilità efficiente

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

Divisione Infrastrutture e Mobilità

Divisione Infrastrutture e Mobilità Divisione Infrastrutture e Mobilità Piano Urbano del Traffico e della mobilità delle persone (PUT 2001) Programma Urbano dei Parcheggi (PUP 2001) (Approvato con Del. C.C. 00155/006 del 19/06/2002) Il Piano

Dettagli

e-mobiliti Diffusione della mobilità elettrica individuale in Ticino: un approccio partecipativo verso la mobilità sostenibile Risultati definitivi

e-mobiliti Diffusione della mobilità elettrica individuale in Ticino: un approccio partecipativo verso la mobilità sostenibile Risultati definitivi 1 e-mobiliti Diffusione della mobilità elettrica individuale in Ticino: un approccio partecipativo verso la mobilità sostenibile Risultati definitivi Presentazione del progetto alla stampa 3 Giugno 2015

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Usi finali. C.6 Mobilità C.6

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Usi finali. C.6 Mobilità C.6 227 Situazione attuale Quasi un terzo dei consumi energetici del Cantone Ticino è dovuto ad esigenze di mobilità [3 072 GWh nel 2008, pari al 301% dei consumi energetici complessivi registrati sul territorio

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

Una grande opportunità

Una grande opportunità Marzo 2012 Il sistema tram/treno Una grande opportunità Considerazioni e proposte sui progetti e le priorità CITTADINI PER IL TERRITORIO MASSAGNO VIVA GANDRIA UNITI PER BRE CAPRIASCA AMBIENTE ASSOCIAZIONE

Dettagli

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE Dare continuità al processo di Agenda 21 locale CRITICITA' C1: attraversamento del centro storico incoraggiato per mancanza della chiusura dell anello di tangenziale - C2: mancanza di spazi - C3: impedimenti

Dettagli

Conseguenze dell Alptransit sulle relazioni tra Zurigo e Milano

Conseguenze dell Alptransit sulle relazioni tra Zurigo e Milano Embargo, 17.10.2006, ore 12.00 Conseguenze dell Alptransit sulle relazioni tra Zurigo e Milano prof. Angelo Rossi Documento commissionato da Coscienza Svizzera in occasione del Convegno Alptransit 2016:

Dettagli

Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing

Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing Gli stili di mobilità degli italiani e le potenzialità di sviluppo del car sharing Carlo Carminucci ccarminucci@isfort.it Roma 7 aprile 2009 La fonte dei dati: l indagine Audimob (Osservatorio Isfort Fondazione

Dettagli

Mobilità. Grado di consolidamento Informazione preliminare Risultato intermedio Dato acquisito

Mobilità. Grado di consolidamento Informazione preliminare Risultato intermedio Dato acquisito Scheda di Piano direttore (Scheda 12.29 del PD 90) Collegamenti ferroviari transfrontalieri con l'italia dal Mendrisiotto Mobilità Grado di consolidamento Informazione preliminare Risultato intermedio

Dettagli

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Direttore Settore Attuazione Mobilità Trasporti Ambiente Corridoi Europei in Italia (Reti TEN) Milano: una posizione strategica rispetto alle

Dettagli

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE UN RAPPORTO PER ROMA CAPITALE EXECUTIVE SUMMARY La mobilità costituisce un problema strategico prioritario per le aree urbane perché impatta direttamente

Dettagli

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU (redatto il 4 dicembre 2014) 1 SINTESI... 1 2 IL PGTU... 1 2.1 IL PGTU IN BREVE... 2 2.2 LE 6 AREE DI ROMA...

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive MOBILITY MANAGEMENT Piacenza, 7 luglio 2008 Decreto Ronchi Decreto Ronchi del 27 marzo 1998 sulla "Mobilità sostenibile nelle aree urbane" Tutte le Aziende e gli Enti Pubblici con più di 300 dipendenti

Dettagli

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO Popolazione/Inhabitants 1,800,000 1,700,000 1,600,000 1,500,000 1,400,000 1,300,000 1,200,000 1,100,000 1,000,000 Residenti a Milano

Dettagli

6654 19 giugno 2012 TERRITORIO / FINANZE E ECONOMIA

6654 19 giugno 2012 TERRITORIO / FINANZE E ECONOMIA 6654 19 giugno 2012 TERRITORIO / FINANZE E ECONOMIA Rapporto del Consiglio di Stato sulla mozione 21 febbraio 2011 presentata dal gruppo PS (Nicoletta Mariolini, Carlo Lepori e cofirmatari) Mobilità aziendale

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

PAL3 - Programma d'agglomerato del Luganese di terza generazione

PAL3 - Programma d'agglomerato del Luganese di terza generazione Committente: Commissione Regionale dei Trasporti del Luganese PAL3 - Programma d'agglomerato del Luganese di terza generazione Documento per l'informazione e la partecipazione a norma dell art. 11 Lst

Dettagli

Progettare una nuova mobilità per città (e territori) capaci di futuro

Progettare una nuova mobilità per città (e territori) capaci di futuro European Mobility Week Problematiche e misure per una mobilità urbana sostenibile Palermo 20 settembre 2007 Progettare una nuova mobilità per città (e territori) capaci di futuro Maria Rosa Vittadini Università

Dettagli

Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna. Rapporto di sintesi

Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna. Rapporto di sintesi Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna Rapporto di sintesi L indagine e l analisi dei risultati, di cui questo report rappresenta una sintesi,

Dettagli

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza Aldo Vittorio MOLINARI Ingegnere in Milano La sicurezza stradale negli spostamenti sul lavoro e casa-lavoro. Il trasporto pubblico locale e la disciplina del traffico nelle strategie di miglioramento della

Dettagli

6420 R 1 febbraio 2011 TERRITORIO

6420 R 1 febbraio 2011 TERRITORIO 6420 R 1 febbraio 2011 TERRITORIO della Commissione della gestione e delle finanze sul messaggio 23 novembre 2010 concernente la richiesta di un credito di Fr. 8'740 000 quale partecipazione del Cantone

Dettagli

Cantone Ticino, Sezione della mobilità Monitoraggio degli effetti di traffico della galleria Vedeggio-Cassarate e del Piano della viabilità del Polo

Cantone Ticino, Sezione della mobilità Monitoraggio degli effetti di traffico della galleria Vedeggio-Cassarate e del Piano della viabilità del Polo Consigliare. Pianificare. Gestire. Cantone Ticino, Sezione della mobilità Monitoraggio degli effetti di traffico della galleria Vedeggio-Cassarate e del Piano della viabilità del Polo 4.2 10 novembre 2014

Dettagli

città metropolitane: Mobilità, crisi e cambio modale

città metropolitane: Mobilità, crisi e cambio modale città metropolitane: Mobilità, crisi e cambio modale In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento su scelte e possibili cambiamenti per la domanda di mobilità dei cittadini

Dettagli

Trasporto pubblico: Rapporto vendite Arcobaleno 1997-2009 Ottobre 2010 2

Trasporto pubblico: Rapporto vendite Arcobaleno 1997-2009 Ottobre 2010 2 Ottobre 21 2 SOMMARIO Lista dei grafici 4 Lista delle tabelle 4 Sintesi 5 1. Introduzione... 1 2. Evoluzione dei dati di vendita della Comunità tariffale Ticino e Moesano... 11 2.1 Evoluzione delle vendite

Dettagli

RAPPORTO DEL GRUPPO DI LAVORO AMBIENTE DEL GRUPPO PLR DEL CC DI LUGANO.

RAPPORTO DEL GRUPPO DI LAVORO AMBIENTE DEL GRUPPO PLR DEL CC DI LUGANO. 1 RAPPORTO DEL GRUPPO DI LAVORO AMBIENTE DEL GRUPPO PLR DEL CC DI LUGANO. Lugano, 23 marzo 2005. PREMESSA. Nel mese di dicembre 2004 il Gruppo PLR del Consiglio comunale di Lugano, su proposta del Capo

Dettagli

Numero di spostamenti: oltre 400.000 al giorno, tendenza di crescita di circa 2,5 % all anno

Numero di spostamenti: oltre 400.000 al giorno, tendenza di crescita di circa 2,5 % all anno Mobilità sostenibile Mariano Pedrelli La dinamica degli spostamenti A Parma la mobilità complessiva, intesa come numero di spostamenti, è in continua crescita. Questo è soprattutto il segno di una società

Dettagli

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO La collina degli Erzelli, occupata in precedenza da attività di deposito e movimentazione container, è interessata oggi da un progetto volto

Dettagli

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico Ottimizzare o disperdere risorse? La mobilità e il trasporto pubblico della città metropolitana Venerdì

Dettagli

Sessione dei giovani 2012

Sessione dei giovani 2012 Sessione dei giovani 2012 Dal 15 al 18 novembre 2012 > Dossier Indice 1. Introduzione... 3 2. Ferrovie... 3 3. Autopostale e trasporti nelle città... 6 4. Biglietti e abbonamenti... 6 5. Costi economici

Dettagli

Fa stato il discorso orale. Egregi signori, Gentili signore,

Fa stato il discorso orale. Egregi signori, Gentili signore, Discorso pronunciato dal Consigliere di Stato Michele Barra in occasione dell inaugurazione del Convegno Sfide e opportunità della grande mobilità organizzato da Lions Regio Insubrica Mendrisio, 5 ottobre

Dettagli

Progetto FAIF: posizione del Consiglio federale

Progetto FAIF: posizione del Consiglio federale Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Segreteria generale SG-DATEC Servizio stampa Argomentario Progetto FAIF: posizione del Consiglio federale Il

Dettagli

Manifesto per la Mobilità Nuova a Perugia

Manifesto per la Mobilità Nuova a Perugia 1/6 Forum Nuova Mobilità Umbria, Salviamo il Paesaggio Perugia, Legambiente Umbria, ACU Umbria, Unione Nazionale Consumatori, Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada, Monimbò Bottega del

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni Empoli Centrale numero di treni e passeggeri giornalieri feriali sabato domenica 198 189 124 6.961 4.580 3.315 Localizzazione La stazione di Empoli ha una posizione molto centrale, a poca distanza dal

Dettagli

ANALISI COSTI BENEFICI

ANALISI COSTI BENEFICI Comune di Pisa Realizzazione di un sistema di collegamento (People Mover) tra l Aeroporto Galileo Galilei e la Stazione ferroviaria di Pisa Centrale, parcheggi scambiatori e viabilità di connessione ANALISI

Dettagli

RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano

RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano prima edizione gennaio 2006 ultimo aggiornamento 14-06-2011 1 La mobilità ciclistica Tutti, a ragione, ritengono che l

Dettagli

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 «Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 Our streets, our choice Ovvero «Le nostre strade, la nostra scelta»: lo slogan scelto quest'anno per la Settimana della Mobilità

Dettagli

INDAGINE SU MEZZI DI TRASPORTO E MOBILITÀ MOTORIZZATA PER IL PERSONALE DEL POLITECNICO DI TORINO

INDAGINE SU MEZZI DI TRASPORTO E MOBILITÀ MOTORIZZATA PER IL PERSONALE DEL POLITECNICO DI TORINO INDAGINE SU MEZZI DI TRASPORTO E MOBILITÀ MOTORIZZATA PER IL PERSONALE DEL POLITECNICO DI TORINO (ottobre 2012- febbraio 2013) Oggetto: indagine finalizzata alla conoscenza dell'uso dei mezzi di trasporto

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL)

MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) MOBILITY MANAGEMENT il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) Gli strumenti e le tecniche per definire un piano di mobilità e realizzare un database di supporto al Mobility Mangement Torino, aprile 2010

Dettagli

2 Programmi integrati per la mobilità (P.I.M.)

2 Programmi integrati per la mobilità (P.I.M.) LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PROGRAMMI INTEGRATI PER LA MOBILITA AI SENSI DELLA L.R. N. 25/2008 1 Premessa La legge regionale n. 25 del 25.07.08 persegue l obiettivo di migliorare le condizioni di

Dettagli

con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus!

con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus! con il patrocinio di Fai una scelta smart prendi l autobus! Lo sapete? Fatti e cifre sul trasporto con autobus in Italia e in Europa gli autobus sono essenziali alla mobilità delle persone? il trasporto

Dettagli

una bicicletta è una bicicletta

una bicicletta è una bicicletta I mezzi di trasporto servono per spostarsi più rapidamente ma a causa del traffico la velocità di spostamento medio a Roma è solo di 23 Km/h. È necessario valorizzare gli spostamenti condivisi, il trasporto

Dettagli

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2.1. Un processo graduale La messa in atto di un sistema di monitoraggio, quale quello sinteticamente delineato nel capitolo precedente, richiede un cambiamento

Dettagli

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

Dettagli

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI 3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI Per descrivere lo stato attuale del sistema della mobilità è stata predisposta una banca dati che ha sistematizzato su supporti informatici condivisi tutte le informazioni

Dettagli

MUOVERSI MEGLIO RISPETTANDO L AMBIENTE

MUOVERSI MEGLIO RISPETTANDO L AMBIENTE MUOVERSI MEGLIO RISPETTANDO L AMBIENTE 1. Diminuire l impatto ambientale della mobilità in ambito urbano utilizzando un approccio integrato attraverso gli strumenti e le tecnologie disponibili e in accordo

Dettagli

Il disegno di legge per una mobilità nuova

Il disegno di legge per una mobilità nuova Il disegno di legge per una mobilità nuova Dopo l incredibile giornata di sabato 4 Maggio, che ha visto le strade di Milano invase da decine di migliaia di persone a piedi e in bici, oggi vi presentiamo

Dettagli

Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente

Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente RELAZIONE DI FATTIBILITA ECONOMICA Progetto per la costruzione di una rete di trasporto pubblico locale urbano ad alta capacità. Progetto Preliminare 1

Dettagli

Dagli anni 50 parte il boom dell automobile in Italia (e non solo) Ma negli anni 60 partono i primi provvedimenti di limitazione delle auto nei

Dagli anni 50 parte il boom dell automobile in Italia (e non solo) Ma negli anni 60 partono i primi provvedimenti di limitazione delle auto nei Muoversi in città. Esperienze ed idee per la mobilità nuova in Italia. Anna Donati, Gruppo mobilità sostenibile Kyoto Club. A SCUOLA E A LAVORO IN TPL. Messina, 23 marzo 2016 ATM - Comune di Messina Dipartimento

Dettagli

I.C.S. Iniziativa Car Sharing. I benefici dell integrazione tra car sharing e tpl

I.C.S. Iniziativa Car Sharing. I benefici dell integrazione tra car sharing e tpl I.C.S. Iniziativa Car Sharing I benefici dell integrazione tra car sharing e tpl Roma, 12 ottobre 2010 Il car sharing e il trasporto pubblico locale: duefacce della stessa medaglia In Italia il car sharing

Dettagli

L ESPERIENZA DI ATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO PAOLO RAPINESI: RESP. AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE

L ESPERIENZA DI ATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO PAOLO RAPINESI: RESP. AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE L ESPERIENZA DI ATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO PAOLO RAPINESI: RESP. AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE CONTESTO TERRITORIALE E INDIRIZZI STRATEGICI IL TERRITORIO PROVINCIA DI BG

Dettagli

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI VISTA la legge 8 luglio 1986, n. 349, che ha istituito il Ministero dell Ambiente e ne ha definito le funzioni; VISTA la legge 3 marzo 1987,

Dettagli

Città di Torino. Una mobilità intelligente e sostenibile per l'area metropolitana

Città di Torino. Una mobilità intelligente e sostenibile per l'area metropolitana Città di Torino Una mobilità intelligente e sostenibile per l'area metropolitana Ottobre 2015 I numeri chiave Circa 900.000 abitanti 130 Km2 di superficie Area metropolitana 1,5 milioni di persone con

Dettagli

5.1 Mobilità intra aziendale

5.1 Mobilità intra aziendale 5. Le misure individuate Le misure da implementare nel breve e medio termine sono distinte in: mobilità intra aziendale azioni di comunicazione promozione della bicicletta promozione del carpooling promozione

Dettagli

Elise Méan Responsabile comunicazione e marketing, velo pass, Losanna, Svizzera

Elise Méan Responsabile comunicazione e marketing, velo pass, Losanna, Svizzera Elise Méan Responsabile comunicazione e marketing, velo pass, Losanna, Svizzera Titolare di una licenza in Lettere (Università di Losanna) e di un Certificate of Advanced Studies in Corporate Communication

Dettagli

DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1

DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 Sabrina Spaghi Università di Pavia,

Dettagli

Mobilità. Grado di consolidamento Informazione preliminare Risultato intermedio Dato acquisito

Mobilità. Grado di consolidamento Informazione preliminare Risultato intermedio Dato acquisito Scheda di Piano direttore M1 Piano cantonale dei trasporti - PCT Mobilità Grado di consolidamento Informazione preliminare Risultato intermedio Dato acquisito Sfondo bianco: testo informativo Sfondo grigio:

Dettagli

Sfide e progetti per il sistema di trasporto pubblico e la gestione del trasporto in Ancona. I tipi spaziali di mobilità

Sfide e progetti per il sistema di trasporto pubblico e la gestione del trasporto in Ancona. I tipi spaziali di mobilità Sfide e progetti per il sistema di trasporto pubblico e la gestione del trasporto in Ancona. Ancona, capoluogo delle Marche, ha un estensione territoriale di 125,60 Kmq. con 102.816 abitanti. La sua parte

Dettagli

L ESPERIENZA DIATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO. Gianni Scarfone (Direttore Generale ATB Mobilità S.p.A.)

L ESPERIENZA DIATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO. Gianni Scarfone (Direttore Generale ATB Mobilità S.p.A.) L ESPERIENZA DIATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO Gianni Scarfone (Direttore Generale ATB Mobilità S.p.A.) INQUADRAMENTO DEL CONTESTO IL TERRITORIO PROVINCIA DI BG o NUMERO COMUNI: 244 o

Dettagli

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: 1 INTRODUZIONE In tutte le grandi città italiane e del mondo il problema della circolazione degli autoveicoli e tutti i disagi ad esso connessi,

Dettagli

GLI INDICATORI. 1. I dati del comune di Casal di Principe. Processo di Attivazione Agenda 21 Locale Casal di Principe

GLI INDICATORI. 1. I dati del comune di Casal di Principe. Processo di Attivazione Agenda 21 Locale Casal di Principe GLI INDICATORI 1. I dati del comune di Casal di Principe Il comune di Casal di Principe ha prodotto i dati necessari per l elaborazione dei seguenti Indicatori Comuni Europei: 1, 3, 4 e 6, per i quali

Dettagli

VALE IL DISCORSO ORALE

VALE IL DISCORSO ORALE VALE IL DISCORSO ORALE Convegno SUPSI-SIA/TI-ATG-Rotary Club Mendrisiotto AlpTransit 2019: un futuro ad alta velocità per il Ticino? «Una rivoluzione per la mobilità e un opportunità per il territorio»

Dettagli

Comune di Paradiso. Il progetto di mobilità aziendale del. cp 2682 6500 bellinzona. ottobre 2011-1 -

Comune di Paradiso. Il progetto di mobilità aziendale del. cp 2682 6500 bellinzona. ottobre 2011-1 - Il progetto di mobilità aziendale del Comune di Paradiso tiresia economia statistica datamining cp 2682 6500 bellinzona ottobre 2011-1 - 1. L organizzazione del progetto del Comune di Paradiso ottobre

Dettagli

R.8 Sintesi dei risultati del progetto e-mobiliti Suggerimenti per favorire l attuazione di nuovi modelli di mobilità in Ticino

R.8 Sintesi dei risultati del progetto e-mobiliti Suggerimenti per favorire l attuazione di nuovi modelli di mobilità in Ticino OGGETTO Progetto e-mobiliti TITOLO R.8 Sintesi dei risultati del progetto e-mobiliti Suggerimenti per favorire l attuazione di nuovi modelli di mobilità in Ticino COMMITTENTE SUPSI - Progetto interno ESTENSORE

Dettagli

Il progetto cantonale di mobilità aziendale: bilancio e prossimi passi

Il progetto cantonale di mobilità aziendale: bilancio e prossimi passi Il progetto cantonale di mobilità aziendale: bilancio e prossimi passi Fabienne Bonzanigo Dipartimento del territorio, Evento per le aziende Manno, 27 novembre 2013 Contesto La domanda di mobilità cresce

Dettagli

Pedemontana ferroviaria Briantea: eredità e scommessa

Pedemontana ferroviaria Briantea: eredità e scommessa Carlo Spreafico - Luca Gaffuri (a cura di Luigi Clerici) Pedemontana ferroviaria Briantea: eredità e scommessa Storia, considerazioni, riflessioni, promesse, speranze, approfondimenti, scenari possibili:

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLO SPAZIO PUBBLICO

PROGETTAZIONE DELLO SPAZIO PUBBLICO BICIPLAN Individuazione della rete ciclabile strategica le ciclovie Quali tipologie per la rete portante PROGETTAZIONE DELLO SPAZIO PUBBLICO Interventi di moderazione del traffico Il concetto di «living

Dettagli

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag.

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag. Una visione di città, per essere completa, non può tralasciare tutto ciò che riguarda il tema dei trasporti. Gli spostamenti, infatti, sono alla base della moderna vita sociale e di relazione, ci spostiamo

Dettagli

LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO

LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Ottobre 2010 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 12 Tutti in autobus,

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

0.742.140.345.43. Convenzione

0.742.140.345.43. Convenzione Testo originale 0.742.140.345.43 Convenzione tra il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni e il Ministero dei trasporti e della navigazione della Repubblica

Dettagli

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Bolzano Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano L ambito della trasformazione Il tema dell area ferroviaria di Bolzano

Dettagli

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE 28 February 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna PARKING MANAGEMENT AND MOBILITY IN BOLOGNA: THE NEW URBAN TRAFFIC PLAN Mr. Paolo Ferrecchi

Dettagli

FASTER. EASIER. COOLER.

FASTER. EASIER. COOLER. FASTER. EASIER. COOLER. BiTiBi. La responsabilità dei contenuti etc. è unicamente dell autore e non riflette necessariamente l opinione dell Unione Europea. Né l EASME né la Commissione Europea sono responsabili

Dettagli

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE 1 SISTEMA INTEGRATO DI TRASPORTO PUBBLICO A SERVIZIO DELL AREA METROPOLITANA DIFFUSA CENTRALE VENETA CON OBIETTIVI DI: DECONGESTIONE DELLE RETI INFRASTRUTTURALI VIARIE RIEQUILIBRIO MODALE CON PASSAGGIO

Dettagli

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI Il Progetto Il progetto nasce dalla necessità di riflettere e stimolare la coscienza dei ragazzi più giovani, sulle problematiche ambientali: l ambiente naturale e materiale (cioè modificato dai bisogni

Dettagli

Proposte sostenibili per il Piano Generale del Traffico Urbano PGTU - di Melegnano

Proposte sostenibili per il Piano Generale del Traffico Urbano PGTU - di Melegnano Proposte sostenibili per il Piano Generale del Traffico Urbano PGTU - di Melegnano A cura delle associazioni L ABICI-FIAB, Circolo Legambiente Arcobaleno, OMSM, Banca del Tempo, Comitato Vivere Meglio

Dettagli

Gli strumenti di di programmazione europei e nazionali in in materia di mobilità urbana: un inquadramento

Gli strumenti di di programmazione europei e nazionali in in materia di mobilità urbana: un inquadramento Gli strumenti di di programmazione europei e nazionali in in materia di di mobilità urbana: un inquadramento Carlo Carminucci ISFORT Istituto Superiore di Formazione e Ricerca per i Trasporti Lo scopo

Dettagli

PROGETTO PILOTA: ADOZIONE DEL CAR POOLING COME MISURA DI MOBILITÀ AZIENDALE PER IL TRAFFICO FRONTALIERO. Regolamento Pool2job

PROGETTO PILOTA: ADOZIONE DEL CAR POOLING COME MISURA DI MOBILITÀ AZIENDALE PER IL TRAFFICO FRONTALIERO. Regolamento Pool2job PROGETTO PILOTA: ADOZIONE DEL CAR POOLING COME MISURA DI MOBILITÀ AZIENDALE PER IL TRAFFICO FRONTALIERO Regolamento Pool2job REGOLAMENTO Pool2job Progetto pilota Pool2job per il traffico frontaliero nella

Dettagli

STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1

STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1 Sabrina Spaghi Università

Dettagli

Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici

Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici Maria Berrini, Presidente AMBIENTE ITALIA Consigliere dell Ordine degli Architetti di Milano e Provincia Membro del Consiglio di Indirizzo

Dettagli

INDICE 1. CONSIDERAZIONI GENERALI... 1. 1.1 Introduzione e generalità... 1. 1.2 Obiettivi della variante pianificatoria... 1

INDICE 1. CONSIDERAZIONI GENERALI... 1. 1.1 Introduzione e generalità... 1. 1.2 Obiettivi della variante pianificatoria... 1 INDICE 1. CONSIDERAZIONI GENERALI... 1 1.1 Introduzione e generalità... 1 1.2 Obiettivi della variante pianificatoria... 1 1.3 Concetto di sviluppo urbanistico... 1 2. PIANO DEL TRAFFICO... 3 2.1 Generalità...

Dettagli

IL PROGETTO MUSA E I PIANI URBANI DELLA MOBILITA

IL PROGETTO MUSA E I PIANI URBANI DELLA MOBILITA IL PROGETTO MUSA E I PIANI URBANI DELLA MOBILITA Carlo Carminucci, Isfort Bari, 13 Aprile 2012 La carta di identità del Progetto MUSA Nome: MUSA - Mobilità Urbana Sostenibile e Attrattori culturali Soggetto

Dettagli

INDAGINE SULLA MOBILITÀ NELLA PROVINCIA DI ANCONA

INDAGINE SULLA MOBILITÀ NELLA PROVINCIA DI ANCONA INDAGINE SULLA MOBILITÀ NELLA PROVINCIA DI ANCONA 1 2011 OBIETTIVI DELL INDAGINE Fornire un un contributo conoscitivo sugli attuali comportamenti di mobilità in sei principali comuni della provincia di

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI 1. Introduzione I PIANI URBANI DELLA MOBILITA (PUM) Linee

Dettagli

Consulta Tempi e orari della città

Consulta Tempi e orari della città Urban Center Progetto Tempi Consulta Tempi e orari della città OSSERVATORIO TEMPI della CITTÀ OSSERVATORIO TEMPI della CITTÀ gruppo tecnico promosso e gestito dall ufficio Tempi del, che sta lavorando

Dettagli