Efficientamento dell organizzazione e delle funzioni di controllo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Efficientamento dell organizzazione e delle funzioni di controllo"

Transcript

1 Efficientamento dell organizzazione e delle funzioni di controllo Vincenzo Carolla ARIS User Group, Milano giugno 2015 Milano, 16 giugno Software AG. All rights reserved. For internal use only

2 AGENDA Interlem Management Consulting Premessa I Processi al centro Efficientamento dell organizzazione Manuali Monitoraggio Dimensionamento Efficientamento delle funzioni di controllo Dal reporting alla governo Il Governo Intelligente i-grc Conclusioni 2

3 SOFTWARE AG E IL GRUPPO INTERLEM GRUPPO INTERLEM STRUTTURA SOCIETARIA INTERLEM S.p.A Progettazione e realizzazione di soluzioni informatiche integrate per la gestione dei processi aziendali (SAP ERP, Business intelligence, Customer relationship management, Application & System Maintenance, Software factory, IT infrastructure) INTERLEM MANAGEMENT CONSULTING S.r.l. Consulenza direzionale con specializzazione su tematiche di Business Process Management, Risk/Compliance Management, Human Resource INTERLEM GP OMEGA S.r.l. Sistemi gestionali verticali specializzati per settori di industria nel mercato delle PMI INTERLEM DIGITAL BUSINESS S.r.l. Sistemi WEB, piattaforme e strategie di e-commerce sui nuovi canali digitali 3

4 SOFTWARE AG E IL GRUPPO INTERLEM INTERLEM MANAGEMENT CONSULTING Chi siamo Società di Consulenza di Direzione nata all inizio del 2012, all interno del, per aiutare le aziende a migliorare le proprie performance in un contesto economico che costringe le organizzazioni a seguire velocemente i cambiamenti del mercato. Costituita da professionisti con più di 15 anni di esperienza nel settore, Interlem Management Consulting sviluppa soluzioni che, partendo dall analisi dei bisogni, agiscono come agenti di cambiamento su processi, persone e tecnologie, coprendo l intera attuazione del piano di miglioramento nei tempi veloci richiesti dalla situazione. Le nostre competenze Competenze a 360 su tutte le tematiche manageriali raggruppate nelle seguenti aree: La nostra mission Aiutare i nostri clienti ad affrontare le nuove sfide del mercato globale attraverso soluzioni capaci di migliorare l efficacia e l efficienza delle organizzazioni, di mutare il modo in cui competono nei propri mercati determinandone un vantaggio competitivo. Processi, Persone e Tecnologie. Le soluzioni che disegniamo agiscono come agenti di cambiamento su Processi, Persone e Tecnologie. 4

5 SOFTWARE AG E IL GRUPPO INTERLEM INTERLEM MANAGEMENT CONSULTING - COMPETENZE Definizione del Framework di gestione dei Processi Analisi organizzativa per il ridisegno dei Processi Definizione e produzione automatica dei Manuali organizzativi e delle Procedure Implementazione del "Cruscotto di consultazione dei Processi" sull'intranet aziendale Deployment delle attività a diversi livelli di dettaglio Analisi per il dimensionamento delle Strutture Simulazione di differenti Scenari di business ed operativi Automazione dei Processi core e di supporto attraverso sistemi di Workflow Definizione dei Modelli organizzativi e di gestione dei Controlli Interni Identificazione, rappresentazione e gestione del Portafoglio dei Rischi Identificazione, rappresentazione e gestione della Legal Inventory Identificazione e gestione degli impatti di Rischi e Controlli sui Processi aziendali Definizione del Modello di "Control Risk Self Assessment" Definizione dei Workflow di gestione dei Controlli di secondo e terzo livello Definizione e implementazione dei Modelli per la raccolta delle Perdite (Loss-data collection) Definizione e implementazione della Reportistica integrata Definizione e implementazione dei Modelli di gestione delle Normative specifiche (Legge 262/05, D.Lgs 231, Sarbanes Oxley Act, ecc.) Percorsi formativi specifici per gli Attori coinvolti nella gestione del Risk Management, del Compliance Management e dell'internal Audit Definizione dei Modelli organizzativi, dimensionamento e benchmarking delle Strutture Organizzative Mappatura e disegno dei Processi TO BE in ottica Lean e revisione delle Procedure Analisi degli Scenari di business ed operativi Definizione e realizzazione dei Modelli di analisi delle Performance e dei Cruscotti di Monitoraggio Gestione e supporto al cambiamento organizzativo Percorsi formativi specifici per gli Attori coinvolti nel Cambiamento organizzativo 5

6 SOFTWARE AG E IL GRUPPO INTERLEM INTERLEM MANAGEMENT CONSULTING - COMPETENZE Mappatura delle competenze Analisi dei gap di competenze fra i profili attesi e le competenze effettive Definizione e implementazione dei Modelli di Potere e di Delega Definizione e implementazione dei Modelli di gestione delle Carriere Definizione dei Modelli organizzativi, dimensionamento e benchmarking delle Strutture Organizzative Disegno dei Processi HR e revisione delle Procedure Disegno organizzativo per il supporto alla gestione del Cambiamento per l'innovazione Definizione e realizzazione dei Modelli di analisi delle Performance e dei Cruscotti di Monitoraggio (Scorecard, Metriche) Analisi di scenario per il Restructuring e il Rightsizing Percorsi formativi specifici per gli Attori coinvolti nel Cambiamento organizzativo Information Technology Infrastructure Library (ITIL) Information Services Procurement Library (ASPL) Application Services Library (ASL) Dynamic Systems Development Method (DSDM) Capability Maturity Model (CMM/CMMI) Control Objectives for Information and related Technologies (COBIT) The Open Group Architecture Framework (TOGAF) arricchite da una consolidata esperienza sul campo nella: Definizione e formalizzazione della Strategia IT come declinazione della strategia di business Definizione della Struttura organizzativa dell'it e identificazione dei ruoli, delle responsabilità e delle competenze Identificazione, rappresentazione e gestione integrata dei Processi della funzione IT Censimento, rappresentazione e gestione integrata del Portafoglio delle Applicazioni, delle Architetture IT e delle componenti Hardware Identificazione del Portafoglio dei Rischi informatici Definizione e implementazione del Sistema di controllo interno per l'it Definizione e realizzazione dei Modelli di analisi delle Informazioni IT e dei Cruscotti di Monitoraggio 6

7 PREMESSA IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Il contesto economico che stiamo vivendo è caratterizzato da forte instabilità ed incertezza sul futuro. Tali fenomeni impongono alle organizzazioni di rispondere in modo adeguato e veloce ai nuovi assetti del mercato. Non è più consentito operare secondo una logica di prodotti e servizi standard. L applicazione di nuove tecnologie e nuovi modelli di approccio ai prodotti e servizi da parte del mercato, impongono alle organizzazioni di concentrare le proprie attività sulla personalizzazione, differenziazione e velocità di erogazione. E necessario che le organizzazioni innovino continuamente, proponendo prodotti e servizi sempre più vicini alle reali necessità del cliente. 7

8 PREMESSA L IMPORTANZA DELL APPROCCIO PER PROCESSI In mercati stabili le aziende sono concentrate nel proporre prodotti e servizi standardizzati al prezzo più basso L organizzazione, nel concepire il proprio modello di business, pone quindi la sua attenzione sulla efficienza operativa L efficienza operativa è perseguibile specializzando le persone nelle attività che devono svolgere in una logica Funzionale In una situazione di stabilità è possibile puntare sulla "differenziazione" o specializzazione delle funzioni per ottenere elevate prestazioni Il necessario coordinamento è fatto di norme complesse e articolate ma stabili, quindi bisognevoli di scarsa manutenzione In mercati turbolenti le aziende devono concentrare la propria attenzione sui bisogni dei clienti e sulla velocità si soddisfacimento di tali bisogni concependo prodotti e servizi sempre più personalizzati sulla base dei reali bisogni del cliente L organizzazione, nel concepire il proprio modello di business, deve porre la sua attenzione sulla efficacia operativa L efficacia operativa è perseguibile concentrando il focus sulla interazione tra le attività e le persone specializzate, cioè in una logica di Processo 8

9 PREMESSA EFFICACIA ED EFFICIENZA EFFICIENZA EFFICACIA Specializzazione e/o differenziazione delle funzioni Focus sulla interazione tra attività e funzioni specializzate Efficientamento dell organizzazione e delle funzioni di controllo Hotel Michelangelo Milano, 24 Aprile

10 PREMESSA IL PUNTO DI EQUILIBRIO: L ECCELLENZA Ciò che è migliore. Un sistema eccellente è quindi un sistema che sia in grado di raggiungere il miglior livello di efficacia e di efficienza. Efficacia: raggiungimento dell obiettivo Efficienza: con il minor costo e nel tempo più breve 10

11 IL NOSTRO APPROCCIO I PROCESSI AL CENTRO DEL MODELLO I processi al centro per una gestione integrata della governance aziendale Individuazione dei fattori critici di successo da monitorare mediante indicatori di prestazione e produttività Re-ingegnerizzazione ed efficientamento dei processi (costi, produttività, qualità, etc) Analisi dimensionamento delle struttura Razionalizzazione della normativa Driver per l aumento della fruibilità (semplificazione, ricerca, eliminazione ridondanze) Gestione dell evoluzione dei sistemi informativi attraverso la definizione dei requisiti funzionali orientati alle richieste interne ed esterne Mappatura delle competenze Formazione per processo Valutazione e del sistema dei controlli Pianificazione e gestione Identificazione di rischi e audit Monitoraggio e gestione dei controlli rischi operativi Pianificazione e gestione controlli 11

12 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE LA TASSONOMIA La mappatura dei processi rappresenta una fotografia dettagliata del funzionamento dell Azienda e consente di valorizzare il patrimonio informativo in un unico repository, a beneficio di tutte le aree aziendali Per garantire precisione e univocità delle informazioni, è necessario definire la Tassonomia dei processi aziendali che, a partire dal modello si business specifico dell azienda declina le attività svolte fino al livello di dettaglio desiderato Area Es: Business Macroprocesso Es: Operations Processo Es: Incassi e pagamenti Sottoprocesso Es: Carte di credito Fase Es: Gestione operativa carte di credito Sottofase Sottofase Es: Vendita carte di credito 12

13 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE LE INFORMAZIONI MAPPATE Grande attenzione è stata prestata alla fase di raccolta delle informazioni necessarie alla mappatura dei processi Per ogni processo sono stati identificati i seguenti elementi corredati dei relativi attributi UNITA ORGANIZZATIVE / RUOLI Ufficio Sviluppo Organizzativo Responsabile Ufficio. Divisione Risorse Organizzative RISCHI Errato inserimento dati a sistema CONTROLLI Verificare dati inseriti in procedura Verificare Verificare congruenza dei dati ITERFACCIA DI PROCESSO DOCUMENTAZIONE A SUPPORTO Anagrafe Policy ICAAP SISTEMI APPLICATIVI ATTIVITA PWS Anagrafe REQUISITI NORMATIVI Art.5 c.6 Regolamento. POTERI 20% Standard Bloccare iter operativo Inserire dati in procedura 13

14 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE I MANUALI La modellazione sulla piattaforma ARIS delle informazioni raccolte consente la redazione della nuova normativa aziendale TASSONOMIA GLOSSARIO SIPOC MANUALI LEGAL INVENTORY POTERI DELEGATI RACI FLUSSI DI PROCESSO ALTRA NORMATIVA INTERNA 14

15 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE I DETTAGLI DEI MANUALI PREMESSA E GLOSSARIO 15

16 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE I DETTAGLI DEL MANUALE POTERI E DELEGHE Censimento e mappatura dei poteri e delle deleghe in ottica di processo 16

17 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE I DETTAGLI DEL MANUALE IL DETTAGLIO DELLE ATTIVITÀ Flusso di processo Collegamento a processo trasversale 17

18 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE DALLA FORMALIZZAZIONE STATICA ALLA ANALISI DINAMICA Monitoraggio dei processi critici in termini di tempi, affidabilità e costi Monitoraggio dimensionamento ottimale strutture Monitoraggio rispetto SLA contrattuali outsourcer Analisi finalizzate al miglioramento delle performance operative: Individuazione punti deboli, colli di bottiglia e sprechi Rilevazione delle best practice e benchmarking interno Analisi di correlazione KPI e dimensioni Analisi interazioni tra le diverse strutture organizzative 18

19 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE MONITORAGGIO - PPM Funzionalità di analisi e presentazione risultati Comparazione performance operative Cruscotti Best Performer Area/Filiale A Comparazione Peggior Performer Area/filiale B MASHZONE KPI KPI KPI Rilevate differenze significative nella performance Analisi Analisi Rootcause ARIS PPM Process discovery Process mining Process benchmarking Processi snelli Sorgenti Punti deboli nellla reale esecuzione del processo Estrattori Ricostruzione delle istanze di processo dagli eventi Analisi root-cause Interrogazione ARIS Process Performance Manager Emettere Offerta Ricevere Ordine di Acquisto Creare Ordine di spedizione Emettere Fattura Verificare pagamento Cosa? Staff Commerciale Ufficio Delivery Contabilità Clienti Contabilità Clienti Chi? Offerta Estrattore Ordine Cliente Ordine di Spedizione Fattura Cliente Ricevuta di pagamento Estrattore Estrattore Come? Perchè? CRM ERM FI/CO 19

20 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE MONITORAGGIO UN CASO PRATICO Data inizio osservazione: 1 Gennaio 2011 T4 data estrazione dati: 10 Febbraio 2014 Istanze in ingresso Tipo Distinta C - Confidi FIDI F - Fidi G - Garanzie J - Avallo su Prestiti Cofidi K - Confidi Garanzie M - Crediti Ipotecari FIDI N - Crediti Ipotecari GARANZIE O - Fidejussione in Atto GARANZIE +1 Documenti irregolari +1 Documenti irregolari Le date T1 e T2 in caso di rilavorazione vengono sovrascritte Ogni evento corrisponde a uno stato della distinta Evento iniziale Evento intermedio Evento finale 20

21 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE MONITORAGGIO KPI E DIMENSIONI DI ANALISI KPI o Istanze in ingresso: Numero pratiche deliberate i cui documenti devono essere smaterializzati. E uguale al numero di distinte elettroniche generate o Tempo Ciclo processo: Intervallo temporale in giorni tra data delibera e ultima data stato disponibile, calcolato per istanze complete o Tempo invio distinte a BOC: Intervallo temporale in giorni tra data delibera e data invio a BOC, calcolato per istanze prive di irregolarità escluse quelle in stato da inviare o Tempo lavorazione BOC: Intervallo temporale in giorni tra data invio a BOC e data invio ad archivio, calcolato per istanze prive di irregolarità escluse quelle in stato da inviare o Tempo di lavorazione del Service: Intervallo temporale in giorni tra la data invio a archivio e la data di chiusura, valore calcolato per istanze complete chiuse dal Service o % Distinte non inviate: Rapporto espresso in percentuale tra il numero delle distinte in stato da inviare alla data di estrazione dei dati (10 Febbraio 2014) e il numero totale delle distinte o % Distinte con irregolarità: Rapporto espresso in percentuale tra il numero di distinte con documenti irregolari e il numero totale delle distinte, valore calcolato per distinte in lavorazione o lavorate da BOC Dimensioni o Tempo: T0 Data Delibera (per le istanze in ingresso), T1- Data invio a BOC, T2 Data invio ad archivio (per le istanze in lavorazione presso il Service) o Tipo Distinta: il tipo pratica deliberata a cui la distinta si riferisce o Presenza di Irregolarità: distinta con documenti irregolari o Area/Filiale: Filiale e Area cui compete l invio delle distinte al BOC o Stato: tutti gli stati 21

22 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE MONITORAGGIO TEMPI DI CICLO Andamento mensile Tempo ciclo Tempo ciclo per stato finale distinta Comparazione : Tempo Ciclo in diminuzione: -16,7% da 84 nel 2012 a 70 gg lavorativi nel 2013 Tempo ciclo per tipo distinta Tempo ciclo per distinte Regolari/irregolari 22

23 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE MONITORAGGIO ANALISI CAUSA EFFETTO Analisi top flop % distinte irregolari Filiali peggiori e migliori Il 43,8% delle distinte inviate dalla filiale 156 presenta almeno un documento irregolare Dettaglio distinte irregolari inviate dalla filiale 165 Le istanze di processo sono visualizzabili singolarmente e/o in forma aggregata 23

24 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE DIMENSIONAMENTO UN CASO PRATICO A partire dalle informazioni relative ai processi aziendali modellati nella piattaforma ARIS è stato individuato l insieme delle attività svolte dalle strutture organizzative in perimetro Modellazione dei Processi Attività Ruoli/UO Monitoraggio dei processi Volumi Tempi Organico Dimensionamento strutture Assorbimento delle risorse Confronto con organico effettivo Le singole attività sono state raggruppate in operazioni OPERAZIONE/ATTIVITA' Blocco carte di debito Eseguire blocco Eseguire blocco in procedura Informare Filiale di riferimento dei movimenti sospetti Contabilizzazione rimborso utlizzo fraudolento carte di debito Produrre iniziativa di accredito Gestione restituzione carte di debito a filiale proprietaria/emittente Ricevere le tessere catturate e aggiornare informazioni Spedire carte di debito catturate a filiale proprietaria Spedire materialità a mezzo raccomandata 24

25 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE DIMENSIONAMENTO TEMPO TOTALE DI ESECUZIONE Ad ogni operazione è stato associato un Tempo di esecuzione e un Volume in riferimento allo specifico driver rappresentativo dell operazione stessa OPERAZIONE DRIVER Tempo di esecuzione operazione (in minuti) Volume Tempo (n operaz. Totale di anno 2013) esecuzione operazione Blocco carte di debito n blocchi carte di debito Contabilizzazione rimborso utlizzo fraudolento carte di debito n rimborsi carte di debito Liability Shift Gestione restituzione carte di debito a filiale proprietaria/emittente n carte di debito catturate da ATM Gestione rimborso per utilizzo fraudolento n richieste di rimborso su carte di debito per utilizzo fraudolento Monitoraggio scorte di Filiale carte di debito n giorni lavorativi Reintegro scorte di Filiale carte di debito n reintegri carte di debito alle filiali Reintegro scorte magazzino centrale carte di debito n richieste RDA per carte di debito Ricezione carico carte di debito n carte di debito reintegrate (blocchi da 10) Sblocco carte di debito n sblocchi carte di debito Segnalazione carte di debito in CAI/Carter n carte di debito revocate con segnalazioni CAI/Carter Variazione rapporti di regolamento carte di debito n variazione rapporto C/C di collegamento alla carta di debito Verifica chiusura rifornimenti n giorni lavorativi Verifica presenza frode n giorni lavorativi Verifiche blocco carte di debito n blocchi carte di debito verificati Verifiche giornaliere su consumi carte di debito n giorni lavorativi Verifiche sblocco carte di debito n sblocchi carte di debito verificati Totale complessivo 344 Il Tempo Totale di esecuzione operazione è dato dal prodotto del tempo di esecuzione della singola operazione per il volume. Ad esempio l operazione blocco carte di debito ha un tempo totale per operazione pari a 48 giorni ed è calcolato come prodotto tra il tempo di esecuzione della singola operazione (15 minuti) e il Volume totale delle operazioni effettuate in un determinato arco temporale (1440 operazioni anno 2013) espresso in numero di giorni. 25

26 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE DIMENSIONAMENTO AGGREGAZIONE DEI TEMPI DI ESECUZIONE Il Tempo Totale di esecuzione operazione è stato successivamente aggregato per Unità Organizzativa e per Processo Il Tempo Totale per Unità Organizzativa rappresenta il tempo necessario allo svolgimento di tutte le operazioni in carico alla U.O. Il Tempo Totale per esecuzione Processo rappresenta il tempo necessario all esecuzione di ogni singolo processo Risultati UNITA' ORGANIZZATIVE Linea Back Office Credito Ufficio Amministrazione Credito 745 Ufficio Garanzie Linea Back Office Incassi Pagamenti e Servizi Vari Ufficio Anagrafe e Protocollo Ufficio Enti e Tesoreria Ufficio Estero 752 Ufficio Gestione Incassi Ufficio Help desk Ufficio Lavorazione Assegni Ufficio Monetica Ufficio Servizi Vari Totale complessivo Risultati Tempo Totale per Tempo Totale per Unità PROCESSI Esecuzione Organizzativa * Processo ** Credito Incassi e Pagamenti Organizzazione Processi Trasversali di Customer Service 52 Servizi Accessori 418 Servizi Bancari Tipici 3 Supporto Logistico e Tecnico Totale complessivo * Tempo Totale per Unità Organizzativa = somma del Tempo Totale di esecuzione operazione per tutte le operazioni svolte dall Unità Organizzativa ** Tempo Totale per esecuzione Processo = somma del Tempo Totale di esecuzione operazione per tutte le operazioni del processo 26

27 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE DIMENSIONAMENTO ANALISI TEMPO EFFETTIVO Al fine di individuare eventuali inefficienze ed intervenire sull effort è stato effettuato un confronto tra il tempo effettivo/teorico di ogni singola unità organizzativa e il tempo totale di ogni U.O. Il Tempo effettivo del 2013 lavorato dalle unità organizzative in perimetro è stato confrontato con il Tempo Totale necessario all Unità Organizzativa per l esecuzione di tutte le operazioni di sua competenza Il Tempo teorico, rappresentativo della capacity stimata sulla base delle risorse attualmente allocate nelle stesse unità organizzative, è stato confrontato con il Tempo Totale necessario all Unità Organizzativa per l esecuzione di tutte le operazioni di sua competenza UNITA' ORGANIZZATIVE Tempo Totale per U.O. Tempo effettivo per U.O. Tempo effettivo per U.O. - Tempo Totale per U.O. Valori assoluti Linea Back Office Credito % % Staff na na na 880 na na Ufficio Amministrazione Credito % % Ufficio Garanzie % % Linea Back Office Incassi Pagamenti e Servizi Vari % % Ufficio Anagrafe e Protocollo % % Ufficio Enti e Tesoreria % % Ufficio Estero % % Ufficio Gestione Incassi % % Ufficio Help desk % % Ufficio Lavorazione Assegni % % Ufficio Monetica % % Ufficio Servizi Vari % % Totale complessivo % % Le risorse in staff alla Linea Back Office Credito non hanno attività specifiche perché di supporto alle altre strutture della Linea Valori reltivi Tempo teorico per U.O. Tempo teorico per U.O. - Tempo Totale per U.O. Valori assoluti Valori reltivi 27

28 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE DIMENSIONAMENTO ANALISI FTE E stata inoltre condotta un analisi basata sul calcolo degli FTE necessari per eseguire le operazioni. Il rapporto tra il tempo totale (per U.O., effettivo, teorico) e il numero medio di giornate lavorative (valore standard 220 gg) determina i Full Time Equivalent rispettivamente: necessari effettivi teorici Gli FTE risultano maggiori del numero di risorse allocate sulla struttura poiché il numero medio di giornate lavorative per il 2013 supera lo standard di 220 giornate utilizzate per il calcolo degli FTE UNITA' ORGANIZZATIVE FTE necessari N risorse 2013 FTE effettivi Valori assoluti FTE effettivi FTE necessari Linea Back Office Credito 8, ,7 6,4 43% 14 14,0 5,6 40% Staff na 4 5,5 na na 4 4,0 na na Ufficio Amministrazione Credito 3,4 4 3,9 0,5 14% 4 4,0 0,6 15% Ufficio Garanzie 5,0 5 5,3 0,3 6% 6 6,0 1,0 17% Linea Back Office Incassi Pagamenti e Servizi Vari 93, ,4 13,4 13% ,3 27,4 23% Ufficio Anagrafe e Protocollo 8,6 10 9,0 0,4 5% 11 11,0 2,4 22% Ufficio Enti e Tesoreria 36, ,6 4,2 10% 47 46,0 9,6 21% Ufficio Estero 3,4 5 3,9 0,5 13% 5 5,0 1,6 32% Ufficio Gestione Incassi 9, ,1 2,2 18% 13 13,0 3,1 24% Ufficio Help desk 8, ,4 1,6 15% 11 10,3 1,5 15% Ufficio Lavorazione Assegni 5,8 8 7,2 1,4 19% 8 8,0 2,2 28% Ufficio Monetica 5,8 8 7,4 1,6 22% 9 9,0 3,2 36% Ufficio Servizi Vari 14, ,8 1,5 9% 18 18,0 3,7 20% Totale complessivo 101, ,1 19,8 16% ,3 33,0 25% Valori relativi N risorse attuali FTE effettivi FTE effettivi FTE necessari Valori assoluti Valori relativi 28

29 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE DIMENSIONAMENTO DISTRIBUZIONE EFFORT I risultati dell analisi sono stati rappresentati in modo tale da evidenziare l effort delle diverse unità organizzative sui processi (maggiore è la dimensione del flusso, maggiore è l effort impiegato) Processi Unità organizzative 29

30 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE DIMENSIONAMENTO DISTRIBUZIONE EFFORT ATTIVITA E CONTROLLI Allo stesso modo è possibile rappresentare l effort delle diverse strutture organizzative sui processi, distinguendo tra attività ordinarie e attività di controllo Processi Tipo attività Unità organizzative 30

31 EFFICIENTAMENTO DELLE FUNZIONI DI CONTROLLO Un sistema di controllo interno (SCI) ha come obiettivo e priorità il governo dell azienda attraverso l individuazione, valutazione, monitoraggio, misurazione e mitigazione/gestione di tutti i rischi, coerentemente con il livello di rischio scelto/accettato dal vertice aziendale. 31

32 EFFICIENTAMENTO DELLE FUNZIONI DI CONTROLLO VANTAGGI DELLA GESTIONE INTEGRATA DEI RISCHI Condivisione di un patrimonio informativo comune (tassonomia dei processi e dei rischi aziendali/elementari; work-flow, logiche valutative, etc.) alle principali Funzioni Organizzative e di Controllo che porta: Efficientamento dei processi aziendali Efficientamento del Portafoglio dei rischi Sviluppo: dell interazione tra le Funzioni di Controllo di II e III livello della consapevolezza del ruolo e delle responsabilità delle stesse Funzioni di controllo nell ambito del complessivo Sistema dei Controlli Interni dei meccanismi di coordinamento e armonizzazione delle diverse Funzioni di Controllo per una maggiore efficacia ed efficienza dei processi di controllo operativi Definizione di flussi informativi verso Alta Direzione, Comitati e Organi Aziendali: condivisi fra le varie funzioni di controllo e, quindi, maggiormente efficaci e scevri da ridondanze, sovrapposizioni o lacune fondati su una piattaforma metodologica comune tesa a ricondurre ad unità le informative predisposte dalle singole funzioni in relazione agli specifici rischi aziendali analizzati 32

33 EFFICIENTAMENTO DELLE FUNZIONI DI CONTROLLO IL TABLEAU DE BOARD 33

34 EFFICIENTAMENTO DELLE FUNZIONI DI CONTROLLO IL TABLEAU DE BOARD DETTAGLIO PER PROCESSO 34

35 EFFICIENTAMENTO DELLE FUNZIONI DI CONTROLLO IL TABLEAU DE BOARD LE AZIONI CORRETTIVE 35

36 EFFICIENTAMENTO DELLE FUNZIONI DI CONTROLLO IL TABLEAU DE BOARD LE VALUTAZIONI DEI RISCHI DI COMPLIANCE 36

37 EFFICIENTAMENTO DELLE FUNZIONI DI CONTROLLO IL TABLEAU DE BOARD GLI AUDIT 37

38 EFFICIENTAMENTO DELLE FUNZIONI DI CONTROLLO LE AZIONI CORRETTIVE E LE INFORMAZIONI MAPPATE ESEMPIO COMPL. Scheda azione correttiva ARCM, sulla base della metodologia di valutazione della Azienda, elabora in automatico il livello di rischio ex ante VALUTAZIONE RISCHIO EX ANTE Scheda rischio La Compliance effettua le analisi, individua le azioni di mitigazione e le associa al rischio, quindi esprime una propria valutazione 38

39 IL PERCORSO Incrementare il livello di maturità al fine di rafforzare la capacità di governare i rischi rendendo eccellente il Sistema dei Controlli Interni Gestire in modo predittivo Efficientamento del SCI Avvio della gestione integrata 39

40 DAL REPORTING AL GOVERNO Eliminare i Controlli ridondanti Automatizzare controlli e verifiche Attivare sistemi di misurazione delle performance di processo Attivare sistemi di alert automatici delle eccezioni Definire e monitorare indicatori di business e di rischio di tipo preventivo Definire regole automatiche di comportamento al verificarsi di specifici eventi 40

41 IL GOVERNO INTELLIGENTE I-GRC Osservare direttamente sul campo e non documentare e poi analizzare Avere le informazioni in tempo reale e non sorprese a fine anno ARIS Risk & Compliance Manager Gestione degli eventi complessi Audit Management Fraud Indicator Monitoring Compliance/Internal Control Process Exception Monitoring Risk Management Risk Indicator Monitoring Corporate Governance, Policy Management ARIS Process Performance Manager Process Performance Management 41

42 IL GOVERNO INTELLIGENTE I-GRC Risposte in tempo reale Trasparenza completa al posto di campioni da verificare Preventiva al posto di investigativa GRC Live Monitoraggio automatico dei controlli Test sui controlli eseguiti in automatico Monitoraggio delle eccezioni per I passi di processo Monitoraggio degli indicatori di rischio e frodi Analisi in tempo reale su processi e transazioni Risposta Real-time ai livelli di rischio o alle eccezioni sui controlli Azioni automatiche definite da combinazioni di eventi ARIS insieme al complex event processing consente una integrazine perfetta tra Il business e il sistema dei controlli. ARIS Risk & Compliance Manager Complex event processing 42

43 CONCLUSIONI Efficientamento dell organizzazione e delle funzioni di controllo I processi al centro dell azienda Formalizzazione dei processi finalizzata ai manuali Dimensionamento e reingegnerizzazione dei processi Monitoraggio in tempo reale di performance ed indicatori Analisi di eventi complessi e automazione dei comportamenti Controlli e Verifiche per eccezioni 43

44 Vincenzo Carolla Managing Partner Via Milanese, Sesto San Giovanni Milano T +39/02/ F +39/02/ Efficientamento dell organizzazione e delle funzioni di controllo Hotel Michelangelo Milano, Aprile giugno

La Banca per processi e la gestione integrata della Governance Aziendale

La Banca per processi e la gestione integrata della Governance Aziendale La Banca per processi e la gestione integrata della Governance Aziendale Milano, 24 aprile 2015 Franco Nardulli Resp. Divisione Risorse Organizzative e Qualità Gruppo Banca Popolare di Bari La rete distributiva

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA PIATTAFORMA SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLE DINAMICHE ASSOCIATIVE

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA PIATTAFORMA SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLE DINAMICHE ASSOCIATIVE LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA PIATTAFORMA SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLE DINAMICHE ASSOCIATIVE La piattaforma SmartPlanner è una piattaforma software multitasking erogata in modalità SaaS,

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003 1 Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale Sestri Levante 19-20 maggio 2003 Performing - Mission 2 Performing opera nel mercato dell'ingegneria dell organizzazione e della revisione

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi Un partner unico e innovativo: esperienze, competenze e soluzioni a supporto di ogni processo Dedagroup partner dei Confidi Oggi il mondo dei

Dettagli

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS Allegato 1 Sono stati individuati cinque macro-processi e declinati nelle relative funzioni, secondo le schema di seguito riportato: 1. Programmazione e Controllo area ICT 2. Gestione delle funzioni ICT

Dettagli

Roberto Marconi UN ESPERIENZA DI UTILIZZO DELLA TECNOLOGIA PER INNOVARE IL SISTEMA DI MANAGEMENT

Roberto Marconi UN ESPERIENZA DI UTILIZZO DELLA TECNOLOGIA PER INNOVARE IL SISTEMA DI MANAGEMENT Roberto Marconi UN ESPERIENZA DI UTILIZZO DELLA TECNOLOGIA PER INNOVARE IL SISTEMA DI MANAGEMENT Abstract Il progetto BALANCED SCORECARD del Consorzio Operativo Gruppo Montepaschi corona una famiglia di

Dettagli

IS Governance in action: l esperienza di eni

IS Governance in action: l esperienza di eni IS Governance in action: l esperienza di eni eni.com Giancarlo Cimmino Resp. ICT Compliance & Risk Management Contenuti L ICT eni: mission e principali grandezze IS Governance: il modello organizzativo

Dettagli

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_ DIALOGO_ METODO_ SOLUZIONI_ COMPETENZE_ MISSION_ TECNOLOGIE_ ASSISTENZA_ MANAGEMENT_ SERVIZI_ GEWIN La combinazione di professionalità e know how tecnologico per la gestione aziendale_ L efficienza per

Dettagli

FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES

FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES In un contesto in rapida evoluzione e sempre più marcata competitività a livello globale per le aziende la focalizzazione sul core

Dettagli

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012 . Milano, 21 novembre 2012 Agenda Presentazione risultati Survey Modalità operative e leading practices Tavola Rotonda Presentazione risultati Survey. - 2 - La Survey Obiettivo: La ricerca condotta da

Dettagli

La Business Intelligence Ready to go Ready to work

La Business Intelligence Ready to go Ready to work SIDI SpA Soluzione KPI S La Business Intelligence Ready to go Ready to work Monitoring KPI s Monitoring KPI s è una Soluzione che fornisce, nella modalità sintetica e di maggior dettaglio, informazioni

Dettagli

DDConfidi è una soluzione per: LA SUITE DI SOLUZIONI SOFTWARE E SERVIZI DISEGNATA PER I CONFIDI

DDConfidi è una soluzione per: LA SUITE DI SOLUZIONI SOFTWARE E SERVIZI DISEGNATA PER I CONFIDI DDConfidi è una soluzione per: LA SUITE DI SOLUZIONI SOFTWARE E SERVIZI DISEGNATA PER I CONFIDI SELEZIONARE CON ATTENZIONE I CLIENTI, MONITORARE IN MODO EFFICACE LA QUALITÁ DEL PORTAFOGLIO, RISPONDERE

Dettagli

L approccio alla gestione integrata dei processi e dei controlli in BPB

L approccio alla gestione integrata dei processi e dei controlli in BPB L approccio alla gestione integrata dei processi e dei controlli in BPB Milano, 23 Maggio 2013 Franco Nardulli Resp. Linea Risorse Organizzative 1 AGENDA 1 Il Gruppo Banca Popolare di Bari 2 Il Progetto

Dettagli

Innovazione tecnologica nella gestione dei processi

Innovazione tecnologica nella gestione dei processi Innovazione tecnologica nella gestione dei processi Evento Filenet-CeTIF 25 marzo 2004 aula Pio XI Chiara Frigerio Federico Rajola, Università Cattolica di Milano www.cetif.it L agenda Il contesto bancario

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

SINTEMA retail services RETAIL

SINTEMA retail services RETAIL SINTEMA retail services RETAIL Servizi in outsourcing per lo sviluppo e la gestione di una rete di punti vendita: contabilità, paghe, bilanci, adempimenti fiscali e societari, servizi di controlling, legali,

Dettagli

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Contesto di riferimento Framework Lo standard

Dettagli

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione alla ISO 27001 La metodologia Quality Solutions Focus on: «L analisi

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

FATTURAZIONE ELETTRONICA. La soluzione ad impatto zero per Imprese, PA e Banche

FATTURAZIONE ELETTRONICA. La soluzione ad impatto zero per Imprese, PA e Banche FATTURAZIONE ELETTRONICA La soluzione ad impatto zero per Imprese, PA e Banche FATTURAZIONE ELETTRONICA: LA SOLUZIONE AD IMPATTO ZERO RA Computer propone al mercato la soluzione per la gestione della fattura

Dettagli

work force management

work force management nazca work force management UN UNICO PARTNER PER MOLTEPLICI SOLUZIONI Nazca WFM Un unica piattaforma che gestisce le attività e i processi di business aziendali, ottimizzando tempi, costi e risorse Nazca

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence I casi di successo dell Osservatorio Smau e School of Management del Politecnico di Milano * Il caso Brix distribuzione: monitorare le performance economicofinanziarie di una rete di supermercati attraverso

Dettagli

Esternalizzazione della Funzione Compliance

Esternalizzazione della Funzione Compliance Esternalizzazione della Funzione Compliance Supporto professionale agli intermediari oggetto della normativa di Banca d Italia in materia di rischio di non conformità Maggio 2012 Labet S.r.l. Confidenziale

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

LA SOLUZIONE SME.UP PER LE AZIENDE METALLURGICHE E SIDERURGICHE

LA SOLUZIONE SME.UP PER LE AZIENDE METALLURGICHE E SIDERURGICHE LA SOLUZIONE SME.UP PER LE AZIENDE METALLURGICHE E SIDERURGICHE SCEGLIERE PER COMPETERE : Soluzione Sme.UP per i processi metallurgici e siderurgici La logica Bringing Light per il governo dell azienda

Dettagli

Excellence Consulting. Company Profile

Excellence Consulting. Company Profile Excellence Consulting Company Profile Chi siamo L ECCELLENZA, l elemento principale della nostra value proposition non è solo il nostro brand ma fa parte anche del nostro DNA. Noi proponiamo eccellenza

Dettagli

I tuoi viaggi di lavoro a portata di click

I tuoi viaggi di lavoro a portata di click I tuoi viaggi di lavoro a portata di click www.mytraveltool.it CST MyTravelTool è un applicativo multi-channel, composto da diversi moduli che consentono di gestire tutte le principali fasi del processo

Dettagli

Incentive & La soluzione per informatizzare e gestire il processo di. Performance Management

Incentive & La soluzione per informatizzare e gestire il processo di. Performance Management Incentive & Performance Management La soluzione per informatizzare e gestire il processo di Performance Management Il contesto di riferimento La performance, e di conseguenza la sua gestione, sono elementi

Dettagli

Costi, ricavi IT e Audit. Fabio Nervegna Cell. 335-5377988 fabio.nervegna@altran.it

Costi, ricavi IT e Audit. Fabio Nervegna Cell. 335-5377988 fabio.nervegna@altran.it Costi, ricavi IT e Audit Fabio Nervegna Cell. 335-5377988 fabio.nervegna@altran.it 1 Premessa 2 Idea: la genesi 3 Le motivazioni 4 Descrizione tematica: idea e contesto, obiettivi 5 Approccio metodologico

Dettagli

Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force.

Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force. Sicuritalia S.p.A. Utilizzata con concessione dell autore. SAP Customer Success Story Sicurezza e servizi fiduciari Sicuritalia S.p.A Sicuritalia e la soluzione di SAP per la Field Force. Partner Nome

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CRM DELLA PIATTAFORMA SMARTPLANNER

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CRM DELLA PIATTAFORMA SMARTPLANNER LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CRM DELLA PIATTAFORMA SMARTPLANNER Il CRM: controllo e performance Il CRM, customer relationship management, è una strategia competitiva basata su processi, controllo,

Dettagli

Relazione Banche Confidi: rafforzare il rapporto di garanzia e andare oltre. Servizio Gateway Confidi. Claudio Mauro. Direttore Centrale

Relazione Banche Confidi: rafforzare il rapporto di garanzia e andare oltre. Servizio Gateway Confidi. Claudio Mauro. Direttore Centrale Relazione Banche Confidi: rafforzare il rapporto di garanzia e andare oltre Servizio Gateway Confidi Claudio Mauro Direttore Centrale RA Computer Roma, 29 Novembre 2013 RA Computer In cifre Più di 300

Dettagli

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale;

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale; Presentazione Blu Consulting è una società di consulenza direzionale certificata ISO 9001:2008, fondata da Mauro Masciarelli nel 2009, specializzata nella revisione delle strategie di business, adeguamento

Dettagli

Milano, Settembre 2014

Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 Agenda - Il mercato italiano - Chi Siamo - Le nostre competenze - La nostra offerta - La Piattaforma IT - Processi supportati - Modularità - Principali funzionalità - Risultati raggiunti

Dettagli

Formalizzare i processi aziendali per

Formalizzare i processi aziendali per Formalizzare i processi aziendali per accrescere l efficacia l dei controlli Bankadati S.I. Gruppo Creval La comunicazione finanziaria Sondrio, 9 marzo 2010 LA GESTIONE PER PROCESSI IN CREVAL La gestione

Dettagli

Come si dovrà concentrare l impegno dell audit

Come si dovrà concentrare l impegno dell audit Come si dovrà concentrare l impegno dell audit Carolyn Dittmeier Convegno Nazionale Associazione Italiana Information Systems Auditors 19 maggio 20005 1 AGENDA L importanza della cultura aziendale sulle

Dettagli

Esempi di Soluzioni dei Business Partner IBM ECM

Esempi di Soluzioni dei Business Partner IBM ECM Esempi di Soluzioni dei Business Partner IBM ECM Marco Meucci IBM ECM TechSales Roma, 4 Febbraio 2011 IBM ECM CHANNEL 2010 Sneak Peek Incremento Revenue Transazionale Canale ECM Y/Y: +46% Totale Business

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace CORPORATE GOVERNANCE Implementare una corporate governance efficace 2 I vertici aziendali affrontano una situazione in evoluzione Stiamo assistendo ad un cambiamento senza precedenti nel mondo della corporate

Dettagli

SMART MANAGEMENT. LA GESTIONE DEL CLIENTE NELLE UTILITY: normative, tecnologie supporto IT

SMART MANAGEMENT. LA GESTIONE DEL CLIENTE NELLE UTILITY: normative, tecnologie supporto IT SMART MANAGEMENT LA GESTIONE DEL CLIENTE NELLE UTILITY: normative, tecnologie supporto IT Questa survey ha l obiettivo di mettere a confronto le aziende distributrici di energia e gas per individuare le

Dettagli

Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente.

Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente. Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente. esperienza + innovazione affidabilità Da IBM, una soluzione completamente nuova: ACG Vision4,

Dettagli

Processi di Gestione dei Sistemi ICT

Processi di Gestione dei Sistemi ICT Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A3_1 V1.1 Processi di Gestione dei Sistemi ICT Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology

Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology Davide Lizzio CISA CRISC Venezia Mestre, 26 Ottobre 2012 Informazioni Aziendali: Il processo di

Dettagli

Microsoft Dynamics AX per le aziende di servizi

Microsoft Dynamics AX per le aziende di servizi Microsoft Dynamics AX per le aziende di servizi Una crescita sostenibile attraverso il potenziamento dei clienti più redditizi 2012 Microsoft Dynamics AX con il modulo Professional Services offre una soluzione

Dettagli

FLEET MANAGER ACADEMY

FLEET MANAGER ACADEMY FLEET MANAGER ACADEMY Mercoledì 11 marzo 2015 Palazzo del Ghiaccio - Milano GESTIONE DELLA FLOTTA La gestione tecnica ed il monitoraggio operativo delle auto aziendali A cura di Robert Satiri Responsabile

Dettagli

I processi aziendali e l industria della cornice di legno.

I processi aziendali e l industria della cornice di legno. I processi aziendali e l industria della cornice di legno. Productio Flow può essere classificato come un sistema software progettato ad hoc sulle esigenze gestionali dell industria della cornice di legno

Dettagli

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Innovazione per la Pubblica Amministrazione Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Fabio Monteduro CISPA-Università di Roma Tor Vergata fabio.monteduro@uniroma2.it

Dettagli

Al tuo fianco. nella sfida di ogni giorno. risk management www.cheopeweb.com

Al tuo fianco. nella sfida di ogni giorno. risk management www.cheopeweb.com Al tuo fianco nella sfida di ogni giorno risk management www.cheopeweb.com risk management Servizi e informazioni per il mondo del credito. Dal 1988 assistiamo le imprese nella gestione dei processi di

Dettagli

e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione.

e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione. Sistemi di monitoraggio e controllo dei processi Sistemi di monitoraggio e controllo dei processi e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione. Interventi di Business Value

Dettagli

Compliance in Banks 2010

Compliance in Banks 2010 Compliance 2010 Compliance in Banks 2010 Dott. Giuseppe Aquaro Responsabile Group Audit Unicredit S.p.A. Il coordinamento complessivo del Sistema dei Controlli Interni in Banca Roma, 12 Novembre 2010 Premessa:

Dettagli

Un'efficace gestione del rischio per ottenere vantaggi competitivi

Un'efficace gestione del rischio per ottenere vantaggi competitivi Un'efficace gestione del rischio per ottenere vantaggi competitivi Luciano Veronese - RSA Technology Consultant Marco Casazza - RSA Technology Consultant 1 Obiettivi della presentazione Dimostrare come

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

Evoluzione dei Modelli Organizzativi e dei ruoli professionali e manageriali dell ICT per rispondere al business aziendale

Evoluzione dei Modelli Organizzativi e dei ruoli professionali e manageriali dell ICT per rispondere al business aziendale Programma Competenze professionali per l Innovazione Digitale Evoluzione dei Modelli Organizzativi e dei ruoli professionali e manageriali dell ICT per rispondere al business aziendale Marco Bozzetti GeaLab

Dettagli

sfide del ventunesimo Secolo

sfide del ventunesimo Secolo 21 Century Finance Survey Ottimizzare i le potenzialità, garantire i risultati. ti Il CFO di fronte alle sfide del ventunesimo Secolo Copyright 2013 - Business International È vietata la riproduzione,

Dettagli

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V Indice Gli autori XIII XVII Capitolo 1 I sistemi informativi aziendali 1 1.1 INTRODUZIONE 1 1.2 IL MODELLO INFORMATICO 3 1.2.1. Il modello applicativo 3 Lo strato di presentazione

Dettagli

L integrazione dei dati da fonti interne ed esterne nel processo Order to Cash 27 Maggio, Bardolino

L integrazione dei dati da fonti interne ed esterne nel processo Order to Cash 27 Maggio, Bardolino L integrazione dei dati da fonti interne ed esterne nel processo Order to Cash 27 Maggio, Bardolino AICS MEETING DAY 2009 Agenda La partnership La survey L integrazione Le soluzioni 2 Agenda La partnership

Dettagli

La ISA nasce nel 1994. Servizi DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994. Servizi DIGITAL SOLUTION ISA ICT Value Consulting La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi

Dettagli

Idee, tecnica, soluzioni. Passion for IT

Idee, tecnica, soluzioni. Passion for IT Idee, tecnica, soluzioni. Passion for IT Levia Group è realtà di riferimento nel nord Italia nell offerta di soluzioni gestionali leader di mercato. Partner TeamSystem di primo livello, è in grado di proporre

Dettagli

TC1: la piattaforma di Supply Chain Collaboration

TC1: la piattaforma di Supply Chain Collaboration WWW.GRUPPOTESI.COM TC1: la piattaforma di Supply Chain Collaboration Santa Vittoria 25.09.2013 La forma e i contenuti della presente documentazione sono da intendersi riservati tra il Cliente e Tesi SpA

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

Collaboration aziendale in Cloud Computing

Collaboration aziendale in Cloud Computing Collaboration aziendale in Cloud Computing sviluppate con la tecnologia La soluzione che non c era Rel. 2.0 Gennaio 2013 Come Funziona Prima File Server Server di Backup ERP e gestionali Software in azienda

Dettagli

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it IS Governance Francesco Clabot Consulenza di processo francesco.clabot@netcom-srl.it 1 Fondamenti di ISO 20000 per la Gestione dei Servizi Informatici - La Norma - 2 Introduzione Che cosa è una norma?

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA PIATTAFORMA PER GARANTIRE L EFFICIENZA ENERGETICA

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA PIATTAFORMA PER GARANTIRE L EFFICIENZA ENERGETICA LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA PIATTAFORMA PER GARANTIRE L EFFICIENZA ENERGETICA Il CRM: controllo e performance Il CRM, customer relationship management, è una strategia competitiva basata

Dettagli

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE Lucia Picardi Responsabile Marketing Servizi Digitali Chi siamo 2 Poste Italiane: da un insieme di asset/infrastrutture

Dettagli

Addition, tutto in un unica soluzione

Addition, tutto in un unica soluzione Addition, tutto in un unica soluzione Addition è un applicativo Web progettato e costruito per adattarsi alle esigenze delle imprese. Non prevede un organizzazione in moduli, mette a disposizione delle

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 2014-2017

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 2014-2017 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 2014-2017 n. elaborato: 7 CRITICITA' NEI SERVIZI AL CONSUMATORE file: data: agg.: marzo 2014 Acea Ato 2 S.p.A. PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 7 Criticità nei servizi al consumatore

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

IX Convention ABI. L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo

IX Convention ABI. L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo IX Convention ABI L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo BPR e BCM: due linee di azione per uno stesso obiettivo Ing. Alessandro Pinzauti Direttore

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT CENTRATE I VOSTRI OBIETTIVI LA MISSIONE In qualità di clienti Rockwell Automation, potete contare

Dettagli

ATLAS Reply. Modello, metodologia e servizi offerti

ATLAS Reply. Modello, metodologia e servizi offerti ATLAS Reply Modello, metodologia e servizi offerti Mission Atlas Reply nasce nel 2001 con questa mission: Allineare l IT alle necessità del business operando sull automazione dei processi, l efficacia

Dettagli

La tecnologia abilitante il cambiamento. Stefano Conte - Aresoft

La tecnologia abilitante il cambiamento. Stefano Conte - Aresoft La tecnologia abilitante il cambiamento Stefano Conte - Aresoft Agenda Chi siamo La necessità del cambiamento Strumenti e tecnologia a disposizione Una dimostrazione pratica Coffe break 11 Giugno 2015

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

Conoscere Dittaweb per:

Conoscere Dittaweb per: IL GESTIONALE DI OGGI E DEL FUTURO Conoscere Dittaweb per: migliorare la gestione della tua azienda ottimizzare le risorse risparmiare denaro vivere meglio il proprio tempo IL MERCATO TRA OGGI E DOMANI

Dettagli

Un potente sistema di monitoraggio delle performance aziendali

Un potente sistema di monitoraggio delle performance aziendali Un potente sistema di monitoraggio delle performance aziendali Scenario di utilizzo Monitorare efficacemente e costantemente le performance aziendali diventa sempre più cruciale per mantenere alti i livelli

Dettagli

Fattori critici di successo

Fattori critici di successo CSF e KPI Fattori critici di successo Critical Success Factor (CSF) Definiscono le azioni o gli elementi più importanti per controllare i processi IT Linee guida orientate alla gestione del processo Devono

Dettagli

IT governance & management. program

IT governance & management. program IT governance & management Executive program VI EDIZIONE / GENNAIO - maggio 2016 PERCHÉ QUESTO PROGRAMMA Nell odierno scenario competitivo l ICT si pone come un fattore abilitante dei servizi di business

Dettagli

IL PERFORMANCE MANAGEMENT

IL PERFORMANCE MANAGEMENT IT PROFESSIONAL SERVICES UNA SOLUZIONE PER IL PERFORMANCE MANAGEMENT for Enterprise Gestire il portfolio applicativo monitorando qualità, produttività e costi dello sviluppo applicativo Overview ARGOMENTI:

Dettagli

PROFILO AZIENDALE 2011

PROFILO AZIENDALE 2011 PROFILO AZIENDALE 2011 NET STUDIO Net Studio è un azienda che ha sede in Toscana ma opera in tutta Italia e in altri paesi Europei per realizzare attività di Consulenza, System Integration, Application

Dettagli

Segnalazioni di Vigilanza e Bilancio

Segnalazioni di Vigilanza e Bilancio Segnalazioni di Vigilanza e Bilancio Canali e Core Banking Finanza Crediti Sistemi Direzionali Smart Accounting Sistema di contabilità bancaria su piattaforma SAP Smart Invoice Gestione elettronica e workflow

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Piano di Impresa 2006 2009. Marzo 2006

Piano di Impresa 2006 2009. Marzo 2006 Piano di Impresa 2006 2009 Marzo 2006 Ferservizi: Portafoglio servizi e volumi gestiti Consuntivo 2005 Acquisti di Gruppo Volume transato Ristorazione 214 M 12,7 milioni di pasti Servizi Amministrativi

Dettagli

SAP BO DISCLOSURE MANAGEMENT PER LE

SAP BO DISCLOSURE MANAGEMENT PER LE Solution Brief Chi siamo Obiettivi Soluzione Vantaggi In breve SAP BO DISCLOSURE MANAGEMENT PER LE IMPRESE ASSICURATIVE Solution Brief SAP BO Disclosure Management per le imprese assicurative Qintesi -

Dettagli

SERVIZI E SOLUZIONI AVANZATE PER IL VOSTRO BUSINESS

SERVIZI E SOLUZIONI AVANZATE PER IL VOSTRO BUSINESS HUMAN UTILITY BUSINESS hubdoc.it / La nostra realtà SERVIZI E SOLUZIONI AVANZATE PER IL VOSTRO BUSINESS HUB è un centro servizi in cui, ogni giorno, professionisti con forti esperienze consolidate al vertice

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

di filiali, sportelli e uffici di direzione

di filiali, sportelli e uffici di direzione Modello logistico per l approvvigionamento Modello logistico per l approvvigionamento di filiali, sportelli e uffici di direzione Gli interventi di Business Value Business Value esprime un forte know-how,

Dettagli

Credit check evoluti: un aiuto concreto al processo decisionale

Credit check evoluti: un aiuto concreto al processo decisionale Credit check evoluti: un aiuto concreto al processo decisionale Natalia Leonardi, Direttore Area Centrale Bilanci, Cerved Luca Cianci, Responsabile U.O. Progetti Speciali, Cerved AICS Meeting Day Lazise

Dettagli

La Governance bancaria e il cruscotto direzionale per la gestione della sicurezza integrata. Gianluigi Ferraris

La Governance bancaria e il cruscotto direzionale per la gestione della sicurezza integrata. Gianluigi Ferraris La Governance bancaria e il cruscotto direzionale per la gestione della sicurezza integrata Gianluigi Ferraris Agenda 2 Il gruppo Intesa Sanpaolo La Sicurezza come elemento della Governance La Sicurezza

Dettagli

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Clément PERRIN / Daniela TAVERNA - Senior Project Manager Milano, 20 Aprile 2012 Con l acquisizione da parte di BNPP 6 anni

Dettagli

IDENTITÀ GIOVANE. Nata nel 2006 con l intento di diventare leader nel settore IT, Easytech cresce con una solida competenza in tre divisioni:

IDENTITÀ GIOVANE. Nata nel 2006 con l intento di diventare leader nel settore IT, Easytech cresce con una solida competenza in tre divisioni: copertina pg. 1 immagine pg. 2 Easytech è un gruppo di giovani professionisti uniti da un obiettivo comune: proporre le migliori soluzioni per rendere le imprese leggere e pronte a sostenere la competizione

Dettagli