Efficientamento dell organizzazione e delle funzioni di controllo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Efficientamento dell organizzazione e delle funzioni di controllo"

Transcript

1 Efficientamento dell organizzazione e delle funzioni di controllo Vincenzo Carolla ARIS User Group, Milano giugno 2015 Milano, 16 giugno Software AG. All rights reserved. For internal use only

2 AGENDA Interlem Management Consulting Premessa I Processi al centro Efficientamento dell organizzazione Manuali Monitoraggio Dimensionamento Efficientamento delle funzioni di controllo Dal reporting alla governo Il Governo Intelligente i-grc Conclusioni 2

3 SOFTWARE AG E IL GRUPPO INTERLEM GRUPPO INTERLEM STRUTTURA SOCIETARIA INTERLEM S.p.A Progettazione e realizzazione di soluzioni informatiche integrate per la gestione dei processi aziendali (SAP ERP, Business intelligence, Customer relationship management, Application & System Maintenance, Software factory, IT infrastructure) INTERLEM MANAGEMENT CONSULTING S.r.l. Consulenza direzionale con specializzazione su tematiche di Business Process Management, Risk/Compliance Management, Human Resource INTERLEM GP OMEGA S.r.l. Sistemi gestionali verticali specializzati per settori di industria nel mercato delle PMI INTERLEM DIGITAL BUSINESS S.r.l. Sistemi WEB, piattaforme e strategie di e-commerce sui nuovi canali digitali 3

4 SOFTWARE AG E IL GRUPPO INTERLEM INTERLEM MANAGEMENT CONSULTING Chi siamo Società di Consulenza di Direzione nata all inizio del 2012, all interno del, per aiutare le aziende a migliorare le proprie performance in un contesto economico che costringe le organizzazioni a seguire velocemente i cambiamenti del mercato. Costituita da professionisti con più di 15 anni di esperienza nel settore, Interlem Management Consulting sviluppa soluzioni che, partendo dall analisi dei bisogni, agiscono come agenti di cambiamento su processi, persone e tecnologie, coprendo l intera attuazione del piano di miglioramento nei tempi veloci richiesti dalla situazione. Le nostre competenze Competenze a 360 su tutte le tematiche manageriali raggruppate nelle seguenti aree: La nostra mission Aiutare i nostri clienti ad affrontare le nuove sfide del mercato globale attraverso soluzioni capaci di migliorare l efficacia e l efficienza delle organizzazioni, di mutare il modo in cui competono nei propri mercati determinandone un vantaggio competitivo. Processi, Persone e Tecnologie. Le soluzioni che disegniamo agiscono come agenti di cambiamento su Processi, Persone e Tecnologie. 4

5 SOFTWARE AG E IL GRUPPO INTERLEM INTERLEM MANAGEMENT CONSULTING - COMPETENZE Definizione del Framework di gestione dei Processi Analisi organizzativa per il ridisegno dei Processi Definizione e produzione automatica dei Manuali organizzativi e delle Procedure Implementazione del "Cruscotto di consultazione dei Processi" sull'intranet aziendale Deployment delle attività a diversi livelli di dettaglio Analisi per il dimensionamento delle Strutture Simulazione di differenti Scenari di business ed operativi Automazione dei Processi core e di supporto attraverso sistemi di Workflow Definizione dei Modelli organizzativi e di gestione dei Controlli Interni Identificazione, rappresentazione e gestione del Portafoglio dei Rischi Identificazione, rappresentazione e gestione della Legal Inventory Identificazione e gestione degli impatti di Rischi e Controlli sui Processi aziendali Definizione del Modello di "Control Risk Self Assessment" Definizione dei Workflow di gestione dei Controlli di secondo e terzo livello Definizione e implementazione dei Modelli per la raccolta delle Perdite (Loss-data collection) Definizione e implementazione della Reportistica integrata Definizione e implementazione dei Modelli di gestione delle Normative specifiche (Legge 262/05, D.Lgs 231, Sarbanes Oxley Act, ecc.) Percorsi formativi specifici per gli Attori coinvolti nella gestione del Risk Management, del Compliance Management e dell'internal Audit Definizione dei Modelli organizzativi, dimensionamento e benchmarking delle Strutture Organizzative Mappatura e disegno dei Processi TO BE in ottica Lean e revisione delle Procedure Analisi degli Scenari di business ed operativi Definizione e realizzazione dei Modelli di analisi delle Performance e dei Cruscotti di Monitoraggio Gestione e supporto al cambiamento organizzativo Percorsi formativi specifici per gli Attori coinvolti nel Cambiamento organizzativo 5

6 SOFTWARE AG E IL GRUPPO INTERLEM INTERLEM MANAGEMENT CONSULTING - COMPETENZE Mappatura delle competenze Analisi dei gap di competenze fra i profili attesi e le competenze effettive Definizione e implementazione dei Modelli di Potere e di Delega Definizione e implementazione dei Modelli di gestione delle Carriere Definizione dei Modelli organizzativi, dimensionamento e benchmarking delle Strutture Organizzative Disegno dei Processi HR e revisione delle Procedure Disegno organizzativo per il supporto alla gestione del Cambiamento per l'innovazione Definizione e realizzazione dei Modelli di analisi delle Performance e dei Cruscotti di Monitoraggio (Scorecard, Metriche) Analisi di scenario per il Restructuring e il Rightsizing Percorsi formativi specifici per gli Attori coinvolti nel Cambiamento organizzativo Information Technology Infrastructure Library (ITIL) Information Services Procurement Library (ASPL) Application Services Library (ASL) Dynamic Systems Development Method (DSDM) Capability Maturity Model (CMM/CMMI) Control Objectives for Information and related Technologies (COBIT) The Open Group Architecture Framework (TOGAF) arricchite da una consolidata esperienza sul campo nella: Definizione e formalizzazione della Strategia IT come declinazione della strategia di business Definizione della Struttura organizzativa dell'it e identificazione dei ruoli, delle responsabilità e delle competenze Identificazione, rappresentazione e gestione integrata dei Processi della funzione IT Censimento, rappresentazione e gestione integrata del Portafoglio delle Applicazioni, delle Architetture IT e delle componenti Hardware Identificazione del Portafoglio dei Rischi informatici Definizione e implementazione del Sistema di controllo interno per l'it Definizione e realizzazione dei Modelli di analisi delle Informazioni IT e dei Cruscotti di Monitoraggio 6

7 PREMESSA IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Il contesto economico che stiamo vivendo è caratterizzato da forte instabilità ed incertezza sul futuro. Tali fenomeni impongono alle organizzazioni di rispondere in modo adeguato e veloce ai nuovi assetti del mercato. Non è più consentito operare secondo una logica di prodotti e servizi standard. L applicazione di nuove tecnologie e nuovi modelli di approccio ai prodotti e servizi da parte del mercato, impongono alle organizzazioni di concentrare le proprie attività sulla personalizzazione, differenziazione e velocità di erogazione. E necessario che le organizzazioni innovino continuamente, proponendo prodotti e servizi sempre più vicini alle reali necessità del cliente. 7

8 PREMESSA L IMPORTANZA DELL APPROCCIO PER PROCESSI In mercati stabili le aziende sono concentrate nel proporre prodotti e servizi standardizzati al prezzo più basso L organizzazione, nel concepire il proprio modello di business, pone quindi la sua attenzione sulla efficienza operativa L efficienza operativa è perseguibile specializzando le persone nelle attività che devono svolgere in una logica Funzionale In una situazione di stabilità è possibile puntare sulla "differenziazione" o specializzazione delle funzioni per ottenere elevate prestazioni Il necessario coordinamento è fatto di norme complesse e articolate ma stabili, quindi bisognevoli di scarsa manutenzione In mercati turbolenti le aziende devono concentrare la propria attenzione sui bisogni dei clienti e sulla velocità si soddisfacimento di tali bisogni concependo prodotti e servizi sempre più personalizzati sulla base dei reali bisogni del cliente L organizzazione, nel concepire il proprio modello di business, deve porre la sua attenzione sulla efficacia operativa L efficacia operativa è perseguibile concentrando il focus sulla interazione tra le attività e le persone specializzate, cioè in una logica di Processo 8

9 PREMESSA EFFICACIA ED EFFICIENZA EFFICIENZA EFFICACIA Specializzazione e/o differenziazione delle funzioni Focus sulla interazione tra attività e funzioni specializzate Efficientamento dell organizzazione e delle funzioni di controllo Hotel Michelangelo Milano, 24 Aprile

10 PREMESSA IL PUNTO DI EQUILIBRIO: L ECCELLENZA Ciò che è migliore. Un sistema eccellente è quindi un sistema che sia in grado di raggiungere il miglior livello di efficacia e di efficienza. Efficacia: raggiungimento dell obiettivo Efficienza: con il minor costo e nel tempo più breve 10

11 IL NOSTRO APPROCCIO I PROCESSI AL CENTRO DEL MODELLO I processi al centro per una gestione integrata della governance aziendale Individuazione dei fattori critici di successo da monitorare mediante indicatori di prestazione e produttività Re-ingegnerizzazione ed efficientamento dei processi (costi, produttività, qualità, etc) Analisi dimensionamento delle struttura Razionalizzazione della normativa Driver per l aumento della fruibilità (semplificazione, ricerca, eliminazione ridondanze) Gestione dell evoluzione dei sistemi informativi attraverso la definizione dei requisiti funzionali orientati alle richieste interne ed esterne Mappatura delle competenze Formazione per processo Valutazione e del sistema dei controlli Pianificazione e gestione Identificazione di rischi e audit Monitoraggio e gestione dei controlli rischi operativi Pianificazione e gestione controlli 11

12 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE LA TASSONOMIA La mappatura dei processi rappresenta una fotografia dettagliata del funzionamento dell Azienda e consente di valorizzare il patrimonio informativo in un unico repository, a beneficio di tutte le aree aziendali Per garantire precisione e univocità delle informazioni, è necessario definire la Tassonomia dei processi aziendali che, a partire dal modello si business specifico dell azienda declina le attività svolte fino al livello di dettaglio desiderato Area Es: Business Macroprocesso Es: Operations Processo Es: Incassi e pagamenti Sottoprocesso Es: Carte di credito Fase Es: Gestione operativa carte di credito Sottofase Sottofase Es: Vendita carte di credito 12

13 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE LE INFORMAZIONI MAPPATE Grande attenzione è stata prestata alla fase di raccolta delle informazioni necessarie alla mappatura dei processi Per ogni processo sono stati identificati i seguenti elementi corredati dei relativi attributi UNITA ORGANIZZATIVE / RUOLI Ufficio Sviluppo Organizzativo Responsabile Ufficio. Divisione Risorse Organizzative RISCHI Errato inserimento dati a sistema CONTROLLI Verificare dati inseriti in procedura Verificare Verificare congruenza dei dati ITERFACCIA DI PROCESSO DOCUMENTAZIONE A SUPPORTO Anagrafe Policy ICAAP SISTEMI APPLICATIVI ATTIVITA PWS Anagrafe REQUISITI NORMATIVI Art.5 c.6 Regolamento. POTERI 20% Standard Bloccare iter operativo Inserire dati in procedura 13

14 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE I MANUALI La modellazione sulla piattaforma ARIS delle informazioni raccolte consente la redazione della nuova normativa aziendale TASSONOMIA GLOSSARIO SIPOC MANUALI LEGAL INVENTORY POTERI DELEGATI RACI FLUSSI DI PROCESSO ALTRA NORMATIVA INTERNA 14

15 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE I DETTAGLI DEI MANUALI PREMESSA E GLOSSARIO 15

16 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE I DETTAGLI DEL MANUALE POTERI E DELEGHE Censimento e mappatura dei poteri e delle deleghe in ottica di processo 16

17 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE I DETTAGLI DEL MANUALE IL DETTAGLIO DELLE ATTIVITÀ Flusso di processo Collegamento a processo trasversale 17

18 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE DALLA FORMALIZZAZIONE STATICA ALLA ANALISI DINAMICA Monitoraggio dei processi critici in termini di tempi, affidabilità e costi Monitoraggio dimensionamento ottimale strutture Monitoraggio rispetto SLA contrattuali outsourcer Analisi finalizzate al miglioramento delle performance operative: Individuazione punti deboli, colli di bottiglia e sprechi Rilevazione delle best practice e benchmarking interno Analisi di correlazione KPI e dimensioni Analisi interazioni tra le diverse strutture organizzative 18

19 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE MONITORAGGIO - PPM Funzionalità di analisi e presentazione risultati Comparazione performance operative Cruscotti Best Performer Area/Filiale A Comparazione Peggior Performer Area/filiale B MASHZONE KPI KPI KPI Rilevate differenze significative nella performance Analisi Analisi Rootcause ARIS PPM Process discovery Process mining Process benchmarking Processi snelli Sorgenti Punti deboli nellla reale esecuzione del processo Estrattori Ricostruzione delle istanze di processo dagli eventi Analisi root-cause Interrogazione ARIS Process Performance Manager Emettere Offerta Ricevere Ordine di Acquisto Creare Ordine di spedizione Emettere Fattura Verificare pagamento Cosa? Staff Commerciale Ufficio Delivery Contabilità Clienti Contabilità Clienti Chi? Offerta Estrattore Ordine Cliente Ordine di Spedizione Fattura Cliente Ricevuta di pagamento Estrattore Estrattore Come? Perchè? CRM ERM FI/CO 19

20 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE MONITORAGGIO UN CASO PRATICO Data inizio osservazione: 1 Gennaio 2011 T4 data estrazione dati: 10 Febbraio 2014 Istanze in ingresso Tipo Distinta C - Confidi FIDI F - Fidi G - Garanzie J - Avallo su Prestiti Cofidi K - Confidi Garanzie M - Crediti Ipotecari FIDI N - Crediti Ipotecari GARANZIE O - Fidejussione in Atto GARANZIE +1 Documenti irregolari +1 Documenti irregolari Le date T1 e T2 in caso di rilavorazione vengono sovrascritte Ogni evento corrisponde a uno stato della distinta Evento iniziale Evento intermedio Evento finale 20

21 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE MONITORAGGIO KPI E DIMENSIONI DI ANALISI KPI o Istanze in ingresso: Numero pratiche deliberate i cui documenti devono essere smaterializzati. E uguale al numero di distinte elettroniche generate o Tempo Ciclo processo: Intervallo temporale in giorni tra data delibera e ultima data stato disponibile, calcolato per istanze complete o Tempo invio distinte a BOC: Intervallo temporale in giorni tra data delibera e data invio a BOC, calcolato per istanze prive di irregolarità escluse quelle in stato da inviare o Tempo lavorazione BOC: Intervallo temporale in giorni tra data invio a BOC e data invio ad archivio, calcolato per istanze prive di irregolarità escluse quelle in stato da inviare o Tempo di lavorazione del Service: Intervallo temporale in giorni tra la data invio a archivio e la data di chiusura, valore calcolato per istanze complete chiuse dal Service o % Distinte non inviate: Rapporto espresso in percentuale tra il numero delle distinte in stato da inviare alla data di estrazione dei dati (10 Febbraio 2014) e il numero totale delle distinte o % Distinte con irregolarità: Rapporto espresso in percentuale tra il numero di distinte con documenti irregolari e il numero totale delle distinte, valore calcolato per distinte in lavorazione o lavorate da BOC Dimensioni o Tempo: T0 Data Delibera (per le istanze in ingresso), T1- Data invio a BOC, T2 Data invio ad archivio (per le istanze in lavorazione presso il Service) o Tipo Distinta: il tipo pratica deliberata a cui la distinta si riferisce o Presenza di Irregolarità: distinta con documenti irregolari o Area/Filiale: Filiale e Area cui compete l invio delle distinte al BOC o Stato: tutti gli stati 21

22 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE MONITORAGGIO TEMPI DI CICLO Andamento mensile Tempo ciclo Tempo ciclo per stato finale distinta Comparazione : Tempo Ciclo in diminuzione: -16,7% da 84 nel 2012 a 70 gg lavorativi nel 2013 Tempo ciclo per tipo distinta Tempo ciclo per distinte Regolari/irregolari 22

23 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE MONITORAGGIO ANALISI CAUSA EFFETTO Analisi top flop % distinte irregolari Filiali peggiori e migliori Il 43,8% delle distinte inviate dalla filiale 156 presenta almeno un documento irregolare Dettaglio distinte irregolari inviate dalla filiale 165 Le istanze di processo sono visualizzabili singolarmente e/o in forma aggregata 23

24 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE DIMENSIONAMENTO UN CASO PRATICO A partire dalle informazioni relative ai processi aziendali modellati nella piattaforma ARIS è stato individuato l insieme delle attività svolte dalle strutture organizzative in perimetro Modellazione dei Processi Attività Ruoli/UO Monitoraggio dei processi Volumi Tempi Organico Dimensionamento strutture Assorbimento delle risorse Confronto con organico effettivo Le singole attività sono state raggruppate in operazioni OPERAZIONE/ATTIVITA' Blocco carte di debito Eseguire blocco Eseguire blocco in procedura Informare Filiale di riferimento dei movimenti sospetti Contabilizzazione rimborso utlizzo fraudolento carte di debito Produrre iniziativa di accredito Gestione restituzione carte di debito a filiale proprietaria/emittente Ricevere le tessere catturate e aggiornare informazioni Spedire carte di debito catturate a filiale proprietaria Spedire materialità a mezzo raccomandata 24

25 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE DIMENSIONAMENTO TEMPO TOTALE DI ESECUZIONE Ad ogni operazione è stato associato un Tempo di esecuzione e un Volume in riferimento allo specifico driver rappresentativo dell operazione stessa OPERAZIONE DRIVER Tempo di esecuzione operazione (in minuti) Volume Tempo (n operaz. Totale di anno 2013) esecuzione operazione Blocco carte di debito n blocchi carte di debito Contabilizzazione rimborso utlizzo fraudolento carte di debito n rimborsi carte di debito Liability Shift Gestione restituzione carte di debito a filiale proprietaria/emittente n carte di debito catturate da ATM Gestione rimborso per utilizzo fraudolento n richieste di rimborso su carte di debito per utilizzo fraudolento Monitoraggio scorte di Filiale carte di debito n giorni lavorativi Reintegro scorte di Filiale carte di debito n reintegri carte di debito alle filiali Reintegro scorte magazzino centrale carte di debito n richieste RDA per carte di debito Ricezione carico carte di debito n carte di debito reintegrate (blocchi da 10) Sblocco carte di debito n sblocchi carte di debito Segnalazione carte di debito in CAI/Carter n carte di debito revocate con segnalazioni CAI/Carter Variazione rapporti di regolamento carte di debito n variazione rapporto C/C di collegamento alla carta di debito Verifica chiusura rifornimenti n giorni lavorativi Verifica presenza frode n giorni lavorativi Verifiche blocco carte di debito n blocchi carte di debito verificati Verifiche giornaliere su consumi carte di debito n giorni lavorativi Verifiche sblocco carte di debito n sblocchi carte di debito verificati Totale complessivo 344 Il Tempo Totale di esecuzione operazione è dato dal prodotto del tempo di esecuzione della singola operazione per il volume. Ad esempio l operazione blocco carte di debito ha un tempo totale per operazione pari a 48 giorni ed è calcolato come prodotto tra il tempo di esecuzione della singola operazione (15 minuti) e il Volume totale delle operazioni effettuate in un determinato arco temporale (1440 operazioni anno 2013) espresso in numero di giorni. 25

26 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE DIMENSIONAMENTO AGGREGAZIONE DEI TEMPI DI ESECUZIONE Il Tempo Totale di esecuzione operazione è stato successivamente aggregato per Unità Organizzativa e per Processo Il Tempo Totale per Unità Organizzativa rappresenta il tempo necessario allo svolgimento di tutte le operazioni in carico alla U.O. Il Tempo Totale per esecuzione Processo rappresenta il tempo necessario all esecuzione di ogni singolo processo Risultati UNITA' ORGANIZZATIVE Linea Back Office Credito Ufficio Amministrazione Credito 745 Ufficio Garanzie Linea Back Office Incassi Pagamenti e Servizi Vari Ufficio Anagrafe e Protocollo Ufficio Enti e Tesoreria Ufficio Estero 752 Ufficio Gestione Incassi Ufficio Help desk Ufficio Lavorazione Assegni Ufficio Monetica Ufficio Servizi Vari Totale complessivo Risultati Tempo Totale per Tempo Totale per Unità PROCESSI Esecuzione Organizzativa * Processo ** Credito Incassi e Pagamenti Organizzazione Processi Trasversali di Customer Service 52 Servizi Accessori 418 Servizi Bancari Tipici 3 Supporto Logistico e Tecnico Totale complessivo * Tempo Totale per Unità Organizzativa = somma del Tempo Totale di esecuzione operazione per tutte le operazioni svolte dall Unità Organizzativa ** Tempo Totale per esecuzione Processo = somma del Tempo Totale di esecuzione operazione per tutte le operazioni del processo 26

27 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE DIMENSIONAMENTO ANALISI TEMPO EFFETTIVO Al fine di individuare eventuali inefficienze ed intervenire sull effort è stato effettuato un confronto tra il tempo effettivo/teorico di ogni singola unità organizzativa e il tempo totale di ogni U.O. Il Tempo effettivo del 2013 lavorato dalle unità organizzative in perimetro è stato confrontato con il Tempo Totale necessario all Unità Organizzativa per l esecuzione di tutte le operazioni di sua competenza Il Tempo teorico, rappresentativo della capacity stimata sulla base delle risorse attualmente allocate nelle stesse unità organizzative, è stato confrontato con il Tempo Totale necessario all Unità Organizzativa per l esecuzione di tutte le operazioni di sua competenza UNITA' ORGANIZZATIVE Tempo Totale per U.O. Tempo effettivo per U.O. Tempo effettivo per U.O. - Tempo Totale per U.O. Valori assoluti Linea Back Office Credito % % Staff na na na 880 na na Ufficio Amministrazione Credito % % Ufficio Garanzie % % Linea Back Office Incassi Pagamenti e Servizi Vari % % Ufficio Anagrafe e Protocollo % % Ufficio Enti e Tesoreria % % Ufficio Estero % % Ufficio Gestione Incassi % % Ufficio Help desk % % Ufficio Lavorazione Assegni % % Ufficio Monetica % % Ufficio Servizi Vari % % Totale complessivo % % Le risorse in staff alla Linea Back Office Credito non hanno attività specifiche perché di supporto alle altre strutture della Linea Valori reltivi Tempo teorico per U.O. Tempo teorico per U.O. - Tempo Totale per U.O. Valori assoluti Valori reltivi 27

28 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE DIMENSIONAMENTO ANALISI FTE E stata inoltre condotta un analisi basata sul calcolo degli FTE necessari per eseguire le operazioni. Il rapporto tra il tempo totale (per U.O., effettivo, teorico) e il numero medio di giornate lavorative (valore standard 220 gg) determina i Full Time Equivalent rispettivamente: necessari effettivi teorici Gli FTE risultano maggiori del numero di risorse allocate sulla struttura poiché il numero medio di giornate lavorative per il 2013 supera lo standard di 220 giornate utilizzate per il calcolo degli FTE UNITA' ORGANIZZATIVE FTE necessari N risorse 2013 FTE effettivi Valori assoluti FTE effettivi FTE necessari Linea Back Office Credito 8, ,7 6,4 43% 14 14,0 5,6 40% Staff na 4 5,5 na na 4 4,0 na na Ufficio Amministrazione Credito 3,4 4 3,9 0,5 14% 4 4,0 0,6 15% Ufficio Garanzie 5,0 5 5,3 0,3 6% 6 6,0 1,0 17% Linea Back Office Incassi Pagamenti e Servizi Vari 93, ,4 13,4 13% ,3 27,4 23% Ufficio Anagrafe e Protocollo 8,6 10 9,0 0,4 5% 11 11,0 2,4 22% Ufficio Enti e Tesoreria 36, ,6 4,2 10% 47 46,0 9,6 21% Ufficio Estero 3,4 5 3,9 0,5 13% 5 5,0 1,6 32% Ufficio Gestione Incassi 9, ,1 2,2 18% 13 13,0 3,1 24% Ufficio Help desk 8, ,4 1,6 15% 11 10,3 1,5 15% Ufficio Lavorazione Assegni 5,8 8 7,2 1,4 19% 8 8,0 2,2 28% Ufficio Monetica 5,8 8 7,4 1,6 22% 9 9,0 3,2 36% Ufficio Servizi Vari 14, ,8 1,5 9% 18 18,0 3,7 20% Totale complessivo 101, ,1 19,8 16% ,3 33,0 25% Valori relativi N risorse attuali FTE effettivi FTE effettivi FTE necessari Valori assoluti Valori relativi 28

29 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE DIMENSIONAMENTO DISTRIBUZIONE EFFORT I risultati dell analisi sono stati rappresentati in modo tale da evidenziare l effort delle diverse unità organizzative sui processi (maggiore è la dimensione del flusso, maggiore è l effort impiegato) Processi Unità organizzative 29

30 EFFICIENTAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE DIMENSIONAMENTO DISTRIBUZIONE EFFORT ATTIVITA E CONTROLLI Allo stesso modo è possibile rappresentare l effort delle diverse strutture organizzative sui processi, distinguendo tra attività ordinarie e attività di controllo Processi Tipo attività Unità organizzative 30

31 EFFICIENTAMENTO DELLE FUNZIONI DI CONTROLLO Un sistema di controllo interno (SCI) ha come obiettivo e priorità il governo dell azienda attraverso l individuazione, valutazione, monitoraggio, misurazione e mitigazione/gestione di tutti i rischi, coerentemente con il livello di rischio scelto/accettato dal vertice aziendale. 31

32 EFFICIENTAMENTO DELLE FUNZIONI DI CONTROLLO VANTAGGI DELLA GESTIONE INTEGRATA DEI RISCHI Condivisione di un patrimonio informativo comune (tassonomia dei processi e dei rischi aziendali/elementari; work-flow, logiche valutative, etc.) alle principali Funzioni Organizzative e di Controllo che porta: Efficientamento dei processi aziendali Efficientamento del Portafoglio dei rischi Sviluppo: dell interazione tra le Funzioni di Controllo di II e III livello della consapevolezza del ruolo e delle responsabilità delle stesse Funzioni di controllo nell ambito del complessivo Sistema dei Controlli Interni dei meccanismi di coordinamento e armonizzazione delle diverse Funzioni di Controllo per una maggiore efficacia ed efficienza dei processi di controllo operativi Definizione di flussi informativi verso Alta Direzione, Comitati e Organi Aziendali: condivisi fra le varie funzioni di controllo e, quindi, maggiormente efficaci e scevri da ridondanze, sovrapposizioni o lacune fondati su una piattaforma metodologica comune tesa a ricondurre ad unità le informative predisposte dalle singole funzioni in relazione agli specifici rischi aziendali analizzati 32

33 EFFICIENTAMENTO DELLE FUNZIONI DI CONTROLLO IL TABLEAU DE BOARD 33

34 EFFICIENTAMENTO DELLE FUNZIONI DI CONTROLLO IL TABLEAU DE BOARD DETTAGLIO PER PROCESSO 34

35 EFFICIENTAMENTO DELLE FUNZIONI DI CONTROLLO IL TABLEAU DE BOARD LE AZIONI CORRETTIVE 35

36 EFFICIENTAMENTO DELLE FUNZIONI DI CONTROLLO IL TABLEAU DE BOARD LE VALUTAZIONI DEI RISCHI DI COMPLIANCE 36

37 EFFICIENTAMENTO DELLE FUNZIONI DI CONTROLLO IL TABLEAU DE BOARD GLI AUDIT 37

38 EFFICIENTAMENTO DELLE FUNZIONI DI CONTROLLO LE AZIONI CORRETTIVE E LE INFORMAZIONI MAPPATE ESEMPIO COMPL. Scheda azione correttiva ARCM, sulla base della metodologia di valutazione della Azienda, elabora in automatico il livello di rischio ex ante VALUTAZIONE RISCHIO EX ANTE Scheda rischio La Compliance effettua le analisi, individua le azioni di mitigazione e le associa al rischio, quindi esprime una propria valutazione 38

39 IL PERCORSO Incrementare il livello di maturità al fine di rafforzare la capacità di governare i rischi rendendo eccellente il Sistema dei Controlli Interni Gestire in modo predittivo Efficientamento del SCI Avvio della gestione integrata 39

40 DAL REPORTING AL GOVERNO Eliminare i Controlli ridondanti Automatizzare controlli e verifiche Attivare sistemi di misurazione delle performance di processo Attivare sistemi di alert automatici delle eccezioni Definire e monitorare indicatori di business e di rischio di tipo preventivo Definire regole automatiche di comportamento al verificarsi di specifici eventi 40

41 IL GOVERNO INTELLIGENTE I-GRC Osservare direttamente sul campo e non documentare e poi analizzare Avere le informazioni in tempo reale e non sorprese a fine anno ARIS Risk & Compliance Manager Gestione degli eventi complessi Audit Management Fraud Indicator Monitoring Compliance/Internal Control Process Exception Monitoring Risk Management Risk Indicator Monitoring Corporate Governance, Policy Management ARIS Process Performance Manager Process Performance Management 41

42 IL GOVERNO INTELLIGENTE I-GRC Risposte in tempo reale Trasparenza completa al posto di campioni da verificare Preventiva al posto di investigativa GRC Live Monitoraggio automatico dei controlli Test sui controlli eseguiti in automatico Monitoraggio delle eccezioni per I passi di processo Monitoraggio degli indicatori di rischio e frodi Analisi in tempo reale su processi e transazioni Risposta Real-time ai livelli di rischio o alle eccezioni sui controlli Azioni automatiche definite da combinazioni di eventi ARIS insieme al complex event processing consente una integrazine perfetta tra Il business e il sistema dei controlli. ARIS Risk & Compliance Manager Complex event processing 42

43 CONCLUSIONI Efficientamento dell organizzazione e delle funzioni di controllo I processi al centro dell azienda Formalizzazione dei processi finalizzata ai manuali Dimensionamento e reingegnerizzazione dei processi Monitoraggio in tempo reale di performance ed indicatori Analisi di eventi complessi e automazione dei comportamenti Controlli e Verifiche per eccezioni 43

44 Vincenzo Carolla Managing Partner Via Milanese, Sesto San Giovanni Milano T +39/02/ F +39/02/ Efficientamento dell organizzazione e delle funzioni di controllo Hotel Michelangelo Milano, Aprile giugno

La Banca per processi e la gestione integrata della Governance Aziendale

La Banca per processi e la gestione integrata della Governance Aziendale La Banca per processi e la gestione integrata della Governance Aziendale Milano, 24 aprile 2015 Franco Nardulli Resp. Divisione Risorse Organizzative e Qualità Gruppo Banca Popolare di Bari La rete distributiva

Dettagli

Roberto Marconi UN ESPERIENZA DI UTILIZZO DELLA TECNOLOGIA PER INNOVARE IL SISTEMA DI MANAGEMENT

Roberto Marconi UN ESPERIENZA DI UTILIZZO DELLA TECNOLOGIA PER INNOVARE IL SISTEMA DI MANAGEMENT Roberto Marconi UN ESPERIENZA DI UTILIZZO DELLA TECNOLOGIA PER INNOVARE IL SISTEMA DI MANAGEMENT Abstract Il progetto BALANCED SCORECARD del Consorzio Operativo Gruppo Montepaschi corona una famiglia di

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

Formalizzare i processi aziendali per

Formalizzare i processi aziendali per Formalizzare i processi aziendali per accrescere l efficacia l dei controlli Bankadati S.I. Gruppo Creval La comunicazione finanziaria Sondrio, 9 marzo 2010 LA GESTIONE PER PROCESSI IN CREVAL La gestione

Dettagli

Costi, ricavi IT e Audit. Fabio Nervegna Cell. 335-5377988 fabio.nervegna@altran.it

Costi, ricavi IT e Audit. Fabio Nervegna Cell. 335-5377988 fabio.nervegna@altran.it Costi, ricavi IT e Audit Fabio Nervegna Cell. 335-5377988 fabio.nervegna@altran.it 1 Premessa 2 Idea: la genesi 3 Le motivazioni 4 Descrizione tematica: idea e contesto, obiettivi 5 Approccio metodologico

Dettagli

Esercizi per la redazione del Business Plan

Esercizi per la redazione del Business Plan Esercizi per la redazione del Business Plan Una società intende iniziare la sua attività l 1/1/2010 con un apporto in denaro di 20.000 euro. Dopo aver redatto lo Stato Patrimoniale iniziale all 1/1/2010

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione.

e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione. Sistemi di monitoraggio e controllo dei processi Sistemi di monitoraggio e controllo dei processi e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione. Interventi di Business Value

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

IS Governance in action: l esperienza di eni

IS Governance in action: l esperienza di eni IS Governance in action: l esperienza di eni eni.com Giancarlo Cimmino Resp. ICT Compliance & Risk Management Contenuti L ICT eni: mission e principali grandezze IS Governance: il modello organizzativo

Dettagli

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005 Information Systems Governance e analisi dei rischi con ITIL e COBIT Marco Salvato, KPMG Sessione di studio AIEA, Verona 25 Novembre 2005 1 Information Systems Governance L'Information Systems Governance

Dettagli

SISTEMA DEI CONTROLLI INTEGRATO

SISTEMA DEI CONTROLLI INTEGRATO 16 Maggio 2013 SISTEMA DEI CONTROLLI INTEGRATO SERGIO GIOMMETTI VINCENZO CAROLLA 1 AGENDA Presentazione di Interlem Management Consulting Presentazione del Gruppo Banca Popolare di Bari Il Contesto di

Dettagli

ITIL ( acura del Dottor Antonio Guzzo Responsabile CED del Comune di Praia a Mare)

ITIL ( acura del Dottor Antonio Guzzo Responsabile CED del Comune di Praia a Mare) ITIL ( acura del Dottor Antonio Guzzo Responsabile CED del Comune di Praia a Mare) ITIL è l acronimo di Information Technology Infrastructure Library e rappresenta un insieme di linee guida ispirate dalla

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP ALL AVANGUARDIA CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è una soluzione di gestione

Dettagli

XXIV Convegno AIEA. Il contributo dell IT Audit al governo e alla qualità dei processi IT aziendali. Siena, 21 ottobre 2010

XXIV Convegno AIEA. Il contributo dell IT Audit al governo e alla qualità dei processi IT aziendali. Siena, 21 ottobre 2010 XXIV Convegno AIEA Il contributo dell IT Audit al governo e alla qualità dei processi IT aziendali Siena, 21 ottobre 2010 Agenda Lo scenario di riferimento Il ruolo dell IT Audit nei diversi contesti Scelte

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP integrata CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è un ERP innovativo, flessibile

Dettagli

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003 1 Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale Sestri Levante 19-20 maggio 2003 Performing - Mission 2 Performing opera nel mercato dell'ingegneria dell organizzazione e della revisione

Dettagli

Il Sistema dei Controlli Interni per gli Organi Societari e le Funzioni di Controllo

Il Sistema dei Controlli Interni per gli Organi Societari e le Funzioni di Controllo Il Sistema dei Controlli Interni per gli Organi Societari e le Funzioni di Controllo Alla luce delle nuove Disposizioni di Banca d Italia Ing. Riaz Bashir Opentech Confidi Day 2014 - Castelbuono (PA) 15

Dettagli

L approccio alla gestione integrata dei processi e dei controlli in BPB

L approccio alla gestione integrata dei processi e dei controlli in BPB L approccio alla gestione integrata dei processi e dei controlli in BPB Milano, 23 Maggio 2013 Franco Nardulli Resp. Linea Risorse Organizzative 1 AGENDA 1 Il Gruppo Banca Popolare di Bari 2 Il Progetto

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

La tua Software House in Canton Ticino. La piattaforma per garantire l efficienza energetica

La tua Software House in Canton Ticino. La piattaforma per garantire l efficienza energetica La tua Software House in Canton Ticino La piattaforma per garantire l efficienza energetica Il CRM: controllo e performance Il CRM, customer relationship management, è una strategia competitiva basata

Dettagli

Evoluzione dei Modelli Organizzativi e dei ruoli professionali e manageriali dell ICT per rispondere al business aziendale

Evoluzione dei Modelli Organizzativi e dei ruoli professionali e manageriali dell ICT per rispondere al business aziendale Programma Competenze professionali per l Innovazione Digitale Evoluzione dei Modelli Organizzativi e dei ruoli professionali e manageriali dell ICT per rispondere al business aziendale Marco Bozzetti GeaLab

Dettagli

Media punteggi sulle voci dell'autovalutazione - Quality Assurance 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 0,0

Media punteggi sulle voci dell'autovalutazione - Quality Assurance 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 0,0 Dal numero di luglio 2013 di Customer Management Insights (www.cmimagazine.it) I Contact center del settore pubblico si confrontano sulle modalità di Quality Assurance e Knowledge Management Buone prassi

Dettagli

BigData Analysis le tre V Scenario Changelles Solution deployment Risultati Fasi successive Evoluzioni future

BigData Analysis le tre V Scenario Changelles Solution deployment Risultati Fasi successive Evoluzioni future BigData Analysis le tre V Scenario Changelles Solution deployment Risultati Fasi successive Evoluzioni future BigData Analysis Velocità Volume Variabilità 3 Scenario Reale VMWare, Citrix Machine Pools

Dettagli

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Osservatorio Cloud & ICT as a Service Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Mariano Corso Stefano Mainetti 17 Dicembre 2013 Collaborative Business

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Conferimento Ramo d azienda. Siena, 6 maggio 2014

Conferimento Ramo d azienda. Siena, 6 maggio 2014 Conferimento Ramo d azienda Siena, 6 maggio 2014 2014 Widiba. All rights reserved. Gruppo MPS 1 Il mercato italiano è fortemente influenzato dalla digital evolution e dai nuovi modelli relazionali Da banca

Dettagli

Come si dovrà concentrare l impegno dell audit

Come si dovrà concentrare l impegno dell audit Come si dovrà concentrare l impegno dell audit Carolyn Dittmeier Convegno Nazionale Associazione Italiana Information Systems Auditors 19 maggio 20005 1 AGENDA L importanza della cultura aziendale sulle

Dettagli

PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO!

PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO! I N F I N I T Y P R O J E C T PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO! L avvento del web 2.0 ha modificato radicalmente il modo di pensare e sviluppare i processi aziendali. Velocità, precisione, aggiornamento continuo

Dettagli

OT BPM introduce ed automatizza i meccanismi relativi alla gestione del ciclo di vita dei dati e dei documenti.

OT BPM introduce ed automatizza i meccanismi relativi alla gestione del ciclo di vita dei dati e dei documenti. Ottimizzare, Automatizzare e Monitorare i processi aziendali... Migliorare la produttività e la redditività riducendo l investimento Affrontare le sfide del mercato con gli strumenti giusti OT BPM è un

Dettagli

sfide del ventunesimo Secolo

sfide del ventunesimo Secolo 21 Century Finance Survey Ottimizzare i le potenzialità, garantire i risultati. ti Il CFO di fronte alle sfide del ventunesimo Secolo Copyright 2013 - Business International È vietata la riproduzione,

Dettagli

La ISA nasce nel 1994. Servizi DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994. Servizi DIGITAL SOLUTION ISA ICT Value Consulting La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi

Dettagli

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS Allegato 1 Sono stati individuati cinque macro-processi e declinati nelle relative funzioni, secondo le schema di seguito riportato: 1. Programmazione e Controllo area ICT 2. Gestione delle funzioni ICT

Dettagli

CMDBuilDAY. La Governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane. Rossella Macinante Practice Leader

CMDBuilDAY. La Governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane. Rossella Macinante Practice Leader CMDBuilDAY La Governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane Rossella Macinante Practice Leader 15 Aprile 2010 La ripresa nelle economie dei Paesi avanzati Valori % del PIL Mondo USA Giappone

Dettagli

Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology

Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology Informazioni Aziendali: Il processo di valutazione dei Rischi Operativi legati all Information Technology Davide Lizzio CISA CRISC Venezia Mestre, 26 Ottobre 2012 Informazioni Aziendali: Il processo di

Dettagli

L integrazione dei dati da fonti interne ed esterne nel processo Order to Cash 27 Maggio, Bardolino

L integrazione dei dati da fonti interne ed esterne nel processo Order to Cash 27 Maggio, Bardolino L integrazione dei dati da fonti interne ed esterne nel processo Order to Cash 27 Maggio, Bardolino AICS MEETING DAY 2009 Agenda La partnership La survey L integrazione Le soluzioni 2 Agenda La partnership

Dettagli

work force management

work force management nazca work force management UN UNICO PARTNER PER MOLTEPLICI SOLUZIONI Nazca WFM Un unica piattaforma che gestisce le attività e i processi di business aziendali, ottimizzando tempi, costi e risorse Nazca

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

Bieffe Stefano Pieri Graphic Design Certified Software Partner Metodo S.p.A. TEN PROGRAM

Bieffe Stefano Pieri Graphic Design Certified Software Partner Metodo S.p.A. TEN PROGRAM LIBERI ED EVOLUTI 2 METODO EVOLUS LIBERI ED EVOLUTI 3 Perché un ERP proattivo Gestire un azienda nel suo evolversi nel tempo e sostenerne la crescita è complesso e difficile: Metodo EVOLUS risponde a questa

Dettagli

La visione di SIRMI: qualche commento ai risultati della ricerca; l ASP che non c è? Maurizio Cuzari Amm. Delegato maurizio.cuzari@sirmi.

La visione di SIRMI: qualche commento ai risultati della ricerca; l ASP che non c è? Maurizio Cuzari Amm. Delegato maurizio.cuzari@sirmi. La visione di SIRMI: qualche commento ai risultati della ricerca; l ASP che non c è? Maurizio Cuzari Amm. Delegato maurizio.cuzari@sirmi.it 1 La gestione delle Soluzioni IT/IP - cose da fare Acquisizione

Dettagli

L unica Azienda in Italia con infrastrutture dedicata al Cloud Computing

L unica Azienda in Italia con infrastrutture dedicata al Cloud Computing RECONSULT è una società di servizi con decennale esperienza nel mondo del Credito Cooperativo e in partnership con CloudItalia propone soluzioni innovative per migliorare l efficienza dei processi organizzativi.

Dettagli

La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business

La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business Livio Selvini HP IT Governance Senior Consultant Vicenza, 24 novembre Hewlett-Packard Development Company, L.P. The information

Dettagli

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi Un partner unico e innovativo: esperienze, competenze e soluzioni a supporto di ogni processo Dedagroup partner dei Confidi Oggi il mondo dei

Dettagli

La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento. - Roma, 12 novembre 2010 -

La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento. - Roma, 12 novembre 2010 - La gestione del processo di compliance applicato ai servizi di investimento - Roma, 12 novembre 2010 - 2 Agenda Attività di Bancoposta Compliance in Bancoposta L applicazione ai servizi di investimento

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

DDConfidi è una soluzione per: LA SUITE DI SOLUZIONI SOFTWARE E SERVIZI DISEGNATA PER I CONFIDI

DDConfidi è una soluzione per: LA SUITE DI SOLUZIONI SOFTWARE E SERVIZI DISEGNATA PER I CONFIDI DDConfidi è una soluzione per: LA SUITE DI SOLUZIONI SOFTWARE E SERVIZI DISEGNATA PER I CONFIDI SELEZIONARE CON ATTENZIONE I CLIENTI, MONITORARE IN MODO EFFICACE LA QUALITÁ DEL PORTAFOGLIO, RISPONDERE

Dettagli

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Contesto di riferimento Framework Lo standard

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

Processi di Gestione dei Sistemi ICT

Processi di Gestione dei Sistemi ICT Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A3_1 V1.1 Processi di Gestione dei Sistemi ICT Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Il governo dei processi in Intesa Sanpaolo

Il governo dei processi in Intesa Sanpaolo Il governo dei processi in Intesa Sanpaolo Alberto Lugano Servizio Processi ed Efficienza Direzione Personale e Organizzazione Intesa Sanpaolo Group Services Milano, 16 giugno 2015 Il percorso di evoluzione

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA PIATTAFORMA SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLE DINAMICHE ASSOCIATIVE

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA PIATTAFORMA SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLE DINAMICHE ASSOCIATIVE LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA PIATTAFORMA SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLE DINAMICHE ASSOCIATIVE La piattaforma SmartPlanner è una piattaforma software multitasking erogata in modalità SaaS,

Dettagli

L A 1.B 2.C 3. per il governo dell IT in tempi di crisi. Allineamento al business Budget di spesa Compliance e sicurezza

L A 1.B 2.C 3. per il governo dell IT in tempi di crisi. Allineamento al business Budget di spesa Compliance e sicurezza L A 1.B 2.C 3. per il governo dell IT in tempi di crisi Allineamento al business Budget di spesa Compliance e sicurezza Crisi & Investimenti IT Information & Communication Technology Strategico Differenziante

Dettagli

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence I casi di successo dell Osservatorio Smau e School of Management del Politecnico di Milano * Il caso Brix distribuzione: monitorare le performance economicofinanziarie di una rete di supermercati attraverso

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

SAP Performance Management

SAP Performance Management SAP Performance Management La soluzione SAP per la Valutazione e per la Gestione delle Risorse Umane SAP Italia Agenda 1. Criticità e Obiettivi nella Gestione delle Risorse Umane 2. L approccio SAP alla

Dettagli

La governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane. Rossella Macinante Practice Leader

La governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane. Rossella Macinante Practice Leader La governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane Rossella Macinante Practice Leader Firenze, 30 Giugno 2010 Previsioni sull andamento del PIL nei principali Paesi nel 2010-2011 Variazioni %

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente.

Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente. Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente. esperienza + innovazione affidabilità Da IBM, una soluzione completamente nuova: ACG Vision4,

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Strada Canta, nr 7, et.1,2 e mansarda 700528 Iasi - E-mail vscomunication@yahoo.it Cod Inregistrare RO 22180182 - R Comert J22 / 2148 / 2007 -

Strada Canta, nr 7, et.1,2 e mansarda 700528 Iasi - E-mail vscomunication@yahoo.it Cod Inregistrare RO 22180182 - R Comert J22 / 2148 / 2007 - Strada Canta, nr 7, et.1,2 e mansarda 700528 Iasi - E-mail vscomunication@yahoo.it Cod Inregistrare RO 22180182 - R Comert J22 / 2148 / 2007 - Capital social 3.120,40 RON CONTENUTI 1. Prevenzione e criticità

Dettagli

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Company profile Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole Business Consultant S.r.l. Via La Cittadella, 102/G 93100 Caltanissetta

Dettagli

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO)

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO) Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING Paolo Atzeni Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma Tre 15/01/2004 Delega operativa dei servizi connessi all informatica che un Cliente

Dettagli

La Business Intelligence Ready to go Ready to work

La Business Intelligence Ready to go Ready to work SIDI SpA Soluzione KPI S La Business Intelligence Ready to go Ready to work Monitoring KPI s Monitoring KPI s è una Soluzione che fornisce, nella modalità sintetica e di maggior dettaglio, informazioni

Dettagli

Eccellere nel Governo dei Costi

Eccellere nel Governo dei Costi Eccellere nel Governo dei Costi Workshop n. 1 Roma, 17 Aprile 2015 (seconda parte) Milano Roma Londra San Paolo Rio de Janeiro Madrid Lisbona Tunisi Buenos Aires Kuala Lumpur Agenda Day 1 Data dalle alle

Dettagli

Innovazione tecnologica nella gestione dei processi

Innovazione tecnologica nella gestione dei processi Innovazione tecnologica nella gestione dei processi Evento Filenet-CeTIF 25 marzo 2004 aula Pio XI Chiara Frigerio Federico Rajola, Università Cattolica di Milano www.cetif.it L agenda Il contesto bancario

Dettagli

Andaf Riproduzione riservata

Andaf Riproduzione riservata Terrorismo internazionale Etica Globalizzazione Operazioni straordinarie Mercati Tecnologie Relazioni internazionali Evoluzione normativa Business & strategie Finanziari Contabili Strategici Operativi

Dettagli

La soluzione web-based. based per il Project Management. Afea srl. Via Montefiorino / 8 05100 / Terni. Tel +39.0744.20631 Fax +39.0744.

La soluzione web-based. based per il Project Management. Afea srl. Via Montefiorino / 8 05100 / Terni. Tel +39.0744.20631 Fax +39.0744. La soluzione web-based based per il Project Management Afea srl Via Montefiorino / 8 05100 / Terni Tel +39.0744.20631 Fax +39.0744.206311 www.afea.eu info@afea.eu Il contesto in cui nasce Project Care

Dettagli

FLEET MANAGER ACADEMY

FLEET MANAGER ACADEMY FLEET MANAGER ACADEMY Mercoledì 11 marzo 2015 Palazzo del Ghiaccio - Milano GESTIONE DELLA FLOTTA La gestione tecnica ed il monitoraggio operativo delle auto aziendali A cura di Robert Satiri Responsabile

Dettagli

05.06.2015 ORDINE DI SERVIZIO n. 19/15 SISTEMI INFORMATIVI

05.06.2015 ORDINE DI SERVIZIO n. 19/15 SISTEMI INFORMATIVI SISTEMI INFORMATIVI Nell ambito della realizzazione del Piano Industriale del Gruppo, Sistemi Informativi è uno dei principali partner di riferimento delle funzioni di business e, di concerto con il Marketing

Dettagli

: L ORGANIZZAZIONE EFFICIENTE DELLO STUDIO: PERCORSI, METODI E STRUMENTI

: L ORGANIZZAZIONE EFFICIENTE DELLO STUDIO: PERCORSI, METODI E STRUMENTI Titolo Area : L ORGANIZZAZIONE EFFICIENTE DELLO STUDIO: PERCORSI, METODI E STRUMENTI (5 Moduli formativi della durata di 8 Ore cadauno. Percorso formativo completo pari a 40 Ore sui temi concernenti il

Dettagli

LA SOLUZIONE SME.UP PER LE AZIENDE METALLURGICHE E SIDERURGICHE

LA SOLUZIONE SME.UP PER LE AZIENDE METALLURGICHE E SIDERURGICHE LA SOLUZIONE SME.UP PER LE AZIENDE METALLURGICHE E SIDERURGICHE SCEGLIERE PER COMPETERE : Soluzione Sme.UP per i processi metallurgici e siderurgici La logica Bringing Light per il governo dell azienda

Dettagli

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace CORPORATE GOVERNANCE Implementare una corporate governance efficace 2 I vertici aziendali affrontano una situazione in evoluzione Stiamo assistendo ad un cambiamento senza precedenti nel mondo della corporate

Dettagli

SAP Assure SAP Integrity Assure Tool

SAP Assure SAP Integrity Assure Tool Enterprise Fraud Application Risk Management Solution SAP Assure SAP Integrity Assure Tool Agenda Introduzione a SAP Assure Tool Suite Focus su Assure Integrity Presentazione di un caso pratico 1 I prodotti

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V Indice Gli autori XIII XVII Capitolo 1 I sistemi informativi aziendali 1 1.1 INTRODUZIONE 1 1.2 IL MODELLO INFORMATICO 3 1.2.1. Il modello applicativo 3 Lo strato di presentazione

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.2 Gestire

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Services Portfolio per gli Istituti Finanziari

Services Portfolio per gli Istituti Finanziari Services Portfolio per gli Istituti Finanziari Servizi di consulenza direzionale e sviluppo sulle tematiche di Security, Compliance e Business Continuity 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

SAP Business One: la soluzione per la gestione aziendale delle piccole e medie imprese

SAP Business One: la soluzione per la gestione aziendale delle piccole e medie imprese SAP Business One è la soluzione di gestione aziendale completa, accessibile e di facile implementazione. Pensata specificatamente per le piccole e medie imprese, ne assicura la crescita aiutandole a incrementare

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni Roma, 9 aprile 205 Iris Pennisi Federcasse Una premessa di metodo: «trasformare un vincolo

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES

FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES FINANCIAL & ACCOUNTING BPO, GESTIONE DOCUMENTALE E CONSULTING SERVICES In un contesto in rapida evoluzione e sempre più marcata competitività a livello globale per le aziende la focalizzazione sul core

Dettagli

Agenda. La protezione della Banca. attraverso la convergenza della Sicurezza Fisica e Logica. innovazione per nuovi progetti

Agenda. La protezione della Banca. attraverso la convergenza della Sicurezza Fisica e Logica. innovazione per nuovi progetti La protezione della Banca attraverso la convergenza della Sicurezza Fisica e Logica Roma, 21-22 Maggio 2007 Mariangela Fagnani (mfagnani@it.ibm.com) ABI Banche e Sicurezza 2007 2007 Corporation Agenda

Dettagli

Esternalizzazione della Funzione Compliance

Esternalizzazione della Funzione Compliance Esternalizzazione della Funzione Compliance Supporto professionale agli intermediari oggetto della normativa di Banca d Italia in materia di rischio di non conformità Maggio 2012 Labet S.r.l. Confidenziale

Dettagli

Un potente sistema di monitoraggio delle performance aziendali

Un potente sistema di monitoraggio delle performance aziendali Un potente sistema di monitoraggio delle performance aziendali Scenario di utilizzo Monitorare efficacemente e costantemente le performance aziendali diventa sempre più cruciale per mantenere alti i livelli

Dettagli

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I.

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. Profilo La Società Hermes nasce nel 2010 per portare sul mercato le esperienze maturate da un team di specialisti e ricercatori informatici che hanno operato per anni come

Dettagli

Evoluzione dei sistemi gestionali nelle PMI e nuove modalità di fruizione

Evoluzione dei sistemi gestionali nelle PMI e nuove modalità di fruizione Evoluzione dei sistemi gestionali nelle PMI e nuove modalità di fruizione Fabrizio Amarilli Fondazione Politecnico di Milano amarilli@fondazionepolitecnico.it Brescia, 6 maggio 2009 2009 - Riproduzione

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Risk management, compliance e attività di verifica

Risk management, compliance e attività di verifica Percorso specialistico confidi SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Risk management, compliance e attività di verifica Sei alla ricerca di una formazione sui sistemi interni di controllo? Hai bisogno di migliorare

Dettagli