La cartolarizzazione è un operazione finanziaria che permette di trasformare crediti illiquidi in titoli ad elevata negoziabilità.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La cartolarizzazione è un operazione finanziaria che permette di trasformare crediti illiquidi in titoli ad elevata negoziabilità."

Transcript

1

2

3 Definizione La cartolarizzazione è un operazione finanziaria che permette di trasformare crediti illiquidi in titoli ad elevata negoziabilità. Si individuano porzioni di crediti omogenei (in termini di scadenza o di rischio) che saranno smobilizzati e ceduti ad una società veicolo (SPV). Le SPV acquistano i pacchetti di crediti attraverso fondi raccolti con l emissione di strumenti finanziari (ABS Asset Backed Securities), realizzando una vera e propria trasformazione di strumenti illiquidi in strumenti dotati di un mercato secondario.

4 Le finalità Finalità Trasferimento del rischio Incremento della liquidità Generazione di capitale di credito Implicazioni Mediante la cessione di parte dell attivo viene trasferito al mercato il rischio di dafaultdel debitore ceduto, ovvero questo viene distribuito tra una pluralità di soggetti (originator; sottoscrittori; credit enhancer) Il classamentosul mercato dei titoli frutto della cartolarizzazione comporta il conseguimento di risorse liquide, altrimenti disponibili alla scadenza naturale dei titoli. Le risorse liberate possono essere impiegate in operazioni di natura creditizia. Generazione di capitale di rischio Le risorse liberate possono essere impiegate per investimenti in attività alternative

5 Il processo di cartolarizzazione Quattro le fasi principali: 1 Un intermediario finanziario (originator) che detiene una quantità elevata di crediti, di taglio modesto e uniformi dal punto di vista tecnico, costituisce un portafoglio con un numero elevato di crediti originari (mutui ipotecari, crediti al consumo) e lo cede. Il portafoglio crediti ceduto dall originatorviene acquistato da una società veicolo (SPV) appositamente costituita; il cui oggetto esclusivo è la realizzazione di una o più 2 operazioni di cartolarizzazione. 3 4 La SPV si tutela contro l insolvenza dei debitori originari attraverso garanziefornite da terzi o dal cedente. La SPV finanzia l acquisto del ptf crediti attraverso un emissione obbligazionaria i cui costi finanziari (interessi e rimborso a termine del capitale) saranno fronteggiati dal flusso di cassa provenienti dal ptf crediti acquisito.

6 La cartolarizzazione Nella individuazione dei crediti cartolarizzabili è necessario selezionare soprattutto quelli maggiormente adatti a produrre flussi di cassa adeguati al pagamento degli interessi e al rimborso dei titoli emessi. I crediti scelti per costituire il ptf cartolarizzabile possono essere scelti con criteri diversi a seconda degli obiettivi dell originator: Migliorare il profilo di rischio. Migliorare le performance di bilancio. Se ad esempio l obiettivo fosse la ricerca di forme alternative di funding, i crediti cartoralizzabili sarebbero quelli con scadenza più protratta. I titoli emessi dallo SPV sono coperti dal pacchetto crediti oggetto di cessione; Presentano un rating migliore rispetto ai crediti originari sottostanti, grazie alle garanzie aggiunte durante il processo di cartolarizzazione. I titoli emessi dalla SPV possono essere raggruppati in differenti tranche caratterizzate da differenti profili di rischiosità e rendimento.

7 Il processo di cartolarizzazione Debitori originari Cessione del credito Flusso monetario Cessione ptf crediti Originator Flusso monetario Advisor Si occupa di valutare la fattibilità dell operazione Società fornitrice del servizio assicurativo Assicurazione del ptf crediti Emissione titoli ABS SPV Flusso monetario Emissione titoli ABS Agenzia di rating Valutazione del rischio di credito Investitori professionali Investitori non professionali

8 Due gli schemi principali di una possibile operazione di cartolarizzazione 1. Schema Pass-trough (assente in Italia, usato prevalentemente negli USA): Individuati gli asset il cedente trasferisce i crediti ad un trust (mero gestore del deposito), cioè ad un istituzione che li gestirà secondo quanto stabilito nel contratto di deposito. Compito del Trustè di emettere quote che verranno sottoscritte dagli investitori finali. Questi tioli rappresentano diritti di proprietà, i detentori sono veri e propri proprietari degli attivi. I flussi generati dagli attivi verranno trasferiti direttamente ai sottoscrittori 2. Schema Pay-trough: Prevede l intervento della Società Veicolo (modello già analizzato)

9 I principali vantaggi della cartolarizzazione 1. Maggiore efficienza allocativa del sistema finanziario, che attraverso la ricomposizione del portafoglio delle banche, libera risorse per altri impieghi, configurandosi come un attività di funding; 2. Un opportunità aggiuntiva di diversificazione per gli investitori istituzionali e non; 3. Sviluppo sempre più professionale dei servizi accessori e consulenziali funzionali alla trasparenza del mercato.

10 La cartolarizzazione in Italia La cartolarizzazione nasce negli USA durante gli anni 70. Le SPV di diritto italiano sono sorte con la legge n.130 del 1999, in base alla quale le SPV sono dispensate dall art del cc., secondo cui il debitore risponde dell adempimento delle obbligazioni con tutti i suoi debiti presenti e futuri Esiste il principio di separazione patrimoniale: i crediti relativi a Esiste il principio di separazione patrimoniale: i crediti relativi a ciascuna operazione di cartolarizzazione costituiscono patrimonio separato a tutti gli effetti da quello della società e da quello relativo alle altre operazioni. Su ciascun patrimonio non sono ammesse azioni da parte di creditori diversi dai portatori dei titoli emessi per finanziare l acquisto dei crediti stessi (art. 3 L. 130/99). Per la SPV ogni operazione di cartolarizzazione è funzionale al relativo portafoglio crediti acquistato e il titolo emesso a fronte di tale portafoglio è garantito solo dai crediti ivi presentati. E irrilevante, pertanto, il rapporto tra l indebitamente derivante dall emissione e il patrimonio netto della società veicolo.

11 Il mercato secondario dei crediti cartolarizzati Le obbligazioni emesse a fronte dei crediti acquisiti (ABS) sono quotate sul mercato telematico delle eurobbligazioni (EuroMot) e sul mercato telematico all ingrosso dei titoli di Stato. Sono previsti rating minimi per la quotazione (sull EuroMot il rating minimo è AA-)

12 Un caso particolare : i covered bond A seguito della L. 80/2005 (decreto legge sulla competitività), sono state introdotte in Italia le obbligazioni bancarie garantite da mutui ipotecari (covered bond). Obiettivi: Consentire alle banche di reperire liquidità a costi contenuti; Incontrare l interesse di investitori che desiderano sottoscrivere obbligazioni il cui rimborso è garantito da un patrimonio separato i cui flussi di cassa (generati dalle attività che costituiscono il patrimonio) sono destinati a ripagare il prestito obbligazionario. I covered bond sono obbligazioni che oltre ad essere garantite dall emittentebanca, presentano la garanzia fornita dal portafoglio di mutui ceduto dalla banca alla SPV. Rispetto ad una cartolarizzazione tradizionale qui non è la SPV che emetti i titoli obbligazionari, ma la stessa banca che avrà in precedenza individuato il pacchetto di mutui da cartolarizzare e cedere alla SPV.

13 La crisi dei mutui subprime e i prodotti cartolarizzati La crisi finanziaria internazionale del 2007 è stata comunemente identificata come la crisi dei subprime Caratteristiche: Espansione del mercato immobiliare; Aumentata concessione dei mutuo anche a clientela rischiosa (subprime); Aumento dei tassi interesse da parte della Fed; Scoppio della bolla immobiliare; Diffusione del contagio anche per mezzo delle operazini di cartolarizzazione.

14 Si sono avute anche cartolarizzazioni molto originali E possibile in teoria impacchettare tutti i flussi di cassa trasformandoli in qualcosa da vendere sul mercato. Nel 1997 David Bowie (rockstar) ha costituito una società che ha comprato i diritti di tutta la sua produzione artistica. Questa società ha finanziato l acquisizione emettendo 55 milioni di dollari di titoli obbligazionari di durata decennale. I diritti che vengono percepiti dalla società sono usati per pagare gli interessi e il capitale.

15 EMISSIONI IN EUROPA Fonte: dati di

16 EMISSIONI IN EUROPA Volumi per paese Periodo dal 2010 al Q3:2012 Paesi Bassi: 28,43% Regno Unito: 27% Spagna: 13,42% Italia: 11,48% Fonte: elaborazione personale dei dati di

17

18 I contratti derivati Strumenti derivati sono tutti gli strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di altre attività sottostanti che possono avere natura reale (Commodityderivatives) o finanziaria (Financial derivatives) Categorie di derivati: Simmetrici: prevedono impegni vincolanti per entrambi i contraenti (future, forwards, swap) Asimmetrici: sono vincolanti per il solo venditore del contratto (opzioni, warrant ) Negoziati sui mktregolamentati: prevedono caratteristiche standardizzate (future e alcune opzioni) Negoziati fuori borsa -OTC-: possono essere adattati alle specifiche esigenze dei contraenti (Forward Rate Agreements, Swap, alcune opzioni -caps; floors; collars)

19 La gestione dei rischi Finanziari I derivati finanziari Forward Future Swap Opzioni

20 Contratto forward E un semplice contratto a termine in cui le due controparti si accordano per scambiarsi una certa quantità di un certo bene ad una data scadenza e ad un prezzo prestabilito. Il regolamento può avvenire con la consegna materiale o con la consegna del differenziale di prezzo. Si tratta di un contratto ad alta specializzazione, infatti è negoziato OTC Le posizioni a termine consentono sia di prendere posizione sull evoluzione futura dei prezzi delle attività negoziate con finalità speculative, sia di effettuare operazioni di copertura. Una tipologia contrattuale molto diffusa è quella che ha come sottostanti i tassi di interesse: Forward rate agreements

21 I contratti derivati: i futures Tutti i derivati sono caratterizzati da un differimento delle prestazione contrattata rispetto al momento della stipulazione del contratto: tutti i derivati sono, infatti, contratti a termine. Prezzo Spot: prezzo corrente di mkt dell attività sottostante Prezzo Forward: prezzo del contratto a termine. I Financial Futures: Contratti a termine standardizzati, trattati solo sui mktregolamentati, mediante i quali acquirente e venditore si impegnano a scambiarsi una determinata quantità di un certo strumento finanziario a un prezzo prefissato con liquidazione differita ad una data futura prestabilita. Acquirente del contratto: detentore di una posizione lunga(long position) Venditore del contratto: detentore di una posizione corta(short position)

22 I contratti derivati: i futures Normalmente i future finanziari non si portano fino a scadenza cioè non si concludono con la consegna e il ritiro fisico del bene a termine; ma si chiude la propria posizione effettuando una operazione analoga di segno opposto: acquisto un future con le stesse caratteristiche di quello che ho venduto e viceversa. Liquidazione per Cash settlement: dal momento che per i financial future non è possibile la consegna fisica del bene sottostante guadagni e perdite vengono liquidate in denaro. I financial future possono essere suddivisi in 4 categorie Su tassi di interesse a lungo termine o a breve termine; Su valute; Su indici azionari.

23 Il sistema dei margini La Clearing House: organo del mercato che rappresenta la controparte automatica e speculare di ogni investitore (acquirente per chi vende e venditrice per chi acquista). La sua funzione è quella di far da garante del buon fine delle transazioni. Margine di garanzia: è una somma di denaro o un importo in titoli (quando consentito) che gli intermediari associati devono versare presso i conti tenuti dalla C.H. Si distinguono in particolare Margine Iniziale: Iniziale: E deciso dalla C. H. ad una misura tale da non poter essere superato, ad un livello di confidenza molto elevato in termini probabilistici, dalle oscillazioni del valore del contratto future nell arco di 1 g. di negoziazione e serve a far sì che non risulti conveniente non onorare il contratto. Margine di variazione variazione: legato al meccanismo del Marking to market mediante il quale alla fine della giornata la C. H. valorizza, sulla base della quotazione di chiusura (settlement price) della giornata stessa, le posizioni che risultano aperte. Margine aggiuntivo: può essere richiesto dalla C. H. in caso di grandi oscillazioni dei prezzi del future rispetto al prezzo di chiusura del giorno precedente Margine su consegna: è dovuto esclusivamente sulle posizioni rimaste aperte alla scadenza e tiene conto del rischio che grava sulla C.H.per il periodo intercorrente fra l ultimo giorno delle contrattazioni e la data di liquidazione

24 Le banche nei mercati dei derivati HEDGER: ricorrono ai derivati per ridurre o eliminare i rischi che si trovano a dover fronteggiare. SPECULATORI: scommettono sui futuri movimenti del prezzo di un attività ARBITRAGGISTI: cercano di trarre vantaggio dalle discrepanze nei prezzi in due diversi mercati NEGOZIAZIONE PER CONTO PROPRIO DI STRUMENTI DERIVATI NEI CONFRONTI DELLA CLIENTELA: le banche operano in qualità di dealerper la vendita alla clientela di strumenti derivati Imprese: finalità prevalenti di copertura e gestione del rischio Pubblica amministrazione: esigenze di liquidità e rimodulazione/copertura delle posizioni debitorie Clientela retail: finalità di investimento o copertura dai rischi finanziari

25 Gli Swaps Gli swap sono accordi privati tra due società per scambiarsi dei futuri pagamenti. L accordo definisce le date in cui i pagamenti vengono scambiati e il modo in cui devono essere calcolati. Un Interest rate swapè un contratto in base al quale due parti assumono il reciproco impegno di scambiarsi pagamenti periodici di interessi, calcolati su un capitale di riferimento detto notional per un periodo di tempo predefinito, pari alla scadenza del contratto stesso. La formula contrattuale più semplice è detta Plain vanilla swapprevede che una parte effettui pagamenti a tasso variabile, calcolati in funzione dell andamento nel tempo di un prefissato indice di riferimento, e riceva pagamenti a tasso fisso per tutta la durata del contratto. L altra parte esegue e riceve pagamenti di segno opposto N.B.: il capitale è puramente nozionale capitale è puramente nozionale, non viene mai effettivamento scambiato fra le parti. Il parametro di riferimento più utilizzato è il Libor, relativo ad un deposito interbancario

26 Esempio: Swap fra Microsoft e Intel Il 5 marzo 2004 M. si impegna a pagare ad I. per 3 anni un tasso del 5% su un capitale nozionale di $100 mile in cambio I. si impegna a pagare il tasso Libora sei mesi sullo stesso nozionale Intel 5% Libor Microsoft 5% 5,2% Intel Libor Microsoft Libor+0,1% Effetto netto: libor+0,2% Effetto netto: 5%+0,1% Le due società possono trasformare un finanziamento a tasso variabile in un finanziamento a tasso fisso.

27 Il ruolo degli intermediari Di solito due società non entrano direttamente in contatto tra loro nel modo indicato negli esempi precedenti, ma ognuna tratta con un intermediario finanziario. Gli swap più comuni sui tassi d interesse sono strutturati in modo che la banca guadagni circa 3-4 punti base (0,03-0,04 per cento) per ogni coppia di swap di segno opposto La banca entra in due contratti separati. 5,2% 4,985% Intel Libor Effetto netto: libor+0,215% Istituz. Finanz 5,015% Libor+0,1% Microsoft Libor Effetto netto: 5,115% Profitto per l istituzione finanziaria: 0,03% (3 punti base) all anno sul capitale di $100 mil, cioè $30000 l anno per 3 anni

28 Le opzioni Con il contratto di opzione una parte si riserva la facoltà di eseguire o meno un acquisto o una vendita a termine, in cambio del pagamento di un premio alla controparte. Colui che si riserva la facoltà di eseguire l operazione è detto BAYER Il soggetto che incassa il premio e rimane vincolato alla decisione della controparte è detta WRITER Opzione Call: conferisce al bayerla facoltà di acquistarea termine ad un prezzo prefissato detto Strike Price Opzione Put: conferisce al bayerla facoltà di venderea termine ad un prezzo prefissato detto Strike Price Opzione europea: può essere esercitata solo in determinati periodi di tempo Opzione americana: può essere esercitata in qualsiasi momento fino alla scadenza. Il premio rappresenta il prezzo pagato per l acquisto del diritto connesso all opzione. L opzione può essere negoziata sia sui mercati ufficiali (tradedo listed option) che OTC; per il funzionamento della prima tipologia interviene la Clearing House con il meccanismo dei margini, ma il versamento viene richiesto solo al venditore dell opzione (la parte obbligata alla prestazione).

29 Il valore di una opzione Valore Intrinseco + Valore Temporale (valore che attribuirei all opzione (misura l impatto del trascorrere del tempo sul se dovessi esercitarla oggi) valore dell opzione, è pari alla differenza fra prezzo opzione e V.I. ) Opzione call: V.I.= P-Pe se P > Pe allora V.I. > 0 (opzione in the money) se P = Pe allora V.I. = 0 (opzione è at the money) se P < Pe allora V.I. = 0 (opzione out of the money) V.I.= max (0; P-Pe) Opzione put: V.I.= P-Pe se Pe > P allora V.I. > 0 (opzione in the money) se Pe = P allora V.I. = 0 (opzione at the money) se Pe < P allora V.I. = 0 (opzione out of the money) V.I. = max (0; Pe-P)

30 La gestione dei rischi di Credito I derivati creditizi Total return swap Il Credit default swap Credit spread option

31 Funzionamento di un derivato creditizio Protection buyer Cede il rischio Vende la protezione dagli effetti del rischio Protection seller Assume il rischio Acquista la protezione

32 Derivati creditizi I derivati creditizi consentono di trasferire il rischio di credito relativo ad una attività finanziaria (reference obligation), senza trasferire il credito sottostante (underlying asset), e senza interrompere i rapporti di clientela, Oggetto del trasferimento sono, dunque, i soli effetti economici del rischio, derivanti al verificarsi di un definito evento creditizio(credit event). Colui il quale acquista la protezione dagli effetti economici del rischio è detto protection buyer mentre chi vende la protezione è definito protection seller, Il protection buyer ha normalmente esigenze di copertura e di frazionamento del rischio di portafoglio o aspettative di deterioramento del merito creditizio dell emittente l attività ceduta(refrence entity), Il protection seller ha aspettative di miglioramento dello standing creditizio della controparte, oppure vuole sfruttare la possibilità di diversificare il proprio portafoglio di attività finanziarie entrando su mercati che sono estranei alla sua normale attività.

33 Alcune definizioni Titolo sottostante (underlying asset): attività finanziaria dal cui rischio di credito ci si vuole proteggere; Titolo di riferimento(reference obligation): l attività finanziaria a cui il credit derivative si riferisce per determinare l ammontare e i tempi dei pagamenti. Quando l attività finanziaria dal cui rischio di credito ci si vuole proteggere (underlying asset), non è quotata su un mercato si può scegliere di utilizzare come oggetto del derivato creditizio un titolo similare il cui valore sia più facilmente determinabile; Soggetto di riferimento (reference entity): l emittente del titolo di riferimento Recovery value: il valore che il titolo di riferimento ha dopo il verificarsi del credit event.

34 I derivati creditizi L utilizzo di strumenti di mitigazione del rischio, se impiegati correttamente e consapevolmente, può consentire di tenere sotto controllo i rischi e svincolare l attività di impiego delle risorse economiche dalle logiche concorrenziali e di mercato. I derivati creditizi, così come la securitization, rappresentano uno strumento innovativo per la gestione del rischio, consentendo di trasferire il rischio di credito relativo alle attività bancarie, attuando una efficace diversificazione dei rischi del portafoglio; A differenza delle operazioni di cartolarizzazione, tuttavia, l utilizzo dei derivati su crediti non comporta modifiche sostanziali sul bilancio delle società che ne fanno uso, infatti tali operazioni vengono annotate in calce allo Stato Patrimoniale fra le garanzie e gli impegni, non implicando nessuna variazione tra le poste sopra la linea, come avviene invece in caso di cessione dei crediti (loan sales) o a seguito delle operazioni di cartolarizzazione.

35 Derivati creditizi Regolamento contrattuale stabilito fra le parti: le tipologie più usuali: binarypayout: consiste nel pagamento dal selleral buyer, al verificarsi dell evento creditizio, di una determinata somma di denaro, secondo un importo fisso, definito fra le parti alla costituzione del contratto, oppure, come accade più di frequente, calcolata in base a specifiche metodologie predefinite; cashsettlement: consiste nel pagamento dal selleral buyer del differenziale fra il prezzo iniziale e il prezzo finale di una attività di riferimento, che replica l andamento dello standing creditizio della reference entity; phisycalsettlement: con questa fattispecie il protection seller si obbliga ad acquistare, al verificarsi dell evento creditizio, uno strumento finanziario, detenuto dal protection buyer, ad un prezzo stabilito fra le parti alla sottoscrizione del contratto, che rispecchia il merito creditizio della reference entity.

36 Il Calculator agent La corretta individuazione del credit event è uno degli elementi di maggiore problematicità correlata all utilizzo di questi strumenti, a tal fine è stata introdotta la figura del calculator agent, un soggetto (di solito un intermediario finanziario) il cui compito è propriamente quello di accertare l evento creditizio, sottraendo tale valutazione alla discrezionalità delle parti, e di quantificare i pagamenti dovuti.

37 Tipologie: il Total return swap Pagamenti periodici predeterminati Total return receiver Protection seller Total return payer Protection buyer Flusso cedolare guadagni/perdite in conto capitale: TOTAL RETURN Attraverso l'utilizzo di un total return swap si può ricreare "sinteticamente" una condizione desiderata, accordandosi con una controparte, il total return payer, che acquisterà fisicamente lo strumento sottostante e, in cambio di pagamenti periodici predeterminati, girerà all'altro contraente i rendimenti del titolo. E' evidente che per il total return receiver la prestazione effettuata rappresenta il "costo" del finanziamento.

38 La credit spread option il contratto prevede che il protection buyer acquisti la facoltà di trasferire al protection seller il rischio di tasso associato alle variazioni del merito creditizio della reference entity Il rischio di tasso è determinato dal differenziale fra il cosiddetto tasso strike, (definito contrattualmente) e il tasso di riferimento a termine di mercato. Il Buyer, pagando una commissione per l opzione, ha la facoltàa scadenza di acquistare lo spread (call option) o vendere lo spread (put option) Il Bayer ha convenienza ad esercitare la sua opzione se: in caso dicalloption, se il tasso di riferimento a termine è maggiore del tasso contrattuale; in caso di put optionse il tasso di riferimento a termine è minore di quello contrattuale.

39 La Credit spread option: il pay-off dell operazione, per una opzione call T m = tasso di riferimento a termine di mercato T s = tasso strike contrattuale C = commissione il pay-off dell operazione, per una opzione call, è il seguente: Credit event Obbligazioni Bayer Seller ( Tm Ts Si verifica + - C - T T ) + C Non si verifica - C + C ) ( m s

40 La Credit spread option 1. Osservando il pay-off risulta evidente che il contratto non è simmetrico; 2. Anche le strategie delle due controparti devono essere pertanto differenti: il protection buyer ha necessità di copertura dal rischio e, tramite questo strumento, agisce variando l esposizione del suo portafoglio e determinando il limite massimo di rischio che intende sopportare ad un costo predefinito; il protection seller agisce essenzialmente per esigenze di diversificazione e con aspettative di miglioramento del merito creditizio associato all attività sottostante.

41 Funzionamento della Credit spread option al verificarsi del credit event C (commissione) Protection buyer Protection seller ( T Ts) m spread negativo

42 Il Credit default swap Pagamenti periodici fissi Protection buyer Protection seller Una somma di denaro al verificarsi di un credit eventdefault payment Il credit default swap è un contratto mediante il quale una parte (il protection buyer), attraverso il pagamento di importi predeterminati e a scadenze fisse, trasferisce al protection seller il rischio di credito inerente lo strumento finanziario sottostante; la controparte in cambio dei premi periodici si impegna a pagare al protecion buyer una somma di denaro nell'eventualità in cui si verifichi, entro un determinato arco temporale, uno specifico credit event.

43 Il credit default option (credit default put) premio Protection buyer Default payment (se si verifica il credit event l acquirente esercita l opzione) Protection seller Rischio di default della reference entity

44 Le credit-linked notes Le credit linked notes sono dei derivati strutturati rappresentati da titoli il cui pagamento del capitale e degli interessi è condizionato dal verificarsi di un credit event. L emittente delle C.L.N. può essere uno SPV oppure un qualsiasi intermediario finanziario. Lo SPV è di norma un emittente con un basso profilo di rischiosità. L investitore che acquista una C.L.N. sopporta sia il rischio della reference entity che il rischio relativo all emittente delle notes. I soggetti che intervengono in un operazione di C.L.N. sono di norma 4: 1. L emittente delle C.L.N. (lo SPV o l intermediario finanz.) i cui titoli sono legati sinteticamente al rischio di credito del reference entity; 2. Gli investitori che acquistano le C.L.N.; 3. La controparte dell emittente nella Credit. Default option (protection buyer); 4. Emittente titoli posti a garanzia dell operazione.

45 Le credit-linked notes 1 Securities collateral SPV emittente C.L.N. premio Acquirente della protezione Capitale iniziale 2 Investitori Cash flow C.L.N. Rischio creditizio della reference entity 1 Lo SPV emittente delle CLN acquista i titoli che hanno funzione di garanzia per l operazione, finanziando l acquisto mediate l emissione delle notes collocate presso gli investitori, e a fronte di tale acquisto riceve i flussi degli interessi relativi ai titoli posti a garanzia; 2 Gli investitori acquistano dallo SPV le notes (in tal senso assumo il rischio dei venditori di protezione di una credit default option) garantite dalle securities collateral. 3 Per ottenere i cash flow per il pagamento degli interessi agli investitori lo SPV entra in genere in una contestuale operazione di credit default option, con durata pari a quella delle CLN, assumendo posizione di venditore della protezione nei confronti di una controparte dalla quale riceve il premio.

46 Le credit-linked notes Nel caso in cui non si verifichi alcun credit event: gli investitori ricevono i flussi tipici di una normale obbligazione; Nel caso in cui si verifichi il credit event: i titoli a garanzia vengono liquidati e gli investitori perdono un ammontare pari al valore nominale dell investimento iniziale e il valore post-default del loro investimento. L ammontare dovuto agli investitori che però non viene loro corrisposto è destinato a remunerare l acquirente della protezione nell operazione parallela di credit default option.

47 Le opportunità derivanti dall utilizzo dei credit derivatives 1. Possibilità di diversificare il rischio derivante dai rapporti di creditodebito con la clientela, senza sopportare i normali costi della diversificazione e aumentando le opportunità di investimento anche in mercati estranei all attività quotidiana; 2. Consentono di superarare la normale segmentazione dei mercati non rinunciando ai vantaggi competitivi raggiunti nei mercati di riferimento; 3. L acquirente della protezione ha la possibilità di immunizzare l esposizione del suo portafoglio, intervenendo sulla parte del rischio di credito non eliminabile per diversificazione, vale e dire il cosiddetto rischio sistemico ; 4. Una più efficiente redistribuzione dei rischi implica una maggiore stabilità del mercato.

48 Le opportunità derivanti dall utilizzo dei credit derivatives Consentono di trasferire posizioni illiquide, per le quali non esiste un mercato efficiente o Consentono di assumere posizioni speculative; Inoltre, per le banche, l effetto di mitigazione del rischio complessivo nella banca consente di ridurre i requisiti patrimoniali richiesti ai fini di vigilanza.

49 I rischi derivanti dall utilizzo dei credit derivatives L esposizione alle varie configurazioni del rischio dipende dalla posizione assunta contrattualmente (protection buyero protection seller) e dalle tipologie contrattuali prescelte. Alcune circostanze possono incentivre il processo di insolvenza: asset mismatchsi configura quando non c è perfetta coincidenza fra il valore a rischio del credito di un affidamento (underlying asset) e il sottostante dei derivati su crediti (reference obligation); maturity mismatchè rappresentato da uno sfasamento temporale tra la durata del contratto derivato e la durata del rapporto creditizio (underlying asset). La crescita di questo mercato può incoraggiare le banche, o le imprese in generale, più deboli ad assumere posizioni rischiose.

50 Gli strumenti derivati cartolarizzati: Covered warrant Derivati cartolarizzati: Strumenti derivati a contenuto opzionale emessi da una banca che ne chiede l ammissione ad un mercato regolamentato. Strumenti derivati incorporati in un titolo negoziabile: non sono contratti, bensì titoli. Ciò comporta alcune conseguenze circa il regime di emissione e circolazione di questi titoli: 1. gli investitori non possono assumere la posizione di venditore (writer), poiché essendo titoli, essi possono essere emessi soltanto da un intermediario finanziario o comunque da società o enti con particolari requisiti patrimoniali e di vigilanza, da stati e organismi internazionali. 2. Per evitare situazioni di conflitto di interesse l'emittente di un derivato cartolarizzatonon può coincidere con l'emittente dello strumento sottostante. 3. Attualmente i derivati cartolarizzatisi suddividono in due categorie di strumenti: i covered warrants e i certificates. Entrambi possono avere come sottostante azioni e titoli di stato ad elevata liquidità, indici, tassi di interesse, valute e merci. 4. I securitised derivatives sono negoziati sul SeDeX di Borsa Italiana.

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Operativitàin derivati Marialaura Napoli 2 Agenda I contratti derivati nell attuale quadro normativo Novità introdotte dalla Dir. 2004/39 Le sedi

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Tipologie di strumenti finanziari

Tipologie di strumenti finanziari Tipologie di strumenti finanziari PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI: Azioni Obbligazioni ETF Opzioni 1 Azioni: definizione L azione è un titolo nominativo rappresentativo di una quota della

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA IL TRADING DI STRUMENTI DERIVATI. RELAZIONE DI STAGE PRESSO LA T4T. RELATORE: CH.MO PROF.

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE SOMMARIO 1 INTRODUZIONE ALLE OPZIONI 1.1 Teoria delle opzioni 1.2 Specifiche contrattuali delle opzioni su azioni 2 FORMALIZZAZIONI 3 PROPRIETA FONDAMENTALI DELLE OPZIONI SU AZIONI 3.1 Put-Call Parity

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli