mi ~ Dislipidemie e diabete mellito

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "mi----------------~ Dislipidemie e diabete mellito"

Transcript

1 mi ~ Dislipidemie e diabete mellito M. CASSADER Dipartimento di Medicina Interna, Università degli Studi, TORINO INTRODUZIONE Numerosi studi epidemiologici hanno indicato la presenza di una forte associazione tra diabete mellito ed arteriosclerosi (1). Le alterazioni del profilo lipidico e lipoproteico sono sempre state considerate di primaria importanza nella aterogenesi: in corso di malattia diabetica tali alterazioni sono state segnalate da tempo e rappresentano sicuramente un rischio aggiuntivo per i pazienti diabetici (2-4). è utile ricordare che nel diabete i livelli lipoproteici e le alterazioni molecolari delle lipoproteine possono essere influenzati da numerosi fattori quali il tipo di diabete, il grado di compenso glicemico, il tipo di trattamento (dieta, ipoglicemizzanti, insulina), i fenomeni di insulino-resistenza, la concentrazione degli FFA, i livelli degli ormoni della controregolazione, la presenza o assenza di nefropatia, la presenza o assenza di obesità, i fattori genetici e i fattori ambientali (dieta, esercizio fisico). Alla luce di queste osservazioni è raccomandabile che nei soggetti diabetici il controllo dell'assetto lipidico, per ciò che riguarda i parametri principali, debba essere piu ' frequente e regolare che nel resto della popolazione. Gli obiettivi da perseguire e la frequenza dei controlli possono riassumersi nelle linee guida riportate in tabella 1. TABELLA l Controllo dell'assetto lipidico nei soggetti diabetici: linee guida (periodicità: ogni 6 mesi) Fattori di rischio Colesterolo LDL-Coi HDL-Col Trigliceridi Fibrinogeno Obiettivi < 200 mg/dl < 130 mg/dl > 35 mg/dl (M) > 45 mgldl (F) < 200 mg/dl < 300 mg/dl E' utile sottolineare che in corso di malattia diabetica rivestono un ruolo molto importante non solo le variazioni dei livelli lipidici, ma anche le variazioni in senso qualitativo delle particelle lipoproteiche: si ricorda che si possono avere modificazioni delle lipoproteine (ossidazione, glicosilazione, anomali arricchimenti in apolipoproteine, prevalenza di sottoclassi lipoproteiche più aterogene, formazione di immunocomplessi, formazione di prodotti di degradazione, modificazione del core lipidico o modificazioni di superficie, aggregazione delle lipoproteine) sia in sede intravasale, sia extravasale (5). Tutte le classi lipoproteiche principali (chilomicroni, VLOL, IOL, LOL, HOL) tendono ad essere interessate da queste alterazioni: in particolare però le classi di lipoproteine ricche di trigliceridi, che sono all'inizio della cascata metabolica che conduce alla maturazione delle particelle lipoproteiche, sono sicuramente le più coinvolte (3). Le alterazioni del metabolismo lipoproteico in corso di malattia diabetica sono analizzate in letteratura in relazione in particolare ai due tipi di diabete, caratterizzati rispettivamente da insulino deficienza (100M) e da insulino-resistenza (NIOOM): è chiaro che il ruolo dell'insulina assume una notevole importanza nel determinare queste alterazioni, in particolare nel 100M, dove l'aspetto metabolico può essere ulteriormente complicato dalla terapia insulinica. Sono molto importanti in tal senso gli studi che hanno focalizzato i punti di intervento di questo ormone a livello del metabolismo lipoproteico, con particolare riguardo alle lipasi (tissutale, lipoproteica LPL, epatica HL), che come si sa sono enzimi direttamente sottoposti all'azione insulinica (Fig. 1). E' stato evidenziato che una diminuzione di effetto ormonale (insulinopenia assoluta o relativa) si traduce in un innalzamento dei livelli dei Tg e delle VLOL. Ciò è pure in relazione con l'azione antilipolitica dell'insulina, che regola il flusso di FFA verso il fegato: in carenza insulinica l'aumentato flusso di acidi grassi non fa altro che aumentare la secrezione delle VLOL epatiche, secrezione che è pure aumentata negli stati di insulino-resistenza. ABBREVIAZION I: FFA = free fatty acids; HOL = high density lipoproteins; 100M = insulin-dependent diabetes mellitus ;. IOL = intermediate. density lipoproteins; LOL = low density lipoproteins; Lp(a) = lipoproteina (a); LPL = lipoproteinlipasi; NIOOM = non-insulln-dependent dlabetes mellitus; Tg = trigliceridi; VLOL = very low density lipoproteins Lo

2 recettore Apo B * IJ FFA FEGATO * LPL glicerolo r----~ t t ~-~~ VLDL ---"-"'--'---~...,... Colesterolo. VLDL Fosfollpidi remnant ApoAI * HL. ~----IDL~~ ~ t ~------LDL t*. III. recetton ce u an * LCAT FIGURAI Rappresentanza schematica della maturazione delle particelle lipoproteiche (VWL-IDL-WL-HDL). Gli asterischi indicano i possibili siti d'azione dell'insulina ApoC HDL3 *t HDL2 *t recettore HDL biente a concentrazioni elevate di glucosio (8). Il fenomeno glicosilazione coinvolge più o meno tutte le principali classi di apolipoproteine, ma gli effetti più importanti riguardano Apo AI e Apo B: dopo glicosilazione si ha aumento di clearance dell'apo AI (e di conseguenza delle HOL) e rallentamento della clearance dell'apo B (e quindi delle LOL) e stimolo dello "scavenger pathway". è inutile sottolineare gli effetti negativi di questi fenomeni, ancor più aggravati dal coinvolgimento delle Apo E, importanti nei processi di clearance dei "remnants" (IDL): infatti le Apo E glicate risultano meno riconoscibili dal recettore specifico, con conseguente aumento dei Un discorso a parte riguarda lo studio dei livelli di Lp(a), le cui caratteristiche di aterogenicità sono ben note e confermate da numerosi studi anche molto recenti: i dati rigurdanti il diabete sono non del tutto concordanti, sembra però che alterazioni nei livelli di questa lipoproteina rispetto ai soggetti non diabetici riguardino solo i soggetti con macro o microalbuminuria, aggiungendo così un altro fattore di rischio importante per malattia aterosclerotica (6). Bisogna anche ricordare che nel 100M la terapia insulinica tradizionale, atta a migliorare il controllo glicemico e di conseguenza gli elevati livelli lipoproteici, non è in grado di migliorare le alterazioni in senso qualitativo delle lipoproteine, per lo più dipendenti da fenomeni di iperinsulinizzazione periferica: questa sembra provocare un patologico aumento del trasferimento di esteri del colesterolo dalle HOL alle VLOL e LOL, con conseguente arricchimento delle HOL in trigliceridi, come già segnalato. Quali siano le ragioni di questo aumentato trasporto di esteri del colesterolo, specialmente nel 100M, e quali danni causi in senso aterogeno non è ancora chiarito: a parte l'arricchimento in Tg delle HOL, ci potrebbero essere sottofrazioni delle VLOL che caricandosi di esteri del colesterolo diventano più aterogene. Il passaggio da un trattamento insulinico tradizionale, che comporta stati iperinsulinemici periferici, all'infusione intraperitoneale di insulina con pompa programmabile, riporta la composizione lipoproteica alla norma e normalizza l'aumentato trasporto degli esteri del colesterolo (7). Quindi anche il modo di somministrazione dell'insulina è molto importante nello sviluppo delle alterazioni e delle modificazioni specialmente qualitative delle lipoproteine. Un'altra alterazione, collegata alla malattia diabetica, che coinvolge le componenti proteiche apolipopro- (teine e proteine strutturali) è la glicosilazione non enzimatica delle proteine, risultante dalla loro permanenza in un amtempi di residenza in circolo di queste particelle aterogene. Bisogna anche ricordare che la glicazione delle apoproteine facilita la formazione di radicali liberi, innescando un danno ossidativo, e può portare alla formazione di complessi immuni, in particolare contro le particelle LOL, la cui componente proteica (Apo B) è stata glicata o ossidata, che tendono ad aggravare i processi di deposizione lipidica (8). Anche l'ossidazione delle lipoproteine, stimolata dagli aumentati tempi di residenza in circolo, in particolare delle LOL, contribuisce allo sviluppo della placca ateromasica attraverso una serie di meccanismi, tra i quali i più importanti sono l'aumentata chemiotassi dei monociti e la difficoltà di riconoscimento da parte del recettore specifico delle LOL ossidate: in queste l'ossidazione interessa gli acidi grassi poliinsaturi (PUFA), che si trasformano in aldeidi, determinando una variazione della carica elettrica esposta con conseguente difficoltà di riconoscimento da parte del recettore per le LOL (9). Considerando questi presupposti sarebbe importante conoscere se i pazienti diabetici siano caratterizzati da un aumento in circolo delle lipoproteine ossidate: da un punto di vista laboratoristico questo è un problema di notevole complessità e l'argomento fa ancora parte di programmi di ricerca avanzata, i cui risultati paiono dimostrare un aumento dell'ossidazione associato ad ipertrigliceridemia e a segni clinici di macroangiopatia. Alla luce di queste considerazioni ci si rende conto che nel diabete uno studio classico del quadro lipidico (con misurazione quantitativa dei parametri più comuni) non è sufficiente e necessita l'introduzione di altri parametri, che solo i centri specialistici sono in grado di eseguire, nonchè lo studio delle anomalie della composizione delle lipoproteine (in particolare di quelle ricche in trigliceridi). La relazione tra anomalie di composizione delle lipoproteine e rischio cardiovascolare nel diabete rappresenta senza dubbio un argomento di

3 studio molto importante, che deve però ancora essere confermato da adeguati studi prospettici. E' quindi utile una breve rassegna sulle alterazioni metaboliche riguardanti le principali classi lipoproteiche per individuare i criteri che suggeriscono il ricorso ad indagini più approfondite o l'invio del paziente presso centri specialistici per indagini più sofisticate, che in alcuni casi possono chiarire situazioni metaboliche complesse ed indirizzare verso una terapia più efficace. ALTERAZIONI E STUDIO DELLE VLDL E IDL NEL DIABETE Da quanto appena detto si ricava che l'alterazione metabolica più comune delle lipoproteine plasmatiche nel diabete non trattato è rappresentata da un aumento dei trigliceridi (di solito a valori compresi tra 300 e 500 mg/dl, con correlazione positiva con i livelli glicemici) e di conseguenza delle lipoproteine che li trasportano e cioè le VLDL e le IDL: tale aumento può dipendere o da aumentata sintesi o da ridotto catabolismo. Anche se i dati della letteratura non sempre concordano, sembra di fatto accertato che la ridotta rimozione delle lipoproteine ricche in Tg sia una caratteristica deil'iddm, dove la carenza insulinica si ripercuote sulla attività della LPL, mentre nel NIDDM prevarrebbe un aumento di sintesi dovuto allo stato di insulino-resistenza (10). L'aumentata sintesi epatica di VLDL è in relazione anche all'aumentato flusso in entrata di FFA e di glucosio, che quasi sempre si registra in corso di malattia diabetica in particolare se in scarso compenso metabolico. Notevole importanza hanno assunto negli ultimi anni gli studi delle alterazioni qualitative mediante tecniche sofisticate di ultracentrifugazione su gradiente di densità delle sottoclassi delle VLDL e del loro contenuto in lipidi ed in apoproteine. Il dato più appariscente è la sintesi di particelle VLDL morfologicamente ingrandite (VLDL 1 Sf ) e con una alterata composizione del "core"; ciò è dimostrabile in particolare nel NIDDM dove è documentato un aumentato rapporto Tg/Apo B, Apo CilI/Apo CII e aumentato contenuto di Apo C e Apo E. L'arricchimento delle particelle lipoproteiche in trigliceridi, osservato nel diabete particolarmente nella fase di iperlipidemia post-prandiale (lo studio del metabolismo dei Tg in fase post-prandiale mediante test da carico lipidico può fomire dati di gran lunga più informativi rispetto alla misurazione dei valori a digiuno dei trigliceridi), è un fenomeno che è stato osservato non solo nel diabete, ma anche in altre condizioni caratterizzate da stati di ipertrigliceridemia: è stato dimostrato che queste particelle sono molto più aterogene di quelle dei soggetti normali. Quando infatti vengono incubate in vitro con macrofagi, provocano un maggiore accumulo intracellulare di esteri del colesterolo. Queste alterazioni si ripercuotono anche sulla cascata di maturazione delle lipoproteine ricche di Tg (VLDL2 - IDL - LDL) e solo un buon compenso metabolico tende a riportare alla normalità la morfologia delle particelle lipoproteiche. A volte, in corso di malattia diabetica ID, sono state notate anche particelle VLDL più piccole e più ricche in colesterolo ed Apo B: queste particelle sarebbero più aterogene perchè captate più facilmente dai macrofagi, con maggior deposi zio- ne di colesterolo esterificato sulle pareti arteriose. Le alterazioni strutturali possono essere ulteriormente aggravate in presenza di insufficienza renale cronica, in cui si può dimostrare nelle VLDL una riduzione del contenuto di Apo CII ed un aumento delle forme sialate di Apo CIII ed Apo E ed ulteriore compromissione dei fenomeni di maturazione delle lipoproteine ricche di trigliceridi (11). ALTERAZIONI E STUDIO DELLE LDL NEL DIABETE Per ciò che riguarda le alterazioni delle LDL in corso di diabete, non si osservano di solito variazioni di livelli plasmatici, che per lo più risultano o normali o di poco aumentati rispetto ai soggetti di controllo. Solo nei pazienti con diabete insulino-dipendente in scarso compenso glicometabolico è stato notato un deciso aumento nella quantità delle LDL separabili mediante ultracentrifugazione preparativa. Ciò che invece ha una grossa rilevanza sono le alterazioni strutturali a carico di queste particelle: arricchimento in Tg, aumento del rapporto Tg/proteine, glicosilazione non enzimatica della Apo B e ossidazione dei PUFA con diminuzione della affinità nei confronti del recettore specifico per le LDL, come sopra descritto. Il risultato finale è un aumento dei tempi di residenza in circolo ed aumento della aterogenicità di queste particelle (3). Questa ridotta clearance delle LDL dovrebbe portare ad aumento dei livelli plasmatici, evento che invece di solito non si verifica; ciò è spiegabile col fatto che nel diabete si ha una rimozione diretta delle VLDL senza conversione in LDL. L'aterogenicità di questa situazione (mancato riconoscimento delle Apo B glicate da parte del recettore e smalti mento diretto delle VLDL) è ulteriormente aggravata dalla più elevata presenza di particelle intermedie (IDL) con potenziamento della rimozione macrofagica. Come è noto, il livello plasmatico di colesterolo veicolato dalle LDL può essere calcolato mediante la formula di Friedewald (12) nei casi in cui i valori di trigliceridi siano in un ambito normale. Risulta però importante nei soggetti diabetici anche lo studio mediante ultracentrifugazione su gradiente o con elettroforesi non denaturante le sottoclassi delle LDL, che ha permesso di evidenziare una prevalenza delle sottoclassi più piccole e dense, che sono anche le più aterogene (3, 13). Infatti, queste sottoclassi presentano morfologia e proprietà chimico-fisiche sfavorevoli in senso aterogeno: ricorderemo in tal senso la bassa "catabolic rate", l'arricchimento in Tg e la minor affinità di esposizione della molecola di Apo B al recettore specifico. Un buon compenso metabolico può ribilanciare le sottoclassi delle LDL riportandole in una situazione di normalità. ALTERAZIONI E STUDIO DELLE HDL NEL DIABETE È ormai risaputo che non solo il livello di Apo AI e Apo Ali è molto importante nella regolazione dei livelli delle HDL piasmatiche, ma anche l'attività degli enzimi che mediano i processi intravascolari di maturazione delle HDL (LCAT o lecitina-colesterolo- acil-trasferasi, LPL o lipoprotein-lipasi, HTGL o triglicerido-lipasi epatica, CETP o proteina di trasporto degli esteri del colesterolo). Questo può spiegare i bassi livelli circolanti delle HDL ed in particolare delle HDL2 in corso di malattia diabetica in relazione alla ridotta clearance delle VLDL, a sua volta conseguente alla minore attività della LPL (da deficit di azione L

4 Il insulinica): infatti le HDL ed in particolare la sottofrazione HDL2 aumentano durante i processi di lipolisi. Ciò può giustificare gli alti livelli di HDL riscontrati in molti pazienti IDDM in buon compenso metabolico (14). Una elevata attività della HTGL d'altro canto può ridurre la concentrazione delle HDL accelerando il catabolismo di queste particelle. Questi dati sono confermati dal fatto che la terapia insulinica ed il buon compenso metabolico sono in grado di riportare nella norma i valori delle HDL nei pazienti con IDDM e a volte di aumentarli al di sopra dei valori normali. Tali studi oggi sono alla portata anche di laboratori non specialistici, poichè il sotto-frazionamento delle HDL è realizzabile, senza ricorso all'ultracentrifugazione, anche con metodica chimica precipitativa con solfati di destrano e quindi si raccomanda la misurazione nei soggetti diabetici dei livelli di colesterolo HDL e HDL2 (15). Per ciò che riguarda le alterazioni strutturali, anche le HDL mostrano un anomalo arricchimento in Tg ed un alterato rapporto lipidi/proteine con diminuzione del contenuto in Apo AI e Apo Ali. Non bisogna dimenticare che l'abbassamento dei livelli può essere anche dovuto alla aumentata clearance delle Apo AI glicosilate, che si formano come già ricordato in corso di diabete scompensato. Si ricorda anche che le lipoproteine contenenti solo Apo AI (e non Apo Ali), che sono corrispondenti praticamente alle HDL2, sono quelle che posseggono la maggiore efficienza nella rimozione e nel trasporto retrogrado del colesterolo verso il fegato e nei diabetici hanno mostrato una composizione differente rispetto a quelle dei soggetti normali per ciò che riguarda sia la superficie che il core delle particelle, perdendo a causa di ciò circa il 50% della loro efficienza di trasporto (16). CONCLUSIONI In conclusione, nel NIDDM le alterazioni del quadro lipidico possono interessare praticamente tutte le classi lipoproteiche, determinando alterazioni multiple, comprendenti la iperchilomicronemia, la elevazione delle VLDL, IDL e delle LDL, e la riduzione delle HDL (3). Ciò in genere corrisponde al concetto di una iperlipidemia primaria associata al diabete. Tale spettro di alterazioni è sicuramente aggravato dallo scompenso glicemico, ma d'altra parte il raggiungimento del compenso raramente riesce a normalizzare l'assetto lipidico in questi pazienti (2,4). Viceversa, nell'iddm in buon controllo il quadro lipidico è generalmente simile a quello del soggetto non diabetico, e spesso possono essere riscontrati livelli di HDL più elevati che nella popolazione non diabetica (14). In entrambe le classi di diabete sono invece presenti alterazioni in senso qualitativo delle varie classi e sottoclassi lipoproteiche (3). Alla luce di queste osservazioni si raccomanda che nei soggetti diabetici il controllo dell'assetto lipidico, ai vari livelli di complessità a seconda dei casi, deve essere piu' frequente e regolare che nel resto della popolazione, sia per il piu' elevato rischio aterogeno, sia per la presenza di fattori di variazione relativamente rapida dell'assetto lipidico (compenso glicemico, tipo di terapia, comparsa di nefropatia, ecc.). Inoltre, non si deve dimenticare che il diabete e' fattore di rischio maggiore per l'aterosclerosi, e pertanto per i maschi diabetici il traguardo del LDL-cole- sterolo e' quello minimo «130 mg/d L), secondo quanto propone il National Cholesterol Expert Panel per i soggetti che presentano in partenza almeno due fattori di rischio aterogeno (17). D'altra parte, essendo il sesso femminile meno protetto se e' presente il diabete, e' consigliabile che anche per le donne diabetiche siano garantiti identici livelli di colesterolo-ldl ai fini di una efficace prevenzione della macroangiopatia. BIBLIOGRAFIA 1. Kannel WB, Mc Gee DL. Diabetes and cardiovascular disease: the Framingham study. JAMA 1979; 241: Colwell J A, Lopes-Virella M, Halushka PV. Pathogenesis of atherosclerosis in diabetes. Diabetes Care 1981; 4: Howard BV. Lipoprotein metabolism in diabetes mellitus. J Lipid Res 1987; 28: Reaven GM. Non-insulin dependent diabetes mellitus: abnormal lipoprotein metabolism and atherosclerosis. Metabolism 1987; 36 (Suppl l): Taskinen MR. Quantitative and qualitative lipoprotein abnormalities in diabetes mellitlls. Diabetes 1992; 41 (suppl. 2): Haffner SM. Lipoprotein(a) and diabetes. An update. Diabetes Care 1993; 16: Taskinen MR, Packard C.T, Sheperd J. Efi"ect oi" insulin therapy on metabolic fate of Apolipoprotein B-containing lipoproteins in NIDDM. Diabetes 1990; 39: Lyons T.T. Lipoprotein glycation and its metabolic consequences. Diabetes 1992; 41 (SU!' I" ', - -, 9. Chisolm GM, Irwin KC, Penn.\h,, [, <l'':ln oxidation and lipoprotein-induced celi injliry in diabetes. Diabetes ; (suppl. 2) : Taskinen MR, Beltz WF, Harper I et al. The effects oi" non-insulin-dependent diabetes mellitus on VLDL triglyceride and VLDL apob metabolism: studies before and after sulfonylurea therapy. Diabetes 1986; 35: Cassader M, Ruiu G, Gambino R et al. Apolipoprotein C and E in diabetic uraemic patients. Diabetes, Nutrition & Metabolism 1989; 2: Friedenwald WT, Levy RI, Fredrickson DS. Estimation of the concentration of 10w-density lipoprotein cholesterol in plasma without use oi" the preparative ultra-centrifugation. Clin Chem 1972; 18: Krauss RM. Relationship of intermediate and low-density lipoprotein subspecies to risk oi" coronary artery disease. Am Heart J 1987; 113: Sosenko JM, Breslow.TL, Miettinen OS et al. Hyperglycemia and plasma lipid levels: a prospective study of young insulin-dependent diabetic patients. N Engl J Med 1980; 302:

5 15. Gidez LI, Miller GJ, Burnstein ML. Separation and quantitation of subclasses of human plasma HDL by a single precipitation procedure. J Lipid Res 1982; 23: Fievet C, Theret N, Shojaee N. Apolipoprotein AI -containing particles and reverse cholesterol transport in IDDM. Diabetes 1992; 41 (suppl. 2): Report of the National Cholesterol Education Program expert panel on detection, evaluation, and treatment of high blood cholesterol in adults. Arch Intern Med 1988; 148: Per corrispondenza: M. Cassader Dipartimento di Medicina Interna Università degli Studi di Torino C.so A.M. Dogliotti 14,10126 TORINO Tel.: ; Fax: L1GAND ASSAY VOL. 2 NUMERO 3 ANNO 1997

Programma di Valutazione Esterna di Qualità. Prof A Gaddi: Paziente con iperlipoproteinemia

Programma di Valutazione Esterna di Qualità. Prof A Gaddi: Paziente con iperlipoproteinemia Programma di Valutazione Esterna di Qualità Prof A Gaddi: Paziente con iperlipoproteinemia In epidemiologia, che cosa vediamo? Eventi Cardiovascolari Diabete tipo 2 Sindrome Metabolica Iperlipidemia familiare

Dettagli

Fisiopatologia del metabolismo lipoproteico 1

Fisiopatologia del metabolismo lipoproteico 1 STATINE Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze Bernard B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa Maria Del Zompo Per iperlipidemia si intende

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL

ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL ANTIOXIDANT ACTIVITY OF OLIVE OIL Visioli et al. Low density lipoprotein oxidation is inhibited by olive oil constituents. Atherosclerosis 1995; 117: 25-32 Visioli et al. Free radical-scavenging properties

Dettagli

10. Prevenzione terziaria e terapia dell iperlipidemia nel diabete

10. Prevenzione terziaria e terapia dell iperlipidemia nel diabete 149 10. Prevenzione terziaria e terapia dell iperlipidemia nel diabete La WHO ha definito la qualità della cura e della vita dei diabetici a rischio. La Dichiarazione di St. Vincent del 1989 e quella KOS

Dettagli

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale DIABETE MELLITO Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica Patologia multisistemica e multifattoriale Parametri clinici: iperglicemia glicosuria - poliuria - polidipsia cheto-acidosi

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO XII L' approccio alla malattia diabetica si basa su tre

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI DOTTORATO DI RICERCA IN FISIOPATOLOGIA CLINICA E MEDICINA SPERIMENTALE XXIV CICLO COORDINATORE: Prof. Gianni Marone ALTERAZIONI DEL METABOLISMO POSTPRANDIALE

Dettagli

Le ipertrigliceridemie severe primitive: studio biochimico e genetico-molecolare

Le ipertrigliceridemie severe primitive: studio biochimico e genetico-molecolare UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Dipartimento di Medicina Clinica e delle Patologie Emergenti DOTTORATO DI RICERCA IN: FISIOPATOLOGIA DEL METABOLISMO: LIPIDI E LIPOPROTEINE

Dettagli

Diabete e attività fisica

Diabete e attività fisica Diabete e attività fisica Dott. Francesco Costantino Clinica Pediatrica Servizio di Diabetologia Infantile Università La Sapienza Roma Tipologia del Diabete Diabete mellito tipo 1 E caratterizzato dalla

Dettagli

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl.

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl. Caso clinico 1 Pz di 15 anni, di sesso femminile, lievemente sottopeso (IMC: 18Kg/mq). Manifesta nausea, vomito, dolori addominali, poliuria, polidipsia e dispnea. Nel giro di poche ore, manifesta obnubilamento

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

DISLIPIDEMIE. Dr. Alessandro Bernardini DISLIPIDEMIA

DISLIPIDEMIE. Dr. Alessandro Bernardini DISLIPIDEMIA HOME DISLIPIDEMIE DISLIPIDEMIE Dr. Alessandro Bernardini DISLIPIDEMIA Rispetto al termine iperlipidemia, è più appropriato utilizzare dislipidemia,, che comprende sia livelli anormalmente elevati di lipoproteine

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE LIPOPROTEINE E LORO METABOLISMO

DESCRIZIONE DELLE LIPOPROTEINE E LORO METABOLISMO DESCRIZIONE DELLE LIPOPROTEINE E LORO METABOLISMO Lipoproteine: complessi macromolecolari che trasportano i lipidi a livello plasmatico Apolipoproteine: famiglia di proteine che copre la superficie delle

Dettagli

La diagnosi delle dislipidemie familiari e secondarie. Gerardo Medea

La diagnosi delle dislipidemie familiari e secondarie. Gerardo Medea La diagnosi delle dislipidemie familiari e secondarie Gerardo Medea GLOSSARIO ESSENZIALE Dislipidemie: alterazioni nei livelli e/o nella composizione e/o nel metabolismo dei lipidi e delle lipoproteine

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI.

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

E DIABETE. Prof. Nicola Candeloro. Campobasso 9 Aprile 2014

E DIABETE. Prof. Nicola Candeloro. Campobasso 9 Aprile 2014 ESERCIZIO FISICO E DIABETE Prof. Nicola Candeloro Campobasso 9 Aprile 2014 Steve Redgrave 5 volte oro olimpico (1984,1988,1992,1996,2000) Diabete tipo 1 Effetti del training sul metabolismo energetico

Dettagli

Dislipidemie. Iperlipoproteinemie ed eziologia dell aterosclerosi. Paolo Fornengo

Dislipidemie. Iperlipoproteinemie ed eziologia dell aterosclerosi. Paolo Fornengo Capitolo 71 Paolo Fornengo Dislipidemie 1561 Il colesterolo è la molecola più decorata in biologia, se si considera che ben 13 premi Nobel, dal 1928, se ne sono occupati, assieme alle sue interazioni con

Dettagli

La sindrome metabolica: gestione infermieristica post acuzie. Dr Paola Massucco SCDU Medicina Interna 3 ad Indirizzo Metabolico

La sindrome metabolica: gestione infermieristica post acuzie. Dr Paola Massucco SCDU Medicina Interna 3 ad Indirizzo Metabolico La sindrome metabolica: gestione infermieristica post acuzie Dr Paola Massucco SCDU Medicina Interna 3 ad Indirizzo Metabolico Caso clinico Sig.ra G.A di 66 anni : entra per dolore stenocardico protratto

Dettagli

Metabolismo GLUCIDICO

Metabolismo GLUCIDICO Metabolismo GLUCIDICO COMPOSIZIONE DI UN ORGANISMO ADULTO Altro 3% Acqua 60% Carboidrati 1% Proteine 16% Lipidi 20% CALORIE TEORICHE PRODOTTE DALL OSSIDAZIONE COMPLETA DEI VARI SUBSTRATI (uomo adulto 70

Dettagli

DIABETE diabete tipo 1 (DM1)

DIABETE diabete tipo 1 (DM1) DIABETE In questo ambito le attività di ricerca attualmente in corso nel Dipartimento sono finalizzate allo studio dei meccanismi eziopatogenetici alla base della malattia diabetica che rappresenta sempre

Dettagli

Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche

Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche L INFORMAZIONE INDIPENDENTE SUL FARMACO: OBIETTIVO STATINE Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche Sassari 26 Gennaio 2008 Dott.ssa Chiara Musio NOTA 13 AIFA La prescrizione a carico

Dettagli

GLUCOSIO E INVECCHIAMENTO

GLUCOSIO E INVECCHIAMENTO GLUCOSIO E INVECCHIAMENTO Numerose sono le teorie per spiegare l eziopatogenesi dell invecchiamento La reazione di Maillard potrebbe contribuire al declino dei tessuti e delle cellule connesso all età

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

Avvio progetto sindrome metabolica. Adesione

Avvio progetto sindrome metabolica. Adesione Avvio progetto sindrome metabolica Adesione 1. i medici associati in super rete, super gruppo e CPT sono obbligati ad aderire e NON devono comunicare l'adesione al distretto di competenza; 2. I medici

Dettagli

DELL OBESITA IN RELAZIONE ALLA LOCALIZZAZIONE

DELL OBESITA IN RELAZIONE ALLA LOCALIZZAZIONE LE COMPLICANZE ADIPOSA DELL OBESITA IN RELAZIONE ALLA LOCALIZZAZIONE E sempre più chiaro che non è tanto l entità della massa adiposa a incidere negativamente sulla salute, quanto la distribuzione del

Dettagli

Jama, 2001, 285(19):2486-2496

Jama, 2001, 285(19):2486-2496 Sommariio esecutiivo delllle lliinee-guiida ATP-III per lla prevenziione delllle mallattiie coronariiche Jama, 2001, 285(19):2486-2496 FASE 1. DETERMINARE IL PROFILO LIPIDICO-LIPOPROTEICO NEL SOGGETTO

Dettagli

Gli aspetti diagnostici delle dislipidemie

Gli aspetti diagnostici delle dislipidemie 7 Gli aspetti diagnostici delle dislipidemie L inquadramento diagnostico delle dislipidemie comprende l anamnesi personale con la valutazione delle abitudini alimentari e dello stile di vita, la storia

Dettagli

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Cuneo 8-9 ottobre 2004 La Sindrome Metabolica: una sfida per l area endocrino-metabolica Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Luca Monge SOC MM e Diabetologia AO CTO-CRF-ICORMA Torino 1. Contratto

Dettagli

ASSOCIAZIONE BIOLOGI JONICI

ASSOCIAZIONE BIOLOGI JONICI ASSOCIAZIONE BIOLOGI JONICI CORSO DI AGGIORNAMENTO LA SINDROME METABOLICA: ASPETTI NUTRIZIONALI, CLINICI, DIAGNOSTICI e STILI DI VITA Riferimento evento RES n. 15425 Crediti formativi 43,5 dal 14 ottobre

Dettagli

Malattie del metabolismo lipoproteico

Malattie del metabolismo lipoproteico 1 Malattie del metabolismo lipoproteico Iperlipoproteinemie Pierpaolo De Feo DIMISEM Università di Perugia INTRODUZIONE Le malattie cardiovascolari rappresentano la più frequente causa di morte nei paesi

Dettagli

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 Appropriatezza prescrittiva nella terapia dell ipercolesterolemia RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 PREMESSE L'ipercolesterolemia è uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare e la sua riduzione

Dettagli

CHE COSA SONO LE DISLIPIDEMIE, ALTERAZIONI DEI GRASSI CIRCOLANTI DEL SANGUE E COME SI POSSONO CURARE

CHE COSA SONO LE DISLIPIDEMIE, ALTERAZIONI DEI GRASSI CIRCOLANTI DEL SANGUE E COME SI POSSONO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COSA SONO LE DISLIPIDEMIE, ALTERAZIONI DEI GRASSI CIRCOLANTI DEL SANGUE E COME SI POSSONO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare,

Dettagli

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Lega Friulana per il Cuore IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Stress ossidativo e aterosclerosi

Stress ossidativo e aterosclerosi Stress ossidativo e aterosclerosi Ossidazione LDL Captazione macrofagi parete vasale Recettore SR-A (CD-36) Cellule schiumose infiammazione Trombosi Berliner J and Watson A. N Engl J Med 2005;353:9-11

Dettagli

NOVITÀ PER IL MEDICO

NOVITÀ PER IL MEDICO DIABETE GESTAZIONALE Paolo Macca - Irene Carunchio 20 NOVITÀ PER IL MEDICO Spesso durante la gravidanza si tende ad assecondare la donna e in particolare i suoi desideri alimentari. La dieta restrittiva

Dettagli

3 rd Expert Meeting of EUROPEAN SOCIETY FOR CARDIOVASCULAR PREVENTION. Sessione I

3 rd Expert Meeting of EUROPEAN SOCIETY FOR CARDIOVASCULAR PREVENTION. Sessione I 3 rd Expert Meeting of EUROPEAN SOCIETY FOR CARDIOVASCULAR PREVENTION Sessione I Prevenzione Cardiovascolare nel Paziente Diabetico o con Sindrome Metabolica: Ruolo e Rilevanza Clinica della Riduzione

Dettagli

LIPIDOMICA DELL EPATITE CRONICA DA HCV E DELLA NAFLD. ASSOCIAZIONE TRA ACIDI GRASSI E SFINGOLIPIDI EPATICI CON IL DANNO D ORGANO

LIPIDOMICA DELL EPATITE CRONICA DA HCV E DELLA NAFLD. ASSOCIAZIONE TRA ACIDI GRASSI E SFINGOLIPIDI EPATICI CON IL DANNO D ORGANO DIPARTIMENTO DI MEDICINA INTERNA E SPECIALISTICA Dottorato di Ricerca in Fisiopatologia del Metabolismo: Lipidi e Lipoproteine LIPIDOMICA DELL EPATITE CRONICA DA HCV E DELLA NAFLD. ASSOCIAZIONE TRA ACIDI

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi L esercitazione è stata volta ad evidenziare vantaggi e criticità collegati al trasferimento nella pratica di quanto raccomandato dalla linea guida,

Dettagli

Funzioni delle proteine del sangue:

Funzioni delle proteine del sangue: PROTEINE DEL SANGUE Funzioni delle proteine del sangue: 1. Funzioni nutrizionali 2. Regolazione dell equilibrio acido base 3. Ripartizione dell acqua nei vari distretti 4. Funzione di trasporto 5. Coagulazione

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

STORIA NOTA 13 14/11/2012 26/03/2013 04/01/2007 19/06/2014 23/02/2007 06/06/2012 O DETERMINA 29/10/2004

STORIA NOTA 13 14/11/2012 26/03/2013 04/01/2007 19/06/2014 23/02/2007 06/06/2012 O DETERMINA 29/10/2004 STORIA NOTA 13 O DETERMINA 29/10/2004 O DETERMINA 04/01/2007 O DETERMINA 23/02/2007 O DETERMINA 06/06/2012 O DETERMINA 14/11/2012 O DETERMINA 26/03/2013 O DETERMINA 19/06/2014 il target per la terapia

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

Terapia ipolipidemizzante nel diabetico

Terapia ipolipidemizzante nel diabetico 10 Terapia ipolipidemizzante nel diabetico GABRIELE RICCARDI CLAUDIA DE NATALE Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Scuola di Medicina Universitaria Federico II, Napoli Introduzione I pazienti

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO. Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV)

CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO. Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV) CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE MELLITO Dottoressa BOVERO Anna Medicina Interna III Negri Ospedale Santa Corona Pietra Ligure ( SV) Il diabete mellito è formato da un gruppo eterogeneo di disturbi metabolici

Dettagli

IL DIABETE A MANTOVA. Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova

IL DIABETE A MANTOVA. Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova IL DIABETE A MANTOVA Prof. PierPaolo Vescovi S.C. di Medicina Generale Dott. Stefano Fazion Dott.ssa

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG

IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG A cura di Marco Pietro Mazzi e Maria Chiara Cressoni (SIMG-FIMMG ASL 22) PREMESSA Nella gestione del paziente diabetico l obiettivo

Dettagli

3) Il Colesterolo. Le diverse forme di colesterolo, HDL e LDL, note al grande pubblico come colesterolo buono e cattivo, non 1

3) Il Colesterolo. Le diverse forme di colesterolo, HDL e LDL, note al grande pubblico come colesterolo buono e cattivo, non 1 3) Il Colesterolo Il colesterolo è un normale e indispensabile costituente del nostro organismo, per la maggior parte presente nel bilayer fosfolipidico delle membrane cellulare, alle quali conferisce

Dettagli

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE L DEI DIABETICI SANVITESI Dott. Nazzareno Trojan diabetologo ed endocrinologo Ospedale Santa Maria dei Battuti San Vito al Tagliamento DIABETE MELLITO TRANSIZIONE EPIDEMIOLOGICA

Dettagli

Gestione appropriata del Target LDL nel paziente ad alto rischio cardiovascolare. Simone Mininni

Gestione appropriata del Target LDL nel paziente ad alto rischio cardiovascolare. Simone Mininni Gestione appropriata del Target LDL nel paziente ad alto rischio cardiovascolare. Simone Mininni Log-Linear Relationship Between LDL-C Levels and Relative Risk for CHD 3.7 2.9 Relative Risk for Coronary

Dettagli

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati.

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati. Dia 1 E necessario sottolineare la profonda differenza nella patogenesi delle complicanze microvascolari, quali la retinopatia, la nefropatia e la neuropatia, e quelle macrovascolari, quali la cardiopatia

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA DIABETE L IMPORTANZA DEL PROBLEMA DEL DIABETICO ALLA GUIDA Con il termine diabete mellito viene descritto un disordine metabolico ad eziologia multipla caratterizzato

Dettagli

Effetti della presenza di una sindrome metabolica in pazienti anziani malnutriti.

Effetti della presenza di una sindrome metabolica in pazienti anziani malnutriti. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA ISTITUTO DI CLINICA MEDICA GENERALE E TERAPIA MEDICA (Direttore: Prof. Giuseppe Delitala) Effetti della presenza di una sindrome metabolica

Dettagli

Le dislipidemie e la sindrome metabolica. Carla Lubrano Dipt. Fisiopatologia Medica

Le dislipidemie e la sindrome metabolica. Carla Lubrano Dipt. Fisiopatologia Medica Le dislipidemie e la sindrome metabolica Carla Lubrano Dipt. Fisiopatologia Medica IPERLILIPIDEMIE Gruppo eterogeneo di alterazioni del metabolismo lipidico ad eziologia primitiva o secondaria che si manifestano

Dettagli

Lipoprotein Classes CLASSI DI LIPIDI

Lipoprotein Classes CLASSI DI LIPIDI Lipoprotein Classes CLASSI DI LIPIDI FOSFOLIPIDI TRIGLICERIDI COLESTEROLO Chylomicrons, V, and their catabolic remnants HDL > 30 nm 20 22 nm 9 15 nm Caratteristiche delle principali apoproteine Lipoproteina

Dettagli

Materiale educazionale per il medico e per il paziente con ipercolesterolemia familiare DR. LEIV OSE

Materiale educazionale per il medico e per il paziente con ipercolesterolemia familiare DR. LEIV OSE Materiale educazionale per il medico e per il paziente con ipercolesterolemia familiare DR. LEIV OSE INDICE Contenuti e scopi di questo materiale 02 CONTENUTI E SCOPI DI QUESTO MATERIALE In questo materiale

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014 DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza Vicenza 20 Maggio 2014 Percorso Diagnostico Terapeutico tra MMG delle MGI dell ULSS 6 Vicenza e la Diabetologia Gli Obiettivi HbA1c < 53 mmol/mol

Dettagli

LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE

LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE LIVELLI CIRCOLANTI DI PROGENITORI DELLE CELLULE ENDOTELIALI IN PAZIENTI CON DIABETE TIPO 1 E DISFUNZIONE ERETTILE Michela Petrizzo, Giuseppe Bellastella, Maurizio Gicchino, Rosanna Orlando, Carmela Mosca,

Dettagli

STATINE E RISCHIO DI DIABETE

STATINE E RISCHIO DI DIABETE STATINE E RISCHIO DI DIABETE Gli inibitori della 3-idrossi-3-metilglutaril coenzima A (HMG-CoA) reduttasi, noti come statine, hanno rivoluzionato il trattamento della ipercolesterolemia e la prevenzione

Dettagli

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico IL LABORATORIO NELLE URGENZE ED EMERGENZE Roma, 2-3 Ottobre 2009 Riccardo Morgagni Cardiologia Università Tor Vergata Roma Contesto clinico Sindromi Coronariche

Dettagli

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol Introduzione La dislipidemia è ampiamente noto essere uno dei più importanti fattori di rischio cardiovascolari. Molto si è scritto in letteratura negli ultimi anni a proposito della riduzione di questo

Dettagli

LINEE GUIDA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO

LINEE GUIDA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE DIABETICO Il documento è finalizzato ad individuare modalità operative che consentano una più agevole integrazione tra assistenza

Dettagli

DISLIPIDEMIE: ATTUALITÀ IN DIAGNOSI E TERAPIA FARMACOLOGICA

DISLIPIDEMIE: ATTUALITÀ IN DIAGNOSI E TERAPIA FARMACOLOGICA G Ital Nefrol 2012; 29 (S54): S5-S13 RELAZIONE DISLIPIDEMIE: ATTUALITÀ IN DIAGNOSI E TERAPIA FARMACOLOGICA Luigi Cattin, Franco Spangaro, Maurizio Fonda Struttura Complessa 3ª Medica, Servizio di Diabetologia

Dettagli

dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 dott. L. Abate

dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 dott. L. Abate Diabete mellito e.oltre le consuete complicanze dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 Il diabete mellito Diabete mellito: criteri diagnostici Prediabete

Dettagli

Mix Esc lusivo di. Carboidrati a lento rilascio. Carboidrati a lento rilascio (Sucromalt & Fibersol ) F Glu Glu Glu. Tempo (ore)

Mix Esc lusivo di. Carboidrati a lento rilascio. Carboidrati a lento rilascio (Sucromalt & Fibersol ) F Glu Glu Glu. Tempo (ore) Triple Care Sucromalt Mix Esc lusivo di Carboidrati a lento rilascio Fibersol Il Sucromalt è prodotto con un processo enzimatico brevettato a partire da saccarosio e maltosio, ed è costituito da un mix

Dettagli

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro Formazione continua Medici Coordinatori RSA 2010 MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA Sandro Inchiostro Medicina II e Centro Diabetologico Dipartimento di Medicina

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA TITOLO TESI

DOTTORATO DI RICERCA TITOLO TESI Università degli Studi di Cagliari DOTTORATO DI RICERCA in Scienze Cardiovascolari Ciclo XXV TITOLO TESI L'ATTIVITÀ MOTORIA ACQUATICA COME NUOVO APPROCCIO TERAPICO ALLA CARDIO-DIABETOLOGIA Settori scientifici

Dettagli

LA NUTRIZIONE CLINICA NEL DIABETE MELLITO. Enrica Manicardi

LA NUTRIZIONE CLINICA NEL DIABETE MELLITO. Enrica Manicardi LA NUTRIZIONE CLINICA NEL DIABETE MELLITO Enrica Manicardi S.S. Diabetologia e Disturbi del Comportamento Alimentare Azienda Ospedaliera Santa Maria Nuova - Reggio Emilia Una corretta alimentazione è una

Dettagli

ame news settembre 2012

ame news settembre 2012 TERAPIA DELL IPERTRIGLICERIDEMIA: QUANDO E QUALE TRATTARE ame news Responsabile Editoriale Vincenzo Toscano CLASSIFICAZIONE ED EPIDEMIOLOGIA L ipertrigliceridemia (IT) è definita come una concentrazione

Dettagli

PROGETTO DI CLINICAL GOVERNANCE DEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 IN FRIULI VENEZIA GIULIA

PROGETTO DI CLINICAL GOVERNANCE DEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 IN FRIULI VENEZIA GIULIA PROGETTO DI CLINICAL GOVERNANCE DEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 IN FRIULI VENEZIA GIULIA PRIMO REPORT ELABORAZIONE DATI NOVEMBRE 2007 dati aggregati DESCRIZIONE DELLA POPOLAZIONE RAPPRESENTATA, PER SESSO

Dettagli

APPROPRIATEZZA DELLA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO: PROFILI PER LA DIAGNOSI E IL FOLLOW UP DEL DIABETE MELLITO ESAMI QUANDO E PERCHE

APPROPRIATEZZA DELLA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO: PROFILI PER LA DIAGNOSI E IL FOLLOW UP DEL DIABETE MELLITO ESAMI QUANDO E PERCHE APPROPRIATEZZA DELLA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO: PROFILI PER LA DIAGNOSI E IL FOLLOW UP DEL DIABETE MELLITO ESAMI QUANDO E PERCHE Dr. Gaiti Dario Reggio Emilia 08.05.2013 Sintomi+ PG >200 mg/dl oppure

Dettagli

STATINE E RENE. Roberto Bigazzi 1,2, Daniela Grimaldi 2, Stefano Bianchi 2 GIN FAD

STATINE E RENE. Roberto Bigazzi 1,2, Daniela Grimaldi 2, Stefano Bianchi 2 GIN FAD G Ital Nefrol 2012; 29 (2): 160-173 RASSEGNA STATINE E RENE GIN FAD Roberto Bigazzi 1,2, Daniela Grimaldi 2, Stefano Bianchi 2 1 Dipartimento di Medicina Clinica e Specialistica, USL6, Livorno 2 U.O. di

Dettagli

Enciclopedia della. Nutrizione. clinica del cane. Pascale Pibot Vincent Biourge Denise Elliott

Enciclopedia della. Nutrizione. clinica del cane. Pascale Pibot Vincent Biourge Denise Elliott Close window to return to IVIS Enciclopedia della Nutrizione clinica del cane Pascale Pibot Vincent Biourge Denise Elliott Medico Veterinario, Scientific Publishing Manager, Royal Canin Communication Group

Dettagli

IL FITNESS METABOLICO

IL FITNESS METABOLICO Esercizio fisico e fattori di rischio cardiovascolari : dalla teoria alla pratica IL FITNESS METABOLICO Dott.ssa C. Baggiore L'esercizio fisico è parte integrante del piano di trattamento del Diabete Mellito.

Dettagli

Le curve di sopravvivenza, 1849-1980, rivelano che la nostra aspettativa di vita si è grandemente accresciuta ma la lunghezza della nostra vita (life

Le curve di sopravvivenza, 1849-1980, rivelano che la nostra aspettativa di vita si è grandemente accresciuta ma la lunghezza della nostra vita (life Il Diabete Mellito, conoscerlo per prevenire e curare la malattia e le possibili complicanze Giorgio Grassi Endocrinologia, Diabetologia e Metabolismo Citta della Scienza e della Salute Torino Le curve

Dettagli

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA HOME DIABETE MELLITO Dr. Alessandro Bernardini DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA DIABETE MELLITO Il diabete di tipo 1 si può manifestare a qualsiasi età, ma c'è un netto aumento nel periodo della pubertà

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

NUTRI-GENOKIT FUNZIONE GENE POLIMORFISMO RISULTATO EFFETTO. BsmI. TaqIB. FokI. ApaI C677T A1298C. BsmI. TaqI. ApaI. rs9939609.

NUTRI-GENOKIT FUNZIONE GENE POLIMORFISMO RISULTATO EFFETTO. BsmI. TaqIB. FokI. ApaI C677T A1298C. BsmI. TaqI. ApaI. rs9939609. REPORT TECNICO: RISULTATI DELL ANALISI Nella tabella vengono indicati tutti i parametri ed i geni che vengono studiati facendo il test NUTRI-GENOKIT : una guida completa verso l alimentazione personalizzata.

Dettagli

PROTOCOLLO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DELLA IPERCOLESTEROLEMIA IN ETA PEDIATRICA

PROTOCOLLO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DELLA IPERCOLESTEROLEMIA IN ETA PEDIATRICA PROTOCOLLO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DELLA IPERCOLESTEROLEMIA IN ETA PEDIATRICA A cura di Caterina Munafò Con la collaborazione di Valeria Chirico, Giovanna Elisa Calabrò, Annamaria Salpietro, Rosangela

Dettagli

La terapia con statine si associa a ridotti livelli di small, dense lowdensity lipoprotein nei pazienti in dialisi peritoneale

La terapia con statine si associa a ridotti livelli di small, dense lowdensity lipoprotein nei pazienti in dialisi peritoneale La terapia con statine si associa a ridotti livelli di small, dense lowdensity lipoprotein nei pazienti in dialisi peritoneale Anna Clementi 1,2,3, Jeong Chul Kim 1,2,4, Matteo Floris 1,2,5, Dinna N Cruz1

Dettagli

PSICOFARMACI E SINDROME DISMETABOLICA

PSICOFARMACI E SINDROME DISMETABOLICA PSICOFARMACI E SINDROME DISMETABOLICA Dott.ssa Nadia DELSEDIME, M.D., Ph.D PSICHIATRIA SCDU CPR DCA AOU Città della Salute e della Scienza di Torino Università degli Studi di Torino LA SINDROME METABOLICA

Dettagli

Anita Morandi. Pediatria ad Indirizzo Diabetologico e Malattie del Metabolismo

Anita Morandi. Pediatria ad Indirizzo Diabetologico e Malattie del Metabolismo Anita Morandi Pediatria ad Indirizzo Diabetologico e Malattie del Metabolismo OBESITA E DIABETE INFANTILE: QUALI STRATEGIE PER PREVENZIONE E TRATTAMENTO LE DIMENSIONI DEL PROBLEMA OBESITA Piano d azione

Dettagli

Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Educazione alimentare Anno Accademico 2010-11 11 Il Diabete Mellito Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi Diabete Mellito Il diabete mellito è caratterizzata

Dettagli

Le vaccinazioni nel mondo

Le vaccinazioni nel mondo http://www.aslromaa.it/auslrma/ farmaanotizie Periodico mensile di informazione della ASL ROMA A su argomenti di farmacoepidemiologia/farmacoeconomia/farmacovigilanza Maggio 2013 anno 4 n 5 Le vaccinazioni

Dettagli

Gli indicatori di qualità nella cura del diabete : Il Diabetologo

Gli indicatori di qualità nella cura del diabete : Il Diabetologo SALVATORE ITALIA U.O.S. Endocrinologia e Mal. Metaboliche Azienda Ospedaliera Umberto I Siracusa Gli indicatori di qualità nella cura del diabete : Il Diabetologo OBIETTIVI DI UN MODELLO ASSISTENZIALE

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Farmaci per le dislipidemie

Farmaci per le dislipidemie Farmaci per le dislipidemie Nissen S et al. N Engl J Med 2007;356:1304-1316 Brewer H. N Engl J Med 2004;350:1491-1494 Ashen M and Blumenthal R. N Engl J Med 2005;353:1252-1260 Iperlipidemie Primarie

Dettagli

DIABETE MELLITO DEFINIZIONE

DIABETE MELLITO DEFINIZIONE DIABETE MELLITO DEFINIZIONE Sindrome caratterizzata da aumento dei livelli ematici di glucosio (iperglicemia). a digiuno =126 mg/dl 2h dopo OGTT =200 mg/dl Comporta il rischio di complicanze acute (coma

Dettagli

LA NEFROPATIA DIABETICA

LA NEFROPATIA DIABETICA Università degli Studi di Catania LA NEFROPATIA DIABETICA Docente di Nefrologia corso di laurea e Sc. Spec nefrologia Definizione: Per Diabete mellito si intende un gruppo di patologie metaboliche caratterizzate

Dettagli

Maria Rosaria Di Palma

Maria Rosaria Di Palma 3 Maggio 2015 Statine in età pediatrica Maria Rosaria Di Palma Seconda Università degli Studi di Napoli Scuola di Specializzazione in Pediatria Direttore: Prof. Bruno Nobili Colesterolo: Il colesterolo

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1

PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1 PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1 I l termine diabete mellito indica un insieme di malattie metaboliche, diverse fra loro per eziopatogenesi, caratterizzate da iperglicemia

Dettagli

Luisa Bissoli Nutrizione Clinica, Università di Verona

Luisa Bissoli Nutrizione Clinica, Università di Verona Gestione terapeutica del paziente obeso Dieta iperproteica o iperglucidica? Luisa Bissoli Nutrizione Clinica, Università di Verona Verona 25 Gennaio 2008 Composizione macronutrienti diverse diete Dieta

Dettagli

HDL: metodi di misura, eterogeneità delle particelle, proposta di nomenclatura e relazione con gli eventi cardiovascolari aterosclerotici

HDL: metodi di misura, eterogeneità delle particelle, proposta di nomenclatura e relazione con gli eventi cardiovascolari aterosclerotici HDL: metodi di misura, eterogeneità delle particelle, proposta di nomenclatura e relazione con gli eventi cardiovascolari aterosclerotici Robert S. Rosenson 1, H. Bryan Brewer Jr 2, M. John Chapman 3,

Dettagli

Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici

Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici Premesse Nella ipotetica piramide a tre livelli( fig 1) il primo livello preventivo ( familiarità IFG ecc ma comunque glicemia inferiore a 126)

Dettagli