G. Chieffi a b a Istituto di Biologia Generale e Genetica dell' To link to this article:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "G. Chieffi a b a Istituto di Biologia Generale e Genetica dell' To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250006209440616"

Transcript

1 This article was downloaded by: [ ] On: 03 September 2015, At: 19:35 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: Registered office: 5 Howick Place, London, SW1P 1WG Bolletino di zoologia Publication details, including instructions for authors and subscription information: Aspetti endocrinologici della riproduzione nei pesci G. Chieffi a b a Istituto di Biologia Generale e Genetica dell' Università e Stazione Zoologica, Napoli b Istituto di Istologia ed Embriologia Generale, Facolt[ggrave] di Mediciua e Chirurgia, Università Cattolia del S. Cuore, Roma Published online: 14 Sep To cite this article: G. Chieffi (1962) Aspetti endocrinologici della riproduzione nei pesci, Bolletino di zoologia, 29:2, , DOI: / To link to this article: PLEASE SCROLL DOWN FOR ARTICLE Taylor & Francis makes every effort to ensure the accuracy of all the information (the Content ) contained in the publications on our platform. However, Taylor & Francis, our agents, and our licensors make no representations or warranties whatsoever as to the accuracy, completeness, or suitability for any purpose of the Content. Any opinions and views expressed in this publication are the opinions and views of the authors, and are not the views of or endorsed by Taylor & Francis. The accuracy of the Content should not be relied upon and should be independently verified with primary sources of information. Taylor and Francis shall not be liable for any losses, actions, claims, proceedings, demands, costs, expenses, damages, and other liabilities whatsoever or howsoever caused arising directly or indirectly in connection with, in relation to or arising out of the use of the Content. This article may be used for research, teaching, and private study purposes. Any substantial or systematic reproduction, redistribution, reselling, loan, sub-licensing, systematic supply, or distribution in any form to anyone is

2 expressly forbidden. Terms & Conditions of access and use can be found at

3 c. CIIIEFFI Ijtituto di Biologia Generale e Genetica dell Universith e Stazione Zoologica, Napoli ; Istittito di Istologia ed Embriologia Generale, Pacolth di hledicina e Cliiriirgia, Univer~ith Cattolica del S. Cuore, Ronia. Aspctti endocriaologici dellit riproduzione nei pesci. ( 1 Int rodozione (Con I? fig. riel testo) SOMhIARIO 11 tessuto interstizialc del testicolo: a) Morfolngia b) Sccrczionr. L ovario : 0) Alorfologia clcl fnlliroln ovnriro e clri siioi clrrivati b) Srrrrrione I, i po fi si : a) b) c) Attiviti gonaclotropa clcili cstratti ipnfisnri Ccnni cli ritologiii ipofisaris in rapportn nll nttiviti gonnclotroiia Moclificazioni ipofiearie in rapporto a1 ciclo rilirntluttivo Altre rorrelazioni cnclorrine Riasunto Sunitnary Bilrliografia (1) Le rieerclie personali e cli eol1nl)oratori citatc nel corso dell. relazionc, sono state eseguite rein nn contributo (RG 6455) clclla Division of General Medical Sciences, Public IIealtli Scrvicc, U.S.A.

4 Y For endocrine rrolrition is nor an erolrttion o/ kornrnnrs bur an erolrition o! rfie rises to rrfrich they are prct; un erolrrtion nor, to pet it crtdely, o/ rfienrird lormtiinr bttt 4 rrnrtion putterns und tissrie conrprtmrirs n. (Aleclawar, 1953) IXTRODUZIOSE 11 numero enornie cii specie che costitiiiscono la superclasse (lei Pesci (piii di Pcsci Ossci e circa Pesci Cartilaginei o Elasmobranchii) rende piuttosto artluo riassunierne gli aspetti endocrinologici della riprocliizione. E talc clifficolti tli trattazione B accrcsciuta dalla estrcnia varieti della riproduzione nei Pesci, sia nci riguardi delh eicliciti cicila fririzione sessuale sia nei riguardi clel tipo di riproduxione. Come in tittte le nltre classi tii Vcrtcln-ati,, ad cccezione degli Uccelli, anclie mi Pesci sensrc lato, accanto a specie ovipare e ovoviviparc, esistono vari gracli cli specializzazione clella vivipariti clie pro1)abilmente b clerivata clalla ovipariti, attraverso iino staclio internieclio cli ovovivipariti. E tale I-arictj tli aclattnnicnti & stata resa possil)ile, come fa notare HISAW ( 1959), clalla rclativa inclipenclenza (lei fenonieni riproduttivi mi riguarcli della ccononiia gencrale clell organismo. Infatti la ipofnnzione o l asportazione di cpialsiasi organo in rapport0 con la riprocluzione lion influisce sulla sopravvivenza e sulle conclizioni gencrali dell organismo. Pertanto, dice testualmcnte HISAW, (( la riprocluziorie b cssenziale solo per la prop gazione clella specie, nientre per l inclivicliio b seniplicemcnte un privilegio clie pub csscrgli o nicno eoncesso 1). I1 compito clie iiii sono prefisso b di riassunierc gli aspetti enclocrinologici dcila riprotluzione di cliversc migliaia cli specie di Pesci ossci e cartilaginei, gruppi clic cl altra parte sono evoluti indipenclcntenicnte. I tlati clic riferirb, riguardano iiivero lo studio di ii~ln lmsissima perccntuale cli queste specie e la trattazione comiine di essc noii appare certanicnte giustificata (la quatito Iio clctto finora, se lion per ragioni cli convenicnza.

5 I fenotncni riproduttivi (lei Pcsci sono coordinnti dalla seere. ziotie cli ormoni caratteristici dei Vertelirati e come in tutti gli altri Jrertebrati le gonacli c l ipofisi lianno a questo riguardo un posto prcniinentc. Altrc gliianilolc endocrine sono ccrtanientc intcrcssate, Ilia cii esse si sa Len POCO. IL TESSUTO 1XTERSTIZldI.I: DEL TESTICOLO a) ilforfologia. Dopo la scopcrta di BOUIX e SXCEL (1903) della gliianilola interstiziale del testicolo nci i\iammifcri, remicro cseguite nuiiierose ricerclte comparative anclie iici Pesci. Per prim0 COLJRRIER (1921a) ha clcscritto il tessuto interstiziale in Casterosteris aculeatus, consitlerandolo conic iina gliiantlola clie si sviluppa pcriodicnmente in rapport0 a1 ciclo sessuale. Seconclo 1 A. le cellule interstiziali origiiierebbero (la lcucociti cli provenienza renale. Anclie sc talc ipotesi appare poco probabilc, rcsta aiicorn (la cliiarirc l origine tlelle ccllulc interstiziali nci \ ertebrati. Tali osservsxioni sono state successivanicntc estcse clallo stesso A. a Gobiris sp., ZZeniichroniis bimaculata, Cnllioriliimus lyra, Girardinzts reticulutns c Cottrrs sp. ( COURRIER, 19311)..Diversi AA. tra rui CRAIG-BEXXETT (1931), POTTER e HOAR (1954), MARSHALL e LOFTS (1956) lianno confermato le osservazioni cli COURRIER in altrc specie rli Tclcostei clescrircntlo lc carntteristiclie istologiclie clel tessuto interstiziale, propric dclle gliianclole a secrezione intcrna. Altri AA. ( JIATTIIEWS, 1938 ; REGXIER, 1938 ; BUL- LOUCII, 1939; WEISEL, 1943; RASQUIX c HIFTEII, 1951) itivccc nc lianno iiegato I esistenza. Reccntcmente J~ARSIIALL e LOFTS (195G) lianno clescritto in alcuni Teleostei (Esox liiciiis, Sulcelinus ic;illouglr- Lii, LaLeo sp.) un particolare tipo cli ccllule, die circoiiilano i tul)uli seniiniteri. Queste cellule parietali ( (c boundary cells n) sono considerate dagli AA. oniologlie dell altro tipo intcrstiziale, piit coniune c proprio (lei Verte1)rati superiori (fig. 1). Nella loro dcscrizionc gli AA. non accennano per6 alla presenzn cli cellule clel Sertoli, con cui lc cellulc parietali )) sembrano prescntare una spiccata somiglianza. Infatti i: noto clie lc ccllulc tlel Sertoli si caricaiio ili lipidi c di colestcrolo a1 inoniento clel passagio degli spernii nelle vie efferenti rlel tcsticolo.

6 Anclie nei Selacei e ncgli Olocefali la presenza cii cellule interstiziali omologa1)ili alle ccllule tli Leytlig (lei Mnmmiferi, i: stata cli Fig. 1 - A. tlistriliuzione tipica tlcllc cellulc tli Lcytlig nci Vcrlclirati, di tip0 (1 intrrstizialc I); B, tlistriliuzione tli tip0 (t ~iarictalc )) clcllc ccllule tli Lrytlig in alruni Trlrostri; C, cellulc (( pnrictali )) ncl tcsticolo tli lurcio (Esox Irrcirts) in mirzo; colorazio~ic Sittlaii iicro I S. ((la I\I,msmLL c LOFTS, 19j6) volta in voltn aiiiinessa ( BATTACLIA, 1925 ; HARRISOS MATTIIEWS, 1950) o iicgatn ( STEPIIAX, 1902 ; KOLSIER e SCIIESIIXSKT, 1922). Nostrc rccciiti ricerelie (CiiiEivi, J1~i.i.~ CORTE c UOTTE, 1961 ;

7 C~IIEFFI, 1962) lianno potuto spiegare questi clissensi per la esistenza cli variazioni quantitative no11 solo Ira specie diverse, nia anclie nel- 1'aniIIito clclla stcssa specie, tii cui per ora ci sfuggono Ie ragioni. 1~1 ogni iiiotlo B ccrto die anclie ncl testicolo (lei Pesci csiste un tcssllto interstiziale eon le s~essc caratteristiclie istologiclie cd istoclii- 1l:iclle delle cellule di Leyclig (lei Vertebrati superiori. Fig. 2 - A. rellule di Le>-dig tra le nmpnllc tcstieiilari il spermatogoai cli Torpedo mnrniorafa; a sinistra. nn tnhln rfferente; B, reazione per la stcroicle- 3~-olo.cleiclrngenasi: numerosi granllli cli fnrniaznni prccipitati nel citoplasma clelle rrllcile cii Leytlig. (A. dtl CIIIEFI.1, DELI..\ CORTE e BOTTE, 1961 : n, dil DEI.I..\ COIITE, BoTm c CiIIEwi, 1961) L'ipotcsi seconclo cui Ic cellule intcrstiziali sareblmo rcsponsaliili clclla secrezione clcgli ornioni stcroicli anclic nci Pesci, i: suffragata oltrc clic clalla ~n~scnza in essc cli lipicli e colcstcrolo, anciie clalla positivith clella reazione istocliiniica per la stcroidc-3~-010- cleitlrogenasi sia nci Selacci (DELLA CORTE, UOTTE e CIIIEFFI, 1961) (fig. 2) clie nei Telcostei (STASLEY, BOTTE e CIIIEFFI, clati lion pubblicati) ; questa reazione risulto invece iiegatira nelle cellule clel Scrtoli e in quelle gerniinali. Quinrli i: (la considerarc superata I'ipotcsi fatta aliiieno per i Telcostei (la \'AX OORDT (1924) seconilo cui il lessiito interstizialc avrei)i)c iina fiinzione trofica nci rigiiarcli tlelle dlule gerniinali.

8 )) Secreziorte. La prcsenza cli androgeni nei Teleostci era gii conosciuta sulla base di saggi biologici di estratti testicolari ( HAZLETON e GOODRKCII, 1937; D ARCOSA c SABBADIX, 1952; POTTER e IIOAR, 1954). Per la lor0 iclcntificazione, (la alcuni anni abbiamo in eorso ricerelie sistematiclie di analisi clegli estratti testicolari di varie specie di Ittiopsidi. I iiietodi da noi usati sono quelli convenzionali : cromatografia su carta in vari sistemi di solventi, spettrografia a1ltj.v. e, quando la concentrazione degli steroidi lo perinetteva, sono stati preparati an. che i derivati. Si i? potuto cosi rilevare, entro i limiti delle tecniclie usate, clie gli steroidi presenti negli estratti testicolari delle specie stucliate sono gli stessi, ad eccezione clel progesterone, di quelli isolati dai JIaininiferi (Tabella I). In questi ultimi il progesterone 6 stato isolato solo recenteniente in piccole quantiti da len kg. di testicolo rli toro (NEIIER e WETTSTEIX~ 1960); la siia presenza ncl testicolo confernia l ipotcsi, finora fondata su esperinienti in vitro, clie esso rappreaenta (lei prccursori degli oriiioni aiidrogeiii. La conccntrazione relativaniente alta del progcstcronc rispctto a quella clcll anclrosteiieclioiie e del testosterone in Scyliorliinus stellaris e in Lllorone labrax contrariaiiiente a quanto si verifica nei AIanimiferi, ci ha portato a formulare l ipotcsi ehe le differenze tra le diverse specie, nei riguartli della secrezione degli ornioni sessuali, siano cli ordine quantitativo pinttosto die qualitativo. Per provare questa ipotesi, abbiamo iniziato iina serie di ricerelic comparative sulla concentrazione cli alcuni enziini responsahili della biosintesi clegli ornioni steroidi. La steroide-3~-olo-deidrogenasi, (la noi gii cliinostrata istocliiiiiicailleiite, & risultata presente anclie in base a cleterniinazioni biocliimiclie negli oinogenati di tessuto testicolare cli Selacei e cli Teleostei ( LUPO e CIIIEFFI, 1963). Purtroppo la inipossibilitjl cli confrontare quantiti eguali cli tessuto attivo, clie certainente varia cla specie a specie, non ci permette per ora di trarre clclle conclusioni. Lo studio della attiviti relativa (lei dirersi enzimi prolabilniente potri fornirci qualclie inforniazione. La presenza di cstrogeni negli estratti testicolari (lei Pesci confcrnia i risnltati ottenuti mi AIaiiimiferi, cio& clie la biosintcsi cli tali orinoni si verifica ncl testicolo come ncll oi-ario attrarerso gli androgeni. Infatti ricerelic irr uifro lianno dimostrato la conver: *lone dell androstcnetioiie in estrone attraverso la forniazionc cli 19-A4- ~nrlrostcnc-3,17-clionc pcr azionc cli iina 19-itlrossilasi presente nel tessuto placentare (cfr. WETTSTEIX, 1961).

9 TAIJzr,i,A I - Conceutrazione approssimativn degli stcroidi estratti dai testieoli dei pesci. - Specie Tessuto estratto gr. Steroidi Concent razionc g/sg di tessutc Autori - Scyliorltintcs steilaris Jlor 018 o lc16r ~IR Stiltno iriclsics Cjpriiitis cctrpio ,5* 0,5+ Testosterone Androstenedione Progesterone Estradiolo-I? 9 2 non identificati Progesterone Estriolo Estroue Estradiolo-17 ;i Testosterone Progesterone Estriolo Estrone Estradiolo-I7 3 Testosterone Estrogeni (?) Testosterone Estrogeni (?) trncce tracce Chieffi e Lupo, 1961 Cliieffi e Lupo 1962 zalzigna, 1961 klzigna, 1961 (*) I numeri contraseepati ddl asferisco si riferiscono al peso di tessuto secco : gli altri corrispondono a1 peso di tessuto freero. La prcscnza nci Pcsci di orinoni stcroidi identici a qiielli (lei l ertelmti stipcriori ci rentle piii confirlcnti nci vaiutare i risdtati spcriiiicntali finora ottcnnti US~II~O oriiioni sintctici.

10 Certanicnte gli androgcni testicolari soiio rcsponsabili ancllc nci Pesci clel clifferenziariicnto c clel controllo (lei C.S.S. e interfcriscono nei proccssi nictabolici clell'organismo ( aumento clel consumo cli 0, e ritenzionc cli azoto). Lo stretto rapport0 nci Telcostci tra sviluppo clcl tessuto interstiziale, attiviti spcrmatogcnetica c eomparsa (lei C.S.S. conferma tale ipotesi, cosi conic l'effctto stimolantc degli androgeni siilla spermatogenesi osservato cla tliversi AA. ( TAVOLGA, 1949, in SipRophdrris helleri; PICIiFOIID, in PICKFORD e ATZ, 1957, in ~undulus Ileteroclit 11s ; VALLO w E, 1957, in maschi iiniiia t uri cli Siphoph oms Ii elleri). Per quaiito concernc i Sclacci, chc non prcsentano scgni eviclenti cli cicliciti clella fnnzionc sessnale mascliile, HISAW c ABRAMOWITZ ( 1938) lianno osservato ma licve stiniolazionc clcllo sviluppo (lei gonopocli in Mlustelus conis in seguito a inncsti cli comprcsse cli tcstosterone. Gli stessi risultati sono stati consepiti (la GODDAIID e DODD (in DODD, 1955) con iniezioni cli testosterone in niasclii immaturi tli Raja ratiiatci. La incapacitj ckl testosterone eli slimohre in llloelo cviclentc 10 sviluppo (lei gonopocli potrcbte spicgarsi con rluanto 110 osservato in Scyliorhinus caiiicrilrrs ( CIIIEFFI, 1955). Infatti l'estratliolo, soniministrato a cnibrioni cli qticsta specie ancor prima clcl tliffcrcnziamento sesuaie, lion initisce lo sviliippo (lei gonopoili ncllc 99 gcncticlic. Pcrtanto i gonopocli si comportcre1)l)cro conic caratteri somatoscssuali. Non tutti i caratteri sessuali seconclari semlirano per& rcstare esclnsivanicntc sotto il controllo clcgli ormoni anclrogeni win volta raggiunta la matiiriti sessunlc. Divcrsi AA. (cfr. AI~OKSOK, 1959) lianno stndiato alcuni aspetti clcl comportamento sessualc, come aggressivitj, cure parentcrali, costruzione clel niclo, etc., in iiiasclii e feniiiiiiie cli cli\-erse specie cli Teleostci clop0 castrazionc o tlecerebrazione. I risultati tli tali osservazioni possono csscre riassiinti nei segiicnli ptuiti : 1) l'asportuzione dci testicoli e degli ovari pi16 causare 1111 affievoliiiiento o la scomparsa clcl carattcristico comportamento sessiiale ; 2) in tutte lc specie studiate gli effetti della castrazione sono piii niarcati iiclla feniniina die ncl mascliio ; 3) nclle varic specie studiate alcuni aspetti del comportamcnto scssualc riscntono della castrazione piii rapirlamcntc c complctanicnte cli altri ; 4) mi masclii di alciine specie, certi aspetti tlel cornportaiiiento sessualc possono pcrsistcre per iin lnngo pcriodo dopo la castrazione, q~iariclo il tasso cli anclrogeni pi16 consitlerarsi riclotto a zero; 5) la clistriizione di arec senipre piii cstcse cli telenccfalo in alcuiic specie detcrmina un affieroliniento clcl coniportanicnto sessnale.

11 E prol)al)ilc cpiintli clic anclic nci Pesci, il comportamento sessl&, specic nci li~asclii atliilti, sia rclativanientc intlipendcntc tlall azioiie clcgli ornioni scssuali. Gli oriiioiii scssiiali ngircbbero con lneccnnismo clcl tutto sconosciuto sul tclcnccfalo, il qmlc a siia volta attivcrcbl)c i incccanismi posti a un livello infcriore ncl ccrvello. Tali osscrvazioni scmbrano infirinarc In teoria evoluzionistica clel comportamento scssuale cli BEACH (193), sccondo ciii con lo sviluppo corticale clel tclenccfalo cliiniiiiiiscc la partccipazionc cliretta degli oriiioiii sessiiali allc varie nianifestazioni dcl coinportaincnto scssuale ; c cli conscguenza nei Vertebrati infcriori, clove lo sviliippo dclla cortcccia B nullo o scarso, bisogiiercbbc attenclersi iina coinplcta clipcndcnza tli tutti i C.S.S. dagli ornioni scssuali. Questi problemi tl altra pnrtc ricliicclono ultcriorc studio sia pcrclii! iiiancano esperiiiicnti cli castrazionc in hdiviclui prepbcri, sia perch& la castrazionc richiecle 1111 scvero controllo istologico, in qiianto resiclui cli gonacli, aiiclie minimi, sono sufficicnti o stiniolarc il norrnale sviluppo clei C.S.S. ( ST. fhast, 1941, in TIJRXER, 1942). Alcunc riccrclic di PICKFOI~D ( 1952) sciiibraiio iiitlicarc iina influenza tlcll ipofisi sul coinportamento sessiialc di FzinduZus; WILIIELJII c coll. ( 1955) avrcbbero iclcntificato ncll ossitocina c nclla vasoprcssina i fattori responsabili. a) i%lor/ologia. I1 ciclo riprotliittivo fcniiiiinile varia consitlcrcvolmcntc sccoiiclo i gruppi cli Pesci. In alcuni Telcostei csso B annualc, nientrc altri presentano pil cicli cliirante I anno. I Sclacei ovipari lion lianno un hen clcfinito ciclo riproduttivo, in qiianto clcpongono tiova clurante tutto l a Lc spccic ovoviviparc c vivipare liaiiiio cicli riproduttivi annuali o lieniiali, lion lcgati a particolari stagioni ; qiiesto intervallo tra un ciclo e l altro & cloviito alla lung tlurata dclla graviclanza e all altrettonto lungo perioclo ovogenctico. L ovario & caratterizzato clalla prcscnza di niimerosi follicoli circontlati (la tessuto connettivo. Ncll ovario clci Sclacci non r i! traccia di tessuto intcrstizialc, nonostante l enoriiie sviluppn clella niechlla nell cnibrione ( CIIIEFFI, 1950). La parctc clcl follicolo ovarico, ha iina striittiira variabilc nci Sclacci e nei Tclcostei. Oltrc ad

12 un epitelio clella granulosa, in genere si osserva una teca esterna c nci Selacei anclic una tlistinta teca interna. I1 clestino dei foliicolo ovarico pub essere cluplice : pub svilupparsi fino at1 oviilare oppure pub subirc un proccsso cli (( atresia )I, in genere allo staclio cli vitellogenesi aranzata. Per cpiito concerne i Teleostei, la parete follicolare clopo 1 0v~lazione pub evolvere cliversaniente seconclo clie si tratti di specie ovipare o vivipare. NelIe prime csso pub presentare una ipcrtrofia clella granulosa, come in Fundulus heferoclitus ( BIATTIIEWS, 1939) e in Zoarces uiviparits ( CUXXIXGIIAJI, 1897); in altre specie invecc la parete follicolare si sclerotizza, eonie in Gastcrosteus ociileutics ( CRAIG-BEXXETT, 1931) (fig. 3). Nellc specie vivipare il follicolo assume funzioni cli calice tritizio sia in caso cli graviclanza follicolare clie in quello cli gravidanza ovarica. In ogni inodo il follicolo post-ovulatorio no11 senibra trasforniarsi nei Teleostei in unn struttura gliiandolare liiteinica (fig. 3). AIolto piii comune B iiivece la cosiclcletta (( luteogenesi preovulatoria )) sin nelle specie viripare clie in cplle ovipare. Questn terinine 6 stato introclotto cla BRETSCIIXEIDER c DUWEXB DE WIT (1917) per indicare quei processi cli atrcsia follicolare, clic sono seguiti tlalla trasforinazione della parete clel follicolo in una struttura gliiantlolare luteinica. Gli stessi AA. lianno descritto clettagliatanientc le varie fasi della luteogenesi preovulatoria nel teleosteo Rhodeus niiinriis in relazioiie allo sviluppo de1lfovopositore. In questa spccic i corpi lutci si forinano principalmente cla ovociti clel terzo period0 cli accrcsciiiieiito ( p cli tlin.). I processi cli riassorbinicnto clel vitello e clella trasforniazionc clella parete follicolare in corpo luteo sono tlistinti in quattro stadi: z) fagocitosi clel vitello da parte delle cellule clella granulosa ; 3) secrezionc cla parte delle cellule clella granulosa clell ovitluttina ( (( lengtliening Iiorinone )) o (( ovitluctin D) ; y) la procluzione tlell ornione cessa e coiiteinporaiieaiiieiite coinpare un piginento arancione nelle cellule clella granulosa, segno eli processi degenerativi ; 6) sclerosi clel corpo luteo (fig. 4). In effetti gii altri AA. avevano clescritto nei Teleostei l atresia follicolare scguita (la ipcrtrofia della granulosa (HIS, 1873 ; nnocfi, 1878 < EMERY, 1880 ; OWSIAXXIKOF, 1885 : in WALLACE, 1903 ; Cux- XICAAI, 1897; BUIILER, 1902; CIIAAIPY e GLEY, 1923; NICIIITA, 1928). BIa solo clopo Ic interessanti ricerclie cli BRETSCIIREIDER e DUYVEXB DE WIT, ei i: tenta~o tli dare un significato fuiizio.

13 nale a questc strutturc. D ANCONA (1919, 1950) Iia stotliato la formazionc clci corpi lutci prc-ovulatori clall cpitclio follicolarc Ovipari Vivipari CL cs CLP CN-CL c CLP > Ovarica Follicelare Fig. 3 - Sclienin illoslrnntc la trarforrnnzione clcl follicolo ovarico nei Teleostci ; CL, corpo luteo post-ovulatorio ; CLP, eorpo luteo pre-ovnlatorio; CK-CL, calyx nrrtricius elie tnlrolta puo trasformnrsi in corpo luteo post-orulatorio; CS, calyx simplex. (da IIOAR, 1955) clellc gonarli cli Tclcostci crimfrocliti (Sparidi c Serranidi). La loro struttura istologica, sccondo I A., parla in favore cli iiiia attiviti entlocrina. Iiiteressantc 6 la rclazioiic esistcntc in qucstc speck tra

14 foriiiazionc (lei corpi lrilci c la faee rcgrcssivn tlella rcgionc ovnrica dclla gonacle, per cui si pub ritenere, (lice testua!i;lcnte il D ANCOSA, clle a 1 azione clei corpi lutei si espliclii con una influenza inibitrice sull attiviti ovogenctica sia clie quests avvenga in occasioiie dell invcrsione sessiiale, sia clie alhia lnogo tra tin ciclo ovogenetico e l altro D. BEACII ( 1959) Iia receiitemente seguito l atresia follicolare in Carassilts auratus ; in cjiiesta specie il processo cli atresia si iiitensifica in corrispondcnza tlei pcriodo riprotluttiro. Certamente, conic veclrenio meglio trattundo i Selacei, si tratta cli struttiire clie assuniono un aspetto gliiaiiclolare cvolutivo, noii regressivo, conic invcce potrelle far intendere il terriiiiie (( itrcsia D. D altra parte I atresia follicolare seguita (la luteiiiizzazione i: frcquente anclie nci dlainniiferi, ecl in alcuni casi i cliniostrato clie essa pub sostituire la fiiiizione clel corpo lriteo post-ovnlatorio ( gravidico) qiiando cessa di funzionare (cfr. I~RAAIBELL, 1960). Dclie possii)iii caiisc tieil atrcsia follicolare parlerb piii avanti. Nei Selacei la situazione i: pinttosto incerta per la confusione clie si i: fatta fra corpi liilei post-ovulatori e corpi liitei prc-ovulatori. Le prime ricerclie cli GrAcoxrrxi (1896), in ogni niotlo, non perniettevano talc cliscriiiiiiiazioiie, per I esiguo niiincro cii eseniplari eeaiiii. nati in iin solo perioclo clcll anno. Altrettanto incoinplcte sono le ricerclie successive cli altri AA. (WALLACE, 1903; CIIAJIPT e GLEP, 1923; SANUEL, 1943; HISAW e ALBERT, 19-17; HARRISOK MAT- TIIEWS, 1950 ; cfr. CIIIEFFI, 1961). Piii reccntenicnte HISAW e HISAW JR. (1960) lianno raccolto nunierosi dati sulla liiteogenesi rli diverse specie cli Selacei (Raja erinacea, R. Linoculata, Hylrolagiis colliei, specie ovipare ; Sqiialris acanthias, S. siickleyi, specie ovovivipare ; -~fiisteiiis loevis, specie vivipara). Essi arninettono iinn tliiplice origine (lei corpi lutei sia pre- elie post-ovulatoria, neg?ncio loro a priori ogni possilile importanza fisiologica. In collahorazione con RATTAZZI, GUAL~ e BOTTE (CIIIEFFI e RATTAZZI, 1957; CIIIEFFI e GUAL~, 1959; GIIIEFFI, 1961 ; CIIIEFFI Fig. 4 - Fnsi rli trasformnzionc del rorpo lrttco pre-ovulatorio in Rhocletts nnrnrus: 3, Iagocitozi ilel ritello ; $, secrezione dell oviduttinn (la pnrtc clclle cellole tlcllrc grairnlo3a (rorpo Iiitco pre-ovulntorio); y, inizialc tlegenerazione clel corpo luteo; 6, scleroei rlel rorpo luteo. (da BHETSCII.VEIDEK e DUXVES~ DE WIT, 1917)

15 Fig. d.

16 Fig. 5 - Schema illustrante le varie fasi ili trasformazione ilcl follicolo ovarico nei Selaci: l,f,3,4 stadi ili dcgcncrazione e sclerosi del follicolo postovulatorio in Torpedo; 1,2 trasformazione in corpo luteo del follieolo post-owlatorio in Scyliorhinns e Raja e,,-i successiva sclerosi ; I, 11, 111, I\ fasi di trasformazione lutcinica del follicolo prc-ovulatorio in Torpedo, Scyliorhinns e Raja. A, follicolo ovarico; in nero - la teca csterna; in tianco - la teen interna; tratteggiata - la granulosa; pnntep giati - i granuli cli ritello. (da CIIIEFFI, 1961, ridkegnoto)

17 ~OTTE, 1961 ; BOTTE, in eorso cli stampa) ah1)ianio stiicliato il pro- I,leliia in alcune specie ovipare e ovovivipare clel Golfo tli Napoli (fig. 5). In Torpedo ninrniorcitn L. T. ocellrita (specie ovovivipare) i follicoli I)ost-ovulatori vanno incoritro a rapirla sclerosi senza inai presentarc serrlli istologici e istocliiniici tli secrezione. A1 contrario i corpi lutei preovlilatori suliscono iin 1)rocesso tli trasformazione rnolto simile a pello clescritto tla BIWTSCIIKEIDER e DuYvE;.;~. DE WIT (1947) in /{/Lode us, rag g iii ngcn tl o iina stru t t lira g li i an do1 a re hen tle f i ni t a ( st a- (lie 111 (fig. 6, A). A questo statlio la colorazione positiva per i Fig. 6 - A, rnrpn loten "re-ovulatorio cli Torpedo rriorrriorofo; B. rorpo lutrn post-ovulatorio cli Scjlliorhirrtrs stelloris. (A, (la CIIIEFFI, 1961; I3, (la CIIIEFFI c nwrm, 1961) lipitli si associa alla positivith tlell:~ reazione cli AS IiIII:L e SELIGAIAS per i gruppi carlonilici. In Scjliorhiniis stellnris (specie ovipara) e in diverse specie ovipare del gcnere Raja, la sitiiazione E invertita. I follicoli post-ovulatori si trasformano in strutture liiteiniclie con partecipazione anclie tlella teca interna (fig. 6, B), nientre i follicoli atresici pur assunienclo caratteri istologici gliiandolari, lion prcsentano iiiai le reazioni positive per gli stcroicli. Pertanto nei Selacei il tipo cli lutcogenesi ( pre- o post-ovulatoria) senibra essere in rapport0 alla (liversa niotlalith tli riproduzione. 1)) Secrezione. Sofferniianioci ora sull'cventuale significato funzionale entlocri- 110 tlcl follicolo e (lei suoi tlerivati. Anzitutto si E intlagato sulla presenza cli ornioni scssiiali nell'ovario. Come per il testicolo, i saggi hiologici lianno precetluto la itlentificnzione cliiinica clcllt:

18 - lg4 - sostanzc attivc. Alciini AA. lianno sapgiatn l attivith estrogenica tli cstratti ovarici cli Pcsci nci comiini aniniali cli laboratorio con csito positivo (FELLXER, 19% ; \VEISIIAN e toll., 1937). BRETSCIIXEIDER, DUYVEXB DE WIT e GOEDEWAACEN (1941) llanno otteniito stimolazionc rlello sviluppo clell oropositorc cli Rhoderrs aniarirs niccliantc somniinistrazione di cstratti cterci cli Lophius. D AXCOXA c SABBA. DIN (1953) lianno osservato la fciiiiiiiiiilizzazione clellc gonacli cli girini di Rana escrrlenta aliiiiciitati con ovari essiccati cli clivcrsc specie di Tcleostei. Rcccntementc BURLIXI e VALLE (1957) lianno ot- tenuto gli stessi risultati allcvantlo i girini in prcscnza cli cstratti eterei cli ovari cli Conger conger. L analisi cliimica dcgli estratti orarici esegiiita (la cliversi AA. ha portato all isolanicnto cli estrogeni itlcntici a qiielli conosciriti per i Vertebrati supcriori e in alcunc spccie anclic cli progesterone (To- Lella 11). In qiiesto caso, conic per gli estratti tcsticolari, le cnnccntrazioni relative clci vari sieroicli varia (la specie a specie; a spicgazione cli qiiestc clifferenzc valgonn le stessc consiclerazioni fattc pcr gli androgeni. Qriindi possianio considerare acccrtata la proclrixione nell ovario di estrogcni c cli progesterone prol~ahilmcnte da partc clel follicolo e dei suoi derivati. Quali sarclhcro Ic fiinzioni tli questa sccrczionc? Gli esperiinenti di ovariectoniia piirtroppo sono ancora scarsi, per l alta mortaliti post-operativa. Scarsi sono anclic i C.S.S. cstcrni nei Pesci, per ciii clivcrsi AA. non lianno notato motlificazioni conseguenti all orariectoiiiia ( I ~OSIIITA, 1935 ; OICADA e \ AXtASIIITA, 1944 ; KOBAYASIII, 1951). Ncl caso cli C.S.S. pronrincinti, lion v i: clulhio clic essi sono sotto il controllo ovarico. AROXSOX (1948) infatti Iia cliinostrato in Tilapiu macrocephaza iina rapicla involuzionc clella papilla genitalc e motlificazioni clclla colorazione opercolarc in seguito at1 ovaricctomia. Inoltre in fiemiclironiis birriaciclutrts e Betta splendens, l ovariectoniia detcrmina la sconiparsa clel caratteristico coinportarnciito sessiiale, clie d altroncle veniva ripristinato clalla soiiiiiiiiiistrazioiie tli estratti ovarici (NOBLE e I<UMPF, 1936). ISIIII ( 1960) Iia osservato in Neoditreniu ransonireti (specie vivipara) nn prccoce ispessimcnto c vacuolizzaxione clell cpitelio clelle pieglic ovariclic in seguito a soniniinistrazione di cstronc iiei primi giorni cli gravidanza. Accanto a questa azionc stimolante, l ovario sembra escrcitare anclie cffetti inibitori come nel caso dello sviliippo dcll ocello cau-

19 T,,,)~~J.~ I1 - Concentrazione approssiniativa degli eteroidi estrstti degli ovari di pesci. Teemtn eatretto gr. Steroicli :oiicen trazione ig/kg di te~suto Autori Conger conger Z rotopterrcs rarirrccteris I. 3 estrnr. 50,300, 600: 0, Progesterone? Estrndiolo-17 3 Estrune Progcsterone Es triolo E~tradiolo-17 # Estroiliolo-178 Estradiolo-17Q Estriolo 16-epiestriolo I rogcjt crone Estriolo t ro ne Estradiolo-17p l rogesteroric Eat riolo Estrone Est rncl i trncce trilece K otiz e coll., 1960 Lliieffi e Lupo, 1963 Gnlzigna Galzigna, 1961!.upo e Chieffi, 1363 Debii e Chester Jones, 1959 Gaclus ccitlciricis (uvari) E3 troiic Estradiolo-lip 1 4,8 Gottfried e coll (sacclii ornrici) EstraclioIo-lip 491 ( ) I iiiinieri coiitra$sepnrti dnll*aatcrisro ei riferiscuiio al eecco ; gli altri corri~~11~1i1101i~1 rl peso di tessiit~n fresco. peso di tessirlo

20 - 1GG - tlalc in Aniia (ZAIIL c DAVIS, 1932). QIICS~O compnre in entramhi i sessi, ma raggiunge sviluppo notevole solo iiel mascliio e nella feniiiiina ovaricctoniizzatn. Circa l'azione clegli estrogeni sintetici sull'orario, le osservazioni sono risultate tliscortlanti ; nicntrc alcnni AA. hanno tliniostrato effetti cli inibizionc ( TAVOLCA, 1949, in Xiphophoriis helleri; DER- KOWITZ, 1941, in Lebistes reticiilatirs; EGAJII, 1954 a, in Oryzias latips, 1954 b, in Misgiirniis angiiillicaiiclatiis, 1955, in Lebistes reticitlatiis), altri lianno osscrvato effetti tli stiiiiolazioiie ( BULLOUCII, 1942, in Phoxinris luevis; SVXROSOS, 1943, in Lebistes reticulatus; KAWAJIOTO, 1950, in Cfcr~opliary~~goclo~~ iclelliis). Nei Selacei niancano esperimenti di ovariectomia. Certamente essi saranno stati tcntati c lo son0 slati (la noi stessi, ma eon iicssuna sopravvivciiza oltre i tre-cpattro giorni tlall'operazione. La somiiiinistrazionc cli estrogeni a feiiiinine ~iictliante innesti di coriipresse cli ormone, stiinola lo sviluppo clelle vie genitali sia clelle specie vivipare ( HISAW e ABRAAIOWITZ, 1938, in illtisteliis cariis) clie tli quclle ovipare ( DOUD c GODDARD, 1961, in Scyliorhinus caniciilris (fig. 7). Secontio DODD e GODDARD anclie I'cpitelio ciliato pcritomale e la membrana iniene-siiiiilc sarebbero sotto il controllo degli estrogeni. Certamente niolto piii clifficile I: interpretare il significato funzionale clcl progesterone, la cui prcsenza nell'ovario (lei Pesci I: stata tlimostrnta da cliversi AA. ( WOTIZ e coll., 1960, in Sqiialris siiekleyi; DEAX e Crr EsTm JOSES, 1959: in Protopteriis annectens; CIIIEFFI e LUPO, 1963,.in Torpedo marnzorafa; LUPO e CIIIEFFI, 19Ci3, in Conger conger). Abl)iamo visto clie nell'ovario (lei Pesci sia ovipari clie vivipari e ovovivipari, si sviluppano (la1 follicolo ovnrico dellc strutture tli tip0 luteinico. Seconclo HISAW ( 1959) i corpi lutei accpiscterebbero una funzione entlocrinn solo nci hiainniifcri. e forse nei Rettili vivipari. La ~)rcsenza clel progesterone nell'ovario (lei I7ertebrati inferiori non riflettcrel)hc, sccontlo q~~esto A., iina attiviti clcl corpo luteo ; infatti 6 risaputo die il progesterone I: un ornione iibiquitario in quanto rappresenta iinn clelle prime tappe clella biosintesi dcgli ornioni steroidi. D'altra partc non bisogna tlinienticarc, in particolare per i Sclacei, c~ie le niot~ificazioni cieiic vie genitali clurantc il ciclo riprocluttivo sono cli notevole entiti sia nelle specie ovipare clie iu qdlc vivipnre. Ncllc specie ovoviviparc (la noi stutliate,torpedo niarniorata e T. ocellata, si osserra nn parallelismo tra aumento clcl iiiiiiiero (lei corpi lutei e sviluppo clcllc pieglic o villi uteririi

21 (fig. 8), Altra intcressante osservazione i: la eonipleta inibizione clella ovogenesi cliirante la gravidanza. Entrainbi qiiesti fenomeni, ma ~piainicnte il secondo, potrebbero ginstamente imptarsi aii'atti- Fig. 5 - Effetti clcll'innesto cli comprcesc cli estraclinlo in Scyliorhinrrs coniccclus. (a) fcniinina immatura cli controllo: notare l'organo epigonale lien sviluppato c gli oriclutti rottili ; (1)) feiiimina immattira, 149 giorni clop0 l'inncsto cli 25 nig. cli estracliolo: l'ovario E tuttora iiiimaturo, nirntre la gliianclola nidamentslc e gli ovicliitti sono ipertrofici (l'oviclutto sinietro E stato aperto longitiiclinalnientc e l'inteetino asportato). A, intestino ; E, organo epigonale ; G, gliianclola nitlamentale ; G', gliiantloln nidunientalc aperta loi~gitiicliiialmentc ; L, legato ; 0, ovario ; 011, oviclutto ; Od', oviclutto aperto luiipitucliiialmentc ; OE, esofago. S 1/2 circa. ((la DoUU c GOUD.4RD, 1961) riti progestntira (lei corpi lutei. Per qiianto riguarda i Teleostei alcunc ricerelie preliminari cli IS IIII ( 19GO) scnibrano escliiderc una azione del progesterone si1i1~o~ari0, siille picglie ovarichc e siillo svilrippo dcgli ernbrioni di h'eoditrenra ransonneti (specie vivipora).

22 II discorso clircnta ancor piii clifficile quaiuio si tratta dellti specie oripare, per quanto Houss~r (in NALBAKDOV, 1959) ha dimostrato clie Eli estrogeni prevengono I atrofia clell oviclutto nellc femmine ovariectoniizzatc cli Brrlo areriarum (specie ovipara), mentre la secrezione clelle gliianclole oridncali i: restaurala solo dalla soiiiniinistrazione cli progestcrone o cli prolattina I P GI GM GT Fig. 8 - Diagrarnma illuslrante l auniento clel nuniero (lei eorpi lutei il conqdeto sviluppo (linca continua) t- allongainento in mm delle picglie uterine (linea Iratleggiatr) nri clii-ersi pcriodi del eielo riproduttiro di Torpedo nmrniorota. Siill ascissa : I, periodo intergaridico ; P, periodo pregravidiclieo ; GI, gravidanza iniziole; GJI, graviclanza internirdia ; GT, gravidanm ii ternline. (da CIIlEFFf, 1961) Quanto I10 tletto Iia per ora solo valore tli ipotcsi, in attesn cli ulteriori osservazioni in particolare sperinicntali, in niotlo (la sorlciisfare i requisiti nccessari per attrilmirc una sicura funzione endocrina alle taiito discuss strutture luteiniclic dei Pcsci.

23 L IPOFISI E LA SECREZIOSE DI GoxAnoTnoPim Una volta cliscussi gli aspetti clella funzione enclocrina clellc golla(li, passo a trattare il ruolo svolto dall ipofisi iiei riguardi dei felloliieni riprorlut tivi. L ipofisi dei Pesci i? fondamentalmente simile a quella dei Mamnliferi e contiene anclie in buona parte ormoni simili. La Tabella 111 riassunie i dati della letteratura sulla iiatura clcgli ornioni ipofisari presenti nell ipofisi (lei Sclacei c degli Attinopterigii. Essi sono declotti do ricerelie di ipofisectomia, dagli effetti di iniczioni di estratti ipofisari totali o parziali di Pesci in vari animali, dagli effetti di orinoni OliiOlOglli (lei Mammiferi. Come fa giustaniente rilerare PICKPORD (1959), quando si saggiano gli estratti ipofisari di Pesci in altre specie, i risultati negativi possono csscrc criticabili. Infatti, pcr esenipio, la presenza di ACTH nelle preparazioni non purificatc di TSH di Teleostei potrcbbe in partc spiegare la mancata stimolazione tlella tiroide ncl top0 ; a parte le possibili reazioni immunitarie, specialmcntc dopo iniezioni ripetute di ormoni, die, nel easo cli quelli ipofisari, conic. 6 noto, sono proteine o polipeptidi. a) Attivitci gonarlotropa tlegli eslratti ipofisari. Per quanto riguarcla i rapporti tra ipofisi e gonacli, la secrezione di gonadotropine 6 stata messa inizialmente in evidenza da Houssrr ( 1931) mecliante iniezioni di estratti ipofisari di Micropogon operciilaris e cli Licciopimedolus pati, in Cnesterodon decenznzncrclatns. In tnl mod0 cgli riusci ad incliirre la cleposizione delle uova in un perioclo cliverso rla c~uello normale. Successivamente PE- REIItA e CARDOSO (1934) ottennero ovilhzione ed enlissione di sperma in Prochilotlus sp. in seguito at1 iniczioni cli estratti o sospcnsioni cli ipofisi della stessa specie. CARDOSO (1934) otteiinc auniento clcl peso dell ovario (370%) e ciel testicolo (Goyo) cli Pinielodics ciarius in scguito a soniministrazione cli cstratti ipofisari di Pcsci (?) protratta per clieci giorni. A queste ricerelic clie possiamo considerare pioniere nel camp0 (lei Pesei, se ne aggiunsero nuinerose altre, tutte cornprovanti l attiviti gonadotropa clegli estratti ipofisari cli numerose specie cli Tcleostci (\ ox IIIERIXC, 1935; GERBILSKII e KASCIIEXKO, 1937, in DODD, 1955; DE AZEVEDO e CAKALE, 1938; BUTLEII, 1940, in PICK-

24 TAt1m.r.a Gli ormoiii dell'ipofiai tlei peaci ("1. (da Pickford, 1959) Ilegione (") e Orrirorie Selacei Attinopterigli Meuroipofisi : \'ssopr"esina-adiuretirla Ossitocina AIeta-.tdenoiyofisi : (Pars intermedia) In termediria (31 S [I) Aleso-adenoipofisi : (Lobo di transizione) Ornione soniatotropo (STII) Corticotropiiia (A(XI1) Tirotrqliina ('PSIl) Gonadotropine LII PSI1 l'rolattina Ormone oftal mu t rope Fattore eritropoietico (? = AC'l'll) Pro-aderioipofiei : (? Pars tuberalis) Orinone nielauoforo conceritraiite (AICll) debole debole?+?+ clabnle (:idu:ti) +,? regiutie +. lob0 rentrile?f + > f,? regioue (*) Ida tabella originale di Pickford iitclude rnclie i dati sui Cicltistomi, clie tion sonu stati trattnti in questa relariune. ('7 La terniinologia & quellp recenteiueiite adottata cia l'icktiird c Atr (1957): c 1 + s, dati friltiiruentari : c? >, dati incerti.

25 FORD e ntz, 1957; VAX OORDT C BRETSCIINEIDER, 1942; PLISZKA, 1951; RASQUIX, 1951), sc si eccettua l unico risultato negativo di I\~ATTIIEWS (1939). Qnesti, infatti, non B rimcito ad indurre la deposizione clelle uova in Fundulus con iniezioni di estratti ipofisari (1eIIa stessa specie e rli il.lustelus. Nella ricerca dell attiviti gonadotropa (lei Pesci B importante tener presente sia il periodo in cui si preleva l ipofisi, sia il periodo (Ii sensibiliti dclla specie in cui vengono inicttati gli estratti ipofisari 0 trapiantate le ipofisi. Entrambi questi fattori variano da specie a specie e possono spiegare i risultati contrastanti ottenuti dai cliversi AA. (LAKDCREBE, 1941; VAK OORDT e BRETSCIIKEIDER, 1942, in Anguilla). In generale si pub dire clie il contenuto in gonadotropine cala fortemente dopo la deposizione clelle uova ( GERBILSKII, 1940, in DODD, 1955), e che le gonadi lion sono recetthe prima della maturiti sessiialc e in alcuni periocli clcl ciclo sessuale ( DE AZEVEDO, VIAXXA DIAS e BORCES \ IEIRA, 1938 ; BACOX, 1951 ; GERBILSKII e KASCIIEXKO, 1937, in DODD, 1960; KAZOXSKII, 1939, 1950, 1952, in DODD, 1960; DE MEXEZES, 1944, 1945). Uiteriori intlicazioni sulla secrezione gonadotropa dell ipofisi dei Teleostei si SOHO avute in base a esperixnenti cli ipofisectomia e cli trapianto, di cui parlerb piij avanti. Nei Selacci In prcsenza di gonadotropine i: stata dimostrata da VIVIEX ( 1940, 1911) nietlinnte espcriincnti cli ipofisectomia in Scyliorhinits cniziciilus, i cui risultati sono stati ampianiente conferninti (la DODD e coll. (1960) e HISAW e ABRAAIOWITZ (1938, 1939) in illtistelzts cnnis. L ipofisectomia clcterrnina una lenta involuzione dclle gonatli ncgli aniiiiali niaturi c bloccn lo sviluppo sessuale in quclli gio. rani. D altra partc CREASER e GORBMAN (1939) non sono riusciti acl inclurre l ovulazione in seguito ad iniezioni di estratti di 4 a 16 ipofisi cli Squalrts suckleyi, in Rana pipiens. Invece iniezioni di estratti cli lo110 neurointernierlio cli Raja batis nclla topina inimatura deterniiiia un auinento clel peso uterino da 6,4 a 17,s ing (GODDARD e DODD, in DODD, 1955). 11) Cenni di citologia ipolisaria in rapport0 all attivitir gonadotropa. Certamente iina tappa importante nella conoscenza tlella attiviti gonaclotropa dell adenoipofisi i: rappresentata dalla scopcrta di particolari tipi ccllulari associati con I attiviti delle gonadi. Le ricerclie eitologiche lianno messo in cvitlcnza nell adenoipofisi (lei Pesci, oltre a cellule aciriofile c C~OIIIO~OII~, la presenza cli cellulc basofile oino-

26 logabili a quelle dei hlammiferi. E con l uso cli iiietodi istocliimici associati a h sperinientazione i stato possibile, in alcuni casi, differcnziare le cellule hasofile in tirotrape e gonadotrope. Per quanto conccrnc i Teleostei, BARRIXGTOX e JIATTT (1955) lianno diniostrato nella mesoadcnoipofisi cli Pho.rincts phoxiniis la presenza ili clue tipi cli basofile entrainbi PAS-positivi, ina di cui uno solo fucsino-paralcleiclc (Ff)-positivo. Secondo tali AA. Ic basofile FP-positive si identificlierebbcro con le tirotrope, in quanto dopo trattamento eon tiouracile si presentano degranulate, vacuolizzatc e debolniente FP-positive. Le basofile FP-negative eon niolta probabiliti sarebbero le gonadotrope. ATZ (1953) in Astianax, pur non riuscendo a differeiizinrc i due tipi di basofile, ne lia diiiiostrato l csistenza speriiiientaliiieiite. Entrambi i tipi cellulari soiio PAS- e FPpositivi, ma di questi uno, reagentlo a variazioni clel tasso cli ornione tiroideo, i: considerato tirotropo, mentre I altro prcsinta clelle niodificazioni in seguito all allevamcnto in oscuriti con consegnente inibizione dellc gonadi. SOSOL ( 1955) ha confermato queste osservazioni in Lebistes reticulatiis trattando un gruppo di anirnali con tiourea e castrandone un altro. La prcsenza dclle cellule gonadotrope nclla meso-adenoipofisi dei teleostei E ulteriorinente confermata clalle osservazioni di KERR ( 1948) in Leuciscus nitilus, parassitnto clalln larva pleroccrcoitle di Ligrila. Negli esernplari parassitati, KERR ha notato dia niesoadenoipofisi, cellule basofile degranulate e rimpicciolite ecl 0110 stesso tempo gonadi ridotte con gametogenesi intcrrotta. Si tratta, a niio avviso, di un hell eseinpio di castrazione parassitaria nei Vertebrati die nierita cli essere ulteriormente stiitliato iiei rigunrcli dcl meccanisin0 eon cui si attua. KAZAXSKII e PERSOV (1948, in PICKFORD e ATZ, 1957) llanno iniettato in feiiimine di ilfisgiirniis fossilis estratti cli pro- e meso-aclenoipofisi (compress la partc pih prossinialc dcl lobo nervoso) e in altre estratti cli mcta.adenoipofisi di carpa. Solo nelle prime era stimolata la ovogenesi. Anclie per i Ganoidi esistono ricerelie citologiclie coinprovanti l esistenza di due tipi di basofile iiella nieso-adcnoipofisi di A iiiia e cli uno solo in Lepidosfeiis ( KERR, 1949). In Acipenser le liasofile non prescntavano una particolare localizzazione c cliffercnziazionc xiell arlenoipofisi ; ciononostante BARAXXIKOVA (1949, in PICKFORD e ATZ, 1957) E riuscita a ditiiustrnre la localizzazione clcllc cellulc basofile gonadotrope nella rcgione rcntralc clell adcnoipofisi. Infatti gli cstratti clella regione dorsalc e, ancor piii, quclli dclla rcgione ven-

27 trale clella meso- c pro-aclenoipofisi stirnolavano la maturazione clegli ovari cli ilfisgrcrniis lussilis, iiientre I estratto tli nieta-aclenoipofisi risllltava inattivo. Pcr i Crossopterigii, cosi coiiic per i Poliptcridi, non esistono ricerclic sillla citologia c fisiologia clcll ipofisi ; mancano anclie notizie circa le fornic erinafroclitc tli Telcostei. Pcr i Selacci le rccenti riccrclic citolo,oiclic cli DELLA CORTE (1961) in Scyliorhinus stelluris c di DELLA CORTE e CIIIEFFI (1961) in Torpedo ittartiturufu liaiino portal0 nlla differcnziazionc cli vari tipi tli hasofile : lie1 loro rostrale (pro- e meso-nclenoipofisi) cellule 1)eta c clelta; (( liasofilc clcl 10l)o ventralc D nel loro ventralc; cellulc Insofile c celliile giganti nel loro neurointernierlio (incta-adenoipofisi). Lc cellule beta, Ic clelta e Ic basofile del lob0 ventrale possono consitlcrarsi appartcncnti a1 griippo cosidcletto clclle iiiiicoicli (0 basofile in scnso lato), pcrcliii sono tultc piii o nieno PAS-positive; vario i, il coinportamento verso la FP, in quanto in Scyliorhinus sono positive solo le hasofile clel ventrale, incntrc in Torpedo lo sono anclie lc beta ipercroniaticlie e licvcmente lc basofilc clel loro yentrale. E ancora cla cliniostrarc con sicurezza, pcr6, a qiialc (lei trc tipi cli ccllule Iiasofile sia (la attriliuire la sccrezione gonadotropa. In Iiasc alle riccrclie cli DODD e eoll. (1960) cli ipofisectomia parziale in Scyliorhinus canicrclris, le Imofile clel lobo rcntrale clovrebbero consitlcrarsi gonarlotropc. A proposito clclle moclificazioni ipofisaric nel corso tlcl ciclo riprotluttivo, veclrenio clie cellule probaliilincnte gonadotrope sono preseiiti aiiclie nel lob0 ncuro-intermeclio. Inoltre reccnti ricerclic inclicano la probahile partccipazionc clcll ipotalani~ ai prncessi riproclut tivi ( BILLEXSTIEX, 1962). E cliiara quincli la presenza nella ipofisi (lei Pesci cli tipi cel- Iulari clivcrsi, cii cui alcuni sono (Ieputati aiia sccrczione c1i gonaclotropine, oriiiai cliiiiostrata ila iiiimcrose riccrclie sperinientali (per ma coinpleta I)ibliografin siill argoiiicnto cfr. PICKFORD e ATZ, 1947). c) dlucli/iccizioni ipolisarie in rapporto a1 ciclo riprodrcttico. Vorrei ora sofferniarnii sullc iiioclificazioni ipofisarie nel corso corso clella riprocluzionc sia clellc spccic oviparc clie di quclle vivipare e ovovivipare. Per quanto riguarcla I attiviti sessuale mascliile, non v i: clubbio clie essa ii sotto il controllo ipofisario. Ho gii accennato a110 inizio dcl paragrafo agli effctti dcgli estratti ipofisari di Pesci sul testicolo clella stessa o divcrsa specie. Gli esperimenti rli ipofisectomia e di trapianto cli ipofisi lianno confermato questi risultati. VIVIEN (1938) in

28 scgiiito a ipofiscctoinia cli 450 masclii cli Cobiiis 1~1ga~idiiS, oescnij nci quattro inrliviclui sopravvissnti oltrc i SCT iiicsi, atrofia tlcllc gonacli c clcllc gliiantlolc a~~ncese al clcfcrcntc (lig. 9). Risultati siinili venncro conseguiti (la MATTIIEWS ( 1939)' BURGEII (19.11) c PICKFORD ( 1952, 1953) in Fiindiilus heteroclitiis. I C I C i C Fig. 9 - Srlienie illustrrnlr Fli rffrtti clelln ipnfisrctoinia in niarrlii cli GOKIM pagnnellrrs, clnpo 62, 9.1 c 1611 ginrni clall'nperazionr. I, animali ipofiwrtoniizzati: C, rontrolli; in ncro - i trstiroli; pantrggiatc - lc gliianclnlc annrsfr. ((la \'IVIES, 1938) Anclic nci Sclacci l'ipofisectomia clctermina l'atrofia (lei tcsticoli come climostrnto (la VIVIEX (1940, 1941) c (la DODD e coll. (1960) in Scyliorhiniis caniciihs. Questi ultinii lianno inoltrc ottcnuto gli st~ssi risultati in scg!iito all'asportazionc rlel solo lobo vcntralc dcll'ipofisi. Istologicamentc DODD e coll. lianno osservato processi cli citolisi e anomalic clelle mitosi dellc cellule gerrninali in una particolare regionc clcl tcsticolo, tra le aiiipollc a spcrniatogoni e quclle a spertmtociti I (fig. 10). Le altcrazioni a livello clclla zona a sperniatirli osscrvntc cla DODO e coll. (1960 h) c da noi ( CIIIEFFI e BOTTE, clati non pubhlicati), invccc sono clovutc ecrtaiiientc alla cattivita, in quanto si riscontrano anclic nei controlli. Altrettsnto significativi sono i risultati conseguiti con il trapianto di ipofisi (la BURGER (1941) in Fiindrilits heteroclitiis c (la ROBERTSOX e RIXFRET (1957) con l'innesto cli compressc cli colcstcrolo contenenti la frazione gonadotropa cli tcrsuti ipofisari tli Oncorhyncliiis sp. in masclii imniatiiri di Salnzo gairclnerii. Infine lc riccrclie istologiclie c

29 citologicllc lianno svelato iiiteressanti rapporti tra motlificazioni ipofisarie e ciclo scssuale cl~l tcsticolo ( ~UCIIAIAXX, 1940, in Casterostelis aciileatiis; KERR, 1948, in Lciccisciis riitilics ; FOXTAIXE c OLI- \?AREAU, 1949, in Salmo salar; SCRUGGS, 1951, in Carassiiis aiiratics c Cypriniis carpi0 ; DELLA CORTE, 1961, in Scyliorhinics stellaris; Ro. BERTSOX c WESLER, 1962 a e b, in Salnio goirdnerii, Oncorhynchus tschatoytsclia, 0. nerka nerka e 0. nerka kenneryli). Fig Effetti dell asportrzione del lobo ventrale clell ipofisi sul testicolo (ti Scyliorhinas caniculrcs: notrre Ir zona cli degenerrzione (ZD) tra le arnpolle a epermrtogoni (SPG) e qiielle r spermatociti I (PS). 67. S. (clr DODO, EYESETT e GODDARD, 1960) Recentcinciitc UILLESSTIEX (1962) ha stucliato le nioclificazioni clell attivith neiirosccretricc clel niiclco tuleralc laterale cli Salveliizus lontinalis ecl ha osservato clie esse son0 in rapport0 eon il ciclo scssuale. Infatti dopo la cleposizionc clclle uova ( clicembre-gcnnaio) le cellulc clel n.t.1. appaiono inattive. Durante la ripresa clclla spcrmatogenesi c della ovogenesi (marzo-niaggio), essc presentano cliiari segni di attiviti (ipcrtrofia cellulare c fcnonicni di vacuolizzazione citoplasmatica). Succcssivainente quanclo coiiipaiono gli spcrniatidi e Ic uova continuano a svilupparai pcr ulteriore accuniulo cli vitello (giu-

Antonio Valle a a Istituto di Zoologia e Anatomia Comparata. To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250005109439140

Antonio Valle a a Istituto di Zoologia e Anatomia Comparata. To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250005109439140 This article was downloaded by: [178.63.86.160] On: 14 August 2015, At: 03:03 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 1072954 Registered office: 5 Howick

Dettagli

Ermanno Bronzini a c d & Pietro Bertolino b d a Aiuto volontario dell'istituto di Parassitologia

Ermanno Bronzini a c d & Pietro Bertolino b d a Aiuto volontario dell'istituto di Parassitologia This article was downloaded by: [178.63.86.160] On: 10 July 2015, At: 08:21 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 1072954 Registered office: 5 Howick

Dettagli

Bolletino di zoologia

Bolletino di zoologia This article was downloaded by: [178.63.86.160] On: 07 July 2015, At: 12:45 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 1072954 Registered office: 5 Howick

Dettagli

Concetta Lupo Di Prisco a, Paolo Verdarelli a & Giandomenico Pambianchi a a Istituto di Zoologia e Anatomia Comparata,

Concetta Lupo Di Prisco a, Paolo Verdarelli a & Giandomenico Pambianchi a a Istituto di Zoologia e Anatomia Comparata, This article was downloaded by: [178.63.86.160] On: 06 July 2015, At: 17:39 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 1072954 Registered office: 5 Howick

Dettagli

A. Minganti a a Istituto di Zoologia, Univcrsità di Palermo

A. Minganti a a Istituto di Zoologia, Univcrsità di Palermo This article was downloaded by: [178.63.86.160] On: 08 July 2015, At: 02:03 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 1072954 Registered office: 5 Howick

Dettagli

Frizzi Guido a a Istituto di Zoologia e Centro di Genetica, del C. N.

Frizzi Guido a a Istituto di Zoologia e Centro di Genetica, del C. N. This article was downloaded by: [178.63.86.16] On: 15 August 215, At: 13:53 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 172954 Registered office: 5 Howick

Dettagli

Agata Romako a a Istituto di Zoologia della Università di Palermo. To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250005309436879

Agata Romako a a Istituto di Zoologia della Università di Palermo. To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250005309436879 This article was downloaded by: [178.63.86.160] On: 05 July 2015, At: 08:06 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 1072954 Registered office: 5 Howick

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it IPOTALAMO-FUNZIONI Termoregolazione Nel corpo, il calore viene prodotto dalla contrazione muscolare, dall assimilazione degli alimenti e da tutti i processi vitali che contribuiscono al metabolismo basale.

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

A. Arcangeli a a Università di Torino. To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250006109438648

A. Arcangeli a a Università di Torino. To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250006109438648 This article was downloaded by: [178.63.86.160] On: 05 July 2015, At: 11:57 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 1072954 Registered office: 5 Howick

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Fonti alimentari di Inositolo

Fonti alimentari di Inositolo Fonti alimentari di Inositolo Agrumi Cereali integrali Frutta secca(arachidi) Semi(germe di grano) Legumi(fagioli) Lievito di birra Gli alimenti freschi contengono molto più Inositolo rispetto ai prodotti

Dettagli

AMV,LbIISSRMSTE.RBLLAHRSCCTANO ANTqFI T%fift'A , JFBF.ALE"REI-*9SN$*9!.1"O*DI

AMV,LbIISSRMSTE.RBLLAHRSCCTANO ANTqFI T%fift'A , JFBF.ALEREI-*9SN$*9!.1O*DI , JFBF.ALE"REI-*9SN$*9!.1"O*DI AMV,LbIISSRMSTE.RBLLAHRSCCTANO ANTqFI T%fift'A codrce FrscArE 08080561007 PARTITA IVA 08080561007 REGISTRO IMPRESE DI ROI{'A N. Sono presenti: per il Consiglio di Amministrazione:

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Il sistema nervoso è costituito da un insieme di organi preposti a:

Il sistema nervoso è costituito da un insieme di organi preposti a: Sistema nervoso Il sistema nervoso è costituito da un insieme di organi preposti a: Raccolta degli stimoli esterni ed interni Memorizzare i dati della sensibilità Coordinare e sviluppare le attività psichiche

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Genova, 26 febbraio 2014. Commissione di Garanzia - Roma. Osservatorio sui conflitti sindacali - Roma. Prefetto di Genova

Genova, 26 febbraio 2014. Commissione di Garanzia - Roma. Osservatorio sui conflitti sindacali - Roma. Prefetto di Genova CG t FY-#tsL ry F[OERAZt0NEtfÀilAr{ATRASP0fii' Wrh-rsFoRîr Genova, 26 febbraio 2014 Commissione di Garanzia - Roma Osservatorio sui conflitti sindacali - Roma Prefetto di Genova Direzione ATP EsercizioSr!

Dettagli

SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI

SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI G. FANO (Torino - Italia) SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI 1. - La distinzione, che pareva tradizionale, tra scienze di ragionamento e scienze sperimentali è ormai

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

solo per lei ogni mese son dolori!

solo per lei ogni mese son dolori! solo per lei ogni mese son dolori! 64 Prima o durante il flusso mestruale molte donne soffrono di mal di schiena, cefalea, crampi all utero o umore altalenante. Colpa degli ormoni Lo specialista La dottoressa

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

La teoria dei vantaggi comparati. La teoria dei vantaggi comparati

La teoria dei vantaggi comparati. La teoria dei vantaggi comparati La teoria dei vantaggi comparati La teoria dei vantaggi comparati fu elaborata dall economista inglese David Ricardo (1772-1823) nella sua opera principale: On the Principles of Political Economy and Taxation

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli

FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO

FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO Grazyna Ptak, PhD, DSc Dipartimento di Scienze Biomediche Comparate Università degli Studi di Teramo Il ciclo della vita: gli stadi dello sviluppo animale 1. specificazione

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

AISIA_Warne Dati NEW 03:AISIA 30-05-2012 11:29 Pagina 1. Insensibilità Completa agli Androgeni e condizioni simili

AISIA_Warne Dati NEW 03:AISIA 30-05-2012 11:29 Pagina 1. Insensibilità Completa agli Androgeni e condizioni simili AISIA_Warne Dati NEW 03:AISIA 30-05-2012 11:29 Pagina 1 Insensibilità Completa agli Androgeni e condizioni simili AISIA_Warne Dati NEW 03:AISIA 30-05-2012 11:29 Pagina 1 Insensibilità Completa agli Androgeni

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

La ricchezza culturale come risorsa economica e sociale

La ricchezza culturale come risorsa economica e sociale n La ricchezza culturale come risorsa economica e sociale Paolo Paluz,:,i Le risorse culturali sono risorse che si distin- sua manutenzione, anche puramente conservativa. tende lentamente ma inesorabilmente

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Stop press Disposizioni di vigilanza sulle partecipazioni detenibili dalle banche e dai gruppi bancari

Stop press Disposizioni di vigilanza sulle partecipazioni detenibili dalle banche e dai gruppi bancari Gennaio 2010 Stop press Disposizioni di vigilanza sulle partecipazioni detenibili dalle banche e dai gruppi bancari Introduzione In data 10 dicembre 2009, la Banca d'italia ha pubblicato un documento per

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

B. Battaglia a & G. D'avella a a Istituto di Zoologia, Anatomia comparata e. To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250006409441154

B. Battaglia a & G. D'avella a a Istituto di Zoologia, Anatomia comparata e. To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250006409441154 This article was downloaded by: [178.63.86.160] On: 06 July 2015, At: 17:07 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 1072954 Registered office: 5 Howick

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

PROPR MOTOR. 104 Olympian s News

PROPR MOTOR. 104 Olympian s News PROPR MOTOR Non c è dubbio che la genetica giochi un ruolo di primo piano nella predisposizione personale alla forza muscolare e all ipertrofia. Quasi tutti gli autori riconoscono la necessità di un livello

Dettagli

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

Appendice A: tabelle descrittive residenti

Appendice A: tabelle descrittive residenti Appendice A: tabelle descrittive residenti 1. PARAMETRI EMATOCHIMICI DI BASE Nelle tabelle 1-12 sono riportati in dettaglio i risultati delle analisi descrittive riguardanti i parametri ematochimici di

Dettagli

MOD. 506 Termostato bimetallico Bimetallic Thermostat

MOD. 506 Termostato bimetallico Bimetallic Thermostat MOD. 506 Termostato bimetallico Bimetallic Thermostat with cap. 3015001 with cap. 3900001 with connector 3900200 with cable A richiesta disponibile la versione certifi- Version available on request 124

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH I DETERGENTI: COME CONIUGARE PRESTAZIONI ELEVATE E RISPETTO PER L AMBIENTE L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Resana, 5 ottobre 2007 FEDERICA CECCARELLI Ist. Sup.

Dettagli