REINSERIMENTO E RECUPERO SOCIALE E LAVORATIVO NEL CENTRO DIURNO PER LA SALUTE MENTALE DI CARBONIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REINSERIMENTO E RECUPERO SOCIALE E LAVORATIVO NEL CENTRO DIURNO PER LA SALUTE MENTALE DI CARBONIA"

Transcript

1 Gli indicatori macrostrutturali di qualità dei servizi e delle prestazioni sanitarie REINSERIMENTO E RECUPERO SOCIALE E LAVORATIVO NEL CENTRO DIURNO PER LA SALUTE MENTALE DI CARBONIA di Manola Bacchis, Paolo Contu, Alessandro Floris, Emiliano Isu, Fausto Sulis e Antonio Cesare Gerini PREMESSA Il presente documento è il risultato di una ricerca effettuata nel corso del 2002 dal Dipartimento di Sanità Pubblica dell Università di Cagliari in collaborazione con il Centro di Salute Mentale dell Azienda Usl n.7 di Carbonia sulla valutazione del Centro Diurno per la Salute Mentale nei suoi primi due anni di attività. E, in particolare si è osservato il metodo di lavoro adottato per la programmazione del piano di recupero e reinserimento sociale e lavorativo del paziente con disturbo mentale. Infatti, considerato quanto affermato dai documenti dell OMS in cui si legge che il disturbo mentale riveste un incombente carico sociale e ha una grande rilevanza in termini di Sanità Pubblica, ripercuotendosi in termini di disabilità sulla vita relazionale, affettiva, sociale, scolastica e lavorativa, l obiettivo prioritario del Centro Diurno (C.D.) è cercare di ridurre le conseguenze disabilitanti determinate dal disturbo psichiatrico attraverso la ricostruzione del tessuto affettivo, relazione e sociale, e tutti gli interventi sono volti a far emergere le potenzialità individuali del paziente tutelando e garantendo la qualità di vita della persona e cogliendo e avvalendosi delle risorse del contesto di appartenenza del paziente e della famiglia. Il tutto basandosi sulla Riforma Psichiatrica (legge 180/78), la quale attraverso la chiusura dei manicomi vuole porre l attenzione sul paziente come persona: pertanto, l obiettivo principale della chiusura delle istituzioni psichiatriche è promuovere l integrazione e il reinserimento sociale con l attivazione di servizi e strutture in grado di tutelare la persona nella sua interezza e proponendo concrete occasioni per un suo reintegro in famiglia, nella società e nell ambiente lavorativo. Nel centro diurno di Carbonia il metodo di lavoro impiegato vede utilizzate diverse forze ed energie riuscendo a coniugare esigenze sanitarie con quelle individuali e sociali favorendo i contatti con la realtà sociale esterna e con i legami affettivi, ponendo come elemento prioritario la centralità della persona. OBIETTIVI DELLA RICERCA Uno degli obiettivi della ricerca è stato descrivere e valutare la modalità e il coinvolgimento nelle attività terapeutico-riabilitative del paziente, quindi analizzare il metodo di lavoro e i risultati ottenuti nei primi due anni di vita nel Centro Diurno del Centro di Salute Mentale nel distretto sanitario di Carbonia Asl n.7. In particolare, nell indagine epidemiologica e di Promozione della Salute, è stata affrontata la modalità e presa in carico del paziente e le attività terapeutico-riabilitative volte al reinserimento sociale e lavorativo, obiettivi posti dal Progetto Obiettivo Tutela Salute Mentale. METODOLOGIA La casistica presa in esame riguarda tutte le persone con disturbi mentali o psichici che hanno frequentato il Centro Diurno(CD) del Centro Salute Mentale (CSM) nell Azienda USL 7 di Carbonia tra il 2000 ed il 2002, comprendente i primi due anni di vita del CD. Sono stati raccolti i dati anamnestici dei pazienti (situazione anagrafica e socio-culturale-lavorativa e quella socio-sanitaria), inoltre, hanno fornito ricchi dettagli, sul percorso riabilitativo e sulla storia clinica e sociale di ogni paziente, le interviste strutturate e non strutturate con gli operatori e l osservazione sistematica nel Centro per il periodo intero della ricerca (aprile-dicembre 2002). 75

2 Epidemiologia in Sardegna n.6 CONTESTO E TARGET: IL CENTRO DIURNO PER LA SALUTE MENTALE NEL DISTRETTO DELL USL 7 DI CARBONIA L edificio del CSM di Carbonia è sito in zona periferica nel Comune di Carbonia nel Sulcis Iglesiente in un area verde (bonificata e curata dai pazienti del CD) e di proprietà dell Azienda USL 7, presso il Presidio Ospedaliero Sirai di Carbonia adiacente al Pronto Soccorso Generale e al reparto psichiatrico (SPDC). La struttura accoglie al suo interno la sede direzionale e gli ambulatori del CSM (riquadro n. 1), i locali della Casa Famiglia e del Centro Diurno, svolgendo così funzioni polivalenti e portando avanti programmi che favoriscono l incontro di pazienti afferenti da diverse realtà e strutture, impostando in tal modo stretti contatti con i servizi dell intero DSM. Organizzazione strutturale del CSM di Carbonia - Centro Diurno: struttura a carattere semiresidenziale per pazienti con medio-basso livello di protezione; - Casa famiglia: struttura residenziale con livello medio-alto di protezione per pazienti con patologie importanti che non permettono grandi livelli di autosufficienza; - ambulatori (studi medici psichiatri, studio psicologo, infermeria): per prestazioni terapeutiche e/o diagnostiche; - Uffici Centro Direzionale del CSM Fonte: Centro Direzionale CSM Carbonia USL 7 anno 2002 Il Centro Diurno dispone di ambienti attrezzati per le attività di laboratorio, un locale polifunzionale, una cucina, i servizi igienici; all esterno ampi spazi verdi e superfici per pratiche agricole e l allevamento di animali. L obiettivo del CD è quello di offrire un punto di riferimento al paziente e alla sua famiglia, all interno del quale la persona abbia l opportunità di esprimersi, di confrontarsi e di svolgere attività volte al suo recupero e reinserimento sociale e lavorativo, il tutto in piena libertà decisionale e operativa attraverso un progetto riabilitativo personalizzato volto alla persona e non alla malattia o disturbo. I pazienti che frequentano il C.D. hanno caratteristiche socio-sanitarie differenti per gravità sanitaria e sociale, per grado di autosufficienza e disabilità individuale e sociale, per livello di protezione, e necessitano di trattamenti a lungo termine per mezzo di programmi e attività atte a prevenire e contenere i ricoveri. Complessivamente nel biennio il totale degli utenti che ha usufruito del servizio è stato di 68 pazienti (50 uomini e 18 donne), in prevalenza (62%) con un età giovane adulta. Il 68% degli utenti risultava essere domiciliato in famiglia (di origine o di nuova costituzione) e il 32% inserito in strutture residenziali di tipo sociale (centro accoglienza) o socio-sanitario (struttura protetta, casa famiglia e centro alcologico). Il livello di scolarità e lo status socio-economico è medio basso, e la situazione lavorativa attuale mostra un 63% di pensionati per cause psichiatriche, contro il 13% di impiegati in attività lavorative. 76

3 Reinserimento e recupero sociale e lavorativo nel Centro Diurno per la salute mentale di Carbonia UNA PERSONA, NON UN PAZIENTE MA UN AGENTE : IL METODO E IL CONCETTO DI VOLONTARIO NEL CENTRO DIURNO Il problema, al momento della nascita del Centro Diurno, era quello di dare una risposta e potesse svolgere quella funzione che è richiesta a un centro semiresidenziale di psichiatria, farsì che vedesse impegnati i pazienti in attività capaci di coinvolgerli e vederli protagonisti, a seconda delle loro capacità e possibilità, e che i risultati del loro fare fossero immediatamente tangibili. Un modo dunque di stare insieme che non considerasse passivamente, e quindi come malati da curare, coloro che frequentano il Centro Diurno, ma al contrario persone attive, con cose da fare, anche le più piccole e le meno apparentemente impegnative, e quindi capaci di agire e di costruire. Una persona dunque, non un paziente ma al contrario un agente. In questo senso i frequentatori del Centro Diurno diventano volontari, e come tali non si distinguono da tutte le altre componenti che frequentano il Centro. Il loro status non è quello di schizofrenico o di maniaco depressivo, ecc., ma di volontario. I pazienti, anzi i volontari hanno in mano le attività e l organizzazione delle stesse. Sono quindi i valori propri dell essere volontario i motivi aggreganti e la ragione su cui si fonda la piccola società del Centro Diurno: introducendo il concetto di volontariato, si passa da una posizione che vede la persona come bisognosa di cura in quanto ammalata, quindi paziente, ad una in cui in prima istanza la persona è considerata come tale, quindi capace di agire, di fare. Al Centro Diurno non si abolisce il concetto di malattia, è messo tra parentesi. Pur sapendo che esso esiste e spesso informa anche drammaticamente la vita del paziente, della famiglia e dello spicchio di società di cui fa parte, nonostante ciò quando entra al Centro Diurno esso lo frequenta non in quanto paziente, ma in quanto volontario. Il paziente che frequenta il Centro sa che gli è richiesta una attività (quella che è capace di dare) da mettere in comune per la costruzione della piccola società del Centro Diurno. Il Centro Diurno quindi non è una realtà statica, già formata, che accoglie persone per curarle; ma è una realtà dinamica, mai compiutamente terminata, la cui progressione è legata alla capacità delle persone che via via nel tempo si incontreranno e entreranno in quel modo di stare insieme. LE ATTIVITÀ L orario di apertura del Centro Diurno è in media di 10 ore al giorno, con inizio delle attività alle 9 del mattino e con la chiusura in tarda serata verso le 1900/2000, dopo una ricca giornata all insegna di momenti di vita diversi tipici di una grande famiglia o di una piccola società. Il tempo è scandito dall operatività tra la natura e gli animali, il pranzo, la pittura, il teatro, le gite, le mostre, la musica, il canto, l organizzazione di manifestazioni Tutte le attività e l impostazione del CD hanno un comune denominatore: stare insieme, lavorare insieme e crescere insieme. 77

4 Epidemiologia in Sardegna n.6 Nel riquadro sottostante si riporta la giornata tipo nel Centro Diurno pensata e organizzata dai ragazzi che ritroviamo affissa all interno della sala polifunzionale: Una mattinata al centro diurno Attività quotidiane h.930: riunione del gruppo Ci organizziamo insieme per pensare dire fare insieme Controlliamo gli animali e innaffiamo il giardino Prepariamo il pranzo PRANZIAMO INSIEME ATTIVITA SETTIMANALI: Laboratori stabili: 1) puliamo l ovile; 1) ceramica; 2) riordiniamo il magazzino; 2) cucina; 3) spazziamo le stradine del giardino. 3) decoupage. Attività in corso d opera: Per i cavallini stiamo terminando la palizzata, la mangiatoia, il riparo, il deposito per il fieno; stiamo preparando il menù per il buffet; stiamo terminando gli oggetti per la mostra, l inventario e il prezziario Attività di progettazione: Laboratorio di teatro; percorso equestre; zanzariere per l ovile; spostare recinzione del pollaio; finire l impianto d irrigazione del giardino; preparare inviti per la festa, preparare buffet; trovare sistemazione per la legna del forno Fonte: Centro Diurno USL 7 Carbonia anno

5 Reinserimento e recupero sociale e lavorativo nel Centro Diurno per la salute mentale di Carbonia Come si osserva dallo schema la giornata parte all insegna della riunione e le altre attività sono il prodotto delle decisioni prese in comune. Il programma prevede quindi attività riabilitative volte alla persona nella sua totalità e i laboratori sono il mezzo attraverso il quale il paziente riconquista l autonomia personale e sociale, e questo avviene fin dalle prime fasi dell inserimento del paziente, il quale sperimenta e si rende complice della vita nel CD immediatamente. Il programma è flessibile e adattabile alle situazioni e ai cambiamenti del singolo individuo e del CD come piccola società. Le attività che si svolgono all interno del CD hanno avuto uno sviluppo graduale e si può affermare che siano nate e stiano crescendo insieme agli operatori istituzionali e agli operatori volontari. Infatti, il CD nel corso del biennio ha visto una continua programmazione e riveduta degli obiettivi specifici, degli spazi, delle attività. La scelta delle attività è sottoposta ad attento esame da parte del responsabile per garantire un percorso consono alle potenzialità e alle attitudini del paziente, e in particolare modo per permettere una riabilitazione pratica e concreta volta al recupero delle abilità personali, sociali e lavorative. Infatti, la funzione dei laboratori è di intrattenimento, di socializzazione, di libera espressione di sé stessi (come saper essere, saper fare e sapersi esprimere) e contemporaneamente offrono l opportunità concreta di acquisire abilità lavorative. L essenza del lavoro è quella di far cogliere il processo integrale insito e scaturito da ogni singola attività come contributo personale nello svolgimento della propria opera quotidiana e assidua nel settore prescelto di modo tale che ciò consenta di capire il valore e l importanza della linea comune nella gestione e crescita di ogni giorno. Come detto precedentemente la programmazione e la realizzazione del lavoro avviene attraverso l interazione e la collaborazione a partire dalla riunione, dalla quale si avviano una serie di laboratori interconnessi e che, grazie anche alla collocazione del CD in zona urbana periferica con ampie distese nell area circostante lo sviluppo di particolari attività a diretto contatto con la natura e gli animali è stato favorito. In sintesi le attività, oltre la riunione, in atto al CD sono: 1. attività agro-zooteniche e attività di giardinaggio; 2. attività artistico-creative, espressive, musicali e teatrali; 3. attività quotidiane, preparazione dei cibi; 4. attività socio-culturali, ricreative e sportive; 5. attività informatiche e video-fotografiche ; 6. attività lavorative protette. La riunione rappresenta il momento decisivo per deliberare il programma quotidiano della giornata, e costituisce occasione d incontro tra tutti gli operatori (istituzionali e volontari). Lo svolgimento è quotidiano e vi prendono parte, in media, 40/50 persone. La riunione è di fondamentale importanza. E il fulcro operativo e decisionale e da questo momento risulta già evidente il metodo di lavoro adottato nel CD: si discute, si fa il resoconto delle giornate trascorse valutando i risultati, e adoperandosi per elaborare nuove strategie o interventi, è altresì un momento in cui si estrinsecano sentimenti ed emozioni personali o legati alla vita sociale del CD, o semplicemente è un occasione per scherzare e chiacchierare assaporando i dolci o il caffè preparati dai ragazzi. La riunione mattutina ha dunque come scopo principale quello di organizzare la giornata, pianificare le attività del giorno. Dell organizzazione della giornata, poi, è necessario sempre mostrare lo scopo, il senso delle attività. E in questo scopo tutti, nel limite del possibile, si riconoscono, in modo che la loro attività non sia semplicemente un attivismo finalizzato al riempimento del tempo terapeutico da trascorrere al centro e quindi compiuta per il ricupero di supposte disabilità. Il collegamento tra le attività è divenuto sempre più forte nel tempo. Le diverse esperienze e i risultati hanno consentito la pianificazione a breve e a lungo termine delle attività. Le attività svolte all interno del Centro, e l organizzazione conseguente della giornata, hanno lo scopo di poter rendersi autosufficienti e questo fatto produce nei suoi componenti una motivazione importante 79

6 Epidemiologia in Sardegna n.6 per poter continuare il percorso e sentirsi protagonisti della costruzione di un opera che li vede impegnati in prima persona. L introduzione dell operatività dei volontari, a fianco di quella degli operatori istituzionali, ha permesso, inoltre, di ridurre la distanza oggettivante che usualmente esiste tra operatore e paziente. Si riportano i passi maggiormente significativi che hanno determinato la crescita del CD: Il pranzo e le attività quotidiane L idea del Pranzo nasce inizialmente dalla voglia di stare insieme, in seguito acquisisce anche altri significati più profondi come la conquista di concrete possibilità lavorative date dai contratti di lavoro mantenendo contemporaneamente un profondo significato di socializzazione. Inoltre, è un attività strettamente collegata con lo svolgimento di taluni laboratori finalizzati direttamente a scopi produttivi e alimentari (zootecnia,) o indirettamente attraverso la gestione dell economia domestica e l esecuzione di normali azioni di vita quotidiana (il riordino, il fare la spesa, il saper cogliere l utile da momenti socioricreativi come le gite al mare- momenti anche per procurare prodotti della pesca- ed altri). Le attività agrozootecniche Inizialmente la fattoria contava pochi esemplari animali e le coltivazioni agricole coprivano limitati spazi. In seguito, si è registrata una crescita del settore zootecnico determinato dalle capacità di gestione, dall impegno pratico e costante di pazienti e operatori, dalla caparbietà di collegare tali attività con il resto della vita del CD e dalla sensibilità dei cittadini (pubblici e privati) che hanno contribuito con donazioni o con la disponibilità del proprio operato. Come per il settore culinario, anche la zootecnia è strettamente collegata a tutti gli altri laboratori. Infatti, oltre a fornire i beni di prima necessità per la preparazione del pranzo, la vendita dei prodotti garantisce un autofinanziamento per il potenziamento e l evoluzione dell intero sistema, inoltre anche tale settore ha consentito concrete possibilità di occupazione retribuita mediante gli inserimenti lavorativi. I laboratori legati alle attività agricole e zootecniche, rappresentano la novità centrale del lavoro di reinserimento sociale e lavorativo per i pazienti del Centro Diurno di Carbonia, la vera innovazione della proposta riabilitativa del CD ( ) (come ha affermato il Dr Gerini in op. cit. Da internet alla fattoria di A. Floris 2001) e richiedono grande impegno, responsabilità, capacità di gestione e di progettazione. Il lavoro ha doppie finalità: da un lato l obiettivo è il reinserimento sociale e lavorativo, dall altro raggiungere livelli produttivi tali da permettere una gestione economica autonoma per l acquisto dei beni di prima necessità e per il proseguimento delle attività stesse. Il lavoro nell ambiente esterno implica pertanto serietà e consapevolezza del considerevole impegno derivante dall articolata gestione per l ottenimento e la tutela dell equilibrio interno all ecosistema naturale e dal collegamento che ne scaturisce con il sistema del CD tra uomo-natura-animali e finalizzato, tra le altre cose, anche al processo produttivo per un autogestione economica. Attività artistico-teatrali Le attività artistico-teatrali i primi tempi oltre a mantenere inalterata la caratteristica di essere momenti ricreativi e socializzanti, hanno impegnato i ragazzi nella realizzazione di oggettistica (ceramiche, decoupage, bambole in pezza..), di commedie teatrali etc. finalizzati anch essi alla riabilitazione e alla produzione per un autofinanziamento del CD. Con il passare del tempo hanno registrato un evoluzione interna in termini di qualità e quantità del prodotto finito, e un evoluzione esterna in termini relazionali-comunicativi coinvolgendo attivamente istituzioni pubbliche e scolastiche e scaturendone un rapporto formativo per entrambe le parti. Ad esempio, persone con esperienza nel settore hanno portato la propria esperienza trasmettendone arte e mestieri, oppure il teatro arte profonda che implica impegno e creatività non solo nella rappresentazione finale ma anche in quella organizzativa 80

7 Reinserimento e recupero sociale e lavorativo nel Centro Diurno per la salute mentale di Carbonia nella scelta ed esecuzione di testi, musiche, scenografie, costumi. Allo stato dell arte, i prodotti artistici vengono esportati all esterno per alcune mostre e il debutto delle commedie melodrammatiche avviene in contesti comunitari differenti (scuole, ospedale, comunità locale) grazie anche alla collaborazione della compagnia teatrale Fueddu e Gestu di Cagliari. La sfida del CD per il futuro è raggiungere la totale autogestione economica del CD attraverso l autofinanziamento determinato dal commercio dei prodotti e dall uso interno degli stessi o del loro ricavato, ed ampliare le opportunità lavorative nei diversi settori oltre quello agrozootenico. Opportunità di impiego già concretizzate grazie agli inserimenti lavorativi attuati con un protocollo d intesa (Delibera n. 1603/2002 del 9 novembre 2002 Azienda USL n.7 di Carbonia) per l Adesione progetto inserimento lavorativo sofferenti psichici, tra ASL n. 7, Comune di Carbonia e Associazione di volontariato Albeschida. Il protocollo d intesa stabilisce i termini di collaborazione e di organizzazione per l avvio delle attività lavorative per le quali è prevista la stipula di otto contratti a tempo determinato da destinare a pazienti afferenti al CSM, e al CD, selezionati dal responsabile del centro. I programmi di formazione e reinserimento lavorativo incentivano la promozione della persona che porta fuori le proprie potenzialità e peculiarità, consolidando il metodo di lavoro del CD qui si viene per lavorare, non è un luogo di ricovero ( ) (in op. cit. Da Internet alla fattoria di A. Floris). Il paziente diviene operativo e vive l esperienza del trapasso dalla passività alla operosità, un efficienza produttiva per sé e per gli altri. DISCUSSIONE E RISULTATI Il metodo di lavoro nel Centro Diurno per la Salute Mentale si è dimostrato efficace ottenendo risposta partecipata della comunità (famiglia, comunità sociale e scolastica, enti locali) e partecipazione attiva dei pazienti, stimolandone il recupero e la valorizzazione della persona nel suo insieme. Infatti il metodo di lavoro pone il paziente al centro di tutto il programma riabilitativo. Il primo traguardo è l accoglienza della persona, dei suoi familiari e dei suoi amici. L inserimento iniziale è seguito dalla programmazione sull intervento terapeutico riabilitativo del singolo con un proprio vissuto, un modo di essere e di relazionarsi, e con precise potenzialità emergenti o celate impostando un progetto personalizzato sotto tutti punti di vista, dai tempi di frequenza, alla tipologia di interventi, assicurando un supporto degli operatori sociosanitari (operatori istituzionali) e degli operatori delle Associazioni di volontariato (operatori volontari) e prevedendo attività che impegnano e coinvolgono la persona nella sua totalità. In tal modo il metodo di lavoro prevede pazienti e operatori uniti in un iter comune seguendo una direzione organica nel rispetto delle libertà individuali adoperandosi per un concreto inserimento o reinserimento della persona nel mondo sociale attraverso attività socializzanti e attività lavorative partendo dal presupposto dello star bene inteso nel suo senso più ampio abbracciando il nuovo concetto di Salute che vede il benessere come stato individuale all interno di diverse dimensioni che vanno oltre la malattia in quanto tale. L essenza del lavoro sta nel far cogliere il processo integrale insito in ogni attività come contributo personale nello svolgimento della propria opera quotidiana nel settore prescelto, al fine di comprendere il valore e l importanza della gestione e crescita di ogni giorno dove i pazienti rappresentano la risorsa più forte del Centro e i risultati riabilitativi stessi derivano dalla loro partecipazione e collaborazione, e dall essere parte attiva del programma. Quindi, la visione del paziente come volontario e l impostazione del metodo di lavoro dove tutti devono lavorare e contribuire produce dei significativi risultati altamente significativi con doppi obiettivi: 1. Si ha un pieno coinvolgimento del paziente nelle attività che diviene promotore di salute in maniera 81

8 Epidemiologia in Sardegna n.6 attiva e responsabile reinserendosi nella vita sociale e lavorativa di ogni giorno per mezzo dell attività lavorativa medesima tratta dal laboratorio; 2. Dall analisi dati si osserva che il 100% degli utenti prende parte ai laboratori: il 79% sceglie due o più attività e nel 69% dei casi vi partecipa con un livello elevato ed interattivo prediligendo attività con un diretto contatto con la natura (settori agrozootecnici- 50%), seguite dalle attività artistico-creative (47%) e dalle attività di vita quotidiana (cucina, riordino etc.) (40%). Le attività al CD sembrerebbero dunque dei veri promotori di salute in quanto perseguono promuovono e sostengono l immagine della persona che soffre. Il divenire attivi crea un sistema di relazioni forte e ripropone le potenzialità individuali consentendo alla persona di contrastare il suo essere passivo e di formarsi come individuo socialmente produttivo Si adotta un metodo che offra la possibilità di esprimere la propria personalità, la voglia di essere e di fare attraverso una comunicazione e una relazione affettivo-relazionale dello stare insieme e fare insieme optando per la scelta delle attività in piena libertà e mostrando dei concreti risultati per sé e per l intero gruppo del Centro Diurno. Pertanto, uscire e divenire attivi attraverso il lavoro, o meglio operosità, crea un proprio sistema di relazioni, ripropone le proprie potenzialità acquisendo un nuovo status che gli consente di contrastare il suo essere passivo e di divenire un individuo socialmente utile riconosciuto umanamente. 3. Inoltre, i risultati ottenuti nel Centro Diurno determinano un vantaggio di immagine e di ottime capacità gestionali della Direzione Generale che ha dimostrato apertura sapendo cogliere l ottima occasione per assumere il ruolo manageriale proprio delle Aziende, e garantendo crescenti livelli di qualità delle prestazioni socio-sanitarie che rispondono ai bisogni dell utente attraverso caratteristiche strutturali e organizzative che concorrono a determinare la qualità dei servizi offerti dall Azienda. RINGRAZIAMENTI Si ringrazia l on. Giorgio Oppi, che nel periodo in cui è stata effettuata l indagine era Assessore alla Sanità Regione Sardegna, il Dr. Emilio Salvatore Simeone, Direttore Generale della Azienda USL 7, e il Dr. Antonino Demurtas che con la loro collaborazione e sensibilità hanno reso possibile la realizzazione della ricerca. Si ringrazia anche i volontari del Centro Diurno, della Casa famiglia, gli operatori, il personale e la presidente dell Associazione Albeschida. Manola Bacchis e Paolo Contu Dipartimento di Sanità Pubblica - Università degli Studi di Cagliari Alessandro Floris Centro Alcologico Is lampis - Carbonia (Ca) Emiliano Isu e Antonio Cesare Gerini Azienda USL n. 7 Centro Salute Mentale Carbonia (CA) Fausto Sulis Regione Autonoma della Sardegna - Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale 82

9 Reinserimento e recupero sociale e lavorativo nel Centro Diurno per la salute mentale di Carbonia BIBLIOGRAFIA M. Bacchis, P. Contu, Il Centro Diurno del Servizio di Tutela di Salute nell Azienda USL n.7 della Regione Sardegna: strategia della partecipazione e della collaborazione per uscire dallo stigma della malattia mentale ed entrare nella Società in: Atti Conferenza Nazionale di Promozione ed Educazione alla Salute. Salute e politica, strumenti di sviluppo. Intersettorialità e partecipazione per la Promozione della Salute, Bolzano, 2002 (in stampa) M. Bacchis, A. Floris, A.C. Gerini, E. Isu, R. Littera, G. Oppi, E. Simeone, P. Contu, Oltre. L esperienza del centro diurno del Centro di Salute Mentale nell azienda Usl 7 di Carbonia supplemento Appunti Sparsi anno XII n A. Floris, Da Internet alla fattoria, 2001 AA.VV., DSM IV, Editore Masson, Milano 2001 M. Bacchis, A. Floris, A.C. Gerini, E. Isu, F. Sulis, P. Contu, Evaluation of the first two years of the Day-time Service of Mental Health Azienda Usl 7 of Carbonia Sardinia- Italy in atti VI IUHPE EUROPEAN CONFERENCE ON HEALTH PROMOTION AND EDUCATION Perugia 2003 (in stampa) J F. Jekel, J.G. Elmore, D.L. Katz, Epidemiologia, Biostatistica e Medicina Preventiva Edises Napoli 1996 V. Mastronardi, Le Terapie Assistite da animali in medicina criminologia. Università degli Studi di Roma La Sapienza Dipartimento di Scienze psichiatriche e medicina Psicologica L. Binswanger, Per un antropologia fenomenologica Feltrinelli, 1970 M. Bacchis, G. Pintus, F. Sulis, Progetto di terapia attraverso la compagnia di animali: Pet Therapy per l infanzia e l età evolutiva nel Servizio Materno Infantile delle Aziende USL in I nuovi modelli per l educazione Sanitaria: , Atti del convegno, Perugia, 1999 Ministero della Salute, Progetto Obiettivo per la tutela della salute mentale Ministero della Salute, Progetto Obiettivo per la tutela della salute mentale 1994/96 R. Marchesini, Io e la Natura, Macroedizioni 1998 R. Marchesini, Natura e Pedagogia,, edizioni Theoria srl 1996 P. Contu, B. Scarpa, Strategie europee di promozione della Salute in Educazione Sanitaria e Promozione della Salute: 18-27, n

10 Epidemiologia in Sardegna n.6 Bianca 84

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 2013 BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 1. Premessa 1.1 Lettera agli stakeholder 1.2 Metodologia 2. Identità dell organizzazione 2.1 Informazioni generali 2.2 Attività

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo Tutela della Salute Mentale 1998-2000 D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'articolo 1 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli