Il Consiglio di Classe

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Consiglio di Classe"

Transcript

1 Istituto Tecnico Commerciale Statale Da Vinci - Besta Sede Legale e Uffici: Via F. Ciusa, CAGLIARI - Tel Fax Codice Fiscale Indirizzo Sedi operative: Via F. Ciusa CAGLIARI - Tel Fax Via C. Cabras CAGLIARI - Tel Fax Esami di Stato a.s. 2013/14 Classe V sez. P ITER Documento del Consiglio di Classe Art. 5 Comma 2 D.P.R. 23 Luglio 1998 N. 323 Il Consiglio di Classe Prof. Antonella Onali Prof. Gabriella Vacca Prof. Emanuela Macis Prof. Giuseppe Colomo Prof. Franca Deiana Prof. Lidia Serrau Prof. Patrizia Perrotta Prof. M. Grazia Usai Prof. Pierangelo Cappai Prof M. Gabriella Serri Prof. M. Luisa Pinna Prof. Francesca Maxia Prof Francoise Scafidi Prof. Kevin Legge Prof. Anke Gabrielsen Ing. Raffaele Rossi Italiano e Storia - docente a tempo indeterminato Geografia - docente a tempo indeterminato Matematica docente a tempo indeterminato Diritto e Legislazione turistica - docente a tempo indeterminato Discipline turistico aziendali - docente a tempo indeterminato Religione - docente a tempo indeterminato Arte del territorio docente a tempo indeterminato Educazione Fisica - docente a tempo indeterminato Pratica Turistica docente a tempo indeterminato Francese - docente a tempo indeterminato Tedesco docente a tempo indeterminato Inglese - docente a tempo indeterminato Conversazione Lingua Francese - docente a tempo determinato Conversazione Lingua Inglese - docente a tempo determinato Conversazione Lingua Tedesca - docente a tempo determinato Dirigente Scolastico dell I.T.C.S. Da Vinci - Besta 1

2 Classe V sez. P ITER Documento del Consiglio di Classe Art. 5 Comma 2 D.P.R. 23 Luglio 1998 N. 323 Il Consiglio di Classe Prof.ssa Antonella Onali Prof.ssa M. Grazia Usai Prof.ssa Emanuela Macis Prof.ssa M. Luisa Pinna Prof.ssa. Franca Deiana Prof.ssa Lidia Serrau Prof.ssa Immacolata Patrizia Perrotta Prof.ssa Francesca Maxia Prof. Pierangelo Cappai Prof.ssa Francoise Scafidi Prof.ssa Gabriella Vacca Prof.ssa Anke Gabrielsen Prof. Giuseppe Colomo Prof. Kevin Legge Prof.ssa M. Gabriella Serri Dirigente Scolastico dell I.T.C.S. Da vinci - Besta Prof. Ing. Raffaele Rossi 2

3 INDICE Presentazione dell Istituto pag. 4 Presentazione dell Indirizzo di Studio pag. 5 Profilo professionale del diplomato pag. 6 Quadro Orario pag. 8 Presentazione della Classe pag. 9 Obiettivi Formativi Generali pag. 11 Obiettivi e strategie del CdC pag. 12 Metodi, Spazi e Mezzi pag. 15 Strumenti di Verifica e Criteri di Valutazione pag. 16 Attività Extracurriculari Attuate nel Triennio pag. 17 Simulazioni Prove Scritte: pag. 18 Allegati pag. 19 3

4 Presentazione dell Istituto La nascita dell Istituto Fabio Besta dedicato all insigne studioso che applicò il metodo della partita doppia al sistema patrimoniale nei suoi studi di gestione economica generale risale all anno scolastico 1995/1996, in seguito alla scissione dall ITC Martini di Cagliari. Dotatasi nel tempo di attrezzature all avanguardia e vista accrescere la propria popolazione scolastica fino al n. di 48 classi, la scuola ha sofferto negli ultimi anni del costante decremento di alunni che ha colpito un po tutte le scuole tecniche.. A ciò si deve l attuale denominazione Da Vinci Besta facente seguito all accorpamento attuato quest anno tra i due istituti, con la dislocazione degli uffici nell ex Da Vinci e quella delle classi in base al bacino d utenza. Nello specifico, la sede ex Besta accoglie studenti provenienti oltre che da Cagliari e Monserrato, da Comuni quali Selargius, Sestu, Quartucciu, Sinnai, Maracalagonis, Donori, Settimo S. Pietro, Dolianova. Su un numero totale di 43 classi, le 18 qui ubicate articolate negli Indirizzi Amministrazione Finanza e Marketing, Sistemi Informativi Aziendali, Turismo sono dislocate nell edificio denominato Besta 1, unitamente alla palestra, ai laboratori e all aula magna. Nei locali dell ex Besta 2 attualmente occupato dal Liceo Dettori si trovano invece la biblioteca cartacea e quella multimediale, ove viene svolto altresì il servizio di comodato d uso. Ciò detto, le dotazioni attuali di aule speciali sono le seguenti: N. 2 Laboratori multimediali di Lingue, N. 1 Laboratori di Trattamento Testi N.4 Laboratori di Informatica multimediali con collegamento ad Internet di cui uno acquisito attraverso il Programma di Sviluppo delle Tecnologie Didattiche (PSTD) del MIUR N.1 Laboratorio di Scienze, N.1 Aula Magna della capienza di 106 posti, dotata di strumentazione multimediale e di una Sala di Teleconferenze in interfaccia con l Aula Magna N. 1 Palestre attrezzate. Campetti esterni per attività sportive. N.1 biblioteca cartacea. N.1 biblioteca multimediale 4

5 Presentazione dell indirizzo di studio Una riflessione sulla natura e la struttura dell attività turistica pone immediatamente in evidenza che si tratta di un settore complesso, cui afferiscono numerose e varie attività e competenze, alcune relative a prestazioni di tipo materiale (trasporto, alloggio, ristorazione ), altre a servizi rivolti alle persone (molto più articolati). Mentre è evidente che le prestazioni del primo tipo richiamano la competenza di altri settori formativi (in primo luogo quello degli Istituti professionali alberghieri), l ambito dei servizi rivolti alle persone, cioè tutto quel complesso insieme di attività strutturate per rispondere alle aspettative di coloro che si mettono in viaggio, interessa invece gli Istituti tecnici per il turismo. Le attività di questo tipo sono diverse, ma in tanta diversità un fattore unificante è la necessità, per il turista, di trovare sul posto un mediatore di informazioni, ma anche di assistenza, di guida, di consigli, di motivazioni, di svaghi. In una parola, un tecnico dell altrui vacanza, qualcuno che per mestiere sappia comprendere, soddisfare, prevenire e far nascere i bisogni e le curiosità dei viaggiatori e che, al tempo stesso, sia in possesso delle capacità professionali ed organizzative per rispondere a tali domande. In attività di tipo complesso come queste non serve un personale solo dirigente o solo esecutivo : occorrono numerosi e validi tecnici intermedi, preparati e motivati al lavoro che devono svolgere. Un Istituto tecnico per il turismo ha un suo spazio formativo ed anzi una sua necessità nel panorama dell istruzione secondaria di un paese come l Italia, di una regione come la Sardegna, che fondano in misura non piccola la propria economia sull attività turistica. Il tipo di professionalità che questo progetto formativo intende conseguire richiede evidentemente buona cultura generale, familiarità con la lingua e la cultura di altri popoli: tutto un patrimonio che presuppone una formazione di base ampia e flessibile, non mirata in modo restrittivo ad uno specifico segmento operativo del settore. 5

6 Profilo professionale del diplomato Il diplomato opera nel settore della produzione, commercializzazione ed effettuazione dei servizi turistici, all interno di aziende private ed Enti pubblici. Si occupa sia di turismo di accoglienza sia di turismo in uscita, in Italia ed all estero, con particolare riguardo ai Paesi Europei e del bacino mediterraneo. Pertanto, il diplomato svolge: Analisi di medio livello del mercato turistico; Individuazione di risorse turistiche da valorizzare Pianificazione di medio livello per una corretta utilizzazione turistica del territorio: Programmazione e coordinamento attuativo di campagne stagionali di produzione per piccole e medie aziende turistiche: Coordinamento a medio livello di campagne pubblicitarie per la promozione del prodotto turistico di un determinato territorio; Pubblicizzazione del prodotto turistico dell azienda di appartenenza: Promozione e sviluppo di forme di turismo sociale (giovani, terza età); Coordinamento e promozione di cooperative di giovani operatori per la valorizzazione di particolari risorse naturali e culturali Progettazione operativa di programmi di viaggio; Vendita del prodotto turistico dell azienda di appartenenza ad altre aziende ed utenti singoli Organizzazione di viaggi a domanda; Coordinamento dei servizi connessi (trasporti, ristorazione, attività ricreative e culturali etc.), in raccordo operativo con i rispettivi fornitori; Raccordi con altre organizzazioni turistiche, pubbliche e private, operanti in Italia: Rapporti con altre organizzazioni turistiche, pubbliche e private, operanti all estero. 6

7 Abilità operative Nella quotidiana pratica del lavoro di ufficio, il diplomato è altresì in grado di: Svolgere conversazioni telefoniche in lingua straniera; Comunicare verbalmente e direttamente in lingua straniera; Redigere corrispondenza commerciale corrente in Italiano e in altre lingue; Operare traduzioni scritte di contenuto turistico da e in lingua straniera; Prendere appunti di conversazioni in italiano ed in lingua straniera; Interagire con persone di altre nazionalità nell ambito professionale di competenza avendo conoscenza e consapevolezza dei rispettivi codici culturali e utilizzandoli nel modo più opportuno; Adattarsi con flessibilità e rapidità a situazioni nuove. Competenze professionali Per assicurare tali funzioni e prestazioni il diplomato deve possedere: Competenze di marketing Competenze di progettazione Competenze di consulenza Competenze relazionali Competenze di comunicazione Competenze di documentazione 7

8 QUADRO ORARIO MATERIE D INSEGNAMENTO CLASSE I II III IV V PROVE DI ESAME RELIGIONE/ATTIVITÀ. ALTERNATIVA O LINGUA E LETTERATURA ITALIANA S.O. STORIA ED ED. CIVICA O. PRIMA L. STRANIERA: INGLESE 3 4 (1) 4 (1) 3(1) 3 (1) S.O. SECONDA L. STRANIERA: SPAGNOLO 5 4 (1) 4 (1) 3 (1) 3 (1) S.O. TERZA L. STRANIERA: TEDESCO 4 (1) 3 (1) 3 (1) S.O ARTE E TERRITORIO O MATEMATICA E INFORMATICA S.O. LABORATORIO /CHIMICA. 3 2 S.P. SCIENZE NATURA/TERRA 2 3 O.P. GEOGRAFIA DEL TURISMO O. ECONOMIA AZIENDALE 2 2 O. DISC. TURISTICHE E AZIENDALI 4 (1) 4 (1) 4 (1) S.O. DIRITTO ED ECONOMIA 2 2 O. DIRITTO E LEG. TURISTICA O. TRATTAMENTO TESTI 2 2 P. EDUCAZIONE FISICA P. TOTALE ORE Legenda : P = Pratica, O = Orale, S = Scritta, le ore in parentesi vengono svolte in codocenza con i docenti di conversazione di lingua straniera. 1Disc. Turistiche Aziendali :le ore in parentesi vengono svolte in codocenza con l insegnante tecnico pratico di esercitazioni di portineria e pratica di agenzia 8

9 Presentazione della classe Numero alunni: 14 Maschi 5 Femmine 9 Ripetenti 0 Non frequentanti da prima 1 del 15 marzo Elenco degli alunni 1 Depau Laura 2 Espa Daniele 3 Fanti Jessica 4 Fanti Michele 5 Garau Andrea Marcello 6 Marongiu Stefania 7 Mocci Michela 8 Piras Roberta 9 Porceddu Sonia 10 Sollai Mauro 11 Spanu Federica 12 Termini Veronika 13 Vargiu Sonia 9

10 Relazione sulla classe Inizialmente formata da 14 studenti, a seguito del ritiro in corso d anno di un alunno, la classe 5P (sez. A ante accorpamento) risulta attualmente composta da 13 allievi, di cui 9 femmine e 4 maschi. L esiguità del numero e la provenienza dei discenti dalla stessa 4^, se hanno certamente contribuito alla creazione di un clima generalmente sereno e proficuo, hanno consentito solo in parte il raggiungimento dell auspicato grado di omogeneità di preparazione. Va infatti ricordato come la mancata continuità didattica registratasi nell arco del triennio per varie discipline fra cui, quest ultimo anno, matematica, inglese, geografia determinando un continuo cambio di metodologie, abbia costituito per i ragazzi una concreta difficoltà. Ciò spiega tra l altro in taluni il permanere di qualche lacuna, in altri risultati talvolta un po al di sotto delle aspettative, ma pur sempre positivi. E da rilevare che la classe, dotata nel complesso di adeguate competenze si base, fatti salvi alcuni distinguo legati al metodo di studio o a una frequenza non sempre regolare, ha generalmente confermato una costante partecipazione al lavoro didattico, potendosi considerare limitati nel tempo e connessi a situazioni contingenti, i casi in cui ciò non è avvenuto. Sempre corretto il comportamento e senz altro positivo il coinvolgimento palesato dai più alle molteplici attività poste in essere anche quest anno, ivi compreso il viaggio di istruzione svoltosi a Cracovia, Auschwitz, Birkenau. La misurazione degli apprendimenti, effettuata mediante periodiche verifiche scritte e orali, è stata affiancata dall osservazione sistematica degli interventi di ciascun alunno, al fine di monitorare gli obiettivi via via raggiunti e predisporre i relativi interventi di recupero. 10

11 Obiettivi disciplinari Conoscenze, competenze, capacità Obiettivi disciplinari Per quanto riguarda gli obiettivi disciplinari, si rimanda alle programmazioni dei singoli docenti ed alle brevi relazioni sui programmi realmente svolti e sui risultati raggiunti dalla classe in ogni singola disciplina. Dalle relazioni dei singoli docenti emerge la possibilità di individuare obiettivi comuni alle diverse aree, che possono essere così definiti: a) obiettivi comuni all area linguistico - letteraria: - potenziare le capacità comunicative - rafforzare le capacità di analisi e interpretazione di testi, documenti e lettura di documenti visivi - effettuare collegamenti e confronti tra momenti di una stessa realtà e fra realtà diverse b) obiettivi comuni all area economico-aziendale e logico-matematica: - acquisire un linguaggio tecnico - fornire le conoscenze tecnico-professionali di base attinenti l area economicoaziendale - usare strumenti logico-matematici nello studio dei problemi aziendali - analizzare i problemi aziendali, misurarli, impostarne soluzioni anche con dati a scelta 11

12 Obiettivi e strategie del Consiglio di Classe Obiettivi trasversali Obiettivi formativi comportamentali Acquisizione di un comportamento corretto, responsabile e di rispetto reciproco Acquisizione di un comportamento sociale e collaborativo nei confronti dei compagni e di tutte le componenti scolastiche Acquisizione di un comportamento che riconosca come valore positivo la frequenza regolare e la puntualità nell esecuzione dei compiti Potenziare la capacità di adattamento e di autonomia. Sviluppo delle capacità comunicative e relazionali Obiettivi Cognitivi Sviluppo e potenziamento delle capacità espressive e di padronanza del linguaggio comune e specifico di ogni disciplina, sia nell esposizione orale che in quella scritta Sviluppo dell abilità della lettura al fine di raggiungere una completa comprensione del testo Capacità di analisi e sintesi in riferimento alle aziende turistiche Verifica ed esercizio di competenze teoriche e pratiche apprese con l inserimento in ambiente lavorativo attraverso l esperienza di stage o partecipazione a progetti nel triennio. 12

13 Strategie attivate dal Consiglio di Classe per il conseguimento di tali obiettivi: Lavori di gruppo in classe e in laboratorio Ricerche individuali in classe e in laboratorio Considerazione di situazioni e fatti contemporanei Obiettivi educativi raggiunti Obiettivo programmato Obiettivo ottenuto <60% Obiettivo ottenuto >60% 1. Rispettare le regole X 2. Rapportarsi correttamente con gli altri X 3. Socializzare con docenti e compagni X 4. Seguire con attenzione le lezioni X 5. Partecipare attivamente alle lezioni X 6. Eseguire con puntualità le consegne X 7. Impegnarsi con continuità e in modo accurato X 13

14 Obiettivi trasversali raggiunti Obiettivo programmato Obiettivo ottenuto <60% Obiettivo ottenuto >60% 1. Acquisire un metodo di studio autonomo X 2.Memorizzare ricordando gli elementi essenziali di X quanto appreso 3. Problematizzare X 4. Ricercare autonomamente soluzioni X 5. Collegare le proprie conoscenze X 6. Rielaborare le proprio conoscenze X 7. Saper analizzare X 8. Saper sintetizzare X 9. Usare i linguaggi specifici X 10. Esprimere quanto appreso con un esposizione corretta X Per quanto riguarda gli obiettivi cognitivi ciascun docente, in linea con gli obiettivi generali della Programmazione Educativa, nella programmazione individuale ha elencato gli obiettivi specifici propri della disciplina e il tutto è riportato nella Relazione finale che sarà allegata al presente Documento. Comunque, l insieme degli obiettivi didattici è incluso in quello degli obiettivi educativi in quanto i primi saranno coerenti con questi ultimi e saranno ad essi correlati. 14

15 Metodi Spazi - Mezzi Metodi Nello svolgimento delle attività didattiche è stata privilegiata la lezione frontale e la lezione partecipata, con alcune attività svolte in laboratorio. Lo svolgimento del lavoro didattico per obiettivi, alla ricerca del saper fare,ha caratterizzato buona parte del lavoro svolto nel corso dell intero anno scolastico. Spazi Mezzi Attrezzature La scuola gode di ampi spazi esterni e di una palestra adeguatamente attrezzata, che hanno consentito agli allievi di poter svolgere una regolare attività fisica. L accesso ai laboratori d Istituto ha consentito il metodico utilizzo dello strumento informatico, compresi i collegamenti internet per lo studio e il potenziamento delle lingue straniere, delle discipline turistico aziendali, e per lo svolgimento delle esercitazioni inerenti la Pratica Turistica. E stato possibile altresì usufruire della biblioteca cartacea e multimediale. 15

16 Strumenti di verifica e criteri di valutazione Strumenti di verifica Per verificare il processo di acquisizione delle conoscenze, competenze e capacità, gli allievi sono stati sottoposti a verifiche oggettive (test) alternate a verifiche tradizionali quali interrogazioni brevi e lunghe discussione guidata temi o problemi questionari, relazioni, esercizi prove strutturate e semi-strutturate prove simulate scritte Criteri di valutazione Sono stati adottati elementi di valutazione in riferimento al rispetto delle competenze assegnate, alla capacità di adattamento al lavoro in equipe, all autonomia in ambito scolastico, all originalità nello svolgimento del lavoro di simulazione dell attività di impresa e al livello di raggiungimento dei risultati programmati. Sono stati considerati inoltre i seguenti elementi oggettivi di valutazione: progresso nell apprendimento in rapporto ai livelli di partenza capacità di recupero raggiungimento degli obiettivi minimi. È stato attribuito un peso adeguato anche a elementi soggettivi quali: regolarità nella frequenza, rispetto degli orari e degli obblighi di giustificare assenze e ritardi, rispetto dei tempi stabiliti per la consegna dei compiti assegnati. 16

17 . Attività curriculari Si rimanda alle relazioni dei singoli docenti per le attività inerenti le singole discipline. Attività extracurriculari Nel corso del triennio la classe ha partecipato a diverse attività extracurricolari organizzate dalla scuola: Partecipazione ad attività di orientamento Partecipazione a rappresentazioni teatrali e cinematografiche Partecipazione alla manifestazione monumenti aperti Corsi di preparazione linguistica per l ottenimento della certificazione internazionale professionale di lingua francese DFP A2 Progetto sulla sicurezza stradale Only One Life Attività di volontariato con l Associazione Diversamente Onlus Progetto Giovani Insieme Nuovi percorsi di comunicazione e intercultura Progetto Guida Turistica per un giorno Progetto Scuola e Volontariato Progetto sulla sicurezza stradale Oscar Workshop Accendiamo le Idee Progetto Leonardo Saperi di sapore Allestimento mostra per il bicentenario dei fratelli Grimm Progetto Quotidiano in Classe Progetto Fisco e Scuola 17

18 Valutazione finale Il Consiglio di Classe procederà allo scrutinio finale degli alunni sulla base dei risultati del 2 trimestre e dell attività svolta durante l anno scolastico. Il credito scolastico e i crediti formativi, regolarmente attestati da documentazione ufficiale, verranno attribuiti dal Consiglio di Classe secondo la normativa vigente e secondo quanto stabilito nel POF della scuola. Attribuzione credito scolastico. Nell attribuzione del credito saranno considerati, oltre alla media, i seguenti parametri: 1. Frequenza regolare 2. Interesse, impegno e partecipazione al dialogo educativo 3. Partecipazione proficua alle attività complementari previste dal CdC 4. Eventuali crediti formativi Simulazione Prove Scritte In conformità a quanto stabilito dal CdC, gli alunni hanno svolto, in orario didattico, due simulazioni della Terza Prova Scritta: in data 11 marzo 2014, Tipologia A trattazione sintetica di un argomento (max 20 righe / 2.30 ore) basata sui contenuti e sulle competenze previste nei piani di studio delle seguenti discipline: Inglese, Francese, Arte del Territorio e Diritto in data 15 aprile 2014 Tipologia B tre quesiti a risposta aperta (max. 8 righe / 2.30 ore) basata sui contenuti e sulle competenze previste nei piani di studio delle seguenti discipline: Arte del Territorio, Matematica, Geografia e Tedesco. Il risultato medio della simulazione con la tipologia A è stato pari a 11/15 mentre quello relativo alla tipologia B è stato pari a 12/15. Si è preferito invece non procedere a simulazioni della prima e della seconda prova scritta, svolgendo le varie tipologie d esame durante le verifiche curricolari. 18

19 Copia delle prove somministrate e le griglie di valutazione utilizzate vengono messe a disposizione della commissione d esame. Sono inoltre a disposizione i programmi dettagliati delle singole discipline. Allegati Al presente documento vengono allegati, perché ne facciano parte integrante: 1) Schede operative disciplinari con i macro argomenti svolti. 19

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci di Sorbolo-Mezzani a.s. 2013-2014 PREMESSA Essere alfabetizzati nella nostra lingua costituisce un buon indicatore,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli