L Agenzia Unipol inizia la propria attività a Reggio Emilia. Le principali tappe storiche di Assicoop Parma (A.P.A. SpA) Nasce APACOOP scrl.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Agenzia Unipol inizia la propria attività a Reggio Emilia. Le principali tappe storiche di Assicoop Parma (A.P.A. SpA) Nasce APACOOP scrl."

Transcript

1 75 Identità e storia Le principali tappe storiche di Assicoop Reggio Emilia (Assicura SpA Reggio Emilia) Il 23 settembre, come espressione di Federcoop, nasce A.G.A.R., Agenzia Generale di Assicurazioni Reggiana, società a responsabilità limitata con un capitale sociale stabilito in lire per «attività nel campo delle assicurazioni private mediante l apertura di agenzie e subagenzie assegnate a terzi». L Agenzia Unipol inizia la propria attività a Reggio Emilia. Il primo luglio nasce Assicura SpA, società per azioni nata dalla trasformazione della formula cooperativa precedente, con l ingresso tra i soci delle organizzazioni locali CNA, Confesercenti, CIA, Teorema (CGIL). Il primo dicembre viene aperta a Reggio Emilia la prima agenzia integrata banca/assicurazione con Unipol Banca. Successivamente tra il primo dicembre 1999 ed il 31 marzo 2000 ne vengono aperte 4. Le principali tappe storiche di Assicoop Parma (A.P.A. SpA) Nasce APACOOP scrl. Il primo luglio si costituisce APA SpA con l ingresso tra i soci delle organizzazioni locali CIA, CNA, Confesercenti, Unione Parmense Industriali, UIL Alimentaristi, SERCOOP (CGIL). Le principali tappe storiche di Assicoop Emilia Nord srl 2010 La Compagnia lancia il progetto di aggregazione tra alcune Assicoop come strumento per arrivare ad avere strutture con dimensioni tali da poter affrontare i repentini cambiamenti che il settore dovrà affrontare nei lustri successivi, senza però dimenticare i legami con il territorio e il mondo di provenienza. Nascono le ipotesi di aggregazione tra le Assicoop di Reggio Emilia con Parma, Modena con Ferrara e Ravenna con Romagna (Forlì). Il 4 marzo viene fondata Assicoop Emilia Nord s.r.l.. Il primo gennaio APA SpA ed Assicura SpA conferiscono i propri rami d azienda assicurativi in Emilia Nord, che inizia ufficialmente la propria attività.

2 76 LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA al Presidente L. Versace Segreteria Presidenza E. Lamperini F. Giori Auditing B. Colombo R. Giacomini I.T. E.D.P. M. Bernardi Amministratore Delegato C. Pareschi C.S.T. C. Regnani Amministrazione Personale Controllo di Gestione R. Bertacchini Direttore Operativo D. Evoli Formazione D. Leonelli Pianificazione Commerciale E. Bernoldi Area Tecnica F. Margini Corporate Interim D. Evoli Retail S. Barchi Consulenza Finanziaria P. Pedrona Vita e Banca B. Giudici Gestione e Tecnica L. Cocchi Commerciale Grandi Clienti Interim D. Evoli Banco M. Talamo Subagenti D. Magnani Reggio Emilia EMILIA NORD Storia, identità, strategie. La responsabilità sociale nel sistema Assicoop

3 77 Assetto istituzionale e organizzativo L organizzazione aziendale prevede cinque aree principali, di cui tre in staff al Direttore Operativo e due in Line, che gestiscono il core business aziendale: à Amministrazione-Personale-Controllo di Gestione, affidata a Roberto Bertacchini; à Pianificazione Commerciale-Formazione, affidate ad Edoardo Bernoldi, che si occupa di pianificazione delle campagne commerciali, e formazione, à Area Tecnica Danni, affidata a Fabio Margini, con il compito di occuparsi di consulenza, analisi dei rischi e affiancamento alle Reti nel comparto Danni; à Area Retail, in capo a Stefano Barchi suddivisa nei canali Banco-diretto e Subagenti-in appalto, focalizzata su clientela retail, agenzie e subagenzie sul territorio, attività commerciale e distributiva; à Area Corporate, gestita ad interim da Daniel Evoli e suddivisa in Struttura Commerciale e Gestione; si occupa di grandi clienti, brokers e coassicuratrici, cauzioni. Di seguito le cariche sociali e direttive di Assicoop Emilia Nord: Presidente Pasquale Versace Vicepresidente Andrea Volta Amministratore Delegato Carlo Pareschi Consiglieri di Amministrazione Pasquale Versace, Andrea Volta, Carlo Pareschi, Milo Pacchioni, Paolo Trigari Collegio Sindacale Fabio Mazzali, Renzo Calzolari, Luciano Ragone Compagine Sociale I soci di Assicoop Emilia Nord srl rappresentano, a livello locale, attraverso le loro organizzazioni socie, il mondo del lavoro dipendente (CGIL e UIL Alim.) ed il mondo dell imprenditoria, dell artigianato, del commercio, dell agricoltura, del turismo e dei servizi (Legacoop, CIA, CNA, Confesercenti, U.P.I Parma): ognuna delle suddette ha una propria sede nelle zone limitrofe al territorio in cui Assicoop opera. In particolare le Organizzazioni Socie sono presenti nella base sociale di Assicura SpA (CIA, CGIL, Confesercenti e CNA) e Partecipa Srl (CGIL, UIL Alim., CNA, Confesercenti, CIA e U.P.I Parma). Small Part SpA è invece la società finanziaria del Gruppo Unipol. Struttura dell azionariato: quote detenute da ciascun azionista Small Part SpA 50,00% Parco SpA 20,00% Pegaso Finanziaria SpA 16,00% Assicura SpA 10,00% Partecipa Srl 4,00% Azioni e Dividendo Parma R. Emilia Totale Azioni ordinarie (valore capitale in ) / Utile distribuito (dividendo) Payout 0% 98,78% 98,87% 98,80% Dividendo unitario ordinarie / 10,97 4,31 4,92 In previsione della nascita di Assicoop Emilia Nord, e come riportato dal payout ratio, gli utili distribuiti nel, sia nel caso di Parma sia in quello di Reggio Emilia, sono corrisposti a quasi il 99% degli utili conseguiti. Per quanto riguarda il Assicoop Emilia Nord, al fine di investire nella propria crescita, ha deciso di non distribuire alcun dividendo ai propri soci. Si segnala inoltre che, essendo una s.r.l., non sono presenti azioni ma solo quote di partecipazioni ripartite come indicato in tabella.

4 78 Parma Governance e sistemi di gestione e controllo Assicoop Emilia Nord, in coerenza con le proprie politiche aziendali e ravvisando la necessità di sempre maggior correttezza e trasparenza nella conduzione di tutte le attività aziendali, ha aggiornato e completato nel dicembre il proprio Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo (MOG) che, oltre a rappresentare la volontà della Società di adeguarsi alle normative del D.Lgs. 231/2001, costituisce anche un efficace sistema di informazione e sensibilizzazione di tutti gli operatori. L adozione e l efficace attuazione del Modello consentono inoltre alla Società di beneficiare dell esimente prevista dal D.Lgs. 231/2001 limitando il rischio di commissione dei reati. Scopo del Modello è pertanto la predisposizione di un sistema strutturato ed organico di prevenzione, dissuasione e controllo, finalizzato da un lato a sviluppare nei soggetti che operano nell ambito delle attività sensibili una maggiore consapevolezza e, dall altro, a consentire di prevenire o di reagire tempestivamente per impedire la commissione di reati. Nella predisposizione del Modello si è palesato come le regole, procedure e principi emersi ed esaminati durante le fasi di definizione del Modello, facciano parte di un ampio e strutturato sistema di organizzazione, disciplina e controllo di cui fanno parte anche il codice Etico e il Regolamento di Autodisciplina. Assicoop Emilia Nord inoltre controlla e garantisce un servizio ottimale, caratterizzato da onestà, trasparenza, affidabilità e competenza di tutte le proprie strutture, attraverso la funzione di auditing. In particolare, l attività di controllo viene portata avanti in affiancamento e sinergia con l auditing del Gruppo Unipol. La procedura, infatti, prevede che all inizio di ogni anno si concordi con la direzione di Unipol Assicurazioni, e sulla base degli indicatori da loro estrapolati, un piano di lavoro in merito alle verifiche da svolgere sulla rete distributiva nell arco dell anno, che potranno poi essere messe in atto sia autonomamente sia attraverso il coinvolgimento diretto dei referenti del Gruppo Unipol. Gli interventi effettuati dall Internal Audit nel si sono focalizzate sul controllo di tutte le attività assicurative, consulenza normativa, iniziative ispettive a campione, interventi su emergenze, consulenza sull applicazione delle tariffe auto, e verifica del rispetto delle procedure impartite da Assicoop e da Unipol, collaborazione con ODV. Storia, identità, strategie. La responsabilità sociale nel sistema Assicoop

5 79 Sintesi dei dati economici più significativi L attività di Assicoop Emilia Nord srl inizia il primo gennaio mentre negli anni precedenti Assicura SpA (Reggio Emilia) e APA SpA (Parma) operavano sul mercato come soggetti totalmente indipendenti. Per favorire la comparabilità tra i valori di anni diversi, i dati riguardanti gli anni 2010 e sono presentati in forma aggregata. Sintesi dei dati più significativi (valori in euro) 2010 Incassi netti Provvigioni attive Rappels tecnici Altri rappels e contributi Proventi attività bancaria Totale Ricavi Costo personale dipendente Provvigioni passive Sost. Rete di vendita non dipendente Totale Costi diretti Margine Lordo Totale Spese Generali Reddito operativo Gestione finanziaria Gestioni diverse Imposte d esercizio Utile Netto Rivalsa portafoglio Risultato d esercizio L esercizio ha evidenziato un andamento della gestione abbastanza complicato, su cui ha influito in modo importante il perdurare di una crisi economica che sta deprimendo l economia reale del Paese e la conseguente contrazione anche del mercato assicurativo. Come è possibile notare osservando la tabella, gli incassi netti stanno proseguendo nel trend negativo che già si evidenziava l anno precedente nel ramo vita, mentre è positivo l andamento incassi danni. L utile netto di esercizio è di ,56 euro: tale risultato è il frutto, da un lato del buon andamento dell attività commerciale e produttiva e, dall altro, dei mancati ricavi legati ai rappels tecnici del (liquidati nel ), in quanto gli stessi sono stati appannaggio delle società conferenti Assicura SpA e APA SpA. L attività assicurativa, con mandato d agenzia generale del Gruppo Unipol Assicurazioni SpA, ha iniziato a produrre i suoi effetti, di carattere economico, proprio a partire dall esercizio. Di conseguenza, il risultato è in linea con le previsioni del Budget economico che prevedeva una chiusura di sostanziale pareggio economico. I ricavi diretti della gestione assicurativa sono superiori rispetto alle previsioni di ,00 euro; dall esame delle singole voci risultano in aumento le provvigioni attive per ,00 euro, in linea i rappels ed in aumento le incentivazioni/contributi assicurativi. Si evidenzia un buon andamento del management fee Vita e dell attività di vendita dei prodotti assicurativi, che sono il frutto dell efficace organizzazione dei settori aziendali, oltre all attenta e razionale gestione degli obiettivi e della loro suddivisione. La gestione finanziaria della liquidità mostra risultati sostanzialmente in linea con le previsioni. I costi d esercizio si presentano, nel loro complesso, sostanzialmente in linea rispetto al budget. Le variazioni più significative rispetto all esercizio precedente, riguardano i costi relativi al personale dipendente, i costi relativi alle provvigioni passive, i costi commerciali, le prestazioni di terzi, ed i costi relativi ai punti vendita, per intervenute modifiche agli assetti logisitici.

6 80 La relazione con i nostri dipendenti e collaboratori Assicoop Emilia Nord, proseguendo nella stessa direzioni indicata da APA e Assicura, si è fin da subito adoperata per instaurare con i propri dipendenti e collaboratori un rapporto improntato sull equità, trasparenza e fiducia reciproca. Per quanto riguarda il reclutamento del personale, l ufficio preposto alla selezione ricerca i profili più in linea con le necessità aziendali attraverso il contatto con il territorio. In caso di personale privo di esperienza (l inserimento di giovani rimane una delle priorità), Assicoop Emilia Nord organizza stage formativi che permettono ai candidati di acquisire le competenze e le capacità necessarie per operare nel settore. Le Risorse umane impiegate in Assicoop Emilia Nord sono complessivamente 231, di cui 144 dipendenti e 87 collaboratori. DIPENDENTI PER TIPOLOGIA DI CONTRATTO INDETERMINATO DETERMINATO APPRENDISTI I lavoratori a tempo indeterminato della Società sono quasi il 98% del totale, un dato assolutamente di valore per un impresa di queste dimensioni, espressione di quanto sia importante per Assicoop instaurare un rapporto stabile e di lungo EMILIA NORD periodo Reggio Emilia Storia, identità, strategie. La responsabilità sociale nel sistema Assicoop

7 81 con i propri dipendenti. I dipendenti a tempo determinato, di conseguenza, rappresentano circa il 2% del totale. I dipendenti con laurea sono 14, quelli con diploma superiore e licenza media o elementare sono, rispettivamente, 127 e 3. I lavoratori part time sono 38, rappresentati principalmente da donne (37), 7 gli assunti appartenenti alle categorie protette, il 72% dei dipendenti è iscritto al sindacato e le adesioni al fondo pensione Cooperlavoro ammontano per il a 124 unità. Risorse per canale Risorse canale Banco Risorse canale Subagenti Risorse canale Produttori Risorse canale Corporate Il canale che richiede l attività del maggior numero di dipendenti e collaboratori è il canale Banco (146), mentre i canali Subagenti e Produttori occupano rispettivamente 44 lavoratori il primo e 22 il secondo, il canale Corporate occupa stabilmente 19 unità. DIPENDENTI PER INQUADRAMENTO E GENERE DIRIGENTI QUADRI IMPIEGATI TOTALE DIRIGENTI TOTALE QUADRI TOTALE IMPIEGATI EMILIA NORD DIPENDENTI PER FASCIA DI ETÀ 8% 26% < 30 anni 20% anni anni 46% > 50 anni EMILIA NORD Nella lettura dei dati dei dipendenti divisi per fascia di età e per inquadramento e genere, possiamo evidenziare che quasi il 74% dei lavoratori ha meno di 50 anni, con la fascia che presenta il più alto numero di rappresentati, il 46%. I dipendenti e i collaboratori, come da tradizione del sistema Assicoop, sono in larga parte donne, oltre il 69% nel caso specifico.

8 82 Quest ultimo dato in particolare è sintomatico dell impegno del sistema Assicoop nel garantire un trattamento equo e nel prestare attenzione alle necessità di ogni categoria di lavoratore. Per quanto riguarda il sistema incentivante, il Contratto Integrativo Aziendale (CIA), in rinnovo nella seconda metà del 2013, prevede due componenti di salario variabile. La prima proveniente dai rappel s/p percepiti dall azienda in base alla percentuale presente in CIA, la seconda proveniente dal MOL aziendale nelle percentuali del 4%. La formazione dei nostri dipendenti e collaboratori Gli obblighi di formazione per la sicurezza, privacy, antiriciclaggio, normativa IVASS sono tra le priorità della politica di gestione delle risorse umane e nel Assicoop Emilia Nord ha assolto gli obblighi previsti dal D.L. n.209/2005 e Regolamento ISVAP n. 5/2006, attivando gli appropriati corsi in merito a queste tematiche. Oltre a quanto previsto dalla legge, la formazione dedicata a tutti i dipendenti si è focalizzata sull acquisizione/aggiornamento delle competenze necessarie per operare nel settore assicurativo, sulla formazione tecnica per neo-assunti e sulla riqualificazione. Sono inoltre stati attivati corsi specifici che hanno avuto ad oggetto i nuovi prodotti e le nuove tecnologie immessi sul mercato. Attività di formazione Totale ore di formazione Corsi per tipologia di programma Formazione Tecnico Specialistica 7 5 Formazione manageriale 2 1 Formazione commerciale 5 4 Formazione rete commerciale Corsi di formazione per la rete commerciale Partecipanti alla formazione per la rete commerciale* *per partecipanti si intendono anche le stesse persone che hanno partecipato a più corsi Considerando ora la formazione erogata specificatamente al personale commerciale, è possibile identificare numerosi corsi che hanno affrontato differenti tematiche. Tra i temi che hanno catalizzato la maggior parte dell attenzione si annoverano tecniche di vendita, problem solving, andamento generale del mercato assicurativo e finanziario, comparto Vita, nuovi prodotti, novità legislative del Settore, novità tariffarie e Sicurezza sul lavoro. Prendendo in considerazione l intera attività formativa offerta ai dipendenti e collaboratori nel corso dell anno, è possibile intuire quanto questo aspetto sia ritenuto un elemento chiave per mantenere la propria competitività in un mercato in continua evoluzione. Proprio per queste ragioni, e nonostante anche il settore assicurativo abbia risentito della crisi, gli investimenti di Assicoop Emilia Nord in formazione sono in costante aumento. Le ore dedicate all attività formativa del, ad esempio, sono state superiori del 38% a quelle dell esercizio precedente. Il coinvolgimento dei nostri dipendenti e collaboratori Durante l anno sono previsti vari momenti di coinvolgimento e partecipazione rivolti a tutti i dipendenti e collaboratori di entrambe le provincie, e tra le molteplici occasioni di comunione e dialogo, spiccano senza dubbio le Convention delle Agenzie Societarie Unipol, importanti momenti di confronto. Inoltre, a cadenza mensile, sono previste specifiche riunioni di area, Storia, identità, strategie. La responsabilità sociale nel sistema Assicoop

9 83 in particolare per le reti commerciali, occasioni nelle quali si discutono andamenti delle vendite, si verificano le criticità più pressanti e si fissano gli obiettivi sia a breve che a lungo termine. Altro incontro a cui partecipa tutto il personale di Assicoop Emilia Nord è la cena di bilancio, durante la quale vengono esposti i risultati economici raggiunti durante l anno precedente. Va infine ricordato che non mancano anche momenti meno formali, in particolare quelli che ruotano all attività del Circolo Ricreativo Aziendale dei Lavoratori, in cui è possibile condividere i valori del sistema Assicoop e rafforzare i rapporti interpersonali di tutto il Gruppo in un clima gioviale. Inoltre, dal, è attivo Assieme, il nuovo intranet aziendale comune al sistema Assicoop, che permette a tutti i dipendenti sia di essere informati in tempo reale di ogni iniziativa importante sia di consultare direttamente online i dati commerciali, i fascicoli personali e, più in generale, di condividere progetti di varia natura. La relazione con i nostri clienti I clienti nel sono , si evidenzia dunque un calo che può essere attribuito principalmente alla disdetta di portafogli sinistrati e ad una perdita nel ramo Auto. NUMERO CLIENTI EMILIA NORD Reggia di Colorno

10 84 La rete di vendita Punti vendita diretti di cui con filiali integrate di cui con filiali di prossimità 0 0 Subagenzie assicurative di cui con filiali integrate 2 2 di cui con filiali di prossimità 0 0 Produttori/Subag. NO appalto Promotori finanziari 0 1 COMPOSIZIONE RACCOLTA DIRETTA PER CANALE DI VENDITA scala in euro BANCO SUBAGENTI GRANDI CLIENTI PRODUTTORI DIREZIONE AZIENDE L obiettivo primario che Assicoop si prefigge è essere riconosciuto come soggetto imprenditoriale affidabile e autorevole, capace di offrire e di ricevere fiducia, rispondere efficacemente ai bisogni di sicurezza, di prevenzione dei rischi e di tutela del patrimonio espresso dai suoi clienti e di crescere grazie alla sua capacità di confrontarsi e di rispondere ad un mercato in continua evoluzione. Al fine di raggiungere questo obiettivo Assicoop Emilia Nord ritiene essenziale aprire e mantenere importanti canali di dialogo con i propri clienti che, per qualunque necessità, possono contare sull attenzione del personale presente presso i 26 punti vendita diretti e le 34 Subagenzie diffusi su tutto il territorio di competenza. Espressione del rapporto con i propri clienti è anche numero di contratti in Convenzione, come mostra la tabella. Convenzioni Convenzioni attive Incassi in convenzione Contratti in convenzione Verso gli azionisti, e più precisamente verso i soci e dipendenti di queste, sono operative già da alcuni anni le convenzioni attraverso le quali gli aventi diritto possono godere di forti sconti e condizioni vantaggiose nell acquisizione di prodotti sia assicurativi che bancari. Oltre a queste convenzioni a carattere locale sono comunque operative anche tutte le Convezioni Nazionali concordate dalla Mandante con le Direzioni Nazionali delle Associazioni ed Organizzazioni. Storia, identità, strategie. La responsabilità sociale nel sistema Assicoop

11 85 Reggio Emilia La relazione con i nostri fornitori Assicoop Emilia Nord è fortemente convinta che la qualità del servizio offerto al cliente sia influenzata anche dell attività svolta dai fornitori. Per tale ragione grande attenzione viene dato all accertamento delle loro capacità a realizzare il servizio o consegnare il prodotto oggetto della fornitura, al fine di garantire la soddisfazione delle esigenze qualitative richieste. Fornitori per tipologia Servizi di intermediazione (Broker e Coassicuratrici) Fornitura Energia, Gas, Acqua 4 5 Servizi di pulizia 3 3 Postali e Telefoniche 3 3 Locazione apparecchiature elettroniche 2 3 Manutenzione 5 6 Professionisti per incarichi specifici 4 6 Cancelleria, stampati ed altro 1 3 Totale fornitori Come è evidente, la categoria più numerosa è quella dei servizi di intermediazione (broker e coassicuratrici) mentre tutte le altre categorie non superano mai le 5 unità. Al fine di supportare al meglio delle proprie possibilità tutti gli enti del territorio in cui opera, Assicoop Emilia Nord si è impegnata a corrispondere i pagamenti ai propri fornitori nel più breve tempo possibile e, nel, i tempi medi di pagamento sono stati di 30 giorni. La relazione con il territorio e l attenzione per l ambiente Le caratteristiche peculiari che permettono di distinguere Assicoop Emilia Nord dai propri concorrenti sono lo stretto rapporto con il territorio e il suo impegno nella promozione dello sviluppo locale. Infatti, nel così come negli anni precedenti, l Assicoop ha dato vita a molteplici iniziative volte a mantenere con il territorio un rapporto intenso e partecipato. In questo senso è importante sottolineare che per territorio non si intendono solo le Associazioni Socie ma tutti quegli enti che si adoperano in iniziative di valore volte a tutelare gli interessi dell area di competenza di Assicoop Emilia Nord.

12 86 Per quanto riguarda i progetti di beneficienza, nel Assicoop Emilia Nord ha deciso di sostenere i progetti di alcune associazioni particolarmente attive sul territorio di competenza: Associazione i Teatri di RE, fornendo il supporto necessario all esecuzione di alcuni progetti riguardanti i giovani e le scuole; A.C. Reggiana Calcio, in particolare seguendo il progetto giovani-settore giovanile; Istoreco Reggio, nella promozione di un viaggio della Memoria ad Auschwiz per gli studenti delle scuole reggiane. Più in generale si è anche prestato attenzione alle necessità degli oltre 30 circoli associativi e culturali delle 2 province e ad alcune iniziative culturali il cui ricavato è stato devoluto in beneficenza. Infine, come tutti gli anni, sono state sostenute tutte quelle iniziative delle Organizzazioni socie rivolte ad aiutare le categorie sociali più in difficoltà. Il valore complessivo delle attività di beneficenza per il si attesta sui euro. Nel corso del l attività di sponsorizzazione effettuata da Assicoop Emilia Nord si è rivolta principalmente ad attività ludico-sportive, collaborando con l Associazione Calcio Reggiana 1919, con L Associazione di Bridge e con altre associazioni sportive minori a carattere locale. Altre sponsorizzazioni di particolare rilievo sono state quelle a sostegno delle celebrazioni del 1 maggio e la sponsorizzazione della rotonda su via Ruini e via Morandi in collaborazione con il Comune di Reggio Emilia e con UNIECO scrl.. L ammontare totale delle sponsorizzazioni si attesta sui euro. Assicoop si premura inoltre di comunicare all esterno la sua attenzione verso il territorio in cui opera attraverso la collaborazione con Telereggio, la pubblicazione di articoli su periodici locali quali il notiziario ANPI e il notiziario CGIL, e l utilizzo di mezzi comunicativi di società di volontariato e sportive. L attenzione di Assicoop Emilia Nord verso il proprio territorio di appartenenza si esplicita inoltre in una particolare diligenza nel tentativo di ridurre con costanza gli impatti ambientali. Proprio in quest ottica, in tutti i comuni in cui è attiva, viene effettuata con particolare attenzione la raccolta differenziata di tutte le tipologie di rifiuti (umido, secco, carta, plastica, vetro-latta, sfalci) attraverso la raccolta porta a porta. Inoltre, Assicoop ha preso accordi con Coopservice Naturalmente affinché i toner esausti vengano smaltiti attraverso opportune procedure certificate. Materiali utilizzati Udm Totale carta utilizzata (kg) Toner e cartucce: pezzi acquistati (num) Toner e cartucce: valore dell acquisto (euro) È inoltre stato avviato un importante processo di dematerializzazione volto a minimizzare il quantitativo di carta utilizzata e, in questo senso, anche il nuovo intranet aziendale Assieme attivo dal svolge un ruolo importante nel diminuire il consumo della carta poiché permette ai dipendenti di tutte le Assicoop di consultare direttamente online i dati commerciali, i fascicoli personali e, più in generale, di condividere progetti di varia natura. Consumo di energia elettrica Udm Consumi totali energia elettrica (kwh) Consumi per m 2 di energia elettrica (kwh/m 2 ) Consumi energia elettrica pro capite (kwh/dip) Assicoop Emilia Nord promuove in modo attivo comportamenti volti a favorire il risparmio energetico e alla riduzione degli sprechi. A testimonianza della sua proattività sono stati installati in tutti gli immobili, già certificati classe A, luci a basso consumo energetico e timer capaci di controllare l illuminazione sia interna che esterna. Infine agli impianti elettrici a basso consumo vengono effettuate tutte le manutenzioni ordinarie annuali al fine di garantirne il miglior funzionamento possibile senza dispersioni. Storia, identità, strategie. La responsabilità sociale nel sistema Assicoop

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Banca Popolare Friuladria

Banca Popolare Friuladria La Voce Banca Popolare Friuladria Comunicato d informazione sindacale per gli iscritti - settembre 2007 SOMMARIO Aumento di capitale Credit Agricole 1 Conclusa la bozza Staututo FIM 3 18 settembre primo

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile INSER S.P.A. Proposta di Agevolazione RC Professionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Ordine di Milano Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile Giugno 2014 Indice Proposta di

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 5 giugno 2013; SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 101

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli