Partecipare per decidere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Partecipare per decidere"

Transcript

1 COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA Partecipare per decidere Relazione finale del percorso di partecipazione 1

2 RIASSUNTO/abstract Il processo partecipativo Partecipare per decidere è stato avviato dal Comune di Civitella in Val di Chiana, con il sostegno dell Autorità regionale per la partecipazione, nello scorso febbraio. L Amministrazione comunale - come previsto dalla legge regionale 1/2005 sul governo del territorio - ha avviato un confronto con i propri cittadini in occasione della stesura della Variante generale al Piano strutturale. Mediante il percorso partecipativo i cittadini sono stati chiamati a identificare le caratteristiche del territorio, i suoi pro e i suoi contro, a portare all attenzione dei progettisti i luoghi di particolare pregio (beni artistici, architettonici, paesaggistici e naturali anche minori) o i luoghi a cui essi sono particolarmente affezionati e ad avviare una discussione sulle strategie e le linee di sviluppo per il futuro del territorio comunale. Il percorso si è articolato in tre fasi successive comprendenti attività di informazione, ascolto e di partecipazione vera e propria. Nella prima fase tra febbraio e aprile sono stati predisposti gli strumenti di informazione e comunicazione a supporto e promozione del processo partecipativo. L obiettivo di questa fase era di garantire la massima diffusione dell informazione mettendo i cittadini a conoscenza del percorso e suggerendo loro l opportunità di parteciparvi. A tale fine sono stati realizzati: il sito internet in cui sono stati pubblicati il calendario degli eventi e delle attività e tutta la documentazione relativa al Piano Strutturale comprendente sia i documenti tecnici e dell amministrazione che il materiale relativo al percorso di partecipazione; l indirizzo mail per richiedere informazioni e inviare suggerimenti; un articolo sul Mensile del Comune di Civitella in Val di Chiana la Torre informa di marzo In allegato al periodico è stata distribuita a tutte le famiglie una scheda per la segnalazione di luoghi, edifici, monumenti, elementi naturali che considerano importanti per il territorio di Civitella e che vorrebbero tutelare; l affissione di manifesti e la distribuzione delle locandine nei luoghi pubblici del territorio comunale. Nello stesso periodo sono state realizzate circa 15 interviste e incontri con rappresentanti della società civile e con le realtà associative del territorio: sono cioè state raccolte le opinioni di persone che per ruolo, professione o esperienza personale potevano offrire un primo sguardo sulle caratteristiche e le prospettive di sviluppo del territorio. In queste occasioni si è provveduto anche a creare canali informali per incrementare una diffusione capillare sul territorio delle informazioni circa il processo partecipativo. 2

3 A garanzia dell indipendenza e della trasparenza del processo di partecipazione è stata creata una Commissione di Garanzia composta dal Sindaco, dal dirigente responsabile dell Ufficio di Piano, da Alessandro Sacconi, consigliere di maggioranza e da Stefano Mencucci consigliere di minoranza. La Commissione si è riunita periodicamente per monitorare l andamento del processo e per validare le decisioni metodologiche e operative. Contemporaneamente si sono svolte, secondo un calendario reso pubblico sul sito internet le giornate in piazza cioè alcuni momenti di incontro diretto con i cittadini per informare dell iniziativa, spiegare l obiettivo e lo spirito del percorso e invitare ad iscriversi e partecipare. Le giornate si sono tenute presso alcuni dei principali luoghi di ritrovo della popolazione: all uscita delle scuole, presso alcuni circoli ricreativi e davanti alle principali attività commerciali del territorio comunale. Nella settimana precedente gli incontri 1 è stata inviata una lettera d invito a tutte le famiglie residenti nel territorio comunale per sollecitare la partecipazione dando indicazioni precise sul calendario dei laboratori. Questa operazione è stata rafforzata da un attività di chiamate telefoniche a campione che ha interessato tutte le frazioni. Nella stessa settimana presso l URP del Comune e sul sito internet è stata messa a disposizione dei cittadini la "Guida del partecipante 2 ", un opuscolo informativo per illustrare le finalità del Piano Strutturale e le tappe attraverso cui esso si costruisce e approva; sono state spiegate anche le caratteristiche e gli obiettivi del processo partecipativo, il tipo di lavoro che sarebbe stato proposto ai cittadini durante i laboratori, e gli orientamenti di massima dell amministrazione rispetto al Piano strutturale. La seconda fase, che ha costituto il cuore del percorso, ha visto il coinvolgimento attivo dei cittadini nei laboratori di frazione con l obiettivo di raccogliere informazioni, idee e proposte da tutti coloro che vivono e lavorano nel territorio. I laboratori di frazione - organizzati in piccoli gruppi di discussione e guidati ciascuno da due facilitatrici hanno coinvolto tutte le frazioni che compongono il comune di Civitella in Val di Chiana: ciascuna frazione (o gruppo di frazioni) si è incontrato per due volte a distanza di una settimana. Nel corso della prima giornata sono stati tracciati gli elementi di opportunità e criticità del territorio e durante la seconda giornata l insieme delle indicazioni emerse è stato analizzato in maniera critica puntando ad identificare delle strategie di sviluppo futuro. In alcuni casi è stato possibile localizzare su una mappa del territorio i luoghi significativi emersi dal lavoro dei cittadini; alcuni partecipanti hanno contribuito portando fotografie e disegni di alcuni luoghi di pregio o da tutelare del territorio. La terza fase ha visto la consegna del Rapporto ai cittadini e l Assemblea pubblica di restituzione del 14 luglio. 1 È da segnalare a questo proposito tuttavia che la frazione di Pieve a Maiano ha ricevuto la comunicazione con un significativo ritardo. 2 La guida è stata anche inviata via mail ai cittadini iscritti ai laboratori. 3

4 1. DESCRIZIONE DEL PROCESSO PARTECIPATIVO 1.1 Titolo del progetto Partecipare per decidere: percorso partecipativo per il Piano strutturale di Civitella in Val di Chiana 1.2 Richiedente/i del sostegno regionale Comune di Civitella in Val di Chiana 1.3 Referente (e relativi recapiti) Gabriella Arnaldi tel. 0575/445322; fax.0575/445350; mail. 1.4 Oggetto del processo partecipativo La redazione del Piano strutturale: la compilazione del Quadro conoscitivo e l elaborazione delle prime strategie di sviluppo futuro. 1.5 Fasi in cui si articola il progetto e loro funzione 1. Fase preliminare di preparazione e di informazione 2. Fase di discussione 3. Fase conclusiva 1.6 Tempi e durata del processo partecipativo (date inizio e fine, durata complessiva, ritardi) Il percorso è stato avviato in ritardo rispetto a quanto previsto i sede di progetto per consentire un migliore e maggiore coordinamento del percorso stesso con il lavoro dei tecnici dell Ufficio di piano. Il percorso è stato dunque avviato nel mese di aprile, anziché nel mese di novembre 2008, e si è concluso nel mese di luglio, per una durata complessiva di quasi 4 mesi. 4

5 1.7 Cronogramma (GANTT) dei tempi effettivi Aprile Maggio Giugno Luglio Interviste a stakeholder Preparazione guida (testi e impianto grafico) Preparazione manifesti e locandine e pieghevoli Giornate in piazza Laboratori di discussione Stesura rapporto Assemblea conclusiva 1.8 Come si inserisce lo specifico processo nelle politiche e nelle modalità d azione del proponente, sia rispetto al passato che al futuro Già nel 1998/99 durante la fase di adozione del nuovo Regolamento Urbanistico l Amministrazione Comunale aveva sperimentato un processo partecipativo/informativo simile all attuale. La popolazione delle singole frazioni era stata coinvolta in incontri pubblici/assemblee in cui i redattori del Piano avevano illustrato le ipotesi formulate per la pianificazione e lo sviluppo dei singoli luoghi chiedendo alla comunità locale proposte e suggerimenti. Era stata poi organizzata una assemblea generale/finale con il coinvolgimento anche delle associazioni di categoria, sindacati, ordini professionali (ingegneri, architetti, geometri), presente anche il Garante della Comunicazione che aveva svolto una sua parallela ma autonoma attività informativa. I risultati di detta attività, le idee e le proposte erano state tenute in considerazione dall Amministrazione comunale ed erano servite alla stesura definitiva e finale del Regolamento Urbanistico. Questa attività di preventiva informazione e poi anche di partecipazione aveva fatto sì, ad esempio, che le osservazioni al regolamento urbanistico fossero state poi un numero abbastanza contenuto (171). L Amministrazione ha intenzione di utilizzare un nuovo processo partecipativo durante le future fasi di adozione e di definitiva approvazione del nuovo Piano Strutturale. 5

6 2. IL CONTESTO IN CUI SI E SVOLTO IL PROCESSO PARTECIPATIVO 2.1 Elementi conoscitivi elementi significativi per comprendere il contesto e problematicità Il territorio di Civitella Val di Chiana è suddiviso in numerose frazioni e privo di un vero centro di riferimento. Gli abitanti sono molto legati alle singole frazioni e fanno riferimento ad Arezzo per molti dei loro impegni quotidiani. Alcune delle frazioni soffrono di spopolamento e altre quelle di pianura, al contrario, di una recente espansione edilizia e urbanizzazione che rischia di far diventare le frazioni dei veri e propri quartieri dormitorio. A livello urbanistico le frazioni risentono della mancanza di piazze e luoghi di incontro e di limiti alla socialità. Nel corso delle attività di informazione e di outreach sono state incontrate grandi difficoltà nell entrare in contatto con la popolazione proprio per la mancanza di luoghi di aggregazione naturali. Inoltre non sono numerose le attività associative davvero attive né i comitati. 3. IL PROCESSO PARTECIPATIVO 3.1 Partecipanti (per fasi) Chi e quanti Ai laboratori organizzati nel Comune di Civitella in Val di Chiana sul Piano strutturale hanno partecipato in totale 205 persone (32 donne e 173 uomini) con una maggiore presenza alla prima giornata (181 cittadini) e inferiore alla seconda (92 cittadini) Come sono stati selezionati L invito a partecipare è stato inviato a tutti i cittadini con una lettera ai capofamiglia. Successivamente all invio delle lettere di invito sono state effettuate delle telefonate a campione per sollecitare i cittadini ad iscriversi e partecipare. Agli incontri erano presenti prevalentemente cittadini ordinari non appartenenti ad associazioni e prevalentemente uomini. 6

7 Quanto sono rappresentativi della comunità I cittadini che hanno preso parte ai laboratori erano rappresentativi prevalentemente della comunità maschile del comune. È probabile che una maggiore presenza di donne, che pure è stata sollecitata, avrebbe portato alla discussioni anche tematiche caratterizzate da sfaccettature differenti rispetto a quelle emerse e avrebbero garantito alla discussione una migliore rappresentanza delle istanze della componente femminile della comunità locale Inclusione, in particolare di minoranze, soggetti deboli o svantaggiati, compresi i diversamente abili, nonché gruppi sociali o culturali diversi Ai laboratori non hanno preso parte cittadini diversamente abili. Ad un laboratorio era presente un cittadino immigrato La partecipazione paritaria di genere Come si è accennato sopra il numero di donne che hanno preso parte al processo è piuttosto esiguo questo nonostante il primo incontro laboratoriale sia stato fissato al pomeriggio per facilitare la partecipazione delle donne, che si supponeva avrebbero trovato maggiori difficoltà a partecipare di sera; e nonostante siano stati realizzati dei momenti di incontro coi cittadini proprio di fronte alle scuole delle varie frazioni che si supponeva fossero dei luoghi adatti per incontrare le donne. In una successiva occasione sarà opportuno adoperare una cura ancora maggiore nel sollecitare la partecipazione femminile prevedendo momenti e utilizzando metodi specifici per coinvolgere le donne e prevedendo anche un servizio di baby sitting. 3.2 Metodi/tecniche impiegati (per fasi) Elenco degli eventi partecipativi (date effettive) GIORNATE IN PIAZZA Venerdì 24 aprile nel pomeriggio CNA Arezzo 4 maggio Uscita scuola Ciggiano mattina e Plesso Arcobaleno 7

8 Giovedì 5 maggio mattina Circolo del Tongo Uscita delle scuole Badia al Pino elementare 12,30- media 13,00 Sabato 9 maggio pomeriggio Circoli sportivi (Pieve a Maiano, Viciomaggio, Tegoleto, Badia) mercatino della Solidarietà Supermercato Sabato 9 maggio dopo cena: Circolo Arci Ciggiano Circolo MCL Spoiano Circolo Badia al Pino Circolo Pieve al Toppo Domenica 10 maggio di mattina Circolo Arci Tuori Uscita dalla messa Badia al Pino LABORATORI 15 e 23 maggio Badia al Pino (presso la sala consiliare), Pieve al Toppo (presso il Circolo Arci), Tegoleto (presso il Centro di Aggregazione), Ciggiano (presso la Sala della Filarmonica). 16 e 22 maggio Viciomaggio-Tuori (presso la Polisportiva di Viciomaggio), Pieve a Maiano (presso la Sala Parrocchiale), Albergo-Oliveto-Spoiano (presso la Polisportiva), Civitella (presso il Circolo). 14 luglio Assemblea conclusiva nella sala Comunale di Badia al Pino Metodi, tecniche o approcci impiegati L intero processo è stato gestito in modo molto strutturato. Nella prima fase si sono realizzate le interviste agli stakeholders e le giornate di outreach in piazza per informare i cittadini e coinvolgerli nel processo. Sempre nella fase informativa sono state inviate le lettere di invito a tutte le famiglie ed è stato costruito e messo on line il sito web. Per consentire una partecipazione più attenta è stata predisposta e distribuita agli iscritti una guida al percorso e al piano strutturale. Le giornate di lavoro sono state organizzate per frazione in modo da assicurare una maggiore partecipazione da parte dei cittadini. 8

9 Congruità dei metodi impiegati con le finalità e l oggetto del progetto Il lavoro in piccoli gruppi di frazione è sembrato il più adeguato sia rispetto alle finalità e l oggetto del processo che rispetto alle caratteristiche del territorio. Infatti poiché si trattava di un territorio molto frazionato si è preferito organizzare il percorso secondo una metodologia laboratoriale di frazione per arrivare a coinvolgere i cittadini proprio nell area in cui vivono. Ciò nonostante, nel caso delle frazioni più piccole e più vicine che sono state accorpate in un unico appuntamento, hanno partecipato quasi esclusivamente i cittadini della frazione ospitante. La scelta del lavoro sulle frazioni si è dimostrata dunque, l unica possibile in questo contesto e in questo momento poiché si è rilevata una grande difficoltà a lavorare su un idea comune di territorio poiché i cittadini si sono mostrati piuttosto legati ad una dimensione di frazione. Data la conformazione urbanistica e le caratteristiche sociali del Comune, invece, le giornate in piazza non hanno consentito di raggiungere grandissimi risultati poiché è risultato davvero complicato trovare luoghi in cui vi fosse possibile incontrare cittadini ed entrare in contatto con essi Il clima degli incontri Il primo incontro di ciascuna frazione, come già accennato, è stato caratterizzato dal desiderio di un certo numero di partecipanti di trattare questioni individuali. Si è rilevato anche un iniziale sospetto verso le facilitatici che venendo da fuori erano considerate non in grado di comprendere i problemi del Comune e come un inadeguato sostituto dell amministrazione. Tra il primo e il secondo incontro però, via via, che gli obiettivi si sono chiariti i partecipanti hanno mostrato di sapere dialogare anche con le facilitatici dando loro fiducia e mostrandosi propensi a sperimentare questa modalità di dialogo nuova Adattamento e flessibilità nella gestione degli eventi partecipativi All avvio del primo laboratorio l unica richiesta dei partecipanti è stata relativa all orario dell incontro dei laboratori poiché l orario tardo pomeridiano non soddisfaceva le esigenze di tutti. Per questo il secondo laboratorio in tutte le frazioni è stato perciò fissato all orario richiesto dai partecipanti. Altro elemento di adattamento è stato relativo alle giornate in piazza: via via che si sono incontrate le difficoltà di incontro coi cittadini si sono riadattate i luoghi e gli orari nei quali incontrare i cittadini per tentare di intercettarne un numero più consistente. 9

10 Informazioni ricevute dai partecipanti sui temi del processo e sui suoi scopi; ascolto di opinioni di esperti e/o portatori di interessi In tutte le occasioni (interviste, outreach, diffusione di materiale informativo, laboratori) è stato chiarito ai partecipanti che l obiettivo del percorso era di contribuire alla costruzione del Quadro conoscitivo e alle strategie del PS del Comune. A tale scopo è stato distribuita una brochure informativa di circa 20 pagine che illustravano gli obiettivi del percorso, e dava dei cenni sull iter di formazione, approvazione e adozione del piano strutturale. Date le caratteristiche del percorso non vi erano veri e propri portatori di interesse da ascoltare Inclusività degli eventi partecipativi (assicurare la parità di espressione di tutti i punti di vista e di eguaglianza di accesso alla discussione. Benché nel corso del primo incontro la numerosità dei partecipanti abbiano reso difficoltoso l avvio del lavoro è stato possibile raggiungere livelli interessanti di confronto tra i partecipanti. Nel primo laboratorio i partecipanti, numerosi, hanno avuto necessità di trovare un ritmo per evitare di parlare tutti contemporaneamente, di parlarsi addosso, di trattare argomenti non pertinenti al tema. In alcuni casi è stato utile interrompere il lavoro e anticipare il momento della pausa caffè per consentire di riportare alla calma il gruppo e riavviare il lavoro su un registro più ordinato. Nella seconda parte degli incontri e nel secondo incontro il lavoro è stato svolto con maggiore tranquillità. Si sottolinea però che non vi è stato un problema di prevaricazione da parte di alcuni cittadini su altri ma solo dei momenti di dialogo concitati nei quali tutti tendevano a parlare contemporaneamente. Nel corso del secondo incontro, soprattutto in alcune frazioni, i partecipanti che portavano delle opinioni frutto di riflessioni attente sul futuro del territorio hanno trovato ascolto tra gli altri cittadini anche quando le idee espresse erano in contrasto con quanto sostenuto dagli altri e hanno consentito di avviare un vero dialogo costruttivo che ha condotto, in alcuni casi, a indicare una sintesi tra le diverse idee espresse Neutralità e imparzialità del processo: le garanzie È stata creata una commissione di garanzia composta dal sindaco, dal garante della comunicazione, e da due consiglieri (uno di maggioranza e uno di minoranza). La commissione si è riunita due volte e ha seguito l iter del percorso. 10

11 Performance: cosa ha funzionato e cosa meno Rispetto alle aspettative non hanno funzionato sufficientemente bene, come già accennato sopra, le giornate di outreach perché il contesto urbano e sociale non si è dimostrato adatto a questa modalità di interazione con i cittadini che è probabilmente più adatta in contesti in cui le occasioni di socialità comunitaria siano più numerosi e più solidi e in cui una rete associativa e di raggruppamenti della società civile crea occasioni di incontro nelle quali innestarsi. Lo scarso successo dei momenti di informazione previsti non ha avuto ripercussioni sulla quantità di partecipanti ma ha avuto, almeno nel primo incontro, delle conseguenze in quanto a consapevolezza diffusa dei partecipanti degli obiettivi del percorso di partecipazione. Non pochi, infatti, al primo incontro hanno ritenuto che il laboratorio fosse la sede deputata a trattare particolarissime questioni personali per lo più legate ai permessi edilizi e non ad una riflessione più generale sulle caratteristiche e lo sviluppo futuro del Comune. Nonostante ciò nel corso del primo incontro e, soprattutto, nel secondo laboratorio i partecipanti hanno compreso l obiettivo e hanno lavorato in modo positivo e proficuo Il consulente esterno Il percorso è stato gestito da Sociolab snc in quanto è stato ritenuto fondamentale che l attività venisse svolta da un soggetto terzo che garantisse quindi imparzialità nonché specifica professionalità. 3.3 Comunicazione e informazione Le attività di comunicazione rivolte alla comunità interessata, prima, durante e dopo il processo. Sul periodico del Comune che viene recapitato a tutte le famiglie è stato pubblicato nel mese di marzo 2009 un articolo illustrativo degli obiettivi e delle modalità di realizzazione del percorso e una scheda di segnalazione per raccogliere una prima indicazione di luoghi che a parere dei cittadini andavano tutelati o preservati. Il Comune, pur non essendo previsto in questo progetto, ha messo on line un sito dedicato al piano strutturale (www.pscivichiana.it) nel quale vi sono alcune pagine dedicate al percorso di partecipazione. Il sito è stato aggiornato sia di 11

12 tutte le date di calendario relative agli incontri del percorso di partecipazione sia del materiale via via prodotto. In particolare sono stati resi scaricabili da l sito la brochure informativa, i contributi scritti dai partecipanti e il materiale fotografico da loro consegnato ai laboratori, le schede di segnalazione compilate, e il rapporto finale dai laboratori. Il sito era dotato anche di un forum. Il livello di utilizzo del sito e del forum sono però risultati bassi segno che tra la popolazione prevalgono ancora mezzi di comunicazione più tradizionali. È stata stampata una brochure informativa di 24 pagine (Guida al Piano strutturale) che è stata distribuita al domicilio degli iscritti alle giornate di laboratorio mediante messo comunale e distribuita all Urp, oltre che caricata sul sito. Il rapporto finale è stato inviato via mail a tutti gli iscritti che ne sono in possesso, pubblicato sul sito, e stampato in alcune copie da distribuire presso l Urp. In occasione dell assemblea finale sono stati stampati 3 pannelli in forex che sono stati esposti nella sala dell assemblea. I pannelli rappresentavano graficamente le proposte dei cittadini. Copia dei pannelli è stata pubblicata anche sul sito 3.4 Restituzione Restituzione degli esiti degli eventi partecipativi ai partecipanti e/o alla comunità alla fine del processo. Nella fase di restituzione i cittadini hanno ricevuto, via mail o in forma cartacea presso L Urp, il rapporto finale e sono stati invitati a partecipare all assemblea conclusiva del 14 luglio. Nel corso della assemblea è stato presentato ai cittadini (sia partecipanti che non) l esito del percorso e l Amministrazione ha espresso le proprie considerazioni su quanto emerso dai laboratori. Per invitare i cittadini a partecipare all Assemblea sono stati affissi dei manifesti sul territorio comunale e sono state inviate mail a coloro che avevano partecipato ai laboratori; i partecipanti sprovvisti di mail sono stati invitati telefonicamente a partecipare all assemblea. All assemblea conclusiva erano presenti circa 50 cittadini ai quali è stato chiesto di compilare un questionario ai fini della valutazione dell impatto sulla creazione di network di cittadini e di incremento del senso di appartenenza al territorio a seguito del Percorso di partecipazione. 12

13 3.5 Monitoraggio ex post Meccanismi o procedure di monitoraggio ex post che coinvolgano i partecipanti in merito alla attuazione delle decisioni assunte. Il monitoraggio avverrà successivamente all adozione del Piano strutturale. La Commissione di garanzia si occuperà di verificare quante e quali delle indicazioni dei cittadini abbiano trovato spazio nel Piano strutturale. Sarà cura della Commissione dare adeguata informazione in proposito ai cittadini in un apposita assemblea pubblica di presentazione del Ps. 3.6 Difficoltà eventualmente insorte La difficoltà principale è stata quella di informare in maniera corretta i cittadini dell obiettivo del percorso. In futuro sarà necessario sperimentare altre forme di informazione pubblica, per esempio, un assemblea di presentazione in ciascuna frazione con l eventuale proiezione di un video che illustri cruciali obiettivi e fasi del processo. La presenza all assemblea dell amministrazione e dei consulenti potrebbe avere l effetto di far comprendere meglio obiettivi e modalità di svolgimento del percorso nonché i diversi ruoli di amministratori e consulenti nello svolgimento del percorso di partecipazione. 3.7 Le risorse impiegate (input) Descrizione delle: risorse logistiche ed organizzative (attrezzature, i locali o spazi,le tecnologie, le attività di registrazione audio/video) I locali utilizzati sono stati la sala del Consiglio comunale nella frazione di Badia al Pino e i circoli ricreativi nelle altre frazioni. L Assemblea conclusiva si è tenuta nella sala del Consiglio comunale risorse umane (esperti coinvolti, unità di personale, volontari) A fianco dei consulenti incaricati si sono occupati delle attività connesse alla preparazione e alla realizzazione del percorso i tecnici dell Ufficio di piano, il garante della comunicazione, l Urp, il messo comunale. In particolare, l Ufficio di piano si è occupato di tutte le attività connesse con la selezione del materiale utile per la diffusione delle informazioni e la creazione di mappe del 13

14 territorio di supporto ai laboratori, gli Uffici comunale (Urp e Ufficio del Garante della Comunicazione) hanno commissionato tutta la stampa tipograifca del materiale, hanno curato la raccolta delle iscrizioni presso l Urp e la distribuzione delle brochure; l Ufficio pubbliche affissioni ha seguito l affissione delle locandine e dei manifesti; gli uffici comunali si sono occupati dell organizzazione del buffet e dell individuazione dei locali in cui svolgere i laboratori altro 14

15 Tabella 1. Schema riassuntivo dei costi effettivi complessivi sostenuti nel progetto. (mantenere la tabella nella stessa pagina) a) costo b) costi effettivi Differenza Voci preventivato nella richiesta di sostegno finali costi preventivati/ef fettivi (% b/a) Attrezzature Locali Consulenze esterne Facilitatori Associazioni Totale Esperti Costi partecipanti Foto, registrazione audio, video Comunicazione, informazione (elencare azioni e relativi costi) Totale Altro (specificare) Altro (specificare) Sito web: euro 513; Stampa di manifesti, opuscoli, brochure: euro 3.890; Numero dedicato giornale La Torre : euro 3.600; Pannelli: euro 2.000; Totale: euro Spese per l affrancatura lettere inviate ai capofamiglia del comune per presentare il progetto partecipativo euro Buffet per gli incontri di frazione euro Totale

16 Tabella 2. Riassunto delle risorse economiche ed organizzative coinvolte nel progetto. (mantenere la tabella nella stessa pagina) a) sostegno richiesto (spesa b) risorse proprie (spesa effettiva) c) totale spesa effettiva effettiva) Risorse economiche (dalla tabella 1) Risorse organizzative (valore economico) Totale Valutazione della congruità delle risorse all efficacia complessiva del processo e ai risultati ottenuti. Riteniamo che le risorse impegnate siano state sufficienti e che i costi sostenuti siano proporzionati all efficacia complessiva del processo. 4. L ESITO DEL PROCESSO (outcome) 4.1 Il grado di soddisfazione dei partecipanti Nonostante le difficoltà che per lo più hanno caratterizzato il primo degli incontri in ciascuna frazione, l esito del lavoro è stato giudicato positivamente dai partecipanti che, al termine del secondo laboratorio, hanno compilato il questionario di valutazione. Dagli 89 partecipanti che hanno compilato il questionario emerge un giudizio sostanzialmente positivo: pressoché la totalità dei partecipanti giudica l esperienza abbastanza (52 partecipanti) o molto interessante (35); 86 partecipanti su 89 affermano che consiglierebbero l esperienza e 85 di loro tornerebbero a ripeterla. Secondo 74 partecipanti su 89 il lavoro emerso dal proprio gruppo è stato utile. I partecipanti hanno apprezzato che la discussione si svolgesse in piccoli gruppi con l aiuto di un facilitatore (79 partecipanti su 89); hanno apprezzato il lavoro sulla mappa (77 su 89) e ritengono di avere ricevuto informazioni sufficienti prima di iniziare il lavoro (69 su 89). 76 partecipanti su 89 ritengono che i canali informativi per coinvolgere la cittadinanza siano stati adeguati. I giorni indicati 16

17 prioritariamente per lo svolgimento di iniziative future di questo genere sono la sera di un giorno feriale e il sabato pomeriggio. 4.2 Il grado di conseguimento degli obbiettivi Il percorso aveva l obiettivo di discutere insieme ai cittadini del Piano strutturale del Comune e in particolare degli elementi utili alla creazione del quadro conoscitivo e ad una prima elaborazione delle strategie per lo sviluppo futuro. L obiettivo è stato raggiunto. 4.3 Risultati (indicatori) prefissi e risultati (indicatori) conseguiti nel progetto. (si prega di mantenere la tabella nella stessa pagina) Risultati attesi Indicatori Risultati conseguiti Raccogliere informazioni generali e specifiche sul territorio che possano arricchire e completare il Quadro Conoscitivo del Piano Strutturale valorizzando le conoscenze degli abitanti. Numero di informazioni, non previste dalle relazioni tecniche del quadro conoscitivo, raccolte tramite il dialogo con la popolazione (ad es. segnalazione manufatti, alberi monumentali, prestazioni del territorio etc.) 29 indicazioni non previste rispetto al Quadro conoscitivo su edifici da tutelare o valorizzare; 9 indicazioni non previste rispetto al Quadro conoscitivo su luoghi da tutelare o valorizzare; 18 indicazioni non previste rispetto al Quadro conoscitivo su strade da tutelare o valorizzare. Formulare con il contributo della popolazione locale linee guida per la stesura dello Statuto del Territorio. Allargare a fasce più ampie della popolazione la riflessione sul Piano strutturale e non limitare i contributi agli addetti ai lavori. Aumentare il senso di appartenenza al territorio Consolidare ed innovare il network relazionale tra i membri delle comunità locali Diffondere una maggiore sensibilità per i temi del governo del territorio. Aumentare la consapevolezza sulle ricadute economiche e sociali delle diverse scelte relative al governo del territorio. Grado di coerenza tra le linee guida formulate nell ambito del processo e lo Statuto del territorio approvato dal Consiglio. Numero di partecipanti non tecnici sul totale dei partecipanti. Grado di appartenenza al territorio percepita dai partecipanti all inizio del processo/ Grado di appartenenza al territorio percepita dai partecipanti alla fine del processo. Da rilevare tramite questionario da somministrare all inizio e alla fine del percorso. Da rilevare tramite questionario da somministrare all inizio e alla fine del percorso. Per verificare se questo risultato sarà raggiunto è necessario attendere la fase di approvazione e di adozione del PS e verificare il numero di indicazioni accolte tra quelle suggerite dai cittadini. Almeno il 90% dei partecipanti era costituito da non addetti ai lavori. Vedi nota nella pagina successiva. Il risultato pare essere stato raggiunto sulla base del numero di partecipanti e in base al genere di indicazioni che sono state raccolte. Il risultato pare essere stato raggiunto sulla base del numero di partecipanti e in base al genere di indicazioni che sono state raccolte. 17

18 Nota: Date le condizioni iniziali di difficoltà di dialogo e di comunicazione con i facilitatori e l equivoco iniziale sulle finalità del percorso non si è ritenuto opportuno somministrare alcun questionario all inizio del laboratorio. Ai fini del buon esito del processo è stato infatti necessario concentrare tutta l attenzione sulla condivisione degli obiettivi di fondo del percorso e sulla creazione di un clima rilassato e amichevole. Si è somministrato il questionario solo al termine del percorso. Pur nella consapevolezza che si tratta di un indicazione parziale poiché non è possibile un confronto tra le opinioni espresse prima del percorso e al termine dello stesso si riportano i risultati del questionario somministrato. Questionario finale per la valutazione dell impatto del Percorso di partecipazione sull incremento del senso di appartenenza al territorio e del network dei cittadini. Il questionario è stato distribuito in occasione della Assemblea conclusiva alla quale erano presenti una cinquantina di cittadini di questi 32 hanno compilato il questionario. Tra coloro che hanno risposto 20 cittadini avevano partecipato ai laboratori mentre 12 non erano stati presenti; di questi ultimi la metà sarebbe interessato a parteciparvi in futuro. Tra coloro che hanno partecipato ai laboratori di frazione (20 cittadini) la metà li considera utili e interessanti mentre 4 interessanti ma non molto utili. I cittadini che hanno partecipato ritengono che siano stati utili soprattutto come momento di riflessione sul territorio e per comprendere come l Amministrazione procede alla redazione del Piano Strutturale. È di particolare interesse che più della metà di coloro che hanno partecipato ai laboratori hanno continuato a parlarne anche successivamente alla conclusione dei laboratori e ipotizzano di potere continuare a parlarne in futuro sia con gli altri partecipanti che con persone che non abbiano partecipato. Quasi la totalità di coloro che hanno partecipato ai laboratori (18 cittadini) ha espresso il desiderio di partecipare ad iniziative di questo genere e più della metà ha affermato che i laboratori hanno prodotto della curiosità anche verso le frazioni in cui non abitano L influenza sulle scelte o politiche oggetto del processo Il processo partecipativo si è inserito in una fase preventiva all avvio del procedimento per cui al momento della conclusione dello stesso non sono state fatte delle scelte dall Amministrazione. Il Sindaco e gli Assessori comunali presenti all assemblea pubblica hanno ribadito che terranno in considerazione al momento dell adozione degli atti di competenza comunale i risultati del percorso partecipativo. 4.5 Impatto sulla comunità In questa fase in cui non si è proceduto ancora all adozione del Piano è ancora difficile dirlo. Sarà opportuno provare ad esprimere una riflessione successivamente. 18

19 5. EVENTUALI ALTRI ELEMENTI UTILI In occasione di un eventuale successivo percorso partecipativo sarebbe utile utilizzare più canali informativi (comunicazioni mirate, informazione stampa e tv, e altre azioni) per il coinvolgimento della popolazione soprattutto nelle piccole frazioni. Il materiale prodotto al termine del percorso è allegato alla presente relazione in duplice copia. 19

20 SOGGETTO FINANZIATO... CONTRIBUTO CONCESSO RIFERIMENTO VOCI FINANZIATE SPESA PREVISTA COME DA SCHEDA PROGETTO (Tab 2 C) SPESA EFFETTIVA Consulenze esterne Facilitatori // // Associazioni // // TOTALE PARZIALE Attrezzature Locali Esperti Costi per partecipanti // // Foto, registrazione audio, video Altro (aggiornamento sito webb, opuscoli, brochure, grafica,stampa, numero dedicato giornale La Torre, pannelli mappe comunità) Altro (spese per affrancature lettere inviate capifamiglia, // //

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Programma delle lezioni CORSO DI URBANISTICA

Programma delle lezioni CORSO DI URBANISTICA a CORSO DI URBANISTICA STRUMENTI INNOVATIVI PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO Obiettivi formativi Il corso di è un insegnamento importante per il curriculum formativo dell ingegnere edile che vorrà operare

Dettagli

LFS2 Andata Feriale Arezzo-Viciomaggio-Badia al Pino

LFS2 Andata Feriale Arezzo-Viciomaggio-Badia al Pino LFS2 Andata Feriale Arezzo-Viciomaggio-Badia al Pino CodCorsa 3735 3734 3736 4021 3737 3738 4142 4141 Note L S S 3739 3769 3740 10937 3742 AREZZO G.M.(ex Coin) 6.45 6.45 7.00 7.45 8.10 9.10 10.10 11.10

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

La carta dei servizi al cliente

La carta dei servizi al cliente La carta dei servizi al cliente novembre 2013 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi dell ICE Agenzia si ispira alle direttive nazionali ed europee in tema di qualità dei servizi e rappresenta

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Servizio Attività del Tempo Libero 1 REALIZZATA A CURA DI: Servizio Attività del Tempo Libero Comune di Bolzano Michela Voltani Elena Bettini Anita Migl COORDINAMENTO PROGETTO Cristina

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

COMUNE di F AE N Z A

COMUNE di F AE N Z A All. G COMUNE di F AE N Z A Settore Territorio ADOZIONE ATTO C.C. n. 73 del 10.02.2010 PUBBLICAZIONE BUR n. 54 del 31.03.2010 APPROVAZIONE ATTO C.C. n. 290 del 21/11/2011 PUBBLICAZIONE BUR n. del ATTI

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli