Partecipare per decidere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Partecipare per decidere"

Transcript

1 COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA Partecipare per decidere Relazione finale del percorso di partecipazione 1

2 RIASSUNTO/abstract Il processo partecipativo Partecipare per decidere è stato avviato dal Comune di Civitella in Val di Chiana, con il sostegno dell Autorità regionale per la partecipazione, nello scorso febbraio. L Amministrazione comunale - come previsto dalla legge regionale 1/2005 sul governo del territorio - ha avviato un confronto con i propri cittadini in occasione della stesura della Variante generale al Piano strutturale. Mediante il percorso partecipativo i cittadini sono stati chiamati a identificare le caratteristiche del territorio, i suoi pro e i suoi contro, a portare all attenzione dei progettisti i luoghi di particolare pregio (beni artistici, architettonici, paesaggistici e naturali anche minori) o i luoghi a cui essi sono particolarmente affezionati e ad avviare una discussione sulle strategie e le linee di sviluppo per il futuro del territorio comunale. Il percorso si è articolato in tre fasi successive comprendenti attività di informazione, ascolto e di partecipazione vera e propria. Nella prima fase tra febbraio e aprile sono stati predisposti gli strumenti di informazione e comunicazione a supporto e promozione del processo partecipativo. L obiettivo di questa fase era di garantire la massima diffusione dell informazione mettendo i cittadini a conoscenza del percorso e suggerendo loro l opportunità di parteciparvi. A tale fine sono stati realizzati: il sito internet in cui sono stati pubblicati il calendario degli eventi e delle attività e tutta la documentazione relativa al Piano Strutturale comprendente sia i documenti tecnici e dell amministrazione che il materiale relativo al percorso di partecipazione; l indirizzo mail per richiedere informazioni e inviare suggerimenti; un articolo sul Mensile del Comune di Civitella in Val di Chiana la Torre informa di marzo In allegato al periodico è stata distribuita a tutte le famiglie una scheda per la segnalazione di luoghi, edifici, monumenti, elementi naturali che considerano importanti per il territorio di Civitella e che vorrebbero tutelare; l affissione di manifesti e la distribuzione delle locandine nei luoghi pubblici del territorio comunale. Nello stesso periodo sono state realizzate circa 15 interviste e incontri con rappresentanti della società civile e con le realtà associative del territorio: sono cioè state raccolte le opinioni di persone che per ruolo, professione o esperienza personale potevano offrire un primo sguardo sulle caratteristiche e le prospettive di sviluppo del territorio. In queste occasioni si è provveduto anche a creare canali informali per incrementare una diffusione capillare sul territorio delle informazioni circa il processo partecipativo. 2

3 A garanzia dell indipendenza e della trasparenza del processo di partecipazione è stata creata una Commissione di Garanzia composta dal Sindaco, dal dirigente responsabile dell Ufficio di Piano, da Alessandro Sacconi, consigliere di maggioranza e da Stefano Mencucci consigliere di minoranza. La Commissione si è riunita periodicamente per monitorare l andamento del processo e per validare le decisioni metodologiche e operative. Contemporaneamente si sono svolte, secondo un calendario reso pubblico sul sito internet le giornate in piazza cioè alcuni momenti di incontro diretto con i cittadini per informare dell iniziativa, spiegare l obiettivo e lo spirito del percorso e invitare ad iscriversi e partecipare. Le giornate si sono tenute presso alcuni dei principali luoghi di ritrovo della popolazione: all uscita delle scuole, presso alcuni circoli ricreativi e davanti alle principali attività commerciali del territorio comunale. Nella settimana precedente gli incontri 1 è stata inviata una lettera d invito a tutte le famiglie residenti nel territorio comunale per sollecitare la partecipazione dando indicazioni precise sul calendario dei laboratori. Questa operazione è stata rafforzata da un attività di chiamate telefoniche a campione che ha interessato tutte le frazioni. Nella stessa settimana presso l URP del Comune e sul sito internet è stata messa a disposizione dei cittadini la "Guida del partecipante 2 ", un opuscolo informativo per illustrare le finalità del Piano Strutturale e le tappe attraverso cui esso si costruisce e approva; sono state spiegate anche le caratteristiche e gli obiettivi del processo partecipativo, il tipo di lavoro che sarebbe stato proposto ai cittadini durante i laboratori, e gli orientamenti di massima dell amministrazione rispetto al Piano strutturale. La seconda fase, che ha costituto il cuore del percorso, ha visto il coinvolgimento attivo dei cittadini nei laboratori di frazione con l obiettivo di raccogliere informazioni, idee e proposte da tutti coloro che vivono e lavorano nel territorio. I laboratori di frazione - organizzati in piccoli gruppi di discussione e guidati ciascuno da due facilitatrici hanno coinvolto tutte le frazioni che compongono il comune di Civitella in Val di Chiana: ciascuna frazione (o gruppo di frazioni) si è incontrato per due volte a distanza di una settimana. Nel corso della prima giornata sono stati tracciati gli elementi di opportunità e criticità del territorio e durante la seconda giornata l insieme delle indicazioni emerse è stato analizzato in maniera critica puntando ad identificare delle strategie di sviluppo futuro. In alcuni casi è stato possibile localizzare su una mappa del territorio i luoghi significativi emersi dal lavoro dei cittadini; alcuni partecipanti hanno contribuito portando fotografie e disegni di alcuni luoghi di pregio o da tutelare del territorio. La terza fase ha visto la consegna del Rapporto ai cittadini e l Assemblea pubblica di restituzione del 14 luglio. 1 È da segnalare a questo proposito tuttavia che la frazione di Pieve a Maiano ha ricevuto la comunicazione con un significativo ritardo. 2 La guida è stata anche inviata via mail ai cittadini iscritti ai laboratori. 3

4 1. DESCRIZIONE DEL PROCESSO PARTECIPATIVO 1.1 Titolo del progetto Partecipare per decidere: percorso partecipativo per il Piano strutturale di Civitella in Val di Chiana 1.2 Richiedente/i del sostegno regionale Comune di Civitella in Val di Chiana 1.3 Referente (e relativi recapiti) Gabriella Arnaldi tel. 0575/445322; fax.0575/445350; mail. 1.4 Oggetto del processo partecipativo La redazione del Piano strutturale: la compilazione del Quadro conoscitivo e l elaborazione delle prime strategie di sviluppo futuro. 1.5 Fasi in cui si articola il progetto e loro funzione 1. Fase preliminare di preparazione e di informazione 2. Fase di discussione 3. Fase conclusiva 1.6 Tempi e durata del processo partecipativo (date inizio e fine, durata complessiva, ritardi) Il percorso è stato avviato in ritardo rispetto a quanto previsto i sede di progetto per consentire un migliore e maggiore coordinamento del percorso stesso con il lavoro dei tecnici dell Ufficio di piano. Il percorso è stato dunque avviato nel mese di aprile, anziché nel mese di novembre 2008, e si è concluso nel mese di luglio, per una durata complessiva di quasi 4 mesi. 4

5 1.7 Cronogramma (GANTT) dei tempi effettivi Aprile Maggio Giugno Luglio Interviste a stakeholder Preparazione guida (testi e impianto grafico) Preparazione manifesti e locandine e pieghevoli Giornate in piazza Laboratori di discussione Stesura rapporto Assemblea conclusiva 1.8 Come si inserisce lo specifico processo nelle politiche e nelle modalità d azione del proponente, sia rispetto al passato che al futuro Già nel 1998/99 durante la fase di adozione del nuovo Regolamento Urbanistico l Amministrazione Comunale aveva sperimentato un processo partecipativo/informativo simile all attuale. La popolazione delle singole frazioni era stata coinvolta in incontri pubblici/assemblee in cui i redattori del Piano avevano illustrato le ipotesi formulate per la pianificazione e lo sviluppo dei singoli luoghi chiedendo alla comunità locale proposte e suggerimenti. Era stata poi organizzata una assemblea generale/finale con il coinvolgimento anche delle associazioni di categoria, sindacati, ordini professionali (ingegneri, architetti, geometri), presente anche il Garante della Comunicazione che aveva svolto una sua parallela ma autonoma attività informativa. I risultati di detta attività, le idee e le proposte erano state tenute in considerazione dall Amministrazione comunale ed erano servite alla stesura definitiva e finale del Regolamento Urbanistico. Questa attività di preventiva informazione e poi anche di partecipazione aveva fatto sì, ad esempio, che le osservazioni al regolamento urbanistico fossero state poi un numero abbastanza contenuto (171). L Amministrazione ha intenzione di utilizzare un nuovo processo partecipativo durante le future fasi di adozione e di definitiva approvazione del nuovo Piano Strutturale. 5

6 2. IL CONTESTO IN CUI SI E SVOLTO IL PROCESSO PARTECIPATIVO 2.1 Elementi conoscitivi elementi significativi per comprendere il contesto e problematicità Il territorio di Civitella Val di Chiana è suddiviso in numerose frazioni e privo di un vero centro di riferimento. Gli abitanti sono molto legati alle singole frazioni e fanno riferimento ad Arezzo per molti dei loro impegni quotidiani. Alcune delle frazioni soffrono di spopolamento e altre quelle di pianura, al contrario, di una recente espansione edilizia e urbanizzazione che rischia di far diventare le frazioni dei veri e propri quartieri dormitorio. A livello urbanistico le frazioni risentono della mancanza di piazze e luoghi di incontro e di limiti alla socialità. Nel corso delle attività di informazione e di outreach sono state incontrate grandi difficoltà nell entrare in contatto con la popolazione proprio per la mancanza di luoghi di aggregazione naturali. Inoltre non sono numerose le attività associative davvero attive né i comitati. 3. IL PROCESSO PARTECIPATIVO 3.1 Partecipanti (per fasi) Chi e quanti Ai laboratori organizzati nel Comune di Civitella in Val di Chiana sul Piano strutturale hanno partecipato in totale 205 persone (32 donne e 173 uomini) con una maggiore presenza alla prima giornata (181 cittadini) e inferiore alla seconda (92 cittadini) Come sono stati selezionati L invito a partecipare è stato inviato a tutti i cittadini con una lettera ai capofamiglia. Successivamente all invio delle lettere di invito sono state effettuate delle telefonate a campione per sollecitare i cittadini ad iscriversi e partecipare. Agli incontri erano presenti prevalentemente cittadini ordinari non appartenenti ad associazioni e prevalentemente uomini. 6

7 Quanto sono rappresentativi della comunità I cittadini che hanno preso parte ai laboratori erano rappresentativi prevalentemente della comunità maschile del comune. È probabile che una maggiore presenza di donne, che pure è stata sollecitata, avrebbe portato alla discussioni anche tematiche caratterizzate da sfaccettature differenti rispetto a quelle emerse e avrebbero garantito alla discussione una migliore rappresentanza delle istanze della componente femminile della comunità locale Inclusione, in particolare di minoranze, soggetti deboli o svantaggiati, compresi i diversamente abili, nonché gruppi sociali o culturali diversi Ai laboratori non hanno preso parte cittadini diversamente abili. Ad un laboratorio era presente un cittadino immigrato La partecipazione paritaria di genere Come si è accennato sopra il numero di donne che hanno preso parte al processo è piuttosto esiguo questo nonostante il primo incontro laboratoriale sia stato fissato al pomeriggio per facilitare la partecipazione delle donne, che si supponeva avrebbero trovato maggiori difficoltà a partecipare di sera; e nonostante siano stati realizzati dei momenti di incontro coi cittadini proprio di fronte alle scuole delle varie frazioni che si supponeva fossero dei luoghi adatti per incontrare le donne. In una successiva occasione sarà opportuno adoperare una cura ancora maggiore nel sollecitare la partecipazione femminile prevedendo momenti e utilizzando metodi specifici per coinvolgere le donne e prevedendo anche un servizio di baby sitting. 3.2 Metodi/tecniche impiegati (per fasi) Elenco degli eventi partecipativi (date effettive) GIORNATE IN PIAZZA Venerdì 24 aprile nel pomeriggio CNA Arezzo 4 maggio Uscita scuola Ciggiano mattina e Plesso Arcobaleno 7

8 Giovedì 5 maggio mattina Circolo del Tongo Uscita delle scuole Badia al Pino elementare 12,30- media 13,00 Sabato 9 maggio pomeriggio Circoli sportivi (Pieve a Maiano, Viciomaggio, Tegoleto, Badia) mercatino della Solidarietà Supermercato Sabato 9 maggio dopo cena: Circolo Arci Ciggiano Circolo MCL Spoiano Circolo Badia al Pino Circolo Pieve al Toppo Domenica 10 maggio di mattina Circolo Arci Tuori Uscita dalla messa Badia al Pino LABORATORI 15 e 23 maggio Badia al Pino (presso la sala consiliare), Pieve al Toppo (presso il Circolo Arci), Tegoleto (presso il Centro di Aggregazione), Ciggiano (presso la Sala della Filarmonica). 16 e 22 maggio Viciomaggio-Tuori (presso la Polisportiva di Viciomaggio), Pieve a Maiano (presso la Sala Parrocchiale), Albergo-Oliveto-Spoiano (presso la Polisportiva), Civitella (presso il Circolo). 14 luglio Assemblea conclusiva nella sala Comunale di Badia al Pino Metodi, tecniche o approcci impiegati L intero processo è stato gestito in modo molto strutturato. Nella prima fase si sono realizzate le interviste agli stakeholders e le giornate di outreach in piazza per informare i cittadini e coinvolgerli nel processo. Sempre nella fase informativa sono state inviate le lettere di invito a tutte le famiglie ed è stato costruito e messo on line il sito web. Per consentire una partecipazione più attenta è stata predisposta e distribuita agli iscritti una guida al percorso e al piano strutturale. Le giornate di lavoro sono state organizzate per frazione in modo da assicurare una maggiore partecipazione da parte dei cittadini. 8

9 Congruità dei metodi impiegati con le finalità e l oggetto del progetto Il lavoro in piccoli gruppi di frazione è sembrato il più adeguato sia rispetto alle finalità e l oggetto del processo che rispetto alle caratteristiche del territorio. Infatti poiché si trattava di un territorio molto frazionato si è preferito organizzare il percorso secondo una metodologia laboratoriale di frazione per arrivare a coinvolgere i cittadini proprio nell area in cui vivono. Ciò nonostante, nel caso delle frazioni più piccole e più vicine che sono state accorpate in un unico appuntamento, hanno partecipato quasi esclusivamente i cittadini della frazione ospitante. La scelta del lavoro sulle frazioni si è dimostrata dunque, l unica possibile in questo contesto e in questo momento poiché si è rilevata una grande difficoltà a lavorare su un idea comune di territorio poiché i cittadini si sono mostrati piuttosto legati ad una dimensione di frazione. Data la conformazione urbanistica e le caratteristiche sociali del Comune, invece, le giornate in piazza non hanno consentito di raggiungere grandissimi risultati poiché è risultato davvero complicato trovare luoghi in cui vi fosse possibile incontrare cittadini ed entrare in contatto con essi Il clima degli incontri Il primo incontro di ciascuna frazione, come già accennato, è stato caratterizzato dal desiderio di un certo numero di partecipanti di trattare questioni individuali. Si è rilevato anche un iniziale sospetto verso le facilitatici che venendo da fuori erano considerate non in grado di comprendere i problemi del Comune e come un inadeguato sostituto dell amministrazione. Tra il primo e il secondo incontro però, via via, che gli obiettivi si sono chiariti i partecipanti hanno mostrato di sapere dialogare anche con le facilitatici dando loro fiducia e mostrandosi propensi a sperimentare questa modalità di dialogo nuova Adattamento e flessibilità nella gestione degli eventi partecipativi All avvio del primo laboratorio l unica richiesta dei partecipanti è stata relativa all orario dell incontro dei laboratori poiché l orario tardo pomeridiano non soddisfaceva le esigenze di tutti. Per questo il secondo laboratorio in tutte le frazioni è stato perciò fissato all orario richiesto dai partecipanti. Altro elemento di adattamento è stato relativo alle giornate in piazza: via via che si sono incontrate le difficoltà di incontro coi cittadini si sono riadattate i luoghi e gli orari nei quali incontrare i cittadini per tentare di intercettarne un numero più consistente. 9

10 Informazioni ricevute dai partecipanti sui temi del processo e sui suoi scopi; ascolto di opinioni di esperti e/o portatori di interessi In tutte le occasioni (interviste, outreach, diffusione di materiale informativo, laboratori) è stato chiarito ai partecipanti che l obiettivo del percorso era di contribuire alla costruzione del Quadro conoscitivo e alle strategie del PS del Comune. A tale scopo è stato distribuita una brochure informativa di circa 20 pagine che illustravano gli obiettivi del percorso, e dava dei cenni sull iter di formazione, approvazione e adozione del piano strutturale. Date le caratteristiche del percorso non vi erano veri e propri portatori di interesse da ascoltare Inclusività degli eventi partecipativi (assicurare la parità di espressione di tutti i punti di vista e di eguaglianza di accesso alla discussione. Benché nel corso del primo incontro la numerosità dei partecipanti abbiano reso difficoltoso l avvio del lavoro è stato possibile raggiungere livelli interessanti di confronto tra i partecipanti. Nel primo laboratorio i partecipanti, numerosi, hanno avuto necessità di trovare un ritmo per evitare di parlare tutti contemporaneamente, di parlarsi addosso, di trattare argomenti non pertinenti al tema. In alcuni casi è stato utile interrompere il lavoro e anticipare il momento della pausa caffè per consentire di riportare alla calma il gruppo e riavviare il lavoro su un registro più ordinato. Nella seconda parte degli incontri e nel secondo incontro il lavoro è stato svolto con maggiore tranquillità. Si sottolinea però che non vi è stato un problema di prevaricazione da parte di alcuni cittadini su altri ma solo dei momenti di dialogo concitati nei quali tutti tendevano a parlare contemporaneamente. Nel corso del secondo incontro, soprattutto in alcune frazioni, i partecipanti che portavano delle opinioni frutto di riflessioni attente sul futuro del territorio hanno trovato ascolto tra gli altri cittadini anche quando le idee espresse erano in contrasto con quanto sostenuto dagli altri e hanno consentito di avviare un vero dialogo costruttivo che ha condotto, in alcuni casi, a indicare una sintesi tra le diverse idee espresse Neutralità e imparzialità del processo: le garanzie È stata creata una commissione di garanzia composta dal sindaco, dal garante della comunicazione, e da due consiglieri (uno di maggioranza e uno di minoranza). La commissione si è riunita due volte e ha seguito l iter del percorso. 10

11 Performance: cosa ha funzionato e cosa meno Rispetto alle aspettative non hanno funzionato sufficientemente bene, come già accennato sopra, le giornate di outreach perché il contesto urbano e sociale non si è dimostrato adatto a questa modalità di interazione con i cittadini che è probabilmente più adatta in contesti in cui le occasioni di socialità comunitaria siano più numerosi e più solidi e in cui una rete associativa e di raggruppamenti della società civile crea occasioni di incontro nelle quali innestarsi. Lo scarso successo dei momenti di informazione previsti non ha avuto ripercussioni sulla quantità di partecipanti ma ha avuto, almeno nel primo incontro, delle conseguenze in quanto a consapevolezza diffusa dei partecipanti degli obiettivi del percorso di partecipazione. Non pochi, infatti, al primo incontro hanno ritenuto che il laboratorio fosse la sede deputata a trattare particolarissime questioni personali per lo più legate ai permessi edilizi e non ad una riflessione più generale sulle caratteristiche e lo sviluppo futuro del Comune. Nonostante ciò nel corso del primo incontro e, soprattutto, nel secondo laboratorio i partecipanti hanno compreso l obiettivo e hanno lavorato in modo positivo e proficuo Il consulente esterno Il percorso è stato gestito da Sociolab snc in quanto è stato ritenuto fondamentale che l attività venisse svolta da un soggetto terzo che garantisse quindi imparzialità nonché specifica professionalità. 3.3 Comunicazione e informazione Le attività di comunicazione rivolte alla comunità interessata, prima, durante e dopo il processo. Sul periodico del Comune che viene recapitato a tutte le famiglie è stato pubblicato nel mese di marzo 2009 un articolo illustrativo degli obiettivi e delle modalità di realizzazione del percorso e una scheda di segnalazione per raccogliere una prima indicazione di luoghi che a parere dei cittadini andavano tutelati o preservati. Il Comune, pur non essendo previsto in questo progetto, ha messo on line un sito dedicato al piano strutturale (www.pscivichiana.it) nel quale vi sono alcune pagine dedicate al percorso di partecipazione. Il sito è stato aggiornato sia di 11

12 tutte le date di calendario relative agli incontri del percorso di partecipazione sia del materiale via via prodotto. In particolare sono stati resi scaricabili da l sito la brochure informativa, i contributi scritti dai partecipanti e il materiale fotografico da loro consegnato ai laboratori, le schede di segnalazione compilate, e il rapporto finale dai laboratori. Il sito era dotato anche di un forum. Il livello di utilizzo del sito e del forum sono però risultati bassi segno che tra la popolazione prevalgono ancora mezzi di comunicazione più tradizionali. È stata stampata una brochure informativa di 24 pagine (Guida al Piano strutturale) che è stata distribuita al domicilio degli iscritti alle giornate di laboratorio mediante messo comunale e distribuita all Urp, oltre che caricata sul sito. Il rapporto finale è stato inviato via mail a tutti gli iscritti che ne sono in possesso, pubblicato sul sito, e stampato in alcune copie da distribuire presso l Urp. In occasione dell assemblea finale sono stati stampati 3 pannelli in forex che sono stati esposti nella sala dell assemblea. I pannelli rappresentavano graficamente le proposte dei cittadini. Copia dei pannelli è stata pubblicata anche sul sito 3.4 Restituzione Restituzione degli esiti degli eventi partecipativi ai partecipanti e/o alla comunità alla fine del processo. Nella fase di restituzione i cittadini hanno ricevuto, via mail o in forma cartacea presso L Urp, il rapporto finale e sono stati invitati a partecipare all assemblea conclusiva del 14 luglio. Nel corso della assemblea è stato presentato ai cittadini (sia partecipanti che non) l esito del percorso e l Amministrazione ha espresso le proprie considerazioni su quanto emerso dai laboratori. Per invitare i cittadini a partecipare all Assemblea sono stati affissi dei manifesti sul territorio comunale e sono state inviate mail a coloro che avevano partecipato ai laboratori; i partecipanti sprovvisti di mail sono stati invitati telefonicamente a partecipare all assemblea. All assemblea conclusiva erano presenti circa 50 cittadini ai quali è stato chiesto di compilare un questionario ai fini della valutazione dell impatto sulla creazione di network di cittadini e di incremento del senso di appartenenza al territorio a seguito del Percorso di partecipazione. 12

13 3.5 Monitoraggio ex post Meccanismi o procedure di monitoraggio ex post che coinvolgano i partecipanti in merito alla attuazione delle decisioni assunte. Il monitoraggio avverrà successivamente all adozione del Piano strutturale. La Commissione di garanzia si occuperà di verificare quante e quali delle indicazioni dei cittadini abbiano trovato spazio nel Piano strutturale. Sarà cura della Commissione dare adeguata informazione in proposito ai cittadini in un apposita assemblea pubblica di presentazione del Ps. 3.6 Difficoltà eventualmente insorte La difficoltà principale è stata quella di informare in maniera corretta i cittadini dell obiettivo del percorso. In futuro sarà necessario sperimentare altre forme di informazione pubblica, per esempio, un assemblea di presentazione in ciascuna frazione con l eventuale proiezione di un video che illustri cruciali obiettivi e fasi del processo. La presenza all assemblea dell amministrazione e dei consulenti potrebbe avere l effetto di far comprendere meglio obiettivi e modalità di svolgimento del percorso nonché i diversi ruoli di amministratori e consulenti nello svolgimento del percorso di partecipazione. 3.7 Le risorse impiegate (input) Descrizione delle: risorse logistiche ed organizzative (attrezzature, i locali o spazi,le tecnologie, le attività di registrazione audio/video) I locali utilizzati sono stati la sala del Consiglio comunale nella frazione di Badia al Pino e i circoli ricreativi nelle altre frazioni. L Assemblea conclusiva si è tenuta nella sala del Consiglio comunale risorse umane (esperti coinvolti, unità di personale, volontari) A fianco dei consulenti incaricati si sono occupati delle attività connesse alla preparazione e alla realizzazione del percorso i tecnici dell Ufficio di piano, il garante della comunicazione, l Urp, il messo comunale. In particolare, l Ufficio di piano si è occupato di tutte le attività connesse con la selezione del materiale utile per la diffusione delle informazioni e la creazione di mappe del 13

14 territorio di supporto ai laboratori, gli Uffici comunale (Urp e Ufficio del Garante della Comunicazione) hanno commissionato tutta la stampa tipograifca del materiale, hanno curato la raccolta delle iscrizioni presso l Urp e la distribuzione delle brochure; l Ufficio pubbliche affissioni ha seguito l affissione delle locandine e dei manifesti; gli uffici comunali si sono occupati dell organizzazione del buffet e dell individuazione dei locali in cui svolgere i laboratori altro 14

15 Tabella 1. Schema riassuntivo dei costi effettivi complessivi sostenuti nel progetto. (mantenere la tabella nella stessa pagina) a) costo b) costi effettivi Differenza Voci preventivato nella richiesta di sostegno finali costi preventivati/ef fettivi (% b/a) Attrezzature Locali Consulenze esterne Facilitatori Associazioni Totale Esperti Costi partecipanti Foto, registrazione audio, video Comunicazione, informazione (elencare azioni e relativi costi) Totale Altro (specificare) Altro (specificare) Sito web: euro 513; Stampa di manifesti, opuscoli, brochure: euro 3.890; Numero dedicato giornale La Torre : euro 3.600; Pannelli: euro 2.000; Totale: euro Spese per l affrancatura lettere inviate ai capofamiglia del comune per presentare il progetto partecipativo euro Buffet per gli incontri di frazione euro Totale

16 Tabella 2. Riassunto delle risorse economiche ed organizzative coinvolte nel progetto. (mantenere la tabella nella stessa pagina) a) sostegno richiesto (spesa b) risorse proprie (spesa effettiva) c) totale spesa effettiva effettiva) Risorse economiche (dalla tabella 1) Risorse organizzative (valore economico) Totale Valutazione della congruità delle risorse all efficacia complessiva del processo e ai risultati ottenuti. Riteniamo che le risorse impegnate siano state sufficienti e che i costi sostenuti siano proporzionati all efficacia complessiva del processo. 4. L ESITO DEL PROCESSO (outcome) 4.1 Il grado di soddisfazione dei partecipanti Nonostante le difficoltà che per lo più hanno caratterizzato il primo degli incontri in ciascuna frazione, l esito del lavoro è stato giudicato positivamente dai partecipanti che, al termine del secondo laboratorio, hanno compilato il questionario di valutazione. Dagli 89 partecipanti che hanno compilato il questionario emerge un giudizio sostanzialmente positivo: pressoché la totalità dei partecipanti giudica l esperienza abbastanza (52 partecipanti) o molto interessante (35); 86 partecipanti su 89 affermano che consiglierebbero l esperienza e 85 di loro tornerebbero a ripeterla. Secondo 74 partecipanti su 89 il lavoro emerso dal proprio gruppo è stato utile. I partecipanti hanno apprezzato che la discussione si svolgesse in piccoli gruppi con l aiuto di un facilitatore (79 partecipanti su 89); hanno apprezzato il lavoro sulla mappa (77 su 89) e ritengono di avere ricevuto informazioni sufficienti prima di iniziare il lavoro (69 su 89). 76 partecipanti su 89 ritengono che i canali informativi per coinvolgere la cittadinanza siano stati adeguati. I giorni indicati 16

17 prioritariamente per lo svolgimento di iniziative future di questo genere sono la sera di un giorno feriale e il sabato pomeriggio. 4.2 Il grado di conseguimento degli obbiettivi Il percorso aveva l obiettivo di discutere insieme ai cittadini del Piano strutturale del Comune e in particolare degli elementi utili alla creazione del quadro conoscitivo e ad una prima elaborazione delle strategie per lo sviluppo futuro. L obiettivo è stato raggiunto. 4.3 Risultati (indicatori) prefissi e risultati (indicatori) conseguiti nel progetto. (si prega di mantenere la tabella nella stessa pagina) Risultati attesi Indicatori Risultati conseguiti Raccogliere informazioni generali e specifiche sul territorio che possano arricchire e completare il Quadro Conoscitivo del Piano Strutturale valorizzando le conoscenze degli abitanti. Numero di informazioni, non previste dalle relazioni tecniche del quadro conoscitivo, raccolte tramite il dialogo con la popolazione (ad es. segnalazione manufatti, alberi monumentali, prestazioni del territorio etc.) 29 indicazioni non previste rispetto al Quadro conoscitivo su edifici da tutelare o valorizzare; 9 indicazioni non previste rispetto al Quadro conoscitivo su luoghi da tutelare o valorizzare; 18 indicazioni non previste rispetto al Quadro conoscitivo su strade da tutelare o valorizzare. Formulare con il contributo della popolazione locale linee guida per la stesura dello Statuto del Territorio. Allargare a fasce più ampie della popolazione la riflessione sul Piano strutturale e non limitare i contributi agli addetti ai lavori. Aumentare il senso di appartenenza al territorio Consolidare ed innovare il network relazionale tra i membri delle comunità locali Diffondere una maggiore sensibilità per i temi del governo del territorio. Aumentare la consapevolezza sulle ricadute economiche e sociali delle diverse scelte relative al governo del territorio. Grado di coerenza tra le linee guida formulate nell ambito del processo e lo Statuto del territorio approvato dal Consiglio. Numero di partecipanti non tecnici sul totale dei partecipanti. Grado di appartenenza al territorio percepita dai partecipanti all inizio del processo/ Grado di appartenenza al territorio percepita dai partecipanti alla fine del processo. Da rilevare tramite questionario da somministrare all inizio e alla fine del percorso. Da rilevare tramite questionario da somministrare all inizio e alla fine del percorso. Per verificare se questo risultato sarà raggiunto è necessario attendere la fase di approvazione e di adozione del PS e verificare il numero di indicazioni accolte tra quelle suggerite dai cittadini. Almeno il 90% dei partecipanti era costituito da non addetti ai lavori. Vedi nota nella pagina successiva. Il risultato pare essere stato raggiunto sulla base del numero di partecipanti e in base al genere di indicazioni che sono state raccolte. Il risultato pare essere stato raggiunto sulla base del numero di partecipanti e in base al genere di indicazioni che sono state raccolte. 17

18 Nota: Date le condizioni iniziali di difficoltà di dialogo e di comunicazione con i facilitatori e l equivoco iniziale sulle finalità del percorso non si è ritenuto opportuno somministrare alcun questionario all inizio del laboratorio. Ai fini del buon esito del processo è stato infatti necessario concentrare tutta l attenzione sulla condivisione degli obiettivi di fondo del percorso e sulla creazione di un clima rilassato e amichevole. Si è somministrato il questionario solo al termine del percorso. Pur nella consapevolezza che si tratta di un indicazione parziale poiché non è possibile un confronto tra le opinioni espresse prima del percorso e al termine dello stesso si riportano i risultati del questionario somministrato. Questionario finale per la valutazione dell impatto del Percorso di partecipazione sull incremento del senso di appartenenza al territorio e del network dei cittadini. Il questionario è stato distribuito in occasione della Assemblea conclusiva alla quale erano presenti una cinquantina di cittadini di questi 32 hanno compilato il questionario. Tra coloro che hanno risposto 20 cittadini avevano partecipato ai laboratori mentre 12 non erano stati presenti; di questi ultimi la metà sarebbe interessato a parteciparvi in futuro. Tra coloro che hanno partecipato ai laboratori di frazione (20 cittadini) la metà li considera utili e interessanti mentre 4 interessanti ma non molto utili. I cittadini che hanno partecipato ritengono che siano stati utili soprattutto come momento di riflessione sul territorio e per comprendere come l Amministrazione procede alla redazione del Piano Strutturale. È di particolare interesse che più della metà di coloro che hanno partecipato ai laboratori hanno continuato a parlarne anche successivamente alla conclusione dei laboratori e ipotizzano di potere continuare a parlarne in futuro sia con gli altri partecipanti che con persone che non abbiano partecipato. Quasi la totalità di coloro che hanno partecipato ai laboratori (18 cittadini) ha espresso il desiderio di partecipare ad iniziative di questo genere e più della metà ha affermato che i laboratori hanno prodotto della curiosità anche verso le frazioni in cui non abitano L influenza sulle scelte o politiche oggetto del processo Il processo partecipativo si è inserito in una fase preventiva all avvio del procedimento per cui al momento della conclusione dello stesso non sono state fatte delle scelte dall Amministrazione. Il Sindaco e gli Assessori comunali presenti all assemblea pubblica hanno ribadito che terranno in considerazione al momento dell adozione degli atti di competenza comunale i risultati del percorso partecipativo. 4.5 Impatto sulla comunità In questa fase in cui non si è proceduto ancora all adozione del Piano è ancora difficile dirlo. Sarà opportuno provare ad esprimere una riflessione successivamente. 18

19 5. EVENTUALI ALTRI ELEMENTI UTILI In occasione di un eventuale successivo percorso partecipativo sarebbe utile utilizzare più canali informativi (comunicazioni mirate, informazione stampa e tv, e altre azioni) per il coinvolgimento della popolazione soprattutto nelle piccole frazioni. Il materiale prodotto al termine del percorso è allegato alla presente relazione in duplice copia. 19

20 SOGGETTO FINANZIATO... CONTRIBUTO CONCESSO RIFERIMENTO VOCI FINANZIATE SPESA PREVISTA COME DA SCHEDA PROGETTO (Tab 2 C) SPESA EFFETTIVA Consulenze esterne Facilitatori // // Associazioni // // TOTALE PARZIALE Attrezzature Locali Esperti Costi per partecipanti // // Foto, registrazione audio, video Altro (aggiornamento sito webb, opuscoli, brochure, grafica,stampa, numero dedicato giornale La Torre, pannelli mappe comunità) Altro (spese per affrancature lettere inviate capifamiglia, // //

Partecipare per decidere

Partecipare per decidere Percorso realizzato col sostegno dell Autorità Regionale per la Partecipazione, L.R.69/07 Comune di Civitella in Valdichiana Partecipare per decidere Percorso partecipativo per il Piano Strutturale di

Dettagli

Il futuro delle circoscrizioni e della partecipazione dei cittadini al processo decisionale: la parola ai cittadini!

Il futuro delle circoscrizioni e della partecipazione dei cittadini al processo decisionale: la parola ai cittadini! COMUNE DI PISA Il futuro delle circoscrizioni e della partecipazione dei cittadini al processo decisionale: la parola ai cittadini! A seguito dell approvazione della legge finanziaria del 2008 nel Comune

Dettagli

Ingegnere Giuseppe Baldo

Ingegnere Giuseppe Baldo AATO Venezia Ambiente Viale Ancona, 24 30170 Venezia - Mestre Tel. +39 041 5322078 - Fax +39 041 2597151 mail: info@veneziaambiente.it Programma dettagliato della comunicazione per la redazione del rapporto

Dettagli

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica (a cura dell Area Comunicazione e Servizi al cittadino, con il supporto dell Ufficio Monitoraggio e Ricerca di FormezPA) INDICE 1. Introduzione

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

Laboratorio di progettazione partecipata per la riqualificazione di Via Roma Sostegno regionale ai processi partecipativi ex Capo IV L.R.

Laboratorio di progettazione partecipata per la riqualificazione di Via Roma Sostegno regionale ai processi partecipativi ex Capo IV L.R. Autorità Regionale per la Partecipazione Comune di Agliana SEZIONE A Relazione finale IO C ENTRO Comune di Agliana Laboratorio di progettazione partecipata per la riqualificazione di Via Roma Sostegno

Dettagli

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE GLI ESITI DEL PRIMO RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANTONIO STRAZZULLO COMITATO DI SORVEGLIANZA REGGIO EMILIA, 21 GIUGNO 2011 Obiettivi della valutazione Valutazione del Piano di

Dettagli

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO M.I.U.R. U.S.R. per la Campania Direzione Generale ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - GADDA Via A. Gramsci,22 80010 Quarto (Na) Tel & Fax: 081/8768767 e-mail : naic8fc004@istruzione.it Sito web : www.icterzogadda.it

Dettagli

Fase 0 L AVVIO DEL PROGETTO

Fase 0 L AVVIO DEL PROGETTO Diario di viaggio In questo spazio è riportata una breve cronologia di tutti gli eventi organizzati/svolti (fino ad oggi) riguardanti la redazione del nuovo piano urbanistico comunale ed il percorso di

Dettagli

COMUNE DI MIRA Città d arte

COMUNE DI MIRA Città d arte COMUNE DI MIRA Città d arte P.zza Nove Martiri, 3-30034 Mira (Ve) Tel. +39 041/5628211 (centralino) www.comune.mira.ve.it P.E.C. comune.mira.ve@pecveneto.it C.F./P.IVA 00368570271 SETTORE 1 SERVIZI AL

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori

1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori 1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori La Mission e la Vision dell Istituto sono state definite chiaramente all interno dello staff di presidenza, condivise

Dettagli

Percorso adozione nuovo regolamento della partecipazione

Percorso adozione nuovo regolamento della partecipazione COMUNE DI PIACENZA La Partecipazione a Piacenza i percorsi e le regole li decidiamo insieme PIACENZA PRIMOGENITA DELL UNITÀ D ITALIA Ufficio Partecipazione febbraio-marzo 2013 1 Premessa Il Comune di Piacenza

Dettagli

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Piano Strutturale VERNIO Dicembre 2008 QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Andrea Valzania La partecipazione dei cittadini: percezione del territorio e aspettative per il futuro Conoscere il

Dettagli

Le iniziative a favore dei gruppi informali di giovani. L esperienza dei ragazzi che hanno partecipato al bando 2005

Le iniziative a favore dei gruppi informali di giovani. L esperienza dei ragazzi che hanno partecipato al bando 2005 AREA LAVORO E SOLIDARIETA SOCIALE Servizio Solidarietà Sociale Le iniziative a favore dei gruppi informali di giovani. L esperienza dei ragazzi che hanno partecipato al bando 005 Maggio 007 Indice. Il

Dettagli

ASCOLTO ATTIVO E GOVERNANCE NEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DI STEZZANO

ASCOLTO ATTIVO E GOVERNANCE NEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DI STEZZANO ASCOLTO ATTIVO E GOVERNANCE NEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DI STEZZANO FASI AZIONI PER L AVVIO DEL PROCESSO Maggio 2007 Con il contributo dell Agenda21 Isola bergamasca Dalmine Zingonia Le fasi del

Dettagli

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province Le tecniche operative solitamente applicate in questa fase sono l intervista diretta a testimoni privilegiati (telefonica e/o verbale), e la ricerca con l ausilio di internet. I testimoni privilegiati

Dettagli

Bilancio Sociale 2014

Bilancio Sociale 2014 Attività di promozione e sviluppo del sistema AIC Bilancio sociale 2014 Associazione Italiana Celiachia 3 16 3 ATTIVITÀ DI PROMOZIONE E SVILUPPO DEL SISTEMA AIC 3.1 COORDINAMENTO ATTIVITÀ ISTITUZIONALI

Dettagli

Governance Gestione locale per la sostenibilità

Governance Gestione locale per la sostenibilità Capitolo 1/2 Governance Gestione locale per la sostenibilità Aalborg Commitment 1 Ci impegniamo a rafforzare i nostri processi decisionali tramite una migliore democrazia partecipatoria. Lavoreremo quindi

Dettagli

Visite in comune. Comune di Olgiate Molgora. Progetto

Visite in comune. Comune di Olgiate Molgora. Progetto Comune di Olgiate Molgora Progetto Visite in comune Laboratori di consultazione e di progettazione rivolti a bambini e ragazzi per la realizzazione di percorsi di visita ai luoghi istituzionali della città

Dettagli

Relazione finale. Insieme per la nuova piazza de Ciompi

Relazione finale. Insieme per la nuova piazza de Ciompi Relazione finale Insieme per la nuova piazza de Ciompi Comune di Firenze Ufficio Area Metropolitana e decentramento Dicembre 2008 Maggio 2009 Sostegno regionale a processi partecipativi ex Capo IV l.r.

Dettagli

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 Comune di Gradara Provincia di Pesaro e UrBino Settore Politiche Sociali Assessore Solindo Pantucci Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 A cura di: Dott.ssa Carmen Pacini Responsabile

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

Come coinvolgere cittadini e stakeholder: strumenti ed esperienze della Regione Emilia-Romagna

Come coinvolgere cittadini e stakeholder: strumenti ed esperienze della Regione Emilia-Romagna Come coinvolgere cittadini e stakeholder: strumenti ed esperienze della Regione Emilia-Romagna Sabrina Franceschini Servizio Comunicazione, Educazione alla sostenibilità, strumenti di partecipazione I

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE PREMESSA I concetti di cura e territorio sono al centro di iniziative ed interventi realizzati da più enti che aderiscono al sotto tavolo sulla

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO RESPONSABILE:

PIANO DI MIGLIORAMENTO RESPONSABILE: PIANO DI MIGLIORAMENTO DI.. RESPONSABILE:.. PRIMA SEZIONE SCENARIO DI RIFERIMENTO Caratteristiche del contesto, vincoli e opportunità interne ed esterne L Istituto.. nasce nel. come Istituto Professionale

Dettagli

Rapporto del Garante della Comunicazione

Rapporto del Garante della Comunicazione PROVINCIA DI PISTOIA Il Garante della Comunicazione Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale Variante Generale Fase di Approvazione Rapporto del Garante della Comunicazione ex art. 5 del Regolamento

Dettagli

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Settore Politiche sociali e di sostegno alla famiglia CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Indice Capo 1 La carta dei servizi Uno strumento per dialogare e collaborare con

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo M. Calderini G. Tuccimei - Roma. Area Gestione del Piano dell Offerta Formativa. Funzione Strumentale: Linda Langella

Istituto Comprensivo M. Calderini G. Tuccimei - Roma. Area Gestione del Piano dell Offerta Formativa. Funzione Strumentale: Linda Langella Istituto Comprensivo M. Calderini G. Tuccimei - Roma Area Gestione del Piano dell Offerta Formativa Funzione Strumentale: Linda Langella L incarico di Funzione Strumentale della Gestione del Piano dell

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* MEIC86500V I.C. San Francesco di Paola Messina (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE MARZO 2015 1

Dettagli

1. Leadership: La risposta in tal senso è stata positiva consolidando un opera di continuo presidio del territorio da parte dell UP ACI Lucca..

1. Leadership: La risposta in tal senso è stata positiva consolidando un opera di continuo presidio del territorio da parte dell UP ACI Lucca.. 1. Leadership: 1.1. Orientare l organizzazione, attraverso lo sviluppo di una missione, una visione e dei valori per: formulare e sviluppare la missione (quali sono i nostri obiettivi) e la visione (dove

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

carta del servizio a chi si rivolge finalità

carta del servizio a chi si rivolge finalità carta del servizio CAD il punto Strumento di base che regola i rapporti fra Servizio e utenti nonché dichiarazione d intenti con la quale la cooperativa Il Punto si fa garante delle prestazioni rese, la

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO DI ISTITUTO TECNICO E PROFESSIONALE AGRARIO - FIRENZE... RESPONSABILE: Prof.ssa Angela Baldini

PIANO DI MIGLIORAMENTO DI ISTITUTO TECNICO E PROFESSIONALE AGRARIO - FIRENZE... RESPONSABILE: Prof.ssa Angela Baldini PIANO DI MIGLIORAMENTO DI ISTITUTO TECNICO E PROFESSIONALE AGRARIO - FIRENZE... RESPONSABILE: Prof.ssa Angela Baldini PRIMA SEZIONE Il periodo dedicato all auto-valutazione ha visto impegnato il gruppo

Dettagli

Piano triennale Azioni positive 2014 2016 La rilevazione del fabbisogno

Piano triennale Azioni positive 2014 2016 La rilevazione del fabbisogno Piano triennale Azioni positive 2014 2016 La rilevazione del fabbisogno Questionario sul benessere organizzativo interno, grado di condivisione del sistema di valutazione e valutazione del superiore gerarchico

Dettagli

REPORT ESITI MONITORAGGIO DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

REPORT ESITI MONITORAGGIO DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA M.I.U.R. U.S.R. per la Campania Direzione Generale ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - GADDA Via A. Gramsci,22 80010 Quarto (Na) Tel & Fax: 081/8768767 e-mail : naic8fc004@istruzione.it Sito web : www.icterzogadda.it

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

REGIONE SICILIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA DIREZIONE GENERALE

REGIONE SICILIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA DIREZIONE GENERALE REGIONE SICILIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA DIREZIONE GENERALE UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Corso Gelone, 17 Siracusa Tel. 0931 484349/ 54 fax 0931 484395 E mail: urp.siracusa@asp.sr.it

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

REGOLAMENTO 10.1.11. no PROTOCOLLO (data)

REGOLAMENTO 10.1.11. no PROTOCOLLO (data) definitivo (scheda basata sulla Relazione Finale) validata dal status scheda proponente Valdarno Inferiore - Società della salute PROPONENTE con i Comuni di San Miniato e Santa Croce PROVINCIA PI sull

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Prot.n.10383 Bari,06.10.2014 Ai dirigenti scolastici della Puglia Ai coordinatori delle scuole paritarie della Puglia Ai docenti di ogni ordine e grado Al personale ATA Ai genitori dei Consigli di Istituto

Dettagli

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI LA STRATEGIA La comunicazione di CONCORD ITALIA è finalizzata a sensibilizzare la cittadinanza sulle attività, l impatto e la sostenibilità delle nostre azioni nell ambito degli interventi realizzati dai

Dettagli

Bari, an European SMART CITY. Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari

Bari, an European SMART CITY. Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari Bari, an European SMART CITY Avv. Marco Lacarra, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari I cambiamenti climatici sono un fenomeno di portata globale, tuttavia le città possono contribuire in maniera

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO. relativa al Programma finalizzato alla promozione di diritti e di opportunità per l'infanzia e l'adolescenza

SCHEDA DI PROGETTO. relativa al Programma finalizzato alla promozione di diritti e di opportunità per l'infanzia e l'adolescenza SCHEDA DI PROGETTO relativa al Programma finalizzato alla promozione di diritti e di opportunità per l'infanzia e l'adolescenza Titolo del progetto n. 5 Carpi amica delle bambine e dei bambini Responsabile

Dettagli

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Introduzione Le attività previste dal WP 7 Knowledge Base, permettono al progetto

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

Regolamento interno dell Autorità regionale per la garanzia e la promozione della partecipazione della Toscana

Regolamento interno dell Autorità regionale per la garanzia e la promozione della partecipazione della Toscana Regolamento interno dell Autorità regionale per la garanzia e la promozione della partecipazione della Toscana Capo I Finalità e definizioni Articolo 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le

Dettagli

"Educhiamo(ci) alla sostenibilità" Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo

Educhiamo(ci) alla sostenibilità Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo "Educhiamo(ci) alla sostenibilità" Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo Nell anno scolastico 2011-12 appena concluso, gli studenti di numerose scuole di Roma e del Lazio

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI ROCCAMENA 2) Codice di accreditamento: NZ05532 3) Albo e classe di iscrizione: REGIONALE

Dettagli

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale. Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale. Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES 2 la fondazione rosselli Origini e attività La Fondazione Rosselli è un

Dettagli

Il salone Mestieri in Mostra 2005: le opinioni degli stakeholder - Luglio 2005

Il salone Mestieri in Mostra 2005: le opinioni degli stakeholder - Luglio 2005 Il salone Mestieri in Mostra 2005: le opinioni degli stakeholder - Luglio 2005 Indagine effettuata dal Servizio Organizzazione e Qualità in collaborazione con l Ufficio Relazioni con il Pubblico Pagina

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUI BISOGNI DELLE FAMIGLIE CON FIGLI DI ETA 0-3 ANNI NEL COMUNE DI CORNATE D ADDA

INDAGINE CONOSCITIVA SUI BISOGNI DELLE FAMIGLIE CON FIGLI DI ETA 0-3 ANNI NEL COMUNE DI CORNATE D ADDA Comune di Cornate d Adda Assessorato alle politiche sociali Laboratorio Territoriale Brianza Est PIC Equal II Fase Rif. IT-G2-LOM-061 INDAGINE CONOSCITIVA SUI BISOGNI DELLE FAMIGLIE CON FIGLI DI ETA 0-3

Dettagli

Progettazione partecipata per la riqualificazione urbana di piazza Marsilio Ficino a Figline Valdarno

Progettazione partecipata per la riqualificazione urbana di piazza Marsilio Ficino a Figline Valdarno Comune di Figline Valdarno Progettazione partecipata per la riqualificazione urbana di piazza Marsilio Ficino a Figline Valdarno con il sostegno dell Autorità per regionale per la partecipazione Relazione

Dettagli

QUESTIONARIO GENITORI MODELLO INVALSI COMPILAZIONE ON LINE DAL 10.06.2014 AL 29.06.2014 158 risposte

QUESTIONARIO GENITORI MODELLO INVALSI COMPILAZIONE ON LINE DAL 10.06.2014 AL 29.06.2014 158 risposte QUESTIONARIO GENITORI MODELLO INVALSI COMPILAZIONE ON LINE DAL 1.6.14 AL 29.6.14 158 risposte Riepilogo CHI COMPILA IL QUESTIONARIO? Genitore 1 88 56% Genitore 2 36 23% Entrambi i genitori 32 % Altra persona

Dettagli

CARTA PER LA CITTADINANZA SOCIALE dell Ambito Sociale n. 22 Lanciano

CARTA PER LA CITTADINANZA SOCIALE dell Ambito Sociale n. 22 Lanciano CITTADINANZA SOCIALE dell Ambito Sociale n. 22 Lanciano La carta della cittadinanza è un documento/strumento rivolto alla società civile per informare sull offerta dei servizi sociali, assumere impegni

Dettagli

Premessa. Il Contesto culturale. Finalità

Premessa. Il Contesto culturale. Finalità Premessa Il Contesto culturale. Da molti anni l Istituto Martini, pone al centro della sua azione formativa, l attenzione allo studente e alle famiglie coniugando metodologie di apprendimento moderne a

Dettagli

5.1.1. - Anticipo scolastico nella scuola primaria

5.1.1. - Anticipo scolastico nella scuola primaria 5.1.1. - Anticipo scolastico nella scuola primaria Istituzione scolastica: Direzione Didattica statale 2 Circolo di Capannori Via C. Piaggia 55012 Capannori (Lucca) Tel. e fax 0583 / 935233 e-mail luee023003@istruzione.it

Dettagli

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati 1/14 Premessa Il questionario di valutazione ex post è stato somministrato ai soggetti attuatori dei progetti partecipanti al Piano Sicurezza

Dettagli

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE Comune di Ronco Scrivia (Provincia di Genova) PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE INTRODUZIONE Il Piano per la comunicazione e la partecipazione è uno strumento flessibile e quindi in condizione

Dettagli

COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017

COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017 COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017 Predisposto dal responsabile per la Trasparenza Segretario Generale Dott.ssa Margherita Clemente Adottato

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION sugli utenti dei consultori familiari nel percorso nascita

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION sugli utenti dei consultori familiari nel percorso nascita Servizio Famiglia Infanzia Età Evolutiva Ufficio Promozione Qualità INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION sugli utenti dei consultori familiari nel percorso nascita anno 2012 Pag. 1 di 13 Indice 1. Introduzione...

Dettagli

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI Forum di avvio del Processo di Partecipazione, 28 Giugno 2014 Coordinamento del Contratto

Dettagli

1. Fattispecie escluse dal processo di valutazione integrata.

1. Fattispecie escluse dal processo di valutazione integrata. COMUNE DI LARI LINEE GUIDA SUL PROCEDIMENTO DI VALUTAZIONE INTEGRATA L..R.. n 1/ /2005 e D..P.G.R.. n 4/ /R/2007 Criteri applicativi per i Piani attuativi Apppprroovvaat tee ccoonn Deel libbeerraazzi ioonnee

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento AGIS014002 I.I.S.S. "MICHELE FODERA'" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo

Dettagli

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del ACCESSIBILITÀ a SACILE Ente proponente Referente del Città in cui ha avuto luogo il Durata del

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODRCAL.Registro Ufficiale(U).0015430.22-12-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale - Ufficio II Via Lungomare 259, 88100 CATANZARO - Tel. 0961734411 Codice

Dettagli

S.S.E.R. NUOVA EDUCATIVA TERRITORIALE

S.S.E.R. NUOVA EDUCATIVA TERRITORIALE CARTA DEL SERVIZIO S.S.E.R. NUOVA EDUCATIVA TERRITORIALE CARTA DEL SERVIZIO Strumento di base che regola i rapporti fra Servizio e utenti nonché dichiarazione d intenti con la quale la cooperativa Il Punto

Dettagli

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG)

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) Mod. A2 PGZ Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) 1. Codice Progetto APG_1_ 2015 2. Titolo del progetto G.I.GI. all'altropiano 3. Riferimenti del compilatore Nome Giuliana

Dettagli

L UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DI MONTEVARCHI LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE AL SERVIZIO DEL CITTADINO

L UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DI MONTEVARCHI LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE AL SERVIZIO DEL CITTADINO L UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DI MONTEVARCHI LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE AL SERVIZIO DEL CITTADINO Unità Organizzativa Autonoma Informazione e Comunicazione Responsabile Pierluigi Ermini

Dettagli

Salone della Giustizia

Salone della Giustizia Salone della Giustizia Progetto di Riorganizzazione dei processi lavorativi e ottimizzazione delle risorse degli Uffici Giudiziari della Regione Puglia (Corte di Appello di Bari, Corte di Appello di Lecce,

Dettagli

Report incontro 1 dicembre 2014

Report incontro 1 dicembre 2014 Report incontro 1 dicembre 2014 VARIAZIONI AL PROGETTO Laboratori: i previsti 3 laboratori (nel progetto destinati a due classi delle scuole professionali dell'iiss di Argenta e Portomaggiore e ad una

Dettagli

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani

E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani NOVEMBRE 2010 S ommario Premessa pag. 4 Un impegno che ha una storia pag. 6 La proposta 2010/2011 pag. 8 Concittadini pag. 10 Fasi

Dettagli

Schede finali. A -Iniziativa di mantenimento e qualificazione del Servizio Progetto Fe.n.ice.: In-formazione contro la violenza

Schede finali. A -Iniziativa di mantenimento e qualificazione del Servizio Progetto Fe.n.ice.: In-formazione contro la violenza Schede finali A -Iniziativa di mantenimento e qualificazione del Servizio Progetto Fe.n.ice.: In-formazione contro la violenza Obiettivi - Offrire alle donne che si rivolgono ad esso un luogo dove chiedere

Dettagli

www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2013-2014

www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2013-2014 www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2013-2014 Statistiche, linee di lavoro, considerazioni finali circa la gestione 2013-2014 del sito web dell IC 16 Valpantena. Mariacristina Filippin 16 giugno 2014

Dettagli

STAKEHOLDERS INTERESSI RISORSE/POTERI PROBLEMI Migliorare la formazione Budget influenza politica

STAKEHOLDERS INTERESSI RISORSE/POTERI PROBLEMI Migliorare la formazione Budget influenza politica Progetto di Formazione Docenti Studio di caso di Valentina Mariano Perché del progetto La Legge di Riforma della Scuola richiede al personale docente maggiori competenze per attuare le numerose innovazioni

Dettagli

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE quarto anno all estero PREMESSA La creazione di un ambiente sempre più favorevole allo scambio interculturale è uno degli obiettivi primari della scuola ed i programmi

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Programmazione Didattica del Consiglio della Classe 2F Linguistico A.S. 2015/16

Programmazione Didattica del Consiglio della Classe 2F Linguistico A.S. 2015/16 LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico La seguente Scheda di Programmazione delle attività educative e didattiche del Consiglio di Classe della 2F

Dettagli

CORSO IL MIO BUDGET Associazione Dialogare. Edizione: marzo aprile 2015 Report di valutazione. A cura di Viviana Sappa e Florinda Sauli

CORSO IL MIO BUDGET Associazione Dialogare. Edizione: marzo aprile 2015 Report di valutazione. A cura di Viviana Sappa e Florinda Sauli CORSO IL MIO BUDGET Associazione Dialogare Edizione: marzo aprile 2015 Report di valutazione A cura di Viviana Sappa e Florinda Sauli 1. Introduzione La valutazione qui riportata rientra all interno del

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli

www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2012-2013

www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2012-2013 www.ic16verona.gov.it Relazione A.S. 2012-2013 Statistiche, linee di lavoro, considerazioni finali circa la gestione 2012-2013 del sito web dell IC 16 Valpantena. Mariacristina Filippin 14 giugno 2013

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

Trasparenza, Valutazione e Merito

Trasparenza, Valutazione e Merito Dipartimento Comunicazione e Diritti dei Cittadini - Progetti Strategici e Grandi Eventi Direttore: Luigi Di Gregorio Direzione Comunicazione Multicanale Direttore: Paola Conti Ufficio Temporaneo di Scopo

Dettagli

PROGETTO COMUNICAZIONE LEGISLATIVA. Luglio 2003. Dipartimento Consiglio regionale

PROGETTO COMUNICAZIONE LEGISLATIVA. Luglio 2003. Dipartimento Consiglio regionale PROGETTO COMUNICAZIONE LEGISLATIVA Luglio 2003 Dipartimento Consiglio regionale - a diffusione interna - 2/19 INDICE 1. I contenuti essenziali della legge regionale 25 giugno 2002, n. 22 (Norme e interventi

Dettagli

LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI.

LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI. LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI. LINEE GUIDA L Istituto Comprensivo attua percorsi significativi in sinergia con le ASL, con

Dettagli

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana Il Piano di Coordinamento degli Orari (PCO) Città di Avigliana Il Piano Coordinamento degli di Orari (PCO) * Introduzione * Il percorso per l elaborazione del PCO * Le fasi di lavoro * I temi e le azioni

Dettagli

Documento di Proposta Partecipata (DocPP)

Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Documento di Proposta Partecipata (DocPP) Titolo del processo Superare le barriere mentali: l'accessibilità come chiave della qualità del turismo sulle colline piacentine Responsabile del processo e curatore

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

IL LABORATORIO CIVICO

IL LABORATORIO CIVICO IL LABORATORIO CIVICO UNO STRUMENTO MODERNO E FUNZIONALE PER LA PARTECIPAZIONE DELLA CITTADINANZA ALLA GOVERNANCE LOCALE PRESENTAZIONE PROGETTO LABORATORIO CIVICO Mission Il Laboratorio civico è uno strumento

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV Da MARZO Progetto FORMIUR CAF per il Miglioramento delle performance delle Istituzioni scolastiche. Migliora organizzazione COSA FA

Dettagli

Presidio Qualità di Ateneo

Presidio Qualità di Ateneo Premessa Le Commissioni Paritetiche di Scuola (CP) previste dal D.Lgs. 19/2012 e dal DM 47/2013 devono redigere annualmente una Relazione che, attingendo dalle SUA-CdS, dai risultati delle rilevazioni

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Provincia di Pisa U.O. Politiche Giovanili e Sport 2) Codice regionale: RT S00171 2bis)

Dettagli

Processo di Partecipazione Osservazioni PUC adottato DCC 92/2011. commissione consiliare 5 territorio 13 maggio 2013

Processo di Partecipazione Osservazioni PUC adottato DCC 92/2011. commissione consiliare 5 territorio 13 maggio 2013 Comune di Genova Staff di Direzione Direzione Gabinetto del Sindaco Processo di Partecipazione Osservazioni PUC adottato DCC 92/2011 commissione consiliare 5 territorio 13 maggio 2013 attuale fase del

Dettagli

IMPARIAMO A CONOSCERCI

IMPARIAMO A CONOSCERCI Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria I grado ISTITUTO COMPRENSIVO CESARE CANTÙ Via Dei Braschi 12 Milano 0288448318 026468664 Codice fiscale 80124430150 Codice meccanografico MIIC8CF006

Dettagli