Alcune nozioni relative alla moneta Concetto di moneta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alcune nozioni relative alla moneta. 5.1. Concetto di moneta"

Transcript

1 Alcune nozioni relative alla moneta [Questo pezzo è tratto da una parte del capitolo 5 di G. Rampa, Principi di Macroeconomia, ECIG 2008] 5.1. Concetto di moneta Dobbiamo ora avviarci allo studio del mercato della moneta. La moneta è un oggetto vicino all esperienza di tutti, e dunque apparentemente familiare. Dobbiamo però essere pronti a spogliarci di una serie di luoghi comuni. Per tale ragione i primi cinque paragrafi di questo capitolo hanno una natura piuttosto generale e discorsiva, con l obiettivo di stimolare una riflessione sul tema. Le idee esposte in tali paragrafi sono poi sintetizzare nel paragrafo 5.6: ovviamente, non è sufficiente apprendere i soli riassunti schematici contenuti in quel paragrafo. Moneta è tutto ciò che viene accettato da chiunque nel sistema economico come mezzo di pagamento. Usualmente si tratta di qualche oggetto difficilmente imitabile. In sistemi sociali molto frammentati, e nei quali prevale il sospetto verso gli altri, si preferisce accettare come mezzo di pagamento solo un metallo prezioso. In sistemi più sviluppati, e soprattutto in sistemi nei quali si sono evolute istituzioni credibili che garantiscono il buon funzionamento monetario, sono sufficienti in generale dei dischetti metallici o dei foglietti privi di valore intrinseco, che siano certificati dalle istituzioni monetarie stesse. Non si deve pensare alla moneta come costituita solo dalle banconote (o monete metalliche) che usiamo quotidianamente, cioè quelle emesse da una banca centrale, che è un organismo di natura pubblica. Anzi, quando si sono sviluppati i sistemi monetari moderni esistevano solo banche private: queste consentivano ai loro clienti, usualmente dei mercanti, di pagare i propri debiti utilizzando foglietti garantiti dalle banche stesse: le note delle banche. Le banche private garantivano quelle note, nel senso di certificare che quei foglietti erano coperti, cioè esisteva un deposito del cliente, oppure un prestito a lui garantito dalla banca. Tale attività era molto importante, perché consentiva al cliente di non aggirarsi sempre e ovunque con delle scorte d oro. Naturalmente occorreva che il cliente fosse affidabile, non firmasse cioè note scoperte. Ma anche la banca privata doveva essere affidabile: una volta cioè incassati i depositi dai clienti non doveva scappare alle Isole Maldive. Data la natura dell animo umano, si capisce come mai nel tempo siano sorte delle istituzioni, cioè la banche centrali, che vigilassero sul buon comportamento sia dei clienti, sia soprattutto delle banche private. L insieme degli oggetti utilizzati come moneta, emessi e garantiti da un autorità pubblica, si chiama moneta legale o circolante. Non necessariamente tutto il circolante è garantito da una banca centrale: le monete metalliche esistenti in Italia sino alla fine del 2001 una parte irrisoria del circolante erano emesse dal Tesoro, non dalla Banca d Italia. Questo è un retaggio di tempi in cui era lo stato a emettere moneta. Ma anche lo stato ogni tanto si mostrava poco credibile. È evidente infatti la tentazione di continuare ad emettere moneta solo per pagare i propri debiti: alla lunga quella moneta si dimostra non coperta da entrate, e nessuno se ne fida più. Per tale ragione in molti sistemi moderni la banca centrale è indipendente dal governo e non si impegna a coprirne sempre i deficit stampando nuova moneta. Resta però vero che la banca centrale, in relazione ai propri obiettivi, ha la facoltà di emettere nuovo circolante. La definizione che abbiamo dato all inizio (è moneta tutto ciò che viene prontamente accettato da chiunque come mezzo di pagamento) è a parere di molti la migliore, nel senso che va al cuore del problema di cosa sia la moneta. Ma quella definizione mette subito in evidenza un aspetto autoreferenziale dei sistemi monetari: io accetto moneta da qualcuno perché confido che altri a loro volta la accetteranno da me. Questo è il cosiddetto carattere fiduciario dei sistemi monetari: se qualcuno comincia a dubitare che questi foglietti non saranno più accettati da altri, non li accetta a sua volta, e il sistema crolla. Da qui sorge l importanza di avere buone istituzioni che mantengano la fiducia nel sistema esistente. In certe epoche storiche, quando le banche centrali hanno cominciato ad operare, esse potevano indurre una maggiore fiducia negli operatori se tenevano una certa riserva di oro nei propri forzieri. Di fronte ad eventuali dubbi del pubblico sulla qualità della moneta legale, la banca centrale si impegnava a convertire la banconote in oro ad un cambio prefissato. Per tale ragione ancora sino a poco tempo fa (fino al 2001 in Italia) sulle banconote era scritta una frase del tipo pagabili a vista al portatore, la quale non aveva ovviamente un significato ben definito (ricevo diecimila lire in cambio di diecimila lire?), se non quello di richiamare un certo impegno della Banca a garantire la fiducia. Come sapete, invece sulle banconote in euro tale frase non appare più, a testimonianza del fatto che l aspetto fiduciario è ora prevalente. Si noti che, tra l altro, l aspetto della fiducia include anche la sicurezza che le banconote saranno domani ancora in grado di comprare qualcosa: quindi spesso le banche centrali sono impegnate ad evitare elevate inflazioni, cioè aumenti dei prezzi dei beni e servizi, che fanno perdere valore alla moneta. Le autorità monetarie possono essere aiutate da altre autorità nel compito di mantenere la fiducia nel sistema monetario: per esempio il Governo, che è un autorità diversa dalla Banca Centrale, pretende che le imposte siano pagate dei cittadini solo in moneta, e non per mezzo di altri strumenti. Se lo Stato per primo si impegna ad accettare la moneta, questo è un segnale forte anche per gli operatori privati.

2 106 Se è vero che in pagamento di un debito si accetta la moneta legale, usualmente non si accettano invece titoli, per esempio BOT (Buoni Ordinari del Tesoro), oppure beni durevoli, per esempio case: infatti questi oggetti, pur essendo degli stock durevoli, potrebbero richiedere costi anche elevati per essere convertiti a loro volta in moneta. Per esempio, per convertire un BOT in moneta occorre pagare qualche commissione ad un intermediario; invece per convertire in moneta una casa occorre sostenere costi dovuti al fatto che il contratto va redatto con certi standard e certificato da un notaio o equivalente. Inoltre questi stock alternativi alla moneta hanno un valore che varia nel tempo, e nel momento in cui il loro proprietario volesse convertirli in moneta potrebbe subire una perdita di valore. Solo in casi eccezionali, come per esempio il fallimento di una società per azioni, il creditore è disposto ad accettare qualcosa di diverso dalla moneta, piuttosto che non incassare alcunché. La caratteristica della moneta di essere accettata da chiunque, perché non richiede costi di conversione e ha un valore piuttosto certo, e dunque la caratteristica di essere uno strumento finanziario piuttosto sicuro, si chiama liquidità. Tuttavia gli operatori non accettano solo la moneta legale in pagamento dei loro crediti: è molto comune accettare assegni garantiti da banche private, purché queste siano credibili. Gli assegni possono essere staccati solo se esiste un rapporto di deposito in conto corrente, cioè un fondo dal quale il cliente può prelevare (o estrarre moneta per mezzo di assegni) senza preavviso e senza costi. Analogamente, oggi spesso vengono accettati pagamenti tramite vari tipi di carte bancarie (bancomat o carte di credito di circuiti credibili): ma anche in questo caso la carta deve essere appoggiata su un conto corrente, dal quale viene prelevato l importo sottoscritto dal pagatore. Ne segue che un conto corrente è essenziale per poter effettuare pagamenti credibili senza usare banconote. Un conto corrente è infatti un fondo costituito presso una banca, con la caratteristica che da esso di può prelevare (direttamente, o tramite assegni o carte) senza preavviso e senza costi di prelevamento. Dunque, a tutti gli effetti anche le note delle banche private credibili, cioè gli assegni o gli ordini di utilizzo di carte, funzionano da moneta, nel senso che rispondono alla definizione di moneta data all inizio di questo capitolo. Si badi che non tutti i depositi che un cliente possa effettuare presso una banca costituiscono per lui liquidità (cioè moneta): per esempio un deposito vincolato (cioè tale per cui ogni prelievo richiede un preavviso o almeno un autorizzazione) non consente di staccare assegni né di prelevare senza qualche costo. Altrettanto dicasi quando diamo alla nostra banca l ordine di acquistare titoli o fondi: prima di poter utilizzare quei valori come liquidità, essi vanno venduti ( liquidati, appunto) sopportando dei costi. Un conto corrente può essere costituito in due modi: a) da una parte un cliente può depositare dei fondi liquidi (circolante o assegni) in quel conto; oppure il suo datore di lavoro può dare l ordine di accredito dei suoi compensi proprio sul quel conto corrente. Di conseguenza il cliente può prelevare o staccare assegni sino ad esaurimento dei suoi versamenti. b) dall altra parte, può accadere che la banca conceda un fido (credito) ad un cliente che riscuote la sua fiducia. In questo secondo caso il cliente può operare allo scoperto, cioè far diventare negativo il saldo del suo conto, fino ad un ammontare predefinito (ovviamente, dovrà poi pagare degli interessi su tale scoperto). Egli può comunque prelevare o staccare assegni come qualsiasi cliente, e i suoi creditori accettano regolarmente i suoi assegni, garantiti dalla banca che gli ha concesso il fido. Analogamente, la banca può fare un prestito al cliente, trasferendo una certa somma sul suo conto corrente (e il cliente dovrà poi restituire quel prestito). Osserviamo ora una cosa importante: nel caso del fido o del prestito il cliente può disporre di liquidità senza aver preventivamente versato fondi liquidi nel suo conto. Tale liquidità gli è stata messa a disposizione dalla sua banca. A tutti gli effetti, dunque, anche le banche private possono creare nuova moneta, così come la banca centrale crea moneta quando stampa banconote e le mette a disposizione dell economia. Un fido costituisce infatti una disponibilità liquida a cui non corrisponde un precedente versamento monetario da parte del cliente. Abbiamo dunque imparato che esistono due forme di moneta: il circolante ed i conti correnti dai quali si possono staccare assegni oppure effettuare pagamenti tramite carte di credito. La somma delle consistenze delle due forme di moneta esistenti in ogni momento costituisce il totale della moneta esistente in quel momento. Poiché spesso i conti correnti vengono chiamati depositi, anche noi utilizzeremo tale terminologia, pur sapendo che i conti correnti costituiti per fido o prestito non hanno alle spalle un versamento (cioè un deposito) da parte del cliente. Piuttosto, è la sua banca che ha depositato qualcosa sul suo conto corrente, concedendogli un fido Caratteristiche della moneta Data la precedente discussione, possiamo riassumere le caratteristiche principali della moneta con le seguenti tre proprietà. La moneta è mezzo di scambio, fondo di valore e unità di conto. La proprietà di essere mezzo di scambio è specifica della sola moneta. Solo in casi eccezionali altri oggetti vengono accettati in pagamento di un debito. Se capitasse che la moneta non è più accettata come mezzo di pagamento, questo significhe-

3 rebbe che è crollato il sistema monetario stesso, cioè la rete fiduciaria che lo regge, con effetti non solo economici ma anche sociali dirompenti. Per esempio, può capitare che i cittadini di un paese smettano di utilizzare la propria moneta ed utilizzino invece la moneta di un altro paese: questo fenomeno, non privo di esempi nella storia, significa che i valori dei beni che circolano in quel paese, espressi in moneta nazionale, sono falsi e nessuno vi crede, perché gli scambi avvengono, magari sottobanco, utilizzando un altra moneta. I rapporti socio-economici che ne conseguono sono evidentemente molto distorti 1. Che la moneta sia un fondo di valore significa che essa mantiene il suo valore, cioè può trasferire valore (ricchezza), nel tempo e nello spazio. Tale caratteristica qualitativa è posseduta da tutti gli altri stock presenti nell economia, reali o finanziari. Tuttavia gli altri stock diversi dalla moneta hanno un valore variabile nel tempo, e quindi trasferiscono imperfettamente, o almeno con rischio, la ricchezza nel tempo. Viceversa la moneta ha un valore piuttosto stabile: limiti a questa stabilità nel tempo possono essere costituiti da inflazioni elevate. Ma possono esistere anche limiti alla stabilità nello spazio: per esempio la moneta di un certo paese A, che è accettata comunemente dagli operatori residenti in A, potrebbe non essere gradita a residenti di altre economie per la ragione che il paese A non riscuote, politicamente ed economicamente, la fiducia dei non residenti. Per tale ragione, come vedremo anche nel capitolo 7, un paese che voglia rendersi credibile internazionalmente dovrebbe puntare alla stabilità della propria moneta nei confronti delle altre. Dire che la moneta svolge la funzione di unità di conto significa, infine, dire che tutti i calcoli economici sono espressi in quell unità. Bilanci delle imprese, delle famiglie, calcoli di convenienza economica, prospettive di miglioramento del benessere personale e di quello collettivo, valutazione sociale delle persone in base al loro reddito, persino autostima, vengono ridotti ad un termine comune facilmente esprimibile: quantità di moneta. Non si tratta dunque solo di una unità di misura convenzionale, quindi facilmente modificabile. Si sa per esempio com è ancora oggi difficile per un inglese parlare di metri anziché di yard; molto più difficile è cambiare la convenzione sulle unità di misura monetarie. Per chi sta scrivendo, e forse anche per i meno giovani tra coloro che stanno leggendo, non appare ancora del tutto naturale che i valori delle cose oggi acquistate siano espressi in Euro anziché in Lire: cerchiamo sempre di immaginarci l equivalente in Lire dei prezzi dei beni che acquistiamo. In realtà la moneta è come un linguaggio, la cui evoluzione non è facilmente soggetta a rettifica da parte delle autorità. La moneta, come il linguaggio, connette in modo piuttosto semplice e naturale le opinioni e le aspirazioni degli uomini. Entrambi, sicuramente, banalizzano spesso il substrato emotivo, intellettuale e sociale dei partecipanti al gioco: tuttavia sono strumenti estremamente comodi. Il compito degli studiosi, anziché essere quello di rettificare il linguaggio, è in primo luogo quello di capirne le regole statiche e quelle di evoluzione. Altrettanto, in un corso come questo, è importante apprendere qualche regola grammaticale e sintattica del funzionamento dell economia, per diventare più consapevoli di ciò che ci circonda. Dunque vi dovete sopportare queste pagine, e non fidarvi dell intuizione. Le tre proprietà della moneta che abbiamo esaminato costituiscono la sua caratteristica principale, che è la liquidità: il modo più sicuro di detenere valore Moneta, stock finanziari e speculazione Ripetiamo un concetto cruciale: la moneta costituisce a livello macroeconomico uno stock. La sensibilità comune ci porta a credere che le consistenze monetarie nei bilanci familiari costituiscano un flusso, perché ne entra un certo ammontare ogni mese, che poi viene speso lungo il mese dalla famiglia. Tuttavia la moneta è solo il mezzo con cui l erogatore (p. es. un impresa) paga il reddito al percettore (p. es. il dipendente). Ma non bisogna confondere il reddito con la moneta. Per esempio, se il reddito annuo di una famiglia è di euro ciò non significa che si accumulino nel conto della famiglia euro in moneta. Ogni mese entra moneta per euro, moneta che poi defluisce per via delle spese effettuate: lungo il mese l ammontare di moneta detenuto dalla famiglia passa da 2.500, al momento della paga, a zero, supponendo che si spenda tutto. Pertanto durante il mese la famiglia detiene in media euro in moneta; poiché questo è vero per ogni mese, allora la detenzione media di moneta lungo tutto il corso dell anno è euro, e non , che è invece il reddito. Questo per spiegare che reddito e moneta sono due cose diverse. Inoltre, non dobbiamo farci confondere dall esempio della singola famiglia: benché possa apparire che per la famiglia la moneta sia un flusso (ne entra e poi ne esce), le cose cambiano quando si considerano congiuntamente imprese e famiglie. Al momento della paga degli stipendi avviene un trasferimento di moneta dalle imprese alle famiglie. In seguito, quando le famiglie spendono per acquistare beni prodotti dalle imprese, avviene un trasferimento in senso contrario. A livello di sistema la quantità di moneta presente nell economia è rimasta invariata. 1 Si narra un aneddoto riferito ai tempi della Repubblica di Weimar, quando l inflazione annua raggiunse punte dell ordine delle migliaia percento, quindi praticamente incalcolabile: i prezzi potevano aumentare del 10% in pochi minuti. In queste situazioni patologiche occorre spendere il più in fretta possibile la moneta incassata, e nessuno vuole detenere a lungo la moneta precedentemente incassata. Bene: c è un signore che si avvia con un cestino pieno di banconote per andare a comprare il pane. Ad un certo punto gli si slaccia una scarpa e si china per riallacciarla, appoggiando il cestino su un muretto. Quando si rialza non trova più il cestino, ma solo il mucchio di banconote appoggiato sul muretto!

4 108 La moneta dunque va dunque pensata come uno stock, al pari dell ammontare di titoli del debito pubblico, delle azioni di una società, della ricchezza di un soggetto, ecc. Ricordiamo: il fatto che una grandezza sia uno stock non significa che essa non possa variare; significa semplicemente che è possibile misurarne la consistenza in un dato istante. Al contrario, per i flussi (come il reddito di una famiglia o il reddito nazionale) ha senso solo una misura lungo tutto un periodo di tempo, per esempio un anno: non esiste il reddito di un singolo istante. In particolare, la moneta è uno stock di tipo finanziario. Gli stock finanziari si contrappongono a quelli reali, come abitazioni, terreni, impianti produttivi, quadri d autore, ecc., in quanto il valore dei primi non dipende dalle loro caratteristiche fisiche intrinseche. Piuttosto, il valore degli stock finanziari dipende da sottostanti rapporti di fiducia tra gli operatori che rendono più o meno credibili certe frasi stampate sui fogli che rappresentano quegli stock, tipo: questo vale 1000 euro. Come abbiamo già detto, una caratteristica importante di quasi tutti gli stock, e dunque anche di quelli finanziari, è che il prezzo di uno stock è variabile nel tempo, usualmente in relazione al desiderio della collettività di detenerlo: più sono i soggetti che lo vogliono detenere in rapporto a quelli che sono disposti a cederlo, più il suo prezzo aumenta. Infatti, trattandosi di stock, usualmente l ammontare dei pezzi esistenti si modifica piuttosto lentamente, o non si modifica affatto come nel caso dei terreni o dei quadri d autore. Dunque, quando molti soggetti vorrebbero comprarne e pochi venderne, il prezzo di mercato aumenta, e ciò costituisce un guadagno per i detentori che riescono a vederli in quel momento. Il contrario accade quando tutti vorrebbero vendere quegli stock ma nessuno ne vuole compare: il loro prezzo di mercato diminuisce, e chi li vende in quel momento subisce delle perdite. La moneta, invece, ha un valore stabile (a parte le difficoltà già menzionate derivanti dai periodi di elevata inflazione). Anzi, per definizione essa è il punto di riferimento di tutti i valori, che sono appunto denominati in moneta. La relativa stabilità del valore della moneta e la variabilità del prezzo degli altri stock, specie finanziari, causa l insorgere di un sofisticato prodotto dell intelligenza umana: la speculazione. Si dice speculazione l attività che consiste nel tentativo di ottenere guadagni in conto capitale sulle compravendite di stock. Si cerca cioè di comprare quando il prezzo è ritenuto basso, e di vendere quando il prezzo è ritenuto alto. Questa attività mette in moto fenomeni piuttosto importanti all interno del sistema economico, il principale dei quali è il seguente. Se una parte significativa degli operatori si convince che un certo stock, reale o finanziario, aumenterà di prezzo in futuro, essi si precipitano oggi a comprarlo. Ma nel fare ciò ne fanno aumentare il prezzo già ora. Se quest ultimo aumento di prezzo convince altri operatori che quel prezzo è in ancora in fase di ascesa, e quindi conviene comprare quello stock, allora il prezzo sale ancor di più. Il contrario accade quando ci si convince di una prossima discesa del prezzo. Dunque le operazioni sui mercati speculativi possono produrre importanti oscillazioni dei prezzi degli stock, indipendentemente da altri fenomeni che giustifichino prezzi alti o bassi. In effetti, l aspettativa di rialzo del prezzo di uno stock equivale all aspettativa che in futuro ci saranno molti operatori desiderosi di comprarlo, indipendentemente da quale sia la causa di questo desiderio. La cosa importante, per uno speculatore, è non rimanere tra gli ultimi a credere che il prezzo continuerà a salire o scendere. Non appena una quota significativa di speculatori si convince che la fase ascendente (discendente) sta per finire, essi cominciano a vendere (comprare), facendo invertire la fase. Anche sui mercati finanziari dunque, così come abbiamo visto per gli investimenti (che sono un attività reale, non finanziaria), le aspettative tendono ad auto realizzarsi. Ciò può provocare una notevole instabilità dei prezzi degli stock. Lo speculatore professionista si distingue normalmente da quello dilettante per essere più freddo e più cauto, cioè per non lasciarsi troppo prendere la mano dai rialzi e ribassi. Dunque tende a discostarsi dal comportamento medio degli speculatori dilettanti, in quanto non aspetta l ultimo momento per cominciare a vendere o comprare. In un certo senso, lo speculatore professionista stabilizza il mercato, e un mercato può essere più efficiente se vi partecipano molti speculatori professionisti. Tuttavia esistono fasi critiche durante le quali anche gli speculatori professionisti perdono la calma. La compravendita di stock finanziari avviene su mercati specifici, appunto i mercati finanziari, cioè le borse. Tali operazioni di compravendita sono scambi di titoli contro moneta. I diversi titoli finanziari esistenti e scambiati sui mercati finanziari sono stati emessi inizialmente da qualche operatore che aveva bisogno di moneta: quindi costituiscono per lui un debito e invece un credito per chi ha acquistato quel titolo. Si potrebbe trattare per esempio di azioni (che sono titolo di proprietà di società), oppure di obbligazioni di varia natura (che sono invece un titolo di debito a termine nei confronti di qualche soggetto), o ancora prestiti a breve termine (entro l anno). L acquirente iniziale del titolo non è obbligato a detenerlo per sempre. I mercati finanziari sono appunto il luogo dove i titoli già esistenti possono essere scambiati prima della loro scadenza: per tale ragione, come abbiamo già detto, si parla di mercati secondari, mentre i primari sono quelli su cui si trattano titoli di nuova emissione, cioè i collocamenti di prestiti. Un mercato finanziario efficiente, dove operano molti soggetti professionisti dotati di calma e raziocinio, consente ai partecipanti di mettere in atto i propri desideri, variabili nel tempo, di detenere diverse forme di ricchezza finanziaria senza correre troppi rischi. Ma anche un mercato finanziario efficiente incontra seri problemi se quei desideri, anziché essere tra loro diversi e indipendenti, sono tutti simili tra loro. Se una maggioranza di operatori ha lo stesso desiderio e la stessa aspettativa riguardo ad un certo titolo, quel titolo subisce grandi variazioni di prezzo. Se poi questo atteggiamento comune degli operatori (ottimismo o pessimismo) si estende a molti o a tutti i titoli, si hanno boom o crolli di borsa. Come abbiamo detto, gli scambi sui mercati finanziari avvengono tramite scambi di titoli contro moneta, e in nessun altro modo. Come si vede, la moneta resta un termine di confronto comune a tutti i titoli finanziari, quindi ha un ruolo privilegiato

5 tra i vari tipi di ricchezza finanziaria. Di nuovo, comprendiamo perché sia importante che il suo valore rimanga piuttosto stabile nel tempo Il tasso di interesse Quando si acquista un qualsiasi oggetto, perché se ne ha bisogno e non lo si possiede ancora, lo si paga con moneta. Anche la moneta può essere desiderata, perché se ne ha bisogno e non la si possiede: per esempio, un soggetto che voglia sostenere una spesa rilevante può aver bisogno di più moneta di quella di cui dispone in quel momento. Ma, ovviamente, se si ha carenza di moneta non la si può acquistare con moneta. Dunque, chi ha bisogno di moneta la prende a prestito. Formalmente, chi prende a prestito emette un titolo: firma, cioè, un foglio in cui promette di restituire il prestito entro una certa data futura, e vende quel foglio in cambio, appunto, della moneta che vuole ottenere. Naturalmente devono esistere istituzioni che garantiscano il rispetto di questi contratti. A ben vedere, chiunque voglia ottenere liquidità che in quel momento non possiede effettua un operazione di questo tipo. Si supponga, per esempio, che un soggetto possieda dei titoli, quindi non sia povero, ma desideri ad un certo punto venire in possesso di liquidità anziché di titoli: ebbene, costui vende i titoli, o una loro parte, in cambio di moneta (ovviamente in questo caso non c è l impegno a riacquistarli ad una certa data futura). Si badi di non confondere quanto abbiamo appena detto con l altro problema, che ogni soggetto ha sicuramente, di vendere qualcosa per guadagnare di che vivere, cioè guadagnare un reddito con il quale procacciarsi i beni di consumo. Questo è un problema diverso da quello di desiderare moneta in sé: il nostro soggetto sarebbe infatti disposto, se possibile, a fornire i propri servizi di lavoro in cambio direttamente dei beni e servizi di consumo che gli servono. Naturalmente è più comodo utilizzare la moneta come mezzo di scambio: infatti sarebbe molto laborioso incontrare ogni volta qualcuno che possieda esattamente ciò che serve a noi, e al contempo necessiti esattamente di ciò che noi possiamo cedergli. Tutti i soggetti desiderano detenere scorte di moneta, cioè liquidità, in sé. Ciò perché questo possesso da una parte consente loro di essere più flessibili nelle loro scelte di spesa e di evoluzione temporale della stessa, e dall altra parte garantisce loro di detenere valori che chiunque accetterà in qualsiasi momento. Per tale ragione i soggetti in generale preferiscono avere delle scorte liquide piuttosto che avere tutta la loro ricchezza incorporata in stock non liquidi, titoli o altro. Infatti, come sappiamo, questi ultimi stock, oltre a comportare costi per essere convertiti in liquidità, comportano anche un incertezza relativamente al loro valore nel momento in cui li si vorrà convertire. Questo atteggiamento di preferenza degli operatori nei confronti della moneta si chiama preferenza per la liquidità. Poniamoci ora dal lato di chi compra un titolo da qualcuno, cioè gli sta cedendo o prestando della moneta. Il prestatore rinuncia a detenere della liquidità, per la quale ha una certa preferenza. Dunque quando si acquista un titolo, privandosi della liquidità, non è in generale sufficiente ricevere in cambio un foglio il cui valore a scadenza è lo stesso della quantità di moneta ceduta: si pretende di ricevere qualcosa in più, come compenso per la rinuncia alla liquidità. Questo qualcosa in più è l interesse. Si chiama poi tasso di interesse la somma che si pretende come interesse dopo un anno per aver prestato un euro, oltre ovviamente alla restituzione di quell euro. Usualmente il tasso di interesse è espresso in forma percentuale: se il tasso di interesse è il 5% annuo ciò significa che per ogni euro dato a prestito si ricevono 1,05 euro dopo un anno. Il tasso di interesse è dunque il prezzo della rinuncia alla liquidità per un anno. La moneta è liquida, e quindi detenendola sotto il materasso non si pretende alcun interesse. Anche i conti correnti sono liquidi, come sappiamo, per cui non pagano alcun interesse 2. Gli stock finanziari diversi dalla moneta, invece, devono pagare un tasso di interesse annuo ai loro detentori per compensare la loro mancanza di liquidità. Il mercato su cui avvengono i prestiti a breve termine (cioè entro l anno) si chiama appunto mercato monetario. Naturalmente, possono esistere tassi diversi a seconda dell esatta lunghezza del prestito: prestiti più a lunga richiedono un tasso di interesse maggiore, a causa del maggior rischio implicito nell operazione (rischio di instabilità dei valori, rischio di insolvenza del debitore, ecc.). Ma noi astrarremo da queste differenze, ipotizzando per semplicità che sul mercato monetario esista un solo tasso di interesse. Che il tasso di interesse sia unico sul mercato monetario può essere considerata una sorta di condizione di equilibrio, che sui mercati finanziari si chiama anche condizione di arbitraggio. Se esistessero contemporaneamente tassi di interesse diversi in diverse parti del mercato monetario, coloro i quali praticassero tassi più alti non troverebbero individui disposti a prendere a prestito da loro. Viceversa, chi è disposto a prestare moneta non andrebbe da individui che pagano un tasso di interesse 2 Talora i conti correnti promettono un minimo di tasso di interesse, che però in generale è addirittura inferiore al tasso di inflazione (quindi non dà nessun vantaggio reale), e comunque è abbondantemente compensato dalle spese di gestione del conto. In altri schemi, che si stanno diffondendo anche nel nostro paese, non esistono praticamente costi di gestione ma neppure viene pagato alcun tasso di interesse. Quelli che vengono spacciati dalla pubblicità per conti correnti che pagano tassi di interesse elevati spesso nascondono qualche forma di illiquidità: necessità di preavviso per prelievi, commissioni di uscita, eccetera.

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti)

Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti) Capitalizzazione semplice e composta (sul libro a pag. 386 e seguenti) Operazione finanziaria = un operazione in cui avviene uno scambio di denaro in tempi diversi. Mutuante o creditore = chi concede il

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento!

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! GLI OGRIN Il sistema di Punti scambiabili nei servizi ANKAMA Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! Si tratta, in primo luogo, di un

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri In caso di rapina in un pubblico esercizio Mantieni la massima calma ed esegui prontamente ciò che viene chiesto dai rapinatori. Non prendere

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) INDICE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

CAP.1: FINANZA AZIENDALE.

CAP.1: FINANZA AZIENDALE. FINANZA AZIENDALE CAP.1: FINANZA AZIENDALE. Studio dei principi di valutazione della convenienza economica delle decisioni (finanziarie) di investimento e di finanziamento delle imprese. Il mercato si

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli