MAPPA DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI classe V

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MAPPA DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI classe V"

Transcript

1 MAPPA DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI classe V Italiano Acquisire e dare informazioni orali. Apprezzare la varietà espressiva della lingua. Utilizzare testi adeguati a varie situazioni comunicative Raggiungere una chiara espressione verbale,orale e scritta. Organizzare un discorso orale e comunicare. Riconoscere e utilizzare caratteristiche linguistiche in testi diversi. Sapersi esprimere e comunicare. Orientarsi entro i principali generi letterari. Scienze Motorie e Sportive Padroneggiare abilità motorie di base. Usare il linguaggio corporeo come modalità espressiva. Partecipare alle attività di gioco assumendo coerenti comportamenti relazionali. Tecnologia Conoscere le diverse forme di energia e le macchine che la utilizzano. Matematica Sviluppare le capacità di calcolo per risolvere Operare misurazioni di oggetti e figure geometriche. Capacità di trovare strategie risolutive mediante diagrammi e grafici. Scoprire le caratteristiche delle figure geometriche studiate. Favorire la personale crescita culturale, promuovendo lo sviluppo delle conoscenze e delle abilità disciplinari e l acquisizione di linguaggi specifici. Scienze Conoscere funzioni,organi ed apparati dell organismo umano. Attivare comportamenti di prevenzione adeguati ai fini della salute nelle diverse situazioni di vita. Geografia Utilizzare piante e carte per orientarsi e muoversi nella spazio. Osservare un ambiente e scoprire gli elementi fisici ed antropici. Conoscere diversi paesaggi italiani e differenziarli secondo le loro caratteristiche geografiche ed economiche.. Storia Individuare i nessi tra gli eventi storici e le caratteristiche di un territorio. Collocare nello spazio e nel tempo fatti del passato. Acquisire conoscenze significative sulle civiltà di antichi popoli. Musica Cantare in coro con proprietà di ritmo ed intonazione. Riconoscere funzioni del linguaggio musicale. Arte Avvicinarsi al mondo delle immagini utilizzando le risorse sensoriali. Sperimentare la propria creatività utilizzando materiali varie avvicinarsi al mondo dell arte nelle sue varie forme. Apprezzare i beni del patrimonio artistico culturale presenti nel proprio territorio. Cittadinanza e costituzione Acquisire comportamenti corretti e regole. Cogliere la rilevanza del sistema sociale- Conoscere i principi della costituzione.

2 METODOLOGIA ITALIANO MATEMATICA SCIENZE STORIA GEOGRAFIA ARTE E IMMAGINE MUSICA SC. MOTORIE CONV. CIVILE TIC E TEC Sarà privilegiata la lettura,sia dal libro sia quelle presentate in classe dall insegnante in modo da favorire la conoscenza di vari tipologie testuali. L osservazione diretta dell ambiente e la terminologia acquisita in tutte le discipline favoriranno lo sviluppo linguistico dell alunno. Gli alunni saranno guidati alla scoperta della matematica partendo dalla fase manipolativa e visiva e sviluppare il passaggio alla fase simbolica. Si procederà dall osservazione della realtà alla raccolta di dati,alla formulazione di ipotesi,di risoluzione di problemi di vita quotidiana,matematica e non. La discussione,il confronto e la valutazione dei risultati permetteranno agli alunni di prendere coscienza dei processi utilizzati e permetteranno loro di scoprire regole e leggi. Inoltre si guideranno gli alunni ad osservare la realtà, a raccogliere dati, a formulare ipotesi di risoluzione dei problemi, a rappresentare graficamente situazioni ed algoritmi, ad individuare il procedimento risolutivo adeguato per classi di Dall esperienza diretta dell ambiente circostante gli alunni saranno avviati a cogliere i rapporti esistenti tra gli esseri viventi e l ambiente in cui vivono. Essi saranno indirizzati a porsi domande,ad osservare,a riflettere,formulare ipotesi e trovare strategie risolutive collegando il fare al pensare. Ogni attività sarà concreta e scientifica,basata sulla sperimentazione. Si guideranno gli alunni alla conversazione, alla formulazione di ipotesi, all acquisizione di tecniche di indagine che consentano agli stessi di possedere le chiavi di lettura per classificare, interpretare e confrontare fatti e situazioni. I momenti operativi riguarderanno la ricerca e l organizzazione cronologica dei documenti la costruzione di semplici grafici di sintesi per la visualizzazione dei fatti. Si avvieranno gli alunni all uso di un linguaggio simbolico per la lettura e la costruzione di percorsi, per la localizzazione di elementi diversi dell ambiente, per la conoscenza dell ambiente nella sua globalità: spazio fisico, progettato e codificato. Le attività saranno organizzate in modo da sviluppare nei bambini la capacità di comunicare con più codici a loro disposizione, di servirsene e di esprimere le loro esperienze sul piano iconico, grafico e pittorico. Partendo dalle motivazioni, dalle esperienze e conoscenze degli alunni si svilupperanno itinerari didattici che, attraverso giochi, esperimenti, canti, drammatizzazioni, mirino a creare nella coscienza e nell animo del bambino una sensibilità particolare verso il buono e il bello che solo la musica sa dare Si proporranno giochi di squadra atti a sviluppare l attitudine al gioco collettivo, alla socializzazione, al rispetto per il compagno e per le regole di gioco. Gli alunni saranno avviati inoltre ad utilizzare il codice gestuale per codificare messaggi, per esprimere e comunicare sensazioni, immagini, idee. Le attività muoveranno dalla realtà degli alunni che verranno guidati a prendere coscienza dei principali problemi della società al fine di promuovere una cultura che li avvii a diventare elemento attivo nella vita sociale. Si condurrà l alunno ad una prima comprensione di tutto ciò che è artificiale nell ambiente circostante, attraverso l esperienza pratica, la descrizione individuale ed infine la discussione collettiva. In seguito sarà possibile accostare l uso del computer alla didattica quotidiana, dando così un ulteriore opportunità per consolidare gli apprendimenti già acquisiti nelle varie discipline. MEZZI Per le varie attività sarà usato materiale strutturato e non; schede, cartoncino, colla, forbici, colori, abaco, palline, blocchi logici, cassette, registratore tempera, carta crespa, collage, palle, specchio, materassino e tutto ciò che si ritiene utile per un efficace lavoro. VERIFICA Gli insegnanti periodicamente effettueranno prove di verifica atte ad accertare le abilità acquisite dagli alunni in ordine agli obiettivi programmati. Le verifiche verranno svolte attraverso schede da completare e/o colorare, esercizi vari. VALUTAZIONE la valutazione avrà scansione bimestrale (pagellino) e quadrimestrale (documento di valutazione).

3 UNITA DI APPRENDIMENTO N^ 1 Acquisire e dare informazioni orali. Apprezzare la varietà espressiva della lingua. Sviluppare le capacità di calcolo per risolvere Operare misurazioni di oggetti e figure geometriche. Capacità di trovare strategie risolutive mediante diagrammi e grafici. Conoscere funzioni,organi ed apparati dell organismo umano e degli animali. Attivare comportamenti di prevenzione adeguati ai fini della salute nelle diverse situazioni di vita. Conversazioni e discussioni. Lettura di testi narrativi e descrittivi. Sintesi di un testo secondo uno schema. Produzione e rielaborazione di testi narrativi e descrittivi. Produzione di testi sul proprio vissuto. Consolidamento ortografico. Conoscenza e classificazione di nomi e articoli. Scomposizione,lettura e scrittura di numeri. Completamento di successioni numeriche. Soluzione di Classificare angoli e figure geometriche. Determinare perimetri e aree. Conoscere organi,apparati e loro principali funzioni. Conoscenza di regole relative all igiene del corpo. Conversazioni guidate. Lettura di brevi testi e comprensione attraverso domande stimolo. Produzione di testi con l aiuto di uno schema guida. Consolidamento ortografico con schede. Scomposizione,lettura e scrittura di numeri. Completamento di successioni numeriche. Soluzione di semplici problemi con l aiuto dell insegnante. Attività svolte con schede semplificate. Conversazioni. Il racconto. Il resoconto. Rielaborazione di un testo. Riassunto. Produzione di testi. Riepilogo ortografico. Nomi ed articoli. Operazioni con i numeri interi e decimali. Il valore posizionale delle cifre. Le proprietà delle operazioni. Figure piane, perimetro e aree. -Apparato digerente e circolatorio. -Il sistema muscolo scheletrico. -Igiene e alimentazione. Comunicare e partecipare a conversazioni di gruppo. Utilizzare tecniche di lettura con scopi mirati. Consolidare le competenze ortografiche e grammaticali. Conoscere i numeri e rappresentarli. Operare trasformazioni numeriche. Conoscere tecniche operative per eseguire calcoli e Costruire figure. Misurare e calcolare. Classificare oggetti. Individuare funzioni, strutture e comportamenti del proprio corpo. Comprendere la relazione tra igiene del corpo e stato di salute. Sa comunicare in modo chiaro e corretto. Legge in modo chiaro ed espressivo. Comprende il significato di quanto letto. Produce un testo in maniera organica e corretta. Riassumere un brano letto. Scrivere correttamente. Individua e riconoscere il nome e gli articoli. Sa raggruppare ed effettuare cambi. Scrivere in lettere ed in cifre i numeri dati. Sa scomporre numeri ed eseguire calcoli. Sa individuare e scrivere i numeri ed eseguire calcoli. Sa classificare. Sa individuare funzioni, strutture e comportamenti del proprio corpo. Sa cogliere la relazione tra igiene del corpo e lo stato di salute. : Favorire la personale crescita culturale, promuovendo lo sviluppo delle conoscenze e delle abilità disciplinari e l acquisizione di linguaggi specifici.

4 Individuare i nessi tra gli eventi storici e le caratteristiche di un territorio. Cantare in coro con Collocare nello proprietà di ritmo spazio e nel tempo ed intonazione. fatti del passato. Cogliere la rilevanza del sistema sociale e la sua applicazione nella vita quotidiana. Utilizzare piante e carte per orientarsi e muoversi nella spazio. Conoscere le diverse forme di energia e le macchine che la utilizzano. Avvicinarsi al mondo delle immagini utilizzando le risorse sensoriali. Padroneggiare abilità motorie di base. Collocazione geografica delle civiltà studiate. Analisi delle 1^ fonti. LIVELLO Raccolta di termini specifici. Pronunciare una frase e recitare un Aspetti della civiltà greca. dialogo con le intonazioni di voce adatte per esprimere diversi stati d animo. Cantare con proprietà di ritmo ed Letture di testi. intonazione. Letture sulla Costituzione. Attività ludiche individuali e di gruppo finalizzate alla conoscenza di se e al rispetto reciproco. Lettura ed interpretazione di carte geografiche,stradali, tematiche,mappe,piante e relative legende. Osservazione di utensili di uso quotidiano con i loro vantaggi e svantaggi. Interpretazione e produzione di immagini. Osservazione e descrizione di immagini,dipinti. Esercizi con movimenti diversi. Percorsi a slalom. Giochi a squadre con la palla. Schede per conoscere gli aspetti generali della civiltà e popoli studiati. Pronunciare una frase e recitare un dialogo con le intonazioni di voce adatte per esprimere diversi stati d animo. Cantare con proprietà di ritmo Lettura guidata di testi. ed intonazione indagini e schede semplificate. Attività ludiche individuali e di gruppo finalizzate alla conoscenza di se e al rispetto reciproco. Lettura di carte con l uso di schede. Riconoscere le varie tipologie di macchine. Interpretazione e produzione di immagini. Osservazione e descrizione di immagini,dipinti. Esercizi con movimenti diversi. Percorsi a slalom. Giochi a squadre con la palla. Leggende e fonti. Individuare sulla cartina Conosce le civiltà studiate. La civiltà CONTENUTI greca. geografica OBIETTIVO il territorio COGNITIVO delle Usa testi,fonti,miti COMPETENZE per La mitologia greca. civiltà studiate. ricavare informazioni. Conoscere fatti ed eventi e La voce e le diverse Produrre con la voce suoni di Sa coordinare suoni vocali e istituzioni caratterizzanti la intonazioni nel canto. diversa intensità. cantare. civiltà Mesopotamica. Canti e musica. Cantare canzoni con proprietà Sa recitare e Riconosce ed utilizza di ritmo e intonazione. drammatizzare. correttamente le fonti. La Costituzione: diritti e doveri. Le relazioni interpersonali Elementi di cartografia. Riduzioni in scala,simboli, legende,grafici. Percorsi. Phono,ferro da stiro ed elettrodomestici vari. Immagini di vario genere. Immagini di quadri raffigurati nei testi. I colori e le tonalità. Il movimento del corpo. Equilibrio del corpo in movimento. Le posizioni del corpo nello spazio. Le simultaneità nel movimento. Regole e ruoli nei giochi. Riconoscere varie forme di governo. Attivare modalità relazionali positive. Sa leggere ed interpretare carte di vario tipo. Sa orientarsi e costruire possibili itinerari. Scoprire che il movimento è attivato da una forza chiamata energia e riconoscerne le varie fonti. Descrivere un dipinto e una immagine nei suoi caratteri generali. Identificare parole per la lettura di un immagine. Consolidare schemi motori e posturali. Sviluppare la coordinazione dinamica generale. Eseguire movimenti precisi ed adattarli a situazioni esecutive complesse. Conosce i principi fondamentali della Costituzione. Sa relazionarsi positivamente con coetanei ed adulti. Sa distinguere e leggere differenti tipologie di carte. Sa orientarsi. Sa costruire semplici percorsi. Sa riconoscere alcune forme di energia. Ricerca,raccoglie,legge e produce immagini Ha consolidato gli schemi motori e posturali. Ha affinato le capacità coordinative generali. Riconosce ed assume corretti schemi motori.

5 UNITA DI APPRENDIMENTO N^ 2 Utilizzare testi adeguati a varie situazioni comunicative. Raggiungere una chiara espressione verbale,orale e scritta. Sviluppare le capacità di calcolo per risolvere Scoprire le caratteristiche delle figure geometriche studiate. Capacità di trovare strategie risolutive mediante diagrammi e grafici. Conoscere funzioni,organi ed apparati dell organismo umano e degli animali. Analisi di testi che riguardano avvenimenti particolari e confronto tra le impressioni suscitate. Lettura ed analisi di testi descrittivi. Analisi di testi poetici. Conoscenza,classificazione e uso appropriato di preposizioni aggettivi,pronomi. Uso del dizionario. Leggere, scrivere e rappresentare numeri naturali e relativi. Trasformazione di frazioni decimali in numeri decimali. Calcoli. Problemi. Le figure piane e i poligoni regolari. Calcolo di perimetro ed area. Equivalenze. Apparati,organi e loro principali funzioni. Lettura ed analisi di brevi testi analizzando il contenuto con domande guida. Osservazione e descrizione di luoghi,interni e oggetti. Con l aiuto di uno schema guida produzione di semplici testi descrittivi. Mediante domande guida riflessione sul messaggio di un testo poetico. Consolidamento ortografico e grammaticale con schede schede semplificate e con la guida dell insegnante. Conoscere apparati e organi del nostro corpo. Conversazioni guidate. Il testo descrittivo e la sua struttura. Il testo poetico. Il verso,la strofa, similitudini,metafora. Preposizioni,aggettivi, pronomi. Numeri primi, multipli, divisori, potenze. Il sistema metrico decimale. La frazione e i suoi termini. La frazione decimale. Equivalenze. Figure piane: perimetro e area. I poligoni regolari: calcolo di perimetro e area. Diagrammi e grafici. Apparato respiratorio. Apparato escretore. Partecipare e comunicare. Utilizzare tecniche di lettura con scopi mirati. Consolidare le competenze ortografiche e grammaticali. Conoscere i numeri e rappresentarli. Operare trasformazioni numeriche. Operare con le frazioni. Conoscere tecniche operative per eseguire calcoli e Operare con i numeri per eseguire calcoli e operare con le figure piane per calcolare perimetro e area. Rappresentare diagrammi e grafici. Individuare funzioni, strutture e comportamenti del proprio corpo. Sa comunicare in modo chiaro e corretto rispettando le idee altrui. Sa leggere in modo chiaro ed espressivo. Comprende il significato di quanto letto. Produce un testo in maniera organica e corretta. Scrive correttamente. Comprende il messaggio di un testo poetico. Individua e riconosce l aggettivo e il pronome. Sa usare la tabella della scomposizione numerica. Sa eseguire addizioni e sottrazioni decimali. Sa calcolare la frazione di un numero. Sa costruire misurare e calcolare perimetri ed aree. Sa impostare diagrammi e grafici. Sa individuare funzioni, strutture e comportamenti del proprio corpo. Acquisire conoscenze significative sulle civiltà di antichi popoli. Acquisire atteggiamenti, comportamenti Influenza dell ambiente sulla nascita e sullo sviluppo delle civiltà egizia e romana. Visite guidate su strade urbane ed extraurbane. Percorsi stradali. schede semplificate Visite guidate su strade urbane ed extraurbane. Percorsi stradali. Gli Egizi. La nascita di Roma: leggenda e storia. Il contesto stradale e pedonale. Alcune norme fondamentali Conoscere fatti ed eventi e istituzioni caratterizzanti le civiltà studiate. Abilità di eseguire correttamente a piedi un percorso stradale, rispettando Conosce le civiltà studiate. Esegue in modo corretto percorsi stradali. Conosce la tipologia della

6 corretti e regole. Visite guidate sul proprio territorio. Visite guidate sul proprio territorio. Osservare un ambiente e scoprire gli elementi fisici ed antropici. Conoscere le diverse forme di energia e le parti che compongono il computer. Sperimentare la propria creatività utilizzando materiali varie avvicinarsi al mondo dell arte nelle sue varie forme. Usare il linguaggio corporeo come modalità espressiva. Cantare in coro con proprietà di ritmo ed intonazione. Le regioni italiane. I mezzi di trasporto. I principali componenti del computer. Manipolazioni di vari materiali plastici(argilla,plastilina,carta pesta). Realizzazione di figure tridimensionali. Camminare lungo i percorsi. Eseguire esercizi con movimenti diversi. Canta variando il ritmo e l intonazione. Lettura di testi di canti popolari e li esegue. Ascolto di brevi testi musicali. Indica le motivazioni che la musica può suscitare. schede semplificate I mezzi di trasporto. I principali componenti del computer l aiuto dell insegnante. l aiuto dell insegnante. l aiuto dell insegnante del codice della strada. Caratteristiche fisiche ed antropiche delle regioni italiane. Mezzi di trasporto. Le parti del computer. Procedimento per la videoscrittura. Varie tecniche pittoriche. I materiali plasmabili. Le opere d arte. Il movimento del corpo. Le posizioni del corpo nello spazio. Le regole del gioco. La danza e il ballo. La voce e le diverse intonazioni nel canto. Canti e musica. la segnaletica. Abilità di mantenere comportamenti corretti come pedone,ciclista. Conoscere le regioni italiane. Utilizzare il computer per scrivere brevi testi. Sperimentare le potenzialità espressive con varie tecniche. Usare materiali vari per creare figure tridimensionali. Eseguire composizioni motorie. Sviluppare la coordinazione dinamica generale. Cantare con proprietà di ritmo e intonazione. Ascoltare brani e percepirne le caratteristiche segnaletica stradale. Sa individuare gli elementi fisici,politici ed economici delle regioni. Sa riconoscere alcune forme di energia. Sa utilizzare il computer per scrivere brevi testi. Realizza figure tridimensionali usando materiali diversi. Sa riconoscere le opere d arte. Riconosce ed assume corretti comportamenti motori. Sa coordinare suoni e cantare. Sa recitare e drammatizzare.

7 UNITA DI APPRENDIMENTO N^ 3 Organizzare un discorso orale e comunicare. Riconoscere e utilizzare caratteristiche linguistiche in testi diversi. Sviluppare le capacità di calcolo per risolvere Operare misurazioni di oggetti e figure geometriche. Conoscere funzioni,organi ed apparati dell organismo umano. Acquisire conoscenze significative sulle civiltà di antichi popoli. Conversazioni e discussioni su argomenti vari. Lettura ed analisi di testi informativi,espositivi,teatrali. Esercitazioni di analisi delle parole e delle frasi. Uso e distinzione di modi e tempi verbali. Problemi con diagrammi. Classificazione dei poligoni: calcolo dei perimetro e area. Il cerchio e la circonferenza. Apparati,organi e loro principali funzioni. Conoscenza delle antiche civiltà dei popoli i Romani Ascolto e comprensione dell argomento della conversazione. Rielaborazione di un testo con l ausilio di schemi logici. Riconoscimento di alcune categorie grammaticali. Le attività saranno svolte mediante schede semplificate e con l aiuto dell insegnante Le attività saranno svolte mediante schede semplificate. schede semplificate Conversazioni libere e strutturate. Il quotidiano:disposizione degli articoli,l annuncio, l articolo di cronaca. Il testo teatrale,espositivo autobiografico. L uso dei verbi,la concordanza con il nome le forme semplici e composte. La percentuale. La compravendita. Poligoni regolari ed irregolari. Il cerchio e la circonferenza. Il sistema nervoso. Gli organi di senso. Organizzazione sociale ed economica dei Romani. Le guerre Puniche Partecipare a conversazioni di gruppo,individuando il problema affrontato. Utilizzare tecniche di lettura con scopi mirati. Consolidare le competenze ortografiche e grammaticali. Comprendere un testo e studiare varie strategie per organizzare un percorso di soluzione. Conoscere le proprietà delle figure geometriche studiate. Riconoscere l isoperimetria e l equiestensione. Conoscere i metodi per trovare l area. Individuare funzioni, strutture e comportamenti del proprio corpo. Conoscere fatti ed eventi e istituzioni caratterizzanti le civiltà studiate. Sa comunicare in modo chiaro e corretto. Leggere in modo chiaro ed espressivo. Comprende la tipologia testuale di un brano. Scrive correttamente. Sa drammatizzare un testo teatrale. Comprende le informazioni dei testi esaminati. Usa correttamente modi e tempi verbali.. Sa interpretare dati e trovare soluzioni con diagrammi. Sa classificare poligoni. Sa disegnare figure isoperimetriche ed equiestese ruotate e traslate. Sa calcolare l area. Sa individuare funzioni, strutture e comportamenti del proprio corpo. Conosce le civiltà studiate. Comprendere il valore dei beni naturali e culturali presenti nel proprio territorio. Osservare un ambiente e scoprire gli elementi fisici ed antropici. Conoscere le diverse forme di Ricerche individuali e di gruppo sullo stato dell ambiente. Visite guidate sul proprio territorio. Le regioni italiane. I principali componenti del computer. schede semplificate schede semplificate l aiuto dell insegnante La salvaguardia dell ambiente. Vari tipi di inquinamento. Il riciclaggio. Caratteristiche fisiche ed antropiche delle regioni italiane. Le parti del computer. Procedimento per la Abilità di usare in modo corretto le risorse evitando sprechi e forme di inquinamento. Conoscere le regioni italiane. Utilizzare il computer per disegnare e scrivere brevi Sa apprezzare l ambiente nel suo equilibrio ecologico. Sa individuare gli elementi fisici,politici ed economici delle regioni. Sa utilizzare il computer per eseguire semplici disegni e

8 energia e le macchine che le utilizzano. Sperimentare la propria creatività utilizzando materiali varie avvicinarsi al mondo dell arte nelle sue varie forme. Riconoscere funzioni del linguaggio muscale. Partecipare alle attività di gioco assumendo coerenti comportamenti relazionali. La videoscrittura. videoscrittura. testi. scrivere brevi testi. Manipolazioni di vari materiali plastici(argilla,plastilina,carta pesta). Realizzazione di figure tridimensionali. Cantare variando il ritmo e l intonazione. Ascolto di brevi pezzi musicali di vario genere e di larga diffusione. Conoscere e rispettare le regole dei giochi sportivi praticati. l aiuto dell insegnante. l aiuto dell insegnante. l aiuto dell insegnante Varie tecniche pittoriche. I materiali plasmabili. Le opere d arte. La musica per gioco. Il canto. Le componenti antropologiche della musica. Giochi tradizionali. Giochi a squadre. Giochi con la palla. La danza e il ballo. Sperimentare le potenzialità espressive con varie tecniche. Usare materiali vari per creare figure tridimensionali. Descrivere le caratteristiche di alcuni generi musicali. Riconoscere le occasioni sociali n cui si utilizza la musica. Interpretare a funzione della musica nella danza nel gioco e nella pubblicità. Partecipare ad attività di gioco rispettando le regole. Realizza figure tridimensionali usando materiali diversi. Sa riconoscere le opere d arte. Sa esprimere i valori espressivi di un brano con la parola e l azione motoria. Sa descrivere le caratteristiche di alcuni generi musicali. Sa partecipare correttamente ad attività di gioco e sportive rispettando le regole.

9 UNITA DI APPRENDIMENTO N^ 4 Sapersi esprimere e comunicare. Orientarsi entro i principali generi letterari. Sviluppare le capacità di calcolo per risolvere Operare misurazioni di oggetti e figure geometriche. Capacità di trovare strategie risolutive mediante diagrammi e grafici. Acquisire conoscenze significative sulla civiltà di antichi popoli. Capacità di discutere e conversare in gruppo. Capacità di leggere ed analizzare e produrre testi argomentativi, regolativi e poetici. Capacità di analizzare la frase e la sua struttura. Capacità di analizzare il testo problemico. Capacità di classificare poligoni. Conoscere le proprietà delle figure geometriche studiate. Capacità di classificare oggetti con diagrammi. Riconoscere e disegnare figure solide. Lettura di testi e fonti. Capacita di collocare la civiltà romana: analisi delle fonti. Capacità di conversare sui temi trattati. Capacità di leggere e comprendere semplici testi argomentativi, regolativi e poetici. Capacità di individuare nella frase il soggetto e il predicato Capacità di comprendere un testo problemico. Conoscere poligoni e le loro proprietà. Riconoscere vari tipi di diagrammi. Disegnare figure solide. Lettura di testi e fonti. Conoscere gli aspetti principali della civiltà romana. Conversazioni guidate. Il racconto. Il riassunto. La sintesi. Il saggio breve relativi a testi argomentativi, regolativi e poetici. La frase e le sue espansioni I poligoni regolari e irregolari. Il cerchio. Le figure solide. I grafici La civiltà romana. L organizzazione politica sociale ed economica. Il cristianesimo. La crisi dell impero. prestare attenzione in situazioni comunicative diverse. Partecipare a conversazioni di gruppo individuando il problema affrontato e le principali opinioni espresse. Riflettere sulle strutture linguistiche della poesia. Elaborare in modo creativo testi di vario tipo. Conoscere le parti del discorso e le categorie grammaticali. Comprendere un testo e studiare varie strategie per organizzare un percorso di soluzione. Conoscere perimetro, area e volume delle figure studiate. Conoscere fatti ed eventi e istituzioni caratterizzanti le civiltà studiate. Sa comunicare in modo chiaro e corretto. Legge in modo chiaro ed espressivo e riconosce le varie tipologie testuali. Produce testi scritti per esporre argomenti noti. Comprende la funzione di soggetto, predicato ed espansione Sa interpretare dati e trovare soluzioni. Sa classificare poligoni. Sa disegnare figure isoperimetriche ed equiestese. Sa calcolare area e volume. Sa classificare e impostare diagrammi. Sa compiere indagini statistiche Conosce la civiltà romana. Usa testi fonti e miti per ricavare informazioni. Conosce i popoli studiati. Acquisire atteggiamenti, comportamenti e regole per una crescita sana. Conversazioni sulle abitudini di vita. Simulazioni di pericolo ed evacuazione secondo le norme. l aiuto dell insegnante. Gli alimenti necessari alla crescita e norme di consumo. La salute e la prevenzione. Regole di evacuazione. Individuare la dieta più adeguata al proprio corpo. Rispettare le norme per la conversazione ed il consumo degli alimenti. Attivare comportamenti di prevenzione per la salute. Esercitare procedure di evacuazione. Sa riconoscere la tipologia degli alimenti e le relative funzioni nutrizionali. Attua norme di prevenzione per il proprio benessere. Da prova di autocontrollo in situazioni di pericolo simulato. Conoscere diversi Le regioni italiane. Conoscere gli aspetti principali La popolazione italiana. Conosce la distribuzione della Sa compiere rilevazioni sulla

10 paesaggi italiani e differenziarli secondo le loro caratteristiche geografiche ed economiche delle regioni italiane con la guida dell insegnante. Il lavoro. La vie di comunicazione. I parchi nazionali e le aree protette. Le regioni. L Italia in Europa e nel mondo. popolazione sul territorio italiano. Conosce la suddivisione dei vari settori lavorativi. Conosce le regioni italiane. Conosce l U.E. popolazione e sul territorio. Sa individuare gli elementi fisici politici ed economici di una regione. Conosce l U.E. Sa collocare l Italia all interno dell U.E. Conoscere le diverse forme di energia e le macchine che le utilizzano. Conoscere funzioni organi ed apparati dell organismo umano. Usare la video scrittura per scrivere brevi testi. Conoscere organi ed apparati e le loro principali funzioni. Riconoscere le varie tipologie di macchine. Usare la video scrittura per scrivere bravi frasi. Riconoscere organi ed apparati del nostro corpo. Le parti del computer, procedimento perla video scrittura. La riproduzione. Utilizzare il computer per disegnare e scrivere brevi testi. Individuare funzioni, strutture e comportamenti del proprio corpo. Utilizzare il computer per scrivere brevi testi. Sa individuare funzioni, strutture e comportamenti del proprio corpo. Apprezzare i beni del patrimonio artistico culturale presenti nel proprio territorio. Riconoscere funzioni del linguaggio muscale. Partecipare alle attività di gioco assumendo coerenti comportamenti relazionali. Conoscere i beni ambientali e culturali del territorio, analizzarne e descriverne la storia. Ascolto di brevi pezzi musicali di vario genere. Lettura e ascolto di testi relativi a canti popolari ed eseguirli per imitazione. Conoscere e rispettare le regole dei giochi sportivi praticati. Capacità di interpretare e produrre immagini sui beni ambientali e culturali del territorio. Ascoltare semplici brani musicali. Ascoltare ed eseguire semplici canti popolari. Saper rispettare le regole dei giochi. Il territorio circostante. Le opere d arte e il patrimonio culturale Il canto. La musica per gioco. Le componenti antropologiche della musica. Giochi tradizionali. Giochi a squadre. Giochi con la palla. Acquisire il concetto di bene ambientale e culturale. Individuare i beni del patrimonio ambientale e culturale del proprio territorio. Ascoltare brani musicali e percepirne le caratteristiche. Interpretare a funzione della musica nella danza nel gioco e nella pubblicità. Partecipare ad attività di gioco rispettando le regole. Ha sviluppato il concetto di tutela e salvaguardia dei beni culturali e ambientali Sa descrivere le caratteristiche di alcuni generi musicali. Riconosce alcune occasioni sociali in cui si utilizza la musica. Sa partecipare correttamente ad attività di gioco e sportive rispettando le regole.

11

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Piano annuale per la Classe 4^ A

Piano annuale per la Classe 4^ A Istituto Comprensivo N.2 - Arzachena Scuola Primaria di Abbiadori Piano annuale per la Classe 4^ A ANCORA IN VIAGGIO a.s. 204/2015 Insegnanti: Depperu Anna Maria, Melino Vittorina, Peddis Giuliana, Angius

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA

ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZARO DI OLIVETO CITRA (SA) DIR. SCOL. Dott.ssa ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO E DOGANA PROGETTAZIONE ANNUALE UNITARIA TUTTI A BORDO per FARE giocando,

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA FINALITA SPECIFICHE CHE COS E LA SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA Offrire un ambiente educativo e di apprendimento accogliente che riesca a favorire: 1. la crescita dell individuo come persona attraverso i valori culturali e spirituali, cristiani e non; 2. la

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Il progetto educativo-didattico triennale delle scuole dell'infanzia del 2 circolo di Venaria: AMICO AMBIENTE

Il progetto educativo-didattico triennale delle scuole dell'infanzia del 2 circolo di Venaria: AMICO AMBIENTE 1 Premessa Il progetto educativo-didattico triennale delle scuole dell'infanzia del 2 circolo di Venaria: AMICO AMBIENTE nasce con la motivazione di guidare il bambino alla scoperta dell'ambiente che lo

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale ISTITUTO COMPRENSIVO ARCOLA-AMEGLIA Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: Storia, Geografia, Arte e immagine, Musica, Educazione fisica, Religione Anno

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli