Gerald Matt Alessia Zorloni. Economia dei musei. Prefazione di Pier Luigi Sacco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gerald Matt Alessia Zorloni. Economia dei musei. Prefazione di Pier Luigi Sacco"

Transcript

1 A10 694

2

3 Gerald Matt Alessia Zorloni Economia e gestione dei musei Prefazione di Pier Luigi Sacco

4 Copyright MMXI ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A B Roma (06) isbn I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: gennaio 2011

5 Questo lavoro è stato realizzato grazie al generoso contributo dell Austrian Science Fund (FWF) nell ambito del progetto di ricerca n. P G13 intitolato Strategic Management and Creative Partnership for Contemporary Art. Un doveroso ringraziamento va a questo ente che per tre anni ha finanziato la ricerca. Un sentito ringraziamento va anche all avvocato Chiara Redini, che ha fornito supporto nella stesura del secondo capitolo. Infine ringraziamo Ingrid Giudice e Veronica Thaler per l aiuto nella traduzione dal tedesco all italiano di alcuni documenti presenti nel libro.

6

7 Indice 11 Prefazione di Pier Luigi Sacco 15 Premessa 17 Introduzione Il museo: compiti e obiettivi 1. Musei e sviluppo strategico nella letteratura 2. La definizione di museo 3. Il prodotto offerto 3.1. Prodotto di base 3.2. Prodotti accessori 4. Le funzioni del museo La pianificazione strategica di un nuovo museo 1.1. Definizione dell incarico culturale 1.2. Gli stakeholder del museo 1.3. Concorrenza e sinergia Practice: Politiche espansionistiche e musei in franchising 1.4. Definizione della mission 1.5. Definizione della strategia 1.6. Analisi e definizione dell assetto finanziario 1.7. Scelta della forma giuridica 1.8. Definizione dell assetto organizzativo 1.9. Predisposizione del sistema di controllo La scelta del modello giuridico 2.1. Status giuridico dei musei Museo come parte integrante di un ente Museo ad autonomia limitata Museo indipendente 7

8 8 Economia e gestione dei musei Practice: Tate Gallery 2.2. Caratteristiche strutturali del settore culturale in Italia Practice: Perché esiste un interesse sociale al finanziamento della cultura? 2.3. Forme giuridico-istituzionali per la gestione dei musei Istituzione pubblica Practice: Il Museo di Arte Moderna di Bologna (MAMbO) L associazione Practice: La Galleria di Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo (GAMeC) La fondazione Practice: La fondazione Sandretto Re Rebaudengo La fondazione di partecipazione Governance e assetti organizzativi 3.1. Ruolo e responsabilità dell organo decisionale 3.2. La direzione del museo 3.3. Le figure professionali 3.4. La struttura organizzativa Practice: Il manuale d impresa. Linee guida interne al museo come strumento organizzativo 3.5. La gestione del personale L assetto finanziario 4.1. I flussi attivi del museo 4.2. I flussi passivi del museo 4.3. Il sistema di programmazione e controllo Controllo antecedente o budgeting Controllo concomitante e susseguente Practice: Il processo di preparazione del budget 4.4. La raccolta di fondi e sponsorizzazioni Practice: La strategie di fundraising della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo 4.5. Le attività commerciali 4.6. Il finanziamento dei progetti culturali Practice: Gli accordi di sovvenzione Criteri di valutazione dei progetti culturali Practice: Enti che finanziano progetti culturali 4.7. Analisi finanziaria per la creazione di un nuovo museo La gestione della collezione 5.1. La politica delle collezioni 5.2. L incremento delle collezioni Practice: Centre Pompidou 5.3. Politiche di deaccessioning Practice: I rapporti tra collezionisti privati e i musei 5.4. La documentazione della collezione 5.5. Conservazione e sicurezza della collezione 5.6. Le politiche di ricerca e studio Practice: MACBA Practice: Tate Gallery L organizzazione delle esposizioni 6.1. La produzione propria Il curatore esterno Il curatore interno 6.2. Il prestito e/o l acquisto di esposizioni 6.3. Le coproduzioni

9 Indice Il ruolo dei privati nell organizzazione di mostre 6.5. Il ciclo di vita di una mostra 6.6. La fase di ideazione 6.7. La fase di pianificazione La presentazione della lista delle opere Il prestito delle opere La produzione del catalogo L individuazione dei partner La formazione del bilancio L archivio del progetto 6.8. La fase di implementazione La produzione tecnica La produzione logistica 6.9. La fase conclusiva I servizi di mediazione 7.1. La programmazione dei servizi educativi 7.2. Le indagini sui visitatori 7.3. I programmi di outreach 7.4. Fattori che influenzano l apprendimento 7.5. Gli stili di apprendimento Apprendimento didattico Apprendimento attivo 7.6. Programmi educativi nei musei europei 153 Appendice Documento 1: Lo statuto della Fondazione Museion Documento 2: Il bando per un posto di curatore Documento 3: Il contratto tra il Museo di Vienna e la Fondazione Moderna per la realizzazione di un video archivio Documento 4: Il contratto con un curatore esterno Documento 5: Il contratto di commissione Documento 6: Il contratto di coproduzione Documento 7: Il contratto di prestito delle opere Documento 8: La richiesta dei copyright per la pubblicazione del catalogo Documento 9: Schema utilizzato per la definizione del piano di marketing 191 Note sugli autori 193 Riferimenti bibliografici

10

11 Prefazione Il tema dell economia dei musei di arte contemporanea sta diventando di estrema attualità in Italia, per almeno due motivi: da un lato, la rapida crescita del loro numero in tutto il territorio nazionale e dall altro, l attuale scenario di crisi economica che rende ancora più pressante l obiettivo di un elevata efficienza gestionale. La domanda di professionalità in grado di assicurare il raggiungimento di simili risultati è quindi a sua volta in aumento, soprattutto presso quelle realtà le cui economie sono tali da potersi permettere il reclutamento, a condizioni professionalmente competitive, di competenze tecnico-manageriali alle quali si accompagni anche una buona conoscenza da insider del sistema dell arte contemporanea, delle sue complessità e dei suoi codici di senso. È anche per questo motivo che nel nostro Paese proliferano i corsi di formazione dedicati alla gestione della cultura in tutti i suoi aspetti e i temi del contemporaneo occupano comprensibilmente un posto di primo piano nella maggior parte dei programmi didattici. Il grande entusiasmo ed interesse attorno a questi temi fa sì purtroppo che spesso le capacità di assorbimento del nostro sistema non siano sufficienti ad assicurare prospettive di impiego a tutti coloro che si formano per lavorare nella gestione della cultura, e anzi si può dire che sia soltanto una piccola e fortunata minoranza ad avere accesso a reali opportunità professionali. Ma c è da sperare che, nei prossimi anni, con il superamento della crisi e con la maturazione di una visione più evoluta e consapevole del ruolo che la cultura ha nello sviluppo economico locale e del sistema Paese, la situazione migliori 11

12 12 Economia e gestione dei musei e si creino in Italia maggiori possibilità di mettere a frutto queste competenze di cui, a parole, tutti dichiarano il bisogno ma che però, all atto pratico, vengono oggi severamente sotto-utilizzate se non penalizzate dal punto di vista professionale. Il libro di Alessia Zorloni e Gerald Matt rappresenta, in questo senso, un contributo molto utile, che colma, almeno in parte, un vuoto nel panorama editoriale attuale in lingua italiana. Pur non essendo un manuale nel senso stretto del termine, il libro passa in rassegna tutte le principali dimensioni della gestione del museo, offrendo in modo sintetico ed efficace una panoramica dei concetti fondamentali, e supportandola spesso con dati e informazioni di valore tanto concettuale quanto pratico. Si tratta quindi di un testo che potrà essere utilizzato sia dagli studenti desiderosi di comprendere meglio la complessa articolazione dei temi della gestione museale in tutte le loro dimensioni, che dai giovani professionisti che hanno bisogno di un testo di rapida consultazione per avere informazioni e riferimenti di base. C è quindi da sperare che esso venga considerato con la dovuta attenzione all interno dei vari corsi di formazione su questi temi e che possa contribuire alla formazione di una cultura più puntuale e precisa sulle problematiche gestionali del museo d arte contemporanea. Il libro nasce da un contatto diretto e approfondito con il mondo della gestione museale del contemporaneo: Gerald Matt dirige la Kunsthalle di Vienna, una delle più prestigiose istituzioni europee per il contemporaneo, e Alessia Zorloni ha condotto una lunga residenza di studio presso lo spazio viennese, a cui si sono aggiunte, nel tempo, varie altre residenze in istituzioni museali di primo piano sparse per il mondo. Ma anche attingendo a basi così solide, il libro non può essere considerato, né ovviamente ha la pretesa di essere, un punto fermo sul tema: il contemporaneo, come è noto, è un mondo in perpetua evoluzione nel quale nascono continuamente nuovi modelli di istituzioni e centri espositivi, talvolta anche attraverso la ridefinizione di luoghi non appositamente dedicati alla produzione culturale. Di questa vivacità risente la stessa istituzione-museo, che è portata a propria volta ad evolvere e a recepire alcuni di questi segnali di cambiamento, modificando la propria missione, le proprie

13 Prefazione 13 funzioni e talvolta persino la sua organizzazione. Del resto il museo, nato come istituzione che doveva offrire ad un pubblico con un limitato accesso all istruzione e ancora di più ai viaggi a lunga distanza l opportunità di vedere e conoscere cose a cui altrimenti esso non avrebbe avuto con tutta probabilità alcun accesso, si trova oggi al contrario a doversi confrontare con un pubblico che vede fin troppo, viaggia fin troppo, e fa fatica a concedere tempo fisico e mentale ad una qualunque esperienza di interazione con un oggetto museale. Questo nuovo scenario pone dunque sfide nuove, che vanno risolte non soltanto attraverso la competenza e l immaginazione dei curatori museali, ma anche attraverso la ricerca di formule organizzative e gestionali che mettano il museo in condizione di reagire con prontezza ed efficacia alle richieste, per lo più inespresse ed inconsapevoli, di un pubblico alla ricerca di un nuovo senso dell esperienza museale e del suo valore. Ecco perché, e sarà ancora così per molti anni a venire, i testi dedicati alla gestione del contemporaneo sono destinati ad evolvere, ad essere rivisti integrando i nuovi modelli e le nuove esperienze, e probabilmente introducendo aspetti del tutto nuovi, come le forme di produzione e circolazione socializzata dei contenuti culturali, un tema a cui in questi ultimi anni gli artisti e i curatori stanno attribuendo un attenzione crescente. Auguro quindi al libro di Zorloni e Matt di andare incontro nei prossimi anni ad ulteriori aggiornamenti e a nuove edizioni, che espandano l impianto originale con contenuti ancora più ricchi e diversificati. È, credo, il miglior augurio che si possa fare ad un libro. Pier Luigi Sacco

14

15 Premessa I profondi cambiamenti, intervenuti negli ultimi anni nel modo di gestire e fruire le attività culturali e del tempo libero, richiedono anche per il settore culturale un comportamento organizzativo di tipo manageriale, che nel rispetto della creazione artistica sia improntato ad una logica di efficacia ed efficienza. Questo libro si propone di fornire un quadro sintetico ed efficace di tutte le informazioni e le competenze di natura economicogestionale necessarie per avviare e gestire un museo di successo. I temi trattati sono diversi e vanno dall organizzazione di una mostra alla gestione dei rapporti contrattuali con gli artisti e i curatori esterni, alla formulazione di un budget previsionale, alla realizzazione della raccolta fondi (fundraising) a sostegno dei progetti artistici. Il libro, che fa riferimento a esperienze di musei d arte contemporanea, descrive le possibili forme di gestione museale, valutandone le caratteristiche essenziali e le rispettive potenzialità e illustra in modo sistematico le diverse fasi organizzative presenti nella creazione di un nuovo museo, suggerendo soluzioni pratiche e formule contrattuali. Lo scopo del volume è quello di fornire a studenti e aspiranti curatori (ma anche a probabili assistenti e a chiunque voglia lavorare in un museo o in una galleria d arte) uno strumento utile sia alla pianificazione strategica di uno nuovo museo che alla programmazione e all organizzazione delle attività espositive. 15

16 16 Economia e gestione dei musei Ci auguriamo pertanto che le informazioni contenute in questo testo siano di utilità sia per lo studente che si appresta a conoscere i primi fondamenti dell organizzazione museale che per il professionista che potrà trarne utili suggerimenti per il proprio lavoro.

17 Introduzione Il museo: compiti e obiettivi 1. Musei e sviluppo strategico nella letteratura Negli ultimi anni si è assistito nel nostro Paese ad un crescente interesse da parte di studiosi e ricercatori verso lo studio del settore museale e delle organizzazioni artistiche in esso operanti. Il risultato di tale impegno si è tradotto in numerose ricerche e pubblicazioni che hanno avuto come oggetto di studio il museo analizzato in quanto azienda di servizi. Molteplici discipline inoltre si sono occupate dei musei e in particolare del settore culturale. Come evidenzia Chiara Bernardi (2005) si possono rintracciare quattro filoni di ricerca: Il filone museologico. Un primo filone di ricerca si è interessato in particolar modo dell organizzazione interna, della gestione della collezione, delle tecniche di conservazione e di catalogazione, così come delle attività di ricerca. In quest area si segnalano tra gli altri i contributi di Jallà (2003), Tomea Gavazzoli (2003), Negri (2003) e Cataldo e Paraventi (2007). Questo filone di ricerca cerca di rispondere a domande come: che tipo di collezione dispone il museo? qual è la programmazione artistica del museo? che tipo di mostre ed eventi culturali organizza? quanti dipendenti sono coinvolti nell attività del museo? Il filone economico. Un secondo filone d indagine risale agli anni Sessanta e si è interessato del settore culturale e delle organizzazio- 17

18 18 Economia e gestione dei musei ni in esso operanti dal punto di vista dei meccanismi di allocazione delle risorse, dei problemi informativi che caratterizzano il settore e delle modalità di finanziamento. I contributi più importanti provengono da William Baumol e William Bowen (1966) sull economia dello spettacolo dal vivo, dai due premi Nobel Gary Becker e George Stigler (1977) sul consumo di beni culturali, da Bruno Frey e Werner Pommerehne (1991) sull economia dei musei e da David Throsby (2000) sull importanza delle esternalità positive. Si segnalano inoltre le ricerche di Blaug (1992), Heilbrun e Gray (1993), Trimarchi (1999), Benhamou (2001), Besana (2003) e Towse (2003). Questo filone di studi cerca di rispondere a domande come: perché lo Stato dovrebbe finanziare la cultura? qual è l impatto economico di un nuovo museo? quali sono le variabili che determinano la domanda di beni e servizi culturali? Il filone manageriale. Una terza tipologia d indagine si è concentrata sull analisi degli aspetti economici nella gestione dell organizzazione museale e sull uso efficiente ed efficace di risorse scarse. Questo filone di ricerca nasce nel nostro Paese negli anni Novanta, con il riconoscimento del museo come area di studio delle discipline aziendali e manageriali. In questo campo, gli studi più rilevanti sono quelli condotti da Lord e Lord (1997), Solima (1998), Chirieleison (2002), Bagdadli (2003), De Carlo e Dubini (2004), Sibilio Parri (2004) e Bernardi (2005). Questa prospettiva cerca di rispondere a domande come: qual è la forma giuridica del museo? di chi è la proprietà del museo e chi lo gestisce? quali sono e come si compongono i costi di gestione del museo? Il filone sociologico. Infine c è un filone di studi che si è interessato in particolar modo dell analisi del pubblico, non solo in termini quantitativi ma anche dal punto di vista del comportamento e del-

19 Introduzione 19 le motivazioni che guidano il consumo culturale, così come degli aspetti cognitivi che il museo ha sul sistema di conoscenze dell individuo. In questo campo si segnalano tra gli altri i recenti studi di Mastandrea, Bartoli e Bove (2007) e i contributi di Hooper Greenhill (1994), Solima (2000), Falk e Dierking (2000), Nardi (2004), Bollo (2008) e Ligozzi e Mastandrea (2008). Analizzando la funzione formativa e culturale delle organizzazioni museali e l impatto sulla crescita culturale del visitatore, questa prospettiva cerca di rispondere a domande come: quali sono i bisogni e le motivazioni che spingono a visitare un museo? quali sono i mezzi di comunicazione utilizzati dal museo? quali sono i servizi educativi che il museo offre? Sulla base di questi approcci, l obiettivo di questo volume è quello di integrare i contributi che provengono dai filoni di ricerca sopra evidenziati al fine di fornire indicazioni utili per la gestione strategica dei musei. 2. La definizione di museo Il museo, secondo la definizione accettata a livello internazionale, è un istituzione permanente no profit al servizio della società e del suo sviluppo, aperta al pubblico, che acquisisce, conserva, ricerca, comunica ed espone materiali relativi all uomo ed al suo ambiente, per motivi di studio, educazione e divertimento (Icom, 1986). Da questa definizione si evince che il museo ha due anime tra loro interrelate. Da un lato acquisisce, conserva e ricerca e dall altro comunica ed espone. Il museo è dunque un istituzione dedita alla produzione di nuova conoscenza: lo studio delle opere e la loro interpretazione in un preciso contesto permettono di accrescere le conoscenze disponibili in un determinato ambito. Allo stesso tempo il museo è il luogo nel quale questa conoscenza viene diffusa attraverso la comunicazione e l esposizione. Per molto tempo i musei sono stati

20 20 Economia e gestione dei musei luoghi più attenti agli aspetti interni, riguardanti lo studio e la conservazione delle opere, sottovalutando l importanza dell interazione con i visitatori e più in generale con la società. Il focus di queste organizzazioni era incentrato più sulla produzione di conoscenza che sulla sua diffusione o valorizzazione. Negli ultimi anni, però, il prodotto offerto dai musei ha subito un importante evoluzione. I musei si sono dotati di servizi come punti vendita e ristoranti; hanno iniziato ad offrire eventi paralleli come rassegne cinematografiche, concerti e convegni e a stringere legami sempre più stretti con altre istituzioni e le università. Tutte queste iniziative sono servite sia per diversificare l offerta museale che per accrescere la base di potenziali visitatori. 3. Il prodotto offerto L attività espositiva e la collezione permanente sono i prodotti principali di un museo ma non gli unici; ad essi si affiancano la scelta dei temi degli artisti, le forme di mediazione, il café, il bookshop, il personale, ecc. Come sottolineano Candela e Scorcu (2004), la politica di prodotto di un museo riguarda sia la creazione di prodotti di base che di prodotti accessori. I primi costituiscono il motivo principale per cui il cliente si rivolge al museo e sono rappresentati dalla collezione permanente del museo e dalle mostre temporanee. I secondi costituiscono le attività di supporto che completano la visita. Tutti questi fattori caratterizzano l immagine di un museo, creano la sua identità distintiva e il suo brand. Un eccellente politica di prodotto non accresce solo il numero dei visitatori, ma contribuisce ad aumentare le possibilità di trovare collezionisti privati disposti a prestare le opere e altri musei interessati alla coproduzione di mostre (cfr. Cap. 6) Prodotto di base Collezione. Come evidenzia Bagdadli (2003), l esposizione della collezione permanente costituisce il servizio centrale di un museo,

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon CORSI BREVI Catalogo formativo 2015 La svolge attività di formazione dal 1989 ed è stata tra i primi in Italia a introdurre percorsi formativi legati al management e al marketing culturale. L'offerta formativa

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Il Fund Raising per la cultura: realtà o miraggio?

Il Fund Raising per la cultura: realtà o miraggio? Il Fund Raising per la cultura: realtà o miraggio? Marianna Martinoni Per citare il contenuto di queste slides, usate il seguente formato: Martinoni M, (2010), Lezioni di fundraising: Il Fund Raising per

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO Pag. 1 / 6 comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA CULTURA E SPORT SERVIZIO MUSEO ARTE MODERNA REVOLTELLA REG. DET. DIR. N. 5164 / 2011

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Prefazione alla II edizione

Prefazione alla II edizione Prefazione alla II edizione La seconda edizione di questo testo mantiene tutte le caratteristiche della prima edizione, progettata in modo specifico per i corsi semestrali della Laurea Magistrale in Fisica:

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Trento 20 maggio 2011 1 Il Consorzio SBCR Atto Costitutivo 31 Luglio 1997 Il Consorzio per il sistema bibliotecario dei Castelli Romani è nato

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Il Mobile Significante 2015 XII edizione

Il Mobile Significante 2015 XII edizione Internazionale Fondazione Aldo Morelato sull arte applicata nel mobile. Il Mobile Significante XII edizione I Luoghi del relax 2.0 oggetti d arredo per il relax domestico Art. 1 Tema del concorso Lo spazio

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private

Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private Istruzione. La classifica degli atenei in base alla qualità dell'offerta formativa agli studenti Le pagelle alle università Vince il Politecnico di Milano - Bocconi al top tra le private La qualità accademica

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità.

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità. Studio Le tue aspettative, il nostro Totem. Nella tradizione indigena il tucano rappresenta la guida per la comunicazione tra la realtà ed il mondo dei sogni. Per Tòco è il simbolo della comunicazione

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Regolamento. Regolamento Oltre le Mura di Roma 28 aprile 2015 1) PREMESSA

Regolamento. Regolamento Oltre le Mura di Roma 28 aprile 2015 1) PREMESSA Regolamento Oltre le Mura di Roma 28 aprile 2015 Regolamento 1) PREMESSA Oltre le Mura di Roma è un concorso di fotografia dedicato alle periferie di Roma organizzato dai Global Shapers (www.globalshapersrome.org),

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Come scrivere una Review

Come scrivere una Review Come scrivere una Review Federico Caobelli per AIMN Giovani Fondazione Poliambulanza - Brescia federico.caobelli@gmail.com SOMMARIO Nel precedente articolo, scritto da Laura Evangelista per AIMN Giovani,

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli