Manuale Operativo & Tutorial

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale Operativo & Tutorial"

Transcript

1 CONDIZIONI DI LICENZA D USO software per l Interpretazione delle Prove di Pompaggio in pozzo Manuale Operativo & Tutorial Giugno 2009 HYDROINGEA Studio Associato di Ingegneria C.F./P.Iva: Via della Giustiniana, Roma Assistenza tecnica:

2

3 SOMMARIO SOMMARIO NOTE LEGALI CONDIZIONI DI VALIDITÀ COPYRIGHT CONDIZIONI DI LICENZA D USO ASSISTENZA II II II IV V INTRODUZIONE 1 PECULIARITA DEL SOFTWARE 1 SCOPO DEL MANUALE 2 COME LEGGERE IL MANUALE 2 GLI ELEMENTI DI IPP 3 SCHERMATA PRINCIPALE 3 MENU FILE 5 MENU MODIFICA 6 MENU DATI 7 MENU STEP TEST 8 MENU LUNGA DURATA 11 MENU PARAMETRI 13 MENU AIUTO 13 MODALITÀ DI LAVORO 15 CONCETTI DI BASE 15 UTILIZZO DELLA SCHEDA DI CAMPAGNA 15 ELABORAZIONE STEP TEST 16 ELABORAZIONE PROVA DI LUNGA DURATA CON RISALITA 29 STAMPA DEI RISULTATI 37 APPENDICE 39 SIMBOLOGIA UTILIZZATA 39 SCHEMI CONCETTUALI 40 CENNI TEORICI 42 METODOLOGIE DI CALCOLO DEL SOFTWARE 44 I

4 NOTE LEGALI NOTE LEGALI HYDROINGEA Studio Associato di Ingegneria non si assume alcuna responsabilità sul contenuto degli Archivi e sui risultati e i documenti che è possibile ottenere dal loro uso. Per quanto la redazione e la gestione dei dati è stata fatta con la massima cura, non è possibile assicurare l'esattezza degli stessi e quindi in nessun caso HYDROINGEA sarà responsabile di danneggiamenti diretti, indiretti, o conseguenti ad errori e/o difetti nei dati (inclusi, senza limitazioni, il danno per perdita o mancato guadagno, interruzione dell'attività, perdita di informazioni o altre perdite economiche e/o d'immagine), anche nel caso che HYDROINGEA sia stata avvertita della possibilità di tali danni. In ogni caso, la responsabilità di HYDROINGEA sarà limitata ad un importo corrispondente al prezzo di vendita del prodotto. L'Utente, pertanto, è tenuto a valutare e verificare i dati degli Archivi in ogni loro parte, compresa la loro rispondenza alla legislazione vigente, essendo egli stesso l'unico responsabile della esattezza degli elaborati e dei risultati che si ottengono dall'uso di tali dati. Nel caso non si accettassero le suddette condizioni il prodotto può essere restituito entro 8 giorni dall'acquisto con conseguente rimborso della somma, eventualmente, per esso pagata. CONDIZIONI DI VALIDITÀ Le leggi teoriche alla base dei calcoli effettuati dal presente software, valgono assumendo le consuete ipotesi di acquifero omogeneo, isotropo e di spessore costante, di pozzo totalmente penetrante l acquifero e aperto al flusso per tutto il suo spessore (pozzo completo), di proprietà fisiche dell acqua costanti al variare del carico idraulico, delle condizioni di validità dell equazione di Darcy. Tutti i risultati ottenuti per i casi reali si discostano da quelli delle condizioni ideali e vanno quindi interpretati dall Utente in modo critico. COPYRIGHT IPP software per l Interpretazione delle Prove di Portata in pozzo è un prodotto di HYDROINGEA Studio Associato di Ingegneria. Tutti i contenuti del software IPP, sono proprietà di Hydroingea Studio Associato di Ingegneria e sono protetti dalle leggi italiane e internazionali sul diritto d'autore. II

5 NOTE LEGALI Il materiale contenuto all'interno del software IPP non può essere copiato, riprodotto, pubblicato, scaricato, comunicato al pubblico, diffuso e/o distribuito al pubblico, ad eccezione dei casi in cui ciò sia consentito dalla legge ovvero nel caso in cui sia stata ottenuta una preventiva autorizzazione da parte di HYDROINGEA o da parte del titolare dei relativi diritti. Qualsivoglia utilizzo non autorizzato delle risorse presenti sul software IPP costituisce violazione dei diritti d'autore, salvo più grave illecito, ed espone il responsabile alle relative conseguenze civili e penali. Questa pubblicazione, o parte di essa, non può essere riprodotta in nessuna forma, in alcun modo e per nessuno scopo, senza autorizzazione scritta di HYDROINGEA Studio Associato di Ingegneria. Altri diritti: Windows è un marchio Microsoft. Acrobat(R) Reader copyright (C) Adobe Systems Incorporated. - Tutti i diritti sono riservati. - Adobe e Acrobat sono marchi di Adobe Systems Incorporated. Tutti i marchi e prodotti citati sono dei rispettivi legittimi proprietari. I riferimenti presenti nel software IPP sono ivi citati a solo scopo informativo, pertanto HYDROINGEA non ne vanta alcun diritto. III

6 CONDIZIONI DI LICENZA D USO CONDIZIONI DI LICENZA D USO HYDROINGEA concede al Cliente, che accetta, la sola LICENZA D USO non esclusiva del presente Programma e si riserva, anche per i suoi aventi causa, l esclusiva proprietà dello stesso e di tutti i suoi diritti, potendone sempre disporre come meglio crederà e nei confronti di chiunque. Si riserva, altresì, la facoltà di modificare il prodotto senza preavviso ed in qualsiasi momento. Gli aggiornamenti saranno incorporati nelle nuove versioni. La Licenza d Uso del Programma non comprende la facoltà di ottenerlo in formato sorgente, né di disporre della relativa documentazione logica e/o di progetto. L uso della singola licenza relativa al software in oggetto è consentito su una sola macchina finché in possesso del Cliente. Il Cliente che ceda ad altri o dismetta la macchina su cui IPP è installato, la protezione ed il manuale in oggetto è obbligato a comunicarlo ad HYDROINGEA che provvederà a seconda del caso a valutare l ipotesi di fornire una nuova licenza al Cliente, previa presentazione di avvenuta cessione (in tal caso si è obbligati a cessare l uso della vecchia licenza) o dimissione della macchina. Le installazioni del programma, successive alla prima, intestate allo stesso Utente (installazioni multiuser e seconde copie) NON possono essere cedute (né a titolo oneroso né gratuito) separatamente dalla prima in quanto tutte insieme costituiscono un UNICO pacchetto. Malfunzionamenti del software, ad installazione avvenuta, coinvolgono il Cliente in tutti i necessari servizi di manutenzione, riparazione, correzione ed ogni incidentale o conseguente danneggiamento. HYDROINGEA non garantisce che le procedure del presente Programma soddisfino le esigenze del Cliente e che queste funzionino in qualsiasi combinazione vengano da esso usate, né forniscono alcuna altra garanzia, espressa o implicita, relativa al manuale d uso ed al software in esso descritto; conseguenti rischi derivanti dal loro uso sono completamente a carico del Cliente e quindi in nessun caso HYDROINGEA sarà responsabile di danneggiamenti diretti, indiretti, o conseguenti a difetti di software. Il Cliente ha l onere e la responsabilità della scelta, dell installazione, dell uso e della gestione del Programma al fine del raggiungimento del risultato prefissosi. HYDROINGEA non garantisce il funzionamento del programma a seguito di future evoluzioni dell hardware e del software (computers, sistemi operativi, ecc.), nonché la sua rispondenza a future disposizioni di legge relative alla materia trattata dal programma stesso. In tal caso, se disponibile, l Utente dovrà acquistare una versione aggiornata del programma. IV

7 CONDIZIONI DI LICENZA D USO Il presente Programma è personalizzato. Detta personalizzazione consiste nella scrittura, all interno del programma di un numero di serie UNICO. È vietato fare revers engineering: pena la possibilità di danneggiamento dei dati e la risoluzione della licenza d uso. Questo contratto è disciplinato dalla legge italiana. Per ogni controversia sarà esclusivamente competente il foro di Roma. ASSISTENZA Il servizio di Assistenza Tecnica on-line viene fornito gratuitamente per gli Utenti regolarmente registrati; il servizio riguarda l utilizzo del software IPP per quanto irrisolvibile con l ausilio del presente manuale operativo. Da tale servizio è espressamente esclusa l assistenza su: modalità con cui eseguire tecnicamente il proprio lavoro professionale; installazione e configurazione di ambienti operativi (Windows, DOS, ecc.) o periferiche (stampanti, monitor, ecc.); malfunzionamenti hardware derivanti da virus. I tempi di risposta del servizio di Assistenza Tecnica possono superare le 24 ore feriali, escluso il sabato, periodi di ferie, fiere e corsi di aggiornamento. V

8

9 INTRODUZIONE INTRODUZIONE IPP software per l Interpretazione delle Prove di Pompaggio in pozzo, elaborato da HYDROINGEA Studio Associato di Ingegneria, nasce per essere ufficialmente adottato dalla Provincia di Roma - Servizio Tutela Acque, Suolo e Risorse Idriche, ai fini della verifica dell'interpretazione delle prove di portata relative alle pratiche per la domanda di autorizzazione al prelievo di acqua dal sottosuolo. Sviluppato con il supporto del Laboratorio di Ingegneria degli Acquiferi della "Sapienza" Università di Roma, è un valido strumento per l analisi dei dati ottenuti dalle prove di tipo: step test; prove di lunga durata con risalita. Per ogni tipo di grafico elaborato dal software vengono riportati i valori numerici espliciti per le grandezze più significative (critica, ammissibile e d utilizzo), oltre ad altre informazioni specifiche e notifiche di avvertimento. Il programma accetta dati nelle unità di misura più comunemente utilizzate e consente di cambiarle durante il suo utilizzo. Con una solida base teorica a supporto degli algoritmi di calcolo, seppur di facile utilizzo grazie ad un interfaccia interattiva studiata ad hoc e dinamico per la capacità di poter adattare alle proprie esigenze parametri di input ed output, consente la stampa automatica di un documento pdf editabile da allegare alla relazione tecnica che verrà fornita alla committenza. PECULIARITA DEL SOFTWARE IPP è l unico programma nel suo genere che: riconosce automaticamente i gradini e le fasi di abbassamento/risalita da una singola prova di campagna, facilitando l operazione di inserimento dati poiché accetta direttamente la semplice serie di dati iniziale, evitando di discriminare ogni volta, come per la maggior parte dei software in commercio, il singolo step o di ripartire i tempi e le fasi della prova; effettua un interpretazione delle prove indicando il tipo di falda ed utilizzando di conseguenza le opportune relazioni teoriche per il calcolo dei parametri caratteristici della falda stessa; indica i valori di portata critica e ammissibile, permettendo di modificare tutti i coefficienti di sicurezza ed i parametri che portano a definire 1

10 INTRODUZIONE l efficienza stessa del pozzo, in relazione alla tolleranza che si vuole dare al grado di risposta della prova; calcola in automatico il raggio d influenza del pozzo senza ulteriori artifici grafici, più accattivanti per l Utente a livello di interfaccia grafica, ma allo stesso tempo fuorvianti, se si vuole una stima robusta di tale dato. SCOPO DEL MANUALE Scopo del presente manuale è quello di fornire all Utente il supporto necessario per acquisire un adeguata conoscenza sia concettuale sia pratica della corretta procedura per l Interpretazione delle prove di pompaggio in pozzo relative in particolare alle pratiche per la domanda di autorizzazione al prelievo di acqua dal sottosuolo. Verranno descritte le specifiche funzionali del programma, corredate, all occorrenza, da opportuni esempi. COME LEGGERE IL MANUALE Il presente manuale è strutturato in maniera da supportare l Utente in ogni situazione e da renderlo immediatamente operativo. Il capitolo I illustra gli elementi principali del programma IPP; il capitolo II è una sorta di Tutorial in cui sono descritti i passi fondamentali per procedere ad una corretta interpretazione delle prove di pompaggio in pozzo; nella parte finale del capitolo viene illustrato come è possibile redigere layout da allegare alle relazioni tecniche. In appendice vengono riportati gli elementi di riferimento durante tutte le attività: simbologia e schemi concettuali, nonché le leggi teoriche alla base degli algoritmi di calcolo utilizzati dal software. 2

11 GLI ELEMENTI DI IPP GLI ELEMENTI DI IPP Il presente capitolo illustra dettagliatamente le Finestre del programma IPP e i comandi in esse contenuti. Anche se, in questo capitolo, non vengono trattati aspetti puramente operativi, se ne consiglia un attenta lettura per la miglior comprensione dei capitoli seguenti. Si avvii il programma selezionando l opzione Programmi\IPP 2.1\IPP nel menu che si attiva pigiando il tasto Start (Avvio) di Windows, o IPP dal collegamento opportunamente creato sul desktop o directory scelta: sul desktop appare la Schermata principale. NOTA Tutte le finestre che appaiono nel programma e che verranno descritte presentano superiormente e a destra i consueti bottoni dei programmi Windows: Riduci la finestra ad icona; Espandi la finestra a tutto il desktop; Ripristina la finestra; Chiudi la finestra. Le Finestre del programma IPP possono essere liberamente dimensionate e spostate secondo le consuete modalità previste da Windows. SCHERMATA PRINCIPALE La Schermata principale definisce lo schema dell ambiente di lavoro all interno del quale vengono effettuate le principali scelte dell Utente e contemporaneamente visualizzati i risultati delle elaborazioni eseguite dal software. Presenta superiormente la Barra del Titolo su cui, da sinistra, sono riportati il nome e la versione del programma, mentre, nella barra di stato in basso, sempre da sinistra, il nome ed il percorso del file di lavoro creato o aperto dall Utente e, di seguito, le informazioni relative al Cliente proprietario della licenza del software in uso. All interno della finestra, a partire dall alto sono presenti la barra dei menu, quella dei pulsanti di accesso rapido; immediatamente al di sotto di questa, sulla sinistra, i due switch che permettono l uno di bloccare/sbloccare la tabella dati (lucchetto aperto: modalità editing, lucchetto chiuso: modalità calcolo ), l altro di alternare la visualizzazione della tabella dati alla modalità di visualizzazione in 3

12 GLI ELEMENTI DI IPP riquadri con lo schema, la formula e i risultati notevoli; accanto ad essi il pulsante per l accesso veloce al glossario delle abbreviazioni (legenda dei simboli utilizzati negli schemi, nelle formule e nei grafici). Sulla destra è invece presente il riquadro con i menu a tendina per la selezione delle unità di misura, questi modificano in tempo reale la tabella dati e il grafico mostrato sulla destra (attivati solo in modalità tabella bloccata lucchetto chiuso). Di seguito viene riportato schematicamente il funzionamento degli switch: Lucchetto chiuso: impossibile editare la tabella dei dati sottostante (bloccata) Visualizzazione modalità schemaformula-risultati nel riquadro sottostante Lucchetto aperto: è possibile editare la tabella dei dati sottostante (sbloccata) Visualizzazione tabella dati nel riquadro sottostante I due grandi riquadri che occupano gran parte della finestra, inizialmente vuoti, andranno a mostrare rispettivamente: a sinistra: i dati di input o i riquadri con schema, formule e risultati notevoli, a discrezione dell Utente (vedi sopra: funzionalità dello switch); a destra: i grafici. Comandi gestione riquadro sottostante Riquadro unità di misura Pulsanti di accesso rapido Riquadro dati/schema formule risultati Riquadro grafici 4

13 GLI ELEMENTI DI IPP NOTA I comandi descritti nei menu seguenti possono riportare inferiormente un immagine; questo significa che tale comando è presente anche tra i pulsanti di accesso rapido al di sotto della barra del menu e l immagine visualizzata è proprio quella del rispettivo pulsante. MENU FILE Nuovo Permette di creare un nuovo file-prova. Appena selezionata questa voce viene aperta una finestra nella quale è richiesto che tipo di prova si vuole creare (prova a gradini, prova di lunga durata con risalita). Successivamente viene aperta una nuova finestra nella quale è possibile inserire il livello statico della falda in esame e le unità di misura da utilizzare inizialmente (successivamente modificabili in qualsiasi momento). NOTA La scelta del tipo di prova rimane definitiva per tutto l uso del progetto, qualora si decidesse di passare ad una prova di altro tipo è necessario avviare un nuovo progetto (due o più istanze dello stesso possono girare contemporaneamente lavorando su dati diversi). Apri Permette di aprire un file prova esistente riconoscendo automaticamente il tipo di prova che si sta caricando in memoria. Vengono filtrati i file con estensione.ipp (si può anche scegliere di visualizzare tutti i tipi di file) e viene memorizzata l ultima cartella visitata per i successivi accessi. In alto sono presenti i pulsanti per la navigazione nell albero delle directory, la creazione di una nuova cartella e la scelta della modalità di visualizzazione. Infine, sulla sinistra ci sono i collegamenti veloci alle cartelle più utilizzate. Qualora ci siano dati non salvati nella prova in corso, viene richiesto se si voglia prima salvare questi onde non perderli una volta caricati quelli nuovi. 5

14 GLI ELEMENTI DI IPP Salva Questa voce, attiva solo quando il programma si trova in modalità calcolo, permette di salvare la prova in corso su disco. Questa scelta apre una finestra del tutto analoga a quella vista in precedenza per l apertura; l estensione.ipp viene automaticamente aggiunta al nome del file qualora non fosse stata inserita dall Utente. Stampa A scelta, salva le elaborazioni effettuate su un file editabile in formato.rtf oppure permette in un apposita finestra, la selezione delle pagine da stampare su un file definitivo.pdf. In questo caso, sulla destra è presente la lista delle pagine che si possono includere nel documento da stampare. Spuntando la casella accanto al titolo della pagina si inserisce o meno nella stampa. E possibile stampare una copertina nella quale verranno inseriti i dati immessi nei campi sulla sinistra della finestra. Riquadro inserimento dati Utente Riquadro scelta pagine di stampa Esci Chiude il programma previa verifica e richiesta di salvataggio dei dati. MENU MODIFICA Questo menu contiene i classici strumenti per il copia-incolla nella tabella dati; Agisce sia all interno del programma che tra diverse istanze dello stesso che come strumento per lo scambio di dati con altri software (ad esempio Microsoft Excel). Taglia Permette di tagliare le celle selezionate dalla tabella; le righe/colonne eliminate non vengono rimpiazzate ma lasciate vuote. Eventuali buchi nella tabella dati vengono segnalati all Utente con una notifica al momento della chiusura del lucchetto, che non viene consentita. 6

15 GLI ELEMENTI DI IPP Copia Copia negli appunti di sistema le celle selezionate. Incolla Inserisce il contenuto degli appunti di sistema, SOVRASCRIVENDO le celle presenti. MENU DATI Stampa Scheda di Campagna Permette di stampare il modulo della scheda di campagna, da compilare in situ durante l esecuzione della prova per facilitare la successiva immissione dei dati nel programma. La prima pagina del documento.pdf che viene aperto è relativa ai dati relativi al pozzo, alla pompa, filtri e falde, ecc.; la seconda pagina è relativa alle misure effettuate durante le prove di pompaggio ed è predisposta per poter essere stampata più volte, per la stessa prova. Pag. 1 Pag. 2 Inserisci dati Scheda Visualizza a schermo una copia della suddetta scheda, dando la possibilità di riempirne tutti i campi con i valori appuntati in situ. La scheda dati ha le stesse caratteristiche della scheda di campagna per facilitarne la compilazione. 7

16 GLI ELEMENTI DI IPP MENU STEP TEST Selezione Step Questa voce apre una finestra nella quale sono elencati su tre colonne rispettivamente: il numero progressivo dei singoli step, la relativa portata ed una casella attraverso la quale è possibile deselezionare lo step che non si vuole includere nei calcoli. NOTA Gli step rimangono disattivati solo in modalità calcolo per permettere di mostrare rapidamente la loro influenza sui risultati; qualora si passi in modalità editing (switch lucchetto) verranno automaticamente riattivati tutti i dati che rimangono salvati in memoria. Analogamente, qualora l Utente ordini un salvataggio mentre alcuni step sono disattivati, verrà avvisato della perdita di informazioni alla quale va incontro. Grafico Tempi Abbassamenti Visualizza il grafico tempi-abbassamenti nelle unità di misura correntemente utilizzate (modificabili in tempo reale). Grafico Portate Abbassamenti Visualizza il grafico portate-abbassamenti nelle unità di misura correntemente utilizzate (modificabili in tempo reale), accanto ad ogni punto sul grafico è riportata l etichetta nel formato numero_step[portata; abbassamento_totale]; una linea verticale rossa e una verde vengono tracciate in 8

17 GLI ELEMENTI DI IPP corrispondenza della portate critica e di quella ammissibile. Nel riquadro di sinistra viene sostituita la visualizzazione della tabella dati con i tre riquadri che mostrano rispettivamente dall alto verso il basso: lo schema teorico utilizzato, l equazione della curva interpolante i dati, il valore della portata critica, di quella ammissibile e la portata d utilizzo suggerita, infine, nel riquadro in basso il richiamo teorico alla formula utilizzata. Grafico Portate Specifiche Abbassamenti Visualizza il grafico portate specificheabbassamenti nelle unità di misura correntemente utilizzate (modificabili in tempo reale), accanto ad ogni punto sul grafico è riportata l etichetta nel formato numero_step[abbassamento_totale; portata_specifica]. Nel riquadro di sinistra viene sostituita la visualizzazione della tabella dati con i tre riquadri che mostrano rispettivamente dall alto verso il basso: lo schema teorico utilizzato, l equazione della curva interpolante i dati, la stima sul tipo di acquifero (vedi cenni teorici), nel riquadro in basso il richiamo teorico alla formula utilizzata. Grafico Portate Abbassamenti Specifici Visualizza il grafico portate-abbassamenti specifici nelle unità di misura correntemente utilizzate (modificabili in tempo reale), accanto ad ogni punto sul grafico è riportata l etichetta nel formato numero_step[portata; abbassamento_specifico]; una linea verticale rossa e una verde vengono tracciate in corrispondenza della portata critica e di quella ammissibile. Nel riquadro di sinistra viene sostituita la visualizzazione della tabella dati con i tre riquadri che mostrano dall alto verso il basso: lo schema teorico utilizzato, l equazione della curva interpolante i dati, il valore della abbassamento specifico critico e di quello ammissibile, infine, nel riquadro in basso il richiamo teorico alla formula utilizzata. 9

18 GLI ELEMENTI DI IPP Grafico Portate Efficienza Visualizza il grafico portate-efficienza nelle unità di misura correntemente utilizzate (modificabili in tempo reale); una linea verticale rossa e una verde vengono tracciate in corrispondenza della portate critica e di quella ammissibile. Nel riquadro di sinistra viene sostituita la visualizzazione della tabella dati con i tre riquadri che mostrano rispettivamente dall alto verso il basso: lo schema teorico utilizzato, l equazione della curva, il valore dell efficienza critica, di quella ammissibile e la valutazione del pozzo in base al criterio di Walton (vedi cenni teorici), infine, nel riquadro in basso il richiamo teorico alla formula utilizzata. Calcolo Raggio d Influenza Piezometro di Misura Viene richiesto di inserire il raggio del pozzo, la distanza del piezometro dallo stesso e la distanza di rispetto qualora fosse presente questo vincolo; questi dati vengono mantenuti in memoria e riproposti ad ogni successivo accesso; il dato del raggio del pozzo viene preso dalla scheda dati (campo diametro del pozzo) se presente. In questo caso il programma non traccia immediatamente il grafico ma nel riquadro di sinistra, sotto allo schema teorico, viene mostrata una piccola tabella dove è possibile inserire (terza colonna) i dati dei livelli dinamici misurati nel piezometro per i vari step. Una volta passati in modalità calcolo (chiudendo il lucchetto), il programma calcolerà i raggi relativi agli step di cui è stato inserito il dato sul piezometro (inserendoli nella quarta colonna della tabella) e riporterà il punto sul grafico portate-raggio d influenza insieme all etichetta nel formato numero_step[raggio;portata]; oltre alla curva, una linea verticale rossa, una verde e una blu vengono tracciate in corrispondenza della distanza di rispetto, della distanza del piezometro e del valore del raggio d influenza per il valore di portata ammissibile (riportato anche sotto la tabella nel riquadro centrale di sinistra. 10

19 GLI ELEMENTI DI IPP Parametri Acquifero Viene richiesto di inserire il raggio del pozzo, i parametri caratteristici dell acquifero (permeabilità e potenza o trasmissività) e la distanza da rispettare qualora fosse presente un vincolo ( distanza di rispetto appunto); questi dati vengono mantenuti in memoria e riproposti ad ogni successivo accesso; il dato del raggio del pozzo viene preso dalla scheda dati (campo diametro del pozzo) se presente. Si apre una finestra nella quale è richiesto di inserire o i valori caratteristici dell acquifero: nel caso di acquifero confinato è necessario inserire la trasmissività o la conducibilità idraulica e lo spessore dell acquifero, nel caso di acquifero libero basta la sola conducibilità. Le unità di misura utilizzate per queste grandezze possono essere variate attraverso i menu a tendina presenti in basso. Una volta dato l OK la finestra si chiuderà e il programma calcolerà i raggi relativi a tutti gli step della prova (inserendoli nella quarta colonna della tabella) e riporterà il punto sul grafico portate-raggio d influenza insieme all etichetta nel formato numero_step [raggio;portata]; oltre alla curva, una linea verticale rossa, una blu ed eventualmente una verde (solo se precedentemente è stata effettuata l analisi del raggio d influenza con piezometro, la distanza di quest ultimo è conservata in memoria) vengono tracciate in corrispondenza della distanza di rispetto, del valore del raggio d influenza per il valore di portata ammissibile (riportato anche sotto la tabella nel riquadro centrale di sinistra) e della distanza del piezometro di misura. MENU LUNGA DURATA Intervallo Dati Apre una finestra con la quale è possibile isolare un tratto della serie di dati immettendo i valori limite inferiore e superiore; con le spunte accanto è possibile attivare/disattivare rapidamente tali limiti. 11

20 GLI ELEMENTI DI IPP Grafico Tempi Abbassamenti Visualizza il grafico tempi-abbassamenti nelle unità di misura correntemente utilizzate (modificabili in tempo reale). Grafico LogTempi Abbassamenti (abbassamento) Selezionando questa voce il programma richiederà la portata di utilizzo del pozzo necessaria per il calcolo della trasmissività (vedi cenni teorici) e la distanza di un eventuale piezometro necessaria per il calcolo del coefficiente d immagazzinamento (vedi cenni teorici). Una volta inseriti questi dati (facoltativi) il programma traccerà la retta interpolante le letture della fase d abbassamento. Grafico LogTempi Abbassamenti (risalita) Selezionando questa voce il programma richiederà la portata di utilizzo del pozzo necessaria per il calcolo della trasmissività (vedi cenni teorici) e la distanza di un eventuale piezometro necessaria per il calcolo del coefficiente d immagazzinamento (vedi cenni teorici). Una volta inseriti questi dati (facoltativi) il programma traccerà la retta interpolante le letture della fase di risalita. NOTA Tutte le finestre che si presentano utilizzando i comandi relativi ai menu Step Test e Lunga Durata, mostrano, nel riquadro di sinistra (modalità di visualizzazione in riquadri), lo schema rappresentativo del tipo di situazione contingente alla prova (falda freatica/artesiana, pozzo/pozzo con piezometro) tracciato in automatico dal software in base ai risultati dei calcoli. È possibile, cliccando su tale schema, ingrandirlo, così come è possibile, cliccando sulla valutazione di Walton (grafico Portate-Efficienza), visualizzare la tabella che mostra i range di risultati possibili. NOTA Tutti i grafici visualizzati da IPP vengono ridimensionati automaticamente in base alle serie di dati di origine. È possibile, cliccando col tasto sinistro sull area del grafico stesso, trascinare un rettangolo che rappresenta l area che si vuole zoomare; cliccando con il tasto destro e selezionando Resetta zoom si torna in qualsiasi momento alla vista originaria. 12

21 GLI ELEMENTI DI IPP MENU PARAMETRI Nel normale utilizzo, il software consiglia i parametri di portata critica e ammissibile, in relazione a valori impostati di default nel programma relativi ai vari parametri che vengono utilizzati nei calcoli. IPP permette di variare tali valori (i coefficienti di correlazione e di sicurezza ed i parametri che portano a definire l efficienza stessa del pozzo), in relazione alla tolleranza che si vuole dare al grado di risposta della prova. Efficienza Critica Permette di inserire il valore dell efficienza critica [0 1], utilizzata per il calcolo della portata critica e grandezze derivate. Coefficiente angolare Q/Δ Δ Permette di inserire il valore del coefficiente angolare della retta Q/Δ = f(δ) che discrimina il tipo di falda (vedi cenni teorici). Coefficiente di Correlazione Permette di inserire il valore del coefficiente di correlazione relativo alla finestra di notifica Dati poco correlati nei calcoli di interpolazione. Coefficiente di Sicurezza Permette di inserire il valore del coefficiente di sicurezza, utilizzato per il calcolo della portata ammissibile e grandezze derivate. Posizioni Decimali Permette di modificare il numero di cifre decimali a cui il programma arrotonda tutti i valori calcolati e immessi. MENU AIUTO Guida Mostra la guida al programma, costituita dal presente documento. Questo può essere stampato e utilizzato separatamente all utilizzo del software, o in modo interattivo, tramite lo strumento di ricerca rapida sommario di Adobe Acrobat. 13

22 GLI ELEMENTI DI IPP Informazioni Mostra le informazioni di copyright ed assistenza del programma. Condizioni di Validità Mostra le condizioni di validità, alla base dei principi teorici che regolano calcoli e le elaborazioni effettuate dal software. Note Legali Mostra le note legali del programma. 14

23 MODALITÀ DI LAVORO MODALITÀ DI LAVORO CONCETTI DI BASE L'organizzazione di una prova di portata prevede l installazione nel pozzo di una pompa (sommersa o di altro tipo, secondo le caratteristiche tecniche del pozzo) capace di emungere una portata congrua con le potenzialità dell'acquifero o, in ogni caso, con la portata che si intende prelevare in fase di esercizio dell'opera. Deve essere assicurata la possibilità di misurare in continuo il livello dinamico nel pozzo in pompaggio, tenendo conto che la tubazione della pompa può impedire l'accesso di strumenti di misura nel pozzo. La portata deve poter essere regolata al valore di volta in volta desiderato e deve essere periodicamente controllata con appositi dispositivi (contatori, venturimetri o vasche tarate). Le acque emunte devono essere allontanate ad una distanza congrua dal pozzo per evitare la loro reinfiltrazione nella zona dell'esperimento. La durata della prova di pozzo deve essere definita a priori in funzione delle caratteristiche attese dell acquifero e degli obiettivi del test. L esecuzione prevede non meno di tre valori di portata (step test): in acquiferi porosi a grana fine si adottano valori di portata crescenti, mentre in acquiferi a grana grossolana o fessurati si preferiscono valori di portata decrescenti. Nel corso della prova si devono annotare, possibilmente su schede predisposte, tutti gli elementi della prova e tutti gli eventi anomali o accidentali. UTILIZZO DELLA SCHEDA DI CAMPAGNA IPP permette di stampare un apposita scheda di campagna che può risultare un utile strumento per riportare le caratteristiche ed i risultati della prova in modo semplice e funzionale al successivo inserimento dei dati nel software stesso. La Scheda Campagna va stampata, portata in situ e compilata accuratamente durante la prova di pompaggio: essa costituirà l unica fonte da cui estrapolare i dati di input per l utilizzo del software. È composta da un documento.pdf; sulla prima pagina possono essere riportate tutte le caratteristiche relative alla commessa, al sito, alle caratteristiche del pozzo, della pompa utilizzata per la prova, i filtri e le falde intercettate, mentre la seconda riporta la tabella per l inserimento dei dati relativi alla prova stessa, su cui 15

24 MODALITÀ DI LAVORO compaiono i tre elementi che costituiscono i parametri principali con i quali vengono effettuate le elaborazioni: portate, tempi e abbassamenti. La seconda pagina è stata predisposta per poter essere stampata più volte, in base alla durata o ai dati di cui necessita la prova. NOTA Se si vuole allegare la scheda di campagna all eventuale relazione tecnica, durante la compilazione della stessa scheda, si consiglia di badare più ai contenuti che alla forma estetica con cui vengono riportate le annotazioni: a fine prova, essa costituirà un promemoria funzionale alla trascrizione di tutti i dati e i risultati all interno del programma (compresi schemi grafici e/o immagini), che successivamente permetterà di stampare un report da allegare alla relazione tecnica, in cui verrà ricostruita una nuova scheda di campagna in formato.pdf. ELABORAZIONE STEP TEST Al termine della prova, utilizzando i dati e le misure riportati sulla scheda di campagna, è possibile effettuarne le relative elaborazioni con il software IPP. Si avvii il programma selezionando l opzione Programmi\IPP 2.1\IPP nel menu che si attiva attraverso il tasto Start (Avvio) di Windows, o IPP dal collegamento opportunamente creato sul desktop o directory scelta: sul desktop appare la Schermata Principale. 16

25 MODALITÀ DI LAVORO Selezionando Nuovo file si indica il tipo di prova che si vuole analizzare (in questo caso prova a gradini) e successivamente si immette il livello statico della falda in esame e le unità di misura impiegate in fase di rilevamento (modificabili in qualsiasi momento). Sulla schermata principale, comparirà nel riquadro di sinistra la tabella per l inserimento dei dati in modalità editing (tabella sbloccata) con i parametri principali, portate, tempi e abbassamenti, nelle unità di misura precedentemente scelte (sarà possibile in qualsiasi momento modificarle, con i comandi contenuti nell apposito riquadro in alto a destra). Si noti che la prima riga della tabella riporta già dei valori relativi alla situazione di equilibrio (t = 0) in cui, ai fini dei calcoli, il Livello Dinamico della falda coincide con quello Statico (Q = 0). 17

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE Si tratta di un software appartenente alla categoria dei fogli di calcolo: con essi si intendono veri e propri fogli elettronici, ciascuno dei quali è diviso in righe e colonne,

Dettagli

Manuale Utente Millesimal

Manuale Utente Millesimal Manuale Utente Millesimal 1.1.1 Introduzione Millesimal è lo strumento che consente al progettista di determinare in modo rapido ed efficiente le tabelle millesimali del progetto architettonico realizzato

Dettagli

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro INFORMATICA MICROSOFT WORD Prof. D Agostino Funzioni ed ambiente di lavoro...1 Interfaccia di Word...1 Stesso discorso per i menu a disposizione sulla barra dei menu: posizionando il puntatore del mouse

Dettagli

Prof. Antonio Sestini

Prof. Antonio Sestini Prof. Antonio Sestini 1 - Formattazione Disposizione del testo intorno ad una tabella Selezionare la tabella Dal menù contestuale scegliere il comando «proprietà» Selezionare lo stile di disposizione del

Dettagli

Le principali novità di Word XP

Le principali novità di Word XP Le principali novità di Word XP di Gemma Francone supporto tecnico di Mario Rinina Il programma può essere aperto in diversi modi, per esempio con l uso dei pulsanti di seguito riportati. In alternativa

Dettagli

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa.

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa. La finestra di Excel è molto complessa e al primo posto avvio potrebbe disorientare l utente. Analizziamone i componenti dall alto verso il basso. La prima barra è la barra del titolo, dove troviamo indicato

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton

FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton SOMMARIO CENNI GENERALI... 3 STAMPA ORDINI... 18 STAMPA PACKING LIST... 21 STAMPA SCONTRINI... 24 STAMPA ARTICOLI VENDUTI... 30 STAMPA

Dettagli

INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del

INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del testo... 6 Selezione attraverso il mouse... 6 Selezione

Dettagli

L interfaccia di Microsoft Word 2007

L interfaccia di Microsoft Word 2007 L interfaccia di Microsoft Word 2007 Microsoft Word 2007 è un Word Processor, ovvero un programma di trattamento testi. La novità di questa versione riguarda la barra multifunzione, nella quale i comandi

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Maria Maddalena Fornari Aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Elaborazione testi Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello

Dettagli

2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento.

2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento. Uso del computer e gestione dei file 57 2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento. All interno

Dettagli

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia Panoramica di Access 2010 A B C D E Elementi dell interfaccia A Scheda File (visualizzazione Backstage) Consente l accesso alla nuova visualizzazione backstage di Access 2010, che contiene un menu di comandi

Dettagli

Supporto On Line Allegato FAQ

Supporto On Line Allegato FAQ Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-8JZGL450591 Data ultima modifica 22/07/2011 Prodotto Tuttotel Modulo Tuttotel Oggetto: Installazione e altre note tecniche L'utilizzo della procedura è subordinato

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 3 Cortina d Ampezzo, 4 dicembre 2008 ELABORAZIONE TESTI Grazie all impiego di programmi per l elaborazione dei testi, oggi è possibile creare documenti dall aspetto

Dettagli

Le Proprietà della Barra delle applicazioni e Menu Start di Giovanni DI CECCA - http://www.dicecca.net

Le Proprietà della Barra delle applicazioni e Menu Start di Giovanni DI CECCA - http://www.dicecca.net - Introduzione Con questo articolo chiudiamo la lunga cavalcata attraverso il desktop di Windows XP. Sul precedente numero ho analizzato il tasto destro del mouse sulla Barra delle Applicazioni, tralasciando

Dettagli

Sartorius ProControl@Inline 3.x

Sartorius ProControl@Inline 3.x Manuale utente Sartorius ProControl@Inline 3.x Programma software Ethernet 98646-002-58 Indice Uso previsto 4 Caratteristiche 4 Tasti di scelta rapida comuni 4 Indicazioni legali 4 Lancio dell applicazione

Dettagli

Foglio di calcolo. Numero Valuta Testo Data e Ora Percentuale

Foglio di calcolo. Numero Valuta Testo Data e Ora Percentuale Foglio di calcolo Foglio di calcolo Foglio organizzato in forma matriciale: migliaia di righe e centinaia di colonne In corrispondenza di ciascuna intersezione tra riga e colonna vi è una CELLA Una cella

Dettagli

Istruzioni per una corretta installazione

Istruzioni per una corretta installazione INDICE > Premessa 2 Istruzioni per una corretta installazione 3 > Nuova Installazione 4 Installazione prerequisiti 5 Installazione di excellent Computi 6 > Aggiornamento di excellent Computi 10 Disinstallazione

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file. Parte 1

Uso del computer e gestione dei file. Parte 1 Uso del computer e gestione dei file Parte 1 Avviare il pc Il tasto da premere per avviare il computer è frequentemente contraddistinto dall etichetta Power ed è comunque il più grande posto sul case.

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 INDICE 1 Strumenti di Presentazione... 4 2 Concetti generali di PowerPoint... 5 2.1 APRIRE POWERPOINT... 5 2.2 SELEZIONE DEL LAYOUT... 6 2.3 SALVARE LA PRESENTAZIONE...

Dettagli

L interfaccia. La barra delle applicazioni. MS Windows Barra delle Applicazioni

L interfaccia. La barra delle applicazioni. MS Windows Barra delle Applicazioni Windows XP In questa sezione, si desidero evidenziare le caratteristiche principali di Windows cercando possibilmente di suggerire, per quanto possibile, le strategie migliori per lavorare velocemente

Dettagli

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Pagina 1 di 32 USARE WORD - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu pag.

Dettagli

USARE WORD - non solo per scrivere -

USARE WORD - non solo per scrivere - GUIDA WORD USARE WORD - non solo per scrivere - corso Word Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file Sommario Uso del computer e gestione dei file... 3 Sistema Operativo Windows... 3 Avvio di Windows... 3 Desktop... 3 Il mouse... 4 Spostare le icone... 4 Barra delle

Dettagli

APPUNTI WORD PER WINDOWS

APPUNTI WORD PER WINDOWS COBASLID Accedemia Ligustica di Belle Arti Laboratorio d informatica a.a 2005/06 prof Spaccini Gianfranco APPUNTI WORD PER WINDOWS 1. COSA È 2. NOZIONI DI BASE 2.1 COME AVVIARE WORD 2.2 LA FINESTRA DI

Dettagli

Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda

Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda Utilizzo delle funzioni... 1 Utilizzo di intervalli nelle formule... 2 Riferimenti di cella e di intervallo... 5 Indirizzi assoluti, relativi e misti...

Dettagli

GERICO 2015 p.i. 2014

GERICO 2015 p.i. 2014 Studi di settore GERICO 2015 p.i. 2014 Guida operativa 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. ASSISTENZA ALL UTILIZZO DI GERICO... 4 3. CARATTERISTICHE TECNICHE... 5 4. INSTALLAZIONE DEL PRODOTTO DA INTERNET...

Dettagli

Smart Pix SOFTWARE. Manuale per l uso

Smart Pix SOFTWARE. Manuale per l uso Smart Pix SOFTWARE Manuale per l uso Manuale per l uso del software Accu-Chek Smart Pix Edizione: dicembre 2011 Roche Diagnostics GmbH 2011 Tutti i diritti riservati ACCU-CHEK, ACCU-CHEK AVIVA, ACCU-CHEK

Dettagli

Marchi registrati Microsoft Windows 95 / 98 / NT, Word, Autocad sono marchi registrati dai legittimi proprietari e dagli aventi diritto.

Marchi registrati Microsoft Windows 95 / 98 / NT, Word, Autocad sono marchi registrati dai legittimi proprietari e dagli aventi diritto. Manuale operativo Multicompact 7 2. PREMESSA Il software Acquedotti consente la verifica di reti a maglie o aperte in ipotesi di moto permanente. Risultati del calcolo sono: portata, velocità e perdita

Dettagli

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access sergiopinna@tiscali.it Seconda Parte: Ms Access (lezione #2) CONTENUTI LEZIONE Query Ordinamento Avanzato Maschere Report Query (interrogazioni) Gli strumenti

Dettagli

modulo 3 Word Prerequisiti Disporre delle nozioni di base circa il funzionamento del PC Conoscere il funzionamento del sistema operativo

modulo 3 Word Prerequisiti Disporre delle nozioni di base circa il funzionamento del PC Conoscere il funzionamento del sistema operativo modulo 3 Word ud1 Utilizzo dell applicazione ud2 Creazione ed editing di base di un documento ud3 Formattazione ud4 Gli oggetti ud5 La stampa unione ud6 Preparazione della stampa e stampa dei documenti

Dettagli

MANUALE OPERATIVO. Programma di gestione della fatturazione. BDWinfatture 2007. Versione 6.0

MANUALE OPERATIVO. Programma di gestione della fatturazione. BDWinfatture 2007. Versione 6.0 MANUALE OPERATIVO Programma di gestione della fatturazione BDWinfatture 2007 Versione 6.0 MANUALE OP ERAT I V O BDWinfatture Belvedere Daniele Software Via Petitti, 25 10017 Montanaro (To) info@belvederesoftware.it

Dettagli

Quablo MANUALE UTENTE Versione 2.0

Quablo MANUALE UTENTE Versione 2.0 Quablo MANUALE UTENTE Versione 2.0 Java, Oracle, Microsoft, Microsoft Excel, Microsoft Excel, Windows, Windows 7, Windows 8, Windows Vista e Windows XP sono marchi di fabbrica o marchi registrati negli

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007

REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007 SISTEMA A SUPPORTO DEI PROCESSI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE NELLE ORGANIZZAZIONI PUBBLICHE REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007 Copyright 2010 CSIO Società di Informatica

Dettagli

Istituto Alberghiero De Filippi Attività di Terza Area Corso ECDL a.s. 2009-2010 MODULO 3 ECDL. Elaboratore di testi Microsoft Word ECDL

Istituto Alberghiero De Filippi Attività di Terza Area Corso ECDL a.s. 2009-2010 MODULO 3 ECDL. Elaboratore di testi Microsoft Word ECDL Istituto Alberghiero De Filippi Attività di Terza Area Corso ECDL a.s. 2009-2010 MODULO 3 ECDL Elaboratore di testi Microsoft Word ECDL Microsoft Word consente di creare in modo rapido lettere, promemoria,

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata.

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata. Microsoft Word 2007 Microsoft Office Word è il programma di elaborazione testi di Microsoft all interno del pacchetto Office. Oggi Word ha un enorme diffusione, tanto da diventare l editor di testi più

Dettagli

Breve guida a WORD per Windows

Breve guida a WORD per Windows 1. COSA È Il Word della Microsoft è pacchetto applicativo commerciale che rientra nella categoria dei word processor (elaboratori di testi). Il Word consente il trattamento avanzato di testi e grafica,

Dettagli

IL SISTEMA OPERATIVO

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO Windows è il programma che coordina l'utilizzo di tutte le componenti hardware che costituiscono il computer (ad esempio la tastiera e il mouse) e che consente di utilizzare applicazioni

Dettagli

Cap. 3 - L'analisi dei dati

Cap. 3 - L'analisi dei dati Capitolo 3 L analisi dei dati 3.1. Relazioni tra grandezze fisiche Uno degli aspetti più importanti della fisica sperimentale è la ricerca di una relazione matematica in grado di interpretare il tipo di

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza I grafici in Excel... 1 Creazione di grafici con i dati di un foglio di lavoro... 1 Ricerca del tipo di grafico più adatto... 3 Modifica del grafico...

Dettagli

FATTURE PROFESSIONISTI 1.5 MANUALE UTENTE. ultima revisione: 21/05/07

FATTURE PROFESSIONISTI 1.5 MANUALE UTENTE. ultima revisione: 21/05/07 FATTURE PROFESSIONISTI 1.5 MANUALE UTENTE ultima revisione: 21/05/07 Indice Panoramica... 1 Navigazione... 2 Selezionare una Vista Dati... 2 Individuare una registrazione esistente... 3 Inserire un nuova

Dettagli

1. I database. La schermata di avvio di Access

1. I database. La schermata di avvio di Access 7 Microsoft Access 1. I database Con il termine database (o base di dati) si intende una raccolta organizzata di dati, strutturati in maniera tale che, effettuandovi operazioni di vario tipo (inserimento

Dettagli

Questionario scuola - I e II Ciclo di istruzione Manuale di compilazione

Questionario scuola - I e II Ciclo di istruzione Manuale di compilazione - I e II Ciclo di istruzione Sommario Introduzione... 3 Comunicazione di invito alla compilazione del Questionario scuola on-line... 3 Prerequisiti per l accesso al Questionario scuola on-line.... 3 Come

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file 2.1 L AMBIENTE DEL COMPUTER 1 2 Primi passi col computer Avviare il computer Spegnere correttamente il computer Riavviare il computer Uso del mouse Caratteristiche

Dettagli

Professional IS / Standard. Manuale per l utente

Professional IS / Standard. Manuale per l utente Professional IS / Standard Manuale per l utente 1 2 3 4 5 Verifica preliminare Accesso e uscita Visualizzazione delle informazioni sui dispositivi Download e installazione dei pacchetti Appendice Leggere

Dettagli

Manuale Utente -Versione 3.10

Manuale Utente -Versione 3.10 Software per la pianificazione della produzione Manuale Utente -Versione 3.10 Sommario SOMMARIO... 1 INTRODUZIONE... 3 Generalità...3 La tastiera...3 Struttura di una finestra...4 Unitá di misura e limiti

Dettagli

Creare e formattare i documenti

Creare e formattare i documenti Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Elaborazione di testi Creare e formattare i documenti 1 IL WORD PROCESSOR I programmi per l elaborazione di testi ( detti anche di videoscrittura

Dettagli

GESTIONE DI FINESTRE, FILE E CARTELLE con Windows XP

GESTIONE DI FINESTRE, FILE E CARTELLE con Windows XP GESTIONE DI FINESTRE, FILE E CARTELLE con Windows XP Desktop (scrivania) Il Desktop è la prima schermata che appare all accensione del computer. icone Barra delle applicazioni Le piccole immagini che appaiono

Dettagli

Indice PARTE PRIMA INTRODUZIONE A MICROSOFT OFFICE 2007 1

Indice PARTE PRIMA INTRODUZIONE A MICROSOFT OFFICE 2007 1 office sommario 4-04-2007 15:09 Pagina V Indice Introduzione XXVII PARTE PRIMA INTRODUZIONE A MICROSOFT OFFICE 2007 1 Capitolo 1 Un primo sguardo 3 1.1 Un interfaccia tutta nuova 3 La barra multifunzione

Dettagli

La creazione e l apertura dei disegni

La creazione e l apertura dei disegni Capitolo 3 La creazione e l apertura dei disegni Per lavorare con efficienza è importante memorizzare i documenti in modo da poterli ritrovare facilmente. È indispensabile, inoltre, disporre di modelli

Dettagli

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO PROVE DI PORTATA PROVA A GRADINI CRESCENTI DI PORTATA (SDDT)

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO PROVE DI PORTATA PROVA A GRADINI CRESCENTI DI PORTATA (SDDT) PROVA A GRADINI CRESCENTI DI PORTATA (SDDT) La prova a gradini viene utilizzata per definire le caratteristiche idrauliche del sistema acquiferopozzo e quindi per verificare la produttività del pozzo.

Dettagli

Sommario SELEZIONARE UN OGGETTO UTILIZZANDO LA BARRA DEGLI OGGETTI 10 NAVIGARE ATTRAVERSO I RECORD IN UNA TABELLA, IN UNA QUERY, IN UNA MASCHERA 12

Sommario SELEZIONARE UN OGGETTO UTILIZZANDO LA BARRA DEGLI OGGETTI 10 NAVIGARE ATTRAVERSO I RECORD IN UNA TABELLA, IN UNA QUERY, IN UNA MASCHERA 12 $FFHVV;3 A Sommario cura di Ninni Terranova Marco Alessi DETERMINARE L INPUT APPROPRIATO PER IL DATABASE 3 DETERMINARE L OUTPUT APPROPRIATO PER IL DATABASE 3 CREARE LA STRUTTURA DI UNA TABELLA 3 STABILIRE

Dettagli

Microsoft Word Nozioni di base

Microsoft Word Nozioni di base Corso di Introduzione all Informatica Microsoft Word Nozioni di base Esercitatore: Fabio Palopoli SOMMARIO Esercitazione n. 1 Introduzione L interfaccia di Word Gli strumenti di Microsoft Draw La guida

Dettagli

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000.

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. ECDL Excel 2000 Obiettivi del corso Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. Progettare un semplice database Avviare

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

"LA SICUREZZA NEL CANTIERE"

LA SICUREZZA NEL CANTIERE Andrea Maria Moro "LA SICUREZZA NEL CANTIERE" 1 Il programma allegato al volume è un utile strumento di lavoro per gestire correttamente in ogni momento il cantiere, nel rispetto delle norme a tutela della

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file (Sistema operativo Linux)

Uso del computer e gestione dei file (Sistema operativo Linux) Modulo Uso del computer e gestione dei file (Sistema operativo Linux) Modulo - Uso del computer e gestione dei file, richiede che il candidato dimostri di possedere conoscenza e competenza nell uso delle

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

Istruzioni per una corretta installazione

Istruzioni per una corretta installazione INDICE > Premessa 2 Istruzioni per una corretta installazione 3 Configurazione Hardware e Software excellent Computi 3 > Nuova Installazione 4 Installazione di excellent Computi 5 > Aggiornamento di excellent

Dettagli

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)...1 Installazione e configurazione...2 Installazione ICM Server...3 Primo avvio e configurazione di ICM

Dettagli

Presentazione delle funzionalità del programma Gestione Negozi

Presentazione delle funzionalità del programma Gestione Negozi Presentazione delle funzionalità del programma Gestione Negozi Il programma Gestione Negozi permette la gestione del materiale presso i clienti Benetton tramite le sue funzionalità di gestione anagrafica

Dettagli

7. Microsoft Access. 1) Introduzione a Microsoft Access

7. Microsoft Access. 1) Introduzione a Microsoft Access 1) Introduzione a Microsoft Access Microsoft Access è un programma della suite Microsoft Office utilizzato per la creazione e gestione di database relazionali. Cosa è un database? Un database, o una base

Dettagli

GUIDA PER L ESERCITAZIONE DI BUSINESS INTELLIGENCE CON BUSINESS OBJECTS a cura di Ettore Bolisani e Luca Dioli Versione 3-2010

GUIDA PER L ESERCITAZIONE DI BUSINESS INTELLIGENCE CON BUSINESS OBJECTS a cura di Ettore Bolisani e Luca Dioli Versione 3-2010 GUIDA PER L ESERCITAZIONE DI BUSINESS INTELLIGENCE CON BUSINESS OBJECTS a cura di Ettore Bolisani e Luca Dioli Versione 3-2010 MACCHINA VIRTUALE E AVVIO DELL ESERCITAZIONE Questa prima parte fornisce indicazioni

Dettagli

Albo Pretorio e Storico Atti Documenti online Backoffice Profilo Pubblicatore

Albo Pretorio e Storico Atti Documenti online Backoffice Profilo Pubblicatore ALBO PRETORIO E STORICO ATTI - DOCUMENTI ONLINE Linee Guida Albo Pretorio e Storico Atti Documenti online Backoffice Profilo Pubblicatore Aggiornato al 31/08/2011 versione 3.0 1 di 63 Insiel S.p.A. ALBO

Dettagli

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro,

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro, EXCEL PER WINDOWS95 1.Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area

Dettagli

COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE

COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE INSTALLAZIONE DEL PROGRAMMA Requisisti di sistema L applicazione COMUNICAZIONI ICI è stata installata e provata sui seguenti

Dettagli

Guida alla navigazione

Guida alla navigazione 2 Guida alla navigazione Note generali Il programma si installa automaticamente nel pc creando un icona sul desktop per poterlo poi avviare. Il software è utilizzabile con qualsiasi lavagna interattiva

Dettagli

Istruzioni per installare EpiData e i files dati ad uso di NetAudit

Istruzioni per installare EpiData e i files dati ad uso di NetAudit Istruzioni per installare EpiData a cura di Pasquale Falasca e Franco Del Zotti Brevi note sull utilizzo del software EpiData per una raccolta omogenea dei dati. Si tratta di istruzioni passo-passo utili

Dettagli

a) l accettazione del contratto di licenza chiamato EULA acronimo di End User License Agreement

a) l accettazione del contratto di licenza chiamato EULA acronimo di End User License Agreement INSTALLARE UNA APPLICAZIONE Installare una applicazione significa eseguire un programma sul proprio computer. Per eseguire questa operazione non esiste una procedura standard e uguale per tutti: ogni programma

Dettagli

Software di gestione pressione sanguigna Istruzioni operative EW-BU60

Software di gestione pressione sanguigna Istruzioni operative EW-BU60 Software di gestione pressione sanguigna Istruzioni operative EW-BU60 Sommario Prima dell uso... 2 Avvio del Software di gestione pressione sanguigna... 3 Primo utilizzo del Software di gestione pressione

Dettagli

La creazione e l apertura dei disegni

La creazione e l apertura dei disegni Capitolo 3 La creazione e l apertura dei disegni Per lavorare con efficienza è importante memorizzare i documenti in modo da poterli ritrovare facilmente. È indispensabile, inoltre, disporre di modelli

Dettagli

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo.

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. II^ lezione IMPARIAMO WORD Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. Oggi prendiamo in esame, uno per uno, i comandi della

Dettagli

Operazioni di base per l inserimento del testo

Operazioni di base per l inserimento del testo Office automation dispensa n.2 su Word Pagina 1 di 13 Operazioni di base per l inserimento del testo Usando un elaboratore di testi è consigliabile seguire alcune regole di scrittura che permettono di

Dettagli

Personalizzazione stampe con strumento Fincati

Personalizzazione stampe con strumento Fincati Personalizzazione stampe con strumento Fincati Indice degli argomenti Introduzione 1. Creazione modelli di stampa da strumento Fincati 2. Layout per modelli di stampa automatici 3. Impostazioni di stampa

Dettagli

Uso di Adobe PDFMaker 4.05 per Microsoft Word 97, Word 2000, PowerPoint 97 e PowerPoint 2000

Uso di Adobe PDFMaker 4.05 per Microsoft Word 97, Word 2000, PowerPoint 97 e PowerPoint 2000 ADOBE ACROBAT 4.0 Manuale dell utente 1 Uso di Adobe PDFMaker 4.05 per Microsoft Word 97, Word 2000, PowerPoint 97 e PowerPoint 2000 Adobe PDFMaker 4.05 consente di creare documenti PDF (Portable Document

Dettagli

Impress è il programma per la creazione di presentazioni della suite OpenOffice.org.

Impress è il programma per la creazione di presentazioni della suite OpenOffice.org. Impress è il programma per la creazione di presentazioni della suite OpenOffice.org. Barra dei menu Menu degli strumenti standard Vista diapositive Pannello delle attività Menu degli strumenti di presentazione

Dettagli

Corso di Archivistica

Corso di Archivistica Corso di Archivistica e gestione documentale Prima Parte - Area Informatica Le tabelle Lezione 6 Creare un data base Introduzione La presente è la prima di una serie di lezioni finalizzate alla creazione

Dettagli

MANUALE PERSONALIZZAZIONE STAMPE PROGRAMMI ARGO DEL 12/05/2008

MANUALE PERSONALIZZAZIONE STAMPE PROGRAMMI ARGO DEL 12/05/2008 MANUALE PERSONALIZZAZIONE STAMPE PROGRAMMI ARGO DEL 12/05/2008 Tutti i nominativi riportati in questo documento sono inventati e non riconducibili a nessuna persona realmente esistente (in ottemperanza

Dettagli

MANUALE UTENTE. Manuale Report Generator. Contenuti 1 / 11. Informazioni» pag. 2. Configurazione dello strumento» pag. 3

MANUALE UTENTE. Manuale Report Generator. Contenuti 1 / 11. Informazioni» pag. 2. Configurazione dello strumento» pag. 3 MANUALE UTENTE Contenuti Informazioni» pag. 2 Configurazione dello strumento» pag. 3 Installazione e avvio del software» pag. 4 Configurazione del software» pag. 5 Utilizzo» pag. 7 Risoluzione dei problemi»

Dettagli

Condividere i documenti

Condividere i documenti Appendice Condividere i documenti Quando si lavora in gruppo su uno stesso documento, spesso succede che ciascun redattore stampi una copia del testo per segnare su di essa, a mano, le proprie annotazioni

Dettagli

OpenOffice.org Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

OpenOffice.org Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. OpenOffice.org Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. OpenOffice.org è una suite di proprietà Sun Microsystems con copyright e licenza LGPL, che può essere classificato come software di produttività personale.

Dettagli

Capitolo 6. 6.1 TOTALI PARZIALI E COMPLESSIVI Aprire la cartella di lavoro Lezione2 e inserire la tabella n 2 nel Foglio1 che chiameremo Totali.

Capitolo 6. 6.1 TOTALI PARZIALI E COMPLESSIVI Aprire la cartella di lavoro Lezione2 e inserire la tabella n 2 nel Foglio1 che chiameremo Totali. Capitolo 6 GESTIONE DEI DATI 6.1 TOTALI PARZIALI E COMPLESSIVI Aprire la cartella di lavoro Lezione2 e inserire la tabella n 2 nel Foglio1 che chiameremo Totali. Figura 86. Tabella Totali Si vuole sapere

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/ MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http:///ecdl/powerpoint/ INTERFACCIA UTENTE TIPICA DI UN SOFTWARE DI PRESENTAZIONE APERTURA E SALVATAGGIO DI UNA PRESENTAZIONE

Dettagli

Corso di introduzione all informatica. Microsoft Excel. Tutorial. Prof. Elena Spera

Corso di introduzione all informatica. Microsoft Excel. Tutorial. Prof. Elena Spera Corso di introduzione all informatica Microsoft Excel Tutorial Prof. Elena Spera Sommario Introduzione Formattazione del foglio di lavoro Formule e funzioni Grafici e cartine Manipolazione dei dati Integrazione

Dettagli

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 1. Novità di Excel 2003 MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 CAPITOLO 1 Microsoft Office Excel 2003 ha introdotto alcune novità ed ha apportato miglioramenti ad alcune funzioni già esistenti nelle precedenti versioni

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 D. MANUALE UTILIZZO DEL VISUALIZZATORE Il Visualizzatore è un programma che permette di

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

Modulo 6 Strumenti di presentazione

Modulo 6 Strumenti di presentazione Modulo 6 Strumenti di presentazione Gli strumenti di presentazione permettono di realizzare documenti ipertestuali composti da oggetti provenienti da media diversi, quali: testo, immagini, video digitali,

Dettagli

Introduzione. Alberto Fortunato alberto.fortunato@gmail.com. www.albertofortunato.com Pag. 1 di 137

Introduzione. Alberto Fortunato alberto.fortunato@gmail.com. www.albertofortunato.com Pag. 1 di 137 Introduzione Il software Gestione magazzino è stato realizzato con l intenzione di fornire uno strumento di apprendimento per chi intendesse cominciare ad utilizzare Access 2010 applicando le tecniche

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Leonardo da VINCI FASANO (BR) P.O.N. ANNUALITÀ 2013 - Obiettivo C1 MODULO ECDL4 MODULO 4

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Leonardo da VINCI FASANO (BR) P.O.N. ANNUALITÀ 2013 - Obiettivo C1 MODULO ECDL4 MODULO 4 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Leonardo da VINCI FASANO (BR) P.O.N. ANNUALITÀ 2013 - Obiettivo C1 MODULO ECDL4 MODULO 4 Il Foglio elettronico: Excel 2010 Lisa Donnaloia - lisa.donnaloia@libero.it

Dettagli