A cura di Luigi Russo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A cura di Luigi Russo"

Transcript

1 ORGANIZZAZIONI DI VOLONRIATO NEL SISTEMA DEL WELFARE PUGLIESE Indagine socio-statistica sulle caratteristiche e le attività del volontariato in Puglia A cura di Luigi Russo

2

3 ORGANIZZAZIONI DI VOLONRIATO NEL SISTEMA DEL WELFARE PUGLIESE Indagine socio-statistica sulle caratteristiche e le attività del volontariato in Puglia Hanno collaborato alla realizzazione della ricerca: Luigi Russo (Direttore Scientifico) Valentina Valente (Coordinatrice, CSV Salento - Lecce) Doriana Rita Nuzzi (Consulente statistico) Anna Lucia Brunetti (CSV ) Milena De Marinis (CSV San Nicola Bari) Alessandro La Resca (CSV Poiesis Brindisi) Fabio Quitadamo (CSV Daunia Foggia) Pasquale Russo (Ce.Se.Vo.Ca. Foggia)

4

5 INDICE ORGANIZZAZIONI DI VOLONRIATO NEL SISTEMA DEL WELFARE PUGLIESE Indagine socio-statistica sulle caratteristiche e le attività del volontariato in Puglia Introduzione Metodologia e risultati della ricerca Obiettivi della ricerca Materiali, tempi e metodi Distribuzione delle organizzazioni di volontariato sul territorio regionale Informazioni generali sull organizzazione delle odv Identikit del volontario Aspetti economici: bilancio, spese ed entrate delle odv La formazione dei volontari Punti di forza e punti di debolezza delle odv Conoscenza dei bisogni del territorio e ambiti di attività Rapporti con gli Enti Locali e le altre Istituzioni I risultati del focus group Premessa I temi affrontati I bisogni delle odv Acquisizione di nuovi volontari Rapporto con le Pubbliche Amministrazioni Conclusioni Scenari futuri Volontariato e Terzo Settore: le sfide per costruire il futuro Conclusioni Appendici Elenco delle odv pugliesi per provincia L Osservatorio Regionale e i CSV Linee guida Agenzia Terzo Settore Le Case della Sussidiarietà e dei Beni Comuni

6

7 INTRODUZIONE 7

8

9 PREMESSA Per l Anno Europeo della lotta alla povertà e all esclusione sociale, celebrato nel 2010, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha realizzato una campagna di comunicazione fondata su un claim essenziale ma molto denso di contenuti: Aiuta l Italia che aiuta. L idea sulla quale si costruisce il messaggio è che donare può cambiare il mondo. Il dono, appunto, inteso come disponibilità di tempo, di energie, di attenzione e come sostegno economico alle associazioni e ai volontari da parte di coloro che non possono impegnarsi in prima persona. Di positivo in questo messaggio vi è senza dubbio l idea che tutto il Terzo Settore si pone come attore strategico, capace di produrre e di tessere i fili smarriti della comunità, rispetto al quale il valore aggiunto dell azione volontaria per fini sociali è la ricerca del contatto umano, l orientamento all altro. E tuttavia vi è anche qualcosa di vecchio, di non moderno in questo messaggio: l idea antica di un soggetto erogatore di servizi che opera surrogando la fastidiosa assenza del pubblico in molte aree del Paese e la presenza mirata del privato solo su alcune tipologie di offerta, e di un soggetto che va aiutato, perché aiuta. Sembra prevalere nella lettura del messaggio secondo l accezione comune l approccio caritatevole del volontariato nei confronti dei soggetti bisognosi, e dello Stato nei confronti del volontariato. Ma siamo nel 2011, festeggiamo l Anno Europeo del Volontariato e la realtà è molto diversa dall idea che un certo approccio vuol far passare per il volontariato nel tessuto sociale dei contesti locali. Il volontariato assume sempre di più il ruolo di un anello strategico, di mediazione e connessione tra mondi diversi, tra pubblico e privato, tra cittadini e servizi, e questo sia rispetto alle scelte strategiche di programmazione, sia rispetto alla definizione delle soluzioni organizzative più efficaci. Ma soprattutto il volontariato non va più sem9

10 plicemente aiutato, sul volontariato si deve investire, perché anche il volontariato si è fatto soggetto attivo, che investe sulle proprie organizzazioni, sulla propria capacità di fornire risposte, oltre che riuscire a leggere bisogni e rappresentare domande sociali. Questa ricerca, fortemente voluta dall Assessorato al Welfare della Regione Puglia, si è da subito configurata come strumento essenziale per leggere una realtà assai variegata, differenziata e ricca, quale è quella del volontariato pugliese, non come costola ma come pilastro del Terzo Settore regionale. Non solo emerge un vero e proprio esercito variopinto e vivace di persone che prestano il loro tempo e le rispettive capacità e abilità in favore delle persone più fragili o comunque più bisognose, mettendo in campo formidabili esperienze quotidiane di mutuo-aiuto. Ma soprattutto emerge un soggetto assai più maturo di alcuni anni fa, che soffre ancora di una elevatissima frammentazione, ma che sta cercando di fare un salto di qualità, mettendosi in gioco direttamente, con investimenti propri e fortemente coerenti con le priorità della programmazione sociale regionale e territoriale. Il volontariato pugliese si è messo in rete, i Centri Servizi per il Volontariato sono una realtà, è una realtà la loro rete con CSV Puglia-Net, sempre più associazioni si federano in organizzazioni di rilievo regionale, per assicurare una presenza qualificata e una interlocuzione pressante a livello regionale e, dunque, nei luoghi e con i soggetti istituzionali chiamati a costruire le scelte strategiche di politica sociale e di regolazione del quasi mercato dei servizi di cura alla persona e di comunità. Il volontariato investe in campagne di comunicazione, così come nella formazione dei suoi volontari, e ha imparato a cogliere le opportunità che il Governo regionale ha reso disponibili con l utilizzo dei Fondi Comunitari per potenziare l offerta di strutture e di servizi per l inclusione sociale e la qualità della vita. Si avverte, dunque, negli studi più recenti condotti a livello nazionale, e si legge 10

11 in molti dei dati più significativi emersi dalla ricerca presentata in queste pagine, la presenza di un volontariato più ingombrante, e che chiede spazio, chiede fiducia, chiede risorse, certo, ma sempre meno con la logica assistenziale e caritatevole, sempre più con la logica dell investimento, del potenziamento dell offerta, dell incremento degli spazi e delle strutture atti ad assicurare risposte qualificate. Sempre meno questa immagine può sovrapporsi su quella di un volontariato autoreferenziale, con la mano tesa a chiedere aiuto e incapace di costruire progetti per sé e per le comunità in cui vive. Il volontariato che leggiamo in queste pagine è un volontariato che sta di fronte alla sfida del cambiamento e della crescita a testa alta e non a mani vuote, ma con i pugni stretti della determinazione. E importante leggere con molta attenzione tutti i segnali positivi che emergono dal rapporto, così come cogliere gli elementi di criticità che possono minacciare o rallentare la crescita del volontariato pugliese, perché la Regione e tutte le istituzioni pubbliche a livello locale non possono farsi trovare impreparate di fronte allo scenario che si va prospettando per il sistema delle politiche sociali regionali. Quando le risorse per il welfare vanno sempre più riducendosi, occorre avere il coraggio di fare scelte forti, di concentrare le risorse sui servizi essenziali e sui soggetti più pronti a investire, o che hanno investito e che sono impegnati nell assicurare stabilità ai rispettivi investimenti. E come in un circolo virtuoso, le istituzioni sono sempre più coraggiose quanto più la rappresentanza degli interessi collettivi e dei bisogni sociali diffusi è qualificata, riconosciuta, autorevole. Di questo abbiamo tutti bisogno: di un volontariato qualificato, riconosciuto, autorevole. E appassionato! Elena Gentile Assessore al Welfare Regione Puglia 11

12

13 I VOLONRI, LA PIÙ GRANDE FABBRICA PUGLIESE CHE PRODUCE BENE COMUNE L Osservatorio del Volontariato presso la Regione Puglia è l organismo deputato dalla L.R. 11/1994 a sostenere l azione delle associazioni e dei volontari sul nostro territorio. Una delle primissime esigenze avvertite nei suoi primi cinque anni di attività, dal 2007 al 2011, è stata quella di conoscere il fenomeno del volontariato e il volto dei volontari, in modo da interpretare adeguatamente le loro esigenze attuali e la direzione nella quale si prevede possa andare nei prossimi anni. Un fenomeno così complesso e variegato, nei confronti del quale l 80% (dati Eurispes 2010) dei pugliesi gode la totale fiducia, non può essere lasciato alla buona volontà di chi lo pratica, o alla improvvisazione di chi ha il dovere di governarlo. È arrivato il momento in cui occorre far fare al volontariato (e al Terzo Settore) pugliese un salto di qualità, nella direzione della piena consapevolezza del suo ruolo, in un rapporto costruttivo e dialettico con la Pubblica Amministrazione e il Mercato. Ciò significa che la sua terzietà non deve più essere considerata una sorta di estraneità, una specie di riserva etica e morale di eroi destinati a rimanere fuori dalla storia che conta, ma un valore che deve puntare a cambiare il modo di fare politica e perfino il modo di fare impresa. I dati della presente ricerca 1, realizzata per conto dell Assessorato regionale al Welfare da CSV Puglia Net, dimostrano che il fenomeno del volontariato si è notevolmente modificato in questi ultimi anni. Tiene, dal punto di vista della consistenza numerica, il volontaria1 La Ricerca sul volontariato in Puglia, diretta dal sociologo Luigi Russo, è stata realizzata tra la fine del 2009 e l inizio del 2010, ha coinvolto i Centri studi dei sei CSV della Puglia (Ce.Se.Vo.Ca. di Foggia, CSV Daunia di Foggia, CSV Poiesis di Brindisi, CSV San Nicola di Bari, CSV Salento di Lecce e CSV di ). Si è strutturata in due fasi: rilevazione censitaria delle oltre 2000 organizzazioni di volontariato della Puglia; approfondimento sistemico e qualitativo su un campione di 600 associazioni. 13

14 to di tipo assistenziale, prevalentemente impegnato a tamponare le falle lasciate vuote dall intervento pubblico per effetto dei tagli delle finanziarie nazionali, soprattutto nel sociale e nel sanitario, con un sovraccarico di impegno per gli stessi volontari dovuto alla diminuzione delle risorse messe a disposizione dal pubblico e alla crescita della precarietà e delle povertà. Solido e costante anche il volontariato della donazione e della protezione civile, che sono strutturati in tutto il territorio regionale e che rispondono, con sempre più efficacia, alle varie emergenze. Cresce decisamente, soprattutto nelle periferie della Puglia, il volontariato di cittadinanza, in modo particolare nelle aree dell ambiente, della disabilità, della cultura: segno, questo, di una nuova modalità dei volontari di intendere la partecipazione politica. Sempre più, infatti, i cittadini organizzati e competenti sulle materie che riguardano le politiche sociali, sanitarie, territoriali, vogliono portare nelle sedi decisionali il loro punto di vista, che mira a presidiare i livelli di esigibilità dei diritti a favore dei soggetti svantaggiati, e ad accrescere il Bene Comune. Altro aspetto importante messo in evidenza dalla ricerca è il notevole incremento dal punto di vista numerico dei volontari: dal 2005 ad oggi siamo passati da a volontari, superando il gap negativo con le Regioni del nord Italia, e facendo della Puglia la regina delle regioni del Sud. Si tratta di persone che svolgono in media 9 ore di volontariato a settimana. Una stima del valore economico del volontariato nella nostra Regione, ci porta alla cifra di quasi 600 milioni di euro di servizi equivalenti alla persona, al territorio, alla cultura. È come se operatori lavorassero ogni giorno, per tutto l anno, a tempo pieno: insomma la più grande fabbrica della Puglia che produce Bene Comune a costo zero! Viene dato conto dell importanza della presenza in Puglia di diverse reti che sostengono i volontari: il sistema dei CSV, il Forum Terzo Settore, l Osservatorio Regionale del Volontariato. Cresce, 14

15 peraltro, la consapevolezza che solo nella logica delle reti settoriali e territoriali si potrà dare attuazione al sistema della sussidiarietà orizzontale e verticale che è l obiettivo politico principale della governance integrata che si deve insieme realizzare per costruire una Puglia moderna e solidale. Questo e altro ancora si potrà leggere nella presente ricerca. Soprattutto, risulta evidente, dai dati e dalle analisi illustrate, che la Puglia oggi vale di più, è sicuramente più bella, riesce a resistere alla barbarie dei tagli lineari delle finanziarie anche grazie ad un esercito di cittadini volontari che credono nella relazione, nella legalità, nella giustizia, nella solidarietà, contro ogni deriva edonistica senza speranza e senza etica. Ci pregiamo, inoltre, di pubblicare, per la prima volta nella storia del volontariato della Puglia, l intero elenco delle 2063 organizzazioni di volontariato presenti nelle province pugliesi, per comune e ambito di intervento. In appendice abbiamo deciso di inserire il documento dell Agenzia del Terzo Settore, pubblicato nel dicembre 2011, Linee guida sulla definizione di criteri e modelli per la partecipazione del Terzo Settore alla determinazione delle politiche pubbliche a livello locale ; e il documento congiunto Regione Puglia, ANCI Puglia, Forum Terzo Settore Puglia, Forum Nazionale Terzo Settore, CONVOL Puglia, CSV Puglia Net Le Case della sussidiarietà e dei Beni Comuni. Entrambi sottolineano questioni fondamentali circa l orientamento che sta prendendo il dibattito e la prassi sul ruolo del Terzo Settore, volontariato compreso, che non è solo una riserva della società, ma anche una risorsa indispensabile per costruire una società democratica, giusta e partecipativa, come speriamo diventi sempre più quella pugliese. Luigi Russo Direttore della ricerca 15

16

17 CAPITOLO 1 METODOLOGIA E RISULTI DELLA RICERCA 17

18

19 1.1 OBIETTIVI DELLA RICERCA L Assessorato alla Solidarietà della Regione Puglia ha promosso la ricerca Organizzazioni di volontariato nel sistema di welfare pugliese con l obiettivo di realizzare una indagine socio-statistica sulle caratteristiche delle organizzazioni di volontariato (odv), iscritte e non nel registro regionale di riferimento, e sulle forme di concorso alla realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali. Allo scopo di costruire sinergie operative tra gli enti a vario titolo impegnati nella costruzione delle politiche sociali a carattere regionale e gli enti impegnati nell ambito del volontariato pugliese, la Regione Puglia, tramite l Osservatorio regionale del Volontariato, ne ha affidato la realizzazione ai Centri di servizio per il volontariato pugliesi per il tramite di CSV Puglia Net. La ricerca che qui si presenta ha indagato il volontariato pugliese portando a tre risultati: un censimento approfondito delle odv iscritte e non iscritte al Registro Regionale che sono risultate essere 2063; un approfondimento di tipo socio-statistico su un campione di 600 organizzazioni; un analisi di tipo qualitativo finalizzata all approfondimento di alcune tematiche di particolare interesse per il volontariato attraverso la tecnica dei focus group. La ricerca si inserisce, quindi, nel bisogno espresso a livello di politiche regionali, di avere un immagine complessiva del volontariato in un territorio vasto come quello pugliese, senza incorrere nella genericità o in eccessivo particolarismo, ma arricchendola di informazioni utili, sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo. 19

20 1.2 MATERIALI, TEMPI E METODI La ricerca regionale sulla situazione del volontariato in Puglia è stata realizzata nel periodo compreso tra agosto 2009 e maggio Essa si è realizzata attraverso due percorsi che, dopo un primo tratto comune, si sono diversificati proseguendo in maniera parallela. In primo luogo, si è perseguito l obiettivo di realizzare un database regionale di tutte le organizzazioni di volontariato operanti in Puglia per l acquisizione della dimensione del fenomeno associativo su tutto il territorio regionale. Ogni CSV provinciale ha aggiornato e verificato l elenco delle organizzazioni di volontariato esistenti nella propria provincia di riferimento e al 1 settembre 2009 è stato creato l elenco regionale delle stesse con l indicazione della provincia e del settore di appartenenza. Questo primo database, universo di riferimento del nostro studio, è stato il punto di partenza dei due obiettivi perseguiti dalla ricerca: 1. La creazione di un database regionale completo di una serie di informazioni anagrafiche delle odv che ha fornito al 1 settembre 2009 lo stato demografico del volontariato: un censimento delle odv; 2. La realizzazione dell indagine campionaria. Si è quindi proceduto al campionamento stratificato per provincia e settore di appartenenza delle 600 organizzazioni da coinvolgere nella ricerca e alla creazione di un elenco di eventuali organizzazioni sostitute. Contemporaneamente alla creazione del campione, si è proceduto alla realizzazione del questionario. Nella prima parte del questionario si richiedono alle odv intervistate informazioni generali, relative ai dati anagrafici, nella seconda parte, costituita da 38 domande, si indaga la natura dell odv, le attività svolte, il personale volontario, i punti di forza e di debolezza, i rapporti con gli enti pubblici e privati. 20

21 E stata svolta un indagine pilota su 50 odv per la verifica del questionario stesso sul campo. Sono stati, quindi, consegnati ai referenti per la ricerca di ogni singolo CSV i questionari con l indicazione del campione ed è stata fatta opportuna attività formativa sulle modalità di somministrazione dei questionari, sulla verifica delle risposte attraverso domande a incrocio e sulle modalità di sostituzione nel caso di impossibilità ad intervistare l odv campionata. Sono così cominciate dal 1 ottobre 2009 le interviste presso le organizzazioni di volontariato campionate da parte dei CSV provinciali che si sono protratte fino al 10 dicembre Si è, quindi, proceduto alla realizzazione di un database comune per l imputazione dei dati raccolti e alla definizione dei criteri di codifica delle risposte. Tali elementi sono stati trasferiti ai responsabili dell inserimento dati di ciascun CSV. Contestualmente alla raccolta dei dati attraverso la somministrazione dei questionari, i CSV provinciali hanno potuto procedere all imputazione dei dati. A rilevazione e imputazione ultimate, si è proceduto alla raccolta dei files e dei questionari cartacei dai vari CSV. E stata effettuata una verifica a campione delle interviste realizzate ed i risultati sono stati compatibili con quanto registrato. E stata valutata la qualità e attendibilità delle risposte attraverso controlli incrociati delle stesse. Accertata la qualità dei dati, è stato quindi creato un file unico della ricerca a livello regionale, e si è proceduto con l elaborazione statistica e l analisi dei dati che ha fornito i risultati di seguito descritti. Nel rispetto della vigente normativa sulla privacy (D.Lgs 196/2003), tutte le informazioni sono state trattate in forma rigorosamente anonima, prive di qualsiasi elemento identificativo e a solo fine statistico. Le interviste realizzate sono state 595 su 600. Un risultato quanto mai eccellente. 21

22 1.3 DISTRIBUZIONE DEL ORGANIZZAZIONI DI VOLONRIATO SUL TERRITORIO REGIONA Al 01 settembre 2009 è emersa la seguente situazione del volontariato in Puglia. Sono 2063 le odv distribuite per poco più della metà tra le province di Bari (25,9%) e Lecce (25,6%). A seguire le province di (19,1%) e Foggia (15,3%), quindi di Brindisi (8,5%) e della neonata T (5,6%). Distribuzione delle ODV nelle province pugliesi al 01/09/09 PROVINCIA NUMERO ODV VALORE PERCENTUA Bari ,9% T 115 5,6% Brindisi 176 8,5% Foggia ,3% Lecce ,6% ,1% TO ,0% Rapportando il dato alla popolazione delle province pugliesi, secondo la comunicazione IST aggiornata al 01/01/2009, emerge un analisi interessante. 22

23 A livello regionale, in media, esistono 8 odv per comune e 1 ogni 1978 abitanti. La provincia di è quella che in media ha il maggior numero di organizzazioni di volontariato per comune, circa 14, e la maggiore concentrazione a livello di popolazione residente, 1470 abitanti per odv. Interessante è il dato che emerge analizzando le province di Bari e Lecce nelle quali si verifica una situazione diametralmente opposta. Nella provincia di Bari vi è un numero medio di odv per comune pari a 13, il secondo tra le province; in quella di Lecce lo stesso dato è pari a 5, il valore più basso insieme alla provincia di Foggia. Il numero di abitanti per odv è, invece, per la provincia di Bari pari a 2345, quasi il più alto in regione, e per la provincia di Lecce pari a 1542, quasi il più basso in regione. Tutto questo si spiega con la presenza nella provincia di Bari di un numero minore di comuni (41), meno della metà di quelli della provincia di Lecce (97), ma con un numero medio di abitanti (circa ) molto più alto di quelli leccesi (circa 8.380). Questa analisi, apparentemente scontata, induce a fare una serie di riflessioni non banali. L attenzione al mondo del volontariato nelle due province se, per esempio, può essere espressa con politiche regionali comuni a livello di obiettivi, deve poi, necessariamente, differenziarsi nei mezzi, avendo sul territorio una situazione di concentrazione del volontariato completamente diversa, in questo caso opposta. Questo discorso, come si evince dai dati, ha certamente una valenza regionale. La provincia di T è, a livello regionale, quella che ha la situazione che si discosta di più dalle medie regionali: ha 11,5 odv per comune, ma 3399 abitanti per odv. Anche questo dato riflette la situazione geografica della neo provincia che ha solo 10 comuni ma con una popolazione totale residente pari a abitanti. Il ruolo dei Centri di Servizio al Volontariato 23

24 provinciali rivela, in questo scenario, tutta la sua importanza, forza e peculiarità dovendo leggere attentamente i bisogni delle odv presenti sul proprio territorio e tradurli in progettualità specifiche. Le province pugliesi per popolazione PROVINCIA 1. Bari Popolazione N. Comuni N. Ass. N. Ass. per Comune N. Abit. per Ass Lecce , Foggia , , Brindisi , T , TO La classifica delle province della Puglia è ordinata per popolazione residente. I dati sono aggiornati al 01/01/2009 (IST) Definita in queste 2063 associazioni la popolazione oggetto d indagine, il cosiddetto universo di riferimento, è stato estratto il campione stratificato per provincia e settore di appartenenza per un totale di 600 unità (associazioni), pari al 29,1% del totale. La distribuzione del campione per provincia è stata la seguente: Distribuzione delle province pugliesi al e relativo campione PROVINCIA 1. Bari N. ODV Valore percentuale Campione Questionari raccolti ,9% Barletta-Andria-Trani 115 5,6% Brindisi 176 8,5% Foggia ,3% Lecce ,6% TO ,1% ,0% I questionari raccolti sono stati 595 su 600, con una percentuale di sostituzione pari al 10% del totale. Un risultato quanto mai 24

25 eccellente dovuto all impegno dei CSV provinciali, dei rilevatori individuati e del coordinamento scientifico della ricerca che ha realizzato una formazione puntuale ed un assistenza continua a coloro che erano impegnati nella rilevazione dei dati. Questo risultato ha permesso un elaborazione attendibile dei risultati dell indagine campionaria potendoli riferire all universo delle associazioni presenti con un margine di errore molto contenuto. A livello regionale è interessante rilevare che i settori nei quali operano il maggior numero di organizzazioni di volontariato sono: il settore (19%), (15%), Protezione civile (13%), Famiglia, infanzia (11%) e (10%). A seguire tutti gli altri con la percentuale più bassa pari al 2% per il settore Devianze e dipendenze. Nello specifico del livello provinciale emergono delle differenze di distribuzione delle associazioni per settore di attività che, chiaramente, sono state rispettate nell elaborazione del campione oggetto di studio. Nella provincia di Bari i settori donazioni, tutela della salute, famiglia, infanzia e povertà coprono ben il 66% delle attività di volontariato a differenza del 50% del dato 25

26 sintetico regionale. La distribuzione delle organizzazioni di volontariato per categoria e il campione esaminato sono descritte nel grafico seguente. Nella provincia di Barletta-Andria-Trani i settori donazioni (17%), tutela della salute (16%), famiglia, infanzia e adolescenza (16%) e tutela del territorio e del patrimonio storico/artistico (10%), coprono il 60% delle attività di volontariato. L analogo dato sintetico regionale è pari al 52%. La distribuzione delle organizzazioni di volontariato per categoria e il campione esaminato sono descritte nel grafico seguente. Nella provincia di Foggia i settori famiglia, infanzia e adolescenza (20%), protezione civile (19%), donazioni 26

27 (17%), disabilità (13%) e tutela della salute (11%), rappresentano le aree oggetto dell 80% delle attività di volontariato. L analogo dato sintetico regionale è pari al 68%. Emerge da questo dato come l attività di volontariato nella provincia di Foggia rispetto alle altre provincie sia più concentrata in alcuni settori rispetto agli altri, si tratta di cinque sui dodici settori considerati nella nostra indagine. E l unica provincia pugliese in cui la massima concentrazione di organizzazioni di volontariato non è detenuta dal settore donazioni ma da famiglia, infanzia. La distribuzione delle organizzazioni di volontariato per categoria e il campione esaminato sono descritte nel grafico seguente. Nella provincia di Brindisi si assiste ad una più equilibrata distribuzione di attività nei vari settori. Si passa dalla massima concentrazione del settore donazioni con il 14% alla protezione civile e a cultura e sport con il 13%, quindi, tutela della salute, 11%, diritti civili, detenuti ed ex-detenuti, 10%, tutela del territorio e del patrimonio storico/artistico, 9%, e così via in maniera discendente. La distribuzione delle organizzazioni di volontariato per categoria e il campione esaminato sono descritte nel grafico seguente. 27

28 Nella provincia di Lecce i settori donazioni (27%), protezione civile (19%), tutela della salute (15%) e disabilità (11%) coprono il 72% delle attività di volontariato. L analogo dato sintetico regionale è pari al 57%. La provincia di Lecce è quella nella quale, a livello regionale, è più concentrato il volontariato nel settore donazioni. La distribuzione delle organizzazioni di volontariato per categoria e il campione esaminato sono descritte nel grafico seguente. Nella provincia di, come in quella brindisina, si verifica una minore concentrazione di attività in pochi settori ed una più equa distribuzione tra le varie aree. Si passa dalla massima concentrazione nella tutela della salute che con il 18% rappresenta il dato più alto del settore a livello regionale, alla famiglia, infanzia 28

29 civile e tutela del territorio e del patrimonio storico/artistico con il 13% a cultura e sport con l 11%. E questa l unica provincia a livello regionale nella quale l attività del settore donazioni (9%) scende al di sotto del 10%. Seguono protezione civile (9%), disabilità (8%), povertà (5%) e così via. La distribuzione delle organizzazioni di volontariato per categoria e il campione esaminato sono descritte nel grafico seguente. 29

30 1.4 INFORMAZIONI GENERALI SULL ORGANIZZAZIONE DEL ODV La prima parte dei dati raccolti tramite questionario fa riferimento alle informazioni generali sull organizzazione delle odv. Ben il 75% di esse sono nate per iniziativa spontanea. Seguono a distanza con l 11% dei casi, l operato di parrocchie/enti religiosi e di associazioni di fatto già operanti sul territorio. E al momento assente in Puglia, almeno per quanto dichiarato, l iniziativa di soggetti politici. La matrice culturale delle associazioni è stata identificata con quella cristiana o di altra fede con il 42% di risposte, con nessuna nel 36% dei casi, con quella aconfessionale nel 20%. 30

31 Nel 59% dei casi le odv hanno dichiarato di far parte di una federazione nazionale. E interessante rilevare però, come in assenza delle odv afferenti al settore donazioni che nella quasi totalità dei casi sono inseriti in un circuito nazionale, l essere parte di una federazione nazionale scende al 50%. Le odv operano soprattutto a livello comunale, nel 36% dei casi, quindi a livello provinciale (23%) e, nazionale (19%). Vi è, comunque, un 9% che opera in campo internazionale. La quasi totalità delle organizzazioni di volontariato ha dichiarato di avere come organi di governo il Presidente e direttivo (98%) e l Assemblea dei soci (92%). Nel 46% dei casi hanno dichiarato di avere anche l organo di controllo. Il 2% di odv che ha dichiarato di non avere come organo di governo il Presidente, si riferisce alle grandi sigle (per es. Lega Tumori, Gruppi di Volontaria31

32 to Vincenziano) che hanno un unico presidente provinciale e un direttore/responsabile di sede. Il Presidente (98%) e il segretario (90%) sono figure presenti in quasi tutte le odv. In circa la metà dei casi, 53%, vi è un responsabile amministrativo. In misura minore, ma comunque consistente, vi sono anche figure attuali come il responsabile della formazione (23%), il Direttore (22%, che nel 2% dei casi è presente senza il Presidente), il Responsabile della comunicazione (19%), il Responsabile di progetto (18%), e il Responsabile raccolta fondi (14%). 32

IL VOLONTARIATO IN PUGLIA Indagine socio-statistica sulle caratteristiche e le attività del volontariato in Puglia CARTELLA STAMPA

IL VOLONTARIATO IN PUGLIA Indagine socio-statistica sulle caratteristiche e le attività del volontariato in Puglia CARTELLA STAMPA IL VOLONTARIATO IN PUGLIA Indagine socio-statistica sulle caratteristiche e le attività del volontariato in Puglia CARTELLA STAMPA Quanti sono e chi sono i volontari pugliesi La Puglia è stata l unica

Dettagli

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità Auser: Sistemi di Welfare e Comunità 1. Ricomporre i Bisogni della Persona Provando a declinare alcune problematiche dall'agenda sociale, sembra che il tema degli anziani, dei mutamenti demografici, delle

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia Sintesi Rapporto finale Dicembre 2010 EXECUTIVE SUMMARY Il dodicesimo rapporto della Conferenza degli Enti per il Servizio Civile si compone di due approfondimenti:

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma 3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO 3.1 Dati Generali Titolo Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI Le 6 regioni meridionali (Sicilia,Calabria, Basilicata,

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 11 maggio Comune di Bisceglie RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO FRONT OFFICE "Accesso e utilizzo dei servizi di sportello" Strumento

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

La ricerca No Profit 2013

La ricerca No Profit 2013 Dicembre 2014, anno VIII N. 12 La ricerca No Profit 2013 1^ edizione del Premio Persona e Comunità di Roberta Ottaviani 1, Ernesto Vidotto 2 Il Centro Studi Cultura e Società ha presentato, il 2 ottobre

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Abbigliamento e accessori per motociclisti

Abbigliamento e accessori per motociclisti ITALIA Abbigliamento e accessori per motociclisti Potenzialità del mercato e comportamenti d acquisto. Lo studio si concentra sui due canali di vendita preferiti: negozi specializzati e concessionari.

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

Realizzazione Grafica a cura del Centro Servizi al Volontariato Daunia

Realizzazione Grafica a cura del Centro Servizi al Volontariato Daunia PRIMA GUIDA AL VOLONTARIATO della provincia di Foggia I diritti di traduzione, riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale e parziale con qualsiasi mezzo (compreso i microfilm e

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

REGIONE PUGLIA Assessorato Sanità e Servizi Sociali Settore Servizi Sociali

REGIONE PUGLIA Assessorato Sanità e Servizi Sociali Settore Servizi Sociali REGIONE PUGLIA Assessorato Sanità e Servizi Sociali Settore Servizi Sociali PIANO REGIONALE DELLE POLITICHE SOCIALI Interventi e Servizi Sociali in Puglia (approvato con Del. G.R. n. 1104/2004 in attuazione

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale

CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale REGIONE PUGLIA CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale IV COMMISSIONE DI STUDIO Disagio sociale, politiche di inclusione e diritti di cittadinanza Presidente

Dettagli

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Morena Terraschi Lynx Srl via Ostiense 60/D 00154 Roma morena@altrascuola.it http://corsi.altrascuola.it Corsi Altrascuola è la

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

INDAGINE SULLA CONOSCENZA E SODDISFAZIONE DEI CITTADINI IN MERITO AL PERCORSO DI RAVENNA CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019

INDAGINE SULLA CONOSCENZA E SODDISFAZIONE DEI CITTADINI IN MERITO AL PERCORSO DI RAVENNA CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019 COMUNE DI RAVENNA SERVIZIO RISORSE UMANE E QUALITA U.O. ORGANIZZAZIONE, QUALITA E FORMAZIONE INDAGINE SULLA CONOSCENZA E SODDISFAZIONE DEI CITTADINI IN MERITO AL PERCORSO DI RAVENNA CAPITALE EUROPEA DELLA

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni Milano, 9 novembre 2013 Vincenzo Saturni 1 La carta etica: perché e per chi? Avis opera da 86 anni per diffondere una cultura solidale tra i cittadini su tutto il territorio nazionale. E sin dal momento

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 16 maggio 2102 Comune di Cosenza RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO Ufficio Relazioni con il Pubblico Strumento n 9: modello report

Dettagli

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PREMESSA L Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) nasce a livello nazionale nel 1985 con l obiettivo di dare voce alle necessità delle famiglie colpite

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

nuove sfide per il volontariato

nuove sfide per il volontariato Povertà plurali, povertà invisibili: nuove sfide per il volontariato Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra cittadini e associazioni di volontariato 1. Premessa L Associazione Non Profit Network,

Dettagli

L ascolto telefonico in una società comunicazionale

L ascolto telefonico in una società comunicazionale Progetto Co.RAL Regione Lombardia L ascolto telefonico in una società comunicazionale Qualità ed integrazione dei centralini di aiuto telefonico e loro messa in rete Relazione di fine progetto a cura di

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Bando di concorso per la premiazione di idee progettuali e buone pratiche per l abitabilità della regione urbana

Bando di concorso per la premiazione di idee progettuali e buone pratiche per l abitabilità della regione urbana Bando di concorso per la premiazione di idee progettuali e buone pratiche per l abitabilità della regione urbana La Provincia di Milano, all interno del Progetto Strategico per la regione urbana milanese,

Dettagli

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del ACCESSIBILITÀ a SACILE Ente proponente Referente del Città in cui ha avuto luogo il Durata del

Dettagli

Documento di lavoro su Volontariato e Terzo settore

Documento di lavoro su Volontariato e Terzo settore Documento di lavoro su Volontariato e Terzo settore Obiettivi Ridefinire e riqualificare il rapporto tra volontariato e pubblica amministrazione nel quadro dell evoluzione del welfare regionale; Valorizzare,

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani & Giovani SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale Settore E 11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Le professioni sociali Architettura di un modello di osservazione: profilo e tendenze della domanda e dell offerta sul mercato del lavoro regionale

Le professioni sociali Architettura di un modello di osservazione: profilo e tendenze della domanda e dell offerta sul mercato del lavoro regionale Le professioni sociali Architettura di un modello di osservazione: profilo e tendenze della domanda e dell offerta sul mercato del lavoro regionale Roberto Di Monaco Torino, 30 giugno 2010 Indice 1 - Obiettivi

Dettagli

Gli immobili in Italia - 2015

Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Il primo capitolo è dedicato alla presentazione dei risultati

Dettagli

Benvenuti a Sezze Rumeno

Benvenuti a Sezze Rumeno Facoltà di Scienze Politiche Sociologia Comunicazione Corso di Laurea Magistrale Scienze Sociali Applicate Sociologia e management della sicurezza Tesi di Laurea Anno accademico 2011/2012 Benvenuti a Sezze

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore Vincenzo Provenzano Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Finanziarie Università degli Studi

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi Programma a finanziamento ministeriale Percezione di qualità e risultato delle cure: costituzione di una rete integrata di osservatori regionali Seminario interregionale IL CIRCOLO VIRTUOSO DEL RECLAMO

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito Delega Assessorile in materia di Servizi Sociali, Rapporti con Azienda Ospedaliera e A.S.L., Casa Comunale di Soggiorno Anziani, La legge 328 del 2000, attesa per oltre un secolo, ha dotato il sistema

Dettagli

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità 9. ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità Un altra tipologia di strumentazioni di supporto alla concretizzazione di una pratica di sostenibilità, intesa prettamente

Dettagli

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e CITTADINANZA ATTIVA è la capacità dei cittadini di organizzarsi in modo multiforme, di mobilitare risorse umane tecniche e finanziarie, e di agire con modalità e strategie differenziate per tutelare diritti,

Dettagli

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi Ringrazio per l invito a partecipare a questo convegno. Nel mio intervento, svilupperò la case-history di un progetto su cui stiamo

Dettagli

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI COMMISSIONE CONSILIARE III Sanità e Assistenza Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI Argomento n. 4 all ordine del giorno: ITR N. 3113 Bando per l'accesso alla "Dote

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: Bussola - Un sistema

Dettagli

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni 2 Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni www.volontariatotrentino.it 1 1. Premessa L Associazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GlocalzzAzione SETTORE e Area di Intervento: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO Premessa La scuola,oggi, trova la sua ragione di essere nell assicurare ad ogni alunno il successo formativo, inteso come piena formazione della persona umana nel rispetto

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Primo Istituto Comprensivo di Scuola Materna, Elementare e Media Leonardo Da Vinci Via Concetto Marchesi

Dettagli

LA FORMAZIONE POST DIPLOMA,

LA FORMAZIONE POST DIPLOMA, LA FORMAZIONE POST DIPLOMA, LA FORMAZIONE PROFESSIONALE, LA FORMAZIONE INTEGRATA, LA FORMAZIONE CONTINUA DI SERGIO TREVISANATO * * Segretario Regionale Formazione Lavoro - Regione Veneto Sergio Trevisanato

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. Ce.Se.A. nasce nel 1999, presso il Centro Servizi Formativi del Comune di Lecco e sullo stimolo dell allora Centro Servizio Adulti (da cui l acronimo Ce.Se.A.)

Dettagli

I servizi di job placement nelle Università italiane

I servizi di job placement nelle Università italiane I servizi di job placement nelle Università italiane Un indagine della Fondazione CRUI Aprile 2010 1 L indagine La partecipazione all indagine La Fondazione CRUI, nel dicembre 2009, ha realizzato un indagine

Dettagli

A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009

A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009 A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009 L Alternanza Scuola-Lavoro è stata introdotta In Italia come una delle modalità di realizzazione dei percorsi

Dettagli

Sintesi dei risultati della ricerca

Sintesi dei risultati della ricerca progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi Progetto A.I.M.S. - Accoglienza ed Integrazione dei Minori Stranieri Azione 3 Realizzazione indagine

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008

PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008 PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008 1) DENOMINAZIONE DEL PROGETTO Mediazione interculturale nelle strutture ospedaliere dell Azienda USL 2) SOGGETTO PROPONENTE Azienda USL Valle d Aosta 2.1)

Dettagli

AVVISO Home Care Premium 2012

AVVISO Home Care Premium 2012 INPS Gestione Ex Inpdap Direzione Centrale Credito e Welfare AVVISO Home Care Premium 2012 Per l adesione e la gestione di Progetti Innovativi e Sperimentali di Assistenza Domiciliare per l intervento

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA REPORT RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE DI SASSARI e pertinenze (OLBIA) ANNO 2013 RISULTATI FINALI DEL QUESTIONARIO SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Le indagini dell IID. ASSIF 17 giugno 2015

Le indagini dell IID. ASSIF 17 giugno 2015 Le indagini dell IID ASSIF 17 giugno 2015 PERCHE IID INIZIA A FARE INDAGINI? Per rispondere ad una serie di domande da parte di attori diversi Da parte del non profit (associati e non) Da parte dei donatori

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

Quartiere San Donato

Quartiere San Donato Quartiere San Donato P.G. N.: 141598/2013 N. O.d.G.:.: 21/2013 2013 Data Seduta : 13/06/2013 Richiesta IE Dati Sensibili Adottato Oggetto: APPROVAZIONE DEI PROGRAMMI OBIETTIVO DEL QUARTIERE SAN DONATO

Dettagli

responsabile e solidale

responsabile e solidale Progetto: abbiamo fatto un sogno realizzare una scuola responsabile e solidale aiutando i nostri allievi a diventare soggetti attivi della propria vita attraverso scelte responsabili. Responsabilità è

Dettagli

PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU

PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU Premessa Nel rispetto delle linee tracciate dal nuovo Statuto approvato dall Assemblea del 18-19-20 marzo 2004, si ritiene opportuno fare una premessa metodologica,

Dettagli