A cura di Luigi Russo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A cura di Luigi Russo"

Transcript

1 ORGANIZZAZIONI DI VOLONRIATO NEL SISTEMA DEL WELFARE PUGLIESE Indagine socio-statistica sulle caratteristiche e le attività del volontariato in Puglia A cura di Luigi Russo

2

3 ORGANIZZAZIONI DI VOLONRIATO NEL SISTEMA DEL WELFARE PUGLIESE Indagine socio-statistica sulle caratteristiche e le attività del volontariato in Puglia Hanno collaborato alla realizzazione della ricerca: Luigi Russo (Direttore Scientifico) Valentina Valente (Coordinatrice, CSV Salento - Lecce) Doriana Rita Nuzzi (Consulente statistico) Anna Lucia Brunetti (CSV ) Milena De Marinis (CSV San Nicola Bari) Alessandro La Resca (CSV Poiesis Brindisi) Fabio Quitadamo (CSV Daunia Foggia) Pasquale Russo (Ce.Se.Vo.Ca. Foggia)

4

5 INDICE ORGANIZZAZIONI DI VOLONRIATO NEL SISTEMA DEL WELFARE PUGLIESE Indagine socio-statistica sulle caratteristiche e le attività del volontariato in Puglia Introduzione Metodologia e risultati della ricerca Obiettivi della ricerca Materiali, tempi e metodi Distribuzione delle organizzazioni di volontariato sul territorio regionale Informazioni generali sull organizzazione delle odv Identikit del volontario Aspetti economici: bilancio, spese ed entrate delle odv La formazione dei volontari Punti di forza e punti di debolezza delle odv Conoscenza dei bisogni del territorio e ambiti di attività Rapporti con gli Enti Locali e le altre Istituzioni I risultati del focus group Premessa I temi affrontati I bisogni delle odv Acquisizione di nuovi volontari Rapporto con le Pubbliche Amministrazioni Conclusioni Scenari futuri Volontariato e Terzo Settore: le sfide per costruire il futuro Conclusioni Appendici Elenco delle odv pugliesi per provincia L Osservatorio Regionale e i CSV Linee guida Agenzia Terzo Settore Le Case della Sussidiarietà e dei Beni Comuni

6

7 INTRODUZIONE 7

8

9 PREMESSA Per l Anno Europeo della lotta alla povertà e all esclusione sociale, celebrato nel 2010, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha realizzato una campagna di comunicazione fondata su un claim essenziale ma molto denso di contenuti: Aiuta l Italia che aiuta. L idea sulla quale si costruisce il messaggio è che donare può cambiare il mondo. Il dono, appunto, inteso come disponibilità di tempo, di energie, di attenzione e come sostegno economico alle associazioni e ai volontari da parte di coloro che non possono impegnarsi in prima persona. Di positivo in questo messaggio vi è senza dubbio l idea che tutto il Terzo Settore si pone come attore strategico, capace di produrre e di tessere i fili smarriti della comunità, rispetto al quale il valore aggiunto dell azione volontaria per fini sociali è la ricerca del contatto umano, l orientamento all altro. E tuttavia vi è anche qualcosa di vecchio, di non moderno in questo messaggio: l idea antica di un soggetto erogatore di servizi che opera surrogando la fastidiosa assenza del pubblico in molte aree del Paese e la presenza mirata del privato solo su alcune tipologie di offerta, e di un soggetto che va aiutato, perché aiuta. Sembra prevalere nella lettura del messaggio secondo l accezione comune l approccio caritatevole del volontariato nei confronti dei soggetti bisognosi, e dello Stato nei confronti del volontariato. Ma siamo nel 2011, festeggiamo l Anno Europeo del Volontariato e la realtà è molto diversa dall idea che un certo approccio vuol far passare per il volontariato nel tessuto sociale dei contesti locali. Il volontariato assume sempre di più il ruolo di un anello strategico, di mediazione e connessione tra mondi diversi, tra pubblico e privato, tra cittadini e servizi, e questo sia rispetto alle scelte strategiche di programmazione, sia rispetto alla definizione delle soluzioni organizzative più efficaci. Ma soprattutto il volontariato non va più sem9

10 plicemente aiutato, sul volontariato si deve investire, perché anche il volontariato si è fatto soggetto attivo, che investe sulle proprie organizzazioni, sulla propria capacità di fornire risposte, oltre che riuscire a leggere bisogni e rappresentare domande sociali. Questa ricerca, fortemente voluta dall Assessorato al Welfare della Regione Puglia, si è da subito configurata come strumento essenziale per leggere una realtà assai variegata, differenziata e ricca, quale è quella del volontariato pugliese, non come costola ma come pilastro del Terzo Settore regionale. Non solo emerge un vero e proprio esercito variopinto e vivace di persone che prestano il loro tempo e le rispettive capacità e abilità in favore delle persone più fragili o comunque più bisognose, mettendo in campo formidabili esperienze quotidiane di mutuo-aiuto. Ma soprattutto emerge un soggetto assai più maturo di alcuni anni fa, che soffre ancora di una elevatissima frammentazione, ma che sta cercando di fare un salto di qualità, mettendosi in gioco direttamente, con investimenti propri e fortemente coerenti con le priorità della programmazione sociale regionale e territoriale. Il volontariato pugliese si è messo in rete, i Centri Servizi per il Volontariato sono una realtà, è una realtà la loro rete con CSV Puglia-Net, sempre più associazioni si federano in organizzazioni di rilievo regionale, per assicurare una presenza qualificata e una interlocuzione pressante a livello regionale e, dunque, nei luoghi e con i soggetti istituzionali chiamati a costruire le scelte strategiche di politica sociale e di regolazione del quasi mercato dei servizi di cura alla persona e di comunità. Il volontariato investe in campagne di comunicazione, così come nella formazione dei suoi volontari, e ha imparato a cogliere le opportunità che il Governo regionale ha reso disponibili con l utilizzo dei Fondi Comunitari per potenziare l offerta di strutture e di servizi per l inclusione sociale e la qualità della vita. Si avverte, dunque, negli studi più recenti condotti a livello nazionale, e si legge 10

11 in molti dei dati più significativi emersi dalla ricerca presentata in queste pagine, la presenza di un volontariato più ingombrante, e che chiede spazio, chiede fiducia, chiede risorse, certo, ma sempre meno con la logica assistenziale e caritatevole, sempre più con la logica dell investimento, del potenziamento dell offerta, dell incremento degli spazi e delle strutture atti ad assicurare risposte qualificate. Sempre meno questa immagine può sovrapporsi su quella di un volontariato autoreferenziale, con la mano tesa a chiedere aiuto e incapace di costruire progetti per sé e per le comunità in cui vive. Il volontariato che leggiamo in queste pagine è un volontariato che sta di fronte alla sfida del cambiamento e della crescita a testa alta e non a mani vuote, ma con i pugni stretti della determinazione. E importante leggere con molta attenzione tutti i segnali positivi che emergono dal rapporto, così come cogliere gli elementi di criticità che possono minacciare o rallentare la crescita del volontariato pugliese, perché la Regione e tutte le istituzioni pubbliche a livello locale non possono farsi trovare impreparate di fronte allo scenario che si va prospettando per il sistema delle politiche sociali regionali. Quando le risorse per il welfare vanno sempre più riducendosi, occorre avere il coraggio di fare scelte forti, di concentrare le risorse sui servizi essenziali e sui soggetti più pronti a investire, o che hanno investito e che sono impegnati nell assicurare stabilità ai rispettivi investimenti. E come in un circolo virtuoso, le istituzioni sono sempre più coraggiose quanto più la rappresentanza degli interessi collettivi e dei bisogni sociali diffusi è qualificata, riconosciuta, autorevole. Di questo abbiamo tutti bisogno: di un volontariato qualificato, riconosciuto, autorevole. E appassionato! Elena Gentile Assessore al Welfare Regione Puglia 11

12

13 I VOLONRI, LA PIÙ GRANDE FABBRICA PUGLIESE CHE PRODUCE BENE COMUNE L Osservatorio del Volontariato presso la Regione Puglia è l organismo deputato dalla L.R. 11/1994 a sostenere l azione delle associazioni e dei volontari sul nostro territorio. Una delle primissime esigenze avvertite nei suoi primi cinque anni di attività, dal 2007 al 2011, è stata quella di conoscere il fenomeno del volontariato e il volto dei volontari, in modo da interpretare adeguatamente le loro esigenze attuali e la direzione nella quale si prevede possa andare nei prossimi anni. Un fenomeno così complesso e variegato, nei confronti del quale l 80% (dati Eurispes 2010) dei pugliesi gode la totale fiducia, non può essere lasciato alla buona volontà di chi lo pratica, o alla improvvisazione di chi ha il dovere di governarlo. È arrivato il momento in cui occorre far fare al volontariato (e al Terzo Settore) pugliese un salto di qualità, nella direzione della piena consapevolezza del suo ruolo, in un rapporto costruttivo e dialettico con la Pubblica Amministrazione e il Mercato. Ciò significa che la sua terzietà non deve più essere considerata una sorta di estraneità, una specie di riserva etica e morale di eroi destinati a rimanere fuori dalla storia che conta, ma un valore che deve puntare a cambiare il modo di fare politica e perfino il modo di fare impresa. I dati della presente ricerca 1, realizzata per conto dell Assessorato regionale al Welfare da CSV Puglia Net, dimostrano che il fenomeno del volontariato si è notevolmente modificato in questi ultimi anni. Tiene, dal punto di vista della consistenza numerica, il volontaria1 La Ricerca sul volontariato in Puglia, diretta dal sociologo Luigi Russo, è stata realizzata tra la fine del 2009 e l inizio del 2010, ha coinvolto i Centri studi dei sei CSV della Puglia (Ce.Se.Vo.Ca. di Foggia, CSV Daunia di Foggia, CSV Poiesis di Brindisi, CSV San Nicola di Bari, CSV Salento di Lecce e CSV di ). Si è strutturata in due fasi: rilevazione censitaria delle oltre 2000 organizzazioni di volontariato della Puglia; approfondimento sistemico e qualitativo su un campione di 600 associazioni. 13

14 to di tipo assistenziale, prevalentemente impegnato a tamponare le falle lasciate vuote dall intervento pubblico per effetto dei tagli delle finanziarie nazionali, soprattutto nel sociale e nel sanitario, con un sovraccarico di impegno per gli stessi volontari dovuto alla diminuzione delle risorse messe a disposizione dal pubblico e alla crescita della precarietà e delle povertà. Solido e costante anche il volontariato della donazione e della protezione civile, che sono strutturati in tutto il territorio regionale e che rispondono, con sempre più efficacia, alle varie emergenze. Cresce decisamente, soprattutto nelle periferie della Puglia, il volontariato di cittadinanza, in modo particolare nelle aree dell ambiente, della disabilità, della cultura: segno, questo, di una nuova modalità dei volontari di intendere la partecipazione politica. Sempre più, infatti, i cittadini organizzati e competenti sulle materie che riguardano le politiche sociali, sanitarie, territoriali, vogliono portare nelle sedi decisionali il loro punto di vista, che mira a presidiare i livelli di esigibilità dei diritti a favore dei soggetti svantaggiati, e ad accrescere il Bene Comune. Altro aspetto importante messo in evidenza dalla ricerca è il notevole incremento dal punto di vista numerico dei volontari: dal 2005 ad oggi siamo passati da a volontari, superando il gap negativo con le Regioni del nord Italia, e facendo della Puglia la regina delle regioni del Sud. Si tratta di persone che svolgono in media 9 ore di volontariato a settimana. Una stima del valore economico del volontariato nella nostra Regione, ci porta alla cifra di quasi 600 milioni di euro di servizi equivalenti alla persona, al territorio, alla cultura. È come se operatori lavorassero ogni giorno, per tutto l anno, a tempo pieno: insomma la più grande fabbrica della Puglia che produce Bene Comune a costo zero! Viene dato conto dell importanza della presenza in Puglia di diverse reti che sostengono i volontari: il sistema dei CSV, il Forum Terzo Settore, l Osservatorio Regionale del Volontariato. Cresce, 14

15 peraltro, la consapevolezza che solo nella logica delle reti settoriali e territoriali si potrà dare attuazione al sistema della sussidiarietà orizzontale e verticale che è l obiettivo politico principale della governance integrata che si deve insieme realizzare per costruire una Puglia moderna e solidale. Questo e altro ancora si potrà leggere nella presente ricerca. Soprattutto, risulta evidente, dai dati e dalle analisi illustrate, che la Puglia oggi vale di più, è sicuramente più bella, riesce a resistere alla barbarie dei tagli lineari delle finanziarie anche grazie ad un esercito di cittadini volontari che credono nella relazione, nella legalità, nella giustizia, nella solidarietà, contro ogni deriva edonistica senza speranza e senza etica. Ci pregiamo, inoltre, di pubblicare, per la prima volta nella storia del volontariato della Puglia, l intero elenco delle 2063 organizzazioni di volontariato presenti nelle province pugliesi, per comune e ambito di intervento. In appendice abbiamo deciso di inserire il documento dell Agenzia del Terzo Settore, pubblicato nel dicembre 2011, Linee guida sulla definizione di criteri e modelli per la partecipazione del Terzo Settore alla determinazione delle politiche pubbliche a livello locale ; e il documento congiunto Regione Puglia, ANCI Puglia, Forum Terzo Settore Puglia, Forum Nazionale Terzo Settore, CONVOL Puglia, CSV Puglia Net Le Case della sussidiarietà e dei Beni Comuni. Entrambi sottolineano questioni fondamentali circa l orientamento che sta prendendo il dibattito e la prassi sul ruolo del Terzo Settore, volontariato compreso, che non è solo una riserva della società, ma anche una risorsa indispensabile per costruire una società democratica, giusta e partecipativa, come speriamo diventi sempre più quella pugliese. Luigi Russo Direttore della ricerca 15

16

17 CAPITOLO 1 METODOLOGIA E RISULTI DELLA RICERCA 17

18

19 1.1 OBIETTIVI DELLA RICERCA L Assessorato alla Solidarietà della Regione Puglia ha promosso la ricerca Organizzazioni di volontariato nel sistema di welfare pugliese con l obiettivo di realizzare una indagine socio-statistica sulle caratteristiche delle organizzazioni di volontariato (odv), iscritte e non nel registro regionale di riferimento, e sulle forme di concorso alla realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali. Allo scopo di costruire sinergie operative tra gli enti a vario titolo impegnati nella costruzione delle politiche sociali a carattere regionale e gli enti impegnati nell ambito del volontariato pugliese, la Regione Puglia, tramite l Osservatorio regionale del Volontariato, ne ha affidato la realizzazione ai Centri di servizio per il volontariato pugliesi per il tramite di CSV Puglia Net. La ricerca che qui si presenta ha indagato il volontariato pugliese portando a tre risultati: un censimento approfondito delle odv iscritte e non iscritte al Registro Regionale che sono risultate essere 2063; un approfondimento di tipo socio-statistico su un campione di 600 organizzazioni; un analisi di tipo qualitativo finalizzata all approfondimento di alcune tematiche di particolare interesse per il volontariato attraverso la tecnica dei focus group. La ricerca si inserisce, quindi, nel bisogno espresso a livello di politiche regionali, di avere un immagine complessiva del volontariato in un territorio vasto come quello pugliese, senza incorrere nella genericità o in eccessivo particolarismo, ma arricchendola di informazioni utili, sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo. 19

20 1.2 MATERIALI, TEMPI E METODI La ricerca regionale sulla situazione del volontariato in Puglia è stata realizzata nel periodo compreso tra agosto 2009 e maggio Essa si è realizzata attraverso due percorsi che, dopo un primo tratto comune, si sono diversificati proseguendo in maniera parallela. In primo luogo, si è perseguito l obiettivo di realizzare un database regionale di tutte le organizzazioni di volontariato operanti in Puglia per l acquisizione della dimensione del fenomeno associativo su tutto il territorio regionale. Ogni CSV provinciale ha aggiornato e verificato l elenco delle organizzazioni di volontariato esistenti nella propria provincia di riferimento e al 1 settembre 2009 è stato creato l elenco regionale delle stesse con l indicazione della provincia e del settore di appartenenza. Questo primo database, universo di riferimento del nostro studio, è stato il punto di partenza dei due obiettivi perseguiti dalla ricerca: 1. La creazione di un database regionale completo di una serie di informazioni anagrafiche delle odv che ha fornito al 1 settembre 2009 lo stato demografico del volontariato: un censimento delle odv; 2. La realizzazione dell indagine campionaria. Si è quindi proceduto al campionamento stratificato per provincia e settore di appartenenza delle 600 organizzazioni da coinvolgere nella ricerca e alla creazione di un elenco di eventuali organizzazioni sostitute. Contemporaneamente alla creazione del campione, si è proceduto alla realizzazione del questionario. Nella prima parte del questionario si richiedono alle odv intervistate informazioni generali, relative ai dati anagrafici, nella seconda parte, costituita da 38 domande, si indaga la natura dell odv, le attività svolte, il personale volontario, i punti di forza e di debolezza, i rapporti con gli enti pubblici e privati. 20

21 E stata svolta un indagine pilota su 50 odv per la verifica del questionario stesso sul campo. Sono stati, quindi, consegnati ai referenti per la ricerca di ogni singolo CSV i questionari con l indicazione del campione ed è stata fatta opportuna attività formativa sulle modalità di somministrazione dei questionari, sulla verifica delle risposte attraverso domande a incrocio e sulle modalità di sostituzione nel caso di impossibilità ad intervistare l odv campionata. Sono così cominciate dal 1 ottobre 2009 le interviste presso le organizzazioni di volontariato campionate da parte dei CSV provinciali che si sono protratte fino al 10 dicembre Si è, quindi, proceduto alla realizzazione di un database comune per l imputazione dei dati raccolti e alla definizione dei criteri di codifica delle risposte. Tali elementi sono stati trasferiti ai responsabili dell inserimento dati di ciascun CSV. Contestualmente alla raccolta dei dati attraverso la somministrazione dei questionari, i CSV provinciali hanno potuto procedere all imputazione dei dati. A rilevazione e imputazione ultimate, si è proceduto alla raccolta dei files e dei questionari cartacei dai vari CSV. E stata effettuata una verifica a campione delle interviste realizzate ed i risultati sono stati compatibili con quanto registrato. E stata valutata la qualità e attendibilità delle risposte attraverso controlli incrociati delle stesse. Accertata la qualità dei dati, è stato quindi creato un file unico della ricerca a livello regionale, e si è proceduto con l elaborazione statistica e l analisi dei dati che ha fornito i risultati di seguito descritti. Nel rispetto della vigente normativa sulla privacy (D.Lgs 196/2003), tutte le informazioni sono state trattate in forma rigorosamente anonima, prive di qualsiasi elemento identificativo e a solo fine statistico. Le interviste realizzate sono state 595 su 600. Un risultato quanto mai eccellente. 21

22 1.3 DISTRIBUZIONE DEL ORGANIZZAZIONI DI VOLONRIATO SUL TERRITORIO REGIONA Al 01 settembre 2009 è emersa la seguente situazione del volontariato in Puglia. Sono 2063 le odv distribuite per poco più della metà tra le province di Bari (25,9%) e Lecce (25,6%). A seguire le province di (19,1%) e Foggia (15,3%), quindi di Brindisi (8,5%) e della neonata T (5,6%). Distribuzione delle ODV nelle province pugliesi al 01/09/09 PROVINCIA NUMERO ODV VALORE PERCENTUA Bari ,9% T 115 5,6% Brindisi 176 8,5% Foggia ,3% Lecce ,6% ,1% TO ,0% Rapportando il dato alla popolazione delle province pugliesi, secondo la comunicazione IST aggiornata al 01/01/2009, emerge un analisi interessante. 22

23 A livello regionale, in media, esistono 8 odv per comune e 1 ogni 1978 abitanti. La provincia di è quella che in media ha il maggior numero di organizzazioni di volontariato per comune, circa 14, e la maggiore concentrazione a livello di popolazione residente, 1470 abitanti per odv. Interessante è il dato che emerge analizzando le province di Bari e Lecce nelle quali si verifica una situazione diametralmente opposta. Nella provincia di Bari vi è un numero medio di odv per comune pari a 13, il secondo tra le province; in quella di Lecce lo stesso dato è pari a 5, il valore più basso insieme alla provincia di Foggia. Il numero di abitanti per odv è, invece, per la provincia di Bari pari a 2345, quasi il più alto in regione, e per la provincia di Lecce pari a 1542, quasi il più basso in regione. Tutto questo si spiega con la presenza nella provincia di Bari di un numero minore di comuni (41), meno della metà di quelli della provincia di Lecce (97), ma con un numero medio di abitanti (circa ) molto più alto di quelli leccesi (circa 8.380). Questa analisi, apparentemente scontata, induce a fare una serie di riflessioni non banali. L attenzione al mondo del volontariato nelle due province se, per esempio, può essere espressa con politiche regionali comuni a livello di obiettivi, deve poi, necessariamente, differenziarsi nei mezzi, avendo sul territorio una situazione di concentrazione del volontariato completamente diversa, in questo caso opposta. Questo discorso, come si evince dai dati, ha certamente una valenza regionale. La provincia di T è, a livello regionale, quella che ha la situazione che si discosta di più dalle medie regionali: ha 11,5 odv per comune, ma 3399 abitanti per odv. Anche questo dato riflette la situazione geografica della neo provincia che ha solo 10 comuni ma con una popolazione totale residente pari a abitanti. Il ruolo dei Centri di Servizio al Volontariato 23

24 provinciali rivela, in questo scenario, tutta la sua importanza, forza e peculiarità dovendo leggere attentamente i bisogni delle odv presenti sul proprio territorio e tradurli in progettualità specifiche. Le province pugliesi per popolazione PROVINCIA 1. Bari Popolazione N. Comuni N. Ass. N. Ass. per Comune N. Abit. per Ass Lecce , Foggia , , Brindisi , T , TO La classifica delle province della Puglia è ordinata per popolazione residente. I dati sono aggiornati al 01/01/2009 (IST) Definita in queste 2063 associazioni la popolazione oggetto d indagine, il cosiddetto universo di riferimento, è stato estratto il campione stratificato per provincia e settore di appartenenza per un totale di 600 unità (associazioni), pari al 29,1% del totale. La distribuzione del campione per provincia è stata la seguente: Distribuzione delle province pugliesi al e relativo campione PROVINCIA 1. Bari N. ODV Valore percentuale Campione Questionari raccolti ,9% Barletta-Andria-Trani 115 5,6% Brindisi 176 8,5% Foggia ,3% Lecce ,6% TO ,1% ,0% I questionari raccolti sono stati 595 su 600, con una percentuale di sostituzione pari al 10% del totale. Un risultato quanto mai 24

25 eccellente dovuto all impegno dei CSV provinciali, dei rilevatori individuati e del coordinamento scientifico della ricerca che ha realizzato una formazione puntuale ed un assistenza continua a coloro che erano impegnati nella rilevazione dei dati. Questo risultato ha permesso un elaborazione attendibile dei risultati dell indagine campionaria potendoli riferire all universo delle associazioni presenti con un margine di errore molto contenuto. A livello regionale è interessante rilevare che i settori nei quali operano il maggior numero di organizzazioni di volontariato sono: il settore (19%), (15%), Protezione civile (13%), Famiglia, infanzia (11%) e (10%). A seguire tutti gli altri con la percentuale più bassa pari al 2% per il settore Devianze e dipendenze. Nello specifico del livello provinciale emergono delle differenze di distribuzione delle associazioni per settore di attività che, chiaramente, sono state rispettate nell elaborazione del campione oggetto di studio. Nella provincia di Bari i settori donazioni, tutela della salute, famiglia, infanzia e povertà coprono ben il 66% delle attività di volontariato a differenza del 50% del dato 25

26 sintetico regionale. La distribuzione delle organizzazioni di volontariato per categoria e il campione esaminato sono descritte nel grafico seguente. Nella provincia di Barletta-Andria-Trani i settori donazioni (17%), tutela della salute (16%), famiglia, infanzia e adolescenza (16%) e tutela del territorio e del patrimonio storico/artistico (10%), coprono il 60% delle attività di volontariato. L analogo dato sintetico regionale è pari al 52%. La distribuzione delle organizzazioni di volontariato per categoria e il campione esaminato sono descritte nel grafico seguente. Nella provincia di Foggia i settori famiglia, infanzia e adolescenza (20%), protezione civile (19%), donazioni 26

27 (17%), disabilità (13%) e tutela della salute (11%), rappresentano le aree oggetto dell 80% delle attività di volontariato. L analogo dato sintetico regionale è pari al 68%. Emerge da questo dato come l attività di volontariato nella provincia di Foggia rispetto alle altre provincie sia più concentrata in alcuni settori rispetto agli altri, si tratta di cinque sui dodici settori considerati nella nostra indagine. E l unica provincia pugliese in cui la massima concentrazione di organizzazioni di volontariato non è detenuta dal settore donazioni ma da famiglia, infanzia. La distribuzione delle organizzazioni di volontariato per categoria e il campione esaminato sono descritte nel grafico seguente. Nella provincia di Brindisi si assiste ad una più equilibrata distribuzione di attività nei vari settori. Si passa dalla massima concentrazione del settore donazioni con il 14% alla protezione civile e a cultura e sport con il 13%, quindi, tutela della salute, 11%, diritti civili, detenuti ed ex-detenuti, 10%, tutela del territorio e del patrimonio storico/artistico, 9%, e così via in maniera discendente. La distribuzione delle organizzazioni di volontariato per categoria e il campione esaminato sono descritte nel grafico seguente. 27

28 Nella provincia di Lecce i settori donazioni (27%), protezione civile (19%), tutela della salute (15%) e disabilità (11%) coprono il 72% delle attività di volontariato. L analogo dato sintetico regionale è pari al 57%. La provincia di Lecce è quella nella quale, a livello regionale, è più concentrato il volontariato nel settore donazioni. La distribuzione delle organizzazioni di volontariato per categoria e il campione esaminato sono descritte nel grafico seguente. Nella provincia di, come in quella brindisina, si verifica una minore concentrazione di attività in pochi settori ed una più equa distribuzione tra le varie aree. Si passa dalla massima concentrazione nella tutela della salute che con il 18% rappresenta il dato più alto del settore a livello regionale, alla famiglia, infanzia 28

29 civile e tutela del territorio e del patrimonio storico/artistico con il 13% a cultura e sport con l 11%. E questa l unica provincia a livello regionale nella quale l attività del settore donazioni (9%) scende al di sotto del 10%. Seguono protezione civile (9%), disabilità (8%), povertà (5%) e così via. La distribuzione delle organizzazioni di volontariato per categoria e il campione esaminato sono descritte nel grafico seguente. 29

30 1.4 INFORMAZIONI GENERALI SULL ORGANIZZAZIONE DEL ODV La prima parte dei dati raccolti tramite questionario fa riferimento alle informazioni generali sull organizzazione delle odv. Ben il 75% di esse sono nate per iniziativa spontanea. Seguono a distanza con l 11% dei casi, l operato di parrocchie/enti religiosi e di associazioni di fatto già operanti sul territorio. E al momento assente in Puglia, almeno per quanto dichiarato, l iniziativa di soggetti politici. La matrice culturale delle associazioni è stata identificata con quella cristiana o di altra fede con il 42% di risposte, con nessuna nel 36% dei casi, con quella aconfessionale nel 20%. 30

31 Nel 59% dei casi le odv hanno dichiarato di far parte di una federazione nazionale. E interessante rilevare però, come in assenza delle odv afferenti al settore donazioni che nella quasi totalità dei casi sono inseriti in un circuito nazionale, l essere parte di una federazione nazionale scende al 50%. Le odv operano soprattutto a livello comunale, nel 36% dei casi, quindi a livello provinciale (23%) e, nazionale (19%). Vi è, comunque, un 9% che opera in campo internazionale. La quasi totalità delle organizzazioni di volontariato ha dichiarato di avere come organi di governo il Presidente e direttivo (98%) e l Assemblea dei soci (92%). Nel 46% dei casi hanno dichiarato di avere anche l organo di controllo. Il 2% di odv che ha dichiarato di non avere come organo di governo il Presidente, si riferisce alle grandi sigle (per es. Lega Tumori, Gruppi di Volontaria31

32 to Vincenziano) che hanno un unico presidente provinciale e un direttore/responsabile di sede. Il Presidente (98%) e il segretario (90%) sono figure presenti in quasi tutte le odv. In circa la metà dei casi, 53%, vi è un responsabile amministrativo. In misura minore, ma comunque consistente, vi sono anche figure attuali come il responsabile della formazione (23%), il Direttore (22%, che nel 2% dei casi è presente senza il Presidente), il Responsabile della comunicazione (19%), il Responsabile di progetto (18%), e il Responsabile raccolta fondi (14%). 32

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

L empowerment nei progetti di inclusione sociale

L empowerment nei progetti di inclusione sociale IV Convegno Nazionale di Psicologia di Comunità Psicologia per la politica e l empowerment individuale e sociale. Dalla teoria alla pratica L empowerment nei progetti di inclusione sociale di P. Andreani,

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA Requisiti Altri servizi alla persona Note per la compilazione delle schede dei requisiti Il legale rappresentante o l'operatore individuale compila una scheda dei requisiti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia

Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia 1.1 Universo di partenza dell indagine In questa prima parte del lavoro sono state analizzate le associazioni censite e classificate nell intera

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

dare voce a chi non ne ha

dare voce a chi non ne ha Un Progetto per la Coesione Sociale dare voce a chi non ne ha Nota riguardante la Prima Fase Finanziato tramite il Bando Volontariato 2008 1 INTRODUZIONE Per la Consulta delle Organizzazioni del Volontariato

Dettagli