PIANO STRATEGICO TRIENNALE FINALITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO STRATEGICO TRIENNALE 2012 2015 FINALITA"

Transcript

1 ROTARY INTERNATIONAL DISTRETTO 2100 CLUB DI LOCRI 1961 PIANO STRATEGICO TRIENNALE FINALITA Lo scopo di questo Piano Strategico consiste nel fornire una guida e linee di indirizzo per il Presidente ed i suoi successori, al fine di agevolare nei prossimi anni lo sviluppo armonico del Club. L auspicio è che i programmi individuati, i metodi di attuazione e le strategie operative messe in campo, vengano sviluppati e realizzati annualmente dal Presidente in carica, facendo riferimento agli obiettivi ed alle priorità identificate entro questo P. S. e secondo quanto richiesto dal Distretto La missione del Club, quindi, è quella di servire gli altri, promuovere l integrità ed avanzare la comprensione, la buona volontà e la pace nel mondo attraverso una rete di professionisti,imprenditori e personalità di spicco della comunità. AZIONE INTERNA 1) Incrementare la compagine associativa del Club Il Club nel 2013 è di n. 45 soci. Si considera opportuno, per i prossimi anni, lavorare per consolidare la compagine del Club, migliorandone il livello di formazione ed informazione rotariana. L espansione interna va affrontata in maniera differenziata, favorendo l aumento dell Effettivo quando esso sia qualificato e preferendo attuare strategie di cooptazione atte ad aumentare la compagine femminile e le professioni non rappresentate. A tale uopo è stata costituita la Commissione per l Effettivo il cui Presidente è Salvatore D Agostino. 2) Aumentare l affiatamento tra i soci

2 Al fine di migliorare le relazioni tra i soci si programmeranno attività che coinvolgeranno i soci e le loro famiglie, ricercando anche momenti di divertimento e condivisione. Sarà promossa, attraverso azioni di sensibilizzazione, una nuova cultura che riconosca i valori e l indispensabilità del contributo di tutti i soci nei processi decisionali, con una azione volta a prendere coscienza del ruolo che ognuno con la sua specificità dovrà assumere nel Club. Quindi l affiatamento trai soci sarà curato attraverso riunioni, caminetti, attività interclub ed attività ludiche (gite e/o viaggi) con compartecipazione delle rispettive famiglie, aperte anche a non rotariani, per i quali potrebbero rappresentare un percorso di avvicinamento e di conoscenza del Rotary. 3) Sviluppo della Leadership Il Club si propone di favorire la crescita della leadership, promuovendo la formazione dei soci a livello di Club e distrettuale con l organizzazione di incontri, riunioni e forum d area e distrettuali. A tal scopo il Club, oltre ad istituire al proprio interno la figura del socio istruttore con il compito di curare la formazione dei nuovi soci, favorirà la partecipazione dei propri soci alle iniziative formative organizzate dal Distretto. Obiettivo : organizzare all interno del proprio Club almeno tre incontri formativi per anno rotariano e promuovere la partecipazione di non meno di due soci agli incontri formativi annualmente organizzati dal Distretto. 4) Amministrazione del Club Amministrare efficacemente un Club vuol dire organizzare persone e risorse per realizzare gli obiettivi comuni. Il Club deve agire con efficienza per poter fornire servizi umanitari,attrarre e mantenere nuovi soci e formare nuovi leader in grado di servire a livello di club ed oltre. Per tale motivo sono necessarie riunioni del consiglio Direttivo con cadenza periodica circa ogni 30 gg. per valutare e discutere l andamento delle attività di servizio del Club. Al fine di un coinvolgimento generale dei soci, saranno programmate delle Assemblee sociali, oltre a quelle statutarie, per portare a conoscenza di tutti i soci quanto il Club ha fatto ed ha programmato di fare. Ogni presidente di commissione potrà relazionare sui progetti a lui affidati. A tale uopo è stata costituita la Commissione per l Amministrazione del Club il cui presidente è Vincenzo Brullo.

3 AZIONE ESTERNA Progetti di servizio locali ed internazionali Il Club prevede di utilizzare le sovvenzioni distrettuali, secondo quanto stabilito dalla R. F.,elaborare significativi progetti di servizio locali, massimizzando l impegno delle proprie risorse professionali del club. I progetti di servizio redatti dal Club saranno finalizzati a migliorare lo sviluppo sociale,civile e culturale delle comunità locali con il coinvolgimento delle amministrazioni comunali e provinciali e regionali. Nell a.r il Club proseguirà i progetti iniziati nel precedente anno rotariano con : 1) VI edizione progetto MAKE DREAMS REAL : NON PIU BAMBINI NEFROPATICI Screening nefrologico per la prevenzione delle Patologie Renali sugli alunni della Seconda Elementare di Marina di Gioiosa J 2) Progetto GENIUS LOCI. Riscoperta dei tesori culturali,ambientali, storico,artistici della nostra terra. Presso l Istituto per il Turismo di Marina di Gioiosa J 3) Progetto ADOZIONE A DISTANZA L adozione a distanza è un atto d amore disinteressato,è amare. è salvare una vita E permettere ad un bambino di vivere e di avere un futuro,rimanendo nel suo paese e nella sua famiglia d origine,senza essere sradicato. E salvare la famiglia che in tal modo, pur nella povertà e nella miseria,è aiutata a tenere con sé i propri figli. Obiettivo primario,quindi, è il rispetto della sua cultura, la sua dignità di persona umana, l affetto di persone lontane che hanno a cuore la sua crescita. Il Club prevede di adottare uno/due bambini.

4 4) Progetto GIOVANI GIORNALISTI Il premio intende premiare le opere di giovani giornalisti che con articoli e trasmissioni televisive abbiano trattato argomenti tesi a migliorare la qualità della vita e la vivibilità del comprensorio della Locride e si siano distinti per correttezza di informazione. Attività di promozione e sostegno alla legalità Il premio Schieriamoci è dedicato a Maria Teresa Pugliese Speziale. La legalità si coltiva costruendo una società viva,accogliente, eterogenea, formata da persone che sappiano vedere negli altri non un potenziale nemico ma un possibile amico. Una società ospitale,aperta alle differenze e cementata da diritti e doveri condivisi. L urgenza di promuovere una più forte coscienza, etica e solidale, è stata percepita soprattutto dalle istanze democratiche della società civile che si sono impegnate nella costruzione di una moltitudine di progetti avviati nel nostro territorio con l obiettivo di promuovere la pratica della legalità, di imparare a rispettare i diritti dell altro, di insegnare a riconoscere diritti e doveri, diffondendo il rispetto dell altro, delle regole e delle leggi nei diversi contesti urbani e all interno delle comunità scolastiche. Questi sono anche i principi del Rotary e perciò è utile renderli visibili attraverso l istituzione di un premio. Un premio dedicato a vittime di mafia, a personalità che si sono distinte per l impegno sul campo della legalità. A Tal uopo è stata costituita la Commissione Progetti di Servizio il cui presidente è Pasquale Tavernese Nell ordine di valorizzazione del nostro territorio per l anno saranno previste una serie di conferenze aperte al pubblico sulla riscoperta del territorio : La Cattolica di Stilo Il Borgo antico di Caulonia Superiore Il Naniglio di Gioiosa J La Villa Romana di Casignana A uopo è stata costituita la Commissione Sviluppo del Territorio il cui presidente è Luigi Brugnano

5 Favorire il più ampio sostegno alla ROTARY FOUNDATION Il Club ha contribuito e continuerà a contribuire al programma della Rotary Foundation nell ambito del progetto Ogni rotariano ogni anno : l impegno contributivo del Club sarà per l a.r di 60 dollari (40 dollari al Fondo Programmi Annuali e 20 dollari alla Polio Plus) Il Club organizzerà, a favore del R. F. per la raccolta fondi sostegno del programma Polio Plus, un EVENTO DI SPETTACOLO. a Favorirà,inoltre, la partecipazione di tutti i soci ai programmi della Fondazione ( SGE, programmi di volontariato del R.,ecc). Nell ambito della VISIONE FUTURA sarà presentato un progetto Muletto Caritas Diocesana di Oppido Mamertina Palmi. La Caritas di Oppido Mamertina, che opera dal 2004, oltre a svolgere la propria attività pedagogica indicata dai documenti pastorali, ha promosso in questi anni anche alcuni servizi di solidarietà distribuendo viveri e medicinali; in particolare i pacchi viveri vengono consegnati alle varie parrocchie che a volta li distribuiscono agli indigenti delle varie comunità. Il muletto allevierà il lavoro pesante di questi volontari che continuamente devono sollevare e spostare bancali di sostanze alimentari che la Caritas annualmente ottiene dall AGEA. A tale uopo è stata costituita la Commissione Fondazione Rotary il cui presidente è Giorgio Botta.

6 PUBBLICHE RELAZIONI Il Club si impegna a curare particolarmente l immagine pubblica del Rotary, utilizzando i media in occasione di eventi di particolare interesse, rendendo noti i progetti di servizio del nostro Club attraverso il Bollettino Distrettuale 2100 mantenendo e potenziando il sito web del Club. La pubblica opinione deve sapere di noi, deve conoscere,attraverso quello che facciamo, chi siamo e cosa facciamo. Quindi, l azione di sensibilizzazione verso l esterno dovrà essere portata avanti efficacemente solo se ciascuno di noi avrà egli stesso acquistato la giusta sensibilizzazione e la compiuta consapevolezza della propria identità di rotariano e dovrà sentire la voglia di essere, egli stesso, il primo valido, convinto e convincente ambasciatore del Rotary. Infine, rilevante importanza si darà all intensificazione dei rapporti con Enti Associativi e Club Service al fine di evidenziare,segnalare e risolvere i problemi del territorio, come pure si intensificheranno gli interclub rotariani. A tale uopo è stata costituita la Commissione Pubbliche Relazioni il cui presidente è Francesco Archinà Ferma restando l attività ordinaria del Club che procederà con i rituali incontri mensili (caminetti, conviviali, conferenze tematiche, riunioni del Consiglio Direttivo,ecct) il presente Piano Strategico, nel corso del triennio e secondo le procedure previste, verrà annualmente verificato nella sua attuazione ed aggiornato,dal prossimo Presidente, per adattarlo e modularlo,ove necessario, alle maturate esperienze, alle mutate esigenze di servizio ed ai possibili cambiamenti di percorso sia in ambito locale che distrettuale ed internazionale. IL Presidente Salvatore Cilea Il Past President Stefania Rossi Il Presidente Incoming Vincenzo Naymo

Piano Strategico 2012-13, 2013-14, 2014-15

Piano Strategico 2012-13, 2013-14, 2014-15 Piano Strategico 2012-13, 2013-14, 2014-15 (reso noto dal DG Lo Cicero nella seduta amministrativa della XXXV Assemblea Distrettuale, tenutasi a Favignana il 25 maggio 2012) Il Distretto è un territorio

Dettagli

ADOLOSCENZA CONSAPEVOLE

ADOLOSCENZA CONSAPEVOLE ROTARY INTERNATIONAL Servire al di sopra di ogni interesse personale DISTRETTO 2110 SICILIA e MALTA A.R. 2010-2011 Governatore : Concetto LOMBARDO ADOLOSCENZA CONSAPEVOLE Un Progetto Rotary proposto da

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

UMANITA IMPARZIALITA NEUTRALITA INDIPENDENZA VOLONTARIETA UNITA UNIVERSALITA

UMANITA IMPARZIALITA NEUTRALITA INDIPENDENZA VOLONTARIETA UNITA UNIVERSALITA UMANITA IMPARZIALITA NEUTRALITA INDIPENDENZA VOLONTARIETA UNITA UNIVERSALITA PROGRAMMA STRATEGICO PER LA CANDIDATURA DEGLI ORGANI DEI COMITATI LOCALI DELL ASSOCIAZIONE COMITATO DI POMEZIA ELEZIONI DEL

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

Piano Strategico 2013 2016 del Rotary Club Bari (aggiornato al 31 gennaio 2014)

Piano Strategico 2013 2016 del Rotary Club Bari (aggiornato al 31 gennaio 2014) Piano Strategico 2013 2016 del (aggiornato al 31 gennaio 2014) Introduzione Il Rotary è una rete globale di persone motivate che si impegnano con entusiasmo nelle cause sociali al fine di migliorare la

Dettagli

GUIDA ALLA PIANIFICAZIONE DI CLUB EFFICIENTI

GUIDA ALLA PIANIFICAZIONE DI CLUB EFFICIENTI GUIDA ALLA PIANIFICAZIONE DI CLUB EFFICIENTI La Guida alla pianificazione di club efficienti è uno strumento per aiutare i club a valutare la propria attuale situazione e determinare gli obiettivi per

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. TRA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BELLUNO (da ora in avanti U.S.P.)

PROTOCOLLO D INTESA. TRA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BELLUNO (da ora in avanti U.S.P.) PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BELLUNO (da ora in avanti U.S.P.) e CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI BELLUNO (da ora in avanti C.S.V. ) Protocollo d intesa

Dettagli

DIARIO DI LABORATORIO

DIARIO DI LABORATORIO Comune di Saluzzo Comune di Melpignano Progetto Pilota: Borghi della Felicità LAB. N 3 LABORATORIO SUI TEMI: CULTURA E IDENTITA' ECONOMIA DELL ESPERIENZA E OSPITALITA' COMUNE DI SALUZZO A. PRESENTAZIONE

Dettagli

Progetto di cittadinanza attiva

Progetto di cittadinanza attiva Comune di Sant Antioco Progetto di cittadinanza attiva Il Consiglio Comunale dei ragazzi Il Consiglio Comunale dei ragazzi Nell'ambito del programma dell Amministrazione comunale di Sant Antioco, in particolar

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento PROGETTO EDUCATIVO 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento Nella Scuola dell Infanzia Stella Mattutina l azione educativa mira al raggiungimento delle

Dettagli

SCHEDA PROGETTO. La prevenzione e cura delle malattie rappresenta una delle aree di intervento del Rotary.

SCHEDA PROGETTO. La prevenzione e cura delle malattie rappresenta una delle aree di intervento del Rotary. COMMISSIONE PREVENZIONE E SANITA ROTARY CLUB ACQUAVIVA DELLE FONTI GIOIA DEL COLLE ANNO ROTARIANO 2015-2016 PRESIDENTE GIUSEPPE GALLO PRESIDENTE COMMISSIONE MARIANGELA Orlando COMPONENTI Giuseppe Nettis,

Dettagli

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT Osservatorio sui Diritti dei Minori CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT Per i giovani e con i giovani Presentazione Il Codice di autoregolamentazione dello Sport è una dichiarazione di intenti,

Dettagli

responsabile e solidale

responsabile e solidale Progetto: abbiamo fatto un sogno realizzare una scuola responsabile e solidale aiutando i nostri allievi a diventare soggetti attivi della propria vita attraverso scelte responsabili. Responsabilità è

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO RC OSIMO AR 2015-16. Progetti in continuità

PROGETTI DI SERVIZIO RC OSIMO AR 2015-16. Progetti in continuità 12 PROGETTI DI SERVIZIO RC OSIMO AR 2015-16 Scuola Progetti in continuità MST:educazione sanitaria rivolta a studenti della scuola secondaria di secondo grado sul tema delle malattie sessualmente trasmissibili.

Dettagli

Compiti e obiettivi per Segretari efficienti Paolo Malpezzi, Segretario 2013-14 Distretto 2072

Compiti e obiettivi per Segretari efficienti Paolo Malpezzi, Segretario 2013-14 Distretto 2072 Compiti e obiettivi per Segretari efficienti Paolo Malpezzi, Segretario 2013-14 Distretto 2072 IL MODO IN CUI UNA SQUADRA GIOCA NEL SUO COMPLESSO, DETERMINA IL SUO SUCCESSO: POTREBBE ESSERE LA PIU GRANDE

Dettagli

Calendario delle principali manifestazioni rotariane

Calendario delle principali manifestazioni rotariane Calendario delle principali manifestazioni rotariane SEMINARIO VISIONE FUTURA 17 novembre 2012 - Federico II Palace Hotel - Pergusa (EN) PRE SIPE 15 dicembre 2012 - Federico II Palace Hotel - Pergusa (EN)

Dettagli

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia Obiettivi della serata Presentazione del contesto in cui si inserisce il percorso «Famiglie

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

Sedi. Europa/Africa Rotary International Witikonerstrasse 15 CH-8032 Zurigo SVIZZERA Tel.: +41 1387 71 11 Fax: +41 1 422 50 41

Sedi. Europa/Africa Rotary International Witikonerstrasse 15 CH-8032 Zurigo SVIZZERA Tel.: +41 1387 71 11 Fax: +41 1 422 50 41 rotary il rotary è Sedi Europa/Africa Rotary International Witikonerstrasse 15 CH-8032 Zurigo SVIZZERA Tel.: +41 1387 71 11 Fax: +41 1 422 50 41 Rotary International One Rotary Center 1560 Sherman Avenue

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

FORUM DISTRETTUALE SULLA LEADERSHIP

FORUM DISTRETTUALE SULLA LEADERSHIP FORUM DISTRETTUALE SULLA LEADERSHIP Treviso, 6 Settembre 2014 Nota: trovate in questa sezione del sito anche una dettagliata descrizione della metodologia utilizzata, che si chiama World Cafè. Dopo i saluti

Dettagli

Caritas diocesana di Forlì Bertinoro. III Tappa Equipe Caritas diocesane. 14-16 Aprile 2008. Presentazione Caritas

Caritas diocesana di Forlì Bertinoro. III Tappa Equipe Caritas diocesane. 14-16 Aprile 2008. Presentazione Caritas Caritas diocesana di Forlì Bertinoro III Tappa Equipe Caritas diocesane 14-16 Aprile 2008 Presentazione Caritas 1. brevi cenni storici - il Sinodo diocesano - la Casa Buon Pastore 2. Organizzazione ed

Dettagli

Fondamenti del Rotary

Fondamenti del Rotary Fondamenti del Rotary www.rotary.org/it/rotarybasics Come farsi coinvolgere nel Rotary Benvenuto al Rotary! Adesso fai parte di una rete globale di imprenditori, professionisti e volontari della comunità.

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

Vibo Valentia. Donazione e Solidarietà

Vibo Valentia. Donazione e Solidarietà Ufficio Scolastico Regionale Azienda Sanitaria Provinciale Vibo Valentia Donazione e Solidarietà Protocollo o l di Intesa a Convenzione e tra Ufficio Scolastico Provinciale Vibo Valentia e Azienda Sanitaria

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

valutata la richiesta di rinnovo di tale protocollo d intesa da parte del Centro Unesco di Torino, prot. n. 25214 del 20 maggio 2015 ;

valutata la richiesta di rinnovo di tale protocollo d intesa da parte del Centro Unesco di Torino, prot. n. 25214 del 20 maggio 2015 ; REGIONE PIEMONTE BU32 13/08/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 6 luglio 2015, n. 35-1688 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa annuale tra la Regione Piemonte, l'ufficio Scolastico regionale

Dettagli

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE CURRICOLO PER L ORA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA Presentazione LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE Secondo la delibera del Collegio dei Docenti tenutosi in data 3 ottobre 2013

Dettagli

Carta del Breakfast ClubItalia

Carta del Breakfast ClubItalia Carta del Breakfast ClubItalia Carta del Breakfast ClubItalia Art. 1 - Costituzione Il Breakfast Club Italia è una libera organizzazione che ha la finalità di contribuire, in modo attivo, al dibattito

Dettagli

Questionario Io, la mia chiesa e la mia contribuzione

Questionario Io, la mia chiesa e la mia contribuzione Chiesa Evangelica Valdese unione delle chiese metodiste e valdesi Questionario Io, la mia chiesa e la mia contribuzione 1) Mi presento inserisci in forma anonima i tuoi dati Sesso F M Professione Lavoratore

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

Sviluppo di comunità

Sviluppo di comunità Sviluppo di comunità Rendere la comunità locale un attore del cambiamento sociale S e per comunità si intende un gruppo sociale (comunità locale, scuola, organizzazione, associazione), nel quale relazioni,

Dettagli

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo

PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo PROGETTO LEGALITÁ - Io, cittadino nel Mondo Premessa Educare alla legalità significa elaborare e diffondere un'autentica cultura dei valori civili (Circolare Ministeriale n 302/93) Con tale progetto la

Dettagli

1 livello: alfabetizzazione di base per alunni neo immigrati 2 livello: rinforzo, consolidamento della lingua italiana

1 livello: alfabetizzazione di base per alunni neo immigrati 2 livello: rinforzo, consolidamento della lingua italiana dal POF 6.. Progettii comunii a tuttii ii pllessii Progetto di accoglienza per alunni di lingua non italiana Il Progetto di Accoglienza del nostro Istituto è articolato in diversi interventi educativo

Dettagli

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI:

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER I MIGLIORI PROGETTI PRESENTATI DALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME FINALIZZATI AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE E DELLA SALUTE DELL INFANZIA ED ADOLESCENZA E

Dettagli

PREMIO UNIVERSITA 2015 III Edizione Bando di Concorso

PREMIO UNIVERSITA 2015 III Edizione Bando di Concorso DISTRETTO ROTARACT 2041 - DISTRETTO ROTARACT 2042 - DISTRETTO ROTARACT 2050 PREMIO UNIVERSITA 2015 III Edizione Bando di Concorso INTRODUZIONE Il Rotaract è un Programma formativo del Rotary International.

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino 1 #%&$'()))**+, * CONCETTI DI RIFERIMENTO La proposta dei centri estivi

Dettagli

Bambine e Bambini costruttori di pace

Bambine e Bambini costruttori di pace Istituto Comprensivo V. Tortoreto SCUOLA PRIMARIA Delia e Filippo Costantini Passo San Ginesio Bambine e Bambini costruttori di pace anno scolastico 2004-05 DATI IDENTIFICATIVI DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA

Dettagli

Scegli il lavoro che ami e non lavorerai neppure un giorno in tutta la tua vita. Confucio. Club Palermo Ovest fondato nel 1972

Scegli il lavoro che ami e non lavorerai neppure un giorno in tutta la tua vita. Confucio. Club Palermo Ovest fondato nel 1972 Club Palermo Ovest fondato nel 1972 Distretto 2110 anno rotariano 2014-2015 Presidente Lorenzo Spataro Oggetto: Circolare n. 10 Maggio 2015 Palermo, 30.04.2015 Ai sigg.ri Soci del Rotary Club Palermo Ovest

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA

Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA Educazione alla Sostenibilità a Tavola nella Scuola Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA PREMESSA Le società moderne vivono in una situazione di sazietà e i dati relativi allo spreco

Dettagli

Bilancio. delle attività 2011

Bilancio. delle attività 2011 Bilancio delle attività 2011 Lettera del Presidente Carissimi, Il terzo bilancio altro non è che una breve sintesi dell'attività svolta, nel corso dl 2011. E il racconto di un viaggio fatto nel 2011 da

Dettagli

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità Comunità Familiare per Minori La Goccia Progetto Generale di Comunità Premessa: il valore della famiglia La Comunità familiare per Minori La Goccia nasce nella consapevolezza che la famiglia rappresenta

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO, ATTUATO IN TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA, IN COLLABORAZIONE CON GLI ENTI LOCALI

PROGETTO D ISTITUTO, ATTUATO IN TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA, IN COLLABORAZIONE CON GLI ENTI LOCALI ISTITUTO COMPRENSIVO Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I I. O. Griselli Via Roma, 55-56040 MONTESCUDAIO(PI) Tel. 0586/650053 - Fax 0586/650488 e-mail: istcomp.griselli@tiscali.it Web: www.istitutogriselli.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

L We Serve Distretto 108L

L We Serve Distretto 108L L We Serve Distretto 108L Gov. Ida Panusa Zappalà 2006-2007 Indicazioni pratiche per gli Officers di Club Organizzare bene un Club Un Club bene organizzato facilita il compito del Presidente e dei suoi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI Art. 1 Finalità La Provincia di Genova, in attuazione di quanto previsto dal proprio Statuto, promuove la cultura della

Dettagli

Progetto A... dell istituto comprensivo n.6 di Imola

Progetto A... dell istituto comprensivo n.6 di Imola Progetto A... dell istituto comprensivo n.6 di Imola A Giulia, Annamaria, Sara e Valentina e a tutti i bambini e le bambine dagli occhi grandi Credi alla forza dei tuoi sogni e loro diventeranno realtà.

Dettagli

Periodico d informazione del Club ANNO 2014/2015 N.47

Periodico d informazione del Club ANNO 2014/2015 N.47 Periodico d informazione del Club ANNO 2014/2015 N.47 100 Percent Paul Harris Fellow Club IL NOSTRO TERRITORIO Arcene Azzano San Paolo Bergamo Boltiere Bonate Sopra Bonate Sotto Brembate Brusaporto Cavernago

Dettagli

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane.

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane. ALLEGATO 1 PROVINCIA DI BRINDISI SERVIZIO 1 SETTORE AMMINISTRAZIONE GENERALE P R O G E T T O UFFICIO STAMPA E SUPPORTO UFFICIO COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI 1 MOTIVAZIONI La funzione

Dettagli

CONOSCERE PER PARTECIPARE incontri informativi su tematiche socio sanitarie alla luce del nuovo PSSR LR 23/2012

CONOSCERE PER PARTECIPARE incontri informativi su tematiche socio sanitarie alla luce del nuovo PSSR LR 23/2012 CONOSCERE PER PARTECIPARE incontri informativi su tematiche socio sanitarie alla luce del nuovo PSSR LR 23/2012 Rel. dott. Adriano Bordignon Presidente VolontarInsieme e Csv Treviso Il ruolo del volontariato

Dettagli

LINEE GUIDA per COMUNICARE

LINEE GUIDA per COMUNICARE LINEE GUIDA per COMUNICARE Gian Paolo Pinton Comunicazione, immagine e relazioni con i media D-2060 S.I.P.E. - Seminario d Istruzione dei Presiden: Ele;. 14-15 Marzo 2014 Percorso suggerito per gesare

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA AVIS REGIONALE SICILIA. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI PEDAGOGISTI ITALIANI (di seguito denominata ANPE- SICILIA)

PROTOCOLLO D'INTESA TRA AVIS REGIONALE SICILIA. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI PEDAGOGISTI ITALIANI (di seguito denominata ANPE- SICILIA) PROTOCOLLO D'INTESA TRA AVIS REGIONALE SICILIA E ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI PEDAGOGISTI ITALIANI (di seguito denominata ANPE- SICILIA) Avis Regionale Sicilia con sede a Palermo, Viale Regione Siciliana

Dettagli

Associazione Giornalisti Cosentini Maria Rosaria Sessa. Cosenza - Sala Convegni Coni - Piazza Matteotti 19 giugno 2010

Associazione Giornalisti Cosentini Maria Rosaria Sessa. Cosenza - Sala Convegni Coni - Piazza Matteotti 19 giugno 2010 Associazione Giornalisti Cosentini Maria Rosaria Sessa Cosenza - Sala Convegni Coni - Piazza Matteotti 19 giugno 2010 L attenzione ai problemi interni L attenzione ai problemi dello sviluppo favorire la

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

Condividere i bisogni per condividere il senso della vita

Condividere i bisogni per condividere il senso della vita Condividere i bisogni per condividere il senso della vita L Associazione ONLUS La Luna Banco di Solidarietà di Busto Arsizio è stata costituita all inizio dell anno 2010, è iscritta al registro delle ONLUS

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

ASS.ONLUS PICCOLI AMICI. COSTITUITA IL 2 OTTOBRE 2000 Via del Carabiniere 6 33170 Pordenone c.f: 91049500936 Aggiornamento 27 marzo 2014

ASS.ONLUS PICCOLI AMICI. COSTITUITA IL 2 OTTOBRE 2000 Via del Carabiniere 6 33170 Pordenone c.f: 91049500936 Aggiornamento 27 marzo 2014 ASS.ONLUS PICCOLI AMICI COSTITUITA IL 2 OTTOBRE 2000 Via del Carabiniere 6 33170 Pordenone c.f: 91049500936 Aggiornamento 27 marzo 2014 LA NOSTRA STORIA L Associazione ONLUS Piccoli Amici nasce il 2 ottobre

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 NOME PROGETTO: COMUNE DI FORMIA IMPARO A VOLARE - 2009 AMBITO D INTERVENTO: assistenza educativa domiciliare sociale, scolastico a favore di minori con disagio

Dettagli

CASTIGLIONE E SCARLINO: SOLUZIONI IN AGENDA

CASTIGLIONE E SCARLINO: SOLUZIONI IN AGENDA Progetto CASTIGLIONE E SCARLINO: SOLUZIONI IN AGENDA Contesti e Cambiamenti snc di Tessa Ercoli, Carlotta Iarrapino, Concetta Musumeci Via Cironi 2, 50134 Firenze P.I. 05856210488 www.contestiecambiamenti.it

Dettagli

Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 1 del 28.01.2006 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE COORDINAMENTO PROVINCIALE BERGAMASCO ENTI LOCALI PER LA PACE

Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 1 del 28.01.2006 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE COORDINAMENTO PROVINCIALE BERGAMASCO ENTI LOCALI PER LA PACE Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 1 del 28.01.2006 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE COORDINAMENTO PROVINCIALE BERGAMASCO ENTI LOCALI PER LA PACE Premessa L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica 2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica L educazione alla cittadinanza democratica (EDC) è il risultato di un dibattito che nasce da diverse problematiche: il basso livello di partecipazione alle

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione PREMESSA Cittadinanza e Costituzione è una disciplina di studio introdotta in

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015

Anno scolastico 2014-2015 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 17 CIRCOLO VIA CASTIGLIONE CAGLIARI POF Anno scolastico 2014-2015 VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE ATTIVITA Nella cornice educativa delineata si è inserita la MACROPROGETTUALITÀ

Dettagli

Carta di Buone Prassi di Genere nel Terzo settore

Carta di Buone Prassi di Genere nel Terzo settore Comune di Lastra a Signa Comune di Signa Progetto Donne e impegno civile progetti realizzati con il finanziamento della Regione Toscana (L.R.T. 16/2009) Carta di Buone Prassi di Genere nel Terzo settore

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE O.N.L.U.S.

STATUTO DI ASSOCIAZIONE O.N.L.U.S. STATUTO DI ASSOCIAZIONE O.N.L.U.S. Art.1 Costituzione, denominazione e sede 1) E costituita, ai sensi della Legge 266/91, l Associazione denominata Gruppo di Solidarietà Internazionale Amici di Joaquim

Dettagli

Conosciamo meglio il mondo dei nostri giovani

Conosciamo meglio il mondo dei nostri giovani Conosciamo meglio il mondo dei nostri giovani Viaggio nel Rotaract e Interact per scoprire meglio il loro apporto Pag. 1 Pag. 2 Pag. 3 Pag. 4 Pag. 5 Pag. 6 Pag. 7 Pag. 8 Pag. 9 Pag. 10 Pag. 11 Pag. 12

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni Milano, 9 novembre 2013 Vincenzo Saturni 1 La carta etica: perché e per chi? Avis opera da 86 anni per diffondere una cultura solidale tra i cittadini su tutto il territorio nazionale. E sin dal momento

Dettagli

LA CITTA DEI GIOVANI

LA CITTA DEI GIOVANI LA CITTA DEI GIOVANI Provincia di Cuneo Comune di Bra Area tematica Informagiovani Minori/politiche giovanili/educativa territoriale Cultura/Biblioteca/Scuola di pace Turismo/manifestazioni/Cultura Numero

Dettagli

La Scuola dei Diritti Umani

La Scuola dei Diritti Umani La Scuola dei Diritti Umani «Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.»

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE FEDERICO CAFFÈ (CON SEZIONI ASSOCIATE : I.T.C.G. FEDERICO CAFFE - I.T.I.S.

Dettagli

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione INTRODUZIONE Pace e Sviluppo dopo 20 anni di attività come Cooperativa si trova ad essere tra

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

SERVICE DISTRETTUALE ANNO SOCIALE 2006-2007 COSTRUIAMO LA SPERANZA

SERVICE DISTRETTUALE ANNO SOCIALE 2006-2007 COSTRUIAMO LA SPERANZA SERVICE DISTRETTUALE ANNO SOCIALE COSTRUIAMO LA SPERANZA Il Villaggio SO.SPE Solidarietà e Speranza di Suor Paola in Via De Iacovacci 21 - Roma Obiettivo del Progetto Il Progetto si propone la realizzazione

Dettagli

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE un PROTOCOLLO D INTESA tra CONSIGLIERA PARITÀ PROVINCIALE DONNE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MATTEO RIPA - EBOLI

ISTITUTO COMPRENSIVO MATTEO RIPA - EBOLI ISTITUTO COMPRENSIVO MATTEO RIPA - EBOLI PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ Anno scolastico 2014 / 2015 TITOLO: Educare alla pace per educare nella pace PREMESSA La finalità principale della scuola è

Dettagli

CARTA della promozione della

CARTA della promozione della Il Forum è un'iniziativa del DSS e del DECS per migliorare la qualità della vita nella scuola CARTA della promozione della in Ticino c/o Centro didattico cantonale Viale Stefano Franscini 32 6500 Bellinzona

Dettagli

Formazione e aggiornamento nel sistema ecologico - sociale

Formazione e aggiornamento nel sistema ecologico - sociale Formazione e aggiornamento nel sistema ecologico - sociale La formazione e l aggiornamento rappresentano insieme al Club il perno del sistema ecologico sociale; ambedue servono alle famiglie e ai servitori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

Relazione del Dirigente Scolastico al Consiglio di Istituto ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Relazione del Dirigente Scolastico al Consiglio di Istituto ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Relazione del Dirigente Scolastico al Consiglio di Istituto ANNO SCOLASTICO 2014/2015 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto l art. 25 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; visto l art. 10 del decreto

Dettagli

Distretto 2110 Club Palermo Ovest anno rotariano 2013-2014 Presidente: Maria C. Pandolfo

Distretto 2110 Club Palermo Ovest anno rotariano 2013-2014 Presidente: Maria C. Pandolfo Distretto 2110 Club Palermo Ovest anno rotariano 2013-2014 Presidente: Maria C. Pandolfo Palermo, 30 aprile 2014 Circolare n. 10 Ai sigg.ri Soci del Rotary Club Palermo Ovest Al sig. Governatore del Distretto

Dettagli

INTRODUZIONE... 3. Premessa... 3. La missione di Kids Kicking Cancer Italia Onlus... 3 I PRINCIPI GUIDA... 4. l. Centralità del bambino...

INTRODUZIONE... 3. Premessa... 3. La missione di Kids Kicking Cancer Italia Onlus... 3 I PRINCIPI GUIDA... 4. l. Centralità del bambino... Sommario INTRODUZIONE... 3 Premessa... 3 La missione di Kids Kicking Cancer Italia Onlus... 3 I PRINCIPI GUIDA... 4 l. Centralità del bambino... 4 2. Spirito di servizio e collaborazione... 4 3. Rispetto

Dettagli

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP All.5 BPW Italy FEDERAZIONE ITALIANA DONNE ARTI PROFESSIONI AFFARI FIDAPA - BPW ITALY INTERNATIONAL FEDERATION OF BUSINESS AND PROFESSIONAL WOMEN Via Piemonte, 32 00187 Roma Tel 06 4817459 Fax 06 4817385

Dettagli

SCAMBI ANNUALI (16/18 DI ETÀ) SCAMBI BREVI (15/19 DI ETÀ) CAMPS (15/25 ANNI DI ETÀ) SCAMBI DELLE NUOVE GENERAZIONI (18-25 ANNI DI ETÀ)

SCAMBI ANNUALI (16/18 DI ETÀ) SCAMBI BREVI (15/19 DI ETÀ) CAMPS (15/25 ANNI DI ETÀ) SCAMBI DELLE NUOVE GENERAZIONI (18-25 ANNI DI ETÀ) RYLA (Youth Leadership Awards) Si tratta di una progetto istituzionale di formazione. I programmi RYLA si compongono principalmente di presentazioni, attività e seminari che possono essere integrati con

Dettagli

Relazione attività esercizio 2012

Relazione attività esercizio 2012 Relazione attività esercizio 2012 maggio 2013 Il Sentiero di Morena fonda le sue radici nella storia pluriennale di un gruppo di fami-glie della provincia di Ascoli Piceno che praticano direttamente o

Dettagli

Service Above Self - He Profits Most Who Serves Best DISTRETTO 2100 - ITALIA CLUB POMPEI OPLONTI VESUVIO EST. Cagliari Est (2080) - Pompei (2100)

Service Above Self - He Profits Most Who Serves Best DISTRETTO 2100 - ITALIA CLUB POMPEI OPLONTI VESUVIO EST. Cagliari Est (2080) - Pompei (2100) INTERNATIONAL Service Above Self - He Profits Most Who Serves Best DISTRETTO 2100 - ITALIA CLUB POMPEI OPLONTI VESUVIO EST 2 Camp interdistrettuale Cagliari (2080) - Pompei (2100) Sea & Archeology Pompei,

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli