Manuale di Educazione al Consumo Consapevole KAT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale di Educazione al Consumo Consapevole KAT"

Transcript

1 d i B e n e v e n t o Manuale di Educazione al Consumo Consapevole KAT

2 Progetto realizzato con il contributo della Camera di Commercio di Benevento Federazione Provinciale di Benevento via Tommaso Bucciano, Benevento Tel.: Fax:

3 Sommario 3 Presentazione 4 La gomma da masticare 5 I videogiochi 13 I rifiuti 25 L acqua 35 L illuminazione ed il riscaldamento 41

4 4 PRESENTAZIONE Questo manuale è uno degli strumenti didattici caratterizzanti il progetto Educazione al Consumo Consapevole, approvato dalla Camera di Commercio di Benevento e redatto e realizzato dalla Federazione Provinciale della Confconsumatori. È stato scritto per gli insegnanti e gli alunni della Scuola primaria e secondaria di primo grado al fine di contribuire alla formazione di consumatori competenti, consapevoli e responsabili. L auspicio della Confconsumatori della Provincia di Benevento è che il libro contribuisca, unitamente al lavoro quotidiano degli insegnanti, all educazione di cittadini responsabili e consapevoli ed alla formazione di bambini e adolescenti che diventino soggetti attivi di un mercato trasparente e solidale. Il manuale è il risultato del lavoro di tutti i componenti della segreteria scientifica della Confconsumatori di Benevento, (Avv. Floriana Aiezza, Avv. Gianfranco Beatrice, Avv. Paolino Capuozzo, Dott.ssa Virginia Citarelli, Dott. Gianluigi D Abrusco, Dott. Maurizio Lizza, Avv. Maria Carmela Mignone, Avv. Maria Rita Zerella) il cui prezioso e diligente impegno ha consentito la realizzazione del progetto nelle scuole dell intera Provincia in favore di circa alunni. Avv. Gianluca Mignone Responsabile Confconsumatori Provincia di Benevento

5 LA GOMMA DA MASTICARE 5 La gomma da masticare è un argomento particolarmente importante ed utile per approfondire il tema del consumo consapevole e sollecitare comportamenti virtuosi e responsabili nei cittadini più giovani. È noto che bambini e ragazzi fanno largo uso della gomma da masticare, spesso senza avere alcuna consapevolezza sugli effetti negativi derivanti da un eccessiva masticazione. Ambiti tematici: pubblicità, marketing e scelte dei consumatori, ambiente e comportamenti quotidiani, geografia delle materie prime. Obiettivi: scoprire l origine e il ciclo di vita di un prodotto di largo uso, dalla gomma base ai comportamenti dei consumatori che imbrattano le strade, acquisire conoscenze sulla geografia delle materie prime e sulla dimensione globale del commercio, riflettere sui meccanismi che guidano le scelte di consumo (pubblicità, disposizione delle merci all interno del supermercato). Contenuti: la gomma da masticare è un prodotto presente nella vita quotidiana dei bambini. Pubblicizzato come benefico dagli spot, esposto in carte colorate e brillanti nei punti strategici del supermercato. Tuttavia, la gomma da masticare ha una storia. Che cosa si nasconde dietro tanti marchi diversi e confezioni ammiccanti? Dove viene prodotta la gomma da masticare? Quali ingredienti vengono usati? Anche un prodotto semplice come un chewing gum può fornire lo spunto per riflessioni sulla dimensione globale di produzione e consumo. La Confconsumatori di Benevento invita gli alunni a concentrarsi sugli effetti negativi dell abuso della gomma da masticare, sia alla salute dei singoli che all estetica e al decoro dei beni pubblici (scuola, pavimentazione stradale, etc.),

6 6 LA GOMMA DA MASTICARE evidenziando, nel contempo, i limitati effetti benefici riconducibili all uso moderato e consapevole del chewing-gum. Avere consapevolezza dell origine della gomma da masticare e della sua storia e riflettere sulle modalità di formazione, produzione, commercializzazione e diffusione della gomma da masticare consente di incentivare l educazione al consumo consapevole e la promozione di stili di vita quotidiana idonei alla salvaguardia della salute dei singoli e, in generale, alla tutela dell ambiente. La gomma da masticare, detta anche gomma americana, è un prodotto dolciario assolutamente particolare, in quanto, a differenza di tutti gli altri, come si evince dal nome, non deve essere mangiato ma soltanto masticato. Le prime tracce dell uso della gomma naturale risalgono ai Maya, i quali masticavano abitualmente palline di gomma.la nascita della moderna gomma da masticare si deve a William Semple, il quale brevettò la prima ricetta il 28 dicembre Le prime palline di gomma da masticare vennero messe in vendita nel New Jersey nel 1871, ma erano molli e senza sapore. Le tecniche di produzione furono migliorate da Semple al fine di ottenere un prodotto più consistente e con maggior sapore. Tali tecniche ne decretarono una grande diffusione nell ultimo decennio del secolo grazie all utilizzo di additivi come quello per incrementare la viscosità e l impiego della gomma di xanthano per le sue proprietà addensanti. La gomma da masticare si ottiene dalla lavorazione di un impasto di gomma base, zucchero, additivi e aromi. Recentemente si è notevolmente ridotto l impiego di zucchero che potrebbe favorire la carie, dato che vengono commercializzate varietà senza zucchero, sostituito da dolcificanti come l aspartame o lo xilitolo. Quest ultimo, secondo i produttori, essendo un potente antibatterico, avrebbe addirittura la capacità di prevenire la carie. È essenziale distinguere tra gli effetti moderatamente positivi connessi ad una sobria e corretta masticazione della gomma e quelli negativi derivanti dal consumo di gomme contenenti troppi zuccheri o elementi chimici o anche dalla prolungata masticazione. Secondo alcuni studi, l uso della gomma da masticare dopo aver mangiato e/o bevuto non è un abitudine dannosa in termini di igiene orale dato che stimola la produzione

7 LA GOMMA DA MASTICARE 7 di saliva, che costituisce la più importante difesa naturale contro la carie, neutralizza gli acidi della placca, mineralizza lo smalto e rafforza i denti, rimuovendo piccoli frammenti di cibo. Gli esperti ritengono che masticare una gomma senza zucchero da massimo cinque calorie invece di consumare uno spuntino ipercalorico, possa rappresentare una valida misura per ridurre l apporto calorico. L uso della gomma da masticare può costituire, in particolari circostanze, una valida opportunità per potenziare attenzione e concentrazione. Pertanto, non c è da stupirsi se un numero sempre maggiore di persone le utilizza per potenziare le proprie capacità di attenzione, concentrazione e vigilanza. Ne è riprova che anche ai tempi della Prima Guerra Mondiale le forze armate statunitensi fornivano gomme da masticare ai propri militari e le includevano nelle razioni da campo. Persino gli allenatori e gli atleti masticano gomma per restare in gioco. Come confermato da una recente indagine, oltre metà (il 59%) degli atleti che praticano sport quotidianamente masticano gomme quando devono concentrarsi su una gara o un evento sportivo. Nell ambito della stessa indagine, il 56 % degli atleti universitari che masticano gomma affermano che ciò li aiuta a mantenere l attenzione, mentre il 52 % dichiarano che la masticazione migliora la concentrazione. Nelle scuole, alcuni insegnanti tendono ad attenuare la tendenza a proibire la gomma da masticare durante le ore di lezione, consentendo, in alcuni casi, agli studenti di farne uso specialmente durante le prove e gli esami per aumentare la concentrazione e lo stato di vigilanza. La masticazione della gomma può influire anche sull attività cerebrale. Una recente ricerca evidenzia come la masticazione della gomma favorisca l afflusso di sangue al cervello. È stato dimostrato, infatti, che l afflusso di sangue al cervello può aumentare di almeno il percento, quando si mastica una gomma. Inoltre, alcuni studi preliminari sull elettroencefalogramma (EEG) indicano come la masticazione della gomma possa influire sull attività cerebrale incrementando la prontezza di risposta. Studi precedenti hanno dimostrato come esista una relazione tra una maggiore prontezza di risposta e uno stato di più profondo rilassamento.

8 8 LA GOMMA DA MASTICARE Evidenziati alcuni effetti positivi di una corretta ed equilibrata masticazione, occorre tuttavia precisare che la gomma da masticare è un rifiuto speciale e che la vendita, l acquisto e la diffusione, in grandi quantità, della gomma da masticare può provocare effetti dannosi alla salute dei singoli, all ambiente ed all estetica delle città. Il chewing-gum rappresenta un rifiuto speciale per la sua composizione chimica per cui si attacca facilmente ai pavimenti, per poi divenire di colore scuro sino ad annerirsi a causa degli agenti atmosferici e del passaggio di pedoni e veicoli; è quindi conseguenza di antiestetiche macchie scure di difficile eliminazione i cui costi di smaltimento e pulizia ricadono, in modo consistente, sugli enti proprietari delle strade e quindi sulla collettività. Al fine di ridurre i costi sulla collettività, è stata avanzata una proposta di tassare al 10% i produttori di gomme da masticare posto che, nonostante le campagne di sensibilizzazione, la società resta incurante rispetto alle tematiche ambientali e risulta difficile individuare e punire i cittadini maleducati e poco rispettosi del patrimonio comune. Il mercato della gomma da masticare in Italia vale 152 milioni e 870 mila euro (2010). In un mondo sommerso da rifiuti pericolosi, come le scorie radioattive, sta nascendo un gruppo antigomma da masticare che si mostra preoccupato per il chewing-gum, catalogato come un rifiuto speciale per la sua composizione chimica. Per togliere dall asfalto una gomma masticata occorrono due minuti al costo di un euro: tale dato emerge da una ricerca effettuata in Germania da cui è scaturito che la rimozione della gomma da masticare risucchia alle casse dei Comuni l importo di circa 900 milioni di euro. In Italia si consumano circa 23 mila tonnellate di gomme da masticare; se, per assurdo, tutti gettassero per terra la gomma il costo per raccoglierla arriverebbe all iperbolica cifra di 23 miliardi di euro che, di fatto, non vengono spesi per la semplice ragione che non tutti i consumatori gettano la gomma per terra e, soprattutto, perché i Comuni non si occupano della raccolta. Ricordiamo che per smaltire una gomma, cioè perché si dissolva nell ambiente, necessitano circa cinque anni. L eccessivo uso delle gomme da masticare, infine, ha delle forti controindicazioni: mal di stomaco da eccessiva

9 LA GOMMA DA MASTICARE 9 produzione di saliva e inglobamenti di aria, effetto lassativo a causa dell aspartame, se presente; mal di testa, dolori mandibolari. La Confconsumatori Federazione Provinciale di Benevento invita, soprattutto i più piccoli, a fare molta attenzione alle controindicazioni qui sopra elencate: l acquisto consapevole delle gomme da masticare (quelle contenenti meno zucchero e coloranti ), non in base alle attrattive pubblicitarie ma in relazione al contenuto ed ai possibili effetti delle gomme stesse; ad un atteggiamento responsabile, anche, e soprattutto, al momento della masticazione, permettono di eliminare, o comunque ridurre al minimo, le citate conseguenze negative.

10 10 LA GOMMA DA MASTICARE LA GOMMA DA MASTICARE Che cos'è la GOMMA DA MASTICARE detta anche GOMMA AMERICANA? È un PRODOTTO DOLCIARIO È un prodotto antico: anche gli antichi popoli masticavano PALLINE DI GOMMA Oggi la GOMMA DA MASTICARE è un prodotto industriale La GOMMA DA MASTICARE è oggi un prodotto di largo consumo La GOMMA DA MASTICARE è oggi un prodotto molto pubblicizzato COME NASCE LA GOMMA DA MASTICARE? Nasce dall'albero MANILKARA CHICLE - Fig. 1 Si ESTRAE il CHICLE ossia il LATTICE dell'albero I RACCOGLITORI di CHICLE incidono la corteccia dell'albero al fine di far uscire il LATTICE - Fig. 2 Il lattice che fuoriesce dall'albero Fig. 3 viene raccolto in appositi recipienti - Fig. 4 Dalla LAVORAZIONE del LATTICE ed altri ingredienti si ottiene la nostra GOMMA DA MASTICARE - Fig. 5 Fig.1 Fig.3 Fig.5 Fig.2 Fig.4

11 LA GOMMA DA MASTICARE 11 GOMMA DA MASTICARE E SALUTE Masticare una gomma può essere dannoso per la salute dei propri denti Il chewing gum va consumato con moderazione: la masticazione continua potrebbe provocare mal di testa o dolore alle mascelle e soprattutto alle carie! LA GOMMA DA MASTICARE RIFIUTO SPECIALE La GOMMA DA MASTICARE viene chiamato RIFIUTO SPECIALE per la sua composizione chimica Sappiamo tutti, infatti, che la GOMMA DA MASTICARE si attacca ovunque Quanti di voi non hanno mai lasciato la GOMMA DA MASTICARE a terra, per strada o sotto il banco di scuola?? Sapete quanto tempo occorre circa per togliere una sola gomma da masticare dall'asfalto? E quanto costa? Immaginate dunque quanto costerebbe alla vostra scuola elimare tutte le gomme da masticare che lasciate sotto i banchi?

12

13 I VIDEOGIOCHI 13 Il tema dei videogiochi è di particolare interesse per bambini ed adolescenti. Per questo motivo, porre attenzione sull uso consapevole dei videogames significa creare le condizioni per una valida ed efficace diffusione del consumo consapevole. Ambiti tematici: diritti dell infanzia, gestione della vita quotidiana, gioco e città. Obiettivi: riflettere sui desideri e sulle scelte di gioco dei bambini, analizzare il rapporto tra dimensione reale e virtuale, acquisire consapevolezza sull uso del denaro e sull uso del tempo. Contenuti: i bambini non giocano più con i coetanei nei cortili, sempre di più si soffermano su di un mondo virtuale, tanto diverso da quello reale. L associazione Confconsumatori di Benevento ha constatato, durante le lezioni frontali, la proiezione di slide, le conversazioni tenute in aula e per via telematica, che l approfondimento di un oggetto ambito come il videogioco consente una divertente riflessione su sogni e bisogni dell infanzia e sulla provenienza delle risorse economiche utilizzate per soddisfarli. Anche per i videogiochi, come per la gomma da masticare, una breve storia della loro nascita e diffusione, consente di aumentare le consapevolezze dei più piccoli ed accrescerne lo spirito critico ed il senso di responsabilità personale. Il videogioco è un gioco le cui regole sono gestite automaticamente da un dispositivo elettronico che utilizza un interfaccia uomo-macchina basata sul display come sistema di output. Come qualsiasi gioco, il videogioco riproduce simbolicamente determinati contesti culturali, astraendoli dal loro ambito di default ed applicandoli a contesti e situazioni che possono andare dalla simulazione più fedele fino alla parodia.

14 14 I VIDEOGIOCHI Divenuto ormai un fenomeno culturale di massa, un medium o addirittura un arte visuale a sé stante, il videogioco può vivere in ragione dell informatica e dell elettronica (sia per il software che per la parte hardware). Nato quasi per caso già a partire dagli anni cinquanta negli ambienti di ricerca scientifica e nelle facoltà universitarie americane, ha avuto il suo sviluppo a partire dalla seconda metà degli anni settanta. La massiccia diffusione di Internet negli anni novanta ha favorito una diffusione notevole dei videogiochi. Sul web è possibile infatti giocare allo stesso videogioco anche in gruppi composti da più persone situate in diverse postazioni sparse nel mondo. Questa possibilità di dare vita ad una intelligenza connettiva (data appunto dalla interconnessione di più persone fra loro comunicanti), sembra destinata ad essere presa in considerazione anche dal mondo della scuola. Si tende, in altre parole, a dare al videogioco una funzione pedagogica, ovviamente senza destrutturarlo troppo e pur tuttavia sostituendone la componente competitiva con una meramente collaborativa. Un esempio di questo tentativo è rappresentato da Stop Disasters, un videogame on line lanciato dall Organizzazione delle Nazioni Unite con l intento di sensibilizzare i più piccoli sugli accorgimenti per costruire città e villaggi più sicuri dal rischio di calamità e disastri ambientali. L influenza del videogioco - anche come nuovo fenomeno culturale di massa - viene da molti associata a quella del cinema degli albori o della televisione al momento della sua massima espansione e trasformazione in mezzo di comunicazione di massa vero e proprio; secondo alcuni esperti, il videogioco rischia finanche di superare il cinema dato che le vendite di videogiochi hanno superato, almeno negli Stati Uniti, quelle dei biglietti delle sale cinematografiche. E con il cinema, il mondo dei videogiochi sembra aver stretto un patto d acciaio: molti film prodotti oggi sono dichiaratamente mutuati da videogiochi, così come molti videogiochi vengono in tempi assai rapidi trasformati in film più o meno di successo e dalle qualità artistiche a volte discutibili. Il riconoscimento dell importanza culturale dei video-

15 I VIDEOGIOCHI 15 giochi si manifesta, addirittura, con l ingresso della materia in alcuni testi universitari e con il proliferare di pubblicazioni scientifiche, anche in italiano, sull argomento. La Confconsumatori di Benevento promuove l acquisto e l uso consapevole, responsabile e critico dei videogiochi (così come della gomma da masticare) nonché l utilizzo equilibrato e consapevole dell energia elettrica, del riscaldamento e dell acqua e sollecita altresì comportamenti virtuosi volti alla prevenzione ed al corretto smaltimento dei rifiuti. Riguardo ai videogiochi, vi sono anche aspetti positivi ma a prevalere, purtroppo, a causa della prolungata esposizione dei più piccoli ai videogiochi e dei contenuti spesso violenti o aggressivi degli stessi, sono gli aspetti negativi. A parere di molti sociologi e psicologi, il videogioco favorisce una stimolazione del cervello dei giocatori, inducendolo ad agire in maniera differente rispetto all usuale grazie all immediatezza del messaggio visivo fornito dalle immagini. Steven Johnson, nel suo libro Tutto quello che fa male ti fa bene (Mondadori, 2006) cita recenti studi di neurologia su come viene stimolata l attivazione dei circuiti dopaminergici durante l interazione con un gioco elettronico. Citando quello che James Paul Gee chiama ciclo indaga, ipotizza, reindaga, verifica, Johnson paragona l attività conoscitiva che un giocatore svolge all interno di un videogioco al metodo scientifico. Questo aspetto, tuttavia, viene talvolta considerato un ostacolo per un giocatore in età infantile o adolescenziale e quindi in fase di apprendimento poichè la comunicazione che proviene da un insegnante può risultare non sempre recepibile da un giovane abituato a messaggi prettamente visivi. Secondo altri studiosi della materia, il videogioco sta contribuendo a introdurre in questo inizio di terzo millennio un nuovo tipo di cultura che contrasta le precedenti, ossia quella orale e quella scritta. Questo dato di fatto si tramuta in timore davanti ad un altro genere di considerazione: se cioè l effetto di questo intrattenimento si limiti semplicemente a rivedere (ridisegnare?) i sistemi culturali esistenti oppure se possa portare - interessando così una sorta di roboetica - alla creazione di un modello esistenziale di uomo-gioco. Il videogioco viene spesso colpevolizzato attraverso i

16 16 I VIDEOGIOCHI mass media, specie quando si verificano efferati episodi di cronaca nera. Alcuni ritengono, infatti, che la ripetuta simulazione di sparatorie o atti di violenza, presenti in alcuni videogiochi, possa in qualche modo avere influenzato precedentemente l autore o gli autori di tali efferate gesta; altre fonti sostengono invece che i bambini siano normalmente capaci di distinguere finzione e realtà e che questi singoli episodi siano da ricondurre a sintomatologie pre-esistenti di tipo psicologico o di altra natura. Dalla nascita, i videogiochi si sono costantemente evoluti formando man mano dei generi completamente diversi tra loro, con meccaniche di gioco differenti e differenti abilità richieste al giocatore. Oltre ad una naturale crescita tecnica dei giochi, l uscita di un titolo innovativo può essere talmente diverso dal punto di vista concettuale da creare un tipo di videogioco a sé. I principali gruppi nei quali si possono dividere i videogiochi sono due: simulativo o arcade. Un gioco simulativo è un gioco basato sulla simulazione delle regole del mondo reale, chi opta per programmare un gioco orientato su questo genere sa che il giocatore vuole investire anche ore del proprio tempo giocando a qualcosa di inedito e molto difficile. Un gioco di guida con la reale rappresentazione della fisica, oppure un gioco di guerra dove con un solo colpo la partita finisce, sono ottimi esempi. Il gioco arcade invece ne è l esatto opposto. Chi sceglie un gioco arcade non ha voglia di cimentarsi nell apprendimento delle meccaniche di un gioco troppo complicato ed il suo unico desiderio è avviare il gioco e divertirsi all istante, evitando se possibile di leggere il manuale. Una ricerca dell università dello Iowa, pubblicata sul Journal of Experimental Social Psycology, è giunta alla conclusione che chi gioca con videogame violenti diventa meno sensibile alla violenza presente nel mondo reale. La desensibilizzazione viene spiegata come una riduzione delle emozioni in reazione ad atti violenti reali. Utilizzare i giochi più violenti porterebbe non solo ad essere più violenti ma più aggressivi, intolleranti e meno altruisti. Nella ricerca sono stati scelti 257 studenti di College (124 uomini e 133 donne) ai quali è stato chiesto di giocare a videogiochi scelti casualmente: alcuni violenti e altri non violenti. Ai soggetti per tutta la durata dell esperimento sono

17 I VIDEOGIOCHI 17 stati controllati i battiti cardiaci e la reattività epidermica. Dopo la prova, ai volontari è stato chiesto di sedersi a guardare un video di 10 minuti contenente scene di violenza reali. I ricercatori hanno evidenziato che coloro che avevano giocato con videogiochi violenti avevano avuto una reazione fisiologica analoga rispetto a quelli che avevano interagito con giochi non violenti durante la fase di gioco, ma presentavano una reazione assai minore alle immagini di violenza reale mostrate loro successivamente. Raccolti tutti i dati dell esperimento, lo scenario che gli psicologi propongono è allarmante: sarebbero sufficienti 20 minuti di videogiochi violenti per diventare meno sensibili alle brutalità del mondo reale. Peraltro, gli psicologi si sono spinti oltre nelle loro conclusioni, definendo l intera società del divertimento multimediale come una «macchina per la desensibilizzazione sistematica dell individuo». Bisogna altresì ricordare che la ricerca potrebbe essere interpretata anche come una desensibilizzazione rispetto ad immagini fittizie di elementi reali: essere più tolleranti verso un filmato o una fotografia che mostrano scene violente non è la stessa cosa (sia a livello conscio che inconscio) dell assistere realmente ad episodi violenti quali veri spettatori (il lettore può facilmente immaginare come reagirebbe se assistesse ad un omicidio commesso proprio davanti ai suoi occhi e come reagirebbe invece se vedesse le immagini di un omicidio trasmesse ad esempio in un notiziario; difficilmente nel secondo caso si rimarrebbe turbati quanto nel primo). Inoltre, la stessa ricerca è una delle innumerevoli che sono state fatte sul mondo e sugli effetti dei videogiochi, le quali hanno portato ai risultati più disparati e contrastanti. Il dibattito è molto animato oltre che oggetto di attenzione da parte di vari studiosi e prosegue con studi sempre più approfonditi. Un aspetto da considerare è quello del c.d. videogioco educativo. Il videogioco educativo è un videogioco che tratta intenzionalmente temi educativi. Non si tratta di un genere in senso stretto, in quanto videogiochi di ogni genere potrebbero avere contenuti educativi ma riguarda il loro utilizzo per scopi didattici e per le moderne metodologie dell insegnamento.

18 18 I VIDEOGIOCHI Un indagine recente, riguardante l utilizzo dei videogiochi in ambito didattico, è stata fatta dalla Electronic Arts nel Regno Unito: il campione analizzato era formato da 100 insegnanti e più di 2300 studenti di scuola primaria e secondaria. Secondo questa indagine il 59% degli insegnanti ha confermato che utilizzerebbero volentieri alcuni videogiochi commerciali per completare la strategia didattica e il 62% degli studenti hanno condiviso questa opinione. Tuttavia, il 70% del corpo insegnante ha espresso preoccupazioni sulla possibilità che il gioco possa stimolare comportamenti anti-sociali ed il 30% dei ragazzi, invece, è convinto che l intrattenimento videoludico possa alimentare l indole violenta e aggressiva. Per l utilizzo del videogioco in funzione di insegnamento è importante che i programmi utilizzati lascino spazi di manovra e siano sufficientemente flessibili, in quanto i video-game eccessivamente rigidi e meccanici nei loro passaggi non possono certo essere considerati utili a livello didattico. La Confconsumatori, anche attraverso l uso di immagini persuasive diffuse nelle scuole, propone alcuni accorgimenti funzionali ad evitare gli effetti nocivi dell uso inconsapevole dei videogiochi: tenere a debita distanza dagli occhi lo schermo; utilizzare soltanto i videogiochi pertinenti all età dei giocatori e con contenuti non violenti; tendere a non restare soli davanti al videogioco ma a creare simpatiche situazioni di gruppo e giocare insieme ad amici o parenti, valorizzando, se possibile, la collaborazione e non soltanto la competizione; privilegiare i videogiochi con contenuto didattico o formativo o comunque sollecitarne un utilizzazione formativa. Il mondo dei videogiochi e quello della scuola sono due mondi che dovrebbero incontrarsi, e non limitarsi a viaggiare paralleli. I bambini di oggi giocano con il computer la cui utilità è indiscutibile. Certo, sussiste il rischio che il videogioco, come tutte le simulazioni, semplifichi la realtà, la schematizzi. Chi impara attraverso le simulazioni, ad esempio, si trova all interno di un ambiente protetto, privo di rischi reali con la possibilità di perdere il senso di responsabilità. Per ovviare a questo, occorre da parte degli educatori una continua attività

19 I VIDEOGIOCHI 19 di sorveglianza per rendere sempre chiara la differenza tra modelli virtuali da una parte e realtà dall altra. La fruizione dei giochi a scuola, in un ambiente che favorisce, tra l altro, la socializzazione, è senz altro preferibile ad una fruizione incontrollata di più ore a casa, da soli. Esistono molti videogiochi didattici per l Italiano e la Matematica nelle scuole elementari e medie, che risultano particolarmente utili per la verifica immediata degli argomenti di studio. Inoltre, sono da ricordare i giochi di strategia, come Age of Empires, un gioco della microsoft, attraverso il quale è possibile ricostruire battaglie ed episodi storici. L utente per realizzare il suo obiettivo, deve non solo combattere, ma anche raccogliere legna, oro, pietra e cibo dalle fattorie. In un mondo che si avvia sempre più insistentemente verso la realtà digitale, fare un passo avanti verso il progresso tecnologico si rivelerà, prima o poi, una scelta obbligata; forse le nuove generazioni non potranno essere catturate o invogliate allo studio soltanto con strumenti di insegnamento convenzionali, per cui è auspicabile, nel rispetto delle tradizionali e riconosciute modalità di insegnamento, adattare la didattica alle attitudini e alle necessità dei giovani o, per meglio dire, degli uomini del domani.

20 20 I VIDEOGIOCHI I VIDEOGIOCHI Che cos'è un VIDEOGIOCO? E' un gioco le cui regole sono gestite da un dispositivo elettronico e che si visualizza attraverso uno schermo. Come e quando nasce il VIDEOGIOCO? Nasce quasi per caso intorno agli anni '50 in America e si sviluppa negli anni '70 VIDEOGIOCO = fenomeno culturale di massa La massiccia diffusione di internet negli anni '90 ha fovorito una massiccia diffusione dei videogiochi. Sul web infatti è possibile giocare allo stesso videogioco con persone sparse per tutto il mondo. BAMBINI E VIDEOGIOCHI Quali sono oggi i principali rischi connessi all uso dei videogiochi? VIDEOABUSO : consiste nella prolungata esposizione ad un videogame che può dar luogo a problematiche fisiche quali sedentarietà (con conseguente sovrappeso) e disturbi alla vista (la prolungata esposizione allo schermo può provocare affaticamento degli occhi e problemi di messa a fuoco). VIDEOFISSAZIONE: consiste nella prolungata esposizione ad un videogame, in silenzio, senza pause e completamente assorbiti dal gioco. Questo tipo di atteggiamento può rivelarsi pericoloso in quanto può far rendere incerto il confine tra realtà e fantasia.

21 I VIDEOGIOCHI 21 BAMBINI E VIDEOGIOCHI Esiste un legame tra uso dei videogiochi violenti ed aumento dell aggressività nei ragazzi? Su questo particolare argomento sono stati condotti molti studi: alcuni specialisti sono giunti alla conclusione che esiste un nesso fra giochi violenti e aumento dell aggressività dei giocatori; altri minimizzano invece l influenza dei giochi, sostenendo che occorre prendere in considerazione altri fattori, come la possibilità che i ragazzi che li scelgono siano già tendenzialmente violenti. BAMBINI E VIDEOGIOCHI I videogiochi possono essere anche utili? I videogiochi, rappresentano il primo approccio dei bambini al mondo dei computer e, poiché richiedono tecniche complesse e di difficile apprendimento, stimolano le capacità logico - intuitive dei più piccoli... I videogiochi stimolano i processi mentali, in quanto l attenzione dello spettatore è catturata da tutta una serie di immagini del video, veloci, in movimento che mantengono la sua mente in uno stato di allerta e lo obbligano a una risposta continua.

22 22 I VIDEOGIOCHI BAMBINI E VIDEOGIOCHI Come possono comportarsi i genitori affinchè i figli traggano dai videogiochi gli effetti positivi limitandone quelli dannosi? 1. prestare grande attenzione ai contenuti dei videogiochi; 2. i videogames non devono occupare tutto il tempo libero dei ragazzi; 3. utilizzo dei videogiochi in sfide con amici, fratelli e sorelle, in modo da rendere il gioco uno strumento di socializzazione. BAMBINI E VIDEOGIOCHI Come possono comportarsi i genitori affinchè i figli traggano dai videogiochi gli effetti positivi limitandone quelli dannosi? 4. gestire la qualità del consumo di questi strumenti, facendo delle brevi e frequenti pause durante il gioco.

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA COME DEFINISCE LA QUALITÀ DI UNA BEVANDA CALDA? Esigenze per la macchina da caffè del futuro. Il piacere di una deliziosa bevanda aggiunge qualità in

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Annuario dei dati ambientali

Annuario dei dati ambientali Annuario dei dati ambientali CAPITOLO IV RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Giovanni FINOCCHIARO Coordinatore: ha fornito contributi: Patrizia VALENTINI ISPRA 2 IV. LA PERCEZIONE DEI CITTADINI EUROPEI E

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga. Minta. A vizsgázó példánya (20 perc)

HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga. Minta. A vizsgázó példánya (20 perc) Bemelegítő beszélgetés 1. Vita HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga A vizsgázó példánya (20 perc) E migliore vivere in una casa con giardino in una zona verde che in un appartamento in

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli