CRIMINALITÀ MINORILE: ASPETTI INTRODUTTIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.ifct.ch CRIMINALITÀ MINORILE: ASPETTI INTRODUTTIVI"

Transcript

1 1

2 CRIMINALITÀ MINORILE: ASPETTI INTRODUTTIVI 2

3 ADOLESCENZA 3

4 L adolescenza L adolescenza è ritenuta dagli psicologi una fase di grande impegno nella costruzione di un identità Si manifestano modificazioni fisiche e psichiche preparatorie dell età adulta e fondamentali per costituire il fondamento della vita relazionale. 4

5 L adolescenza e la trasgressione Nell adolescenza si manifesta sovente l insofferenza alle leggi e agli ordinamenti familiari e sociali, È una fase in cui fenomeni di trasgressione aggressiva possono portare i giovani fino ai confini della delinquenza. 5

6 Adolescenza come età a rischio è esposta alla pressione dei contrasti fra il mondo endogeno e quello esogeno dell individuo tale pressione se non efficacemente canalizzata può determinare l inizio di un percorso di devianza in grado di condizionare la sua intera esistenza. 6

7 IL DISAGIO GIOVANILE

8 Il disagio giovanile Gli esperti (Marotta et altri) sottolineano come il disagio giovanile trae origine da: 1. problematiche individuali (es. uno stile educativo genitoriale inadeguato) 2. da fattori sociali (deprivazione economica e culturale) 3. scarsa consistenza e qualità della comunicazione con il mondo degli adulti. 8

9 I segni classici del disagio giovanile abbandono scolastico; bullismo; consumo di droga e alcool occasionale (che tende a divenire stabile se la sostanza utilizzata provoca dipendenza); reati appropriativi; comportamenti violenti dimostrativi; esplosioni incontrollabili sul piano dell emotività; Psicopatologie (compreso il suicidio giovanile). 9

10 Disagio non vuol dire crimine sostenere l esistenza di un nesso di correlazione lineare tra disagio giovanile e devianza è però criminologicamente scorretto. La correlazione è però probabilistica 10

11 Il disagio può essere controllato dal giovane con: con sacrificio delle proprie aspirazioni, gestione della frustrazione e attesa di tempi migliori; con crisi dell equilibrio personale, con nevrosi o altre forme di disturbo psichico; con ricerca di nuove forme culturali, di rifiuto del percorso normale e con forme innovative di esistenza (legali); con forme alternative, anche se talvolta estremizzate, di lotta politica. 11

12 L origine del disagio giovanile (approccio moderno) Povertà, emarginazione (sociale) Difficoltà relazionale (psicosociale) Scarsa capacità di dar senso alle proprie scelte di vita (psicologica)

13 Il disagio quindi: è una condizione aperta che sovente, ma non sistematicamente, può produrre atti antisociali. esiste una differenza e uno scarto qualitativo tra comportamenti antisociali casuali, riassorbibili e quelli apertamente devianti, formalmente perseguibili. la differenza tra i primi e i secondi, oltre a trovare giustificazione nelle differenze psicologiche individuali, è spesso legata anche a circostanze occasionali e al processo di etichettamento sociale che normalmente scatta parallelamente alla prima sanzione penale e che rende più difficile il rientro nella norma. 13

14 Disagio non vuol dire crimine La maggior parte dei giovani, fortunatamente, pur sperimentando quotidianamente un contesto sociale che offre strumenti di supporto e di sostegno alla loro crescita spesso insufficienti, non si rifugia in comportamenti di violenza (o di devianza in genere) ma tende a sviluppare comunque l accettazione della strutturasocialeincuiviveesimuove.

15 Disagio qualche volta vuol dire crimine In alcuni casi però, talvolta a seguito di dinamiche complesse e di difficile valutazione, le medesime situazioni si traducono in contesti di disagio giovanile e in comportamenti ad esso correlati: l abbandono scolastico, unconsumodidrogaedialcoloccasionaleeabituale; il bullismo, varie forme di crimine contro il patrimonio, i comportamenti violenti, i comportamenti autodistruttivi suicidari.

16 Disagio non vuol dire crimine Non DISAGIO Situazioni di crescita DISAGIO crimine Non crimine

17 SITUAZIONE CONTESTUALE 17

18 Psicologia criminale dei minori Rispetto ai modelli di interpretazione correnti del comportamento criminale degli adulti, la permanenza del soggetto/autore del crimine in una fascia di età adolescenziale implica la necessità di valutare specifiche variabili legate al quadro di maturazione psicologica dell individuo. 18

19 APPROCCIO DETERMINISTICO Opportunità differenziali (Cloward e Ohlin, 1960)

20 3 Compassione della vittima Paura dei sensi di colpa L azione criminale Anticipazione mentale degli effetti dell azione 2 Stima possibilità di essere scoperto Stima rischi di essere denunciato Paura della sanzione PROGETTAZIONE DEL CRIMINE 4 FANTASIA CRIMINALE 1 5 Esecuzione del crimine motivazione pulsione Modello a 5 fasi, M. Strano, 2001

21 Flow-chart per l analisi dell azione criminale Cultura Alcool-droghe Psicopatologia Alcool-droghe Psicopatologia Socializzazione Personalità Psicopatologia Personalità Alcool-droghe Psicopatologia motivazione Fantasia criminale Anticipazione mentale degli effetti dell azione Progettazione Esecuzione Vissuto Socializzazione Personalità Aggressività Pulsioni sessuali Cultura Socializzazione Personalità Aggressività Paura di essere scoperto Stima rischi di cattura Paura della sanzione Compassione della vittima Paura dei sensi di colpa Disponibilità di risorse e strumenti Comportamento della vittima Fattori contingenti Reazioni psicologiche Marco Strano, 2001

22 effetti strumentali ed espressivi dell azione criminale

23 L influenza del gruppo sul comportamento criminale

24 La gang induce delle alterazioni percettive fornendo informazioni errate al decision making process del criminale Compassione della vittima Paura dei sensi di colpa Anticipazione mentale degli effetti dell azione gang gang Esecuzione Paura di essere scoperto Paura della sanzione penale Paura della sanzione sociale gang

25 Gruppi devianti giovanili L influenza del gruppo dei pari sulla creazione dell identità giovanile, sugli atteggiamenti e sui comportamenti dei minori è documentata da numerose ricerche. Qualora il gruppo dei pari sia permeato da subculture devianti, tale situazione è in grado di influenzare notevolmente le scelte criminali del singolo. 25

26 La violenza e le gangs «La violenza è la riduzione della complessità basilare della banda e, allo stesso tempo, la principale modalità selettiva all interno del gruppo oltre ad una serie di rituali stabiliti, ai quali gli aspiranti devono aderire esteriorizzando gesti di obbedienza nei confronti del capo..»

27 La classificazione delle gangs e dei gruppi di giovani devianti Classificazione in base alla natura degli effetti anticipati del comportamento

28 L adolescente e il gruppo Secondo Howell (1998): le norme che regolano il gruppo costituiscono un importante fattore nell elevare il livello di violenza nel gruppo stesso come avviene in fasi specifiche quali l iniziazione, dove l atto violento assume la funzione di intensificare il legame tra i membri.

29 Coinvolgimento di minori in attività criminali organizzate la condotta di questi minori spesso non è deviante ma solo illegale, perché la famiglia utilizza per il suo sostentamento ciò che il ragazzo guadagna con il furto, con il contrabbando o con lo spaccio di droga e fornisce poi a lui un riconoscimento morale che di fatto lo legittima non facendolo sentire, appunto, come deviante. 29

30 Consumo di droghe giovanile intreccio di problematiche di tossicodipendenze e forme di evolutive di psicopatologie. è aumentato l uso di droghe illecite con una crescente diffusione fra la popolazione giovanile, soprattutto maschile, ed hanno subito un largo aumento anche delle forme di consumo eccessive e distruttive. cambiamento evidente rispetto alle tipologie di droghe assunte: dal 1993 ad oggi si è notato un incremento nell utilizzo di sostanze come ecstasi, cannabis e cocaina ed un decremento nell uso degli oppiacei. 30

31 Minori immigrati l immigrazione da paesi poveri si è particolarmente diffusa emergono difficoltà gestionali dovute alle differenze culturali, ai problemi di integrazione e di comunicazione. I minori immigrati diventano vittime di fenomeni di emarginazione e di razzismo che rischiano di rinforzare i comportamenti devianti. i minori stranieri, a parità di reato, ricevono più spesso misure cautelari detentive rispetto ai ragazzi italiani. 31

32 Criminalità minorile femminile fenomeno emergente della delinquenza minorile. espansione del cosiddetto numero oscuro. meno facile l individuazione della minore femmina che commette il reato rispetto al minore di sesso maschile;. ridotta recidività tra le femmine aumento di reati di spaccio e detenzione di droga, sebbene ancora in basse percentuali rispetto ai maschi. 32

33 Riassumendo: le forme emergenti di devianza minorile dei minori immigrati, delle forme di delinquenza legate alla costituzione di bande giovanili devianti; di forme di devianza legate allo sviluppo di psicopatologie in adolescenti tossicodipendenti. 33

34 La criminalità minorile e il disagio giovanile

35 Il concetto di disagio giovanile Durante l adolescenza e gli anni subito seguenti il giovane si trova costretto ad affrontare situazioni particolari, connesse all età specifica ed al modo in cui vive il proprio sviluppo. E in questa delicata fase che i giovani, nella società occidentale, incontrano il maggior numero di difficoltà per affermarsi e possono scegliere di dare un significato diverso alla loro esistenza attraverso condotte devianti o criminali.(marotta, 2000).

36 L ideologia giovanile e il contrasto Le problematiche del disagio giovanile e dei comportamenti delinquenziali correlati sono state ampiamente indagate in vari ambiti di ricerca(balloni, 1986). Di frequente sono emerse indicazioni sull esistenza di un ideologia giovanile in contrasto con quella della società degli adulti(franchini, Introna, 1972) Tale contrasto è in larga parte responsabile delle situazioni di disagio e di aggressività conflittuale nei riguardi dell ambiente esterno(marotta, 2000).

37 Il fenomeno della devianza minorile Si assiste ad un aumento dei reati contro la persona soprattutto da parte dei minori italiani Un aspetto più problematico è relativo all aumento dei minori immigrati presenti nelle statistiche criminali nel nostro Paese Si assiste ad un crescente coinvolgimento dei minori in attività criminali organizzate.

38 Devianza minorile e allarme sociale In Italia e in Europa la devianza minorile pur non proponendo episodi clamorosi (vedi le stragi all interno di alcune scuole californiane), rappresenta una costante preoccupazione. Sono emerse addirittura proposte tecniche a favore di un più rigido e allargato utilizzo carcerazione per i minorenni e aprire la strada per un abbassamento a 12 anni l età imputabile per gli adolescenti

39 L andamento dei dati sui minori denunciati tra il 91 e il 99 per i ragazzi italiani, una lieve diminuzione dei numeri relativi sia ai infraquattordicenni sia, in modo anche più marcato, agli adolescenti i minori immigrati salgono costantemente in modo preoccupante nella fascia d età passando da una percentuale del 10,9% del totale dei denunciati nel 91 ad una percentuale di 21,4% nel 1999.

40 Minori e adulti I minori denunciati in Italia sono circa l 8 9% in rapporto alle denunce degli adulti, il fenomeno delle denunce interessa circa 10 adolescenti su 1000 nelle rispettive fasce d età. In paesi europei simili al nostro, per condizioni di sviluppo socio economico, il fenomeno della criminalità minorile, oltre ad essere più preoccupante, presenta delle risposte istituzionali maggiormente punitive, rigide e isolanti.

41 L introduzione del Nuovo Processo Penale Minorile con l introduzione del Nuovo Processo Penale Minorile il carcere minorile è diventato una misura residuale applicata solamente al 5% circa dei ragazzi denunciati

42 Le risposte alternative alla detenzione le prescrizioni giudiziarie (art.20 DPR 448/88), la permanenza in casa (art.21 DPR 448/88), l inserimento in comunità alloggio (art. 22 DPR 448/88), la messa alla prova (art. 28 DPR 448/88), l affidamento in prova ai servizi sociali (art. 47 OP).

43 Le misure alternative alimentano la percezione sociale di impunità della devianza minorile si diffonde di una percezione sociale di impunità della devianza minorile aumenta la tendenza a strumentalizzare i minorenni nelle attività criminali degli adulti per le non pesanti conseguenze penali che derivano dai reati da loro commessi.

44 Le forme emergenti di devianza minorile (come già detto) si assiste ad un incremento nel circuito deviante: dei minori immigrati, della delinquenza legata alla costituzione di bande giovanili devianti, di forme di devianza legate allo sviluppo di psicopatologie in adolescenti tossicodipendenti

45 Disagio socio-economico e rischio potenziale i fenomeni di devianza minorile acquisiscono un importante rilevanza specialmente al Sud Italia il disagio socio-economico e culturale del Sud favorisce una vasta area di rischio potenziale per lo sviluppo del disagio e della devianza.

46 L aumento dei minori immigrati Nel Nord, la percentuale dei minorenni residenti si aggira attorno al 3,6%, al Centro è di 3,3 mentre al Sud e nelle isole non raggiunge l 1%. La percentuale dei minori immigrati sul totale della stessa popolazione immigrata è aumentata, passando dal 14,2% nel 1996 al 18,1 nel In tali dati non sono considerati i minori immigrati senza residenza e clandestini (Osservatorio Nazionale per l Infanzia, 2000).

47 Giustizia minorile e minori immigrati generalmente i ragazzi immigrati, ricevono misure molto più rigide, punitive e detentive rispetto ai ragazzi italiani Le variabili che influenzano di più questa tendenza sono legate alla condizione di immigrato, alla mancanza di risorse familiari, ambientali, comunitarie.

48 I mediatori interculturali A Roma (e anche in altre città italiane) sono stati effettuati specifici programmi di formazione per gruppi di mediatori interculturali, riservati a persone provenienti da altre culture (Africa, Medio- Oriente, Sud America, Est Europa) i mediatori culturali intervengono in varie strutture e istituzioni, come ospedali, servizi sociali e soprattutto carceri per adulti e minori.

49 gli adolescenti tossicodipendenti C è il cambiamento evidente nelle tipologie di droghe assunte. Dal 1993 ad oggi si è notato: un incremento nell utilizzo di sostanze come cocaina, alcool, ecstasi e cannabis un diminuzione nell uso degli oppiacei

50 Perche le organizzazioni criminali utilizzano i minori il minore controllocui sono sottoposti gli infradiciottenni, la minore restrittivitàdelle misure cui sono sottoposti i minorenni la non imputabilitàdi cui godono i minori al di sotto dei 14 anni.

51 Criminalità minorile e psicopatologia Solo il 3% del numero totale di soggetti presi in carico sono caratterizzati da problematiche di tipo psicopatologico. su un totale di soggetti presi in carico nel 1999, 636 sono stati diagnosticati attraverso categorie psicopatologiche. di questi una larga parte assume sostanze stupefacenti.

52 Il fenomeno del bullismo Esso sta dilagando da nord a sud e ormai non è più soltanto appannaggio dei maschi. Le manifestazioni tipiche sono: gesti maneschi, estorsioni, insulti contro compagni perché è la dimostrazione quotidiana di quel potere, insulti contro ragazze perché quella sessuale è la manifestazione più esemplare di quel potere, insulti contro professori perché loro sono l autorità, il nemico primo del bullo che vuole affermare il suo potere.

53 La dinamica del bullismo Alle elementari troviamo la dinamica del bullismo allo stato nascente la sua molla principale è laconquista delle leadership con mezzi impropri; le sue armi vedono il ricattoin testa; i suoi effettisi riscontrano sia sul singolo, (vittimizzazione e isolamento), che sul collettivo.

54

55 Cos è una gang (una banda) La banda è un modello del gruppo violento, il fenomeno tipico delle grandi concentrazioni urbane osservato e studiato maggiormente nelle società anglosassoni e americane, mentre in Italia non ha mai assunto dimensioni preoccupanti. Essa ha una struttura di tipo gerarchico nel senso che all interno del gruppo esiste una stratificazione in grado di garantire le comunicazioni in contesti di violenza e di complessità ridotta. La violenza è la riduzione della complessità basilare della banda e, allo stesso tempo, la principale modalità selettiva all interno del gruppo oltre ad una serie di rituali stabiliti, ai quali gli aspiranti devono aderire esteriorizzando gesti di obbedienza nei confronti del capo (Marotta, 2000).

56 Le caratteristiche delle gangs di strada la presenza di un quadro morale che definisce accettabili alcuni comportamenti che violano una norma penale e che vengono, viceversa, usualmente considerati riprovevoli dalla cultura dominante; la circolazione di una serie di competenze diffuse che consentono di realizzare delle azioni illegali e che vengono apprese dagli appartenenti al gruppo (esecuzione di crimini, elusione della scoperta e della cattura, eccetera); la presenza di un linguaggio tipico condiviso; lapresenzadiunagerarchiainternadefinitaediunoopiùleader;

57 Le caratteristiche delle gangs di strada (2) la fruizione di musica, letteratura o altre forme artistiche i cui testi/contenuti confermano il quadro morale del gruppo; la presenza di una simbologia specifica (grafica murale, oggettistica, abbigliamento, tatuaggi eccetera) e di rituali che rinforzano il senso di appartenenza; la frequentazione di luoghi fisici di aggregazione abituale (strade, locali, clubs, eventi, stadi); il consumo diffuso di sostanze psicotrope o alcool; l esecuzione di varie forme di crimine; l attuazione di comportamenti violenti (fisici o verbali) diretti verso soggetti esterni ed interni al gruppo.

58 Gang e uso della violenza Molti gruppi (le gang ), sono governate da norme che sostengono l uso espressivo della violenza per: risolvere una disputa, per raggiungere obiettivi di gruppo relativi al reclutamento dei membri, per difendere l identità dei componenti, per l espansione del territorio, per la difesa dell onore del gruppo.

59 Le gangs in Italia Il fenomeno delle gang pur non essendo particolarmente strutturato e grave come in altri Paesi (USA) non va sottovalutato. la presenza diffusa di una cultura della devianza e i fattori di disagio socio economiche e familiare incidono notevolmente sulla formazione di aggregazioni devianti e violente in adolescenza.

60 Il disagio si sposta su internet Da qualche anno a questa parte le problematiche del disagio giovanile sembrano riflettersi e manifestarsi anche attraverso un uso distorto della rete internet, ad esempio nell ambito delle intrusioni clandestine e dei danneggiamenti di siti web operati da giovani hackers(strano 2000).

61 L origine delle gangs: l America dell 800 Bovery Boys Dead Rabbits

62 Il nazismo e gli Swing Boys Nascono a Berlino anni 30 Sono composti da proletariato giovanile Propongono la resistenza di strada Amano il Jazz negro Finiscono tutti nei campi di concentramento

63 Una classica gangs USA Guidata da un leader Gerarchia interna definita Controlla un territorio Stabile nel tempo Coinvolta in comportamenti delinquenziali Coinvolta in scontri con gangs rivali Senso di appartenenza al gruppo Forte coesione interna

64 Due classiche gangs USA contrapposte: Bloods e Crips Operano a Los Angeles Crips (blu) Bloods (rosso) Circa 300 sottogruppi

65 Organizzazione di una gang di una città USA (droga) Responsabili strategici: 5 soggetti Leadership centrale: soggetti Leader locali che controllano gruppi minori: 100 soggetti Gruppo dei ragazzi di strada (16-22 anni) Affiliati periferici (pagano tributi alla gang in cambio di protezione e droga)

66 Attività economica di una gang di una città USA (ricavi) 80% 70% 60% 50% 40% 30% vendita crack estorsioni 20% 10% 0%

67 le cybergangs differenze con le subculture giovanili tradizionali assenza di simbologia fisica di identificazione gerarchie interne poco definite a parte quelle assai sfuggenti legate al livello di competenza. utilizzo degli pseudonimi(detti handles), sovente privi di elementi che consentono l identificazione sociale del soggetto (età, sesso, nazione di origine, eccetera).

68 I cybergruppi devianti sono disomogenei composti da soggetti con caratteristiche spesso assai diversificate anche se la prevalenza, dei loro membri sembra essere di giovani di buon livello sociale e culturale(sterling1992).

69 Il linguaggio dei cybergruppi Il linguaggio comune si pone come il più importante elemento di coesione e di identità per i cybergruppi devianti. Gli hackers condividono infatti un vero e proprio gergo, fortemente permeato dalla lingua inglese e da termini di informatica. Tale forma di linguaggio costituisce il mezzo primario di comunicazione intergruppo e intragruppo e appare volutamente criptico ed allusivo rappresentando un importante ossatura dell identità subculturale del mondo dell hacking.

70 Il gergo degli hackers Il gergo degli hackers costituisce una struttura su cui si consolidano affinità e sentimenti di identità di gruppo, una struttura posta in aperta conflittualità con la cultura dominante non-digitale. Il linguaggio delle comunità underground dell infosfera digitalizzata è anche uno strumento di identificazione immediata tra membri sconosciuti e nel contempo un immediato reciproco test di competenza informatica tra gli interlocutori (se non capisci di che cosa sto parlando non conosci quello di cui ti sto parlando).

71 Le subculture devianti digitali e l apprendimento del crimine La produzione di subculture devianti, con la diffusione della telematica, può divenire svincolata dal luogo fisico delle gangs di strada edaicontattifacetoface

72 Cyberspazio e disagio Anche nel cyberspazio le dinamiche di illegalità possono essere lo specchio di condizioni di disagio giovanile, esorcizzate attraverso azioni telematiche di disturbo e di danneggiamento, che presentano, attualmente, contorni meno definiti rispetto a quelli del sistema socio-culturale convenzionale.

73 Marco Strano, 54 anni, Psicologo e Criminologo è considerato uno dei maggiori esperti del mondo di Psicologia investigativa e criminalprofiling. Ha cominciato la sua attività professionale di investigatore nel 1980 come Ufficiale dei Carabinieri (Divisione Unità Speciali), comandando un nucleo speciale di sicurezza investigazione e vigilanza presso un Supercarcere. Poi dopo alcuni anni, è transitato nei Servizi di Intelligence e Sicurezza della Presidenza del Consiglio dove ha operato per 7 anni nel Nucleo Operativo Speciale dell Ufficio dell Alto Commissario Antimafia di Palermo occupandosi di operazioni di intelligence tattica, e poi al suo scioglimento, nel 1991, per altri 10 anni come Agente Operativo in Italia e all estero in una speciale unità di contrasto alla criminalità organizzata, maturando una grande esperienza sul campo nell attività operativa di strada e in aree di campagna. Parallelamente all attività operativa istituzionale, Marco Strano ha approfondito studi di Sociologia dell Organizzazione, di Psicologia e di Criminologia effettuando alcune pubblicazioni scientifiche pionieristiche. Nel 2001 è transitato a domanda nella Polizia di Stato dove ha svolto un periodo di quattro anni nella Polizia delle Comunicazioni come Dirigente dell U.A.C.I. (Unità di Analisi dei Crimini Informatici) occupandosi di attività investigativa e di analisi criminologica nel contrasto al cybercrime(con particolare interesse verso il contrasto alle organizzazioni di pedofili). Dal 2005 presta servizio come Direttore Tecnico Capo (Psicologo) l equilaventemilitare di Tenente Colonnello, presso il comparto sanitario della Polizia di Stato, con compiti di Psicologia applicata all investigazione (Autopsia psicologica e profiling) e in generale all attività di polizia. Ricopre inoltre la carica di Dirigente Nazionale di un Sindacato di Polizia nel cui ambito sta svolgendo studi sulla Psicologia degli operatori di polizia in situazioni di combattimento a fuoco. È il Presidente del Centro Studi per la legalità la sicurezza e la giustizia Crimecafé (www.criminologia.org) che assiste gratuitamente vittime di stalkinged è Direttore scientifico della prestigiosa Associazione internazionale di criminologi ed esperti forensi I.F.C.T. (International ForensicsConsultingTeam) di Bellinzona -Suisse. In passato ha collaborato con l'unità di Scienze comportamentali (BehavioralScience Unit) dell'accademia FBI di Quantico per un progetto di ricerca sull intuitive policing(intuizione nell attività di polizia) con il patrocinio dell American PsychologicalAssociation. E autore di numerosi libri su tematiche criminologico-investigative: Evoluzione Mafiosa e tecnologie criminali (edizioni Giuffrè, 1995); Nuove frontiere della criminalità (edizioni Giuffré, 1997); Computer crime (edizioni Apogeo, 2000); Cyberterrorismo (edizioni yackson, 1999); Manuale di Criminologia Clinica (edizioni Marcello Rossini, 2000); Sicurezza e Privacy in azienda, (edizioni Apogeo, 2002); Manuale di Criminologia (edizioni SEE, 2003); Chi è unabomber, (edizioni Aliberti2007) e di più di 100 articoli scientifici in materie psicologiche e criminologiche. 73

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

U.A.C.I. Unità di Analisi sul Crimine Informatico Computer Crime Analysis Unit

U.A.C.I. Unità di Analisi sul Crimine Informatico Computer Crime Analysis Unit SERVIZIO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI U.A.C.I. Unità di Analisi sul Crimine Informatico Computer Crime Analysis Unit di Marco Strano 2004 Rischi e costi degli attacchi inside Gli attacchi inside

Dettagli

8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI

8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 8.1 Reati droga-correlati produzione, traffico e vendita di sostanze illegali e di associazione finalizzata alla produzione e al traffico (art. 73 e art. 74) 8.2 Reati

Dettagli

COMPENDIO DI CRIMINOLOGIA

COMPENDIO DI CRIMINOLOGIA Giunto alla quinta edizione, il Compendio di criminologia si è affermato come strumento indispensabile alla conoscenza dei numerosi problemi posti dall'analisi del delitto in quanto fenomeno sociale e

Dettagli

DEVIANZA E CRIMINALITA

DEVIANZA E CRIMINALITA DEVIANZA E CRIMINALITA Obiettivi di apprendimento 2 Teorie delle subculture delinquenziali Teorie interazioniste Teoria dell etichettamento Nuovo realismo di sinistra Teorie del controllo Le strategie

Dettagli

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

Abuso sistematico di potere da parte di uno o più ragazzi/e che si rendono autori di prepotenze, ai danni di uno o più compagni di scuola.

Abuso sistematico di potere da parte di uno o più ragazzi/e che si rendono autori di prepotenze, ai danni di uno o più compagni di scuola. Abuso sistematico di potere da parte di uno o più ragazzi/e che si rendono autori di prepotenze, ai danni di uno o più compagni di scuola. Gli attori IL PREVARICATORE LA VITTIMA Caratteristica: prepotenza

Dettagli

Prevenzione della recidiva e messa alla prova: le opinioni e l esperienza degli operatori dell Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni di Bologna.

Prevenzione della recidiva e messa alla prova: le opinioni e l esperienza degli operatori dell Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni di Bologna. Prevenzione della recidiva e messa alla prova: le opinioni e l esperienza degli operatori dell Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni di Bologna. Di Gabriele Prati * e Sara Nascetti ** Riassunto: esistono

Dettagli

ANALISI DEI FENOMENI DEVIANTI

ANALISI DEI FENOMENI DEVIANTI LIBERA UNIVERSITA MARIA SS. ASSUNTA Dipartimento di Giurisprudenza Programmazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali ANALISI DEI FENOMENI DEVIANTI Gli autori e le vittime docente Maurizio

Dettagli

- 5 - LA CRIMINALITÀ E I MINORI

- 5 - LA CRIMINALITÀ E I MINORI - 5 - LA CRIMINALITÀ E I MINORI L andamento degli indicatori statistici relativi ai minori autori e ai minori vittime di reato costituisce un importantissima fonte per la valutazione del coinvolgimento

Dettagli

TOSCANA Toscana da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008

TOSCANA Toscana da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008 Toscana TOSCANA 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 190 4. SCENARI REGIONALI TOSCANA 191 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 192 4. SCENARI REGIONALI TOSCANA 193 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA

Dettagli

PSICOLOGIA E PEDAGOGIA DELLA GESTIONE DEI GRUPPI Prof. Luigina Cappelloni

PSICOLOGIA E PEDAGOGIA DELLA GESTIONE DEI GRUPPI Prof. Luigina Cappelloni PSICOLOGIA E PEDAGOGIA DELLA GESTIONE DEI GRUPPI Prof. Luigina Cappelloni Kurt Zadek Lewin 1890-1947 Psicologo tedesco nel 1930 Avvia la Ricerca di laboratorio sui gruppi, In contesti,sociali,educativi

Dettagli

Le relazioni tra pari

Le relazioni tra pari Le relazioni tra pari Al di fuori della famiglia Oltre ai genitori, altre persone influenzano lo sviluppo del bambino (in modo diretto o indiretto). I bambini passano Sviluppo cognitivo molto tempo con

Dettagli

Un sms per dire NO al bullismo

Un sms per dire NO al bullismo MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MINISTERO DELL INTERNO UFFICIO SCOLASTICO REGIONE ABRUZZO BULLISMO e CYBERBULLISMO CHI FA COSA Con il Patrocinio dell Ordine degli Psicologi dell

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA Comportamenti violenti in adolescenza nella provincia di Rimini

PROGETTO DI RICERCA Comportamenti violenti in adolescenza nella provincia di Rimini PROGETTO DI RICERCA Comportamenti violenti in adolescenza nella provincia di Rimini In collaborazione con l Assessorato Politiche Sociali della Provincia di Rimini. Coordinatore scientifico del progetto

Dettagli

ABRUZZO Abruzzo da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008

ABRUZZO Abruzzo da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008 ABRUZZO Abruzzo 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 226 4. SCENARI REGIONALI ABRUZZO 227 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 228 4. SCENARI REGIONALI ABRUZZO 229 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA

Dettagli

FACOLTA DI SCIENZE della FORMAZIONE

FACOLTA DI SCIENZE della FORMAZIONE FACOLTA DI SCIENZE della FORMAZIONE CORSO DI LAUREA in SCIENZE della FORMAZIONE Classe L/19 Insegnamento di Criminologia Minorile CFU 8 A.A. 2014-2015 Docente: Prof. Sonia Specchia E-mail: sonia.specchia@unicusano.it

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE

LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE 339 LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE STEFANO CALAMANDREI Psichiatra A.S.L. 10 Firenze MOM SMA Q5 1. Il formarsi del senso di realtà. Adolescenti e compiti evolutivi

Dettagli

MARCHE Marche da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008

MARCHE Marche da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008 MARCHE Marche 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 216 4. SCENARI REGIONALI MARCHE 217 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 218 4. SCENARI REGIONALI MARCHE 219 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA

Dettagli

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3.1 Stime di prevalenza e incidenza 3.2 Profilo dei clienti in trattamento 3.2.1 Profilo dei clienti in trattamento in relazione alla sostanza 3.2.2 Altre caratteristiche

Dettagli

Approcci di rete alla prevenzione: patto tra istituzioni, forze dell'ordine e risorse del sociale. L'esperienza di Torino, Italia

Approcci di rete alla prevenzione: patto tra istituzioni, forze dell'ordine e risorse del sociale. L'esperienza di Torino, Italia Programme PREVENTION AND FIGHT AGAINST CRIME 2007 2013 Community prevention and community prevention Approcci di rete alla prevenzione: patto tra istituzioni, forze dell'ordine e risorse del sociale. L'esperienza

Dettagli

Condotte autolesive in ambito minorile

Condotte autolesive in ambito minorile Condotte autolesive in ambito minorile dr Corradina Patrizia RENDO medico ASL 10 Presidio IPM-CPA 15-22 -29 ottobre 2014 Il disadattamento è figlio del disagio. Sono 575mila gli under 18 italiani in condizioni

Dettagli

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014

I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 I DATI DELLA CHAT DI TELEFONO AZZURRO 7 DICEMBRE 2010 3O GIUGNO 2014 L implementazione della chat in Telefono Azzurro è partita il 7 dicembre 2010, allineando l Italia ai diversi servizi di consulenza

Dettagli

Progetto Vivere in Comunità anno 2016

Progetto Vivere in Comunità anno 2016 DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE E DI COMUNITÀ ISTITUTO PENALE PER I MINORENNI L E C C E Progetto Vivere in Comunità anno 2016 PER I MINORI OSPITI DELLA COMUNITA PUBBLICA PER MINORI Via Monteroni, 157/A

Dettagli

RILEVAZIONE DATI D.i.Re. I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013

RILEVAZIONE DATI D.i.Re. I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013 RILEVAZIONE DATI D.i.Re I dati dei Centri Antiviolenza di D.i.Re 1 gennaio al 31 dicembre 2013 A cura del Gruppo Ricerca rilevazione dati Novembre 2014 Premessa L associazione nazionale D.i.Re Donne in

Dettagli

COMUNE DI MILANO Settore Servizi Socio Sanitari Piano Infanzia e Adolescenza - attuazione della legge 28.8.97 n 285 seconda triennalità 2001-03

COMUNE DI MILANO Settore Servizi Socio Sanitari Piano Infanzia e Adolescenza - attuazione della legge 28.8.97 n 285 seconda triennalità 2001-03 COMUNE DI MILANO Settore Servizi Socio Sanitari Piano Infanzia e Adolescenza - attuazione della legge 28.8.97 n 285 seconda triennalità 2001-03 n progetto scheda di sintesi del progetto TITOLO DEL PROGETTO:

Dettagli

III Cap. di SOCIOLOGIA DELLA DROGA (Bertolazzi) TEORIE DELLA SUBCULTURA

III Cap. di SOCIOLOGIA DELLA DROGA (Bertolazzi) TEORIE DELLA SUBCULTURA III Cap. di SOCIOLOGIA DELLA DROGA (Bertolazzi) TEORIE DELLA SUBCULTURA CULTURA: Patrimonio intellettuale e materiale costituito da: Valori, norme, definizioni, linguaggi, simboli segni, modelli di comportamento,

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA GOAP Uscire dalla violenza

CENTRO ANTIVIOLENZA GOAP Uscire dalla violenza CENTRO ANTIVIOLENZA GOAP Uscire dalla violenza Wilma Geromella Michela Ulcigrai Associazione GOAP Trieste Definizione di violenza domestica (Londra, Regno Unito, 2001) La violenza domestica consiste nell

Dettagli

C O M U N E DI B E L L E GRA

C O M U N E DI B E L L E GRA C O M U N E DI B E L L E GRA PROVINCIA DI ROMA Piazza del Municipio, 6 C.A.P. 00030. C.F.02850300589- P.IVA 01125571008 TEL. 06/9561801 e- mail comunebellegra@gmail.com (scheda B ) PARTE SECONDA DATI DEL

Dettagli

INIZIATIVA INTERDISTRETTUALE LEGALITA E CULTURA DELL ETICA A.R. 2015-16 5 ANNO

INIZIATIVA INTERDISTRETTUALE LEGALITA E CULTURA DELL ETICA A.R. 2015-16 5 ANNO 1 INIZIATIVA INTERDISTRETTUALE LEGALITA E CULTURA DELL ETICA A.R. 2015-16 5 ANNO ATTIVITA COORDINATA DI ILLUSTRAZIONE DEL TEMA ANNUALE AI CLUB E AGLI ISTITUTI SCOLASTICI 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 2 Legalità

Dettagli

CAPITOLO III.3. INTERVENTI DI PREVENZIONE E CONTRASTO

CAPITOLO III.3. INTERVENTI DI PREVENZIONE E CONTRASTO CAPITOLO III.3. INTERVENTI DI PREVENZIONE E CONTRASTO III.3.1. Interventi delle Forze dell Ordine III.3.1.1 Detenzione per uso personale di sostanze illecite III.3.1.2 Deferiti alle Autorità Giudiziarie

Dettagli

VICINO A VOI TELEFONO ROSA

VICINO A VOI TELEFONO ROSA VICINO A VOI Tra i servizi esterni più apprezzati e seguiti risulta essere l intervento di informazione, sensibilizzazione, ascolto e orientamento promosso attraverso l unità mobile itinerante Vicino a

Dettagli

La soddisfazione dei cittadini per il servizio di Polizia Municipale

La soddisfazione dei cittadini per il servizio di Polizia Municipale Settore Polizia Municipale e Politiche per la Legalità e le Sicurezze Settore Direzione Generale Ufficio organizzazione, qualità e ricerche La soddisfazione dei cittadini per il servizio di Polizia Municipale

Dettagli

MASTER IN CRIMINOLOGIA SEDI DI ROMA, MILANO

MASTER IN CRIMINOLOGIA SEDI DI ROMA, MILANO MASTER IN CRIMINOLOGIA SEDI DI ROMA, MILANO 50 CREDITI ECM Edizione 2015 Premessa e Obiettivi La Criminologia sta assumendo un ruolo sempre più significativo nell ambito delle scienze sociali, riscuotendo

Dettagli

I DATI DEL 114 EMERGENZA INFANZIA ANNI 2003-2012

I DATI DEL 114 EMERGENZA INFANZIA ANNI 2003-2012 I DATI DEL 114 EMERGENZA INFANZIA ANNI 2003-2012 Il servizio 114 Emergenza infanzia svolge la sua attività di aiuto in emergenza a bambini e adolescenti dal 2003. La fase sperimentale, inizialmente realizzata

Dettagli

SINTESI DEL PROGETTO EDUCATIVO

SINTESI DEL PROGETTO EDUCATIVO Non puoi scegliere dove nascere ma. puoi scegliere come vivere. Comunità: IL GERMOGLIO Via Madonna del Pantano nord 11/66 Parco le Rondini Giugliano (Na). Comunità Alloggio per minorenni di sesso maschile

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE

PROFILO PROFESSIONALE PROFILO PROFESSIONALE IL SOGNO Società Cooperativa Sociale a.r.l. 1 STORIA La Cooperativa Il Sogno agisce con finalità preventiva e di recupero a favore di minori in situazioni di disagio. Nasce come naturale

Dettagli

Indice tematico CORSO DI SCIENZE UMANE E SOCIALI

Indice tematico CORSO DI SCIENZE UMANE E SOCIALI Indice tematico CORSO DI SCIENZE UMANE E SOCIALI Il presente indice dispone gli argomenti contenuti nel volume Corso di scienze umane e sociali in base alle indicazioni fornite dal Ministero dell Istruzione

Dettagli

Non scordiamoci di aprire gli occhi. Rotary Club Monza Est

Non scordiamoci di aprire gli occhi. Rotary Club Monza Est Non scordiamoci di aprire gli occhi ROTARY INTERNATIONAL Rotary Club Monza Est Il Rotary e perchè il progetto Open your eyes Il Rotary International è una rete mondiale di volontari al servizio delle comunità.

Dettagli

Bullismo, rischio di devianza, procedimenti amministrativi

Bullismo, rischio di devianza, procedimenti amministrativi Bullismo, rischio di devianza, procedimenti amministrativi Elena Buccoliero Sassuolo 18 ottobre e 22 novembre 2010 BULLISMO = Prepotenze ripetute e continuate tra ragazzi non di pari forza, in cui chi

Dettagli

4.1.3 Prevenzione a livello della comunità locale. 4.2.1 Interventi di prevenzione mirata a livello della scuola

4.1.3 Prevenzione a livello della comunità locale. 4.2.1 Interventi di prevenzione mirata a livello della scuola 4. PREVENZIONE 4.1 Prevenzione universale 4.1.1 Prevenzione a livello della scuola 4.1.2 Prevenzione a livello della famiglia 4.1.3 Prevenzione a livello della comunità locale 4.2 Prevenzione selettiva

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

Numero Verde per l ascolto ascolto, la consulenza e la prevenzione del bullismo: primi risultati

Numero Verde per l ascolto ascolto, la consulenza e la prevenzione del bullismo: primi risultati Numero Verde per l ascolto ascolto, la consulenza e la prevenzione del bullismo: primi risultati Laura Volpini 28 Marzo 2007 Università di Roma La Sapienza Il perché del numero verde: Richiesta da parte

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013 ALLEGATO 1 PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013 SOMMARIO 1 - CONTESTO DI RIFERIMENTO...2 DATI DEMOGRAFICI...2 2 - OBIETTIVI GENERALI...6 3 - I COMPITI

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

prof. Gaetano De Leo Università La Sapienza - Roma

prof. Gaetano De Leo Università La Sapienza - Roma Indicatori di disagio e devianza minorile: aspetti psico-giuridici prof. Gaetano De Leo Università La Sapienza - Roma Una questione centrale in quest area delicata e complessa che si rende evidente quando

Dettagli

ASLTO2 DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE G. Maccacaro CENTRO PREVENZIONE DISAGIO GIOVANILE

ASLTO2 DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE G. Maccacaro CENTRO PREVENZIONE DISAGIO GIOVANILE ASLTO2 DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE G. Maccacaro 41 BENESSERE E COMPETENZE CORRELATE/ SALUTE SESSUALE/ AFFETTIVITÀ - DIPENDENZE Target: ü Giovani adulti ü Genitori ü Insegnanti della Scuola Secondaria

Dettagli

opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 1

opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 1 opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 1 opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 3 opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 5 opuscolo depressione 21-03-2003 11:21 Pagina 7 opuscolo depressione

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

NORD VENETO CENTRO LAZIO SUD CALABRIA

NORD VENETO CENTRO LAZIO SUD CALABRIA Università degli studi di Roma Sapienza Corso di Laurea Triennale Servizio Sociale ClaSS Le ineguaglianze sociali ed economiche all interno di paesi e regioni Martina Caioli Lorenza Castagnacci Désirée

Dettagli

Dall uso occasionale alla dipendenza. Raffaele Lovaste

Dall uso occasionale alla dipendenza. Raffaele Lovaste Dall uso occasionale alla dipendenza Raffaele Lovaste Evoluzione post esposizione ad una sostanza psicotropa Uso occasionale Uso problematico Dipendenza patologica Uso occasionale È una scelta (più o meno

Dettagli

Linee Operative separazione agli Orientamenti Tutori Linee Guida adozione Linee Guida 2008 affido familiare

Linee Operative separazione agli Orientamenti Tutori Linee Guida adozione Linee Guida 2008 affido familiare SOS Dpt. Consultorio Familiare, Tutela Minori ed Adolescenza Tel. 0425/393752 Fax 0425/393739 Responsabile: Dr.ssa Silvana Milanese fam.inf.ado@azisanrovigo.it Rovigo Prot. n. Meeting Educare oggi : I

Dettagli

Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene

Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene L indagine Donne e l omicidio, condotta dal Centro di Ricerca per Pari Opportunità (KETHI), ha cercato di investigare

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

IL DISAGIO MINORILE: COLLABORAZIONE TRA SCUOLA E SERVIZI SOCIALI. Servizio Sociale di Crema / Tutela Minori Integrata

IL DISAGIO MINORILE: COLLABORAZIONE TRA SCUOLA E SERVIZI SOCIALI. Servizio Sociale di Crema / Tutela Minori Integrata IL DISAGIO MINORILE: COLLABORAZIONE TRA SCUOLA E SERVIZI SOCIALI Servizio Sociale di Crema / Tutela Minori Integrata 1. PARTE INTRODUTTIVA LA RILEVAZIONE DEL DISAGIO La rilevazione è un percorso di approfondimento

Dettagli

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO?

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? Perché cercare di prevenire il bullismo? Aggressività e passività sono condotte reattive, modalità inadeguate di rapportarsi agli altri. Nell immediato comportano

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO

ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO A cura di Dr.ssa Silvia Testi e Dr.ssa Valeria Salsi Aspetti psicologici del Bullo e della Vittima Quale

Dettagli

PROGETTO PATCHWORK LA PREVENZIONE PER GLI ADOLESCENTI NEI CONFRONTI DI ABUSI DA ALCOOL E SOSTANZE STUPEFACENTI

PROGETTO PATCHWORK LA PREVENZIONE PER GLI ADOLESCENTI NEI CONFRONTI DI ABUSI DA ALCOOL E SOSTANZE STUPEFACENTI PROGETTO PATCHWORK LA PREVENZIONE PER GLI ADOLESCENTI NEI CONFRONTI DI ABUSI DA ALCOOL E SOSTANZE STUPEFACENTI FINANZIATO DALLA REGIONE LIGURIA CON CONTRIBUTO PER AZIONI INNOVATIVE O A RILEVANZA REGIONALE

Dettagli

ALCOL E GIOVANI: IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL TERRITORIO

ALCOL E GIOVANI: IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL TERRITORIO ALCOL E GIOVANI: IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL TERRITORIO Valentina Di Mario INTRODUZIONE L uso di bevande alcoliche è da lungo tempo considerato un fattore di rischio per la salute pubblica. Il significato

Dettagli

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Manuela Samek Lodovici IRS- Università Cattolica Milano 21 novembre 2013 Diverse forme e contesti di violenza contro le donne,

Dettagli

Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese

Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese Non solo accoglienza, ma accompagnamento in percorsi di inclusione sociale

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

Progetto: Cultura della legalità

Progetto: Cultura della legalità Progetto: Cultura della legalità USP di Sondrio A.S. 2005/2006/2007/2008 Quartarone Antonella (Docente Coordinatrice) Componenti del Gruppo di lavoro Coordinatrice: Quartarone Antonella (docente) Referenti

Dettagli

PER LA SICUREZZA TRA PREFETTURA DI GROSSETO E COMUNE DI GROSSETO

PER LA SICUREZZA TRA PREFETTURA DI GROSSETO E COMUNE DI GROSSETO PATTO PER LA SICUREZZA TRA PREFETTURA DI GROSSETO E COMUNE DI GROSSETO La Prefettura di Grosseto Ufficio Territoriale del Governo e l Amministrazione Comunale di Grosseto VISTE le direttive e le linee

Dettagli

Come sta cambiando il mondo delle dipendenze nel mondo giovanile

Come sta cambiando il mondo delle dipendenze nel mondo giovanile Come sta cambiando il mondo delle dipendenze nel mondo giovanile Adolescenti, dipendenza da internet, gioco e possibili strategie preventive di scuola e famiglia Carlo Cenedese SerDAzienda ULSS 7 Regione

Dettagli

PROTEZIONE E TUTELA MINORI

PROTEZIONE E TUTELA MINORI PRENDERSI CURA DISTRETTI: Asolo- CastelfrancoMontebelluna -Valdobbiadene COLLABORAZIONI INTERISTITUZIONALI PER LA PROTEZIONE E TUTELA DEI MINORI «Prendersi cura» degli alunni è proprio di una scuola attenta

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CONCIA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CONCIA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4788 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CONCIA Istituzione di un Osservatorio permanente contro le discriminazioni, la violenza e

Dettagli

Interventi nelle istituzioni

Interventi nelle istituzioni Interventi nelle istituzioni Il Minotauro Il Minotauro è formato da psicologi e psicoterapeuti che da oltre trent anni collaborano nell area della prevenzione e del trattamento del disagio psicologico,

Dettagli

Dai comportamenti aggressivi al bullismo

Dai comportamenti aggressivi al bullismo Dai comportamenti aggressivi al bullismo Ricercatore e Docente di Psicopatologia Clinica Università degli Studi di Udine I LIVELLI DEL COMPORTAMENTO AGGRESSIVO Livello 1. irritabile Livello 2. indisciplinato

Dettagli

CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO

CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO Caratteristiche generali Bullismo = azioni di aggressione o di manipolazione sociale da parte di singoli o gruppi di pari perpetrati in maniera intenzionale e sistematica Diffuso

Dettagli

Coinvolgimento. dei minori italiani e stranieri

Coinvolgimento. dei minori italiani e stranieri Ufficio Centrale per la Giustizia Minorile Divisione I Affari Generali Coinvolgimento dei minori italiani e stranieri nell abuso e nel traffico di droga e loro sfruttamento da parte delle organizzazioni

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO MINEO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA Anno scolastico 2013/2014 Premessa Educare, sostenere e incrementare attività

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Workshop n. 10 L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Introducono il tema e coordinano i lavori - Simona Cherubini, Lega delle Cooperative - Giancarlo Pasinetti,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI INFANTILI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative:

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative: L Immigrato La complessità dei problemi sociali degli immigrati, le caratteristiche, organizzative dei servizi sanitari e la mancanza di strumenti di rilevazione sistematici ad hoc hanno reso difficoltoso

Dettagli

9. RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI

9. RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 9. RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 9.1 Reinserimento sociale 9.2 Prevenzione dei reati droga-correlati 9.1 Reinserimento sociale I dati relativi alle implicazioni e conseguenze sociali

Dettagli

COMPORTAMENTI DEVIANTI IN ADOLESCENZA

COMPORTAMENTI DEVIANTI IN ADOLESCENZA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il LAZIO Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Enrico Mattei Latina Via Don Torello,

Dettagli

Cooperativa Articolo 3 1999/2014: sintesi delle attività

Cooperativa Articolo 3 1999/2014: sintesi delle attività Cooperativa Articolo 3 1999/2014: sintesi delle attività La Cooperativa Sociale Articolo 3 ONLUS nasce a Milano nel dicembre del 1998 dalla volontà e dal lavoro di un gruppo di operatrici sociali con particolari

Dettagli

Parte I ANALISI INVESTIGATIVA E STUDIO DELLA PERSONALITÀ CRIMINALE. Sezione I La personalità nel contesto familiare e sociale

Parte I ANALISI INVESTIGATIVA E STUDIO DELLA PERSONALITÀ CRIMINALE. Sezione I La personalità nel contesto familiare e sociale INDICE pag. Collaboratori... XIII Prefazione.... XV Introduzione... 1 Parte I ANALISI INVESTIGATIVA E STUDIO DELLA PERSONALITÀ CRIMINALE Sezione I La personalità nel contesto familiare e sociale LA FORMAZIONE

Dettagli

ADOLESCENTI E COMPORTAMENTI A RISCHIO. A cura di Marina Giampietro Università Cattolica del Sacro Cuore Milano

ADOLESCENTI E COMPORTAMENTI A RISCHIO. A cura di Marina Giampietro Università Cattolica del Sacro Cuore Milano ADOLESCENTI E COMPORTAMENTI A RISCHIO A cura di Marina Giampietro Università Cattolica del Sacro Cuore Milano Una nuova rappresentazione dell adolescenza Furia di ormoni? Condizione di disagio e sofferenza?

Dettagli

Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI

Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI Quando decidi di crescere? LE DIFFICOLTA EMOTIVO-RELAZIONALI Le difficoltà emotivo-relazionali in ambito evolutivo Tutti quei segnali di disagio e di sofferenza, che coinvolgono la dimensione emotiva e

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA CITTADINANZA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE prende coscienza della propria persona ed impara ad averne cura prende coscienza degli altri bambini e impara a lavorare

Dettagli

P R O V I N C I A D I L E C C E Assessorato Politiche Sociali Pari Opportunità Servizio Politiche Sociali e di Parità

P R O V I N C I A D I L E C C E Assessorato Politiche Sociali Pari Opportunità Servizio Politiche Sociali e di Parità P R O V I N C I A D I L E C C E Assessorato Politiche Sociali Pari Opportunità Servizio Politiche Sociali e di Parità Progetto Welfare e qualità sociale del territorio: un percorso continuo di aggiornamento

Dettagli

DATI 114: ANALISI DELLA CASISTICA NEL PERIODO 1 GENNAIO - 31 DICEMBRE 2013

DATI 114: ANALISI DELLA CASISTICA NEL PERIODO 1 GENNAIO - 31 DICEMBRE 2013 DATI 114: ANALISI DELLA CASISTICA NEL PERIODO 1 GENNAIO - 31 DICEMBRE 2013 Le analisi che seguono sono relative al periodo compreso tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 2013. 1. CARATTERISTICHE GENERALI DELLE

Dettagli

EDUCATIVA TERRITORIALE

EDUCATIVA TERRITORIALE EDUCATIVA TERRITORIALE L attivazione di questo servizio è subordinata al finanziamento della L. 285/97 (Disposizioni per la promozione di diritti e opportunità per l infanzia e l adolescenza). DEFINIZIONE

Dettagli

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è L adolescenza è una fase di sviluppo che copre approssimativamente il periodo che va dagli 11 ai 22 anni. La parola pubertà è spesso utilizzata per denotare manifestazioni fisiche dello sviluppo sessuale.

Dettagli

PER UN PROTAGONISMO POSITIVO dei SOGGETTI in FORMAZIONE

PER UN PROTAGONISMO POSITIVO dei SOGGETTI in FORMAZIONE PER UN PROTAGONISMO POSITIVO dei SOGGETTI in FORMAZIONE Motivare / Coinvolgere / Recuperare/ Valorizzare/ Giovane e Studente oggi Cambiamenti profondi a livello di: Strutture familiari Sistema formativo

Dettagli

Riferimenti teorici, legislativi e bibliografici

Riferimenti teorici, legislativi e bibliografici tema n o 1 La problematica del maltrattamento dei minori ha assunto dimensioni drammatiche, oggetto spesso di interventi dei mezzi di informazione: si illustri il ruolo dell Assistente sociale in questo

Dettagli

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio Martina Zorz Assistente Sociale Comune di Locate Varesino martedì 28 Aprile 2015 I DATI Rete interprovinciale

Dettagli

Cos e EDV Global Foundation?

Cos e EDV Global Foundation? Cos e EDV Global Foundation? EDV Global Foundation si propone di diventare un organizzazione leader a livello mondiale in tema di violenza domestica, contribuendo a combattere per la sua eliminazione.

Dettagli

CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE

CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE III.3.1. Progetti di reinserimento sociale III.3.1.1 Strategie e programmazione di interventi di reinserimento sociale III.3.2. Misure alternative

Dettagli

VIOLENZA DI GENERE. un esclusiva maschile? - Fabio Nestola

VIOLENZA DI GENERE. un esclusiva maschile? - Fabio Nestola VIOLENZA DI GENERE un esclusiva maschile? - Fabio Nestola MOGLI, MADRI, SORELLE, AMANTI Stereotipati e limitativi, sono i ruoli in cui la società rinchiude, storicamente, il destino sociale delle donne,

Dettagli

Giovani protagonisti del futuro

Giovani protagonisti del futuro 2011 Giovani protagonisti del futuro Indagine sul disagio giovanile e interventi di prevenzione Daniela Pavoncello Logo della Gioventu.jpg Logo ISFOL.jpg INDAGINE SUL DISAGIO GIOVANILE E INTERVENTI DI

Dettagli

SCHEDA DATI. UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015

SCHEDA DATI. UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015 SCHEDA DATI UNICEF: Rapporto Per ogni bambino la giusta opportunità. Un mondo a misura di bambini e adolescenti Post-2015 Trasformare il circolo vizioso in un circolo virtuoso ha benefici enormi: - Si

Dettagli