Introduzione... 4 Panoramica generale Lo stile personale... 5 L'interazione con gli altri... 5 Il processo decisionale... 6

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione... 4 Panoramica generale... 5. Lo stile personale... 5 L'interazione con gli altri... 5 Il processo decisionale... 6"

Transcript

1 venerdì 25 marzo 2011

2 Sommario Introduzione... 4 Panoramica generale... 5 Lo stile personale... 5 L'interazione con gli altri... 5 Il processo decisionale... 6 Principali punti di forza e di miglioramento... 7 Punti di forza... 7 Potenziali lati deboli... 8 Valore per il team... 9 Comunicazione efficace Ostacoli ad una comunicazione efficace Aspetti potenzialmente ignorati Tipo Opposto Suggerimenti per lo sviluppo Gestione personalizzata L'ambiente ideale Come trattare Paolo Come motivare Paolo Stile di Management Modulo Vendita Efficace Stile di vendita Prima della vendita Ricerca delle esigenze Offerta Gestire la resistenza all acquisto Ottenere l impegno all acquisto The Insights Group Ltd, All rights reserved. Pagina 2 Insights Discovery e Insights Learning Systems sono stati creati da Andi e Andy Lothian. Insights, Insights Discovery e Ruota Insights sono marchi registrati di Insights Group Ltd.

3 Follow-up e relazione con il cliente Indicatori delle preferenze di vendita Modulo Sviluppo Personale Vivere con uno scopo Gestione del tempo e della propria vita Creatività personale Apprendimento continuo Stili di apprendimento Domande per il colloquio La Ruota Insights Discovery a 72 Tipi Il Sistema dei Colori Insights Discovery The Insights Group Ltd, All rights reserved. Pagina 3 Insights Discovery e Insights Learning Systems sono stati creati da Andi e Andy Lothian. Insights, Insights Discovery e Ruota Insights sono marchi registrati di Insights Group Ltd.

4 Introduzione Questo Profilo Insights Discovery è basato sulle risposte che Paolo Esempio ha fornito nel questionario di autovalutazione (Evaluator) Analisi delle Preferenze Insights, che è stato compilato in data sabato 22 gennaio Le origini della teoria dei tipi umani risalgono al V secolo a.c., quando Ippocrate individuò quattro distinte energie, manifestate da individui diversi. Il Sistema Insights si basa su un modello inizialmente messo a punto dallo psicologo svizzero Carl Gustav Jung. Questo modello fu pubblicato per la prima volta nella sua opera del 1921 intitolata Psychological Types (Tipi Psicologici) e sviluppato in scritti successivi. Il lavoro di Jung sui Tipi e sulle preferenze è stato da allora adottato come fondamento per la comprensione delle persone ed è stato oggetto di studio per migliaia di ricercatori, fino ai giorni nostri. Rifacendosi alle tipologie descritte da Jung, il Sistema Insights Discovery offre un quadro di riferimento per la comprensione e lo sviluppo di sé. Varie ricerche mostrano che una buona conoscenza di sé, dei propri punti di forza e dei propri lati deboli mette le persone in grado di sviluppare efficaci strategie di interazione e le aiuta nel rispondere alle richieste del loro ambiente. Questo testo, unico nel suo genere, trae origine da diverse migliaia di elaborazioni di risposte. Le risposte riportate sono quelle indicate dall'evaluator come potenzialmente applicabili a voi. Potete modificare o cancellare qualsiasi frase che ritenete non vi si addica, ma soltanto dopo esservi confrontati con colleghi o amici: solo tramite una verifica di questo tipo sarete infatti in grado di comprendere se una particolare descrizione, da voi trascurata, in realtà vi corrisponda in quanto facente parte dei vostri "Aspetti ignorati". Usate questo testo in modo pro-attivo, ovvero identificate le aree chiave in cui potete svilupparvi ed agire. Comunicate ad amici e colleghi gli aspetti che giudicate importanti e chiedete loro un feedback su quelli che vi stanno particolarmente a cuore. Sviluppate, poi, un piano d azione per crescere sia a livello personale che interpersonale. The Insights Group Ltd, All rights reserved. Pagina 4

5 Panoramica generale Queste descrizioni forniscono gli elementi per comprendere a pieno lo stile lavorativo di Paolo. Utilizzate questa sezione per capirne meglio l'approccio alle attività, il rapporto con gli altri e i criteri decisionali. Lo stile personale Paolo è indipendente e creativo, in possesso di forti sentimenti interiori, sani principi e profonda integrità personale. Alla base della sua tolleranza, tipica del suo carattere, c'è una innata curiosità per il mondo esterno: le diversità che vi trova sono infatti per lui estremamente affascinanti. Estremamente leale nei confronti degli amici, è pronto a sacrificare i propri interessi per i bisogni degli altri. Quando dà una mano agli altri, si aspetta di essere contraccambiato, in particolare in riconoscimento dell'aiuto fornito. Garbatamente risoluto nel mettere in pratica le proprie idee ove lo ritenga necessario, è leale, pronto ad incoraggiare il prossimo, idealista e creativo. A volte si lascia sopraffare dagli eventi e quasi stenta a dire 'No', persino di fronte a richieste irragionevoli. Sebbene piuttosto geniale e pieno di idee, è alquanto modesto riguardo alle proprie qualità migliori. Uno dei punti di forza di Paolo è la sua abilità nel pemettere agli altri di lavorare secondo i loro ritmi, avendo la consapevolezza del contributo fondamentale che ognuno di loro fornisce. Gli altri spesso ammirano e invidiano il suo rilassato approccio alla vita. Ha la tendenza a sottovalutare l'importanza delle regole, specialmente se appaiono in contrasto con i suoi valori. La grande importanza che lui attribuisce ai valori personali lo rende piuttosto riservato nei confronti degli estranei, i cui valori teme possano essere in conflitto con i suoi. Ama godere dell'esperienza presente e non sente la necessità di avventurarsi in quella successiva. Intimamente intuitivo, non si sentirà soddisfatto da lavori routinari e ricercherà occasioni o ruoli in cui possano essere rispettati i suoi valori insieme al suo bisogno di stare con gli altri. Deve ricordarsi di smettere, di tanto in tanto, di preoccuparsi per gli altri per prendersi cura di se stesso. Paolo si mostra estremamente leale nei confronti dei propri subordinati. I suoi modi riservati, a volte, gli impediscono di farsi avanti, determinando così una possibile sottovalutazione da parte degli altri. Paolo si sente fortemente convinto delle proprie idee e ha una chiara visione di ciò che è meglio per il bene comune. Nel corso delle attività quotidiane Paolo è tollerante, di ampie vedute, flessibile, adattabile e concentrato sul presente. Il suo lavoro deve contribuire a ciò che per lui è importante; tende al perfezionismo solo quando tiene profondamente a quello che fa. Può trarre beneficio dal fare un passo indietro per riconsiderare cause ed effetti delle sue azioni, esercitandosi a divenire più forte e risoluto. Paolo apprezza coloro che si soffermano a capire i suoi obiettivi e i suoi valori. Dà il meglio di sé quando impegnato in attività che coinvolgono altre persone e implicano compiti nei quali si raggiunge la collaborazione attraverso la buona volontà. Grazie al suo atteggiamento socievole, affabile e caloroso, è particolarmente adatto a svolgere quelle attività che prevedono l'offerta di servizi concreti alla gente. E' un buon ascoltatore, capace, ove necessario, di ottima eloquenza. Il semplice riconoscimento per il contributo apportato è per lui un atto gradito. L'interazione con gli altri The Insights Group Ltd, All rights reserved. Pagina 5

6 Paolo tende ad essere molto sensibile nei rapporti con gli altri e dà il meglio di sé in situazioni lisce e senza intoppi. E' generoso e pronto a donare aiuto e assistenza al prossimo, senza aspettare nulla in cambio. Ha legami molto forti con la famiglia e mantenere stretti contatti è un aspetto essenziale del suo carattere. Gli piace andare d'accordo con la gente e, pur non amando il confronto, ricambierà le offese ricevute se percepisce che i suoi valori sono stati minacciati. Raramente esprimerà con chiarezza i suoi sentimenti più profondi. Tende a volte a sopprimere i propri bisogni per compiacere gli altri e a sentirsi indispensabile per il suo partner. Gli piace instaurare rapporti sociali e sereni con gli altri. Il suo intenso e altruistico approccio alla vita sembra incoraggiare le persone a confidare in lui. Non gli interessa influenzare o comandare, a meno che non senta in pericolo i propri valori. Pur risentendone poi a livello emotivo, riesce a sobbarcarsi i problemi di coloro che lo circondano. Se non riesce a evitare di dire una spiacevole verità a qualcuno, gliela comunicherà evidenziandone i lati positivi. Percepisce chiaramente le esigenze degli altri, che talvolta cerca intensamente di soddisfare, trascurando completamente se stesso. Spesso rimugina su come avrebbe potuto comportarsi meglio durante un incontro o nel corso di una relazione. E' restio al conflitto e normalmente riesce ad percepire, prima degli altri, un dissenso in procinto di esplodere. Tende ad evitare il conflitto anziché affrontarlo proponendo soluzioni creative. Il processo decisionale Normalmente Paolo favorirà decisioni democratiche e consensuali rispetto a quelle imposte in modo autocratico. Assume un approccio personale nei confronti del reale, verificando gli eventi attraverso i valori e gli ideali che governano la sua esistenza. Potrebbe decidere di modificare le sue scelte se scoprisse che qualcuno ne fosse stato negativamente condizionato. Rischia di perdere di vista il problema, per mancanza di concentrazione. Ha così tante idee in testa, che gli riesce difficile decidersi sulla migliore linea da seguire. Le decisioni che prende si basano sulle esperienze personali. Sa essere creativo e ricco di immaginazione. Sarà pacato, ma deciso nella tutela dei propri valori. Paolo contribuisce a creare un'atmosfera piacevole, serena e accogliente e considera le situazioni di emergenza delle occasioni per mostrarsi di aiuto. Paolo è bravo ad allentare le tensioni, riuscendo a unire gruppi in competizione o in conflitto. Sentendosi a proprio agio sia nel ragionamento che nella discussione, Paolo riesce a bilanciare perfettamente questi due processi. Paolo è un buon mediatore, capace di mantenere concordia tra le parti, in quanto sa andare d'accordo con tutti pur non schierandosi completamente con nessuno. Tende a decidere senza considerare le conseguenze delle sue azioni. Trova difficile decidere esclusivamente in base a considerazioni oggettive. Nell'ottenere dagli altri l'approvazione delle sue idee, fornisce una leadership di qualità. The Insights Group Ltd, All rights reserved. Pagina 6

7 Principali punti di forza e di miglioramento Punti di forza Questa sezione individua i principali punti di forza che Paolo apporta all'azienda. Egli è dotato anche di altre capacità, competenze e qualità, ma le frasi sottoriportate indicano, con ogni probabilità, alcune delle doti più importanti che ha da offrire. Principali punti di forza di Paolo: Ricerca sempre il bene negli altri. Curioso e acuto osservatore della vita. Disponibile ed accomodante. Rilassato riguardo a ciò che gli altri possono pensare di lui. Ama l'armonia nei numerosi rapporti che intrattiene. Incoraggia il perdente. Onesto e accomodante. Capace di agevolare la risoluzione di conflitti interpersonali. Sensibile ai bisogni degli altri. Tollerante e generoso. The Insights Group Ltd, All rights reserved. Pagina 7

8 Principali punti di forza e di miglioramento Potenziali lati deboli Jung sosteneva che "la saggezza porta ad accettare entrambe le facce della medaglia". E' stato anche detto che i lati deboli sono semplicemente delle qualità mal sfruttate. Le risposte di Paolo al questionario hanno rilevato i punti sottoelencati come eventuali suoi lati deboli. Potenziali lati deboli di Paolo: Può essere manipolato da supervisori o da persone per lui importanti. Non sempre porta a termine quanto iniziato. Considerato piuttosto rigido, inflessibile e poco malleabile. Fa fatica a reagire positivamente alle aggressioni. Sa opporsi mostrandosi passivo e al tempo stesso ostinato. Maschera i suoi reali sentimenti per evitare di trovarsi in situazioni spiacevoli. Potrebbe astenersi dalla risoluzione di problemi difficili. Manca di fiducia nei propri giudizi, anche se poi si rivelano spesso corretti. Tende facilmente a rinunciare quando si sente isolato. Incline ad offendersi personalmente per un rifiuto. The Insights Group Ltd, All rights reserved. Pagina 8

9 Valore per il team Ognuno apporta nell'ambiente in cui opera un insieme straordinario di doti, qualità e aspettative. Aggiungete a questo elenco qualsiasi altra esperienza, abilità o talento forniti da Paolo e mettete gli elementi più importanti dell'elenco a disposizione degli altri membri del team. Come membro del team, Paolo: e' affidabile e procura stabilità al gruppo. ha l'abilità di prevedere con esattezza i risultati futuri. sa restare tenacemente concentrato su un unico obiettivo. e' disponibile a dedicare tempo alla risoluzione di questioni personali. Mostra simpatia per gli altri ed è, a sua volta, benvoluto. possiede forti capacità personali e relazionali. Si trova a suo agio sia nella riflessione che nell'interazione. cerca di essere accomodante e flessibile. offre sostegno psicologico agli altri. percepisce il successo altrui come chiave del proprio. The Insights Group Ltd, All rights reserved. Pagina 9

10 Comunicazione Comunicazione efficace La comunicazione può essere efficace solo se viene recepita e compresa dalla persona a cui è rivolta. Per ciascun individuo ci saranno strategie di comunicazione più efficaci di altre. In questa sezione vengono elencate alcune delle strategie chiave che porteranno ad una comunicazione efficace con Paolo. Scegliete quelle più importanti e mettetele a disposizione dei colleghi. Strategie per comunicare con Paolo: Adottate un atteggiamento cordiale e discreto. accordatevi esattamente su ciò che si deve fare. Imitate il suo atteggiamento tendenzialmente calmo e difficilmente irritabile. dategli molte occasioni di contatto con il team. dedicate tempo ad ascoltare i suoi sfoghi riguardo alle reazioni altrui. fornitegli un ambiente in cui possa esprimere i suoi pensieri. trattatelo con onestà e sincerità. ascoltate le sue opinioni. mostrate apprezzamento per i suoi sprazzi di intelligenza creativa. siate spontanei e armoniosi. aiutatelo a sentirsi a suo agio. Aspettatevi qualche resistenza di fronte a una proposta di cambiamento. The Insights Group Ltd, All rights reserved. Pagina 10

11 Comunicazione Ostacoli ad una comunicazione efficace Per comunicare con Paolo, certe strategie saranno meno efficaci di altre. Di seguito troverete elencati alcuni degli atteggiamenti o dei comportamenti da evitare. Queste informazioni possono essere usate per sviluppare strategie di comunicazione valide, efficaci e accettabili da parte di entrambi gli interlocutori. Comunicando con Paolo, NON: esercitate inutili pressioni. siate irrispettosi dei suoi sentimenti e delle sue emozioni. date per scontato che sia d'accordo con tutto ciò che dite, anche se la sua indole solare potrebbe farvelo pensare. pretendete una reazione istantanea. Trascurate occasioni di incontro informale per la discussione delle attività in corso. fate paragoni negativi con altri membri dello staff. dimenticatevi di trovare un equilibrio tra momenti di interazione e momenti di riflessione. pretendete precisione immediata e non siate pignoli. Criticatelo senza aver prima riconosciuto i suoi contributi positivi. partite dal presupposto che porterete a termine tutti i punti all'ordine del giorno. Dimenticate di coinvolgerlo. siate bruschi e dispotici costringendolo a scadenze impossibili da rispettare. The Insights Group Ltd, All rights reserved. Pagina 11

12 Aspetti potenzialmente ignorati La percezione che abbiamo di noi stessi può essere diversa da quella che hanno gli altri. Noi proiettiamo nel mondo esterno chi siamo attraverso la nostra persona e non siamo sempre consapevoli dell effetto che possono avere sugli altri i nostri comportamenti meno coscienti. Tali comportamenti vengono chiamati Aspetti ignorati. Evidenziate in questa sezione le affermazioni riguardanti i comportamenti inconsapevoli che vi sembrano più rilevanti e chiedete ad amici o colleghi di darvene una verifica. Aspetti potenzialmente ignorati di Paolo: Paolo può talvolta apparire indifferente o disinteressato a causa della sua tendenza a lasciarsi distrarre dal completamento di lavori già avviati. Apprezza gli amici e tende a vederne solo gli aspetti positivi. Ha bisogno di guardare oltre il momento presente e l interesse immediato per gli aspetti pratici, considerando modi meno stressanti di portare a termine i compiti. Dovrebbe imparare a gestire i conflitti e ad accettarli come un fattore necessario per il miglioramento dei suoi rapporti con gli altri. Nelle relazioni interpersonali e nelle decisioni si affida ai propri sentimenti al punto da escludere dati più oggettivi. Trascura spesso le sue esigenze per il desiderio di compiacere o di aiutare altre persone. Deve imparare a gestire i conflitti in modo più diretto e onesto, confidando nel fatto che la sua innata sensibilità gli dirà ciò che occorre fare, anche nelle situazioni più difficili. Dovrebbe rendersi conto che un confronto ogni tanto può chiarire qualche malinteso. Dovrebbe cercare di anticipare i pericoli che potrebbero essere dietro l angolo e elaborare piani alternativi nel caso le cose volgessero al peggio. Nell interagire con i colleghi dovrebbe lasciare più spazio tra sé e loro: deve rendersi conto che non a tutti piace essere toccati. La sua continua disponibilità a socializzare rischia di interferire con i lavori in svolgimento, creandogli problemi. Si lascia facilmente distrarre e potrebbe trovare difficile imporsi la disciplina necessaria per portare a termine i compiti. Potrebbe imparare ad ampliare le proprie vedute, se aspettasse qualche secondo in più prima di parlare, dando così agli altri l'occasione di offrire il loro contributo. Per l estrema importanza che conferisce alla sperimentazione di cose nuove, Paolo tende talvolta a trascurare le altre sue responsabilità. The Insights Group Ltd, All rights reserved. Pagina 12

13 Tipo Opposto Questa sezione offre una descrizione di chi rappresenta, sulla Ruota Insights, il tipo opposto di Paolo. Spesso è particolarmente difficile comprendere coloro che hanno preferenze diverse dalle nostre ed interagire con loro. Riconoscerne le caratteristiche ci può essere utile per lo sviluppo di strategie di crescita personale e per migliorare la nostra efficacia comunicativa a livello interpersonale. Come riconoscere il Tipo Opposto: Il tipo Insights opposto a Paolo è il Riformatore, ovvero la personalità dominata dal "Pensiero" secondo la teoria di Jung. Pensatori creativi e astratti, i Riformatori sono spinti da un impulso competitivo al conseguimento dei risultati. Tale impulso appare tuttavia controbilanciato da un bisogno di perfezione che, in qualche modo, li frena. Fanno fatica a mantenere un atteggiamento positivo e imparziale, il che li rende incostanti nel loro rendimento sul lavoro. Sono inclini all'indecisione e possono restare sconvolti nell'accorgersi di avere sbagliato. Tenderanno a sollecitare appoggio alle loro idee anche dopo che sono state prese e accettate decisioni diverse. E' possibile che Paolo consideri i Riformatori riservati e freddi. Questi ultimi, d'altro canto, possono diventare autoritari quando non si vedono riconosciuto l'impegno profuso nel lavoro. Spesso brusco nelle esternazioni, Paolo potrebbe mal sopportare il loro egocentrismo, che percepisce come soffocante. I Riformatori spesso ricorrono all'intimidazione o alla minaccia di punizioni per vedere applicato il loro concetto di giustizia. Mancando di equilibrio, rischiano di apparire disinteressati ai problemi degli altri e non saranno pronti ad assumersi la responsabilità del fallimento di qualche progetto. I Riformatori hanno il senso della precisone e sanno prestare attenzione ai dettagli. Facilmente irascibili, hanno opinioni forti e possono restare turbati se qualcuno non si lascia guidare da loro. Paolo spesso considererà il Riformatore a volte distaccato, altre polemico. The Insights Group Ltd, All rights reserved. Pagina 13

14 Tipo Opposto Comunicazione di Paolo con il suo Tipo Opposto: Redatta appositamente per Paolo, questa sezione suggerisce alcune strategie da lui utilizzabili al fine di un'interazione efficace con chi rappresenta il suo tipo opposto sulla Ruota Insights. Come andare incontro alle esigenze del Tipo Opposto: fategli capire che ha il controllo della situazione. mantenete la conversazione su un piano impersonale. nella discussione cercate di lasciar da parte questioni di personalità. limitate l'uso di battute umoristiche. mostrate apprezzamento per i suoi sprazzi di intelligenza creativa. assicuratevi che abbia compreso le regole. Quando avete a che fare con il Tipo Opposto, NON : rendete troppo sentimentali le questioni. costringetelo ad assumere un atteggiamento positivo su una questione senza lasciargli il tempo di riflettere. mostratevi immaturi, infantili o sciocchi. Esprimetevi in modo illogico od oscuro. cercate di imporre la vostra opinione anche se lui non è d accordo. siate troppo informali e non sprecate tempo in banalità mondane. The Insights Group Ltd, All rights reserved. Pagina 14

15 Suggerimenti per lo sviluppo Insights Discovery non offre una misurazione diretta di capacità, intelligenza, istruzione o formazione. Tuttavia qui sotto troverete elencati alcuni suggerimenti per lo sviluppo di Paolo. Identificate tra essi gli aspetti più importanti da sviluppare e incorporateli in un piano di sviluppo personale. Comportamenti e/o azioni da cui Paolo può trarre beneficio: stabilire e rispettare le scadenze. acquisire maggiore prontezza nel rispondere ai suoi colleghi più estroversi. adottare criteri più obiettivi nel processo decisionale. affermare i propri diritti. accettare il fatto che l aggressività possa essere, talvolta, una qualità essenziale per portare a termine le cose e non un difetto. considerare gli errori passati come momenti di crescita personale. esprimere i suoi sentimenti in modo più aperto. dare il giusto peso agli incarichi assunti, senza cercare di raggiungere risultati eccellenti dove non serve. concentrarsi sulle proprie esigenze, anziché su quelle altrui. rendersi conto che in alcune circostanze ordine e struttura sono elementi indispensabili. The Insights Group Ltd, All rights reserved. Pagina 15

16 Gestione personalizzata L'ambiente ideale Generalmente le persone sono più produttive se operano in un ambiente a loro congeniale in termini di preferenze e di stile. Può essere invece sgradevole lavorare in un ambiente che non abbia tali caratteristiche. Lo scopo di questa sezione è quello di stabilire uno stretto collegamento tra l'ambiente ideale di Paolo e quello in cui attualmente opera, individuando eventuali cause di frustrazione. L'ambiente ideale per Paolo è un ambiente in cui: i lavori banali e ripetitivi siano ridotti al minimo. i rapporti siano informali e abbondino le occasioni di contatto sociale coi colleghi. il codice di abbigliamento sia improntato a un eleganza informale. la sua innata creatività abbia la possibilità di svilupparsi. il luogo di lavoro predisponga a continui contatti personali e scambi di vedute. i ruoli aziendali vengano definiti con chiarezza. venga incoraggiato a cercare nuove sfide con costanza e moderazione. non esistano antagonismi o frizioni. ci sia l opportunità di creare ed esprimere idee e svilupparle collettivamente. ci siano poche norme rigide sulla puntualità o l abbigliamento. The Insights Group Ltd, All rights reserved. Pagina 16

17 Gestione personalizzata Come trattare Paolo Questa sezione rileva alcune delle strategie più importanti, utili per trattare Paolo. Paolo ha delle esigenze che riesce a soddisfare da solo, mentre per altre è necessario il ricorso ai colleghi o ai superiori. Passate in rassegna l'elenco, cercando di individuare i bisogni più impellenti allo stato attuale e usatelo per elaborare un piano di gestione personale. Paolo ha bisogno: di far parte di un piccolo team in cui le idee siano apprezzate e incoraggiate. di costanti feedback e sinceri incoraggiamenti. di sostegno e incoraggiamento per il suo sviluppo personale e professionale. di occasioni di contatto sociale durante la sua giornata lavorativa. di tempo sufficiente per prepararsi alle riunioni. di incoraggiamento ad affrontare subito alcuni problemi. di un po di aiuto per appianare contrasti e risolvere questioni disciplinari. di un feedback che lo rassicuri sull adeguatezza del suo modo di affrontare i compiti assegnati. di un capo che apprezzi la sua esigenza di avere tempo per pensare. di un capo comprensivo, coerente, paziente e calmo e che sappia essere, nel contempo, mentore e coach. The Insights Group Ltd, All rights reserved. Pagina 17

18 Gestione personalizzata Come motivare Paolo Si è spesso detto che è impossibile motivare qualcuno e che si può solo creare un ambiente nel quale le persone riescano a motivare se stesse. Ecco alcuni suggerimenti che possono essere utili per motivare Paolo. Per massimizzare il suo livello di motivazione, incorporate - con il suo consenso - i consigli più interessanti all'interno del Sistema di Valutazione della Performance e in quello delle Aree di Risultato Chiave appositamente creati per lui. Paolo è motivato: dall occupazione di un ruolo chiave in un team di successo. Eventi che rappresentano un successo per gli altri. dalla partecipazione a comitati e workshop marginali. dal riuscito compimento di progetti importanti. dall apertura e dall onestà. dalla possibilità di esprimere i suoi sentimenti più intimi. dal fatto che venga chiesta la sua opinione. dal riconoscimento dei suoi successi. da sforzi tranquilli e tenaci premiati con discrezione. da sinceri e discreti riconoscimenti per i suoi contributi. The Insights Group Ltd, All rights reserved. Pagina 18

19 Stile di Management Esistono diversi criteri di gestione, la maggior parte dei quali viene applicata a svariate situazioni. Questa sezione individua e spiega l'approccio manageriale che contraddistingue naturalmente Paolo, evidenziandone sia le doti innate, sia gli eventuali ostacoli che possono essere soggetti a ulteriore esame. Nel gestire gli altri, Paolo tende a: avere difficoltà ad accettare idee radicali; le sue sono molto ferme e concrete. delegare i vari incarichi, ma avere difficoltà a cedere il controllo totale su progetti importanti. modificare le proprie decisioni all emergere di fatti nuovi, risultando così indeciso a un occhio esterno. tenere troppe cose per sé, inducendo gli altri a domandarsi quali siano veramente i suoi piani. essere un po troppo generoso e comprensivo di fronte a un lavoro mal svolto. sopravvalutare alcuni suoi rapporti personali. sembrare freddo e distaccato prima di aver conosciuto bene le persone. idealizzare le persone che rispetta. sorprendere gli altri con precisi pronostici sulle reazioni scatenate da alcune decisioni. fidarsi troppo delle persone. The Insights Group Ltd, All rights reserved. Pagina 19

20 Modulo Vendita Efficace Una vendita efficace ha tre principali requisiti: in primo luogo, il venditore deve comprendere se stesso, come incrementare i suoi punti di forza e sviluppare i suoi lati deboli; in secondo luogo, deve comprendere come viene percepito dai diversi clienti. Questi ultimi hanno spesso stili, aspettative, esigenze, desideri e motivazioni differenti da quelli del venditore; tali distinzioni dovrebbero essere comprese e tenute presenti; in terzo luogo, il venditore deve imparare ad adattare il suo comportamento, se desidera entrare perfettamente in sintonìa con il cliente e influenzarlo. Il presente capitolo è stato studiato appositamente per sviluppare la capacità di rispondere a ciascuna di queste esigenze, e sarà particolarmente utile se affiancato dalla gamma di workshop Insights dedicati alla Vendita Professionale o Avanzata. Lo schema seguente offre una panoramica concettuale dei processi di vendita e delle sezioni presenti in questo Profilo Insights Discovery. Utilizzatele per sviluppare strategie al fine di instaurare rapporti più efficaci con i clienti, avere una maggiore comprensione di voi stessi e concludere vendite quantitativamente e qualitativamente migliori. The Insights Group Ltd, All rights reserved. Pagina 20

21 Stile di vendita Queste affermazioni forniscono un quadro generale dello stile di vendita di Paolo. Usate questa sezione per comprendere meglio in che modo egli affronta le sue relazioni coi clienti. Panoramica sullo stile di vendita Paolo è sempre disposto ad aiutare gli altri a negoziare le soluzioni che il processo di vendita richiede. Attento e curioso, ama assimilare le opinioni altrui per ampliare il proprio punto di vista. Nel suo modo di prestare servizio alla clientela, il suo primo desiderio è di essere prezioso per gli altri. L entusiasmo e la fedeltà che ha per il proprio lavoro favorisce la cooperazione e l armonia tra i membri del team. Assegna all assistenza clienti una posizione prioritaria nella sua scala di valori. E pronto a condividere le ambizioni e le aspirazioni di chi lo circonda, in particolare quando crede che i suoi suggerimenti verranno tenuti in grande considerazione. Può essere doloroso per lui affrontare situazioni complesse, in cui debba risolvere problemi difficili con clienti ai quali tiene molto. Dà il meglio di sé nella relazione con la clientela quando riesce a trasmettere elementi della sua competenza tecnica. Sentendo la forte necessità di contribuire al benessere dei suoi clienti, si dimostra empatico e compassionevole. La sua visione romantica e piuttosto idealizzata delle potenzialità future di una relazione appena nata può a volte provocargli qualche delusione. È generoso e sempre disposto a fornire aiuto e assistenza ai clienti senza necessariamente aspettarsi molto in cambio. È estremamente abile nel fornire alla clientela l assistenza e il servizio di base. Non gradisce pressioni da parte della clientela per ottenere risultati e deve fare degli sforzi per accelerare il suo approccio. The Insights Group Ltd, All rights reserved. Pagina 21

LA SICUREZZA E IMPORTANTE

LA SICUREZZA E IMPORTANTE DISC PROFILO VERDE INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale VERDE preferiscono lavorare all interno di strutture esistenti e collaborare con gli altri. Il VERDE vuole sentirsi sicuro

Dettagli

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro)

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Rispondi alle seguenti domande indicando quale risposta è più vicino

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

L ENTUSIASMO E IMPORTANTE

L ENTUSIASMO E IMPORTANTE DISC PROFILO GIALLO INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale GIALLO influenzano il loro ambiente essendo socievoli, persuasivi e convincenti al punto da influenzare e ispirare gli altri.

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI Raduno arbitri 2011 D.ssa Barbara Bononi Prendete un foglio e scrivete ognuno la propria definizione di.. ARBITRAGGIO

Dettagli

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Estratto dal progetto Foundations for Work per gentile concessione di DiversityWorks (Progetto n. 2012-1-GB2-LEO05-08201) Introduzione Perché

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

Eccesso di una cosa buona

Eccesso di una cosa buona 1 Qualità autentiche Le qualità autentiche sono gli attributi che formano l essenza (il nucleo) di una persona; le persone sono impregnate da queste qualità, che pongono in una determinata luce tutte le

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Manager. Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso.

[moduli operativi di formazione] Manager. Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso. [moduli operativi di formazione] Manager Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso. [MODULI OPERATIVI DI FORMAZIONE] MANAGER Ottenere risultati, dominare gli eventi, portare a termine le operazioni

Dettagli

La Leadership. Salvatore Savarese

La Leadership. Salvatore Savarese La Leadership Salvatore Savarese 1 Introduzione Lavorare all interno di organizzazioni induce un evoluzione professionale ed umana in più direzioni: aumentano le competenze tecniche specifiche, si sviluppano

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

La leadership sanitaria:

La leadership sanitaria: La leadership sanitaria: una nuova dimensione per le professioni sanitarie Dott. Alessandro Rovetta Leadership SAPER CREARE UN MONDO AL QUALE LE PERSONE DESIDERINO APPARTENERE 1 Perchè servono professionisti

Dettagli

TRAINING. Riservato ad agenti e venditori. (3 giornate intervallate)

TRAINING. Riservato ad agenti e venditori. (3 giornate intervallate) TRAINING Riservato ad agenti e venditori (3 giornate intervallate) 2 1. INTERPRETARE IL PROPRIO RUOLO CON ORGOGLIO, POSITIVITÀ, CREATIVITÀ E CORAGGIO, RAFFORZANDO LA PROPRIA AUTOMOTIVAZIONE AL MIGLIORAMENTO

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

TEAM COACHING. Coach e Trainer: Damiano De Cristofaro

TEAM COACHING. Coach e Trainer: Damiano De Cristofaro Public Team Coaching Speaking TEAM COACHING Quest'opera è coperta da licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-non opere derivate 2.5 Italia. Per leggere una copia della licenza visita il sito

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

Gestione del conflitto o della negoziazione

Gestione del conflitto o della negoziazione 1. Gestione del conflitto o della negoziazione Per ognuna delle 30 coppie di alternative scegli quella che è più vera per te. A volte lascio che siano gli altri a prendersi la responsabilità di risolvere

Dettagli

SOMMARIO. Scopri che albero sei. In quale figura ti identifichi meglio: una pianta solitaria o un albero di bosco?...pag. 19

SOMMARIO. Scopri che albero sei. In quale figura ti identifichi meglio: una pianta solitaria o un albero di bosco?...pag. 19 SOMMARIO Introduzione Gli alberi, antenati maestosi e sacri, specchio di noi stessi...pag. 7 Scopri che albero sei Primo passo In quale figura ti identifichi meglio: una pianta solitaria o un albero di

Dettagli

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT METODOLOGIA DELL ASSESSMENT Chi siamo HR RiPsi nasce come divisione specializzata di Studio RiPsi grazie alla collaborazione di Psicologi e Direttori del Personale che hanno maturato consolidata esperienza

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

shapes competency development report

shapes competency development report shapes competency development report candidato/a: Max Mustermann amministrazione: 29.07.2005 rapporto creato: 19.02.2007 cut-e gmbh e-mail: info@cut-e.com große bleichen 12 tel: +49-40-3250.3890 20354

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL

DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL CULTURA AZIENDALE RITENIAMO CHE UNA FORTE CULTURA AZIENDALE COSTITUISCA UN ENORME VANTAGGIO CONCORRENZIALE. QUANDO PARLO DELLA CULTURA DELLA DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI

Dettagli

la crescita è la chiave

la crescita è la chiave AREA LEADERSHIP PROFESSIONALE IL COACHING Lo strumento di manutenzione dell uomo LeadershipLab Training Gubbio (Perugia) N.Verde 800.960.318 la crescita è la chiave MARCO MERANGOLA Tel 366 37.72.330 Fax

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso)

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) A CURA DI VINCENZO FANELLI 1 IL SIGNIFICATO DI LEADERSHIP La leadership

Dettagli

Report Leadership Matching

Report Leadership Matching Leader: Mario Rossi Collaboratore: Francesca Colombo Questo Report è un prodotto di PDA International. PDA International è leader nell approvvigionamento di valutazioni comportamentali utilizzate per reclutare,motivare

Dettagli

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON LA VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON Attivazione struttura cooperativa ALZATI E CONDIVIDI QUALI SONO I PROBLEMI CHE INCONTRO NELLA VALUTAZIONE? CRITICA ALLA VALUTAZIONE TRADIZIONALE

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE Lunedì 17 Febbraio 2014 Misericordia nel Comune di Lari Corso di Formazione di livello Base e Avanzato ASPETTI RELAZIONALI NELL APPROCCIO AL PAZIENTE RELATORE Benedetto Deri, F.M.R.T. Misericordia nel

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

La Gestione delle Risorse Umane nello Studio Professionale. Dott. Simone Cavestro Sinthema Professionisti Associati

La Gestione delle Risorse Umane nello Studio Professionale. Dott. Simone Cavestro Sinthema Professionisti Associati La Gestione delle Risorse Umane nello Studio Professionale Dott. Simone Cavestro La Sfida attuale In uno scenario in continua evoluzione, dove si sviluppano con velocità crescente Organizzazione Tecnologie

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 Competenze di coaching per Tutti i Coach 1. Rispettare le linee guida etiche, legali e professionali 2. Stabilire il contratto di coaching e gli obiettivi

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA 1. programmazione e strutturazione dell intervista: gli argomenti da scegliere per ciascun cliente 2. la presa di contato con il cliente: tecniche di aggancio o di approccio

Dettagli

O P E N S O U R C E M A N A G E M E N T PILLOLE DI TEST COMPRENSIONE. w w w. o s m v a l u e. c o m

O P E N S O U R C E M A N A G E M E N T PILLOLE DI TEST COMPRENSIONE. w w w. o s m v a l u e. c o m O P E N S O U R C E M A N A G E M E N T PILLOLE DI TEST COMPRENSIONE w w w. o s m v a l u e. c o m COMPRENSIONE (RELAZIONI) Qualità generale delle relazioni. Capacità della persona di costruirsi relazioni

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

LA RELAZIONE l area della relazionalità

LA RELAZIONE l area della relazionalità PROGETTO MENTOR LA RELAZIONE Una serie di funzioni e di figure professionali occupano l area della relazionalità tra persone diretta a diversi scopi: facilitativi, orientativi, formativi, di soluzione

Dettagli

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti Gestire e valorizzare le risorse umane Ennio Ripamonti 1 1. Le funzioni 2. La leadership situazionale 3. Empowerment 4. Condurre riunioni 5. Dinamica di ruolo 2 1 Le funzioni 3 LE FUNZIONI DI GESTIONE

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 1 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 2 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR conoscere 1) CONOSCENZA DEL CAMPO DI APPLICAZIONE 2) CONOSCENZA DELL'ANALISI TRANSAZIONALE 3) CONTRATTUALITAʼ

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA AREA SOCIO/AFFETTIVA- SCUOLA PRIMARIA Integrazione tra i lavori di gruppo di settembre (Thouar, Villini, Paganini, Montanella) 1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA Competenza personale L alunno è consapevole della

Dettagli

Restaurant Manager Academy

Restaurant Manager Academy Restaurant Manager Academy 1 La conoscenza non ha valore se non la metti in pratica L Accademia Un percorso formativo indispensabile per l attività di un imprenditore nel settore della ristorazione e dell

Dettagli

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA CHI È BAMA? Siamo un azienda tutta italiana che da oltre tre decenni rende la vostra quotidianità più comoda e più allegra, grazie a prodotti

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo la precedente esposizione delle competenze della leadership secondo il modello di Goleman-Boyatzis-McKee,

Dettagli

Experiential Training Activity

Experiential Training Activity Experiential Training Activity L EXPERIENTIAL TRAINING ACTIVITY È un modo di fare formazione che va da semplici tecniche all'aperto fino a progetti molto complessi. L Experiential Training Activity è una

Dettagli

Le componenti dell'assertività

Le componenti dell'assertività ASSERTIVITA Il comportamento assertivo è quel comportamento attraverso il quale si affermano i propri punti di vista, senza prevaricare né essere prevaricati. Si esprime attraverso la capacità di utilizzare

Dettagli

STILI DI LAVORO IN GRUPPO

STILI DI LAVORO IN GRUPPO TEST DI PARKER STILI DI LAVORO IN GRUPPO SCOPO Il Questionario sui membri del gruppo vi aiuterà ad individuare il vostro stile come membro del gruppo. I risultati vi permetteranno di valutare i vostri

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Guida per i venditori

Guida per i venditori Guida per i venditori Vendere un azienda può essere complicato e impegnativo ed è generalmente un evento che si presenta una volta nella vita. Vi preghiamo di leggere con attenzione i seguenti paragrafi.

Dettagli

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale.

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. Gestione e sviluppo richiedono oggi comportamenti diversi

Dettagli

ALLEGATO B. Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI

ALLEGATO B. Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI ALLEGATO B Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI Il presente allegato rappresenta il risultato della procedura di concertazione di cui

Dettagli

Team e lavoro di gruppo

Team e lavoro di gruppo Team e lavoro di gruppo Team di lavoro Team Numero ridotto di persone aventi capacità complementari che si ritengono reciprocamente responsabili per scopo, obiettivi e approccio comuni. L evoluzione di

Dettagli

www.learningschool.it

www.learningschool.it Piano di Formazione Scuola Vendite Progetto Finanziato dal Fondo Coordinato da e Informazioni: Gli ultimi 2 anni, causati dalla profonda crisi economica internazionale, hanno visto un rallentamento del

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Circolo Didattico di Angera

Circolo Didattico di Angera Circolo Didattico di Angera COME AIUTARE I PROPRI FIGLI A STUDIARE E A FARE I COMPITI Indicazioni della scuola per i genitori degli alunni Linee guida redatte dal Nucleo di Autovalutazione e Qualità PREMESSA

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

Il tuo profilo personale

Il tuo profilo personale Il tuo profilo personale 1 Ti piacerebbe sapere come ti descrive un affermatissimo sistema di Sviluppo Personale? Ti piacerebbe scoprire le tue potenzialità, i tuoi lati forti ed esplorare quelli migliorabili?

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Il counseling: uno strumento per il benessere organizzativo ELISABETTA GHEZZI

Il counseling: uno strumento per il benessere organizzativo ELISABETTA GHEZZI Il counseling: uno strumento per il benessere organizzativo ELISABETTA GHEZZI Non posso cambiare la direzione del vento, ma posso sistemare le vele in modo da poter raggiungere la mia destinazione IL COUNSELING

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

MODULO 2 LEZIONE 19 IL GRUPPO SPORTIVO (SECONDA PARTE)

MODULO 2 LEZIONE 19 IL GRUPPO SPORTIVO (SECONDA PARTE) MODULO 2 LEZIONE 19 IL GRUPPO SPORTIVO (SECONDA PARTE) CONTENUTI Leadership Scale for Sports 5 dimensioni del comportamento del leader Soddisfazione dei membri Significatività della leadership 4. Coesione:

Dettagli

Di cosa di occuperemo?

Di cosa di occuperemo? Un contributo per interpretare e gestire i flussi di comunicazione nel processo di ispezione Di cosa di occuperemo? aspetti di comunicazione e relazionali nelle visite ispettive e nel processo di certificazione

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Vai a visitare un cliente ma non lo chiudi nonostante tu gli abbia fatto una buona offerta. Che cosa fai? Ti consideri causa e guardi

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

HOGANDEVELOP INSIGHT. Report di: John Doe ID: HC560419 Data: 23 Maggio 2016 2013 HOGAN ASSESSMENT SYSTEMS INC.

HOGANDEVELOP INSIGHT. Report di: John Doe ID: HC560419 Data: 23 Maggio 2016 2013 HOGAN ASSESSMENT SYSTEMS INC. Report di: John Doe ID: HC560419 Data: 23 Maggio 2016 2013 HOGAN ASSESSMENT SYSTEMS INC. INTRODUZIONE Il Motives, Values, Preferences Inventory descrive i valori, gli obiettivi e gli interessi delle persone.

Dettagli

Hashomer Hatzair World Movement

Hashomer Hatzair World Movement Autonomia Giovanile Definizione: L'autonomia giovanile è lo sviluppo della confidenza e dell' autocoscienza nei giovani, che da loro il potere di agire e raggiungere i propri obiettivi con la libertà di

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING

NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING gno Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING COSA

Dettagli

John Sample. martedì 27 marzo 2012. Modulo Base Modulo Management Modulo Vendita Efficace Modulo Sviluppo Personale Modulo Colloquio di Selezione

John Sample. martedì 27 marzo 2012. Modulo Base Modulo Management Modulo Vendita Efficace Modulo Sviluppo Personale Modulo Colloquio di Selezione martedì 27 marzo 2012 Modulo Base Modulo Management Modulo Vendita Efficace Modulo Sviluppo Personale Modulo Colloquio di Selezione Dati Personali : John Sample Coordinator jsample@insights.anon.com Insights

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli