ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TEGNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TEGNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA)"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TEGNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA) DOCUMENTO ELABORATO DAL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5^ SIRIO ESAMI DI STATO (conclusivi dei corsi di istruzione secondaria superiore) ANNO SCOLASTICO 2014/2015

2 CARATTERISTICHE DEL TERRITORIO E DELL'UTENZA L'Istituto Tecnico Statale Economico e Tecnologico "Tannoia", nella configurazione di una sede centrale in Corato e di una sede staccata a Ruvo, opera su un territorio compreso fra le città di Corato, Ruvo e Terlizzi, città dalle quali proviene la sua utenza nella quasi totalità. Le città del cosiddetto "bacino di utenza" (Corato, Ruvo e Terlizzi) si contraddistinguono per le diverse realtà economico-produttive: Corato, a vocazione commerciale e produttiva; Ruvo, a vocazione turistico-culturale; Terlizzi, a vocazione artigianale e florovivaistica. Inoltre si registra la presenza su tutto il territorio di liberi professionisti e di un terziario diffuso. ELEMENTI CARATTERIZZANTI IL PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA Gli elementi caratterizzanti il piano dell'offerta formativa sono: 1. Le scelte educative: la dimensione europea dell'insegnamento, intesa come approccio trasversale alle discipline per rispondere all'esigenza di promuovere una cittadinanza europea non intesa nel senso della rinuncia alla identità culturale nazionale, bensì nel senso dell'acquisizione della capacità di confronto e di coesistenza fra più culture. 2. Le scelte didattiche: variegato appare, all'interno dell'istituto il panorama relativo alle metodologie didattiche. Da anni l'istituto sperimenta modalità didattiche che si affianchino alla lezione frontale e alle verifiche tradizionali (scritte e orali). In particolare, molti sono i docenti che si sono cimentati nella sperimentazione del "cooperative learning" e della didattica breve. E' importante sottolineare la presenza di attività extracurriculari che integrano l'offerta e- ducativa. PROFILO PROFESSIONALE DEL RAGIONIERE (indirizzo Sirio) Il progetto Sirio, ormai all ultima annualità, tende ad applicare un sistema formativo flessibile che risponde ai bisogni di utenze particolari come coloro che intendono rientrare nel sistema formativo. La stessa Comunità Europea ha emanato direttive volte a stimolare gli Stati membri ad organizzare forme di intervento per il recupero delle carenze nella formazione di base, la riconversione professionale e l educazione permanente. Questa flessibilità si traduce nel riconoscimento dei crediti formativi, tutoring, riduzione dell orario settimanale di lezione e soprattutto metodologie didattiche tendenti a valorizzare le esperienze culturali e professionali degli studenti. Per questo l indirizzo SIRIO risponde all esigenza di una formazione continua che ampli le competenze dello studente lavoratore e di chi intende aggiornarsi in relazione ai bisogni che emergono dalla società e dal mondo del lavoro. Il corso fornisce una preparazione economico aziendale arricchita da un insegnamento di una lingua straniera indispensabile in un mercato ormai di respiro europeo. Il ragioniere, esperto di problemi di economia aziendale, oltre a possedere una consistente cultura generale accompagnata da buone capacità linguistico espressive e logico - interpretative, dovrà avere conoscenze ampie e sistematiche dei processi che caratterizzano la gestione aziendale sotto il profilo economico, giuridico, organizzativo e contabile. In particolare, egli dovrà essere in grado di analizzare i rapporti fra l azienda e l ambiente in cui opera per proporre soluzioni a problemi specifici. Pertanto egli saprà: - leggere, redigere ed interpretare ogni significativo documento aziendale; - utilizzare metodi, strumenti, tecniche contabili per una corretta rilevazione dei fenomeni gestionali; - elaborare dati e rappresentarli in modo efficace per favorire i diversi processi decisionali ed organizzativi; Egli dovrà, quindi, essere orientato a: ITSET Tannoia Corato (BA)

3 - documentare adeguatamente il proprio lavoro e comunicare efficacemente utilizzando appropriati linguaggi tecnici; - effettuare scelte e prendere decisioni ricercando le informazioni opportune; - partecipare al lavoro organizzato, individuale o di gruppo, accettando ed esercitando il coordinamento; - affrontare i cambiamenti, aggiornando e ristrutturando le proprie conoscenze. L acquisizione di tali capacità gli deriveranno anche dall abitudine ad affrontare e risolvere problemi di tipo gestionale, analizzati nelle loro strutture logiche con un approccio organico ed interdisciplinare. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE ALUNNI FREQUENTANTI: 27 di cui: MASCHI: 16 FEMMINE: 11 ELENCO DEI CANDIDATI 1 ALTAMURA DOMENICO 2 BRESCIA NUNZIO 3 CANTATORE NICOLA 4 CEDDIA MICHELE 5 CIALDELLA ANNA 6 CURATELLA RICCARDINA 7 CURCI VINCENZO 8 DE LUCIA DEBORAH 9 DE MUSSO GIUSEPPE EMANUELE 10 DI VITTORIO GIANLUCA 11 ELICIO GIUSEPPE 12 GROSSO ROSSANA 13 LOPS MARIA 14 LOSURDO VITO 15 MARCONE ANNAMARIA 16 MASTRORILLI DOMENICO 17 MASTROTOTARO CATERINA 18 PIOMBINO FRANCESCO 19 QUERCIA PEPPINO 20 RUTIGLIANO MICHELE 21 SCARPA MARIANNA 22 SPERANZA GIUSEPPE 23 STRIPPOLI MARIANGELA 24 TEDESCHI DANIELE ITSET Tannoia Corato (BA)

4 25 TEDONE CARMINE 26 TERLIZZI FRANCESCA 27 VARESANO NUNZIA ELENCO DEI DOCENTI CASSANDRO GIOVANNI CAVUOTO CATALDO DE SCISCIOLO MICHELA LAFRANCESCHINA PASQUALE MASSIMO ROSARIO Diritto Scienza delle Finanze Lingua e Letteratura Italiana Storia Lingua e Letteratura Inglese Economia Aziendale Matematica Applicata STORIA DELLA CLASSE La quasi totalità degli studenti della 5^ SIRIO non ha seguito un normale corso di cinque anni e approfitta della possibilità offerta dal progetto SIRIO che riconosce alcune competenze già possedute dagli studenti e acquisite in seguito a studi compiuti e certificati o in ambito lavorativo o con studi personali coerenti con l indirizzo di studi (crediti formali e crediti non formali). Nell anno scolastico si è formata la classe 3^ SIRIO e 3 a- lunni sono stati inseriti in 4^ classe. Pertanto il gruppo degli studenti provenienti dalla 4^ classe Sirio è 19. In quest ultimo anno scolastico si sono aggiunti 8 nuovi alunni; 2 provenienti dalle 5^ classi di codesto Istituto indirizzo afm, 1 proveniente dalla 3^ classe del corso Sirio che ha conseguito l ammissione alla 5^ classe previo esame integrativo, 2 alunni ammessi alla 5^ classe provenienti da scuole private indirizzo afm e, infine 4 allievi ripetenti provenienti da scuole professionali per i servizi commerciali e aziendali, di cui 1 inserito alla fine del 1 quadrimestre. Per quanto riguarda i docenti c è da segnalare che per l intero triennio la gran parte di essi è cambiata, non realizzandosi pertanto la continuità didattica. Dal punto di vista formativo è opportuno sottolineare che la classe si presenta variegata in quanto si registra la presenza di alcuni elementi dotati di un valido background di conoscenze e di altri, invece, forniti di una elementare cultura di base. Il lavoro di integrazione è stato promosso dai docenti ed accettato positivamente dalla classe. ANALISI DEI LIVELLI DI PARTENZA E DEI LIVELLI RAGGIUNTI DALLA CLASSE La 5^ Sirio è formata da studenti di media estrazione socio culturale. La maggior parte della classe è costituita da giovani che svolgono, nella quasi totalità, un attività lavorativa. A questi si aggiungono degli adulti con famiglia propria e un lavoro antimeridiano. Quest ultimi, pur riprendendo lo studio dopo diversi anni, hanno dimostrato da subito un ottimo affiatamento, una frequenza assidua e un interesse costante. Il lavoro di integrazione, promosso dai docenti, ha permesso alla classe di rispondere sempre positivamente alle varie sollecitazioni e di mantenere un rapporto sereno, rispettoso e costruttivo con tutti gli insegnanti. Dal punto di vista culturale è opportuno sottolineare che la situazione di ITSET Tannoia Corato (BA)

5 partenza non era delle migliori considerata la variegata provenienza degli studenti. Per quanto riguarda la motivazione allo studio e l interesse alla crescita formativa, la maggioranza degli alunni ha avuto un comportamento maturo e diligente, solo pochi studenti, che hanno frequentato non assiduamente le lezioni, hanno mostrato un atteggiamento superficiale verso i doveri scolastici. Questa disponibilità della maggioranza al dialogo e l alto senso di responsabilità di molti ha consentito di raggiungere gli obiettivi educativi e formativi posti dal Consiglio di classe. Infine, le attività didattiche hanno privilegiato il consolidamento di un metodo di studio autonomo da parte degli alunni e lo sviluppo di capacità di sintesi e di rielaborazione non disgiunte da una esposizione più fluida ed appropriata; per molti alunni queste abilità erano abbastanza deficitarie nella situazione di partenza ma con un impegno proficuo da parte degli stessi esse sono sensibilmente migliorate nella fase finale del corso di studi. OBIETTIVI FISSATI IN FASE DI PROGRAMMAZIONE INIZIALE Obiettivi generali EDUCATIVI L alunno deve: Impegnarsi a rispettare nei rapporti interpersonali i valori di legalità, tolleranza, cooperazione, solidarietà, assumendo comportamenti improntati a senso di responsabilità, rispetto delle regole, delle persone e delle cose Essere disponibile al confronto e al lavoro di gruppo, partecipando in modo costruttivo all attività didattica Partecipare consapevolmente al processo di apprendimento, acquisendo consapevolezza degli obiettivi, dei criteri e degli strumenti di valutazione fissati dal Consiglio di Classe, in linea generale e nelle varie discipline Essere in grado di autovalutarsi, prendendo coscienza dei propri punti di forza e di debolezza e impegnarsi nel percorso di recupero in modo responsabile. COGNITIVI ( conoscenze, competenze, capacità ) L alunno deve: Conoscere i temi di studio e saperli contestualizzare, collegare e inserire in un preciso quadro di riferimento Saper decodificare ed interpretare un testo Saper comunicare in modo chiaro e corretto, con padronanza della lingua parlata e scritta ed uso appropriato di linguaggi disciplinari Saper rielaborare autonomamente le proprie conoscenze, esprimendo giudizi personali OBIETIVI SPECIFICI ( relativi al profilo professionale ) L alunno deve: Saper utilizzare strumenti, metodi, tecniche contabili ed extracontabili per una corretta rilevazione dei fenomeni gestionali Saper leggere, redigere e interpretare i più significativi documenti aziendali Saper elaborare dati e rappresentarli in modo efficace per favorire i diversi processi decisionali Saper cogliere gli aspetti organizzativi delle varie funzioni aziendali Questi obiettivi sono stati raggiunti dagli alunni: in maniera abbastanza completa per un piccolo gruppo di essi, in modo sufficiente per la maggior parte, appena soddisfacente per pochissimi. La classe nel complesso appare cresciuta culturalmente e professionalmente ed ha realizzato miglioramenti consistenti rispetto alla situazione di partenza. ITSET Tannoia Corato (BA)

6 METODI E TECNICHE DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO Si sono utilizzate le seguenti tecniche di insegnamento con l impiego, secondo i casi, del metodo deduttivo o di quello induttivo: Brainstorming Lezione frontale Lezione partecipata Problem solving Conversazioni guidate Lavori di gruppo e cooperative learning Simulazioni di situazioni concrete Gli alunni sono stati orientati e guidati a: Saper gestire il proprio tempo al meglio per lo svolgimento del lavoro Personalizzare lo studio perché sia meno mnemonico e più razionale ed efficace Farsi coinvolgere dalle diverse tecniche via via adottate per trarne il massimo rendimento Inoltre, dove è stato possibile, l azione didattica ha teso a coinvolgere lo studente anche attraverso la chiara indicazione di traguardi raggiungibili e di compiti realizzabili rispetto ai quali i docenti si sono posti come facilitatori di apprendimento. STRUMENTI E SUSSIDI DIDATTICI UTILIZZATI Testi adottati \ Testi consultati Manuali Dizionari Schemi di sintesi Quotidiani \ Periodici Documenti autentici in lingua Sussidi audiovisivi Laboratori di informatica Fotocopie Codici STRUMENTI DI VERIFICA La verifica ha sempre avuto lo scopo di: Assumere informazioni sul processo di insegnamento \ apprendimento in corso per orientarlo e modificarlo secondo le esigenze Controllare l adeguatezza dei metodi, delle tecniche e degli strumenti ai fini prestabiliti Le verifiche poste in atto sono: Verifica orale Discussioni aperte / Interventi Tema / analisi di un testo / saggio breve / articolo di giornale Trattazione sintetica Questionario Problema Relazione Esercizi di vario genere In ogni caso si rimanda alle schede delle singole programmazioni disciplinari ATTIVITA DI RECUPERO, CONSOLIDAMENTO E POTENZIAMENTO Al fine di colmare le eventuali lacune, nel corso di quest'ultimo anno, il Consiglio di Classe si è orientato verso il recupero in itinere. ITSET Tannoia Corato (BA)

7 CRITERI E SCALA DI VALUTAZIONE DEI COMPORTAMENTI E DEI PROCESSI DI AP- PRENDIMENTO La scala utilizzata fa riferimento alla tassonomia di Bloom integrata, relativamente alla sfera comportamentale e alle competenze linguistico - espressive OBIETTIVI COGNITIVI CONOSCENZA Di termini, fatti specifici, convenzioni, classificazioni, regole, teorie, metodologie, argomenti, tematiche relative all ambito di studio COMPETENZA Di lettura, interpretazione e comprensione Di comunicazione ed espressione: saper costruire un testo, secondo requisiti di chiarezza, coerenza, correttezza, con uso appropriato di linguaggi specifici Di applicazione CAPACITA Di analisi e sintesi, individuando gli elementi essenziali ed accessori organizzando informazioni, conoscenze, considerazioni Di rielaborazione, collegamento e valutazione, contestualizzando, stabilendo analogie e differenze, esprimendo opinioni e valutazioni Di svolgere un attività di approfondimento e ricerca, sviluppando il collegamento tra le varie aree della conoscenza FASCE DI LIVELLO Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono Ottimo Eccellente FASCE DI LIVELLO Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono Ottimo Eccellente FASCE DI LIVELLO Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono Ottimo Eccellente OBIETTIVI EDUCATIVI OBIETTIVI EDU- CATIVI FASCE DI LIVELLO Frequenza Assidua Regolare Sporadica Saltuaria Impegno Continuo Regolare Superficiale Scarso Partecipazione Attiva Costruttiva Distaccata Passiva Metodo di studio Preciso Organico Approssimativo Confuso Socializzazione Sicura Buona Incerta Difficoltosa Comportamento Corretto Responsabile Poco controllato Scorretto ITSET Tannoia Corato (BA)

8 DEFINIZIONE DI CRITERI COMUNI PER LA CORRISPONDENZA TRA VOTI E LIVELLI DI CONOSCENZA, COMPETENZA E CAPACITA Il Consiglio di Classe ha inoltre definito come segue i criteri di corrispondenza tra voti, giudizi sintetici e livelli di conoscenza, competenza, capacità. GIUDIZIO SINTETICO VOTO LIVELLI DI CONOSCENZA, COMPETENZA, CA- PACITA ECCELLENTE 10 Evidenzia conoscenza organica e comprensione completa dell argomento, di cui sviluppa tutti gli elementi. Espone con proprietà, chiarezza e coerenza. Sa applicare le conoscenze a situazioni concrete. Rielabora le conoscenze con contributi personali, offrendo anche soluzioni originali. OTTIMO 9 Evidenzia conoscenza organica e comprensione completa dell argomento, di cui sviluppa tutti gli elementi. Espone con chiarezza, coerenza e proprietà. Sa applicare le conoscenze a situazioni concrete. Rielabora le conoscenze in forme personali. BUONO 8 Evidenzia conoscenza precisa e comprensione completa dell argomento, di cui sviluppa gli elementi. Sa applicare le conoscenze. Espone con chiarezza, coerenza e proprietà. DISCRETO 7 Evidenzia conoscenza articolata e comprensione adeguata dell argomento, di cui sviluppa gli elementi. Riesce ad applicare le conoscenze, anche se guidato, a volte, dal docente. Espone con sufficiente chiarezza, coerenza e proprietà. SUFFICIENTE 6 Evidenzia conoscenza essenziale e comprensione dei punti nodali dell argomento. Espone con sufficiente chiarezza, pur incorrendo in lievi errori e improprietà. MEDIOCRE 5 Evidenzia conoscenza e comprensione parziale dei punti nodali dell argomento. Espone con scarsa sicurezza, incorrendo in errori e improprietà. INSUFFICIENTE 1-4 Evidenzia conoscenza e comprensione gravemente insufficienti dell argomento, di cui non coglie gli elementi fondamentali. Espone con difficoltà, incorrendo in errori e improprietà. Il Consiglio di Classe, nella valutazione periodica e finale, si è impegnato a tenere conto anche dei seguenti elementi: Progressi significativi rispetto alla situazione di partenza Livello della classe Situazione personale (gravi problemi di salute o di famiglia ), quando essa non pregiudichi del tutto l acquisizione degli obiettivi minimi Partecipazione costruttiva all area di progetto e alle attività integrative ITSET Tannoia Corato (BA)

9 CRITERI DI VALUTAZIONE E GRIGLIE DI OSSERVAZIONE DEI COMPORTAMENTI DEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO INDICATORI E DESCRITTORI DELLA VALUTAZIONE Punti Punti Punti CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITA ESITO /10 /15 / Nessuna Nessuna Nessuna Nullo Non riesce ad orientarsi anche se guidato Frammentarie e gravemente lacunose Lacunose e parziali Limitate e superficiali Complete ma non approfondite. Complete; se guidato sa approfondire. Nessuna Nessuna Assolutamente insufficiente Applica le conoscenze minime solo se guidato, ma con gravi errori. Si esprime in modo scorretto ed improprio. Compie analisi errate. Applica le conoscenze con imperfezioni. Si e- sprime in modo impreciso. Compie analisi parziali. Applica le conoscenze senza commettere errori sostanziali. Si esprime in modo semplice e corretto. Sa individuare elementi e relazioni con sufficiente correttezza. Applica autonomamente le conoscenze anche a problemi più complessi, ma con imperfezioni. Espone in modo corretto e linguisticamente appropriato. Compie analisi complete e coerenti. Nessuna Compie sintesi scorrette. Gestisce con difficoltà situazioni nuove e semplici. Rielabora sufficientemente le informazioni e gestisce situazioni nuove e semplici. Rielabora in modo corretto le informazioni e gestisce le situazioni nuove in modo accettabile. Gravemente insufficiente Applica le conoscenze minime se guidato, ma con errori. Si esprime in modo scorretto ed improprio; compie analisi lacunose e con errori. Insufficiente Mediocre Sufficiente. Discreto. ITSET Tannoia Corato (BA)

10 Complete, con qualche approfondimento autonomo. Complete, organiche, articolate e con approfondimenti autonomi. Organiche, approfondite ed ampliate in modo del tutto personale. Applica autonomamente le conoscenze anche a problemi più complessi. Espone in modo corretto e con proprietà linguistica. Compie a- nalisi corrette; coglie implicazioni; individua relazioni in modo completo. Applica le conoscenze in modo corretto ed autonomo, anche a problemi complessi. Espone in modo fluido ed utilizza linguaggi specifici. Compie analisi approfondite ed individua correlazioni precise. Applica le conoscenze in modo corretto ed autonomo, anche a problemi complessi e trova da solo le soluzioni migliori. Espone in modo fluido, utilizzando un lessico ricco ed appropriato. Rielabora in modo corretto e completo. Rielabora in modo corretto, completo ed autonomo. Sa rielaborare correttamente ed approfondire in modo autonomo e critico situazioni complesse. Buono. Ottimo. Eccellente. SCHEDA INFORMATIVA GENERALE SULLA PROGRAMMAZIONE DELLA TERZA PROVA CRITERI SEGUITI PER LA PROGETTAZIONE DELLA PROVA INTEGRATA Il Consiglio di Classe, tenuto conto: del curricolo di studi, delle caratteristiche del corso, degli obiettivi generali e cognitivi definiti nella propria programmazione didattica, della fisionomia della classe e delle attività svolte nel corso dell anno, delle materie scritte definite per l'esame di Stato, -ha individuato come tipologia di prova più idonea all accertamento della preparazione dei candidati i Quesiti a risposta singola (tipologia di prova B, prevista dall art. 2 del D.M. 18 Settembre 1998, n.357); - ha individuato le seguenti discipline come centrali nello svolgimento della prova: Inglese, Matematica Applicata, Storia, Diritto, Scienza delle Finanze; -ha indicato alcuni criteri essenziali per la formulazione dei quesiti. Essi devono: essere finalizzati all accertamento delle conoscenze essenziali, essere in correlazione effettiva con i contenuti sviluppati, essere formulati in modo chiaro ed univoco. -Ha indicato i tempi di esecuzione tenendo conto delle difficoltà della prova -Ha definito i criteri da adoperare per la revisione e la valutazione della prova fissando una griglia di valutazione e stabilendo con particolare attenzione i criteri di sufficienza. ITSET Tannoia Corato (BA)

11 SCHEDE INFORMATIVE RELATIVE ALLE PROVE INTEGRATE Per preparare gli allievi a sostenere la terza prova degli Esami di Stato sono state effettuate due simulazione di terza prova. SIMULAZIONE TERZA PROVA Date di effettuazione delle simulazione: 27 marzo e 30 aprile 2015 Durata della prova: tre ore Materie coinvolte nella prova: Diritto, Scienza delle Finanze, Inglese, Matematica Applicata, Storia. Tipologia di verifica della prova: Quesiti a risposta singola. Criteri di valutazione adottati per la terza prova: si rimanda all allegato n. 3. Simulazione: per una conoscenza più precisa si rimanda all allegato n. 5, contenente i testi delle prove effettuate. VALUTAZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO E FORMATIVO Concorrono a formare il credito scolastico più elementi di valutazione: profitto e livello di partecipazione alle attività scolastiche. CRITERI DI ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO E DEL CREDITO FORMATI- VO Il credito scolastico verrà attribuito in base: alla valutazione del grado di preparazione complessiva raggiunto da ciascun alunno nell anno scolastico in corso, con riguardo al profitto e tenendo in considerazione anche la frequenza scolastica; all interesse e la partecipazione al dialogo educativo; alla partecipazione alle attività complementari ed integrative; ad eventuali crediti formativi derivanti da esperienze formative, qualora siano coerenti con il corso di studi e opportunamente documentate. Il credito formativo non verrà attribuito qualora: l alunno sia stato promosso con debito formativo in una o più materie nell anno scolastico precedente e tale debito non sia stato colmato in tutte le materie nel corso dell attuale anno scolastico nel corso dell anno l alunno abbia riportato note disciplinari personali o abbia prodotto un elevato numero di assenze. ITSET Tannoia Corato (BA)

12 ALLEGATO n. 1 Criteri per la valutazione della 1^ prova (Italiano) Classe 5^ sez. Alunno/a Cognome Nome INDICATORI CONOSCENZE Padronanza dei contenuti TOT. Carenti e/o frammentarie 1 Adeguate 2 Ampie ed approfondite 3 Pertinenza del contenuto rispetto alla traccia Utilizzo riduttivo della traccia 1 Utilizzo semplificato della traccia 2 Comprensione piena della traccia 3 COMPETENZE LINGUISTICHE LOGICO- ESPRESSIVE Analisi ed organizzazione dei contenuti Analisi insufficiente e debole organizzazione dei contenuti Analisi essenziale ed organizzazione corretta Analisi approfondita ed organizzazione coerente Coesione e correttezza formale della struttura testuale Presenza di scorrettezze o espressioni involute Linguaggio appropriato e lineare 2 1 Organicità della struttura testuale e linguaggio fluido e corretto 3 CAPACITÀ DI AR- GOMENTAZIONE E DI ELABORAZIONE PERSONALE Argomentazione carente 1 Argomentazione semplice 2 Argomentazione ben articolata con elementi di elaborazione personale 3 TOTALE PUNTEGGIO ITSET Tannoia Corato (BA)

13 ALLEGATO n. 2 Criteri per la valutazione della 2^ prova (Economia Aziendale) Alunno: Classe 5^ Sirio INDICATORI LIVELLO DI PRESTAZIONE PUNTI Conoscenze specifiche degli argomenti Conoscenza completa, corretta ed approfondita Conoscenza essenziale 3 Conoscenza superficiale con qualche lacuna Conoscenza frammentaria e lacunosa PUNTEGGIO ATTRIBUI- TO Risponde a tutte le domande in modo e- sauriente e approfondito 4 Esposizione ben articolata, fluida Aderenza alla traccia e chiarezza espositiva Risponde a tutte le richieste in modo e- sauriente 3 Esposizione coerente e corretta Risponde alle richieste fondamentali in modo generico ma corretto 2 Esposizione accettabile Risponde solo ad alcune richieste in modo parziale Esposizione frammentaria 1 Ottima, efficace 4 Organicità e capacità di sintesi Buona 3 Sufficiente 2 Limitata, modesta 1 Uso della terminologia specifica Corretta e pertinente 3 Limitata ma appropriata 2 Imprecisa 1 TOT. / 15 ITSET Tannoia Corato (BA)

14 QUESITO1 QUESITO2 OUESITO1 QUESITo2 QUESITO1 QUESITO2 QUESITO1 QUESITO2 QUESITO1 QUESITO2 QUESITO2 STORIA 1 STORIA 2 MATEM. 1 MATEM. 2 INGLESE 1 INGLESE 2 DIRITTO 1 DIRITTO 2 FINANZE 1 FINANZE 2 A.S. 2014/2015 Documento del Consiglio di Classe Classe 5 SIRIO ALLEGATO n. 3 Criteri per la valutazione della 3^ prova CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA III PROVA SCRITTA PLURIDISCIPLINARE (valutazione in quindicesimi) CLASSE V SIRIO ALUNNO: DISCIPLINE INDICATORI VOTO TOTALE PUNTEGGIO PARZIALE La risposta è completa, corretta chiara e debitamente illustrata. 1,5 La risposta è completa, l esposizione fluida ed appropriata. 1,25 La risposta è sostanzialmente adeguata alle richieste, pur con qualche errore e lessico accettabile. 1 La risposta è incompleta, l esposizione comprensibile ma con imprecisioni formali o tecniche. 0,75 La risposta è incompleta e/o contiene errori gravi e/o del tutto confusa. 0,5 La risposta è largamente incompleta; la capacità di argomentazione è sconnessa. 0,25 La risposta è mancante. 0 TOTALE PUNTI VOTO ASSEGNATO N.B. In caso di totale con decimale maggiore o uguale di 0,5 si approssimerà al punteggio intero maggiore. In caso di totale con decimale minore di 0,5 si approssimerà al punteggio intero minore. ITSET Tannoia Corato (BA)

15 ALLEGATO n. 4 Criteri per la valutazione del Colloquio Orale Punti /1O Punti /30 CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITA' ESITO 1 1 Nessuna Nessuna Nessuna Nullo 2 6 Non riesce ad o- rientarsi anche se guidato Nessuna Assolutamente insufficiente 3 9 Frammentarie e gravemente lacunose 4 12 Lacunose e parziali 5 15 Limitate, generiche, nozionistiche e superficiali 6 18 Essenziali, complete ma non approfondite Complete ed e- saurienti, se guidato sa approfondire Complete, organiche, con qualche approfondimento autonomo Complete, rigorose. organiche, articolate e con approfondimenti autonomi Organiche, approfondite ed ampliate in modo del tutto personale. Applica le conoscenze minime solo se guidato, ma con gravi errori. Si esprime in modo scorretto e improprio. Compie analisi errate. Nessuna Applica le conoscenze minime Compie sintesi se guidato, ma con errori. Si e- scorrette. sprime in modo scorretto ed improprio, compie analisi lacunose e con errori. Applica le conoscenze con imperfezioni. Si esprime in modo impreciso. Applica le conoscenze senza commettere errori sostanziali. Si esprime in modo semplice e corretto. Sa individuare clementi e relazioni con sufficiente correttezza. Applica autonomamente le conoscenze anche a problemi più complessi. ma con imperfezioni. Espone in modo corretto e linguisticamente appropriato Compie analisi complete e coerenti. Applica autonomamente conoscenze anche a problemi più complessi. Espone in modo corretto e proprietà linguistica. Compie analisi corrette, compie implicazioni, individua relazioni in modo completo. Applica le conoscenze in modo corretto e autonomo, anche a problemi complessi. Espone in modo fluido e utilizza i linguaggi specifici. Compie analisi approfondite, e individua correlazioni precise. Applica le conoscenze in modo corretto ed autonomo anche a problemi complessi e trova da solo soluzioni migliori. Espone in modo fluido, utilizzando un lessico ricco ed appropriato. Compie analisi parziali. Gestisce con difficoltà situazioni nuove e semplici Rielabora sufficientemente le informazioni e gestisce situazioni nuove e semplici. Rielabora in modo corretto informazioni e gestisce le situazioni nuove in modo accettabile Rielabora in modo corretto e completo Rielabora in modo corretto, completo e autonomo e con sintesi significative. Gravemente insufficiente Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono Ottimo Sa rielaborare correttamente ed apte. Eccellenprofondire in modo autonomo e critico situazioni complesse. Compie sintesi ed analisi elevate. Complete ITSET Tannoia Corato (BA)

16 ALLEGATO n. 5 Simulazioni terza prova Data: 27 marzo e 30 aprile 2015 TIPOLOGIA: Quesiti a risposta aperta. DISCIPLINE COINVOLTE: Scienza delle Finanze, Inglese, Matematica Applicata, Storia, Diritto. TEMPO PREVISTO PER L ESECUZIONE: 3 ore. LINGUA INGLESE 1) Define franchising and briefly describe this business organisation and the subjects involved. 2) Mergers, fusions, takeovers and acquisitions: what are the main features for each of them? 1) Payment in foreign trade: describe a clean bill collection 2) Write a short essay about the three major economic systems MATEMATICA APPLICATA 1) Il/la candidato/a, individuando brevemente la natura (razionale intera, fratta, irrazionale, ) della funzione sotto indicata, scriva e poi risolva la condizione del dominio. Y= x²- 25 2) Il/la candidato/a, definisca il concetto di Limite di una variabile y funzione della x, facendo anche un breve e semplice esempio. 1) Il candidato/a, indichi lo scopo del Rapporto incrementale di una funzione, e la sua formula generale, con un breve esempio. 2) Il candidato/a, determini la derivata della seguente funzione e il valore x corrispondente al max valore possibile della variabile y nella seguente funzione raz intera: Y = 2x4 2x2 DIRITTO 1) Illustra il compito del Presidente della Repubblica nei confronti del potere giudiziario. 2) Illustra quali sono i principali atti legislativi esercitati dal Governo. 1) Illustra i collegamenti previsti nella Costituzione Italiana tra il Presidente della Repubblica e la Corte Costituzionale. 2) Illustra i passaggi previsti nell iter legislativo e in particolare il potere del Presidente della Repubblica nell approvazione di una legge. SCIENZA DELLA FINANZE 1) Illustra le principali caratteristiche dell imposta. 2) Illustra le principali caratteristiche della finanza neutrale. 1) Illustra la spesa pubblica e la sua classificazione. 2) Illustra le entrate pubbliche e la loro classificazione. STORIA 1) Sintetizza la successione degli eventi che portarono allo scoppio della Prima Guerra Mondiale, quindi illustra lo schieramento delle forze in campo. 2) La rivoluzione bolscevica fino alla NEP di Lenin. 1) L Italia in guerra, la rotta di Caporetto. 2) La Società delle Nazioni. ITSET Tannoia Corato (BA)

17 PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE Il percorso formativo seguito da ciascun docente è stato strutturato ad impianto modulare con la selezione degli argomenti e degli obiettivi, in termini di conoscenze, competenze e capacità acquisite con le singole discipline. LIVELLI RAGGIUNTI DALLA CLASSE A CONCLUSIONE DELL ANNO SCOLASTICO Dalle verifiche di fine anno è emerso che, non tutti gli alunni hanno raggiunto un medesimo livello di preparazione in termini di conoscenze, competenze e capacità. I risultati conseguiti tuttavia possono ritenersi, nel complesso, mediamente più che sufficienti e talora, sia pure a diversi livelli, abbastanza soddisfacenti considerando sempre i punti di partenza. ALLEGATI Relazioni dei docenti Programmi dei contenuti svolti per ogni disciplina ITSET Tannoia Corato (BA)

18 SCHEDE INFORMATIVE ANALITICHE OBIETTIVI IN TERMINE DI CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPA- CITA' - CONTENUTI - METODI - CRITERI E STRUMENTI DELLA MI- SURAZIONE E DELLA VALUTAZIONE - TIPOLOGIE DELLE PROVE UTILIZZATE ALL'INTERNO DI SINGOLE DISCIPLINE O PIU' AREE DISCIPLINARI ITSET Tannoia Corato (BA)

19 LINGUA E LETTERAURA ITALIANA Prof. Cataldo CAVUOTO OBIETTIVI DISCIPLINARI RAGGIUNTI: La classe, composta da 27 alunni (11 femmine e 16 maschi), che non ha goduto di continuità didattica nell arco del triennio, può essere divisa sostanzialmente in tre fasce. La prima comprende un esiguo gruppo di alunni che si distinguono per le buone capacità di analisi, di sintesi e di rielaborazione personale. Questi studenti hanno dato prova di interesse e di impegno durante tutto l'anno, mostrando di possedere un organico ed autonomo metodo di studio, che permette loro di acquisire i contenuti in maniera coerente e completa; anche la produzione scritta è corretta, e le opinioni espresse sono personali e pertinenti. Alla seconda fascia appartengono un discreto numero di alunni che hanno ottenuto complessivamente discreti risultati; essi riescono a riferire i contenuti della disciplina in maniera chiara e a compiere analisi testuali precise usando un linguaggio appropriato. La produzione scritta è abbastanza corretta, i contenuti sono pertinenti, ma non rielaborati. Infine, la terza fascia accoglie un insieme di alunni che si attestano su livelli di piena o stentata sufficienza; essi sono privi nell esposizione di consequenzialità, ed utilizzano un lessico piuttosto semplice ed impreciso. Tali carenze si riscontrano soprattutto nella produzione scritta. METODI DIDATTICI ADOTTATI: Il programma della materia è stato svolto perseguendo gli obiettivi indicati nel piano di lavoro annuale. In particolare si è teso in primo luogo al raggiungimento, il più possibile comune a tutta la classe, del consolidamento delle capacità argomentative e del possesso della lingua come strumento espressivo, d'inserimento sociale e mezzo per il ragionamento critico. Lo studio della storia della letteratura è stato finalizzato ad inquadrare il contesto storicoculturale in cui ogni autore ha agito e a stabilire collegamenti con opere di altri autori contemporanei e non. Oltre allo studio di autori e correnti condotto sul manuale, si è dedicata particolare attenzione alla lettura e all analisi delle opere attraverso cui fosse possibile ricostruire la poetica dell autore e quegli aspetti del pensiero che hanno particolarmente influenzato la cultura occidentale fino ai nostri giorni. Strumento fondamentale dell insegnamento sono state le lezioni frontali, durante le quali sono state stimolate la discussione, le domande e i confronti su e tra i vari autori. STRUMENTI D INSEGNAMENTO: Manuali di letteratura, articoli di giornale, fotocopie, materiale audiovisivo e multimediale. PROVE DI VERIFICA: Interrogazioni, verifiche scritte relative alle varie tipologie previste dal ministero e analisi del testo. GIUDIZIO COMPLESSIVO SULLA CLASSE ( impegno, frequenza, rapporti interpersonali, eventuali problemi disciplinari): La classe nel suo complesso si è mostrata collaborativa con l'insegnante e ha dato prova di serietà ed impegno. Anche l'interesse verso la disciplina è stato quasi sempre vivo e costante; le proposte didattiche sono state accolte in maniera positiva e le consegne sono state rispettate nei modi e nei tempi indicati. La classe non ha mostrato segni di competizione al suo interno, la frequenza è stata nel complesso regolare e il comportamento corretto e responsabile. ITSET Tannoia Corato (BA)

20 STORIA Prof. Cataldo CAVUOTO OBIETTIVI DISCIPLINARI RAGGIUNTI: La classe, composta da 27 alunni, 11 femmine e 16 maschi, nonostante non abbia goduto di continuità didattica nell arco del triennio, ha raggiunto una preparazione complessivamente discreta. Essa può essere suddivisa in tre livelli: il primo comprende studenti che hanno buone capacità di analisi e sanno cogliere agevolmente i nessi tra causa ed effetto, riferiscono i contenuti della disciplina in maniera esauriente, usano un linguaggio appropriato. Il secondo livello include studenti che hanno discrete capacità di analisi e sanno mettere in relazione tra loro i vari avvenimenti, possiedono un corretto ed autonomo metodo di studio ed usano un linguaggio non sempre appropriato. Infine il terzo livello comprende alunni che hanno raggiunto una preparazione mediamente sufficiente, in quanto utilizzano un metodo di studio solo mnemonico e limitatamente rielaborato. METODI DIDATTICI ADOTTATI: Lettura ed analisi di documenti, visione di dvd, ma soprattutto lezioni frontali, durante le quali sono state evidenziate le idee chiave relative all argomento oggetto della spiegazione; il dialogo educativo ha portato gli studenti alla discussione e alla formulazione di domande inerenti la lezione, stimolandoli a ricercare i collegamenti tra passato e presente, e a stabilire i nessi di causa-effetto. STRUMENTI DI INSEGNAMENTO: Manuale di storia, lettura di documenti, uso di tecnologie audiovisive e multimediali per la visione di filmati storici. PROVE DI VERIFICA: Esposizione orale degli argomenti oggetto di studio, discussione guidata, quesiti a risposta singola, esercitazioni sul saggio breve di argomento storico. GIUDIZIO COMPLESSIVO SULLA CLASSE ( impegno, frequenza, rapporti interpersonali, eventuali problemi disciplinari): La classe nel suo complesso ha mostrato un impegno costante durante tutto l'anno, ed un discreto interesse verso la disciplina. Il rapporto tra compagni è stato corretto e quasi sempre solidale. Con l'insegnante gli alunni si sono mostrati collaborativi e rispettosi. La frequenza è stata regolare. ITSET Tannoia Corato (BA)

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA)

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA) ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA) DOCUMENTO ELABORATO DAL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 a sez.c indirizzo "SIA" ESAMI DI STATO Conclusivi dei corsi di istruzione

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Allegato sub. 1) SISTEMA DI DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE, DEL PERSONALE E DEL SEGRETARIO COMUNALE* informato ai principi di cui all art 9 cc.

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli