Strategie an*microbiche alterna*ve agli an*bio*ci Giordano Rampioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strategie an*microbiche alterna*ve agli an*bio*ci Giordano Rampioni"

Transcript

1 Strategie an*microbiche alterna*ve agli an*bio*ci Giordano Rampioni Università degli Studi Roma Tre - Dipar8mento di Scienze Laboratorio di Biotecnologie dei Microrganismi

2 A par&re dagli anni 60, si è assis&to ad una graduale diminuzione dei nuovi an&bio&ci introdo; in commercio. Produrre un nuovo an&bio&co costa molto (ci vogliono anni), e i microrganismi diventano presto resisten&.

3 Strategie an&baaeriche alterna&ve agli an&bio&ci In parallelo, le resistenze an&bio&che sono sempre più diffuse, e la percentuale di microrganismi resisten& agli an&bio&ci in commercio cresce ver&ginosamente.

4 L antibiotico-resistenza pone un serio problema sanitario ed economico Negli Stati Uniti, nel 2013: Staphylococcus aureus resistente alla me8cillina infezioni; decessi Streptococcus pneumoniae resistente ai farmaci clinicamente rilevan infezioni; decessi Enterococchi resisten8 alla vancomicina infezioni; decessi La spesa annua stimata relativa all insorgenza delle resistenze agli antibiotici è di circa 1,5 miliardi di euro nell Unione Europea, e di 5 miliardi di dollari negli Stati Uniti d America. CDC Office of Infectious Diseases, 2013.

5 L emergenza di microrganismi patogeni resisten& agli an&bio&ci è un problema sanitario ed economico mondiale, e ormai se ne stanno accorgendo anche al di fuori del mondo scien&fico. Lettori: Diffusione: Dir. Resp.: Giorgio Mulè Dir. Resp.: Giorgio Mulè 03-APR-2013 Lettori: Diffusione: da pag APR-2013 da pag Aprile APR-2013 Dir. Resp.: Giorgio Mulè da pag. 52

6 Corriere della Sera, 1 Maggio 2014

7 Possiamo vincere la guerra contro i patogeni? I problemi principali sono l elevata capacità dei baaeri di acquisire resistenze e la for&ssima pressione sele;va generata dall uso di an&bio&ci tradizionali. TraJamento con Ampicillina Rinfresco in un terreno senza o con Ampicillina Cellula resistente per acquisizione di una mutazione o di un gene di resistenza Tutta la popolazione ha la mutazione o il gene di resistenza In una popolazione baaerica basta un resistente per dar vita ad una popolazione di resisten&. L unico resistente può sfruaare le risorse di una nicchia priva di compe&tori!

8 Possiamo vincere la guerra contro i patogeni? Inoltre, gli an&bio&ci sono molecole di origine naturale, pertanto i microrganismi in natura hanno già evoluto meccanismi di an8bio8co resistenza prima che gli an8bio8ci vengano introdon sul mercato.

9 Mol& scienzia& credono che ci troviamo già nella post- an*bio*c era. In UK l an&bio&co- resistenza è stata inserita tra le emergenze nazionali, al pari del riscaldamento globale. Anche la WHO (World Health Organiza&on) si sta muovendo nella stessa direzione.

10 Cosa possiamo fare? Sicuramente sarebbe importante sviluppare nuovi an8bio8ci, ma possiamo immaginare che anche per ques8 si possano sviluppare in freja nuovi sistemi di resistenza (non è una soluzione a lungo termine). Uno dei problemi è che mol8 an8bio8ci sono sviluppa8 sulla base di an8bio8ci prodon dai microrganismi, per i quali già esistono in natura meccanismi di resistenza. Una strategia perseguita è quella di rendere di nuovo efficaci an&bio&ci che non lo sono più. Inibitori delle pompe d efflusso Sinergie con compos8 naturali o sinte8ci Si possono anche immaginare nuovi farmaci che impongano una ridoaa pressione sele;va, e che quindi non por&no all emergenza di resistenze. Inibitori della virulenza Molecole xenobio8che

11 Cosa possiamo fare? Sicuramente sarebbe importante sviluppare nuovi an8bio8ci, ma possiamo immaginare che anche per ques8 si possano sviluppare in freja nuovi sistemi di resistenza (non è una soluzione a lungo termine). Uno dei problemi è che mol8 an8bio8ci sono sviluppa8 sulla base di an8bio8ci prodon dai microrganismi, per i quali già esistono in natura meccanismi di resistenza. Una strategia perseguita è quella di rendere di nuovo efficaci an&bio&ci che non lo sono più. Inibitori delle pompe d efflusso Sinergie con compos8 naturali o sinte8ci Si possono anche immaginare nuovi farmaci che impongano una ridoaa pressione sele;va, e che quindi non por&no all emergenza di resistenze. Inibitori della virulenza Molecole xenobio8che

12 Le pompe d efflusso e la resistenza agli an&bio&ci Le pompe d efflusso sono uno dei maggiori determinan8 di resistenza agli an8bio8ci nei microrganismi, ed agiscono estrudendo l an8bio8co all esterno della cellula bajerica. Figure 1: Schema8c Drawing of the AcrAB- TolC an8bio8c efflux pump of Escherichia coli. The inner membrane component AcrB (blue) is both the substrate specificity determinant and the energy module of the AcrA/AcrB/TolC efflux system. Drugs are transported from the outer leaflet of the inner membrane via a coupled drug/proton an8port mechanism. TolC (yellow) forms a channel in the outer membrane. AcrA (red) is an adaptor connec8ng AcrB and TolC.

13 Le pompe d efflusso e la resistenza agli an&bio&ci I primi studi sulle pompe di efflusso per gli an8bio8ci sono state condoje per la resistenza alla tetraciclina in E. coli. La resistenza alla tetraciclina è dovuta al gene tet, che codifica per una pompa di efflusso per questo an8bio8co. Il gene tet è presente su diversi trasposoni e plasmidi (si propaga facilmente tra i microrganismi). Alcuni bajeri hanno un vasto arsenale di pompe di efflusso e sono mul&resisten&. RND in B. cenocepacia J2315 Le pompe d efflusso che portano alla resistenza agli an8bio8ci appartengono a diverse famiglie: 1) major facilitator (MF) superfamily (proton- drug an8port) 2) resistance- nodula8on- division (RND) family (proton- drug an8port) 3) small mul8- drug resistance (SMR) family (proton- drug an8port) 4) ATP binding casseje (ABC) family (ATP hydrolysis) 5) mul8ple an8bio8c and toxin extrusion (MATE) family (proton or sodium an8port)

14 (Table 1) Contd.. Antimicrobial Efflux System Pump Family Organism(s) References Clindamycin Lsa(B) ABC Staphylococcus sciuri [6] Tetracyclines and glycilcyclines Le pompe d efflusso e la resistenza agli an&bio&ci Alcuni esempi di sistemi di efflusso che conferiscono resistenza alla tetraciclina in diversi bajeri. Tetracyclines Tet(A), Tet(B), Tet(C) Tet(D), Tet(E), Tet (G) Tet(H), Tet(J), Tet(Y) Tet(Z), Tet(30), Tet(39) MFS Gram-negative bacteria [34, 71] Tet(K), Tet(L) MFS Gram-positive bacteria [71] Tet38 MFS S. aureus [48] Tet(V) MFS Mycobacterium tuberculosis, M. fortuitum [56] Rv1258/tap MFS M. tuberculosis, M. fortuitum [56] P55/Rv1410 MFS M. tuberculosis, M. bovis [56] Rv2333c MFS M. tuberculosis, M. bovis [57] DrrAB ABC M. tuberculosis [56] MdfA MFS E. coli [6] MexAB-OprM, several RND pumps RND E. coli [6, 34] AcrAB-TolC RND S. enterica, Sserovar typhimurium [3, 6, 38] AdeABC ABC Acinetobacter baumannii [38] CmeABC SmdAB C. jejuni Serratia marcescens [39, 65] [72]

15 Le pompe d efflusso e la resistenza agli an&bio&ci Gli inibitori delle pompe d efflusso possono dissipare il gradiente protonico o inibire direjamente la pompa d efflusso. Agen8 che dissipano il gradiente protonico: carbonil cianide m- clorofenilidrazone (CCCP), valinomicina e dinitrofenolo (DNP). Sono citotossici per le cellule superiori! La reserpina ed il verapamil sono esempi di inibitori delle pompe d efflusso per i quali non è noto il bersaglio molecolare. Anche ques8 compos8, però, sono anvi a concentrazioni che non possono essere u8lizzate in terapia in quanto tossiche. Alcuni inibitori delle pompe d efflusso interagiscono direjamente con una delle componen8 molecolari di tali pompe. Una delle prime molecole di tale classe ad essere iden8ficata, ed una delle più studiate, è la fenilalanina arginil β- nagilamide (PAβN). Questa molecola inibisce alcune pompe d efflusso della famiglia RND, ma come per la maggior parte degli inibitori iden8fica8 fino ad oggi, anche il PAβN è tossico. Lo studio degli inibitori delle pompe d efflusso mira a produrre nuovi compos8 con maggiore anvità inibitoria e/o ridoja anvità citotossica (ques8 due parametri sono correla8 tra loro). Le molecole trovate fino ad ora sono impiegate come scaffold per lo sviluppo di analoghi con maggiore anvità e/o con minore citotossicità.

16 Come iden&ficare nuovi inibitori delle pompe d efflusso? Come per i nuovi an8bio8ci (e mol8 altri farmaci), si possono seguire due vie dis8nte: Screening random di compos8 di derivazione naturale o sinte8ca. Molte volte questo è preceduto da test di citotossicità. Design razionale di compos8 di sintesi sulla base di informazioni strujurali del target. Bisogna conoscere i target. Si testano migliaia di compos8 contenu8 in libraries random per la loro anvità. Spesso questo screening è robo8zzato. Molecola con una strujura tale da legarsi alla pompa d efflusso ed inibirne l anvità.

17 Una strategia perseguita è quella di rendere di nuovo efficaci an&bio&ci che non lo sono più. Inibitori delle pompe d efflusso Sinergie con compos& naturali o sinte&ci Si possono anche immaginare nuovi farmaci che impongano una ridoaa pressione sele;va, e che quindi non por&no all emergenza di resistenze. Inibitori della virulenza Molecole xenobio8che

18 BRIEF COMMUNICATION PUBLISHED ONLINE: 24 APRIL 2011 DOI: /NCHEMBIO.559 Combinations of antibiotics and nonantibiotic drugs enhance antimicrobial efficacy Linda Ejim 1,2, Maya A Farha 1,2, Shannon B Falconer 1,2, Jan Wildenhain 3, Brian K Coombes 1,2, Mike Tyers 3, Eric D Brown 1,2 * & Gerard D Wright 1,2 * 2011 Nature America, Inc. All rights reserved. Combinations of antibiotics are commonly used in medicine to broaden antimicrobial spectrum and generate synergistic effects. Alternatively, combination of nonantibiotic drugs with antibiotics offers an opportunity to sample a previously untapped expanse of bioactive chemical space. We screened a collection of drugs to identify compounds that augment the activity of the antibiotic minocycline. Unexpected synergistic drug combinations exhibited in vitro and in vivo activity against bacterial pathogens, including multidrug resistant isolates. Resistance to antibiotics is a ubiquitous and relentless clinical problem that is compounded by a dearth of new therapeutic agents 1. The retreat of the pharmaceutical sector from new antibiotic development has exacerbated the challenge of widespread resistance and signals a critical need for innovation. The density of vital functional connections at the levels of gene expression, genetic interactions and protein interactions in model microbes 2,3 predicts that combinations of bioactive small molecules targeting two or more functions have potential as antimicrobial agents 4,5. Drug combinations may also counteract drug resistance 6. To date, however, the discovery of effective antibiotic combinations has been ad hoc and limited in scope. Redeployment of drugs for alternative indications can leverage well-characterized toxicology and pharmacology 7,8 and reduce cost barriers in drug development 9. Combinations of antibiotics have been used to treat tuberculosis, leprosy, malaria, HIV and infections associated with cystic fibrosis, and a few combinations of nonantibiotics with antibiotics have shown increased antimicrobial activity in vitro (for example, refs ). This suggests that combinations of bioactive compounds with antibiotics can explore a much larger area of antimicrobial chemical space than single agents. To probe this chemical space, we systematically explored combinations of an approved antibiotic and a collection of previously ATCC29213) in the presence of minocycline at one half the minimal inhibitory concentration (MIC) for each strain. We monitored growth inhibition in duplicate samples at h after inoculation In questo lavoro è stato inves&gato il potenziale di compos& appartenen& ad una banca di FDA- approved drugs (compos& già approva& per l uso nell uomo) di aumentare l effeao dell an&bio&co minociclina, una tetraciclina, su ceppi di Staphylococcus aureus, Escherichia coli e Pseudomonas aeruginosa. L uso di banche di FDA- approved drugs può dras&camente abbreviare i tempi (ed i cos&) per il trasferimento del composto dal laboratorio all uso clinico. Questo approccio si definisce SOSA (Selec&ve Op&miza&on of Side Ac&vi&es) approach, o anche drug- repurposing. in the presence of PAD compounds at 10 M, which is a readily achievable assay concentration that enables selection of bioactive compounds. The primary screens yielded 156 active compounds with >45% growth inhibition for S. aureus, 142 for E. coli and 48 for P. aeruginosa (Supplementary Fig. 1). As the PAD library is enriched for known antibiotics (~180 in total), about half of the primary hits were known antibacterial agents and thus uninteresting as potentiators of minocycline. In total, 69 nonantibiotic compounds that have never been used clinically to treat bacterial infection were found to synergize with minocycline. These compounds exhibited substantially nonoverlapping profiles for each species: 35 for S. aureus, 41 for E. coli and 6 for P. aeruginosa (Supplementary Table 2). For S. aureus and P. aeruginosa, we determined whether the PAD combinations with minocycline were additive or synergistic using the fractional inhibitory concentration (FIC) index as a measure of the interaction between two antimicrobial agents 13. Con questo screening sono sta& iden&fica& diversi compos& con effeao sinergico alla minociclina: 35 per S. aureus, 41 per E. coli e 6 per P. aeruginosa. FIC indices of 1, 0.5 and 4 indicate no interaction, synergy and antagonism, respectively 14. For example, we identified a strong synergy on growth inhibition of S. aureus between minocycline and disulfiram (trade name: Antabuse) (2), an inhibitor of acetaldehyde dehydrogenase widely used as an aversion treatment for alcoholism. Disulfiram alone has weak antibiotic activity against Tali compos& non hanno un effeao an&bio&co per se, e sono u&lizza& per il traaamento di patologie non connesse alle infezioni baaeriche. S. aureus (Supplementary Table 3) but strongly synergizes with mino cycline. Synergy was seen for eight of ten distinct MRSA (methicillin- resistant S. aureus) strains from the Canadian MRSA collection 15, including community-acquired (USA300) and hospital (USA200) epidemic strains (Supplementary Table 3). P. aeruginosa is clinically resistant to many antibiotics including

19 BRIEF COMMUNICATION PUBLISHED ONLINE: 24 APRIL 2011 DOI: /NCHEMBIO.559 Combinations of antibiotics and nonantibiotic drugs enhance antimicrobial efficacy Linda Ejim 1,2, Maya A Farha 1,2, Shannon B Falconer 1,2, Jan Wildenhain 3, Brian K Coombes 1,2, Mike Tyers BRIEF 3, Eric D Brown COMMUNICATION 1,2 * & Gerard D Wright 1,2 * NATURE CHEM 2011 Nature America, Inc. All rights reserved. Combinations of antibiotics are commonly used in medicine ATCC29213) in the presence of minocycline at one half the minimal inhibitory Percent concentration inhibition (MIC) for each strain. c We 1.2monitored effects. Alternatively, combination of nonantibiotic drugs to broaden aantimicrobial spectrum Percent inhibition and generate synergistic b Benserazide growth inhibition in duplicate samples at h after inoculation with antibiotics offers 0 an 20 opportunity to sample 80 a 100 previously in the 0 presence 20 of 40 PAD compounds at M, which is a readily Loperamide untapped expanse of bioactive chemical space. We screened achievable assay concentration that enables selection 1.0of bioactive Tegaserod a collection of drugs to identify compounds that augment the compounds. The primary screens yielded 156 active compounds activity of the 256 antibiotic minocycline. Unexpected synergistic 1,024 with >45% growth inhibition for S. aureus, 142 for E. coli and 48 for drug combinations exhibited in vitro and in vivo activity against P. aeruginosa (Supplementary Fig. 1). As the PAD library is enriched bacterial pathogens, including multidrug resistant isolates. for known antibiotics (~180 in total), about half of the primary hits Resistance to 64 antibiotics is a ubiquitous and relentless clinical 256 were known antibacterial agents and thus uninteresting as potentiators of minocycline. In total, 69 nonantibiotic compounds that have 0.6 problem that is compounded 32 by a dearth of new therapeutic agents The retreat of the pharmaceutical sector from new antibiotic development has exacerbated never been used clinically to treat bacterial infection were found 16 the challenge of widespread resistance and to 64 synergize with minocycline. These compounds exhibited 0.4 substantially 32 nonoverlapping profiles for each species: 35 for S. aureus, signals a critical need 8 for innovation. The density of vital functional connections at the levels of gene expression, genetic interactions and 41 for E. coli and 6 for P. aeruginosa (Supplementary Table 2) protein interactions in model microbes 2,3 predicts that combinations For S. aureus and P. aeruginosa, we determined 0.2 whether the of bioactive small 2molecules targeting two or more functions have PAD 8 combinations with minocycline were additive or synergistic potential as antimicrobial 0 agents 4,5. Drug combinations may also using the fractional inhibitory concentration (FIC) index as a 0 counteract drug resistance 6. To date, however, the discovery of effective antibiotic combinations 0 1has 2been 4 ad 8hoc and limited 128 in scope. FIC indices 0 1 of 21, and indicate no interaction, synergy and measure of the interaction between two antimicrobial 0 agents 13. Redeployment of drugs for alternative indications can leverage antagonism, respectively 14. For example, we identified a strong Minocycline (mg ml 1 ) Minocycline (mg ml 1 ) well-characterized toxicology and pharmacology 7,8 and reduce cost synergy on growth inhibition of S. aureus between minocycline barriers in drug development 9. Combinations of antibiotics have and disulfiram (trade name: Antabuse) (2), an inhibitor of acetaldehyde dehydrogenase widely used as an aversion treatment for P. aeruginosa been used to treat tuberculosis, leprosy, malaria, HIV and infections associated with cystic fibrosis, and a few combinations of nonantibiotics with antibiotics have shown increased antimicrobial activity S. aureus (Supplementary Table 3) but strongly synergizes with alcoholism. Disulfiram alone has weak antibiotic activity against in vitro (for Figure example, 1 refs. Nonantibiotic 10 12). This suggests molecules that combinations synergize mino cycline. with Synergy the was antibiotic seen for eight minocycline. of ten distinct MRSA (a,b) Heat plots sh of bioactive compounds with antibiotics can explore a much larger (methicillin- resistant S. aureus) strains from the Canadian MRSA area of antimicrobial minocycline chemical in space combination than single agents. with benserazide collection (a) 15, including and community-acquired loperamide (b). (USA300) Synergy and hospital was evident as the To probe this chemical space, we systematically explored combinations alone of an approved are 32 antibiotic g mland 1, a 256 collection g ml of previously 1 and 2,048 P. aeruginosa g ml is 1 clinically, respectively. resistant to many (c) antibiotics Synergy including of combinations (USA200) epidemic strains (Supplementary Table 3). of Benserazide (mg ml 1 ) Loperamide (mg ml 1 ) Ad esempio, la benserazide, un inibitore dell enzima DOPA carbossilasi, normalmente u&lizzato nel traaamento del morbo di Parkinson, diminuisce la MIC della minociclina nei confron& di P. aeruginosa. Lo stesso vale per la loperamide, un an&diarroico (in Italia commercializzato come Imodium). FIC index PA01 #216 #302 #

20 BRIEF COMMUNICATION PUBLISHED ONLINE: 24 APRIL 2011 DOI: /NCHEMBIO Nature America, Inc. All rights reserved. Combinations of antibiotics and nonantibiotic drugs enhance antimicrobial efficacy LOGY DOI: /NCHEMBIO.559 d Cfu per g tissue Minocycline Loperamide Bacteria Linda Ejim 1,2, Maya A Farha 1,2, Shannon B Falconer 1,2, Jan Wildenhain 3, Brian K Coombes 1,2, Mike Tyers 3, Eric D Brown 1,2 * & Gerard D Wright 1,2 * Combinations of antibiotics are commonly used in medicine to broaden antimicrobial spectrum and generate synergistic effects. Alternatively, combination of nonantibiotic drugs with antibiotics offers an opportunity to sample a previously untapped expanse of bioactive chemical space. We screened a collection of drugs to identify compounds that augment the activity of the antibiotic minocycline. Unexpected synergistic drug combinations exhibited in vitro and in vivo activity against bacterial pathogens, including multidrug resistant isolates. Resistance to antibiotics is a ubiquitous and relentless clinical problem that is compounded by a dearth of new therapeutic agents 1. The retreat of the pharmaceutical sector from new antibiotic development has exacerbated the challenge of widespread resistance and signals a critical need for innovation. The density of vital functional connections at the levels of gene expression, genetic interactions and protein interactions in model microbes 2,3 predicts that combinations of bioactive small molecules targeting two or more functions have potential as antimicrobial agents 4,5. Drug combinations may also counteract drug resistance 6. To date, however, the discovery of effective antibiotic combinations has been ad hoc and limited in scope. Redeployment of drugs for alternative indications can leverage well-characterized toxicology and pharmacology 7,8 and reduce cost barriers in drug development 9. Combinations of antibiotics have been used to treat tuberculosis, leprosy, malaria, HIV and infections associated with cystic fibrosis, and a few combinations of nonantibiotics 0 0with 100 antibiotics 0 have 75 shown 75 increased antimicrobial activity in vitro (for example, refs ). This suggests that combinations of 0bioactive 0 compounds 0 50 with 1 10 antibiotics 50 can 1 explore 10 a 50 much larger area of antimicrobial chemical space than single agents. To probe + + this chemical + + space, + we + systematically + + explored + combinations of an approved antibiotic and a collection of previously ATCC29213) in the presence of minocycline at one half the minimal inhibitory concentration (MIC) for each strain. We monitored growth inhibition in duplicate samples at h after inoculation in the presence of PAD compounds at 10 M, which is a readily achievable assay concentration that enables selection of bioactive compounds. The primary screens yielded 156 active compounds with >45% growth inhibition for S. aureus, 142 for E. coli and 48 for P. aeruginosa (Supplementary Fig. 1). As the PAD library is enriched for known antibiotics (~180 in total), about half of the primary hits were known antibacterial agents and thus uninteresting as potentiators of minocycline. In total, 69 nonantibiotic compounds that have never been used clinically to treat bacterial infection were found to synergize with minocycline. These compounds exhibited substantially nonoverlapping profiles for each species: 35 for S. aureus, 41 for E. coli and 6 for P. aeruginosa (Supplementary Table 2). serovar Typhimurium. For S. aureus and P. aeruginosa, we determined whether the PAD combinations with minocycline were additive or synergistic using the fractional inhibitory concentration (FIC) index as a measure of the interaction between two antimicrobial agents 13. FIC indices of 1, 0.5 and 4 indicate no interaction, synergy and antagonism, respectively 14. For example, we identified a strong synergy on growth inhibition of S. aureus between minocycline and disulfiram (trade name: Antabuse) (2), an inhibitor of acetaldehyde dehydrogenase widely used as an aversion treatment for alcoholism. Disulfiram alone has weak antibiotic activity against S. aureus (Supplementary Table 3) but strongly synergizes with mino cycline. Synergy was seen for eight of ten distinct MRSA (methicillin- resistant S. aureus) strains from the Canadian MRSA collection 15, including community-acquired (USA300) and hospital (USA200) epidemic strains (Supplementary Table 3). P. aeruginosa is clinically resistant to many antibiotics including E stato dimostrato che la loperamide è efficace anche in vivo, in un modello di murino di infezione intes&nale con Salmonella enterica

21 Una strategia perseguita è quella di rendere di nuovo efficaci an&bio&ci che non lo sono più. Inibitori delle pompe d efflusso Sinergie con compos8 naturali o sinte8ci Quali limitazioni potrebbero essere insite in tali approcci? Come per gli an8bio8ci tradizionali, gli inibitori delle pompe d efflusso ed i compos8 adiuvan8 esercitano una forte pressione selenva sulla popolazione microbica, e possono pertanto portare ad una rapida insorgenza di ceppi resisten8. Inoltre, in mol8 casi, l impajo di tali molecole sulla fisiologia dei microrganismi non è carajerizzato nel dejaglio. Cosa succede se un adiuvante o un inibitore di una pompa d efflusso, ad esempio, aumentano la virulenza di un patogeno?

22 Una strategia perseguita è quella di rendere di nuovo efficaci an&bio&ci che non lo sono più. Inibitori delle pompe d efflusso Sinergie con compos8 naturali o sinte8ci Si possono anche immaginare nuovi farmaci che impongano una ridoaa pressione sele;va, e che quindi non por&no all emergenza di resistenze. Molecole xenobio&che Inibitori della virulenza

23 Gli acidi pep8donucleici (PNA) I PNA sono polimeri organici analoghi agli acidi nucleici in cui lo scheletro zucchero- fosfato è completamente sos8tuito da una strujura pseudo pep8dica. I PNA sono in grado di appaiarsi con molecole di DNA o RNA complementari. I PNA non possono essere degrada8 da nucleasi o proteasi. Il legame PNA/DNA o PNA/RNA è più stabile di quello DNA/DNA o DNA/RNA.

24 I PNA per la terapia an8senso an8bajerica PNA In base alla loro sequenza i PNA possono appaiarsi con determinati mrna bersaglio, inibendone la traduzione. Se questi mrna codificano per proteine essenziali alla crescita del microrganismo, i PNA avranno un effetto antimicrobico. Woodford e Wareham (2009) J Antimicrob Chemother 63:

25 Strategie an&senso basate su PNA sono state u&lizzate con successo per inibire la crescita di una vasta gamma di baaeri patogeni Microrganismi Gene bersaglio Proteina codificata Referenze Acinetobacter baumannii rpod RNA polimerasi, subunità σ 70 Bai et al. (2012) Biomaterials 33: Brucella suis pola DNA polimerasi I, necessaria per la replicazione del DNA Rajasekaran et al. (2013) Int J Antimicrob Agents 41: Escherichia coli fola Diidrofolato reduttasi, sintesi dell acido folico Dryselius et al. (2005) J Antimicrob Chemother 56: Gram-positivi Gram-negativi Klebsiella pneumoniae mura Proteina coinvolta nella sintesi del peptidoglicano Mondhe et al. (2014) PloS ONE 9:1-8. Pseudomonas aeruginosa acpp Proteina trasportatrice di gruppi acili, essenziale per la biosintesi degli acidi grassi Salmonella enterica ser. Typhimurium Ghosal e Nielsen (2012) Nucleic Acid Ther 22: mura Proteina coinvolta nella sintesi del peptidoglicano Mondhe et al. (2014) PloS ONE 9:1-8. Shigella flexneri rpod RNA polimerasi, subunità σ 70 Bai et al. (2012) Biomaterials 33: Bacillus subtilis ftsz Proteina coinvolta nella divisione cellulare Mondhe et al. (2014) PloS ONE 9:1-8. Listeria monocytogenes rpoa RNA polimerasi, subunità α Alajlouni e Seleem (2013) Nucleic Acid Ther 23: Mycobacterium smegmatis inha Reduttasi coinvolta nell allungamento degli acidi grassi Kulyté et al. (2005) J Mol Microbiol Biotech 9: Staphylococcus aureus fmhb Proteina coinvolta nella sintesi del peptidoglicano Nekhotiaeva et al. (2004) Mol Ther 10: Streptococcus pyogenes gyra DNA girasi, subunità A, parte del processo replicativo del DNA Patenge et al. (2013) Mol Ther Nucleic Acids 2:1-9.

26 Altri bersagli possibili dei PNA an8bajerici RNA ribosomiale RNA della RNasi P mrna di geni per la resistenza agli an&bio&ci

27 Ingresso dei PNA nelle cellule bajeriche L ingresso dei PNA nelle cellule è normalmente molto limitato. Perché i PNA possano entrare nelle cellule, questi devono essere coniugati a Cell Penetrating Peptides, come ad esempio (KFF) 3 K o (RXR) 4 XB. Effetto di un PNA anti-gyra sulla crescita di K. pneumoniae. Kurupati et al. (2007) Antimicrob Agents Chemother 51:

28 Come disegnare PNA efficaci Diversi parametri devono essere tenuti in considerazione quando si disegnano i PNA. 1. Quanto devono essere lunghi i PNA? PNA troppo corti non sarebbero in grado di appaiarsi con sufficiente stabilità agli acidi nucleici bersaglio. PNA troppo lunghi potrebbero non entrare nelle cellule. Good et al. (2007) Nat Biotechnol 19:

29 Come disegnare PNA efficaci 2. Qual è la regione migliore dell mrna su cui disegnare i PNA? PNA antisenso disegnati su varie regioni dell mrna del gene acpp di E. coli, e relativi valori di Minima Concentrazione Inibente la crescita (MIC). Dryselius et al. (2003) Oligonucleotides 13:

30 Come disegnare PNA efficaci 3. Si vogliono generare PNA ad ampio spettro d azione o specie-specifici? A seconda del grado di conservazione della loro sequenza bersaglio, si possono disegnare PNA: ad ampio spettro d azione: in grado di inibire la crescita di patogeni appartenenti a generi e specie differenti; specie-specifici: approccio mirato, inibiscono la crescita di un solo patogeno senza creare disbiosi nel microbiota dell ospite.

31 PNA ad ampio spettro d azione Un PNA disegnato su una regione conservata dell mrna del gene rpod è in grado di inibire la crescita di diversi patogeni Gram-negativi, anche antibiotico resistenti. Bai et al, (2012) Biomaterials 33:

32 PNA specie-specifici Se si prede in esame una regione dell mrna non conservata, si possono disegnare PNA in grado di inibire in modo selettivo la crescita di una sola specie batterica. I PNA Kp0001 e Se0001 sono disegnati sulla stessa regione del gene mura, che codifica per un enzima necessario alla sintesi del peptidoglicano. PNA Kp0001: appaiamento perfetto con l mrna del gene mura di K. pneumoniae; 2 mismatch con l mrna del gene mura di B. subtilis e S. enterica ser. Typhimurium. PNA Se0001: appaiamento perfetto con l mrna del gene mura di S. enterica ser. Typhimurium; 2 mismatch con l mrna del gene mura di B. subtilis e K. pneumoniae. Mondhe et al. (2014) PLoS ONE 9:1-8.

Quorum sensing: da curiosità evolutiva a processo biologico globale. Vibrio fischeri

Quorum sensing: da curiosità evolutiva a processo biologico globale. Vibrio fischeri Quorum sensing: da curiosità evolutiva a processo biologico globale Vibrio fischeri V. fischeri and other luminous bacteria form a variety of pathogenic and cooperative associations with marine animals

Dettagli

Regolazione della trascrizione in procarioti: da meccanismi semplici a eventi regolativi complessi

Regolazione della trascrizione in procarioti: da meccanismi semplici a eventi regolativi complessi Quorum sensing Regolazione della trascrizione in procarioti: da meccanismi semplici a eventi regolativi complessi QUORUM SENSING Il quorum sensing fa parte dei sistemi di controllo globale: complessi sistemi

Dettagli

I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più.

I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più. Piante transgeniche prive di geni marker I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più. Possibili problemi una volta in

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

LAMISHIELD ANTIBACTERIAL LAMINATE. Unlimited selection

LAMISHIELD ANTIBACTERIAL LAMINATE. Unlimited selection LAMISHIELD ANTIBACTERIAL LAMINATE Unlimited selection PROTECTION HYGIENE HEALTHCARE LAMINATO ANTIBATTERICO Lamishield è l HPL antibatterico di Abet Laminati. Grazie alla sua protezione antibatterica, totalmente

Dettagli

Mechanisms of neuronal apoptosis and axon growth. presented by. Dipl. accepted on the recommendation of. Valeria Gagliardini. Bioc.hemi.

Mechanisms of neuronal apoptosis and axon growth. presented by. Dipl. accepted on the recommendation of. Valeria Gagliardini. Bioc.hemi. Diss. ETH N 13375 Mechanisms of neuronal apoptosis and axon growth A dissertation submitted to the SWISS FEDERAL INSTITUTE OF TECHNOLOGY ZÜRICH for the degree of Doctor of Natural Science presented by

Dettagli

CORSO DI GENETICA. Roberto Piergentili. Università di Urbino Carlo Bo INGEGNERIA GENETICA

CORSO DI GENETICA. Roberto Piergentili. Università di Urbino Carlo Bo INGEGNERIA GENETICA CORSO DI GENETICA INGEGNERIA GENETICA Tecniche di DNA ricombinante: gli enzimi di restrizione Le tecniche di base del DNA ricombinante fanno prevalentemente uso degli enzimi di restrizione. Gli enzimi

Dettagli

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the 1 2 3 Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the body scientists say these cells are pluripotent.

Dettagli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli

Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica. Pier Sandro Cocconcelli Aggiornamenti di biologia molecolare nella diagnostica microbiologica Pier Sandro Cocconcelli Istituto di Microbiologia Centro Ricerche Biotecnologiche Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza-Cremona

Dettagli

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo)

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) Regolazione della trascrizione Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) I geni possono essere accesi e spenti In un organismo pluricellulare adulto, vi sono molti tipi di cellule differenti,

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV ADULTS AND CHILDREN ESTIMATED TO BE LIVING WITH HIV/AIDS,

Dettagli

Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare

Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare Corso aziendale Uso responsabile degli antibiotici Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare Rosario Cultrera Dip. Medico - UOC Malattie Infettive

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Principi di Chimica Organica

Principi di Chimica Organica Gianluca Giorgi Università degli Studi di Siena Dipartimento di Biotecnologie, Chimica e Farmacia via Aldo Moro 53100 Siena Tel. 0577-234241 e-mail:gianluca.giorgi@unisi.it Corsi di laurea in Scienze Ambientali

Dettagli

Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria. N. Principi

Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria. N. Principi Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria N. Principi Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria Nicola Principi Principali cefalosporine orali Farmaco

Dettagli

Genetica dei microrganismi 2

Genetica dei microrganismi 2 Genetica dei microrganismi 2 Utilità dei mutanti Una mutazione modifica o elimina la funzionalità di un particolare prodotto genico. Si può dedurre la funzione cellulare del prodotto del gene osservando

Dettagli

Geni che codificano per il CCR5

Geni che codificano per il CCR5 Geni che codificano per il CCR5 Gli individui con due copie normali del gene CCR5 sono predominanti nella popolazione generale e sono suscettibili d infezione da parte di HIV-1. 3,9 Gli eterozigoti Δ 32

Dettagli

Genetica dei microrganismi

Genetica dei microrganismi Genetica dei microrganismi Dott.ssa Silvia Preziuso Dipartimento di Scienze Veterinarie Università di Camerino Sezione di Patologia Animale, Profilassi e Igiene degli Alimenti Argomenti trattati Gli acidi

Dettagli

PERCHE I BATTERI HANNO SUCCESSO

PERCHE I BATTERI HANNO SUCCESSO PERCHE I BATTERI HANNO SUCCESSO VERSATILITA METABOLICA VELOCITA DI ADATTAMENTO ALLE VARIAZIONI AMBIENTALI Livia Leoni Università Roma Tre Dipartimento Biologia Laboratorio di Biotecnologie Microbiche Stanza

Dettagli

Metodiche tradizionali

Metodiche tradizionali Diagnostica microbiologica innovativa INTRODUZIONE Attualmente, per la rilevazione dei microrganismi patogeni accanto alle metodiche tradizionali rappresentate: dall esame colturale, l esame diretto al

Dettagli

Il declino degli antibiotici e le nuove strategie per la terapia antibatterica

Il declino degli antibiotici e le nuove strategie per la terapia antibatterica Il declino degli antibiotici e le nuove strategie per la terapia antibatterica Paolo Visca Dipartimento di Scienze, Università Roma Tre Lezione ASTRE, 25/01/2014 Anno 1918: principale causa di morte 1

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

Polymerase Chain Reaction - PCR

Polymerase Chain Reaction - PCR Polymerase Chain Reaction - PCR Real-Time PCR Saggio Saggio di PCR monitorato di continuo Tubi Tubi chiusi Nessuna analisi post PCR Nessuna elettroforesi Caratterizzazione del prodotto Possibilità di quantificare

Dettagli

Epithelial-Mesenchymal Transition in Cancer. Relevance of Periostin Splice Variants

Epithelial-Mesenchymal Transition in Cancer. Relevance of Periostin Splice Variants DISS. ETH NO. 19590 Epithelial-Mesenchymal Transition in Cancer Relevance of Periostin Splice Variants A dissertation submitted to the ETH Zurich For the degree of Doctor of Sciences Presented by Laura

Dettagli

Oggetto: Presentazione dei Programmi di Tirocini/Stage

Oggetto: Presentazione dei Programmi di Tirocini/Stage Allegato V Oggetto: Presentazione dei Programmi di Tirocini/Stage Consorzio 21 Edificio 2- Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 09010 Pula 1. Soggetto Proponente Ragione Sociale: Università

Dettagli

DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale

DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale Il rischio infettivo connesso alla struttura ospedaliera Pietro Caramello Malattie Infettive A Malattie Infettive A,

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

Sistemi di regolazione. MICROBIOLOGIA GENERALE C. Mazzoni 05/16

Sistemi di regolazione. MICROBIOLOGIA GENERALE C. Mazzoni 05/16 Sistemi di regolazione Importanza del controllo I componenti cellulari devono essere presenti nelle giuste concentrazioni. La composizione chimica dell ambiente che circonda la cellula è in contante cambiamento

Dettagli

LA RICERCA SCIENTIFICA IN MEDICINA

LA RICERCA SCIENTIFICA IN MEDICINA Associazione Culturale Micene 1 Congresso Nazionale Evoluzione della Scienza e della Tecnica LA RICERCA SCIENTIFICA IN MEDICINA Dr. Federico Selvaggi Università degli Studi G. d Annunzio Chieti/Pescara

Dettagli

Biologia Molecolare. CDLM in CTF 2010-2011 L analisi del genoma

Biologia Molecolare. CDLM in CTF 2010-2011 L analisi del genoma Biologia Molecolare CDLM in CTF 2010-2011 L analisi del genoma L analisi del genoma n La tipizzazione del DNA n La genomica e la bioinformatica n La genomica funzionale La tipizzazione del DNA DNA Fingerprinting

Dettagli

PCR - Polymerase Chain Reaction

PCR - Polymerase Chain Reaction PCR - Polymerase Chain Reaction ideata nel 1983 da Kary B. Mullis il quale ottenne, per questo, il premio Nobel per la chimica (1993). Questa tecnica, utilizzando i principi della duplicazione del DNA,

Dettagli

Il differenziamento cellulare

Il differenziamento cellulare Liceo Classico M. Pagano Campobasso Docente: prof.ssa Patrizia PARADISO Allieve (cl. II sez. B e C): BARONE Silvia Antonella DI FABIO Angelica DI MARZO Isabella IANIRO Laura LAUDATI Federica PETRILLO Rosanna

Dettagli

Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni

Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni Preparazione dei campioni: (Estrazione del DNA o dell RNA dal tessuto di interesse) Analisi delle mutazioni: SSCP DHPLC Dot blot - Southern - PCR (ARMS

Dettagli

Il Test di Avidità nell infezione da HIV

Il Test di Avidità nell infezione da HIV Il Test di Avidità nell infezione da HIV 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013 Daniela Bernasconi Product Manager Infectious Disease Abbott Diagnostici Italia Diagnosi di infezione da

Dettagli

Biodiversità delle popolazioni microbiche: tra adattamento e biotecnologia

Biodiversità delle popolazioni microbiche: tra adattamento e biotecnologia Biodiversità delle popolazioni microbiche: tra adattamento e biotecnologia Lorenzo Morelli Istituto di Microbiologia Facoltà di Agraria UCSC Piacenza In questa presentazione Peculiarità del genoma dei

Dettagli

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015 Servizi di Ricerca a Terzi Luglio 2015 Chi siamo Vera Salus Ricerca S.r.l. (VSR) è una target discovery biotech company che mette a disposizione le proprie competenze e la propria strumentazione in qualità

Dettagli

Controllo post-trascrizionale dell espressione genica

Controllo post-trascrizionale dell espressione genica Controllo post-trascrizionale dell espressione genica Livelli di controllo dell espressione genica Rivisitazione del concetto di gene Per gli organismi eucariotici più evoluti il dogma un gene = una proteina

Dettagli

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Associazione Trastuzumab e chemioterapia nel carcinoma mammario metastatico e localmente avanzato. Nostra casistica. Carlo Floris

Dettagli

REUMAFLORENCE 2008 Le criticità della terapia biologica. Induzione di autoanticorpi e lupus-like sindrome

REUMAFLORENCE 2008 Le criticità della terapia biologica. Induzione di autoanticorpi e lupus-like sindrome REUMAFLORENCE 2008 Le criticità della terapia biologica Induzione di autoanticorpi e lupus-like sindrome Lorenzo Emmi Francesca Chiarini Centro di Riferimento Regionale per le Malattie Autoimmuni Sistemiche

Dettagli

La biologia molecolare nell'era delle target therapies: perchè è necessario un feedback continuo tra la clinica ed il laboratorio?

La biologia molecolare nell'era delle target therapies: perchè è necessario un feedback continuo tra la clinica ed il laboratorio? IV Edizione Cors o ECM ROMA 9-10 Maggio 2013 Hotel Shangri-La Corsetti La Biologia Molecolare applicata alla pratica clinica La biologia molecolare nell'era delle target therapies: perchè è necessario

Dettagli

Colture cellulari Modelli in vitro applicati alla nutrizione

Colture cellulari Modelli in vitro applicati alla nutrizione Colture cellulari Modelli in vitro applicati alla nutrizione ESEMPI: Valutazione dell attività biologica di fattori coinvolti nella regolazione della proliferazione cellulare e differenziazione cellulare

Dettagli

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano I lipidi nella alimentazione del bambino Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano ! I lipidi del latte materno: composizione e significato - acidi grassi -

Dettagli

Vettori di espressione

Vettori di espressione Vettori di espressione Vengono usati per: 1.Generare sonde di RNA 2.Produrre la proteina codificata Per fare questo viene utilizzato un promotore che risiede sul vettore, modificato per ottimizzare l interazione

Dettagli

Il nobel per l interferenza dell RNA

Il nobel per l interferenza dell RNA Il nobel per l interferenza dell RNA Andrew Fire e Craig Mello, i due vincitori del Premio Nobel 2006 per la Medicina e la Fisiologia. I due biologi molecolari vengono premiati per aver scoperto uno dei

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA SCRITTURA DELLA TESI DI LAUREA SPERIMENTALE

LINEE GUIDA PER LA SCRITTURA DELLA TESI DI LAUREA SPERIMENTALE LINEE GUIDA PER LA SCRITTURA DELLA TESI DI LAUREA SPERIMENTALE LAB. PATOLOGIA GENERALE 2005 Adriano Angelucci TESI SCIENTIFICA (da: come si fa una tesi di laurea di U.Eco) 1-L oggetto della ricerca deve

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Sessione IV Ricerca e sviluppo per i programmi di screening

Sessione IV Ricerca e sviluppo per i programmi di screening Sessione IV Ricerca e sviluppo per i programmi di screening o L Adeguamento delle linee-guida dello screening del cervicocarcinoma o I Vaccini anti-hpv e gli Screening o Modelli di interazione tra screening

Dettagli

STIMA DELLA PROBABILITÀ DI DEGRADO BIOLOGICO SU CAPPOTTI

STIMA DELLA PROBABILITÀ DI DEGRADO BIOLOGICO SU CAPPOTTI POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Edile - Architettura Corso di laurea magistrale in Ingegneria dei Sistemi Edilizi STIMA DELLA PROBABILITÀ DI DEGRADO BIOLOGICO SU CAPPOTTI PROPOSTA DI UN METODO

Dettagli

Trichomonas vaginalis

Trichomonas vaginalis Trichomonas vaginalis Classificazione Regno Protista Sottoregno Protozoa Phylum Sarcomastigophora Subphylum Mastigophora Classe Zoomastigophorea Ordine Trichomonadida Genere Trichomonas Specie Trichomonas

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO Dipartimento Biomedico di Medicina Interna e Specialistica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO Dipartimento Biomedico di Medicina Interna e Specialistica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO Dipartimento Biomedico di Medicina Interna e Specialistica Dottorato di Ricerca in Genomica e Proteomica delle malattie oncologiche ed endocrino-metaboliche XXIV Ciclo

Dettagli

Sequenziamento del DNA: strutture dei nucleotidi

Sequenziamento del DNA: strutture dei nucleotidi Sequenziamento del DNA: strutture dei nucleotidi il metodo di Sanger 2-3 DIDEOSSINUCLEOTIDI Il contenuto di ciascuna provetta viene caricato in 4 pozzetti separati di un gel di poliacrilammide * Indica

Dettagli

Regolazione genica post- trascrizionale

Regolazione genica post- trascrizionale 18. L RNA regolatore contiene materiale protetto da copyright, ad esclusivo uso personale; non è consentita diffusione ed utilizzo di tipo commerciale Regolazione genica post- trascrizionale L espressione

Dettagli

Approcci metodologici nella microbiologia delle acque e criticità dei metodi analitici

Approcci metodologici nella microbiologia delle acque e criticità dei metodi analitici Approcci metodologici nella microbiologia delle acque e criticità dei metodi analitici Istituto Superiore di Sanità Roma 30 ottobre 2007 Rossella Briancesco Metodi tradizionali spesso poco sensibili Metodi

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

RNA interference. La tecnologia dell RNAi è basata su un processo di inattivazione genica post-trascrizionale, altamente specifico

RNA interference. La tecnologia dell RNAi è basata su un processo di inattivazione genica post-trascrizionale, altamente specifico RNA interference Tecnica che permette di interferire con l espressione di alcuni geni mediante la trasfezione di piccoli frammenti di RNA a doppio filamento in grado di antagonizzare l RNA messaggero corrispondente.

Dettagli

English-Medium Instruction: un indagine

English-Medium Instruction: un indagine English-Medium Instruction: un indagine Marta Guarda Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) Un indagine su EMI presso Unipd Indagine spedita a tutti i docenti dell università nella fase

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

I mirna NEI MECCANISMI ANTIVIRALI

I mirna NEI MECCANISMI ANTIVIRALI Davide Schiavone Biochimica A.A. 2004-2005 I mirna NEI MECCANISMI ANTIVIRALI I processi di difesa antivirale operati da RNA sfruttano diversi meccanismi che sono raggruppati sotto il nome di RNA silencing.

Dettagli

Dottore in Medicina e Chirurgia. Università La Sapienza -Roma. Specializzazione in Microbiologia e Virologia ( 4 anni)

Dottore in Medicina e Chirurgia. Università La Sapienza -Roma. Specializzazione in Microbiologia e Virologia ( 4 anni) F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome GONZALES ROSANNA Indirizzo Telefono 0984402478 Fax E-mail VIA A.VOLTA 36 87036 RENDE Nazionalità italiana Data di nascita 29/08/1962

Dettagli

Paola Diamante - SOC Microbiologia e Virologia

Paola Diamante - SOC Microbiologia e Virologia Paola Diamante - SOC Microbiologia e Virologia Azienda Ospedaliera S.Maria degli Angeli Pordenone LRTI etiological diagnosis: the real problem At present there is stilla great deficit in the etiologic

Dettagli

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo Gruppo Fides Dr Giuliano Grillo Medio di assistenza medica, infermieristica e riabilitativa Alto di assistenza tutelare e alberghiera Completamento cicli riabilitativi Trattamenti socio sanitari di mantenimento

Dettagli

Antibiotici. antibiotico resistenza : perché..? FARMACOLOGIA CLINICA. A cura di: M.Erminia Stochino Roberto De Lisa Raffaella Ardau

Antibiotici. antibiotico resistenza : perché..? FARMACOLOGIA CLINICA. A cura di: M.Erminia Stochino Roberto De Lisa Raffaella Ardau Sezione di Farmacologia Clinica Dipartimento di Neuroscienze B.B.Brodie Università degli Studi di Cagliari -ASL Resp. Prof.ssa Maria Del Zompo Direzione Sanitaria ASL Dott.ssa Maria Rosaria Ruggiu Antibiotici

Dettagli

Esame delle urine : un percorso condiviso tra la Patologia Clinica e la Microbiologia

Esame delle urine : un percorso condiviso tra la Patologia Clinica e la Microbiologia Esame delle urine : un percorso condiviso tra la Patologia Clinica e la Microbiologia Dott. Antonio Conti 3000 2500 2013 Campioni urinari 2000 1500 1000 500 Positivi pz Ambulatoriali : 19.4 % Positivi

Dettagli

DOLFINI DILETTA MATRICOLA 686017

DOLFINI DILETTA MATRICOLA 686017 DOLFINI DILETTA MATRICOLA 686017 CELLULA GENES EXPRESSION PROGRAM TRASCRIPTION PROGRAM CHROMATIN-MODIFYING COMPLEX TF ON PROMOTERS TRASCRIPTION COMPLEX 141 TF DAL YEAST PROTEOME DATABASE MYC EPITOPE TAG

Dettagli

La regolazione genica nei virus

La regolazione genica nei virus La regolazione genica nei virus Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri I VIRUS INDICE Caratteristiche dei virus: il capside e il genoma virale Classificazione virale Fasi del ciclo riproduttivo

Dettagli

La brevettazione in campo medico e biotecnologico. Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007

La brevettazione in campo medico e biotecnologico. Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007 La brevettazione in campo medico e biotecnologico Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007 La brevettazione delle sequenze di acido nucleico Elena Comoglio Jacobacci & Partners S.p.A. Brevetti

Dettagli

ANTIBIOTICI ANTIBIOTICO RESISTENZA MONITORAGGIO DEL FENOMENO

ANTIBIOTICI ANTIBIOTICO RESISTENZA MONITORAGGIO DEL FENOMENO ANTIBIOTICI ANTIBIOTICO RESISTENZA MONITORAGGIO DEL FENOMENO Gli antibiotici costituiscono un vasto gruppo di farmaci di origine biologica, utilizzati per trattare le infezioni dovute ad agenti patogeni

Dettagli

Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip

Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip Premessa Questo prodotto è stato pensato e progettato, per poter essere installato, sia sulle vetture provviste di piattaforma CAN che su

Dettagli

ID55/2005 PROGETTO R&S Lo sviluppo di nuovi inibitori delle istone deacetilasi per un approccio epigenetico alla terapia dei tumori.

ID55/2005 PROGETTO R&S Lo sviluppo di nuovi inibitori delle istone deacetilasi per un approccio epigenetico alla terapia dei tumori. SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI CONGENIA - CONGENIA Srl Milano - DAC Srl Milano - NIKEM RESEARCH Srl Bollate MI - ISTITUTO EUROPEO DI ONCOLOGIA Milano - ISTITUTO FIRC DI ONCOLOGIA MOLECOLARE Milano

Dettagli

DMM SCIENTIFIC MEETING PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014

DMM SCIENTIFIC MEETING PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014 DMM SCIENTIFIC MEETING PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014 DMM SCIENTIFIC MEETING - PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014 QUESTIONARIO RISPOSTE CORRETTE 1. I vaccini a DNA sono potenziati dall uso della elettroporazione in

Dettagli

Biofarmaci. Contributo ENEA Sviluppo di biofarmaceutici innovativi per terapie anti-metastatiche. Conferenza Stampa. Roma, 22 settembre 2011

Biofarmaci. Contributo ENEA Sviluppo di biofarmaceutici innovativi per terapie anti-metastatiche. Conferenza Stampa. Roma, 22 settembre 2011 Biofarmaci Contributo ENEA Sviluppo di biofarmaceutici innovativi per terapie anti-metastatiche Eugenio Benvenuto Laboratorio Biotecnologie UT BIORAD Conferenza Stampa Roma, 22 settembre 2011 UT BIORAD

Dettagli

User Guide Guglielmo SmartClient

User Guide Guglielmo SmartClient User Guide Guglielmo SmartClient User Guide - Guglielmo SmartClient Version: 1.0 Guglielmo All rights reserved. All trademarks and logos referenced herein belong to their respective companies. -2- 1. Introduction

Dettagli

L introduzione della biologia molecolare nei laboratori di microbiologia alimentare: l esperienza del Laboratorio di riferimento Europeo per E.

L introduzione della biologia molecolare nei laboratori di microbiologia alimentare: l esperienza del Laboratorio di riferimento Europeo per E. L introduzione della biologia molecolare nei laboratori di microbiologia alimentare: l esperienza del Laboratorio di riferimento Europeo per E. coli Stefano Morabito EU Reference Laboratory for E. coli

Dettagli

Nuovi approcci all identificazione e caratterizzazione di geni regolati

Nuovi approcci all identificazione e caratterizzazione di geni regolati Nuovi approcci all identificazione e caratterizzazione di geni regolati Nuovi approcci all identificazione e caratterizzazione di geni regolati dallo Scatter Factor HGF e dal suo recettore Met HGF Met

Dettagli

La traduzione: dall mrna alle proteine

La traduzione: dall mrna alle proteine La traduzione: dall mrna alle proteine Le infezioni batteriche sono una grave causa di malattie e morte in Europa e negli USA. Le infezioni batteriche si curano con antibiotici che colpiscono l espressione

Dettagli

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA e&p GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA Linfomi: linfomi di Hodgkin e linfomi non Hodgkin Lymphomas: Hodgkin and non-hodgkin Lymphomas Massimo Federico, 1 Ettore M. S. Conti (

Dettagli

IL TECNICO DI LABORATORIO E LA GESTIONE DEL CAMPIONE E DELL ESAME ESAME IN MEDICINA MOLECOLARE. A. Forlin ULSS 13 Mirano (VE)

IL TECNICO DI LABORATORIO E LA GESTIONE DEL CAMPIONE E DELL ESAME ESAME IN MEDICINA MOLECOLARE. A. Forlin ULSS 13 Mirano (VE) IL TECNICO DI LABORATORIO E LA GESTIONE DEL CAMPIONE E DELL ESAME ESAME IN MEDICINA MOLECOLARE A. Forlin ULSS 13 Mirano (VE) PREMESSE La Biologia Molecolare e l applicazione l delle sue tecnologie, in

Dettagli

Strategie per lo sviluppo di antivirali

Strategie per lo sviluppo di antivirali Strategie per lo sviluppo di antivirali Attacco del virus al recettore Ingresso Spoliazione Trascrizione e traduzione Modifiche post-traduzionali Replicazione del genoma virale Assemblaggio/maturazione

Dettagli

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo Esperto in processi innovativi di sintesi biomolecolare applicata a tecniche di epigenetica Materiale Didattico Biologia applicata alla ricerca bio-medica immagine Docente: Di Bernardo TECNICHE PER L ANALISI

Dettagli

La rivoluzione culturale del microbiota umano

La rivoluzione culturale del microbiota umano La rivoluzione culturale del microbiota umano Enzo Grossi FROM NUTRITION TO HEALTH: AN EXPO CHALLENGE Milano, 4 Dicembre 2014 Microbiota e salute: come Sino a pochi anni fa: cambiano le cose! interesse

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

Il contributo dell ECDC nella sorveglianza e controllo dell antibiotico-resistenza a livello europeo

Il contributo dell ECDC nella sorveglianza e controllo dell antibiotico-resistenza a livello europeo Il contributo dell ECDC nella sorveglianza e controllo dell antibiotico-resistenza a livello europeo Dott, Fortunato Paolo D Ancona Centro Nazionale Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute

Dettagli

COMPARATIVE ANALYSIS OF mrna TARGETS FOR HUMAN PUF-FAMILY RNA-BINDING PROTEINS

COMPARATIVE ANALYSIS OF mrna TARGETS FOR HUMAN PUF-FAMILY RNA-BINDING PROTEINS DISS. ETH NO. 18803 COMPARATIVE ANALYSIS OF mrna TARGETS FOR HUMAN PUF-FAMILY RNA-BINDING PROTEINS A dissertation submitted to ETH ZURICH for the degree of Doctor of Sciences presented by ALESSIA GALGANO

Dettagli

Sinossi dei disegni di studio

Sinossi dei disegni di studio Sinossi dei disegni di studio di intervento osservazionali serie di casi trasversale ecologici individuali quasisperimentali sperimentali (RCT) coorte caso-controllo Studi caso-controllo Il punto di partenza

Dettagli

ITIS ENRICO MEDI. Individuare l organizzazione strutturale, le funzioni e classificare i virus

ITIS ENRICO MEDI. Individuare l organizzazione strutturale, le funzioni e classificare i virus UDA UDA N. 1 I Virus UDA 2 Attività patogena dei microrganismi ITIS ENRICO MEDI PIANO DELLA DISCIPLINA: Biologia, Microbiologia e Tecnologie di controllo Ambientale Classe 4Ab PIANO DELLE UDA ANNO 2013-2014

Dettagli

Automazione in batteriologia: Roberto Rigoli Direttore Dipartimento Patologia Clinica ULSS n.9 Treviso

Automazione in batteriologia: Roberto Rigoli Direttore Dipartimento Patologia Clinica ULSS n.9 Treviso Automazione in batteriologia: nuove frontiere tecnologiche Roberto Rigoli Direttore Dipartimento Patologia Clinica ULSS n.9 Treviso Cambiamenti in batteriologia: raccolta del campione Comparison of 3 swab

Dettagli

Trofile. identifica il tropismo HIV. Domande? Conoscere il tropismo HIV e la tecnologia Trofi le ; come ordinare un test Trofi le.

Trofile. identifica il tropismo HIV. Domande? Conoscere il tropismo HIV e la tecnologia Trofi le ; come ordinare un test Trofi le. identifica il tropismo HIV Un nuovo standard per riconoscere il tropismo HIV Trofi le identifi ca i pazienti candidati alla terapia con i farmaci CCR5-antagonisti. Trofi le è l unico test clinicamente

Dettagli

Organizzazione del corso

Organizzazione del corso Organizzazione del corso Biotecnologi mercoledì lezioni 11-13 09 marzo 16 marzo 23 marzo 30 marzo Biologi mercoledì lezioni 11-13 09 marzo 16 marzo 23 marzo 30 marzo Tutti: venerdì 11 marzo, 09-11, aula

Dettagli

Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1

Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1 Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1 e loro applicazione in studi pre-clinici. Il trasferimento genico è una tecnologia

Dettagli

Farmacodinamica II. Mariapia Vairetti. Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare

Farmacodinamica II. Mariapia Vairetti. Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare Farmacodinamica II Mariapia Vairetti Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare Processo di riconoscimento fra farmaco e recettore TIPI DI

Dettagli

Combinazioni serie IL-MIL + MOT

Combinazioni serie IL-MIL + MOT Combinazioni tra riduttori serie IL-MIL e MOT Combined series IL-MIL + MOT reduction units Combinazioni serie IL-MIL + MOT Sono disponibili varie combinazioni tra riduttori a vite senza fine con limitatore

Dettagli

Reportistica per la medicina generale. Rel. 2.0

Reportistica per la medicina generale. Rel. 2.0 Reportistica per la medicina generale Rel. 2.0 NEWS integrazione del report di spesa e consumi con indicatori di cura: A) politerapie concomitanti; B) terapia del dolore C) interazioni tra coppie di farmaci

Dettagli

Determinazione dei microrganismi negli alimen1 Argomen( e obbie(vi

Determinazione dei microrganismi negli alimen1 Argomen( e obbie(vi Determinazione dei microrganismi negli alimen1 Argomen( e obbie(vi Necessità e problema0che nella determinazione dei microrganismi negli alimen0 Metodologie alterna0ve Principi - vantaggi e svantaggi applicazioni

Dettagli

La qualità vista dal monitor

La qualità vista dal monitor La qualità vista dal monitor F. Paolo Alesi - V Corso di aggiornamento sui farmaci - Qualità e competenza Roma, 4 ottobre 2012 Monitoraggio La supervisione dell'andamento di uno studio clinico per garantire

Dettagli

La Biopsia Prostatica: where are we going?

La Biopsia Prostatica: where are we going? La Biopsia Prostatica: where are we going? Sabato 28 Novembre 2015, Catania Dott. Michele Salemi Screening genetico correlato a rischio di carcinoma prostatico. BRCA1, BRCA2, TP53, CHEK2, HOXB13 e NBN:

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive L.Spallanzani IRCCS -Laboratorio di Immunologia Cellulare- Dr. Domenico Viola TSLB

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive L.Spallanzani IRCCS -Laboratorio di Immunologia Cellulare- Dr. Domenico Viola TSLB Istituto Nazionale per le Malattie Infettive L.Spallanzani IRCCS -Laboratorio di Immunologia Cellulare- Dr. Domenico Viola TSLB Un nuovo standard a supporto della diagnosi dell infezione da M. tuberculosis

Dettagli

La presenza di microrganismi negli alimenti

La presenza di microrganismi negli alimenti La presenza di microrganismi negli alimenti Contaminazione primaria: dovuta a microrganismi naturalmente presenti nell alimento Contaminazione secondaria: proviene dal contatto con Aria acqua suolo Piante

Dettagli