CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI"

Transcript

1 CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI 5-1. I politici ambientalisti spesso sostengono che è redditizio per le imprese perseguire una strategia amica dell ambiente (per esempio, costruendo fabbriche che non inquinano e non sono rumorose), dato che i lavoratori saranno disposti a lavorare per tali aziende amiche dell ambiente in cambio di salari inferiori. Valutate la validità di questa affermazione. Se fosse redditizio per le imprese costruire fabbriche che non inquinano e non sono rumorose, tali fabbriche sarebbero già state costruite. Se le fabbriche amiche dell ambiente fossero davvero redditizie, infatti, le imprese potrebbero costruire tali fabbriche, che massimizzerebbero il profitto, e attirare i lavoratori pur offrendo un salario inferiore, in quanto non ci sarebbe bisogno di un differenziale compensativo. Il fatto che i differenziali compensativi esistano e che i governi cerchino di regolare la qualità del posto di lavoro implica che costruire fabbriche verdi è più costoso di quanto si potrebbe risparmiare sui salari Fate l ipotesi che i salari e l assicurazione sulla salute siano le sole due caratteristiche del posto di lavoro che interessano ai lavoratori. Descrivete la relazione tra il livello salariale in un particolare posto di lavoro e il fatto che l impresa offra un assicurazione sanitaria nel caso in cui il governo non imponga obblighi in questo senso. Cosa accadrebbe alla struttura salariale se il governo richiedesse a tutte le imprese di fornire un pacchetto standard di assicurazione sulla salute ai lavoratori? Se il governo non richiedesse ai datori di lavoro di offrire l assicurazione sulla salute, i lavoratori preferirebbero lavorare nelle imprese che offrono tale assicurazione e sarebbero disposti a pagare per il diritto di lavorare presso queste imprese (facendo l ipotesi che tutti i lavoratori preferiscano avere assicurazioni sulla salute). In altre parole, i posti di lavoro che offrono l assicurazione sanitaria pagherebbero un salario inferiore a quello pagato dai posti di lavoro che non offrono assicurazione. Se il governo, al contrario, imponesse l obbligo per tutti i datori di lavoro di offrire l assicurazione sanitaria ai lavoratori, il salario delle imprese che precedentemente non fornivano assicurazione sulla salute (oppure che fornivano un pacchetto assicurativo al di sotto dello standard ) diminuirebbe e il salario sarebbe lo stesso in tutti i posti di lavoro. 30

2 5-3. Fate l ipotesi che ci siano 100 lavoratori che devono scegliere se lavorare in un posto di lavoro pericoloso o sicuro. Il prezzo di riserva del lavoratore 1 per accettare il posto di lavoro pericoloso è 1, mentre per il lavoratore 2 è 2 e così via. Data la tecnologia dell impresa, esistono solamente 10 posti di lavoro pericolosi. (a) Quale è il differenziale salariale d equilibrio tra i posti di lavoro sicuri e pericolosi? Quali lavoratori saranno occupati in un posto di lavoro pericoloso? La curva di offerta per il posto di lavoro rischioso è data dal fatto che il lavoratore 1 ha un prezzo di riserva di 1, il lavoratore 2 è 2 e così via. Come illustrato dalla figura sotto, tale curva di offerta (S) è inclinata positivamente e ha un inclinazione uguale a 1. La curva di domanda (D) per i posti di lavoro pericolosi è perfettamente inelastica a 10 posti di lavoro. L equilibrio del mercato è raggiunto nel punto in cui l offerta uguaglia la domanda così che 10 lavoratori sono occupati nei posti di lavoro pericolosi; il differenziale salariale compensativo del mercato è 10 visto che questo è il livello salariale necessario per attirare il (decimo) lavoratore marginale ad accettare l offerta di lavoro di un impresa pericolosa. Osservate che l impresa occupa quei lavoratori che si preoccupano meno di essere esposti al rischio. (b) Fate ora l ipotesi che una campagna pubblicitaria pagata dai datori di lavoro che offrono posti di lavoro pericolosi promuova il brivido dell infortunio e modifichi le preferenze della forza lavoro riguardo al lavoro pericoloso. Di conseguenza, il lavoratore 1 ha ora un prezzo di riserva di - 10 (cioè è disposto a pagare 10 per il diritto di lavorare in un posto di lavoro pericoloso), mentre il lavoratore 2 ha un prezzo di riserva pari a - 9 e così via. I posti di lavoro disponibili nell economia sono ancora 10. A quanto ammonta il nuovo differenziale salariale d equilibrio? Se cambiano le preferenze per il rischio, la curva di offerta si sposta in basso fino a S e l equilibrio del mercato è raggiunto quando il differenziale salariale compensativo è pari a - 1. Questo è il differenziale compensativo richiesto per assumere il lavoratore marginale (cioè il decimo lavoratore). Osservate che questo differenziale compensativo implica che, anche se la maggior parte dei lavoratori (dal dodicesimo in poi) non ama il rischio, il mercato determina che i posti di lavoro pericolosi saranno pagati meno di quelli sicuri. Differenziale compensativo D S 10 S Occupazione 31

3 5-4. Ipotizziamo che tutti i lavoratori abbiano le stesse preferenze rappresentate dalla seguente funzione di utilità: U = w 2 x, dove w è il salario e x è la proporzione di inquinanti tossici presenti nell aria dell impresa. Ci sono solamente due tipi di posti di lavoro nell economia, uno pulito (x = 0) e uno sporco (x = 1). Sia w 0 il salario pagato per il posto di lavoro pulito e w 1 quello pagato per il posto di lavoro sporco. Se il posto di lavoro pulito viene pagato 16 l ora, qual è il salario per i posti di lavoro sporchi? Quale è il differenziale salariale compensativo? Se tutti gli individui hanno le stesse preferenze relativamente al posto di lavoro con aria inquinata, l equilibrio di mercato richiede che l utilità offerta dal posto di lavoro pulito sia la stessa dell utilità offerta dal posto di lavoro sporco, altrimenti tutti i lavoratori si sposterebbero nel posto di lavoro che offre l utilità maggiore. Questo implica che: w (0) = w 2(1) => 16= w Risolvendo per w 1, si ottiene w 1 = 36. Il differenziale salariale compensativo è, quindi, Fate l ipotesi che si osservi una diminuzione del differenziale salariale compensativo tra i posti di lavoro pericolosi e quelli sicuri. Due spiegazioni vengono proposte: progressi ingegneristici hanno reso meno costoso creare un ambiente di lavoro sicuro, il grande successo del nuovo serial d azione Muori sul lavoro! ha intrigato milioni di spettatori e dato loro una percezione romantica dei rischi sul lavoro. Utilizzando i diagrammi di offerta e domanda di lavoro mostrate come ognuno dei due sviluppi possa spiegare la diminuzione del differenziale salariale compensativo. E possibile determinare quale spiegazione è quella giusta in base ad ulteriori informazioni sul numero di lavoratori che occupano il posto di lavoro pericoloso? I progressi ingegneristici rendono più conveniente per le imprese offrire posti di lavoro sicuri e, di conseguenza, riducono i guadagni derivanti dallo spostarsi da un ambiente sicuro ad uno pericoloso. Questo sposterà la curva di domanda per i posti di lavoro pericolosi e ridurrà il differenziale salariale compensativo (Figura 1). Osservate che si riduce il numero di lavoratori d equilibrio in posti di lavoro pericolosi. Rendere affascinanti i rischi sul lavoro può spingere gli individui ad essere più disposti ad accettare tali rischi. Questo sposta la curva d offerta verso destra e riduce il differenziale compensativo (Figura 2). Osservate che aumenta il numero di lavoratori d equilibrio nei posti di lavoro pericolosi. Di conseguenza, maggiori informazioni sul fatto che l occupazione nel settore pericoloso sia aumentata o diminuita può aiutare a distinguere tra le due spiegazioni. 32

4 Figura 1. Il mercato del lavoro per i posti di lavoro pericolosi Figura 2. Mercato del lavoro per posti di lavoro pericolosi Differenziale compensativo Vecchia offerta Nuova offerta (w 1 w 0 ) vecchio (w 1 w 0 ) nuovo Domanda E vecchio E nuovo Numero di lavoratori in posti di lavoro pericolosi 33

5 5-6. Considerate un economia competitiva che ha quattro diversi posti di lavoro che differiscono per salario e livello di rischio. La tabella sotto descrive ognuno dei quattro posti di lavoro. Posto di lavoro Rischio ( r ) Salario ( w ) A 1/5 3 B 1/4 12 C 1/3 23 D 1/2 25 Tutti i lavoratori sono ugualmente produttivi, ma i lavoratori hanno preferenze diverse. Considerate un lavoratore che valuta il suo salario e il livello di rischio secondo la seguente funzione di utilità: u( w, r) = w + 1 r 2. Dove sceglie di lavorare tale lavoratore? Fate l ipotesi che il governo richieda che tutti i posti di lavoro abbiano un fattore di rischio pari a 1/5 (di conseguenza, tutti posti di lavoro diventano posti di lavoro A). Quale livello di salario dovrebbe ottenere il lavoratore per essere ugualmente soddisfatto dopo l introduzione di questa legge? Calcolate il livello di utilità per ogni posto di lavoro utilizzando il salario e il livello di rischio: U(A) = 28, U(B) = 28, U(C) = 32 e U(D) = 29. Quindi, il lavoratore sceglie il lavoro di tipo C e riceve un livello di utilità pari a 32. Se è obbligato a lavorare nel posto di lavoro A, il lavoratore ha bisogno di ricevere un salario di 7 per mantenere la sua utilità ad un livello pari a 32, dato che = Considerate la Tabella 5-1 e confrontate il tasso di mortalità dei lavoratori nelle industrie agricola, mineraria, edilizia e manifatturiera. Descrivete la distribuzione dei salari tra queste quattro industrie, dato il differenziale salariale che potrebbero dover pagare per compensare i lavoratori per i rischi associati ai vari posti di lavoro? L industria mineraria pagherebbe il differenziale salariale più elevato, seguito dall agricoltura, quindi dall edilizia e infine dalla manifatturiera L Environmental Protection Agency (EPA) vuole stimare il valore che i lavoratori attribuiscono al poter lavorare in miniere pulite piuttosto che in miniere sporche. L EPA conduce uno studio e trova che il salario medio nelle miniere pulite è pari a $ e il salario medio in quelle sporche è pari a $. (a) Secondo l EPA, quanto è il valore associato con il lavorare in una miniera pulita per il lavoratore medio? Il valore medio è $ $ = 5.000$. (b) Fate l ipotesi che l EPA possa obbligare tutte le miniere sporche a diventare pulite e tutti i lavoratori occupati in una miniera sporca ad accettare una riduzione di retribuzione di 5.000$. Questi lavoratori beneficiano dal suddetto intervento, ne sono danneggiati o sono indifferenti? Tutti i lavoratori, eccetto il lavoratore marginale, sono danneggiati dall intervento. I lavoratori che scelgono posti di lavoro sporchi sono quei lavoratori che non sono avversi al lavorare in condizioni sporche e che quindi non attribuiscono un valore pari a 5.000$ ad un lavoro pulito. Analogamente, se tutti i lavoratori in posti di lavoro puliti fossero obbligati ad accettare posti di lavoro sporchi per 5.000$ in più, tutti i lavoratori eccetto quello marginale sarebbero danneggiati visto che tutti loro valutano il fatto di lavorare in un posto pulito più di 5.000$. 34

6 5-9. Ci sono due tipi di trattori agricoli sul mercato, FT250 e FT500. L unica differenza tra i due è che un FT250 è più soggetto ad incidenti di un FT500. Nel corso della loro vita, ci si aspetta che un FT250 su dieci abbia un incidente, rispetto ad un FT500 su 25. Inoltre, un FT250 su mille porta ad un incidente mortale, contro un FT500 su cinquemila. Un FT250 viene venduto a , mentre un FT500 viene venduto a A questi prezzi, esemplari di ogni modello vengono acquistati ogni anno. Quale è il valore statistico che gli agricoltori attribuiscono al fatto di evitare un incidente con il trattore? Quale è il valore statistico di una vita di un agricoltore? Un FT500 è associato ad un costo extra di , ma il suo tasso di incidenti è solamente pari a 1/25 in confronto a 1/10 di un FT250. Inoltre, ogni lavoratore che acquista un FT250 è disposto ad accettare il rischio addizionale per risparmiare Di conseguenza, questi lavoratori sono disposti a ricevere 24 milioni di euro ( x 2.000) in cambio di = 120 incidenti. Quindi, il valore attribuito ad ogni incidente è di Analogamente, i agricoltori che acquistano un FT250 sono disposti a ricevere 24 milioni di euro in cambio di 2 0,4 = 1,6 incidenti mortali, quindi il valore attribuito ad ogni vita è 15 milioni di euro Considerate il mercato del lavoro degli insegnanti delle scuole pubbliche. Gli insegnanti hanno determinate preferenze riguardo alle caratteristiche del posto di lavoro e al livello di job amenities. (a) Ragionevolmente, ci si aspetta che i distretti nei quali le scuole hanno elevati tassi di criminalità paghino salari maggiori rispetto ai distretti nei quali il tasso di criminalità è basso. Ma i dati rivelano in maniera evidente che i distretti scolastici con alta criminalità pagano salari inferiori rispetto a quelli pagati nei distretti a bassa criminalità. Perché? La probabile ragione di questa apparente contraddizione non è che gli insegnanti sono indifferenti tra il lavorare in una scuola con tasso di criminalità alto o basso. Al contrario, la differenza negli stipendi è determinata in larga parte dalle tasse locali sulla proprietà. Se le scuole con elevata criminalità sono situate in distretti a basso reddito, non c è nulla (o almeno molto poco) che il consiglio scolastico locale può fare per raccogliere più denaro al fine di pagare il differenziale compensativo. (b) La vostra discussione suggerisce qualcosa sulla relazione tra le retribuzioni degli insegnanti e la qualità della scuola? Dato che le scuole con elevata criminalità non possono offrire alcun differenziale salariale compensativo, non saranno in grado di attirare gli insegnanti più qualificati. Quindi, è probabile che le scuole peggiori (con i peggiori insegnanti) siano localizzate nelle comunità più povere e con la maggiore criminalità. Questa è la tipica motivazione addotta da coloro che propongono di modificare lo schema di finanziamento dell istruzione pubblica, rimpiazzando l attuale schema fiscale sulla proprietà con fondi federali. 35

7 5 11. Molti datori di lavoro sono disposti ad offrire ai loro lavoratori benefici come l assicurazione sulla salute, un piano di pensionamento, iscrizioni alla palestra o anche una caffetteria sul posto di lavoro. Perché? Offrire benefici sul lavoro è simile ad offrire un posto di lavoro con caratteristiche cattive. Quando il posto di lavoro offerto è pericoloso, per esempio, il datore di lavoro deve compensare il rischio del lavoratore. Il datore di lavoro sceglie di agire in questo modo perché è redditizio, cioè perché il costo di compensare il rischio è minore del costo in cui incorre per trasformare il posto di lavoro in uno sicuro. La stessa (ma opposta) argomentazione vale per i benefici sul lavoro: offrendo un posto di lavoro con benefici, il datore di lavoro può pagare meno il lavoratore dato che il lavoratore attribuisce un valore a tali benefici. Per il datore di lavoro sarà redditizio continuare ad offrire i benefici finché il risparmio derivante dalla riduzione dei salari dei lavoratori è maggiore dei costi associati con i benefici offerti sul luogo di lavoro. Un motivo per cui i benefici quali l assicurazione sulla salute sono abbastanza popolari è che le imprese possono negoziare prezzi inferiori e migliori pacchetti di cura di quanto gli individui potrebbero fare singolarmente. Inoltre, le imprese possono dedurre il costo dei loro benefici dal valore dei ricavi netti, mentre gli individui non possono dedurre dalle tasse l ammontare totale delle loro spese per la cura della salute. 36

8 5-12. Ipotizzate che un impresa debba assumere 20 lavoratori per produrre unità di output che devono essere fornite al governo per un prezzo totale di 1,4 milioni di euro. L impresa deve scegliere quanto investire in sicurezza e può scegliere un qualsiasi livello di sicurezza, S, da 0 a 100. Il costo della sicurezza è C(S) = 50S 2. Data la scelta dell impresa relativa al livello di sicurezza, essa deve pagare un salario annuale ad ogni lavoratore pari a S. Quindi, un impresa che sceglie S = 30 paga per questo livello di sicurezza e paga ogni lavoratore Quale livello di sicurezza sceglierà l impresa e a quanto ammonteranno i costi? Quanto guadagnerà ogni lavoratore? A quanto ammonteranno i profitti dell impresa? La soluzione: Profitto = 1,4 milioni di euro 50S 2 20( S) = S 50S 2. La condizione di primo ordine è: = 100S, quindi S* = 60. In breve, l impresa sceglie un livello di sicurezza pari a 60 ad un costo di e paga ad ognuno dei suoi 20 lavoratori un salario annuale di (60) = In questo modo, realizza un profitto pari a (42.000) = La soluzione in Excel è: S C(S) W(S) Profit S=A102 =50*A102^2 = *A102 = B102-20*C102 37

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI

CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI 11-1. Fate l ipotesi che ci siano 100 lavoratori in un economia in cui operano due imprese. Per l impresa A, il prodotto marginale dei lavoratori è pari a 35 l ora. Per

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 5 I differenziali salariali compensativi - Applicazione di politica economica: l assicurazione sulla salute e il mercato del lavoro 1 Negli Stati Uniti i datori di lavoro

Dettagli

CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO

CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO 1-1. Quante ore allocherà un individuo alle attività di tempo libero se le sue curve di indifferenza tra consumo e beni sono concave verso l origine? Il lavoratore o lavorerà

Dettagli

CAPITOLO 7 LA DISTRIBUZIONE DEL SALARIO

CAPITOLO 7 LA DISTRIBUZIONE DEL SALARIO CAPITOLO 7 LA DISTRIBUZIONE DEALARIO 7-1. Valutate la validità della seguente affermazione: il crescente differenziale salariale tra i lavoratori altamente istruiti e quelli meno istruiti genererà dei

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-3 Il capitale umano -Il modello dell istruzione 1 Il capitale umano Il modello dell istruzione L istruzione, come abbiamo visto, è associata a tassi di disoccupazione

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 11 GLI INCENTIVI SALARIALI 5 - I salari d efficienza 1 I modelli presentati finora si occupano di schemi di incentivazione che operano all interno dei vincoli finanziari

Dettagli

Imposte ed efficienza economica

Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Nell immediato, ogni aumento delle imposte fa diminuire il benessere dei contribuenti. Nel lungo periodo, tale diminuzione è compensata dai

Dettagli

Domanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus

Domanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus omanda, offerta, beneficio marginale, costo marginale e surplus Il comportamento dei consumatori relativamente ad un certo bene viene, come noto, descritto di solito tramite una curva di domanda: una curva

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esistono quattro principali tipi di strutture di mercato: concorrenza perfetta, monopolio, concorrenza monopolistica e oligopolio.

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 4 L equilibrio del mercato del lavoro - Applicazioni di politica economica: trattenute in busta paga contro benefici obbligatori 1 Il governo può imporre alle imprese

Dettagli

L efficienza del mercato

L efficienza del mercato L efficienza del mercato I mercantilisti, Smith e il mercato Prima di Smith, era ampiamente diffusa l idea che il migliore raggiungimento dell interesse pubblico richiedesse un intervento attivo dello

Dettagli

12.4 Risposte alle domande di ripasso

12.4 Risposte alle domande di ripasso Il monopolio 81 12.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Controllo su input fondamentali; economie di scala; brevetti; economie di rete; licenze governative. Nel lungo periodo il controllo sugli input

Dettagli

Edited by Foxit PDF Editor Copyright (c) by Foxit Software Company, 2004 For Evaluation Only.

Edited by Foxit PDF Editor Copyright (c) by Foxit Software Company, 2004 For Evaluation Only. In un mercato del lavoro competitivo esistono due tipi di lavoratori, quelli con alta produttività L A, che producono per 30 $ l'ora, e quelli con bassa produttività, L B, che producono per 5 $ l'ora.

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Dispensa 4. June 11, 2009

Dispensa 4. June 11, 2009 Dispensa 4 June 11, 2009 1 Il mercato dei bidoni Il problema della selezione avversa è dovuto al fatto che l agente detiene informazioni private (delle quali il principale non è a conoscenza) prima della

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE Nella Sezione 16.5 abbiamo visto come un regolatore che voglia fissare il prezzo del monopolista in modo da minimizzare la

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 19 e 20. Dott.ssa Rossella Greco

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 19 e 20. Dott.ssa Rossella Greco Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Macroeconomia sui capitoli 19 e 20 Dott.ssa Rossella Greco Domanda 1 (Problema 1. dal Cap. 19 del Libro di Testo) Nei paesi di Richland

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria. Corso di ECONOMIA INDUSTRIALE. Introduzione

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria. Corso di ECONOMIA INDUSTRIALE. Introduzione Corso di ECONOMIA INDUTRIALE roff Gianmaria Martini, Giuliano Masiero UNIVERITÀ DEGLI TUDI DI BERGAMO Facoltà di Ingegneria Lezione 13: Effetti della spesa pubblicitaria Ve 19 Nov 2004 Introduzione er

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione. ELORTO DL PR ON LINE DI ECONOMI DEI CONTRTTI 5.7. ssicurazione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività di screening di una compagnia assicurativa (per definizione neutrale

Dettagli

SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI

SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI Lo screening è un approccio per studiare i mercati caratterizzati da asimmetrie informative ed affrontare il problema connesso della selezione avversa Un applicazione interessante

Dettagli

Corso di POLITICA ECONOMICA

Corso di POLITICA ECONOMICA Corso di POLITICA ECONOMICA Giuseppe Croce Università La Sapienza - sede di Latina a.a. 2013-14 Queste slides non sostituiscono in alcun modo i testi consigliati per la preparazione dell esame ma intendono

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-7 Il capitale umano - La teoria dei segnali 1 Hip. base del modello di istruzione (teoria del capitale umano): istruzione => ( produttività del lavoratore) => w. Ragionamento

Dettagli

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth?

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth? SCAMBIO EFFICIENTE Per determinare se l equilibrio competitivo soddisfa la condizione di scambio efficiente, dovremo sviluppare uno strumento grafico chiamato la Scatola di Edgeworth e utilizzato per descrivere

Dettagli

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica.

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Lezione 9 Informazione Asimmetrica Informazione e mercati competitivi Mercati perfettamente competitivi: tutti gli agenti sono pienamente informati circa i beni scambiati e sul funzionamento del mercato.

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

I fallimenti del mercato

I fallimenti del mercato Esternalità I fallimenti del mercato Esternalità Quando una transazione tra un compratore e un venditore condiziona direttamente una terza parte, l effetto che questa subisce viene detto esternalità. In

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 3 La domanda di lavoro - 1 L ipotesi che le imprese aggiustano istantaneamente la loro occupazione quando cambia la situazione economica è un ipotesi FORTE. In realtà

Dettagli

Corso di Economia Applicata

Corso di Economia Applicata Corso di Economia Applicata a.a. 2007-08 II modulo 12 Lezione Asimmetrie informative e Adverse Selection Soluzioni per l Adverse Selection? selezione (screening ) segnalazione razionamento le soluzioni

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli

La teoria dell offerta

La teoria dell offerta La teoria dell offerta Tecnologia e costi di produzione In questa lezione approfondiamo l analisi del comportamento delle imprese e quindi delle determinanti dell offerta. In particolare: è possibile individuare

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale adattamento italiano di Novella Bottini 1 Struttura della presentazione Domanda e offerta relative Benessere e ragioni di scambio Effetti della

Dettagli

Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE

Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE L istruzione è un servizio complesso, nel quale l intervento pubblico è tradizionalmente ampio in tutti i paesi. In Italia,

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 3 La domanda di lavoro - 1 Ampliamo la teoria ipotizzando che ci siano molti tipi differenti di lavoratori (i.e. specializzati, non specializzati) e molti tipi differenti

Dettagli

LA MASSIMIZZAZIONE DEI PROFITTI NEL BREVE PERIODO

LA MASSIMIZZAZIONE DEI PROFITTI NEL BREVE PERIODO 1 LA MASSIMIZZAZIONE DEI PROFITTI NEL BREVE PERIODO 1 La nozione di breve e di lungo periodo Una assunzione rilevante della teoria del comportamento dell'impresa sviluppato in precedenza è che l'impresa

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza economica

Equilibrio generale ed efficienza economica Equilibrio generale ed efficienza economica Analisi dell equilibrio generale Efficienza nello scambio Equità ed efficienza Panoramica sull efficienza nei mercati concorrenziali Perché i mercati falliscono

Dettagli

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Sommario Mappa grafica dei contenuti proposti dalla scheda Abstract Obiettivi d apprendimento specifici alla scheda 1. Equilibrio di mercato 2.

Dettagli

11.1.6 I produttori eterogenei

11.1.6 I produttori eterogenei L equilibrio nei mercati concorrenziali 1 11.1.6 I produttori eterogenei Nel modello base della concorrenza perfetta, tutte le imprese utilizzano la stessa tecnologia e quindi hanno gli stessi costi di

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni CAPITOLO 2 Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni Semplici PROBLEMI 1. a. Negativo; b. VA = C 1 /(1 + r); c. VAN = C 0 + [C 1 /(1 + r)]; d. r è la remunerazione a cui si

Dettagli

14.6 Effettuare scelte in presenza di vincoli 15

14.6 Effettuare scelte in presenza di vincoli 15 14 18-12-2007 19:04 Pagina 403 Le decisioni di breve termine fra alternative diverse 403 Fig. 14.5 Il trattamento analitico dei costi a gradino Costo Comportamento reale del costo Trattamento analitico

Dettagli

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto MONOPOLIO Quando nel mercato c è una sola impresa, difficilmente questa accetta il prezzo di mercato come dato. Il monopolista può infatti influire sul prezzo di mercato (price-maker) e quindi sceglie

Dettagli

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985):

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): Sull uso delle Garanzie. Tassonomia Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): a) Un mutuatario può impegnare come garanzia ( interna all impresa) un cespite che viene utilizzato nel

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015. Domande a risposta multipla

Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015. Domande a risposta multipla Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015 Domande a risposta multipla 1) Il primo teorema dell economia del benessere sostiene che: a) L equilibrio competitivo dipende dal potere contrattuale

Dettagli

Ist. di Economia Politica I a.a. 2010-11 A. Lasagni (A-D) - P. Fabbri (E-N) - M. Ziliotti (O-Z) Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A

Ist. di Economia Politica I a.a. 2010-11 A. Lasagni (A-D) - P. Fabbri (E-N) - M. Ziliotti (O-Z) Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A COMPITO TIPO A - QUESTO TESTO DEVE ESSERE RI-CONSEGNATO Cognome: Nome: Matricola: AVVISI IMPORTANTI 1. PROPEDEUTICITA : ogni voto assegnato PRIMA di aver superato gli

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Efficienza, equità e politica economica

Efficienza, equità e politica economica Efficienza, equità e politica economica Abbiamo ora alcuni strumenti (metodologici) che l economia ci offre per analizzare in modo consapevole alcuni effetti che possono derivare da certe misure di POLITICA

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2015/16 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania, Margherita Scoppola e Francesco Aiello) 6-1

Dettagli

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative Capitolo 17 Mercati con asimmetrie informative Argomenti discussi Incertezza sulla qualità nel mercato dei bidoni Segnalazione Moral Hazard (azzardo morale) Micro F. Barigozzi 2 Perchè il mercato fallisce

Dettagli

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 2 COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 1 Le cause del commercio internazionale 2 Il modello ricardiano 3 La determinazione del pattern di commercio internazionale 4 La determinazione

Dettagli

Il comportamento del consumatore

Il comportamento del consumatore Il comportamento del consumatore Le preferenze del consumatore I vincoli di bilancio La scelta del consumatore Preferenze rivelate Utilità marginale e scelta del consumatore 1 Teoria del comportamento

Dettagli

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Microeconomia, Esercitazione 2 (26/02/204) Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Dott. Giuseppe Francesco Gori Domande a risposta multipla ) Antonio compra solo due beni, sigarette e banane.

Dettagli

Industrial organization e teoria dei giochi (II modulo) [Contratti, incentivi, impresa]

Industrial organization e teoria dei giochi (II modulo) [Contratti, incentivi, impresa] Industrial organization e teoria dei giochi (II modulo) [Contratti, incentivi, impresa] Lezion4 - Selezione avversa, screening e segnalazione Asimmetrie informative pre-contrattuali e selezione avversa

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli

MONOPOLIO, MONOPOLISTA

MONOPOLIO, MONOPOLISTA Barbara Martini OBIETTIVI IL SIGNIFICATO DI MONOPOLIO, IN CUI UN SINGOLO MONOPOLISTA È L UNICO PRODUTTORE DI UN BENE COME UN MONOPOLISTA DETERMINA L OUTPUT ED IL PREZZO CHE MASSIMIZZANO IL PROFITTO LA

Dettagli

Il sistema fiscale. Teoria

Il sistema fiscale. Teoria Il sistema fiscale Teoria Il sistema fiscale: aspetti generali I fallimenti del mercato ci dicono che una serie di beni devono essere prodotti dallo Stato per ragioni di efficienza: difesa (beni pubblici);

Dettagli

La Concorrenza Monopolistica

La Concorrenza Monopolistica La Concorrenza Monopolistica Caratteristiche Molteplicità di imprese Libertà di entrata (entreranno imprese finché vi sarà possibilità di profitti positivi). L entrata di nuove imprese favorisce i consumatori

Dettagli

La scelta in condizioni di incertezza

La scelta in condizioni di incertezza La scelta in condizioni di incertezza 1 Stati di natura e utilità attesa. L approccio delle preferenza per gli stati Il problema posto dall incertezza riformulato (state-preference approach). L individuo

Dettagli

Concetti introduttivi

Concetti introduttivi Concetti introduttivi L Economia studia come gli individui, le imprese, il governo e le altre organizzazioni nella società, formulino le proprie scelte e come queste scelte determinino l utilizzo delle

Dettagli

Esercitazione 2 di Economia Pubblica CLEF Soluzioni Tutor Dottor Matteo Maria Cati A.A.: 2012-2013

Esercitazione 2 di Economia Pubblica CLEF Soluzioni Tutor Dottor Matteo Maria Cati A.A.: 2012-2013 Esercitazione 2 di Economia Pubblica CLEF Soluzioni Tutor Dottor Matteo Maria Cati A.A.: 2012-2013 Esercizio 1: Esternalità Un impresa A adotta un sistema di produzione rumoroso, che genera un inquinamento

Dettagli

Economia dell Informazione. Cap. 12

Economia dell Informazione. Cap. 12 Economia dell Informazione Cap. 12 Informazione completa Significa che non esistono gap informativi rispetto a nessuna delle situazioni connesse agli scambi: sui beni disponibili, sui loro prezzi, sulla

Dettagli

Capitolo 3. Il comportamento del consumatore. Temi da discutere. Il comportamento del consumatore. Il comportamento del consumatore

Capitolo 3. Il comportamento del consumatore. Temi da discutere. Il comportamento del consumatore. Il comportamento del consumatore Temi da discutere Capitolo 3 Il comportamento del consumatore L utilità marginale Il comportamento del consumatore Due applicazioni che illustrano l importanza della teoria economica del consumatore sono:

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 4 L equilibrio del mercato del lavoro Applicazioni di politica economica: trattenute in busta paga e sussidi 1 Effetti di una politica governativa che sposti la curva

Dettagli

CAPITOLO 9 LA DISCRIMINAZIONE DEL MERCATO DEL LAVORO

CAPITOLO 9 LA DISCRIMINAZIONE DEL MERCATO DEL LAVORO CAPITOLO 9 LA DISCRIMINAZIONE DEL MERCATO DEL LAVORO 9-1. Fate l ipotesi che gli aro americani e i bianchi non siano peretti sostituti nella produzione. All impresa piacerebbe minimizzare i costi di produzione

Dettagli

Macro 3. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11

Macro 3. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11 Macro 3 La moneta e la politica monetaria Moneta Qualsiasi mezzo di pagamento generalmente accettato per lo scambio di beni e servizi e per l estinzione dei debiti Ciò che importa non è il materiale usato

Dettagli

Elementi di economia Economia dell informazione

Elementi di economia Economia dell informazione Elementi di economia Economia dell informazione Dott.ssa Michela Martinoia michela.martinoia@unimib.it Corso di laurea in Scienze del Turismo e Comunità Locale A.A. 2014/15 Informazione completa Significa

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 6-1 Struttura della presentazione Domanda e

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia Corso di Economia Politica (a.a. 007-8) Esercitazioni - Microeconomia Capitolo 6: Problemi 5, 6, 8, 9 Capitolo 7: Problemi 1,, 4 Capitolo 8: Problemi 3, 10 Capitolo 9: Problemi 3, 4, 7, 9 Capitolo 10:

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLA CRESCITA E DELLO SVILUPPO REGIONALE

Dettagli

6.4 Risposte alle domande di ripasso

6.4 Risposte alle domande di ripasso Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza 45 6.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Se si potesse falsificare il segnale, questo cesserebbe di essere un segnale perché diventerebbe

Dettagli

F. Lapecorella E.Longobardi V.Peragine Appunti di Scienza delle finanze a.a. 2002-2003

F. Lapecorella E.Longobardi V.Peragine Appunti di Scienza delle finanze a.a. 2002-2003 F. Lapecorella E.Longobardi V.Peragine Appunti di Scienza delle finanze a.a. 2002-2003 Appunto n. 1: Il giudizio di efficienza di Ernesto Longobardi 8 ottobre 2002 1 Sovranità del consumatore vs paternalismo

Dettagli

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni:

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni: ASIMMETRIE INFORMATIVE (Cap. 34 di Hey) Tener conto delle asimmetrie informative consente di evidenziare alcuni importanti elementi che la teoria standard - assumendo informazione completa e simmetrica

Dettagli

COMMERCIO E RISORSE: IL MODELLO DI HECKSCHER-OHLIN. Sommario. Sommario. Introduzione. Conclusioni

COMMERCIO E RISORSE: IL MODELLO DI HECKSCHER-OHLIN. Sommario. Sommario. Introduzione. Conclusioni COMMERCIO E RISORSE: IL MODELLO DI HECKSCHER-OHLIN 4 1 Il modello di Heckscher-Ohlin 2 Gli effetti del commercio sui prezzi dei fattori 3 Estensioni del modello di Heckscher-Ohlin 4 Conclusioni Sommario

Dettagli

CPRE, Campaign to Protect Rural England; NFU, National Farmers Union Paesaggio che vive: i costi non evidenti della conservazione delle campagne

CPRE, Campaign to Protect Rural England; NFU, National Farmers Union Paesaggio che vive: i costi non evidenti della conservazione delle campagne sito diretto da fabrizio bottini -1/7 - http://mall.lampnet.org CPRE, Campaign to Protect Rural England; NFU, National Farmers Union Paesaggio che vive: i costi non evidenti della conservazione delle campagne

Dettagli

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Corso di Laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia Introduzione allo studio dell Economia I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA (Capitolo 1) Il termine economia... Deriva da una parola greca che significa

Dettagli

Microeconomia Settima edizione

Microeconomia Settima edizione Robert S. Pindyck Daniel L. Rubinfeld Microeconomia Settima edizione Edizione italiana a cura di Emanuele Bacchiega Sommario breve PARTE I Introduzione: mercati e prezzi Capitolo 1 Concetti di base 3 Capitolo

Dettagli

Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO

Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO LE DECISIONI DI INVESTIMENTO Cosa significa «Investimento»? L investimento è la seconda

Dettagli

Programma delle Lezioni

Programma delle Lezioni UniversitàdegliStudidi Bologna Facoltà di Scienze Politiche Corsodi Laureain ScienzePolitiche, Socialie Internazionali Microeconomia (A-E) Matteo Alvisi Parte 7 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE E COMMERCIO

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale Mercati perfettamente concorrenziali Massimizzazione del profitto Ricavo marginale, costo marginale e massimizzazione del profitto La scelta di produzione

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione. ELBORTO SULL BSE DEL PR ON LINE 5.7 DI NICIT-SCOPP, ECONOMI DEI CONTRTTI (versione CZ del 10.12.2012) 5.7. ssicurazione, selezione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività

Dettagli

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA MICRECNMI CLE.. 003-004 ssistente alla didattica: Elena rgentesi ESERCITZINE 8: GICHI SEUENZILI, SIMMETRIE INFRMTIVE E ESTERNLIT Esercizio : Giochi sequenziali e minacce credibili Si consideri un mercato

Dettagli

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica Capitolo 34: Informazione Asimmetrica 34.1: Introduzione Fino ad ora abbiamo assunto che tutti gli agenti abbiano accesso alle stesse informazioni sul bene scambiato nel mercato. In questo capitolo studiamo

Dettagli