Ma c è un priorità che è necessario porre fin dall inizio dei nostri lavori.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ma c è un priorità che è necessario porre fin dall inizio dei nostri lavori."

Transcript

1 COMUNICAZIONE DI UGO BALZAMETTI RESPONSABILE DIP.NAZ.LE POLITICHE SOCIALI - SALUTE E SICUREZZA Gentili ospiti, care compagne e cari compagni, l intervento di Merida rende più facile il mio compito di presentare il resoconto di attività della Fisac, sui temi della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, relativo a questi ultimi tre anni. Tuttavia è un impegno non privo di insidie, perché spesso, si corre il rischio di tracciare un burocratico ed arido elenco di cose realizzate o non realizzate. Spero di non incorrere in questo errore, perché le compagne e i compagni che ho incontrato lungo questo percorso, hanno reso possibile la condivisione di un esperienza di lavoro, contrassegnata da passione e dalla tenacia di non fermarsi mai alla superficie dei problemi, ma avere la capacità di ascoltare, analizzare, sperimentare, sviluppare insieme la sensibilità e l intelligenza di trovare risposte non banali, alle tante domande che caratterizzano i temi del benessere e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Compagne e compagni che si sono spesi e che ringrazio. E stata un esperienza che mi ha coinvolto e vi ha coinvolto, ha richiesto studio, ricerca, aggiornamento e la voglia di cimentarsi con problemi a volte inediti, che solo in apparenza esulano dalla nostra pratica politica quotidiana. Inoltre il nostro sforzo, sicuramente ambizioso, è stato rivolto soprattutto ad educare sul piano culturale e politico tutta l Organizzazione, non sempre sufficientemente attenta a cogliere, conoscere e gestire problematiche che investono le condizioni organizzative in cui si lavora, le condizioni di vita professionali e sociali dei nostre colleghe e colleghi. Naturalmente su alcune questioni, in particolare rischio rapina e rischi stress correlati al lavoro, sarà opportuno che da questa Assemblea, venga definito un percorso omogeneo circa i comportamenti da tenere con le controparti. Spesso abbiamo registrato orientamenti disarticolati nelle scelte delle strutture sindacali e, in alcuni casi, scelte non in sintonia con le disposizione del D.Lgs 81/08. Ma c è un priorità che è necessario porre fin dall inizio dei nostri lavori. Da anni continuiamo a denunciare che la presenza dei/delle Rls nelle aziende di credito non raggiunge il 40%, anzi in alcuni casi, a causa dei processi di ristrutturazione e/o di fusioni, questa percentuale scende in modo vertiginoso. Nel 1

2 settore assicurativo la presenza dei Rls è una realtà consolidata, così nelle BCC, in Banca d Italia e nel settore riscossione. Tutti le nostre riflessioni che faremo in queste due giornate, avranno maggior peso, a condizione che venga condiviso un obiettivo politico, non più rinviabile: eleggere i Rls in tutti i luoghi di lavoro. Questo obiettivo non dobbiamo solo affermarlo, ma dovremo praticarlo da subito, attraverso un rigoroso e capillare progetto di lavoro unitario nel settore bancario e che dovrà vedere impegnata tutta l organizzazione, dal Segretario Generale alle strutture dei Cac-Can aziendali, ai grandi gruppi, alle nostre rappresentanze aziendali. Se non sapremo esprimere questa naturale coerenza rispetto alle nostre opzioni politiche, rischiamo di essere subalterni alle aziende e non saremo credibili agli occhi delle lavoratrici e dei lavoratori. Le responsabilità sono di natura sindacale, le aziende giocano sulle nostre contraddizioni. Voglio, inoltre, segnalare che ormai sempre più spesso ci troviamo a dover gestire anomale proposte aziendali di nominare o designare Rls di gruppo che mal si coniugano con la filosofia e con quanto previsto dal decreto 81/08. Il tema sarà affrontato dal compagno Bellatalla. Fin dal settembre 2007 tutta la Fisac, insieme alla CGIL Nazionale, si è trovata impegnata nella battaglia sostenuta dal Governo Prodi nel definire, dopo trent anni di occasioni mancate, un Testo Unico sui temi della salute e della sicurezza. Questo obiettivo si è concretizzato pochi giorni prima della fine della legislatura nel marzo del 2008, con l emanazione del D.LGS 81/08, Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, che tutti ormai conosciamo e abbiamo imparato ad apprezzare, perché, nonostante alcuni limiti, si caratterizza come un lavoro serio e razionale, volto ad organizzare la materia in modo sistemico. In questa fase si è consolidato il rapporto politico con la CGIL nazionale, il cui contributo e sostegno ha permesso di realizzare un rapporto positivo, circa le coerenze delle nostre scelte contrattuali in materia di politiche sociale e di benessere lavorativo. Con l emanazione del Decreto, l impegno della Federazione e del Dipartimento è stato caratterizzato da una diffuso lavoro assembleare in quasi tutti i territori, circa 13 riunioni regionali con la presenza del Dipartimento Nazionale, che si sono concluse in autunno del 2009, volte a sensibilizzare i Rls e le nostre strutture territoriali ed aziendali, sui contenuti e sui temi che nascevano con il nuovo Testo Unico. 2

3 Forse per la prima volta, siamo riusciti a realizzare un intervento capillare che ha visto coinvolti compagne e compagni con i quali abbiamo scoperto come apprezzare, far conoscere ed analizzare la ricchezza e le opportunità offerte dal decreto 81/08, sia come strumento di legge che disciplina e garantisce spazi d intervento alle rappresentanze sindacali ed ai lavoratori, sia come sistematico richiamo normativo ai temi dell organizzazione del lavoro, intesi come uno dei principali fattori primari di rischio da cui non si può prescindere. L obiettivo era ed è quello di far crescere la consapevolezza di un lavoro coordinato e collettivo, tra rappresentanze sindacali aziendali, di gruppo e territoriali, al fine di stimolare un qualificato confronto negoziale di merito rispetto alle scelte delle controparti aziendali. In tale contesto si è consolidata la consapevolezza di molte strutture territoriali ed aziendali, di dare ai temi del benessere e della sicurezza una dimensione strutturata nel contesto della loro strategia sindacale, non solo sul piano organizzativo, individuando responsabilità specifiche per tali materie, ma soprattutto avviando, in modo sistematico, iniziative, anche di qualificato livello scientifico, che sicuramente hanno permesso e permettono, di far crescere su questi temi, l attenzione e la maturità di tutta la Fisac. La vostra presenza così ampia, è il risultato concreto di questo impegno collettivo. A partire dall autunno 2009, inoltre, si è avviata una intensa e proficua attività unitaria che ci ha permesso di aprire cantieri su tre obiettivi importanti: 1) aver partecipato, insieme alla Fiba ed alla Uilca, anche grazie alla sensibilità dell Ufficio formazione nazionale della Fisac, ai lavori della Commissione tecnica del Fondo Banche ed Assicurazioni, FBA, (nato dalla divisione di FORTE) dove, dopo un approfondito confronto con Abi, si sono realizzate le condizioni per definire un pacchetto di moduli formativi, in materia di benessere lavorativo e di sicurezza, da condividere con i/le Rls, predisposti dall Inail e finanziati dal Fondo stesso (sono stati stanziati 10 milioni di euro). Si è trattato di un progetto che, per la prima volta, in una logica di buone prassi, è stato condiviso dalle parti sociali, ed ha offerto alle lavoratrici ed ai lavoratori l opportunità di utilizzare strumenti formativi di elevata qualità, per conoscere e valutare con più consapevolezza le proprie condizioni di vita nei luoghi di lavoro. Sarebbe utile verificare se e come le aziende abbiano progettato e realizzato la loro attività formativa, se e come le rappresentanze sindacali siano state coinvolte, quali risultati siano stati realizzati, perché questi progetti sono pagati con soldi anche dei lavoratori, e, come abbiamo sempre affermato, non possono sostituire la formazione obbligatoria per contratto. 2) aver unitariamente proposto, a partire dall autunno del 2008 e come previsto dal CCNL, la revisione del vecchio Regolamento (1997) per l elezione dei/delle Rls, e 3

4 presentato ad Abi nel febbraio del Quella proposta, fortemente innovativa e che assumeva il D.LGS 81 come riferimento, ancora oggi giace nei cassetti di ABI, forse con qualche responsabilità anche da parte del sindacato. 3) aver avviato nel corso del 2009 un intenso lavoro sul rischio rapina che ha preso spunto da un dispositivo dalla ASL Centro di Milano che presentava importanti novità interpretative sul rischio in esame, emesso dal Dott. Giovanni Pianosi, presente ai nostri lavori. In particolare, rispetto a quest ultima tipologia di rischio, è opportuno osservare che in Italia, nonostante che negli ultimi due anni le rapine in banca siano diminuite, nel 2009 si sono verificati ancora atti criminosi, che rappresentano circa il 50% delle rapine consumate nei principali paesi europei: in Francia sono state 157, in Spagna 373, in Germania 420. (Fonte: La sicurezza bancaria in Europa-Ossif) Nel 1 semestre del 2010, si conferma la tendenza alla riduzione delle rapine, 758 meno 14,2%. Le realtà territoriali maggiormente colpite rimangono la Lombardia (con 445 episodi), il Lazio (209),la Sicilia (177), l Emilia (151). Dobbiamo registrare che, nonostante il trend di riduzione, ci sono regioni dove le rapine continuano ad aumentare come nel Lazio (+ 9,4%) insieme alla Basilicata, la Campania, le Marche, il Piemonte e il Veneto. Il bottino medio è stato di euro, mentre il danno patrimoniale anche nel 2009, è ammontato a 36,8 milioni, che rappresenta circa il 50% del totale delle somme rapinate nei principali paesi europei. Nel 2009 le rapine ogni 100 sportelli sono state lo 0,6% in Francia, lo 0,9 in Spagna, l 1,0% in Germania, il 5,1% in Italia. In Europa la media è di 2,4%. Una valutazione corretta, inoltre, dovrebbe tener conto anche delle rapine tentate; in Italia nel 2009 sono state 364, perché, spesso, possono provocare danni psicofisici come le rapine realizzate. L anomalia italiana, almeno in parte è legato ai sistemi di pagamento. Secondo i dati Banca d Italia e della BCE, l Italia è ancora in ritardo nell utilizzo degli strumenti di pagamento elettronici: basti pensare che nel nostro paese il 90% dei pagamenti avviene ancora in contanti, contro il 78% della Germania, il 69% del Belgio, il 67% dell Olanda, il 65% della Gran Bretagna e il 59% della Francia. La media europea è del 69%. 4

5 Il volume dei pagamenti con carte di credito e bancomat, in Italia è pari all 8% del totale europeo, contro il 33,6% inglese, il 19% francese, l 11,6% tedesco e il 5,5% spagnolo. L impegno economico per la sicurezza è quantificata dall Abi in circa 750 milioni di euro. Cifra notevole. Tuttavia scaturisce una naturale riflessione: se a fronte di una somma così elevata impiegata dal sistema finanziario, i risultati realizzati ancora non garantiscono una adeguata tutela, c è da constatare che non sia tanto o solo un problema di mezzi impiegati, ma più verosimilmente le aziende dovrebbero ripensare alla qualità del loro intervento, come coordinarlo, come rendere efficaci le strategie, anche in termini di formazione, di informazione per tutelare le persone che lavorano ed entrano nelle nostre agenzie, e gestire in modo efficace situazioni delicate sul piano fisico e psicologico. Ma oltre ai dati statistici c è da osservare che tante lavoratrici e tanti lavoratori coinvolti in una rapina, una media di l anno, sono considerati danni collaterali, non rientrano nelle statistiche ufficiali, sono vittime senza storia, sono invisibili. Le aziende, se non in casi particolari, non denunciano all Inail le rapine subite, quindi non denunciano i danni fisici o psichici che ne possono derivare. In tale contesto il tema del rischio rapina è stato per tanti anni terreno di scontro con Abi e con le Aziende, in particolare per un uso improprio che veniva fatto dei Protocolli sottoscritti presso le Prefetture. Nel 2009, come già detto in precedenza, si è avviato un intenso e franco confronto tra le parti sociali e la Conferenza Stato-Regioni, il cui contributo propositivo è stato decisivo per arrivare a definire, nel marzo scorso, le Linee d indirizzo per prevenire o ridurre i danni fisici e psicofisici dei lavoratori bancari correlati alle rapine Si tratta di una esperienza unica nel settore privato, che punta a tutelare la salute attraverso una reale cultura della prevenzione, ed è un atto di coordinamento degli organi ispettivi delle Asl. La prima importante novità già la troviamo nel titolo quando si afferma che le Linee sono volte a prevenire o ridurre i danni fisici e psichici dei lavoratori bancari correlati alle rapine. Il messaggio politico è chiaro: deve esser protetto non solo il patrimonio aziendale, ma il datore di lavoro, attraverso un corretta elaborazione del DVR, come prevede il D.Lgs 81/08 ha l obbligo, in via preventiva, di organizzare, in ogni sede bancaria, 5

6 le misure necessarie per gestire e ridurre, eventuali danni psicofisici che potrebbero subire le persone che entrano o lavorano in banca. Finalmente si riconosce il rischio rapina come rischio connesso all attività lavorativa bancaria. Finora l Associazione datoriale lo aveva, nei fatti, sempre negato. Le Linee d indirizzo, inoltre, mettono in evidenza il ruolo dei RLS, le loro competenze e il loro peculiare contributo nella definizione della valutazione del rischio rapina, valorizzando il patrimonio di conoscenze derivanti dalla quotidiana esperienza dei lavoratori, attraverso l effettiva disponibilità all ascolto da parte dei soggetti aziendali. Il reale coinvolgimento dei/delle Rls, permetterebbe una valutazione più efficace del rischio rapina, il cui scopo ultimo non è tanto di stimare l intensità del rischio, ma individuare possibili e concrete misure per ridurre i danni fisici e psicologici delle persone coinvolte. In questo contesto è rilevante l affermazione che i Protocolli sottoscritti presso le Prefetture non sono..nè pretendono di essere un surrogato della valutazione dei rischi, come richiesto dal D.Lgs 81. Tali accordi riguardano, infatti, la prevenzione della criminalità in banca. Spetta alle FF.OO, fuori dalla sede bancaria, svolgere un ruolo primario di prevenzione, attraverso un adeguato controllo e presidio del territorio, anche se siamo ben consapevoli delle drammatiche condizioni in cui operano i lavoratori di polizia a causa dei tagli del governo. L aspetto di maggior novità delle Linee d Indirizzo è di aver equiparato il concetto di rapina a quello di emergenza, ovvero quando le misure antirapina non hanno impedito l ingresso dei criminali, i lavoratori sono esposti ad un pericolo grave ed immediato, legato al comportamento del rapinatore e alle reazione che ne conseguono. Di conseguenza i datori di lavoro, nelle loro scelte operative, non possono privilegiare unicamente le tecniche di difesa e valutare le risorse investite solo in una logica costi/benefici, come qualsiasi altra merce, perdendo di vista i rischi psicofisici che investono i nostri colleghi e colleghe, coinvolti in situazioni imprevedibili e violente. Al di là delle tante buone intenzioni espresse nei convegni, per i datori di lavoro deve essere fondamentale investire sulle persone, mettere in campo strategie efficaci di sistema volte ad assumere in via preventiva misure di carattere informativo, realizzare progetti formativi effettivi e certificati, definire politiche di addestramento 6

7 attivo, anche di tipo psicologico/comportamentale, che rendano più sicura l interazione nella fase delicatissima dell impatto con i rapinatori. Nulla può essere lasciato all improvvisazione, perché i rischi diventano esponenziali. ( Ad esempio lavoratori presi in ostaggio) Infine mi preme sottolineare il lavoro egregio e scientificamente valido in materia di rischio rapina, realizzato unitariamente in Abruzzo, in collaborazione con sociologi e medici dell Università di Chieti-Pescara, che, tra l altro, ha permesso di accertare un quadro sintomatico di disturbo post traumatico da stress PTSD,su soggetti plurirapinati. Si conferma una intuizione che da tempo avevamo evidenziato. Una ricerca di alto valore, sia per il livello di qualità scientifico, sia per la valenza politica. Quanto finora evidenziato ci porta a valutare che la Commissione Nazionale Unitaria su salute e sicurezza abbia svolto un lavoro egregio, anche se, nell ultimo periodo, ci sono state pause nell operatività che, come nel caso dell intervento sui rischi stress lavoro correlato, hanno determinato un vuoto d indirizzo politico. In queste ultime settimane, abbiamo riattivato il confronto unitario, con l obiettivo primario di definire, in tempi rapidi, una nota, volta a garantire una analisi interpretativa e una gestione operativa omogenea di una materia così complessa. Tuttavia è doveroso sottolineare che questo impegno unitario, essenziale per ridefinire, in modo qualificato, l intervento su una materia che coinvolge in modo drammatico migliaia di lavoratrici e lavoratori, spesso non vive a sufficienza nella pratica quotidiana. I Dirigenti sindacali delle nostre strutture territoriali o segretari di primari gruppi bancari, non sempre, hanno ben chiari e le metodologie o le misure da adottare, previste dalle Linee d indirizzo definite dalla Conferenza Stato-Regioni, con il risultato che anche il confronto di merito con le controparti bancarie, ne risulta fortemente condizionato. Siamo convinti che proprio iniziative come quella di oggi, debbano essere volano per colmare pigrizie e ritardi culturali che registriamo ancora sulle problematiche del benessere lavorativo, ma sono anche il segno di una volontà unitaria forte, utile a qualificare e dare concretezza alle politiche di contrattazione su tali temi. Come ha già ricordato Merida nel suo intervento, grande rilievo credo debba essere dato all indagine nei call center e banche telefoniche nel settore assicurativo e bancario e della Riscossione, volta a conoscere e valutare le condizioni di vita, di lavoro, di salute e benessere organizzativo, delle migliaia di lavoratrici e lavoratori che vivono questa pesante realtà di lavoro, non abbastanza indagata e conosciuta. 7

8 Proprio quest ultima valutazione mi porta a riflettere quanto sia importante recuperare un intervento più concreto su materie come ad esempio il lavoro ai V/T o le fonti di inquinamento ambientale, spesso veicolo di danni psicofisici, attraverso un aggiornamento sistematico delle nostre conoscenze ed una selezionata politica informativa. Il nostro impegno non è stato e non deve essere quello di sommergere le compagne ed i compagni con quintali di carta, ma fare una selezione tematica del materiale disponibile, perchè anche lo strumento informativo possa essere sempre collocato all interno di un percorso ragionato e fruibile per le nostre rappresentanze sindacali. Un ragionamento a parte lo dobbiamo fare su come ha operato la Commissione Nazionale salute e Sicurezza della Fisac, dove l apporto delle compagne e dei compagni, anche in termini di analisi e di proposta, è stato garantito da un puntuale lavoro collegiale che ha permesso di dare risposte adeguate alle problematiche di volta in volta poste. In particolare, significativo è stato il contributo dato per il rinnovo del regolamento per l elezione dei Rls, l impegno forte sul Decreto 81, sui temi classici del rischio rapina e dei rischi stress lavorativo, ed infine, di recente, sulle proposte di modifica del capitolo delle Politiche Sociali, avanzate per il rinnovo del CCNL dei bancari. A partire proprio da questa Assemblea è necessario avviare una riflessione collettiva, per rendere più incisivo e sistematico l operato della Commissione, sia nell affrontare i temi che caratterizzano il settore bancario, sia quelli del settore assicurativo, esattoriale, della Banca d Italia e delle BCC, al fine di realizzare quel salto di qualità che coinvolga in modo adeguato tutti i comparti dell Organizzazione. La Federazione Nazionale dovrà dare un segnale forte per rilanciare l iniziativa sui temi del benessere lavorativo e sulle condizioni di sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori, perché si tratta di mettere in campo intelligenze capaci di analizzare come stanno cambiando il lavoro e le condizioni di lavoro nel mondo finanziario, ritrovando il gusto di ritornare ad indagare i processi legati all organizzazione del lavoro e su questi sviluppare il confronto e la contrattazione nelle aziende. Su questo terreno si gioca la sfida vera con le aziende. In questo contesto si pone con forza l esigenza di realizzare, in raccordo con l ufficio nazionale di formazione, il vecchio progetto di formazione sui temi della salute e della sicurezza, utilizzando le esperienze già realizzate, rivolto a compagne e compagni che operano a livello decentrato. Si tratta di un obiettivo complesso ed ambizioso, perché permetterebbe di socializzare conoscenze e definire linee di comportamento omogenee e coerenti con le scelte della Fisac e della CGIL Nazionale. 8

9 Infine va affrontato il tema complesso dei rischi collegati allo stress correlato al lavoro, non solo analizzando i contenuti dell art.28 e le Linee Guida emanate dalla Commissione Consultiva Nazionale, ma facendo diventare dirimente come tutti i comparti dell organizzazione, ad iniziare dai/dalle Rls fino alle segreterie di gruppo, vivranno questa opportunità. Il nostro impegno deve essere rivolto a definire opzioni politiche coerenti tra le valutazioni, anche critiche, circa la corretta applicazione delle disposizioni di legge, e il nostro agire quotidiano, evitando, da parte delle nostre rappresentanze sindacali, di definire soluzioni di adattabilità negoziali che in alcuni casi rischiano nei fatti di mettere in discussione i nostri orientamenti. A tale proposito, la settimana scorsa, unitariamente, abbiamo definito insieme all Inail/Ispesl, un progetto di ricerca Sulla partecipazione attiva del lavoratore alla prevenzione dei rischi psicosociali che coinvolgerà, in tempi brevi, i/le Rls attraverso due questionari preparati dall Istituto. A tale iniziativa abbiamo sollecitato ed auspicato anche la partecipazione di Abi, al fine di avere una gestione condivisa di questa tipologia di rischio, in una logica di buone pratiche. Si tratta di una ricerca che prende in considerazioni gli aspetti fondamentali della vita aziendale legati al benessere lavorativo che dovranno confrontarsi con la capacità di analisi complessiva e di proposta, avanzate dalle rappresentanze sindacali a tutti i livelli, volta ad incidere, in modo efficace, sui processi di riorganizzazione del lavoro. Sono convinto che oggi abbiamo costruito e siano mature le condizioni necessarie per trovare risposte concrete da parte del sindacato a temi sensibili come il diritto alla salute ed il diritto ad un lavoro dignitoso, che travalicano la dimensione categoriale, per assumere un connotato di carattere confederale. Tutto ciò ci impegna a rendere ancor più incisive e concrete le nostre risposte ai bisogni delle lavoratrici e dei lavoratori, ad iniziare dalle prossime scadenze contrattuali. 9

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Approvazione Linee guida per la predisposizione dei Piani triennali di ambito sociale obiettivi 2005-2007 LA VISTO il documento istruttorio, riportato in calce alla presente deliberazione, predisposto

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

CONVEGNO ABI BANCHE E SICUREZZA 2007. Investire in sicurezza: strumenti contro la criminalità ai danni delle banche

CONVEGNO ABI BANCHE E SICUREZZA 2007. Investire in sicurezza: strumenti contro la criminalità ai danni delle banche CONVEGNO ABI BANCHE E SICUREZZA 2007 Investire in sicurezza: strumenti contro la criminalità ai danni delle banche MARCO IACONIS Responsabile Ufficio Sicurezza Anticrimine ABI Roma, 22 maggio 2007 Le banche

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

Stress lavoro correlato: potenzialità e limiti nei risultati del monitoraggio Uil sulle modalità applicative dell obbligo di valutazione

Stress lavoro correlato: potenzialità e limiti nei risultati del monitoraggio Uil sulle modalità applicative dell obbligo di valutazione Convegno UIL Bologna 23 ottobre 2014 La valutazione dello stress lavoro-correlato: potenzialità e limiti di un obbligo legislativo Stress lavoro correlato: potenzialità e limiti nei risultati del monitoraggio

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI Documento riservato non riproducibile CHI SIAMO La XXL PALLACANESTRO è un associazione sportiva dilettantistica, nata ufficialmente nel 1989, che opera sul territorio

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

1. Sei anni di Fondazione

1. Sei anni di Fondazione Relazione tecnica sui primi 6 anni di attività della Fondazione emiliano-romagnola per le vittime dei reati presentata in occasione dell Assemblea dei Soci di novembre 2011 Contenuti del documento 1. 6

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

Andrea Petromilli Ordine degli Psicologi del Veneto. andrea.petromilli@psyveneto.it

Andrea Petromilli Ordine degli Psicologi del Veneto. andrea.petromilli@psyveneto.it L Ordine degli Psicologi del Veneto ed il processo di valutazione del rischio stress nella prospettiva delle azioni di miglioramento e lo sviluppo del benessere organizzativo. Andrea Petromilli Ordine

Dettagli

CGIL CISL UIL. Gli Enti Bilaterali emanazione delle parti sociali (alle quali resta la competenza delle politiche. 00198 Roma Corso d Italia, 25

CGIL CISL UIL. Gli Enti Bilaterali emanazione delle parti sociali (alle quali resta la competenza delle politiche. 00198 Roma Corso d Italia, 25 Particolare rilievo è posto alla questione della formazione professionale continua che si evidenzia come un importante strumento per il rafforzamento del patrimonio di conoscenze dei lavoratori, per il

Dettagli

Assemblea coordinamento donne Cesena

Assemblea coordinamento donne Cesena Cesena 11-12-2014 Assemblea coordinamento donne Cesena Il motivo per cui oggi ci troviamo qui è legato al fatto che le donne pensionate della CGIL stanno preparando l assemblea Regionale, poi nel 2015

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008 Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG L infortunio è una tragedia e una sconfitta, una tragedia per le conseguenze che trascina,

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations Economic and Social Council ECOSOC United Nations 2010 Coordination segment New York, 6 July Address by Antonio MARZANO, President of AICESIS International Association of Economic and Social Councils and

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO

OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO CENTRO ANTIMOBBING PADOVA Associazione per l orientamento della vittima di mobbing o altro disagio nell ambiente di lavoro OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO per AZIENDE IMPRESE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA

Dettagli

Intervento di Stefano Cuzzilla

Intervento di Stefano Cuzzilla Desenzano sul Garda, 25 marzo 2013 Intervento di Stefano Cuzzilla PRESIDENTE FASI Sono molto fiero di partecipare oggi a questo incontro perché qui, a Desenzano, abbiamo realizzato uno degli obiettivi

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Schema relazione su rapporto Formedil 2013

Schema relazione su rapporto Formedil 2013 Schema relazione su rapporto Formedil 2013 Questa seconda giornata nazionale della formazione edile inizia con la presentazione del rapporto Formedil 2013, un lavoro impegnativo realizzato come impegno

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE Venezia 19, 20 e 21 settembre 2014 OSSERVATORIO PER LE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE 2 RELAZIONE SULL ATTIVITÀ DELL OSSERVATORIO DAL SETTEMBRE 2013 AL SETTEMBRE 2014

Dettagli

Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter. Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA

Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter. Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA 16 dicembre 2011 Buongiorno a tutti, prometto di essere

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

CONVENO UIL-SGK Bolzano SICUREZZA SUL LAVORO: UNA PRIORITA

CONVENO UIL-SGK Bolzano SICUREZZA SUL LAVORO: UNA PRIORITA CONVENO UIL-SGK Bolzano SICUREZZA SUL LAVORO: UNA PRIORITA Intervento di Maurizio D Aurelio Responsabile Sicurezza sul UIL-SGK Per affrontare un tema delicato ed importante come la sicurezza sul lavoro,

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI

IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI CONFERENZA INTERNAZIONALE IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI Roma, 29-30 novembre 2012 Sala delle Conferenze Internazionali P.le della Farnesina,

Dettagli

Anffas Onlus di. Varese Busto A. Ticino Luino

Anffas Onlus di. Varese Busto A. Ticino Luino Anffas Onlus di Varese Busto A. Ticino Luino Associazione Famiglie di Disabili Intellettivi e/o Relazionali Sito Internet Nazionale:www.anffas.net Oggetto : iniziativa Anffas Varese, Busto Arsizio, Somma

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 336. Istituzione della «Giornata nazionale della sicurezza sul lavoro» d iniziativa del senatore DE POLI

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 336. Istituzione della «Giornata nazionale della sicurezza sul lavoro» d iniziativa del senatore DE POLI Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 336 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore DE POLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 MARZO 2013 Istituzione della «Giornata nazionale della sicurezza sul

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

La sicurezza e salute sui luoghi di lavoro in Regione Toscana

La sicurezza e salute sui luoghi di lavoro in Regione Toscana La sicurezza e salute sui luoghi di lavoro in Regione Toscana Consultazione e partecipazione degli RLS D.Lgs. 626/94 Ruolo RLS Introduce novità per la tutela del lavoratore che ha adesso anche maggiori

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL Federazione Friuli V.G LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL Venerdì 6 marzo 2009 Sede Regione FVG Via Sabbadini, 31 - UDINE ABSTRACT CONTRIBUTO

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

La ricerca No Profit 2013

La ricerca No Profit 2013 Dicembre 2014, anno VIII N. 12 La ricerca No Profit 2013 1^ edizione del Premio Persona e Comunità di Roberta Ottaviani 1, Ernesto Vidotto 2 Il Centro Studi Cultura e Società ha presentato, il 2 ottobre

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

Dalla relazione finale

Dalla relazione finale V.O.I.C.E.S. Project - Voluntary Organisation for International Children Teenagers And Women s Emergency Service - Daphne Initiative 1999 VIOLENCE IS WHEN... Violence against Women and Children from Telephonic

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su CNEL Consiglio nazionale dell economia e del lavoro Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su Disposizioni in materia di statistiche di genere Assemblea 26 giugno

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

Nota della Uilca sul Decreto Legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri l 1/4/2008 in attuazione della Legge delega 123/2007

Nota della Uilca sul Decreto Legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri l 1/4/2008 in attuazione della Legge delega 123/2007 DIPARTIMENTO SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO 00187 ROMA VIA LOMBARDIA 30 TEL. 06.420.35.91 FAX 06.484.704 e-mail: dssl@uilca.it pagina web: www.uilca.it UILCA UIL CREDITO, ESATTORIE E ASSICURAZIONI

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni

IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni La prima ricerca realizzata in Italia sul tema del post infortunio:

Dettagli

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Rel. sig. Giancarlo Cavallin Volontarinsieme Coordinamento delle Associazioni di volontariato della provincia di Treviso. Gruppo Salute, ospedale

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva» nei programmi scolastici

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva» nei programmi scolastici Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1157 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CECCACCI RUBINO Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva»

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

Premessa. Si tratta di un tema difficile da sviluppare anche per le differenti esigenze che vengono espresse dai protagonisti del confronto.

Premessa. Si tratta di un tema difficile da sviluppare anche per le differenti esigenze che vengono espresse dai protagonisti del confronto. A tutte le strutture Rischio rapina Considerazioni di carattere tecnico, a cura della Commissione Nazionale Unitaria Salute e Sicurezza, relative ai contenuti del documento: LINEE D INDIRIZZO PER PREVENIRE

Dettagli

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 Antonio PIZZINATO scaletta Relazione -Teniamo questa riunione del Comitato regionale ANPI Lombardia, per compiere una riflessione sull attuale

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento Premessa Ad Meliora è anche Sicurezza. Ci rivolgiamo principalmente ad aziende operanti nel settore del terziario erogando: corsi di adempimento normativo: in funzione della tipologia di azienda e dei

Dettagli

Provincia Autonoma TRENTO

Provincia Autonoma TRENTO Provincia Autonoma TRENTO 1 INDICE :::::::::::::: 1. Introduzione a. processo di ascolto 2. Principali temi emersi 3. Le buone pratiche regionali 2 Introduzione 1La Provincia Autonoma di Trento ha attivato

Dettagli

Manifesto CLASSIFICARE LA VULNERABILITA SISMICA DEI FABBRICATI

Manifesto CLASSIFICARE LA VULNERABILITA SISMICA DEI FABBRICATI Manifesto CLASSIFICARE LA VULNERABILITA SISMICA DEI FABBRICATI Come certificare la sicurezza e la sostenibilità del patrimonio immobiliare favorendo lo sviluppo economico BEN 7 MILIONI DI EDIFICI IN ITALIA

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

EDUCAZIONE AMBIENTALE NEI PARCHI DEL LAZIO

EDUCAZIONE AMBIENTALE NEI PARCHI DEL LAZIO EDUCAZIONE AMBIENTALE NEI PARCHI DEL LAZIO ( ) Pasolini diceva che le cose ci educano. E i latini dicevano che la goccia scava la pietra. Allo stesso modo, per quanto infinitesimo sia il loro peso sia

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO dott. rag. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 06.08.2010 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO I continui cambiamenti a livello di organizzazione del lavoro,

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

Che cos è Agenquadri

Che cos è Agenquadri 1 Che cos è Agenquadri Agenquadri intende rappresentare con autonomia politica, giuridica, amministrativa e di iniziativa, in forma organizzata, quadri, dirigenti e lavoratori di alta professionalità,

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI

RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI OBIETTIVI E PROPOSTE dell Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo Nello svolgimento dei compiti istituzionali di garanzia pubblica e di rappresentanza

Dettagli

ASILI NIDO QUELLO CHE IL COMUNE NON DICE CONFERENZA STAMPA FP CGIL ROMA E LAZIO

ASILI NIDO QUELLO CHE IL COMUNE NON DICE CONFERENZA STAMPA FP CGIL ROMA E LAZIO ASILI NIDO QUELLO CHE IL COMUNE NON DICE CONFERENZA STAMPA FP CGIL ROMA E LAZIO 31 agosto 2010 Investire sui servizi all infanzia non è questione che riguarda le politiche familiari, e neppure èsolo questione

Dettagli

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne;

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA L Amministrazione Provinciale di Cuneo,

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

sul tema ricerca scientifica e innovazione tecnoloe:ica tra

sul tema ricerca scientifica e innovazione tecnoloe:ica tra , - Protocollo d'intesa sul tema ricerca scientifica e innovazione tecnoloe:ica tra Conferenza dei Presidenti delle Ree:ionie delle Province autonome CGIL, CISL UIL, CONFINDUSTRIA Premesso che i risultati

Dettagli

Indice. Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo

Indice. Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo Indice Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo PARTE PRIMA - La RSU 11 Capitolo I Che cosa è la RSu 13 Capitolo II Come lavora la RSu 18 Capitolo III - Il negoziato: tempi

Dettagli

LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE

LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE Annalisa Oddone, Confindustria Confindustria Sardegna Meridionale 12 giugno 2012 CARTA DEI PRINCIPI

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Quanto costa il mio fondo pensione?

Quanto costa il mio fondo pensione? Quanto costa il mio fondo pensione? Le differenze con il mercato e i nostri punti di forza Uno dei temi principali su cui il mercato della previdenza complementare si confronta è quello relativo ai costi

Dettagli

D. U. R. C... Una storia infinita!!!

D. U. R. C... Una storia infinita!!! D. U. R. C.... Una storia infinita!!! (Circolare INPS n. 54 del 13.04.2012- Risoluzione Agenzia delle Entrate n. 34/E del 11 aprile 2012) Contributo Professionale Con due precedenti contributi professionali

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità Intervento di Mariaelena Romanini 1 Nell ambito del seminario: L apprendistato

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

1) Il CIV ha preso atto del documento contenente le Linee guida del Piano industriale ; ha colto lo spirito partecipativo con cui il documento è

1) Il CIV ha preso atto del documento contenente le Linee guida del Piano industriale ; ha colto lo spirito partecipativo con cui il documento è STARE PIU VICINI AI LAVORATORI ED ALLE IMPRESE MIGLIORARE L EFFICIENZA DEI SERVIZI RIDURRE I COSTI PROCESSO CRITICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE E LINEE DI INDIRIZZO STRATEGICO DEL CIV 1)

Dettagli