Lavorazione di vetro a mano e a soffio artistico Fabbricazione di altri prodotti in minerali non metalliferi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lavorazione di vetro a mano e a soffio artistico 23.19.20 23.99 Fabbricazione di altri prodotti in minerali non metalliferi"

Transcript

1 Sezione anagrafica Denominazione Distretto Distretto Veneto dei sistemi per l illuminazione Sede del Distretto Comune di Piombino Dese, Piazza San Pio X, Piombino Dese (PD). Sede operativa/amministrativa: c/o Luce in Veneto Scarl via dei Marcello 13/ Levada di Piombino Dese (PD). Tel/fax Figura Distretto ex lex 8/2003 Specializzazione produttiva Produzione di articoli per illuminazione Ambiti merceologici del Distretto (Codici Ateco 2007) Codice ISTAT Descrizione Attività a monte > Fabbricazione di altri prodotti in legno Fabbricazione di prodotti di carta e cartone Lavorazione e trasformazione del vetro piano Lavorazione di vetro a mano e a soffio artistico Fabbricazione di altri prodotti in minerali non metalliferi Fabbricazione di strutture metalliche e parti assemblate 22.2 Fabbricazione di altri articoli in materie plastiche Trattamento e rivestimento dei metalli Fabbricazione di prodotti in gesso Fabbricazione di altri articoli metallici e minuteria metallica Produzione di metalli di base non ferrosi 25.6 Trattamento e rivestimento dei metalli Lavori di meccanica generale Fabbricazione di apparecchiature per illuminazione Commercio di articoli per illuminazione Altre attività di disegnatori grafici Laboratori fotografici per lo sviluppo e la stampa Totale TOTALE ENTE DI RIFERIMENTO Il distretto e gestito da una società consortile a responsabilità limitata - Luce in veneto scarl - cui aderiscono attualmente 52 aziende delle 140 iscritte al distretto. L attuale presidente di Luce in Veneto Scarl è Andrea Voltolina. RICONOSCIMENTO REGIONALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO in questa Sezione andrebbero riportati i testi relativi a: Leggi ed Atti regionali in materia di Distretti produttivi; Regolamenti comunitari di riferimento; Disciplina dei distretti produttivi e interventi di politica industriale locale 1

2 Il distretto e stato costituito il 31 gennaio 2008 nell ambito della LRV 8/2003 come novellata dalla l.r. 5/2006 disciplina delle aggregazioni di filiera dei distretti produttivi e interventi di sviluppo industriale e produttivo locale e approvato con DGR n del 19 luglio 2008 Il Distretto aderisce / non aderisce alla Federazione Distretti Italiani Il Distretto non aderisce ancora alla Federazione Distretti Italiani Dati quantitativi N. Imprese (2009) 546 Var.% Imprese (2009/2007) +32,52 N. Imprese fino a 49 addetti (2008) 395 (97,77%) Var.% Imprese fino a 49 addetti (2008/2007) -2,23 N. Addetti (2008) Var.% Addetti (2008/2007) +1,28 Export 2009 (Ml Euro) 267 Var.% Export 2009/ ,61 Dati qualitativi Breve presentazione e descrizione del Distretto (caratteristiche principali, tradizioni storico-culturali e vocazione tecno-produttiva); notizie sul territorio, suoi punti di forza e di debolezza, economia, Istituzioni, Mission, Storia ed esperienza distrettuale Caratteristiche principali del settore illuminotecnico (cod. ISTAT 2001) Il «settore dei sistemi per l illuminazione» comprende, in senso stretto, le aziende iscritte al codice ISTAT (cod. ISTAT 2001) relativo alla fabbricazione di apparecchiature per l illuminazione. Visto, tuttavia, che la legge regionale 8/2003 sui distretti produttivi, definisce questi ultimi come espressione della capacità di imprese tra loro integrate in un sistema produttivo rilevante e degli altri soggetti ammissibili di sviluppare una progettualità strategica, prevedendo che le imprese partecipanti siano caratterizzate da un elevato grado di integrazione produttiva e di servizio, documentabile dall analisi organizzativa delle catene di fornitura sono stati ricompresi nell analisi anche tutti i settori collegati a tale attività sia a monte (lavorazione dei materiali di base: vetro, plastiche, gesso e minuterie metalliche) sia a valle (imballaggio, commercio all ingrosso/dettaglio ecc..) della filiera produttiva. Il settore illuminotecnico in senso stretto comprende, nello specifico. le seguenti tipologie di produzione: fabbricazione di lampade elettriche ad incandescenza o a scarica, inclusa fabbricazione di lampade a raggi ultravioletti o a raggi infrarossi fabbricazione di lampade ad arco fabbricazione di lampade o cubetti per flash, ecc. fabbricazione di lampade elettriche e di apparecchi di illuminazione: di lampadari, lampade da tavolo, da scrittoio, da comodino o a stelo, anche del tipo non elettrico di lampade elettriche portatili di insegne e cartelli luminosi, ecc. di dispositivi di illuminazione esterna e stradale di lampade del tipo utilizzato per gli alberi di natale Alcune considerazioni sono state, poi, estese al settore illuminotecnico in senso più allargato, allargando l indagine ai seguenti codici ISTAT principali: D - Attività manifatturiere DI Fabbricazione di prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi Lavorazione e trasformazione del vetro piano Fabbricazione di altri prodotti in minerali non metalliferi DJ Metallurgia, fabbricazione di prodotti in metallo Fabbricazione di strutture metalliche e di parti di strutture Fucinatura, imbutitura, stampaggio e profilatura dei metalli; metallurgia delle polveri 28.5 Trattamento e rivestimento dei metalli, lavoraz. meccanica generale e per c/t Fabbricazione di altri prodotti metallici G Commercio all ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli, motocicli e di beni personali e per la casa 2

3 Commercio all ingrosso di articoli per illuminazione e materiale vario elettrico per uso domestico Dimensioni e caratteristiche del comparto illuminotecnico Il comparto illuminotecnico in senso stretto (cod ISTAT 2001) L'Italia è il primo paese esportatore in Europa ed il secondo produttore dopo la Germania ed è universalmente conosciuto come il trend setter nell'illuminazione. Il fatturato complessivo ammonta a 2,3 miliardi di euro del quale il 52% è legato alle esportazioni. Tra le regioni italiane il Veneto detiene il secondo posto per numero di aziende che svolgono attività di fabbricazione di lampadari (cod ), contando ben 277 unità su un totale di a livello nazionale, pari al 18,8% (la Lombardia, al primo posto conta 328 unità per il 22,2% sul totale nazionale), seguito a distanza dalla Toscana con 159 unità (10,8%). Si rileva, tuttavia, che, a livello Fig. 1 - Rapporto tra Veneto e Italia in termini di unità locali e addetti codice Anno 2001 U.L. cod Veneto Italia Elaborazione sulla base del Censimento Industria e Servizi, 2001 occupazionale il Veneto supera la Lombardia, arrivando a detenere il primo posto per numero di addetti presso tali aziende, contando ben su un totale di 5.566, pari al 24,8% (la Lombardia detiene il 24,2%). Tab. 1 - Unità locali e addetti aziende settore illuminotecnico in Italia Anno 2001 Regione Unità Locali cod Addetti cod Unità Locali (%) Addetti (%) Piemonte ,9 5,0 Valle d Aosta 0 0 0,0 0,0 Lombardia ,2 24,2 Trentino Alto Adige ,9 1,5 Veneto ,8 24,8 FV Giulia ,4 1,3 Liguria ,8 1,7 Emilia-Romagna ,6 9,7 Toscana ,8 10,9 Umbria ,1 1,5 Marche ,3 2,9 Lazio ,0 4,2 Abruzzo ,5 1,7 3

4 Molise 2 2 0,1 0,0 Campania ,9 3,1 Puglia ,9 3,0 Basilicata ,3 0,2 Calabria ,6 0,9 Sicilia ,7 2,3 Sardegna ,2 0,9 Totale Italia ,0 100,0 (Fonte: Censimento Industria e Servizi, 2001) A livello disaggregato territoriale più dell 80% di tali aziende è ubicato nel territorio interprovinciale di Treviso, Padova e Venezia dando lavoro a più del 70% degli occupati a livello regionale. Fig. 2 - Rapporto tra territorio interprovinciale di riferimento e restanti province del Veneto in termini di unità locali e addetti codice Anno 2001 Treviso-Venezia- Padova La Provincia di Treviso, in particolare, detiene il primato per sia per numero di aziende (32,9%) che, soprattutto, per Restanti province Unità Locali Addetti Elaborazione sulla base del Censimento Industria e Servizi, 2001 numero di addetti, occupando, da sola, il 30,6% degli addetti regionali. Segue Venezia, con il 25,1% delle aziende e il 22,6% degli addetti e Padova, con il 24,4% delle aziende e il 18,3% degli addetti. Tab. 2 - Unità locali e addetti aziende settore illuminotecnico in Veneto a livello provinciale 2001 Provincia Percentuale Unità Locali Addetti Unità Locali Addetti cod cod cod cod Verona ,1 8,4 Vicenza ,6 13,6 Belluno ,9 6,1 Treviso ,9 30,6 Venezia ,4 22,6 Padova ,4 18,3 Rovigo ,7 0,5 Veneto ,0 100,0 (Fonte: Censimento Industria e Servizi, 2001) 4

5 Analizzando l andamento storico del settore dell illuminotecnica, emerge che dal 1991 al 2001 è notevolmente diminuito il numero di aziende iscritte al cod , essendo passate da 425 del 1991 a 339 nel 2001 (-20%), rispetto ad un calo medio regionale del 3,5%. Tale risultato è dovuto al forte calo di aziende registrato nella provincia di Venezia (-39,5%), seguita dalla provincia di Padova (-18,7%),mentre è addirittura lievemente aumentato in provincia di Treviso. Nonostante tale andamento, nel decennio il settore è riuscito ad accrescere il numero di addetti occupati, essendo passato da del 1991 a del 2001 (+7,3%) anche se con performance molto inferiori rispetto all andamento regionale (+17%). Ciò è dovuto al calo registrato nella provincia di Venezia (-17,8%), compensato dall andamento molto positivo della provincia di Treviso (+38%). Tab. 3 - Unità locali e addetti codice in Veneto a livello provinciale Anno 1991 e Provincia Unità Locali cod Addetti cod Unità Locali cod Addetti cod Treviso Venezia Padova Territorio interprovinciale Veneto (Fonte: Elaborazione su dati ISTAT, Censimento Industria e Servizi, 2001) Nel territorio interprovinciale il numero di aziende iscritte al codice ogni abitanti è il più elevato a livello regionale. La provincia con la maggiore densità di unità locali è Treviso, seguita da Venezia e Padova. Tab. 4 - Numero di aziende iscritte al codice ogni abitanti per provincia - Anno 2001 Provincia Unità locali cod Popolazione UL/popolazione Verona ,02 Vicenza ,04 Belluno ,08 Treviso ,17 Venezia ,13 Padova ,10 Rovigo ,03 Veneto ,09 (Fonte: Censimento Industria e Servizi, 2001) 5

6 A livello dimensionale le aziende di cui al codice risultano tutte di piccole dimensioni sotto i 100 dipendenti, comportando una estrema frammentarietà del sistema produttivo. In particolare le aziende con meno di 20 dipendenti rappresentano più del 90% del totale, di cui il 76% sotto i 10 dipendenti, rispecchiando la situazione riscontrata a livello regionale per tale settore di attività. Il numero medio di addetti per azienda è inferiore a livello interprovinciale (7 per azienda) rispetto alla media regionale (8 per azienda), Tab. 5 - Ripartizione addetti settore cod per classe di addetti Anno 2001 Classe di addetti O O-49 5O-99 > 100 Totale Treviso Venezia Padova Veneto (Fonte: Elaborazioni su dati Regione Veneto - Direzione Sistar su dati Istat) Nonostante tale elevata frammentarietà delle aziende, è possibile individuare sul territorio alcune aziende leader in termini di dimensioni e di capacità di integrazione con altre a- ziende del territorio, quali: Fabbian Illuminazioni Spa di Resana (TV), Linea Light Srl di Resana (TV), Lucente Srl di Paese (TV) e Luci Per Srl di Trebaseleghe (PD) A livello disaggregato settoriale, la tabella che segue, illustra come nelle nel territorio interprovinciale il rapporto tra le aziende iscritte al codice sul totale delle aziende del settore manifatturiero, pari all 1%, risulta superiore sia alla media nazionale (0,25%) che a quella regionale (0,41%). Tab. 6 - Confronto unità locali intero comparto economico, comparto manifatturiero e codice in Italia, Veneto e province Anno 2001 Provincia Aziende intero Aziende Settore D Manifatturiero Codice % Verona ,15 Vicenza ,20 Belluno ,59 Treviso ,03 Venezia ,25 Padova ,76 Rovigo ,23 Veneto ,41 Italia ,25 (Elaborazione Euris Srl sulla base del Censimento Industria e Servizi, 2001) A livello comunale all interno del territorio interprovinciale di riferimento escludendo il Fig. 3 - Comuni con la maggiore densità di unità locali e addetti nel territorio interprovinciale Anno

7 Comune di Venezia per la produzione di vetro artistico, non oggetto della presente analisi il Comune con maggiore intensità di aziende classificate con il codice e relativi addetti è Piombino Dese con 39 unità locali (9,5% del totale regionale e 11,5% del totale Scorze' Treviso Marcon Resana Piombino Dese Unità locali Addetti (Elaborazione sulla base del Censimento Industria e Servizi, 2001) 268 interprovinciale) e 268 addetti (8,1% del totale regionale e 11,3% del totale interprovinciale). Piombino Dese risulta essere anche il Comune con la percentuale più elevata di aziende i- scritte al codice rispetto all intero settore manifatturiero, pari all 1,5%. Tale primato risulta ancora più evidente considerando il numero di addetti occupati nelle aziende iscritte al codice rispetto all intero settore manifatturiero (14,2%). Tab. 7 - Rapporto tra aziende iscritte al codice rispetto al settore manifatturiero totale (D) nei comuni con maggiore densità di aziende iscritte al codice Anno 2001 Provincia Aziende intero Settore D Manifatturiero Aziende Codice Piombino Dese ,5 Resana ,3 Marcon ,7 Treviso ,2 Scorzé ,4 (Fonte: Censimento Industria e Servizi, 2001) % Tab. 8 - Rapporto tra addetti nelle aziende iscritte al codice rispetto al settore manifatturiero totale (D) nei comuni con maggiore densità di aziende iscritte al codice Anno 2001 Provincia Addetti Settore D Manifatturiero Addetti Codice Piombino Dese ,2 Resana ,4 Marcon ,5 Treviso ,0 Scorzè ,8 (Fonte: Censimento Industria e Servizi, 2001) % 7

8 L intera filiera del comparto illuminotecnico Nel presente paragrafo vengono riportate alcune considerazioni in merito al comparto illuminotecnico in senso allargato, considerando le principali tipologie di aziende che operano nell intera filiera produttiva. Nella tabella 9 sono stati considerati i principali codici ISTAT che potrebbero rientrare in tale filiera. Sommando i dati relativi alle unità locali e agli addetti occupati in tali settori, emerge che il Veneto detiene complessivamente il 9,3% delle aziende e il 17,5% degli occupati. Si rileva, in particolare - oltre, ovviamente, alle aziende di cui al codice già trattata nel paragrafo precedente una buona diffusione di a- ziende che operano nella minuteria metallica (circa 14% della quota nazionale sia in termini di unità produttivi che in termini di addetti), che rappresentano l indotto di altri settori produttivi, tra cui compare sicuramente quello della produzione di apparecchi elettrici. Tab. 9 Unità locali e addetti intera filiera settore illuminotecnica in Italia e nel Veneto, anno 2001 ITALIA VENETO % U.L. Addetti U.L. U.L. Addetti Addetti TOTALE D - Attività manifatturiere ,4 13, Fabbricazione di altri prodotti in minerali non metalliferi ,0 14, Fabbricazione di strutture metalliche e di parti di strutture ,9 13, Fucinatura, imbutitura, stampaggio e profilatura metalli, metall ,7 11,2 polveri 28.5 Trattamento e rivestimento dei metalli, lavorazione meccanica generale ,1 13,4 e per c/t Costruzione di altri articoli metallici e minuterie metallica ,9 20, Fabbricazione di apparecchi per l illuminazione e di lampade elettriche ,8 24,8 Totale ,7 14,3 TOTALE G Commercio ,3 27, Commercio all ingrosso di altri beni di consumo finale ,6 1,8 Totale ,6 1,8 TOTALE Elaborazione Euris srl su dati del Censimento Industria e Servizi, ,3 17,5 Nel territorio interprovinciale vi è, in particolare, una evidente Fig. 4 - Rapporto tra territorio interprovinciale di riferimento e restanti province del Veneto in termini di unità locali e addetti intero settore 8

9 concentrazione di aziende che operano all interno dell intero illuminotecnica Anno 2001 settore dell illuminotecnica, o- spitando ben il 91,2% delle u- nità produttive (7.495 unità lo- Treviso-Venezia- Padova cali su totali) e il 64,2% degli addetti ( addetti su totali) rispetto ai valori regionali. Restanti province Unità Locali Addetti Elaborazione Euris sulla base del Censimento Industria e Servizi, 2001 Tav. 10 Unità locali e addetti principali settori filiera illuminotecnica in Italia e nel Veneto, anno 2001 TOTALE D - Attività manifatturiere Lavorazione vetro piano 26.8 Fabbricazione di altri prodotti in minerali non metalliferi Fabbricazione di strutture metalliche e di parti di strutture Fucinatura, imbutitura, stampaggio e profilatura metalli 28.5 Trattamento e rivestimento dei metalli, lavorazione meccanica generale e per c/t Costruzione di altri articoli metallici e minuterie metallica Fabbricazione di apparecchi per l illuminazione e di lampade elettriche Totale ITALIA U.L. Addetti U.L VENETO % U.L. Addetti Addetti 11,4 13,9 9,0 % 13,1% ,0 14, ,9 13, ,7 11, ,1 13, ,9 20, ,8 24, ,4 14,2 TOTALE G Commercio ,3 27, Commercio all ingrosso di altri beni di consumo finale ,6 1,8 Totale ,6 1,8 9

10 Elaborazione Euris srl su dati del Censimento Industria e Servizi, 2001 Punti di forza e di debolezza, opportunità e rischi Partendo dai dati emersi nei paragrafi precedenti è possibile riassumere la situazione complessiva attuale del comparto illuminotecnica veneto, mettendone in luce le i punti di forza, le debolezze, le opportunità e le minacce (analisi SWOT). Si evidenzia, in primo luogo, come il comparto dell illuminotecnica soffra di una debolezza strutturale legata alla questione dimensionale, ovvero alla frammentarietà della struttura produttiva: le dimensioni e le risorse limitate non consentono alla maggior parte delle imprese di affrontare rilevanti investimenti nell'internazionalizzazione, nella ricerca e sviluppo, in politiche di marchio adeguate al numero e alla dimensione dei mercati affrontati. Se tale caratteristica della piccola dimensione è stata fino agli anni 90 un elemento positivo per far fronte alle la variazioni del mercato grazie alla maggiore flessibilità rispetto ad aziende più grandi, oggi deve essere considerato un elemento di debolezza in quanto la forte concorrenza internazionale richiede una elevata capacità di offrire prodotti sempre più concorrenziali. Tra le sfide più importanti per le imprese del settore degli apparecchi per l'illuminazione ci sono sicuramente la crescente necessità di migliorare la struttura distributiva delle aziende e i problemi legati alla commercializzazione dei prodotti, agli allestimenti dei punti vendita, alla comunicazione al consumatore. Il tema della dimensione aziendale diventa cruciale anche in relazione alle caratteristiche dei canali, con l'intervento di attori sempre più esigenti in termini di servizio e di pricing, alle strategie di diversificazione delle grandi multinazionali, alla crescente attenzione al contenuto tecnologico dei prodotti. Le aziende mantengono un impegno costante nella ricerca di nuovi prodotti. Proprio sulla tecnologia e sul processo creativo-tecnologico, la ricerca ha fornito nuovi elementi di riflessione per la competitività del sistema dell'illuminazione made-in-italy. La capacità di fondere insieme elementi di design, tecnologia, esigenze produttive ed esigenze commerciali rappresenta ancora il primo fattore di vantaggio competitivo di cui godono le imprese italiane. Dal punto di vista dell'innovazione i prodotti italiani possono contare su un complesso sistema progettuale che si basa sia su contenuti tecnologici sia su nuovi canoni estetici. La complessità di tale modo di progettare costituisce, in una situazione di mercato in cui prevalgono i comportamenti scorretti e di contraffazione, una leva competitiva efficace. 10

11 Analisi SWOT PUNTI DI FORZA Il settore lluminotecnico rappresenta uno dei settori di eccellenza della manifattura italiana per la capacità di fondere insieme eleganza, design e tecnologia Il Veneto detiene il 2 posto a livello nazionale per numero di aziende iscritte al codice ISTAT 31.50; Il Veneto detiene il 1 posto a livello nazionale per addetti presso aziende che svolgono attività di fabbricazione di lampadari 80% delle aziende venete con codice ISTAT è localizzato tra le province di Treviso, Padova e Venezia Notevole dinamicità e capacità di sviluppo imprenditoriale Presenza di alcune medie imprese che concentrano capitali e risorse umane e che possono fungere da nucleo aggregante nel comparto Relazioni di produzione in filiera già esistenti e ben sperimentate OPPORTUNITÀ Prodotti Made in Italy considerati come standard di qualità e design a livello mondiale Forte spinta all esportazione Localizzazione produttiva nel Veneto centrale tra i mercati dell Europa orientale e quelli più ricchi del Nord Europa Possibilità di integrare l offerta complessiva del comparto rafforzandola e andando a ottenere una massa critica sul mercato Introduzione di innovazioni di prodotto, processo e organizzative capaci di ottenere produzioni a minore impatto ambientale Consapevolezza, a livello locale, della necessità di azioni per l innovazione Presenza sul territorio di importanti Università e Centri di ricerca che potrebbero supportare le aziende del settore illuminotecnica nei progetti di ricerca Presenza di soggetti sul territorio che potrebbero supportare le aziende del settore illuminotecnica nelle attività di internazionalizzazione PUNTI DI DEBOLEZZA Diffusa frammentazione produttiva Elevata presenza numerica di piccole imprese con limitata capacità economico finanziario e con conseguente difficoltà di investimenti Scarso livello di investimento pubblico e privato in Ricerca e Sviluppo Tecnologico Insufficienti interazioni del mondo produttivo con l offerta scientifico tecnologica Limitata abitudine alla protezione della conoscenza acquisita (scarsa capacità di brevettazione) Specializzazione in produzioni manifatturiere tradizionali a medio o basso contenuto tecnologico Necessità di migliorare la struttura distributiva delle aziende Limitata dotazione di strumenti informatici per la gestione e la promozione delle aziende Carenza di personale specializzato MINACCE Difficoltà di coordinamento tra le tematiche di ricerca pubblica e le esigenze di ricerca del settore privato Continua necessità di adeguare i prodotti posta dalle nuove tecnologie e normative per il risparmio energetico e la tutela ambientale Concorrenza dei produttori asiatici a basso costo Scarsa capacità di auto-tutela nei confronti dei manufatti asiatici imitanti il design italiano Mancanza di servizi e strutture sul territorio dedicate specificamente al comparto dell illuminotecnica L analisi fin qui presentata mette in evidenza come l ipotesi di costituzione di un Distretto produttivo ben si inserisca nel quadro complessivo risultante da questa analisi, sia in termini di valorizzazione dei punti di forza ed opportunità, che come possibile risposta ai punti di debolezza e alle minacce. Nonostante le debolezze e i limiti sopra elencati, il comparto dell illuminotecnica veneto detiene il primo posto a livello nazionale, nella produzione di lampadari, pari a oltre il 20% della produzione nazionale e rappresenta ad oggi uno dei settori di eccellenza della manifattura italiana per la capacità di fondere insieme eleganza, design e tecnologia. Visto che le aziende del settore non sono strutturate né hanno fondi sufficienti per investire negli ambiti su citati, esse devono aggregarsi tra loro e con gli altri attori e promotori dell innovazione ammodernamento e internazionalizzazione, presenti sul territorio quali centri di ricerca, centri di formazione e istruzione, camere di commercio, associazioni di ca- 11

12 tegoria ed enti locali, per promuovere azioni comuni e mantenere i loro punti di forza, rappresentati essenzialmente dalla qualità del Made in Italy e riguadagnare terreno rispetto alla concorrenza rampante legata al moderno processo di globalizzazione. Strutture di supporto alle attività di ricerca e innovazione e internazionalizzazione: potenzialità del territorio Il territorio interprovinciale di Treviso, Padova e Venezia risulta particolarmente dotato di strutture (Università e Centri di ricerca) che potrebbero supportare le aziende del settore illuminotecnica nelle attività di ricerca e innovazione tecnologica. Tra le principali facoltà universitarie si nominano le seguenti: A Padova risiedono, infatti, le rinomante facoltà di ingegneria e fisica (PD) Dipartimento di fisica Galileo Galileo (PD) Dipartimento di Fisica tecnica (PD) Dipartimento di ingegneria elettrica: corso impianti elettrici (PD) Dipartimento di ingegneria elettrica, dotato di un laboratorio fotometrico finalizzato alla ricerca sulle proprietà riflettenti dei materiali al fine di una loro caratterizzazione per l'illuminazione naturale e artificiale (catadiottri, manti stradali, superfici affrescate, ). Ricerca nel campo delle misure fotometriche e radiometriche su sorgenti luminose: analisi dell'efficienza in condizioni di alimentazione anomala o deformata, analisi colorimetrica di sorgenti per l'illuminazione di opere d'arte) (PD) Facoltà di architettura (VE) Facoltà di Design e Arte, corso di laurea specialistica in disegno industriale del prodotto (TV) Il territorio ospita i seguenti Parchi Scientifici e Tecnologici, centri di ricerca e associazioni: - Parco Scientifico Galileo, in particolare con la Scuola Italia Desing - Matech..Società Consortile partecipata dalle Camere di Commercio di Padova, Treviso, Vicenza e Belluno, dall'università di Padova, dal Comune e dalla Provincia di Padova, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e da Veneto Innovazione (PD); Treviso Tecnologia, Azienda Speciale per l'innovazione tecnologica dellaa CCIAA di Treviso (TV) Tecnologia & Design Scarl i cui soci sono: la CCIAA di TV, Veneto Innovazione Spa, Unindustria TV, Confartigianato e comune di Montebelluna (TV) AIDI - Associazione Italiana di Illuminazione, che si propone statutariamente di diffondere la conoscenza dei problemi dell'illuminazione, di promuovere lo studio e di favorire lo svi- 12

13 luppo delle sue applicazioni, anche allo scopo di concorrere a creare i presupposti per migliori condizioni di vita e di lavoro (PD) Veneto Innovazione Spa, società per azioni senza fini di lucro che cura sia il coordinamento delle iniziative nel campo della ricerca, dell'innovazione e dei servizi alle imprese; sia l'aggregazione di piccole e medie imprese su progetti specifici di trasferimento di tecnologie, conoscenze e competenze (VE). Tra le strutture di supporto all internazionalizzazione delle aziende hanno espresso particolare interesse per il progetto: l Azienda Speciale della CCIAA di Padova PromoPadova che si occupa di attività di sensibilizzazione aziendale attraverso corsi di formazione e progetti di animazione economica territoriale e l ente Padova Fiere Spa che ha dato la propria disponibilità a promuovere le aziende del costituendo distretto produttivo mettendo loro a disposizione appositi spazi in occasione di fiere di settore. Storia ed esperienza distrettuale A partire dal 2006 il Comune di Piombino Dese - raccogliendo la richiesta avanzata dalle principali aziende produttrici locali - si è fatto promotore di un iniziativa volta a favorire una attività promozionale finalizzata a coinvolgere e illustrare alle aziende e alle Associazioni di Categoria locali l opportunità di favorire la costituzione di un distretto produttivo nel settore dell illuminotecnica. L iniziativa è partita dalla constatazione che l illuminotecnica made in Italy rappresenta un settore di eccellenza della manifattura italiana capace di fondere insieme eleganza, design e tecnologia. Secondo gli ultimi dati ISTAT disponibili (2001) nell area del distretto - corrispondente al territorio interprovinciale di Padova, Treviso e Venezia - si colloca il 23% delle aziende italiane operanti nel comparto relativo alla fabbricazione di apparecchi di illuminazione e di lampade elettriche, cui corrisponde il 43% degli addetti. I primi risultati di tale iniziativa si sono concretizzati nel corso del 2007 quando il Comune di Piombino Dese ha promosso la costituzione di una Aggregazione di imprese operante nel settore illuminotecnico quale fase prodromica per la successiva costituzione del distretto. Le 12 aziende aderenti hanno costituito, assieme ad alcune Associazioni di categorie attive sul territorio, una Associazione Temporanea di Scopo (ATS) e hanno presentato, nell ambio del Bando di cui alla DGR 1577 del 29 maggio 2007 di cui alla stessa LRV 8/2003, un progetto denominato Creazione di una piattaforma informatica per la gestione di servizi integrati all aggregazione di imprese nel settore dei sistemi di illuminazione che è stato approvato e finanziato dalla Regione Veneto. Tali aziende hanno, successivamente, avviato una serie di tavoli di lavoro dai quali sono emerse alcune idee progettuali di collaborazione in ambito di ricerca, internazionalizzazione e logistica integrata da implementare anche in un 13

14 contesto più ampio coinvolgendo il maggior numero possibile di aziende del settore operanti nello stesso territorio. Con il supporto amministrativo delle Associazioni di categoria, le aziende hanno, quindi, deciso di impegnarsi direttamente nella costituzione di un distretto e hanno creato una rete di contatti che si è rapidamente estesa a macchia d olio con il coinvolgimento sia di aziende dello stesso settore produttivo che di aziende operanti nell intera filiera produttiva. Nel contempo esse hanno ritenuto importante coinvolgere alcuni soggetti operanti nell ambito della ricerca e sviluppo tecnologico quali: il Dipartimento di ingegneria elettrica dell Università di Padova, il Parco Scientifico e Tecnologico Galileo di Padova e Tecnologia & Design di Montebelluna per il loro contributo scientifico e formativo che potranno apportare nella collaborazione con le aziende. Al termine di tale azione di coinvolgimento ben 114 adesioni hanno condiviso e sottoscritto il Patto per lo sviluppo Distrettuale presentato nel gennaio 2008 nell ambito della LRV 8/2003. A seguito di verifica della documentazione prodotta da parte della CCIAA di Padova il Distretto Veneto dei Sistemi per l illuminazione è stato, infine, approvato dalla Regione Veneto con DGR n del 15 luglio Dopo questo riconoscimento formale il Distretto ha ritenuto opportuno dotarsi di una struttura interna in grado di gestire le attività e le progettualità da implementare a partire dal Localizzazione Il Distretto è dislocato prevalentemente nel territorio interprovinciale di Padova, Treviso e Venezia dove si concentra più dell 80% delle aziende operanti nel settore a livello regionale. Le aziende del Distretto sono distribuite come segue: - 39,6% in Provincia di Padova - 33,1% in provincia di Treviso - 18,7% in provincia di Venezia - 5,8% in provincia di Vicenza - 2,2% in provincia di Belluno - 0,7% in provincia di Verona Mission Il Distretto è finalizzato a incentivare lo sviluppo dell intera filiera della produzione di articoli di illuminazione: dalle aziende che forniscono e assemblano le materie prime (vetro, metallo, materiale elettrico, legno e plastica) fino alle aziende che si occupano del packaging e della commercializzazione dei prodotti finiti. Lo scopo è quello di avviare progetti di aggregazione tra aziende del settore anche partecipando a bandi a livello regionale, nazionale e comunitario. 14

15 La strategia del Distretto prevede, prioritariamente, la realizzazione dei seguenti progetti nel triennio : la creazione di un Centro prove per la certificazione dei prodotti la realizzazione di progetti di ricerca in materia di risparmio energetico lo sviluppo di tecnologie industriali per l'impiego dei LED in applicazioni innovative lo sviluppo di (nano)tecnologie industriali la realizzazione di progetti ricerca per l applicazione di nuovi materiali lo sviluppo e sperimentazione di design funzionali la creazione di una banca dati di distretto la promozione di azioni logistiche integrate tramite razionalizzazione funzionale dei trasporti, dell immagazzinamento dei materiali, ai fini anche della riduzione dei consumi energetici la partecipazione a fiere di settore o ad altri eventi di rilievo in grado di accrescere la conoscenza delle imprese, la diffusione dei prodotti sia livello nazionale sia livello internazionale la realizzazione di ricerche di mercato e progetti aggregativi volti alla penetrazione commerciale in mercati esteri la creazione e promozione di un «Marchio del Distretto» la definizione di un «Codice di comportamento etico» azioni di marketing nazionale / internazionale e materiale informativo la riconversione del ciclo produttivo e interventi per il risparmio energetico Patto per lo sviluppo del Distretto: in questa sezione andrebbero riportati i testi relativi ai Patti per lo sviluppo del Distretto elaborati nel corso degli anni con l indicazione dei riferimenti del Rappresentante del Patto, la relativa lista delle aziende aderenti nonché degli enti e delle istituzioni sottoscrittori del Patto; Modulo di adesione al Distretto Soggetti promotori Le imprese Il presente Patto è stato sottoscritto da 114 aziende che appartengono alla filiera produttiva dei sistemi per l illuminazione. Le aziende sono tutte di piccole dimensioni e offrono complessivamente lavoro a più di addetti. A livello disaggregato per classe di addetti: il 46% delle aziende ha meno di 10 dipendenti; il 35% delle aziende ha tra 10 e 19 dipendenti; il 13% delle aziende ha tra 20 e 49 dipendenti; il 5% ha tra 50 e 100 dipendenti il 2% ha più di 100 dipendenti. 15

16 Le associazioni di categoria e le organizzazioni dei produttori Al progetto hanno aderito Associazioni di categoria delle tre province coinvolte: * CNA di Padova (PD) * CONFARTIGIANATO, mandamento di Castelfranco Veneto (TV) * CONFARTIGIANATO, mandamento di Mirano (VE) * CNA di Venezia (VE) Tali Associazioni hanno fornito un importante contributo nella fase di costituzione del distretto grazie alle loro attività di contatto diretto con il mondo imprenditoriale e nella raccolta delle lettere di adesione. Nei tre anni di realizzazione del progetto esse potranno svolgere un ruolo di garantire nella partecipazione allargata di tutte le aziende in fase di costituzione delle aggregazioni tra imprese per la partecipazione ai Bandi attuativi, sia offrire dei servizi di supporto secondo le esigenze dalle stesse manifestate quali: - corsi di formazione specifici; - reperimento di dati statistici. Gli Enti di ricerca, istruzione e formazione Al progetto hanno aderito i seguenti Enti di ricerca, istruzione e formazione: * TECNOLOGIA & DESIGN di Montebelluna (TV) * PARCO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO GALILEO (PD) TECNOLOGIA & DESIGN è una S.c.a.r.l. finalizzata alla diffusione dell innovazione tecnologica attraverso la realizzazione di progetti di ricerca e di sperimentazione. I principali campi di studio sono relativi alle applicazioni del Rapid Prototyping, Tooling e Manufacturing ed alle tecniche di Reverse Engineering, e sono finalizzati alla ricerca e sperimentazione di nuove metodologie e tecnologie innovative per la progettazione e la realizzazione di nuovi prodotti. La società svolge, inoltre, attività di formazione e training per tecnici e progettisti, giovani neodiplomati e neolaureati, Aziende, Associazioni e Istituti scolastici. Le lezioni sono finalizzate all'apprendimento delle tecniche informatizzate più avanzate per le fasi della progettazione e della produzione, con metodologie didattiche che alternano teoria, pratica e sperimentazione. Il PST Galileo svolge iniziative di promozione e divulgazione dell innovazione e del trasferimenti dei risultati della ricerca applicata, di servizio e indagine per l innovazione delle imprese e dei distretti industriali e progetti specifici di collaborazione Università Impresa. Il parco ospita, inoltre, dal 1991 una importante «Scuola italiana del design» ideata per la 16

17 formazione di nuovi designer e che mette a disposizione delle aziende che cercano collaborazioni con il mondo del Design gruppi di giovani designer per affrontare tempi progettuali dalle stesse assegnati. Tali enti potranno, quindi, offrire alle aziende il loro contributo per l elaborazione di progetti di ricerca e formazione e addestramento del personale. Gli Enti pubblici Al progetto hanno aderito i seguenti Enti pubblici: * COMUNE DI PIOMBINO DESE * DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA (UNIVERSITA DI PADOVA) Il laboratorio fotometrico del dipartimento di ingegneria elettrica svolge, in particolare, attività di ricerca sulle proprietà riflettenti dei materiali al fine di una loro caratterizzazione per l'illuminazione naturale e artificiale (catadiottri, manti stradali, superfici affrescate, ); ricerca nel campo delle misure fotometriche e radiometriche su sorgenti luminose; analisi dell'efficienza in condizioni di alimentazione anomala o deformata, analisi colorimetrica di sorgenti per l'illuminazione di opere d'arte. Strategie di Sviluppo del Distretto: sono presentate in questa sezione le strategie di sviluppo che il Distretto intende perseguire attraverso la realizzazione dei progetti presentati nei Patti di Sviluppo (se esistenti), suddividendole per periodi di riferimento (ad esempio: Azioni e strategie ; Azioni e strategie ; Azioni e strategie ; ecc..) Approccio strategico Nel corso del primo anno di attività del Consorzio - da marzo 2009 ad oggi - in occasione di numerose sessioni interne di lavoro, i membri del CdA del Consorzio si sono confrontati in merito alla definizione dell approccio strategico da adottare e alle progettualità da implementare nel breve e nel medio-lungo periodo, al fine di perseguire l ambiziosa mission del Distretto esplicitata nel Patto per lo sviluppo distrettuale che può essere sintetizzata come segue: Mission: accrescere la competitività delle imprese venete di produzione e commercializzazione di prodotti per l illuminazione e aumentare il valore aggiunto di tali prodotti, nell ambito di un progetto di integrazione economica di filiera. Le decisioni di volta in volta maturate dal Consiglio di Amministrazione sono state oggetto di un confronto continuo con le aziende consorziate sia in occasione di colloqui diretti tramite la somministrazione di un apposito Questionario volto a raccogliere fabbisogni e idee progettuali, sia attraverso l organizzazione di convegni pubblici e incontri di approfondimento su tematiche di particolare interesse per tutte le aziende della filiera. 17

18 A seguito di tale lavoro di analisi e confronto con le aziende, il Consorzio ha definito il proprio approccio strategico che ha permesso di fornire un percorso logico di sviluppo del Distretto all interno del quale andranno a collocarsi le progettualità già esplicitate all interno del Patto per lo sviluppo distrettuale stesso e che può essere sintetizzato come segue: Approccio strategico: definizione di progetti di aggregazione tra aziende della filiera illuminotecnica, in partenariato con le istituzioni locali, in una logica market oriented Le aziende del comparto di lavorazione di articoli decorativi per interni - cui appartiene la maggior parte delle aziende che operano nella filiera illuminotecnica - ha da sempre goduto a livello mondiale di un riconoscimento legato al design made in Italy e all attenzione alle nuove tecnologie proposte. Negli ultimi anni il comparto, ha subito, tuttavia, un forte rallentamento dovuto sia alla schiacciante concorrenza da parte di produttori provenienti da Paesi a basso costo di manodopera sia alla generale condizione di recessione economica. In tale contesto le imprese hanno compreso l importanza di aggregarsi per unire le proprie forze e capacità per raggiungere degli obiettivi comuni difficilmente raggiungibili dalle singole aziende. Vista la naturale vocazione delle aziende del Distretto ad operare prevalentemente all estero, il Consorzio intende, quindi rafforzare la loro presenza nei mercati internazionali consolidati o penetrare in nuovi mercati di sbocco ponendo sempre attenzione ad un approccio market oriented, individuando prodotti in grado di soddisfare le esigenze dei clienti sia in termini di gusto estetico che in termini di tecnologie innovative. La strategia attuativa consiste nel fare leva sui punti di forza e le opportunità di cui dispongono le imprese del Distretto e in particolare: l offerta di una vastissima gamma di prodotti diversificati ma accomunati dalla qualità Made in Italy ; il dinamismo e la volontà ad adeguarsi ad un mercato in piena evoluzione; la forte spinta all esportazione dei prodotti e alla penetrazione di nuovi mercati; la dislocazione geografica delle aziende del settore su un territorio relativamente contenuto e idealmente situato rispetto ai maggiori assi di commercio europei; la continua ricerca di innovazione nei prodotti e la comprovata capacità produttiva in filiera; la presenza di elementi trasversali aggreganti quali le associazioni di categoria e centri di ricerca e formazione. Individuati i fattori strategici da perseguire per mantenere e consolidare un vantaggio competitivo che consenta di diventare un riferimento qualificato e primario a livello nazionale e internazionale per il settore, e in accordo con le priorità di sviluppo per l economia regionale, il Consorzio ha inteso operare su distinti fronti: 1. rafforzare l identità interna del Distretto 2. accrescere il know how delle aziende 3. promuovere la conoscenza esterna del Distretto 4. creare un network con soggetti regionali preposti al supporto del tessuto produttivo 5. creare un network con altri Distretti produttivi 18

19 In continuità con quanto elaborato in occasione del primo progetto presentato dall Aggregazione di imprese nell agosto 2007, è stato proprio la piattaforma informatica creata in tale occasione, denominata che ha permesso, da una parte, di facilitare le operazioni volte a promuovere servizi di integrazione interna tra le aziende e, dall altra parte, di rappresentare il principale canale di conoscenza esterna del Distretto stesso. Organismi di rappresentanza e di governance distrettuale, con descrizione di ruoli, compiti, funzioni: Comitato di distretto (componenti, funzioni; regolamento); Rappresentante di distretto Il rappresentante del Patto di Distretto Contestualmente alla sottoscrizione del Patto, i soggetti promotori hanno designato di comune accordo quale persona fisica rappresentante del Patto con i compiti di cui all articolo 6 della legge regionale 4 aprile 2003, n. 8 il sig. Severin Cesare. Organizzazione Nel febbraio 2009 è stato così costituito il Consorzio Luce in Veneto Scarl formato da 34 a- ziende, che hanno eletto al proprio interno un CdA (presieduto dal sig. Andrea Voltolina) cui è affidato il compito di dettare l approccio strategico del Distretto e la promozione di nuove i- dee progettuali da proporre a tutte le aziende del Distretto. Il 13 luglio 2010 tale Consorzio ha ampliato la propria compagine sociale grazie all adesione di 18 nuove aziende, portando ad un numero complessivo di 52 aziende del settore illuminotecnico iscritte. Presenza di centri servizio a supporto delle attività e delle strategie distrettuali (Consorzi per formazione; Consorzi export, ecc ), con indicazione e approfondimento di attività, finalità, modalità di accesso, servizi erogati, relazioni e interscambio con il territorio e gli altri operatori -istituzionali e non, pubblici e privati- del distretto. Il Consorzio collabora con soggetti esterni per l erogazione di servizi alle aziende, quali: - l agenzia speciale della CCIAA di Treviso Treviso Tecnologia per le attività di formazione; - Consorzio export per l organizzazione di fiere in collettiva, l agenzia Promex della CCIAA di Padova, l ICE del Veneto ecc Pubblicazioni dei Report e degli aggiornamenti (con cadenza trimestrale o semestrale), in modo da fornire in modo sistematico agli operatori della filiera e a tutti gli enti interessati, pubblici e privati, informazioni, dati, strumenti per poter interpretare il settore ed i vari mercati in cui opera il Distretto nonché capire le tendenze allo scopo di supportare con informazioni oculate le scelte strategiche delle aziende e le decisioni politico-sociali a supporto del comparto o di comunità interessate. L area download della Sezione dovrebbe consentire di scaricare: documenti e file relativi al Distretto; le pubblicazioni del Centro Studi di Distretto; gli estratti dei vari report già pubblicati. Il Consorzio elabora una Relazione annuale che viene presentata ai consorziati in occasione delle Assemblee Generali PROGETTI: ESEGUITI IN FASE DI REALIZZAZIONE PROPOSTI Progettualità 19

20 1. Formazione Promozione corso di formazione «LED LIGHTING» (febbraio luglio 2010) Il Consorzio ha promosso, in linea con le richieste tematiche concordate con le aziende, un corso formativo denominato LED LIGHTING Tecnologie LED. Una nuova opportunità di sviluppo per le aziende del Distretto Veneto dei sistemi per l illuminazione. Il corso, realizzato tra febbraio e luglio 2010 ha previsto n. 3 incontri con produttori di sorgenti a LED (Sharp, Cree e Philips) per conoscere le attività di ricerca svolte da tali aziende e le ultime novità da loro proposte; n. 7 moduli tecnici con il coinvolgimento di docenti altamente qualificati del mondo accademico (Facoltà di Ingegneria di Padova e Facoltà di Architettura di Venezia), aziendale e del centro di certificazione IMQ. Tale corso è stato particolarmente importante per le 9 aziende partecipanti non solo per l attività formativa ma anche per quale occasione di un incontro costruttivo tra mondo accademico e industriale in vista di possibili collaborazioni nell ambito di progetti di ricerca e sviluppo Promozione progetto di formazione «OPEN INNOVATION» (luglio-dicembre 2010) Luce in Veneto sta promuovendo tra le proprie aziende consorziate il progetto OPEN INNOVATION in collaborazione con Treviso Tecnologia finanziato dalla Regione Veneto tramite il FSE. Il progetto prevede l attivazione di corsi aziendali o pluriaziendali per fornire gli elementi essenziali per la gestione di progetti di innovazione e di ricerca e sviluppo. I contenuti degli interventi saranno pianificati considerando le specifiche esigenze di formazione aziendale. In continuità con il corso LED LIGHTING i docenti hanno dato disponibilità a fornire ulteriori approfondimenti alle aziende al fine di rendere più efficace il trasferimento di know how nei diversi ambiti tematici affrontati durante il corso Promozione progetto di formazione «IL SISTEMA GESTIONALE PER L INNOVAZIONE ORGANIZZATIVA» (febbraio settembre 2010) Luce in Veneto ha promosso l avvio di un corso di formazione, finanziato dalla Regione Veneto tramite Voucher Interaziendali FSE, finalizzato all analisi di possibili forme di aggregazione tra le aziende consorziate nell ambito di azioni volte alla penetrazione in mercati esteri. Al corso hanno partecipato 8 aziende, coordinate da un esperto di marketing internazionale e comunicazione, le quali hanno affrontato le diverse modalità di aggregazione, dalla partecipazione collettiva a fiere di settore alla condivisione di reti commerciali e l apertura di show room comuni all estero. Il corso ha permesso alle aziende di rafforzare progressivamente le possibili interazioni tra le aziende, che ha portato ad una forte propensione ad un azione integrata nelle attività volte all internazionalizzazione. 2. INTERNAZIONALIZZAZIONE 2.1 Organizzazione di incontri di approfondimento (maggio novembre 2009) 20

IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA

IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA IL CONTRIBUTO DEL PORE ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA AI PROGRAMMI COMUNITARI A GESTIONE DIRETTA Ernesto Somma Coordinatore Struttura di missione P.O.R.E., Presidenza del Consiglio dei Ministri Venezia,

Dettagli

Sezione anagrafica. Denominazione: Distretto Veneto del Condizionamento e della Refrigerazione industriale.

Sezione anagrafica. Denominazione: Distretto Veneto del Condizionamento e della Refrigerazione industriale. Sezione anagrafica Denominazione: Distretto Veneto del Condizionamento e della Refrigerazione industriale. Territorio Distretto Le imprese del distretto sono distribuite su tutto il territorio regionale

Dettagli

LE RETI D'IMPRESE: esperienze a confronto _

LE RETI D'IMPRESE: esperienze a confronto _ LE RETI D'IMPRESE: esperienze a confronto _ 10 Novembre 2015 Verona Dott.ssa Margherita Marin Dott. Giuseppe Guido Stefenello DI COSA PARLIAMO: 1. COS È IL CONTRATTO DI RETE: PRINCIPALI CARATTERISTICHE

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Il Progetto di Confindustria per competere in rete. Milano - FederlegnoArredo, 13 giugno 2013

Il Progetto di Confindustria per competere in rete. Milano - FederlegnoArredo, 13 giugno 2013 Il Progetto di Confindustria per competere in rete Milano - FederlegnoArredo, 13 giugno 2013 Esigenze espresse dalle Imprese Volontà di: Aggregazione su programmi/progetti Superamento del localismo distrettuale

Dettagli

IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI

IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI Premessa Presso l Inail è attivo un sistema informativo per la raccolta e l archiviazione di informazioni relative all esposizione professionale

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013 Convegno ANFIA Torino, 7 maggio 2013 Scaletta presentazione Dott. Bonomi INTRODUZIONE anche se il momento è difficile e carico di incertezze bisogna cercare di capire quali sono le occasioni per migliorare

Dettagli

SINTESI DEGLI INTERVENTI DI SOSTEGNO ALLA RICERCA E INNOVAZIONE AVVIATI NELL ULTIMO PERIODO

SINTESI DEGLI INTERVENTI DI SOSTEGNO ALLA RICERCA E INNOVAZIONE AVVIATI NELL ULTIMO PERIODO SINTESI DEGLI INTERVENTI DI SOSTEGNO ALLA RICERCA E INNOVAZIONE AVVIATI NELL ULTIMO PERIODO La nostra regione è stata tra le prime ad avviare l attuazione degli strumenti di ricerca, sviluppo e innovazione

Dettagli

19 maggio 2016. La Rete Innovativa Regionale: «Venetian Smart Lighting»

19 maggio 2016. La Rete Innovativa Regionale: «Venetian Smart Lighting» 19 maggio 2016 1 LIGHTING INDUSTRY IN VENETO REGION 2 Veneto Lighting industry L'illuminotecnica rappresenta uno dei settori di eccellenza della manifattura italiana, capace di fondere insieme eleganza,

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo LE ESPORTAZIONI ITALIANE A LIVELLO TERRITORIALE Nel corso dei primi nove mesi del 2015, l 80% delle regioni italiane ha conosciuto incrementi su base tendenziale delle proprie esportazioni. % 150 130 110

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero FVG regione a vocazione manifatturiera Settori di specializzazione FVG Principali

Dettagli

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto)

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2.1 GLI OPERATORI COINVOLTI NELL INDAGINE Sono stati intervistati

Dettagli

Claudio GAGLIARDI. Rapporto PIQ 2011. Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi. Segretario Generale Unioncamere

Claudio GAGLIARDI. Rapporto PIQ 2011. Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi. Segretario Generale Unioncamere Claudio GAGLIARDI Segretario Generale Unioncamere Rapporto PIQ 2011 Una nuova misura dell economia per leggere l Italia e affrontare la crisi Roma, 10 dicembre 2012 Perché puntare l obiettivo sulla qualità?

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE Raffaele Farella Dirigente con incarico speciale per l internazionalizzazione e la promozione estera,

Dettagli

I soggetti del marketing territoriale

I soggetti del marketing territoriale I soggetti del marketing territoriale Anyway Soggetti Pubblici => legami col governo Privati => fine di lucro Misti Conflitti => Agenzie di marketing territoriale Livelli di ampiezza della responsabilità

Dettagli

AREA PROGETTUALE N. 6. Riorganizzazione dei distretti industriali e dei sistemi produttivi locali

AREA PROGETTUALE N. 6. Riorganizzazione dei distretti industriali e dei sistemi produttivi locali Allegato 1 1. Premessa AREA PROGETTUALE N. 6. Riorganizzazione dei distretti industriali e dei sistemi produttivi locali AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE per il cofinanziamento di interventi a

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE

COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE Ce COMMERCIO ESTERO E INTERNAZIONALIZZAZIONE 06 Ce commercio estero e internazionalizzazione 1 01 Commercio estero e internazionalizzazione L Ufficio commercio estero e internazionalizzazione svolge attività

Dettagli

IL FRANCHISING IN ITALIA DATI E MAPPE AL 2008

IL FRANCHISING IN ITALIA DATI E MAPPE AL 2008 IL FRANCHISING IN ITALIA DATI E MAPPE AL 2008 a cura di Danila Negrini - Ufficio Economico Confesercenti nazionale dati indagine: FIF Confesercenti Gruppo Publimedia Srl mappe: BRD Consulting Srl G&O Srl

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 119 117 114 69 52 28 14 1 343 267 242 215 444 607 736 946 938 1.168 1.066 1.622 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 Il caldo torrido di questa estate sembra aver

Dettagli

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA Divisione atmosfera e impianti 1 Inquadramento del tema Per azienda agricola si intende l'unità tecnico-economica costituita da terreni, anche in appezzamenti non

Dettagli

Un settore d eccellenza

Un settore d eccellenza Abitare Un settore d eccellenza Il Sistema Abitare Italia rappresenta una sintesi felice di diversi settori merceologici caratterizzati da un elevato contenuto qualitativo sia di prodotto che di processo.

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2014 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

LA DELOCALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LAZIALI Il fenomeno del traffico di perfezionamento passivo

LA DELOCALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LAZIALI Il fenomeno del traffico di perfezionamento passivo LA DELOCALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LAZIALI Il fenomeno del traffico di perfezionamento passivo Una delle caratteristiche più importanti del processo di integrazione economica degli ultimi anni è il peso

Dettagli

Introduzione 4. Capitolo 1 Il commercio a Padova e nel Veneto 7

Introduzione 4. Capitolo 1 Il commercio a Padova e nel Veneto 7 Indice Introduzione 4 Capitolo 1 Il commercio a Padova e nel Veneto 7 1.1 Il commercio 7 1.2 Commercio al dettaglio: definizione e classificazione Istat 10 1.2.1 Il ruolo del commercio al dettaglio nel

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

CAMPUS DELL INNOVAZIONE (AUTOMOTIVE e METALMECCANICA ) Prime indicazioni

CAMPUS DELL INNOVAZIONE (AUTOMOTIVE e METALMECCANICA ) Prime indicazioni CAMPUS DELL INNOVAZIONE (AUTOMOTIVE e METALMECCANICA ) Prime indicazioni 22 Maggio 2007 1. LA SITUAZIONE IN ABRUZZO CON RIFERIMENTO ALLA PROVINCIA DI CHIETI L apparato industriale della Regione Abruzzo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 3 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 07 Ottobre 2015 Principali evidenze A fine settembre 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 2008

APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 2008 APPENDICE RAPPORTO SULL ECONOMIA BERGAMASCA NEL 28 PROMOSSO DALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BERGAMO E DALLA PROVINCIA DI BERGAMO EDIZIONE A CURA DELLA CAMERA DI COMMERCIO

Dettagli

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 4 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 01 Gennaio 2016 Principali evidenze A fine dicembre 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

CONGIUNTURA. Approfondimenti. Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico

CONGIUNTURA. Approfondimenti. Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico CONGIUNTURA Centro Studi Approfondimenti Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico Premessa Il commercio al dettaglio di articoli

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

Il Progetto di Confindustria per competere in rete. Bologna 8 marzo 2014 Luca De Vita - RetImpresa

Il Progetto di Confindustria per competere in rete. Bologna 8 marzo 2014 Luca De Vita - RetImpresa Il Progetto di Confindustria per competere in rete Bologna 8 marzo 2014 Luca De Vita - RetImpresa La rete d impresa: Non ha: sovrastrutture (burocratiche e parapubbliche) Limiti territoriali Limiti settoriali

Dettagli

Il settore estrattivo in Italia

Il settore estrattivo in Italia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Sala del Consiglio 9 aprile 2013 Il settore estrattivo in Italia Analisi e valutazione delle strategie competitive per lo sviluppo sostenibile Francesca CERUTI

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 1 TRIMESTRE 2015 STARTUP INNOVATIVE Elaborazioni a: 06 Aprile 2015 1 Principali evidenze A fine marzo 2015 il numero di startup innovative

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO

SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO. Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali. Articolazione ARTIGIANATO SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: Produzioni industriali e artigianali Articolazione ARTIGIANATO ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo Produzioni Industriali e Artigianali

Dettagli

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2 FESR - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili Fondo Centrale di Garanzia Sezione speciale per le imprese femminili Aprile 2013 Crisi e imprenditoria femminile: quale risposta Nel momento di difficoltà che il nostro Paese sta attraversando, l imprenditoria

Dettagli

Alla proposta di istituzione di un nuovo corso di laurea in Design della moda

Alla proposta di istituzione di un nuovo corso di laurea in Design della moda Nucleo di valutazione interna RELAZIONE TECNICA In ordine Alla proposta di istituzione di un nuovo corso di laurea in Design della moda per l a.a. 2005/2006 Venezia, 17 febbraio 2005 1 Indice 1. Premessa...

Dettagli

IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI. Preparato per: Assobioplastiche

IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI. Preparato per: Assobioplastiche IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI Preparato per: Assobioplastiche Plastic Consult Le due anime aziendali Dal 1979 Consulenza e business intelligence nel settore petrolchimico / materie plastiche

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio.

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio. COMUNICATO STAMPA Garanzia Giovani prosegue il suo percorso: sono 179.439 i giovani che si sono registrati, 41.989 sono stati convocati dai servizi per il lavoro e 26.668 hanno già ricevuto il primo colloquio

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane 17 marzo 2004 Le esportazioni delle regioni italiane Anno 2003 Nel 2003 il valore delle esportazioni italiane ha registrato una flessione del 4 per cento rispetto al 2002. Dal punto di vista territoriale,

Dettagli

Scienza e Tecnologia in cifre

Scienza e Tecnologia in cifre Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA SULL IMPRESA E LO SVILUPPO 2013 AGGIORNAMENTI Scienza e Tecnologia in cifre STATISTICHE SULLA RICERCA E INNOVAZIONE ehjkhh Ottobre 2013 Aggiornamento

Dettagli

Organizzazione turistica nelle Regioni italiane. Il quadro normativo di riferimento

Organizzazione turistica nelle Regioni italiane. Il quadro normativo di riferimento Organizzazione turistica nelle Regioni italiane Il quadro normativo di riferimento IL CONTESTO ITALIANO Disciplina dei Sistemi turistici locali (STL) IL RIFERIMENTO NORMATIVO STL introdotti per la prima

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Primo Convegno Nazionale Qualita della vita: territorio e popolazioni Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Sabrina Stoppiello, Stafania Della Queva, Manuela Nicosia Censimento

Dettagli

La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015

La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015 22 dicembre #economia Rassegna stampa TG3 RAI FVG 20dic2015 Messaggero Veneto 20dic2015 Il Piccolo 20dic2015 Gazzettino 20dic2015 La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015 Nell ultimo decennio

Dettagli

ELITE. Thinking long term

ELITE. Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE valorizza il presente e prepara al futuro. Per aiutare le imprese a realizzare i loro progetti abbiamo creato ELITE, una piattaforma unica di servizi

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2013 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Master and back. La formazione di eccellenza post lauream e la specializzazione professionale

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Master and back. La formazione di eccellenza post lauream e la specializzazione professionale La formazione di eccellenza post lauream e la specializzazione professionale Cagliari, 1 febbraio 2006 Iscritti all università per regione Anno 2004 - tasso di iscritti all università per regione di residenza

Dettagli

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE Edizione 2002 in collaborazione con RAPPORTO SUL CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE - Edizione 2002 RAPPORTO SUL

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP)

ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP) ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP) spedizione via mail: 2 novembre 2009 TOTALE OPPORTUNITA' 8 suddivise in REGIONALE, PROVINCIALE E COMUNALE 1 Ente titolare

Dettagli

FINESTRE SUL MONDO DEL LAVORO A cura della Fondazione Giacomo Rumor Centro Produttività Veneto

FINESTRE SUL MONDO DEL LAVORO A cura della Fondazione Giacomo Rumor Centro Produttività Veneto FINESTRE SUL MONDO DEL LAVORO A cura della Fondazione Giacomo Rumor Centro Produttività Veneto Finestre sul mondo del lavoro: I Partner di Progetto 1. Lavoro & Società Scarl 2. Randstad Italia Srl 3. Fondazione

Dettagli

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a)

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a) Il Fondo di garanzia per le PMI (Legge 662/1996, art. 2 comma 1, lett. a) Report mensile I risultati al 3 aprile 215 1 Indice 1. Le domande presentate... 3 1.1 Le domande presentate nel periodo 1 gennaio-3

Dettagli

Linee generali dell'attività di Coopfond

Linee generali dell'attività di Coopfond INCONTRO CON I PARTECIPANTI AL MASTER DI 2 LIVELLO SULL'IMPRESA COOPERATIVA Linee generali dell'attività di Coopfond Aldo Soldi Direttore Generale Roma, 30 ottobre 2013 0 AGENDA 1 Cos è Coopfond 2 La rendicontazione

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

RUSSIA: L EMBARGO CI E COSTATO 3,6 MILIARDI

RUSSIA: L EMBARGO CI E COSTATO 3,6 MILIARDI RUSSIA: L EMBARGO CI E COSTATO 3,6 MILIARDI A seguito della crisi politico-militare con l Ucraina, le sanzioni economiche introdotte nel 2014 dall Unione europea nei confronti della Russia e le reazioni

Dettagli

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Lo scenario: Il punto di partenza L isolamento che Castelfranco Veneto soffre da anni è testimoniato anche dalla mancanza di strategia e di progettualità

Dettagli

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI SOGGETTI BENEFICIARI Piccole e medie imprese con unità produttiva ubicata nella Regione Marche PROGETTI AGEVOLABILI 1) Progetti relativi

Dettagli

Il sistema di gestione dei RAEE in Italia Fabrizio D Amico, Direttore Generale

Il sistema di gestione dei RAEE in Italia Fabrizio D Amico, Direttore Generale Il sistema di gestione dei RAEE in Italia e Fabrizio D Amico, Direttore Generale Federchimica, Milano 19 ottobre 2010 Una complessa normativa di riferimento... La normativa RAEE La normativa sui rifiuti

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

I TITOLI UNIVERSITARI E LE POSSIBILITÀ DI LAVORO NEL MONDO DELLE IMPRESE: I RISULTATI DELL INDAGINE EXCELSIOR

I TITOLI UNIVERSITARI E LE POSSIBILITÀ DI LAVORO NEL MONDO DELLE IMPRESE: I RISULTATI DELL INDAGINE EXCELSIOR I TITOLI UNIVERSITARI E LE POSSIBILITÀ DI LAVORO NEL MONDO DELLE IMPRESE: I RISULTATI DELL INDAGINE EXCELSIOR La scuola e l università hanno oggi il compito, non sempre facile, di preparare i giovani per

Dettagli

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali Roma, 7 maggio 2013 Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali E la naturale prosecuzione degli interventi previsti da

Dettagli

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT 16 Aprile 2014 IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT ALLA LUCE DELL ULTIMO CENSIMENTO Prosegue il processo di diffusione dei dati del Censimento delle istituzioni non profit. Oggi viene presentato un

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori %

COMUNICATO STAMPA. Tabella 1. Registrazioni ai portali Grafico 1. Registrazioni ai portali - Valori % COMUNICATO STAMPA Trend di crescita costante per il progetto Garanzia Giovani: sono 223.729 i giovani che si sono registrati, 69.347 sono stati convocati dai servizi per il lavoro e 49.577 hanno già ricevuto

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

Riconoscimento regionale e Normativa di riferimento Il VeronaProntoModa Distretto veneto dell abbigliamento è stato riconosciuto nel settembre 2003

Riconoscimento regionale e Normativa di riferimento Il VeronaProntoModa Distretto veneto dell abbigliamento è stato riconosciuto nel settembre 2003 Sezione anagrafica Denominazione Distretto VeronaModa Sede del Distretto Attualmente il Distretto VeronaModa interessa una vasta area della Regione Veneto, con particolare concentrazione nell area veronese

Dettagli

WORKSHOP 08/10/2013 - RETI E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

WORKSHOP 08/10/2013 - RETI E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE WORKSHOP 08/10/2013 - RETI E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Intervento Gli obiettivi e i programmi di Regione Lombardia verso il sistema delle PMI e delle Reti in particolare Contesto Dott.ssa Olivia

Dettagli

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Udine, 10 ottobre 2013 Sommario Introduzione alle Reti di Impresa Prime esperienze nel settore turistico-alberghiero L approccio alle

Dettagli

A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009

A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009 A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009 L Alternanza Scuola-Lavoro è stata introdotta In Italia come una delle modalità di realizzazione dei percorsi

Dettagli

PROMOTORE DEL PROGETTO: PROVINCIA DI MILANO, Direzione Istruzione e Formazione AFOL Nord Milano

PROMOTORE DEL PROGETTO: PROVINCIA DI MILANO, Direzione Istruzione e Formazione AFOL Nord Milano TITOLO PROGETTO ATTREZZISTA MECCANICO ON THE JOB ENTE PROMOTORE, CAPOFILA E PARTNERS PROMOTORE DEL PROGETTO: PROVINCIA DI MILANO, Direzione Istruzione e Formazione AFOL Nord Milano ENTE CAPOFILA: A.S.P.

Dettagli

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO Avvertenze Il presente documento è stato realizzato da CNA FORMAZIONE srl utilizzando anche fonti istituzionali comunitarie, nazionali, regionali e

Dettagli

INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO

INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO Fondo Sociale Europeo in sinergia con il Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale Programma Operativo Regione 2007-2013 Direttiva per la realizzazione di progetti di innovazione e sviluppo RILANCIARE L

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Il presente Osservatorio nasce da una collaborazione CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA Alla sua elaborazione

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 29 ottobre 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Tempi di attesa nei siti web delle

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III 4 Rapporto Nazionale sull utilizzo

Dettagli

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Realizzata da CNA Produzione In collaborazione con Centro Studi CNA MANIFATTURA

Dettagli

Veneto cantiere cultura energia creativa

Veneto cantiere cultura energia creativa Veneto cantiere cultura energia creativa Atlante Veneto della Cultura FEDERCULTURE statistiche e analisi sulle dinamiche del settore cultura in Veneto Roberto Grossi, Presidente Federculture L ATLANTE

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 27 novembre 2013 Anni 2010-2012 CONTI ECONOMICI REGIONALI Nel 2012, il Pil pro capite risulta pari a 31.094 euro nel Nord-ovest, a 30.630 euro nel Nord-est e a 27.941 euro nel Centro. Su un livello nettamente

Dettagli

LA TRACCIABILITA COME STRUMENTO DI MARKETING STRATEGICO

LA TRACCIABILITA COME STRUMENTO DI MARKETING STRATEGICO Presentazione progetto VERIFICA SUL MERCATO DELLA TRACCIABILITA DI FILIERA Verona 27 marzo 2012 LA TRACCIABILITA COME STRUMENTO DI MARKETING STRATEGICO IL PROGETTO TERRITORI DIVINI CASE HISTORY DI SUCCESSO

Dettagli

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO Da ALLULLI G., Dalla Strategia di Lisbona a Europa 2020, Tipografia Pio XI, aprile 2015. 7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO 1. Uno strumento per favorire un armonioso sviluppo economico e sociale degli Stati

Dettagli