Analisi del processo manutentivo, indicatori di prestazione, qualità del servizio erogato e costi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi del processo manutentivo, indicatori di prestazione, qualità del servizio erogato e costi."

Transcript

1 Analisi del processo manutentivo, indicatori di prestazione, qualità del servizio erogato e costi. Alberto Borello Fiat Powertrain Technologies Mirafiori Plant FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 1

2 Fiat Powertrain Technologies Fiat Powertrain Technologies è una società di FIAT GROUP Creata nel Marzo 2005, è il settore powertrain del Gruppo Fiat. FPT include le attività motoristiche di: Fiat Auto Iveco Centro Ricerche Fiat ed Elasis La sede centrale di FPT è ad Orbassano (Torino). FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 2

3 FPT Company Passenger & Commercial Vehicles Powertrain Research & Technology Industrial & M a r i n e FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 3

4 Stabilimenti e centri di ricerca FPT 8 nazioni 16 stabilimenti 10 Centri R&D impiegati //Stabilimenti Applicazioni powertrain Passenger & Commercial Vehicles ITALIA: Torino, Verrone, Termoli, Pratola Serra BRASILE: Betim POLONIA: Bielsko-Biala TURCHIA: Bursa ARGENTINA: Cordoba Applicazioni powertrain Industrial & Marine ITALIA: Torino, Foggia, Pregnana Milanese FRANCIA: Bourbon Lancy, Fecamp, Garchizy SPAGNA: Barcelona BRASILE: Sete Lagoas //Centri R&D Applicazioni powertrain Passenger & Commercial Vehicles ITALY: Torino, Arese, Orbassano, Pomigliano BRAZIL: Betim Applicazioni powertrain Industrial & Marine ITALY: Torino, Pregnana Milanese FRANCE: Fecamp SPAIN: Barcelona SWITZERLAND: Arbon FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 4

5 Lo stabilimento di Torino - Mirafiori FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 5

6 Mirafiori Transmission Plant Prodotto : Cambio C514 5 marce 6 marce MTA AWD Area coperta Area per produzione sqm sqm Volume 2006 C514 transmission C510 - C513 components FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 6

7 Il sistema produttivo La produzione del cambio C514 è realizzata su un impianto ad alta automazione (montaggio > 90%, lavorazioni circa 100%) Montaggio del cambio : N 4 linee automatiche pallettizzate di premontaggio dei sottogruppi e 1 linea pallettizzata di montaggio del cambio completamente automatica Banchi prova asserviti da carrelli filoguidati Impianto automatico di impedanamento dei cambi finiti Lavorazione dei componenti : Linee di lavorazione dei componenti in Alluminio (scatola cambio e supporto unione) a trasferta. Linee di lavorazione degli alberi e degli ingranaggi con macchine a controllo numerico asserviti da sistemi di handling automatici (portali, robot, navette) Movimentazione dei particolari tra le linee di lavorazione e il Trattamento termico e tramite carrelli filoguidati Trasporto dei particolari in alluminio e della scatola differenziale dalla lavorazione alla linea di montaggio tramite sistema a bilancelle macchine e sistemi automatici di movimentazione FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 7

8 Il processo di manutenzione Missione e obiettivi del sistema di manutenzione Modello organizzativo Costi ed efficacia delle attività manutentive Tipologie di manutenzione L approccio TPM FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 8

9 Sistema manutenzione La manutenzione di un sistema produttivo capital intensive è un fattore chiave per i risultati aziendali, in quanto influisce in modo primario sulla redditività degli investimenti. Sistema Manutenzione Fattori e risorse Uomini Metodi e organizzazione Attrezzature e materiali Supporti tecnici esteri Risultato (qualità / costi del prodotto) e performances dell unità produttiva. FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 9

10 La missione della manutenzione Sistema manutenzione Missione della manutenzione : Garantire e migliorare l efficienza e la sicurezza del sistema produttivo Disponibilità degli impianti Miglioramento delle performances delle macchine Qualità dei processi Dalla riparazione del guasto Alla prevenzione dei guasti e dei degradi Al miglioramento delle performances della macchina FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 10

11 Obiettivi e attività del sistema manutenzione Eliminare le perdite per Guasto (Efficienza, Qualità, Sicurezza). Aumentando l affidabilità, anche le perdite di qualità e il rischio di infortuni si ridurranno drasticamente Ottimizzare l affidabilità degli impianti dell unità operativa ad un costo economicamente sostenibile. Sviluppare le attività di manutenzione pianificate, riducendo la manutenzione a guasto. Usare il mix più opportuno di tipologie di manutenzione (AM, BDM (a guasto), TBM (periodica), CBM (su condizione), ) per stabilire e mantenere le condizioni ottimali degli impianti, a costi contenuti e in modo efficiente Sviluppare le competenze di operatori e manutentori Promuovere una buona pianificazione delle attività, per minimizzare i tempi di fermata programmati per la manutenzione degli impianti Creare la cultura di zero guasti FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 11

12 Evoluzione organizzativa a Mirafiori Anni 90 : Manutenzione interna. Separazione dei ruoli di produzione e manutenzione Parziale integrazione dell ingegneria di manutenzione nei team di produzione con il Tecnologo di Ute Fine Anni 90 : Outsourcing della manutenzione Tutte le attività di manutenzione operativa, di ingegneria di manutenzione e di servizi per la manutenzione (gestione ricambi, attrezzeria e laboratori) passano in outsourcing. Dal 2004 : Insourcing della manutenzione e integrazione nelle unità produttive Struttura organizzativa orientata a privilegiare l integrazione della manutenzione nelle unità operative. Servizi di manutenzione comuni centralizzati. FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 12

13 Manutenzione in outsourcing Il sistema di manutenzione tende ad ottimizzare costi / benefici del servizio. Sviluppo competenze specialistiche Ottimizzazioni gestionali Sinergie di know how Criticità Limitata integrazione tra le risorse di produzione e manutenzione Laboriosa condivisione di obiettivi, linee operative, priorità. Area grigia di definizione di responsabilità. Rallentamenti decisionali che determinano perdita di efficacia operativa. FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 13

14 La manutenzione integrata nell Unità operativa L organizzazione dell unità produttiva prevede al suo interno le risorse per gestire la manutenzione al fine del miglioramento dell efficienza degli impianti. Programmazione della produzione e gestione materiali diretti Supply Chain di U.O. Unità Operativa Tecnologo di qualità Manufacturing System di U.O. Gestione / Miglioramento della qualità del processo e del prodotto. Metodi di miglioramento / TPM UTE 1 UTE 2 Sistema Tecnico Manutentivo di U.O. UTE 3 Tecnologo di UTE Manutenzione operativa Specialisti (^) Utensilieri Gestione dell efficienza tecnica dell impianto FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 14

15 Efficacia ed efficienza del sistema manutenzione L organizzazione integrata permette : Integrazione tra operatore macchina e manutentore Scambio reciproco di know how (macchina / processo) Scambio informazioni : segnali deboli, condizioni macchina, condizioni processo Collaborazione tra manutenzione autonoma e professionale Condivisione obiettivi, strategie e piani di intervento, modalità operative Velocità di decisione e intervento. L organizzazione giornaliera delle attività deve facilitare la piena attuazione di questi fattori : - Sistema riunioni Reportistica - Programmazione attività FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 15

16 Il Know how di manutenzione Un adeguata formazione tecnica specialistica deve mantenere adeguato e aggiornato il know how dei manutentori all interno dell area in cui si trovano ad operare. Competenze richieste Risorse Matrice di analisi delle competenze e dei fabbisogni fomativi FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 16

17 La misura delle performance di manutenzione Indicatori di diperformance N N guasti guasti Durata Duratadel del guasto guasto Ripetitività Ripetitività Costo Costodel del guasto guasto Il deployment degli obiettivi e il monitoraggio degli indicatori è sviluppato a livello di linea di produzione. KPI KAI Indicatori di diattività Manutenzione preventiva preventiva // manutenzione a guasto guasto Implementazione della dellamanutenzione predittiva predittiva N N di dianalisi analisiguasto FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 17

18 Il sistema informativo della manutenzione La misura delle performance di manutenzione è gestita con il supporto del sistema informativo della manutenzione Informazioni gestite: Chiamate Pronto Intervento Interventi Manutenzione programmata Interventi Manutenzione preventiva Dati relativi agli interventi eseguiti Durata del fermo macchina e dell intervento Ricambi utilizzati Gruppo macchina interessato e causa del guasto Valutazione dei costi di manutenzione Dati di analisi FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 18

19 Sistema informativo della manutenzione ) Media 2005 Obiettivo 2006 Ore di pronto intervento - Area 2 Esempio Media 2006 Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre In impianti complessi ll sistema informativo della manutenzione costituisce la base dati di analisi per valutare l efficacia della manutenzione - Andamento dei guasti e individuar le priorità di intervento a livello macchina o gruppo - Pareto guasti AREA 2 GUASTI/ORE FERMO W 15 ORE FERMO N GUASTI 2) 3) ,5 18 Esempio 16, Esempio Samp.li 301 4c Wera 353 m3/4 Pittler 299 m5 Weisser 007 1c Pittler 084 4c Hurth 119 1c Biglia 103 5cc Pittler 095 3c Pfauter 015 3cc Hurth 443 5cc FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 19

20 La gestione dei ricambi Obiettivo La gestione ricambi e materiali ha un ruolo vitale nel supportare l esecuzione dei lavori e assicurare la disponibilità degli impianti. La sua funzione primaria deve rispondere ad entrambe le esigenze: Avere il componente al magazzino oppure Provvedere veloci vie per l acquisizione. Sfida La gestione ricambi può essere difficile; ha obiettivi conflittuali: Mantenere basso il capitale investito e, contemporaneamente, Assicurare che i ricambi siano sempre disponibili. Le tecniche di previsione per i ricambi e materiali si possono applicare per ottimizzare i livelli, ma sono ugualmente importanti accordi quadro con i fornitori per l acquisto dei ricambi con basso lead time, etc. FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 20

21 Costi di manutenzione La manutenzione degli impianti produttivi di Mirafiori incide per il 15% sui costi di trasformazione dello stabilimento. Le principali voci di costo Manodopera di manutenzione Tecnici di manutenzione Materiali di manutenzione e riparazioni Interventi tecnici di supporto. Contratti di manutenzione Servizi di supporto (gestione materiali, attrezzeria) Costi manutenzione impianti e macchinari MO Indiretta 43% Stipendi 11% Materiali 16% Pulizie tecniche 2% Riparazioni 17% Prestazioni 11% FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 21

22 Individuazione e revisione delle priorità E necessaria una strategia per la corretta individuazione delle aree su cui focalizzare le risorse di manutenzione per massimizzare l efficacia = massimo risultato in termini di OEE dell impianto. Bisogna quindi definire gli impianti prioritari : Massimizzare l utilizzo delle risorse della manutenzione: manodopera e budget. Allineamento con gli obbiettivi generali aziendali in ottica del cost deployment. e programmare di conseguenza le modalità di manutenzione FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 22

23 Classificazione ABC delle macchine Una valutazione qualitativa in base agli effetti del guasto e allo stato efficienziale della macchina. Classe S Q W D F Fattori di valutazione Sicurezza/ ambiente Qualità Tempo lavoro Perdita di opportunità Frequenza dei guasti Se accade un guasto, la sicurezza/ambiente è pesantemente compromessa Se accade un guasto, si generano difetti che impattano sul cliente esterno (sala prova, pulls e assy) 3 turni o il 100% della disponibilità Si ferma la fabbrica o la linea per un singolo guasto > 10 guasti /mese Standard di valutazione Se accade un guasto, la sicurezza/ambiente è in parte compromessa Se accade un guasto, si generano difetti che impattano sul cliente interno (sala prova) 2 turni o il 66% della disponibilità Si rallenta la linea e si hanno perdite di produzione Da 3 a 10 guasti/mese Nessuna influenza Nessuna influenza 1 turno o il 33% della disponibilità Non si creano interruzioni o perdite di produzione < 3 guasti/mese D F M S Q W D F M M Manutenibilità MTTR > 5 ore MTTR 2 ~ 5 ore MTTR < 2 ore A B C MTTR = Mean Time To Repair = Tempo medio per una riparazione FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 23

24 La matrice di valutazione delle perdite Le disefficienze tecniche degli impianti generano perdite indotte. La matrice di cost deployment valorizza le perdite a livello di una linea produttiva, o dell impianto e analogamente le perdite generate a valle. Voci di costo Cause di perdita Priorità : intervenire con manutenzione preventiva sulle macchine le cui perdite generano i maggiori costi. FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 24

25 Obiettivi di manutenzione Gli obiettivi di manutenzione sono definiti in riferimento al Cost Deployment Rid. Costi della manutenzione Performance (Riduzione Guasti, Scarti ecc) Punto di partenza # 1 2 Obiettivo Aumentare le performances (rendimento e disponibilità mantenendo i costi attuali) Aumentare le performances (rendimento e disponibilità) riducendo i costi di manutenzione Esempio Le performances dell impianto sono il punto chiave Richiesta attività generale di miglioramento Correlazione al Cost Deployment Causa principale delle perdite Causa minore delle perdite 3 Mantenere le performances (rendimento e disponibilità) riducendo i costi di manutenzione Revisione generale e ridefinizione delle modalità di lavoro Zero perdite FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 25

26 Il fermo macchina Fermo impianto L operatore notifica il fermo Informazione alla manut. Verifica disponibilità e decide le priorità Inizia la riparazione Analisi e diagnosi del guasto Si reperiscono i ricambi se necessario Si ripara il guasto Si sostituisce il pezzo difettoso Si ripristina la macchina e la si prova Avviamento Tempo di attesa Tempo di riparazione Tempo di totale di fermo MTTR Per allungare il MTBF Mantenere le condizioni di base usando la AM (pulire, lubrificare, ispezionare, serrare viti e bulloni, ) Ripristinare i componenti deteriorati Effettuare la manutenzione correttiva per prevenire la ricorrenza di problemi Operare in modo corretto sugli impianti (competenze dei conduttori). Per accorciare MTTR Potenziare le competenze dei manutentori Migliorare la gestione delle parti di ricambio Migliorare l accessibilità degli impianti (manutenzione correttiva) Applicare le 5S nell area di lavoro (in particolar modo in officina) FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 26

27 Tipologie di Manutenzione Tipologie di Manutenzione Pianificata PM (Planned Maintenance) Non Pianificata Preventiva PM (Preventive Maintenance) Migliorativa CM (Corrective Maintenance) A Guasto BDM (Breakdown Maintenance) Ciclica TBM (Time Based Maintenance) Predittiva CBM (Condition Based Maintenance) Autonoma AM (Autonomous Maintenance) Le diverse tipologie hanno costi di manutenzione diversi e richiedono differenti competenze e impegno di risorse, e vengono applicate in modo differenziato in base alle criticità degli impianti. Mix tipologie di manutenzione Migliorativa Predittiva Prev. ciclica Man. a guasto Manutenzione autonoma Criticità dell impianto Costi di manutenzione FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 27

28 A Guasto BDM (Breakdown Maintenance) DESCRIZIONE: La tipologia manutentiva BDM consiste nell intervenire solo dopo che l impianto si è guastato. La BDM, se applicata correttamente, può essere adeguata ed efficace, per esempio, se l impatto di un guasto è riconosciuto come basso o nullo in termini di : sicurezza, produzione, qualità, costo, e produttività. VANTAGGI: Basso costo, ove applicata correttamente Non richiede altra pianificazione che la disponibilità delle parti di ricambio Richiede competenze manutentive limitate alle competenze di diagnosi e sostituzione SVANTAGGI: Non ci sono preavvisi di guasto (rischio anche per la sicurezza) Perdite di produzione incontrollate Richiede un gran numero di manutentori disponibili FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 28

29 Ciclica TBM (Time Based Maintenance) VANTAGGI: Riduzione dei guasti Utilizzo più efficiente della manodopera manutentiva Attività manutentiva pianificata (manodopera e materiali) DESCRIZIONE: La TBM consiste nel definire cicli di intervento, a intervalli regolari di tempo o di utilizzo, realizzati allo scopo di prevenire i guasti. La TBM è applicabile se il costo globale dell intervento preventivo è minore dell intervento a guasto Le attività sono spesso raggruppate in occasione di pause lavorative, in modo da minimizzare il numero totale di fermate pianificate. SVANTAGGI: Non viene utilizzata completamente la vita utile del componente, inoltre l intervento prematuro può causare guasti da mortalità infantile Viene eseguita della manutenzione invasiva e non necessaria Applicabile principalmente al deterioramento legato all usura Questa strategia non è ottimale se la mancanza delle condizioni di base rendono difficoltosa la valutazione delle frequenze di sostituzione Al contrario, una volta ripristinate le condizioni iniziali, la Ciclica è un ottima strategia ed può essere propedeutica alla Manutenzione Predittiva (CBM - Condition Based Maintenance) FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 29

30 Il processo di manutenzione preventiva Scomposizione macchina Identificazione dei modi e delle cause di guasto dei componenti Analisi Guasto Definizione di attività (cicli) di manutenzione preventiva Implementazione dei cicli e valutazione dell efficacia Integrazione tra manutenzione autonoma e professionale FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 30

31 Scomposizione macchina Attraverso la scomposizione macchina si individuano i gruppi funzionali che la compongono. Scomposizione RETTIFICA TACCHELLA tg in gruppi funzionali Sistema per mantenere i parametri di lavorazione Sistema Sistema per per garantire garantire la la sicurezza sicurezza della della macchina macchina Sistema controllo e correzione quote Sistema per il cambio tipo Sistema per il cambio utensile Sistema Sistema per per garantire garantire il il funzionamento funzionamento della della macchina macchina Sistema di Sistema di sicurezza sicurezza specifico di specifico di processo (micro, processo (micro, fotocellule, ) fotocellule, ) Sistema Sistema pneumatico pneumatico Sistema Sistema oleodinamico oleodinamico Impianto di Impianto di filtraggio filtraggio Lubrificazione Lubrificazione mandrino mola mandrino mola Lubrificazione Lubrificazione guide guide Lubrificazione Lubrificazione centralizzata centralizzata Dispositivi Dispositivi controllo e controllo e misura prodotto misura prodotto Meccanica ed Meccanica ed Asservimenti Asservimenti C.N.C. C.N.C. Elettromeccanico Elettromeccanico FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 31

32 Scomposizione macchina e i componenti che costituiscono i gruppi e la loro funzione SISTEMA PNEUMATICO RETTIFICA TACCHELLA tg Liv. gruppo Filtro Gruppo filtri fibra ottica Liv. componente Dispositivo di scarico della condensa - Livello della condensa Integrità tazza - elemento filtrante - separatore Perdita di aria Sistema pneumatico Riduttore di pressione Manometro Nebulizzatore / Lubrificatore Pressostato Valvola di scarico impianto Tubazioni Elettrovalvole Valvola regolatrice di flusso Perdita continua di aria dal foro di scarico della sovrapressione Presenza delle targhette con indicato il valore di pressione di taratura Perdite d aria Affidabilità dello strumento Integrità componente Presenza della targhetta con indicato il valore di pressione Presenza di fluidi estranei all interno del manometro Livello dell olio Frequenza di gocciolamento Perdite d aria/olio Presenza della targhetta con indicato il valore di pressione e la funzione svolta Perdite di aria Molla - Microinterruttore Perdita continua di aria dal foro di scarico Perdita aria Perdite d aria - Posa delle tubazioni Rumore, surriscaldamento, odore Connettori elettrici Perdite aria - Silenziatori Presenza della targhetta con indicato la funzione svolta Presenza della targhetta con indicato la funzione svolta Perdite d aria FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 32

33 Scheda di ispezione di automanutenzione SISTEMA PNEUMATICO RETTIFICA TACCHELLA tg componente: GRUPPO FILTRI PER FIBRE OTTICHE scheda : PN 0002 Simbolo ISO Che cos è A cosa serve Perché ispezionare Cosa ispezionare Modalità di ispezione Tipo di intervento Gruppo filtri Trattenere particelle solide e liquide presenti nell aria Evitare danneggiamenti alle fibre ottiche Il livello di impurità nella tazza Integrita e pulizia della tazza Visiva Visiva Scaricare Sostituire / pulire Perdite Visiva Serrare i raccordi Integrità e grado di intasamento elemento filtrante Visiva Sostituire elemento filtrante Integrità separatore Visiva Sostituire FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 33

34 I cicli di manutenzione preventiva CICLO MANUTENZIONE PREVENTIVA ELETTRICA MECCANICA FLUIDICA PULIZIA SOFTWARE ISPEZIONE CICLO TO299I25 N SK AG di riferimento AG /C MACCHINE: TORNIO TARGHE: VEDI ALLEGATI ETU: GRUPPO: COMPONENTE: COSTRUTTORE: DESCRIZIONE INTERVENTO: Frequenza (SETTIMANE): OP. DESCRIZIONE Arrestare macchina e mettere in sicurezza con cartellino MACCHINA IN MANUTENZIONE- NON INSERIRE 10 L ALIMENTAZIONE presso l interruttore generale. Al termine ripristinare i dispositivi di sicurezza GRUPPI DI MOVIMENTAZIONE FRONTALE E LATERALI WEISSER J.G. SOHNE - ST.GEORGEN (GERMANIA) Tempo Totale Esecuzione 12 1,00 FERMA LAVORA [ORE]: COND Verifica funzionale, giochi e degrado delle parti in movimento OPERAZIONI DI LAVORO Attrezzatura Specifica CARICATORI MATERIALE NECESSARIO N DISEGNO Tempo [ORE] GRUPPO CARICATORE FRONTALE 20 Verifica funzionale gruppo oscillante mandrini parte inferiore piastra 30 Controllo gioco e visivo canotti (eventuali anomalie su parte rivestita) GRUPPO SCARICO/CARICO Carrellino ingresso grezzo/uscita finito 40 verifica visiva stato colonnine dove scorre il carrello controllo allineamento 50 Controllo allineamento Trasefritore ingresso, semilavorato, 60 finito 70 verifica visiva barra scanalata Canotto superiore DX/SX Canotto inferiore DX Canotto inferiore SX macchina costruttore lavorazione tornio weisser rm dtt tornio weisser 1vc tornio weisser 1vc tornio weisser 1vc tornio weisser 2vc tornio weisser 2vc tornio weisser 2vc tornio weisser 3vcc tornio weisser 3vcc tornio weisser 3vcc targa ute Verifica gioco su boccole 90 Procedere al ripristino delle funzionalità macchina tornio weisser 4vcc tornio weisser 4vcc tornio weisser 4vcc tornio weisser 5vcc tornio weisser 5vcc FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 34

35 Predittiva CBM (Condition Based Maintenance) DESCRIZIONE: La CBM si basa sul fatto che la maggior parte dei guasti non avviene istantaneamente e improvvisamente, ma si sviluppa in un certo periodo di tempo, quindi, attraverso lo stato di salute di ciascun componente, permette di pianificare gli interventi basandosi sulle reali condizioni di funzionamento e non sulla conoscenza statistica del fenomeno. Gli interventi sono più mirati e tempestivi, aumentando la disponibilità del sistema. VANTAGGI: Massimizza la disponibilità degli impianti e sfrutta al meglio la vita utile dei componenti Alcune forme di ispezione che utilizzano i 5 sensi non sono costose Consente di fermarsi prima che capitino guasti e danneggiamenti severi La manutenzione può essere programmata La manodopera può essere organizzata Le parti di ricambio possono essere approvvigionate tempestivamente SVANTAGGI: Analisi di vibrazioni, termografie e analisi olii esausti richiedono strumenti specifici e competenze Vanno scelte con cura le tecniche corrette E necessario un periodo di tempo per costruire i trend e stabilire il legame con le condizioni degli impianti Richiede una ottima conoscenza della macchina e dei modi di guasto FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 35

36 Predittiva CBM (Condition Based Maintenance) Condizioni di applicabilità della Manutenzione Predittiva Ci < Cp Cp < Cg Ci < Cg - Cp Dove: Ci = costo singola ispezione Cg = costo globale del guasto Cp = costo globale intervento preventivo FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 36

37 Manutenzione predittiva Manutenzione predittiva : Misurare la variazione di alcune grandezze fisiche caratteristiche che segnalano il probabile insorgere di un guasto per intervenire in anticipo al guasto stesso. Strumentazione di analisi Conoscenza dei fenomeni fisici legati al parametro misurato per determinare la vita residua. Campione sperimentale FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 37

38 Manutenzione predittiva Esempio Esempio di analisi termografica applicato al gruppo oleodinamico di macchina rettificatrice Azione correttiva : Inserimento scambiatore di calore Verifica ispettiva ciclica Guasto Ventola Motore : intervento manutentivo FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 38

39 Contromisure ai guasti Ripristinato il guasto è essenziale realizzare contromisure atte a evitare il ripetersi. SCARSA ROBUSTEZZA SOLLECITAZIONI ECCESSIVE DEGRADO Influenze esterne Materiali, Ricambi, Clima, ecc Scarse competenze degli operatori e dei manutentori Progettazione della macchina debole Mancato ripristino delle anomalie Mancata osservanza delle condizioni operative Mancato mantenimento delle condizioni base Definire gli standard di AM Definire gli standard di AM Definire e diffondere OPL OPL per operatori e manutentori OPL sulle condizioni operative Calendario PM Matrice delle competenze Calendario PM Segnalazione al costruttore, fornitore Feedback Standard di progettazione FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 39

40 Il processo di analisi guasto Dal guasto alla prevenzione Identificazione delle cause di guasto 2 Definizione delle contromisure (modifiche, manutenzioni cicliche, verifiche ispettive) Guasto 3 Identificazione del modo di guasto Realizzazione delle contromisure Estensione a impianti e casi analoghi Verifica dell efficacia con monitoraggio delle condizioni macchina e dei guasti. FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 40

41 L analisi guasto Descrizione del guasto FIAT-GM POWERTRAIN ITALIA SRL Mirafiori Meccanica Plant Modulo Scheda Analisi GuastoCompilatore: Data: N scheda: GREMO 17/03/06 Gall.Tec. 01 FIAT POWERTRAIN ITALIA SRL Mirafiori Meccanica Plant Analisi dei 5 perché Identificazione della causa primaria e delle cause concorrenti Compilatore: Data: Relativa alla scheda guasto n Gremo M. 17/03/06 Gall.Tec. 01 DATI IDENTIFICAZIONE data segnalazione: E.T.U.: Galleria tecnica del GUASTO: stato della macchina Linea: A/P A/S 3CC 4CC 2C 1C 5CC RETTIFICA DTT ferma lavora lavora in degrado Macchina: impianto HACHEN n 9 data CHIUSURA: stato della macchina Targa: ferma durata [ore] lavora lavora in degrado 2,45 GUASTO PROBLEMA 1 Perché 2 Perché 3 Perché 4 Perché 5 Perché AZIONE scatta termico catena dragante impuntamento causa Gioco eccessivo tra Usura delle bronzine usura per abrasione Ripristino temporaneo bloccata intraversamento delle corona e albero con di accopiamento meccanica per boccole (in attesa ricambi barre raschianti nella furi uscita della pignone folle con microimpurità per risoluzione definitiva) loro sede catena dal pignone albero presenti nel liquido l'impurita presente nel refrigerante refrigerante non è eliminabile per le caratteristiche intrinseche del processo. Modificato Il ciclo di PV PVGT031CS inserendo il controllo ed eventual Modo guasto (descrizione): catena bloccata intervento protezione elettromagnatica protezione motore dragante Causa del guasto: eccessivo gioco fra corona e albero pignone folle trascinamento catena Sintomi rilevabili dalla causa: nessuno INTERVENTO Tipologia d'intervento: Provvisorio X Definitivo Descrizione intervento e ricambi utilizzati: spostato punto di lavoro boccola guida su albero ATTIVITA' NECESSARIA PER RENDERE DEFINITIVO L'INTERVENTO (da compilare solo se provvisorio) Descrizione: costruzione boccole di ricambi e pianificare sostituzione IDENTIFICAZIONE CAUSA RADICE Uomo (V) Macchina Definizione delle contromisure usura boccole guida Metodo Materiale (relativo a pezzo da lavorare) FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 41

42 L approccio TPM Mirafiori ha iniziato nel 2002 l implementazione delle metodologie TPM come strategia di miglioramento per conseguire attraverso il coinvolgimento totale delle persone una visione Zero Perdite TPM FOCUSED IMPROVEMENT AUTONOMOUS MAINTENANCE PROGRESSIVE MAINTENANCE PROGRESSIVE QUALITY EDUCATION & TRAINING SAFETY ENVIRONMENT OFFICE TPM EARLY EQIPMENT MANAGEMENT LOGISTIC TPM Excellence in Consistent Award PEOPLE INVOLVEMENT Novembre 2006 Apporto fondamentale alla riduzione delle perdite sono le attività dei pilastri della Manutenzione Autonoma e Professionale FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 42

43 Manutenzione autonoma Seven steps to recover and mantain machine basic conditions and increase efficiency An Efficient Machine 7 Autonomous Can keep and repair Management equipment 4 Four level to become an able operator An Able Operator 5 6 Standardisation Autonomous Inspection Know the relationship between equipment 3 and quality of products 3 4 General Inspection Cleaning, Lubrication and Inspection Standard 2 Know the function and the structure of the machine 1 2 Eliminate sources of Contamination and Inaccessible Places Initial Cleaning 1 Skill to detect abnormalities FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 43

Manutenzione industriale

Manutenzione industriale industriale Evoluzione della cultura della manutenzione PRIMA Non fermare gli impianti (fino a che riescono a marciare). Intervenire solo per riparazione. Accettare carenze qualitative, amplificazione

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! VERONA ottobre 2013 IL METODO WORLD CLASS MANUFACTURING (WCM) RIDUZIONE DEI COSTI CON INCREMENTO DELL EFFICIENZA AZIENDALE. ASPETTI RELATIVI ALLA SICUREZZA ED ALLA MANUTENZIONE

Dettagli

MONITORAGGIO REMOTO DELLE NAVI E STRATEGIE DI MANUTENZIONE

MONITORAGGIO REMOTO DELLE NAVI E STRATEGIE DI MANUTENZIONE ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI NAPOLI COMMISSIONE NAVALE 24 Giugno2008 Conversazione all Ordine MONITORAGGIO REMOTO DELLE NAVI E STRATEGIE DI MANUTENZIONE Ing. Fabio Spetrini 1 STRATEGIE DI

Dettagli

Gestione dei processi manutentivi in Datwyler Pharma Packaging tramite un CMMS full web. Author : D.Mollica Date : 19/04/2012 - Alba

Gestione dei processi manutentivi in Datwyler Pharma Packaging tramite un CMMS full web. Author : D.Mollica Date : 19/04/2012 - Alba Gestione dei processi manutentivi in Datwyler Pharma Packaging tramite un CMMS full web Author : D.Mollica Date : 19/04/2012 - Alba Sommario Gruppo Datwyler Pharma Packaging Division Stabilimento di Pregnana

Dettagli

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP LEAN ORGANIZATION Organization fabbrica snella L impatto della sui in ottica 1 8 14 Trasmettere i principi teorici e definire, in termini di logica ed operatività, le principali metodologie del Production

Dettagli

MORE THAN TWO GIGAWATTS OF EXPERIENCE

MORE THAN TWO GIGAWATTS OF EXPERIENCE MORE THAN TWO GIGAWATTS OF EXPERIENCE CHECK UP YOUR PLant WIND APPLICATION MORONI & PARTNERS QUALIFICAZIONE TECNOLOGIE Verifica la qualità dell aerogeneratore scelto Il protocollo per la verifica delle

Dettagli

Il nostro. Service. fa la. differenza

Il nostro. Service. fa la. differenza Il nostro Service fa la differenza Nessuno conosce il tuo impianto meglio di noi Un tecnico specializzato vicino a te Disponibilità ricambi immediata Tempi di intervento garantiti (24h - 365 giorni) Ore

Dettagli

RAM ABB - IL PROCESSO RAM. I processi di analisi RAM, già istituzionalizzati

RAM ABB - IL PROCESSO RAM. I processi di analisi RAM, già istituzionalizzati ABB - IL PROCESSO RAM un modello di valore Le analisi di affidabilità, disponibilità e manutenibilità (RAM: Reliability, Availability, Maintainability) si apprestano a diventare lo standard in tutti i

Dettagli

PARTE PRIMA 1 1 Complessità dei sistemi 2. 2 Elementi di statistica e di teoria della probabilità 13

PARTE PRIMA 1 1 Complessità dei sistemi 2. 2 Elementi di statistica e di teoria della probabilità 13 Indice Prefazione Presentazione XI XII PARTE PRIMA 1 1 Complessità dei sistemi 2 2 Elementi di statistica e di teoria della probabilità 13 3 Elementi di teoria della affidabilità, manutenibilità e disponibilità

Dettagli

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE L approccio al processo di manutenzione Per Sistema Integrato di Produzione e Manutenzione si intende un approccio operativo finalizzato al cambiamento

Dettagli

Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat

Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat Il miglioramento delle performance produttive tramite l analisi di KPI: stabilimento food & beverage. Case history Parmalat - Food-Beverage&Packaging Industry - Analisi del contesto esterno La competitività

Dettagli

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production)

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production) Sistemi produttivi Just In Time Just-In-Time Systems (Lean Production) 1 Origini del JIT e della Produzione Snella Introdotto da Toyota Adottato da altre aziende giapponesi Introdotto successivamente nelle

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com roj X Soluzione SCM www.solgenia.com Experience the Innovation OBIET T IVO: catena del valore www.solgenia.com Experience the Innovation 2 Proj è la soluzione Solgenia in ambito ERP e SCM per l ottimizzazione

Dettagli

Il nostro. Service. fa la. differenza

Il nostro. Service. fa la. differenza Il nostro Service fa la differenza Nessuno conosce il tuo impianto meglio di noi Un tecnico specializzato vicino a te Disponibilità ricambi immediata Tempi di intervento garantiti (24h - 365 giorni) Ore

Dettagli

GESTIONE INTEGRATA DELLA MANUTENZIONE E SICUREZZA

GESTIONE INTEGRATA DELLA MANUTENZIONE E SICUREZZA GESTIONE INTEGRATA DELLA MANUTENZIONE E SICUREZZA Consulta interassociativa italiana per la prevenzione 6 CONVENTION AMBIENTE E LAVORO SAFE MAINTENANCE MODENA FIERE 7 OTTOBRE 2010 ING. FRANCO SANTINI PRESIDENTE

Dettagli

Codifica, gestione e tracciabilità del magazzino ricambi e utensili

Codifica, gestione e tracciabilità del magazzino ricambi e utensili MAINTENANCE STORIES Case Study Codifica, gestione e tracciabilità del magazzino ricambi e utensili Nome: Mario Priori Azienda: Trafimet S.p.A. Data: 06 giugno 2007 CAPITOLI Presentazione dell azienda Obiettivi

Dettagli

SERVIZI DI ASSET MANAGEMENT

SERVIZI DI ASSET MANAGEMENT SERVIZI DI ASSET MANAGEMENT 1 6 SERVIZI DI ASSET MANAGEMENT Durante le diverse fasi del ciclo di vita di un Progetto, dalla fase di Concept, allo studio di fattibilità, fino alla progettazione di dettaglio,

Dettagli

Giorno 1 02 10 2014 ENERGY SUMMER SCHOOL. contenuti corsi

Giorno 1 02 10 2014 ENERGY SUMMER SCHOOL. contenuti corsi Giorno 1 02 10 2014 ENERGY SUMMER SCHOOL contenuti corsi C1 Diagnosi ad ultrasuoni per l efficienza energetica. Casi pratici dall industria farmaceutica, alimentare, di processo rilevamento di perdite

Dettagli

Moduli Applicativi. BMS-PRS: Produzione di Serie

Moduli Applicativi. BMS-PRS: Produzione di Serie Moduli Applicativi BMS-PRS: Produzione di Serie BMS-PRC: Produzione a Commessa BMS-PIP: Pianificazione Produzione BMS-CNP: Configuratore di Prodotto BMS-QUA: Qualità e Non Conformità BMS-DOC: Gestione

Dettagli

Integrazione ed elaborazione di dati real-time

Integrazione ed elaborazione di dati real-time 76 Integrazione ed elaborazione di dati real-time Le nuove tecnologie dell automazione hanno permesso di acquisire e rendere disponibili enormi quantità di segnali. Spesso risulta complesso utilizzare

Dettagli

La collaborazione delle imprese nell ambito del riordino dell Istruzione Tecnica

La collaborazione delle imprese nell ambito del riordino dell Istruzione Tecnica La collaborazione delle imprese nell ambito del riordino dell Istruzione Tecnica Corso di formazione docenti Milano, 8 Settembre 2009 1 Le ragioni di una più stretta collaborazione scuola - impresa Le

Dettagli

Specialisti della Supply Chain

Specialisti della Supply Chain Specialisti della Supply Chain Link Management Srl Via S. Francesco, 32-35010 Limena (PD) Tel. 049 8848336 - Fax 049 8843546 www.linkmanagement.it - info@linkmanagement.it Analisi dei Processi Decisionali

Dettagli

Strumenti per un analisi predittiva ai fini di una manutenzione efficace. SPS IPC Drives Italia 2014 Ing. Alessio Forafò Panasonic Electric Works

Strumenti per un analisi predittiva ai fini di una manutenzione efficace. SPS IPC Drives Italia 2014 Ing. Alessio Forafò Panasonic Electric Works Strumenti per un analisi predittiva ai fini di una manutenzione efficace. SPS IPC Drives Italia 2014 Ing. Alessio Forafò Panasonic Electric Works Italia Ciclo di vita della macchina Il ciclo di vita di

Dettagli

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi 34 P01 Il miglioramento rapido in produzione in ottica lean : il Quick Kaizen Approccio innovativo ispirato a principi e tecniche di Lean Production e TPS Il QuicK Kaizen è un approccio innovativo per

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

Prodotto: Innovazione, Progettazione e Fabbricazione

Prodotto: Innovazione, Progettazione e Fabbricazione Prodotto: Innovazione, Progettazione e Fabbricazione Ciclo di vita di un sistema produttivo La forma delle cose che verranno Il ciclo di vita di un prodotto La progettazione di un prodotto, e di conseguenza

Dettagli

2.1 La logistica integrata ed il sistema CIM 10

2.1 La logistica integrata ed il sistema CIM 10 Indice Prefazione alla 2 edizione Prefazione alla 1 edizione CAPITOLO 1 - GENERALITÀ 1.1 Definizione della funzione logistica 2 1.1.1 Integrazione ed automazione logistica 2 1.1.2 Flessibilità come risposta

Dettagli

Word Class Performance

Word Class Performance Word Class Performance BEST IN CLASS Utilizzo del CMMS MAXIMO Manutenzione pianificata in accordo con la Produzione Gruppi CDM Training e Auto- Manutenzio ne interna Manutenzione Predittiva Presidio Continuo

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

GESTIONE DELLA MANUTENZIONE: ASPETTI TECNICI E FINANZIARI

GESTIONE DELLA MANUTENZIONE: ASPETTI TECNICI E FINANZIARI MAINTENANCE Stories Siracusa, 16 giugno 2011 GESTIONE DELLA MANUTENZIONE: ASPETTI TECNICI E FINANZIARI I-Care TM Pianificare e gestire la manutenzione in modo snello, veloce, efficace. L applicazione Inspiring

Dettagli

CETOP RACCOMANDAZIONE RE 2000/01 QUALIFICHE RELATIVE AL SETTORE DELLA POTENZA FLUIDA

CETOP RACCOMANDAZIONE RE 2000/01 QUALIFICHE RELATIVE AL SETTORE DELLA POTENZA FLUIDA CETOP RACCOMANDAZIONE RE 2000/01 QUALIFICHE RELATIVE AL SETTORE DELLA POTENZA FLUIDA 1. INTRODUZIONE 1.1 Cosa è il CETOP? 1.2 Proposta di Formazione 1.3 L obiettivo 1.4 Cosa sono le QUALIFICHE BASATE SULLA

Dettagli

3. SERVIZIO DI GESTIONE

3. SERVIZIO DI GESTIONE AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE MEDIANTE PROJECT FINANCING CON DIRITTO DI PRELAZIONE DA PARTE DEL PROMOTORE PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE E GESTIONE DI N 2 IMPIANTI DI DEPURAZIONE, UNO NELLA FRAZIONE DI

Dettagli

Customer Care. Loccioni Mobility. Customer Care. Manteniamo il tuo valore nel tempo

Customer Care. Loccioni Mobility. Customer Care. Manteniamo il tuo valore nel tempo Loccioni Mobility Customer Care Manteniamo il tuo valore nel tempo Loccioni Mobility Customer Care è il team del Gruppo Loccioni che si prende cura dei vostri sistemi sin dalla fase di collaudo all interno

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

e qualità della produzione nell automotive

e qualità della produzione nell automotive PRODUZIONE AUTOMOTIVE Certificazione ISO/TS e qualità della produzione nell automotive Immagine Fiat di Fabrizio Crosta e Sergio Pio Angelillis Grazie all introduzione di un sistema software integrato

Dettagli

Quale modello di sviluppo per la fabbrica intelligente L esperienza Fiat Chrysler Automobiles

Quale modello di sviluppo per la fabbrica intelligente L esperienza Fiat Chrysler Automobiles Martedì 11 novembre 2014 AULA MAGNA Quale modello di sviluppo per il SETTORE MANIFATTURIERO in Europa? Quale modello di sviluppo per la fabbrica intelligente L esperienza Fiat Chrysler Automobiles Ing.

Dettagli

White Paper: OEE, KPI e Downtime nel manifatturiero. Cosa occorre sapere per migliorare l OEE

White Paper: OEE, KPI e Downtime nel manifatturiero. Cosa occorre sapere per migliorare l OEE Cosa occorre sapere per migliorare l OEE 1 Sommario Strategie competitive... 3 Cos è l OEE?... 4 Quale valore di OEE dovremmo aspettarci?... 4 KPI come fattori dell OEE... 5 Da dove partiamo?... 5 I tre

Dettagli

Low and Medium voltage service. ABB Power Care Servizi di assistenza e supporto al cliente

Low and Medium voltage service. ABB Power Care Servizi di assistenza e supporto al cliente Low and Medium voltage service ABB Power Care Servizi di assistenza e supporto al cliente ABB Power Care ABB Power Care permette di gestire in modo ottimale il sistema di elettrificazione, massimizzando

Dettagli

La manutenzione delle macchine in funzione del D.Lgs. 17/2010

La manutenzione delle macchine in funzione del D.Lgs. 17/2010 La manutenzione delle macchine in funzione del D.Lgs. 17/2010 Recepimento Italiano della Direttiva Europea Macchine: affrontare le varie fasi - un aggravio o una opportunità? Per. Ind. Giovanni Amendolia

Dettagli

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff Il catalogo MANUFACTURING Si rivolge a: Responsabili Produzione e loro staff Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff processo produttivo Responsabili Manutenzione

Dettagli

Plant asset management & information technology survey

Plant asset management & information technology survey 2 a parte Plant asset management & information technology survey Aspetti di sintesi e spunti di miglioramento PLANT ASSET MANAGEMENT Franco Massi, IBM Business Global Service - Italia Area: Elaborazione

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

The importance of a Board Machine Interface

The importance of a Board Machine Interface INTERTABA S.p.A. Marcello Vezzani The importance of a Board Machine Interface Convegno FESTO sulla Manutenzione Industriale Minerbio, 13/06/2012 AGENDA Philip Morris International e Intertaba S.p.A. La

Dettagli

LA MANUTENZIONE degli AEREI

LA MANUTENZIONE degli AEREI 05/05/2008 1 LA MANUTENZIONE degli AEREI AFFIDABILITA e SICUREZZA sono LA BASE DELL ATTIVITA DI MANUTENZIONE 05/05/2008 2 05/05/2008 3 LA MANUTENZIONE degli AEREI L efficienza del velivolo ed ogni sua

Dettagli

Taylor e Ford Toyota WCM (World Class Manufacturing)

Taylor e Ford Toyota WCM (World Class Manufacturing) Taylor e Ford Toyota WCM (World Class Manufacturing) Seminari Fim-Fiom-Uilm 10 e 17 luglio 2008 Luciano Pero Milano 4 luglio 2008 1 Programma della giornata 1 PARTE: riflessione sul cambiamento del lavoro

Dettagli

MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE

MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE COD. 11131104-11131106 INDICE NORME GENERALI DI SICUREZZA 3 SPECIFICHE 4 PROCEDURA STANDARD PER IL RECUPERO DI FLUIDI/VAPORI 4 PROCEDURA DI SCARICO AUTOMATICO

Dettagli

Norme di uso e manutenzione per cilindri e servocilindri

Norme di uso e manutenzione per cilindri e servocilindri www.atos.com Tabella /I Norme di uso e manutenzione per cilindri e servocilindri Questo manuale di uso e manutenzione è valido solo per cilindri idraulici Atos e si propone di fornire utili informazioni

Dettagli

QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI. Soluzioni, servizi di consulenza e business process outsourcing

QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI. Soluzioni, servizi di consulenza e business process outsourcing QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI Soluzioni, servizi di consulenza e business process outsourcing 0 La qualificazione dei Fornitori e degli Appalti Valutare attraverso la raccolta e l analisi

Dettagli

D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine)

D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine) Allegato E alla direttiva del 7 gennaio 2015 RISCHI MECCANICI 1 - PREMESSA Il D.P.R. 459/1996 ( Direttiva Macchine) ha introdotto nel panorama normativo sulla tutela della salute nei luoghi di lavoro importanti

Dettagli

MASTER IN PRODUZIONE DELLA CARTA E GESTIONE DEL SISTEMA PRODUTTIVO PASSAGGIO AL SISTEMA DI GESTIONE MANUTENZIONE PM DI SAP -IL CASO SCA PACKAGING

MASTER IN PRODUZIONE DELLA CARTA E GESTIONE DEL SISTEMA PRODUTTIVO PASSAGGIO AL SISTEMA DI GESTIONE MANUTENZIONE PM DI SAP -IL CASO SCA PACKAGING MASTER IN PRODUZIONE DELLA CARTA E GESTIONE DEL SISTEMA PRODUTTIVO PASSAGGIO AL SISTEMA DI GESTIONE MANUTENZIONE PM DI SAP -IL CASO SCA PACKAGING CARTIERA DI LUCCA - LUCA FEDERIGHI -SCA Packaging Cartiera

Dettagli

Catalogo dei percorsi formativi per Automotive 5

Catalogo dei percorsi formativi per Automotive 5 Catalogo dei percorsi formativi per Automotive 5 Il processo di formazione Con i termini formazione e addestramento intendiamo identificare quelle attività educative organizzate, che hanno la finalità

Dettagli

MANUTENZIONE ATTREZZATURE

MANUTENZIONE ATTREZZATURE MANUTENZIONE ATTREZZATURE Procedura di Straordinaria Manutenzione ordinaria programmata (MOP) e Manutenzione INDICE: 1. SCOPO 2. APPLICABILITA 3. RESPONSABILITA 4. MODALITA OPERATIVE 5. RIFERIMENTI 1.

Dettagli

Lean Leadership. 30 Settembre 2014 Alberto Portioli. Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it. alberto.portioli@polimi.

Lean Leadership. 30 Settembre 2014 Alberto Portioli. Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it. alberto.portioli@polimi. Lean Leadership Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it E il momento di decidere di sopravvivere e reagire

Dettagli

Cuscinetti orientabili a rulli SKF Explorer. Con una durata di esercizio prolungata

Cuscinetti orientabili a rulli SKF Explorer. Con una durata di esercizio prolungata orientabili a rulli Con una durata di esercizio prolungata Il nuovo stan Prestazioni certificate I cuscinetti nella classe di prestazioni hanno ottenuto la certificazione della Det Norske Veritas e della

Dettagli

Qualifica di Supervisore Lavori secondo la Norma UNI 11420:2011 (Liv. 2A)

Qualifica di Supervisore Lavori secondo la Norma UNI 11420:2011 (Liv. 2A) Corso per la Qualifica di Supervisore Lavori secondo la Norma UNI 11420:2011 (Liv. 2A) Corso idoneo alla preparazione dell esame di certificazione professionale ICPrev o presso altri Istituti secondo le

Dettagli

Energy Trasmission & Distribution Services - Italy

Energy Trasmission & Distribution Services - Italy Energy Trasmission & Distribution Services - Italy Monitoring, diagnostics and cable services Analyze the past, monitor the present, predict the future. Answers for energy. l evoluzione della manutenzione

Dettagli

LEAN THINKING 2015. Le nuove frontiere del Lean. WCM World Class Manufacturing e LEAN MANAGEMENT PERCORSI DI FORMAZIONE

LEAN THINKING 2015. Le nuove frontiere del Lean. WCM World Class Manufacturing e LEAN MANAGEMENT PERCORSI DI FORMAZIONE LEAN THINKING 2015 Le nuove frontiere del Lean PERCORSI DI FORMAZIONE WCM World Class Manufacturing e LEAN MANAGEMENT Aprile Dicembre 2015 Sommario pag. 3 4 4 6 6 7 8 11 14 14 15 PREMESSA ARTICOLAZIONE

Dettagli

i confini efficienti LEAN

i confini efficienti LEAN LEAN WCM: come la Lean Production modifica i confini efficienti dell impresa In Italia, nel settore automotive, la filosofia lean è stata estesa anche ai fornitori, attraverso l applicazione del World

Dettagli

Flessibilità del FavoWeb FRACAS. Software Favoweb

Flessibilità del FavoWeb FRACAS. Software Favoweb Processo FRACAS Definizione: FRACAS (Sistema per le Analisi dei Rapporti di Difetto/Problema e relative Azioni Correttive) è un sistema organizzato a loop chiuso tra rapporti dei guasti/anomalie, la loro

Dettagli

La manutenzione dei sistemi di pompaggio antincendio

La manutenzione dei sistemi di pompaggio antincendio La manutenzione dei sistemi di pompaggio antincendio La manutenzione viene definita come combinazione di tutte le azioni tecniche, amministrative e gestionali, durante il ciclo di vita di un'entità, volte

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! Ingegneria dell'applicazione Casi di studio sull'incremento di manutenibilitá e disponibilità MCM Verona Presented by SKF / Cosimo Pellegrini 30 ottobre 2013 1 SKF RSS Service

Dettagli

Ingersoll Rand. Essiccatori a ciclo frigorifero

Ingersoll Rand. Essiccatori a ciclo frigorifero Ingersoll Rand Essiccatori a ciclo frigorifero Affidabilità, Efficienza, Basso costo di gestione Ingersoll Rand L erogazione di aria compressa, pulita ed essiccata è particolarmente importante nelle applicazioni

Dettagli

La gestione operativa del processo produttivo e logistico in O.M.P. O.M.P. Relatore: Andrea Guidi OFFICINE MAZZOCCO PAGNONI

La gestione operativa del processo produttivo e logistico in O.M.P. O.M.P. Relatore: Andrea Guidi OFFICINE MAZZOCCO PAGNONI La gestione operativa del processo produttivo e logistico in O.M.P. O.M.P. OFFICINE MAZZOCCO PAGNONI Relatore: Andrea Guidi Azienda Produzione: Clienti: Marchi Forniti: Pompe di circolazione acqua e olio,

Dettagli

Struttura del percorso

Struttura del percorso PROGRAMMA PERCORSO ESSERE UN CAPO WORLD CLASS DEVELOPMENT CENTER ASSESSMENT E SVILUPPO CAPI E QUADRI DI PRODUZIONE Scenario, obiettivi e finalità Struttura del percorso dell assessment del training base/avanzato

Dettagli

Ing. Gianfranco Malagola ALESAMONTI Barasso (VA)

Ing. Gianfranco Malagola ALESAMONTI Barasso (VA) La manutenzione delle macchine utensili: situazione attuale e prospettive future dal punto di vista del costruttore di macchine. L esperienza di Alesamonti Ing. Gianfranco Malagola ALESAMONTI Barasso (VA)

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Produzione aria compressa Trattamento aria e gas Filtrazione Refrigerazione Impianti Azoto Noleggio Assistenza Certificazioni METODO ARIA

Produzione aria compressa Trattamento aria e gas Filtrazione Refrigerazione Impianti Azoto Noleggio Assistenza Certificazioni METODO ARIA Produzione aria compressa Trattamento aria e gas Filtrazione Refrigerazione Impianti Azoto Noleggio Assistenza Certificazioni METODO ARIA Produzione Aria Per molte aziende una fornitura affidabile di aria

Dettagli

4 Servizi e soluzioni

4 Servizi e soluzioni Servizi e soluzioni 4 Ogni azienda, nel senso etimologico del termine, è concepita come un sistema complesso composto da processi interdipendenti e correlati tra loro teso al raggiungimento di un obiettivo

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA DIAGNOSTICA DI MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI

INTRODUZIONE ALLA DIAGNOSTICA DI MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI Programma e modalità d esame INTRODUZIONE ALLA DIAGNOSTICA DI MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI Lucia FROSINI Il corso è da 3 CFU, circa 25 ore di lezioni, indicativamente 2 ore alla settimana, salvo eventuali

Dettagli

PRODUZIONE E TRATTAMENTO DELL ARIA COMPRESSA

PRODUZIONE E TRATTAMENTO DELL ARIA COMPRESSA PRODUZIONE E TRATTAMENTO DELL ARIA COMPRESSA 1. Generazione dell'aria compressa L uso della pneumatica nei processi di produzione è così diffuso che attualmente non esistono più stabilimenti che non abbiano

Dettagli

QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI Soluzioni, Consulenza e Servizio Gestito (Outsourcing)

QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI Soluzioni, Consulenza e Servizio Gestito (Outsourcing) QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI Soluzioni, Consulenza e Servizio Gestito (Outsourcing) 0 La qualificazione dei Fornitori e degli Appalti Qualifica dei Fornitori = Valutare attraverso la raccolta

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUINTO I MODELLI DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE E DEI MATERIALI SOMMARIO: 1. I processi produttivi. - 2. Layout delle macchine operatrici. - 3. I sistemi flessibili di produzione. - 4. La scelta

Dettagli

TECHNICALINFO. Servizio Assistenza Clienti LEITNER

TECHNICALINFO. Servizio Assistenza Clienti LEITNER Servizio Assistenza Clienti LEITNER Servizio Assistenza Clienti LEITNER Il partner per le Vostre necessità di assistenza Per avere successo nel lungo periodo un impianto adibito al trasporto di persone

Dettagli

Plant asset management & information technology survey

Plant asset management & information technology survey 1 a parte Plant asset management & information technology survey Aspetti di sintesi e spunti di miglioramento PLANT ASSET MANAGEMENT Franco Massi, IBM Business Global Service - Italia A. Introduzione Nell

Dettagli

Panoramica sui Sistemi di

Panoramica sui Sistemi di Laboratorio per l innovazione Panoramica sui Sistemi di Monitoraggio i Avanzato Ing. Marco Grasso www.musp.it Introduzione Monitoraggio: Caratterizzazione di un sistema o di un processo attraverso l analisi

Dettagli

I Controlli degli ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

I Controlli degli ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO I Controlli degli Relatore: Sig. Giuseppe VEZZOLI Brescia, 23 Marzo 2015 1 - DEFINIZIONE Secondo la Direttiva Macchine 2006/42/CE un Accessorio di Sollevamento è definito come: componente o attrezzatura

Dettagli

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B )

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B ) Questa attrezzatura Meyer soddisfa interamente le norme di sicurezza CE. Il certificato di conformità è spedito con l attrezzatura. Il simbolo CE è riportato sulla targhetta del costruttore. Descrizione

Dettagli

Comer Academy. La sede

Comer Academy. La sede Comer Academy Nata nel 2008 per sostenere il processo di cambiamento dell azienda, Comer Academy è il centro per la diffusione della cultura dell eccellenza alla base del modello di business di Comer Industries.

Dettagli

Medium voltage service. Quadri isolati in aria Servizi al ciclo di vita

Medium voltage service. Quadri isolati in aria Servizi al ciclo di vita Medium voltage service Quadri isolati in aria Servizi al ciclo di vita Strategia Il quadro isolato in aria (AIS) è l apparecchiatura di media tensione più comune e con la maggiore base installata. Il suo

Dettagli

Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi

Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi Misure di Prestazione di Sistemi Produttivi 1) Modello di riferimento Per prestazioni di un sistema produttivo si intendono i risultati direttamente percepibili e misurabili dal cliente oppure dal sistema

Dettagli

Qualità e Sicurezza A cura di Aicq e Anfia. Torino, Lingotto Fiere 18 aprile 2013

Qualità e Sicurezza A cura di Aicq e Anfia. Torino, Lingotto Fiere 18 aprile 2013 18 aprile 2013 L'Affidabilità e la sicurezza nell'automotive: presente e futuro Dr.ssa Silvia Durando - Dr. Franco Guazzotti - IVECO Prof. Mario Vianello - Politecnico di Torino - Ingegneria dell'autoveicolo

Dettagli

KPI e OEE con SIMATIC WinCC DowntimeMonitor

KPI e OEE con SIMATIC WinCC DowntimeMonitor KPI e OEE con SIMATIC WinCC DowntimeMonitor In un periodo in cui è imperativo per tutte le aziende contenere i costi di produzione, avere degli strumenti di raccolta dati ed analisi della produttività

Dettagli

Consigli per l officina sul sistema idraulico. dello sterzo: Lavaggio di sistemi sterzante. Il lavaggio del sistema sterzante!

Consigli per l officina sul sistema idraulico. dello sterzo: Lavaggio di sistemi sterzante. Il lavaggio del sistema sterzante! Consigli per l officina sul sistema idraulico dello sterzo: Lavaggio di sistemi sterzante Il lavaggio del sistema sterzante! Uno dei lavori più importanti durante la sostituzione di una pompa servosterzo

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONEPER IL LIVELLO DIRETTIVO PER DIRETTORE DI MACCHINA E 1 UFFICIALE DI MACCHINA

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONEPER IL LIVELLO DIRETTIVO PER DIRETTORE DI MACCHINA E 1 UFFICIALE DI MACCHINA A LLEGATO B PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONEPER IL LIVELLO DIRETTIVO PER DIRETTORE DI MACCHINA E 1 UFFICIALE DI MACCHINA FUNZIONE 1: MECCANICA NAVALE A LIVELLO DIRETTIVO Gestisce il funzionamento dell

Dettagli

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L04 terza parte

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L04 terza parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Processi snelli terza parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Processi snelli Corso di Gestione dell Informazione

Dettagli

La Società nasce nel 2001 dall unione d intenti dei soci della NOVA IGI srl e della CDA srl, due aziende con esperienza ventennale l una nel campo

La Società nasce nel 2001 dall unione d intenti dei soci della NOVA IGI srl e della CDA srl, due aziende con esperienza ventennale l una nel campo www.agiplus.it La Società nasce nel 2001 dall unione d intenti dei soci della NOVA IGI srl e della CDA srl, due aziende con esperienza ventennale l una nel campo della carpenteria e dell automazione e

Dettagli

Schede di autovalutazione per ambito

Schede di autovalutazione per ambito Schede di autovalutazione per ambito Classic Le schede sono concepite per evidenziare l argomento dell analisi, imputare una rilevanza (ovvero un peso ) a seconda dell importanza dell argomento, indicare

Dettagli

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione Tutti i processi in un'unica piattaforma software Il software Quadra di Quadrivium è una soluzione applicativa di Supply Chain

Dettagli

Capitolo 5 - Strategie e politiche manutentive

Capitolo 5 - Strategie e politiche manutentive Capitolo 5 - Strategie e politiche manutentive Questo capitolo vuole fornire alcune indicazioni sulle varie tipologie manutentive attualmente usate in ambito industriale, inserite all'interno di un contesto

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1 IMPIANTI INDUSTRIALI Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it Andrea Chiarini 1 PARTE 8 DESIGN FOR ASSEMBLY AND MANUFACTURING (Lezioni tratte in parte dal testo: Design For Six Sigma, K.Yang and B.

Dettagli

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi Seminari Eucip, Esercizio di Sistemi Informativi Service Delivery and Support Dipartimento di Informtica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza ITIL.1 Relazioni con il.2 Pianificazione.3 Gestione

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Quale che sia il vostro specifico ambito, scegliere

Quale che sia il vostro specifico ambito, scegliere Consulting Line Quale che sia il vostro specifico ambito, scegliere le Persone, le Competenze e le Tecnologie più adatte si rivelerà sempre una decisione determinante. Scegliere fra le formule Body Rental

Dettagli

CRITERI DI PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO

CRITERI DI PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO Criteri di Progettazione Del Magazzino Nozioni di base CRITERI DI PROGETTAZIONE DEL MAGAZZINO Impiegare le unità di carico più adatte Utilizzare lo spazio nel modo migliore (soppalchi, larghezza e numero

Dettagli

Arriva il caldo, prepara la tua auto, scegli Bosch Car Service

Arriva il caldo, prepara la tua auto, scegli Bosch Car Service Arriva il caldo, prepara la tua auto, scegli Bosch Car Service In aprile scegli Castrol e vola in Brasile Promozioni per te In aprile e maggio, speciale filtri aria e olio, cambio olio e sostituzione pneumatici.

Dettagli