Analisi del processo manutentivo, indicatori di prestazione, qualità del servizio erogato e costi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi del processo manutentivo, indicatori di prestazione, qualità del servizio erogato e costi."

Transcript

1 Analisi del processo manutentivo, indicatori di prestazione, qualità del servizio erogato e costi. Alberto Borello Fiat Powertrain Technologies Mirafiori Plant FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 1

2 Fiat Powertrain Technologies Fiat Powertrain Technologies è una società di FIAT GROUP Creata nel Marzo 2005, è il settore powertrain del Gruppo Fiat. FPT include le attività motoristiche di: Fiat Auto Iveco Centro Ricerche Fiat ed Elasis La sede centrale di FPT è ad Orbassano (Torino). FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 2

3 FPT Company Passenger & Commercial Vehicles Powertrain Research & Technology Industrial & M a r i n e FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 3

4 Stabilimenti e centri di ricerca FPT 8 nazioni 16 stabilimenti 10 Centri R&D impiegati //Stabilimenti Applicazioni powertrain Passenger & Commercial Vehicles ITALIA: Torino, Verrone, Termoli, Pratola Serra BRASILE: Betim POLONIA: Bielsko-Biala TURCHIA: Bursa ARGENTINA: Cordoba Applicazioni powertrain Industrial & Marine ITALIA: Torino, Foggia, Pregnana Milanese FRANCIA: Bourbon Lancy, Fecamp, Garchizy SPAGNA: Barcelona BRASILE: Sete Lagoas //Centri R&D Applicazioni powertrain Passenger & Commercial Vehicles ITALY: Torino, Arese, Orbassano, Pomigliano BRAZIL: Betim Applicazioni powertrain Industrial & Marine ITALY: Torino, Pregnana Milanese FRANCE: Fecamp SPAIN: Barcelona SWITZERLAND: Arbon FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 4

5 Lo stabilimento di Torino - Mirafiori FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 5

6 Mirafiori Transmission Plant Prodotto : Cambio C514 5 marce 6 marce MTA AWD Area coperta Area per produzione sqm sqm Volume 2006 C514 transmission C510 - C513 components FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 6

7 Il sistema produttivo La produzione del cambio C514 è realizzata su un impianto ad alta automazione (montaggio > 90%, lavorazioni circa 100%) Montaggio del cambio : N 4 linee automatiche pallettizzate di premontaggio dei sottogruppi e 1 linea pallettizzata di montaggio del cambio completamente automatica Banchi prova asserviti da carrelli filoguidati Impianto automatico di impedanamento dei cambi finiti Lavorazione dei componenti : Linee di lavorazione dei componenti in Alluminio (scatola cambio e supporto unione) a trasferta. Linee di lavorazione degli alberi e degli ingranaggi con macchine a controllo numerico asserviti da sistemi di handling automatici (portali, robot, navette) Movimentazione dei particolari tra le linee di lavorazione e il Trattamento termico e tramite carrelli filoguidati Trasporto dei particolari in alluminio e della scatola differenziale dalla lavorazione alla linea di montaggio tramite sistema a bilancelle macchine e sistemi automatici di movimentazione FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 7

8 Il processo di manutenzione Missione e obiettivi del sistema di manutenzione Modello organizzativo Costi ed efficacia delle attività manutentive Tipologie di manutenzione L approccio TPM FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 8

9 Sistema manutenzione La manutenzione di un sistema produttivo capital intensive è un fattore chiave per i risultati aziendali, in quanto influisce in modo primario sulla redditività degli investimenti. Sistema Manutenzione Fattori e risorse Uomini Metodi e organizzazione Attrezzature e materiali Supporti tecnici esteri Risultato (qualità / costi del prodotto) e performances dell unità produttiva. FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 9

10 La missione della manutenzione Sistema manutenzione Missione della manutenzione : Garantire e migliorare l efficienza e la sicurezza del sistema produttivo Disponibilità degli impianti Miglioramento delle performances delle macchine Qualità dei processi Dalla riparazione del guasto Alla prevenzione dei guasti e dei degradi Al miglioramento delle performances della macchina FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 10

11 Obiettivi e attività del sistema manutenzione Eliminare le perdite per Guasto (Efficienza, Qualità, Sicurezza). Aumentando l affidabilità, anche le perdite di qualità e il rischio di infortuni si ridurranno drasticamente Ottimizzare l affidabilità degli impianti dell unità operativa ad un costo economicamente sostenibile. Sviluppare le attività di manutenzione pianificate, riducendo la manutenzione a guasto. Usare il mix più opportuno di tipologie di manutenzione (AM, BDM (a guasto), TBM (periodica), CBM (su condizione), ) per stabilire e mantenere le condizioni ottimali degli impianti, a costi contenuti e in modo efficiente Sviluppare le competenze di operatori e manutentori Promuovere una buona pianificazione delle attività, per minimizzare i tempi di fermata programmati per la manutenzione degli impianti Creare la cultura di zero guasti FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 11

12 Evoluzione organizzativa a Mirafiori Anni 90 : Manutenzione interna. Separazione dei ruoli di produzione e manutenzione Parziale integrazione dell ingegneria di manutenzione nei team di produzione con il Tecnologo di Ute Fine Anni 90 : Outsourcing della manutenzione Tutte le attività di manutenzione operativa, di ingegneria di manutenzione e di servizi per la manutenzione (gestione ricambi, attrezzeria e laboratori) passano in outsourcing. Dal 2004 : Insourcing della manutenzione e integrazione nelle unità produttive Struttura organizzativa orientata a privilegiare l integrazione della manutenzione nelle unità operative. Servizi di manutenzione comuni centralizzati. FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 12

13 Manutenzione in outsourcing Il sistema di manutenzione tende ad ottimizzare costi / benefici del servizio. Sviluppo competenze specialistiche Ottimizzazioni gestionali Sinergie di know how Criticità Limitata integrazione tra le risorse di produzione e manutenzione Laboriosa condivisione di obiettivi, linee operative, priorità. Area grigia di definizione di responsabilità. Rallentamenti decisionali che determinano perdita di efficacia operativa. FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 13

14 La manutenzione integrata nell Unità operativa L organizzazione dell unità produttiva prevede al suo interno le risorse per gestire la manutenzione al fine del miglioramento dell efficienza degli impianti. Programmazione della produzione e gestione materiali diretti Supply Chain di U.O. Unità Operativa Tecnologo di qualità Manufacturing System di U.O. Gestione / Miglioramento della qualità del processo e del prodotto. Metodi di miglioramento / TPM UTE 1 UTE 2 Sistema Tecnico Manutentivo di U.O. UTE 3 Tecnologo di UTE Manutenzione operativa Specialisti (^) Utensilieri Gestione dell efficienza tecnica dell impianto FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 14

15 Efficacia ed efficienza del sistema manutenzione L organizzazione integrata permette : Integrazione tra operatore macchina e manutentore Scambio reciproco di know how (macchina / processo) Scambio informazioni : segnali deboli, condizioni macchina, condizioni processo Collaborazione tra manutenzione autonoma e professionale Condivisione obiettivi, strategie e piani di intervento, modalità operative Velocità di decisione e intervento. L organizzazione giornaliera delle attività deve facilitare la piena attuazione di questi fattori : - Sistema riunioni Reportistica - Programmazione attività FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 15

16 Il Know how di manutenzione Un adeguata formazione tecnica specialistica deve mantenere adeguato e aggiornato il know how dei manutentori all interno dell area in cui si trovano ad operare. Competenze richieste Risorse Matrice di analisi delle competenze e dei fabbisogni fomativi FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 16

17 La misura delle performance di manutenzione Indicatori di diperformance N N guasti guasti Durata Duratadel del guasto guasto Ripetitività Ripetitività Costo Costodel del guasto guasto Il deployment degli obiettivi e il monitoraggio degli indicatori è sviluppato a livello di linea di produzione. KPI KAI Indicatori di diattività Manutenzione preventiva preventiva // manutenzione a guasto guasto Implementazione della dellamanutenzione predittiva predittiva N N di dianalisi analisiguasto FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 17

18 Il sistema informativo della manutenzione La misura delle performance di manutenzione è gestita con il supporto del sistema informativo della manutenzione Informazioni gestite: Chiamate Pronto Intervento Interventi Manutenzione programmata Interventi Manutenzione preventiva Dati relativi agli interventi eseguiti Durata del fermo macchina e dell intervento Ricambi utilizzati Gruppo macchina interessato e causa del guasto Valutazione dei costi di manutenzione Dati di analisi FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 18

19 Sistema informativo della manutenzione ) Media 2005 Obiettivo 2006 Ore di pronto intervento - Area 2 Esempio Media 2006 Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre In impianti complessi ll sistema informativo della manutenzione costituisce la base dati di analisi per valutare l efficacia della manutenzione - Andamento dei guasti e individuar le priorità di intervento a livello macchina o gruppo - Pareto guasti AREA 2 GUASTI/ORE FERMO W 15 ORE FERMO N GUASTI 2) 3) ,5 18 Esempio 16, Esempio Samp.li 301 4c Wera 353 m3/4 Pittler 299 m5 Weisser 007 1c Pittler 084 4c Hurth 119 1c Biglia 103 5cc Pittler 095 3c Pfauter 015 3cc Hurth 443 5cc FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 19

20 La gestione dei ricambi Obiettivo La gestione ricambi e materiali ha un ruolo vitale nel supportare l esecuzione dei lavori e assicurare la disponibilità degli impianti. La sua funzione primaria deve rispondere ad entrambe le esigenze: Avere il componente al magazzino oppure Provvedere veloci vie per l acquisizione. Sfida La gestione ricambi può essere difficile; ha obiettivi conflittuali: Mantenere basso il capitale investito e, contemporaneamente, Assicurare che i ricambi siano sempre disponibili. Le tecniche di previsione per i ricambi e materiali si possono applicare per ottimizzare i livelli, ma sono ugualmente importanti accordi quadro con i fornitori per l acquisto dei ricambi con basso lead time, etc. FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 20

21 Costi di manutenzione La manutenzione degli impianti produttivi di Mirafiori incide per il 15% sui costi di trasformazione dello stabilimento. Le principali voci di costo Manodopera di manutenzione Tecnici di manutenzione Materiali di manutenzione e riparazioni Interventi tecnici di supporto. Contratti di manutenzione Servizi di supporto (gestione materiali, attrezzeria) Costi manutenzione impianti e macchinari MO Indiretta 43% Stipendi 11% Materiali 16% Pulizie tecniche 2% Riparazioni 17% Prestazioni 11% FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 21

22 Individuazione e revisione delle priorità E necessaria una strategia per la corretta individuazione delle aree su cui focalizzare le risorse di manutenzione per massimizzare l efficacia = massimo risultato in termini di OEE dell impianto. Bisogna quindi definire gli impianti prioritari : Massimizzare l utilizzo delle risorse della manutenzione: manodopera e budget. Allineamento con gli obbiettivi generali aziendali in ottica del cost deployment. e programmare di conseguenza le modalità di manutenzione FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 22

23 Classificazione ABC delle macchine Una valutazione qualitativa in base agli effetti del guasto e allo stato efficienziale della macchina. Classe S Q W D F Fattori di valutazione Sicurezza/ ambiente Qualità Tempo lavoro Perdita di opportunità Frequenza dei guasti Se accade un guasto, la sicurezza/ambiente è pesantemente compromessa Se accade un guasto, si generano difetti che impattano sul cliente esterno (sala prova, pulls e assy) 3 turni o il 100% della disponibilità Si ferma la fabbrica o la linea per un singolo guasto > 10 guasti /mese Standard di valutazione Se accade un guasto, la sicurezza/ambiente è in parte compromessa Se accade un guasto, si generano difetti che impattano sul cliente interno (sala prova) 2 turni o il 66% della disponibilità Si rallenta la linea e si hanno perdite di produzione Da 3 a 10 guasti/mese Nessuna influenza Nessuna influenza 1 turno o il 33% della disponibilità Non si creano interruzioni o perdite di produzione < 3 guasti/mese D F M S Q W D F M M Manutenibilità MTTR > 5 ore MTTR 2 ~ 5 ore MTTR < 2 ore A B C MTTR = Mean Time To Repair = Tempo medio per una riparazione FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 23

24 La matrice di valutazione delle perdite Le disefficienze tecniche degli impianti generano perdite indotte. La matrice di cost deployment valorizza le perdite a livello di una linea produttiva, o dell impianto e analogamente le perdite generate a valle. Voci di costo Cause di perdita Priorità : intervenire con manutenzione preventiva sulle macchine le cui perdite generano i maggiori costi. FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 24

25 Obiettivi di manutenzione Gli obiettivi di manutenzione sono definiti in riferimento al Cost Deployment Rid. Costi della manutenzione Performance (Riduzione Guasti, Scarti ecc) Punto di partenza # 1 2 Obiettivo Aumentare le performances (rendimento e disponibilità mantenendo i costi attuali) Aumentare le performances (rendimento e disponibilità) riducendo i costi di manutenzione Esempio Le performances dell impianto sono il punto chiave Richiesta attività generale di miglioramento Correlazione al Cost Deployment Causa principale delle perdite Causa minore delle perdite 3 Mantenere le performances (rendimento e disponibilità) riducendo i costi di manutenzione Revisione generale e ridefinizione delle modalità di lavoro Zero perdite FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 25

26 Il fermo macchina Fermo impianto L operatore notifica il fermo Informazione alla manut. Verifica disponibilità e decide le priorità Inizia la riparazione Analisi e diagnosi del guasto Si reperiscono i ricambi se necessario Si ripara il guasto Si sostituisce il pezzo difettoso Si ripristina la macchina e la si prova Avviamento Tempo di attesa Tempo di riparazione Tempo di totale di fermo MTTR Per allungare il MTBF Mantenere le condizioni di base usando la AM (pulire, lubrificare, ispezionare, serrare viti e bulloni, ) Ripristinare i componenti deteriorati Effettuare la manutenzione correttiva per prevenire la ricorrenza di problemi Operare in modo corretto sugli impianti (competenze dei conduttori). Per accorciare MTTR Potenziare le competenze dei manutentori Migliorare la gestione delle parti di ricambio Migliorare l accessibilità degli impianti (manutenzione correttiva) Applicare le 5S nell area di lavoro (in particolar modo in officina) FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 26

27 Tipologie di Manutenzione Tipologie di Manutenzione Pianificata PM (Planned Maintenance) Non Pianificata Preventiva PM (Preventive Maintenance) Migliorativa CM (Corrective Maintenance) A Guasto BDM (Breakdown Maintenance) Ciclica TBM (Time Based Maintenance) Predittiva CBM (Condition Based Maintenance) Autonoma AM (Autonomous Maintenance) Le diverse tipologie hanno costi di manutenzione diversi e richiedono differenti competenze e impegno di risorse, e vengono applicate in modo differenziato in base alle criticità degli impianti. Mix tipologie di manutenzione Migliorativa Predittiva Prev. ciclica Man. a guasto Manutenzione autonoma Criticità dell impianto Costi di manutenzione FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 27

28 A Guasto BDM (Breakdown Maintenance) DESCRIZIONE: La tipologia manutentiva BDM consiste nell intervenire solo dopo che l impianto si è guastato. La BDM, se applicata correttamente, può essere adeguata ed efficace, per esempio, se l impatto di un guasto è riconosciuto come basso o nullo in termini di : sicurezza, produzione, qualità, costo, e produttività. VANTAGGI: Basso costo, ove applicata correttamente Non richiede altra pianificazione che la disponibilità delle parti di ricambio Richiede competenze manutentive limitate alle competenze di diagnosi e sostituzione SVANTAGGI: Non ci sono preavvisi di guasto (rischio anche per la sicurezza) Perdite di produzione incontrollate Richiede un gran numero di manutentori disponibili FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 28

29 Ciclica TBM (Time Based Maintenance) VANTAGGI: Riduzione dei guasti Utilizzo più efficiente della manodopera manutentiva Attività manutentiva pianificata (manodopera e materiali) DESCRIZIONE: La TBM consiste nel definire cicli di intervento, a intervalli regolari di tempo o di utilizzo, realizzati allo scopo di prevenire i guasti. La TBM è applicabile se il costo globale dell intervento preventivo è minore dell intervento a guasto Le attività sono spesso raggruppate in occasione di pause lavorative, in modo da minimizzare il numero totale di fermate pianificate. SVANTAGGI: Non viene utilizzata completamente la vita utile del componente, inoltre l intervento prematuro può causare guasti da mortalità infantile Viene eseguita della manutenzione invasiva e non necessaria Applicabile principalmente al deterioramento legato all usura Questa strategia non è ottimale se la mancanza delle condizioni di base rendono difficoltosa la valutazione delle frequenze di sostituzione Al contrario, una volta ripristinate le condizioni iniziali, la Ciclica è un ottima strategia ed può essere propedeutica alla Manutenzione Predittiva (CBM - Condition Based Maintenance) FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 29

30 Il processo di manutenzione preventiva Scomposizione macchina Identificazione dei modi e delle cause di guasto dei componenti Analisi Guasto Definizione di attività (cicli) di manutenzione preventiva Implementazione dei cicli e valutazione dell efficacia Integrazione tra manutenzione autonoma e professionale FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 30

31 Scomposizione macchina Attraverso la scomposizione macchina si individuano i gruppi funzionali che la compongono. Scomposizione RETTIFICA TACCHELLA tg in gruppi funzionali Sistema per mantenere i parametri di lavorazione Sistema Sistema per per garantire garantire la la sicurezza sicurezza della della macchina macchina Sistema controllo e correzione quote Sistema per il cambio tipo Sistema per il cambio utensile Sistema Sistema per per garantire garantire il il funzionamento funzionamento della della macchina macchina Sistema di Sistema di sicurezza sicurezza specifico di specifico di processo (micro, processo (micro, fotocellule, ) fotocellule, ) Sistema Sistema pneumatico pneumatico Sistema Sistema oleodinamico oleodinamico Impianto di Impianto di filtraggio filtraggio Lubrificazione Lubrificazione mandrino mola mandrino mola Lubrificazione Lubrificazione guide guide Lubrificazione Lubrificazione centralizzata centralizzata Dispositivi Dispositivi controllo e controllo e misura prodotto misura prodotto Meccanica ed Meccanica ed Asservimenti Asservimenti C.N.C. C.N.C. Elettromeccanico Elettromeccanico FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 31

32 Scomposizione macchina e i componenti che costituiscono i gruppi e la loro funzione SISTEMA PNEUMATICO RETTIFICA TACCHELLA tg Liv. gruppo Filtro Gruppo filtri fibra ottica Liv. componente Dispositivo di scarico della condensa - Livello della condensa Integrità tazza - elemento filtrante - separatore Perdita di aria Sistema pneumatico Riduttore di pressione Manometro Nebulizzatore / Lubrificatore Pressostato Valvola di scarico impianto Tubazioni Elettrovalvole Valvola regolatrice di flusso Perdita continua di aria dal foro di scarico della sovrapressione Presenza delle targhette con indicato il valore di pressione di taratura Perdite d aria Affidabilità dello strumento Integrità componente Presenza della targhetta con indicato il valore di pressione Presenza di fluidi estranei all interno del manometro Livello dell olio Frequenza di gocciolamento Perdite d aria/olio Presenza della targhetta con indicato il valore di pressione e la funzione svolta Perdite di aria Molla - Microinterruttore Perdita continua di aria dal foro di scarico Perdita aria Perdite d aria - Posa delle tubazioni Rumore, surriscaldamento, odore Connettori elettrici Perdite aria - Silenziatori Presenza della targhetta con indicato la funzione svolta Presenza della targhetta con indicato la funzione svolta Perdite d aria FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 32

33 Scheda di ispezione di automanutenzione SISTEMA PNEUMATICO RETTIFICA TACCHELLA tg componente: GRUPPO FILTRI PER FIBRE OTTICHE scheda : PN 0002 Simbolo ISO Che cos è A cosa serve Perché ispezionare Cosa ispezionare Modalità di ispezione Tipo di intervento Gruppo filtri Trattenere particelle solide e liquide presenti nell aria Evitare danneggiamenti alle fibre ottiche Il livello di impurità nella tazza Integrita e pulizia della tazza Visiva Visiva Scaricare Sostituire / pulire Perdite Visiva Serrare i raccordi Integrità e grado di intasamento elemento filtrante Visiva Sostituire elemento filtrante Integrità separatore Visiva Sostituire FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 33

34 I cicli di manutenzione preventiva CICLO MANUTENZIONE PREVENTIVA ELETTRICA MECCANICA FLUIDICA PULIZIA SOFTWARE ISPEZIONE CICLO TO299I25 N SK AG di riferimento AG /C MACCHINE: TORNIO TARGHE: VEDI ALLEGATI ETU: GRUPPO: COMPONENTE: COSTRUTTORE: DESCRIZIONE INTERVENTO: Frequenza (SETTIMANE): OP. DESCRIZIONE Arrestare macchina e mettere in sicurezza con cartellino MACCHINA IN MANUTENZIONE- NON INSERIRE 10 L ALIMENTAZIONE presso l interruttore generale. Al termine ripristinare i dispositivi di sicurezza GRUPPI DI MOVIMENTAZIONE FRONTALE E LATERALI WEISSER J.G. SOHNE - ST.GEORGEN (GERMANIA) Tempo Totale Esecuzione 12 1,00 FERMA LAVORA [ORE]: COND Verifica funzionale, giochi e degrado delle parti in movimento OPERAZIONI DI LAVORO Attrezzatura Specifica CARICATORI MATERIALE NECESSARIO N DISEGNO Tempo [ORE] GRUPPO CARICATORE FRONTALE 20 Verifica funzionale gruppo oscillante mandrini parte inferiore piastra 30 Controllo gioco e visivo canotti (eventuali anomalie su parte rivestita) GRUPPO SCARICO/CARICO Carrellino ingresso grezzo/uscita finito 40 verifica visiva stato colonnine dove scorre il carrello controllo allineamento 50 Controllo allineamento Trasefritore ingresso, semilavorato, 60 finito 70 verifica visiva barra scanalata Canotto superiore DX/SX Canotto inferiore DX Canotto inferiore SX macchina costruttore lavorazione tornio weisser rm dtt tornio weisser 1vc tornio weisser 1vc tornio weisser 1vc tornio weisser 2vc tornio weisser 2vc tornio weisser 2vc tornio weisser 3vcc tornio weisser 3vcc tornio weisser 3vcc targa ute Verifica gioco su boccole 90 Procedere al ripristino delle funzionalità macchina tornio weisser 4vcc tornio weisser 4vcc tornio weisser 4vcc tornio weisser 5vcc tornio weisser 5vcc FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 34

35 Predittiva CBM (Condition Based Maintenance) DESCRIZIONE: La CBM si basa sul fatto che la maggior parte dei guasti non avviene istantaneamente e improvvisamente, ma si sviluppa in un certo periodo di tempo, quindi, attraverso lo stato di salute di ciascun componente, permette di pianificare gli interventi basandosi sulle reali condizioni di funzionamento e non sulla conoscenza statistica del fenomeno. Gli interventi sono più mirati e tempestivi, aumentando la disponibilità del sistema. VANTAGGI: Massimizza la disponibilità degli impianti e sfrutta al meglio la vita utile dei componenti Alcune forme di ispezione che utilizzano i 5 sensi non sono costose Consente di fermarsi prima che capitino guasti e danneggiamenti severi La manutenzione può essere programmata La manodopera può essere organizzata Le parti di ricambio possono essere approvvigionate tempestivamente SVANTAGGI: Analisi di vibrazioni, termografie e analisi olii esausti richiedono strumenti specifici e competenze Vanno scelte con cura le tecniche corrette E necessario un periodo di tempo per costruire i trend e stabilire il legame con le condizioni degli impianti Richiede una ottima conoscenza della macchina e dei modi di guasto FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 35

36 Predittiva CBM (Condition Based Maintenance) Condizioni di applicabilità della Manutenzione Predittiva Ci < Cp Cp < Cg Ci < Cg - Cp Dove: Ci = costo singola ispezione Cg = costo globale del guasto Cp = costo globale intervento preventivo FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 36

37 Manutenzione predittiva Manutenzione predittiva : Misurare la variazione di alcune grandezze fisiche caratteristiche che segnalano il probabile insorgere di un guasto per intervenire in anticipo al guasto stesso. Strumentazione di analisi Conoscenza dei fenomeni fisici legati al parametro misurato per determinare la vita residua. Campione sperimentale FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 37

38 Manutenzione predittiva Esempio Esempio di analisi termografica applicato al gruppo oleodinamico di macchina rettificatrice Azione correttiva : Inserimento scambiatore di calore Verifica ispettiva ciclica Guasto Ventola Motore : intervento manutentivo FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 38

39 Contromisure ai guasti Ripristinato il guasto è essenziale realizzare contromisure atte a evitare il ripetersi. SCARSA ROBUSTEZZA SOLLECITAZIONI ECCESSIVE DEGRADO Influenze esterne Materiali, Ricambi, Clima, ecc Scarse competenze degli operatori e dei manutentori Progettazione della macchina debole Mancato ripristino delle anomalie Mancata osservanza delle condizioni operative Mancato mantenimento delle condizioni base Definire gli standard di AM Definire gli standard di AM Definire e diffondere OPL OPL per operatori e manutentori OPL sulle condizioni operative Calendario PM Matrice delle competenze Calendario PM Segnalazione al costruttore, fornitore Feedback Standard di progettazione FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 39

40 Il processo di analisi guasto Dal guasto alla prevenzione Identificazione delle cause di guasto 2 Definizione delle contromisure (modifiche, manutenzioni cicliche, verifiche ispettive) Guasto 3 Identificazione del modo di guasto Realizzazione delle contromisure Estensione a impianti e casi analoghi Verifica dell efficacia con monitoraggio delle condizioni macchina e dei guasti. FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 40

41 L analisi guasto Descrizione del guasto FIAT-GM POWERTRAIN ITALIA SRL Mirafiori Meccanica Plant Modulo Scheda Analisi GuastoCompilatore: Data: N scheda: GREMO 17/03/06 Gall.Tec. 01 FIAT POWERTRAIN ITALIA SRL Mirafiori Meccanica Plant Analisi dei 5 perché Identificazione della causa primaria e delle cause concorrenti Compilatore: Data: Relativa alla scheda guasto n Gremo M. 17/03/06 Gall.Tec. 01 DATI IDENTIFICAZIONE data segnalazione: E.T.U.: Galleria tecnica del GUASTO: stato della macchina Linea: A/P A/S 3CC 4CC 2C 1C 5CC RETTIFICA DTT ferma lavora lavora in degrado Macchina: impianto HACHEN n 9 data CHIUSURA: stato della macchina Targa: ferma durata [ore] lavora lavora in degrado 2,45 GUASTO PROBLEMA 1 Perché 2 Perché 3 Perché 4 Perché 5 Perché AZIONE scatta termico catena dragante impuntamento causa Gioco eccessivo tra Usura delle bronzine usura per abrasione Ripristino temporaneo bloccata intraversamento delle corona e albero con di accopiamento meccanica per boccole (in attesa ricambi barre raschianti nella furi uscita della pignone folle con microimpurità per risoluzione definitiva) loro sede catena dal pignone albero presenti nel liquido l'impurita presente nel refrigerante refrigerante non è eliminabile per le caratteristiche intrinseche del processo. Modificato Il ciclo di PV PVGT031CS inserendo il controllo ed eventual Modo guasto (descrizione): catena bloccata intervento protezione elettromagnatica protezione motore dragante Causa del guasto: eccessivo gioco fra corona e albero pignone folle trascinamento catena Sintomi rilevabili dalla causa: nessuno INTERVENTO Tipologia d'intervento: Provvisorio X Definitivo Descrizione intervento e ricambi utilizzati: spostato punto di lavoro boccola guida su albero ATTIVITA' NECESSARIA PER RENDERE DEFINITIVO L'INTERVENTO (da compilare solo se provvisorio) Descrizione: costruzione boccole di ricambi e pianificare sostituzione IDENTIFICAZIONE CAUSA RADICE Uomo (V) Macchina Definizione delle contromisure usura boccole guida Metodo Materiale (relativo a pezzo da lavorare) FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 41

42 L approccio TPM Mirafiori ha iniziato nel 2002 l implementazione delle metodologie TPM come strategia di miglioramento per conseguire attraverso il coinvolgimento totale delle persone una visione Zero Perdite TPM FOCUSED IMPROVEMENT AUTONOMOUS MAINTENANCE PROGRESSIVE MAINTENANCE PROGRESSIVE QUALITY EDUCATION & TRAINING SAFETY ENVIRONMENT OFFICE TPM EARLY EQIPMENT MANAGEMENT LOGISTIC TPM Excellence in Consistent Award PEOPLE INVOLVEMENT Novembre 2006 Apporto fondamentale alla riduzione delle perdite sono le attività dei pilastri della Manutenzione Autonoma e Professionale FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 42

43 Manutenzione autonoma Seven steps to recover and mantain machine basic conditions and increase efficiency An Efficient Machine 7 Autonomous Can keep and repair Management equipment 4 Four level to become an able operator An Able Operator 5 6 Standardisation Autonomous Inspection Know the relationship between equipment 3 and quality of products 3 4 General Inspection Cleaning, Lubrication and Inspection Standard 2 Know the function and the structure of the machine 1 2 Eliminate sources of Contamination and Inaccessible Places Initial Cleaning 1 Skill to detect abnormalities FPT Mirafiori 21 Febbraio 2007 Maintenance stories 43

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Sistemi di collaudo Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Un Gruppo che offre risposte mirate per tutti i vostri obiettivi di produzione automatizzata e di collaudo ESPERIENZA, RICERCA, INNOVAZIONE

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) FILTI OLEODINMICI Serie F-1 Filtri con cartuccia avvitabile (spin-on) Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFP T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFP

Dettagli

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw Serie BRIO Approfittate dei vantaggi BALMA Fin dal 1950, BALMA offre il giusto mix di flessibilità ed esperienza per il mercato industriale, professionale e hobbistico

Dettagli

Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB

Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB La nostra tecnologia. Il vostro successo. Pompe n Valvole n Service Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB 02 Introduzione Rapidi, affidabili e competenti da oltre 140

Dettagli

una boccata d ossigeno

una boccata d ossigeno Offrite al vostro motore una boccata d ossigeno Il vostro Concessionario di zona è un professionista su cui potete fare affidamento! Per la vostra massima tranquillità affidatevi alla manutenzione del

Dettagli

INDICE INDICE 2 SINTESI DEL LAVORO 6 1.5 LA MANUTENZIONE SU CONDIZIONE 41

INDICE INDICE 2 SINTESI DEL LAVORO 6 1.5 LA MANUTENZIONE SU CONDIZIONE 41 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e della Produzione Dottorato in Tecnologie e Sistemi di Produzione - XXI Ciclo Tesi di Dottorato

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Misure di temperatura nei processi biotecnologici

Misure di temperatura nei processi biotecnologici Misure di temperatura nei processi biotecnologici L industria chimica sta mostrando una tendenza verso la fabbricazione di elementi chimici di base tramite processi biotecnologici. Questi elementi sono

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

Allegato B: modello di presentazione

Allegato B: modello di presentazione Allegato B: modello di presentazione ESEMPI DI BUONA PRASSI TEMA Manutenzione TITOLO DELLA SOLUZIONE Gestione integrata della manutenzione AZIENDA/ORGANIZZAZIONE Fores Engineering S.r.l. NR. DI LAVORATORI

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30 c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia La soluzione Rete Picchi Cali di tensione Armoniche?

Dettagli

ADVANCED MES SOLUTIONS

ADVANCED MES SOLUTIONS ADVANCED MES SOLUTIONS PRODUZIONE MATERIALI QUALITA MANUTENZIONE HR IIIIIIIIIaaa Open Data S.r.l. all rights reserved About OPERA OPERA MES è il software proprietario di Open Data. È un prodotto completo,

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni. 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm

Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni. 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm 2 Migliorate l efficienza della vostra macchina utensile La pressione della concorrenza

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010

Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto. Torino, Centro Congressi Lingotto 14 15 aprile 2010 Evoluzione competitiva dei controlli in produzione nelle filiere dei mezzi di trasporto INDICI E PIANI DI PROCESS CAPABILITY Prof. Biagio Palumbo (Università di Napoli Federico II - Dipartimento Ingegneria

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

LIBRETTO D ISTRUZIONI

LIBRETTO D ISTRUZIONI I LIBRETTO D ISTRUZIONI APRICANCELLO SCORREVOLE ELETTROMECCANICO girri 130 VISTA IN SEZIONE DEL GRUPPO RIDUTTORE GIRRI 130 ELETTROMECCANICO PER CANCELLI SCORREVOLI COPERCHIO COFANO SUPPORTO COFANO SCATOLA

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane)

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane) ESEMPI DI BUONA PRASSI TEMA Sistema di Gestione per la Sicurezza TITOLO DELLA SOLUZIONE Pianificazione della Manutenzione, Utilizzo di Software dedicato e Formazione per Addetti Manutenzione AZIENDA/ORGANIZZAZIONE

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Working Process ai vertici della tecnologia

Working Process ai vertici della tecnologia ING.qxd 29-04-2013 15:54 Pagina 24 Working Process ai vertici della tecnologia Un produttore italiano porta ai massimi livelli la tecnologia della lavorazione del serramento. Working Process ci ha abituati

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Valvole di controllo. per ogni tipo di servizio

Valvole di controllo. per ogni tipo di servizio Valvole di controllo per ogni tipo di servizio v a l v o l e d i c o n t r o l l o Valvole di controllo per ogni tipo di servizio Spirax Sarco è in grado di fornire una gamma completa di valvole di controllo

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Valvola di strozzamento e non ritorno

Valvola di strozzamento e non ritorno Valvola di strozzamento e non ritorno RI 79/0.09 Sostituisce: 0.06 /6 Tipi MG e MK Grandezze nominali da 6 a 0 Serie X Pressione d'esercizio massima 5 bar Portata max. 400 l/min. K564- Sommario Indice

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt.

C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt. C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt.com www.cfritaly.com È vietata la riproduzione o la traduzione

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

proteggete il vostro investimento Soluzioni di assistenza Thermo Scientific per il controllo della temperatura

proteggete il vostro investimento Soluzioni di assistenza Thermo Scientific per il controllo della temperatura proteggete il vostro investimento Soluzioni di assistenza Thermo Scientific per il controllo della temperatura Servizio di assistenza Thermo Scientific per il controllo della temperatura ottenete il massimo

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Mediante il derating termico l inverter riduce la propria potenza per proteggere i propri componenti dal surriscaldamento. Il presente

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento Ing. GianPiero Pavirani Bologna, 21 Novembre 2012 Sommario 1. Le attività di manutenzione 2. La normativa di riferimento: 1. 2. 3. Istruzione

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE

QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE di: Luigi Tudico si! come tutti gli altri impianti, anche il sistema URTROPPO frigorifero può andare incontro a diversi tipi di inconvenienti,

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Facil, Arc Automazioni a braccio per cancelli a battente

Facil, Arc Automazioni a braccio per cancelli a battente ITA Automazioni a braccio per cancelli a battente TM Advanced entrance technology Facil - Arc La soluzione ideale per le situazioni complesse Semplicità e versatilità sono le parole che meglio descrivono

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli