Rapporto della ricerca in SUPSI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto della ricerca in SUPSI"

Transcript

1 Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Rapporto della ricerca in SUPSI Cinque anni di innovazione: bilancio, indirizzi strategici e prospettive per il futuro

2 Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Rapporto della ricerca in SUPSI Cinque anni di innovazione: bilancio, indirizzi strategici e prospettive per il futuro

3

4 Indice La ricerca in SUPSI Introduzione Riassunto di cinque anni di ricerca La ricerca nel contesto nazionale e internazionale I progetti di ricerca del periodo Asse 1 Ambiente costruito, risorse naturali e sicurezza Asse 2 Sistemi energetici Asse 3 Prodotti e processi innovativi Asse 4 Nuovi modelli imprenditoriali per lo sviluppo sostenibile del territorio Asse 5 Sistemi intelligenti per la conoscenza e la comunicazione Asse 6 Sistemi sociali e salute pubblica Asse 7 Il ruolo delle arti nella vita e nel benessere dei cittadini e nel territorio Asse 8 Sistemi educativi/formativi Nuove descrizioni degli assi di ricerca Asse 1 Ambiente costruito, risorse naturali e sicurezza Asse 2 Sistemi energetici Asse 3 Prodotti e processi innovativi Asse 4 Nuovi modelli imprenditoriali per lo sviluppo sostenibile del territorio Asse 5 Sistemi intelligenti per la conoscenza e la comunicazione Asse 6 Sistemi sociali e salute pubblica Asse 7 Il ruolo delle arti nella vita e nel benessere dei cittadini e nel territorio Asse 8 Sistemi educativi/formativi 249 Il futuro della ricerca in SUPSI: proiezioni e proposte

5 4

6 Saluto del Presidente A cura di Alberto Cotti Presidente del Consiglio SUPSI fino al Quando discutiamo di insegnamento e di formazione in aula, abbiamo tutti alle spalle per fortuna un esperienza personale e dunque sappiamo bene di che cosa stiamo parlando, anche se ognuno porta inevitabilmente con sé vissuti personali, spesso molto diversi da una persona all altra e di conseguenza anche carichi di emozioni, e percezioni diverse, che rendono non sempre facile il confronto e la ricerca di positive convergenze. Ma la base c è, se come minimo abbiamo passato tutti, almeno 16 o 17 anni nella scuola, dalla scuola dell infanzia alla fine della scolarità obbligatoria. La ricerca invece nell immaginario collettivo ha per forza di cose molti meno riferimenti, rimane spesso, purtroppo, un oggetto misterioso, perché pochi hanno avuto la fortuna di accedervi e sperimentare. Dunque compito di un istituzione universitaria che dedica moltissime risorse a questo compito (la SUPSI impiega oggi l equivalente di un centinaio di unità lavorative a tempo pieno, tra ricercatori e collaboratori scientifici) è anche quello di spiegare al vasto pubblico che cosa viene fatto, in questo particolare ambito, spesso con molta discrezione e silenzio. Ricercare, all interno di un mondo in costante e rapidissima evoluzione, in cui ci si muove sempre più in tempo reale e dove le tecnologie la fanno sempre più da padrone, significa a mio avviso analizzare porzioni di realtà interconnesse, problemi e situazioni che, nella loro complessità, caratterizzano il nostro tempo e la nostra realtà, nell intento di fornire spiegazioni e di dare anche mezzi e strumenti per migliorare l esistente. Per dirla molto semplicemente, il ricercatore in una Scuola universitaria professionale lavora in team con gli enti pubblici, le piccole e medie imprese, gli ospedali, le cliniche, le case per anziani, le scuole e chi ne ha più ne metta, per analizzare, capire, identificare problemi e possibili soluzioni, misure atte a crescere in qualità, il tutto con l obiettivo di rendere un servizio alla comunità. La presente pubblicazione, a mio modesto avviso di notevole livello per qualità, rigore e senso didattico, presenta il lavoro fatto in cinque intensi anni, in cui la ricerca in SUPSI è cresciuta in modo veramente impressionante, fino ad assumere oggi un ruolo importante, anche nella sua relazione con l insegnamento. In altri termini: più conosco la complessità e le particolarità del mondo in cui vivo, più capisco i rapporti di causaeffetto e dove si collocano i reali problemi, più sono credibile e in grado di insegnare con provata competenza e autorevolezza. La ricerca non è quindi solo un servizio al Paese e al territorio, ma è anche un fattore di crescita qualitativa per la SUPSI e oltretutto funge anche da stimolo a migliorare sempre, in ogni mandato istituzionale in cui operiamo. Più ricercatori sono in rete locale, nazionale e internazionale, più fanno squadra e più gli specifici saperi disciplinari vengono messi in comune, più sono in grado di fornire chiavi di lettura differenziate, pluridisciplinari e interdisciplinari, che ci aiutano a capire dove e come stiamo andando e quali saranno i fattori di riuscita di domani. Grazie a tutti per questo lavoro fondamentale, prezioso e il più delle volte anche lontano dai riflettori: la ricerca non fa spettacolo, ma è fondamentale. E scusate se è poco 5

7 6

8 Bilancio di 5 anni di ricerca in SUPSI La SUPSI si propone di accompagnare lo sviluppo del nostro Cantone nei molteplici ambiti disciplinari in cui è attiva, contribuendo a definire proattivamente risposte concrete alle complesse sfide con cui si trova confrontata la nostra società. A fianco della formazione, il mandato istituzionale della ricerca applicata costituisce un elemento determinante per il raggiungimento di questo fondamentale obiettivo. A cura di Franco Gervasoni Direttore generale della SUPSI Sin dalla sua costituzione la SUPSI è la scuola universitaria professionale svizzera con la maggiore intensità di ricerca, grazie originariamente all integrazione di attività pregresse presenti nel Cantone, successivamente all impegno e alla qualità dei nostri ricercatori e ricercatrici, che hanno saputo imporsi in un contesto sempre più competitivo e globale. Quando, nel 2008, abbiamo definito una nuova strategia per la nostra ricerca con lo spirito di valorizzare il patrimonio di esperienze e competenze che veniva ereditato dalla nuova direzione, non pensavo che saremmo riusciti nel lustro successivo a realizzare un volume e una varietà di progetti come quelli raccontati in questa pubblicazione. Testimonianza della nostra crescita molto significativa sia quantitativa, sia qualitativa in termini disciplinari e interdisciplinari, come pure della nostra capacità di declinare anche in questo ambito i nostri valori di concretezza, originalità, multidisciplinarità, partnership, internazionalità, territorialità e innovazione. Costruendo su queste solide basi, i miei principali auspici per il futuro sono quelli di riuscire a garantire condizioni quadro adeguate per lo sviluppo delle nostre attività, di aumentare ulteriormente la qualità della nostra azione in tutte le discipline, di profilare in modo ancora più chiaro gli indirizzi prioritari della nostra ricerca e di riuscire a comunicare in modo più esplicito l importanza e l utilità dell azione della SUPSI per la nostra regione. Solo così potremo mantenerci competitivi e continuare a svolgere fino in fondo il nostro ruolo a fianco dei nostri numerosi partner aziendali e istituzionali, incentivandoli a continuare a investire nella ricerca e nell innovazione, fattori chiave per nutrire la formazione di base e continua di attualizzati saperi e per accompagnare lo sviluppo futuro del nostro Cantone. Ringrazio molto sentitamente gli innumerevoli partner di progetto, nelle università svizzere e internazionali, come pure nelle istituzioni e aziende nel nostro territorio che hanno collaborato al nostro fianco in questi ultimi 5 anni. Ringrazio tutti i colleghi e le colleghe che hanno investito le loro energie, competenze e passione per raggiungere i risultati che, con fierezza, presentiamo in questa pubblicazione. A tutti auguro una stimolante lettura. 7

9 La ricerca in SUPSI 8

10 Introduzione La ricerca alla SUPSI è stata un elemento importante fin dalla nascita della Scuola. Uno dei motivi è dovuto al fatto che date le sue piccole dimensioni essa doveva mostrarsi molto attiva e competitiva per poter essere selezionata dagli enti finanziatori da una parte e dai partner di progetto dall altra. Giambattista Ravano Direttore della Ricerca e dell innovazione SUPSI Nella prima fase della sua vita, dal 1997 al 2003, la SUPSI si è affidata ai suoi ricercatori già esperti e affermati ed è quindi cresciuta in quelle direzioni dove esisteva già una cultura della ricerca consolidata. Gli istituti originari della SUPSI quali l Istituto di Scienze della Terra, l Istituto Dalle Molle di studi sull Intelligenza Artificiale, e l Istituto CIM della Svizzera italiana hanno trainato con i settori del controllo geologico del territorio, dell algoritmica avanzata, della produzione industriale e con progetti sul territorio locale fino al livello internazionale. In seguito le richieste dei partner esterni, che fossero aziende, altri istituti di ricerca partner, organizzazioni o enti, hanno naturalmente indirizzato alle loro necessità le specializzazioni; pur sempre però all interno dell insieme di campi e aree che avevamo deciso di perseguire. Da qui sono nati diversi altri settori identificati con i dipartimenti originati dalla riorganizzazione del 2003 e quindi dagli ambiti dell ambiente e delle costruzioni, della tecnologia ingegneristica, dell economia, il sociale e in seguito il sanitario. Una volta consolidati i dipartimenti (dal 2009 a oggi), una naturale esigenza ci ha portati a voler cooperare in modo multidisciplinare, anche per la natura dei problemi sempre più complessi e variegati e dalle attese di soluzioni complessive. La conoscenza reciproca tramite la frequentazione d incontri formali e informali, l istituzione di un gruppo di lavoro SUPSI sulla ricerca, lo sviluppo di progetti con molti partecipanti e la globale crescita quantitativa hanno dato luogo alla definizione di sette (poi otto con l inserimento del DFA) grandi (per estensione di contenuti) assi di ricerca che ci hanno accompagnato in molte attività di indirizzo strategico. L arrivo delle scuole affiliate ha arricchito sul piano dell arte e della formazione a distanza anche la ricerca. All interno della SUPSI si sviluppano con continuità una serie di aree e/o campi di attività che tracciano sia la complessità sia la varietà degli argomenti di ricerca. Gli assi di ricerca SUPSI elencati in seguito, non racchiudono tutte le attività di ricerca ma connotano le caratteristiche principali che ci identificano. - Ambiente costruito, risorse naturali e sicurezza - Sistemi energetici - Prodotti e processi innovativi - Nuovi modelli imprenditoriali per lo sviluppo sostenibile del territorio - Sistemi intelligenti per la conoscenza e la comunicazione - Sistemi sociali e salute pubblica - Il ruolo delle arti nella vita e nel benessere dei cittadini e nel territorio - Sistemi educativi/formativi Alcune brevi note sui dati e le figure presentate Nelle figure 1 e 2 alle pagine seguenti sono indicati tutti i ricavi della ricerca ottenuti annualmente dai dipartimenti della SUPSI. I dati raccolti negli altri grafici provengono dai dati contenuti nei progetti di ricerca, che abbiamo classificato nella relativa banca dati, e dalla loro affiliazione a un asse di ricerca principale o eventualmente secondario. Essi hanno l obiettivo di fornire soprattutto una visione qualitativa e di raffronto. Il contributo di CSI e STD va principalmente nell asse 7, quello della FFHS è chiaramente ascrivibile agli assi 4, 5 e 8 (come segnalato nelle figure 3 e 5). Evidentemente altri progetti, ora non classificati come appartenenti agli assi di ricerca, farebbero lievemente variare i volumi globali ma non cambiano nella sostanza l andamento dei contenuti principali della ricerca SUPSI. 9

11 Riassunto di cinque anni di ricerca Quantitativamente gli andamenti in cinque anni sono stati importanti passando da un volume globale di poco più di 10 milioni di ricavi da fonti competitive fino a superare i 18 milioni (figura 1). La declinazione nei dipartimenti di appartenenza mostra crescite soprattutto nella Tecnica in assoluto e nella Sanità in percentuale (figura 2). Da un punto di vista qualitativo è utile discutere lo sviluppo avuto in ciascun asse di ricerca. Ambiente costruito, risorse naturali e sicurezza All inizio del quinquennio quest asse di ricerca ha indirizzato e consolidato le attività di progetti di salvaguardia delle risorse idriche, mitigazione degli effetti dei cambiamenti climatici e dei pericoli naturali oltre che sul territorio del Cantone Ticino anche nelle cooperazioni nazionali e internazionali tra cui con paesi in via di sviluppo. Nell ambiente costruito ci si è occupati di riuso nel restauro e nell architettura e di evoluzione dei materiali, delle modalità di messa in opera e del loro degrado. Il profilo delle competenze ha consentito di incrementare le cooperazioni internazionali attorno al tema dei materiali non solo nell ambiente costruito ma anche nel settore dei trasporti e grazie all esistenza del laboratorio Dynamat che consente di studiare la dinamica dei materiali sottoposti a condizioni estreme. Con il ripetersi di fenomeni di instabilità del terreno il monitoraggio idrogeologico ha dato origine a progetti per individuare nuovi metodi e strumenti di acquisizione e sistemi previsionistici. L ambiente naturale e l ambiente costruito si caratterizzano per cambiamenti lenti e durevoli. Questa caratteristica apparentemente dimostra come investimenti in questi settori generino benefici nel lungo periodo e quindi con meno necessità di investire di continuo a breve termine Figura 1: Andamento Ricavi totali ricerca SUPSI assegnati negli anni senza contributi cantonali (in milioni di franchi, senza DFA e scuole affiliate)

12 Figura 2: Andamento Ricavi dipartimentali senza contributi cantonali (in milioni di franchi, senza DFA e scuole affiliate) DACD DSAN DSAS DTI Sistemi energetici Il laboratorio per la certificazione dei moduli fotovoltaici è stato realizzato nel corso di questi anni. Esso occupa più di 1000 mq in uno stabile a Lamone, è stato accreditato con successo secondo le norme ISO e ha iniziato un percorso importante nella ricerca applicata nel settore fotovoltaico. Percorso che negli anni lo ha portato a diventare di riferimento per le misure elettriche sui moduli fotovoltaici in Svizzera ma anche all estero. Esso è passato negli anni da laboratorio di servizio a laboratorio di ricerca e ora svolge la maggioranza della sua attività nella ricerca applicata. Contemporaneamente, con un accresciuta spinta negli ultimi anni, si sono sviluppati progetti nella mobilità sostenibile con particolare attenzione al consumo energetico (ma anche a tutte le conseguenze o premesse socio-culturali necessarie a promuovere diversi tipi di mobilità). Car-s haring, bike-sharing, veicoli elettrici, trasporto pubblico fanno parte di un sistema studiato e provato ed è attualmente argomento di approfondimento. Infine va fatto notare come la SUPSI si sia inserita bene nel contesto federale della ricerca in energetica, che ha stanziato crediti supplementari per sviluppare sette centri di competenza svizzeri. Efficienza, reti e componenti, stoccaggio, distribuzione, efficienza nella mobilità, energia da biomassa, aspetti economici, sociali, legali ed ecologici. La presenza dei nostri ricercatori è assicurata in ciascuna rete in parte con finanziamenti federali o fondi propri oltre che con progetti acquisiti su base competitiva. Il consumo energetico e le fonti di energia sono diventati un tema sempre più importante durante questi cinque anni, non solo per quanto riguarda la generazione e il trasporto ma anche per tutti gli aspetti di consumo che qualche anno fa erano considerati meno importanti. Un esempio è il consumo energetico nell ambito della produzione industriale sul quale è necessario porre l attenzione poiché il costo dei prodotti è sempre più influenzato dal costo dell energia per produrli. La ricerca applicata di conseguenza deve trovare nuove vie innovative per produrre con bassi consumi. Gli investimenti nell ambito dei sistemi energetici dimostrano come la SUPSI si sia mossa con sufficiente anticipo per entrare con solide competenze in alcuni dei campi strategici definiti dalla nuova politica energetica federale. Prodotti e processi innovativi Il quinquennio trascorso è stato per la produzione industriale un periodo estremamente difficile in quanto ha vissuto un calo importante in Europa e Nord America, accelerandone la deindustrializzazione e la relativa industrializzazione dei paesi emergenti. Questi fenomeni importanti di tendenza generale hanno avuto influenza anche nella ricerca applicata spingendo a cercare per le aziende europee nuovi prodotti più competitivi dal punto di vista di tecnologia avanzata e qualità. Anche in SUPSI, che prevalentemente si dedica alle aziende del Canton Ticino e della Svizzera, abbiamo sentito queste tendenze. Alcuni elementi indicativi sono i seguenti. 11

13 Figura 3: Raffigurazione schematica della trasversalità degli assi rispetto ai dipartimenti e alle scuole affiliate: la gradazione dei colori raffigura l intensità della ricerca I materiali per i prodotti devono avere caratteristiche qualitative e quantitative (leggerezza, robustezza, impermeabilità, adattamento alla manipolazione, ecc.) di sempre maggior livello. In questo senso diversi progetti hanno avuto il compito di trovare nuovi materiali più performanti sia nelle costruzioni meccaniche che nei prodotti d uso comune quali bottiglie, orologi, strutture negli elettrodomestici. L automazione e la meccanica beneficiano maggiormente delle capacità di miniaturizzazione e di precisione di movimento tipicamente sviluppata nelle aziende svizzere. Questo necessita sempre maggiore raffinatezza nelle simulazioni fisico-meccaniche e il conseguente adattamento degli strumenti informatici. Inoltre l algoritmica di controllo e adattamento si è sviluppata ulteriormente sia negli strumenti sia nei metodi. Anche la progettazione della produzione industriale sta evolvendo rapidamente e la SUPSI ha seguito con la costituzione di un nuovo Istituto di sistemi e tecnologie per la produzione sostenibile (ISTePS), nato da attività precedenti e in decisa espansione, caratterizzato da competenze in progettazione virtuale e automazione di processi. Un ambito applicativo da segnalare come elemento di sviluppo importante per tutta la SUPSI è quello del settore bio-medicale dove il prodotto è rappresentato da sistemi complessi costituiti da tecnologie informatiche, elettroniche e meccaniche di solito caratterizzate da performance molto elevate. Dopo i primi progetti dove gli aspetti ingegneristici curavano la manipolazione di parti vitali, medicinali e altri elementi utilizzati in medicina o cure sanitarie, siamo entrati in progetti più puramente bio-ingegneristici dove la distinzione tra ingegneria tradizionale e scienza della vita non è più così netta. Quindi ricerca e progettazione sono entrate anche in SUPSI nel campo di tessuti vivi, molecole e medicinali. Inoltre le stesse o simili competenze nell ambito bio-chimico sono necessarie per l ingegneria in campo ambientale che alla SUPSI si occupa specialmente di manipolazione e gestione di scarti, acque reflue e generalmente d inquinamento. L asse 3 si caratterizza per il volume cospicuo dei propri progetti. Si tratta di progetti con una forte valenza pre-competitiva che richiedono il coinvolgimento delle migliori competenze nazionali ed internazionali per l ottenimento dei finanziamenti. A cicli temporali in cui si viene svolta ricerca pre-competiva (volumi particolarmente alti) seguono cicli ove avviene il trasferimento di conoscenze a favore delle imprese mediante l avvio di progetti CTI (minori volumi con più progetti). Nuovi modelli imprenditoriali per lo sviluppo sostenibile del territorio L imprenditorialità non s insegna ma la si pratica. Così si sente spesso dire. Ed è in gran parte vero, anche se va detto che molte capacità si possono sviluppare facendo tesoro dell esperienza e sviluppando alcune conoscenze di base fondamentali. Nei cinque anni del periodo descritto il fatto più indicativo di questo ambito di ricerca è stata la costituzione del Centro di competenza Inno3 (che sta per innovazione, impresa e imprenditorialità). Direzione DACD DFA DSAN DSAS DTI FFHS STD CSI Ricerca Ambiente Sistemi energetici Prodotti e processi Modelli imprenditoriali Sistemi intelligenti Società e salute Arte e benessere Sistemi educativi IMC ISAAC IST LCV CC WASH CC Dynamat CCR CC CIRSE CSS CC DILS Area Ricerca CCA CC Diritto tributario CC Inno3 CC WeL ICIMSI IDSIA ISEA ISIN ISTePS Forschung und Entwicklung Ricerca Ricerca 12

14 Attorno a questa unità, non solo di ricerca ma anche di formazione continua e di base su questi temi, si sono sviluppati ricerche e servizi di consulenze sia per le imprese che per le istituzioni dello Stato, di comunità regionali o locali e altri. Uno sviluppo importante per il territorio quindi che ha ottimi ancoraggi internazionali, partecipando a studi e monitoraggi sulle questioni relative all imprenditorialità e all innovazione con partner europei. Questo tema come detto si presta in modo importante ad essere legato alle attività di formazione in quanto può essere un argomento privilegiato di attività progettuali adatte agli studenti nella fase terminale dei loro studi. Va quindi fatto notare che queste attività di ricerca e servizio si sono inserite in seguito nella formazione continua (MAS) e nella formazione base (Master consecutivi ma anche ultimi semestri del Bachelor), per gli studenti del ramo economico ma anche nell ingegneria. L imprenditorialità ha iniziato ad influenzare anche la formazione d ingegneri ed architetti (oltre che di economisti aziendali). Non è da escludere che sia dovuto al rapporto virtuoso tra ricerca, servizi e formazione. Le attività di servizio e consulenza sui nuovi modelli d impresa, così come altre iniziative, per esempio lo studio dei problemi legati alla successione nelle imprese, o la progettazione di nuovi distretti industriali regionali, hanno portato oltre ai necessari risultati verso i partner di progetto anche a proporre corsi di formazione continua che completano il ciclo di trasferimento di conoscenza. In questi 5 anni quindi l argomento dell innovazione nelle imprese e dei cambiamenti nel modo di fare impresa è diventato una competenza riconosciuta della SUPSI. Sia le istituzioni che i privati si indirizzano a noi e si attendono l aumento di competitività e soluzioni. Si nota come le tempistiche per questo settore, sicuramente innovativo, abbia avuto i propri tempi di maturazione per poi avviarsi al consolidamento a partire dal È importante sottolineare come soprattutto in questo asse culture diverse abbiano avuto modo di esprimersi condividendo appieno, verso la fine del periodo di osservazione, gli obiettivi comuni. Si tratta di un vero e proprio processo di mutuo apprendimento. Sistemi intelligenti per la conoscenza e la comunicazione Le tecnologie dell informazione e della comunicazione si sono sviluppate moltissimo, occupando sempre di più spazi nella vita quotidiana delle persone. Si vede bene nei nostri progetti come le applicazioni informatiche abbiano seguito la tendenza verso il mobile computing tra l altro fornendo supporto a categorie socio-economiche particolari. Per esempio diversi progetti si sono svolti nell ambito dell assistenza alle persone anziane o persone diversamente abili. Oppure in settori come quello del trasporto, della logistica e dell industria d intrattenimento. Da competenze molto verticali sulle tecnologie il ricercatore in ambito informatico sviluppa sempre di più una sensibilità multidisciplinare, interagendo con l operatore sanitario, l economista, l ingegnere civile, ecc. per trovare una soluzione funzionalmente adatta. Negli ultimi anni compare la tendenza a far precedere approfonditi studi di usabilità alla progettazione di un applicazione informatica. Anche i temi dell apprendimento automatico, dell ottimizzazione e della robotica a sciami, tipici dell intelligenza artificiale che caratterizzano la SUPSI a livello mondiale, si sono sviluppati molto in alcune direzioni applicative come per esempio l estrazione d informazione da grandi e complessi quantitativi di dati, in ambito finanziario o di gestione delle risorse naturali. Abbiamo quindi vissuto cinque anni in cui quest asse di ricerca si è sviluppato cooperando di più con i vari settori specialistici della SUPSI e diventando una sorta di tecnologia abilitante in particolare per gli assi che si occupano di socialità e sanità, energia e territorio. Talvolta il coordinamento di queste competenze non si è rivelato semplice, in quanto le necessità, anche puntuali, di competenze ICT possono essere realizzate in diversi modi: inserendo direttamente nel progetto persone dedicate oppure facendo capo ad unità specialistiche. Ad ogni modo è stata molto chiara la crescita soprattutto qualitativa che identifica ormai bene la capacità di realizzare progetti ad alto contenuto ICT. 13

15 Figura 4: Distribuzione percentuale di attività degli assi di ricerca nel 2009 Asse 1 Ambiente Asse 2 Sistemi energetici Asse 3 Prodotti e processi Asse 4 Modelli imprenditoriali Asse 5 Sistemi intelligenti Asse 6 Società e salute Asse 7 Arte e benessere Asse 8 Sistemi educativi Figura 5: Coinvolgimento in percentuale nel numero di progetti d asse DACD DFA DSAN DSAS DTI CSI STD FFHS 4.2% 40.4% 2.3% 5.7% 8.6% 1.7% 1.6% 35.5% Sistemi sociali e salute pubblica Pur appartenendo a due dipartimenti diversi, i temi della sanità e della socialità sono anche in SUPSI strettamente connessi. Fin dal 2009 quindi abbiamo deciso di far convergere gli sforzi dei ricercatori nel preparare le strategie, gli l indirizzi di progetto, e qualche specifico investimento. Nel 2009 il settore sanitario era comunque più giovane per presenza alla SUPSI. Quindi anche le attività di ricerca erano evidentemente ancora in costruzione. L inizio assieme al settore sociale ha dato impulsi interessanti in tutto l ambito delle competenze sociali, nelle cure sanitarie e di converso nei comportamenti sociali a causa delle cure sanitarie e della prevenzione. Il settore degli anziani era già ben presente. Le applicazioni tecnologiche in questo ambito hanno trovato ampio spazio di sviluppo sia nel vasto tema che lega l ambiente e le costruzioni al loro utilizzo alle persone sia in tutti i prodotti concepiti per il miglioramento della qualità della vita. Questo ha fatto nascere una serie di nuovi progetti alla cui guida stavano gli operatori sanitari (o sociali) e che pescavano abbondantemente le innovazioni tecniche o delle scienze esatte per apportare dei miglioramenti. L asse sistemi sociali e salute pubblica è cresciuto percentualmente in modo eccezionale, triplicando in 5 anni il volume dei progetti con una apertura di ambito applicativo molto vasta. Si è costituito nel 2011 il Centro competenza anziani (CCA) che è il punto di riferimento in Ticino, e sono nati diversi progetti nel campo dell ergo- e fisioterapia per nuovi prodotti di supporto ai pazienti. Ma la tecnologia sta entrando anche in maniera importante negli stili e modi di vita. Questo influenza anche la qualità sanitaria delle persone e quindi nuovi progetti e prodotti di tecnologie informatiche sono stati sviluppati guidati dai nuovi bisogni Ambiente (TOT. 38) Sistemi energetici (TOT. 18) Prodotti e processi (TOT. 99) Modelli imprenditoriali (TOT. 24) Sistemi intelligenti (TOT. 164) Società e salute (TOT. 51) Arte e benessere (TOT. 16) Sistemi educativi (TOT. 70) 14

16 Figura 6: Andamento annuale dei finanziamenti degli assi dal 2009 al 2013 (in milioni di franchi). Asse 1 Ambiente Asse 2 Sistemi energetici Asse 3 Prodotti e processi Asse 4 Modelli imprenditoriali Asse 5 Sistemi intelligenti Asse 6 Società e salute Asse 7 Arte e benessere Figura 7: Distribuzione secondo l asse di ricerca del Fondo per la ricerca SUPSI. Asse 1 Ambiente Asse 2 Sistemi energetici Asse 3 Prodotti e processi Asse 4 Modelli imprenditoriali Asse 5 Sistemi intelligenti Asse 6 Società e salute Asse 7 Arte e benessere Questo asse di ricerca ha influenzato in modo importante tutti i dipartimenti e le scuole affiliate della SUPSI, inclusi i settori dell arte e della formazione, anch esse spesso decisive per determinare la qualità di vita. Il ruolo delle arti nella vita e nel benessere dei cittadini e nel territorio Non è facile delineare una linea di ricerca in ambito artistico quando la stessa ricerca è una parola così differentemente interpretata dall arte rispetto agli altri campi disciplinari. L arte è essenzialmente un atto di creatività già di per sé e quindi potrebbe non distinguersi chiaramente l esercizio dell arte dalla ricerca sull arte. Un altro aspetto particolare è stato quello finanziario. Infatti le due principali scuole d arte alla SUPSI (Conservatorio della Svizzera Italiana e Scuola Teatro Dimitri) TOT sono sottoposte ad un regime di finanziamento diverso rispetto ai dipartimenti. Le attività di ricerca hanno quindi un volume minore anche percentualmente alle dimensioni. Essere però definiti in un asse di ricerca comune ha consentito loro di sviluppare iniziative in cui musica, teatro e cultura visiva si sono reciprocamente contaminate. Evidentemente ciascuno dei tre ambiti ha mantenuto le sue specificità. Si sono sviluppati il design dei prodotti industriali e delle interfacce uomo-macchina. La ricerca di nuove forme di espressione teatrale non parlate, con forti contatti internazionali, ha consentito nuovi sbocchi al Teatro. In ambito musicale il Conservatorio ha potuto ospitare diverse iniziative d intermediazione culturale attraverso la musica, studiandone anche l interazione tra pubblico e artisti e la percezione della performance. Tra le varie iniziative va segnalato il MAS in Research Methods in the Arts, un programma volto alla formazione di giovani ricercatori alla pratica artistica. Un iniziativa lungimirante e innovativa che certamente darà nuovo impulso alla ricerca in generale e in particolare alla ricerca artistica. La ricerca nel mondo delle arti è sicuramente una sfida per la SUPSI e le scuole affiliate. Una sfida che è stata accettata con successo grazie all apertura della SUPSI. Nel mondo dell arte e dell interpretazione la ricerca scientifica è sicuramente una sfida che questo asse ha saputo compitamente raccogliere in tempi ragionevolmente brevi considerando la natura olistica della sfida. 15

17 Sistemi educativi/formativi Sia l Alta Scuola Pedagogica, che precede nella SUPSI il Dipartimento formazione e apprendimento, che quest ultimo hanno giocato un ruolo determinante nell accompagnare la Scuola ticinese. Questo ha significato studiare a fondo i modelli formativi, la situazione nella nostra regione, e sviluppare proposte di adattamento e miglioramento; un ruolo all inizio assicurato dal Centro innovazione e ricerca sui sistemi educativi del Dipartimento formazione e apprendimento (DFA). La ricerca aveva dato e dà un importante sostegno al Cantone Ticino dal quale riceve un significativo finanziamento. Inoltre su molti temi caratteristici della Svizzera italiana (per esempio tutto ciò che riguarda la cultura italiana stessa nella scuola) si è sviluppata una ricerca finanziata anche da fondi competitivi come quelli assicurati dal Fondo nazionale. Mentre le attività multidisciplinari degli altri assi di ricerca si sviluppavano, il DFA si consolidava come Dipartimento e alla fine di questo periodo ha delineato il profilo che permetterà di condividere molti aspetti anche esistenti in altre attività della ricerca della SUPSI. Questo profilo è descritto nel capitolo relativo all asse Sistemi educativi/ formativi. La formazione di base e la formazione continua sono per una società evoluta e benestante aspetti da coltivare con attenzione onde evitare il rapido decadimento. Sia i giovani che gli adulti nel pieno della propria attività lavorativa dovranno maturare la capacità di apprendere rapidamente e sviluppare capacità creative che nascono dall analisi critica della realtà. Gli investimenti in questo asse rappresentano bene la raccolta della sfida fondamentale. Interessante è valutare quanto si è raccolto in finanziamenti anno per anno (figura 6) rispetto al volume svolto (totale in figura 1). Si noti che i finanziamenti ottenuti spesso si utilizzano su più anni. È quindi comprensibile come nel 2009, anno di notevole successo nell acquisizione, siano seguiti anni con meno acquisizioni, anche se il volume di attività in quell anno è cresciuto. Il fatto che il 2013 sia anche un anno con molti finanziamenti ottenuti lascia intuire che un progresso nel volume nell anno 2014 sarà probabile. La SUPSI ha dedicato un fondo strategico per progetti che permettevano: a) di incrementare le conoscenze nei vari assi di ricerca o nei loro campi strategici riconosciuti; b) di preparare progetti per ottenere fondi competitivi; c) di scegliere un tema particolare (inerente ma non specificatamente indicato negli assi) e incrementare le competenze. I tre meccanismi sono stati utilizzati investendo fino ad ora franchi ripartiti in modo abbastanza relazionato alle forze e competenze in campo (figura 7). Si può dire che la relazione tra supporto del Fondo per la ricerca SUPSI e nuovi progetti è stata rispettata quasi sempre, dimostrando che un uso attento di fondi strategici può far crescere le attività oltre il finanziamento interno stesso. Nella tipologia c) abbiamo voluto impegnare la SUPSI sul tema della mobilità e dei trasporti. In questo ambito ci attendiamo ancora risultati nel futuro. Conclusione I volumi di attività di ciascun asse di ricerca seguono in parte il dipartimento che ha svolto la ricerca e quindi è comprensibile come gli assi 3 e 5 siano in modo evidente i più ricchi in termini di progetti e attività (vedi figura 4). La cultura multidisciplinare non è comunque indistinguibile ma inizia a farsi notare osservando le cooperazioni dei Dipartimenti agli assi stessi (figura 3 e 5). 16

18 La ricerca nel contesto nazionale e internazionale Figura 8: Percentuale dei costi totali nelle SUP divisi per ambito (dati SEFRI 2012). Architettura, costruzioni e pianificazione del territorio Tecnica e tecnologia dell informazione Chimica e scienze della vita 2.7% Economia agricola e forestale Economia e servizi Design Musica, teatro e discipline artistiche Linguistica applicata Lavoro sociale Psicologia applicata Sanità Figura 9: Percentuali dei costi totali SUPSI divisi per ambito (dati SEFRI 2013). Architettura, costruzioni e pianificazione del territorio Tecnica e tecnologia dell informazione Economia e servizi Design Musica, teatro e discipline artistiche Lavoro sociale Sanità 0.5% 6.1% 13.2% 1.2% 2.4% 4.9% 57.1% 3.3% Contesto nazionale La SUPSI si inserisce in modo completamente armonico nel panorama svizzero delle SUP anche per quanto riguarda le attività di ricerca (vedi figure 8 e 9). La sua particolarità distintiva, in termini generali, è legata al fatto che la quantità di ricerca in termini percentuali è sempre stata molto più alta che nelle altre SUP (fino ad un 30% del volume totale di attività). Questo è dovuto a diversi fattori. Il più importante dei quali è legato al concetto di massa critica minima necessaria per un attività di ricerca di successo. 6.1% 1.5% 5.3% 5.1% 10.9% 6.8% 9.0% 43.3% 20.5% Dovendola sviluppare in SUPSI si sono raggiunti volumi attorno ai CHF 25 mio all anno che data la vastità dei campi delle SUP sono il minimo per potersi affermare a livello nazionale. La SUPSI non svolge attività negli ambiti disciplinari della chimica e scienza della vita, dell economia agricola e forestale, della linguistica applicata, della psicologia applicata e dello sport. Per tutti gli altri settori la SUPSI segue bene lo sviluppo e la situazione esistente nelle altre SUP. Tecnica e tecnologia dell informazione sono percentualmente l ambito più vasto di attività, seguite da architettura, costruzioni e pianificazione del territorio e via via dagli altri campi. Sempre in termini di volumi è il settore dell economia e dei servizi che invece è più piccolo (vedi figure 10 e 11). Le attività concernenti l energia e la scienza dei materiali sono spesso inserite alla SUPSI nell ambito delle costruzioni poiché hanno forti declinazioni in ingegneria civile e nel controllo del territorio. Questo ci distingue rispetto alle altre Scuole nella tipologia di classificazione e quindi nelle relative statistiche. Sulle dimensioni globali l ambito Tecnica e tecnologia dell informazione conta per il 10% di tutta la ricerca Svizzera in questo campo e il settore costruzioni addirittura per il 25%. Quando la SUPSI iscrive invece solo il 3,5% degli studenti SUP in Svizzera. Ancora più indicativa di una dinamica molto orientata alle collaborazioni è la quota dei progetti ottenuti da fondi europei che nell ultimo anno è stata del 26% di tutti i progetti in Svizzera. Infine, volendo rimarcare qualche differenza, i mandati diretti dalle imprese sembrano essere percentualmente minori in Ticino. Dal punto di vista qualitativo la partecipazione della SUPSI a consorzi di ricerca o cooperazioni bilaterali con le altre SUP, la concorrenza diretta tra SUP stesse per ottenere un partner industriale e finanziamenti e infine il confronto costante tra ricercatori svizzeri ci garantiscono un posizionamento qualitativo sicuramente nella media. Con punte di eccellenza in alcuni capitoli in tutti gli assi di ricerca. 17

19 Figura 10: Fondi SUP ricavati da terzi e competitivi suddivisi per ambito (dati SEFRI 2012, in mio). Fondi di terzi Fondi CTI Fondi UE e altri programmi di ricerca internazionale Fondi FNS Altri fondi federali Si può dire quindi che la SUPSI ha fatto delle scelte o rispettivamente che la competizione ha costretto la SUPSI a fare delle scelte, facendo emergere in ciascun asse di ricerca e dipartimento dei temi di rilevanza almeno nazionale. Per un evidenza di quali siano si rimanda in questa pubblicazione ai progetti descritti nei capitoli successivi. Contesto internazionale Nel rapporto con le altre nazioni, la SUPSI si è confrontata spesso con realtà anche distanti e paesi culturalmente assai differenti a iniziare da Cina, Sudafrica, Stati Uniti, Paesi Arabi; ma evidentemente si ritrova confrontata continuamente con gli altri paesi europei. È quindi in particolare sull Europa che si concentrano le osservazioni successive. Le differenze e i punti in comune con il mondo universitario europeo vanno viste nell ottica anche delle differenze tra università tradizionali e scuole universitarie profes- sionali. Sappiamo che in questo secondo tipo di università siamo in compagnia di nazioni quali Austria, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Norvegia, Lituania, Olanda, Portogallo e Svezia. A parte la Germania e l Olanda le dimensioni delle realtà SUP nelle altre nazioni sono simili. In generale in tutti questi paesi esiste un secondo ciclo (Master) e non esiste il terzo ciclo (Dottorato). Per tutti quindi l interazione tra formazione e ricerca avviene più a livello di Master che di Dottorato. Le definizioni di attività di ricerca sono molto variate, in alcune nazioni addirittura inesistenti. Dove esiste questa attività, dovunque si indica l orientamento alla pratica, alla progettazione, al trasferimento tecnologico e alle ricadute sull innovazione pratiche. La posizione della SUPSI a livello europeo quindi trova delle analogie, e come vedremo è comunque privilegiata poiché dispone di un chiaro mandato federale per eseguire ricerca applicata Architettura, costruzioni e pianificazione del territorio Chimica e scienze della vita Design Sanità Economia agricola e forestale Linguistica applicata Musica, teatro e discipline artistiche Psicologia applicata Lavoro sociale Tecnica e tecnologie dell informazione Economia e Servizi

20 In particolare deve contribuire a sviluppare innovazione a livello regionale ma con competenze allo stato dell arte a livello internazionale, ha un focus sulle piccole medie imprese (PMI) o su partner di progetto istituzionali, ha una rilevanza sull educazione professionale e sulla pratica professionale. Una grossa differenza tra il contesto europeo e il contesto svizzero è però la dimensione globale del settore universitario tradizionale rispetto a quello professionale. In Svizzera i due contesti sono di dimensioni simili, in Europa invece è molto prevalente quello universitario. Possiamo quindi già raggiungere una prima conclusione che permette di capire la numerosità dei progetti europei della SUPSI: La pur piccola dimensione della Scuola contiene realtà sufficientemente specializzate e concentrate da riuscire a competere a livello europeo grazie al mandato e al posizionamento in Svizzera. Un fattore molto importante è determinato dai sistemi di finanziamento che sono di solito di tre tipi. In un caso la ricerca è finanziata con una base destinata all istituzione. Poiché in Europa le SUP sono considerate istituzioni d insegnamento il finanziamento di base è solitamente mancante o molto limitato. In Svizzera e quindi anche alla SUPSI si dispone di fondi di compensazione fino al 30% del totale dei ricavi, questo pone la nostra scuola in una posizione di vantaggio nei confronti delle Scuole europee. Un altro gruppo di finanziamenti è costituito da agenzie di ricerca pubbliche che mettono a concorso fondi a base competitiva e su argomenti specifici. Generalmente questi fondi sono accessibili anche alle università o a istituzioni private. In questo caso la Svizzera ha anche una situazione particolarmente positiva poiché esistono alcune Nazioni europee dove le SUP sono escluse (per esempio Finlandia e Danimarca). Mentre invece è noto come in Svizzera esista la commissione tecnologia e innovazione (CTI) che finanzia progetti di ricerca applicata in modo specifico. Dall altra parte altri paesi come l Irlanda hanno strumenti simili e i programmi quadro di ricerca europei si stanno orientando sempre di più verso la ricerca applicata. Raramente, e così anche in Svizzera, le posizioni di professore sono finanziate anche per fare ricerca (un caso speciale è l Olanda). In questo senso la Svizzera si pone come la maggioranza degli altri paesi ed è per questo che le SUP accedono solo con grande difficoltà a programmi dove i professori devono essere già finanziati dall istituzione, come il Fondo nazionale svizzero. Il terzo canale di finanziamento della ricerca è costituito da mandati e contratti di aziende private o agenzie pubbliche che finanziano direttamente. Per le SUP questo è un canale importantissimo poiché riconoscere valore applicativo significa di fatto valorizzare prodotti e servizi commercializzabili. Il migliore indicatore di competitività e qualità si misura con la richiesta del mercato. Caso più evidente di questo tipo di finanziamento si registra in Germania dove il 75% del budget della ricerca è finanziato in modo diretto. In Svizzera invece è solo l 8%. La spiegazione è probabilmente dovuta al seguente fatto. La Svizzera non ha programmi di finanziamento dell innovazione direttamente sulle imprese, cosa che invece avviene in altri paesi e a livello di Unione Europea. Di conseguenza sono i finanziamenti degli enti federali preposti alla ricerca che fungono da finanziamento indiretto alle imprese, creando i presupposti per innovare con nuovi prodotti e processi sviluppati nelle SUP. 19

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it Vivi un mondo accessibile con Abiliatour www.abiliatour.it Che cos è Abiliatour O.N.L.U.S. L Associazione Abiliatour O.N.L.U.S. ha come scopo principale l assistenza e l aiuto alle persone disabili e alle

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli