RELAZIONE ANNUALE SULLE ATTIVITA SVOLTE NELL ANNO 2012, NECESSARIA AI FINI DEL MANTENIMENTO DEL RICONOSCIMENTO DI IDONEITÀ DELL ONG FOCSIV VOLONTARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE ANNUALE SULLE ATTIVITA SVOLTE NELL ANNO 2012, NECESSARIA AI FINI DEL MANTENIMENTO DEL RICONOSCIMENTO DI IDONEITÀ DELL ONG FOCSIV VOLONTARI"

Transcript

1 RELAZIONE ANNUALE SULLE ATTIVITA SVOLTE NELL ANNO 2012, NECESSARIA AI FINI DEL MANTENIMENTO DEL RICONOSCIMENTO DI IDONEITÀ DELL ONG FOCSIV VOLONTARI NEL MONDO AD OPERARE NEL CAMPO DELLA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO AI SENSI DELL ART. 28 DELLA LEGGE N. 49/1987

2 RELAZIONE ATTIVITA 2012

3 Parte I: Informazioni Generali. Provvedimento di riconoscimento di idoneità N 1988/128/004154/4 DEL 14/09/1988 Acronimo e denominazione dell ONG Focsiv Sede legale Via S. Francesco di Sales, Roma Sede operativa Via S. Francesco di Sales, Roma Altre sedi Codice fiscale/partita IVA Tel./Fax Sito Web e indirizzo Rappresentante Legale Gianfranco Cattai Soci 65 ONG FEDERATE Personale in servizio 24 Eventuale federazione di ONG cui appartiene l Ente Parte II: Elementi principali del bilancio relativo all anno cui la relazione fa riferimento. Anno 2012 Anno 2011 Anno 2010 Proventi totali/ Ricavi di cui, provenienti da enti pubblici 1, anche sovrannazionali (in valore ed in percentuale sul totale dei ricavi) % % % - di cui, provenienti da soggetti diversi da enti pubblici 2 (in valore ed in percentuale sul totale dei ricavi) % % % - di cui, provenienti da attività commerciali (in valore) 1 Es. Stato, Regioni, Enti Locali, Unione Europea, Organizzazioni Internazionali etc 2 Es. Contributi da enti o soggetti privati, 5x1000, quote associative,fundraising, attività commerciali etc.

4 Anno 2012 Anno 2011 Anno 2010 Attività nette Patrimonio netto Risultato netto della gestione (avanzo/disavanzo) Anno 2012 Anno 2011 Anno 2010 Progetti realizzati (in numero) N 22 N 23 N 26 Progetti realizzati (in valore) Modalità di riconciliazione (del costo sostenuto per i progetti realizzati) con il bilancio Conto economico: oneri progetti Conto patrimoniale: anticipazioni somma Parte III: Informazioni relative al funzionamento dell ONG Data assemblea ordinaria 11-12/05/2013 Data approvazione bilancio 12/05/2013 Presenza di relazione del revisore 5 (specificare se la relazione è conforme al documento del CNDCEC) SI Presenza di rilievi nella relazione del revisore NO Ultima dichiarazione dei redditi presentata (specificare modello e data di presentazione) 3 Cfr. Artt e sgg. del Codice Civile 4. Scrivere la somma dei costi sostenuti per i progetti di cooperazione allo sviluppo (sia finanziati dal MAE sia finanziati da altri enti). I1 dato deve riferirsi all'ammontare del costo per I'annualità di riferimento. 5 I1 revisore pub essere anche interno alla ONG purchè sia iscritto all'albo dei dottori commerciasti e revisori contabili. Cfr. Punto 4.8 delle Procedure DGCS per il riconoscimento di idoneità delle ONG.

5 INDICE STRUTTURA ISTITUZIONALE 6 ORGANI POLITICI.. 6 RELAZIONI INTERNAZIONALI. 9 Ufficio POLITICHE PER LO SVILUPPO ATTIVITA ESTERO.. 14 Ufficio VOLONTARIATO.. 14 Servizio Civile.. 21 Scuola di politica internazionale cooperazione e sviluppo.. 27 Ufficio PROGRAMMI. 31 ATTIVITA ITALIA.. 47 Ufficio COMUNICAZIONE. 50 Ufficio RACCOLTA FONDI.. 81

6 STRUTTURA ISTITUZIONALE 1. ORGANI POLITICI L anno sociale 2012 ha visto FOCSIV - Volontari nel mondo impegnata nelle celebrazioni del 40 anniversario, che ha visto il coinvolgimento su tutto il territorio degli Organismi Soci, nel lavoro di allargamento della compagine federativa e nel cammino di rafforzamento della condivisione di obiettivi, azioni e percorsi comuni degli Organismi soci. Questo percorso è stato scandito e arricchito da momenti di confronto e di dibattito con gli Organismi federati. Il 2012 è stato un anno molto intenso per quanto attiene i cambiamenti negli Organi Politici. In primo luogo le cariche di Presidente e Vicepresidente, decadute a norma dello statuto modificato nel 2011, hanno dovuto sottoporsi a un nuovo scrutinio assembleare che ha visto la conferma di Gianfranco Cattai e Nives Degrassi nel corso dell assemblea del 20 maggio. Inoltre, anche la composizione del Consiglio Nazionale è cambiata in seguito alle dimissioni di Roberto Rambaldi (Fondazione Don Gnocchi) e alla sostituzione di Attilio Ascani (CVM), che ha assunto l incarico di Direttore Generale. Nel corso dell assemblea del 20 maggio sono stati eletti come Consiglieri, Paolo Daghero (ENGIM), il primo dei non eletti nella Circoscrizione centro e Umberto Salvi (CISV). Sul versante della compagine associativa, la Federazione nel corso del 2012 ha proseguito nella valutazione delle numerose richieste di adesione di altri Organismi, cammino che si è positivamente concluso per la Cooperativa KABIA di Bari, Fondazione Serio di Praia a Mare e Movimento SHALOM di San Miniato, divenute Osservatori permanenti nel corso dell Assemblea del 2 dicembre. Nella stessa Assemblea del 2 dicembre, l Osservatore permanente Fondazione Fontana è stata ammessa come Socio effettivo alla Federazione. Le nuove adesioni e le dismissioni di ACAV, AES, UMMI, Salute e Sviluppo, Senza Confini e UCSEI hanno portato così a 62 il numero degli Organismi federati. Sempre sul fronte interno il 2012 ha visto la nascita del Gruppo Europa allo scopo di valutare i significativi cambiamenti in atto nelle istituzioni della UE e condividere la necessità di attivare nuove modalità operative. L obiettivo attuale è di attivare un percorso di formazione funzionale al miglioramento del posizionamento degli Organismi aderenti al gruppo presso le istituzioni europee non sottovalutando l importanza di intraprendere azioni di lobbying e advocacy tese ad incidere sulla definizione delle policy comunitarie in materia di politica estera e, in particolare, di cooperazione allo sviluppo. Infine nel corso dell assemblea del 1 dicembre, gli Organismi Soci hanno approvato alcune modifiche statutarie allo scopo di procedere con la richiesta per l ottenimento della personalità giuridica. Il 2012 è stato un anno che ha visto la FOCSIV impegnata: Celebrazioni per il 40 : nel corso del 2012 si sono tenuti su tutto il territorio nazionale seminari, incontri e dibattiti organizzati dagli Organismi Soci, con il supporto del Segretariato. Incontri, seminari e tavole rotonde per approfondire il tema dello sviluppo umano nel nostro tempo, quello della fraternità, dei diritti e dei doveri, alla luce della Caritas in Veritate. Cooperazione e lavoro, missionarietà, immigrazione, giovani, economia, sovranità alimentare e custodia del creato sono i temi principali su cui gli Organismi federati si sono interrogati proponendo risposte concrete e originali. Udienza dal Papa: in occasione del 40 anniversario della FOCSIV, una delegazione di 150 persone composta dai rappresentanti degli Organismi Soci, è stata ricevuta in udienza dal Santo Padre, sabato 19 maggio presso la Sala Paolo VI in Vaticano. 6

7 Giornata Mondiale del Volontariato: in occasione della Giornata Mondiale del Volontariato indetta dalle Nazioni Unite, il 1 dicembre FOCSIV - Volontari nel mondo ha promosso la XIX edizione del Premio del Volontariato Internazionale, un riconoscimento che come di consueto il Presidente della Repubblica dona alla FOCSIV per premiare uno o più volontari che si sono distinti in modo particolare per il loro impegno accanto alle popolazioni povere del Sud del mondo. L evento istituzionale celebrativo, tenutosi a Roma nella mattinata del 1 dicembre presso la Sala degli Arazzi della sede RAI di Viale Mazzini, ha visto la partecipazione al dibattito di Felice Rizzi, già Presidente FOCSIV e titolare della Cattedra UNESCO dell Università degli Studi di Bergamo; Andrea Olivero, Presidente ACLI e portavoce del Forum del Terzo Settore; Jose Angel Oropeza, Direttore dell Ufficio di Coordinamento per il Mediterraneo dell OIM - Organizzazione Internazionale per le Migrazioni. Il riconoscimento è stato assegnato a Mauro Platè, da tre anni in Albania a Scutari con il Socio FOCSIV, IPSIA (Istituto Pace Sviluppo Innovazione Acli), impegnato nel progetto cofinanziato dal Ministero degli Affari Esteri "Riconoscimento e Formazione per i Migranti Rientrati nel Nord dell'albania". Nel corso del 2012 i rapporti con la stampa nazionale e il consolidamento delle relazioni con le principali reti radio - televisive a copertura nazionale hanno consentito la ripresa delle problematiche e delle tematiche per le quali la FOCSIV ha continuato a lavorare sul piano della lobbying istituzionale e della sensibilizzazione della opinione pubblica italiana. Tra le principali campagne di lobbying a rilevanza nazionale a cui la FOCSIV ha partecipato e che conduce nei confronti di istituzioni civili e religiose ed in alleanza con altre reti e coordinamenti nazionali, ricordiamo: - Comitato promotore del referendum "acqua pubblica"; - Campagna FAO 1 billion hungry ; - Campagna Target 2015 sugli obiettivi di sviluppo del Millennio I poveri non possono aspettare ; - Comitato Promotore Voler bene all Italia giornata di festa dei e per i piccoli comuni organizzata da LEGAMBIENTE; - Campagna internazionale FOCSIV/CIDSE Crea un clima di giustizia. La Campagna fa parte del più ampio contesto della Campagna Internazionale Poverty and Climate justice promossa sia dalla CIDSE (la rete delle agenzie di sviluppo della Chiesa cattolica in Europa e Nord America di cui FOCSIV è il membro italiano) che Caritas Internationalis e che la FOCSIV porta avanti come membro italiano con lo scopo di approfondire il concetto di sviluppo sostenibile di cui la questione ambientale è un aspetto determinante, in modo tale che tutti i popoli della terra possano godere, oggi e nel futuro, delle risorse naturali. - Campagna internazionale FOCSIV 2008 con le Nazioni Unite per un Impresa Umana, in occasione del 60 Anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell Uomo - Campagna internazionale FOCSIV/CIDSE Make aid work nata con l obiettivo di chiedere agli otto grandi di rispettare gli impegni assunti per la lotta alla povertà; - Campagna FOCSIV/CARITAS Prima che sia troppo tardi ; - Campagna No dumping sui temi relativi al commercio internazionale in ambito nazionale e internazionale; - Campagna Italiana per la Sovranità alimentare realizzata nell'ambito del Comitato Italiano per la Sovranità Alimentare; - GLOBAL CALL TO ACTION AGAINST POVERTY, la partecipazione della FOCSIV alla GCAP continua a realizzarsi attraverso la partecipazione diretta della CIDSE al comitato di coordinamento della Global Call. Inoltre la Federazione fa parte delle associazioni promotrici della Global Call in Italia e della costituzione della Coalizione Italiana contro la povertà; - Coalizione LIBERI DA OGM che ha voluto coinvolgere l intera comunità in una consultazione pubblica e in una interlocuzione con le istituzioni per il riconoscimento dell Italia come paese OGM free; - Campagna Un futuro senza atomiche per dichiarare l Italia Paese libero da armi nucleari; - Campagna Stop all uso dei bambini soldato ; - la campagna Control arms che ha la finalità di rafforzare i vincoli all import-export per la trasparenza e rintracciabilità delle armi garantendo un più incisivo controllo sul commercio delle armi leggere; - la campagna Global March contro lo sfruttamento del lavoro minorile; - la promozione e adesione a campagne interassociative nazionali ed internazionali, volte a fare lobbying sulle principali Istituzioni per il perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio. RAPPORTI CON LE ISTITUZIONI Nel corso del 2012 la FOCSIV ha continuato ad avere un ruolo di interlocutore con le istituzioni rappresentando il mondo del volontariato di ispirazione cristiana in varie occasioni di confronto e 7

8 rafforzando i rapporti di collaborazione con diverse sedi istituzionali del Parlamento e del Governo. In particolare, oltre alla consolidata interlocuzione con il Ministero Affari Esteri, vanno ricordate le intensificate collaborazioni con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. L intenso impegno della Federazione in tale direzione ha coinvolto diverse sedi di dibattito e generato importanti occasioni di interlocuzione, grazie anche alla partecipazione attiva alle reti e coordinamenti delle diverse organizzazioni della società civile. RAPPORTI CON LA CHIESA La FOCSIV nel corso del 2012 è stata ancora una volta impegnata nel rafforzamento della funzione di rappresentanza del volontariato di ispirazione cristiana attraverso un intensa attività di collaborazione con la Conferenza Episcopale Italiana. In particolare: il Presidente FOCSIV è membro della Giunta Missionaria Nazionale e partecipa al Consiglio Missionario Nazionale della CEI; la FOCSIV è membro del Comitato Esecutivo Europeo della Commissione Giustizia e Pace della CEI; la FOCSIV è membro del Direttivo di Retinopera; il Presidente FOCSIV è membro del Tavolo sul debito della CEI, nato in seguito alla chiusura della Fondazione Giustizia e Solidarietà; la FOCSIV è membro della Consulta Nazionale dell Ufficio Nazionale per i Problemi Sociali e il Lavoro; la FOCSIV è membro del Gruppo Etica e Finanza; la FOCSIV è membro del Tavolo Ecclesiale del Terzo Settore; la FOCSIV ha partecipato ad alcuni incontri del Gruppo Salvaguardia del Creato; la FOCSIV è membro del Tavolo Interassociativo Scuola; la FOCSIV è membro del Tavolo Ecclesiale del Servizio Civile; la FOCSIV collabora costantemente con la direzione del CUM (Centro Unitario Missionario) in particolare per gli aspetti formativi. Dal 2005 è stato realizzato in partenariato con il CUM un corso di formazione comune per candidati volontari in partenza per i Paesi in Via di Sviluppo; il Presidente FOCSIV partecipa al Comitato per gli interventi Caritativi a favore del Terzo Mondo; la FOCSIV gestisce una convenzione con gli Istituti e le Congregazioni Missionarie per l invio e la gestione di personale volontario nei PVS; la FOCSIV è membro del Tavolo romano del Forum delle ONG Cattoliche; la FOCSIV partecipa agli incontri dei diversi Uffici della CEI e Consulte diocesane. RAPPORTI CON L ASSOCIAZIONISMO Con riferimento al mondo associativo, nel 2012 la FOCSIV è stata impegnata sia a livello nazionale che internazionale in particolare: garantisce la Presidenza della Associazione delle ONG italiane con il suo Presidente; partecipa nella persona del Presidente al Consiglio Nazionale della Associazione ONG italiane; è membro della GCAP (Coalizione Italiana Contro la Povertà) è, nella persona del suo Presidente, membro del Coordinamento Nazionale del Forum Permanente del Terzo Settore; è cofondatore insieme a CGM e CTM-Altromercato della fondazione SOLIDARETE; è membro del Consiglio Direttivo della Tavola della Pace; è membro della Conferenza Nazionale degli Enti di Servizio Civile (CNESC); fa parte del Comitato Editoriale del Settimanale Vita; è socio di Banca Etica; è socio fondatore del Consorzio Transfair Italia; fa parte della Siscos, Cooperativa di servizi per la copertura assicurativa dei volontari e cooperanti; è membro del Comitato Direttivo di Sdebitarsi; è membro del Centro Nazionale del Volontariato; è membro di CONCORD; è membro della CIDSE a cui partecipa attraverso le riunioni del Comitato dei Direttori, delle Piattaforme e dei Gruppi Paese; è membro di FORUM; la FOCSIV possiede, dal 2004, lo status consultivo presso l ECOSOC; la FOCSIV nel 2010 ha ottenuto lo status di Osservatore presso Organizzazione Internazionale per le Migrazioni. 8

9 2. RELAZIONI INTERNAZIONALI Attività: Le relazioni esterne e di policy della federazione FOCSIV, sia a livello europeo che a livello internazionale, si sono concretizzate nel corso del 2012 principalmente nell attività di rappresentanza, lobby ed advocacy ai principali appuntamenti internazionali, nell attiva partecipazione ai lavori delle reti delle quali è membro e quindi come anello di congiunzione tra le diverse realtà internazionali e i propri membri associati, attraverso attività di informazione, sensibilizzazione e riflessione, con riferimento alle principali questioni di policy della cooperazione allo sviluppo. I principali temi di policy e relazioni internazionali hanno riguardato lo sviluppo sostenibile e la sicurezza alimentare avendo come prospettiva il nuovo impegno della comunità internazionale per andare oltre gli obiettivi del millennio, Beyond 2015, la nuova programmazione della cooperazione europea, il tentativo di riforma della cooperazione italiana. Tra i principali eventi internazionali del 201e ai quali la Federazione ha partecipato vi sono infatti: - la Conferenza Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile, Rio + 20 (Rio de Janeiro, ) - il 38 Comitato Mondiale per la Sicurezza Alimentare, CFS FAO (15/ ) - il Forum della cooperazione italiana a Milano. Le attività di policy sono state sostenute in particolare grazie alla realizzazione di un progetto finanziato dalla Commissione europea sulla coerenza tra la politica di cooperazione e la politica agricola comune, avendo come capofila la ONG Misereor. Attraverso questo progetto sono state prodotte note di policy, partecipato ad incontri nazionali sulla sicurezza alimentare, condotto interviste a rappresentanti politici ed istituzionali. Collaborazioni: CIDSE La FOCSIV è l unico membro italiano della CIDSE, la Coalizione Internazionale di Organismi Cattolici di Sviluppo e Solidarietà, con sede e segretariato a Bruxelles, che riunisce 16 organizzazioni di alcuni stati europei e del Nord America, impegnate quotidianamente nella cooperazione allo sviluppo e che, se pur con priorità differenti, riconoscono una comune ispirazione cattolica e collaborazione con le conferenze episcopali dei singoli paesi. I principi della Dottrina Sociale della Chiesa ispirano le attività svolte singolarmente e congiuntamente dalle 16 organizzazioni membro, azioni che mirano all approfondimento e alla formazione continua sul tema dell insegnamento cattolico sociale, alla promozione e alla realizzazione di forum di discussione. Attraverso un costante lavoro in rete, la CIDSE svolge prevalentemente attività di lobbying sui singoli Governi, le istituzioni europee, le Nazioni Unite e le sue agenzie e le principali organizzazioni internazionali. Grazie ad un assidua partecipazione ai principali appuntamenti internazionali, la CIDSE porta avanti posizioni condivise spesso anche con altre realtà e network (principalmente Caritas Europa e Caritas Internationalis) ed altri importanti attori del mondo cattolico (Pax Christi, Franciscanis International, Oxfam, ecc..) e non solo (CONCORD). L ufficio relazioni internazionali e policy monitora il lavoro dei gruppi CIDSE, in particolare di quelli seguiti dagli incaricati CIDSE (sia del Segretariato che quelli degli organismi), in modo da sollecitare il lavoro, le risposte, le richieste. In particolare segue: Comitato dei Direttori (BoD) È l organo governativo della CIDSE formato dai direttori delle organizzazioni membro, dal Consigliere Ecclesiastico, il Tesoriere e il Segretario Generale. Il suo ruolo è quello di orientamento, programmazione strategica e decisione. L ufficio relazioni internazionali e policy di Focsiv ha il compito di seguire i lavori del Comitato e favorirne la partecipazione. Nel 2012 il Comitato si è riunito 2 volte: una volta a Soestenberg, Olanda, 25/27 gennaio, e una a Roma, il 24/26 giugno, e in questo caso l incontro è stato organizzato da Focsiv. Gli appuntamenti del 2013 sono a Lisbona (Portogallo) gennaio e in Irlanda, giugno. Tra le questioni di policy dibattute vi è l impegno per influenzare la costruzione di Beyond 2015 attraverso la preparazione di un Campagna europea di CIDSE sui nuovi stili di vita per uno sviluppo sostenibile e giusto. La preparazione dei contenuti della campagna è stata demandata al gruppo Heads of Advocacy. Gruppo Heads of Advocacy (HOA) Il Gruppo comprende i responsabili dei diversi organismi CIDSE per le attività di advocacy. Su indirizzo del Comitato dei Direttori, il gruppo ha lavorato nel 2012 alla partecipazione a Rio +20, e in seguito alla 9

10 costruzione della campagna che sarà rivolta a Beyond 2015 e dal titolo provvisorio The Great Leap. La Focsiv ha seguito e partecipato allo scambio informativo e agli incontri via skype. Nel Maggio 2013 è prevista una due giorni a Bruxelles per condividere e decidere i principali contenuti e forme della campagna. Gruppo FAST (Sicurezza alimentare, agricoltura e commercio sostenibile): La FOCSIV ha seguito il percorso legato alla riforma del Comitato Sicurezza Alimentare della FAO (CFS) attraverso un attiva partecipazione ai lavori condotti dal Gruppo FAST, sia via telematica che negli incontri fisici tenutesi a Vienna in Luglio e poi a Roma in ottobre 2012 in vista del Comitato Sicurezza Alimentare (CFS38). Focsiv ha quindi partecipato con CIDSE alla 38 sessione del Comitato Sicurezza Alimentare. Dopo la focalizzazione del lavoro del Gruppo Fast sul tema del cambiamento climatico in agricoltura, con la produzione di un policy paper ad hoc, che la Focsiv ha tradotto anche in italiano, si è avviata una nuova attività di policy relativa al nuovo tema del CFS che sono gli investimenti responsabili in agricoltura. Gruppo Risorse per lo Sviluppo (RfD) La Focsiv segue le principali attività del gruppo CIDSE su Risorse per lo Sviluppo. In particolare sono affrontati i temi legati al G8/G20, all istituzione di una tassa sulle transazioni finanziarie, l individuazione di diverse modalità di finanziamento per lo sviluppo, la riforma del sistema monetario e della regolamentazione finanziaria. In particolare tra i lavori condotti si sottolinea la produzione di un policy paper sui valori che devono guidare la riforma della regolazione finanziaria, che la Focsiv ha approfondito e di cui si è avviata la traduzione in italiano per diffonderlo nel Gruppo Cambiamenti Climatici Questo gruppo della CIDSE è stato particolarmente impegnato nel 2012 avendo seguito la Conferenza Rio + 20 e in seguito la Conferenza di Doha sui cambiamenti climatici, producendo una serie di documenti di lobby. La Focsiv ha partecipato a Rio + 20 e ha redatto un analisi sui risultati della Conferenza di Doha che sarà diffusa nel Gruppo COFIN Il Gruppo Cofin analizza i programmi e le opportunità di finanziamento in ambito EU, partecipa alle consultazioni della Commissione e nel 2012 ha organizzato un Forum con il coinvolgimento dei partner del Sud per discutere della politica di cooperazione UE. Particolare attenzione è stata dedicata ai risultati del dialogo strutturato con i diversi attori della cooperazione. Negli incontri del Gruppo le ONG condividono anche questioni e difficoltà di approccio alle Delegazioni UE e di gestione dei progetti finanziati dalla UE. Gruppo Settore Privato: Questo Gruppo continua il lavoro sulla responsabilità sociale d impresa con particolare riferimento agli orientamenti che sono scaturiti dal follow up del mandato del Rappresentante Speciale del Segretario Generale UN per le imprese e i diritti umani John Ruggie. La Focsiv segue e divulga i prodotti di questo gruppo tra tutte le sue ONG. La Focsiv attraverso alcune sue ONG segue infine alcuni gruppi CIDSE per Paese/Piattaforme Continentali, e in particolare: COPLA, Haiti e il Gruppo Israele/Palestina Collaborazioni: CISA Il Comitato Italiano per la Sovranità Alimentare riunisce più di 270 associazioni, organizzazioni non governative, sindacati e movimenti sociali e ambientalisti della società civile italiana che hanno deciso di costituirsi in unico comitato nel 2006 in occasione del Forum Speciale della FAO nell ambito della 32 sessione del Comitato per la Sicurezza Alimentare nel Mondo e come braccio italiano del Comitato Internazionale di Pianificazione 6 (IPC). Obiettivo principale del Comitato è quello di promuovere e sostenere la Sovranità Alimentare e tutte le questioni ad essa collegate Da maggio 2006, la FOCSIV ricopre la presidenza di tale Comitato e l incarico di gestione della segreteria organizzativa, svolgendo numerose attività e promuovendo diversi eventi. Nel corso del 2012 è stata data particolare attenzione al processo di riforma della PAC, organizzando incontri e un seminario ad hoc. In Dicembre del 2012 la Focsiv ha ceduto l incarico di segreteria organizzativa del CISA ad AIAB, fino ad allora ha realizzato diverse attività, tra cui: - Convocazione, preparazione riunioni CISA 6 International NGO/CSO Planning Committee for Food Sovereignty 10

11 - Diffusione informazione ai membri - Organizzazione eventi puntuali - Supporto al Presidente CISA (invio lettere di posizione, revisione alcuni documenti) - Dialogo con Ufficio relazioni società civile della FAO in particolare per accrediti ad eventi Ufficio POLITICHE per lo SVILUPPO Obiettivi: promuovere la giustizia sociale attraverso azioni di lobbying, di confronto e di dialogo con i governi e le istituzioni nazionali ed internazionali; contribuire ad un'alleanza globale contro la povertà; accrescere il riconoscimento delle ruolo delle ONG in contesti internazionali; incidere sui decisori politici; coinvolgere nelle iniziative di lobbying partner del Sud ed in particolare chiese locali; sviluppare reti e collaborazioni con soggetti organizzati della società civile; consolidare e attivare partenariato con altre realtà della società civile; sensibilizzare sul processo d'integrazione europeo per una governance mondiale; rielaborare e valorizzare l'esperienza e le "eccellenze" acquisita con le reti internazionali di appartenenza a beneficio dei Soci; Descrizione dell attività a) Advocacy e lobbying su sovranità alimentare e commercio: FOCSIV ritiene necessaria una governance globale dell alimentazione dove tutti gli attori siano coinvolti (governi, agenzie ONU, società civile, settore privato) e volta alla promozione di un modello agricolo fondato sulle aziende a dimensione familiare, agro ecologico e che metta al centro le necessità delle popolazioni più vulnerabili e maggiormente colpite dalla fame. Importante in tal senso è anche il miglioramento della coerenza delle politiche dell Unione europea, considerata la sua responsabilità nel commercio e negli aiuti agricoli. b) Advocacy e lobbying sul rilancio della Cooperazione italiana: nel quadro delle attività del governo Monti, la Focsiv ha stretto i rapporti con il nuovo Ministero per la Cooperazione Internazionale, oltre che con il MAE, per condividere il possibile rilancio della cooperazione. La Focsiv ha quindi partecipato attivamente ai gruppi di lavoro in preparazione del Forum tenutosi agli inizi di Ottobre del 2012,così come allo stesso Forum. Focsiv sostiene il ruolo della società civile e delle organizzazioni non governative per lo sviluppo giusto e democratico nei paesi partner. c) Advocacy e lobbying su settore privato e sulla finanza: la FOCSIV, sulla base del Rapporto del Rappresentante speciale del Segretario Generale John Ruggie sugli impatti delle attività delle imprese e il rispetto dei diritti umani, in particolare nei Paesi impoveriti dei Sud del mondo, ha continuato a esplorare la possibilità di far incrociare il mondo dell imprenditoria con quello della cooperazione. Per questo si sono avviate relazioni con organizzazioni del settore privato e si è avviata una riflessione sulla responsabilità sociale d impresa per partecipare alla consultazione che ha aperto il MISE a fine L idea di fondo è che il mondo profit e no profit debbano e possano collaborare assieme, in modo coerente, per favorire uno sviluppo integrale dell uomo, così come indicato dalla dottrina sociale della Chiesa. Sempre con riferimento al settore privato la Focsiv partecipa alla Campagna 005 per l imposizione di una tassa sulle transazioni finanziarie. La crisi internazionale ed europea mostra chiaramente come la finanza, a seguito soprattutto delle sue attività speculative, si sia allontanata dal suo ruolo di allocatore efficiente di risorse per l economia reale, causando invece fenomeni di grande volatilità dei prezzi, di azzardo morale e di accelerazione e amplificazione delle situazioni di rischio sistemico, con conseguenze disastrose a livello sociale e politico. d) Beyond 2015: Focsiv partecipa al Gcap (Coalizione italiana contro la povertà) e nel 2012 ha cominciato ad impegnarsi nel seguire il dibattito della comunità internazionale sul passaggio dagli obiettivi del millennio per lo sviluppo a un nuovo approccio oltre il 2015 sul mondo che noi vogliamo (The World We Want). Attraverso CIDSE si è seguita l elaborazione della posizione della società civile rispetto alla consultazione lanciata dalla Commissione europea, e si è cominciata ad elaborare l idea di una campagna nazionale da condividere con la Caritas italiana. 11

12 Risultati ottenuti a) ADVOCACY E LOBBYING SU SOVRANITÁ ALIMENTARE E COMMERCIO I. CIDSE - Gruppo cibo, agricoltura e commercio sostenibile (si veda anche la parte della relazione sulle attività di relazioni internazionali) - Focsiv ha partecipato ai lavori del gruppo FAST di CIDSE sulle politiche agricole e al Comitato Sicurezza Alimentare (CFS38) presso la FAO - Congiuntamente con CIDSE, è stata realizzata la versione italiana, pubblicata all interno della Collana Strumenti, del paper Cidse Guiding Principles and Recommendations Agricolture: from problem to solution. Achieving the right to food in a climate-costrained world. II. Riforma della Politica agricola europea e nuove strategie alimentari globali. - Nell ambito del progetto condotto dalla ONG Misereor sulla coerenza delle politiche europee, la FOCSIV ha seguito i lavori di riforma della Politica Agricola Europea. In quest ottica ha partecipato ad una serie di seminari volti ad approfondire ed analizzare gli scenari di riforma della PAC, con particolare attenzione alla coerenza della politica agricola comune con le altre politiche europee, e con il raggiungimento degli MDGs. Il dibattito sulla Riforma della Politica Agricola Comune è strettamente connesso con quello delle politiche agricole a livello globale e con il profondo cambiamento di scenario che si sta realizzando, ovvero il passaggio da un epoca caratterizzata dall abbondanza di cibo ad una, nell immediato futuro, problematicamente caratterizzata dalla scarsità di risorse naturali e dunque di cibo. Anche la Politica Agricola Europea è chiamata a fronteggiare questo nuovo scenario, e a trovare delle strategie e delle risposte nuove. Nell ambito del progetto Misereor, in collaborazione con il CISA, Comitato Italiano per la Sovranità Alimentare, la Focsiv ha organizzato il 12 Ottobre a Parma, un workshop all interno della manifestazione Kuminda, Il dirito al cibo, dal titolo Quali politiche per sostenere l Agricoltura contadina analizzando in particolare anche la posizione dell Europa sul tema. In collaborazione con il CEFA, il Ottobre, è stato organizzato un Convegno Internazionale dal titolo La Terra bene comune. Gestione delle risorse, politiche agricole e cooperazione nell epoca del land grabbing, che ha visto, tra gli altri, l intervento del Presidente della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo, Paolo de Castro. Quest ultimo ha analizzato la questione della scarsità delle risorse a livello globale, e come questione centrale che deve esser fronteggiata nel ripensare la politica agricola comune europea. Strettamente connessa alla questione della scarsità delle risorse è quella del land grabbing, fenomeno della corsa alla terra che specialmente nei paesi del Sud sta determinando l espropriazione di ingenti quantitativi di terreni e il cambiamento di destinazione d uso, con drammatiche conseguenze sulle economie locali, in termini di incremento della dipendenza dalle esportazioni, e deterioramento dei terreni. Sempre sulla Riforma della PAC, la Focsiv ha poi organizzato, nell ambito del Salone Internazionale del Gusto, in collaborazione con Terra Madre e Slow Food, il seminario dal titolo Non tiriamo un PACco al Sud, con la partecipazione, tra gli altri, del Presidente del Cisa, del Responsabile Area Internazionale dell AIAB, del Ministero Italiano delle Politiche Agricole e Forestali. La riforma della PAC e il suo impatto sui paesi del sud sono stati al centro del dibattito. Il 17 Novembre, a Roma, Focsiv e Cisa hanno organizzato congiuntamente il seminario Riforma della PAC: se non ora quando?. - Sempre nell ambito della riforma della PAC, e inseriti all interno del percorso realizzato nel progetto Misereor, sono stati realizzati una serie di lobby meeting con rappresentanti di istituzioni a livello nazionale ed europeo, volti a sensibilizzare i policy makers sul tema della necessità di una riforma della Politica Agricola Comune che sia maggiormente coerente con le altre politiche europee, e che sia in grado di fronteggiare la nuova sfida della scarsità delle risorse, prime tra tutte del cibo. Tra questi: il 16 Novembre, a Roma presso la sede del Parlamento Europeo, è stato realizzato un incontro con il Vicepresidente della Commissione per l Industria, la Ricerca e l Energia del Parlamento Europeo, Patrizia Toia, sul tema Coerenza tra Politica di Cooperazione e Politica Agricola Comune dell UE nell epoca selle nuova scarsità delle risorse. Sovranità alimentare tra sfide e strategie. Il 19 Novembre, a Bologna, si è svolto un incontro tra la Focsiv e il Presidente della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo Paolo de Castro, dal tema Le cause di fondo della nuova corsa alla terra e dell esclusione dal diritto al cibo. Il ruolo dell Europa e della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo. Il 21 Novembre si è svolto a Roma un incontro con la Delegazione dell Unione Europea presso le organizzazioni Onu con sede a Roma sul tema EU external assistance policy 12

13 and the Common Agricolture Policy: coherence problem and new food security challenges in the context of the new scarcity era. Il 28 novembre è stato organizzato un incontro in FAO, a Roma, con rappresentanti di diverse divisioni interne FAO (Right to Food, Agricoltura Familiare, Voluntary Guidelines, Agro-ecologia, Divisione di Genere, Equità e Lavoro, Sviluppo Rurale e Land Tenure) il cui obiettivo è stato quello di approfondire il lavoro e la posizione Focsiv e FAO sul tema delle politiche agricole e alimentari a livello europeo e globale, con particolare riferimento al documento delle Voluntary Guidelines on the Responsible Governance of Tenure of Land, Fisher san Forest in the context of National Food Security. Il 4 dicembre è stato organizzato un incontro con la Direzione Generale Politiche Internazionali e Dell Unione Europea del Ministero Italiano delle Politiche Agricole e Forestali, finalizzato a discutere della posizione dell Italia in seno all UE sul tema della riforma della PAC, e per sensibilizzare il Ministero sulla necessità di una maggiore coerenza della PAC con il raggiungimento degli MDGs (specie l MDG1). L 11 Dicembre, infine, si è svolto un incontro con il Consigliere del Ministro italiano della Cooperazione Internazionale e l Integrazione sul tema delle politiche agricole e alimentari a livello europeo ed internazionale, delle politiche commerciali e di cooperazione, e sul ruolo del Tavolo Interistituzionale per la Cooperazione allo Sviluppo nel favorire la coerenza delle politiche. III. Comitato Italiano Per la Sovranità Alimentare In ambito CISA la FOCSIV ha aderito al gruppo di lavoro Global Governance, e a quello sulla Riforma della PAC. Focisv e Cisa hanno collaborato all organizzazione di numerosi seminari e workshop (dettagliati al punto precedente). Focsiv ha partecipato attivamente alle assemblee Cisa e contribuito al lavoro dei vari gruppi. b) ADVOCACY E LOBBYING SU SETTORE PRIVATO E FINANZA I. Focsiv ha cominciato a sviluppare una riflessione interna tra le sue ONG sul tema della responsabilità sociale d impresa e per l elaborazione di una sua posizione in merito, in modo da partecipare alla consultazione avviata a fine 2012 dal MISE. Sono inoltre state condotte relazioni con alcune imprese per verificare la possibilità di un loro impegno nella cooperazione con particolare riferimento al Burkina Faso. II. Focsiv partecipa alla Campagna 005 (Gruppo Policy; Gruppo lex; Coordinamento) Nell ambito del coordinamento si è proceduto nell individuazione delle strategie generali della lobby e dell advocacy sulla scia della campagna internazionale sulla FTT. Strategia finalizzata nell ambito del gruppo Policy di cui FOCSIV è membro. Per quanto riguarda la Campagna internazionale, la FOCSIV si è tenuta in stretto contatto con il gruppo Risorse per lo sviluppo della CIDSE, cercando di portare l esperienza e le attività svolte in ambito europeo e internazionale nel contesto italiano. c) ADVOCACY E LOBBYING SU BEYOND 2015 Focsiv, grazie anche alla sua partecipazione in CIDSE e in Gcap, ha seguito il dibattito della comunità internazionale sugli obiettivi del millennio per lo sviluppo in vista di un nuovo impegno oltre il Ha partecipato alla redazione della posizione della società civile alla consultazione lanciata dalla Commissione europea nel 2012, e ha relazionato al Convegno della Caritas nazionale sull educazione alla mondialità. A seguito di questo incontro ha condiviso l opportunità di lanciare nel 2013 una campagna nazionale che sappia sensibilizzare le persone su un nuovo futuro per la lotta alla povertà e l equità sociale, e influenzare i decisori politici a favore della cooperazione internazionale e per un sistema economico e finanziario fondato sul rispetto dei diritti dell uomo. Anche in sede CIDSE si è avviata l elaborazione di una Campagna europa dal titolo provvisorio the big leap. 13

14 ATTIVITA ESTERO L ufficio nel corso dell anno ha dato continuità alle attività avviate negli anni precedenti rafforzando quelle iniziative che strategicamente sono state identificate come prioritarie. In continuità con gli anni precedenti, le attività dell ufficio hanno avuto come obbiettivo primario quello di contribuire a rafforzare la crescita professionale delle risorse umane degli organismi federati e a migliorare il meccanismo di scambio tra gli organismi stessi. I più importanti ambiti di impegno nel corso del 2012 sono stati: la gestione del Servizio Civile Volontario; la realizzazione dei workshop di formazione base e per esperti per i selezionatori, la realizzazione del programma Servizio Volontario Europeo (SVE), la realizzazione del XXI corso SPICeS a Roma. Ufficio VOLONTARIATO 1. Attività: GESTIONE BANCA DATI VOLONTARI INTERNAZIONALI Collaborazioni: nessuna. Fonti di finanziamento: fonti proprie. Relazione annuale: Paese ed organismo locale beneficiario: Italia, ONG socie e non. Attività completata o in corso: in corso. Obiettivi: L obiettivo è il facilitare l individuazione da parte delle Ong delle risorse umane più adatte da inserire all interno dei progetti di cooperazione internazionale, attraverso la Banca Dati Volontari Internazionali FOCSIV. Descrizione dell attività: La banca dati Volontari internazionali FOCSIV raccoglie centinaia di candidature alla solidarietà internazionale e le canalizza alle ONG associate ed esterne in risposta a ricerche di personale specifiche. I profili vengono registrati in cinque diverse aree di competenza: l area agraria e di sviluppo rurale, l area medica e paramedica, l area politico-economica, l area sociale e l area tecnica Le candidature destinate alla Banca Dati Volontari Internazionali sono sottoposte ad una prima scrematura e ciclicamente aggiornate. In seguito ad una ricerca di personale, l Ufficio Volontariato provvede dapprima ad una selezione informatica dei profili in base a dati chiave (formazione, professione, lingue conosciute, eventuale esperienza pregressa nella cooperazione internazionale) e successivamente all analisi cartacea approfondita dei CV, identificando quelli maggiormente in linea con le esigenza progettuali segnalate. Il passo successivo è quello della una verifica diretta di disponibilità alla missione da parte del candidato, a cui segue la segnalazione all ONG richiedente del dossier dei volontari identificati. Risultati ottenuti: FOCSIV ha raccolto nel 2012 di circa 660 nuovi Curriculum Vitae di candidati al volontariato internazionale. La gestione delle candidature (inserimento, aggiornamento e cancellazione) ha portato in Banca Dati Volontari Internazionali un totale di circa 2167 candidature, di cui il 63% alla prima esperienza e il 37% esperti e dai differenti ambiti di competenza; il 35% in quella politico economica, il 28% socio-educativa, il 20% nell area tecnicoamministrativa, il 10% nell area medico-sanitaria e l 8% nell area agricola. 14

15 2. Attivà : RICERCHE DI PERSONALE VOLONTARIO Collaborazioni: nessuna. Fonti di finanziamento: fonti proprie. Relazione annuale: Paese ed organismo locale beneficiario: Italia, ONG socie e non. Attività completata o in corso: in corso. Obiettivi: L obiettivo è il facilitare l individuazione da parte delle Ong delle risorse umane più adatte da inserire all interno dei progetti di cooperazione internazionale, attraverso la gestione di uno spazio di pubblicazione annunci di ricerca su sito FOCSIV. Descrizione dell attività: Gli annunci di ricerca di personale sono fondamentali per le ONG come ampliamento del raggio di ricerca in base al quale individuare le risorse più adatte alla vacancy specifica. L ONG segnala all Ufficio Volontariato una ricerca già elaborata o ne commissiona la costruzione di specifici annunci di ricerca del personale volontario e ne ottiene la pubblicazione sul sito FOCSIV, nella sezione in homepage Stiamo Cercando. Se richiesto, l Ufficio Volontariato può fungere da filtro nella raccolta delle candidatura legate ad una vacancy specifica, abbinandola ad un apposito codice di ricerca, mantenendo così riservata l ONG richiedente e segnalando ad essa solo i profili di seguito raccolti coerenti con il profilo ricercato. L ONG può affidare l intero processo di selezione per la figura ricercata all Ufficio Selezione, che provvederebbe alla creazione del piano di selezione ad hoc, alla realizzazione di apposite giornate di preselezione e alla compilazione degli strumenti di valutazione, presentando all Organismo una rosa ristretta dei migliori candidati. Risultati ottenuti: Nel corso del 2012, l Ufficio Volontariato ha promosso, attraverso lo spazio stiamo cercando del sito della Federazione, la diffusione di 42 annunci di ricerca di personale volontario. Hanno usufruito dello strumento 19 ONG e tra gli annunci pubblicati il 19% sono di FOCSIV (legate al bando volontari SVE Stand up for education, al progetto Eurosha e a ricerche stage), il 12% del CEFA, il 12% del OVCI, il 10% del AIFO, il 10% ONG esterne alla Federazione (GREEN CROSS, COSV, CIDSE, UNICEF,..), il 7% del CVM, il 5% della CISV, il 5% di MLFM e il rimanente di LVIA, Cooperazione e Sviluppo, VISPE, COE, COPE, CELIM MI e SCAIP (1 annuncio cadauno). Lo spazio volontari cercasi si è confermato utile strumento di promozione delle ricerche di personale delle ONG associate con visualizzazioni e una media di 866 visite ad annuncio, con un incremento del 87% in più rispetto al

16 3. Attività: PROMOZIONE DEL PROGRAMMA UNV Collaborazioni: nessuna. Fonti di finanziamento: fonti proprie. Relazione annuale: Paese ed organismo locale beneficiario: candidati italiani. Attività completata o in corso: in corso. Obiettivi: L obiettivo è promuovere il Programma Volontari delle Nazioni Unite UNV come ulteriore opportunità per i candidati italiani di essere inseriti in progetti di cooperazione nei PVS promossi e realizzati con le Agenzie delle Nazioni Unite. Descrizione dell attività: FOCSIV è Focal Point italiano del Programma Volontari delle Nazioni Unite UNV (come da accordo ufficiale siglato con il Governo Italiano nell'ottobre del 1997). In tale veste promuove il Programma attraverso il sito Internet della Federazione e in occasione di incontri di orientamento sulle carriere internazionali. Risultati ottenuti: L ufficio Volontariato ha favorito il processo di candidatura dei volontari italiani attraverso l application online dal sito del Programma. Inoltre, ha aggiornato ciclicamente il roster UNV con la segnalazione di candidature direttamente raccolte dalla Federazione, proponendosi come punto di riferimento per eventuali selezioni e assistenza prepartenza dei candidati italiani. 4. Attività: SELEZIONE VOLONTARI SERVIZIO CIVILE Collaborazioni: Gruppo Selezionatori FOCSIV Fonti di finanziamento: fonti proprie Relazione annuale: Paese ed organismo locale beneficiario: Italia. Attività completata o in corso: completata. Obiettivi: supporto al Programma Servizio Civile nella selezione dei volontari, con particolare riferimento agli Organismi associati dell aggregazione SCV nel ripescaggio candidati per posti rimasti vacanti. Supporto alla promozione del servizio civile, in particolare in coincidenza con l uscita del bando volontari. Descrizione dell attività Le attività di selezione SCV erogate specificatamente in occasione del bando di concorso indetto dall Ufficio Nazionale Servizio Civile (UNSC) a fine settembre si sono espletate per la quai totalità nell autunno Nei mesi di gennaio aprile 2012 si è fornito supporto e assistenza agli organismi associati per l identificazione di volontari idonei non selezionati da iserire in posti rimasti vacanti al termine delle selezioni o a causa di rinuncia dei volontari inizialmente selezionati. E stato inoltre realizzato, il collaborazione con Volontari per lo 16

17 Sviluppo il webinar informativo Cooperanti si diventa nel quale si sono promosse le progettualità di servizio cive focsiv presentate a fine ottobre all UNSC e in attesa di approvazione. Risultati ottenuti: Attraverso lo screening dei profili disponibili e la facilitazione dei contatti tra candidati e ONG, sono stati favoriti 18 ripescaggi. 5. Attività: SELEZIONE VOLONTARI SVE Fonti di finanziamento: fonti proprie Relazione annuale: Paese ed organismo locale beneficiario: Italia. Attività completata o in corso: completata. Obiettivi: supporto al Programma Servizio Volontario Europeo nella strutturazione del sistema di selezione da presentare in sede di progettazione SVE e degli strumenti di selezione da utilizzare nell ambito delle attività di reclutamento dell aggregazione SVE FOCSIV. Supporto alla promozione del bando volontari relativa al progetto Stand up for education con la redazione di schede sintetiche progetto da inserire sul sito FOCSIV. Gestione della raccolta candidature e la selezione dei candidati per il progetto SVE FOCSIV in Perù all interno del bando volontari relativa al progetto Stand up for education, composizione delle graduatorie finali dei volontari. Descrizione dell attività Le attività di selezione SVE hanno l obiettivo di verificare le motivazioni relative alla candidatura e la corrispondenza dei candidati ad un profilo definito nel progetto SVE di riferimento. L applicazione del sistema di selezione ha visto la realizzazione di colloquio di selezione in persone e di colloqui di seleizone via skype, garantendo un colloquio motivazionale personale con ciascuno dei candidati. Al termine dei colloqui, vengono redatti appositi strumenti di registrazione (schede di valutazione) e tali valutazioni complessive concorrono a realizzare le graduatorie finali. Al termine della compilazione delle graduatorie di selezione ufficiali l Ufficio Volontariato ha verificato l effettiva disponibilità dei candidati seleizoneti e ha offerto supporto nell attivazione delle pratiche assicurative relative ai volontari selezionati per l intero progetto Stand up for education. Risultati ottenuti: Sono stati raccolti 273 candidature per i 10 posti messi a bando nel progetto di SVE in Perù gestito direttamente dalla Federazione. Sono stati realizzati 226 colloqui di selezione. L attività di selezione per lo SVE ha coinvolto l Ufficio Volontariato da novembre a dicembre. Al termine delle selezioni sono stati identificati tutti e dieci i giovani SVE che prenderanno servizio il 1 febbraio Attività: SELEZIONE VOLONTARI PROGETTO EVHAC Fonti di finanziamento: fonti proprie Relazione annuale: Paese ed organismo locale beneficiario: Italia. Attività completata o in corso: completata. Obiettivi: supporto all Ufficio programmi FOCSIV nella strutturazione del sistema di selezione e relativi strumenti da utilizzare nell ambito del progetto EU LOcal and online volunteers key actors for inclusive humanitarian information sharing in crises preparedness. Gestione della raccolta candidature e la selezione dei candidati per il progetto indirizzate a FOCSIV come sede Italiana del progetto, composizione delle graduatorie finali dei volontari. Descrizione dell attività Le attività di selezione hanno l obiettivo di verificare le motivazioni relative alla candidatura e la corrispondenza dei candidati ad un profilo definito ner il sopracitato progetto. L applicazione del sistema di selezione ha visto la realizzazione di colloquio di selezione individuale. La gestione complessiva della selezione ha previsto, oltre alla raccolta candidature, la gestione indirizzo dedicato, l aggiornamento dei partenariati, la realizzazione di schede di lettura rapida della candidature raccolte da FOCSIV. Al termine dei colloqui, vengono redatti appositi strumenti di registrazione (schede di valutazione e profili descrittivi) e tali valutazioni complessive concorrono a realizzare le graduatorie finali. Al termine della compilazione delle graduatorie di selezione nazionali, una riunione di partenariato di progetto stabilisce i profili migliori da selezionare. 17

18 Risultati ottenuti: Sono stati raccolti 43 candidature per i 18 posti messi a bando nel progetto. Sono stati realizzati 9 colloqui di selezione. Al termine delle selezioni FOCSIV ha permesso l identificazione di 4 dei 18 volontari europeiricercati. 7. Attività: PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO INTERNAZIONALE Fonti di finanziamento: fonti proprie Relazione annuale: Paese ed organismo locale beneficiario: Italia. Attività completata o in corso: completata. Obiettivi: la promozione del volontariato internazionale è uno degli obiettivi statutari della FOCSIV e in coerenza con questo l Ufficio Volontariato fornisce supporto e collaborazione nelle dievrse iniziative promosse dalla federazione a questo fine e ne elabora delle altre, svolgendo prevalentemente una funzione informativa e di orientamento alle diverse opportunità offerte nel mondo della cooperazione e della solidarietà internazionale dalla Federazione e dai suoi soci. Descrizione dell attività: Realizzazione del webinar informativo Voglio partire con le ONG realizzato in collaborazione con VPS ONG 2.0 nell ambito delle celebrazioni del 40esimo FOCSIV. Realizzazione del webinar informativo Cooperanti si diventa del 15/11/2012 con presentazione SVE, SCV, SPICeS e opportunità giovanili. Risultati ottenuti: 220 iscritti al webinar Voglio partire con le ONG e 235 iscritti al webinar Cooperanti si diventa per un totale di 455 persone sensibilizzate. 8. Attività: CONVENZIONE CEI Fonti di finanziamento: fonti proprie Relazione annuale: Paese ed organismo locale beneficiario: Italia. Attività completata o in corso: completata. Obiettivi: supportare gli organismi soci nella gestione della Convenzione CEI. Descrizione dell attività: controllo della documentazione inerente l attivazione delle convenzioni, la loro chiusura ed interruzione. Raccolta e controllo delle delle pezze giustificative inerenti i versamenti pensionasti effetuati dagli organismi soci per i volontari in Convenzione e presentazione deglla documentazione alla CEI. Risultati ottenuti: nel corso del 2012, 8 organismi soci hanno attivato 17 nuove convenzione. Allinizio del 2012 è stata presentata alla CEI la richiesta contributi previdenziali versati dagli organismi soci per i volontari in Convenzione per un totale di ,00 euro. Programma SERVIZIO Volontario Europeo Attività: progettazione SVE Collaborazioni: Focsiv e Organismi soci Fonti di finanziamento: FOCSIV Relazione annuale: Paese ed organismo locale beneficiario Ambito geografico di realizzazione dell attività dei progetti: America Latina, Africa e Europa Attività in corso Preparazione e scrittura di progetti di Servizio Volontario Europeo (Azione 2 Youth in action EACEA) presentati all Executive Agency- Brussels Obiettivi Promuovere il Volontariato, l impegno civico e il senso di cittadinanza europea come valori fondanti della società civile attraverso l esperienza di solidarietà e di servizio dei giovani italiani nei Paesi in via di sviluppo. Inoltre, promozione dell educazione come strumento per contribuire a migliorare le condizioni di vita nei Paesi in via di sviluppo, in particolare dei minori, attraverso la piena realizzazione dei loro diritti. Descrizione dell attività A seguito dell accreditamento di FOCSIV presso l Agenzia Nazionale Giovani (articolazione territoriale dell Excutive Agency EACEA) come Organismo di invio e di coordinamento per il 18

19 Servizio Volontario Europeo il 16 settembre 2010, la Federazione ha concretizzato nell anno 2012 la propria partecipazione al Programma prendendo parte a tre round progettuali. In particolare, l Aggregazione SVE, composta da 12 organismi soci (ENGIM, RTM, SOLIDAUNIA, AMAHORO, CEFA, CVM, ADP, COMI, LVIA, COE, SOLIDAUNIA, AUCI) ha presentato nel corso del 2012 tre progetti di Servizio Volontario Europeo, con FOCSIV nel ruolo di Applicant e di Coordinatore del progetto, ovvero: 01/02/2012_ Progetto EVS: Young people social commitment for an active citizenship, che coinvolge i seguenti organismi: Organismo Paese di N Partner destinazione e sedi volontari FOCSIV Ecuador Quito 6 Pastoral Social Caritas ADP PERU- Lima 4 Allinta Munay RTM Kossovo- Klina 2 Child proof ENGIM Messico- Mexico City/ 6 MURIALDO Asociasiòn Civil Aguascalientes/Hermosillo CEFA Tanzania- Dar-es-Salam 4 CEFA Registered Trustees AMAHORO RWANDA- Kigali 2 Madonnina del Grappa Institute LVIA MOZAMBICO - Maputo 2 Centro Dia Mães de Mavalane CVM ETIOPIA- DebreMarkos 4 Together for a Better Future 01/06/2012_ Progetto EVS: Stand up for education!, che coinvolge i seguenti organismi: Organismo Paese di N volontari Partner destinazione e sedi FOCSIV Perù 10 IFEJANT Lima/Puno/Cajamarca RTM Kossovo- Klina 2 Child proof ENGIM Brasile Sao 5 ILEM luis/ibotirama AMAHORO Rwanda- Kicukiro Gikondo(Kigali) 2 Istituto Madonnina del Grappa CEFA Guatemala - Colotenango/S. Juan Ixcoy 2 Asociation de l'organizationes de lo Cuchumatanes- ASOCUCH COE Repubblica Democratica del Congo - Tshimbulu 2 Centre d'animation Socio- Culturelle CENASC COMI Senegal- Kaffrine 3 Avenir de l'enfant - ADE MSP Perù- Pomabamba 4 Amor y Esperanza en el Perù 01/09/2012_ Progetto EVS: Education for active citizenship!, che coinvolge i seguenti organismi: Organismo Paese di N volontari Partner destinazione e sedi LVIA Mozambico- Maputo 2 Centro Dia Mães de Mavalane RTM Kossovo- Klina 2 Child proof ENGIM Messico Mexico City/Aguascalientes/Hermosillo 8 MURIALDO Asociasiòn Civil 19

20 ADP PERU- Lima 4 Allinta Munay AMAHORO Rwanda- Kigali 2 Istituto Madonnina del Grappa CEFA Tanzania- Dar-es-Salam/ Njombe 6 CEFA Registered Trustees SOLIDAUNIA Angola-Lubango 2 Associazione Marco di Martino onlus CVM Etiopia- Debre markos 4 Together for a Better Future Il tre progetti prevedono che un totale di 90 giovani volontari (tra i 18 e i 30 anni) svolgano servizio sul tema dell educazione presso diversi partner nei diversi Paesi. Ogni organismo ha provveduto a contattare il proprio partner locale e a completare le schede progetto appositamente predisposte dalla Federazione per facilitare la scrittura congiunta del progetto. La Federazione ha elaborato il modello formativo e i criteri di selezione dei volontari, nel rispetto delle condizioni previste dal Programma; così come i criteri di qualità che i progetti e le attività specifiche dei tre progetti devono rispettare nei diversi Paesi. Risultati ottenuti In merito all attività progettuale del 2012 nel quadro del Servizio Volontario Europeo, l Executive Agency ha comunicato un esito piuttosto positivo dell attività svolta da FOCSIV. In particolare, il progetto EVS: Young people social commitment for an active citizenship è stato valutato positivamente (punteggio 63,92/100 punti) tramite comunicazione EACEA del 29/05/2012, anche se non finanziato. Al contrario i progetti EVS: Stand up for education! e EVS: Education for active citizenship! sono stati approvati con alcuni tagli e finanziati. I due progetti prevedono rispettivamente l avvio delle specifiche attività progettuali a partire dal 1 gennaio 2013 e dal 1 marzo Attività: attività preparatoria al progetto EVS: Stand up for education! (durata 01/01-31/12/2013) Collaborazioni: Focsiv e Organismi soci Fonti di finanziamento: FOCSIV e UE Relazione annuale: Paese ed organismo locale beneficiario Ambito geografico di realizzazione del progetto approvato, con tagli relativamente ai Paesi e organismi coinvolti, è il Kosovo, Perù e Brasile, per un totale approvato di 17 volontari Attività in corso Attività di promozione, raccolta candidature e selezione; riunioni di coordinamento con gli organismi e preparazione dell incontro preliminare e della formazione all arrivo, previste dal progetto Obiettivi Promuovere il Volontariato e l impegno civico come valori fondanti della società civile attraverso l esperienza di solidarietà e di servizio di 17 giovani italiani nei Paesi in via di sviluppo. Inoltre, promozione dell educazione come strumento per contribuire a migliorare le condizioni di vita nei Paesi in via di sviluppo coinvolti, in particolare dei minori. Descrizione dell attività In merito all attività preparatoria pre-avvio del progetto SVE, si è provveduto a promuovere l'esistenza del progetto attraverso una campagna informativa mediatica, ovvero: pubblicazione di un bando volontari sul sito della Focsiv e dei 65 organismi federati; pubblicazione della news e di un annuncio su riviste di settore; promozione nei periodici online dalla Federazione ( Volontari per lo Sviluppo ); pubblicazione di link e informazioni su portali internet di settore; utilizzo di spazi mediatici che la Federazione ottiene a livello nazionale e\o territoriale (comunicati stampa, interviste radiofoniche e televisive); realizzazione di un webinar in data 15/11/2012 in collaborazione con Volontari per lo sviluppo per la presentazione delle opportunità di volontariato estero attive. L attività di promozione ha portato alla raccolta di 428 candidature per 17 posti disponibili. Successivamente, si è provveduto a convocare i giovani per un colloquio con l Ente di invio, per individuare i candidati più motivati e in linea con il progetto. 20

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO alla pace, alla mondialità, all intercultura, all ambiente, allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani Un po di storia...

Dettagli

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 08/09/2015 In vigore dal 9 ottobre 2015 www.comune.genova.it

Dettagli

REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE. della Regione

REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE. della Regione REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE della Regione Art. 1 Costituzione E costituita su delibera della ConVol nazionale la Rete regionale ConVol della Regione come articolazione regionale della ConVol nazionale,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Che cosa facciamo. Il Forum per la Finanza Sostenibile si occupa di:

Che cosa facciamo. Il Forum per la Finanza Sostenibile si occupa di: Chi siamo Il Forum per la Finanza Sostenibile è un Associazione senza scopo di lucro nata nel 2001. È un organizzazione multistakeholder; ne fanno parte sia operatori del mondo finanziario che soggetti

Dettagli

da una parte dall altra

da una parte dall altra Area Generale di Coordinamento 17 - Istruzione, Educazione, Formazione Professionale, Osservatorio Regionale Settore 03 - Politiche Giovanili e del Forum Regionale della Gioventù Agenzia Nazionale per

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XXII n. 12 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa del senatore MICHELONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 23 OTTOBRE 2013 Istituzione di una Commissione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca d intesa con Il Forum delle Associazioni Nazionali dei Genitori VISTO l articolo 3 della Costituzione della Repubblica Italiana, al cui primo

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

Parte I: Informazioni Generali.

Parte I: Informazioni Generali. RELAZIONE ATTIVITA 2013 1 Parte I: Informazioni Generali. Provvedimento di riconoscimento di idoneità N 1988/128/004154/4 DEL 14/09/1988 Acronimo e denominazione dell ONG Focsiv Sede legale Via S. Francesco

Dettagli

Finanziamenti per i gemellaggi Lecce, 14 ottobre 2011. Dott.ssa Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point

Finanziamenti per i gemellaggi Lecce, 14 ottobre 2011. Dott.ssa Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point Finanziamenti per i gemellaggi Lecce, 14 ottobre 2011 Dott.ssa Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point Come preparare un buon progetto Idoneità dell applicant e dei parnter Validità della rete di partenariato

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO LINEE DI INDIRIZZO DEL CICS PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO DA PARTE DELLE REGIONI, DELLE

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1 Costituzione e sede L Associazione SOCI GIOVANI BCC Don Rizzo costituitasi in Alcamo per volere di un gruppo di giovani

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale AZIONE CATTOLICA ITALIANA ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI TORINO Corso Matteotti, 11 10121 TORINO Tel. 011.562.32.85 Fax 011.562.48.95 E-mail: presidenza.ac@diocesi.to.it Partecipazione e responsabilità dei

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO COMUNE DI CESENA Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ 2 Art. 1 - Principi 2 Art. 2 - Istituzione 2 Art. 3 Finalità 2 TITOLO II ORGANI E FUNZIONI 3

Dettagli

POAT. Europa per i Cittadini. Presentare una proposta di progetto. Comune di Agrigento Giovedì 14 Maggio 2015

POAT. Europa per i Cittadini. Presentare una proposta di progetto. Comune di Agrigento Giovedì 14 Maggio 2015 POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA Linea 3 - Ambito 1 Azioni a supporto della partecipazione ai programmi comunitari a gestione diretta e al lavoro in

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

RACCOLTA DEGLI STATUTI E REGOLAMENTI IN VIGORE NEL COMUNE DI AREZZO

RACCOLTA DEGLI STATUTI E REGOLAMENTI IN VIGORE NEL COMUNE DI AREZZO SEGRETERIA GENERALE UFFICIO AFFARI GENERALI RACCOLTA DEGLI STATUTI E REGOLAMENTI IN VIGORE NEL COMUNE DI AREZZO ULTIMA MODIFICA EFFETTUATA CON DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE N. 120 DEL 26.06.2007. COORDINAMENTO

Dettagli

Europa per i cittadini 2007-2013

Europa per i cittadini 2007-2013 Europa per i cittadini 2007-2013 Il Programma ha come scopo primario la promozione della cittadinanza europea attiva, ovvero il coinvolgimento diretto dei cittadini e delle organizzazioni della società

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE I SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE AI BANDI Ludovico Monforte EURODESK Brussels

Dettagli

(Papa Francesco, Udienza privata FOCSIV, Roma 4 dicembre 2014)

(Papa Francesco, Udienza privata FOCSIV, Roma 4 dicembre 2014) 205 Foto di Stefano Dal Pozzolo/Contrasto per FOCSIV Vi ringrazio per quello che fate e per come lo fate! I vostri interventi accanto agli uomini e alle donne in difficoltà sono un annuncio vivo della

Dettagli

CARTA D'INTESA versione finale 13 luglio 2009 aggiornamento su status di osservatore 18 gennaio 2010

CARTA D'INTESA versione finale 13 luglio 2009 aggiornamento su status di osservatore 18 gennaio 2010 CARTA D'INTESA versione finale 13 luglio 2009 aggiornamento su status di osservatore 18 gennaio 2010 Premessa Social Watch è una rete internazionale di organizzazioni della società civile con membri in

Dettagli

Scheda sintetica del progetto. "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo"

Scheda sintetica del progetto. Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo Scheda sintetica del progetto "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo" Informazioni generali Nome del proponente IPSIA Milano Progetto congiunto presentato da: Associazione partner

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

Mani Tese 2013. www.manitese.it u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a

Mani Tese 2013. www.manitese.it u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a MANI TESE ONG/ONLUS Da 49 anni verso un mondo più giusto Mani Tese è un Organizzazione Non Governativa nata in Italia nel 1964 per combattere la fame e gli squilibri

Dettagli

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI LA STRATEGIA La comunicazione di CONCORD ITALIA è finalizzata a sensibilizzare la cittadinanza sulle attività, l impatto e la sostenibilità delle nostre azioni nell ambito degli interventi realizzati dai

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016 Ufficio Immigrazione Caritas Italiana Promotore Caritas Italiana Soggetti coinvolti Caritas italiana promuove il progetto nazionale coordinando il monitoraggio delle attività

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO Art. 1 Origine e sede Su iniziativa del Parco Regionale del Delta del Po Emilia Romagna, con la collaborazione della

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

Servizi di - Informazione e orientamento. sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese. - Formazione - Credito

Servizi di - Informazione e orientamento. sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese. - Formazione - Credito 2009 per immigrati di Milano e provincia Servizi di - Informazione e orientamento sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese - Formazione - Credito ASIIM - Associazione per lo Sviluppo dell

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

MANI TESE. Report dell incontro

MANI TESE. Report dell incontro MANI TESE Laboratorio di idee sulla cooperazione internazionale 20 settembre - ore 15.00 17.30 Napoli, Fiera dei Beni Comuni, presso la Mostra d'oltremare Via Kennedy n. 54 Report dell incontro Programma:

Dettagli

5^ edizione del progetto Acqua Bene Comune (a.s. 2012/2013) WATER CITIZEN. acqua e cittadinanza attiva

5^ edizione del progetto Acqua Bene Comune (a.s. 2012/2013) WATER CITIZEN. acqua e cittadinanza attiva 5^ edizione del progetto Acqua Bene Comune (a.s. 2012/2013) WATER CITIZEN acqua e cittadinanza attiva Progetto gratuito per le scuole secondarie di 2 grado e i centri di formazione professionale della

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Linee guida Programmazione strategica 2015-2018. 1 dicembre 2014

Linee guida Programmazione strategica 2015-2018. 1 dicembre 2014 1 Linee guida Programmazione strategica 2015-2018 1 dicembre 2014 2 Indice Pag. Premessa 3 La missione 4 La visione 4 I valori 5 Stakeholders 6 Le aree di intervento 7 Centro di risorse, informazione e

Dettagli

LEGGE 11 agosto 2014, n. 125 29-8-2014

LEGGE 11 agosto 2014, n. 125 29-8-2014 LEGGE 11 agosto 2014, n. 125 29-8-2014 La «cooperazione allo sviluppo» è: parte integrante e qualificante della politica estera dell'italia. Essa si ispira: ai principi della Carta delle Nazioni Unite

Dettagli

Cooperazione sanitaria internazionale e salute dei migranti: l impegno della Regione Toscana per la salute globale

Cooperazione sanitaria internazionale e salute dei migranti: l impegno della Regione Toscana per la salute globale Cooperazione sanitaria internazionale e salute dei migranti: l impegno della Regione Toscana per la salute globale Firenze, 19 novembre 2015 Katia Belvedere La cooperazione sanitaria internazionale - OGGI

Dettagli

ASSOCIAZIONE MANI TESE ONG ONLUS SEDE NAZIONALE: PIAZZA V.GAMBARA 7/9 MILANO

ASSOCIAZIONE MANI TESE ONG ONLUS SEDE NAZIONALE: PIAZZA V.GAMBARA 7/9 MILANO Ente: ASSOCIAZIONE MANI TESE ONG ONLUS SEDE NAZIONALE: PIAZZA V.GAMBARA 7/9 MILANO serviziocivile@manitese.it www.manitese.it tel. 02 4075165 Titolo del Progetto: LA NUOVA SFIDA DEGLI OBIETTIVI DELLO SVILUPPO

Dettagli

Comenius Regio perché? Le opportunità di un partenariato europeo legato al territorio per il miglioramento delle politiche educative

Comenius Regio perché? Le opportunità di un partenariato europeo legato al territorio per il miglioramento delle politiche educative Comenius Regio perché? Le opportunità di un partenariato europeo legato al territorio per il miglioramento delle politiche educative Elena Bettini Seminario di informazione sulla gestione dei partenariati

Dettagli

Contributo per la Carta di Milano

Contributo per la Carta di Milano Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo (MAECI-DGCS) Contributo per la Carta di Milano Contributo n 72 Sezione tematica di

Dettagli

2.6. Organizzazioni non governative

2.6. Organizzazioni non governative 2.6. Organizzazioni non governative L espressione ONG è stata introdotta per la prima volta in un trattato internazionale dall articolo 71 della Carta delle Nazioni Unite, che prevede la possibilità del

Dettagli

Santa Maria degli Angeli Assisi, 23-26 giugno 2008. martedì 24 giugno UGO BIGGERI PRESIDENTE FONDAZIONE CULTURALE RESPONSABILITÀ ETICA

Santa Maria degli Angeli Assisi, 23-26 giugno 2008. martedì 24 giugno UGO BIGGERI PRESIDENTE FONDAZIONE CULTURALE RESPONSABILITÀ ETICA Santa Maria degli Angeli Assisi, 23-26 giugno 2008 martedì 24 giugno OPERARE PER I BENI COMUNI: alleanze per una terra futura UGO BIGGERI PRESIDENTE FONDAZIONE CULTURALE RESPONSABILITÀ ETICA L A S S E

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale. Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale. Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi TAVOLO TECNICO ALLARGATO Jesi, 19 novembre 2009 Una immagine emergente, un futuro aperto Il territorio che abbiamo

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Comune di Casalecchio di Reno Provincia di Bologna REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 2005

Dettagli

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 1 CALL INTERNAZIONALE DI IDEE PER LO SVILUPPO DEL PROGRAMMA CULTURALE DEL SPAZIO ESPOSITIVO DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione

Dettagli

Learning fraternity, per una terra di tutti Progetto di Educazione allo Sviluppo Anno scolastico 2015-2016

Learning fraternity, per una terra di tutti Progetto di Educazione allo Sviluppo Anno scolastico 2015-2016 Learning fraternity, per una terra di tutti Progetto di Educazione allo Sviluppo Anno scolastico 2015-2016 «Nessuno educa nessuno, nessuno si educa da solo, gli uomini si educano a vicenda in un contesto

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E.

Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E. Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E. SPERIMENTAZIONE IN MATERIA DI ORIENTAMENTO AL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ISTRUZIONE IN AMBITO EUROPEO

Dettagli

CONVENZIONE PREMESSO CHE TRA

CONVENZIONE PREMESSO CHE TRA CONVENZIONE CONVENZIONE TRA - l Associazione ItaliaCamp, con sede in viale Pola, 12, 00198 Roma (di seguito, ItaliaCamp ), nella persona del Presidente Pier Luigi Celli, nato a Verucchio (Rimini) l 8 luglio

Dettagli

LA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE DELLA REGIONE SARDEGNA

LA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE DELLA REGIONE SARDEGNA LA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE DELLA REGIONE SARDEGNA NORMATIVA Legge Regionale 11 aprile 1996, n. 19 Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale

Dettagli

Introduzione alla progettazione degli interventi di sviluppo CORSO ONLINE TERZO INCONTRO

Introduzione alla progettazione degli interventi di sviluppo CORSO ONLINE TERZO INCONTRO Introduzione alla progettazione degli interventi di sviluppo CORSO ONLINE TERZO INCONTRO Roma, 04 maggio 2015 1 Carlos Costa Introduzione alla progettazione degli interventi di sviluppo 13) Lo studio di

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

STATUTO I. NOME, SEDE, FINI, STRUMENTI

STATUTO I. NOME, SEDE, FINI, STRUMENTI STATUTO I. NOME, SEDE, FINI, STRUMENTI Art. 1 - E costituita, ai sensi degli artt. 36 e ss. c.c., l'associazione culturale AEQUA Associazione per l Efficienza e la QUalità nell Amministrazione). Art. 2

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Lo statuto. Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO.

LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Lo statuto. Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO Lo statuto Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Art. 2- Sede L associazione ha sede legale, in Italia,

Dettagli

BANDO 2010.3 SPORT E SOLIDARIETÀ SOCIALE

BANDO 2010.3 SPORT E SOLIDARIETÀ SOCIALE BANDO 2010.3 SPORT E SOLIDARIETÀ SOCIALE I SOCI FONDATORI Comuni del bollatese, rhodense, sestese Bando 2010.3 Sport e solidarietà sociale 1. PROMOTORE E FINALITÀ DEL BANDO La Fondazione Comunitaria del

Dettagli

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale!

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! Indice dei contenuti ActionAid Italia Giornata Mondiale per la Giustizia Sociale ActionAid e la Giustizia Sociale Progetto Etiopia Aziende in azione per

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi ASSEMBLEA LEGISLATIVA Atto del Dirigente: DETERMINAZIONE n 732 del 28/11/2013 Proposta: DAL/2013/783 del 26/11/2013 Struttura proponente: Oggetto: Autorità emanante:

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

COMUNE DI BRUSASCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI BRUSASCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRUSASCO P. zza San Pietro, 1 10020 Brusasco (TO) Tel. (011) 91.51.101 Fax (011) 91.56.150 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus

STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus La Fondazione di partecipazione CUMSE intende collocarsi nella tradizione della cooperazione internazionale laica di ispirazione cristiana operando

Dettagli

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO.

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Servizi sociali per tutti

Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti 4 Una voce che conta per i lavoratori e le lavoratrici dei servizi sociali d Europa La FSESP è la Federazione sindacale europea dei lavoratori dei servizi

Dettagli

La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna

La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna Legge Regionale n. 19/96 Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna Incontri

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI Art. 1 Finalità La Provincia di Genova, in attuazione di quanto previsto dal proprio Statuto, promuove la cultura della

Dettagli

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICADIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA REGIONALE UNITARIA COMUNITARIA Dipartimento della Qualità Direzione Generale della Programmazione Sanitaria, dei Livelli

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

Anna Monterubbianesi - Ufficio stampa Forum Nazionale del Terzo Settore

Anna Monterubbianesi - Ufficio stampa Forum Nazionale del Terzo Settore Ruolo, caratteristiche, criticità 1 La definizione Terzo Settore nasce per identificare tutto ciò che non appartiene né al Primo settore, ossia alla sfera pubblica (stato, regioni, enti locali, altri enti)

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO STATUTO ART. 1 - COSTITUZIONE E FINALITA Il COMITATO GENITORI MONTEOLIMPINO dei PLESSI

Dettagli