A COLLOQUIO CON LE ISTITUZIONI LA RISPOSTA DI SAITTA IL BILANCIO DI UN ANNO INSIEME PER MIGLIORARE IL SERVIZIO IL MONDO DEGLI ANFIBI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A COLLOQUIO CON LE ISTITUZIONI LA RISPOSTA DI SAITTA IL BILANCIO DI UN ANNO INSIEME PER MIGLIORARE IL SERVIZIO IL MONDO DEGLI ANFIBI"

Transcript

1 GEV qxp 26/11/ Pagina 1 A COLLOQUIO CON LE ISTITUZIONI LA RISPOSTA DI SAITTA IL BILANCIO DI UN ANNO INSIEME PER MIGLIORARE IL SERVIZIO IL MONDO DEGLI ANFIBI Dopo l ambientalista keniana Wangari Maathai, premio Nobel per la pace nel 2004, il prestigioso riconoscimento è stato quest anno assegnato ad Al Gore per le sue campagne ambientaliste, tese alla sensibilizzazione sul riscaldamento globale della Terra, ed al Panel degli scienziati dell Onu che hanno dichiarato, senza margini di ulteriore dubbio, le responsabilità dell Uomo nei cambiamenti climatici in corso. Perché un premio per la pace, da sempre assegnato a statisti che raggiungevano una tregua in conflitti bellici o scongiuravano guerre devastanti, va ora a persone che si occupano del clima? La risposta è drammaticamente semplice: trascurare gli effetti perversi delle azioni dell uomo sull ambiente naturale non ha solo conseguenze astratte. Gli effetti sono ben documentati e segnalano come si possa facilmente giungere a conflitti armati, causati dalla scarsità delle risorse e dal degrado degli ambienti di vita. La guerra che l uomo sta conducendo contro l ambiente rischia di trasformarsi in una vera sciagurata guerra contro altri uomini. Per questo la nostra impresa a favore di una educazione ambientale, che racconti anche questi tragici scenari possibili, non va scambiata per catastrofismo, accusa che ci è spesso rivolta, ma come saggio avvertimento proprio per scongiurare le catastrofi annunciate. Il percorso intrapreso in questi anni dalle Guardie Ecologiche Volontarie della Provincia di Torino non ha trascurato questo argomento. Siamo sulla giusta strada. Abbiamo lavorato, tutti insieme, con grande impegno ed entusiasmo, per consolidare questo Servizio, per difendere il nostro operato e per far capire ai nostri interlocutori che abbiamo raggiunto un livello di organizzazione eccellente sotto tutti i punti di vista. Per l attività di prevenzione e per l opera di sanzione. Il Servizio funziona, ha raggiunto livelli di eccellenza, è efficiente ed è considerato uno dei fiori all occhiello della Provincia di Torino. Tutto questo è stato fatto in condizioni non certo ottimali e siamo consapevoli delle difficoltà incontrate dalle G.E.V. per svolgere il proprio lavoro. La situazione finanziaria è difficile, ma l impegno per richiedere alla Regione Piemonte di rispettare, in termini di sussidiarietà, gli impegni, perché la gestione provinciale delle G.E.V. funzioni, ha dato i primi risultati. L Assessore regionale ha infatti annunciato, in occasione dell annuale assemblea generale delle G.E.V. al castello di Masino, lo stanziamento di 250 mila euro per l attività del prossimo anno e stanno per partire i tanto agognati nuovi corsi di formazione. L annuale assemblea generale, al Castello di Masino, ha visto un ottima partecipazione, per un momento alto di riflessione, di contatto con le Istituzioni e di confronto. Anche per questa dedizione, per questo impegno civico delle mie (consentitemelo dopo tanti anni), nostre, Guardie Ecologiche Volontarie, il ringraziamento è più che mai sentito. Per il loro attaccamento alla divisa e alle insegne che indossano nel loro tempo libero, dedicato al servizio dell ambiente, della comunità e della Provincia. Valter Giuliano Assessore Cultura e Parchi - Provincia di Torino Archivio archivio Presspoint 1

2 GEV qxp 26/11/ Pagina 2 LETTERA APERTA, A COLLOQUIO CON LE ISTITUZIONI Qui di seguito il testo letto in sede di Assemblea generale da Anna Torchio, rappresentante delle Guardie Ecologiche Volontarie, ad Antonio Saitta, Presidente della Provincia di Torino. Egregio signor Presidente, è per noi motivo di soddisfazione riaverla fra noi nella riunione annuale delle G.E.V. della Provincia di Torino. Un anno è passato dall ultimo nostro incontro e siamo contenti che il nostro Presidente sia di nuovo qui tra le sue Guardie. Vogliamo considerare la sua presenza come un segno di apprezzamento per quello che nell ultimo anno le G.E.V. hanno fatto. In effetti si è fatto molto e i dati statistici, che le sono stati forniti, lo dimostrano. Ciò spiega le sempre più numerose richieste da parte dei Comuni della Provincia per attuare convenzioni con le G.E.V. La nostra presenza sul territorio è stata significativa. Alcune questioni, quali per esempio l abbandono dei rifiuti, sono state oggetto di particolare attenzione. Anche gli interventi educativi sono stati numerosi e qualificati ed è aumentata l attività svolta con gli altri Servizi della Provincia. Ci fa piacere notare che le attività sinergiche con le varie funzioni provinciali si sono sviluppate, che le G.E.V. sono sempre di Anna Torchio portavoce delle G.E.V. al Castello di Masino più dipendenti onorari della Provincia, che svolgono il loro lavoro con serietà e dedizione. Abbiamo fatto molto, a costi estremamente contenuti. Basta una semplice divisione fra costi delle G.E.V. e risultati per apprezzare questo Servizio, che molto ha fatto senza praticamente generare problemi. Siamo soddisfatti che la discussione sui due Servizi sia stata, lo speriamo sinceramente e definitivamente, accantonata. Le caratteristiche del Servizio sono uniche e, inglobarlo in altri, vorrebbe dire spegnere questa realtà positiva. Inoltre è necessario ricordare l importante contributo dato al nostro Servizio per le associazioni ambientaliste zoofile, con le quali è opportuno mantenere sempre un rapporto di presente collaborazione. Certo ci rendiamo conto che è necessario un coordinamento più stretto tra i vari Servizi della Provincia e noi, su questo, non ci tireremo indietro. Siamo disposti a metterci in gioco come sempre facciamo, con valutazione dell operato basato sui fatti concreti e non sulle mire interessate di precisi e limitati ambienti, che farebbero volentieri a meno della nostra attività. Quindi, signor Presidente, possiamo affermare che, in linea di massima, le cose funzionano abbastanza bene, grazie anche all organizzazione del Servizio attuata dal funzionario e dal dirigente G.E.V., con il prezioso contributo degli agenti di coordinamento. Certo servono più risorse, siamo sempre a livello di sussistenza, vorremmo fare di più, ma ci rendiamo conto che la situazione finanziaria è difficile. Però, visto che il nostro lavoro è gratuito e che consente risparmi in altri settori, la pregheremmo di valutare la possibilità di trasferire anche a noi un po di questi risparmi. Nelle occasioni in cui possiamo confrontarci direttamente con il nostro Presidente occorre proporre nuovi obiettivi e nuove mete per rendere il Servizio sempre attuale e prevedere l intervento diretto delle G.E.V. in tutte le materie ambientali di competenza provinciale che comportano l applicazione di sanzioni amministrative. Le nostre proposte operative sono semplici. Aumentare la collaborazione delle G.E.V. con gli altri Servizi della Provincia, così che questa divenga sempre più organica all Istituzione. Questo concetto di organicità provinciale è per noi un concetto importante. In particolare l integrazione delle Guardie Ecologiche Volontarie con la protezione civile provinciale ha avuto un solo sporadico episodio. Ricordiamo la ricerca di un disperso in Val Chisone circa un anno fa. In caso di eventi calamitosi riteniamo sia importante contare su personale organizzato che conosce i luoghi ed è sufficientemente preparato. Riteniamo tale settore d intervento meritevole di attenzione e sperimentazione. Premesso che il Servizio G.E.V. della Provincia di Torino è ritenuto uno dei migliori della Regione Piemonte, e sicuramente di molte altre regioni italiane, riteniamo che le nostre conoscenze ed esperienze potrebbero essere utilmente applicate anche dalle altre province. In altri termini, signor Presidente, lei dispone di un Servizio di eccellenza che può essere preposto, ad esempio, alle altre province piemontesi. La nostra è ovviamente una proposta interessata. Se il Servizio G.E.V., con le caratteristiche e l organizzazione della Provincia di Torino, si generalizzasse in Regione Piemonte sarebbe una cosa valida per tutti. Lei quindi potrebbe essere considerato come il Presidente di una Provincia che è innovativa e proporre un modello di Servizio volontario di vigilanza ambientale che dà molto e, ci permettiamo di ribadire, costa quasi nulla. Egregio signor Presidente, nella convinzione di averla ancora con noi il prossimo anno, nel ringraziarla sentitamente per il tempo che lei ci ha dedicato e ci dedica, le diciamo semplicemente che le Guardie Ecologiche Volontarie della Provincia di Torino sono qui. Le Guardie Ecologiche Volontarie Provincia di Torino Supplemento a Cronache da Palazzo Cisterna Anno 5 - N. 4 - Dicembre 2007 Presidente Provincia di Torino Antonio Saitta Assessore Cultura e Parchi Provincia di Torino Valter Giuliano Dirigente Servizio Aree Protette e Vigilanza Volontaria Marco Andreoli Direttore Responsabile Carla Gatti Responsabile Editoriale Liliana Catalano Coordinamento Redazionale Daria Oggero, Aldo Trogolo, Valentina Cocchi Redazione Dario Berruquier, Giuseppe Borla, Daniele Cerrato, Alessandra Pucci Stampato da AGIT Viale del Risorgimento 11 - Beinasco (TO) Su carta prodotta in assenza totale di cloro 2

3 GEV qxp 26/11/ Pagina 3 LA RISPOSTA DI SAITTA Sono lieto di comunicarvi che i giudizi sul vostro operato sono decisamente positivi. Questo è ciò che pensano le amministrazioni comunali, le comunità montane e tutti coloro che, in qualche modo, si confrontano quotidianamente con voi. È in aumento il numero degli Enti che desiderano stipulare convenzioni con le G.E.V., il che significa che il vostro Servizio è davvero utile. Per questo motivo non posso che esprimere un ringraziamento sincero da parte mia, da parte dell amministrazione provinciale e di tutta la comunità perché, nonostante il vostro sia un Servizio gratuito, mettete a disposizione di tutti un bene prezioso che è fatto di intenso lavoro e di grande passione. Chi ha un compito come il mio affronta spesso temi onerosi che talvolta costringono a prendere decisioni impopolari, ma oggi, che sono qui tra di voi, mi sento circondato da amici. Foto di gruppo con il Presidente della Provincia Saitta Mi sono state poste delle richieste a carattere finanziario e devo dire che, grazie all ultima Finanziaria, ci sono buone probabilità per voi, perché potremo spendere quelle risorse finora vincolate dal patto di stabilità. Il vostro Servizio è un esempio di eccellenza all interno della nostra Regione, me lo avete dimostrato e ne ho avuto conferma. Per questo motivo, la proposta di poter diffondere la vostra esperienza, perché diventi per la comunità un modello di riferimento, sarà per noi ragione di riflessione per il futuro. È inoltre motivo di orgoglio, apprezzando la vostra partecipazione attiva in occasione dell Assemblea annuale G.E.V., percepire l attaccamento all Istituzione Provincia. È pur vero che siete volontari, ma io vi considero a tutti gli effetti dipendenti onorari della Provincia di Torino. Quindi grazie per tutto ciò che fate. Nei prossimi mesi lavoreremo per affrontare le questioni che qui sono state indicate in occasione del bilancio, cercando di trovare le risorse necessarie per permettere al Servizio di fare un ulteriore passo avanti. Antonio Saitta Presidente Provincia di Torino IL BILANCIO DI UN ANNO È il momento di tracciare il bilancio dell anno che sta finendo. Sui dati statistici sarà necessario riflettere all inizio del prossimo anno per avere il quadro completo. Alcune osservazioni sono però possibili già ora. In generale devo rilevare che è cresciuta l attenzione dell opinione pubblica e degli amministratori per i problemi ambientali. Lo dimostrano in modo evidente le numerose richieste dei Comuni per una maggior presenza a tutela dell ambiente, le numerose adesioni ai programmi didattici scolastici e le varie ipotesi per estendere le aree protette o per istituire parchi periurbani. Certo, non sempre ad una manifestazione di attenzione segue un azione adeguata che supporti l impegno delle G.E.V. Quante volte abbiamo discusso dell inerzia e delle contraddizioni degli stessi soggetti pubblici e privati che reclamano la presenza dei volontari? Certo anche noi abbiamo difficoltà ad affrontare le realtà che incontriamo ed il risultato a volte non è quello pensato inizialmente. Questi del resto sono i problemi delle G.E.V., di chi vive con passione un territorio di frontiera qual è l ambiente da sempre. Da qui però traiamo lo spunto per cercare di migliorare le nostre conoscenze e le capacità di intervento anche diversificandole. Così l anno che si chiude ci ha visto protagonisti di alcuni interessanti esperimenti: sul versante formativo ricordo i corsi di aggiornamento cofinanziati, ben 6 corsi su aspetti specifici di lavoro ai quali hanno partecipato 114 G.E.V.; per la didattica si è concluso in modo lusinghiero il primo concorso per le scuole elementari su temi ambientali con la premiazione di 7 cortometraggi, realizzati da alunni ed insegnanti; per l informazione c è stata la prima partecipazione alle manifestazioni Messer tulipano a Pralormo e alla Giornata FAI di primavera nei parchi torinesi; per la vigilanza la proposta di un tavolo operativo di coordinamento degli interventi con le guardie volontarie delle associazioni ambientaliste, tavolo che diventerà operativo entro l anno; per il territorio l attività di ricognizione dei sentieri che, ci auspichiamo, condurrà il prossimo anno ad accordi con le associazioni di tutela dei diversamente abili, per consentire loro una reale fruizione dei parchi provinciali. Insomma uno sguardo a tutto tondo per favorire la crescita di una coscienza collettiva del valore e delle possibilità che, se tutelato, l ambiente offre. Marco Andreoli Dirigente Servizio Aree Protette e Vigilanza Volontaria RICORDANDO RICCARDO Gli ultimi giorni d agosto hanno portato via con loro Riccardo Sartor, amico e collega G.E.V., spentosi a causa di un malore improvviso durante una gita in montagna. Il tragico evento ha lasciato nel dolore i suoi cari, gli amici e i colleghi G.E.V. della Provincia di Torino. Guardia Ecologica dagli anni Ottanta e da allora costantemente presente nel Servizio con la sua passione e il suo entusiasmo rivolti alla protezione della Natura. Sempre impegnato, disponibile con tutti e pronto al dialogo, accompagnato da un sorriso immenso, Riccardo si prodigava nei vari settori di attività: scuole, protezione civile, vigilanza e censimenti hanno sempre potuto contare sul suo contributo. Il suo spirito gioviale e generoso rimarrà nei nostri cuori e ci accompagnerà sempre nella difficile attività di protezione della Natura. Con affetto, il Rappresentante Fabio Santo. 3

4 GEV qxp 26/11/ Pagina 4 ASSEMBLEA G.E.V.: INSIEME PER MIGLIORARE IL SERVIZIO Il 6 ottobre scorso, nella splendida cornice del Castello di Masino, alla presenza del Presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta e dell Assessore Valter Giuliano, si è svolta l annuale Assemblea generale delle Guardie Ecologiche Volontarie della Provincia di Torino. Fra le Autorità presenti: l Assessore regionale Nicola De Ruggiero, il Sindaco di Caravino, Clara Pasquale, ed il Sindaco di Vestignè, Luigi Manfredo. Gradita ospite, poi, la rappresentanza delle G.E.V. della Provincia di Milano, coordinate da Guido Guida, con le quali da anni c è un proficuo sodalizio. All Assemblea hanno partecipato circa 200 G.E.V. e la giornata è stata occasione di discussione su questioni di carattere generale riguardanti l organizzazione e gli interventi sul territorio. Marco Andreoli mentre parla all Assemblea A conclusione dei lavori è stato approvato il documento di programmazione delle attività per il I relativi documenti sono comunque disponibili e consultabili sul sito Internet della Provincia di Torino. Questo evento rappresenta un appuntamento importante per le G.E.V. perché ne rinnova lo spirito di servizio e la missione. Quest anno, in particolare, i lavori si sono svolti in un ottica nuova. L Assemblea è stata infatti l occasione giusta per effettuare un workshop ed un interessante ricerca Sviluppo organizzativo, regolamenti e qualità, curata dal Servizio provinciale. Nella prima parte le G.E.V. hanno risposto individualmente ad una serie di questionari sull organizzazione dell attività, sul lavoro di gruppo e sull autopercezione della propria immagine. Nella seconda parte le G.E.V., suddivise in gruppi di lavoro formati sulla base di diverse provenienze territoriali, hanno discusso e poi rappresentato gli aspetti maggiormente significativi delle loro principali attività, individuandone i punti e gli strumenti di miglioramento. I risultati sono di rilievo e saranno oggetto di approfondita analisi e di informazione dettagliata rivolta ai gruppi. In quest ambito sintetizziamo alcuni tra i risultati più significativi. Dal questionario è emerso che: - una percentuale elevata di G.E.V. ritiene le aspettative di servizio coincidenti con le attività svolte (tutela ambientale, educazione ed informazione, vigilanza, ecc. ecc.). Emerge però il desiderio di affrontare maggiormente temi quali la protezione civile, la sorveglianza ai biotopi e la vigilanza ai vincoli idrogeologici; - c è conoscenza e consapevolezza dell importanza e dell utilità degli incontri che si svolgono (riunioni, aggiornamenti, seminari informativi) anche per trattare gli aspetti problematici delle attività. Esistono problemi di natura logistica da risolvere per dare omogeneità e funzionalità alle riunioni; - i pareri espressi sulla corrispondenza di varie attività alle istanze esterne sono positivi, specie quelle a contenuto didattico; - fra le maggiori aspettative c è quella di svolgere servizio anche al di fuori del territorio del gruppo di appartenenza ed avere esperienze lavorative con colleghi diversi; - fra gli aspetti problematici la dotazione dei materiali, l organizzazione ed il riconoscimento del ruolo. Dal lavoro di gruppo sono emerse varie proposte e, tra queste, quelle comuni sono: 1) in tema di vigilanza: informare capillarmente il pubblico e gli attori istituzionali del ruolo e dei poteri di polizia amministrativa delle G.E.V., cercare maggiore collaborazione e supporto da parte delle forze di polizia, incrementare il numero di convenzioni con i Comuni, perseguire un costante aggiornamento relativo alle questioni specialistiche, fornire le G.E.V. di adeguate attrezzature (fotocamere digitali, radio, binocoli, cellulari e auto); 2) in tema di educazione ambientale: aprire uno sportello informativo al pubblico su iniziative e attività delle G.E.V., realizzare corsi di pedagogia per gli abilitati all insegnamento e, per aumentarne il numero, corsi di formazione, incrementare il materiale didattico ed informativo, dare maggior risalto sui mass media alle possibilità didattiche offerte, creare momenti di confronto tra insegnanti e G.E.V. per dare omogeneità agli incontri educativi nelle scuole e rilievo al ruolo delle G.E.V.; 3) in tema di protezione civile: formare nuovi abilitati fra le G.E.V., definire le modalità di reperibilità, perfezionare l addestramento mediante la partecipazione ad esercitazioni, informare gli altri attori istituzionali presenti nei Comuni del ruolo delle G.E.V., inserire le G.E.V. nell elenco nazionale o dipartimentale della Protezione Civile; 4) in tema di gestione delle aree protette: creare occasione per un fattivo coinvolgimento delle popolazioni locali, dare assidua e completa informazione sulle iniziative di gestione o sulle attività promozionali, favorire nei parchi urbani l assimilazione delle culture ed abitudini multietniche, individuare nuove aree dedicate alla tutela, creare una sala operativa. Le Guardie Ecologiche Volontarie durante il workshop Le considerazioni e le proposte raccolte saranno oggetto di approfondimento e nei limiti di bilancio integreranno il documento di programmazione finale approvato. L Assemblea si è conclusa con un caloroso saluto alle Guardie Ecologiche Volontarie che quest anno purtroppo lasciano il Servizio e con l auspicio da parte di tutti di un anno ricco di ottimi risultati all insegna della tutela dell ambiente. Marco Andreoli 4

5 GEV qxp 26/11/ Pagina 5 GLI ANFIBI: SCHEDE TECNICHE (a cura di Alessandra Pucci) CLASSE: ANFIBI La Classe Anfibi conta in Piemonte 21 differenti specie che, da un punto di vista sistematico, possono essere così raggruppate: - ordine URODELI (= anfibi con coda) - ordine ANURI (= anfibi senza coda) Gli Urodeli possono essere suddivisi in 3 famiglie: - Salamandridi: generi Salamandra, Salamandrina e Triturus (tritoni) - Pletodontidi: genere Speleomantes - Proteidi: genere Proteus (assente in Piemonte) Gli Anuri possono essere suddivisi in 6 famiglie: - Discoglossidi: assenti in Piemonte - Pelobatidi: genere Pelobates - Peloditidi: genere Pelodytes - Bufonidi: genere Bufo (rospo comune e smeraldino) - Ilidi: genere Hyla (raganelle) - Ranidi: genere Rana. All interno di questa famiglia si distingue il gruppo delle rane rosse (o brune) e quello delle rane verdi. La sistematica degli Anfibi è sottoposta a continue modifiche e spesso mette a dura prova il concetto di specie scientificamente accettato (appartengono alla stessa specie gli individui che sono fra loro fecondi e danno origine a ibridi non sterili): vedremo alcuni casi particolari trattando le Rane verdi. Alla luce di quanto detto è dunque possibile che troviate, altrove, classificazioni diverse dalla presente. Nel trattare le caratteristiche delle singole specie abbiamo deciso di iniziare dalle Rane perché, fra tutti gli Anfibi, sono quelle con cui ognuno di noi ha più dimestichezza. RANA DALMATINA o RANA AGILE (Rana dalmatina) Classe: Anfibi (Amphibia) Ordine: Anuri (Anura) Famiglia: Ranidi (Ranidae) Appartiene al gruppo delle rane brune con cui condivide la posizione orizzontale della pupilla, la presenza di una macchia triangolare bruno-scuro dietro l occhio e l assenza di tonalità verdi nella colorazione. Si distingue dalle altre rane rosse (o brune) per la colorazione chiara dei lati del muso, la linea chiara che dal bordo del labbro superiore prosegue lungo la punta del muso, la gola chiara con poche macchie scure, la regione inguinale sovente giallastra e la lunghezza degli arti posteriori che, stesi in avanti lungo il corpo, superano nettamente la punta del muso. La lunghezza testa più tronco varia tra i 6 e i 9 cm. Protezione: Protetta a livello comunitario (Direttiva Habitat 92/43/CEE - all. IV, Convenzione di Berna - all. II). Raccolta regolamentata secondo la L.R. 32/82. Ecologia e biologia: l attività è prevalentemente crepuscolare notturna. Durante il giorno e nei mesi più caldi e più freddi (estivazione e ibernazione) si rifugia sotto terra, fra le radici degli alberi, sotto foglie morte e tronchi caduti. La stagione riproduttiva si verifica tra febbraio ed aprile, a seconda dell andamento delle piogge. Non avendo il maschio sacchi vocali esterni, il canto è piuttosto sommesso. Le uova sono deposte in laghetti, stagni, canali, di norma riunite in masse tondeggianti gelatinose che galleggiano sulla superficie dell acqua. Frequenta ambienti planiziali e collinari sia boscosi sia aperti. Sopravvive in aree agricole, purché in alternanza con boschi ed aree aperte. Raramente supera i 500 m. di quota. In Piemonte è assente dai rilievi e dalle vallate alpine. Alimentazione: gli adulti si nutrono di piccoli invertebrati, acquatici e terricoli; i girini sono onnivori, ma prevalentemente vegetariani. Foto: 5

6 GEV qxp 26/11/ Pagina 6 GLI ANFIBI: SCHEDE TECNICHE (a cura di Dario Berruquier) RANA DI LATASTE (Rana latastei) e RANA APPENNINICA (Rana italica) Classe: Anfibi (Amphibia) Ordine: Anuri (Anura) Famiglia: Ranidi (Ranidae) La Rana di Lataste e la Rana appenninica appartengono, insieme a Rana dalmatina e Rana temporaria, al gruppo delle rane brune. Dalla Dalmatina si distinguono per i lati del muso scuri anziché chiari, la gola solitamente pigmentata di scuro e la regione inguinale rossastra e non giallastra; dalla Temporaria si distinguono per il muso più appuntito e le zampe posteriori più lunghe. Protezione: protetta a livello comunitario (Direttiva Habitat 92/43/CEE - all. II e IV, Convenzione di Berna - all. II). Raccolta regolamentata secondo la L.R. 32/82. Ecologia e biologia: la Rana di Lataste è specie, in origine, strettamente legata ai boschi planiziali. Oggi, in Piemonte, è molto localizzata e fortemente minacciata dalla scomparsa degli habitat idonei: la si può ancora incontrare in alcuni lembi relitti di foresta planiziale, in boschetti ripariali, pioppeti poco curati e siepi campestri, a quote comprese tra i 90 e i 260 m. La Rana appenninica è stata segnalata, per il Piemonte, solo nella provincia di Alessandria, al confine con l Appennino ligure: abita torrentelli con fondo roccioso dal livello del mare a m. È legata, più di tutte le altre rane rosse, ai siti riproduttivi da cui si allontana raramente. Le uova, deposte in masserelle tondeggianti, devono resistere alla corrente dei ruscelli e vengono dunque attaccate con un peduncolo sotto sassi e tronchi sommersi, divenendo difficilmente osservabili. Alimentazione: gli adulti si nutrono di piccoli invertebrati, i girini sono onnivori, ma prevalentemente vegetariani. Foto: Roberto Sindaco RANA MONTANA (Rana temporaria) Classe: Anfibi (Amphibia) Ordine: Anuri (Anura) Famiglia: Ranidi (Ranidae) È la rana rossa più grossa e con la corporatura più massiccia: la lunghezza dalla testa alla cloaca è 7-8 cm., ma può raggiungere i 10 cm. Le zampe posteriori sono più corte rispetto a quelle delle altre rane rosse: allungate in avanti lungo il corpo, le zampe non superano il muso. Protezione: è inserita nell all. V della Direttiva Habitat 92/43/CEE come specie animale di interesse comunitario, il cui prelievo nella natura e il cui sfruttamento potrebbero formare oggetto di misure di gestione. Raccolta regolamentata secondo la L.R. 32/82. Ecologia e biologia: la specie mostra una spiccata preferenza per gli ambienti montani e alpini (fino a m. di quota nel Parco Nazionale del Gran Paradiso) e solo raramente si ritrova in pianura. Frequenta per lo più praterie alpine, arbusteti e boschi, in prossimità di zone umide (laghetti, rii, torbiere, ecc. ecc.). Frequenta gli ambienti acquatici solo durante il periodo dell accoppiamento. La deposizione delle uova avviene in periodi diversi a seconda della quota (in genere a maggio) e la metamorfosi completa (trasformazione da girino a rana) è raggiunta a metà settembre. Talora i girini possono trascorrere tutto l inverno in acqua e rimandare la metamorfosi all anno successivo. Alimentazione: adulti e giovani si nutrono di piccoli invertebrati; le larve sono onnivore, ma prevalentemente vegetariane. Foto: 6

7 GEV qxp 26/11/ Pagina 7 L AFFASCINANTE MONDO DEGLI ANFIBI Sono migliaia di specie, abitano gli ambienti più svariati, dalle foreste tropicali alle grotte carsiche, dalle praterie alpine ai boschi di latifoglie, eppure pochi li conoscono. Stiamo parlando degli Anfibi, gli animali che per primi, nella storia dell evoluzione, abbandonarono l acqua ed iniziarono ad occupare le terre emerse. Ancora oggi, nonostante siano passati da quel fatidico momento più di 380 milioni di anni, gli Anfibi mantengono alcune caratteristiche anatomiche e fisiologiche che consentono loro di vivere sia nell acqua sia sulla terraferma. Il trucco, se così vogliamo chiamarlo, sta nell aver mantenuto le branchie per respirare l ossigeno disciolto in acqua, come i pesci, e nell aver contemporaneamente sviluppato i polmoni, in tutto simili ai nostri, sebbene meno complessi. La loro pelle, inoltre, è diventata capace di assorbire l ossigeno atmosferico che si scioglie nel velo d acqua che la riveste e persino la mucosa della bocca ha imparato a respirare. Tutte queste soluzioni alternative alle branchie hanno consentito agli Anfibi di svincolarsi dall acqua e di colonizzare habitat differenti. Il legame con l elemento liquido è però rimasto fortissimo, tant è che ad esso è affidata la fase più delicata della vita di ogni Anfibio: la riproduzione. Rane, rospi, raganelle, salamandre, tritoni tutti hanno bisogno dell acqua per deporre le proprie uova che, se sopravviveranno ai predatori, svilupperanno dei girini o delle larve, da cui si originerà un individuo adulto. esotici (pesci, tartarughe ) dà il colpo finale, determinando la riduzione e la scomparsa di intere popolazioni. Per tutti questi motivi la maggior parte degli Anfibi piemontesi è inserita negli elenchi della Direttiva Habitat (92/43/CEE), strumento principe della conservazione della natura a livello europeo. Le caratteristiche biologiche che abbiamo descritto (elevata permeabilità cutanea, sviluppo attraverso uno stadio larvale acquatico, adattamento sia all ambiente acquatico sia a quello terrestre) hanno rappresentato per milioni di anni la carta vincente degli Anfibi, ma oggi si rivelano il loro punto debole poiché conferiscono particolare vulnerabilità di fronte alle modificazioni dell ambiente. Per questo motivo gli Anfibi sono Ritratto di una ranocchia Censimento G.E.V. delle zone umide a Cumiana L acqua è dunque il mezzo che dà la vita, ma, ultimamente, anche quello che la toglie. La generalizzata scomparsa degli ambienti acquatici a vantaggio di un espansione edilizia e terziaria che pare non avere limiti, l alterazione della qualità delle acque causata dall inquinamento diffuso, le intubazioni e le captazioni a scopo idroelettrico ed agricolo sottraggono sempre più ambienti idonei agli Anfibi; inoltre, l introduzione in natura di specie di predatori considerati ottimi bioindicatori, cioè organismi viventi in grado di evidenziare gli squilibri ambientali dei luoghi in cui vivono. Le piogge acide, i fitosanitari usati in agricoltura, i metalli pesanti, le variazioni climatiche, l inquinamento atmosferico incidono in maniera diretta sulla vitalità delle popolazioni e sui ritmi biologici degli Anfibi. Prova ne è il forte incremento della percentuale di individui malformi segnalato negli ultimi anni nelle popolazioni di Anfibi, a livello mondiale. La situazione di questi animali, come quella di molti altri, è davvero critica e, anche se ci costa fatica ammetterlo, tutti noi ne siamo responsabili. Perché è il nostro sistema di crescita che depaupera le risorse del Pianeta, perché è la nostra presunzione che ci fa sentire padroni dell acqua, dell aria, dei boschi. Proviamo a dedicare un po del nostro tempo alla conoscenza di questi delicati ed interessanti animali, a coinvolgere i bambini delle scuole nell osservazione delle specie e degli ambienti che le ospitano, ad aderire con entusiasmo ai progetti che Enti Locali, Università ed Associazioni portano avanti (vedi agevoliamoli sul n. 3/2007 de Il Giornale delle G.E.V. ): tutti insieme possiamo fare la differenza! Alessandra Pucci Tecnico Ambientale/Naturalista Settore Parchi - Provincia di Torino COMUNICAZIONI AI LETTORI L Assessore Valter Giuliano ed il Servizio Aree Protette e Vigilanza Volontaria della Provincia di Torino, insieme alla redazione de Il Giornale delle G.E.V. ed ai collaboratori, desiderano augurare i più cari e sinceri auguri di Buone Feste a tutte le Guardie Ecologiche Volontarie ed ai propri lettori. Il Comitato di Redazione comunica che, da questo numero, vengono momentaneamente sospese le schede tecniche su fauna ed avifauna per dar spazio a quelle sugli anfibi. Tutti coloro che intendono partecipare attivamente alla realizzazione del periodico, con articoli, materiale fotografico, informazioni utili, commenti e suggerimenti, possono inviare la documentazione al seguente indirizzo dedicato: 7

8 GEV qxp 26/11/ Pagina 8 AAA VOLONTARI CERCASI In occasione della tredicesima edizione del Trofeo Danilo Re, il Servizio Aree Protette e Vigilanza Volontaria della Provincia di Torino ricerca volontari disposti a prestare servizio durante la manifestazione e Guardie Ecologiche Volontarie interessate a far parte della squadra di atleti che parteciperà alla competizione sportiva. Le discipline saranno: sci alpino, slalom gigante, sci di fondo e tiro con la carabina. Chi fosse interessato può richiedere maggiori informazioni ai numeri oppure inviare una all indirizzo 8

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando?

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando? Nationale Plattform Naturgefahren PLANAT Plate-forme nationale "Dangers naturels" Plattaforma nazionale "Pericoli naturali" National Platform for Natural Hazards c/o BAFU, 3003 Berna Tel. +41 31 324 17

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S.

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S. Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENMENTO C.A.S. Ringraziamo per aver prontamente risposto al nostro questionario relativo ai Centri di Avviamento al Canottaggio

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli