A COLLOQUIO CON LE ISTITUZIONI LA RISPOSTA DI SAITTA IL BILANCIO DI UN ANNO INSIEME PER MIGLIORARE IL SERVIZIO IL MONDO DEGLI ANFIBI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A COLLOQUIO CON LE ISTITUZIONI LA RISPOSTA DI SAITTA IL BILANCIO DI UN ANNO INSIEME PER MIGLIORARE IL SERVIZIO IL MONDO DEGLI ANFIBI"

Transcript

1 GEV qxp 26/11/ Pagina 1 A COLLOQUIO CON LE ISTITUZIONI LA RISPOSTA DI SAITTA IL BILANCIO DI UN ANNO INSIEME PER MIGLIORARE IL SERVIZIO IL MONDO DEGLI ANFIBI Dopo l ambientalista keniana Wangari Maathai, premio Nobel per la pace nel 2004, il prestigioso riconoscimento è stato quest anno assegnato ad Al Gore per le sue campagne ambientaliste, tese alla sensibilizzazione sul riscaldamento globale della Terra, ed al Panel degli scienziati dell Onu che hanno dichiarato, senza margini di ulteriore dubbio, le responsabilità dell Uomo nei cambiamenti climatici in corso. Perché un premio per la pace, da sempre assegnato a statisti che raggiungevano una tregua in conflitti bellici o scongiuravano guerre devastanti, va ora a persone che si occupano del clima? La risposta è drammaticamente semplice: trascurare gli effetti perversi delle azioni dell uomo sull ambiente naturale non ha solo conseguenze astratte. Gli effetti sono ben documentati e segnalano come si possa facilmente giungere a conflitti armati, causati dalla scarsità delle risorse e dal degrado degli ambienti di vita. La guerra che l uomo sta conducendo contro l ambiente rischia di trasformarsi in una vera sciagurata guerra contro altri uomini. Per questo la nostra impresa a favore di una educazione ambientale, che racconti anche questi tragici scenari possibili, non va scambiata per catastrofismo, accusa che ci è spesso rivolta, ma come saggio avvertimento proprio per scongiurare le catastrofi annunciate. Il percorso intrapreso in questi anni dalle Guardie Ecologiche Volontarie della Provincia di Torino non ha trascurato questo argomento. Siamo sulla giusta strada. Abbiamo lavorato, tutti insieme, con grande impegno ed entusiasmo, per consolidare questo Servizio, per difendere il nostro operato e per far capire ai nostri interlocutori che abbiamo raggiunto un livello di organizzazione eccellente sotto tutti i punti di vista. Per l attività di prevenzione e per l opera di sanzione. Il Servizio funziona, ha raggiunto livelli di eccellenza, è efficiente ed è considerato uno dei fiori all occhiello della Provincia di Torino. Tutto questo è stato fatto in condizioni non certo ottimali e siamo consapevoli delle difficoltà incontrate dalle G.E.V. per svolgere il proprio lavoro. La situazione finanziaria è difficile, ma l impegno per richiedere alla Regione Piemonte di rispettare, in termini di sussidiarietà, gli impegni, perché la gestione provinciale delle G.E.V. funzioni, ha dato i primi risultati. L Assessore regionale ha infatti annunciato, in occasione dell annuale assemblea generale delle G.E.V. al castello di Masino, lo stanziamento di 250 mila euro per l attività del prossimo anno e stanno per partire i tanto agognati nuovi corsi di formazione. L annuale assemblea generale, al Castello di Masino, ha visto un ottima partecipazione, per un momento alto di riflessione, di contatto con le Istituzioni e di confronto. Anche per questa dedizione, per questo impegno civico delle mie (consentitemelo dopo tanti anni), nostre, Guardie Ecologiche Volontarie, il ringraziamento è più che mai sentito. Per il loro attaccamento alla divisa e alle insegne che indossano nel loro tempo libero, dedicato al servizio dell ambiente, della comunità e della Provincia. Valter Giuliano Assessore Cultura e Parchi - Provincia di Torino Archivio archivio Presspoint 1

2 GEV qxp 26/11/ Pagina 2 LETTERA APERTA, A COLLOQUIO CON LE ISTITUZIONI Qui di seguito il testo letto in sede di Assemblea generale da Anna Torchio, rappresentante delle Guardie Ecologiche Volontarie, ad Antonio Saitta, Presidente della Provincia di Torino. Egregio signor Presidente, è per noi motivo di soddisfazione riaverla fra noi nella riunione annuale delle G.E.V. della Provincia di Torino. Un anno è passato dall ultimo nostro incontro e siamo contenti che il nostro Presidente sia di nuovo qui tra le sue Guardie. Vogliamo considerare la sua presenza come un segno di apprezzamento per quello che nell ultimo anno le G.E.V. hanno fatto. In effetti si è fatto molto e i dati statistici, che le sono stati forniti, lo dimostrano. Ciò spiega le sempre più numerose richieste da parte dei Comuni della Provincia per attuare convenzioni con le G.E.V. La nostra presenza sul territorio è stata significativa. Alcune questioni, quali per esempio l abbandono dei rifiuti, sono state oggetto di particolare attenzione. Anche gli interventi educativi sono stati numerosi e qualificati ed è aumentata l attività svolta con gli altri Servizi della Provincia. Ci fa piacere notare che le attività sinergiche con le varie funzioni provinciali si sono sviluppate, che le G.E.V. sono sempre di Anna Torchio portavoce delle G.E.V. al Castello di Masino più dipendenti onorari della Provincia, che svolgono il loro lavoro con serietà e dedizione. Abbiamo fatto molto, a costi estremamente contenuti. Basta una semplice divisione fra costi delle G.E.V. e risultati per apprezzare questo Servizio, che molto ha fatto senza praticamente generare problemi. Siamo soddisfatti che la discussione sui due Servizi sia stata, lo speriamo sinceramente e definitivamente, accantonata. Le caratteristiche del Servizio sono uniche e, inglobarlo in altri, vorrebbe dire spegnere questa realtà positiva. Inoltre è necessario ricordare l importante contributo dato al nostro Servizio per le associazioni ambientaliste zoofile, con le quali è opportuno mantenere sempre un rapporto di presente collaborazione. Certo ci rendiamo conto che è necessario un coordinamento più stretto tra i vari Servizi della Provincia e noi, su questo, non ci tireremo indietro. Siamo disposti a metterci in gioco come sempre facciamo, con valutazione dell operato basato sui fatti concreti e non sulle mire interessate di precisi e limitati ambienti, che farebbero volentieri a meno della nostra attività. Quindi, signor Presidente, possiamo affermare che, in linea di massima, le cose funzionano abbastanza bene, grazie anche all organizzazione del Servizio attuata dal funzionario e dal dirigente G.E.V., con il prezioso contributo degli agenti di coordinamento. Certo servono più risorse, siamo sempre a livello di sussistenza, vorremmo fare di più, ma ci rendiamo conto che la situazione finanziaria è difficile. Però, visto che il nostro lavoro è gratuito e che consente risparmi in altri settori, la pregheremmo di valutare la possibilità di trasferire anche a noi un po di questi risparmi. Nelle occasioni in cui possiamo confrontarci direttamente con il nostro Presidente occorre proporre nuovi obiettivi e nuove mete per rendere il Servizio sempre attuale e prevedere l intervento diretto delle G.E.V. in tutte le materie ambientali di competenza provinciale che comportano l applicazione di sanzioni amministrative. Le nostre proposte operative sono semplici. Aumentare la collaborazione delle G.E.V. con gli altri Servizi della Provincia, così che questa divenga sempre più organica all Istituzione. Questo concetto di organicità provinciale è per noi un concetto importante. In particolare l integrazione delle Guardie Ecologiche Volontarie con la protezione civile provinciale ha avuto un solo sporadico episodio. Ricordiamo la ricerca di un disperso in Val Chisone circa un anno fa. In caso di eventi calamitosi riteniamo sia importante contare su personale organizzato che conosce i luoghi ed è sufficientemente preparato. Riteniamo tale settore d intervento meritevole di attenzione e sperimentazione. Premesso che il Servizio G.E.V. della Provincia di Torino è ritenuto uno dei migliori della Regione Piemonte, e sicuramente di molte altre regioni italiane, riteniamo che le nostre conoscenze ed esperienze potrebbero essere utilmente applicate anche dalle altre province. In altri termini, signor Presidente, lei dispone di un Servizio di eccellenza che può essere preposto, ad esempio, alle altre province piemontesi. La nostra è ovviamente una proposta interessata. Se il Servizio G.E.V., con le caratteristiche e l organizzazione della Provincia di Torino, si generalizzasse in Regione Piemonte sarebbe una cosa valida per tutti. Lei quindi potrebbe essere considerato come il Presidente di una Provincia che è innovativa e proporre un modello di Servizio volontario di vigilanza ambientale che dà molto e, ci permettiamo di ribadire, costa quasi nulla. Egregio signor Presidente, nella convinzione di averla ancora con noi il prossimo anno, nel ringraziarla sentitamente per il tempo che lei ci ha dedicato e ci dedica, le diciamo semplicemente che le Guardie Ecologiche Volontarie della Provincia di Torino sono qui. Le Guardie Ecologiche Volontarie Provincia di Torino Supplemento a Cronache da Palazzo Cisterna Anno 5 - N. 4 - Dicembre 2007 Presidente Provincia di Torino Antonio Saitta Assessore Cultura e Parchi Provincia di Torino Valter Giuliano Dirigente Servizio Aree Protette e Vigilanza Volontaria Marco Andreoli Direttore Responsabile Carla Gatti Responsabile Editoriale Liliana Catalano Coordinamento Redazionale Daria Oggero, Aldo Trogolo, Valentina Cocchi Redazione Dario Berruquier, Giuseppe Borla, Daniele Cerrato, Alessandra Pucci Stampato da AGIT Viale del Risorgimento 11 - Beinasco (TO) Su carta prodotta in assenza totale di cloro 2

3 GEV qxp 26/11/ Pagina 3 LA RISPOSTA DI SAITTA Sono lieto di comunicarvi che i giudizi sul vostro operato sono decisamente positivi. Questo è ciò che pensano le amministrazioni comunali, le comunità montane e tutti coloro che, in qualche modo, si confrontano quotidianamente con voi. È in aumento il numero degli Enti che desiderano stipulare convenzioni con le G.E.V., il che significa che il vostro Servizio è davvero utile. Per questo motivo non posso che esprimere un ringraziamento sincero da parte mia, da parte dell amministrazione provinciale e di tutta la comunità perché, nonostante il vostro sia un Servizio gratuito, mettete a disposizione di tutti un bene prezioso che è fatto di intenso lavoro e di grande passione. Chi ha un compito come il mio affronta spesso temi onerosi che talvolta costringono a prendere decisioni impopolari, ma oggi, che sono qui tra di voi, mi sento circondato da amici. Foto di gruppo con il Presidente della Provincia Saitta Mi sono state poste delle richieste a carattere finanziario e devo dire che, grazie all ultima Finanziaria, ci sono buone probabilità per voi, perché potremo spendere quelle risorse finora vincolate dal patto di stabilità. Il vostro Servizio è un esempio di eccellenza all interno della nostra Regione, me lo avete dimostrato e ne ho avuto conferma. Per questo motivo, la proposta di poter diffondere la vostra esperienza, perché diventi per la comunità un modello di riferimento, sarà per noi ragione di riflessione per il futuro. È inoltre motivo di orgoglio, apprezzando la vostra partecipazione attiva in occasione dell Assemblea annuale G.E.V., percepire l attaccamento all Istituzione Provincia. È pur vero che siete volontari, ma io vi considero a tutti gli effetti dipendenti onorari della Provincia di Torino. Quindi grazie per tutto ciò che fate. Nei prossimi mesi lavoreremo per affrontare le questioni che qui sono state indicate in occasione del bilancio, cercando di trovare le risorse necessarie per permettere al Servizio di fare un ulteriore passo avanti. Antonio Saitta Presidente Provincia di Torino IL BILANCIO DI UN ANNO È il momento di tracciare il bilancio dell anno che sta finendo. Sui dati statistici sarà necessario riflettere all inizio del prossimo anno per avere il quadro completo. Alcune osservazioni sono però possibili già ora. In generale devo rilevare che è cresciuta l attenzione dell opinione pubblica e degli amministratori per i problemi ambientali. Lo dimostrano in modo evidente le numerose richieste dei Comuni per una maggior presenza a tutela dell ambiente, le numerose adesioni ai programmi didattici scolastici e le varie ipotesi per estendere le aree protette o per istituire parchi periurbani. Certo, non sempre ad una manifestazione di attenzione segue un azione adeguata che supporti l impegno delle G.E.V. Quante volte abbiamo discusso dell inerzia e delle contraddizioni degli stessi soggetti pubblici e privati che reclamano la presenza dei volontari? Certo anche noi abbiamo difficoltà ad affrontare le realtà che incontriamo ed il risultato a volte non è quello pensato inizialmente. Questi del resto sono i problemi delle G.E.V., di chi vive con passione un territorio di frontiera qual è l ambiente da sempre. Da qui però traiamo lo spunto per cercare di migliorare le nostre conoscenze e le capacità di intervento anche diversificandole. Così l anno che si chiude ci ha visto protagonisti di alcuni interessanti esperimenti: sul versante formativo ricordo i corsi di aggiornamento cofinanziati, ben 6 corsi su aspetti specifici di lavoro ai quali hanno partecipato 114 G.E.V.; per la didattica si è concluso in modo lusinghiero il primo concorso per le scuole elementari su temi ambientali con la premiazione di 7 cortometraggi, realizzati da alunni ed insegnanti; per l informazione c è stata la prima partecipazione alle manifestazioni Messer tulipano a Pralormo e alla Giornata FAI di primavera nei parchi torinesi; per la vigilanza la proposta di un tavolo operativo di coordinamento degli interventi con le guardie volontarie delle associazioni ambientaliste, tavolo che diventerà operativo entro l anno; per il territorio l attività di ricognizione dei sentieri che, ci auspichiamo, condurrà il prossimo anno ad accordi con le associazioni di tutela dei diversamente abili, per consentire loro una reale fruizione dei parchi provinciali. Insomma uno sguardo a tutto tondo per favorire la crescita di una coscienza collettiva del valore e delle possibilità che, se tutelato, l ambiente offre. Marco Andreoli Dirigente Servizio Aree Protette e Vigilanza Volontaria RICORDANDO RICCARDO Gli ultimi giorni d agosto hanno portato via con loro Riccardo Sartor, amico e collega G.E.V., spentosi a causa di un malore improvviso durante una gita in montagna. Il tragico evento ha lasciato nel dolore i suoi cari, gli amici e i colleghi G.E.V. della Provincia di Torino. Guardia Ecologica dagli anni Ottanta e da allora costantemente presente nel Servizio con la sua passione e il suo entusiasmo rivolti alla protezione della Natura. Sempre impegnato, disponibile con tutti e pronto al dialogo, accompagnato da un sorriso immenso, Riccardo si prodigava nei vari settori di attività: scuole, protezione civile, vigilanza e censimenti hanno sempre potuto contare sul suo contributo. Il suo spirito gioviale e generoso rimarrà nei nostri cuori e ci accompagnerà sempre nella difficile attività di protezione della Natura. Con affetto, il Rappresentante Fabio Santo. 3

4 GEV qxp 26/11/ Pagina 4 ASSEMBLEA G.E.V.: INSIEME PER MIGLIORARE IL SERVIZIO Il 6 ottobre scorso, nella splendida cornice del Castello di Masino, alla presenza del Presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta e dell Assessore Valter Giuliano, si è svolta l annuale Assemblea generale delle Guardie Ecologiche Volontarie della Provincia di Torino. Fra le Autorità presenti: l Assessore regionale Nicola De Ruggiero, il Sindaco di Caravino, Clara Pasquale, ed il Sindaco di Vestignè, Luigi Manfredo. Gradita ospite, poi, la rappresentanza delle G.E.V. della Provincia di Milano, coordinate da Guido Guida, con le quali da anni c è un proficuo sodalizio. All Assemblea hanno partecipato circa 200 G.E.V. e la giornata è stata occasione di discussione su questioni di carattere generale riguardanti l organizzazione e gli interventi sul territorio. Marco Andreoli mentre parla all Assemblea A conclusione dei lavori è stato approvato il documento di programmazione delle attività per il I relativi documenti sono comunque disponibili e consultabili sul sito Internet della Provincia di Torino. Questo evento rappresenta un appuntamento importante per le G.E.V. perché ne rinnova lo spirito di servizio e la missione. Quest anno, in particolare, i lavori si sono svolti in un ottica nuova. L Assemblea è stata infatti l occasione giusta per effettuare un workshop ed un interessante ricerca Sviluppo organizzativo, regolamenti e qualità, curata dal Servizio provinciale. Nella prima parte le G.E.V. hanno risposto individualmente ad una serie di questionari sull organizzazione dell attività, sul lavoro di gruppo e sull autopercezione della propria immagine. Nella seconda parte le G.E.V., suddivise in gruppi di lavoro formati sulla base di diverse provenienze territoriali, hanno discusso e poi rappresentato gli aspetti maggiormente significativi delle loro principali attività, individuandone i punti e gli strumenti di miglioramento. I risultati sono di rilievo e saranno oggetto di approfondita analisi e di informazione dettagliata rivolta ai gruppi. In quest ambito sintetizziamo alcuni tra i risultati più significativi. Dal questionario è emerso che: - una percentuale elevata di G.E.V. ritiene le aspettative di servizio coincidenti con le attività svolte (tutela ambientale, educazione ed informazione, vigilanza, ecc. ecc.). Emerge però il desiderio di affrontare maggiormente temi quali la protezione civile, la sorveglianza ai biotopi e la vigilanza ai vincoli idrogeologici; - c è conoscenza e consapevolezza dell importanza e dell utilità degli incontri che si svolgono (riunioni, aggiornamenti, seminari informativi) anche per trattare gli aspetti problematici delle attività. Esistono problemi di natura logistica da risolvere per dare omogeneità e funzionalità alle riunioni; - i pareri espressi sulla corrispondenza di varie attività alle istanze esterne sono positivi, specie quelle a contenuto didattico; - fra le maggiori aspettative c è quella di svolgere servizio anche al di fuori del territorio del gruppo di appartenenza ed avere esperienze lavorative con colleghi diversi; - fra gli aspetti problematici la dotazione dei materiali, l organizzazione ed il riconoscimento del ruolo. Dal lavoro di gruppo sono emerse varie proposte e, tra queste, quelle comuni sono: 1) in tema di vigilanza: informare capillarmente il pubblico e gli attori istituzionali del ruolo e dei poteri di polizia amministrativa delle G.E.V., cercare maggiore collaborazione e supporto da parte delle forze di polizia, incrementare il numero di convenzioni con i Comuni, perseguire un costante aggiornamento relativo alle questioni specialistiche, fornire le G.E.V. di adeguate attrezzature (fotocamere digitali, radio, binocoli, cellulari e auto); 2) in tema di educazione ambientale: aprire uno sportello informativo al pubblico su iniziative e attività delle G.E.V., realizzare corsi di pedagogia per gli abilitati all insegnamento e, per aumentarne il numero, corsi di formazione, incrementare il materiale didattico ed informativo, dare maggior risalto sui mass media alle possibilità didattiche offerte, creare momenti di confronto tra insegnanti e G.E.V. per dare omogeneità agli incontri educativi nelle scuole e rilievo al ruolo delle G.E.V.; 3) in tema di protezione civile: formare nuovi abilitati fra le G.E.V., definire le modalità di reperibilità, perfezionare l addestramento mediante la partecipazione ad esercitazioni, informare gli altri attori istituzionali presenti nei Comuni del ruolo delle G.E.V., inserire le G.E.V. nell elenco nazionale o dipartimentale della Protezione Civile; 4) in tema di gestione delle aree protette: creare occasione per un fattivo coinvolgimento delle popolazioni locali, dare assidua e completa informazione sulle iniziative di gestione o sulle attività promozionali, favorire nei parchi urbani l assimilazione delle culture ed abitudini multietniche, individuare nuove aree dedicate alla tutela, creare una sala operativa. Le Guardie Ecologiche Volontarie durante il workshop Le considerazioni e le proposte raccolte saranno oggetto di approfondimento e nei limiti di bilancio integreranno il documento di programmazione finale approvato. L Assemblea si è conclusa con un caloroso saluto alle Guardie Ecologiche Volontarie che quest anno purtroppo lasciano il Servizio e con l auspicio da parte di tutti di un anno ricco di ottimi risultati all insegna della tutela dell ambiente. Marco Andreoli 4

5 GEV qxp 26/11/ Pagina 5 GLI ANFIBI: SCHEDE TECNICHE (a cura di Alessandra Pucci) CLASSE: ANFIBI La Classe Anfibi conta in Piemonte 21 differenti specie che, da un punto di vista sistematico, possono essere così raggruppate: - ordine URODELI (= anfibi con coda) - ordine ANURI (= anfibi senza coda) Gli Urodeli possono essere suddivisi in 3 famiglie: - Salamandridi: generi Salamandra, Salamandrina e Triturus (tritoni) - Pletodontidi: genere Speleomantes - Proteidi: genere Proteus (assente in Piemonte) Gli Anuri possono essere suddivisi in 6 famiglie: - Discoglossidi: assenti in Piemonte - Pelobatidi: genere Pelobates - Peloditidi: genere Pelodytes - Bufonidi: genere Bufo (rospo comune e smeraldino) - Ilidi: genere Hyla (raganelle) - Ranidi: genere Rana. All interno di questa famiglia si distingue il gruppo delle rane rosse (o brune) e quello delle rane verdi. La sistematica degli Anfibi è sottoposta a continue modifiche e spesso mette a dura prova il concetto di specie scientificamente accettato (appartengono alla stessa specie gli individui che sono fra loro fecondi e danno origine a ibridi non sterili): vedremo alcuni casi particolari trattando le Rane verdi. Alla luce di quanto detto è dunque possibile che troviate, altrove, classificazioni diverse dalla presente. Nel trattare le caratteristiche delle singole specie abbiamo deciso di iniziare dalle Rane perché, fra tutti gli Anfibi, sono quelle con cui ognuno di noi ha più dimestichezza. RANA DALMATINA o RANA AGILE (Rana dalmatina) Classe: Anfibi (Amphibia) Ordine: Anuri (Anura) Famiglia: Ranidi (Ranidae) Appartiene al gruppo delle rane brune con cui condivide la posizione orizzontale della pupilla, la presenza di una macchia triangolare bruno-scuro dietro l occhio e l assenza di tonalità verdi nella colorazione. Si distingue dalle altre rane rosse (o brune) per la colorazione chiara dei lati del muso, la linea chiara che dal bordo del labbro superiore prosegue lungo la punta del muso, la gola chiara con poche macchie scure, la regione inguinale sovente giallastra e la lunghezza degli arti posteriori che, stesi in avanti lungo il corpo, superano nettamente la punta del muso. La lunghezza testa più tronco varia tra i 6 e i 9 cm. Protezione: Protetta a livello comunitario (Direttiva Habitat 92/43/CEE - all. IV, Convenzione di Berna - all. II). Raccolta regolamentata secondo la L.R. 32/82. Ecologia e biologia: l attività è prevalentemente crepuscolare notturna. Durante il giorno e nei mesi più caldi e più freddi (estivazione e ibernazione) si rifugia sotto terra, fra le radici degli alberi, sotto foglie morte e tronchi caduti. La stagione riproduttiva si verifica tra febbraio ed aprile, a seconda dell andamento delle piogge. Non avendo il maschio sacchi vocali esterni, il canto è piuttosto sommesso. Le uova sono deposte in laghetti, stagni, canali, di norma riunite in masse tondeggianti gelatinose che galleggiano sulla superficie dell acqua. Frequenta ambienti planiziali e collinari sia boscosi sia aperti. Sopravvive in aree agricole, purché in alternanza con boschi ed aree aperte. Raramente supera i 500 m. di quota. In Piemonte è assente dai rilievi e dalle vallate alpine. Alimentazione: gli adulti si nutrono di piccoli invertebrati, acquatici e terricoli; i girini sono onnivori, ma prevalentemente vegetariani. Foto: 5

6 GEV qxp 26/11/ Pagina 6 GLI ANFIBI: SCHEDE TECNICHE (a cura di Dario Berruquier) RANA DI LATASTE (Rana latastei) e RANA APPENNINICA (Rana italica) Classe: Anfibi (Amphibia) Ordine: Anuri (Anura) Famiglia: Ranidi (Ranidae) La Rana di Lataste e la Rana appenninica appartengono, insieme a Rana dalmatina e Rana temporaria, al gruppo delle rane brune. Dalla Dalmatina si distinguono per i lati del muso scuri anziché chiari, la gola solitamente pigmentata di scuro e la regione inguinale rossastra e non giallastra; dalla Temporaria si distinguono per il muso più appuntito e le zampe posteriori più lunghe. Protezione: protetta a livello comunitario (Direttiva Habitat 92/43/CEE - all. II e IV, Convenzione di Berna - all. II). Raccolta regolamentata secondo la L.R. 32/82. Ecologia e biologia: la Rana di Lataste è specie, in origine, strettamente legata ai boschi planiziali. Oggi, in Piemonte, è molto localizzata e fortemente minacciata dalla scomparsa degli habitat idonei: la si può ancora incontrare in alcuni lembi relitti di foresta planiziale, in boschetti ripariali, pioppeti poco curati e siepi campestri, a quote comprese tra i 90 e i 260 m. La Rana appenninica è stata segnalata, per il Piemonte, solo nella provincia di Alessandria, al confine con l Appennino ligure: abita torrentelli con fondo roccioso dal livello del mare a m. È legata, più di tutte le altre rane rosse, ai siti riproduttivi da cui si allontana raramente. Le uova, deposte in masserelle tondeggianti, devono resistere alla corrente dei ruscelli e vengono dunque attaccate con un peduncolo sotto sassi e tronchi sommersi, divenendo difficilmente osservabili. Alimentazione: gli adulti si nutrono di piccoli invertebrati, i girini sono onnivori, ma prevalentemente vegetariani. Foto: Roberto Sindaco RANA MONTANA (Rana temporaria) Classe: Anfibi (Amphibia) Ordine: Anuri (Anura) Famiglia: Ranidi (Ranidae) È la rana rossa più grossa e con la corporatura più massiccia: la lunghezza dalla testa alla cloaca è 7-8 cm., ma può raggiungere i 10 cm. Le zampe posteriori sono più corte rispetto a quelle delle altre rane rosse: allungate in avanti lungo il corpo, le zampe non superano il muso. Protezione: è inserita nell all. V della Direttiva Habitat 92/43/CEE come specie animale di interesse comunitario, il cui prelievo nella natura e il cui sfruttamento potrebbero formare oggetto di misure di gestione. Raccolta regolamentata secondo la L.R. 32/82. Ecologia e biologia: la specie mostra una spiccata preferenza per gli ambienti montani e alpini (fino a m. di quota nel Parco Nazionale del Gran Paradiso) e solo raramente si ritrova in pianura. Frequenta per lo più praterie alpine, arbusteti e boschi, in prossimità di zone umide (laghetti, rii, torbiere, ecc. ecc.). Frequenta gli ambienti acquatici solo durante il periodo dell accoppiamento. La deposizione delle uova avviene in periodi diversi a seconda della quota (in genere a maggio) e la metamorfosi completa (trasformazione da girino a rana) è raggiunta a metà settembre. Talora i girini possono trascorrere tutto l inverno in acqua e rimandare la metamorfosi all anno successivo. Alimentazione: adulti e giovani si nutrono di piccoli invertebrati; le larve sono onnivore, ma prevalentemente vegetariane. Foto: 6

7 GEV qxp 26/11/ Pagina 7 L AFFASCINANTE MONDO DEGLI ANFIBI Sono migliaia di specie, abitano gli ambienti più svariati, dalle foreste tropicali alle grotte carsiche, dalle praterie alpine ai boschi di latifoglie, eppure pochi li conoscono. Stiamo parlando degli Anfibi, gli animali che per primi, nella storia dell evoluzione, abbandonarono l acqua ed iniziarono ad occupare le terre emerse. Ancora oggi, nonostante siano passati da quel fatidico momento più di 380 milioni di anni, gli Anfibi mantengono alcune caratteristiche anatomiche e fisiologiche che consentono loro di vivere sia nell acqua sia sulla terraferma. Il trucco, se così vogliamo chiamarlo, sta nell aver mantenuto le branchie per respirare l ossigeno disciolto in acqua, come i pesci, e nell aver contemporaneamente sviluppato i polmoni, in tutto simili ai nostri, sebbene meno complessi. La loro pelle, inoltre, è diventata capace di assorbire l ossigeno atmosferico che si scioglie nel velo d acqua che la riveste e persino la mucosa della bocca ha imparato a respirare. Tutte queste soluzioni alternative alle branchie hanno consentito agli Anfibi di svincolarsi dall acqua e di colonizzare habitat differenti. Il legame con l elemento liquido è però rimasto fortissimo, tant è che ad esso è affidata la fase più delicata della vita di ogni Anfibio: la riproduzione. Rane, rospi, raganelle, salamandre, tritoni tutti hanno bisogno dell acqua per deporre le proprie uova che, se sopravviveranno ai predatori, svilupperanno dei girini o delle larve, da cui si originerà un individuo adulto. esotici (pesci, tartarughe ) dà il colpo finale, determinando la riduzione e la scomparsa di intere popolazioni. Per tutti questi motivi la maggior parte degli Anfibi piemontesi è inserita negli elenchi della Direttiva Habitat (92/43/CEE), strumento principe della conservazione della natura a livello europeo. Le caratteristiche biologiche che abbiamo descritto (elevata permeabilità cutanea, sviluppo attraverso uno stadio larvale acquatico, adattamento sia all ambiente acquatico sia a quello terrestre) hanno rappresentato per milioni di anni la carta vincente degli Anfibi, ma oggi si rivelano il loro punto debole poiché conferiscono particolare vulnerabilità di fronte alle modificazioni dell ambiente. Per questo motivo gli Anfibi sono Ritratto di una ranocchia Censimento G.E.V. delle zone umide a Cumiana L acqua è dunque il mezzo che dà la vita, ma, ultimamente, anche quello che la toglie. La generalizzata scomparsa degli ambienti acquatici a vantaggio di un espansione edilizia e terziaria che pare non avere limiti, l alterazione della qualità delle acque causata dall inquinamento diffuso, le intubazioni e le captazioni a scopo idroelettrico ed agricolo sottraggono sempre più ambienti idonei agli Anfibi; inoltre, l introduzione in natura di specie di predatori considerati ottimi bioindicatori, cioè organismi viventi in grado di evidenziare gli squilibri ambientali dei luoghi in cui vivono. Le piogge acide, i fitosanitari usati in agricoltura, i metalli pesanti, le variazioni climatiche, l inquinamento atmosferico incidono in maniera diretta sulla vitalità delle popolazioni e sui ritmi biologici degli Anfibi. Prova ne è il forte incremento della percentuale di individui malformi segnalato negli ultimi anni nelle popolazioni di Anfibi, a livello mondiale. La situazione di questi animali, come quella di molti altri, è davvero critica e, anche se ci costa fatica ammetterlo, tutti noi ne siamo responsabili. Perché è il nostro sistema di crescita che depaupera le risorse del Pianeta, perché è la nostra presunzione che ci fa sentire padroni dell acqua, dell aria, dei boschi. Proviamo a dedicare un po del nostro tempo alla conoscenza di questi delicati ed interessanti animali, a coinvolgere i bambini delle scuole nell osservazione delle specie e degli ambienti che le ospitano, ad aderire con entusiasmo ai progetti che Enti Locali, Università ed Associazioni portano avanti (vedi agevoliamoli sul n. 3/2007 de Il Giornale delle G.E.V. ): tutti insieme possiamo fare la differenza! Alessandra Pucci Tecnico Ambientale/Naturalista Settore Parchi - Provincia di Torino COMUNICAZIONI AI LETTORI L Assessore Valter Giuliano ed il Servizio Aree Protette e Vigilanza Volontaria della Provincia di Torino, insieme alla redazione de Il Giornale delle G.E.V. ed ai collaboratori, desiderano augurare i più cari e sinceri auguri di Buone Feste a tutte le Guardie Ecologiche Volontarie ed ai propri lettori. Il Comitato di Redazione comunica che, da questo numero, vengono momentaneamente sospese le schede tecniche su fauna ed avifauna per dar spazio a quelle sugli anfibi. Tutti coloro che intendono partecipare attivamente alla realizzazione del periodico, con articoli, materiale fotografico, informazioni utili, commenti e suggerimenti, possono inviare la documentazione al seguente indirizzo dedicato: 7

8 GEV qxp 26/11/ Pagina 8 AAA VOLONTARI CERCASI In occasione della tredicesima edizione del Trofeo Danilo Re, il Servizio Aree Protette e Vigilanza Volontaria della Provincia di Torino ricerca volontari disposti a prestare servizio durante la manifestazione e Guardie Ecologiche Volontarie interessate a far parte della squadra di atleti che parteciperà alla competizione sportiva. Le discipline saranno: sci alpino, slalom gigante, sci di fondo e tiro con la carabina. Chi fosse interessato può richiedere maggiori informazioni ai numeri oppure inviare una all indirizzo 8

PARCO DEL RIO VALLONE PARCO LOCALE DI INTERESSE SOVRACOMUNALE

PARCO DEL RIO VALLONE PARCO LOCALE DI INTERESSE SOVRACOMUNALE Consorzio del PARCO DEL RIO VALLONE PARCO LOCALE DI INTERESSE SOVRACOMUNALE Comuni di Basiano, Bellusco, Cavenago di Brianza, Gessate, Masate, Ornago ANFIBI NEL PARCO Dispensa Spesso erroneamente considerati

Dettagli

Il rospo smeraldino, Bufo viridis. CITTÀ di GRUGLIASCO. Assessorato all Ambiente

Il rospo smeraldino, Bufo viridis. CITTÀ di GRUGLIASCO. Assessorato all Ambiente CITTÀ di GRUGLIASCO Assessorato all Ambiente Redazione: Settore Sviluppo Compatibile. Area Tutela e Valorizzazione dell Ambiente. In collaborazione con il Dipartimento di Biologia Animale e dell Uomo della

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) Introduzione In questo capitolo saranno descritte alcune caratteristiche della zanzara tigre al fine di capire meglio: perché la si cerca e combatte come riconoscerla

Dettagli

Perché festeggiamo gli alberi?

Perché festeggiamo gli alberi? Perché festeggiamo gli alberi? La Festa dell Albero di Legambiente compie 18 anni! Anche quest anno, il 21 novembre, vogliamo celebrare l importanza del verde urbano, degli alberi per la vita dell uomo

Dettagli

Relazione al bilancio di previsione. Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione

Relazione al bilancio di previsione. Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione Relazione al bilancio di previsione Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione Anno 2013 Pubblica Istruzione Dimensionamento Scolastico

Dettagli

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014

Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 Area Protetta Provinciale GIARDINO BOTANICO MONTANO PRATORONDANINO Programma delle Attività Didattiche Anno Scolastico 2013/2014 2 PRESENTAZIONE Il Giardino Botanico di Pratorondanino, ideato nel 1979

Dettagli

Alla scoperta dell Area Marina Protetta e dei suoi abitanti

Alla scoperta dell Area Marina Protetta e dei suoi abitanti Il mio Parco 4 Il Mio Parco 4 è un progetto di educazione ambientale finalizzato a stimolare gli alunni dell Istituto Comprensivo di Villasimius alla conoscenza del proprio territorio e alla sua corretta

Dettagli

T.E.R.R.A. TRADIZIONI ECCELLENZE RACCHIUSE E RADICATE NELL ALIMENTAZIONE

T.E.R.R.A. TRADIZIONI ECCELLENZE RACCHIUSE E RADICATE NELL ALIMENTAZIONE COMUNE DI BRUINO Provincia di Torino CAP 10090 Piazza Municipio, n. 3 - Tel. 011 9094411 - Fax 011 9084541 www.comune.bruino.to.it - e-mail ambiente.ecologia@comune.bruino.to.it Settore Urbanistica, Lavori

Dettagli

RIPRISTINO E CREAZIONE EX-NOVO DI SITI RIPRODUTTIVI PER LE POPOLAZIONI ANFIBI TORRENTE CHISONE. A cura di Daniele Seglie, Ph.D. WWF Sezione pinerolese

RIPRISTINO E CREAZIONE EX-NOVO DI SITI RIPRODUTTIVI PER LE POPOLAZIONI ANFIBI TORRENTE CHISONE. A cura di Daniele Seglie, Ph.D. WWF Sezione pinerolese Comune di Villar Perosa WWF Sezione pinerolese con il patrocinio di Comunità montana Valli Chisone e Germanasca Istituto comprensivo F. Marro Villar Perosa in collaborazione con Comune di San Germano Chisone

Dettagli

Parlamento delle Idee

Parlamento delle Idee Il 14 aprile 2015 siamo andati a Potenza per far visita alla sede della Regione Basilicata. Siamo stati accolti in una delle tante sale che la compongono e ci è stato mostrato un breve filmato che spiegava

Dettagli

G.E.V. GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO

G.E.V. GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO Associazione G.E.V. GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO Dichiarazione di Identità e missione Il gruppo di lavoro Il presente documento è stato redatto con la partecipazione di

Dettagli

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI FINALITA Sviluppare nei bambini una sensibilità nei confronti dell ambiente, con la consapevolezza che in un ecosistema tutto deve essere in equilibrio

Dettagli

Perché un bollettino?

Perché un bollettino? Numero 00 M a r z o 2012 Anno 1 Perché un bollettino? Sommario: Il Pesce Rosso Carassius auratus 2 Arrivo a casa... 2 Pulizia 3 Terrari e Paludari 3 Attrezzatura indispensabile ed utile 3 Avete voglia

Dettagli

R S U E S S E L U N G A CORBETTA

R S U E S S E L U N G A CORBETTA Analisi questionario Questa relazione nasce dalla necessità di sintetizzare ed analizzare il risultato del questionario proposto ai lavoratori Esselunga di Corbetta. Il sondaggio (anonimo) ideato e realizzato

Dettagli

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo REGIONE LOMBARDIA 38 Con la nascita del CCV-Lombardia, il volontariato PC della Regione compie un importante salto di qualità,

Dettagli

L Educazione Ambientale e alla Sostenibilità nella scuola primaria italiana. Introduzione

L Educazione Ambientale e alla Sostenibilità nella scuola primaria italiana. Introduzione L Educazione Ambientale e alla Sostenibilità nella scuola primaria italiana. Introduzione La presenza dei valori in tutti i campi di vita del bambino implica il dovere da parte dell insegnante e degli

Dettagli

Fotografie del Parco Naturale Provinciale del Lago di Candia

Fotografie del Parco Naturale Provinciale del Lago di Candia Fotografie del Parco Naturale Provinciale del Lago di Candia Provincia di Torino Assessorato all Agricoltura, Montagna, Tutela fauna e flora, Parchi e aree protette Servizio Aree Protette e Vigilanza volontaria

Dettagli

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale.

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale. ASSICURARE LA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Nel settembre 2000, con l'approvazione unanime della Dichiarazione del Millennio, 191 Capi di Stato e di Governo hanno sottoscritto un patto globale di impegno congiunto

Dettagli

SCIENZE CLASSE PRIMA

SCIENZE CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA IL MONDO ATTRAVERSO I CINQUE SENSI 1. Conoscere lo schema corporeo: individuare e denominare le parti principali del corpo umano. 2. Conoscere i cinque sensi: sperimentare, attraverso attività

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo C.F. 95118530161 Tel 035243373 Fax: 035270323 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale L ECOSISTEMA Sai che cos è un ambiente? Il tuo ambiente, ad esempio, è il posto dove vivi ed è fatto dalla casa dove vivi, ma anche dalle persone, delle piante, degli animali che vi abitano. Un ambiente

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

Riciclare con ecosteps: semplice, sicuro, sostenibile!

Riciclare con ecosteps: semplice, sicuro, sostenibile! Riciclare con ecosteps: semplice, sicuro, sostenibile! L iniziativa ecosteps sostiene il WWF ecosteps Aderendo all iniziativa ecosteps rispetterete tutte le disposizioni di legge in materia. Usufruite

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE SCIENZE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE SCIENZE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi di

Dettagli

L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività:

L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: visite guidate, laboratori didattici, filmati, conferenze, convegni, mostre, eventi artistici, ma anche: soggiorni per

Dettagli

L Associazione Scuola per Scuola uguale Solidarietà indice la 8^ edizione mostra - concorso 2015. Colora il Pianeta. Cibo e acqua per tutti

L Associazione Scuola per Scuola uguale Solidarietà indice la 8^ edizione mostra - concorso 2015. Colora il Pianeta. Cibo e acqua per tutti SCUOLA PER SCUOLA UGUALE SOLIDARIETÀ Associazione di promozione sociale sulla pace, solidarietà e diritti umani Sede sociale c/o Casa delle Associazioni, Via Canova, 45 20024 Garbagnate Milanese Codice

Dettagli

Quando crescere resta l obiettivo primario

Quando crescere resta l obiettivo primario Quando crescere resta l obiettivo primario Nell intervista a Lucia Di Lauro, responsabile della Pro - tezione civile della Regione Puglia, le tappe di una carriera interamente dedicata alla Pubblica amministrazione

Dettagli

LA QUALITÀ DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LA QUALITA DELLA VITA FORUMPA 2005 Intervento di apertura del Ministro Mario Baccini Roma, 9 maggio 2005

LA QUALITÀ DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LA QUALITA DELLA VITA FORUMPA 2005 Intervento di apertura del Ministro Mario Baccini Roma, 9 maggio 2005 LA QUALITÀ DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PER LA QUALITA DELLA VITA FORUMPA 2005 Intervento di apertura del Ministro Mario Baccini Roma, 9 maggio 2005 Autorità, Signore, Signori, il tema centrale di Forum

Dettagli

PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono)

PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono) PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono) Progetto per la creazione di un bosco planiziale, di uno stagno per la riproduzione degli anfibi e di siepi, con valenza di corridoio ecologico,

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

L ANPIL OASI WWF BOSCO DEL BOTTACCIO

L ANPIL OASI WWF BOSCO DEL BOTTACCIO Il Tuffetto, associazione naturalistica costituita da laureandi e laureati in scienze naturali e biologiche, è nata per far condividere a grandi e piccoli l amore, la conoscenza e il rispetto della natura

Dettagli

Meglio prevenire che curare.

Meglio prevenire che curare. Cari membri, Delcampe.net comprende oggi alcune migliaia di utenti. Questo numero si ingrandisce sempre di più e conoscerà molto probabilmente una crescita fulminea appena saranno messi in linea i siti

Dettagli

Clima e orsi polari Svolgimento della lezione

Clima e orsi polari Svolgimento della lezione Scheda per gli insegnanti Clima e neve WWF SVIZZERA www.wwf.ch/scuola L inverno per gli animali Clima e orsi polari Svolgimento della lezione - Ogni bambino riceve un biglietto con una caratteristica riguardante

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA L alunno esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con l aiuto dell insegnante, dei compagni, in modo autonomo, osserva e descrive

Dettagli

PERCORSI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE di Arianna Abis

PERCORSI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE di Arianna Abis PERCORSI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE di Arianna Abis LA RUBRICA Che cos è l educazione ambientale? Partire da un quesito, contiene già di per se una riflessione su questa tematica: l importanza della domanda.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

DIFFUSIONE DELLA CULTURA DI PROTEZIONE CIVILE

DIFFUSIONE DELLA CULTURA DI PROTEZIONE CIVILE DIFFUSIONE DELLA CULTURA DI PROTEZIONE CIVILE Corso Base di formazione per allievi Volontari di Protezione Civile Todi 20 maggio 2014 Tecnici ANCI Umbria Protezione Civile CULTURA Il concetto moderno di

Dettagli

Compra l arte e non metterla da parte di Nicoletta Crippa

Compra l arte e non metterla da parte di Nicoletta Crippa 54 Collezionismo Compra l arte e non metterla da parte di Nicoletta Crippa Divulgare significa rendere pubblico. La grande sfida che un commercialista milanese ha intrapreso all insegna dell amore per

Dettagli

progetto organizzato da PRO NATURA TORINO

progetto organizzato da PRO NATURA TORINO progetto organizzato da PRO NATURA TORINO con la partecipazione di Pro Natura Piemonte Univ. di Torino - Fac. Veterinaria Parco Nazionale Gran Paradiso CIPRA Italia con il contributo della Regione Piemonte

Dettagli

LA CASCATA È LÌ, BELLISSIMA, LIMPIDA,

LA CASCATA È LÌ, BELLISSIMA, LIMPIDA, PROGETTO EDUCAZIONE AMBIENTALE LA CASCATA È LÌ, BELLISSIMA, LIMPIDA, FRESCA INFANZIA Il progetto si prefigge di veicolare in un ottica interdisciplinare gli obiettivi fissati nel P.O.F. Esso è rivolto

Dettagli

ASPETTI AMMINISTRATIVI DI GESTIONE DEL CINGHIALE IN PROVINCIA DI BRESCIA

ASPETTI AMMINISTRATIVI DI GESTIONE DEL CINGHIALE IN PROVINCIA DI BRESCIA Provincia di Brescia Assessorato Caccia e Pesca Sport e Associazioni Assessore Alessandro Sala relatore: Pier Alberto Cucchi ASPETTI AMMINISTRATIVI DI GESTIONE DEL CINGHIALE IN PROVINCIA DI BRESCIA Il

Dettagli

La memoria delle terre alte. a colloquio con. www.gyp-monitoring.com/index.php; www.grand-paradis.it

La memoria delle terre alte. a colloquio con. www.gyp-monitoring.com/index.php; www.grand-paradis.it FOCUS ORIZZONTI La memoria delle terre alte Museo del gipeto a Rhême Notre-Dame a colloquio con Luisa Vuillermoz www.gyp-monitoring.com/index.php; www.grand-paradis.it A sinistra, Luisa Vuillermoz, Direttore

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

RAPPORTO DI RICERCA CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI. Cooperazione.

RAPPORTO DI RICERCA CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI. Cooperazione. CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI RAPPORTO DI RICERCA Cooperazione tra aree rurali Cooperation day Cooperazione tra aree rurali Cooperazione

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

AGRICOLA ESPOSIZIONE EVENTI POLO CITTÀ E CAMPAGNA

AGRICOLA ESPOSIZIONE EVENTI POLO CITTÀ E CAMPAGNA AGRICOLA ESPOSIZIONE EVENTI POLO CITTÀ E CAMPAGNA AGRICOLA L OBIETTIVO È CREARE UN POLO AGRICOLO, L OCCASIONE PER RIUNIRE I DIVERSI SETTORI DELL AGRICOLTURA E COLLEGARLI CON UN PUBBLICO ETEROGENEO, CREANDO

Dettagli

AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO

AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO 65 66 Ecologia e ambiente Linee programmatiche o Promuovere e potenziare azioni ed interventi volti a migliorare la qualità dell aria, dell acqua e del suolo o Incentivare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CORIANO (RN)

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CORIANO (RN) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CORIANO (RN) PROGETTO DI PLESSO MOTIVAZIONE DEL PROGETTO: Quest anno, le insegnanti della scuola dell Infanzia PINOCCHIO hanno sentito l esigenza di ampliare il proprio

Dettagli

METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE

METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE UN PROGETTO PARTECIPATO PER LA MOBILITA SOSTENIBILE Ecosistema bambino 2009 dati comunali anni 2006-2007 - 2008 2 parte METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE Il ogni anno propone il progetto agli Istituti

Dettagli

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Incontro 29 luglio 2010 - Fiorano Valutazione contesto esistente 1. Quali sono in generale i 3 punti di debolezza attuali del distretto

Dettagli

Parrocchia di San Paolo

Parrocchia di San Paolo Parrocchia di San Paolo Consiglio pastorale 27 Novembre 2011 Questa speciale edizione del Consiglio Pastorale prende vita in una soleggiata domenica novembrina: presenti 45 persone che, dopo aver celebrato

Dettagli

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE Agenda Locale 21 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE INDICE PREMESSA 3 ENERGIA 4 IL PIANO D AZIONE: L ENERGIA 5 1. COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE...

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Divertimento in acqua

Divertimento in acqua aqua-school.ch Divertimento in acqua Guida all insegnamento del nuoto nelle scuole Nuoto scolastico: come, cosa, perché? La vostra lezione di nuoto soddisfa le vostre aspettative? Sapete quando i bambini

Dettagli

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras Sostegno a Distanza Scuola San José Honduras COMUNICAZIONE GENERALE 2010 222 I.- INTRODUZIONE- Cari amici, con la presente comunicazione desideriamo raccontarvi le attività realizzate grazie al sostegno

Dettagli

La diversità del mondo

La diversità del mondo Piste per l educazione allo sviluppo sostenibile (SS) Manifesto «1024 sguardi» La diversità del mondo ema: Un SS accattivante in classe! Consigliato: a partire dai 13 anni «1024 Sguardi» La diversità del

Dettagli

Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia

Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia GRUPPO PERIMETRO, AREA E VOLUME SCUOLA PRIMARIA CLASSI III a.s.2009/2010 Autori: Enrica Mandelli Angela Volpe Presentazione

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune REGIONANDO 2001 Parte 1: Anagrafica REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune Titolo del Progetto: Aspetti di qualità della vita nel Comune Amministrazione

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

EDITORIALE FRANCESCO CATERINI. Gentili Associati,

EDITORIALE FRANCESCO CATERINI. Gentili Associati, EDITORIALE FRANCESCO CATERINI Gentili Associati, si è appena concluso un altro anno denso di avvenimenti per l Associazione e in particolar modo per me che festeggio il primo anno in qualità di Presidente.

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE

PROGRAMMA ELETTORALE PROGRAMMA ELETTORALE Elezioni Presidenza del Comitato C.R.I. di Foggia Candidato Presidente Raffaele Pio Di Sabato pagina 1 di 5 PROGRAMMA ELETTORALE Cari VOLONTARI tutti siete consapevoli che l Associazione

Dettagli

Ente Regionale Parco dei Monti Aurunci

Ente Regionale Parco dei Monti Aurunci 1 Ente Regionale Parco dei Monti Aurunci Presidente: Giovanni Ialongo Direttore: Giuseppe Marzano Responsabile del Servizio Naturalistico, studi e ricerche e tutela della biodiversità: Lucio De Filippis

Dettagli

OBIETTIVO PRO LOCO Dati e analisi dal mondo delle Pro Loco Venete

OBIETTIVO PRO LOCO Dati e analisi dal mondo delle Pro Loco Venete OBIETTIVO PRO LOCO Dati e analisi dal mondo delle Pro Loco Venete Risultati dell indagine Pro Loco del Veneto anno 2013 1 OBIETTIVO PRO LOCO Dati e analisi dal mondo delle Pro Loco Venete 1.Premessa L

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2011

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2011 1. LA COMPOSIZIONE DEGLI ORGANI SOCIALI AL 31.12.2011 PRESIDENTE ONORARIO Salvatore Settis CONSIGLIO DIRETTIVO Paolo Cavaglione Presidente Silvia Mascheroni

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITA. Introduzione

EDUCAZIONE ALLA LEGALITA. Introduzione EDUCAZIONE ALLA LEGALITA Introduzione Facendo seguito alle Indicazioni per il curricolo per la scuola d infanzia e per il primo ciclo di istruzione del Ministro della Pubblica Istruzione (settembre 2007)

Dettagli

LASSU SULLE MONTAGNE, TRA BOSCHI E VALLI D OR TRA L ASPRE RUPI ECHEGGIA UNA CANTICO D AMOR

LASSU SULLE MONTAGNE, TRA BOSCHI E VALLI D OR TRA L ASPRE RUPI ECHEGGIA UNA CANTICO D AMOR LASSU SULLE MONTAGNE, TRA BOSCHI E VALLI D OR TRA L ASPRE RUPI ECHEGGIA UNA CANTICO D AMOR Chiampo, 8 maggio 2014. Ore 8.00: partenza. Meta: Recoaro Mille (VI). Tempo percorrenza: 1 ora circa. Ore 9.00:

Dettagli

OGGETTO: Progetto Scacchi a scuola in Italia

OGGETTO: Progetto Scacchi a scuola in Italia OGGETTO: Progetto Scacchi a scuola in Italia Premessa Negli ultimi anni le attività di diffusione scacchistica nelle Istituzioni scolastiche si sono moltiplicate in molte regioni italiane, Dirigenti Scolastici

Dettagli

Il ruolo del volontariato nell esperienza dell Ecomuseo del Casentino

Il ruolo del volontariato nell esperienza dell Ecomuseo del Casentino Il ruolo del volontariato nell esperienza dell Ecomuseo del Casentino Andrea Rossi, Comunità Montana del Casentino, servizio CRED L Ecomuseo del Casentino, promosso dalla Comunità Montana del Casentino,

Dettagli

Oasi naturalistica del Parco del Roccolo

Oasi naturalistica del Parco del Roccolo AMICI DEL PARCO DEL ROCCOLO Organizzazione di volontariato - C.F. : 93034320163 Sede Legale: via San Martino 11, 24047 Treviglio (BG). Sede operativa: Parco del Roccolo, Via del Bosco, Treviglio (BG).

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti.

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti. Scienze Competenze TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Osserva con attenzione il suo corpo, L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità

Dettagli

ELENCO MATERIALE DI SCIENZE

ELENCO MATERIALE DI SCIENZE ELENCO MATERIALE DI SCIENZE Disney - Esplora: tutto il mondo delle Scienze L acqua (ed. De Agostini Disney - Esplora: tutto il mondo delle Scienze Il pianeta Terra (ed. De Disney - Esplora: tutto il mondo

Dettagli

ESAME FINALE PER 25 NUOVI ALLENATORI/PERSONAL TRAINER

ESAME FINALE PER 25 NUOVI ALLENATORI/PERSONAL TRAINER Comitato Regionale Calabria. Reggio Calabria, 30 aprile 2012 UFFICIO - COMUNICAZIONE AGENZIA STAMPA DEL 30 APRILE 2012 ESAME FINALE PER 25 NUOVI ALLENATORI/PERSONAL TRAINER Sabato 28 aprile, A Villa San

Dettagli

DALLE COLLINE AL MARE: IL LUNGO

DALLE COLLINE AL MARE: IL LUNGO ISTITUTO TETHYS DALLE COLLINE AL MARE: IL LUNGO VIAGGIO DELLE BALENE E DEI DELFINI DEL MEDITERRANEO PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE a cura di Sabina Airoldi Dicembre 2009 Istituto Tethys c/o Acquario

Dettagli

Progetto Scuole in Movimento. Premessa

Progetto Scuole in Movimento. Premessa Progetto Scuole in Movimento Premessa Premesso che il Ministero dell'istruzione, Università e Ricerca, di seguito denominato MIUR, ed il Comitato Olimpico Nazionale Italiano, nel protocollo d intesa siglato

Dettagli

Progetti SCOPRIAMO I SEGRETI DEL PARCO

Progetti SCOPRIAMO I SEGRETI DEL PARCO Progetti SCOPRIAMO I SEGRETI DEL PARCO Dalle pendici delle Prealpi si allunga un corridoio verde che giunge sino alle porte di Monza seguendo il corso del fiume. Il Parco della Valle del Lambro offre un

Dettagli

Protocollo d Intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR),

Protocollo d Intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR), Protocollo d Intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR), e Comune di Viterbo Educazione alimentare e stili di vita consapevoli: le scuole del

Dettagli

Programmazione Didattica a.s. 2014 / 2015 Scuola Infanzia Berruto di Baldissero Torinese

Programmazione Didattica a.s. 2014 / 2015 Scuola Infanzia Berruto di Baldissero Torinese Programmazione Didattica a.s. 2014 / 2015 Scuola Infanzia Berruto di Baldissero Torinese Il bambino è come un germoglio che, per crescere sano, trova nelle esperienze il terreno fertile, nelle conoscenze

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 L Isola che non c è Asilo Nido Via Dublino, 34 97100 Ragusa Partita Iva: 01169510888 Tel. / Fax 0932-25.80.53 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 Prima unità di apprendimento: Settembre

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE PREMESSA La nostra città ha bisogno di normalità. Dopo tanti anni di proclami e di promesse credo che sia giunto

Dettagli

riportare quindi il centro del nostro mondo tra le mura della nostra città.

riportare quindi il centro del nostro mondo tra le mura della nostra città. magazine free press Firenze Urban Lifestyle è un magazine freepress che nasce dalla volontà di dare energia alla forza intrinseca della città di Firenze. La nostra redazione vuole dar voce a realtà e situazioni

Dettagli

LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO

LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO SPAZIO DEL PRESENTE Come si percepiscono i Capi e le Comunità Capi. Una serie di pensieri emersi dalle chiacchierate fatte nelle Zone e nelle CoCa. [siamo in emergenza

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

ZANZARE CITTADINE. Laura Cassata. Titolo: Autore: Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA:

ZANZARE CITTADINE. Laura Cassata. Titolo: Autore: Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA: Titolo: ZANZARE CITTADINE Autore: Laura Cassata Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA: Le domande che seguono si ispirano al percorso o ai percorsi indicati e hanno come obiettivo

Dettagli

Regione Lombardia e Unioncamere intendono sviluppare un progetto di rilancio dei negozi storici lombardi, dando loro un supporto concreto.

Regione Lombardia e Unioncamere intendono sviluppare un progetto di rilancio dei negozi storici lombardi, dando loro un supporto concreto. Milano, 4 Luglio 2014 A Tutti gli Iscritti al Registro Regionale dei Luoghi Storici del Commercio LORO SEDI Oggetto: progetto di rilancio dei negozi storici Gentilissime Signore, Egregi Signori, Buongiorno.

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli

Conferenza di Servizio ITCG Ruffini di Imperia 7 ottobre 2008

Conferenza di Servizio ITCG Ruffini di Imperia 7 ottobre 2008 Conferenza di Servizio ITCG Ruffini di Imperia 7 ottobre 2008 Statuto Studenti Regolamenti di Istituto Patto Educativo di Corresponsabilità Dal DPR 235/2007: Art. 3 Patto educativo di corresponsabilità

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno

Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno 1 PRESENTAZIONE Gentili lettori, la Cooperativa Sociale Il Sogno ha scelto da tempo di impostare il proprio lavoro nell'ottica di un alto livello di

Dettagli