A COLLOQUIO CON LE ISTITUZIONI LA RISPOSTA DI SAITTA IL BILANCIO DI UN ANNO INSIEME PER MIGLIORARE IL SERVIZIO IL MONDO DEGLI ANFIBI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A COLLOQUIO CON LE ISTITUZIONI LA RISPOSTA DI SAITTA IL BILANCIO DI UN ANNO INSIEME PER MIGLIORARE IL SERVIZIO IL MONDO DEGLI ANFIBI"

Transcript

1 GEV qxp 26/11/ Pagina 1 A COLLOQUIO CON LE ISTITUZIONI LA RISPOSTA DI SAITTA IL BILANCIO DI UN ANNO INSIEME PER MIGLIORARE IL SERVIZIO IL MONDO DEGLI ANFIBI Dopo l ambientalista keniana Wangari Maathai, premio Nobel per la pace nel 2004, il prestigioso riconoscimento è stato quest anno assegnato ad Al Gore per le sue campagne ambientaliste, tese alla sensibilizzazione sul riscaldamento globale della Terra, ed al Panel degli scienziati dell Onu che hanno dichiarato, senza margini di ulteriore dubbio, le responsabilità dell Uomo nei cambiamenti climatici in corso. Perché un premio per la pace, da sempre assegnato a statisti che raggiungevano una tregua in conflitti bellici o scongiuravano guerre devastanti, va ora a persone che si occupano del clima? La risposta è drammaticamente semplice: trascurare gli effetti perversi delle azioni dell uomo sull ambiente naturale non ha solo conseguenze astratte. Gli effetti sono ben documentati e segnalano come si possa facilmente giungere a conflitti armati, causati dalla scarsità delle risorse e dal degrado degli ambienti di vita. La guerra che l uomo sta conducendo contro l ambiente rischia di trasformarsi in una vera sciagurata guerra contro altri uomini. Per questo la nostra impresa a favore di una educazione ambientale, che racconti anche questi tragici scenari possibili, non va scambiata per catastrofismo, accusa che ci è spesso rivolta, ma come saggio avvertimento proprio per scongiurare le catastrofi annunciate. Il percorso intrapreso in questi anni dalle Guardie Ecologiche Volontarie della Provincia di Torino non ha trascurato questo argomento. Siamo sulla giusta strada. Abbiamo lavorato, tutti insieme, con grande impegno ed entusiasmo, per consolidare questo Servizio, per difendere il nostro operato e per far capire ai nostri interlocutori che abbiamo raggiunto un livello di organizzazione eccellente sotto tutti i punti di vista. Per l attività di prevenzione e per l opera di sanzione. Il Servizio funziona, ha raggiunto livelli di eccellenza, è efficiente ed è considerato uno dei fiori all occhiello della Provincia di Torino. Tutto questo è stato fatto in condizioni non certo ottimali e siamo consapevoli delle difficoltà incontrate dalle G.E.V. per svolgere il proprio lavoro. La situazione finanziaria è difficile, ma l impegno per richiedere alla Regione Piemonte di rispettare, in termini di sussidiarietà, gli impegni, perché la gestione provinciale delle G.E.V. funzioni, ha dato i primi risultati. L Assessore regionale ha infatti annunciato, in occasione dell annuale assemblea generale delle G.E.V. al castello di Masino, lo stanziamento di 250 mila euro per l attività del prossimo anno e stanno per partire i tanto agognati nuovi corsi di formazione. L annuale assemblea generale, al Castello di Masino, ha visto un ottima partecipazione, per un momento alto di riflessione, di contatto con le Istituzioni e di confronto. Anche per questa dedizione, per questo impegno civico delle mie (consentitemelo dopo tanti anni), nostre, Guardie Ecologiche Volontarie, il ringraziamento è più che mai sentito. Per il loro attaccamento alla divisa e alle insegne che indossano nel loro tempo libero, dedicato al servizio dell ambiente, della comunità e della Provincia. Valter Giuliano Assessore Cultura e Parchi - Provincia di Torino Archivio archivio Presspoint 1

2 GEV qxp 26/11/ Pagina 2 LETTERA APERTA, A COLLOQUIO CON LE ISTITUZIONI Qui di seguito il testo letto in sede di Assemblea generale da Anna Torchio, rappresentante delle Guardie Ecologiche Volontarie, ad Antonio Saitta, Presidente della Provincia di Torino. Egregio signor Presidente, è per noi motivo di soddisfazione riaverla fra noi nella riunione annuale delle G.E.V. della Provincia di Torino. Un anno è passato dall ultimo nostro incontro e siamo contenti che il nostro Presidente sia di nuovo qui tra le sue Guardie. Vogliamo considerare la sua presenza come un segno di apprezzamento per quello che nell ultimo anno le G.E.V. hanno fatto. In effetti si è fatto molto e i dati statistici, che le sono stati forniti, lo dimostrano. Ciò spiega le sempre più numerose richieste da parte dei Comuni della Provincia per attuare convenzioni con le G.E.V. La nostra presenza sul territorio è stata significativa. Alcune questioni, quali per esempio l abbandono dei rifiuti, sono state oggetto di particolare attenzione. Anche gli interventi educativi sono stati numerosi e qualificati ed è aumentata l attività svolta con gli altri Servizi della Provincia. Ci fa piacere notare che le attività sinergiche con le varie funzioni provinciali si sono sviluppate, che le G.E.V. sono sempre di Anna Torchio portavoce delle G.E.V. al Castello di Masino più dipendenti onorari della Provincia, che svolgono il loro lavoro con serietà e dedizione. Abbiamo fatto molto, a costi estremamente contenuti. Basta una semplice divisione fra costi delle G.E.V. e risultati per apprezzare questo Servizio, che molto ha fatto senza praticamente generare problemi. Siamo soddisfatti che la discussione sui due Servizi sia stata, lo speriamo sinceramente e definitivamente, accantonata. Le caratteristiche del Servizio sono uniche e, inglobarlo in altri, vorrebbe dire spegnere questa realtà positiva. Inoltre è necessario ricordare l importante contributo dato al nostro Servizio per le associazioni ambientaliste zoofile, con le quali è opportuno mantenere sempre un rapporto di presente collaborazione. Certo ci rendiamo conto che è necessario un coordinamento più stretto tra i vari Servizi della Provincia e noi, su questo, non ci tireremo indietro. Siamo disposti a metterci in gioco come sempre facciamo, con valutazione dell operato basato sui fatti concreti e non sulle mire interessate di precisi e limitati ambienti, che farebbero volentieri a meno della nostra attività. Quindi, signor Presidente, possiamo affermare che, in linea di massima, le cose funzionano abbastanza bene, grazie anche all organizzazione del Servizio attuata dal funzionario e dal dirigente G.E.V., con il prezioso contributo degli agenti di coordinamento. Certo servono più risorse, siamo sempre a livello di sussistenza, vorremmo fare di più, ma ci rendiamo conto che la situazione finanziaria è difficile. Però, visto che il nostro lavoro è gratuito e che consente risparmi in altri settori, la pregheremmo di valutare la possibilità di trasferire anche a noi un po di questi risparmi. Nelle occasioni in cui possiamo confrontarci direttamente con il nostro Presidente occorre proporre nuovi obiettivi e nuove mete per rendere il Servizio sempre attuale e prevedere l intervento diretto delle G.E.V. in tutte le materie ambientali di competenza provinciale che comportano l applicazione di sanzioni amministrative. Le nostre proposte operative sono semplici. Aumentare la collaborazione delle G.E.V. con gli altri Servizi della Provincia, così che questa divenga sempre più organica all Istituzione. Questo concetto di organicità provinciale è per noi un concetto importante. In particolare l integrazione delle Guardie Ecologiche Volontarie con la protezione civile provinciale ha avuto un solo sporadico episodio. Ricordiamo la ricerca di un disperso in Val Chisone circa un anno fa. In caso di eventi calamitosi riteniamo sia importante contare su personale organizzato che conosce i luoghi ed è sufficientemente preparato. Riteniamo tale settore d intervento meritevole di attenzione e sperimentazione. Premesso che il Servizio G.E.V. della Provincia di Torino è ritenuto uno dei migliori della Regione Piemonte, e sicuramente di molte altre regioni italiane, riteniamo che le nostre conoscenze ed esperienze potrebbero essere utilmente applicate anche dalle altre province. In altri termini, signor Presidente, lei dispone di un Servizio di eccellenza che può essere preposto, ad esempio, alle altre province piemontesi. La nostra è ovviamente una proposta interessata. Se il Servizio G.E.V., con le caratteristiche e l organizzazione della Provincia di Torino, si generalizzasse in Regione Piemonte sarebbe una cosa valida per tutti. Lei quindi potrebbe essere considerato come il Presidente di una Provincia che è innovativa e proporre un modello di Servizio volontario di vigilanza ambientale che dà molto e, ci permettiamo di ribadire, costa quasi nulla. Egregio signor Presidente, nella convinzione di averla ancora con noi il prossimo anno, nel ringraziarla sentitamente per il tempo che lei ci ha dedicato e ci dedica, le diciamo semplicemente che le Guardie Ecologiche Volontarie della Provincia di Torino sono qui. Le Guardie Ecologiche Volontarie Provincia di Torino Supplemento a Cronache da Palazzo Cisterna Anno 5 - N. 4 - Dicembre 2007 Presidente Provincia di Torino Antonio Saitta Assessore Cultura e Parchi Provincia di Torino Valter Giuliano Dirigente Servizio Aree Protette e Vigilanza Volontaria Marco Andreoli Direttore Responsabile Carla Gatti Responsabile Editoriale Liliana Catalano Coordinamento Redazionale Daria Oggero, Aldo Trogolo, Valentina Cocchi Redazione Dario Berruquier, Giuseppe Borla, Daniele Cerrato, Alessandra Pucci Stampato da AGIT Viale del Risorgimento 11 - Beinasco (TO) Su carta prodotta in assenza totale di cloro 2

3 GEV qxp 26/11/ Pagina 3 LA RISPOSTA DI SAITTA Sono lieto di comunicarvi che i giudizi sul vostro operato sono decisamente positivi. Questo è ciò che pensano le amministrazioni comunali, le comunità montane e tutti coloro che, in qualche modo, si confrontano quotidianamente con voi. È in aumento il numero degli Enti che desiderano stipulare convenzioni con le G.E.V., il che significa che il vostro Servizio è davvero utile. Per questo motivo non posso che esprimere un ringraziamento sincero da parte mia, da parte dell amministrazione provinciale e di tutta la comunità perché, nonostante il vostro sia un Servizio gratuito, mettete a disposizione di tutti un bene prezioso che è fatto di intenso lavoro e di grande passione. Chi ha un compito come il mio affronta spesso temi onerosi che talvolta costringono a prendere decisioni impopolari, ma oggi, che sono qui tra di voi, mi sento circondato da amici. Foto di gruppo con il Presidente della Provincia Saitta Mi sono state poste delle richieste a carattere finanziario e devo dire che, grazie all ultima Finanziaria, ci sono buone probabilità per voi, perché potremo spendere quelle risorse finora vincolate dal patto di stabilità. Il vostro Servizio è un esempio di eccellenza all interno della nostra Regione, me lo avete dimostrato e ne ho avuto conferma. Per questo motivo, la proposta di poter diffondere la vostra esperienza, perché diventi per la comunità un modello di riferimento, sarà per noi ragione di riflessione per il futuro. È inoltre motivo di orgoglio, apprezzando la vostra partecipazione attiva in occasione dell Assemblea annuale G.E.V., percepire l attaccamento all Istituzione Provincia. È pur vero che siete volontari, ma io vi considero a tutti gli effetti dipendenti onorari della Provincia di Torino. Quindi grazie per tutto ciò che fate. Nei prossimi mesi lavoreremo per affrontare le questioni che qui sono state indicate in occasione del bilancio, cercando di trovare le risorse necessarie per permettere al Servizio di fare un ulteriore passo avanti. Antonio Saitta Presidente Provincia di Torino IL BILANCIO DI UN ANNO È il momento di tracciare il bilancio dell anno che sta finendo. Sui dati statistici sarà necessario riflettere all inizio del prossimo anno per avere il quadro completo. Alcune osservazioni sono però possibili già ora. In generale devo rilevare che è cresciuta l attenzione dell opinione pubblica e degli amministratori per i problemi ambientali. Lo dimostrano in modo evidente le numerose richieste dei Comuni per una maggior presenza a tutela dell ambiente, le numerose adesioni ai programmi didattici scolastici e le varie ipotesi per estendere le aree protette o per istituire parchi periurbani. Certo, non sempre ad una manifestazione di attenzione segue un azione adeguata che supporti l impegno delle G.E.V. Quante volte abbiamo discusso dell inerzia e delle contraddizioni degli stessi soggetti pubblici e privati che reclamano la presenza dei volontari? Certo anche noi abbiamo difficoltà ad affrontare le realtà che incontriamo ed il risultato a volte non è quello pensato inizialmente. Questi del resto sono i problemi delle G.E.V., di chi vive con passione un territorio di frontiera qual è l ambiente da sempre. Da qui però traiamo lo spunto per cercare di migliorare le nostre conoscenze e le capacità di intervento anche diversificandole. Così l anno che si chiude ci ha visto protagonisti di alcuni interessanti esperimenti: sul versante formativo ricordo i corsi di aggiornamento cofinanziati, ben 6 corsi su aspetti specifici di lavoro ai quali hanno partecipato 114 G.E.V.; per la didattica si è concluso in modo lusinghiero il primo concorso per le scuole elementari su temi ambientali con la premiazione di 7 cortometraggi, realizzati da alunni ed insegnanti; per l informazione c è stata la prima partecipazione alle manifestazioni Messer tulipano a Pralormo e alla Giornata FAI di primavera nei parchi torinesi; per la vigilanza la proposta di un tavolo operativo di coordinamento degli interventi con le guardie volontarie delle associazioni ambientaliste, tavolo che diventerà operativo entro l anno; per il territorio l attività di ricognizione dei sentieri che, ci auspichiamo, condurrà il prossimo anno ad accordi con le associazioni di tutela dei diversamente abili, per consentire loro una reale fruizione dei parchi provinciali. Insomma uno sguardo a tutto tondo per favorire la crescita di una coscienza collettiva del valore e delle possibilità che, se tutelato, l ambiente offre. Marco Andreoli Dirigente Servizio Aree Protette e Vigilanza Volontaria RICORDANDO RICCARDO Gli ultimi giorni d agosto hanno portato via con loro Riccardo Sartor, amico e collega G.E.V., spentosi a causa di un malore improvviso durante una gita in montagna. Il tragico evento ha lasciato nel dolore i suoi cari, gli amici e i colleghi G.E.V. della Provincia di Torino. Guardia Ecologica dagli anni Ottanta e da allora costantemente presente nel Servizio con la sua passione e il suo entusiasmo rivolti alla protezione della Natura. Sempre impegnato, disponibile con tutti e pronto al dialogo, accompagnato da un sorriso immenso, Riccardo si prodigava nei vari settori di attività: scuole, protezione civile, vigilanza e censimenti hanno sempre potuto contare sul suo contributo. Il suo spirito gioviale e generoso rimarrà nei nostri cuori e ci accompagnerà sempre nella difficile attività di protezione della Natura. Con affetto, il Rappresentante Fabio Santo. 3

4 GEV qxp 26/11/ Pagina 4 ASSEMBLEA G.E.V.: INSIEME PER MIGLIORARE IL SERVIZIO Il 6 ottobre scorso, nella splendida cornice del Castello di Masino, alla presenza del Presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta e dell Assessore Valter Giuliano, si è svolta l annuale Assemblea generale delle Guardie Ecologiche Volontarie della Provincia di Torino. Fra le Autorità presenti: l Assessore regionale Nicola De Ruggiero, il Sindaco di Caravino, Clara Pasquale, ed il Sindaco di Vestignè, Luigi Manfredo. Gradita ospite, poi, la rappresentanza delle G.E.V. della Provincia di Milano, coordinate da Guido Guida, con le quali da anni c è un proficuo sodalizio. All Assemblea hanno partecipato circa 200 G.E.V. e la giornata è stata occasione di discussione su questioni di carattere generale riguardanti l organizzazione e gli interventi sul territorio. Marco Andreoli mentre parla all Assemblea A conclusione dei lavori è stato approvato il documento di programmazione delle attività per il I relativi documenti sono comunque disponibili e consultabili sul sito Internet della Provincia di Torino. Questo evento rappresenta un appuntamento importante per le G.E.V. perché ne rinnova lo spirito di servizio e la missione. Quest anno, in particolare, i lavori si sono svolti in un ottica nuova. L Assemblea è stata infatti l occasione giusta per effettuare un workshop ed un interessante ricerca Sviluppo organizzativo, regolamenti e qualità, curata dal Servizio provinciale. Nella prima parte le G.E.V. hanno risposto individualmente ad una serie di questionari sull organizzazione dell attività, sul lavoro di gruppo e sull autopercezione della propria immagine. Nella seconda parte le G.E.V., suddivise in gruppi di lavoro formati sulla base di diverse provenienze territoriali, hanno discusso e poi rappresentato gli aspetti maggiormente significativi delle loro principali attività, individuandone i punti e gli strumenti di miglioramento. I risultati sono di rilievo e saranno oggetto di approfondita analisi e di informazione dettagliata rivolta ai gruppi. In quest ambito sintetizziamo alcuni tra i risultati più significativi. Dal questionario è emerso che: - una percentuale elevata di G.E.V. ritiene le aspettative di servizio coincidenti con le attività svolte (tutela ambientale, educazione ed informazione, vigilanza, ecc. ecc.). Emerge però il desiderio di affrontare maggiormente temi quali la protezione civile, la sorveglianza ai biotopi e la vigilanza ai vincoli idrogeologici; - c è conoscenza e consapevolezza dell importanza e dell utilità degli incontri che si svolgono (riunioni, aggiornamenti, seminari informativi) anche per trattare gli aspetti problematici delle attività. Esistono problemi di natura logistica da risolvere per dare omogeneità e funzionalità alle riunioni; - i pareri espressi sulla corrispondenza di varie attività alle istanze esterne sono positivi, specie quelle a contenuto didattico; - fra le maggiori aspettative c è quella di svolgere servizio anche al di fuori del territorio del gruppo di appartenenza ed avere esperienze lavorative con colleghi diversi; - fra gli aspetti problematici la dotazione dei materiali, l organizzazione ed il riconoscimento del ruolo. Dal lavoro di gruppo sono emerse varie proposte e, tra queste, quelle comuni sono: 1) in tema di vigilanza: informare capillarmente il pubblico e gli attori istituzionali del ruolo e dei poteri di polizia amministrativa delle G.E.V., cercare maggiore collaborazione e supporto da parte delle forze di polizia, incrementare il numero di convenzioni con i Comuni, perseguire un costante aggiornamento relativo alle questioni specialistiche, fornire le G.E.V. di adeguate attrezzature (fotocamere digitali, radio, binocoli, cellulari e auto); 2) in tema di educazione ambientale: aprire uno sportello informativo al pubblico su iniziative e attività delle G.E.V., realizzare corsi di pedagogia per gli abilitati all insegnamento e, per aumentarne il numero, corsi di formazione, incrementare il materiale didattico ed informativo, dare maggior risalto sui mass media alle possibilità didattiche offerte, creare momenti di confronto tra insegnanti e G.E.V. per dare omogeneità agli incontri educativi nelle scuole e rilievo al ruolo delle G.E.V.; 3) in tema di protezione civile: formare nuovi abilitati fra le G.E.V., definire le modalità di reperibilità, perfezionare l addestramento mediante la partecipazione ad esercitazioni, informare gli altri attori istituzionali presenti nei Comuni del ruolo delle G.E.V., inserire le G.E.V. nell elenco nazionale o dipartimentale della Protezione Civile; 4) in tema di gestione delle aree protette: creare occasione per un fattivo coinvolgimento delle popolazioni locali, dare assidua e completa informazione sulle iniziative di gestione o sulle attività promozionali, favorire nei parchi urbani l assimilazione delle culture ed abitudini multietniche, individuare nuove aree dedicate alla tutela, creare una sala operativa. Le Guardie Ecologiche Volontarie durante il workshop Le considerazioni e le proposte raccolte saranno oggetto di approfondimento e nei limiti di bilancio integreranno il documento di programmazione finale approvato. L Assemblea si è conclusa con un caloroso saluto alle Guardie Ecologiche Volontarie che quest anno purtroppo lasciano il Servizio e con l auspicio da parte di tutti di un anno ricco di ottimi risultati all insegna della tutela dell ambiente. Marco Andreoli 4

5 GEV qxp 26/11/ Pagina 5 GLI ANFIBI: SCHEDE TECNICHE (a cura di Alessandra Pucci) CLASSE: ANFIBI La Classe Anfibi conta in Piemonte 21 differenti specie che, da un punto di vista sistematico, possono essere così raggruppate: - ordine URODELI (= anfibi con coda) - ordine ANURI (= anfibi senza coda) Gli Urodeli possono essere suddivisi in 3 famiglie: - Salamandridi: generi Salamandra, Salamandrina e Triturus (tritoni) - Pletodontidi: genere Speleomantes - Proteidi: genere Proteus (assente in Piemonte) Gli Anuri possono essere suddivisi in 6 famiglie: - Discoglossidi: assenti in Piemonte - Pelobatidi: genere Pelobates - Peloditidi: genere Pelodytes - Bufonidi: genere Bufo (rospo comune e smeraldino) - Ilidi: genere Hyla (raganelle) - Ranidi: genere Rana. All interno di questa famiglia si distingue il gruppo delle rane rosse (o brune) e quello delle rane verdi. La sistematica degli Anfibi è sottoposta a continue modifiche e spesso mette a dura prova il concetto di specie scientificamente accettato (appartengono alla stessa specie gli individui che sono fra loro fecondi e danno origine a ibridi non sterili): vedremo alcuni casi particolari trattando le Rane verdi. Alla luce di quanto detto è dunque possibile che troviate, altrove, classificazioni diverse dalla presente. Nel trattare le caratteristiche delle singole specie abbiamo deciso di iniziare dalle Rane perché, fra tutti gli Anfibi, sono quelle con cui ognuno di noi ha più dimestichezza. RANA DALMATINA o RANA AGILE (Rana dalmatina) Classe: Anfibi (Amphibia) Ordine: Anuri (Anura) Famiglia: Ranidi (Ranidae) Appartiene al gruppo delle rane brune con cui condivide la posizione orizzontale della pupilla, la presenza di una macchia triangolare bruno-scuro dietro l occhio e l assenza di tonalità verdi nella colorazione. Si distingue dalle altre rane rosse (o brune) per la colorazione chiara dei lati del muso, la linea chiara che dal bordo del labbro superiore prosegue lungo la punta del muso, la gola chiara con poche macchie scure, la regione inguinale sovente giallastra e la lunghezza degli arti posteriori che, stesi in avanti lungo il corpo, superano nettamente la punta del muso. La lunghezza testa più tronco varia tra i 6 e i 9 cm. Protezione: Protetta a livello comunitario (Direttiva Habitat 92/43/CEE - all. IV, Convenzione di Berna - all. II). Raccolta regolamentata secondo la L.R. 32/82. Ecologia e biologia: l attività è prevalentemente crepuscolare notturna. Durante il giorno e nei mesi più caldi e più freddi (estivazione e ibernazione) si rifugia sotto terra, fra le radici degli alberi, sotto foglie morte e tronchi caduti. La stagione riproduttiva si verifica tra febbraio ed aprile, a seconda dell andamento delle piogge. Non avendo il maschio sacchi vocali esterni, il canto è piuttosto sommesso. Le uova sono deposte in laghetti, stagni, canali, di norma riunite in masse tondeggianti gelatinose che galleggiano sulla superficie dell acqua. Frequenta ambienti planiziali e collinari sia boscosi sia aperti. Sopravvive in aree agricole, purché in alternanza con boschi ed aree aperte. Raramente supera i 500 m. di quota. In Piemonte è assente dai rilievi e dalle vallate alpine. Alimentazione: gli adulti si nutrono di piccoli invertebrati, acquatici e terricoli; i girini sono onnivori, ma prevalentemente vegetariani. Foto: 5

6 GEV qxp 26/11/ Pagina 6 GLI ANFIBI: SCHEDE TECNICHE (a cura di Dario Berruquier) RANA DI LATASTE (Rana latastei) e RANA APPENNINICA (Rana italica) Classe: Anfibi (Amphibia) Ordine: Anuri (Anura) Famiglia: Ranidi (Ranidae) La Rana di Lataste e la Rana appenninica appartengono, insieme a Rana dalmatina e Rana temporaria, al gruppo delle rane brune. Dalla Dalmatina si distinguono per i lati del muso scuri anziché chiari, la gola solitamente pigmentata di scuro e la regione inguinale rossastra e non giallastra; dalla Temporaria si distinguono per il muso più appuntito e le zampe posteriori più lunghe. Protezione: protetta a livello comunitario (Direttiva Habitat 92/43/CEE - all. II e IV, Convenzione di Berna - all. II). Raccolta regolamentata secondo la L.R. 32/82. Ecologia e biologia: la Rana di Lataste è specie, in origine, strettamente legata ai boschi planiziali. Oggi, in Piemonte, è molto localizzata e fortemente minacciata dalla scomparsa degli habitat idonei: la si può ancora incontrare in alcuni lembi relitti di foresta planiziale, in boschetti ripariali, pioppeti poco curati e siepi campestri, a quote comprese tra i 90 e i 260 m. La Rana appenninica è stata segnalata, per il Piemonte, solo nella provincia di Alessandria, al confine con l Appennino ligure: abita torrentelli con fondo roccioso dal livello del mare a m. È legata, più di tutte le altre rane rosse, ai siti riproduttivi da cui si allontana raramente. Le uova, deposte in masserelle tondeggianti, devono resistere alla corrente dei ruscelli e vengono dunque attaccate con un peduncolo sotto sassi e tronchi sommersi, divenendo difficilmente osservabili. Alimentazione: gli adulti si nutrono di piccoli invertebrati, i girini sono onnivori, ma prevalentemente vegetariani. Foto: Roberto Sindaco RANA MONTANA (Rana temporaria) Classe: Anfibi (Amphibia) Ordine: Anuri (Anura) Famiglia: Ranidi (Ranidae) È la rana rossa più grossa e con la corporatura più massiccia: la lunghezza dalla testa alla cloaca è 7-8 cm., ma può raggiungere i 10 cm. Le zampe posteriori sono più corte rispetto a quelle delle altre rane rosse: allungate in avanti lungo il corpo, le zampe non superano il muso. Protezione: è inserita nell all. V della Direttiva Habitat 92/43/CEE come specie animale di interesse comunitario, il cui prelievo nella natura e il cui sfruttamento potrebbero formare oggetto di misure di gestione. Raccolta regolamentata secondo la L.R. 32/82. Ecologia e biologia: la specie mostra una spiccata preferenza per gli ambienti montani e alpini (fino a m. di quota nel Parco Nazionale del Gran Paradiso) e solo raramente si ritrova in pianura. Frequenta per lo più praterie alpine, arbusteti e boschi, in prossimità di zone umide (laghetti, rii, torbiere, ecc. ecc.). Frequenta gli ambienti acquatici solo durante il periodo dell accoppiamento. La deposizione delle uova avviene in periodi diversi a seconda della quota (in genere a maggio) e la metamorfosi completa (trasformazione da girino a rana) è raggiunta a metà settembre. Talora i girini possono trascorrere tutto l inverno in acqua e rimandare la metamorfosi all anno successivo. Alimentazione: adulti e giovani si nutrono di piccoli invertebrati; le larve sono onnivore, ma prevalentemente vegetariane. Foto: 6

7 GEV qxp 26/11/ Pagina 7 L AFFASCINANTE MONDO DEGLI ANFIBI Sono migliaia di specie, abitano gli ambienti più svariati, dalle foreste tropicali alle grotte carsiche, dalle praterie alpine ai boschi di latifoglie, eppure pochi li conoscono. Stiamo parlando degli Anfibi, gli animali che per primi, nella storia dell evoluzione, abbandonarono l acqua ed iniziarono ad occupare le terre emerse. Ancora oggi, nonostante siano passati da quel fatidico momento più di 380 milioni di anni, gli Anfibi mantengono alcune caratteristiche anatomiche e fisiologiche che consentono loro di vivere sia nell acqua sia sulla terraferma. Il trucco, se così vogliamo chiamarlo, sta nell aver mantenuto le branchie per respirare l ossigeno disciolto in acqua, come i pesci, e nell aver contemporaneamente sviluppato i polmoni, in tutto simili ai nostri, sebbene meno complessi. La loro pelle, inoltre, è diventata capace di assorbire l ossigeno atmosferico che si scioglie nel velo d acqua che la riveste e persino la mucosa della bocca ha imparato a respirare. Tutte queste soluzioni alternative alle branchie hanno consentito agli Anfibi di svincolarsi dall acqua e di colonizzare habitat differenti. Il legame con l elemento liquido è però rimasto fortissimo, tant è che ad esso è affidata la fase più delicata della vita di ogni Anfibio: la riproduzione. Rane, rospi, raganelle, salamandre, tritoni tutti hanno bisogno dell acqua per deporre le proprie uova che, se sopravviveranno ai predatori, svilupperanno dei girini o delle larve, da cui si originerà un individuo adulto. esotici (pesci, tartarughe ) dà il colpo finale, determinando la riduzione e la scomparsa di intere popolazioni. Per tutti questi motivi la maggior parte degli Anfibi piemontesi è inserita negli elenchi della Direttiva Habitat (92/43/CEE), strumento principe della conservazione della natura a livello europeo. Le caratteristiche biologiche che abbiamo descritto (elevata permeabilità cutanea, sviluppo attraverso uno stadio larvale acquatico, adattamento sia all ambiente acquatico sia a quello terrestre) hanno rappresentato per milioni di anni la carta vincente degli Anfibi, ma oggi si rivelano il loro punto debole poiché conferiscono particolare vulnerabilità di fronte alle modificazioni dell ambiente. Per questo motivo gli Anfibi sono Ritratto di una ranocchia Censimento G.E.V. delle zone umide a Cumiana L acqua è dunque il mezzo che dà la vita, ma, ultimamente, anche quello che la toglie. La generalizzata scomparsa degli ambienti acquatici a vantaggio di un espansione edilizia e terziaria che pare non avere limiti, l alterazione della qualità delle acque causata dall inquinamento diffuso, le intubazioni e le captazioni a scopo idroelettrico ed agricolo sottraggono sempre più ambienti idonei agli Anfibi; inoltre, l introduzione in natura di specie di predatori considerati ottimi bioindicatori, cioè organismi viventi in grado di evidenziare gli squilibri ambientali dei luoghi in cui vivono. Le piogge acide, i fitosanitari usati in agricoltura, i metalli pesanti, le variazioni climatiche, l inquinamento atmosferico incidono in maniera diretta sulla vitalità delle popolazioni e sui ritmi biologici degli Anfibi. Prova ne è il forte incremento della percentuale di individui malformi segnalato negli ultimi anni nelle popolazioni di Anfibi, a livello mondiale. La situazione di questi animali, come quella di molti altri, è davvero critica e, anche se ci costa fatica ammetterlo, tutti noi ne siamo responsabili. Perché è il nostro sistema di crescita che depaupera le risorse del Pianeta, perché è la nostra presunzione che ci fa sentire padroni dell acqua, dell aria, dei boschi. Proviamo a dedicare un po del nostro tempo alla conoscenza di questi delicati ed interessanti animali, a coinvolgere i bambini delle scuole nell osservazione delle specie e degli ambienti che le ospitano, ad aderire con entusiasmo ai progetti che Enti Locali, Università ed Associazioni portano avanti (vedi agevoliamoli sul n. 3/2007 de Il Giornale delle G.E.V. ): tutti insieme possiamo fare la differenza! Alessandra Pucci Tecnico Ambientale/Naturalista Settore Parchi - Provincia di Torino COMUNICAZIONI AI LETTORI L Assessore Valter Giuliano ed il Servizio Aree Protette e Vigilanza Volontaria della Provincia di Torino, insieme alla redazione de Il Giornale delle G.E.V. ed ai collaboratori, desiderano augurare i più cari e sinceri auguri di Buone Feste a tutte le Guardie Ecologiche Volontarie ed ai propri lettori. Il Comitato di Redazione comunica che, da questo numero, vengono momentaneamente sospese le schede tecniche su fauna ed avifauna per dar spazio a quelle sugli anfibi. Tutti coloro che intendono partecipare attivamente alla realizzazione del periodico, con articoli, materiale fotografico, informazioni utili, commenti e suggerimenti, possono inviare la documentazione al seguente indirizzo dedicato: 7

8 GEV qxp 26/11/ Pagina 8 AAA VOLONTARI CERCASI In occasione della tredicesima edizione del Trofeo Danilo Re, il Servizio Aree Protette e Vigilanza Volontaria della Provincia di Torino ricerca volontari disposti a prestare servizio durante la manifestazione e Guardie Ecologiche Volontarie interessate a far parte della squadra di atleti che parteciperà alla competizione sportiva. Le discipline saranno: sci alpino, slalom gigante, sci di fondo e tiro con la carabina. Chi fosse interessato può richiedere maggiori informazioni ai numeri oppure inviare una all indirizzo 8

Perché un bollettino?

Perché un bollettino? Numero 00 M a r z o 2012 Anno 1 Perché un bollettino? Sommario: Il Pesce Rosso Carassius auratus 2 Arrivo a casa... 2 Pulizia 3 Terrari e Paludari 3 Attrezzatura indispensabile ed utile 3 Avete voglia

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) Introduzione In questo capitolo saranno descritte alcune caratteristiche della zanzara tigre al fine di capire meglio: perché la si cerca e combatte come riconoscerla

Dettagli

Fotografie del Parco Naturale Provinciale del Lago di Candia

Fotografie del Parco Naturale Provinciale del Lago di Candia Fotografie del Parco Naturale Provinciale del Lago di Candia Provincia di Torino Assessorato all Agricoltura, Montagna, Tutela fauna e flora, Parchi e aree protette Servizio Aree Protette e Vigilanza volontaria

Dettagli

Ente Regionale Parco dei Monti Aurunci

Ente Regionale Parco dei Monti Aurunci 1 Ente Regionale Parco dei Monti Aurunci Presidente: Giovanni Ialongo Direttore: Giuseppe Marzano Responsabile del Servizio Naturalistico, studi e ricerche e tutela della biodiversità: Lucio De Filippis

Dettagli

L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività:

L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: visite guidate, laboratori didattici, filmati, conferenze, convegni, mostre, eventi artistici, ma anche: soggiorni per

Dettagli

LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO

LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO SPAZIO DEL PRESENTE Come si percepiscono i Capi e le Comunità Capi. Una serie di pensieri emersi dalle chiacchierate fatte nelle Zone e nelle CoCa. [siamo in emergenza

Dettagli

Meglio prevenire che curare.

Meglio prevenire che curare. Cari membri, Delcampe.net comprende oggi alcune migliaia di utenti. Questo numero si ingrandisce sempre di più e conoscerà molto probabilmente una crescita fulminea appena saranno messi in linea i siti

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

CONVENZIONE PER LA COLLABORAZIONE, IN FORMA NON ESCLUSIVA, IN ATTIVITA DI GESTIONE DEL PARCO DELLE OROBIE BERGAMASCHE. tra

CONVENZIONE PER LA COLLABORAZIONE, IN FORMA NON ESCLUSIVA, IN ATTIVITA DI GESTIONE DEL PARCO DELLE OROBIE BERGAMASCHE. tra CONVENZIONE PER LA COLLABORAZIONE, IN FORMA NON ESCLUSIVA, IN ATTIVITA DI GESTIONE DEL PARCO DELLE OROBIE BERGAMASCHE. tra il Consorzio di gestione del Parco regionale delle Orobie Bergamasche, di seguito

Dettagli

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo REGIONE LOMBARDIA 38 Con la nascita del CCV-Lombardia, il volontariato PC della Regione compie un importante salto di qualità,

Dettagli

Azienda Agricola Agri2000

Azienda Agricola Agri2000 Azienda Agricola Agri2000 Sezione anagrafica Nome Produttore: Paola Carnino e Carlo Maritano (foto 1) Indirizzo: Strada dei Pautassi S. Ambrogio Data inizio attività: 1996 1 Tipologia di conduzione e numero

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

R S U E S S E L U N G A CORBETTA

R S U E S S E L U N G A CORBETTA Analisi questionario Questa relazione nasce dalla necessità di sintetizzare ed analizzare il risultato del questionario proposto ai lavoratori Esselunga di Corbetta. Il sondaggio (anonimo) ideato e realizzato

Dettagli

PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono)

PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono) PROGETTO S.E.L.V.A. (Scopriamo E Lochiamo il Verde Autoctono) Progetto per la creazione di un bosco planiziale, di uno stagno per la riproduzione degli anfibi e di siepi, con valenza di corridoio ecologico,

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO

UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO Classe terza Caspoggio UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO LO ZIO DI MARCO E SARA È UN FOTOGRAFO NATURALISTA E DEVE PREPARARE UN SERVIZIO FOTOGRAFICO SULLO STAGNO PER UNA RIVISTA CHE SI OCCUPA DI NATURA. LO

Dettagli

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale.

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale. ASSICURARE LA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Nel settembre 2000, con l'approvazione unanime della Dichiarazione del Millennio, 191 Capi di Stato e di Governo hanno sottoscritto un patto globale di impegno congiunto

Dettagli

Le pari opportunità nella scuola dell'obbligo e nella formazione professionale

Le pari opportunità nella scuola dell'obbligo e nella formazione professionale Comunicato stampa Le pari opportunità nella scuola dell'obbligo e nella formazione professionale Promozione delle pari opportunità nell educazione culturale e nella formazione professionale: l obiettivo

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

Riciclare con ecosteps: semplice, sicuro, sostenibile!

Riciclare con ecosteps: semplice, sicuro, sostenibile! Riciclare con ecosteps: semplice, sicuro, sostenibile! L iniziativa ecosteps sostiene il WWF ecosteps Aderendo all iniziativa ecosteps rispetterete tutte le disposizioni di legge in materia. Usufruite

Dettagli

MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO

MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO Area economico - giuridica Disciplina: diritto - economia Gruppo: Pordenone Docente: Valeria Laura Valleriani Istituto: I.S.I.S. di Spilimbergo (PN) MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO Classe 3B IPSC (14

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA SCUOL@NEVE.2014

OFFERTA FORMATIVA SCUOL@NEVE.2014 PROGRAMMA OFFERTA FORMATIVA SCUOL@NEVE.2014 IL CENTRO E I SOGGIORNI PER RAGAZZI Il Centro formativo Candriai è una struttura alberghiera che dispone di 70 posti letto, un ambiente familiare dall atmosfera

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago.

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago. 31 gennaio 2009 Consiglio comunale ragazzi Verbale Consiglio Comunale dei di sabato 31 gennaio 2009 La riunione si apre alle ore 11.05 con il seguente Ordine del Giorno: 1. Elezione del Sindaco 2. Varie

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n.

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n. REGIONE PIEMONTE BU30 26/07/2012 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 23 luglio 2012, n. 5/R Regolamento regionale del volontariato di protezione civile. Abrogazione del regolamento regionale

Dettagli

La Giornata Nazionale degli Alberi. La Festa dell Albero. Alle radici dell accoglienza

La Giornata Nazionale degli Alberi. La Festa dell Albero. Alle radici dell accoglienza La Festa dell Albero Festa dell Albero è la campagna di Legambiente per la tutela del verde e del territorio che quest anno si realizza nell ambito della Giornata Nazionale degli Alberi, finalmente istituita

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

COMUNE DI BITONTO. Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE. N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO

COMUNE DI BITONTO. Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE. N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO Si trasmette in copia l esecuzione a... Il Segretario Generale COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO INSEDIAMENTO INTERVENTI VARI. L anno

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras Sostegno a Distanza Scuola San José Honduras COMUNICAZIONE GENERALE 2010 222 I.- INTRODUZIONE- Cari amici, con la presente comunicazione desideriamo raccontarvi le attività realizzate grazie al sostegno

Dettagli

L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: visite guidate, laboratori didattici, filmati, conferenze,

L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: visite guidate, laboratori didattici, filmati, conferenze, L ACQUARIO DI BOLSENA, offre ad adulti e ragazzi una grande quantità di attività: visite guidate, laboratori didattici, filmati, conferenze, convegni, mostre, eventi artistici, ma anche: soggiorni per

Dettagli

BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI

BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI Pochi giorni fa a un incontro organizzato dalla Provincia di Roma in occasione dei 60 anni dell Unesco, ho conosciuto un sacerdote,

Dettagli

Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia

Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia GRUPPO PERIMETRO, AREA E VOLUME SCUOLA PRIMARIA CLASSI III a.s.2009/2010 Autori: Enrica Mandelli Angela Volpe Presentazione

Dettagli

AVO Associazione Volontari Ospedalieri Firenze Onlus. Progetto Tutoring Gestionale In collaborazione con CESVOT e AVO Regionale Toscana

AVO Associazione Volontari Ospedalieri Firenze Onlus. Progetto Tutoring Gestionale In collaborazione con CESVOT e AVO Regionale Toscana AVO Associazione Volontari Ospedalieri Firenze Onlus Progetto Tutoring Gestionale In collaborazione con CESVOT e AVO Regionale Toscana Inizio giugno 2013 Miglioramento gestione associazione e implementazione

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

RAPPORTO DI RICERCA CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI. Cooperazione.

RAPPORTO DI RICERCA CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI. Cooperazione. CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI RAPPORTO DI RICERCA Cooperazione tra aree rurali Cooperation day Cooperazione tra aree rurali Cooperazione

Dettagli

Mezzo utilizzato per venire al lavoro

Mezzo utilizzato per venire al lavoro L ecosostenibilità in ufficio: miraggio o realtà? Una rappresentazione della situazione dei nostri uffici ed un occasione di valutazione delle strategie dell Ente e dei comportamenti dei singoli Gli Italiani,

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo C.F. 95118530161 Tel 035243373 Fax: 035270323 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

OFFERTA DIDATTICA DEL MUSEO DI ZOOLOGIA Anno scolastico 2013/2014

OFFERTA DIDATTICA DEL MUSEO DI ZOOLOGIA Anno scolastico 2013/2014 OFFERTA DIDATTICA DEL MUSEO DI ZOOLOGIA Anno scolastico 2013/2014 Il Museo di Zoologia dell Università di Padova conserva le collezioni storiche del Dipartimento di Biologia, esponendo i reperti di maggior

Dettagli

culturama Invito Ufficiale raccontare mondo politica blog giornalismo idee commenti bellezzala stampa cultura LUISS Il Festival dell Informazione a

culturama Invito Ufficiale raccontare mondo politica blog giornalismo idee commenti bellezzala stampa cultura LUISS Il Festival dell Informazione a arta atira bellezzala stampa comunicazione mondo omande risposte oggi e domani tweets raccontare informazione sport commenti cultura giornalismo media politica blog esteri idee internet 1011 APRILE 2015

Dettagli

La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio Origine

La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio Origine La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio dott.fulvio Zorzut Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni Dipartimento di Prevenzione di Trieste Origine La zanzara tigre è stata importata nel

Dettagli

Scheda tecnica. Ceipiemonte: assemblea soci approva bilancio 2014

Scheda tecnica. Ceipiemonte: assemblea soci approva bilancio 2014 Ufficio stampa: Francesca Corsini tel. + 39 011 6700665 Scheda tecnica Ceipiemonte: assemblea soci approva bilancio 2014 Numeri in sintesi Circa 14,8 milioni il volume di attività sviluppato Oltre 3.000

Dettagli

Problemi con il CLIL?

Problemi con il CLIL? Problemi con il CLIL? Noi abbiamo una soluzione Nato nel 1994, il CLIL (Content and Language Integrated Learning) è un approccio didattico di tipo immersivo che punta alla costruzione di competenze linguistiche

Dettagli

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Variante parziale al vigente PRG ai sensi dell art. 26 della L.R. 34/92 e s.m.i. relativa al comparto edificatorio

Dettagli

Modulo 2. A Caccia di Risorse

Modulo 2. A Caccia di Risorse Modulo 2 A Caccia di Risorse FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di sviluppare negli studenti la capacità di analizzare le situazioni critiche della vita quotidiana al fine di renderli consapevoli

Dettagli

Alla ricerca delle piante minacciate

Alla ricerca delle piante minacciate Estinzione e conservazione Unità didattica 4 Alla ricerca delle piante minacciate Durata 4 ore (1 ora al giorno) Materiali - Liste rosse (vedi nelle note per gli insegnanti) - computer - quaderno di scienze

Dettagli

Un'Esperienza leggendaria

Un'Esperienza leggendaria Un'Esperienza leggendaria In inverno In estate Rifugio Nambino Una struttura ricettiva raffinata e confortevole sulle rive del Lago Nambino, nel cuore del Parco Naturale dell Adamello Brenta. Vi basterà

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

idealfoto wedding & fashion photographers

idealfoto wedding & fashion photographers Cari Sposi, in questo documento troverete le domande che spesso ci vengono poste, relative al servizio fotografico di matrimonio. E importante che leggiate perchè vi daranno alcune informazioni molto utili

Dettagli

Finanziare la rete ecologica?

Finanziare la rete ecologica? Finanziare la rete ecologica? Panoramica sulle principali fonti di finanziamento Varese, 19 marzo 2015 Tipologie dei finanziamenti europei Fondi indiretti la cui gestione è demandata agli Stati membri

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

DIFFUSIONE DELLA CULTURA DI PROTEZIONE CIVILE

DIFFUSIONE DELLA CULTURA DI PROTEZIONE CIVILE DIFFUSIONE DELLA CULTURA DI PROTEZIONE CIVILE Corso Base di formazione per allievi Volontari di Protezione Civile Todi 20 maggio 2014 Tecnici ANCI Umbria Protezione Civile CULTURA Il concetto moderno di

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA SOLARIA Società Cooperativa UFFICIO PUBBLICA ISTRUZIONE PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Premessa L alimentazione ha assunto nella società in cui viviamo oggi un ruolo fondamentale

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI La vegetazione dei Monti Simbruini FOTO VEGETAZIONE MONTI SIMBRUINI APPUNTI Il massiccio calcareo dei Monti Simbruini presenta una ben conservata copertura forestale, che occupa il 75% dell intero areale

Dettagli

Insegnare la nonviolenza Un esperienza di condivisione di idee, sogni, materiali educativi fra ASSEFA Torino & ASSEFA India

Insegnare la nonviolenza Un esperienza di condivisione di idee, sogni, materiali educativi fra ASSEFA Torino & ASSEFA India Gr uppo ASS EFA Torino & ASS EFA INDIA Insegnare la nonviolenza Un esperienza di condivisione di idee, sogni, materiali fra ASSEFA Torino & ASSEFA India a cura di Maria Ferrando insegnante di scuola primaria

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO Il mondo della natura Non viventi Viventi animali piante funghi invertebrati vertebrati

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

Lo scrivere come competenza appresa

Lo scrivere come competenza appresa ISTITUTO PROVINCIALE PER LA RICERCA, L AGGIORNAMENTO E LA SPERIMENTAZIONE EDUCATIVI Scrittura e didattica della scrittura nel biennio conclusivo dell obbligo Lo scrivere come competenza appresa Prove di

Dettagli

Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità

Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità Obiettivi del laboratorio Il percorso Il percorso in breve Questo progetto sarà occasione per far comprendere ai bambini che cosa significa il

Dettagli

SCENARI PER LA VALUTAZIONE AUTENTICA: costruire rubriche con i bambini. di Riccarda Viglino

SCENARI PER LA VALUTAZIONE AUTENTICA: costruire rubriche con i bambini. di Riccarda Viglino SCENARI PER LA VALUTAZIONE AUTENTICA: costruire rubriche con i bambini di Riccarda Viglino L'insegnamento, secondo Bruner, dovrebbe avere l'obiettivo di condurre lo studente a scoprire ed imparare per

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

Faccio l orto per chi? 1. perché fai l orto?

Faccio l orto per chi? 1. perché fai l orto? Faccio l orto per chi? 1. perché fai l orto? a) per passione 39% lavorare nell orto offre 1. una sana opportunità di esercizio fisico e vita attiva 2. crea salute e benessere fisico e psicologico 3. passione

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

Continuità e innovazione per assicurare l eccellenza regionale. di Protezione civile

Continuità e innovazione per assicurare l eccellenza regionale. di Protezione civile Continuità e innovazione per assicurare l eccellenza della Protezione civile regionale REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Nella sede regionale della Protezione civile del Friuli Venezia Giulia incontriamo

Dettagli

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane In collaborazione con UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Centro Studi Qualità Ambiente Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le

Dettagli

Esercitazione. la valigia del rientro: ricordi, souvenir e sviluppi

Esercitazione. la valigia del rientro: ricordi, souvenir e sviluppi Esercitazione la valigia del rientro: ricordi, souvenir e sviluppi dicembre 2012 La traccia Premessa Questo viaggio ha avuto lo scopo di fornire una panoramica su alcune tendenze in atto nei servizi di

Dettagli

Vanikglia Cup è momento di aggregazione, solidarietà, sport e sana competizione.

Vanikglia Cup è momento di aggregazione, solidarietà, sport e sana competizione. Che cos è? Vankiglia Cup è il torneo storico di Vanchiglia, riadattato e rimodernato per i ragazzi che all oratorio che sono cresciuti e che hanno ancora voglia di divertirsi. Vanikglia Cup è momento di

Dettagli

L ECOLOGIA e il rapporto UOMO - AMBIENTE. 2^ lezione dell 11 corso GGEV Bernardo FRATELLO

L ECOLOGIA e il rapporto UOMO - AMBIENTE. 2^ lezione dell 11 corso GGEV Bernardo FRATELLO L ECOLOGIA e il rapporto UOMO - AMBIENTE 2^ lezione dell 11 corso GGEV Bernardo FRATELLO Malthus e la nascita dell ecologia - Malthus (1798): la crescita numerica della popolazione umana è esponenziale

Dettagli

A SCUOLA CON GUSTO. Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto

A SCUOLA CON GUSTO. Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto A SCUOLA CON GUSTO Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto Il progetto A SCUOLA CON GUSTO Il progetto A SCUOLA CON GUSTO, giunto oggi alla quarta edizione, mira ad avvicinare adulti e

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.)

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) Provincia di Varese Atto costitutivo Sommario Art. 1. Premessa... 1 Art. 2. Costituzione, finalità e ambiti di competenza del

Dettagli

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà Progetto/azione Il tifoso protagonista della sicurezza Responsabilità Gabinetto del Sindaco Politiche per la Sicurezza Urbana Soggetti coinvolti Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società

Dettagli

COMMISSIONE NAZIONALE ITALIANA. Impegno comune di persone e organizzazioni per il Decennio dell Educazione allo Sviluppo Sostenibile

COMMISSIONE NAZIONALE ITALIANA. Impegno comune di persone e organizzazioni per il Decennio dell Educazione allo Sviluppo Sostenibile COMMISSIONE NAZIONALE ITALIANA Impegno comune di persone e organizzazioni per il Decennio dell Educazione allo Sviluppo Sostenibile Nel dicembre del 2002, l Assemblea Generale delle Nazioni Unite, sulla

Dettagli

n questo documento troverete le domande che spesso ci vengono poste, relative al servizio fotografico di un matrimonio.

n questo documento troverete le domande che spesso ci vengono poste, relative al servizio fotografico di un matrimonio. Cari Sposi, n questo documento troverete le domande che spesso ci vengono poste, relative al servizio fotografico di un matrimonio. E importante che le leggiate perché vi daranno alcune informazioni molto

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

Il lavoro di Comunità e l organizzazione dei servizi sociali nei nuovi assetti istituzionali

Il lavoro di Comunità e l organizzazione dei servizi sociali nei nuovi assetti istituzionali Il lavoro di Comunità e l organizzazione dei servizi sociali nei nuovi assetti istituzionali 4/02/2015 Bruna Zani (Presidente della Scuola di Psicologia e di Scienze della Formazione Università di Bologna,

Dettagli

Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero

Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero Istituzioni scolastiche, famiglie e territorio uniti in un esperienza finalizzata a incoraggiare e orientare i ragazzi nell avventura

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

ESAME FINALE PER 25 NUOVI ALLENATORI/PERSONAL TRAINER

ESAME FINALE PER 25 NUOVI ALLENATORI/PERSONAL TRAINER Comitato Regionale Calabria. Reggio Calabria, 30 aprile 2012 UFFICIO - COMUNICAZIONE AGENZIA STAMPA DEL 30 APRILE 2012 ESAME FINALE PER 25 NUOVI ALLENATORI/PERSONAL TRAINER Sabato 28 aprile, A Villa San

Dettagli

PROGETTO DI RIFACIMENTO DEL SITO WEB DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO

PROGETTO DI RIFACIMENTO DEL SITO WEB DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO PROGETTO DI RIFACIMENTO DEL SITO WEB DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO Relazione di tirocinio di Roberta Boffi matricola 046328 Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Facoltà di Psicologia a.a. 2004/05

Dettagli

Anno Scolastico 2013 2014. Questionario Scuola

Anno Scolastico 2013 2014. Questionario Scuola Anno Scolastico 2013 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il presente questionario è rivolto ai Dirigenti Scolastici la cui scuola è stata selezionata per far parte del Campione Nazionale

Dettagli

riportare quindi il centro del nostro mondo tra le mura della nostra città.

riportare quindi il centro del nostro mondo tra le mura della nostra città. magazine free press Firenze Urban Lifestyle è un magazine freepress che nasce dalla volontà di dare energia alla forza intrinseca della città di Firenze. La nostra redazione vuole dar voce a realtà e situazioni

Dettagli

Le comunità resilienti

Le comunità resilienti Le comunità resilienti INCONTRO PUBBLICO PRESSO LA SALA CONSILIARE DEL COMUNE DI SARZANA GIOVEDÌ 3 APRILE 2014 L incontro L incontro All incontro organizzato nell ambito del Progetto Europeo Risc kit dalla

Dettagli

siamo tutti pedoni pedoni muoiono ogni anno IL TEMA campagna nazionale per la sicurezza degli utenti deboli della strada

siamo tutti pedoni pedoni muoiono ogni anno IL TEMA campagna nazionale per la sicurezza degli utenti deboli della strada campagna nazionale per la sicurezza degli utenti deboli della strada siamo tutti pedoni 2013 PREMESSSA La campagna Siamo tutti pedoni è parte di Piedi per terra, un progetto più ampio che ha l'obiettivo

Dettagli

Gestione aziendale della salute

Gestione aziendale della salute business Gestione aziendale della salute Il nostro sostegno per la salute dei collaboratori Soluzioni assicurative adattate in base alle vostre specifiche esigenze www.visana-business.ch Con metodo verso

Dettagli

Con la Fotografia Panoramica digitale dalla F alla A

Con la Fotografia Panoramica digitale dalla F alla A 1 Dal portale: www.conlafotografia.com Con la Fotografia Panoramica digitale dalla F alla A Un fotografo ingegnere chi è? 1. Chi è Giuseppe Circhetta? Sono un ingegnere, classe 1979 ed abito a Milano da

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

R ELAZIONE DEL PRESIDENTE

R ELAZIONE DEL PRESIDENTE R ELAZIONE DEL PRESIDENTE Assemblea degli iscritti anno 1999 Il 1998 è stato caratterizzato da grandi attese e da rinvii infiniti per la professione infermieristica, accompagnato da eventi importanti per

Dettagli

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti.

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti. MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli