PIANO NAZIONALE DI CONTROLLO DELLE SALMONELLOSI NEGLI AVICOLI: RUOLO DEL CENTRO DI REFERENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO NAZIONALE DI CONTROLLO DELLE SALMONELLOSI NEGLI AVICOLI: RUOLO DEL CENTRO DI REFERENZA"

Transcript

1 PIANO NAZIONALE DI CONTROLLO DELLE SALMONELLOSI NEGLI AVICOLI: RUOLO DEL CENTRO DI REFERENZA Veronica Cibin, SCS1 Analisi del Rischio I Convegno rete Enter-Vet, 17/12/2014_IZSVE

2 Controllo delle zoonosi Regolamento CE n.2160/2003 del 17 novembre 2003 sul controllo della salmonella e di altri agenti zoonotici specifici presenti negli alimenti

3 Zoonosi ed agenti zoonotici Popolazione animale Segmento della catena alimentare Obiettivo fissato entro (+ 6 mesi) Obbligatorietà piani di controllo da (+ 6 mesi) Riproduttori specie Gallus gallus Produzione primaria Tutti i sierotipi di salmonellae rilevanti per la sanità pubblica Galline ovaiole Polli da carne Tacchini Suini da ingrasso Produzione primaria Produzione primaria Produzione primaria Macellazione Suini riproduttori Produzione primaria

4 PER CIASCUNA CATEGORIA PRODUTTIVA Regolamento UE 200/2010 per riproduttori Gallus gallus, Regolamento UE 517/2011 per galline ovaiole, Regolamento UE 200/2012 per polli da carne, Regolamento UE 1190/2012 per tacchini da ingrasso e riproduttori Obiettivo definitivo, ovvero la percentuale massima di gruppi positivi a sierotipi rilevanti per la salute pubblica: pari ad 1% Obiettivo modulare per galline ovaiole 10 % se la prevalenza nell anno precedente era inferiore al 10 %; Sierotipi rilevanti: Enteritidis, Typhimurium (compresa variante monofasica), Hadar, Infantis, Virchow per riproduttori Gallus gallus; SE,ST per altre categorie produttive

5 Ciascun Regolamento specifico definisce - Frequenza minima campionamenti per allevamento - Numero di gruppi da controllare e frequenza di controllo per ciascun gruppo - Cosa campionare e come - Modalità e tempi trasporto campioni e procedure di analisi sia per autocontrollo e controlli ufficiali

6 PIANO NAZIONALE DI CONTROLLO DELLE SALMONELLOSI NEGLI AVICOLI Anno 2015

7 ATTIVITA DEL CRNS nell ambito dei piani di controllo salmonella (1) Supporto tecnico scientifico al Ministero della Salute, alla Commissione Europea e altre enti (EFTA S.A.) - Collaborazione con DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI, Ufficio II (Sanità animale ed Anagrafi zootecniche) nella revisione delle proposte normative (UE, nazionali) e nella stesura dei piani nazionali di monitoraggio e controllo delle infezioni di salmonella nelle popolazioni animali - Partecipazione a -DGSANCO-SCFCAH (Standing Committee on the Food Chain and Animal Health) Working group on zoonoses - Network on zoonoses data collection, EFSA -Task force for control programmes of foodborne zoonoses, subgroup Salmonella, DGSANCO - Missioni organizzate da EFTA Surveillance Authority relative a monitoraggio e controllo zoonosi

8 ATTIVITA DEL CRNS nell ambito dei piani di controllo salmonella (2) Analisi di laboratorio: Isolamento e tipizzazione di ceppi di salmonella in campioni prelevati a livello di produzione primaria dall Autorità Competente (territorio di competenza dell IZSVe) Isolamento e tipizzazione di ceppi di salmonella in campioni prelevati a livello di produzione primaria dall Autorità Competente nei casi di circostanze eccezionali (a livello nazionale) Tipizzazione di ceppi di salmonella isolati a seguito di campioni ufficiali o in regime di autocontrollo e trasmessi da altri laboratori Fagotipizzazione di ceppi di Salmonella Enteritidis and Typhymurium (monophasic ST), inclusi i ceppi trasmessi da altri laboratori ufficiali

9 ATTIVITA DEL CRNS nell ambito dei piani di controllo salmonella (3) Supervisione e coordinamento delle attività dei laboratori che eseguono le analisi nell ambito del piano di controllo attraverso organizzazione dei cricuiti interlaboratorio (isolamento e sierotipizzazione) Training Supporto nella risoluzione di problemi, dubbi nella gestione dei campioni Messa a punto di procedure analitiche

10 ATTIVITA DEL CRNS nell ambito dei piani di controllo salmonella (4) Spedizione degli isolati al laboratorio nazionale di Riferimento per l antibiotico resistenza in accordo alla Decisione 652/2013 Inserimento dei dati relativi ai campioni prelevati dall autorità Competente Regione Veneto nel Sistema Informativo Salmonelle (S.I.S) Supporto a IZS Abruzzo e Molise (COVEPI) per quanto riguarda gli aspetti tecnici (nomenclatura dei sierotipi di salmonella, lista dei vaccini, etc...) e identificazione e segnalazione aspetti critici relativi a inserimento dei dati in SIS VALUTARE LA NECESSITA DI CHIEDERE INSERIMENTO DI SIEROTIPIZZAZIONI PARZIALI Supporto alle Autorità Competenti sia a livello locale che nazionale

11 Numero di analisi del CRNS nell ambito dei piani di controllo Salmonella isolation (primary production) N. of non compliant samples (fine settembre) Serotyping

12 LABORATORI CHE ESEGUONO LE ANALISI DEI CAMPIONI NELL AMBITO DEL PNCS HANNO UN RUOLO CHIAVE PIANO Valutare Il laboratorio conformità verifica dei la conformità campioni del campione e la - Garantire completezza la rapida della e completa scheda gestione di accompagnamento dei campioni, analisi campioni. e refertazione In caso di carenze di conformità, contatta il risultati verbalizzante delle analisi prima devono di essere procedere disponibili all analisi. prima dell invio al macello degli animali identificazione di sierotipi rilevanti per la salute pubblica comporta la messa in atto di misure sanitarie Per dettagli: Pino nazionale di controllo delle salmonellosi negli avicoli Note del Ministero della Salute: MAGGIO 2013; SETTEMBRE 2014 (post FVO)

13 ALCUNI DETTAGLI RISPETTO ALLA GESTIONE DEI CAMPIONI IN LABORATORIO DAL RICEVIMENTO DEI CAMPIONI ALLA REFERTAZIONE

14 CONFERIMENTO CAMPIONI (trasporto) I campioni vanno inviati al laboratorio di analisi entro 24 ore dal prelievo Trasporto a temperatura ambiente al riparo da calore (>25 C) e luce solare diretta MEGLIO A TEMPERATURA DI REFRIGERAZIONE In laboratorio conservazione a T di refrigerazione ed analisi entro 48 ore dal ricevimento; comunque l analisi deve avvenire entro 96 ore dal prelievo (ovvero 4 giorni) Presso il laboratorio i campioni devono essere conservati a temperatura di refrigerazione fino all analisi, in ogni caso eseguita entro 4 giorni dal prelievo.

15 ACCETTAZIONE DEI CAMPIONI UFFICIALI: CRITICITA INCONGRUENZE NELLA SCHEDA ACCOMPAGNATORIA INCONGRUENZE RELATIVE AL NUMERO DI CAMPIONI POLVERE NON SUFFICIENTE MANCATO RISPETTO DEI TEMPI

16 INCONGRUENZE NELLA SCHEDA ACCOMPAGNATORIA Le schede accompagnatorie richiedono le stesse informazioni che devono essere inserite in SIS e sono predisposte dal Ministero in collaborazione con COVEPI ERRORI COMUNI: -ERRORI RELATIVI AI DATI ANAGRAFICI/PRODUTTIVI -NUMERO/TIPO DI CAMPIONI DIVERSO DA QUANTO REALMENTE CONFERITO -DATI MANCANTI: ATTENZIONE SE SI TRATTA DI DATI RELATIVI AL VACCINO

17 INCONGRUENZE RELATIVE AL NUMERO DI CAMPIONI ERRORE PIU FREQUENTE: -NUMERO DI CAMPIONI INFERIORE A QUANTO PREVISTO ATTENZIONE A NUMERO DI CAMPIONI PER GRUPPO

18 POLVERE NON SUFFICIENTE

19 MANCATO RISPETTO DEI TEMPI ERRORE PIU FREQUENTE: -INIZIO ANALISI MAGGIORE A 4 GIORNI DALLA DATA PRELIEVO CONFERITORE TRASPOSTO INTRA IZS LABORATORIO DI ANALISI In caso di festività è utile informare i servizi veterinari quali sono i giorni utili per il laboratorio/struttura che ricee I campioni

20 METODI DI ANALISI Isolamento: ISO /amd1:2007: MSRV come unico terreno di arricchimento selettivo (LABORATORI ACCREDITATI) Tipizzazione sierologica secondo lo schema Kauffman-White-Le Minor Per i campioni in autocontrollo possibili metodi alternativi purché convalidati in conformità della norma EN/ISO 16140/2003 Laboratorio che esegue le analisi e flusso delle informazioni deve essere chiaramente riportato nel piano di autocontrollo In caso di campioni ufficiali è prevista sempre la sierotipizzazione completa In caso di campioni in autocontrollo è prevista la sierotipizzazione completa per: Riproduttori Gallus gallus e tacchini Possibilità di escludere/confermare la sola presenza di SE/ST in caso di polli da carne, tacchini da ingrasso e galline ovaiole

21 CHIARIMENTI SULLE MODALITA DI PREPARAZIONE DEI CAMPIONI VANNO TENUTI SEPARATI I CAMPIONI DI GRUPPI DIVERSI Campioni della medesima matrice possono essere analizzati in pool a discrezione dal laboratorio sovrascarpe nelle ovaiole

22 Divieto di utilizzare vaccini vivi non distinguibili da ceppi di campo Il laboratorio di analisi effettua test discriminatorio sulla base delle informazioni riportate sulla scheda accompagnatoria campioni Gallivac SE, Merial (KIT IDT Salmonella Diagnosticum) Avipro Salmonella Vac T e AviPro Salmonella Vac E, e DUO Lohmann (non cresce nel terreno MSRV) Nel caso in cui il richiedente l analisi lo ritenga opportuno, sulla base delle informazioni a sua disposizione, potrà richiedere al laboratorio in via eccezionale, di procedere ad effettuare il test discriminatorio anche nei confronti del ceppo vaccinale riferibile al vaccino Gallivac SE.

23 REFERTAZIONE CAMPIONI UFFICIALI (1) SI EVIDENZIA CHE I LABORATORI DEVONO GARANTIRE RISPOSTE ANALITICHE NEL TEMPO PIÙ BREVE POSSIBILE, POICHÉ LA RICERCA E SIEROTIPIZZAZIONE DELLE SALMONELLE HANNO CARATTERE DI PRIORITÀ. I risultati di tali analisi devono essere comunicati rapidamente al richiedente l analisi ed in ogni caso l assenza di Salmonella nel campione esaminato, deve essere comunicata entro 5 giorni lavorativi dalla data di inizio analisi. Si ritiene di fondamentale importanza, in caso di positività, indicare già in prima istanza il sierotipo isolato, e non una generica presenza di Salmonella spp. FVO MINISTERO

24 Nota SETTEMBRE 2014: PNCS Relazione FVO e azioni per la rimozione delle criticità rilevate

25 REFERTAZIONE CAMPIONI UFFICIALI (2) A fronte di reali difficoltà che possono intercorrere nel corso dell identificazione del sierotipo di appartenenza degli isolati, a garanzia della rapidità dell emissione dell esito, il laboratorio che esegue la sierotipizzazione, valuta l opportunità di emettere un rapporto di prova in cui si evidenzi l esclusione di sierotipi appartenenti a S. Enteritidis e Typhimurium (per i quali è prevista l applicazione di misure sanitarie restrittive) e che prosegua solo successivamente e nei tempi consoni alla sierotipizzazione completa. In caso di identificazione di sierotipi rilevanti il laboratorio che ha effettuato l isolamento o la sierotipizzazione dovrà procedere ad effettuare il test che consente di differenziare il ceppo vaccinale dal ceppo di campo, ed il risultato di tale test dovrà essere riportato nel rapporto di prova.

26 INSERIMENTO DATI IN SIS INSERIMENTO SIEROTIPIZZAZIONI INCOMPLETE Valutare l opportunità e il significato epidemiologico dell inserimento nei sistemi informativi di formule antigeniche incomplete Proposta Indicare specie e subspecie + "sierotipo non identificato" o "formula antigenica incompleta."

27 GRAZIE PER L ATTENZIONE

PIANO NAZIONALE DI CONTROLLO DELLE SALMONELLOSI NEGLI AVICOLI

PIANO NAZIONALE DI CONTROLLO DELLE SALMONELLOSI NEGLI AVICOLI PIANO NAZIONALE DI CONTROLLO DELLE SALMONELLOSI NEGLI AVICOLI ANNO 2015 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. LISTA ABBREVIAZIONI ED ALCUNE DEFINIZIONI 1.1 Lista abbreviazioni 1.2 Alcune definizioni 2. OBIETTIVO E

Dettagli

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nelle ovaiole - anno 2013

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nelle ovaiole - anno 2013 Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium, nelle galline ovaiole della specie Gallus gallus Anno 2013 Approvato con Decisione 2012/761/UE 1 PARTE A DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. Istruzioni Operative. Piano Regionale Integrato dei Controlli Ufficiali 2011 2014

REGIONE CAMPANIA. Istruzioni Operative. Piano Regionale Integrato dei Controlli Ufficiali 2011 2014 REGIONE CAMPANIA Istruzioni Operative Piano Regionale Integrato dei Controlli Ufficiali 2011 2014 2013 Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis, Typhimurium, Hadar, Virchow e Infantis nei

Dettagli

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium, nei tacchini da ingrasso e nei tacchini riproduttori

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium, nei tacchini da ingrasso e nei tacchini riproduttori Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium, nei tacchini da ingrasso e nei tacchini riproduttori Anno 2013 Approvato con Decisione 2012/761/UE 1 PARTE A DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Dettagli

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis, Typhimurium, Hadar, Virchow e Infantis nei gruppi di riproduttori della specie Gallus gallus

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis, Typhimurium, Hadar, Virchow e Infantis nei gruppi di riproduttori della specie Gallus gallus Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis, Typhimurium, Hadar, Virchow e Infantis nei gruppi di riproduttori della specie Gallus gallus Anno 2013 Approvato con Decisione 2012/761/UE 51 PARTE

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 4 febbraio 2013. Condizioni e modalità di abbattimento di cui al Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis, Typhimurium, Hadar, Virchow e Infantis nei riproduttori

Dettagli

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium, nei tacchini da ingrasso e nei tacchini riproduttori anno 2013

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium, nei tacchini da ingrasso e nei tacchini riproduttori anno 2013 In tabella è indicato il numero di punti da cui prelevare il materiale fecale in funzione del numero di capi del gruppo campionato per costituire un campione composito. N. CAPI Per gruppo di riproduttori

Dettagli

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nelle ovaiole anno 2012

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nelle ovaiole anno 2012 Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium, nelle galline ovaiole della specie Gallus gallus Anno 2012 Approvato con Decisione 2011/807/UE 1 PARTE A DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Dettagli

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nei polli da carne della specie Gallus gallus anno 2013

Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nei polli da carne della specie Gallus gallus anno 2013 Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nei polli da carne della specie Gallus gallus 2013 Approvato con Decisione 2012/761/UE 1 PARTE A DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA E OBIETTIVI

Dettagli

Aggiornamento relativo a recenti e prossime modifiche della norma ISO 6579

Aggiornamento relativo a recenti e prossime modifiche della norma ISO 6579 I Riunione ENTER-VET Legnaro, 17 dicembre 2014 Aggiornamento relativo a recenti e prossime modifiche della norma ISO 6579 Progressi nella revisione della ISO 6579 Microbiology of the food chain Horizontal

Dettagli

Audit dell efficacia del sistema di controlli ufficiali

Audit dell efficacia del sistema di controlli ufficiali Il presente documento rappresenta la traduzione in italiano di un documento prodotto dai partecipanti al National Audit System (NAS) Network, costituito da funzionari delle Autorità Competenti degli Stati

Dettagli

Piani di controllo/monitoraggio dell influenza aviare e salmonella: descrizione e criticità

Piani di controllo/monitoraggio dell influenza aviare e salmonella: descrizione e criticità Piani di controllo/monitoraggio dell influenza aviare e salmonella: descrizione e criticità Dipartimento di Sanità Pubblica UOC Igiene Veterinaria Dott. Geremia Dosa AUSL Imola Influenza aviaria H5N1 Piano

Dettagli

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO 1 Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nei polli da carne della specie Gallus gallus LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO Con il presente documento si intende fornire una

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 0009384-10/04/2015-DGSAF-COD_UO-P Ministero della Salute Trasmissione elettronica N. prot. DGSAF in Docspa/PEC DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Ufficio II DGSAF Sanità animale

Dettagli

Modalita' di attuazione del regolamento UE n. 1071/2014, relativo ad. alcune misure eccezionali di sostegno del mercato avicolo.

Modalita' di attuazione del regolamento UE n. 1071/2014, relativo ad. alcune misure eccezionali di sostegno del mercato avicolo. MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 16 gennaio 2015 Modalita' di attuazione del regolamento UE n. 1071/2014, relativo ad alcune misure eccezionali di sostegno del mercato

Dettagli

Salmonella. Rapporto regionale sulla sorveglianza di laboratorio ANNO 2010. Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana

Salmonella. Rapporto regionale sulla sorveglianza di laboratorio ANNO 2010. Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Qua ZOO n.08 23-02-2012 16:16 Pagina 66 QUADERNI DI ZOOPROFILASSI NUMERO 8 FEBBRAIO 2012 PERIODICO DELL ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO 1 Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nei polli da carne della specie Gallus gallus LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO Il presente documento si intende fornire una traccia

Dettagli

Corpo messaggio: null

Corpo messaggio: null Oggetto : Piano di gestione degli allevamenti di bovini iscritti ai Libri genealogici (LG) delle 5 razze Italiane da carne finalizzato al risanamento dal virus responsabile della rinotracheite infettiva

Dettagli

Piano Nazionale di Sorveglianza e Vigilanza Sanitaria sull Alimentazione degli Animali 2009-2010-2011

Piano Nazionale di Sorveglianza e Vigilanza Sanitaria sull Alimentazione degli Animali 2009-2010-2011 di Sorveglianza e Vigilanza Sanitaria sull Alimentazione degli Animali Teramo - 20 gennaio 2010 Dirigente delle Professionalità Sanitarie Ministero della Salute Dipartimento per la Sanità Pubblica Veterinaria,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. SPINOZZI ANTONIO Data di nascita 01/01/1960 VETERINARIO DIRIGENTE

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. SPINOZZI ANTONIO Data di nascita 01/01/1960 VETERINARIO DIRIGENTE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SPINOZZI ANTONIO Data di nascita 01/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio VETERINARIO DIRIGENTE ASL DI TERAMO Incarico di studio

Dettagli

Zero Salmonella: il nuovo mantra Europeo

Zero Salmonella: il nuovo mantra Europeo Zero Salmonella: il nuovo mantra Europeo Prof. Alessandro Fioretti Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Napoli Federico II Nel 2006 l UE ha riportato 165,023 casi di salmonellosi Riduzione dell

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA SANITÀ ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Audizione del Direttore generale della sanità animale e farmaci veterinari del Ministero della salute, dr. Silvio

Dettagli

Aggiornamenti sulle attività svolte recentemente dal NRL Salmonella nell ambito della sorveglianza di S. 4,5,12:i:-

Aggiornamenti sulle attività svolte recentemente dal NRL Salmonella nell ambito della sorveglianza di S. 4,5,12:i:- Aggiornamenti sulle attività svolte recentemente dal NRL Salmonella nell ambito della sorveglianza di S. 4,5,12:i:- Lisa Barco Torino, 21 maggio 2014 PROGETTO: Caratterizzazione di isolati di S. Typhimurium

Dettagli

L accreditamento e le implicazioni per i laboratori di controllo e autocontrollo dei prodotti alimentari

L accreditamento e le implicazioni per i laboratori di controllo e autocontrollo dei prodotti alimentari Convegno Le disposizioni in materia di sicurezza alimentare applicate ai Laboratori Accreditati Roma, 15-16 novembre 2011 L accreditamento e le implicazioni per i laboratori di controllo e autocontrollo

Dettagli

PROCEDURA. Trasporto e conservazione di campioni, farmaci, vaccini e diagnostici.

PROCEDURA. Trasporto e conservazione di campioni, farmaci, vaccini e diagnostici. Trasporto e conservazione di campioni, Pag. 1 Trasporto e conservazione di campioni, farmaci, vaccini e diagnostici. Data di applicazione 27 08 2008 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione

Dettagli

a. Organigramma aziendale e descrizione delle strutture

a. Organigramma aziendale e descrizione delle strutture ALLEVAMENTO AVICOLO MANUALE DI BUONE PRASSI DI ALLEVAMENTO a. Organigramma aziendale e descrizione delle strutture Proprietario degli animali: Prof. Domenico Bergero Indirizzo:Via Leonardo da Vinci 44,

Dettagli

Perché in Svizzera si è sicuri anche quando si mangia

Perché in Svizzera si è sicuri anche quando si mangia L'organizzazione settoriale dell'economia svizzera della carne Proviande società cooperativa Brunnhofweg 37 Casella postale 8162 CH-3001 Berna +41 (0)31 309 41 11 +41 (0)31 309 41 99 info@proviande.ch

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Medicina Animale, Produzioni e Salute SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE Sanità Animale, Allevamento e Produzioni Zootecniche Tesi di specializzazione Salmonella

Dettagli

Sistema informativo nazionale delle Zoonosi

Sistema informativo nazionale delle Zoonosi Sistema informativo nazionale delle Zoonosi Redatto da: approvato da: revisione: 1.9 unit: I.Z.S. A. M. Centri di data di emissione: 23/11/2007 pag: referenza nazionale note di riservatezza: Stato del

Dettagli

Enter-Net Italia: La sorveglianza nazionale delle infezioni trasmesse da alimenti. Alfredo Caprioli

Enter-Net Italia: La sorveglianza nazionale delle infezioni trasmesse da alimenti. Alfredo Caprioli Contenimento e controllo delle MTA - Roma, 28 Maggio 2013 Enter-Net Italia: La sorveglianza nazionale delle infezioni trasmesse da alimenti Alfredo Caprioli EU Reference Laboratory for Escherichia coli

Dettagli

controllo ufficiale dei mangimi: nuovo PNAA 2012-2014 23 novembre 2011 Roma

controllo ufficiale dei mangimi: nuovo PNAA 2012-2014 23 novembre 2011 Roma controllo ufficiale dei mangimi: nuovo PNAA 2012-2014 23 novembre 2011 Roma Piano Nazionale di Controllo Ufficiale sull Alimentazione degli Animali 2012/2014 DIREZIONE GENERALE DELLA SANITÁ ANIMALE E DEI

Dettagli

A. PIANO DI VIGILANZA E CONTROLLO SANITARIO SULL ALIMENTAZIONE ANIMALE A.1 PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E REGIONALE

A. PIANO DI VIGILANZA E CONTROLLO SANITARIO SULL ALIMENTAZIONE ANIMALE A.1 PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E REGIONALE A. PIANO DI VIGILANZA E CONTROLLO SANITARIO SULL ALIMENTAZIONE ANIMALE A.1 PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E REGIONALE Obiettivo fondamentale del PNAA 2012 è di assicurare, in linea con quanto stabilito dai Regolamenti

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Corso di perfezionamento in: IGIENE DELLE PRODUZIONI ANIMALI E ALIMENTARI: RUOLO DEL MEDICO VETERINARIO

Dettagli

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM Normativa comunitaria in materia di sicurezza alimentare Fin dalla sua costituzione l UE ha attribuito molta importanza all attività

Dettagli

Registro classif: Allegati: 1 VIA FAX. OGGETTO: Piano Nazionale Benessere Animale (PNBA)

Registro classif: Allegati: 1 VIA FAX. OGGETTO: Piano Nazionale Benessere Animale (PNBA) Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEL FARMACO VETERINARIO Ufficio VI Benessere

Dettagli

COME VENGONO REALIZZATI I CONTROLLI ORDINARI DELLA SANITA ANIMALE?

COME VENGONO REALIZZATI I CONTROLLI ORDINARI DELLA SANITA ANIMALE? COME VENGONO REALIZZATI I CONTROLLI ORDINARI DELLA SANITA ANIMALE? Regolamenti di Polizia Veterinaria/Norma sanitaria L input del processo è costituito dalla normativa sanitaria veterinaria COSTRUZIONE/GESTIONE

Dettagli

L igiene degli alimenti nella prevenzione delle MTA

L igiene degli alimenti nella prevenzione delle MTA Dipartimento della sanità pubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute Direzione generale per l'igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Dettagli

LA TUTELA DELL AMBIENTE Garanzia della salubrità e sicurezza del nostro cibo

LA TUTELA DELL AMBIENTE Garanzia della salubrità e sicurezza del nostro cibo LA TUTELA DELL AMBIENTE Garanzia della salubrità e sicurezza del nostro cibo Seconda Sessione - L impatto sulla sicurezza alimentare: dall autocontrollo al controllo ufficiale PERCORSO FROM FARM TO FORK

Dettagli

Il controllo ufficiale finalizzato alla verifica del carry over: limiti e miglioramenti a seguito dell ispezione FVO 2012/6492 Ministero della Salute Direzione Generale della Sanità Animale e dei Farmaci

Dettagli

NOTA METODOLOGICA. 1. Nota informativa sull interpretazione dei dati statistici. Tutti i contribuenti persone fisiche

NOTA METODOLOGICA. 1. Nota informativa sull interpretazione dei dati statistici. Tutti i contribuenti persone fisiche NOTA METODOLOGICA 1. Nota informativa sull interpretazione dei dati statistici 2. Base dati statistica 3. Tipologie di contribuenti Tutti i contribuenti persone fisiche Concetto di titolare di partita

Dettagli

39 Congresso dell Associazione Italiana Epidemiologia

39 Congresso dell Associazione Italiana Epidemiologia Milano, 30 Ottobre 2015 39 Congresso dell Associazione Italiana Epidemiologia Paolo D Argenio (Gruppo Tecnico Sistema di Sorveglianza Passi) Giulia Cairella (Servizio Igiene degli Alimenti e Nutrizione,

Dettagli

Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità

Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità Strategie innovative rispondenti ai bisogni delle imprese nel comparto degli ortofrutticoli della IV gamma STAYFRESH Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità Chiara Gorni, Donatella Allemand,

Dettagli

VALUTAZIONE E PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO NEI PRODOTTI ALIMENTARI: ATTIVITÀ DELL EFSA

VALUTAZIONE E PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO NEI PRODOTTI ALIMENTARI: ATTIVITÀ DELL EFSA VALUTAZIONE E PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO NEI PRODOTTI ALIMENTARI: ATTIVITÀ DELL EFSA Vittorio Silano II Università di Roma e EFSA/CEF Panel BOLZANO-OTTOBRE 2014 1 L AUTORITA EUROPEA PER LA SICUREZZA

Dettagli

MODULO 1 Legislazione Legislation

MODULO 1 Legislazione Legislation MODULO 1 Legislazione Legislation TABLE OF CONTENT principles of the common agricultural policy, market measures, export refunds and fraud detection (including the global context: WTO, SPS, Codex Alimentarius,

Dettagli

COMMITTENTE Responsabile Servizio Veterinario e Igiene degli Alimenti Regione Emilia-Romagna

COMMITTENTE Responsabile Servizio Veterinario e Igiene degli Alimenti Regione Emilia-Romagna PROGETTO REGIONALE DI AUDIT PER VERIFICARE LA CORRETTA APPLICAZIONE PRESSO I LABORATORI DESIGNATI E I MACELLI, DEL REGOLAMENTO 2075/2005 RELATIVO AI CONTROLLI UFFICIALI SULLA PRESENZA DI TRICHINELLA NELLE

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI BENEDETTI CLAUDIO TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

INFORMAZIONI PERSONALI BENEDETTI CLAUDIO TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome BENEDETTI CLAUDIO Data di nascita 22 SETTEMBRE 1961 Qualifica VETERINARIO Amministrazione ASUR Z.T. N.2 URBINO Incarico attuale DIRETTORE F.F.

Dettagli

Ministero della Salute PNAA 2007 PNAA 2007 PIANO NAZIONALE 2007 DI VIGILANZA E CONTROLLO SANITARIO SULL ALIMENTAZIONE DEGLI ANIMALI

Ministero della Salute PNAA 2007 PNAA 2007 PIANO NAZIONALE 2007 DI VIGILANZA E CONTROLLO SANITARIO SULL ALIMENTAZIONE DEGLI ANIMALI PIANO NAZIONALE 2007 DI VIGILANZA E CONTROLLO SANITARIO SULL ALIMENTAZIONE DEGLI ANIMALI 1 Il presente Piano Nazionale Alimentazione Animale anno 2007 è stato predisposto dal Dipartimento per la Sanità

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE Ufficio IX Regioni

Dettagli

Ruolo e accreditamento dei laboratori per la sicurezza alimentare

Ruolo e accreditamento dei laboratori per la sicurezza alimentare Convegno L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI PER LA SICUREZZA ALIMENTARE Ruolo e accreditamento dei laboratori per la sicurezza alimentare Rosa Draisci ISS ORL Roma 25-26 ottobre 2005 Laboratori ufficiali

Dettagli

Il ruolo del Laboratorio Controllo Alimenti

Il ruolo del Laboratorio Controllo Alimenti Torino, 9-109 aprile 2013 Corso di di formazione Gestione per il contenimento ed il controllo delle malattie trasmesse da alimenti Il ruolo del Laboratorio Controllo Alimenti Gabriella Conedera Istituto

Dettagli

Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità

Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità Strategie innovative rispondenti ai bisogni delle imprese nel comparto degli ortofrutticoli della IV gamma - STAYFRESH Controllo e monitoraggio della sicurezza e qualità Chiara Gorni, Donatella Allemand,

Dettagli

Medico e Medico Veterinario: una sinergia nel controllo delle zoonosi alimentari

Medico e Medico Veterinario: una sinergia nel controllo delle zoonosi alimentari Università di Bologna - Facoltà di Medicina Veterinaria 19 marzo 2010 Medico e Medico Veterinario: una sinergia nel controllo delle zoonosi alimentari Attualità delle malattie trasmesse da alimenti Emilia

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

ATTIVAZIONE DELLE ALLERTE

ATTIVAZIONE DELLE ALLERTE Come si applica: ATTIVAZIONE DELLE ALLERTE Ogni volta il Servizio Dipartimentale ASL disponga di informazioni relative alla presenza di un rischio grave per la salute umana, animale o per l ambiente, l

Dettagli

MALATTIA DI AUJESZKY: RELAZIONE SULLO STATO SANITARIO DELLA REGIONE DEL VENETO

MALATTIA DI AUJESZKY: RELAZIONE SULLO STATO SANITARIO DELLA REGIONE DEL VENETO MALATTIA DI AUJESZKY: RELAZIONE SULLO STATO SANITARIO DELLA REGIONE DEL VENETO Premessa Nella Regione Veneto viene allevato circa l 8% del patrimonio suinicolo italiano, inoltre sono presenti sul territorio

Dettagli

MISURE ECCEZIONALI DI SOSTEGNO NEI SETTORI: UOVA E CARNI DI POLLAME IN ITALIA

MISURE ECCEZIONALI DI SOSTEGNO NEI SETTORI: UOVA E CARNI DI POLLAME IN ITALIA MISURE ECCEZIONALI DI SOSTEGNO NEI SETTORI: UOVA E CARNI DI POLLAME IN ALIA A fronte dell emergenza aviaria che ha interessato alcuni territori del nostro Paese nel periodo 14 agosto e 5 settembre 2013,

Dettagli

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte CONTROLLI NELLA FILIERA ALIMENTARE PER LA RICERCA DI RESIDUI DI SOSTANZE INDESIDERATE DA PARTE DEI SERVIZI DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA DELLA REGIONE LAZIO Le diossine sono un gruppo di 210 sostanze

Dettagli

Ministero della salute Ufficio VII AUDIT DEI RESPONSABILI DEI SERVIZI VETERINARI DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE AASSLL DI VITERBO, RM G E RM H L audizione si è svolta il 20 novembre presso l Assessorato

Dettagli

Giuseppe Gilberto Bo. Dirigente Medico Veterinario Azienda Sanitaria Locale ASL Olbia

Giuseppe Gilberto Bo. Dirigente Medico Veterinario Azienda Sanitaria Locale ASL Olbia F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 04/02/56 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero di telefono e Fax dell Ufficio

Dettagli

MODELLO N. 17 CURRICULUM PER AUDITOR ED ISPETTORI

MODELLO N. 17 CURRICULUM PER AUDITOR ED ISPETTORI Informazioni personali Esperienza professionale Nome e Cognome : SILVIA NANNI indirizzo sede di lavoro: Siena Str. Del Ruffolo, 4 Telefono: 0577536655 Fax: 05775367 E-mail: s.nanni@usl7.toscana.it Data

Dettagli

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome ROSSANA ROSSI Data di nascita 04/03/68 Qualifica Medico veterinario Incarico attuale Ispettore degli alimenti di O.A Numero telefonico

Dettagli

V I L L A N O T O M M A S O L U I G I

V I L L A N O T O M M A S O L U I G I V I L L A N O T O M M A S O L U I G I CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE ESPERIENZE PROFESSIONALI 1981 1983 C.I.U.C. Spa. Latina Direttore d'azienda C.I.U.C Spa, Azienda agro-zootecnica specializzata

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. PERRETTI Vincenzo Data di nascita 17/01/1955 VETERINARIO DIRIGENTE 1 LIVELLO (EX COADIUTORE)

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. PERRETTI Vincenzo Data di nascita 17/01/1955 VETERINARIO DIRIGENTE 1 LIVELLO (EX COADIUTORE) INFORMAZIONI PERSONALI Nome PERRETTI Vincenzo Data di nascita 17/01/1955 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio VETERINARIO DIRIGENTE 1 LIVELLO (EX COADIUTORE) ASL DI

Dettagli

Il quadrilatero di Teobald Smith

Il quadrilatero di Teobald Smith L EPIDEMIOLOGIA E LA SOCIOSOCIO-ECONOMIA VETERINARIA NEL PENSIERO E NELLE AZIONI DI ADRIANO MANTOVANI Giorgio Battelli GIORNATA DI STUDIO SULLA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA Adriano Mantovani e la Sanità

Dettagli

12 CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA IN TECNICA DELL ALLEVAMENTO AVICOLO E PATOLOGIA AVIARE

12 CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA IN TECNICA DELL ALLEVAMENTO AVICOLO E PATOLOGIA AVIARE FONDAZIONE INIZIATIVE ZOOPROFILATTICHE E ZOOTECNICHE BRESCIA ISTITUTO PER LA QUALIFICAZIONE E L AGGIORNAMENTO TECNICO PROFESSIONALE IN AGRICOLTURA BRESCIA SOCIETA ITALIANA DI PATOLOGIA AVIARE - SIPA 12

Dettagli

Il Responsabile della Qualità e della Sicurezza alimentare nella filiera agro-alimentare

Il Responsabile della Qualità e della Sicurezza alimentare nella filiera agro-alimentare Job Area: I master di Alta Specializzazione Il Responsabile della Qualità e della Sicurezza alimentare nella filiera agro-alimentare IL MASTER TI PREPARA A RIVESTIRE IL RUOLO DI ESPERTO NELLA PROGETTAZIONE,

Dettagli

La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti

La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti EUWEP ASSEMBLEA GENERALE 2010 VERONA, 4 GIUGNO Dr. Silvio Borrello Direttore Generale della sicurezza degli alimenti e della nutrizione Ministero

Dettagli

LA GESTIONE DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO NEL RASFF IL MODELLO DANESE

LA GESTIONE DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO NEL RASFF IL MODELLO DANESE LA GESTIONE DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO NEL RASFF IL MODELLO DANESE Dott.ssa Veronica Cibin SC8 - Laboratorio di Analisi del Rischio, IZSVE WORKSHOP RASFF PER IL NORDEST 2012_ Montecchio Precalcino 30

Dettagli

L introduzione della biologia molecolare nei laboratori di microbiologia alimentare: l esperienza del Laboratorio di riferimento Europeo per E.

L introduzione della biologia molecolare nei laboratori di microbiologia alimentare: l esperienza del Laboratorio di riferimento Europeo per E. L introduzione della biologia molecolare nei laboratori di microbiologia alimentare: l esperienza del Laboratorio di riferimento Europeo per E. coli Stefano Morabito EU Reference Laboratory for E. coli

Dettagli

Perri Gerardo. perri.gerardo@tiscali.it

Perri Gerardo. perri.gerardo@tiscali.it C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 01/11/1956 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio 0983/517443 Fax dell ufficio 0983/517437 E-mail

Dettagli

Buone pratiche di produzione di insaccati e prodotti lavorati pronti al consumo

Buone pratiche di produzione di insaccati e prodotti lavorati pronti al consumo Buone pratiche di produzione di insaccati e prodotti lavorati pronti al consumo Prevenire la listeriosi Potenza, 31 ottobre 2013 Dr.ssa Carla Brienza Dr.ssa Nunzia Damiani Nel 2012 sono state 3436 le notifiche

Dettagli

Miserendino Pippo Data di nascita 25-10-1959 Posto di lavoro e indirizzo ASP 6 Palermo Servizio Veterinario Distretto di Petralia Sottana

Miserendino Pippo Data di nascita 25-10-1959 Posto di lavoro e indirizzo ASP 6 Palermo Servizio Veterinario Distretto di Petralia Sottana in relazione a quanto previsto dal comma 1 dell art.21 della Legge 18 giugno 2009 n. 69 INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome Miserendino Pippo Data di nascita 25-10-1959 Posto di lavoro e indirizzo ASP

Dettagli

Assessorati alla sanità Regioni e Provincia Autonoma di Trento Assessorato all Agricoltura Provincia Autonoma di Bolzano LORO SEDI

Assessorati alla sanità Regioni e Provincia Autonoma di Trento Assessorato all Agricoltura Provincia Autonoma di Bolzano LORO SEDI Ministero del Lavoro,della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO PER LA SANITA' PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI

Dettagli

Sanità Pubblica e Farmacosorveglianza

Sanità Pubblica e Farmacosorveglianza Sanità Pubblica e Farmacosorveglianza SICURA Modena 28 settembre 2011 Giorgio Fedrizzi Istituto Zooprofilattico Sperimentale Bologna Giuseppe Diegoli Servizio Veterinario ed Igiene degli alimenti Regione

Dettagli

ALLEVAMENTO AVICOLO. Gli allevamenti avicoli sono differenziati a seconda della carriera gli animali: - galline ovaiole - polli da carne

ALLEVAMENTO AVICOLO. Gli allevamenti avicoli sono differenziati a seconda della carriera gli animali: - galline ovaiole - polli da carne ALLEVAMENTI AVICOLI ALLEVAMENTO AVICOLO Gli allevamenti avicoli sono differenziati a seconda della carriera gli animali: - galline ovaiole - polli da carne Possono essere di tipo: -Tradizionale - Intensivo

Dettagli

COMITATO DI ACCREDITAMENTO

COMITATO DI ACCREDITAMENTO Via P.A. Saccardo,9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Requisiti minimi per la certificazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Sala Marcello Giovanni Data di nascita 17/10/1968

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Sala Marcello Giovanni Data di nascita 17/10/1968 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Sala Marcello Giovanni Data di nascita 17/10/1968 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Veterinario ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE

Dettagli

I principi metodologici dell HACCP secondo il Codex Alimentarius

I principi metodologici dell HACCP secondo il Codex Alimentarius I principi metodologici dell HACCP secondo il Codex Alimentarius A. Maiello, D. Spolaor HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL CONTROL POINT (HACCP) SYSTEM Metodologia dell analisi dei pericoli e dei punti di controllo

Dettagli

MSOffice1 REGIONE LAZIO

MSOffice1 REGIONE LAZIO MSOffice1 La Tutela dell Ambiente garanzia della salubrità e sicurezza del nostro cibo L impatto sulla sicurezza alimentare. dall autocontrollo al controllo ufficiale Ugo Della Marta Dirigente Area Sanità

Dettagli

Modena, 28 Settembre 2011 IL METODO HACCP: CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DEI CCP

Modena, 28 Settembre 2011 IL METODO HACCP: CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DEI CCP Modena, 28 Settembre 2011 La valutazione del 1 e 2 principio Codex Gli strumenti e i metodi a disposizione per il Controllo Ufficiale Paolo Daminelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia

Dettagli

Listeria monocytogenes: : attività di sorveglianza della listeriosi e monitoraggio di prodotti tipici

Listeria monocytogenes: : attività di sorveglianza della listeriosi e monitoraggio di prodotti tipici Workshop: Focus su Sicurezza d Uso e Nutrizionale degli Alimenti 21-22 Novembre 2005, Istituto Superiore di Sanità, Roma Listeria monocytogenes: : attività di sorveglianza della listeriosi e monitoraggio

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 15 DEL 27 MARZO 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 15 DEL 27 MARZO 2006 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 15 DEL 27 MARZO 2006 REGIONE CAMPANIA - Atto di Gestione - Criteri e modalità per l organizzazione dei corsi di formazione e aggiornamento per alimentaristi

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO NON OGM (SOIA E MAIS) I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO NON OGM (SOIA E MAIS) I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE Emesso da Ufficio: REGOLAMENTO PARTICOLARE INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. TERMINOLOGIA... 4 2.1 PRODUTTORE... 4 2.2 FAMIGLIA DI PRODOTTO... 4 2.3 PIANO PER LA QUALITÀ DI PRODOTTO... 4 2.4 MATERIA PRIMA...

Dettagli

Allegato n. 4 (punto 2.2 del PRAL) Censimento amianto, registri e sistema informativo

Allegato n. 4 (punto 2.2 del PRAL) Censimento amianto, registri e sistema informativo Allegato n. 4 (punto 2.2 del PRAL) Censimento amianto, registri e sistema informativo Modulo NA/1 - pag. 1 di 2 Modulo NA/1 - NOTIFICA PRESENZA DI AMIANTO IN STRUTTURE O LUOGHI Al Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. MARTINI GIANFRANCO ARDUINO Data di nascita 21/02/1945

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. MARTINI GIANFRANCO ARDUINO Data di nascita 21/02/1945 INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARTINI GIANFRANCO ARDUINO Data di nascita 21/02/1945 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio DIRIGENTE VETERINARIO 2 LIVELLO - RESPONSABILE

Dettagli

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 852/2004 Regolamento

Dettagli

COORDINATE PER CRESCERE

COORDINATE PER CRESCERE COORDINATE PER CRESCERE E COORDINATE PER CRESCERE COORDINATE PER CRESCERE CHI SIAMO Attraverso un approccio integrato, una struttura flessibile e una spiccata preparazione professionale, Consilia offre

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. PETTENI ANTONIO Data di nascita 06/03/1953

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. PETTENI ANTONIO Data di nascita 06/03/1953 INFORMAZIONI PERSONALI Nome PETTENI ANTONIO Data di nascita 06/03/1953 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio MEDICO VETERINARIO ISTITUTO Responsabile - SERVIZIO ASSICURAZIONE

Dettagli

V I L L A N O T O M M A S O L U I G I

V I L L A N O T O M M A S O L U I G I DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO NOTORIO A I S E N S I A R T. 4 6 E 4 7 D P R 4 4 5 / 2 0 0 0 V I L L A N O T O M M A S O L U I G I IL SEGUENTE CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. CARLUCCI DANILA Data di nascita 07/12/1960 VETERINARIO DIRIGENTE. Responsabile - SERVIZIO VETERINARIO

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. CARLUCCI DANILA Data di nascita 07/12/1960 VETERINARIO DIRIGENTE. Responsabile - SERVIZIO VETERINARIO INFORMAZIONI PERSONALI Nome CARLUCCI DANILA Data di nascita 07/12/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio VETERINARIO DIRIGENTE ASL DI BENEVENTO Responsabile - SERVIZIO

Dettagli

Ricerca Corrente anno finanziario 2007

Ricerca Corrente anno finanziario 2007 Ricerca Corrente anno finanziario 2007 Gestione del rischio biologico nell allevamento equino: elaborazione di linee guida per la prevenzione ed il controllo delle infezioni diffusive Responsabile Scientifico:

Dettagli

3 2073/2005 A. PAPARELLA,

3 2073/2005 A. PAPARELLA, CRITERI COMUNITARI PER LA DETERMINAZIONE DELLA SHELF-LIFE: LIFE: IL CASO DEGLI ALIMENTI PRONTI Prof. Antonello Paparella Microbiologia degli alimenti apaparella@unite.it La normativa europea in materia

Dettagli

La sicurezza alimentare in Italia

La sicurezza alimentare in Italia La sicurezza alimentare in Italia Dott. Silvio Borrello Direttore generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e della nutrizione Ministero della salute Dr. Giancarlo Belluzzi, Ufficio di Parma

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE L 155/48 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 22.6.2010 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 18 giugno 2010 recante misure di protezione nei confronti dell anemia infettiva equina in Romania [notificata con

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Il Regolamento CE 1774 /2002. I rapporti con la normativa ambientale

Il Regolamento CE 1774 /2002. I rapporti con la normativa ambientale Il Regolamento CE 1774 /2002 I rapporti con la normativa ambientale Gli obiettivi del Regolamento 1774 Nel documento preliminare COM/2000/0574 definitivo: Collegamento con la normativa ambientale Creazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Secchi Francesco Data di nascita 09/11/1949. Direttore del Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Secchi Francesco Data di nascita 09/11/1949. Direttore del Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale INFORMAZIONI PERSONALI Nome Secchi Francesco Data di nascita 09/11/1949 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Direttore del Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale

Dettagli

Risultati dell 11 test inter-laboratorio (PT11) per l identificazione. e la tipizzazione di ceppi di Escherichia coli produttori di

Risultati dell 11 test inter-laboratorio (PT11) per l identificazione. e la tipizzazione di ceppi di Escherichia coli produttori di EU Reference Laboratory for E. coli Department of Veterinary Public Health and Food Safety Unit of Foodborne Zoonoses Istituto Superiore di Sanità Risultati dell 11 test inter-laboratorio (PT11) per l

Dettagli