STRALCIO N.T.A. variante Novembre Zona urbanistica C1.A Zona residenziale con attuazione mediante Piano di Lottizzazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRALCIO N.T.A. variante Novembre 2013. Zona urbanistica C1.A Zona residenziale con attuazione mediante Piano di Lottizzazione"

Transcript

1 STRALCIO N.T.A. variante Novembre 2013 Art Zona urbanistica C1.A Zona residenziale con attuazione mediante Piano di Lottizzazione ZONA OMOGENEA C 1. generalità Corrisponde alle zone per l attuazione delle quali, alla data di adozione della presente Variante Generale al P.R.G., gli interventi sono ammessi in relazione a quanto stabilito dalle Norme Tecniche di Attuazione del P.R.G. previgente, (approvato con delibera della Giunta Regionale n.5506 del 24 ottobre 1989) integrato con la Variante approvata con delibera di Consiglio Comunale n.23 del 17 marzo parametri IT = mc/ha IF max = 3,00 mc/mq UF max = 1,00 mq/mq Hmax = ml 12,30 3. prescrizioni e vincoli di zona Art.16, commi 2 e 6 delle Norme Tecniche di Attuazione della Variante al P.R.G.1989 approvata con delibera di Consiglio Comunale n.23 del : Ogni intervento edilizio è subordinato all approvazione di un Piano Particolareggiato o di Piano di Lottizzazione esteso a tutto il comparto. Le aree per servizi urbani programmate nel comparto di espansione sono edificabili per la creazione delle attrezzature previste dal P.R.G. o stabilite successivamente nei programmi di attuazione. La volumetria afferente le attrezzature pubbliche non verrà conteggiata ai fini della densità territoriale IT, mentre saranno rispettati gli indici previsti per le zone G. Le ulteriori prescrizioni e vincoli relativi alla presente zona urbanistica C1.A sono definite in analogia con quanto stabilito dall art. 5 delle Norme Tecniche di attuazione del P.R.G. previgente, (approvato con D.G.R. n.5506 del ), che si riporta negli Allegati di cui si tratta al successivo TITOLO V delle presenti Norme di Attuazione. La superficie netta minima degli alloggi residenziali è definita all art. 4 definizione di SUdelle presenti norme. 4. ulteriori prescrizioni Considerata la necessità di reperire ulteriori spazi a parcheggio pubblico aggiuntivi a quelli già previsti dal Piano particolareggiato, per fronteggiare problemi di ordine e convivenza civile, previa sottoscrizione di Convenzione Urbanistica integrativa è ammessa la nuova edificazione di 600 mq. di S.C. come definita dall art. 4 delle 1

2 presenti norme, da localizzarsi all interno del comparto mediante variante al Piano Particolareggiato in corso di attuazione. 2

3 Art Zona urbanistica C3.1 Zona residenziale di nuovo impianto (Comparto Diretto) ZONA OMOGENEA C 1. generalità Corrisponde alle zone per nuovi insediamenti residenziali di cui al 4 comma dell'art. 38 della L.R. n 47/ parametri ST = mq SCmax = mq Hmax = m 10,50 S1+S2 = ST AE di cui: - verde attrezzato = min. mq parcheggi = min. 4 mq/30 mq di Sc Parcheggi pubblici in funzione dell uso = Sc x (standard relativo all uso previsto) d1 = H/2 con un minimo di m 5,00 d2 = H/2 con un minimo di m 5,00 d3 = min. 10 mt tra pareti e pareti finestrate Nel caso di edificazione su lotti prospicienti lotti già edificati a distanza inferiore al limite suddetto dovrà comunque essere rispettata la distanza minima tra le pareti finestrate pari a ml 10,00 nel caso in cui i fabbricati si fronteggino per più di ml 12,00 mentre sarà consentito il raggiungimento della distanza minima dal confine di ml 5,00 nel caso opposto. Q = 0,45 SF Vl = 0,5 Vp = 30% di SF Sp = 25% max dell'area scoperta di pertinenza E' prescritto il rispetto dell'indice minimo di permeabilità diretta pari al 50% della superficie del Comparto Diretto. Ambiti di Edificazione =mq prescrizioni e vincoli di zona La superficie minima di intervento è individuata sulla cartografia di P.R.G. dal perimetro del Piano di inquadramento urbanistico-edilizio (Comparto Diretto - C.D.). I soggetti attuatori cedono gratuitamente al Comune le aree aventi destinazione pubblica (verde pubblico e attrezzato, parcheggi, strade, ecc.). Nell'ambito della formazione del Piano di inquadramento urbanistico-edilizio (Comparto Diretto - C.D.).si dovrà convenzionare, tra l'altro, che le aree destinate a verde pubblico dovranno essere cedute al Comune completamente attrezzate e cioè con manto vegetale di nuova semina, piantumate con alberature di alto fusto autoctone, di altezza non inferiore a m 3, nella misura minima di 1 unità arborea ogni 100 mq di superficie a prato, attrezzate con elementi per la sosta e il riposo degli utenti, con la rete di illuminazione. 3

4 Inoltre dovranno essere realizzate, a cura dei soggetti attuatori, le necessarie opere di raccolta e contenimento del 100% delle acque meteoriche finalizzate al controllo dei flussi delle immissioni delle acque stesse nella rete fognante pubblica o, quando possibile, nella rete Consorziale di bonifica esistente. Le opere di cui sopra potranno consistere in vasche sotterranee a tenuta, opportunamente collegate alla rete di fognatura, o di Bonifica, o in laghetti a dispersione attrezzati con le necessarie recinzioni, per la sicurezza dei residenti. La fattibilità tecnica delle opere di compensazione di cui al comma precedente deve essere valutata nella relazione geologico-tecnica e il progetto di massima delle opere di compensazione costituisce parte integrante dello strumento urbanistico attuativo. Non è applicabile la procedura di monetizzazione delle aree di cessione. I privati proprietari delle aree comprese negli ambiti definiti dal perimetro di Piano di inquadramento urbanistico-edilizio (Comparto Diretto - C.D.) concorrono ai costi di urbanizzazione delle aree in misura proporzionale alle quote delle aree possedute. In relazione a quanto stabilito dal Parere S.P.D.S. prot.1679/t02 per gli interventi trasformativi ammessi nelle zone urbanistiche di cui al presente articolo che sono comprese nelle zone soggette a fenomeni di esondazione, definite negli elaborati di Piano P9.8.1 P9.8.6 in scala 1:5.000, (Analisi geologica-carta della zonizzazione geomeccanica) ed evidenziate anche negli elaborati di Piano P2.1.1 P2.1.6 in scala 1:5.000 (Carta dei Vincoli), si prescrivono una verifica idraulica estesa ad un adeguato intorno e idonee soluzioni tecniche per le eventuali opere necessarie a rendere ogni area esente dal rischio di esondazione, facendo riferimento anche agli Enti preposti alla gestione idraulica del Fiume Rubicone, del Torrente Pisciatello, dello Scolo Rigossa e del Rio Baldona, limitrofi alle aree esondabili. Inoltre si prescrive che negli interventi trasformativi non sia ammessa la realizzazione di vani, di qualunque tipo, con pavimento a quota inferiore al ad piano di campagna e che le reti tecnologiche siano realizzate adottando adeguate tecniche costruttive. In sede di pianificazione attuativa delle singole aree, gli approfondimenti necessari a definire correttamente le caratteristiche meccaniche dei terreni, ai sensi del D.M. 11 marzo 1988, dovranno contenere uno specifico capitolo idrogeologico sulle possibili interazioni tra falda e fondazioni profonde e il calcolo dei cedimenti differenziali. La superficie netta minima degli alloggi residenziali è definita all art. 4 definizione di SUdelle presenti norme. 4. aree normative 12 4

5 Art Zona urbanistica C3.13 Zona residenziale di nuovo impianto (Comparto Diretto) ZONA OMOGENEA C 1. generalità Corrisponde alle zone per nuovi insediamenti residenziali di cui al 4 comma dell'art. 38 della L.R. n 47/ parametri ST = mq SCmax = mq Hmax = m 10,50 S1+S2 : tutte le aree comprese nel perimetro del CD al netto degli ambiti di edificazione (mq ), della viabilità e dei parcheggi eventualmente allocati esternamente agli ambiti di edificazione stessi, con un minimo di: - verde attrezzato = 16 mq/30 mq di SC (S1 = 12 mq; S2 = 4 mq) - parcheggi =4 mq/30 mq di SC (S1 = 3 mq; S2 = 1 mq) - aree per l istruzione dell obbligo, asili nido, scuole materne = mq 6/abitante (ovvero ogni 40 mq di SC) - aree per attrezzature di interesse comune (di cui 1,2 mq. per attrezzature religiose) = mq 4/abitante (ovvero ogni 40 mq di SC) Parcheggio pubblico usi = SC x (standard relativo all uso previsto) d1 = H/2 con un minimo di m 5,00 d2 = H/2 con un minimo di m 5,00 d3 = min. 10 mt tra pareti e pareti finestrate Nel caso di edificazione su lotti prospicienti lotti già edificati a distanza inferiore al limite suddetto dovrà comunque essere rispettata la distanza minima tra le pareti finestrate pari a ml 10,00 nel caso in cui i fabbricati si fronteggino per più di ml 12,00 mentre sarà consentito il raggiungimento della distanza minima dal confine di ml 5,00 nel caso opposto. Q = 0,45 SF Vl = 0,5 Vp = 30% di SF Sp = 25% max dell'area scoperta di pertinenza E' prescritto il rispetto dell'indice minimo di permeabilità diretta pari al 50% della superficie del Comparto Diretto. 3. prescrizioni e vincoli di zona La superficie minima di intervento è individuata sulla cartografia di P.R.G. dal perimetro del Piano di inquadramento urbanistico-edilizio (Comparto Diretto - C.D.). L attuazione del presente Piano di inquadramento urbanistico è subordinata: - al recupero come spazio pubblico, da adibirsi a verde pubblico attrezzato, dell area posta all angolo fra le vie Don Ghinelli e Garibaldi mediante intervento di restauro 5

6 del campanile della ex chiesa di Sant Antonio e demolizione dell edificio già adibito a caserma dei carabinieri, da effettuarsi a cura e spese dei soggetti attuatori; nonché alla cessione gratuita al Comune dell area di sedime; - alla realizzazione di pista ciclabile ai margini del canale Emiliano-Romagnolo nel tratto localizzato tra le vie Erbosa e Giannina in località Sant Angelo Fiumicino. I soggetti attuatori cedono gratuitamente al Comune le aree aventi destinazione pubblica all interno del comparto (verde pubblico e attrezzato, parcheggi, strade, ecc.). Il verde pubblico, nel rispetto di quanto previsto dall art. 18 della L.R. 30 gennaio 1995 N.6, può essere reperito anche all esterno del presente comparto, purchè in area prevista dal piano dei servizi. I privati proprietari delle aree comprese negli ambiti definiti dal perimetro di Piano di inquadramento urbanistico-edilizio (Comparto Diretto - C.D.) concorrono ai costi di urbanizzazione delle aree in misura proporzionale alle quote delle aree possedute; la nuova urbanizzazione dovrà prevedere l'integrazione delle dotazioni di rete agli edifici limitrofi che ne fossero sprovvisti. L'accessibilità pubblica al nuovo comparto dovrà essere garantita sia dalla via Allende, sia dalla via Signori anche mediante percorsi ciclo pedonali di collegamento alle suddette vie. In relazione a quanto stabilito dal Parere S.P.D.S. prot.1679/t02 per gli interventi trasformativi ammessi nelle zone urbanistiche di cui al presente articolo che sono comprese nelle zone soggette a fenomeni di esondazione, definite negli elaborati di Piano P9.8.1 P9.8.6 in scala 1:5.000, (Analisi geologica-carta della zonizzazione geomeccanica) ed evidenziate anche negli elaborati di Piano P2.1.1 P2.1.6 in scala 1:5.000 (Carta dei Vincoli), si prescrivono una verifica idraulica estesa ad un adeguato intorno e idonee soluzioni tecniche per le eventuali opere necessarie a rendere ogni area esente dal rischio di esondazione, facendo riferimento anche agli Enti preposti alla gestione idraulica del Fiume Rubicone, del Torrente Pisciatello, dello Scolo Rigossa e del Rio Baldona, limitrofi alle aree esondabili. Inoltre si prescrive che negli interventi trasformativi non sia ammessa la realizzazione di vani, di qualunque tipo, con pavimento a quota inferiore al ad piano di campagna e che le reti tecnologiche siano realizzate adottando adeguate tecniche costruttive. In sede di pianificazione attuativa delle singole aree, gli approfondimenti necessari a definire correttamente le caratteristiche meccaniche dei terreni, ai sensi del D.M. 14 gennaio 2008, dovranno contenere uno specifico capitolo idrogeologico sulle possibili interazioni tra falda e fondazioni profonde e il calcolo dei cedimenti differenziali. La superficie netta minima degli alloggi residenziali è definita all art. 4 definizione di SUdelle presenti norme. 4. aree normative 12 6

7 Art Zona urbanistica C3.18 Zona residenziale di nuovo impianto (Comparto Diretto) ZONA OMOGENEA C 1. generalità Corrisponde alle zone per nuovi insediamenti residenziali di cui al 4 comma dell'art. 38 della L.R. n 47/ parametri ST = mq SCmax = mq 230 (max 2 alloggi) Hmax = m 6,50 S1+S2 : tutte le aree comprese nel perimetro del CD al netto degli ambiti di edificazione (mq ), della viabilità e dei parcheggi eventualmente allocati esternamente agli ambiti di edificazione stessi, con un minimo di: - verde attrezzato = 16 mq/30 mq di SC (S1 = 12 mq; S2 = 4 mq) - parcheggi =4 mq/30 mq di SC (S1 = 3 mq; S2 = 1 mq) - aree per l istruzione dell obbligo, asili nido, scuole materne = mq 6/abitante (ovvero ogni 40 mq di SC) - aree per attrezzature di interesse comune (di cui 1,2 mq. per attrezzature religiose) = mq 4/abitante (ovvero ogni 40 mq di SC) Parcheggio pubblico usi = SC x (standard relativo all uso previsto) d1 = H/2 con un minimo di m 5,00 d2 = H/2 con un minimo di m 5,00 d3 = min. 10 mt tra pareti e pareti finestrate Nel caso di edificazione su lotti prospicienti lotti già edificati a distanza inferiore al limite suddetto dovrà comunque essere rispettata la distanza minima tra le pareti finestrate pari a ml 10,00 nel caso in cui i fabbricati si fronteggino per più di ml 12,00 mentre sarà consentito il raggiungimento della distanza minima dal confine di ml 5,00 nel caso opposto. Q = 0,45 SF Vl = 0,5 Vp = 30% di SF Sp = 25% max dell'area scoperta di pertinenza E' prescritto il rispetto dell'indice minimo di permeabilità diretta pari al 50% della superficie del Comparto Diretto. 3. prescrizioni e vincoli di zona La superficie minima di intervento è individuata sulla cartografia di P.R.G. dal perimetro del Piano di inquadramento urbanistico-edilizio (Comparto Diretto - C.D.). I soggetti attuatori cedono gratuitamente al Comune le aree aventi destinazione pubblica (verde pubblico e attrezzato, parcheggi, strade, ecc.). 7

8 Qualora richiesto, stante la marginalità dell area, è applicabile la procedura di monetizzazione delle aree di cessione destinate a verde pubblico e attrezzato. Inoltre dovranno essere realizzate, a cura dei soggetti attuatori, le necessarie opere di raccolta e contenimento del 100% delle acque meteoriche finalizzate al controllo dei flussi delle immissioni delle acque stesse nella rete fognante pubblica o, quando possibile, nella rete Consorziale di bonifica esistente. Le opere di cui sopra potranno consistere in vasche sotterranee a tenuta, opportunamente collegate alla rete di fognatura, o di Bonifica, o in laghetti a dispersione attrezzati con le necessarie recinzioni, per la sicurezza dei residenti. La fattibilità tecnica delle opere di compensazione di cui al comma precedente deve essere valutata nella relazione geologico-tecnica e il progetto di massima delle opere di compensazione costituisce parte integrante dello strumento urbanistico attuativo. I privati proprietari delle aree comprese negli ambiti definiti dal perimetro di Piano di inquadramento urbanistico-edilizio (Comparto Diretto - C.D.) concorrono ai costi di urbanizzazione delle aree in misura proporzionale alle quote delle aree possedute; la nuova urbanizzazione dovrà prevedere l'integrazione delle dotazioni di rete agli edifici limitrofi che ne fossero sprovvisti. La superficie netta minima degli alloggi residenziali è definita all art. 4 definizione di SU- delle presenti norme. 4. aree normative 12 8

9 Art Zona urbanistica D10.1 Zona per attrezzature sportive e ludiche private. ZONA OMOGENEA D 1. generalità Corrisponde alle zone destinate ad attrezzature sportive e ludiche private. 2. parametri UT = mq/mq 0,70 H max = 10,50 ml S1+S2 = min. 20 mq/30 mq di SC di cui: - verde attrezzato = 16 mq/30 mq di SC (S1 = 12 mq; S2 = 4 mq) - parcheggi = 4 mq/30 mq di SC (S1 = 3 mq; S2 = 1 mq) Parcheggi pubblici in funzione dell uso=scx (standard relativo all uso previsto); Vl = 0,5 d1 = mt 10,00 d2 = mt 10,00 d3 = min. 10 mt tra pareti e pareti finestrate d4 = vedi art. 159 delle presenti N.T.A. Vp = min. 10% di SF Sp = max 50% dell'area scoperta di pertinenza 3. prescrizioni e vincoli di zona In questa zona il P.R.G. si attua mediante strumento urbanistico attuativo di iniziativa privata. La superficie minima di intervento Sm è quella indicata dal perimetro che comprende la zona urbanistica D10.1. In relazione a quanto stabilito dal Parere S.P.D.S. prot.1679/t02 per gli interventi trasformativi ammessi nelle zone urbanistiche di cui al presente articolo che sono comprese nelle zone soggette a fenomeni di esondazione, definite negli elaborati di Piano P9.8.1 P9.8.6 in scala 1:5.000, (Analisi geologica-carta della zonizzazione geomeccanica) ed evidenziate anche negli elaborati di Piano P2.1.1 P2.1.6 in scala 1:5.000 (Carta dei Vincoli), si prescrivono una verifica idraulica estesa ad un adeguato intorno e idonee soluzioni tecniche per le eventuali opere necessarie a rendere ogni area esente dal rischio di esondazione, facendo riferimento anche agli Enti preposti alla gestione idraulica del Fiume Rubicone, del Torrente Pisciatello, dello Scolo Rigossa e del Rio Baldona, limitrofi alle aree esondabili. Inoltre si prescrive che negli interventi trasformativi non sia ammessa la realizzazione di vani, di qualunque tipo, con pavimento a quota inferiore al ad piano di campagna e che le reti tecnologiche siano realizzate adottando adeguate tecniche costruttive. 9

10 In sede di pianificazione attuativa delle singole aree, gli approfondimenti necessari a definire correttamente le caratteristiche meccaniche dei terreni, ai sensi del D.M. 11 marzo 1988, dovranno contenere uno specifico capitolo idrogeologico sulle possibili interazioni tra falda e fondazioni profonde e il calcolo dei cedimenti differenziali. Gli interventi sono ammessi subordinatamente alla stipula di convenzione per la cessione delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria, ammettendo la loro eventuale monetizzazione, con esclusione delle aree destinate a parcheggio pubblico. Destinazioni residenziali sono ammesse per una SC massima pari a 230 mq., nell ambito dell indice massimo consentito dalla presente zona, in un corpo unico da edificarsi obbligatoriamente nell area identificata nella cartografia del PRG vigente (tav. P3.3 zonizzazione dei centri loc. S.Angelo), con specifica simbologia (R) e nel rispetto dei seguenti parametri specifici: - massimo 2 unita abitative - d1 = mt 5,00 - d2 = mt 5,00 - d3 = min. 10 mt. tra pareti e pareti finestrate - la SC residenziale è ammessa solo ed esclusivamente nel caso in cui venga sottoscritta la convenzione urbanistica dal 100% dei proprietari interessati dal perimetro di Piano Particolareggiato. 4. aree normative

11 Art. 33 quater - Zona urbanistica D3.5 Zona con destinazione terziaria/alberghiera di nuovo impianto ZONA OMOGENEA D 1. generalità Corrisponde alle zone per nuovi insediamenti destinati a nuove strutture ricettive e terziarie. 2. parametri UT = mq/mq 0,08 comprensivo della SC esistente relativa agli edifici di valore monumentale sottoposti a vincolo conservativo e comprensivo della eventuale Sc pari ad un massimo di mq. 200 ad uso residenziale da destinarsi per alloggio del custode o gestore; N p max = 3 piani fuori terra. S1+S2 = mq/mq 1,00 di SC di cui 40% destinato a Parcheggio Pubblico e 60% destinato a verde pubblico; In aggiunta ai parametri di S1 + S2 di cui sopra, dovra essere realizzata un area di almeno mq (trentamila), sistemata a parco e piantumata con alberature autoctone di alto fusto con altezza non inferiore a mt all impianto, nella misura minima di un albero e due cespugliature ogni 80 mq. di area. La proprietà e la manutenzione del parco dovranno rimanere in capo ai privati; Parcheggi pubblici in funzione dell uso=scx (standard relativo all uso previsto); d1 = H/2 con un minimo di m 5,00 d2 = H/2 con un minimo di m 5,00 d3 = min. 10 mt tra pareti e pareti finestrate Nel caso di edificazione su lotti prospicienti lotti già edificati a distanza inferiore al limite suddetto dovrà comunque essere rispettata la distanza minima tra le pareti finestrate pari a ml 10,00 nel caso in cui i fabbricati si fronteggino per più di ml 12,00 mentre sarà consentito il raggiungimento della distanza minima dal confine di ml 5,00 nel caso opposto. In tutte le aree di nuova costruzione i fabbricati dovranno avere una mutua distanza pari alla media delle altezze dei prospetti fronteggiantesi, con un minimo assoluto di ml 10,00 qualora si fronteggino per più di ml 12,00 salvo i casi di P.P. o Piani volumetrici convenzionati per i quali l'amministrazione Comunale formulerà un giudizio di merito su eventuali distanze inferiori. Q = 0,40 SF Vl = 0,5 Vp = 40% di SF Sp = 20% max dell'area scoperta di pertinenza E' prescritto il rispetto dell'indice minimo di permeabilità diretta pari al 50% della Superficie Territoriale. 11

12 3. prescrizioni e vincoli di zona I soggetti attuatori cedono gratuitamente al Comune le aree S2 oltre alle aree di urbanizzazione primaria realizzate. Non è applicabile la procedura di monetizzazione delle aree di cessione. Le aree destinate a verde pubblico dovranno essere cedute al Comune completamente attrezzate e cioè con manto vegetale di nuova semina, piantumate con alberature di alto fusto autoctone di altezza non inferiore a m 3 all impianto, nella misura minima di una unità arborea ogni 100 mq di superficie a prato, attrezzate con percorsi per la mobilità pedonale e/o ciclabile, con spazi per la sosta di biciclette, con elementi per la sosta e il riposo degli utenti, con la rete di illuminazione. Inoltre dovranno essere realizzate le necessarie opere di raccolta e contenimento del 100% delle acque meteoriche finalizzate al controllo dei flussi delle immissioni delle acque stesse nella rete fognante pubblica o, quando possibile, nella rete Consorziale di Bonifica esistente. Le opere di cui sopra potranno consistere in vasche sotterranee a tenuta opportunamente collegate alla rete di fognatura, o di Bonifica, od in laghetti a dispersione muniti delle necessarie recinzioni di sicurezza. Dovranno essere realizzate tutte le opere di rete ed i necessari collegamenti ai sistemi pubblici di approvvigionamento, smaltimento e depurazione, atte a sostenere l'insediamento e l'attività, con particolare riferimento allo smaltimento dei reflui. In relazione a quanto stabilito dal Parere S.P.D.S. prot.1679/t02 per gli interventi trasformativi ammessi nelle zone urbanistiche di cui al presente articolo che sono comprese nelle zone soggette a fenomeni di esondazione, definite negli elaborati di Piano P9.8.1 P9.8.6 in scala 1:5.000, (Analisi geologica-carta della zonizzazione geomeccanica) ed evidenziate anche negli elaborati di Piano P2.1.1 P2.1.6 in scala 1:5.000 (Carta dei Vincoli), si prescrivono una verifica idraulica estesa ad un adeguato intorno e idonee soluzioni tecniche per le eventuali opere necessarie a rendere ogni area esente dal rischio di esondazione, facendo riferimento anche agli Enti preposti alla gestione idraulica del Fiume Rubicone, del Torrente Pisciatello, dello Scolo Rigossa e del Rio Baldona, limitrofi alle aree esondabili. In sede di pianificazione attuativa delle singole aree, gli approfondimenti necessari a definire correttamente le caratteristiche meccaniche dei terreni, ai sensi del D.M. 11 marzo 1988, dovranno contenere uno specifico capitolo idrogeologico sulle possibili interazioni tra falda e fondazioni profonde e il calcolo dei cedimenti differenziali. Un ulteriore UT = mq/mq 0,04, aggiuntivo all indice di utilizzazione territoriale della presente zona urbanistica, potrà essere realizzato previa sottoscrizione con l Amministrazione Comunale di convenzione urbanistica integrativa all accordo sottoscritto ai sensi dell art. 18 della L.R. 24 marzo 2000 N. 20, che preveda la realizzazione di ulteriori opere di urbanizzazione aggiuntive individuate dal Comune. 4. aree normative

13 Art Area normativa 12 (Zona urbanistica C3, C3.1, C3.2, C.3.3, C3.4, C3.5, C3.6, C3.7, C3.8, C3.9, C3.10, C3.11, C3.12, C3.13, C3.14, C3.15, C3.16, C3.17, C3.18) 1. usi ammessi alle condizioni sottoindicate C1 - vendita al dettaglio (esercizi di vendita) C2 - esercizio pubblico C3 - artigianato di servizio e di produzione diretta alla vendita D2 - attività professionali e imprenditoriali R - residenza 2. condizioni limitative Usi ammessi sia se esistenti, sia se di nuovo insediamento, sia con mutamento d'uso da qualsiasi uso esistente. 3. tipologie insediative e rapporti dimensionali Il rapporto tra superficie utile di residenza e superficie utile totale deve essere superiore o uguale al 70%. Nel caso di nuova edificazione gli usi di vendita al dettaglio, esercizi pubblici, artigianato di servizio debbono essere accorpati preferibilmente al piano terra degli edifici. 4. prescrizioni e vincoli di area normativa Per il Comparto C3, localizzato a Gatteo Mare e compreso tra via Firenze e via Forlì, è prescritto un rapporto di copertura massimo pari a quello esistente. In relazione a quanto disposto dalla L.R. 30 gennaio 1995 n 6, art. 18, le aree destinate a servizi pubblici potranno essere reperite anche all'esterno del comparto di attuazione, purché in aree destinate a servizi pubblici dal Piano dei Servizi, fermo restando tuttavia l'obbligo di localizzare all'interno del comparto gli standards relativi ai parcheggi pubblici. In sede di pianificazione attuativa delle singole zone, gli approfondimenti necessari a definire correttamente le caratteristiche meccaniche dei terreni, ai sensi del D.M.11 marzo 1988, dovranno contenere uno specifico capitolo idrogeologico sulle possibili interazioni tra falda e fondazioni profonde e il calcolo dei cedimenti differenziali. 5. modo di attuazione richiesto Comparto Diretto (C.D.) 6. tipi di intervento consentiti Tutti gli interventi 13

14 Art Area normativa 22 (Zona urbanistica E4) 1. usi ammessi alle condizioni sottoindicate A4 attività di conservazione, trasformazione, distribuzione di prodotti agricoli svolta in forma associata A5 - ricovero attrezzi, materiali, prodotti, animali non connessi all'esistenza di un'azienda agricola N4 - ricovero e gestione di animali non a scopo di produzione zootecnica R - tutti gli usi attinenti la funzione abitativa S - tutti gli usi attinenti la funzione di servizio esclusi gli usi S10 ed S11 2. condizioni limitative Le successive prescrizioni si applicano nel caso di morte o invalidità permanente del titolare della azienda agricola o nel caso di forzato abbandono dell'attività agricola imposto da espropriazione per pubblica utilità di una parte rilevante dei terreni dell'azienda o da altra causa di forza maggiore. Si applicano inoltre, nel caso di edifici costruiti da non meno di 10 anni dalla data di richiesta di concessione di mutamento d'uso, qualora gli stessi edifici non siano più funzionali all'attività agricola, avendo già dismesso l'attività agricola da almeno 3 anni colui che, alla data di adozione del presente P.R.G., ha titolo a richiedere la concessione ovvero colui che ad esso è subentrato. Quanto sopra è certificato dalla perdita del titolo di imprenditore agricolo e dalla avvenuta cancellazione dell'azienda agricola dalla iscrizione a fini fiscali. Si applicano inoltre nel caso di cessazione dell'attività da parte di colui che, alla data di adozione del presente P.R.G., era l'operatore agricolo qualificato e di prosecuzione dell'attività agricola da parte di operatori non qualificati. La cessazione e la prosecuzione dell'attività devono essere opportunamente certificate. 3. tipologie insediative e rapporti dimensionali E' consentita una SC max = incremento max del 50% della Su destinata a funzione abitativa esistente alla data di adozione del presente P.R.G. L'incremento di SC consentito dovrà essere ricavato all'interno dei corpi edilizi aventi continuità fisica con il corpo principale a destinazione anche pazialmente abitativa. L'incremento di SC consentito potrà essere ricavato anche all interno dei corpi edilizi adibiti a servizi appartenenti alla medesima azienda ma posti in terreni non contigui; in questo caso il titolo edilizio dovrà essere preceduto da atto unilaterale d obbligo per l apposizione del vincolo di inedificabilità e/o trasformazione di ulteriore superficie abitativa. In presenza di tipologie a corpi separati la quota di SC in incremento potrà essere ricavata anche mediante trasformazione degli edifici preesistenti alla data di adozione delle 14

15 presenti Norme che risultino destinati a servizi agricoli, senza che questo determini un ulteriore incremento della superficie destinata ai servizi agricoli stessi. Gli edifici e i corpi edilizi presenti nell'area che non possono essere trasformati ad uso residenziale, se risultanti in buono stato di conservazione e non incongrui con la destinazione finale, potranno essere mantenuti ed adibiti ad accessori. Bassi servizi e precari dovranno essere demoliti e l'area cortiliva dovrà essere risistemata. 4. prescrizioni e vincoli di area normativa Il mutamento d'uso rende obbligatorio l'accatastamento al NCEU e, se dovuta, la corresponsione degli oneri di urbanizzazione ex lege n 10/1977 e comporta l'obbligo di apposizione del vincolo di inedificabilità su tutti i terreni di proprietà della medesima ditta cui sono intestati i fabbricati in oggetto costituenti l'unità aziendale alla data di dismissione dell'attività; prima del ritiro della concessione edilizia per il mutamento d'uso dovrà essere presentato il certificato di avvenuta registrazione del vincolo alla Conservatoria dei Registri Immobiliari a cura e spese del richiedente. L'apposizione del vincolo è condizione necessaria anche qualora al momento della richiesta di mutamento d'uso sia già intervenuto scorporo dei fabbricati dai terreni agricoli. Si applicano in ogni caso sui terreni pertinenti all'azienda agricola le limitazioni alla edificazione conseguenti all'avvenuto sfruttamento degli indici di P.R.G. per la realizzazione degli edifici esistenti. Sono ammessi fino ad un max di due alloggi, nel rispetto della Sc max e in un corpo unico, e in relazione a quanto stabilito al precedente art. 43 punto modo di attuazione richiesto Attuazione edilizia diretta. 6. tipi di intervento consentiti Interventi conservativi Interventi manutentori Interventi adeguativi 15

16 Art Area normativa 23 (Zona urbanistica E5) 1. usi ammessi alle condizioni sottoindicate R - tutti gli usi attinenti la funzione abitativa S - tutti gli usi attinenti la funzione di servizio esclusi gli usi S2, S5, S6, S10, S11 2. condizioni limitative L'intervento può portare anche alla formazione di nuove unità immobiliari fino ad un numero massimo complessivo di due alloggi in un unico corpo edilizio. La funzione abitativa è ammessa solo se preesistente (usi R e A1) alla data di adozione della variante Generale al P.R.G. ( ) Relativamente ai fabbricati individuati in zona urbanistica E5 con simbologia,in aggiunta agli usi consentiti sono ammessi altresì gli usi S6 e C2 anche di nuovo insediamento 3. tipologie insediative e rapporti dimensionali E consentita una SC max = incremento max del 50% della SC esistente destinata ad abitazione alla data di adozione della Variante Generale al P.R.G.( ). L'incremento di SC consentito dovrà essere ricavato mediante trasformazione e/o ampliamento sia del corpo principale a destinazione abitativa che dei rustici. Se l intervento determina un incremento di Q (rapporto di copertura) rispetto all esistente, la quota in incremento con destinazione SU abitativa od a funzione di servizio, non potrà superare il 10% dell incremento massimo consentito. Hmax = ml. 8,00 Gli edifici e i corpi edilizi presenti nell'area che non possono essere trasformati ad uso residenziale, se risultanti in buono stato di conservazione e non incongrui con la destinazione finale, potranno essere mantenuti ed adibiti ad accessori. Bassi servizi e precari dovranno essere demoliti e l'area cortiliva dovrà essere risistemata. 4. prescrizioni e vincoli di area normativa Nel caso di fabbricati sottoposti, in tutto o in parte, a vincolo conservativo su edifici o complessi edilizi di valore storico tipologico e ambientale, che sono interamente destinati a servizi, alla data di adozione della variante generale al PRG (06/04/1999), è possibile recuperare ai fini abitativi la parte di edificio assoggettato a detto vincolo. L eventuale incremento di SC è ammesso nel limite massimo pari al 50% della SC trasformata in abitazione e soggetta a vincolo. Detto incremento di SC dovra essere ricavato all interno dei corpi edilizi esistenti non vincolati e comunque posti in aderenza alla porzione di edificio vincolata. In tutti gli interventi dovrà comunque essere garantito un rapporto tra il 60% della Sac ed SU almeno pari a 0,30 ed il numero di piani complessivo dell edificio non potrà essere superiore a due. 5. modo di attuazione richiesto Attuazione edilizia diretta. 6. tipi di intervento consentiti Interventi conservativi Interventi manutentori Interventi adeguativi Interventi trasformativi 16

17 Art Area normativa 36 (Zona urbanistica D6) 1. usi ammessi alle condizioni sottoindicate C1 - vendita al dettaglio (esercizi di vicinato) C2 - esercizio pubblico C3 - artigianato di servizio D - tutti gli usi attinenti alla funzione direzionale, finanziaria e assicurativa R - tutti gli usi attinenti alla funzione residenziale S - tutti gli usi attinenti alla funzione di servizio esclusi gli usi S10 ed S11 T - tutti gli usi attinenti alla funzione ricettiva, turistica, ludica 2. condizioni limitative Usi ammessi se preesistenti alla data di adozione del presente P.R.G. 3. tipologie insediative e rapporti dimensionali Gli usi attinenti alla funzione abitativa non possono subire incrementi e viceversa possono subire una riduzione, anche totale, della SC preesistente a favore degli usi attinenti alla funzione ricettiva, turistica (T), alla funzione di servizio (S) ed alle funzioni di cui agli usi C1, C2, C3. SC = SC preesistente alla data di adozione del presente P.R.G. relativamente per usi C1, C2, C3, D, R, S d1-d2 = distanze tra confini di proprietà e distanze tra confini di zona - interventi conservativi e adeguativi = distanze preesistenti o, negli interventi di ristrutturazione edilizia con modifica di sedime degli edifici distanza minima m 3,00 relativamente alla nuova edificazione d3 = distanze tra edifici - interventi conservativi e adeguativi = distanze preesistenti con minimo mt 3,00 d4 = distanze dalle strade - interventi conservativi = distanze preesistenti. Vl = il criterio di visuale libera non si applica negli interventi conservativi e adeguativi; Hmax = altezza preesistente o, nel caso di interventi adeguativi sono ammesse altezze interne di piano in relazione alle norme igienico sanitarie vigenti. Sono esclusi dalla determinazione dell altezza massima gli extracorsa dell ascensore, camini e vani tecnici particolari richiesti per gli adeguamenti alle norme igieniche, di sicurezza e prevenzione incendi. Non concorre all incremento dell altezza max dell edificio l esecuzione di parapetti necessari alla protezione di coperture piane rese praticabili, purchè posti a distanza non inferiore a ml. 5,00 dai confini di proprietà e dalle strade ed a condizione che abbiano le caratteristiche di cui all art. 4 delle presenti norme. Parcheggi = gli standards minimi di parcheggio sono connessi agli usi di cui al successivo Capo IV Per quanto attiene all applicazione delle distanze d1, d2, d3, è facoltà della Giunta Comunale, nel rispetto della normativa antisismica e a seguito di presentazione di piano 17

18 particolareggiato esteso a più edifici con previsioni plano volumetriche, autorizzare l'adozione di distanze inferiori per consentire l'allineamento con gli edifici preesistenti. 4. prescrizioni e vincoli di area normativa Per quanto attiene alle aree di pertinenza scoperte non sono ammessi interventi finalizzati all'incremento delle superfici impermeabilizzate preesistenti alla data di adozione della presente Variante Generale; ad esclusione delle zone per le quali P.T.C.P. pone il vincolo di cui all articolo 13, sono ammessi: - interventi relativi all installazione di strutture a carattere precario e temporaneo, cosi come disciplinate dal vigente Regolamento Edilizio; - interventi volti alla realizzazione di spazi di collegamento funzionale fra strutture alberghiere contigue, come definiti all art. 4 delle presenti norme; - Interventi relativi esclusivamente alla realizzazione di scale di sicurezza ed ascensori, al fine di rendere conforme l edificio alle norme sull abbattimento delle barriere architettoniche e di prevenzione incendi. Saranno comunque consentiti incrementi della superficie coperta dovuti alla realizzazione di ampliamenti di SC sui balconi esistenti e/o ampliamenti in aggetto dei piani superiori al piano terra. Tutte le strutture alberghiere che hanno realizzato apprestamenti a carattere precario temporaneo o provvisorio, avvalendosi del <Regolamento per il rilascio di Autorizzazione di strutture precarie stagionali> approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 56 del 18/04/1989 integrato con delibera di Consiglio Comunale n. 110 del 19/03/1990 nonché del <Regolamento per l installazione di apprestamenti temporanei a carattere precario> approvato con atto di Consiglio Comunale n. 68 del 19/12/2002, possono regolarizzare una tantum la superficie a suo tempo legittimata dall Autorizzazione - purchè ancora in corso di validità - mediante richiesta di rilascio di Permesso di Costruire oneroso accompagnato da atto unilaterale d obbligo registrato e trascritto, con cui l avente titolo si impegna al mantenimento della destinazione d uso alberghiera per un periodo non inferiore ad anni venti dal rilascio del Permesso di Costruire. Tali interventi non concorrono all incremento delle superfici impermeabilizzate. Relativamente agli usi T, attinenti alle funzioni ricettive turistiche preesistenti alla data di adozione della presente Variante Generale al P.R.G., sono ammessi interventi adeguativi in relazione ai rapporti dimensionali di cui al precedente punto 3, ed inoltre sono ammessi incrementi della SC preesistente alla data di adozione della presente Variante Generale. Gli incrementi di SC di cui sopra, ammessi nella misura massima del 10% della S.U. preesistente, sono da destinarsi a servizi alle strutture ricettive e per la realizzazione di nuove camere da letto. Gli interventi ammessi di cui sopra sono esclusivamente finalizzati al riordino distributivo ed alla formazione di spazi funzionali destinati all'adeguamento ai requisiti obbligatori di 18

19 Legge ed alla valorizzazione delle strutture ricettive preesistenti alla data di adozione della presente Variante Generale al P.R.G. Gli interventi di cui sopra, finalizzati ad incrementare la capacità ricettiva, potranno essere ammessi solo a condizione che vengano osservate tutte le disposizioni contenute nella L.R. 28/07/2004, n. 16 e degli standard strutturali e dei requisiti di esercizio per l'autorizzazione e la classificazione delle strutture ricettive alberghiere approvati con deliberazione di Giunta Regionale n. 916 del Sia gli incrementi di SC nella misura massima del 10% della S.U. preesistente da destinarsi a servizi alle strutture ricettive, sia quelli per la realizzazione di nuove camere da letto, possono essere localizzati in tutto od in parte in un unico corpo di fabbrica se riguardano due strutture contigue appartenenti alla medesima proprietà immobiliare e sia redatto un progetto unitario che preveda sostanziali interventi di messa in sicurezza sismica e di adeguamento energetico degli edifici interessati dalla trasformazione edilizia. In relazione alla Riserva Provinciale 2.2.C.4 non sono ammessi interventi adeguativi di sopraelevazione e trasformativi nelle aree comprese nelle zone di riqualificazione della costa e dell'arenile (art. 13 P.T.C.P.). 5. modo di attuazione richiesto Attuazione edilizia diretta. 6. tipi di intervento consentiti Interventi manutentori Interventi conservativi Interventi adeguativi Interventi trasformativi di ampliamento (relativi esclusivamente agli usi T) Mutamento della destinazione d uso 19

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella DELIBERA 1. DI ADOTTARE la variante parziale al P.S.C. consistente nella modifica delle classificazioni delle aree Bertanella (tav. 2) e Golf (tav. 1B) e della normativa (artt. 6.10 6.10 bis 6.19-7.4.4);

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO

COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO Variante di manutenzione con procedura semplificata ai sensi art. 30 L.R. 65/14 Responsabile del procedimento: Arch. Paola Pollina Responsabile Area Tecnica

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI Comune di Cisano B.sco Piano dei Servizi Disciplina degli interventi COMUNE DI CISANO BERGAMASCO DISCIPLINA DEL PIANO DEI SERVIZI DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

COMUNE DI SALA CONSILINA (Provincia di Salerno) PIANOREGOLATORE GENERALE Norme Tecniche d Attuazione (Testo aggiornato con integrazioni e modifiche)

COMUNE DI SALA CONSILINA (Provincia di Salerno) PIANOREGOLATORE GENERALE Norme Tecniche d Attuazione (Testo aggiornato con integrazioni e modifiche) COMUNE DI SALA CONSILINA (Provincia di Salerno) PIANOREGOLATORE GENERALE Norme Tecniche d Attuazione (Testo aggiornato con integrazioni e modifiche) Titolo I - ATTUAZIONE DEL PIANO CAPO I MODALITA Modalità

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione

Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione Suddivisione contributi Oneri di Urbanizzazione U1 - Primaria U2 - Secondaria D - Trattamento e Smaltimento rifiuti (solo per destinazioni produttive)

Dettagli

SCHEDE LOTTI INEDIFICATI

SCHEDE LOTTI INEDIFICATI COMUNE di SARSINA PROVINCIA di FORLI' - CESENA Adottato Approvato con Del. C. C. n.20 del 03.04.2008 con Del. C. C. n. ALLEGATO SCHEDE LOTTI INEDIFICATI E SCHEDE RELATIVE ALLE PREVISIONI DEL PRG PREVIGENTE

Dettagli

PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 1 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.6 ART.7 PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ATTREZZATURE PUBBLICHE E DI INTERESSE PUBBLICO

Dettagli

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI INDICATORI URBANISTICO EDILIZI 1. Superficie territoriale (ST): Superficie totale di una porzione di territorio, la cui trasformazione è generalmente sottoposta a strumentazione urbanistica operativa e

Dettagli

AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO

AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO Adottata dal Consiglio Comunale il 8 Novembre 2012 COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO URBANISTICO

Dettagli

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI PREGNANA MILANESE (Provincia di Milano) SETTORE ASSETTO ED USO DEL TERRITORIO UFFICIO URBANISTICA RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE INTRODUZIONE L art. 43 della legge Regionale

Dettagli

POLO MOTORISTICO DI VALLELUNGA-CAMPAGNANO PSM 11 - Programma di Fattibilità

POLO MOTORISTICO DI VALLELUNGA-CAMPAGNANO PSM 11 - Programma di Fattibilità Dipartimento XII Innovazione e Impresa Servizio II POLO MOTORISTICO DI VALLELUNGA-CAMPAGNANO PSM 11 - Programma di Fattibilità M05 Documento Normativo PROVINCIATTIVA s.p.a. DICEMBRE 2011 Introduzione Il

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 Comune di Rivanazzano Terme SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 DdP - Norme Tecniche di Attuazione: comparazione fra il testo adottato e quello definitivo conseguente

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA

STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA 1 Superficie Fondiaria relativa al lotto 2: mq. 1584,00 composto da Foglio 16 particella 925 di mq. 650 Foglio 16 particella

Dettagli

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione COMUNE DI ALA Provincia di Trento Ufficio Tecnico Urbanistico Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione Art. 107 L.P. 5 settembre 1991, n. 22 e s.m.i. Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione del Piano dei Servizi Il Piano dei Servizi è lo strumento di pianificazione comunale che ha le finalità di assicurare una

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE

REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE 15 ottobre 2012, n. 49 Norme per l'attuazione dell'articolo 5 del D.L. 13 maggio 2011, n. 70 (Semestre europeo - Prime disposizioni urgenti per l'economia) convertito, con

Dettagli

PSCP i a n o S t r u t t u r a l e C o m u n a l e

PSCP i a n o S t r u t t u r a l e C o m u n a l e P R O V I N C I A D I P A R M A Comune di SALA BAGANZA PSCP i a n o S t r u t t u r a l e C o m u n a l e Q U A D R O C O N O S C I T I V O Bilancio urbanistico del PRG vigente Sindaco Cristina Merusi

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

ESTRATTO NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

ESTRATTO NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNE DI FOSSANO Dipartimento Tecnico Lavori Pubblici, Urbanistica e Ambiente Servizio Gestione del Territorio VARIANTE N. 8 - Variante parziale N. 8 - ai sensi dell art. 17 comma 7 L.R. 56/77 e s.m.i

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Provincia Autonoma di Trento COMUNE di: REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE Legge provinciale 5 settembre 1991 n. 22 e s.m. 1 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione pag. 3 Art.

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE FAVARETTO Z.T.O. C2/32

PIANO DI LOTTIZZAZIONE FAVARETTO Z.T.O. C2/32 Allegato B COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) PIANO DI LOTTIZZAZIONE FAVARETTO Z.T.O. C2/32 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Committente: Favaretto Giorgio Progettista: Arch. Zia Ermanno Via Terraglio

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

Piano casa della Regione Marche Le modifiche L.R. n. 22 del 8 Ottobre 2009 modificata dalla L.R. 19 del 2010

Piano casa della Regione Marche Le modifiche L.R. n. 22 del 8 Ottobre 2009 modificata dalla L.R. 19 del 2010 ANCE MARCHE Piano casa della Regione Marche Le modifiche L.R. n. 22 del 8 Ottobre 2009 modificata dalla L.R. 19 del 2010 INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITA EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C (Aggiornamento 31.03.2004) Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Norme

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 08-10-2009 REGIONE MARCHE Interventi della Regione per il riavvio delle attività edilizie al fine di fronteggiare la crisi economica, difendere l occupazione, migliorare la sicurezza

Dettagli

2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ELABORATO N. 14 2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art. 1 - NORME GENERALI Le presenti

Dettagli

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono:

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono: allegato A Relazione tecnica SUAP1 In data 18/06/2011, prot 6146, è stata presentata da parte di Terruzzi Fercalx spa, istanza volta all ottenimento del permesso di costruire per la realizzazione di un

Dettagli

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE VARIANTE AL PIANO REGOLATORE GENERALE DEL COMUNE DI S. VITO CHIETINO (Ch) ( Legge 17 Agosto 1942 n 1150 e successive modifiche ed integrazioni) 1 Indice generale. TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Capo

Dettagli

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02 Comune di Monterenzio Provincia di Bologna Area Servizi Tecnici Piazza Guerrino De Giovanni, 1 40050 Monterenzio telefono 051 929002 fax 0516548992 e-mail ediliziaprivata@comune.monterenzio.bologna.it

Dettagli

tabella A 640 per le destinazioni residenziali e in 275 per quelle non residenziali. mediamente tabella B fabbricati collabenti

tabella A 640 per le destinazioni residenziali e in 275 per quelle non residenziali. mediamente tabella B fabbricati collabenti AGGIORNAMENTO DEI CRITERI DI STIMA DEL VALORE COMMERCIALE DELLE AREE FABBRICABILI DEL TERRITORIO COMUNALE AI FINI DELLA DETERMINAZIONE DELL IMU PER L ANNO 2013 E PRINCIPI PER L ACCERTAMENTO ANNI PRECEDENTI

Dettagli

Art. 1 (Interventi di ampliamento)

Art. 1 (Interventi di ampliamento) Legge Regionale 8 ottobre 2009, n. 22: Interventi della Regione per il riavvio delle attività edilizie al fine di fronteggiare la crisi economica, difendere l'occupazione, migliorare la sicurezza degli

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO 2010. Piano dei Servizi. SP03 Norme Tecniche d attuazione. 30 agosto 2010

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO 2010. Piano dei Servizi. SP03 Norme Tecniche d attuazione. 30 agosto 2010 Comune di Brivio Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO 2010 Piano dei Servizi SP03 Norme Tecniche d attuazione 30 agosto 2010 Arch. Marco Engel, Arch. Valerio Testa con Dott.ssa Laura Bossi,

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 3 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (da Piano degli Interventi Variante 2 Dicembre 2011) Committente:

Dettagli

MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CITTÀ DI FOLIGNO AREA GOVERNO DEL TERRITORIO E BENI CULTURALI Servizio Sportello Unico Edilizia Servizio Edilizia Via dei Molini, 20/a Corso Cavour, 89 MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

TITOLO I NORME GENERALI

TITOLO I NORME GENERALI TITOLO I NORME GENERALI 1 Art. 1 - Applicazione del piano 1. Il piano Regolatore Generale disciplina, in base alla vigente legislazione urbanistica nazionale e regionale, l'intero territorio comunale.

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI ATTO DI INDIRIZZO PER I PROCEDIMENTI DI COMPETENZA COMUNALE DEFINITI DAGLI ARTICOLI 4, 5, 6 bis, 7, 8, 9 E 11 bis DELLA LEGGE REGIONALE 28 DICEMBRE 2009 N. 19 Misure urgenti per il rilancio economico,

Dettagli

Art. 1 Ambito di applicazione ed Obbiettivi. Piano regolatore generale; 3. L UT è suddivisa in due parti: la 7.9a è la zona di

Art. 1 Ambito di applicazione ed Obbiettivi. Piano regolatore generale; 3. L UT è suddivisa in due parti: la 7.9a è la zona di Corsivo Blu = Aggiunte Barrato Rosso = Eliminazioni Art. 1 Ambito di applicazione ed Obbiettivi 1. La variante generale ha come ambito di intervento il Piano Attuativo Unitario approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO PRATICA EDILIZIA N. AL RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO DEL COMUNE DI CERRO AL LAMBRO Piazza Roma, 11 20070 Cerro al Lambro (MI) DENUNCIA

Dettagli

- Disciplina dei rapporti tra lottizzanti-

- Disciplina dei rapporti tra lottizzanti- - Disciplina dei rapporti tra lottizzanti- Il P.A.r.17a come si evince dalla relativa scheda allegata è derivante dalla suddivisione del P.A.r.17 in due lottizzazioni separate approvate in variante al

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO (L.R. 3 Gennaio 2005 n 1, art. 55)

REGOLAMENTO URBANISTICO (L.R. 3 Gennaio 2005 n 1, art. 55) Comune di LAMPORECCHIO (Provincia di Pistoia) REGOLAMENTO URBANISTICO (L.R. 3 Gennaio 2005 n 1, art. 55) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2 Definizione dei parametri urbanistici ed edilizi TESTO INTEGRATO

Dettagli

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012 INDICE 1. Elementi costitutivi del... 2 2. Zona S1: aree per l'istruzione pubblica... 2 3. Zona S2: aree per servizi pubblici... 2 4. Zona S3: aree per attrezzature religiose... 2 5. Zona S4: aree pubbliche

Dettagli

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO COMUNE DI MODENA 2005 PIANO DI RECUPERO Piano di Recupero di iniziativa pubblica -VARIANTE -"EX CINEMA ODEON Tav. L Adottato con Del. Di C.C. N.48 del 04-07-2005 NORME URBANISTICHE ED EDILIZIE VARIANTE

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

DIREZIONE URBANISTICA

DIREZIONE URBANISTICA DIREZIONE URBANISTICA LE VERIFICHE DI CONFORMITA URBANISTICO - EDILIZIA IN REGIME DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO (Deliberazione Consiglio comunale nr. 13/2014) SCHEDA INFORMATIVA

Dettagli

ART. 1 - FINALITÀ. 2 ART. 2 - DEFINIZIONI. 2 ART. 3 - PARAMETRI URBANISTICI PER LA VALUTAZIONE DELL'AREA. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 4 ART. 4 ART. 5 ART.

ART. 1 - FINALITÀ. 2 ART. 2 - DEFINIZIONI. 2 ART. 3 - PARAMETRI URBANISTICI PER LA VALUTAZIONE DELL'AREA. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 4 ART. 4 ART. 5 ART. REGOLAMENTO IN MATERIA DI VALORE DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI DELL ACCERTAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI E DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA - Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

Ufficio Tecnico Comunale

Ufficio Tecnico Comunale COMUNE di LEIVI Provincia di Genova Via IV Novembre, n.1 16040 LEIVI Tel.0185.319033 + Fax.0185.319569 ufficio tecnico@comune.leivi.ge.it Ufficio Tecnico Comunale REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI

Dettagli

PRG COMUNE DI SAN BONIFACIO TAVOLA 2 NORME TECNICHE PROVINCIA DI VERONA

PRG COMUNE DI SAN BONIFACIO TAVOLA 2 NORME TECNICHE PROVINCIA DI VERONA PROVINCIA DI VERONA PRG COMUNE DI SAN BONIFACIO VARIANTE PARZIALE N. 68 ALLA SECONDA VARIANTE GENERALE AL P.R.G. PER L ADEGUAMENTO ALLA L.R. N. 50 DEL 28.12.2012 DELLA ZONA A DI CENTRO STORICO E INDIVIDUAZIONE

Dettagli

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i.

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. COMUNE DI LIMENA Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. Approvate con la deliberazione di C.C. n. 33 del 28.09.2011

Dettagli

Art. 1 Campo di applicazione

Art. 1 Campo di applicazione Art. 1 Campo di applicazione Le presenti norme tecniche disciplinano l attuazione dell area oggetto del Programma Integrato d Intervento Variante di P.R.G. del Comune di Cisterna di Latina loc. L Annunziata,

Dettagli

Regolamento Urbanistico. NTA - Norme tecniche d attuazione. Comune di Montemurlo

Regolamento Urbanistico. NTA - Norme tecniche d attuazione. Comune di Montemurlo Regolamento Urbanistico Comune di Montemurlo Provincia di Prato PR Variante n.9 per la trasformazione di alcune aree del territorio Adozione 02 NTA - Norme tecniche d attuazione Adozione articoli modificati

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data SETTEMBRE 2011 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAZIONE... DESCRIZIONE DEI LAVORI......... UBICAZIONE DELL IMMOBILE......... ESTREMI CATASTALI SOGGETTO INTERESSATO

Dettagli

REGIONE MARCHE. Legge regionale 8 ottobre 2009, n. 22 1

REGIONE MARCHE. Legge regionale 8 ottobre 2009, n. 22 1 REGIONE MARCHE Legge regionale 8 ottobre 2009, n. 22 1 INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITÀ EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA, DIFENDERE L'OCCUPAZIONE, MIGLIORARE LA

Dettagli

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 tel. 0565-943411 fax.0565-943021 COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 C.F.:82001450491 SETTORE-EDILIZIA E URBANISTICA U.O. - EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA DA

Dettagli

STUDIO ANGELO E DAVIDE DE FRANCESCO

STUDIO ANGELO E DAVIDE DE FRANCESCO STUDIO ANGELO E DAVIDE DE FRANCESCO A R C H I T E T T I I N L O A N O Comune di Loano PROGETTO RELATIVO AD INTERVENTI DI DEMOLIZIONE, RICOSTRUZIONE E AMPLIAMENTO DEL COMPLESSO UBICATO IN VIA AURELIA A

Dettagli

PRG C. Città di Rivoli. Schede Normative (oggetto di variante) Regione Piemonte. Provincia di Torino. piano regolatore generale comunale

PRG C. Città di Rivoli. Schede Normative (oggetto di variante) Regione Piemonte. Provincia di Torino. piano regolatore generale comunale Regione Piemonte Provincia di Torino Città di Rivoli PRG C piano regolatore generale comunale Variante ai sensi dell art. 17, comma 7- L.R. 56/77 s.m. e i. PROGETTO DEFINITIVO Variante parziale n. 10P/2006

Dettagli

AMBITO DI TRASFORMAZIONE

AMBITO DI TRASFORMAZIONE AMBITO DI TRASFORMAZIONE PET1 Localizzazione : Cibrone - via XXV Aprile INQUADRAMENTO TERRITORIALE L ambito è localizzato nella zona nord-est del territorio comunale, tra la via XXV Aprile e la SS. 36.

Dettagli

N.B. Le opere di urbanizzazione primaria riferite a strade, piazze e piste ciclabili rientrano nelle sottoindicate AV.

N.B. Le opere di urbanizzazione primaria riferite a strade, piazze e piste ciclabili rientrano nelle sottoindicate AV. COMUNE DI CARINARO (CE) Piano Urbanistico Comunale Principali modalità d intervento nelle Zone C (C1, C2, C3, C4) P.U.A. Comparti Residenziali (Richiami dalle N.T.A. Art. 81 riferimento normativo base

Dettagli

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 ALLEGATO A Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 Approvato con deliberazione di CC n.47 in data 29/10/2009

Dettagli

COMUNE DI ISOLA D ASTI PROVINCIA DI ASTI

COMUNE DI ISOLA D ASTI PROVINCIA DI ASTI COMUNE DI ISOLA D ASTI PROVINCIA DI ASTI PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE PARZIALE n. 3 comma 5, art. 17 L.R. 56/77 s.m.i. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE STRALCIO PRGC VIGENTE URBANISTA Ing. Giuseppe

Dettagli

COMUNE DI CELLINO SAN MARCO

COMUNE DI CELLINO SAN MARCO COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di Brindisi REGOLAMENTO COMUNALE DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO RELATIVO AI PERMESSI DI COSTRUIRE E ALLE DENUNCE DI INIZIO ATTIVITA, NONCHE ALLE SANATORIE EX LEGGE

Dettagli

Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione. Anno 2013

Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione. Anno 2013 Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione Anno 2013 Nessuna modifica rispetto all anno 2012 Applicazione degli oneri di urbanizzazione e della quota

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE CAMERINA PROVINCIA DI RAGUSA

COMUNE DI SANTA CROCE CAMERINA PROVINCIA DI RAGUSA 1/8 NORME DI ATTUAZIONE COMUNE DI SANTA CROCE CAMERINA PROVINCIA DI RAGUSA OGGETTO: Variante al PRG per la realizzazione di un sistema policentrico di aree a destinazione alberghiera e spazi pubblici.

Dettagli

Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi. Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello

Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi. Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello Modalità di attuazione degli interventi edilizi Gli interventi edilizi devono

Dettagli

COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 14/05/2012 n. 16

COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 14/05/2012 n. 16 COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 14/05/2012 n. 16 OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUT O DI COSTRUZIONE, QUOTA AFFERENTE IL CONTRIBUTO SUGLI ONERI

Dettagli

Pagina 1 di 6. Allegato A

Pagina 1 di 6. Allegato A Allegato A LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAGLI ARTICOLI 2, 3 e 4 DELLA LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 08.07.2009 e smi Pagina 1 di 6 Limiti e modalità applicative per gli interventi

Dettagli

Piano di Governo del Territorio Ai sensi della L.R. n. 12/2005 e s.m.i. PIANO DELLE REGOLE. Città di Tradate Provincia di Varese

Piano di Governo del Territorio Ai sensi della L.R. n. 12/2005 e s.m.i. PIANO DELLE REGOLE. Città di Tradate Provincia di Varese Città di Tradate Provincia di Varese Piano di Governo del Territorio Ai sensi della L.R. n. 12/2005 e s.m.i. PIANO DELLE REGOLE NORME DI ATTUAZIONE Allegato A - SCHEDE DEGLI AMBITI DI TRASFORMAZIONE L

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15 OTTOBRE 2012, N. 49

LEGGE REGIONALE 15 OTTOBRE 2012, N. 49 LEGGE REGIONALE 15 OTTOBRE 2012, N. 49 Norme per l'attuazione dell'articolo 5 del D.L. 13 maggio 2011, n. 70 (Semestre europeo - Prime disposizioni urgenti per l'economia) convertito, con modificazioni,

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona. Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona. Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari Il Sindaco Santicchia Angelo Il Segretario Comunale Dott. Bonetti Angelo Approvato

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

gruppo argo PROGETTISTI: architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto

gruppo argo PROGETTISTI: architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto PROGETTISTI: gruppo argo architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto Vicolo cilea 11 27029 vigevano pv tel - fax 0381 903221

Dettagli

Comune di Monte San Pietrangeli Provincia di Fermo U F F I C I O T E C N I C O

Comune di Monte San Pietrangeli Provincia di Fermo U F F I C I O T E C N I C O Comune di Monte San Pietrangeli Provincia di Fermo U F F I C I O T E C N I C O LINEE GUIDA PER LA MONETIZZAZIONE DELLE AREE DA CEDERE COME STANDARD PUBBLICI RELAZIONE TECNICA PREMESSO: - che con: Delibera

Dettagli

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente...

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente... REGIONE VENETO Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 1 INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L UTILIZZO DELL EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO

Dettagli

2004) Pubblicata sul B.U.R.A. n. 92 Speciale del 21.12.2012

2004) Pubblicata sul B.U.R.A. n. 92 Speciale del 21.12.2012 ASSESSORATO PIANIFICAZIONE, TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO E PROTEZIONE CIVILE Dott. Gianfranco Giuliante DIREZIONE AFFARI DELLA PRESIDENZA,POLITICHE LEGISLATIVE E COMUNITARIE, PROGRAMMAZIONE,

Dettagli

PIANO ATTUATIVO : intervento di edilizia residenziale da attuarsi in via Amilcare Ponchielli ALLEGATI 01: RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ECONOMICA

PIANO ATTUATIVO : intervento di edilizia residenziale da attuarsi in via Amilcare Ponchielli ALLEGATI 01: RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA ECONOMICA PIANO ATTUATIVO : intervento di edilizia residenziale da attuarsi in via Amilcare Ponchielli Lottizzanti: Proprieta': Caprotti Emilia Procuratori Marina Strazzeri, Franco Flavio Strazzeri, ALLEGATI 01:

Dettagli

COMUNE DI DAONE Provincia di Trento

COMUNE DI DAONE Provincia di Trento REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE ai sensi la Legge provinciale 5 settembre 1991 n. 22 Allegato alla iberazione Consiglio Comunale n. 42 di data 28 agosto 2001-1 - REGOLAMENTO

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI CRESPELLANO (Provincia di Bologna) VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA IN LOCALITÀ CAPOLUOGO COMPARTO EDIFICATORIO N. 11 (C2) RELAZIONE ILLUSTRATIVA LA PROPRIETÀ: Soc. L.

Dettagli

Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine

Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine Riservato al protocollo Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine ALLEGATA ALLA : SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA (art. 20 e 21 L.R. 31/2002) RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA

Dettagli

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale COMUNITA' ALTO GARDA E LEDRO PIANO TERRITORIALE DELLA COMUNITA' PIANO STRALCIO IN MATERIA DI PROGRAMMAZIONE URBANISTICA DEL SETTORE COMMERCIALE art. 25 bis, comma 1 bis l.p.4 marzo 2008, n.1 NORME TECNICHE

Dettagli

ing. Fulvio Bartoli coordinatore del Settore Urbanistica, Edilizia privata e Ambiente del Comune di Imola

ing. Fulvio Bartoli coordinatore del Settore Urbanistica, Edilizia privata e Ambiente del Comune di Imola ing. Fulvio Bartoli ing. Fulvio Bartoli coordinatore del Settore Urbanistica, Edilizia privata e Ambiente del Comune di Imola L attività edilizia libera Il PdC I frazionamenti L Attività Edilizia Libera

Dettagli

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011 LEGGE REGIONALE 21/12/2010 N.19 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 OTTOBRE 2009, N. 22 "INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITÀ EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA, DIFENDERE

Dettagli

COMUNE DI VIGOLO VATTARO

COMUNE DI VIGOLO VATTARO COMUNE DI VIGOLO VATTARO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE Legge provinciale 5 settembre 1991 n. 22 e s.m. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

( testo attuale e modificato)

( testo attuale e modificato) C O M U N E d i C R E S P I N A Servizi al Territorio Variante al Regolamento Urbanistico - Modifica alle Norme Tecniche di Attuazione relative agli impianti e aree cimiteriali ( articoli 61 e 66 ) ( testo

Dettagli

COMUNE DI BENEVENTO SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA

COMUNE DI BENEVENTO SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA COMUNE DI BENEVENTO SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA ARTICOLO 1 Oggetto delle norme e campo d applicazione. Le norme riguardano

Dettagli

AUTODETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE art. 41 della L.R. Lombardia 11.03.2005, n. 12

AUTODETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE art. 41 della L.R. Lombardia 11.03.2005, n. 12 PROTOCOLLO GENERALE AL COMUNE DI BARANZATE Da presentarsi unitamente alla p.e. o, in caso di integrazione, con lettera accompagnatoria. AUTODETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE art. 41 della L.R.

Dettagli

DOMANDA DI CONCESSIONE PER L'ESECUZIONE DI OPERE EDILIZIE

DOMANDA DI CONCESSIONE PER L'ESECUZIONE DI OPERE EDILIZIE AL DIRIGENTE DEL SETTORE TECNICO c/o ufficio edilizia privata/urbanistica P.zza Gallura, 3 07029 Tempio Pausania DOMANDA DI CONCESSIONE PER L'ESECUZIONE DI OPERE EDILIZIE l sottoscritt ai sensi della L.R.

Dettagli