La trasformazione istotipica da NSCLC a SCLC: un inusuale meccanismo di «secondary resistance» ai TKIs

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La trasformazione istotipica da NSCLC a SCLC: un inusuale meccanismo di «secondary resistance» ai TKIs"

Transcript

1 La trasformazione istotipica da NSCLC a SCLC: un inusuale meccanismo di «secondary resistance» ai TKIs Dr.ssa Morena Fasano Dr.ssa Carminia Maria Della Corte Seconda Università degli studi di Napoli (SUN) Oncologia Medica Dipartimento medico chirurgico di internistica clinica e sperimentale «Magrassi Lanzara» Via Sergio Pansini 5 Napoli 338/

2 Abstract Gefitinib ed erlotinib sono due piccole molecole, somministrate per via orale, in grado di inibire reversibilmente l attività delle tirosin chinasi (TK) del recettore per il fattore di crescita epidermico (EGFR). Mutazioni somatiche attivanti in esoni che codificano per il dominio tirosin chinasico di EGFR sono state osservate in circa il 10% dei pazienti caucasici e fino al 50% in pazienti asiatici affetti da carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC). Tra queste, le mutazioni attivanti più comuni, presenti complessivamente nell'85 90% dei casi, sono la delezione nell'esone 19 e la sostituzione L858R nell'esone 21: la loro presenza correla con una risposta obiettiva nel 75% circa dei pazienti trattati con questi farmaci. Nonostante ciò il trattamento continuo con gefitinib o erlotinib, in pazienti con mutazioni attivanti, genera comunque resistenza acquisita, con conseguente progressione clinico strumentale in media un anno dopo l'inizio della terapia. Nel 50% dei campioni tumorali, ottenuti dopo progressione di malattia, la causa della resistenza è dovutaad unamutazione secondarianeldominio tirosin chinasico dell'egfr, nota come T790M. In un altro 20% alla base della resistenza acquisita ai TKIs vi è l amplificazione del proto oncogene MET (la cui presenza non è mutualmente esclusiva con la mutazione T790M). Il restante 30% dei casi di resistenza acquisita ai TKIs resta sconosciuto. In letteratura sono stati descritti altri meccanismi responsabili di perdita di sensibilità ai TKIs: tra tutti quello più inusuale è risultata la trasformazione istotipica da NSCL a SCLC. A nostra conoscenza, in letteratura sono stati pubblicati 4 case reports di pazienti che, dopo terapia con TKIs, hanno sviluppato la trasformazione istotipica da NSCLC a SCLC. Qui di seguito è riportato il caso di una paziente affetta da adenocarcinoma polmonare con delezione dell esone 19 che, dopo progressione al trattamento con erlotinib, ha sviluppato SCLC sulla metastasi epatica sulla quale è stata riscontrata la stessa mutazione del tumore primitivo (delezione nell esone 19). Ciò sottolinea il ruolo che la trasformazione istotipica da NSCLC a SCLC riveste nella resistenza secondaria ai TKIs.

3 Anamnesi PR e PP ANAMNESI FISIOLOGICA Donna 46 anni Non fumatrice PS: 1 2 sec.ecog EO: ottusità plessica associata ad ipofonesi in campo medio basale destro; dolore alla digitopressione in corrispondenza del rachide dorso lombare. Nella norma le restanti obiettività ANAMNESI FAMILIARE Negativa per patologie oncologiche ANAMNESI PATOLOGICA REMOTA Nel 2004: psoriasi in attuale remissione completa 10 anni fa: intervento alla mano destra per sindrome del tunnel carpale In età pediatrica intervento chirurgico di tonsillectomia

4 Esami effettuati: DIAGNOSI Settembre Ottobre 2011: Per tosse stizzosa, dolore in emitorace destro, dispnea a riposo, astenia intensa e febbricola serotina Esegue: Rx torace: massivo versamento pleurico a destra. FBS: l esplorazione sistematica dell apparato bronchiale di destra non mostra alterazioni della canalizzazione fino alla visibilità endoscopica. Si esegue broncolavaggio dai segmentari del bronco superiore per esame citologico. Esame citologico (EC): Quadro citologico di tipo flogistico cronico

5 Esami effettuati: DIAGNOSI Successivo ricovero presso la Chirurgia toracica dove esegue: Toracentesi evacuativa: aspirazione di circa 3000 cc di liquido pleurico. EC: clusters di cellule atipiche, materiale amorfo siero proteico. Biopsie pleuriche a destra: Esame Istologico (EI): gettoni di cellule carcinomatose a pattern focalmente tubulare. Il quadro depone per adenocarcinoma di origine polmonare (TTF1 +; in corso determinazione dello stato mutazionale di EGFR).

6 Esami effettuati: STADIAZIONE TC cranio torace addome completo con e senza mdc: Cranio: oncologicamente negativo. Torace: falda di versamento pleurico a destra e presenza di area di addensamento a losanga a livello del lobo medio in sede paracardiaca. Immagine di consolidamento pseudo nodulare di circa 3.5 cm superiormente al segmento anteriore del lobo superiore e presenza di nodulo ipodenso di circa 6 mm verosimilmente di pertinenza linfonodale a destra, in stretta contiguità con il bronco lobare superiore ed antero superiormente al ramo destro della polmonare. Ispessimento intrascissurale limitrofo con alcune minute immagini bottoniformi contestuali (linfonodi intrascissurali?). In sede sovradiaframmatica esigua falda di versamento organizzato che circoscrive la VCI e nel cui contesto si descrivono immagini pseudonodulare a carattere disomogeneo (noduli). Altre lesioni a placca si descrivono adese al piano pleurico. Addome: assenza di lesioni secondarie epatiche. PET total body: iperaccumulo del tracciante a livello di: Versamento pleurico (SUV 4,67); Tutto il rachide (SUV max su C2: 2,62, D11: 3,75 ed L3: 2,85), ala iliaca sinistra (SUV 3,95), articolazione sacro iliaca destra (SUV 4,27) e sinistra (SUV 2,73), sterno (SUV 2,64), XI articolazione costo vertebrale destra di D11 (SUV 3,5), ultime coste di destra (SUV 4,35); Linfonodi retro laringei (SUV 3,51), linfonodi in sede laterocervicale destra (SUV 3,32) e sinistra (SUV 3,89); Colon dx (SUV 5,0) Eseguita colonscopia risultata oncologicamente negativa.

7 Esami effettuati: STADIAZIONE TC cranio torace addome completo con e senza mdc: Cranio: oncologicamente negativo. Torace: falda di versamento pleurico a destra e presenza di area di addensamento a losanga a livello del lobo medio in sede paracardiaca. Immagine di consolidamento pseudo nodulare di circa 3.5 cm superiormente al segmento anteriore del lobo superiore e presenza di nodulo ipodenso di circa 6 mm verosimilmente di pertinenza linfonodale a destra, in stretta contiguità con il bronco lobare superiore ed antero superiormente al ramo destro della polmonare. Ispessimento intrascissurale limitrofo con alcune minute immagini bottoniformi contestuali (linfonodi intrascissurali?). In sede sovradiaframmatica esigua falda di versamento organizzato che circoscrive la VCI e nel cui contesto si descrivono immagini pseudonodulare a carattere disomogeneo (noduli). Altre lesioni a placca si descrivono adese al piano Presenza pleurico. di Addome: malattia assenza a livello di lesioni secondarie epatiche. TORACICO ed OSSEO PET total body: iperaccumulo del tracciante a livello di: Versamento pleurico (SUV 4,67); Tutto il rachide (SUV max su C2: 2,62, D11: 3,75 ed L3: 2,85), ala iliaca sinistra (SUV 3,95), articolazione sacro iliaca destra (SUV 4,27) e sinistra (SUV 2,73), sterno (SUV 2,64), XI articolazione costo vertebrale destra di D11 (SUV 3,5), ultime coste di destra (SUV 4,35); Linfonodi retro laringei (SUV 3,51), linfonodi in sede laterocervicale destra (SUV 3,32) e sinistra (SUV 3,89); Colon dx (SUV 5,0) Eseguita colonscopia risultata oncologicamente negativa.

8 Indicazione terapeutica I linea Novembre 2012 Gennaio 2013: Chemioterapia sec. schema cisplatino pemetrexed per 4 cicli totali. Avviata anche terapia con bifosfonati dopo valutazione odontostomatologica ed esecuzione di ortopantomografia. Dopo 2 cicli di chemioterapia (Dicembre 2012): beneficio clinico (scomparsa di tosse, miglioramento della dispnea e della sintomatologia algica precedentemente descritta), SD toracica ed SD ossea alla rivalutazione TC torace addome completo con e senza mdc con finestra ossea.

9 Indicazione terapeutica I linea Novembre 2012 Gennaio 2013: Chemioterapia sec. schema cisplatino pemetrexed per 4 cicli totali. Avviata anche terapia con bifosfonati dopo valutazione odontostomatologica ed esecuzione di ortopantomografia. Dopo 2 cicli di chemioterapia (Dicembre 2012): beneficio clinico (scomparsa di tosse, miglioramento della dispnea e della sintomatologia algica precedentemente descritta), SD toracica ed SD ossea alla rivalutazione TC torace addome completo con e senza mdc con finestra ossea. Alla rivalutazione intermedia di malattia perviene esito dello stato mutazionale di EGFR: EGFR mutato (presenza di delezione nell esone 19). In considerazione del notevole beneficio clinico, della sostanziale stabilità di malattia, della buona tollerabilità alla terapia medica oncologica avviata e della non disponibilità in letteratura di forti indicazioni a sospendere la chemioterapia in atto a favore degli inibitori tirosin chinasici (TKIs) una volta in possesso del dato mutazionale di EGFR, abbiamo deciso, dopo riunione collegiale, di proseguire il trattamento per ulteriori due cicli e di valutare, in base alla risposta radiologica, la possibilità di avviare terapia con pemetrexed a mantenimento o terapia con TKI.

10 Indicazione terapeutica I linea Dopo 4 cicli di chemioterapia (Febbraio 2013): ulteriore beneficio clinico, RP toracica (notevole riduzione del versamento pleurico, nodulo polmonaredi21mmvs35mm)edsd ossea alla rivalutazione TC toraceaddome completo con e senza mdc con finestra ossea.

11 Indicazione terapeutica I linea Dopo 4 cicli di chemioterapia (Febbraio 2013): ulteriore beneficio clinico, RP toracica (notevole riduzione del versamento pleurico, nodulo polmonaredi21mmvs35mm)edsd Beneficio ossea clinico, allarp rivalutazione toracica, TC toraceaddome completo con e senza mdc con finestra SD ossea.

12 Indicazione terapeutica I linea Dopo 4 cicli di chemioterapia (Febbraio 2013): ulteriore beneficio clinico, RP toracica (notevole riduzione del versamento pleurico, nodulo polmonaredi21mmvs35mm)edsd ossea alla rivalutazione TC toraceaddome completo con e senza mdc con finestra ossea.

13 Indicazione terapeutica I linea In considerazione della risposta clinica e radiologica ottenuta dopo 4 cicli di chemioterapia con cisplatino e pemetrexed e in accordo con i risultati dello studio PARAMOUNT, si decide di proseguire con pemetrexed a mantenimento. Studio PARAMOUNT1

14 Indicazione terapeutica I linea In considerazione della risposta clinica e radiologica ottenuta dopo 4 cicli di chemioterapia con cisplatino e pemetrexed e in accordo con i risultati dello studio PARAMOUNT, si decide di proseguire con pemetrexed a mantenimento. Studio PARAMOUNT1 Primary objective Progression-free survival (PFS): nella popolazione non squamosa: 4.4 vs 1.8 mesi (HR 0.47) Secondary objectives Overall survival (OS): ad un follow-up a 24.3 mesi nei pz vivi: 13.9 vs 11.0 mesi (HR 0.78)2 Resource utilisation Patient-reported outcomes (EQ-5D) Objective tumour response rate (RR) (RECIST 1.0): 2.8 vs 0.6 dverse events (AEs)

15 Indicazione terapeutica I linea Mantenimento Febbraio 2013 Maggio 2013: Pemetrexed a mantenimento per ulteriori 4 cicli. Dopo 4 cicli di chemioterapia di mantenimento: peggioramento clinico (incremento della dispnea per sforzi di lieve entità e della sintomatologia algica in corrispondenza del rachide dorso lombare), PD toracica (incremento del versamento pleurico a destra, nodulo polmonare di 32 mm vs 21 mm, incremento dimensionale delle linfoadenopatie in sede mediastinica) e PD ossea (comparsa di nuova lesione a livello di D6) alla TC torace addome completo con e senza mdc con finestra ossea.

16 Indicazione terapeutica I linea Mantenimento Febbraio 2013 Maggio 2013: Pemetrexed a mantenimento per ulteriori 4 cicli. Dopo 4 cicli di chemioterapia di mantenimento: peggioramento clinico (incremento della dispnea per sforzi di lieve entità e della sintomatologia algica in corrispondenza del rachide dorso lombare), PD toracica (incremento Peggioramento del versamentoclinico, pleurico apd destra, nodulo polmonare di 32 mm vs 21 mm, incremento dimensionale delle linfoadenopatie in sede mediastinica) e PD ossea (comparsa di nuova lesione a livello toracica, di D6) allapd TC torace addome ossea completo con e senza mdc con finestra ossea.

17 Indicazione terapeutica I linea Mantenimento Febbraio 2013 Maggio 2013: Pemetrexed a mantenimento per ulteriori 4 cicli. Dopo 4 cicli di chemioterapia di mantenimento: peggioramento clinico (incremento della dispnea per sforzi di lieve entità e della sintomatologia algica in corrispondenza del rachide dorso lombare), PD toracica (incremento Peggioramento del versamentoclinico, pleurico apd destra, nodulo polmonare di 32 mm vs 21 mm, incremento dimensionale delle linfoadenopatie in sede mediastinica) e PD ossea (comparsa di nuova lesione a livello toracica, di D6) allapd TC torace addome ossea completo con e senza mdc con finestra ossea.

18 Indicazione terapeutica I linea Mantenimento Febbraio 2013 Maggio 2013: Pemetrexed a mantenimento per ulteriori 4 cicli. Dopo 4 cicli di chemioterapia di mantenimento: peggioramento clinico (incremento della dispnea per sforzi di lieve entità e della sintomatologia algica in corrispondenza del rachide dorso lombare), PD toracica (incremento del versamento pleurico a destra, nodulo polmonare di 32 mm vs 21 mm, incremento dimensionale delle linfoadenopatie in sede mediastinica) e PD ossea (comparsa di nuova lesione a livello di D6) alla TC torace addome completo con e senza mdc con finestra ossea. Indicazione terapeutica 2 linea Maggio 2013-Novembre 2013: In considerazione del peggioramento clinico, della progressione di malattia, dello stato mutazionale di EGFR e alla luce anche dei dati presenti in letteratura in base ai quali l impiego dei TKIs in pazienti con mutazione del gene EGFR risultano superiori alla chemioterapia standard anche in linee successive alla prima (RR in 2 linea: 47.4 % vs 28.5%; riduzione del rischio di progressione del 70% in tutte le linee)3, dopo discussione collegiale, viene posta indicazione ad avvio di trattamento con Erlotinib 150 mg cpr Avviata anche RT a finalità antalgica a livello dell articolazione sacro iliaca destra ed in corrispondenza di D6

19 Indicazione terapeutica 2 linea Dopo circa 3 mesi di terapia (Agosto 2013): beneficio clinico (miglioramento della dispnea, regressione della sintomatologia algica precedentemente descritta), RP toracica (minima falda di versamento pleurico a destra, nodulo polmonare di 20 mm vs 32 mm che appare più sfumato, invariate le linfoadenopatie mediastiniche), RP ossea (non più evidente la lesioni ossea in corrispondenza dell articolazione sacro iliaca destra, meno evidenti le lesioni in corrispondenza del rachide in toto che allo stato attuale appaiono meno addensate), sospetta PD epatica (area ipodensa, di 13 mm, in sede sottocapsulare, cisti? Lesione secondaria?) alla rivalutazione TC torace addome completo con e senza mdc con finestra ossea.

20 Indicazione terapeutica 2 linea Dopo circa 3 mesi di terapia (Agosto 2013): beneficio clinico (miglioramento della dispnea, regressione della sintomatologia algica precedentemente descritta), RP toracica (minima falda di versamento pleurico a destra, nodulo polmonare di 20 mm vs 32 mm che appare più sfumato, invariate le linfoadenopatie mediastiniche), RP ossea (non più evidente la lesioni ossea in corrispondenza Beneficio dell articolazione clinico, RP toracica, sacro iliaca destra, meno evidenti le lesioni in corrispondenza del RP rachide ossea, insospetta toto che allo PD stato attuale appaiono meno addensate), sospetta PD epatica (area ipodensa, di 13 mm, in sede sottocapsulare, epatica cisti? Lesione secondaria?) alla rivalutazione TC torace addome completo con e senza mdc con finestra ossea.

21 Indicazione terapeutica 2 linea Dopo circa 3 mesi di terapia (Agosto 2013): beneficio clinico (miglioramento della dispnea, regressione della sintomatologia algica precedentemente descritta), RP toracica (minima falda di versamento pleurico a destra, nodulo polmonare di 20 mm vs 32 mm che appare più sfumato, invariate le linfoadenopatie mediastiniche), RP ossea (non più evidente la lesioni ossea in corrispondenza Beneficio dell articolazione clinico, RP toracica, sacro iliaca destra, meno evidenti le lesioni in corrispondenza del RP rachide ossea, insospetta toto che allo PD stato attuale appaiono meno addensate), sospetta PD epatica (area ipodensa, di 13 mm, in sede sottocapsulare, epatica cisti? Lesione secondaria?) alla rivalutazione TC torace addome completo con e senza mdc con finestra ossea.

22 Indicazione terapeutica 2 linea Dopo circa 3 mesi di terapia (Agosto 2013): beneficio clinico (miglioramento della dispnea, regressione della sintomatologia algica precedentemente descritta), RP toracica (minima falda di versamento pleurico a destra, nodulo polmonare di 20 mm vs 32 mm che appare più sfumato, invariate le linfoadenopatie mediastiniche), RP ossea (non più evidente la lesioni ossea in corrispondenza Beneficio dell articolazione clinico, RP toracica, sacro iliaca destra, meno evidenti le lesioni in corrispondenza del RP rachide ossea, insospetta toto che allo PD stato attuale appaiono meno addensate), sospetta PD epatica (area ipodensa, di 13 mm, in sede sottocapsulare, epatica cisti? Lesione secondaria?) alla rivalutazione TC torace addome completo con e senza mdc con finestra ossea. In considerazione del dato TC, la paziente esegue PET total body risultata negativa per lesioni secondarie epatiche (la paziente ha anche eseguito ecografia dell addome completo che non è risultata dirimente tra lesione benigna o maligna). Dopo ulteriori 2 mesi di terapia (Novembre 2013): mantenimento del beneficio clinico, sostanziale SD toracica (mantenimento di RP), SD ossea e PD epatica (comparsa di lesioni nodulari multiple, confluenti, del diametro max di circa 7 cm) confermate dall esame PET total body (captazione alla grande ala epatica con SUV e alla regione sottoglissoniana con SUV 2.3).

23 Indicazione terapeutica 2 linea Dopo circa 3 mesi di terapia (Agosto 2013): beneficio clinico (miglioramento della dispnea, regressione della sintomatologia algica precedentemente descritta), RP toracica (minima falda di versamento pleurico a destra, nodulo polmonare di 20 mm vs 32 mm che appare più sfumato, invariate le linfoadenopatie mediastiniche), RP ossea (non più evidente la lesioni ossea in corrispondenza Beneficio dell articolazione clinico, RP toracica, sacro iliaca destra, meno evidenti le lesioni in corrispondenza del RP rachide ossea, insospetta toto che allo PD stato attuale appaiono meno addensate), sospetta PD epatica (area ipodensa, di 13 mm, in sede sottocapsulare, epatica cisti? Lesione secondaria?) alla rivalutazione TC torace addome completo con e senza mdc con finestra ossea. In considerazione del dato TC, la paziente esegue PET total body risultata negativa per lesioni secondarie epatiche (la paziente ha anche eseguito ecografia dell addome completo che non è risultata dirimente tra lesione benigna o maligna). Dopo ulteriori 2 mesi di terapia (Novembre 2013): mantenimento del beneficio clinico, sostanziale SD toracica (mantenimento di RP), SD ossea e PD epatica (comparsa di lesioni nodulari multiple, confluenti, del diametro Beneficio max di clinico, circa 7 cm) SD confermate toracica, dall esame PET total body (captazione alla grande ala SD epatica ossea, con PD epatica SUV e alla regione sottoglissoniana con SUV 2.3).

24 Indicazione terapeutica 2 linea Dopo circa 3 mesi di terapia (Agosto 2013): beneficio clinico (miglioramento della dispnea, regressione della sintomatologia algica precedentemente descritta), RP toracica (minima falda di versamento pleurico a destra, nodulo polmonare di 20 mm vs 32 mm che appare più sfumato, invariate le linfoadenopatie mediastiniche), RP ossea (non più evidente la lesioni ossea in corrispondenza dell articolazione sacro iliaca destra, meno evidenti le lesioni in corrispondenza del rachide in toto che allo stato attuale appaiono meno addensate), sospetta PD epatica (area ipodensa, di 13 mm, in sede sottocapsulare, cisti? Lesione secondaria?) alla rivalutazione TC torace addome completo con e senza mdc con finestra ossea. In considerazione del dato TC, la paziente esegue PET total body risultata negativa per lesioni secondarie epatiche (la paziente ha anche eseguito ecografia dell addome completo che non è risultata dirimente tra lesione benigna o maligna). Dopo ulteriori 2 mesi di terapia (Novembre 2013): mantenimento del beneficio clinico, sostanziale SD toracica (mantenimento di RP), SD ossea e PD epatica (comparsa di lesioni nodulari multiple, confluenti, del diametro Beneficio max di clinico, circa 7 cm) SD confermate toracica, dall esame PET total body (captazione alla grande ala SD epatica ossea, con PD epatica SUV e alla regione sottoglissoniana con SUV 2.3).

25 Indicazione terapeutica dopo riscontro di PD In considerazione del dato radiologico che ha evidenziato RP polmonare ed RP ossea dopo 3 mesi di trattamento, confermata dopo ulteriori 2 mesi di terapia, in contrasto con l esplosione di malattia a livello epatico si è deciso di eseguire un accertamento diagnostico diretto (biopsia) a livello epatico. EI: il quadro morfologico mostra parenchima epatico sede di infiltrazione neoplastica costituita da elementi di piccola e media taglia ipercromici con focali immagini di apoptosi/carioressi (sing cell necrosis). Tali cellule hanno mostrato positività diffusa all immunocolorazione per TTF1, CD56, sinaptofisina. Diagnosi: reperto di carcinoma a piccole cellule di origine polmonare. In considerazione della storia clinica, non si può escludere una trasformazione istotipica da carcinoma a cellule non piccole a carcinoma a piccole cellule descritta fra i possibili meccanismi di resistenza alla terapia anti EGFR. Ricerca dello stato mutazionale di EGFR: presenza della delezione nell esone 19. In corso determinazione dei marcatori neuroendocrini (NSE, cromogranina) e mutazioni di PIK3CA. In considerazione della diagnosi di SCLC sulla biopsia epatica, abbiamo deciso di ripetere anche la biopsia a livello polmonare e di riesaminare la prima biopsia polmonare per determinare se una piccola quota di SCLC era già presente alla diagnosi (entrambe le procedure sono attualmente in corso).

26 Principali meccanismi di resistenza a EGFR-TKIs KRAS MUT (20%)4 T790M (50%)7 HER2 MUT (2%)5 PTEN5 RESISTENZA PRIMARIA RESISTENZA ACQUISITA MET AMPL (20%)8 IGF1 R5 ALK EML4 (3 7%)6 EMT9 SCLC10

27 Principali meccanismi di resistenza a EGFR-TKIs I due principali meccanismi di resistenza acquisita sono: Mutazioni T790M: presente in più del 50% dei NSCLC con resistenza acquisita a EGFR TKIs. La presenza della mutazione T790M predice uno scarso outcome alla terapia con TKIs. Amplificazione di MET: proto oncogene responsabile del 15 20% delle resistenze ai TKIs per attivazione di HER3 (ErbB3) che a sua volta sostiene l attività di PI3K e AKT (pathway indipendente da EGFR) nelle vie di segnale a valle. Il restante 30% circa dei meccanismi di resistenza resta sconosciuto. Sono stati descritti ulteriori meccanismi di resistenza. Tra questi: IGF 1R EMT (traformazione epitelio mesenchimale) Trasformazione istotipica da carcinoma a cellule non piccole (NSCLC) a carcinoma a piccole cellule (SCLC)

28 Trasformazione istotipica da NSCLC a SCLC Nel lavoro di Sequist et al10 sono stati studiati i meccanismi di resistenza acquisita alla terapia con TKIs attraverso analisi genetiche e istologiche eseguite su biopsie tumorali di 37 pazienti affetti da NSCLC con EGFR mutato al momento della progressione. In tutti i tumori divenuti resistenti sono stati individuati i seguenti meccanismi di resistenza: mutazione T790M (in 18 pz, 49% del totale) amplificazione del gene MET (in 2 pz, 5% del totale) amplificazione del gene EGFR (in 3 pz, 8% del totale) mutazione del gene PIK3CA (in 2 pz, 5% del totale) mutazioni di β catenina (in 2 pz, 5% del totale) transizione epitelio mesenchimale (in 3 pz, 8% del totale) trasformazione da NSCLC a SCLC (in 5 pz, 14% del totale) Tutti i pazienti che avevano sviluppato la trasformazione da NSCLC a SCLC avevano: Istologia adenocarcinomatosa prima dell avvio della terapia con TKIs Avevano mantenuto la mutazione di EGFR anche dopo la trasformazione in SCLC e un paziente aveva sviluppato anche la mutazione di PIK3CA 4 dei 5 pazienti sono stati trattati con il classico schema chemioterapico impiegato nel SCLC (cisplatino+etoposide) ottenendo 3 risposte marcate, il 4 paziente aveva ottenuto una risposta iniziale al trattamento radiante regredita rapidamente dopo CT di salvataggio Sequist et al, Science Transl Med 2011

29 Trasformazione istotipica da NSCLC a SCLC Nel lavoro di Sequist et al10 sono stati studiati i meccanismi di resistenza acquisita alla terapia con TKIs attraverso analisi genetiche e istologiche eseguite su biopsie tumorali di 37 pazienti affetti da NSCLC con EGFR mutato al momento della progressione. In tutti i tumori divenuti resistenti sono stati individuati i seguenti meccanismi di resistenza: mutazione T790M (in 18 pz, 49% del totale) amplificazione del gene MET (in 2 pz, 5% del totale) amplificazione del gene EGFR (in 3 pz, 8% del totale) mutazione del gene PIK3CA (in 2 pz, 5% del totale) mutazioni di β catenina (in 2 pz, 5% del totale) transizione epitelio mesenchimale (in 3 pz, 8% del totale) trasformazione da NSCLC a SCLC (in 5 pz, 14% del totale) Tutti i pazienti che avevano sviluppato la trasformazione da NSCLC a SCLC avevano: Istologia adenocarcinomatosa prima dell avvio della terapia con TKIs Avevano mantenuto la mutazione di EGFR anche dopo la trasformazione in SCLC e un paziente aveva sviluppato anche la mutazione di PIK3CA 4 dei 5 pazienti sono stati trattati con il classico schema chemioterapico impiegato nel SCLC (cisplatino+etoposide) ottenendo 3 risposte marcate, il 4 paziente aveva ottenuto una risposta iniziale al trattamento radiante regredita rapidamente dopo CT di salvataggio Sequist et al, Science Transl Med 2011

30 Trasformazione istotipica da NSCLC a SCLC Nel lavoro di Sequist et al10 sono stati studiati i meccanismi di resistenza acquisita alla terapia con TKIs attraverso analisi genetiche e istologiche eseguite su biopsie tumorali di 37 pazienti affetti da NSCLC con EGFR mutato al momento della progressione. In tutti i tumori divenuti resistenti sono stati individuati i seguenti meccanismi di resistenza: mutazione T790M (in 18 pz, 49% del totale) amplificazione del gene MET (in 2 pz, 5% del totale) amplificazione del gene EGFR (in 3 pz, 8% del totale) mutazione del gene PIK3CA (in 2 pz, 5% del totale) mutazioni di β catenina (in 2 pz, 5% del totale) transizione epitelio mesenchimale (in 3 pz, 8% del totale) trasformazione da NSCLC a SCLC (in 5 pz, 14% del totale) Tutti i pazienti che avevano sviluppato la trasformazione da NSCLC a SCLC avevano: Istologia adenocarcinomatosa prima dell avvio della terapia con TKIs Avevano mantenuto la mutazione di EGFR anche dopo la trasformazione in SCLC e un paziente aveva sviluppato anche la mutazione di PIK3CA 4 dei 5 pazienti sono stati trattati con il classico schema chemioterapico impiegato nel SCLC (cisplatino+etoposide) ottenendo 3 risposte marcate, il 4 paziente aveva ottenuto una risposta iniziale al trattamento radiante regredita rapidamente dopo CT di salvataggio Sequist et al, Science Transl Med 2011

31 Trasformazione istotipica da NSCLC a SCLC A nostra conoscenza, in letteratura sono stati riportati 4 case reports di pazienti con trasformazione istotipica da NSCLC a SCLC: Il primo caso è stato pubblicato su NEJM11 nel 2006: Donna di 45 anni, non fumatrice, con diagnosi di adenocarcinoma polmonare in IV stadio per lesione al lobo frontale. Non eseguita mutazione di EGFR per esiguità di materiale Avviata RT stereotassicasu SNC e terapia con erlotinib 100 mg/die ottenendo RP Dopo 18 mesi: PD polmonare ed encefalica per le quali è stata avviata RT panencefalica e terapia con gefitinib Assenza di risposta alla rivalutazione di malattia dopo due mesi di trattamento: potenziata la terapia in atto con l aggiunta di mitomicina e vinblastina per ulteriori due mesi senza alcun beneficio Eseguita una nuova biopsia con diagnosi di SCLC e presenza di delezione nell esone 19 Avviata terapia con gefitinib+etoposide per ulteriori 6 mesi senza alcun beneficio All autopsia dopo decesso della paziente presenza di SCLC metastatico in 5 organi. Eseguite biopsie in tutti gli organi interessati: presenza della stessa mutazione nell esone 19 riscontrata nella seconda biopsia polmonare

32 Trasformazione istotipica da NSCLC a SCLC A nostra conoscenza, in letteratura sono stati riportati 4 case reports di pazienti con trasformazione istotipica da NSCLC a SCLC: Il primo caso è stato pubblicato su NEJM11 nel 2006: Donna di 45 anni, non fumatrice, con diagnosi di adenocarcinoma polmonare in IV stadio per lesione al lobo frontale. Non eseguita mutazione di EGFR per esiguità di materiale Avviata RT stereotassicasu SNC e terapia con erlotinib 100 mg/die ottenendo RP Dopo 18 mesi: PD polmonare ed encefalica per le quali è stata avviata RT panencefalica e In questo case report non era chiaro se entrambe le terapia con gefitinib componenti (adenocarcinoma e SCLC) erano Assenza di risposta alla presenti rivalutazione alla diagnosi di malattia iniziale dopo due o se mesi la trasformazione di trattamento: potenziata la terapia in atto con l aggiunta di mitomicina e vinblastina per ulteriori due mesi senza alcun era avvenuta in seguito alla terapia con erlotinib beneficio Eseguita una nuova biopsia con diagnosi di SCLC e presenza di delezione nell esone 19 Avviata terapia con gefitinib+etoposide per ulteriori 6 mesi senza alcun beneficio All autopsia dopo decesso della paziente presenza di SCLC metastatico in 5 organi. Eseguite biopsie in tutti gli organi interessati: presenza della stessa mutazione nell esone 19 riscontrata nella seconda biopsia polmonare

33 Trasformazione istotipica da NSCLC a SCLC Il secondo caso è stato pubblicato su Lung Cancer12 nel 2007: Donna di 46 anni, giapponese, non fumatrice, con diagnosi di adenocarcinoma polmonare in stadio IIIb per localizzazione al lobo inferiore sinistro e diffusione pleurica Avviata prima linea con cisplatino+vinorelbina ottenendo una RP di breve durata Avviata nuova linea chemioterapica con gemcitabina+paclitaxel con lieve risposta alla rivalutazione Per ulteriore PD polmonare: avviata terapia con gefitinib ottenendo SD per 10 mesi Per ulteriore PD polmonare: arruolamento in uno studio di fase I Per PD encefalica: resezione chirurgica e RT panencefalica. All EI delle lesioni encefaliche: diagnosi di SCLC Nuova biopsia polmonare: diagnosi di SCLC con presenza di delezione nell esone 19 Avviata terapia con cisplatino+irinotecano per 4 cicli ottenendo una RP Per ulteriore PD polmonare: eseguita nuova biopsia polmonare: diagnosi di adenocarcinoma (stesso sottotipo della diagnosi iniziale con la stessa delezione nell esone 19)

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

2. Neoplasie polmonari

2. Neoplasie polmonari 2. Coordinatori Federico Cappuzzo (Livorno) Andrea Lopes Pegna (Firenze) Marco Lucchi (Pisana) Comitato di redazione Paolo BASTIANI (Firenze), CAMERINI Andrea (Viareggio), CECERE Fabiana Letizia (Firenze),

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII MULTINATIONAL ASSOCIATION OF SUPPORTIVE CARE IN CANCER CONSENSUS CONFERENCE SULLA TERAPIA ANTIEMETICA PERUGIA, 29-31 marzo, 2004 Ultimo aggiornamento: 1 settembre

Dettagli

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 1 RAPPRESENTARE I DATI: TABELLE E GRAFICI Un insieme di misure è detto serie statistica o serie dei dati 1) Una sua prima elementare elaborazione può

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Studio Multicentrico AIMN: 18 F-FDG PET-TC con o senza mezzo di contrasto nella stadiazione e ristadiazione del cancro del polmone?

Studio Multicentrico AIMN: 18 F-FDG PET-TC con o senza mezzo di contrasto nella stadiazione e ristadiazione del cancro del polmone? Protocollo di studio: Studio Multicentrico AIMN: 18 F-FDG PET-TC con o senza mezzo di contrasto nella stadiazione e ristadiazione del cancro del polmone? Responsabile scientifico: Prof. Alessandro Giordano

Dettagli

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA 1984 I criteri NINCDS-ADRDA regole La diagnosi di AD è clinico-patologico:

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Quaderno n. 3 I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto

Quaderno n. 3 I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto I QUADERNI DELL ARSS DEL VENETO Quaderno n. 3 TOMOGRAFIA AD EMISSIONE DI POSITRONI (PET): VALUTAZIONE DEL FABBISOGNO E PIANO DI INVESTIMENTO PER LA REGIONE

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti A Si ringraziano la dottoressa in Scienze Naturali Stephanie Züllig, il dottore in

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Lo screening mammografico La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Indice 03 Gli esperti raccomandano la mammografia nell ambito di un programma di screening 04 Che

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Il polmone destro si divide in tre aree principali (conosciute come lobi) e il polmone sinistro ne ha due.

Il polmone destro si divide in tre aree principali (conosciute come lobi) e il polmone sinistro ne ha due. TUMORE AL POLMONE INFORMAZIONI GENERALI I polmoni Quando inspiriamo, l aria passa dal naso o dalla bocca, attraverso la trachea, la quale si divide in due sezioni tubulari (vie respiratorie), una verso

Dettagli

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF Dr. Vincenzo Piazza La Sindrome da resistenza agli ormoni tiroidei,descritta per la prima volta da Refetoff, è una patologia molto

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Neoplasie Endocrine Multiple

Neoplasie Endocrine Multiple Neoplasie Endocrine Multiple di tipo 1 e 2 PREFAZIONE Le Neoplasie Endocrine Multiple (MEN) sono delle sindromi rare caratterizzate dalla presenza di iperplasie/neoplasie di numerose ghiandole endocrine

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

della cervice: dalla ricerca di base alla clinica

della cervice: dalla ricerca di base alla clinica Riv. It. Ost. Gin. 200 Vol. 15 Chemioterapia neoadiuvante nel carcinoma della cervice... R. Angioli et al. pag. 0 Chemioterapia neoadiuvante nel carcinoma della cervice: dalla ricerca di base alla clinica

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

PATOLOGIA DEL MEDIASTINO

PATOLOGIA DEL MEDIASTINO PATOLOGIA DEL MEDIASTINO Agostino De Francisci S.O.D. Radiodiagnostica 4- A.O.U. Careggi Anatomia del mediastino E lo spazio al centro della cavità toracica i cui limiti sono rappresentati anteriormente

Dettagli

HCC DIAGNOSI & TRATTAMENTO. Dr.ssa Raffaella Lionetti -Dr.ssa Marzia Montalbano INMI SPALLANZANI Divisione Infettivologia-Epatologia POIT

HCC DIAGNOSI & TRATTAMENTO. Dr.ssa Raffaella Lionetti -Dr.ssa Marzia Montalbano INMI SPALLANZANI Divisione Infettivologia-Epatologia POIT HCC DIAGNOSI & TRATTAMENTO Dr.ssa Raffaella Lionetti -Dr.ssa Marzia Montalbano INMI SPALLANZANI Divisione Infettivologia-Epatologia POIT HCC incidenza 5% di tutti i tumori 85% circa dei tumori primitivi

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione Stime di rischio stocastico e detrimento sanitario G. Trenta, AIRM, Roma L IPOTESI PORTANTE: LNT Ancorché ci siano riconosciute eccezioni, per i

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. La radioterapia. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE La presentazione dei dati per molte ricerche mediche fa comunemente riferimento a frequenze, assolute o percentuali. Osservazioni cliniche conducono sovente

Dettagli

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE S. Morlino, T. Ranca/,C. Fiorino, V. Carillo, C. Cozzarini, G. Fellin, V.

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

La Terapia con Bifosfonati

La Terapia con Bifosfonati Capire La Terapia con Bifosfonati International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (United States and Canada) 818-487-7455 FAX: 818-487-7454

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli